Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 46 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio

Ufetto
Ufetto

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 80
Iscritto il: 01/04/2009, 22:17
Località:
 Oggetto del messaggio: La censura di Emilio Salsi sul sito di M Pesce
MessaggioInviato: 06/04/2011, 23:12 
Nell'impossibilità di intervenire nel forum di Cristianesimo primitivo per i noti fatti che hanno portato alla sua non sappiamo se temporanea o totale sospensione, su invito di Zio OT e dello stesso Emilio Salsi posto il testo destinato all'altro forum.

La pagina che ha attratto la mia attenzione e che mi ha indotto alle riflessioni che ho scritte è la seguente:

http://cristianesimoprimitivo.forumfree.it/?t=53827071
messaggio delle 15:21


Cita:
MsNifelheim, il 9/2/2011, 15:21 ha scritto:

Cita:
barionu, il 9/2/2011, 13:56 ha scritto:

Che barba !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! -_-

Gruppi di studio sul net ce ne sono tanti.

Ad esempio , su questo forum , è presente il gruppo barionu, di cui sono il portavoce , e di cui :

http://cristianesimoprimitivo.forumfree.it/?t=49092352

http://cristianesimoprimitivo.forumfree.it/?t=49704802

http://cristianesimoprimitivo.forumfree.it/?t=48579030

è un esempio operativo

E' la solita storia , se le ricerche dei " dilettanti " sono contro l' ortodossia , sono dei " dilettanti " ,,,,

se invece sono consoni e avallanti all' ortodossia sono seri studi di studiosi da prendere in considerazione. :shifty:

Posso aggiungere che Mauro Pesce è un attento lettore dei miei topic ( vedi F.B. ).


zio ot



No, semplicemente è questione di seguire i criteri della storiografia, della critica testuale e delle pubblicazioni scientifiche. Cosa che spesso e volentieri è carente nelle pubblicazioni dei dilettanti.
Personalmente mi sono occupato di ricerca - ovviamente non nel settore storico, ma in ambito scientifico - e mi chiedo come sia possibile anche solo pensare di intraprendere un percorso di ricerca senza delle basi consolidate e una conoscenza del metodo da utilizzare. Senza determinati presupposti si va letteralmente allo sbaraglio, i risultati sono inconsistenti e tutto si riduce ad essere una perdita di tempo e di risorse.
Poi è inutile girarci attorno, stiamo parlando di metodi alternativi oltretutto applicati da personaggi aventi intenti dichiaratamente anticlericali. Il problema - e non è cosa da poco - la metodologia che tanto criticate è figlia del sapere scientifico, utilizza metodi di indagine razionali e soprattutto - caratteristica importantissima - lo storico si pone - o cerca di porsi - in maniera neutrale, analizzando i dati in ingresso e formulando una teoria che sia in grado di spiegare in maniera congrua i dati a disposizione.

Posso infine aggiungere che Mauro Pesce, per quanto possa essere un attento lettore dei tuoi topic ha anche espresso una sua opinione circa gli studi di Salsi nel suo stesso sito, e sicuramente non era un commento di elogio. (grassetto mio)
Ma tant'è, in fondo il fine di questi libri non è tanto la ricerca storica in sè, quanto quello di far crollare la chiesa. (grassetto mio) Forse sarebbe il caso di cambiare target, magari scrivendo più sulle porcherie della chiesa moderna, che improvvisarsi storici senza nemmeno conoscere le nozioni di base.


[color=black]Iron Iko scrive

A distanza di qualche anno dalla mia partecipazione attiva a questo forum prendo la parola per dovere di cronaca e di testimonianza a proposito della frase citata in grassetto che riguarda lo studioso Emilio Salsi.
Sappia il forumista che Emilio Salsi non è un dilettante, sebbene a mio avviso questo termine non ha nulla di negativo, perché ciò che conta è il valore e la qualità dei risultati e non il cursus honoris o il titolo che qualcuno ha assegnato alla persona che se ne fregia. Dico che per me non è un dilettante perché so con certezza che ha dedicato lunghi anni di duro e appassionato lavoro di ricerca. Questa, partita dalla storia dell’antica Roma, si è poi estesa alle vicende inerenti le origini del cristianesimo. Salsi ha studiato oltre agli scritti testamentari anche i vangeli apocrifi, ma soprattutto le fonti storiche: Tacito, Svetonio, Giuseppe Flavio, Cassio Dione, eccetera, nonché gli scritti apologetici, Eusebio di Cesarea in primis. La capacità di Salsi di stabilire confronti, correlazioni e interconnessioni e di mettere in risalto incongruenze e contraddizioni lascia senza parola non solo un semplice appassionato come me, ma anche studiosi di grosso calibro. E io ne ho la prova. So di un noto e affermato accademico, spesso citato in questo forum…, che si è complimentato con lui ma solo nella corrispondenza privata (ho letto la mail), salvo però tacere il riconoscimento pubblico del merito.

Ma il motivo principale del mio intervento sta nel portare all’attenzione non solo di MsNifelheim ma di tutti i lettori il grave problema della censura che i mass media e il mondo accademico operano su tutto ciò che mette in seria discussione la veridicità storica del cristianesimo e dei suoi attori principali.
Infatti…
Tempo fa entrai nel sito del professor Mauro Pesce dove l’illustre accademico cura una rubrica intitolata “Mauro Pesce risponde”. Qui, un lettore pone una domanda su Giovanni di Gamla. Trascrivo letteralmente lo scambio tra il lettore e il professore.[/color]

<<Giovanni di Gamala non è il vero Gesù storico.
Salve Prof. Pesce, mi chiamo Andrew.
Le scrivo per sapere cosa ne pensa delle teorie di Emilio Salsi, Giancarlo Tranfo etc. su Giovanni di Gamala che sarebbe il vero Gesù storico.


Mauro pesce risponde:

Pur rispettando le loro persone penso che si tratti di lavori non fondati storicamente
Mauro Pesce >>


Il prof. Pesce liquida con un solo rigo l’interesse di un lettore sulle tesi di Salsi e Tranfo, “pur rispettando le loro persone” . Strano… molto strano…
Così informo Emilio Salsi il quale scrive, attraverso la mia postazione remota (per motivi di difficoltà tecnica) rispondendo a Mauro Pesce e al lettore con il seguente messaggio:


<<Esimio professore Mauro Pesce, egregio signor Andrew,
essendo stato chiamato in causa mi sento obbligato ad intervenire direttamente.
Definire “teorie” i miei studi, liquidando in due righe anni dediti alla ricerca, è errato e fuorviante nei confronti di chiunque, interessato al “Cristo storico”, abbia occasione di leggerle.
Tengo a precisare che la formazione culturale personale mi avrebbe impedito di pubblicare analisi critiche sui documenti neotestamentari, quindi sulla dottrina cristiana, basate su inutili ipotesi o convinzioni presupposte.
Affermare che “Gesù Cristo”, “Apostoli”, “Maria Vergine” e “san Giuseppe” non sono mai esistiti significa contraddire anche la religione islamica ed ebraica e sono consapevole di mettermi contro un potere politico-religioso enorme.
Tuttavia ho ritenuto doveroso farlo quando - dopo aver accertato molte falsificazioni contenute nei “sacri testi” finalizzate a creare gli involucri teologici incarnati nei personaggi citati, una volta scoperta anche la contraffazione della data di una carestia riportata in “Antichità Giudaiche” di Giuseppe Flavio ripresa in “Atti degli Apostoli” e da “Storia Ecclesiastica” di Eusebio di Cesarea - ho potuto dimostrare il vero collegamento fra le vicende evangeliche e la storia, unitamente alla descrizione della Nazaret dei vangeli che non corrisponde alla città attuale ma a Gàmala, la città di Giuda il Galileo e dei suoi figli i quali avevano lo stesso nome dei fratelli di “Gesù”.
Sì, professor Pesce e signor Andrew, tutto iniziò da un fatto veramente accaduto, di natura esclusivamente giudaica, che spinse ad intervenire l’Impero Romano. E’ una storia che riguarda il lontano passato dei nostri avi la conoscenza del quale è patrimonio di tutta l’umanità.
Prima di dissertare su cosa disse o fece “Gesù”, “Apostoli” ecc., trattandosi di personaggi descritti come autori di gesta tanto straordinarie quanto impossibili, un vero storico ha il compito primario di accertarsi che essi siano veramente esistiti.
Le analisi che mi hanno spinto a pubblicare tali conclusioni sono molte ed impegnative, anche per un insegnante di storia, ma colgo l’occasione per sottoporre alcune sintesi di esse all’attenzione di coloro che, interessati al “Gesù storico”, seguono nel web questa tematica.
Riguardano la veridicità storica dell’esistenza degli Apostoli ad iniziare da Paolo di Tarso, le “Natività” di Matteo e Luca, finte come i due pseudonimi che si dettero gli scribi cristiani che le inventarono, la prova della falsificazione della testimonianza di Tacito su Gesù, nonché Nazaret –Gàmala. Inoltre potrete vedere il filmato televisivo del dibattito fra me ed il sacerdote esegeta Gianluigi Pasquale, Preside dello Studio Teologico Laurentianum, per verificare l’impossibilità della Chiesa ad affrontare ed approfondire la critica storica scientifica applicata agli scritti neotestamentari quale metodo fondamentale per la ricerca sulle origini del Cristianesimo come dimostrato dal “forfait” dichiarato, successivamente, dal teologo sul confronto incentrato sull’esistenza di san Paolo come uomo, nonostante l’impegno assunto pubblicamente.
Ecco i link:
http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=78
http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=77
http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=44
http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=79
http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=45
Emilio Salsi - Massarosa 12 Set. 2010 >>


Nella stessa circostanza, avendo letto una interessante risposta del professor Pesce sulla questione dell’esposizione del simbolo del crocifisso (che peraltro mi trovava d’accordo), approfittai io per porgli la seguente domanda:
<<gentile Professore, in una punto della risposta dal titolo" La croce nelle scuole e un'identità contro gli altri" lei dichiara "Gesù è stato messo a morte dai romani con il supplizio della croce...". Questa affermazione assolutamente lineare, non ha nulla di scontato. Secondo la Chiesa e come recita il Credo, Gesù morì SOTTO Ponzio Pilato e non per mano di questi. Secondo quanto contenuto nei Vangeli e soprattutto nelle lettere paoline il vero carnefice di Cristo fu il popolo ebraico. Ma allora, se lei sostiene, diversamente da S.M. Chiesa, che ci fu una condanna romana, la motivazione della sentenza non poteva che essere politica. Infatti i Romani se ne infischiavano di altre beghe, specie di natura religiosa, sulle quali lasciavano che se la sbrigasse il Sinedrio. Se non fu quindi la pratica della stregoneria, ossia i miracoli, il capo d'imputazione, non resta che prendere in considerazione l'intervento nel tempio contro i mercanti. Le chiedo: un uomo armato di una cordicella, con al seguito una dozzina di miti apostoli ex pescatori a chi avrebbe messo paura? Lei sa bene che il tempio di Gerusalemme era il luogo di culto più presidiato del Medio Oriente, specie in occasione delle festività, allorché il servizio d'ordine (guardie del tempio e militari romani) veniva allertato a causa dell'enorme afflusso di pellegrini. Un uomo che avesse fatto quanto raccontato in Mc e Gv sarebbe stato neutralizzato bonariamente dai preposti alla sorveglianza e gli sarebbe stato offerto da bere perché considerato un povero comune esagitato, assolutamente inoffensivo. Allora perché non leggere l'episodio della "cacciata dei mercanti" con i tavoli dei cambiavalute e dei venditori di oggetti di culto rovesciati e buttati per aria per quello che è stato realmente? Perché non si dice che quello fu un assalto della guerriglia nazionalista antiromana? La crocifissione (senza processo!) ne fu la naturale conseguenza per l'amministrazione imperiale che non avrebbe mai tollerato che un locale si proclamasse o si facesse proclamare re senza il placet di Cesare.
Con i miei rispett
i>>


Siamo al settembre 2010. A tutt’oggi IL PROF. MAURO PESCE NON HA RISPOSTO NE’ A EMILIO SALSI NE’ A ME.

Abbiamo così constatato la censura diretta sul messaggio di Salsi da parte del prof. Pesce sul suo sito, sebbene questi l’avesse in precedenza nominato. Anche la mia mail è stata censurata, forse perché diceva cose troppo vicine al pensiero di Salsi o forse solo perché inviata dalla stessa postazione.
Ma oltre a questa amara e ahimé non nuova constatazione, vorrei aggiungere alcune osservazioni.

Scopo di Emilio Salsi e di chi condivide le sue tesi e apprezza i risultati dei suoi studi non è lo scoop sensazionalistico, non è l’annuncio di un controkerigma, bensì quello di entrare a pieno titolo nella discussione aperta e leale, come si conviene in un contesto democratico e pluralistico, sulle origini storiche del cristianesimo e sulla storicità dei racconti evangelici e protocristiani. Salsi, per impostazione metodologica e per carattere, chiede solo un tavolo di confronto storico scientifico con persone qualificate e intellettualmente oneste, ma che sia un tavolo pubblico, con porte aperte alla confutazione ragionata e documentata. Se le tesi di cui si fa portavoce dovessero essere tecnicamente smentite con prove alla mano, lui – e molti con lui me compreso – sarebbe ben felice di rivedere le sue posizioni e ringrazierebbe chi fosse capace di fare ciò.

Non c’è nessun secondo fine, nessun piano diabolico contro la Chiesa e i suoi apparati: questo atteggiamento visionario non fa parte di nessuno di noi cosiddetti Arpiolidi. Ciò che ci sta a cuore è la consegna, alle generazioni future, di conoscenze storiche su quel tormentato periodo e in quella tormentata terra di Palestina basate su…. la Storia e basta, e se per far ciò si è (purtroppo per i credenti) costretti a dire cose che stravolgono i capisaldi di una religione basata su un dio che si è calato nella storia, questo non è un problema che riguarda la scienza e la ricerca critica e che né può tantomeno frenare o fuorviare l’impegno dei ricercatori onesti.
Se tra questi vi sono coloro che soffrono il lacerante "conflitto d’interessi con la Storia"…. beh, deontologia vuole che declinino l’incarico.

Infine,vorrei invitare tutti coloro che hanno espresso giudizi su Emilio Salsi, a leggere i suoi studi prima di dire qualcosa. Infatti scorrendo le pagine di questo forum dove compare il nome di Salsi si capisce bene che il giudizio, negativo, è in realtà un pregiudizio. L’iscritto non dimostra mai di aver letto, men che meno con attenzione, i suoi studi. A parte una breve diatriba con Hard Rain su Gamala e qualcos’altro, nessuno dei detrattori di Salsi è mai entrato in argomento.

Sulla Natività stiamo ancora aspettando che qualche studioso si faccia avanti a dimostrare che ci fu un censimento fatto da Quirinio (o anche da qualcun altro) sotto Erode il Grande.

Stiamo cercando di capire perché il fatto che Ponzio Pilato sia stato Prefetto e non Procuratore molti lo ritengono “irrilevante”, se Salsi spiega l’importanza di questo “strano errore” di Tacito.

Perché Luca fa dire quell’assurdità anacronistica a Gamaliele su Theuda? Salsi spiega bene tutto, ma nessuno che voglia smentirlo con argomenti probanti.

“Giacomo fratello di Gesù”: tutto spiegato perché la presenza in Ant Giud di Giuseppe Flavio di quest’unico e solo atto del Sinedrio, in un arco temporale dove lo storico ebreo pare che perda la memoria e si scordi di registrare tanti altri atti.

Paolo Saulo può essere stato protagonista di quei fatti che lo relazionano a personalità e a istituzioni romane e giudaiche? Salsi, conoscitore profondo delle leggi romane vigenti nelle province dell’Impero, ci spiega perché non è possibile e fin’ora non ho letto nessuna confutazione.

Gl’interrogativi che dovrebbero sorgere a chi si accosta agli studi di Salsi sono molti e molto stimolanti. Ma per essere stimolati bisogna realmente leggerli. Allora mi permetto di riportare almeno i links dei principali argomenti che si trovano in rete.

Sulla verifica storica dell’esistenza degli Apostoli: http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=78

Sulla figura inventata di San Paolo: http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=77

Sull’inesistente Giacomo il Minore: http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=79

Su Nazaret-Gamla: http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=43

Sulla metamorfosi degli Zeloti di Gamla in santi apostoli: http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=58

Sulle due natività: http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=44

Sui falsi martiri cristiani sotto Nerone: http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=45

Sulla carestia di quegli anni: http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=56

Sugli attributi divini “Gesù” e “Cristo”: http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=57

Esisteva il Portico di Salomone sotto Erode Agrippa I, quando alla sua ombra gli Apostoli compivano miracoli più prodigiosi del loro Maestro? No. http://www.vangeliestoria.eu/argomento.php?id=59


Ripariamoci tutti sotto il Portico di Zio OT e andiamo avanti: il tempo e la costanza dell'impegno di tutti ci sono alleati

Un saluto di cuore

Ferruccio


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 9285
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/04/2011, 23:36 
E stiamo parlando dello studioso italiano più aperto all' innovazione e al dialogo

con le nuove correnti di studio sul Cristo Storico.

Confermo che su FB ogni tanto io e Pesce ci scriviamo , e tempo fa mi da detto di seguire con grande interesse i miei studi di filologia ebraica.

Ma le note di Emilio Salsi lo mettono in evidente imbarazzo .

Iron, più che portico , questa è

UNA BASE MILITARE .


E STA PER SUONARE L' ADUNATA GENERALE .


zio ot


Ultima modifica di barionu il 06/04/2011, 23:39, modificato 1 volta in totale.


_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Ufetto
Ufetto

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 80
Iscritto il: 01/04/2009, 22:17
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 07/04/2011, 00:42 
Cita:
barionu ha scritto:

E stiamo parlando dello studioso italiano più aperto all' innovazione e al dialogo

con le nuove correnti di studio sul Cristo Storico.

Confermo che su FB ogni tanto io e Pesce ci scriviamo , e tempo fa mi da detto di seguire con grande interesse i miei studi di filologia ebraica.

Ma le note di Emilio Salsi lo mettono in evidente imbarazzo .

Iron, più che portico , questa è

UNA BASE MILITARE .


E STA PER SUONARE L' ADUNATA GENERALE .


zio ot


Allora se hai questa "entratura" col prof, fai in modo che legga questa nota, signor Capitano [^]


Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 251
Iscritto il: 16/09/2009, 17:48
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 07/04/2011, 14:35 
Ho letto le sue opere,e ritengo il sig Mauro Pesce uno storico colto e competente;ma non credo che lui o altri storici come lui avranno il coraggio di ammettere che Emilio Salsi in certe faccende,diciamo cosi',e arriva un pochino prima di loro.

Un saluto


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 9285
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 07/04/2011, 14:41 
Cita:
leviatan ha scritto:

Ho letto le sue opere,e ritengo il sig Mauro Pesce uno storico colto e competente;ma non credo che lui o altri storici come lui avranno il coraggio di ammettere che Emilio Salsi in certe faccende,diciamo cosi',e arriva un pochino prima di loro.

Un saluto


Infatti , da un breve scambio che ho avuto con il prof Pesce in FB tramite mp , ho appurato che il post di Iron e gli studi di Salsi li ha letti eccomeee !!!!

Ma scottano troppo ...


zio t [;)]



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 251
Iscritto il: 16/09/2009, 17:48
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 07/04/2011, 15:48 
Tutto sommato un Gesu’storico ,profondamente ebraico,magari come personaggio marginale,pio,persino incapace di compiere miracoli,condannato a morte dai romani e dai potenti di Gerusalemme potrebbe andare bene a santa madre chiesa,a denti stretti potrebbe persino tollerarlo e tollerare chi lo ipotizza.Ma Gesu-Giovanni di Gamala mai!! Nei confronti di tali assertori la chiesa reagita’ sempre con violenza,e questo puo’ mettere paura perché’e conosciamo benissimo dove l’odio e la violenza di chi difende certi privilegi conduce !!!
E perche tanto odio contro studi come quello su Giovanni di Gamala?
Perche mentre sul primo Gesu’,quello di cui sopra e’ possibile operare metamorfosi e trasformarlo in men che non si dica in profeta,messia e poi servo sofferente e’ facile; col secondo ,ovvero Giovanni di Gamala il giochetto non lo si puo’ proprio fare!!
Da questo punto di vista ,ovvero del Gesu’ rivoluzionario armato,pretendente al trono di Israele lo storico Remo Cacitti , se ho ben interpretato il suo pensiero,non e’ molto lontano!
Lo si comprende leggendo la pag 70 del suo libro Inchiesta Sul Cristianesimo,quando facendo riferimento ad Antiochia I secolo ,e al suffisso latino ianos(cristianos) e non cristei (in greco) come ci si sarebbe aspettato, lasci intendere che tale nome fosse stato messo dai romani per designare un gruppo di reazionari .
Da cio’ il passo e’ breve per concludere l’origine reazionaria e antiromana dell’ispiratore e capo ormai deceduto di questi gruppi,ovvero Gesu’!!
Se cosi’ stanno le cose,caro Barionu;dovremmo concludere che lo storico Cacitti e’ una mente molto piu’ aperta di Mauro Pesce.


Un saluto


Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 394
Iscritto il: 08/10/2009, 13:04
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 07/04/2011, 16:52 
[size=125]Il Gesù storico di Emilio Salsi:
[??gli studi di Salsi li ha letti eccomeee??]

Non sarebbe il caso che qui entrasse in campo, oltre che la cattedra intellettuale, l’”ETICA” della cattedra intellettuale. Siccome il terreno scotta, lasciamo che tutte le falsità inculcateci veleggino ancora nei cervelli dei popoli ancora per secoli.
Non c’è più l’inquisizione eppure il coraggio manca a coloro che dovrebbero insegnare la STORIA con la S maiuscola.
Un docente universitario, quando appura certe risultanze,
ha l'obbligo di insegnare ai suoi studenti la verità, e non tacerla.
Ma si preferisce vivacchiare nell’ARCA-religio, dove l’ETICA non è stata mai di casa. Cecco
[/size]


Top
 Profilo  
 

Ufetto
Ufetto

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 80
Iscritto il: 01/04/2009, 22:17
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 07/04/2011, 21:59 
Cita:
leviatan ha scritto:

Tutto sommato un Gesu’storico ,profondamente ebraico,magari come personaggio marginale,pio,persino incapace di compiere miracoli,condannato a morte dai romani e dai potenti di Gerusalemme potrebbe andare bene a santa madre chiesa,a denti stretti potrebbe persino tollerarlo e tollerare chi lo ipotizza.Ma Gesu-Giovanni di Gamala mai!! Nei confronti di tali assertori la chiesa reagita’ sempre con violenza,e questo puo’ mettere paura perché’e conosciamo benissimo dove l’odio e la violenza di chi difende certi privilegi conduce !!!
E perche tanto odio contro studi come quello su Giovanni di Gamala?
Perche mentre sul primo Gesu’,quello di cui sopra e’ possibile operare metamorfosi e trasformarlo in men che non si dica in profeta,messia e poi servo sofferente e’ facile; col secondo ,ovvero Giovanni di Gamala il giochetto non lo si puo’ proprio fare!!
Da questo punto di vista ,ovvero del Gesu’ rivoluzionario armato,pretendente al trono di Israele lo storico Remo Cacitti , se ho ben interpretato il suo pensiero,non e’ molto lontano!
Lo si comprende leggendo la pag 70 del suo libro Inchiesta Sul Cristianesimo,quando facendo riferimento ad Antiochia I secolo ,e al suffisso latino ianos(cristianos) e non cristei (in greco) come ci si sarebbe aspettato, lasci intendere che tale nome fosse stato messo dai romani per designare un gruppo di reazionari .
Da cio’ il passo e’ breve per concludere l’origine reazionaria e antiromana dell’ispiratore e capo ormai deceduto di questi gruppi,ovvero Gesu’!!
Se cosi’ stanno le cose,caro Barionu;dovremmo concludere che lo storico Cacitti e’ una mente molto piu’ aperta di Mauro Pesce.




Quoto, Leviatan. Osservazione molto pertinente.
Però attenzione a non commettere lo stesso frequente errore che commettono i difensori della gesuanità che io definisco "molle", ossia quel modello ebreo marginale più o meno vicino al Gesù evangelico predicato da santa madre chiesa.

L'errore è di ridurre tutto l'assetto degli studi di Salsi a una reinterpretazione della figura di Gesù come combattente zelota: quello che io definisco il Gesù "duro". Niente di più sbagliato.

Spesso, quando parlo a gente poco ferrata dell'argomento, mi cadono le braccia sentendomi dire: "allora Gesù era un rivoluzionario?".
- Noooo! -

Il Cristianesimo nacque come religione ebraica riformata, basata su concetti opposti a quelli del messianismo dell'attesa, come religione realmente intrisa di contenuti pacifici, che esortano al perdono e alla tolleranza, ma anche alla sopportazione delle avversità della vita, ivi compresa la sottomissione alla dura lex. Il combattente asmoneo zelota antiromano non è la giusta individuazione del Gesù storico bensì quel personaggio dissabbiato dalla coltre delle falsificazioni, ricucito dei tagli e ridato alla storia. Una figura che, avendo avuto una sua epopea in un arco limitato di tempo e in una regione limitata dell'impero, meglio si prestò a essere utilizzata per raccontare alcune gesta del costruendo Cristo paolino: il fatto di essere un rabbi, di avere dei seguaci (fratelli-discepoli) che lo seguivano in una missione molto delicata, di sperare e far sperare in un affrancamento degli umili e dei sottomessi, di diventare messia, di morire da eroe sulla croce. Quest'uomo era realmente esistito e le cronache del tempo avevano sicuramente parlato di lui, non sappiamo in che modo, alcune esaltandone le gesta, altre forse in termini di delusione. Comunque sia era stato un uomo in carne ed ossa. La sua esistenza terrena, certa e raccontata, doveva servire a spiazzare tutti gli altri cristianismi in competizione che volevano un salvatore fatto di puro spirito o che dell'uomo avesse solo le apparenze. Ma per far ciò bisognava "potare" tutte le appendici spinose: far sparire i connotati rivoluzionari e mettergli in bocca le sante parole della migliore antica tradizione spiritualista egizia e indo-iranica raccattate qua e là, fatte apparire come inedite e "rivoluzionarie", nel senso nonviolento del termine, come spesso si sente dire.

A presto
I.I.


Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 334
Iscritto il: 11/09/2009, 05:56
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 08/04/2011, 22:28 
Inserisci Immagine:
Immagine


Cita:
L'egregio Signor Iron Iko scrive:

Scopo di Emilio Salsi e di chi condivide le sue tesi e apprezza i risultati dei suoi studi non è lo scoop sensazionalistico, non è l’annuncio di un controkerigma, bensì quello di entrare a pieno titolo nella discussione aperta e leale, come si conviene in un contesto democratico e pluralistico, sulle origini storiche del cristianesimo e sulla storicità dei racconti evangelici e protocristiani. Salsi, per impostazione metodologica e per carattere, chiede solo un tavolo di confronto storico scientifico con persone qualificate e intellettualmente oneste, ma che sia un tavolo pubblico, con porte aperte alla confutazione ragionata e documentata. Se le tesi di cui si fa portavoce dovessero essere tecnicamente smentite con prove alla mano, lui – e molti con lui me compreso – sarebbe ben felice di rivedere le sue posizioni e ringrazierebbe chi fosse capace di fare ciò.



Grazie per queste bellissime parole, così immense che non serve aggiungerne delle altre.


Un caro saluto a tutti.


Ultima modifica di Giovanni dalla Teva il 08/04/2011, 22:37, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 8
Iscritto il: 10/09/2009, 11:50
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 09/04/2011, 02:09 
La dice lunga il silenzio di Pesce riguardo l'intervento di Salsi,le cui tesi sono basate su un'analisi rigorosa della Storia e dei testi sacri.
Le conclusioni a cui giunge Salsi sono semplicemente devastanti e solo un cieco potrebbe negare l'evidenza che emerge dalla sua analisi.
La mia idea è che tali "professori" come il sig. Pesce si nascondano dietro tanti titoli accademici e onoreficenze,ma alla fin dei conti quando bisogna scendere in campo davanti all'evidenza dei fatti si mostran per quel che sono...

E il papa nel suo ultimo libro si sente in dovere di precisare che Gesù non era uno zelota...ma il bonaccione figlio di dio venuto a riscattarci.
Che le tesi arpiolidi comincino a scuotere la grande piovra vaticana?

Un saluto a tutti.
Deicida.



_________________
http://www.deicida.splinder.com/


Eravamo assetati di lampi e d'azioni,restammo lontanissimi dalla felicità,dalla "rassegnazione"...una tempesta era nella nostra aria,la natura,che noi siamo,si andava ottenebrando - giacchè non avevamo alcuna via.
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4389
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 09/04/2011, 02:23 
Cita:
Iperboreo ha scritto:


Che le tesi arpiolidi comincino a scuotere la grande piovra vaticana?


Già! [;)]





Immagine



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 9285
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 09/04/2011, 14:07 
Cita:
Iperboreo ha scritto:

La dice lunga il silenzio di Pesce riguardo l'intervento di Salsi,le cui tesi sono basate su un'analisi rigorosa della Storia e dei testi sacri.
Le conclusioni a cui giunge Salsi sono semplicemente devastanti e solo un cieco potrebbe negare l'evidenza che emerge dalla sua analisi.
La mia idea è che tali "professori" come il sig. Pesce si nascondano dietro tanti titoli accademici e onoreficenze,ma alla fin dei conti quando bisogna scendere in campo davanti all'evidenza dei fatti si mostran per quel che sono...

E il papa nel suo ultimo libro si sente in dovere di precisare che Gesù non era uno zelota...ma il bonaccione figlio di dio venuto a riscattarci.
Che le tesi arpiolidi comincino a scuotere la grande piovra vaticana?

Un saluto a tutti.
Deicida.



Intanto , un caloroso BENTORNATO !!!! a Fabio !

Immagino tu sappia degli ultimi avvenimenti ...


zio ot [;)]



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 8
Iscritto il: 10/09/2009, 11:50
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 09/04/2011, 15:37 
Caro zio Ot/Barionu è un piacere risentirvi;purtroppo con l'università il tempo per intervenire sui forum è calato a zero,quindi posso permettermi qualche sporadico intervento...sicuramente non potevo tacere sull'ultimo fatto di Salsi.

Ne approfitto per salutare anche Giovanni Dalla Teva che non sentivo da un pezzo!



_________________
http://www.deicida.splinder.com/


Eravamo assetati di lampi e d'azioni,restammo lontanissimi dalla felicità,dalla "rassegnazione"...una tempesta era nella nostra aria,la natura,che noi siamo,si andava ottenebrando - giacchè non avevamo alcuna via.
Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 251
Iscritto il: 16/09/2009, 17:48
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 09/04/2011, 16:23 
Cita:
barionu ha scritto:

Cita:
Iperboreo ha scritto:

La dice lunga il silenzio di Pesce riguardo l'intervento di Salsi,le cui tesi sono basate su un'analisi rigorosa della Storia e dei testi sacri.
Le conclusioni a cui giunge Salsi sono semplicemente devastanti e solo un cieco potrebbe negare l'evidenza che emerge dalla sua analisi.
La mia idea è che tali "professori" come il sig. Pesce si nascondano dietro tanti titoli accademici e onoreficenze,ma alla fin dei conti quando bisogna scendere in campo davanti all'evidenza dei fatti si mostran per quel che sono...

E il papa nel suo ultimo libro si sente in dovere di precisare che Gesù non era uno zelota...ma il bonaccione figlio di dio venuto a riscattarci.
Che le tesi arpiolidi comincino a scuotere la grande piovra vaticana?

Un saluto a tutti.
Deicida.



Intanto , un caloroso BENTORNATO !!!! a Fabio !

Immagino tu sappia degli ultimi avvenimenti ...


zio ot [;)]




Mi associo !!


Ultima modifica di leviatan il 09/04/2011, 16:24, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 251
Iscritto il: 16/09/2009, 17:48
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 09/04/2011, 16:47 
Il Vatica_ano a troppi soldi e troppi dipendenti per sentirsi scosso dagli arpiolidi.Ha politici compiacenti,televisioni,banche,ospedali,giornali,e storici incompetenti!!Bisogna avere pazienza,il giorno tardera' ad arrivare:denedetti tutti coloro che potranno assaporare quel giorno!!

Per adesso continuiamo a punzecchiarli e a disturbare il loro sonno!!!

ZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZ.......ZZZZZZ......ZZZZZZZZZZZZZZZZ


Ridiamo ,va!

PS
Caro Barionu,se ti intessa il mio nick,intendo l'altro ,te lo vendo a un prezzo stracciato,cosi potrai continuare a pungere di brutto,dall'altra parte!Comprendimi!


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 46 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 22/11/2019, 14:37
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org