Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 361 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 21, 22, 23, 24, 25  Prossimo
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6953
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 12/01/2023, 22:42 
Scoperto in Svezia il più grande giacimento di terre rare dell'Ue
Si stima contenga più di un milione di tonnellate di questo metallo


È stato scoperto in Svezia il "più grande giacimento conosciuto in Europa" di terre rare.

Lo annuncia un gruppo minerario.

Il gruppo minerario svedese LKAB ha annunciato di aver individuato il "più grande giacimento conosciuto in Europa" di elementi di terre rare nella regione di Kiruna, nel nord della Svezia, che si stima contenga più di un milione di tonnellate di questo metallo. "Questo è il più grande giacimento di terre rare conosciuto nella nostra parte del mondo e potrebbe diventare un importante tassello per la produzione di materie prime critiche, assolutamente cruciali per la transizione verde", ha dichiarato in un comunicato l'amministratore delegato del gruppo statale Jan Moström.


https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/ ... c3b32.html


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 22312
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 15/01/2023, 13:47 
Per quanto grande è una frazione dei giacimenti veramente GRANDI e sarà sfruttabile in non meno di 15 anni ^_^



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6953
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 26/01/2023, 22:49 
L’inquietante crollo delle pale eoliche in tutto il mondo
Cosa sta accadendo alle turbine eoliche di Stati Uniti ed Europa? Perché stanno crollando come soldatini di plastica in una guerra fantasma?



E’ inquitante quanto sta accadendo alle pale eoliche di Stati Uniti ed Europa. Anche quelle più alte della Statua della Libertà stanno cadendo come soldatini di plastica in una guerra invisibile. I guasti di torri e lame stanno tormentando i produttori dagli USA alle coste europee.

In una tranquilla giornata di sole dello scorso giugno, Mike Willey stava dando da mangiare al suo bestiame quando ha ricevuto una telefonata. Come riporta Bloomberg, un automobilista aveva riferito che una delle enormi turbine di un vicino parco eolico era crollata drammaticamente. Willey, capo dei vigili del fuoco volontari ad Ames, 90 miglia a nord-ovest di Oklahoma City, ha deciso di ispezionare la scena. Si è trovato così di fronte alla torre d’acciaio, che un tempo era alta centinaia di piedi, piegata a metà. Le pale della turbina, la cui rotazione portava la macchina più in alto della Statua della Libertà, erano divaricate sul campo di grano sottostante. E non si trattava di una vecchia turbina: prodotta dalla General Electric Co., era in funzione da meno di un anno.

Un’altra turbina dello stesso modello è crollata in Colorado pochi giorni dopo. L’operatore di quel parco eolico, NextEra Energy Inc., ha attribuito l’incidente a un difetto della pala. Ma un portavoce ha rifiutato di dire cosa sia andato storto in entrambi i casi.
Malfunzionamenti delle turbine eoliche

I casi fanno parte di una serie di recenti malfunzionamenti delle turbine eoliche negli Stati Uniti e in Europa, che vanno dai guasti dei componenti chiave ai crolli completi. Esperti del settore affermano che si verificano sempre più spesso, sebbene si limitino ad una piccola parte delle macchine installate. I problemi hanno aggiunto centinaia di milioni di dollari di costi per i tre maggiori produttori di turbine occidentali, GE, Vestas Wind Systems e l’unità Siemens Gamesa di Siemens Energy.

Ad essere additata tra le principali cause del fenomeno, secondo gli esperti, è la corsa per aggiungere linee di produzione per turbine sempre più grandi. “Stiamo assistendo a questi guasti che si verificano in un lasso di tempo più breve sulle turbine più recenti, e questo è abbastanza preoccupante“. Lo ha spiegato Fraser McLachlan, amministratore delegato della GCube Underwriting Ltd. con sede a Londra.

Le aziende si stanno concentrando sul miglioramento delle operazioni di produzione. Hanno anche riconosciuto che è giunto il momento di frenare l’introduzione dei progetti. “La rapida innovazione mette a dura prova la produzione e la catena di fornitura più ampia“, ha dichiarato il CEO di GE Larry Culp in una conferenza sugli utili a ottobre. “Ci vuole tempo per stabilizzare la produzione e la qualità di questi nuovi prodotti“.
Mancanza di dati sui guasti

Non ci sono dati pubblicamente disponibili a livello di settore sui guasti alle turbine. E questo rende difficile tracciare un quadro completo dei cambiamenti delle prestazioni nel tempo. Vestas e GE hanno affermato che le quote delle loro macchine sul campo che non sono in grado di produrre energia sono elevate. Ma si tratta comunque ancora di una piccola percentuale delle loro flotte installate.

Poiché i parchi eolici spesso generano energia da decine di turbine in un sito, possono continuare a produrre elettricità anche se una o più macchine si guastano, limitando le ricadute. Tuttavia, esempi di macchine che ‘collassano’ o si guastano hanno attirato l’attenzione dell’opinione pubblica. Un’enorme turbina alta 784 piedi in Germania è crollata nel settembre 2021. Una nuova grande turbina in Lituania è caduta nel marzo 2022. E una pala si è parzialmente staccata da una in Svezia lo scorso luglio. Orsted A/S, il più grande sviluppatore al mondo di parchi eolici offshore, ha chiesto alle autorità ad aprile di interrompere il traffico marittimo vicino ad alcuni dei suoi siti dopo che le pale sono cadute da una delle sue turbine al largo della costa della Danimarca.
Il costo dei materiali

L’aumento dei costi dei materiali e i problemi della catena di approvvigionamento hanno recentemente compresso i bilanci dei principali produttori. Si è concretizzato dunque il rischio di rallentamento degli investimenti,ostacolando potenzialmente lo sviluppo dell’industria eolica offshore statunitense prima che inizi davvero.

Siemens Gamesa ha riscontrato problemi che hanno portato a modifiche e ritardi di progettazione durante l’aumento della produzione della sua più grande macchina eolica onshore, nota come 5.X. In una dichiarazione, l’azienda ha affermato che sta affrontando la qualità e l’affidabilità dei suoi prodotti al fine di “migliorare la proposta di valore per i clienti“.

I produttori si stanno concentrando sulla produzione di macchine con una migliore affidabilità, su larga scala. In un’intervista, Henrik Andersen, CEO di Vestas, ha affermato che le turbine sono abbastanza grandi per ora e che l’aumento della produzione sarà la sfida chiave del prossimo decennio. Il CEO di Siemens Gamesa, Jochen Eickholt, ha detto agli investitori che la società sta lavorando per aumentare la standardizzazione tra i suoi prodotti, per sfoltire un portafoglio che era diventato troppo ampio.

La pressione per investire in progetti ecologici è così intensa che i timori di guasti non hanno ancora rallentato l’afflusso di denaro nei parchi eolici, afferma Oliver Metcalfe, responsabile della ricerca eolica presso BloombergNEF. Tuttavia, la questione del crollo degli impianti è diventata una preoccupazione per i banchieri e altri creditori. Potrebbero infatti iniziare a richiedere tassi di interesse più elevati. “C’è un’esitazione tra assicuratori e istituti di credito su questi grandi modelli che non sono stati ancora testati“, afferma Metcalfe. “I campanelli d’allarme della tecnologia stanno suonando“.


https://www.meteoweb.eu/2023/01/crollo- ... 001195939/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 11895
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 08/07/2023, 17:10 
------------------

( NUOVO GIOCO )






OGNI 100 LIKE

ARROSTISCI UN NEGRETTO !












-------------



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6953
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 21/07/2023, 22:49 
Scozia: abbattuti 16 milioni di alberi per far posto alle pale eoliche
L'SNP, il partito secessionista al potere, ammette di aver abbattuto 16 milioni di alberi per sviluppare parchi eolici


Il deputato scozzese dei conservatori Liam Kerr ha dichiarato che la cifra avrebbe stupito l’opinione pubblica e che le comunità di tutto il paese hanno espresso preoccupazioni per i progetti. Lo ha fatto lo Scottish National Party, il partito secessionista al potere, e lo ha confessato un ministro. Il quale ha detto anche che la cifra doveva rimanere segreta per non far indignare i cittadini.

Il motivo che si intravvede: quello delle pale eoliche è un immenso business, si intravedono mazzette ai politici per deforestare alberi “inutili” per far soldi con l’eolico: particolarmente lucroso in una Scozia notoriamente molto ventosa. Quasi 16 milioni di alberi sono stati abbattuti su terreni di proprietà pubblica in Scozia per far posto a parchi eolici, ha ammesso un ministro dell’SNP durante un’imponente campagna per erigere più turbine.

Mairi Gougeon, segretario per gli affari rurali, ha stimato che dal 2000 sono stati abbattuti 15,7 milioni di alberi in terreni attualmente gestiti dall’agenzia Forestry and Land Scotland (FLS), l’equivalente di oltre 1.700 al giorno. Ha insistito sul fatto che esisteva una presunzione di pianificazione a favore della protezione dei boschi e che gli sviluppatori di parchi eolici avrebbero dovuto intraprendere “piantagioni compensative altrove”.

Ma Liam Kerr, un deputato conservatore scozzese, ha detto che il pubblico sarebbe rimasto “stupito” dal totale e ha citato le preoccupazioni per gli sviluppi che erano stati sollevati con lui “dalle comunità di tutto il paese”. La Scozia ha già turbine teoricamente in grado di generare 8,4 GW di potenza, ben oltre la metà del totale del Regno Unito , ma i ministri del SNP vogliono aggiungere altri 8-12 GW.
Protezioni per terre selvagge

Il loro ultimo quadro di pianificazione allenta i controlli sulla costruzione di più turbine, annacquando le protezioni per la terra selvaggia incontaminata. Il John Muir Trust, un ente per la conservazione, ha avvertito che la nuova soglia per consentire alle aziende di parchi eolici di costruire turbine su terreni selvaggi è così bassa che sembra impossibile per loro non raggiungerla.

L’obiettivo eolico di SNP include anche la sostituzione delle turbine esistenti che potrebbero essere alla fine della loro vita utile con versioni ancora più alte e più grandi, un processo chiamato “repowering”. All’inizio di quest’anno è emerso che alcuni sviluppatori vogliono erigere turbine alte fino a 850 piedi, l’equivalente di oltre 60 autobus a due piani.

In una lettera al signor Kerr, datata 13 luglio, la signora Gougeon ha affermato che l’equivalente di circa 7.858 ettari di alberi è stato abbattuto per far posto ai parchi eolici dal 2000. Con una media di 2.000 alberi per ettaro, ha affermato: “Questo dà un totale stimato di 15,7 milioni di alberi che sono stati abbattuti per facilitare lo sviluppo del parco eolico”.

Il ministro ha aggiunto: “L’allontanamento dovrebbe essere consentito solo laddove consegua benefici pubblici aggiuntivi significativi e chiaramente definiti. Gli sviluppatori devono fornire piantagioni compensative laddove i boschi vengono rimossi in associazione con lo sviluppo, gli sviluppatori saranno generalmente tenuti a fornire piantagioni compensative al fine di evitare una perdita netta di boschi”.

Ma il signor Kerr, un MSP del nord-est, ha dichiarato: “La maggior parte delle persone sarà stupita nel vedere il numero di alberi abbattuti per far posto ai parchi eolici. Sono stato contattato molte volte dalle comunità rurali di tutto il paese che mi chiedevano l’ubicazione di questi sviluppi, condividendo legittime preoccupazioni non solo sull’impatto visivo ma anche sui danni alla fauna selvatica e agli affari. Ora apprendiamo che ci sono danni significativi quando si tratta di alberi”.


https://www.meteoweb.eu/2023/07/scozia- ... 001275402/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13914
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 21/07/2023, 23:26 
Allora anche gli Scozzesi si sono mafiosizzati.? [:288]
Gli onesti ed operosi "Noddici" incorruttibili?. [:0] [:246] [:305]



_________________
Per liquidare i popoli si comincia con il privarli della memoria.
Si distruggono i loro libri,la loro cultura,la loro storia,
E qualcun'altro scrive loro altri libri,li fornisce un'altra cultura,inventa per loro una storia.
Dopo di che il popolo incomincia lentamente a dimenticare quello che è stato.
E il mondo attorno a lui lo dimentica.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 11895
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 20/11/2023, 11:53 
---------------

AUTO ELETTRICHE IN FIAMME !!!


https://www.facebook.com/fausto.pili3/v ... 4330546438

https://www.youtube.com/watch?v=Ria46aVA7KY

https://www.youtube.com/watch?v=U6ZOBaCBO4E

https://www.youtube.com/watch?v=5r-yN8SugWM



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13914
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 28/11/2023, 11:03 
Dal primo gennaio 2024 il governo Melone con tutta la sua accozzaglia ha deciso la fine del mercato tutelato dell'energia e passare al mercato libero,secondo il governo questo è stato fatto per far risparmiare le industrie e le famiglie (dicono loro).Secondo me non sarà così,saranno agevolate solo tutte le grandi industrie e tutte le nuove società dell'energia libere faranno "Cartello" monopolistico fra loro e pagheranno gli alti costi i soliti; le famiglie le piccole industrie e gli artigiani. [:291]



_________________
Per liquidare i popoli si comincia con il privarli della memoria.
Si distruggono i loro libri,la loro cultura,la loro storia,
E qualcun'altro scrive loro altri libri,li fornisce un'altra cultura,inventa per loro una storia.
Dopo di che il popolo incomincia lentamente a dimenticare quello che è stato.
E il mondo attorno a lui lo dimentica.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 11895
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 05/01/2024, 13:19 
------------------

( NUOVO GIOCO )






OGNI 100 LIKE

ARROSTISCI UN NEGRETTO !





Guarda su youtube.com







-------------



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3353
Iscritto il: 09/07/2012, 10:56
Località: Arcadia
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 05/01/2024, 22:22 
SEMPLICEMENTE !MOSTRUOSO.



_________________
" La Giustizia del Padre
è lenta ed Inesorabile. "
Eugenio Siragusa
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6953
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 10/01/2024, 16:58 
Energia: la crisi in Germania, il nucleare e l’utopia delle rinnovabili
Samuel Furfari, Professore di politica energetica e geopolitica, parla della crisi energetica tedesca e della situazione in Europa

Dopo vent’anni di intense pressioni a favore delle energie rinnovabili e per distruggere il nucleare francese, la Germania è colpita da una crescente crisi energetica. In un’intervista per “Conflits”, Samuel Furfari, Professore di politica energetica e geopolitica all’École Supérieure de Commerce de Paris, ha parlato della situazione energetica tedesca e più in generale di quella europea, con un focus particolare su nucleare e rinnovabili. Furfari, ingegnere e dottore in scienze applicate, ha insegnato politica energetica e geopolitica all’Université Libre de Bruxelles per 18 anni e per 36 anni è stato un alto funzionario presso la Direzione generale dell’Energia della Commissione europea.

Riguardo ai motivi che hanno portato la Germania ad essere colpita da una tale crisi energetica, Furfari ha spiegato che “la Germania ha ceduto all’ideologia”. “Non dobbiamo dimenticare che i tedeschi sono innanzitutto un popolo pacifico a seguito della Seconda Guerra Mondiale. Hanno associato la guerra e l’energia nucleare. I pacifisti tedeschi sono quindi antinucleari anche per quanto riguarda la produzione energetica. Il secondo elemento è che i sovietici della Germania dell’Est convinsero i tedeschi dell’Ovest che l’energia nucleare non era necessaria. L’URSS si rese conto che l’Occidente stava traendo un vantaggio eccessivo dallo sviluppo dell’energia nucleare, e questo slancio doveva essere fermato. Queste cause hanno convinto la Germania ad essere prevalentemente antinucleare”, ha continuato l’esperto.

“Il Paese ha sempre consumato molto carbone, possiede la settima riserva di carbone più grande del mondo, principalmente sotto forma di lignite. Per mantenerlo seguendo una linea ecologica, i tedeschi hanno quindi voluto sviluppare le energie rinnovabili. E dopo tutto, perché no? Era logico provarci, dato che l’Unione Europea ha sviluppato queste tecnologie sin dalla crisi petrolifera degli anni ‘70. Ma è un fallimento, l’energia rinnovabile non produce abbastanza energia ed è molto costosa per un impatto minimo sul pianeta. La maggior parte dell’energia eolica in Germania viene prodotta sulla terraferma. Il Paese ora deve sviluppare l’eolico in mare, perché gli spazi a terra sono quasi saturi. Ma se le turbine eoliche terrestri sono delicate, in mare lo sono ancora di più. Spesso si rompono a causa della salsedine. E i costi di manutenzione e riparazione sono enormi. Più turbine eoliche offshore vengono costruite dalla Germania, più costosa diventa l’energia. Questa è una delle cause dell’aumento dei prezzi dell’energia. Ma oggi il governo ha spinto l’aumento di questi prezzi attraverso sussidi diretti, il che significa che sono le tasse tedesche a pagare il costo aggiuntivo dell’elettricità rinnovabile. Di fronte ai fallimenti dobbiamo aprire gli occhi, ma la Germania politica non vuole ammettere di essere in un vicolo cieco e sta sprofondando nella crisi”, ha spiegato Furfari.
L’inizio della politica rinnovabile

L’idea di una politica rinnovabile “esiste dagli anni ’70 e ’80”, afferma Furfari. “Non è a causa del cambiamento climatico che abbiamo favorito le energie rinnovabili, ma per rispondere agli shock petroliferi. Ma è soprattutto a partire dagli anni 2000 che i tedeschi hanno cominciato a credere fermamente nelle rinnovabili con una strategia chiamata EnergieWende, che noi traduciamo come transizione energetica. Nel 2005, la signora Merkel chiese al Presidente della Commissione europea di sviluppare una tabella di marcia per imporre le energie rinnovabili, per costringere tutti i Paesi europei a farlo. Ho lavorato personalmente su questo file. L’UE aveva proposto un pacchetto clima-energia, con la promozione delle energie rinnovabili e la riduzione delle emissioni di CO₂, che la Francia ha interpretato come “nucleare”. L’adozione politica della direttiva risale al dicembre 2008, sotto Nicolas Sarkozy, che ha negoziato lui stesso questa direttiva. Ha difeso una politica basata sul nucleare mentre i tedeschi puntavano sulle energie rinnovabili. È stato un grande affare. Sarkozy è stato insultato perché i tedeschi hanno mantenuto la loro opposizione al nucleare. La Germania ha trascinato tutta l’Europa sulla sua strada”, afferma Furfari.
La reazione della Germania di fronte alla crisi energetica

Il governo Scholz “è completamente bloccato nelle sue politiche”, dice Furfari. “Nella sua analisi “Fabbisogno finanziario per la produzione di elettricità fino al 2030”, l’Istituto di economia energetica dell’Università di Colonia stima gli investimenti necessari per l’energia eolica a circa 75 miliardi di euro e per l’energia solare a 50 miliardi di euro. A ciò si aggiunge il costo di sostituzione e manutenzione delle turbine eoliche e dei pannelli solari esistenti, che dovranno essere sostituiti nei prossimi anni. Molto più importante è l’affermazione degli autori secondo cui non si dovrebbe pretendere che questi nuovi impianti siano in grado di finanziare i costi di investimento nel mercato elettrico”.

“Il governo concederà sussidi, cioè tasserà. Esisteva già una tassa sulla CO₂ di 30 euro a tonnellata, da inizio gennaio salirà a 45 euro. Per le famiglie ciò rappresenta un aumento di 100 euro all’anno, che non è molto, ma su scala nazionale è molto. Se questo è generalmente superabile per una famiglia, l’intera questione è su scala macroeconomica. Moltiplicato per decine di milioni di case e imprese, l’impatto rappresenta un peso enorme per l’economia del Paese. La cosa peggiore è che è tutto inutile. Se, pagando un po’ di più per la loro energia, i tedeschi avessero un impatto sul clima, ciò potrebbe avere senso. Ma il risultato è irrisorio e la gente comincia a capire di essere stata ingannata. Da quando la Germania ha intrapreso l’EnergieWende, le emissioni globali di CO₂ sono aumentate del 61%. È grazie a questa consapevolezza che il 2023 rappresenta un anno di svolta. Quando ci rendiamo conto che le belle parole non hanno alcun effetto reale sul pianeta e che rendono la vita più difficile, le persone finiscono per spostarsi”, continua Furfari.

Il governo tedesco “è in grande difficoltà, perché il 15 novembre 2023 la Corte Costituzionale ha cancellato il “fondo per la transizione energetica” di 60 miliardi di euro, destinato a sovvenzionare le energie rinnovabili. Berlino dovrà reperire questa somma aggiuntiva, rispettando l’obbligo del “freno al debito” sancito dalla Costituzione”, aggiunge l’esperto.
Il bisogno delle centrali a carbone

Furfari afferma che in Germania “non ci sarà alcun blackout, perché le centrali elettriche a carbone esistenti compenseranno l’intermittenza e la variabilità delle turbine eoliche e dei pannelli solari”. “L’autorità di gestione della rete (BNetzA) ha appena chiesto alle sue centrali elettriche di non pianificare lo smantellamento prima del 2031. La Germania ne ha troppo bisogno. L’unica tensione per le famiglie tedesche sarà sul portafoglio, ma ripeto, soprattutto a livello macroeconomico”, sottolinea Furfari.
L’impatto della crisi energetica sull’industria tedesca

“L’industria tedesca, soprattutto quella chimica, beneficia da anni dei prezzi dell’energia relativamente bassi grazie al gas russo fornito da Gazprom. Non dimentichiamo che gli idrocarburi non sono solo una fonte di energia, ma anche la materia prima per l’industria chimica, un settore così importante in Germania”, afferma Furfari. “Gli alti salari tedeschi sono stati controbilanciati dai bassi prezzi del gas. Poiché questo gas non è più disponibile, il vantaggio è andato perso. Il risultato è una grave crisi economica. L’industria chimica tedesca è la più colpita e si sta organizzando per delocalizzare. Alla fine il governo tedesco ha deciso di reagire e ha appena firmato un accordo di fornitura di gas con la Norvegia per 50 miliardi di euro. È stata una società statale tedesca, la SEFE (ex nazionalizzata Gazprom Germany), ad aggiudicarsi l’appalto perché la Germania ha bisogno di stabilità. I tedeschi cominciano quindi a capire che il Paese ha bisogno di gas e carbone per funzionare, e che l’energia interamente rinnovabile che stanno finanziando abbondantemente è un’utopia”, afferma Furfari.

“Hanno mentito dicendo che tutto sarebbe stato rinnovabile, pulito ed economico, ma ora il governo sta correndo come un gallo senza testa per trovare il gas ovunque possa, qualunque sia il prezzo. I tedeschi hanno capito”, evidenzia l’esperto. “Se le aziende cominciassero a delocalizzare a causa del prezzo dell’energia, il tasso di disoccupazione aumenterebbe e il malcontento sarebbe ancora maggiore. Come sempre in economia, tutto combacia”.
L’industria automobilistica in Germania

Per quanto riguarda l’industria automobilistica, Furfari sottolinea che “è il fiore all’occhiello del know-how tedesco, all’avanguardia nell’innovazione tecnologica. Anche in questo ambito si vuole puntare sull’EnergieWende, sul tutto elettrico. Non solo perdono il loro know-how, ma non dispongono nemmeno della necessaria elettricità a buon mercato, poiché le tensioni sull’approvvigionamento elettrico sono evidenti”.
La mappa dei partiti pro e contro il nucleare in Europa

Riguardo l’energia nucleare, Furfari spiega che “i leader pro-nucleare sono Francia e Polonia, seguiti da Bulgaria, Ungheria, Finlandia, Repubblica Ceca, Croazia. La Svezia è appena tornata in forze in questo campo. I Paesi Bassi hanno deciso di puntare sulle energie rinnovabili, ma stanno tornando anche al nucleare. Stessa cosa per l’Italia, che da 30 anni è stata fortemente antinucleare. L’altra parte d’Europa – Germania, Austria, Spagna e Lussemburgo – è contraria”.

Furfari ricorda che “il Trattato di Lisbona, al suo articolo 194, dà la libertà agli Stati membri di scegliere la propria energia. Bruxelles-Strasburgo non possono vietare l’energia nucleare. Ma di fatto, limitando i finanziamenti e dando priorità assoluta alle energie rinnovabili, l’UE ha sabotato l’energia nucleare negli ultimi quattro anni. Tuttavia, il trattato Euratom – tuttora in vigore – specifica che la missione dell’Unione è quella di contribuire al rapido sviluppo dell’industria nucleare per contribuire “ad elevare il tenore di vita” negli Stati membri”.
La questione energetica in Europa

“L’Unione Europea è nata dall’energia, dal Trattato CECA e dal Trattato Euratom. Da 60 anni l’obiettivo è avere energia “abbondante e a buon mercato”, come deciso nella riunione di Messina del giugno 1955. Dal Trattato di Lisbona, l’energia è una competenza condivisa tra gli Stati membri e l’Unione, ma come abbiamo detto, gli Stati membri sono liberi di scegliere le energie che utilizzano. La politica di riduzione delle emissioni di CO₂ ha sconvolto questa prerogativa fondamentale dei trattati. Stupisce che nessuno Stato membro metta in discussione l’abbandono della sovranità energetica, pur prevista dal Trattato di Lisbona”, sottolinea Furfari.

“È chiaro che, grazie agli ambientalisti di ogni genere a Bruxelles-Strasburgo, la lotta al cambiamento climatico è più importante della sovranità nazionale e della sicurezza dell’approvvigionamento energetico, che sono elementi fondamentali del Trattato di Lisbona. Il ruolo della Germania, alfiere dell’Ue, è stato decisivo negli ultimi anni nella mancata applicazione dei trattati europei, ma ciò è avvenuto con la complicità degli Stati membri. È facile criticare l’uno o l’altro, ma in definitiva il responsabile ultimo è il Consiglio europeo, perché tutti i Paesi hanno ceduto all’ideologia tedesca. È chiaro che oggi la politica energetica europea è ideologica, avendo abbandonato la razionalità che aveva nei primi 60 anni della sua esistenza”, spiega Furfari.

Secondo l’esperto, “le elezioni europee del 9 giugno saranno cruciali. Se si crede ai sondaggi, gli ambientalisti tedeschi perderanno molti seggi, ma rischiano di perderne qualcuno anche in Belgio, Francia e altrove. Questa volta una nuova maggioranza a Strasburgo potrebbe essere ottenuta senza gli ambientalisti. Ciò metterebbe in discussione l’intera politica energetica seguita dall’attuale Commissione Europea, una politica verde tedesca”.
La COP28

“Anche la COP28, anche se voluta e guidata da attivisti verdi, ha contribuito a invertire la situazione. A Dubai, gli attivisti ambientali volevano che si decidesse di abbandonare i combustibili fossili, e hanno ottenuto il contrario, anche se le conclusioni stabiliscono che deve essere sviluppata l’energia rinnovabile. Per garantire la sicurezza essenziale dell’approvvigionamento energetico – molto più importante della riduzione delle emissioni globali di CO₂ – la COP28 riconosce al punto 29 che ogni Paese è libero di scegliere la propria transizione e le energie che decide di utilizzare. Potrebbe trattarsi, ad esempio, del passaggio dal legno al carbone. I Paesi in via di sviluppo – l’Africa nel suo complesso, ma anche Cina e India – continueranno a utilizzare combustibili fossili, perché hanno capito che le energie rinnovabili promosse dalla Germania sono costose e non hanno alcun impatto sulle emissioni globali di CO₂. I media non hanno visto, o non hanno voluto vedere, il rospo che la COP28 di Dubai ha costretto Germania, UE e ambientalisti di tutti i partiti ad ingoiare. La realtà della sovranità energetica ha semplicemente ribaltato la situazione e l’energia rinnovabile non convince nessuno nel mondo”, afferma Furfaru.
“Mettere fine alle rinnovabili e al divieto al nucleare”

Per trovare un equilibrio, secondo Furfari, “dobbiamo cominciare mettendo fine al manicheismo, all’energia rinnovabile o anche semplicemente alla priorità data alle energie rinnovabili e al divieto del nucleare; tutto ciò è contrario al Trattato di Lisbona! Dobbiamo poi ammettere che le turbine eoliche non possono autoriprodursi: non possiamo utilizzare le energie rinnovabili per produrre la moltitudine di materiali necessari al loro impiego, e più in generale per produrre tutti i materiali di cui abbiamo bisogno per vivere. Non è possibile produrre cemento, vetro, automobili, trattori, navi portacontainer o smartphone con l’energia eolica o solare. Inoltre, nonostante sia essenziale per fornire tutta l’elettricità di cui il mondo avrà bisogno, l’energia nucleare viene utilizzata solo per produrre elettricità, che rappresenta solo il 22% del consumo energetico finale nel mondo. Il resto dell’energia è termica e viene utilizzata per riscaldare le case, per alimentare veicoli terrestri, marittimi e aerei, per produrre materiali, per far funzionare le fabbriche, per produrre il nostro cibo, ecc. Non dobbiamo quindi dimenticare i combustibili fossili, che rappresentano l’84% dell’energia globale, come l’Europa cerca di fare da diversi anni”, evidenzia Furfari.


https://www.meteoweb.eu/2024/01/energia ... 001347538/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6953
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 10/01/2024, 17:27 
Ci stanno togliendo le coltivazioni del riso:



(https://mediasetinfinity.mediaset.it/video/fuoridalcoro/follie-verdi-le-multinazionali-vogliono-mangiarsi-il-nostro-riso_F312803501018C18)

Nel Vercellese dove fin dal 1600 si coltiva circa il 50% di tutta la produzione italiana di riso, la banca d’affari americana Morgan Stanley insieme ad altre multinazionali estere, sta facendo espropriare tutti i campi di riso per fare campi di pannelli fotovoltaici! Nell’assordante silenzio di tutti e con la criminale complicità del Governo e di tutte le forze politiche!

La Germania è bloccata dagli agricoltori tedeschi e dagli autotrasportatori che da lunedì stanno bloccando le principali arterie stradali ed autostradali. La protesta sta partendo anche in Italia. Gli agricoltori si stanno organizzando in tutto il Paese per iniziare la mobilitazione. Intervengono DANILO CALVANI già tra gli organizzatori della mobilitazione del 9 DICEMBRE 2013 e LUISITO NALDI agricoltore.


Silenzio mediatico quasi totale sulla Germania

Questa mattina, secondo Das Bild, solo intorno a Berlino sono bloccati 70 ingressi autostradali! 100.000 trattori occupano il paese.

Il presidente degli agricoltori tedeschi ha parlato di un’azione “di durata illimitata”, ritenendo che il governo dovrebbe dare molto di più! (vedi: https://m.bild.de/politik/inland/politi ... obile.html… )


https://www.maurizioblondet.it/la-loro- ... bo-avanza/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 11895
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 11/01/2024, 09:23 
----------------


GREEEEEEEEENNNNNNN !!!

INQUINA 5 VOLTE DI PIU'

CHE IL FOSSILE .


ASCOLTATE A1h.03m

INDONESIA E NICHEL




https://www.raiplay.it/video/2023/11/Re ... 787e8.html




Report




Puntata del 19/11/2023


Deforestazione, centrali a carbone, interi villaggi sgomberati con la forza, scarti chimici nelle acque, operai bruciati vivi, schiavi bambini, fauna e flora devastate, incidenti mortali.

Sono il prezzo nascosto dell'auto elettrica. La rivoluzione verde, infatti, come tutte le rivoluzioni, non è un pranzo di gala.

La Commissione Europea ha deciso che dal 2035 si potranno vendere solo veicoli elettrici.

Bisogna abbattere a tutti i costi le emissioni di Co2 per combattere l'effetto serra.

Ma se la transizione avverrà senza tenere in conto i costi umani e ambientali, rischia di essere solo una tinta di verde che copre ogni sorta di abusi.

La troupe di Report è finita in Indonesia dove ha potuto documentare quanto poco pulita è la filiera e quanto incide sui diritti umani più basici, a partire dall'accesso all'acqua.

Anche nella vicina Germania, la fabbrica di Tesla è al centro di infuocate polemiche per il suo impatto ambientale.






-----------------



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2446
Iscritto il: 21/01/2017, 09:30
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 11/01/2024, 09:50 
tutti in bicicletta!

domanda OT

ma TTE
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
Ultima visita: 11/11/2021, 11:54

è ancora vivo? [:301]



_________________
https://oannes.myblog.it
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2446
Iscritto il: 21/01/2017, 09:30
 Oggetto del messaggio: Re: LA TRUFFA - FREGATURA DELLE RINNOVABILI
MessaggioInviato: 11/01/2024, 09:52 
MaxpoweR ha scritto:
Per quanto grande è una frazione dei giacimenti veramente GRANDI e sarà sfruttabile in non meno di 15 anni ^_^


beh ma tu in confronto mio sei ancora un pischelletto

tra 15 anni io ne avrò 70

be my guess !



_________________
https://oannes.myblog.it
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 361 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 21, 22, 23, 24, 25  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 01/03/2024, 09:45
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org