Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 527 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36  Prossimo
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 6942
Iscritto il: 11/07/2009, 14:28
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 27/06/2018, 19:25 
argla ha scritto:
Mi potreste spiegare a cosa servono le impronte digitali ? Perché tutto in natura ha un senso e per quelle io non lo trovo. Se fossimo davvero il frutto di un' evoluzione naturale come potrebbero giustificarsi ? Può essere che sbagli ma non mi sembrano vitali per la sopravvivenza o per l' adattamento.
Allora chiedo... perché l' unica idea fissa che mi frulla sempre in testa è che “qualcuno” abbia proprio pensato che necessitassimo di un "marchio" di riconoscimento come in un allevamento zootecnico. Ma se sono fuori strada correggetemi, per favore.

Le impronte digitali servono a "identificare"...leggilo tutto l'articolo...
Cita:

La lettura delle foglie, ovvero del destino dell’individuo, inizia fissando un incontro con un anticipo di circa due settimane. Giunto il giorno prestabilito, e prima che la cerimonia abbia inizio, a tutti i convenuti viene chiesto di imprimere su piccoli fogli di carta l’impronta digitale del pollice, il destro per gli uomini mentre il sinistro per le donne, assieme al proprio nome.  Nella lettura Naadi le impronte sono codificate in 108 macro categorie.

Effettuata questa procedura il passo successivo è stabilire quale sia la corrispondenza dell’impronta del soggetto con quelle codificate dal sistema Naadi. Trovata la corrispondenza e il gruppo di appartenenza inizia la ricerca della corrispettiva foglia di palma del soggetto.
Fonte



_________________
"Sei quello che sei, anche se non lo sai..."
Angeldark
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 16928
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 27/06/2018, 23:51 
argla ha scritto:
Mi potreste spiegare a cosa servono le impronte digitali ? Perché tutto in natura ha un senso e per quelle io non lo trovo. Se fossimo davvero il frutto di un' evoluzione naturale come potrebbero giustificarsi ? Può essere che sbagli ma non mi sembrano vitali per la sopravvivenza o per l' adattamento.
Allora chiedo... perché l' unica idea fissa che mi frulla sempre in testa è che “qualcuno” abbia proprio pensato che necessitassimo di un "marchio" di riconoscimento come in un allevamento zootecnico. Ma se sono fuori strada correggetemi, per favore.


Le impronte digitali sono una caratteristica PECULIARE di tutti i primati, non solo dell'uomo, addirittura dei roditori (che hanno arti prensili) quindi a mio avviso c'è poco da spiegare in chiave "creazionista".

Fonte: https://www.focus.it/ambiente/animali/le-scimmie-hanno-le-impronte-digitali

Qui delle curiosità: https://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2005/02_Febbraio/23/pop_impronte.shtml

Le impronte in realtà non hanno nulla a che veder con l'identificazione umana ma sono una caratteristica soprattutto delle specie che hanno arti prensili e che servono a migliorare la presa e l'arrampicata grazie alla loro rugosità, è semplice adattamento in questo caso. Così come è adattamento la mano che in acqua si trasforma e diventa rugosissima e che quindi migliora la presa in un ambiente bagnato e quindi scivoloso.

Che poi venga usato per l'uomo come strumento di identificazione è solo lo sfruttamento di una nostra caratteristica come mettere il cappello quando c'è il sole, ma di certo non diciamo che siamo stati dotati di testa per costringerci ad usare il cappello, non so se rendo l'idea con questo esempio scemo ^_^

Bisogna cercare di rimanere con i piedi per terra, buttare tutto nel calderone non aiuta, va bene stupirsi delle stranezze delle natura ma è molto più importante informarsi bene perchè a volte, non sempre, la risposta più semplice è quella giusta.

Tra l'altro questa cosa della risposta più semplice la si applica a tutto tranne che all'evoluzione umana, si preferisce pensare che siano successi tutta una serie di eventi assolutamente impossibili in natura che hanno portato al sapiens mentre non si accetta l'idea della manipolazione che è evidente inconfutabile e sotto gli occhi di tutti. Probabilmente perchè si porterebbe dietro il crollo di una migliaio di paradigmi su cui si fonda la nostra "schiavitù", ma questo è un altro discorso.

Spesso quando si affrontano questi temi se tende a pensare di avere a che fare con delle divinità e che quindi tutto ciò che ci riguarda sia frutto del loro lavoro e di una precisa volontà. Io non penso proprio sia così, anzi a mio avviso sotto certi aspetti sono come o peggio di noi. Ad esempio noi avendo creato una specie EX novo invasiva col cavolo che l'avremmo liberata una volta appurato che questa era in grado di riprodursi, l'avremmo soppressa prima che sfuggisse al nostro controllo, loro no semplicemente se ne sono liberati... O per meglio dire, ci hanno liberati nell'ecosistema senza competitori naturali ed i risultati si vedono mi pare :)

argla ha scritto:
si siano verificati non solo durante ma persino qualche ora prima di un evento drammatico... come avessimo davvero la dote della precognizione. Chissà che non esista un futuro in cui i terremoti vengono previsti così.
Vedi, cercavo una speranza per svegliarci tutti e a quanto pare c' è davvero. ^_^


Vedo che hai colto il dettaglio più interessante e cioè che come l'esperienza dal passato influenza il presente così il suo omologo, la precognizione" influenza il presente dal futuro. E ciò a riconferma che lo scorrere lineare del tempo sia solo il nostro modo di percepire la natura non la sua reale essenza che probabilmente prescinde dal concetto del tempo che scorre inesorabilmente come un fiume.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 901
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 28/06/2018, 17:37 
MaxpoweR ha scritto:
servono a migliorare la presa e l'arrampicata grazie alla loro rugosità, è semplice adattamento in questo caso. Così come è adattamento la mano che in acqua si trasforma e diventa rugosissima e che quindi migliora la presa in un ambiente bagnato e quindi scivoloso.


Ecco perfetto, è qui che mi perdo perché serviranno a migliorare la presa ma l' avrebbero migliorata anche se fossero state tutte identiche, per qualunque individuo o animale. Non so, mi sembra che ci sia qualcosa di curioso... ma potresti avere ragione tu quando dici che non tutto forse ha uno scopo, se chi ci ha manipolato non era una divinità
( per inciso, io credo che esista qualcosa di superiore, un ordine creatore, un “tutto”, ma non penso sia il dio delle religioni, sperando di non offendere la sensibilità di nessuno nel dirlo ).

Ho letto gli articoli, allora... se devo commettere un crimine mi porto un koala... XD ( scherzo ) però non ho capito questo : “ il DNA non controlla i rilievi dei polpastrelli “. Non è proprio il mio campo, quindi “chi” sceglie le nostre impronte ?

MaxpoweR ha scritto:
Tra l'altro questa cosa della risposta più semplice la si applica a tutto tranne che all'evoluzione umana, si preferisce pensare che siano successi tutta una serie di eventi assolutamente impossibili in natura che hanno portato al sapiens mentre non si accetta l'idea della manipolazione che è evidente inconfutabile e sotto gli occhi di tutti. Probabilmente perchè si porterebbe dietro il crollo di una migliaio di paradigmi su cui si fonda la nostra "schiavitù", ma questo è un altro discorso.


Argomentazione impeccabile. Su questo con me sfondi una porta aperta, non potrei essere più d' accordo. ;)

MaxpoweR ha scritto:
ci hanno liberati nell'ecosistema senza competitori naturali ed i risultati si vedono mi pare


Forse i nostri competitori naturali sono virus e batteri, o forse sapevano che non ce n' era bisogno visto che siamo una specie palesemente autolesionista.



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 901
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 28/06/2018, 17:45 
Angel_ ha scritto:
Le impronte digitali servono a "identificare"...leggilo tutto l'articolo...
Cita:

Effettuata questa procedura il passo successivo è stabilire quale sia la corrispondenza dell’impronta del soggetto con quelle codificate dal sistema Naadi. Trovata la corrispondenza e il gruppo di appartenenza inizia la ricerca della corrispettiva foglia di palma del soggetto.
Fonte


Affascinantissimo, Angel... ti ringrazio. Non solo l' ho letto tutto ma mi sono anche presa del tempo per cercare altri articoli a riguardo perché non ne sapevo nulla.

Quindi, se interpreto correttamente, potrebbero identificare il “contenitore” in cui si troverà l' anima ( o la coscienza, non so come interpretate voi ) in quel preciso momento.
Correggimi se sbaglio, è solo una mia impressione o questa arte è un po' come se lasciasse intendere che “qualcuno” aveva previsto che nel nostro percorso animico avremmo avuto bisogno di aiuto ? E questo poteva essere un modo, dando la possibilità di gettare uno sguardo anche al passato, ad una precedente incarnazione, che in effetti potrebbe essere anche più illuminante del conoscere presente e futuro.

Ma se tutto è “scritto”, non riesco a non chiedermelo quando si parla di destino... che valore hanno il nostro impegno verso il bene e le scelte che facciamo anche faticosamente... ? Probabilmente è una domanda sciocca ma io faccio fatica a capire...



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 901
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 28/06/2018, 17:52 
Angel_ ha scritto:
Cita:

chiunque sia destinato a conoscere il proprio futuro raggiunge il posto giusto nel momento della sua vita in cui ne ha bisogno.

Read more: http://www.freeopinionist.com/2013/03/1 ... z5Jjf3gEbN
Fonte



Mi permetto di estrapolare una frase proprio dal tuo articolo perché mi fa da filo logico sulla questione “rabbia”, se poi l' argomento è ot anche qui chiedo umilmente scusa e si sposterà tutto.

Questo è un pensiero che mi è venuto sperimentando su di me, le cose accadono quando è il momento. Che detta così sembra una banalità ma potrebbe esserci di più. A volte ci arrabbiamo per ciò che ci succede, soffriamo, ci affanniamo, ci impegniamo tanto o forse ci intestardiamo a voler far andare le cose in un determinato modo, mentre a me sembra che esista una sorta di “piano inclinato” ( non so come definirlo meglio ). Io mi sono accorta che assecondando quello, tenendolo come bussola, lasciandomici scivolare come una pallina ( visualizzo proprio la cosa e uso quest' immagine come promemoria ) gli eventi si succedono in modo più armonioso, gli “incontri” sono più adatti a me, mi sento più rilassata, recettiva e stranamente si concatenano una serie di sincronicità che hanno del miracoloso. Non so come la vedrebbe Jung ma a me sembrano piccole magie.

MaxpoweR ha scritto:
A me la rabbia piace è una reazione fisiologica agli stimoli esterni come tutte le altre "mozioni", non capisco perchè debba essere denigrata, spesso ti fa capire davvero le persone con cui hai a che fare 
 

Ecco, io ti capisco... il problema è che purtroppo il meccanismo di cui parlo spesso si inceppa a causa di stati d' animo che inquinano quel sistema di guida... ovvero proprio tutti quelli negativi che, sembrano reazioni umanissime a ciò che viviamo... ma potrebbero non essere davvero autentiche del nostro io profondo, e che visti in quest' ottica ci danneggiano. Esistono “entità” energetiche che di quegli stati si nutrono, che sono felicissime di vederci perdere il controllo, incastrarci in qualche loop, e infilarci in labirinti mentali e fisici che creeranno sempre più emozioni negative, lasciandoci come larve svuotate di energia.
Poi magari sbaglierò ma è per tentare una risposta con qualcosa di provato personalmente su me stessa. Immagino che voi in qualche topic passato avrete giù sviluppato l' argomento molto meglio, con il supporto di fonti autorevoli.
MaxpoweR ha scritto:
Tra l'altro a me succede una cosa strana, quando sto per arrabbiarmi DAVVERO, mi percorre un brivido in corpo e DECIDO se assecondarlo e quindi sfogare la rabbia o evitare ignorandola. Penso di non essermi mai arrabbiato in vita mia con una persona al punto da assecondare il "brivido omicida" come lo chiamo, pur avendo percorso chilometri lungo la mia schiena... boh pensandoci è strano. Un paio di PC ed un cellulare invece ne sono usciti abbastanza acciaccati ^_^


Se tu sperimenti questo io ti credo e mi viene da pensare che sia la tua essenza profonda, che sa molto più di quel che immagini, a mandarti quel brivido come avvertimento. Il punto sarebbe capire quale suggerimento fra i due, assecondare la rabbia o evitare ignorandola, viene dal tuo vero io e quale invece è il suggerimento che ti sta dando un parassita affamato che vuole usarti perché ha un tornaconto ! Tante volte purtroppo pensiamo ( plurale, ovviamente mi ci metto anch' io su questa barca... ) di essere noi a DECIDERE ma non è così. Siamo manipolati senza saperlo, come se non lo fossimo abbastanza.
Probabilmente tutte cose che conosci anche tu a livello di informazioni, quindi scusami se sono stata noiosa, quello che posso dirti è che se cominci a farci caso a livello pratico, e visto il tipo di realtà in cui siamo immersi c' è solo abbondanza di occasioni “rognose” per sperimentare in prima persona, potresti avere delle sorprese.

Ah, senza contare che proprio in base all' articolo stupendo che hai postato tu, quelle uova” danno la prova tangibile che siamo tutti interconnessi quindi provando rabbia ( o peggio odio, paura... ) si alimenta uno stato d' animo collettivo controproducente a livello planetario.

Quindi adesso ti toccherà pensare... non posso acciaccare il pc o mi si turba argla. Pensa che responsabilità ahahah ! ^_^



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 16928
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 28/06/2018, 22:02 
Beh se fosse il parassita direi che proprio affamato non è visto che le volte in cui mi sono concesso lo sfizio di lasciarmi andare alla rabbia si contano sulle punte delle dita e lasciamelo dire quelle 2\3 volte che è capitato ne ho tratto soddisfazione immensa. [:246]

Tra l'altro subito castrata da una mia cara amica che ha replica: "ah si proprio una bella soddisfazione, la soddisfazione dei cretini"

-.- non ma fracassare contro il muro il telefono che da una settimana scriveva per conto suo mi ha dato una soddisfazione immensa nonostante sia stato frutto del brivido omicida. E per inciso così facendo il problema si è anche risolto visto che probabilmente le lesioni sul touch hanno interrotto il corto circuito che provocava il ghost touch. come vedi a volte assecondando la rabbia tanto male non è [:246]


Di fatto noi non decidiamo nulla in maniera cosciente, fa tutto l'inconscio quello che noi sperimentiamo come processo decisionale è solo l'emergere della consapevolezza della decisione presa dal nostro cervello. A me è capitato spesso di dover prendere una decisione ma raramente sono stato realmente indeciso, la vera riflessione è sempre stata se LA MIA SCELTA INCONSAPEVOLE era condivisibile o meno. Anche se a me tutte ste teorie malanghiane dei parassiti che ci controllano non mi hanno mai convinto nè entusiasmato è indubbio che non è la parte razionale a controllare le nostre scelte ma la parte più arcaica che vanta decine di migliaia di anni di evoluzione e cioè il tanto vituperato ISTINTO che a mio avviso è molto più potente e lucido della ragione.


Non avevo visto che mi avevi risposto anche all'altro post...

argla ha scritto:
Ecco perfetto, è qui che mi perdo perché serviranno a migliorare la presa ma l' avrebbero migliorata anche se fossero state tutte identiche, per qualunque individuo o animale.


Dici? Beh qui è questione di punti di vista, io mi sarei stupito se tutti gli uomini le avessero avute uguali idem gli altri mammiferi. non ci vedo nulla di strano invece che siano tutte diverse è come per le strisce delle zebre (che sono come le nostre impronte digitali e si usano per identificarle) o le macchie di un giaguaro, le strisce della tigre e via dicendo. Se pensi che le prime siano frutto di un intervento voluto per marchiarci allora dovremmo pensare che il tutto sia stato fatto anche per gli animali su citati, o per i musi dei leoni le combinazioni di colori dei polpi o l'intensità degli impulsi luminosi dei calamari per non parlare delle livree degli insetti. Secondo me è un pò troppo attribuire ai nostri creatori una capacità così estesa di controllo. anche perchè la spiegazione biologica in questo caso esiste.

argla ha scritto:
Non so, mi sembra che ci sia qualcosa di curioso... ma potresti avere ragione tu quando dici che non tutto forse ha uno scopo, se chi ci ha manipolato non era una divinità
( per inciso, io credo che esista qualcosa di superiore, un ordine creatore, un “tutto”, ma non penso sia il dio delle religioni, sperando di non offendere la sensibilità di nessuno nel dirlo ).


La migliore definizione di ciò che io penso sia dio l'ho trovata in un romanzo bellissimo che si chiama Progetto trinity:

Dio è l'universo che prende coscienza di se.

ciò che penso delle religioni invece lo puoi leggere nella mia firma o dalle sfuriate con Ufologo ^_^



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 901
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 28/06/2018, 23:07 
MaxpoweR ha scritto:

Dio è l'universo che prende coscienza di se.



Bellissima. [:160]

Domani ti rispondo, assassino di cellulari. [:D]



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 901
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 29/06/2018, 14:19 
MaxpoweR ha scritto:
Anche se a me tutte ste teorie malanghiane dei parassiti che ci controllano non mi hanno mai convinto nè entusiasmato è indubbio che non è la parte razionale a controllare le nostre scelte ma la parte più arcaica che vanta decine di migliaia di anni di evoluzione e cioè il tanto vituperato ISTINTO che a mio avviso è molto più potente e lucido della ragione.


Più che a Malanga io penso agli sciamani toltechi e a Castaneda. [:)]
Giusto per darti un' idea... http://www.carloscastaneda.it/Los-Voladores-1.htm
Ma ci sarà probabilmente altro che non conosco ancora.

Se lo hai nutrito poco il tuo parassita meglio, sarà deperito... ma forse non ancora sconfitto. Sarebbe importante non abbassare la guardia, la rabbia purtroppo è solo una delle emozioni di cui si nutrono. Sto sintetizzando e sintetizzando purtroppo si banalizza. Ho provato a spiegare come la vivo perché penso che il confronto sia utile ma giustamente ciascuno deve essere libero di vederla come crede e di fare il proprio percorso. Quindi anche se a te queste teorie non convincono, massimo rispetto per il tuo punto di vista. [:)]
Notavo ieri sera che avete un topic a tema quindi magari se ne riparlerà. Essendo curiosa di capire, mi piacerebbe capire anche le ragioni di chi ha perplessità.

( comunque sappi che nell' opera di Castaneda, alla voce “ insidie del predatore “, c' è un capitolo che si chiama proprio “ sfuriate con ufologo “... [:245] )



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7898
Iscritto il: 03/12/2008, 18:42
Località: romagnano sesia
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 29/06/2018, 16:08 
cara argla ,
un topic dedicato(ma ce ne sono altri)

viewtopic.php?f=26&t=15654&p=376740&hilit=castaneda+voladores#p376740
e questo
viewtopic.php?t=164

ciao
mauro



_________________
sono lo scuro della città di Jaffa
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 901
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 29/06/2018, 19:25 
mauro ha scritto:
cara argla ,
un topic dedicato(ma ce ne sono altri)

viewtopic.php?f=26&t=15654&p=376740&hilit=castaneda+voladores#p376740
e questo
viewtopic.php?t=164

ciao
mauro


Oh grazie infinite, Mauro ! [:)] Pensa che avevo visto solo quello intitolato " Al modo 'tolteco' ". Li leggo di sicuro.



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 6942
Iscritto il: 11/07/2009, 14:28
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 30/06/2018, 01:45 
argla ha scritto:
Questo è un pensiero che mi è venuto sperimentando su di me, le cose accadono quando è il momento. Che detta così sembra una banalità ma potrebbe esserci di più. A volte ci arrabbiamo per ciò che ci succede, soffriamo, ci affanniamo, ci impegniamo tanto o forse ci intestardiamo a voler far andare le cose in un determinato modo, mentre a me sembra che esista una sorta di “piano inclinato” ( non so come definirlo meglio ). Io mi sono accorta che assecondando quello, tenendolo come bussola, lasciandomici scivolare come una pallina ( visualizzo proprio la cosa e uso quest' immagine come promemoria ) gli eventi si succedono in modo più armonioso, gli “incontri” sono più adatti a me, mi sento più rilassata, recettiva e stranamente si concatenano una serie di sincronicità che hanno del miracoloso. Non so come la vedrebbe Jung ma a me sembrano piccole magie.


Accettazione e fede...non occorre altro...

Cita:
Jung, l’accettazione e la spiritualità

Jung riteneva che gli esseri umani fossero delle creature psicosomatiche, che devono preoccuparsi dei fatti dello spirito esattamente come fanno per il loro corpo. Inoltre, la nostra psiche non è personale: è connessa a quella degli altri, sia con coloro con i quali visibilmente interagiamo, sia con coloro che sono venuti prima di noi, attraverso le dinamiche dell’inconscio collettivo. La vita va avanti bene quando questi collegamenti sono aperti, e questi flussi danno un senso e uno scopo. Al contrario, se ci sono dei blocchi, essi possono portare a problemi di salute, con manifestazioni somatiche e psicologiche. “Una psiconevrosi deve essere intesa, in ultima analisi, come la sofferenza di un’anima che non ha scoperto il suo significato”, ha scritto Jung, in un saggio argutamente intitolato “psicoterapeuti o il Clero”. Altri osservatori della condizione umana hanno fatto rilievi simili. Bertrand Russel, che era piuttosto dissimile da Jung riguardo al bisogno di spiritualità, nondimeno notò che le persone più felici “si sentono parte del flusso della vita, non delle entità rigidamente separate, come una palla da biliardo, che non può avere relazione con altri oggetti simili, se non durante una collisione”. Queste persone si sentono “cittadini dell’universo”. Jung aveva una predilezione per il linguaggio religioso – per questo parlava dell’universo come dell’ “anima del mondo” o anima mundi – e non si trattava solo di un gusto estetico-letterario. Jung credeva che la spiritualità fosse essenziale per gli esseri umani e che occorresse prenderla più seriamente. L’immagine predefinita dell’individualità secolare era proprio la palla da biliardo. Nozioni come il flusso della vita, l’anima, l’inconscio collettivo, tendono, secondo Jung, ad essere trattate come finzioni letterarie, nel migliore dei casi, e ciò danneggia la qualità della nostra vita.
Fonte


argla ha scritto:
Quindi, se interpreto correttamente, potrebbero identificare il “contenitore” in cui si troverà l' anima ( o la coscienza, non so come interpretate voi ) in quel preciso momento.
Correggimi se sbaglio, è solo una mia impressione o questa arte è un po' come se lasciasse intendere che “qualcuno” aveva previsto che nel nostro percorso animico avremmo avuto bisogno di aiuto ? E questo poteva essere un modo, dando la possibilità di gettare uno sguardo anche al passato, ad una precedente incarnazione, che in effetti potrebbe essere anche più illuminante del conoscere presente e futuro.


Non posso correggerti perchè sarei presuntuoso, posso solo dirti come la vedo io...le incarnazioni "precedenti" o "future" in realtà sono "contemporanee" in un eterno presente...immagina l'incarnazione della tua personalità come l'anima/testina che si posa su un disco dati e li rivela leggendoli, dati che sono già scritti appositamente per te.
In pratica quello che la tua personalità vivrà domani è già tutto accaduto, deve solo prenderne visione e agire di conseguenza.
Allo stesso modo, anche quello che ha vissuto ieri è sempre esistente...nonostante il cervello le trasmetta la falsa percezione che il passato non esiste più.
Se hai letto Castaneda saprai cosa è la "ricapitolazione"... quella pratica in effetti, oltre a recuperare energia, secondo me, incide anche nel passato della personalità incarnata...
Riguardo alla scienza Naadi, ci fu una trasmissione di Giacobbo al riguardo:

Guarda su youtube.com


Indaga sul numero 108...

http://www.inliberta.it/108-tutti-i-sig ... to-numero/

argla ha scritto:
Ma se tutto è “scritto”, non riesco a non chiedermelo quando si parla di destino... che valore hanno il nostro impegno verso il bene e le scelte che facciamo anche faticosamente... ? Probabilmente è una domanda sciocca ma io faccio fatica a capire...


Non è sciocca per niente, il solo fatto di portela ti eleva rispetto ai tanti che nemmeno sognano di farsela...
E anche qui, premettendo doverosamente che è solo la MIA visione, ti dico che l'unica cosa che conta veramente è la qualità della tua azione rispetto all'evento già prestabilito che ti si para davanti...immaginalo come un esame, puoi superarlo e passare al successivo o doverlo ripetere finchè non comprendi quale debba essere la giusta azione da compiere...tutto questo si chiama Karma ed è una legge ineludibile.
Tutti gli eventi che ti si parano davanti nella vita sono prefabbricati apposta per l'accrescimento di consapevolezza della tua personalità di quel determinato periodo (non uso il termine tempo perchè non esiste)

Guarda su youtube.com



_________________
"Sei quello che sei, anche se non lo sai..."
Angeldark
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 901
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 30/06/2018, 20:15 
Angel_ ha scritto:
La vita va avanti bene quando questi collegamenti sono aperti, e questi flussi danno un senso e uno scopo.
Al contrario, se ci sono dei blocchi, essi possono portare a problemi di salute, con manifestazioni somatiche e psicologiche.[/b] “Una psiconevrosi deve essere intesa, in ultima analisi, come la sofferenza di un’anima che non ha scoperto il suo significato”,
Fonte


E' straordinario questo articolo, straordinario come tutto torni... Non lo conoscevo eppure da ignorante è quello che ho potuto sperimentare su di me.

Angel_ ha scritto:
Non posso correggerti perchè sarei presuntuoso, posso solo dirti come la vedo io...le incarnazioni "precedenti" o "future" in realtà sono "contemporanee" in un eterno presente...immagina l'incarnazione della tua personalità come l'anima/testina che si posa su un disco dati e li rivela leggendoli, dati che sono già scritti appositamente per te.
In pratica quello che la tua personalità vivrà domani è già tutto accaduto, deve solo prenderne visione e agire di conseguenza.
Allo stesso modo, anche quello che ha vissuto ieri è sempre esistente...nonostante il cervello le trasmetta la falsa percezione che il passato non esiste più.
Se hai letto Castaneda saprai cosa è la "ricapitolazione"... quella pratica in effetti, oltre a recuperare energia, secondo me, incide anche nel passato della personalità incarnata...



Se anche tu lo facessi non penserei mai che sei presuntuoso. [:)] Io sono sempre ben felice di imparare e da dove possano venire gli spunti non possiamo saperlo... perciò se qualcuno è così gentile da voler condividere la propria esperienza, o il frutto delle proprie ricerche personali a livello di conoscenza, il minimo che si può fare è sedersi ad ascoltare. Se poi quel qualcuno è più avanti di noi nel percorso da fare, e tu secondo me lo sei, ci si sente davvero fortunati. Grazie, mi hai spiegato in modo chiarissimo alcuni “passaggi” che non capivo.

Mi nomini il Karma sotto e io sento di essere proprio nel punto del mio cammino in cui è arrivato il momento di approfondire anche questo tema.
Ma trovarsi nel “flusso” in cui la vita può scorrere bene, col cuore aperto, genera proprio di queste magie “sincroniche”...
Per visualizzare questo messaggio devi registrarti e eseguire l’accesso al forum.


Angel_ ha scritto:
E anche qui, premettendo doverosamente che è solo la MIA visione, ti dico che l'unica cosa che conta veramente è la qualità della tua azione rispetto all'evento già prestabilito che ti si para davanti...immaginalo come un esame, puoi superarlo e passare al successivo o doverlo ripetere finchè non comprendi quale debba essere la giusta azione da compiere...tutto questo si chiama Karma ed è una legge ineludibile.
Tutti gli eventi che ti si parano davanti nella vita sono prefabbricati apposta per l'accrescimento di consapevolezza della tua personalità di quel determinato periodo (non uso il termine tempo perchè non esiste)


Non avresti potuto essere più illuminante di così. Grazie davvero Angel. [:)] Ho visto anche i video !!



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Non connesso


Messaggi: 663
Iscritto il: 03/10/2012, 07:06
Località: bs
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 02/07/2018, 20:39 
argla ha scritto:
Angel_ ha scritto:
La vita va avanti bene quando questi collegamenti sono aperti, e questi flussi danno un senso e uno scopo.
Al contrario, se ci sono dei blocchi, essi possono portare a problemi di salute, con manifestazioni somatiche e psicologiche.[/b] “Una psiconevrosi deve essere intesa, in ultima analisi, come la sofferenza di un’anima che non ha scoperto il suo significato”,
Fonte


E' straordinario questo articolo, straordinario come tutto torni... Non lo conoscevo eppure da ignorante è quello che ho potuto sperimentare su di me.

Angel_ ha scritto:
Non posso correggerti perchè sarei presuntuoso, posso solo dirti come la vedo io...le incarnazioni "precedenti" o "future" in realtà sono "contemporanee" in un eterno presente...immagina l'incarnazione della tua personalità come l'anima/testina che si posa su un disco dati e li rivela leggendoli, dati che sono già scritti appositamente per te.
In pratica quello che la tua personalità vivrà domani è già tutto accaduto, deve solo prenderne visione e agire di conseguenza.
Allo stesso modo, anche quello che ha vissuto ieri è sempre esistente...nonostante il cervello le trasmetta la falsa percezione che il passato non esiste più.
Se hai letto Castaneda saprai cosa è la "ricapitolazione"... quella pratica in effetti, oltre a recuperare energia, secondo me, incide anche nel passato della personalità incarnata...



Se anche tu lo facessi non penserei mai che sei presuntuoso. [:)] Io sono sempre ben felice di imparare e da dove possano venire gli spunti non possiamo saperlo... perciò se qualcuno è così gentile da voler condividere la propria esperienza, o il frutto delle proprie ricerche personali a livello di conoscenza, il minimo che si può fare è sedersi ad ascoltare. Se poi quel qualcuno è più avanti di noi nel percorso da fare, e tu secondo me lo sei, ci si sente davvero fortunati. Grazie, mi hai spiegato in modo chiarissimo alcuni “passaggi” che non capivo.

Mi nomini il Karma sotto e io sento di essere proprio nel punto del mio cammino in cui è arrivato il momento di approfondire anche questo tema.
Ma trovarsi nel “flusso” in cui la vita può scorrere bene, col cuore aperto, genera proprio di queste magie “sincroniche”...
Per visualizzare questo messaggio devi registrarti e eseguire l’accesso al forum.


Angel_ ha scritto:
E anche qui, premettendo doverosamente che è solo la MIA visione, ti dico che l'unica cosa che conta veramente è la qualità della tua azione rispetto all'evento già prestabilito che ti si para davanti...immaginalo come un esame, puoi superarlo e passare al successivo o doverlo ripetere finchè non comprendi quale debba essere la giusta azione da compiere...tutto questo si chiama Karma ed è una legge ineludibile.
Tutti gli eventi che ti si parano davanti nella vita sono prefabbricati apposta per l'accrescimento di consapevolezza della tua personalità di quel determinato periodo (non uso il termine tempo perchè non esiste)


Non avresti potuto essere più illuminante di così. Grazie davvero Angel. [:)] Ho visto anche i video !!





Probabilmente i messaggi che ti arrivano, specialmente sotto forma di numeri,sono informazioni che tu dal futuro invii a te stessa
Dato che il tempo ,come lo intendiamo noi, non esiste e viviamo contemporaneamente i 3 periodi, è possibile che "argla" del futuro parli ad "argla" del presente
La ricapitolazione si divide in 2 parti,la prima è osservare senza giudicare l'evento ,la seconda interloquire con se stessi nell'evento passato



_________________
Credi veramente di essere un agglomerato di atomi tenuto insieme dalla forza di gravità?
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 901
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 04/07/2018, 00:35 
rew63 ha scritto:
Probabilmente i messaggi che ti arrivano, specialmente sotto forma di numeri,sono informazioni che tu dal futuro invii a te stessa
Dato che il tempo ,come lo intendiamo noi, non esiste e viviamo contemporaneamente i 3 periodi, è possibile che "argla" del futuro parli ad "argla" del presente
La ricapitolazione si divide in 2 parti,la prima è osservare senza giudicare l'evento ,la seconda interloquire con se stessi nell'evento passato


Ma sai Rew63 che è davvero un' ipotesi interessante ?! [:264] Giro da un po' attorno al concetto di tempo che non esiste e non lo applicavo a me stessa. Scusa se non ti ho risposto subito ma speravo di avere il tempo di approfondire e invece mi è mancato per ora. Come mai dici " specialmente sotto forma di numeri " ?
Altri tipi di messaggi che "forma" potrebbero avere ?



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Non connesso


Messaggi: 663
Iscritto il: 03/10/2012, 07:06
Località: bs
 Oggetto del messaggio: Re: Interrogativi sulle vere origini dell' Uomo
MessaggioInviato: 04/07/2018, 20:52 
argla ha scritto:
rew63 ha scritto:
Probabilmente i messaggi che ti arrivano, specialmente sotto forma di numeri,sono informazioni che tu dal futuro invii a te stessa
Dato che il tempo ,come lo intendiamo noi, non esiste e viviamo contemporaneamente i 3 periodi, è possibile che "argla" del futuro parli ad "argla" del presente
La ricapitolazione si divide in 2 parti,la prima è osservare senza giudicare l'evento ,la seconda interloquire con se stessi nell'evento passato


Ma sai Rew63 che è davvero un' ipotesi interessante ?! [:264] Giro da un po' attorno al concetto di tempo che non esiste e non lo applicavo a me stessa. Scusa se non ti ho risposto subito ma speravo di avere il tempo di approfondire e invece mi è mancato per ora. Come mai dici " specialmente sotto forma di numeri " ?
Altri tipi di messaggi che "forma" potrebbero avere ?


Al "tempo" do questa definizione:Il tempo è come un signore di una "certa età",egocentrico e narcisista,infastidito perchè "nessuno" lo "notava"
creò esseri intelligenti ,affinché ne ammirassero il suo trascorrere,
perchè senza un'osservatore il tempo non esiste
Ma chi osserva?

La "coscienza" non è assoggettata alla "legge" del tempo se non "dorme".Passato,Presente,Futuro coesistono ancor prima di "nascere"
I "messaggi" numerici hanno trovato riscontro nelle mie esperienze,tre numeri in particolare hanno segnato momenti per importanti
Dapprima non riuscivo a capire "l'apparire" sempre dello stesso numero fino all'avverarsi dell'evento,poi con l'aiuto di una persona capii il significato

La ricapitolazione è molto importante e non si può improvvisare,va fatta in un luogo adatto,da soli, senza che nessuno disturbi,
nella prima fase, bisogna rivivere l'esperienza senza giudicare,da perfetto osservatore,senza emettere opinioni,
nella seconda fase bisogna "identificarsi" nell'evento e fare propria l'emozione che ne scaturi,non importa se negativa o positiva,l'emozione è una,
bisogna "lavorare" su quell'emozione e trasformarla in "fuoco"
Nella terza fase si può interloquire con se stessi,o meglio con la "persona" che a quel tempo compii l'evento, che era molto diversa da quella di adesso,
possiamo "suggerire" anche dei numeri che associamo all'evento,i numeri "sono più "facili" da veicolare" rispetto ad un "lungo discorso"
Con la giusta preparazione può accadere che nella terza fase le " tre coscienze" del passato,presente,futuro "interagiscono " contemporaneamente

Sembra complicato,ma con un po di pazienza si possono ottenere ottimi risultati



_________________
Credi veramente di essere un agglomerato di atomi tenuto insieme dalla forza di gravità?
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 527 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 24/06/2019, 22:03
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org