Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1250
Iscritto il: 21/01/2017, 09:30
Località: Roma (Italia) e Quito (Ecuador)
 Oggetto del messaggio: Re: I libri d'oro della Cava dei Tayos
MessaggioInviato: 05/05/2018, 16:10 
nokkiero ha scritto:
Ma non scherziamo, è chiaro che le verità scomode scoperte da Padre Crespi si sia cercato in ogni modo di screditarle.
Fa parte del gioco in atto da sempre per nascondere quello che ormai non si può più nascondere. Nella sua ingenuità di uomo di fede e di cultura, Padre Crespi non si rese conto che le sue idee mettevano fortemente in discussione quelle che erano le teorie consolidate dell’archeologia convenzionale ed ufficiale, e noi sappiamo quanto sia difficile andare controcorrente a quello che è il pensiero ufficiale, basta vedere ad esempio le balle raccontateci sull'antico Egitto.
Padre Crespi si era reso conto che quei manufatti presentavano analogie con l’iconografia delle antiche civiltà mesopotamiche. Cioè aveva trovato il collegamento, l'anello mancante, tra culture sviluppatesi su versanti opposti del pianeta! Lui era convinto che le lamine e le placche d’oro indicassero senza ombra di dubbio che il mondo antico medio-orientale antecedente al diluvio universale fosse in contatto con le civiltà che si erano sviluppate nel Nuovo Mondo, già presenti in America a partire da sessanta millenni fa! E' chiaro che si sia fatto di tutto per screditarlo, per ridurlo al silenzio anche facendo sparire, per fortuna non tutti, i reperti che gli erano stati donati.
Nel titolo della discussione che avevo aperto e che è stata chiusa dallo zelante moderatore parlavo di "La Cueva de Los Tayos ovvero La Storia dell'umanità" perchè su quelle tavole è raccontata la storia della Terra e dell'Uomo sulla Terra e non è un caso che in questi posti che parlano della nostra Storia compaia sempre, come in Antartide, Neil Armstrong...l'uomo che per primo pose piede sulla Luna, colui che vide quello che "non doveva vedere" e che da allora ha cercato sulla Terra le testimonianze delle antiche civiltà extraterrestri.

p.s.:Una curiosità di cui forse neanche il mio amico Andrea è a conoscenza, gli abitanti di Cuenca chiamano così quella grotta perchè nella sua profondità vive una specie di uccelli che per l'oscurità della grotta sono semi ciechi, i tayos appunto. [;)]


Si amico Nok, los tayos, uccelleti carucci e magici.
Tra l'altro Kintor e' responsabile della fauna volatile della Terra...



_________________
blog: http://www.oannes.myblog.it
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 08/12/2019, 05:52
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org