Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 67 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 04/09/2015, 17:56 
Un nuovo studio ha determinato il pH dei geyser di Encelado, un parametro fondamentale per comprendere i processi geochimici che avvengono all'interno della luna di Saturno, considerati determinanti per un ambiente in grado di ospitare la vita.

Encelado è uno dei posti più intriganti del nostro Sistema Solare.
Ogni volta che l'acqua allo stato liquido viene rilevata su un mondo diverso dalla Terra, gli scienziati iniziano a chiedersi se lì potrebbero esistere condizioni favorevoli alla vita. Su Encelado, la conferma dell'esistenza di un oceano sotterraneo interposto tra il nucleo roccioso e la crosta ghiacciata, ha alimentato nuove speranze, insieme con altri studi che hanno avvalorato ipotesi sulla presenza di attività idrotermale.

Ora, un team di ricerca guidato da Chistopher Glein, del Carnegie Institution di Washington, John Baross dell'Università di Washington, e J. Hunter Waite Jr. del Southwest Research Institute, ha realizzato un nuovo modello chimico per determinare il pH del mare di Encelado, basato sui dati dei grani di ghiaccio e del gas dei pennacchi rilevati dallo dello spettrometro di massa a bordo della sonda della NASA Cassini.

Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Geochimica et Cosmochimica Acta.

I risultati mostrano che il pennacchio e, quindi, per deduzione anche l'oceano, ha un pH alcalino di circa 11 o 12 (il valore massimo è 14), simile a quello delle soluzioni a base di ammoniaca utilizzate per pulire le lenti degli occhiali. In aggiunta, è salato, cioè contiene cloruro di sodio (NaCl) come gli oceani qui sulla Terra, ed anche un po' di soda (carbonato di sodio, Na2CO3) che renderebbe il mare sotterraneo simile ai laghi terrestri alcalini, come il Mono in California o il Magadi in Kenya.

Il modello suggerisce che il pH elevato dell'oceano è causato da un processo geochimico metamorfico subacqueo, chiamato serpentinizzazione.
Sulla Terra, la serpentinizzazione si verifica quando certi tipi di rocce ultrabasiche, o ultramafiche (a basso contenuto di silice ma ricche di magnesio e ferro), risalgono dal mantello superiore della Terra fino a raggiungere il fondo degli oceani, dove interagiscono chimicamente con le molecole d’acqua circostanti. Attraverso questo processo le rocce ultrabasiche vengono convertite in nuovi minerali, compreso il serpentino, da cui prende il nome il processo, ed il fluido diventa alcalino. Su Encelado, la serpentinizzazione si verificherebbe quando l'acqua dell'oceano circola attraverso il nucleo roccioso sul fondo del mare.

"Perché la serpentinizzazione è così di interesse? Perché la reazione tra rocce ricche di metallo e l'acqua dell'oceano produce anche idrogeno molecolare (H2), che fornisce una sorgente di energia chimica essenziale per supportare una biosfera in profondità, in assenza di luce solare, all'interno lune e pianeti", ha detto Glein. "Questo processo è fondamentale in astrobiologia perché l'idrogeno molecolare può pilotare la formazione di composti organici come gli aminoacidi, i cosiddetti mattoni della vita, e servire come alimento per la vita microbica, in particolare per gli organismi che producono metano. In quanto tale, la serpentinizzazione fornisce un collegamento tra processi geologici e biologici e la scoperta di questo meccanismo su Encelado rende questo mondo un candidato ancora più promettente per poter ospitare forme di vita".

Al di là dello studio specifico, questo lavoro dimostra che è possibile determinare il pH di un oceano extraterrestre sulla base di dati chimici provenienti da un veicolo spaziale in orbita che avuto la possibilità di volare attraverso un pennacchio o geyser. Questo approccio potrà essere utilizzato per verificare le condizioni di abitabilità di altri mondi, come Europa, la luna di Giove.

http://aliveuniverse.today/speciale-mis ... i-encelado


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 10/09/2015, 14:25 
Immagine

immagine da link2universe

immagine ripresa nella giornata dell'8 settembre dalla sonda cassini,nel sorvolo di enceladus.si vedono i maestosi pennacchi compisiti

[;)]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 16/09/2015, 19:41 
Astronomia: un enorme oceano d’acqua avvolge Encelado
L’oceano nascosto di Encelado è enorme e potrebbe nascondere delle culle per la vita


Un enorme oceano di acqua liquida avvolge completamente una delle lune di Saturno, Encelado, nascosto sotto uno spesso strato di ghiaccio. L’esistenza di un oceano su questa luna era stata scoperta dal gruppo italiano dell’universita’ Sapienza di Roma guidato da Luciano Iess, ma non era chiaro quanto fosse vasta la massa d’acqua. Adesso lo studio pubblicato sulla rivista Icarus e condotto nell’Universita’ Cornell di New York, dal gruppo di Peter Thomas, rivela che l’oceano nascosto di Encelado e’ enorme e potrebbe nascondere delle culle per la vita. “Finora non sapevamo se l’oceano nascosto di Encelado fosse globale oppure concentrato solamente sotto il polo Sud”, ha spiegato all’ANSA Iess. “Il nostro lavoro – ha aggiunto – aveva evidenziato un’anomalia gravitazionale nella regione polare e cio’ ci ha spinto a ipotizzare la presenza di acqua liquida, un mare circa 45 volte piu’ grande del lago di Garda“. I nuovi dati che indicano come l’oceano di Encelado sia molto piu’ vasto di quanto si credesse sono il risultato di un lavoro durato anni, basato sulle foto della superficie della luna scattate dagli strumenti dalla sonda Cassini, nata dalla collaborazione fra Agenzia Spaziale italiana (Asi), Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Nasa. Dall’analisi delle immagini e’ emerso che il ‘guscio’ di Encelado non ha una velocita’ costante e che questo effetto si deve allo ‘scivolamento’ della crosta ghiacciata generato dalla presenza di uno strato liquido sottostante. “Tutto cio’ non fa che dimostrare ulteriormente quanto Encelado sia un oggetto straordinariamente interessante“, ha commentato Iess. Un altro recente studio aveva dimostrato che il fondale oceanico fosse ricco di fonti idrotermali, fuoriuscite di acqua molto calde identiche a quelle che avrebbero fatto da culla alle prime forme di vita della Terra. “Cassini – ha aggiunto il ricercatore – ha fatto un grandissimo lavoro, ma non potra’ dire se Encelado nasconda forme di vita. Tra pochi giorni si sapra’ se la Nasa decidera’ di dare il via a Encelado Life Finder, una sonda dotata di spettrometri capaci di vedere molecole organiche complesse, ossia le ‘firme’ della vita“.
http://www.meteoweb.eu/2015/09/astronom ... do/503580/

e pensare che i soloni terrestri non avevano incertezze definirlo come un ciotolo senza arte e ne parte vagante nello spazio [:305] [:305]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 17/10/2015, 23:21 
Immagine

foto link2universe

questa foto e' un primo piano della della superficie del satellite di saturno,le increspature che si notano sono dovute al movimento della crosta causata dall'oceano sito sotto la superficie medesima....... [:305] [:305]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 18/10/2015, 19:19 
Immagine

foto li k2universe
stupenda foto del polo nord di ancelado,si pensava che tale polo fosse di poco interesse in quanto coperto di antika craterizzazione,ma con una risoluzione + precisa,si notano indizi di una attivita' geologica vicina,in effetti si notano grandi faglie dovute al movimento del ghiaccio sull'oceano sottostante............ [:305] [:305]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 28/10/2015, 17:41 
cassini effettuera un flyby della luna di saturno enceladus,sorvolando il polo sud a soli 49 km di distanza
E sarà l'ultimo flyby così ravvicinato: sarà quindi un momento unico ed irripetibile
e'stato scelto il polo sud in quanto nella zona sono i tiger stripes,profonde spccature da cui zampillano i geyser,che gli scienziati pensano possano fluire dal sottostante oceano,praticamente cassini dovrebbe agire proprio nel mezzo di questi zampillii,e sarebbe la prima volta che una sonda terrestre,praticamente,potra' osservare un oceano non terrestre [:305] [:305] [:0] [:291]


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 46411
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 28/10/2015, 18:23 
Ci mostrano più cose (interessanti) con queste immagini in giro per il Sistema Solare che le solite sabbie di Marte! [^]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 02/11/2015, 16:49 
Immagine

https://www.facebook.com/NextSolarStorm ... =3&theater

stanno giungendo le prime immagini della sonda cassini,del suo fly by a 49 km dalla superficie di enceladus,e' una superficie spettacolare in cui si notano creste canyon e crepe il tutto dovuto,probabilmente,all'oceano nascosto sotto la superficie,praticamente l'assenza di crateri dimostra la presenza di una dinamicita' del ciotolo spaziale,che x le ns teorie,era impensabile,il prox ed ultimo fly by avverra' nel settembre 2017,ma sara' molto alto rispetto la superficie di enceladus [:305] [:305]








.


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 03/11/2015, 17:32 
Immagine

https://www.facebook.com/NextSolarStorm ... =3&theater


Quella che vedete è una mappa generata dal JPL dell'impressionante polo sud di Encelado, dominato dalle "Tiger Stripes" (strisce di tigre): quattro lunghissime fessure di colore azzurro dalle quali scaturiscono più di 100 geyser criovulcanici.
Questi geyser eruttano acqua ghiacciata (e sabbia del fondale dell'oceano globale enceladiano) a un ritmo di 200 kg al secondo, ma si è scoperto che non lo fanno verticalmente! Ogni singolo getto si comporta un po' come vuole lui, per quanto siano tutti ordinatamente disposti lungo queste immense spaccature nella crosta ghiacciata della luna saturniana.
Non è ancora chiaro il perché, ma sicuramente c'è una componente dovuta all'orografia locale delle Stripes. Un'altra invece potrebbe essere dovuta alla variazione temporale degli stress mareali generati da Saturno sulla sua piccola luna ghiacciata!


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 03/11/2015, 18:06 
Immagine

da alive universe


animazione x vedere lo zampillare dei geyser di enceladus


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 04/11/2015, 14:53 
Immagine

immagine di enceladus ottenuta da un'altezza di circa 100.000km,....prima di abbassarsi a49 km,si notano i canaloni che con ogni probablita' sono dovuti all'oceano sito sotto la superficie,ora c'e' la curiosita' di sapere quali molecole sono state catturate volando in mezzo a tali geyser,si spera che tali notizie siano divulgate nel + breve tempo possibile [;)]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 24/11/2015, 22:31 
Immagine

bellissima vista di enceladus oltre gli anelli di saturno,dopo il passaggio ravvicnato di cassini [;)]


Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4268
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 13/04/2017, 22:07 
Cita:

Nasa: "Possibile la vita su una delle lune di Saturno"


Nei 'mondi oceanici' del nostro sistema solare potrebbe esserci vita. Con un annuncio da 'notizia straordinaria' la Nasa ha fatto sapere che sotto la crosta di Encelado, una delle lune di Saturno, nell'oceano di acqua liquida che scorre sotto i suoi ghiacci, ci potrebbero essere condizioni favorevoli alla vita. La sonda Cassini ha infatti rilevato in un 'pennacchio' idrotermale tracce di idrogeno molecolare e di anidride carbonica. Secondo gli scienziati, questo processo noto come metanogenesi, determina condizioni per far sopravvivere microbi in ambienti sottomarini profondi sulla terra. I risultati "rappresentano un importante indizio per valutare l'abitabilità di Encelado", e la possibilità quindi che sulla luna di Saturno possano esserci condizioni per la vita.

I nuovi risultati sono arrivati dai dati raccolti dalla sonda Cassini, una missione spaziale che vede insieme Nasa, Esa e Asi partita nell'ottobre del 1997, per raggiungere dopo un viaggio di sette anni il sistema di Saturno. I "nuovi risultati riguardo i 'mondi oceanici' nel nostro sistema solare", raccolti dalla sonda Cassini sono stati frutto dello studio coordinato dallo scienziato Hunter Waite, responsabile del Cassini Ion and Neutral Mass Spectrometer, del Southwest Research Institute, pubblicati su Science.

La presenza di idrogeno molecolare, hanno spiegato gli scienziati nella conferenza stampa della Nasa, potrebbe derivare da reazioni idrotermali tra rocce calde e acqua oceanica sotto la superficie ghiacciata della luna di Saturno. Sulla terra lo stesso processo fornisce energia per la vita di interi ecosistemi intorno ai camini termali.

La missione Cassini-Huygens, realizzata in collaborazione tra Nasa, Agenzia Spaziale Europea e Agenzia Spaziale Italiana, è stata mandata in orbita per studiare Saturno, il suo sistema di satelliti e anelli con particolare riguardo al satellite Titano. Dopo aver realizzato numerose scoperte, svelando appunto anche l'esistenza di un oceano con attività idrotermale sulla luna ghiacciata Encelado e mari di metano liquido su Titano, la missione Cassini si sta avviando alla sua fase conclusiva, che prevede una sequenza di spettacolari tuffi tra gli anelli del gigante gassoso che avranno termine a settembre 2017.

La missione Cassini parla dunque anche italiano. Il colosso aerospaziale Leonardo ha un ruolo di primissimo piano nella missione Cassini-Huygens, avendo fornito il sensore Sru (Stellar Reference Unit), usato per mantenere l’assetto di Cassini durante la sua traiettoria interplanetaria, il canale visibile dello spettrometro Vims (Visible and Infrared Mapping Spectrometer) in orbita attorno a Saturno a bordo di Cassini e lo strumento Hasi, sceso su Titano (Huygens Atmospheric Structure Instrument), realizzati per l’Agenzia Spaziale Italiana.

Thales Alenia Space (joint venture tra Thales e Leonardo), prime contractor per la costruzione della sonda Huygens, ha inoltre curato per l'Asi la progettazione e realizzazione dell’antenna ad alto guadagno (Hga-Lga), che assicura tutti i collegamenti da e verso Terra, e del radar multimodo che ha aiutato a comprendere molte particolarità morfologiche di Titano, sviluppato a Roma in collaborazione con la Nasa.



http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/ ... refresh_ce


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 16892
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 13/04/2017, 22:12 
Dovevano fare una conferenza per questa notizia e non per la scemenza dei pianeti come la Terra. MA a quanto vedo è passata abbastanza sotto traccia e pure mi sembra una "apertura" incredibile.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2848
Iscritto il: 28/08/2016, 09:26
Località: Neutropoli
 Oggetto del messaggio: Re: Oceano su enceladus?
MessaggioInviato: 14/04/2017, 00:34 
il sistema solare è ricco di acqua,e la maggior parte dell'acqua proviene dalle ORIGINI del sistema solare stesso,dai gas che l'hanno formato.
La palla che spiegava l'acqua come "indigena" e endogena è caduta:oggi sappiamo che essa è in gran parte esogena,derivata dal vapore acqueo primordiale:

http://www.nextme.it/scienza/universo/s ... prima-sole

Perciò,l'universo è pieno di acqua,dappertutto.

E questa è un'altra di quelle cose che non si dicono mai, chissà perché?!

(gli alieni terrestri odiano l'acqua,dato che loro sono vecchi e secchi,mummie e fossili)



_________________
https://thesky.freeforumzone.com/mobile ... 1&f=183131
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 67 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Oggi è 20/06/2019, 04:49
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org