Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 539 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 36  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10573
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 20/04/2009, 02:57 
L' origine dell' uomo, checchè ne dicano gli studiosi, si spiega solo in parte con l' evoluzione - che è ovviamente un capisaldo della scienza, intendo, correttamente: la vita segue le sue leggi dall' origine della specie alla sua estinzione/evoluzione.

Ma già quando ci si chiede come si sia formata la prima forma di vita, a partire dalla non vita, dalla materia inerte, gli stessi studiosi non sono per nulla concordi.

Ma per vostra fortuna non tornerò così indietro. [:D]


Mantenendo come buono tutto l' impianto evoluzionistico dagli unicellulari marini fino ai primati (cioè tutta l' evoluzione "ortodossa" eccetto l' uomo) poichè è evidentemente corretta (direi che sarebbe difficile dubitarne, viste le prove fossili) ci accorgeremmo però che arrivando al nostro caro vecchio (non tanto in realtà) genere homo le cose cambiano drasticamente. Inutile negarlo.


Si può tranquillamente arrivare a formulare quello che io chiamo "paradosso uomo":

se riusciamo tranquillamente a trovare fossili di trilobiti e animali marini preistorici, del tempo dei dinosauri e pure ancor prima, in quantità tali da essere assai comuni nelle rocce delle montagne (un tempo isole nel mare), e di tutti, caxxo, TUTTI gli altri animali molto più antichi dell' uomo, al punto che abbiamo uno scheletro di T-Rex completo all' 80% (!!) e abbiamo ricostruito l' evoluzione di tutto, cristo, TUTTO il regno animale fin nei più intimi dettagli, pure sull' evoluzione dello zoccolo dei cavalli dalla preistorica zampa con le dita all' attuale configurazione, oltre a sapere come se nulla fosse che in origine i cavalli non erano più grandi di una volpe e che dopo si sono ingranditi, evolvendosi incredibilmente fino a poggiare sul solo dito medio trasformatosi appunto in zoccolo, se riusciamo a sapere tutto questa grazia di conoscenze su specie estintesi prima ancora che noi sorgessimo.......... come caxxo è possibile che non saltino fuori abbastanza fossili umani da tracciare una volta per tutte, con certezza e precisione e mettendo d' accordo tutti, l' evoluzione della nostra stessa specie ???

Possibile che sappiamo tutto sul cavallo e quasi nulla su noi stessi? Ciò non solo è incredibilmente deprimente, ma è assurdo: noi siamo più recenti!


Considerata la quantità di ossa di dinosauri trovata finora, e di ogni volta che un alpinista inciampa su una conchiglia di un' altra era geologica, anzi di due o tre ere geologiche fa, dovrebbero esserci tonnellate di ossa di ominidi che spuntano dal terreno, tante da non poter scavare una piscina in giardino senza trovare un teschio umano del paleolitico. E scusate l' esagerazione.

Perchè, è bene che lo sappiate, tutto quel che sappiamo sull' evoluzione del regno animale è dovuto a una mole abnorme di prove fossili se paragonata a quella che possediamo sui nostri antenati....... Ma ciò è insensato!

Come è possibile che si siano conservate così tante testimonianze di creature estinte da milioni di anni ma trovare un recentissimo ominide è un terno al lotto??


E soprattutto, l' integrità dei fossili di altre creature viventi messa al confronto coi pietosi resti dei nostri presunti antenati: ricordate il T-Rex completo all' 80%?

Ebbene mettiamolo al confronto con uno degli scheletri di ominidi più completi in assoluto, l' Australopithecus afarensis divenuta celebre col nome di "Lucy": è completo, se così si può dire, visto che ne manca più della metà, dato che arriviamo solo al 40%........ la metà del T-Rex.

Ma un' immagine vale più di mille parole:



[img]Lucy:
Immagine
58,78 KB[/img]



[img]
T-Rex:
Immagine
117,6 KB[/img]


Età di Lucy: 3,2 milioni di anni. Età del T-Rex: tra 70 e 65 milioni di anni.

Quanto alla nostra dettagliata conoscenza sull' evoluzione del cavallo, egli parte da 55 milioni di anni fa. Sull' evoluzione umana, come sappiamo, andiamo a tentoni.


La domanda sorge spontanea: come è possibile? Come possono essersi conservate testimonianze così antiche, provenienti addirittura dal Cretaceo, ma i ben più recenti ominidi sono così rari?

E' come se trovare gemme su una spiaggia fosse uno scherzo e un quadrifoglio fosse più raro.

Non dovrebbe essere il contrario? Dovrebbe essere assai più semplice trovare fossili di ominidi, e difficilissimo rinvenire invece quelli di animali di decine di milioni di anni più antichi. Eppure non è così.


Per cui le cose sono due: o questi fossili di ominidi sono tenuti nascosti, o sono così pochi semplicemente perchè.... non sono loro il ramo principale della nostra evoluzione, ma dei rametti collaterali seccatisi presto, e perciò costituiti da esemplari rari anche ai tempi in cui erano vivi.

Ma allora la nostra vera linea di discendenza qual' è?



Potete verificare tutte le mie informazioni sulle scoperte dell' evoluzione, fossili ecc qui:


http://wikipedia.sapere.virgilio.it/wikipedia/wiki/Evoluzione_del_cavallo
per quel che concerne il grande livello di dettaglio di informazioni in nostro possesso sull' evoluzione di un animale più antico del semisconosciuto percorso dell' homo sapiens


http://it.wikipedia.org/wiki/Tirannosauro
per ammirare lo scheletro di T-Rex, nella sua incredibile interezza (copia dello scheletro originale, noto come SUE)


http://wikipedia.sapere.virgilio.it/wikipedia/wiki/Lucy_(ominide)
per quel che concerne quelli che sono al confronto i miseri resti dell' ominide più famoso.


Aztlan



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1332
Iscritto il: 03/12/2008, 12:15
Località: Roma
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 20/04/2009, 10:14 
Anche io sono convinto che l'evoluzione degli animali sia una cosa, e quella dell'uomo sia un'altra....

In tutte le religioni e credenze antiche, anche precedenti alla religione cristiana si parla di un creatore che ha dato origine ala razza umana.

Questo creatore è stato identificato con le divinità prima e con il Dio cristiano poi, ma se rileggessimo tali storie in chiave aliena, tutto sarebbe più logico.....


Top
 Profilo  
 

Ufetto
Ufetto

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 104
Iscritto il: 16/04/2009, 17:26
Località: Bergamo
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 20/04/2009, 10:22 
Il primo Adamo era un bambino in provetta creato dagli dei da materiale vivente che già esisteva. Il DNA di Adamo (non la sua costola) venne usato per creare la prima donna. Gli umano vennero quindi CLONATI per alleggerire il “lavoro” degli dei».

[ALAN ALFORD, Il mistero della genesi delle antiche civiltà, pag. 66]



_________________
L'uomo è l'unico animale per il quale la sua stessa esistenza è un problema che deve risolvere.
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Mr. FIVE EUROMr. FIVE EURO

Non connesso


Messaggi: 2757
Iscritto il: 03/12/2008, 12:06
Località: Napoli
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 20/04/2009, 10:52 
guardate questo interessante link

http://www.laportadeltempo.com/news.asp?ID=4154

Incredibile scoperta: alla luce i resti dell'uomo primitivo
E’ stato sufficiente un semplice quanto banale intervento in un campo ad aprire una ulteriore finestra sulla storia della nostra città

Lucca - Una finestra il cui panorama è senza dubbio magico, quasi surreale. E la scoperta archeologica, almeno dalle premesse, è una delle più incredibili mai effettuate in questi ultimi decenni. E' bastato sollevare pochi metri di terra infatti per far tornare alla luce una «industria», in pratica un complesso di numerose pietre scheggiate. Resti arcaici dal grande valore storico, dal momento che testimonierebbero la presenza a Lucca dell'uomo primitivo, più precisamente dell'homo erectus, vissuto nel paleolitico inferiore. In pratica, se quelli che per il momento sono soltanto primi dati fossero successivamente confermati dagli esperimenti scientifici, la scoperta lucchese sarebbe un unicum in Italia. A quanto si è appreso dall'archeologo Michelangelo Zecchini nel corso della presentazione del libro «Lucca: le metamorfosi di una città romana. Lo scavo dell'area Banca del Monte di Lucca», che ha lavorato spalla a spalla con il soprintendente archeologico della Toscana, Giulio Ciampoltrini, e con il Centro studi archeologici di Lucca, «i resti sono emersi in seguito ad uno ‘scasso' per realizzare una fossa — spiega — in un campo che si trova subito fuori le Mura di Lucca, nella prima periferia, vicino a quello che era il corso del fiume Auser. Sono venuti alla luce così ciottoli scheggiati molto arcaici». Quella che viene denominata come «industria litica», di pietre insomma, sarebbe direttamente riconducibile all'uomo primitivo e si tratta «dei reperti — aggiunge Zecchini — più antichi ritrovati in Lucchesìa, e comunque tra i più antichi della Toscana». «Fino ad oggi — prosegue l'archeologo — si è sempre parlato di ritrovamenti risalenti a circa 50.000 anni fa, nella Valle del Serchio o anche in alcune grotte della Versilia. Qui invece si potrebbe parlare addirittura dell'homo erectus». «Le pietre ritrovate — illustra ancora — sono molto grosse, alcune anche più del palmo di una mano, e servivano per spaccare le ossa di animali cacciati o per tagliare le pelli. Solo una ventina di queste pietre sono state ritrovate in una zona ristretta».

Se Zecchini però non ha problemi a sbilanciarsi azzardando a sottolineare come le scoperte potranno aprire le porte allo studio dell'uomo primitivo in Lucchesia, diverso invece è il discorso quando cerchiamo di capire quale possa essere il periodo a cui risalgono tali reperti. Qui infatti Zecchini vuol essere molto cauto anche se è possibile parlare, approssimativamente, di un periodo compreso tra i 200.000 e i 300.000 anni fa. «Non voglio però — precisa subito l'archeologo — dare datazioni troppo precise. Ora faremo lo scavo, ma sorprese potrebbero arrivare anche dagli Stati Uniti». Sì, perché a quanto si apprende da Zecchini, le indagini scientifiche potrebbero anche stabilire datazioni molto più antiche, anche di 800.000 anni addietro. Proprio per non lasciare nulla al caso, sono stati presi contatti con una univerità dell'Indiana negli Usa, «per realizzare una datazione radiometrica — racconta Zecchini — che si basa in pratica sullo scadimento radioattivo dell'Alluminio 26 e del Berillio 26. Una tecnica con la quale è possibile, pensi un po', datare addirittura le felci. L'errore previsto è nell'ordine del centesimo».

Ma di che uomini parliamo? «Di uomini che vivevano già in gruppo — spiega l'archeologo — e che conoscevano già l'uso del fuoco. Insomma persone che cacciavano insieme e la cui evoluzione spirituale era già abbastanza pronunciata». Un'emozione immensa quella di Zecchini, soprattutto perché, pur se specializzato ormai nell'archeologia romana, guarda caso, a suo tempo si laureò in «Archeologia preistorica» con un esperto in paleolitico inferiore. «La Sovrintendenza ha uno stuolo di collaboratori di altissimo livello — conclude il racconto — . Dopo lo ‘scasso' sono stato contattato da loro e così mi sono potuto render conto di che cosa si trattava. Sono andato a vedere. Per me è stata un'emozione».



_________________
Arpiolide dal 2008
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1166
Iscritto il: 04/12/2008, 15:40
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 20/04/2009, 12:50 
Le conclusioni a mio avviso sono due:
O dobbiamo cercare i nostri antenati in qualche altra specie oramai estintasi, oppure la nostra evoluzione è stata pilotata da esseri alieni o chi per loro.

Ottimo post Aztlan.

Direi di discutere per prima cosa sul punto 1: è possibile che abbiamo sbagliato calcoli e le nostre origini dipendono da altre specie se non le scimmie (e magari sono anche più antiche)? - la vedo molto improbabile in ogni caso


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10573
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/04/2009, 00:30 
Grazie dresda99 per l' interessante report. [;)]

DeMultaNocte, Knukle, anche io propendo per l' ipotesi di un intervento di accelerazione evolutiva da parte di agenti extraterrestri.

A mio modo di vedere, per scopi che non ci sono ancora chiari, e su cui penso sia di fondamentale importanza per la comprensione dei fenomeni ufologici che ci interroghiamo seriamente, hanno avviato un programma per la creazione di una specie senziente terrestre.


Il modo più semplice e quindi più probabile sarebbe stato: rintracciare le forme di vita autoctone più evolute e promettenti del nostro pianeta all' epoca del progetto - i primati - e intervenire con modifiche genetiche fino alla creazione di una specie abbastanza evoluta da camminare sulle proprie gambe (in senso metaforico e letterale).

E' verosimile che non gli sia riuscito al primo tentativo, ma anzi che la loro ricerca sia stata costellata da numerosi fallimenti - le creature sub-umane che gli scienziati ci spacciano come "i nostri antenati" - quelli che, troppo poco evoluti e con un potenziale troppo limitato geneticamente per poter continuare fruttuosamente con il processo, sono stati abbandonati a loro stessi nel selvaggio ambiente preistorico e si sono estinti come rametti secchi soppiantati dall' homo sapiens sapiens, la forma di vita umana compiuta.


E forse è per questo che da allora ci osservano, per osservare e registrare i nostri progressi, magari misurandoli al confronto con altre specie create artificialmente su altri pianeti....... o forse.... è proprio per osservarci che ci hanno creato.

Forse per loro noi siamo come quei topi da laboratorio che noi teniamo in gabbia per poter osservare l' effetto di farmaci da testare e mille altri esperimenti. Forse noi siamo il loro esperimento, le loro cavie; la gabbietta è grande quanto un pianeta, ma pur sempre una gabbietta da cui non possiamo uscire se non per poco tempo e senza andare molto lontano.... e dovendo sempre tornare indietro.

Le cavie perfette.


Ma questo è un' altro topic ^^

Aztlan



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4393
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 22/04/2009, 16:48 
Può essere che "l' anello mancante" (sempre se è esistito) si trovi su un o più continenti ormai scomparsi


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10573
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 22/04/2009, 23:35 
Cita:
vimana131 ha scritto:


Può essere che "l' anello mancante" (sempre se è esistito) si trovi su un o più continenti ormai scomparsi



Può essere, ma se tale specie o sottospecie si è evoluta unicamente su territori scomparsi, per poi diffondersi in tutto il globo, dovrebbe essere presente anche negli altri continenti;

l' unica alternativa è che non solo sia sorta, che so, (dico un nome famoso per dirne uno) su Atlantide, ma che qui e solo qui si sia poi ulteriormente evoluta in homo sapiens sapiens, e successivamente diffusa ovunque.

Il che non solo è poco probabile, ma contrasta con tutte le evidenze fossili in nostro possesso.


Per questo scelgo di sottolineare il tuo saggio "sempre se è esistito", poichè l' anello mancante per come inteso dai paleontologi NON è mai esistito. Il che spiega perchè ancora non si trova [:D]

E sì che sono passati due secoli da Darwin.


Detto in altri termini, l' unica cosa reale che può essere considerata "anello mancante" è qualche stadio intermedio tra il primate arboricolo e il genere homo..... realizzato in provetta.

Poichè, e questo mi ero dimenticato di dirlo nel post iniziale, vi è un altro elemento che non giova certo a sostegno dell' evoluzione naturale dell' uomo: la sua incredibile rapidità.

Milioni, anzi miliardi di anni occorsero perchè tutti gli esseri viventi divennero quello che sono. Ma all' uomo sono bastate poche centinaia di migliaia di anni per passare dallo stato animale a quello di sola ed unica specie intelligente del pianeta, una rivoluzione biologica paragonabile al passaggio dalla vita marina a quella terrestre, o alla formazione di esseri pluricellulari a partire da quelli unicellulari....... ma se per i primi occorsero tempi biblici, per l' uomo al confronto è stato un giochetto.


E questo nessuno dei superscienziati osa tentare che dico di spiegarlo, ma neanche di parlarne, certi dell' impossibilità di trovare una risposta. Semplicemente perchè è la teoria che pone questo problema ad essere impossibile.

La vita ha seguito le leggi dell' evoluzione dal primo protozoo fino al primate, e avrebbe potuto tranquillamente continuare per la sua strada naturale..... ma la via è molto, molto, molto, molto più lunga del tempo che l' uomo ha impiegato per divenire tale a partire dalle scimmiette.

Per cui è evidentemente intervenuto qualcosa che ha notevolmente accelerato il naturale processo evolutivo della nostra specie.


Aztlan



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1332
Iscritto il: 03/12/2008, 12:15
Località: Roma
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/04/2009, 09:43 
Sono dell tua stessa opinione Aztlan.

Altro particolare è che l'uomo è l'unica specie con determinate caratteristiche, non ce ne sono altre simili a noi, o altre forme di vita che siano almeno in uno stato intermedio tra il mondo animale e quello umano. Ci siamo noi e le bestie, in mezzo niente. Strana come evoluzione....

E' vero che si parla di anello mancante e che si ipotizzano varie tipologie di ominide come nostri progenitori, ma per l'appunto erano ominidi, non animali.....

Altro aspetto dell'evoluzione umana, accelerata rispetto ad altre forme di vita, come abbiamo visto, è anche quella tecnologica. Negli ultimi 50 anni il progresso tecnologico è avanzato esponenzialmente. Siamo passati nel giro di pochi anni dalla locomotiva a vapore ai razzi sulla Luna....bel salto !

Possiamo ipotizzare che come per l'evoluzione umana ci possa essere stata un'interferenza esterna, anche per quella tecnologica possa essere stato così ?


Ultima modifica di DeMultaNocte il 23/04/2009, 09:44, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10573
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/04/2009, 11:09 
Cita:
DeMultaNocte ha scritto:

Sono dell tua stessa opinione Aztlan.

Altro particolare è che l'uomo è l'unica specie con determinate caratteristiche, non ce ne sono altre simili a noi, o altre forme di vita che siano almeno in uno stato intermedio tra il mondo animale e quello umano. Ci siamo noi e le bestie, in mezzo niente. Strana come evoluzione....

E' vero che si parla di anello mancante e che si ipotizzano varie tipologie di ominide come nostri progenitori, ma per l'appunto erano ominidi, non animali.....

Altro aspetto dell'evoluzione umana, accelerata rispetto ad altre forme di vita, come abbiamo visto, è anche quella tecnologica. Negli ultimi 50 anni il progresso tecnologico è avanzato esponenzialmente. Siamo passati nel giro di pochi anni dalla locomotiva a vapore ai razzi sulla Luna....bel salto !

Possiamo ipotizzare che come per l'evoluzione umana ci possa essere stata un'interferenza esterna, anche per quella tecnologica possa essere stato così ?



Mi trovi perfettamente d' accordo.

Come sempre rimane da chiarire chi e perchè ha accelerato la nostra evoluzione, in tutti i settori.

Altri esempi sono infatti le testimonianze lasciateci dai popoli antichi in forma di leggenda o mito secondo cui furono déi scesi dal cielo coi loro "carri di fuoco" a insegnarci l' agricoltura, la scrittura e a porre le basi della società.


Pare proprio che ci abbiano creato, insegnato i primi passi, educati........ allevati?

Aztlan



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1166
Iscritto il: 04/12/2008, 15:40
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 24/04/2009, 15:48 
Beh, I Gorilla sono in grado di imparare il linguaggio dei gesti ed esprimersi, tramite questo, in maniera molto semplice.

Ovviamente tra noi ed i Gorilla c'è un abisso, ma sta ad indicare che la base di partenza della teoria darwiniana è corretta. I nostri antenati furono le scimmie, non v'è dubbio. Concordo su Aztlan però, su questo importante elemento: la nostra evoluzione è stata troppo veloce e priva di vie intermedie. Chi ha fatto evolvere così rapidamente le scimmie, e sopratutto, perchè proprio loro?

Ci sono troppi elementi, fin troppo strani per essere scartati, che ci portano a pensare ad un possibile intervento extraterrestre.
1) La nostra evoluzione fin troppo veloce e singolare
2) La presenza di troppe leggende che parlano di divinità discese dal cielo

A mio particolare avviso sono due indizzi estremamente evidenti. La teoria degli antichi astronauti è fin troppo verosimile per non essere presa in considerazione. Ma è indubbio, comunque, che ci sia da screamare un sacco di leggende e dicerie, sorte nell'epoca del boom dell'archeologia misteriosa, ed ancora oggi ritenute valide dai più.
Io lascerei perdere Sitchin, Nibiru e gli Annunaki, e mi concentrerei invece su un evento storico: qual'è la mitologia più antica che parla di divinità scese dal cielo?
E' ovvio che le prime divinità, la madre terra e il dio toro, per citarne qualche d'una, siano prive di questi connotati extraterrestri. Ciò indica, secondo me, che gli alieni hanno lanciato il dado, creando l'uomo, e poi siano tornati secoli dopo per mirare la loro creazione.


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10573
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 24/04/2009, 17:10 
Cita:
Knukle ha scritto:


Beh, I Gorilla sono in grado di imparare il linguaggio dei gesti ed esprimersi, tramite questo, in maniera molto semplice.

Ovviamente tra noi ed i Gorilla c'è un abisso, ma sta ad indicare che la base di partenza della teoria darwiniana è corretta. I nostri antenati furono le scimmie, non v'è dubbio. Concordo su Aztlan però, su questo importante elemento: la nostra evoluzione è stata troppo veloce e priva di vie intermedie. Chi ha fatto evolvere così rapidamente le scimmie, e sopratutto, perchè proprio loro?

Ci sono troppi elementi, fin troppo strani per essere scartati, che ci portano a pensare ad un possibile intervento extraterrestre.
1) La nostra evoluzione fin troppo veloce e singolare
2) La presenza di troppe leggende che parlano di divinità discese dal cielo

A mio particolare avviso sono due indizzi estremamente evidenti.

La teoria degli antichi astronauti è fin troppo verosimile per non essere presa in considerazione.

Ma è indubbio, comunque, che ci sia da screamare un sacco di leggende e dicerie, sorte nell'epoca del boom dell'archeologia misteriosa, ed ancora oggi ritenute valide dai più.

Io lascerei perdere Sitchin, Nibiru e gli Annunaki, e mi concentrerei invece su un evento storico: qual'è la mitologia più antica che parla di divinità scese dal cielo?

E' ovvio che le prime divinità, la madre terra e il dio toro, per citarne qualche d'una, siano prive di questi connotati extraterrestri. Ciò indica, secondo me, che gli alieni hanno lanciato il dado, creando l'uomo, e poi siano tornati secoli dopo per mirare la loro creazione.



Grazie Knukle, per aver toccato un tema a me caro: le prime divinità adorate da noi umani.

Le origini di questo splendido culto si perdono nella notte dei tempi, e stavolta non è un modo di dire: la celebre Venere di Willendorf è una statuetta preistorica, rappresentante una figura femminile gravida e con evidenti attributi (e pure bella in carne), è stata riconosciuta come una divinità legata alla fertilità.

E sulle pareti delle caverne preistoriche, tra tutti gli animali e le figure in genere il toro ha un ruolo primario sia per numero di rappresentazioni che per importanza attribuita.


Da allora questo culto, ben lungi dall' essere sorpassato, sopravvisse fino all' epoca storica antica, dove la civiltà minoica, con sede nell' isola di Creta, adorava ancora la Grande Madre, una dea che incarnava la Terra stessa.

Accanto ad essa vi era però anche l' elemento maschile, il toro simbolo di virilità, in un parallelo che azzardo tra il dualismo dei principi femminile e maschile dell' Universo, a cui si riferiscono tutti gli altri dualismi nella cultura taoista.


Sappiamo tutto ciò sui Cretesi grazie al celebre mito greco del Minotauro: gli Ateniesi, sconfitti in guerra da questi, furono costretti a pagare un orrendo tributo di sangue in vite umane, ossia 12 giovani uomini e 12 giovani donne, dovevano essere portate periodicamente sull' isola per essere offerte come vittima sacrificale per il mostro, nato a causa della disobbedienza a Posidone del re cretese Minosse.

L' alternativa era una seconda guerra, definitiva.

Ma un giorno tra costoro venne scelto anche l' eroe Teseo, che riuscì a sconfiggere il mostro rinchiuso nel labirinto edificato da Dedalo, padre di Icaro, e a non perdersi grazie ad Arianna, figlia del re, che abbandonò poi su un' isola, inseguito dalla flotta cretese. E venne punito per questo, con il suicidio del padre, il re Egeo, gettatosi per la disperazione nel mare che da lui prese il nome.


Ora, andiamo un pò a vedere alcuni interessanti dettagli del mito che vanno spesso in secondo piano: nonostante i Greci, al loro solito, attribuiscano al popolo straniero dei Cretesi i loro dei (Poseidone), è poi lo stesso mito a illustrare come costoro venerassero la Grande Madre, cui erano sacri molti animali, tra cui il serpente, presenti in trappole del labirinto.

E in onore della Grande Madre si celebravano periodiche festività, con annessi pericolosi giochi nell' arena con i tori, che non miravano affatto all' uccisione dell' animale, considerato sacro, ma...... a montargli sopra e a eseguire su di esso evoluzioni ginniche, spettacolari quanto pericolose, come facilmente comprensibile. Ma per gli atleti rischiare la vita nei giochi era un onore.

Tutt' oggi ne rimane il ricordo in alcuni popoli, ma a volte completamente storpiato in una lotta contro il toro.


Sembrerà che sia andato paurosamente OT, ma sono appena giunto al punto..... ufologico.

Queste erano le nostre divinità fin dal tempo delle caverne, e hanno perdurato stoicamente fino all' avvento della civiltà classica - e c' è chi sostiene che in segreto il culto non sia mai cessato.

Ma a un certo punto avvenne una vera e propria rivoluzione religiosa globale, le cui origini sono del tutto oscure.


Cosa ha di colpo introdotto nell' uomo l' idea che gli dei non siano della Terra e nella Terra, sulla sua superficie animata dalla vita, nelle forze misteriose degli elementi, insomma nella natura terrestre, ma provenienti dal cielo?

Discesi a bordo dei loro lucenti "carri di fuoco", "carri del Sole" o "carri del cielo" che appunto solcano il cielo "col rumore del tuono"; così ad esempio i popoli precolombiani descrivono Quetzalcoatl: il dio bianco e barbuto (prima di Colombo!) che giunse a insegnare l' agricoltura e le leggi.

Cosa potrebbero mai essere questi mezzi volanti dell' antichità? E chi i loro occupanti? Per i popoli primitivi, carri magici guidati dagli dei..... ma per gli evoluti cittadini dell' era spaziale?


Aztlan


Ultima modifica di Aztlan il 24/04/2009, 17:58, modificato 1 volta in totale.


_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4393
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 11/05/2009, 13:19 
L'anello mancante dell'evoluzione
svelato nel documentario della Bbc

Filmato top secret in onda il 19 maggio
LONDRA
La Bbc ha preparato uno straordinario documentario, presentato da David Attenborough, in cui rivelerà la scoperta di uno scheletro fossilizzato che rappresenterebbe l'«anello mancante» dell’evoluzione umana.

Secondo il Mail on Sunday il documentario è top secret, ma fonti negli Usa dicono che la rivoluzionaria scoperta verrà presentata il prossimo 19 maggio da un gruppo di scienziati e documentaristi a New York. In quell’occasione verrà presentato il primo scheletro intero mai trovato di un particolare tipo di un animale che si chiamava Adapide, battezzato Darwinius masillae: le ossa fossilizzate, che hanno dai 37 ai 47 milioni di anni, sono stati trovati nella cava Messel in Germania, un sito famoso per i suoi fossili.

L’animale, una femmina, somiglia a un lemure, il mammifero dalla lunga coda che vive in Madagascar.

Attenborough spiegherà che i ricercatori hanno concluso che quell’animale non è semplicemente un antenato dei lemuri (mancano diverse caratteristiche), ma fa parte di un gruppo collegato di primati che si sarebbero evoluti in scimmie ed esseri umani. Lo studio cui fa riferimento la Bbc verrà pubblicato dalla rivista angloamericana Public Library of Science.

Philip Gingerich, presidente della Us Paleontological Society, co-autore dello studio, ha dichiararo al Mail: «Ho esaminato questo scheletro, è incredibilmente completo e datato con precisione. Lo abbiamo tenuto nascosto perchè non si può parlare di qualcosa finchè non la capisci a fondo. Ora abbiamo capito, farà progredire la nostra conoscenza dell’evoluzione».

Fonte
http://www.lastampa.it/redazione/cmsSez ... girata.asp


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10573
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 11/05/2009, 14:58 
Cita:
vimana131 ha scritto:

L'anello mancante dell'evoluzione
svelato nel documentario della Bbc

Filmato top secret in onda il 19 maggio
LONDRA
La Bbc ha preparato uno straordinario documentario, presentato da David Attenborough, in cui rivelerà la scoperta di uno scheletro fossilizzato che rappresenterebbe l'«anello mancante» dell’evoluzione umana.

Secondo il Mail on Sunday il documentario è top secret, ma fonti negli Usa dicono che la rivoluzionaria scoperta verrà presentata il prossimo 19 maggio da un gruppo di scienziati e documentaristi a New York. In quell’occasione verrà presentato il primo scheletro intero mai trovato di un particolare tipo di un animale che si chiamava Adapide, battezzato Darwinius masillae: le ossa fossilizzate, che hanno dai 37 ai 47 milioni di anni, sono stati trovati nella cava Messel in Germania, un sito famoso per i suoi fossili.

L’animale, una femmina, somiglia a un lemure, il mammifero dalla lunga coda che vive in Madagascar.

Attenborough spiegherà che i ricercatori hanno concluso che quell’animale non è semplicemente un antenato dei lemuri (mancano diverse caratteristiche), ma fa parte di un gruppo collegato di primati che si sarebbero evoluti in scimmie ed esseri umani. Lo studio cui fa riferimento la Bbc verrà pubblicato dalla rivista angloamericana Public Library of Science.

Philip Gingerich, presidente della Us Paleontological Society, co-autore dello studio, ha dichiararo al Mail: «Ho esaminato questo scheletro, è incredibilmente completo e datato con precisione. Lo abbiamo tenuto nascosto perchè non si può parlare di qualcosa finchè non la capisci a fondo. Ora abbiamo capito, farà progredire la nostra conoscenza dell’evoluzione».

Fonte
http://www.lastampa.it/redazione/cmsSez ... girata.asp



Colpisce la frase:

"Lo abbiamo tenuto nascosto perchè non si può parlare di qualcosa finchè non la capisci a fondo"

Ma che razza di principio è?


La conoscenza deve essere immediatamente disponibile a tutti, sia essa completa o meno. Allora siccome non sappiamo nulla del 90% dell' Universo gli astronomi dovrebbero tenerci nascosto quel che sappiamo sul sistema solare??? Ma che sistema è questo???

Boh.... certo che sono strani questi paleontologi. Hanno un modo tutto loro di vedere il mondo. Insieme agli archeologi. E a molti altri.... tutti quelli che hanno a che fare con cose poco chiare, da ricercare, hanno questa strana idea del "tenere tutto nascosto"..... chissà che vorrà dire [8]

Ma veniamo al nocciolo della notizia.


Il fossile ritrovato ha sulle sue fossilizzate spalle la venerabile età di decine di milioni di anni, e passa, ovvero più di qualunque ominide o scimmia.

Come confermato dagli stessi scienziati, si tratta infatti di un possibile ANTENATO delle scimmie e degli ominidi, per arrivare a noi.

Un antenato comune a entrambi, dunque, non il punto di passaggio tra ' uomo e la scimmia, ancora da venire.


Allora perchè l' hanno chiamato "anello mancante", quando anello mancante non è e non può essere??

Il suo ritrovamento e la conseguente, confusa dichiarazione - confusa dal punto di vista scientifico, ma straordinariamente lucida nella ricerca del sensazionalismo mediatico - fatta dagli scienziati (parola che sempre più dimostra di meritarsi le virgolette) dimostra infatti che noi discendiamo da un antenato comune di uomini e scimmie, cosa già data per assodata, ma NON dice nulla circa il passaggio dalle scimmie all' uomo.

Anello mancante che si conferma invece ostinatamente..... mancante.


Ed è questo che ho detto all' inizio: io non metto in discussione la teoria dell' evoluzione come teoria che spiega l' origine delle specie, in quanto è CORRETTA, io metto in discussione che questo processo sia potuto avvenire senza interferenze anche per la specie homo, quando tutto dimostra il contrario: la stragrande maggioranza di fossili di dinosauro, vecchi di milioni di anni prima dell' uomo, degli ominidi, delle scimmie, che superano quelli dei nostri presunti antenati, che risalgono all' altro ieri geologico ma sono letteralmente introvabili...... tutto questo, che chiamandolo per nome si chiama MANCANZA ASSOLUTA DI PROVE fin tanto che non si trova l' anello..... mancante, tutto questo è sconfortante per il nostro livello di conoscenza e molto preoccupante circa il perchè ci venga propinata come verità scientifica assoluta una teoria che non ha prove, ma solo indizi, pure molto particolari.

Il che non significa certo che a creare l' uomo sarebbe stato il Padreterno sputando nel fango o superstizioni simili: io NON sono un Creazionista, nè un sostenitore del cosiddetto Intelligent Design, forma mascherata del primo e degna del premio Ignobel e di essere ribatezzata Idiot Design.

Quello che cerco di dire è che l' evoluzione, legge della natura, ha fatto il suo corso naturale dai primi unicellulari (e bisogna chiedersi da dove vengono) fino ai primati, e non mi sembra poco, ma DOPO è intervenuto QUALCUNO che ha preso la materia grezza - i primati - e ne ha fatto l' homo, attraverso vari tentativi abortiti (i presunti antenati).


Per cui, non ho nulla contro la tesi che quel grazioso animaletto possa essere un nostro antenato, e non va contro la mia tesi: io dico che molto tempo DOPO l' evoluzione di tale creatura nei primati più sviluppati, Creature Intelligenti abbiano deciso, per motivi oscuri, di accelerare il processo evolutivo.

Per il resto, ben venga l' antenato non dico dell' uomo, non dico della scimmia, ma dei lemuri, come primissimo antenato dell' uomo.
Secondo me doveva essere un animaletto buffo e grazioso.... io me lo immagino così.... aveva pure la coda! [:)]

Benvenuto in famiglia!


Ma dobbiamo sempre riconoscere che in noi c' è qualcosa che non si è evoluto da sè, ma è stato studiato appositamente in laboratorio da CHI allora era in grado di fare ciò.

E vorrei tornare a sottolineare questa cosa per me inquietante: scoperte scientifiche TOP SECRET, ormai non più solo nell' ovvio campo militare, ma anche nella pacifica paleontologia.

Questi sono chiari segni: si avvicinano tempi bui. Repetita iuvant.


Aztlan



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Ufetto
Ufetto

Non connesso


Messaggi: 60
Iscritto il: 13/05/2009, 21:09
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 20/05/2009, 11:29 
io credo negli extraterrestri, non cecamente, ho i miei buoni motivi per cui ci credo, ma arrivare al punto di credere che l'uomo è stato creato dagli alieni mi sembra un po esagerato [:246]
Tra poco faremo una nuova religione in cui le persone adoreranno gli alieni creatori dell'uomo e grazie ai quali abbiamo le tecnologie a noi conosciute [:256]


Ultima modifica di Fabio il 20/05/2009, 11:35, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 539 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 36  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 21/09/2019, 12:49
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org