Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 68 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 11911
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio: Re: Hamaburger sintetico: lo mangiaereste ?
MessaggioInviato: 11/02/2024, 11:49 
----------------------



https://www.dcnews.it/2024/02/11/la-car ... americano/



La carne finta fa la stessa fine dell’elettrica:



sta dichiarando fallimento dopo aver buttato via ben 3 miliardi

il colosso americano finanziato dalla peggio feccia


FEBBRAIO 11, 2024


Un lungo lamento sul NYTimes sul fallimento dell’industria della carne da laboratorio; spesi circa 3 miliardi di dollari. L’illusione di questi futuristi della carne da laboratorio è che dovremmo abbandonare metodi olistici e comprovati di allevare il cibo, praticati per migliaia di anni per le fabbriche, e che questo sarebbe meglio per il pianeta.

Si è trattato anche di un’illusione economica: sono state costruite strutture costose, è stata richiesta l’approvazione del governo prima di “aver superato le sfide tecnologiche più fondamentali” È messianico pensare che i cambiamenti climatici ci costringano a resettare tutta l’umanità…”a reinventare le nostre economie, a ripensare i consumi, a ridisegnare le nostre relazioni con la natura e tra di noi”. Strappare la saggezza e la conoscenza di tutte le civiltà umane per gettarle in un futuro sconosciuto, forse distopico? I futuristi della carne da laboratorio non ispirano fiducia. Fondamentalmente, sembrano non avere alcun riguardo per la salute umana. Si scopre che la carne, esp. dai ruminanti, è uno degli alimenti più sani possibili, ricco di sostanze nutritive difficili da ottenere altrove. Fornitore di proteine ​​complete. Fantasticare sull’eliminazione degli animali significa condannare la razza umana alle nostre già devastanti epidemie di malattia. È antiumano.


La rivoluzione che morì mentre andava a cena

di Joe Fassler per New York Times

È una visione brillante di un mondo appena oltre il presente: un mondo in cui la carne è abbondante e conveniente con un costo quasi nullo per l’ambiente. La macellazione degli animali viene dimenticata. Il riscaldamento globale è contenuto. Al centro della visione c’è una fabbrica ad alta tecnologia che ospita serbatoi d’acciaio alti quanto condomini e nastri trasportatori che srotolano bistecche completamente formate, milioni di sterline al giorno – abbastanza, sorprendentemente, per nutrire un’intera nazione.

La carne senza uccisione è la promessa centrale di quella che è diventata nota come carne coltivata. Questa non è una nuova alternativa a base vegetale. Si tratta, almeno in teoria, di poche cellule animali, nutrite con i giusti nutrienti e ormoni, rifinite con sofisticate tecniche di lavorazione, e voilà: hamburger succulenti e tonno scottato e costolette di agnello marinate senza il contorno della preoccupazione esistenziale.

È una visione di edonismo, ma anche di altruismo. Un modo per risparmiare acqua, liberare vasti tratti di terra, ridurre drasticamente le emissioni che riscaldano il pianeta, proteggere le specie vulnerabili. È una via di fuga dagli eccessi dell’umanità. Tutto quello che dobbiamo fare è allacciarci i pettorali.

Tra il 2016 e il 2022, gli investitori hanno investito quasi 3 miliardi di dollari in aziende produttrici di carne e frutti di mare coltivati. Volevano entrare potenti capitali di rischio e fondi sovrani – SoftBank, Temasek, la Qatar Investment Authority. Lo stesso hanno fatto i grandi confezionatori di carne come Tyson, Cargill e JBS, e celebrità come Leonardo DiCaprio, Bill Gates e Richard Branson. Secondo quanto riferito, due delle società leader – Eat Just e Upside Foods, entrambe start-up – hanno raggiunto valutazioni di miliardi di dollari. E oggi, alcuni prodotti che includono cellule coltivate sono stati approvati per la vendita a Singapore, negli Stati Uniti e in Israele.

Eppure, nonostante quasi un decennio di lavoro e un gran numero di dichiarazioni messianiche, è sempre più chiaro che una più ampia rivoluzione della carne coltivata non è mai stata una prospettiva reale, e sicuramente non nei pochi anni che ci restano per evitare la catastrofe climatica.

Le interviste con quasi 60 investitori e addetti ai lavori del settore, tra cui molti che sono stati assunti o hanno fatto parte dei team dirigenziali di queste aziende, rivelano una litania di risorse sprecate, promesse non mantenute e scienza non dimostrata. I fondatori, intrappolati dai loro stessi proclami irrealistici, hanno tagliato gli angoli, ad esempio utilizzando ingredienti derivati ​​da animali macellati. Gli investitori, travolti dall’eccitazione del momento, hanno firmato un assegno dopo l’altro nonostante i significativi ostacoli tecnologici. I costi si rifiutavano di entrare nel regno del plausibile poiché gli obiettivi di lancio andavano e venivano. Nel frattempo, nessuno è riuscito a ottenere nulla di simile a una scala significativa. Eppure le aziende si sono affrettate a costruire strutture costose e hanno spinto gli scienziati a superare ciò che era possibile, creando l’illusione di un’emozionante corsa al mercato.

Ora, mentre il capitale di rischio si esaurisce in tutti i settori e i deludenti progressi di questo settore diventano più visibili, per molti sarà difficile sopravvivere alla resa dei conti.

Gli investitori saranno senza dubbio ansiosi di scoprire cosa è andato storto. Per il resto di noi, la domanda più urgente è perché qualcuno abbia mai pensato che potesse andare bene. Perché così tante persone hanno creduto al sogno che la carne coltivata ci avrebbe salvato?

La risposta ha a che fare con molto più che un nuovo tipo di cibo. Nonostante tutta la sua terrificante urgenza, il cambiamento climatico è un invito a reinventare le nostre economie, a ripensare i consumi, a ridisegnare le nostre relazioni con la natura e tra di noi. La carne coltivata era una scusa per sottrarsi a quel lavoro duro e necessario. L’idea sembrava futuristica, ma il suo fascino era incentrato sulla nostalgia, un modo per far finta che le cose andranno avanti come sempre, che nulla ha davvero bisogno di cambiare. Era un pensiero sul clima magico, una deliziosa illusione.

***

Josh Tetrick era l’amministratore delegato di un’azienda alimentare vegana chiamata Hampton Creek quando si entusiasmò per la prima volta all’idea di coltivare carne in laboratorio. Ex giocatore di football della serie D1 che emanava una sicurezza audace e accattivante, era un appuntamento fisso nel circuito delle conferenze, dove poteva essere visto vantarsi dei suoi investitori di alto profilo e del loro desiderio di “risultati straordinari”.

Il signor Tetrick era un attivista per i diritti degli animali fin dal liceo, e ha fondato Hampton Creek in parte, ha detto, per salvare gli animali da fattoria da vite brevi e brutali come ingranaggi in carne ed ossa in una catena di approvvigionamento globale. Ha anche parlato in modo toccante di come, passando ai prodotti vegani, potremmo iniziare a invertire le emissioni di gas serra, le crisi idriche e i danni all’ecosistema causati dall’agricoltura animale.

Convincere i carnivori a cambiare le loro abitudini alimentari è una battaglia ardua. Nonostante l’impatto distruttivo della carne, continuiamo a mangiarne enormi quantità, un comportamento che Tetrick ha paragonato alla dipendenza. Ma tornando alla facoltà di giurisprudenza, lesse qualcosa che suscitò il suo interesse: gli scienziati finanziati dalla NASA avevano tentato di coltivare carne (carne di pesce rosso, in quel caso) in un laboratorio.

L’idea non ha preso piede fino al 2013, quando uno scienziato olandese di nome Mark Post ha annunciato di aver preparato il primo hamburger di manzo coltivato al mondo. Lo sviluppo del singolo tortino, che è stato faticosamente coltivato pezzo per pezzo in centinaia di piatti di plastica, è costato più di 300.000 dollari. Non era pratico, ma era potente: presto le start-up di carne coltivata iniziarono a raccogliere fondi, fare proclami audaci e definire tempistiche di produzione aggressive.

La parte più elementare del processo – trasformare poche cellule viventi in molte – non era nuova. È ciò che le aziende farmaceutiche fanno da decenni per produrre vaccini. L’ossigeno pompato e una ricca zuppa di aminoacidi e zuccheri simulano le condizioni che le cellule incontrerebbero all’interno di un corpo, e gli ormoni aggiunti segnalano alle cellule di dividersi e moltiplicarsi.

Per quanto costoso sia il processo, in genere produce solo “impasto cellulare”, una massa viscosa. Per trasformarlo in qualcosa che qualcuno possa mangiare (o vendere), dovresti mescolare sostanze vegetali come piselli e soia, per una sorta di ibrido pianta-animale. Oppure potresti provare qualcosa di molto più difficile: far sì che le cellule animali si formino in un tessuto simile ai muscoli.

Un clima che cambia, un mondo che cambia

Cambiamenti climatici nel mondo: in “ Postcards From a World on Fire ”, 193 storie di singoli paesi mostrano come il cambiamento climatico stia rimodellando la realtà ovunque, dalle barriere coralline in via di estinzione nelle Fiji alle oasi in via di estinzione in Marocco e molto, molto oltre.

Il ruolo dei nostri leader: scrivendo alla fine del 2020, Al Gore, 45esimo vicepresidente degli Stati Uniti, ha trovato motivi di ottimismo nella presidenza Biden, un sentimento forse confermato dall’approvazione di un’importante legislazione sul clima . Ciò non significa che non ci siano state critiche. Ad esempio, Charles Harvey e Kurt House sostengono che i sussidi per la tecnologia di cattura del clima alla fine saranno uno spreco.

I peggiori rischi climatici, mappati: in questa funzione, seleziona un paese e analizzeremo i rischi climatici che deve affrontare. Nel caso dell’America , le nostre mappe, sviluppate con esperti, mostrano dove il caldo estremo sta causando il maggior numero di morti.

Cosa possono fare le persone: Justin Gillis e Hal Harvey descrivono i tipi di attivismo locale che potrebbero essere necessari, mentre Saul Griffith indica come l’Australia indica la strada per l’energia solare sui tetti . Nel frattempo, piccoli cambiamenti in ufficio potrebbero essere un buon modo per ridurre le emissioni in modo significativo, scrive Carlos Gamarra.

Realizzare tutto ciò in modo conveniente e su grandi volumi è un problema che ancora oggi nessuno è riuscito a risolvere. Ciò non ha impedito a Uma Valeti, fondatrice e CEO dell’azienda oggi conosciuta come Upside Foods, di dichiarare, nel 2016, che l’umanità era sull’orlo della “ seconda domesticazione ”, un cambiamento alimentare altrettanto epocale quanto il cambiamento dalla caccia e raccolta ai raccolti e al bestiame. “Crediamo che tra 20 anni la maggior parte della carne venduta nei negozi sarà coltivata”, ha detto al Wall Street Journal. “In pochi anni, ci aspettiamo di vendere carne di maiale, manzo e pollo ricchi di proteine” – e completamente coltivati ​​–”, ha detto al Washington Post. La rivista Inc. lo ha descritto come il cardiologo che “sta scommettendo che la sua start-up che produce carne coltivata in laboratorio possa risolvere la crisi alimentare globale”.

Il signor Tetrick ha deciso di unirsi all’entusiasmo. Era un buon momento per un nuovo orizzonte: quell’anno Bloomberg condusse un’indagine feroce che scoprì che Hampton Creek, ora chiamato Eat Just, aveva mandato persone a comprare barattoli della sua maionese vegana per dare l’impressione di una maggiore domanda da parte dei consumatori. (Eat Just afferma che il programma era in parte a fini di garanzia della qualità.) Bloomberg ha anche riferito che il signor Tetrick aveva avuto una relazione romantica con un subordinato, che Eat Just aveva ampiamente sovrastimato il suo impatto sulla sostenibilità e che la società era stata accusata da un dirigente senior, l’influente angel investor della Silicon Valley Ali Partovi, di ingannare gli investitori. Nel 2017, tutti i membri del consiglio tranne il signor Tetrick si sono dimessi .

Ho visitato la sede centrale di Eat Just a San Francisco nel dicembre di quell’anno per assaggiare un campione di Just Egg, il sostituto dell’uovo a base vegetale che l’azienda vende ancora. Con mia sorpresa, mi sono stati mostrati anche degli schizzi di come potrebbe apparire una fabbrica di carne coltivata. Mi è stato detto che un giorno una fabbrica del genere potrebbe persino produrre abbastanza proteine ​​coltivate da nutrire gli interi Stati Uniti: una frazione delle dimensioni di un ranch medio di bestiame, ma molto più efficiente. In soli 15 giorni, una lacrima di cellule si trasformerebbe in milioni di chili di carne. Il libro “Clean Meat” descrive il signor Tetrick che guarda i disegni della fabbrica e dice: “Entro il 2025 costruiremo la prima di queste strutture” ed entro il 2030 “siamo la più grande azienda di carne al mondo”.

Tuttavia, le sfide aumentavano. L’azienda stava esplorando prodotti a base di anatra come il foie gras e il chorizo ​​d’anatra quando, nel 2018, gli scienziati hanno eseguito una scansione sulle cellule utilizzate e hanno trovato cellule di topo . Non era il risultato di scarsa igiene; i contaminanti provenivano da materiali di laboratorio, non da parassiti vivi. Ma Eat Just ha dovuto eliminare l’intera linea cellulare e ha finito per eliminare del tutto i prodotti a base di anatra. L’incidente ha evidenziato alcune delle numerose sfide legate alla transizione della coltivazione cellulare dalla ricerca accademica alla produzione alimentare commerciale. L’azienda mi ha recentemente detto che la contaminazione è stata un incidente isolato e “non appena ci siamo resi conto che si era verificata una contaminazione, non abbiamo servito nessuno”.

Tali battute d’arresto non hanno rallentato il ritmo di crescita del settore. Solo l’anno successivo, almeno 20 nuove aziende produttrici di carne coltivata hanno annunciato che stavano entrando nella già affollata mischia. Bruce Friedrich, presidente dell’organizzazione no-profit Good Food Institute, ha gridato ai quattro venti che tutte le società di investimento , gli acceleratori tecnologici e gli operatori storici dell’industria della carne sono entrati in azione, definendo le carni coltivate una “immensa opportunità di investimento”. RethinkX, un think tank focalizzato sull’adozione di nuove tecnologie, è andato ancora oltre. “Entro il 2030, la domanda di prodotti bovini diminuirà del 70%”, afferma uno dei suoi libri bianchi. “Prima di raggiungere questo punto, l’industria bovina statunitense sarà di fatto in bancarotta”. E continuava: “Altri mercati di bestiame come quello del pollo, del maiale e del pesce seguiranno una traiettoria simile”.

“Riduciamo i costi e aumentiamo il gusto, e penso che molto probabilmente nel prossimo futuro questa sarà la carne”, ha detto Tetrick alla convention annuale del Good Food Institute. “Ed è molto improbabile che ci sia un’altra opzione.”

George Peppou, amministratore delegato di un’azienda australiana di carne coltivata, Vow, fondata pochi mesi fa, era tra il pubblico. “Ricordo che ero seduto lì a pensare, wow, è fantastico”, ha detto. “Queste aziende sono pronte . Cioè, sta succedendo .”

Stava succedendo qualcosa, ma cosa, esattamente? Nel 2019, mentre tutte queste aziende lavoravano per trovare percorsi praticabili per il mercato, gli scienziati che lavoravano per l’azienda che in seguito sarebbe diventata Upside hanno eseguito test genetici su una linea di cellule di pollo ad alte prestazioni. Con loro sgomento anche loro trovarono una contaminazione con cellule di laboratorio, ma in questo caso si trattava di un roditore ancora meno appetibile del topo: il ratto.

In una e-mail, Upside ha affermato che la linea cellulare contaminata non è mai stata “destinata al nostro processo commerciale o alla nostra pipeline” e che si è trattato di un incidente isolato che ha aiutato l’azienda a perfezionare le sue misure di controllo della qualità.

Nel gennaio 2020, la società ha annunciato di aver raccolto 161 milioni di dollari in un round di finanziamento, il più grande investimento reso pubblico per un’azienda produttrice di carne coltivata.

Steve Molino è uno dei direttori di Clear Current Capital, un fondo di rischio in fase iniziale focalizzato sull’alimentazione sostenibile e uno dei primi sostenitori di BlueNalu (tonno rosso coltivato in cellule, con una raccolta di 118,3 milioni di dollari ). Non è estraneo alla pratica di piazzare grandi scommesse con informazioni limitate, ma anche così è rimasto stupito nel vedere il modo in cui il denaro si riversava nel settore. “Non c’erano numeri reali da cui ricavare che permettessero a qualcuno di dire: ‘Aspetta un secondo, o non funzionerà o, se funziona, ci vorrà molto tempo.’ Senza quei dati”, ha detto, qualcuno potrebbe darti un piccolo campione di qualcosa, “E tu dici, ‘Porca miseria, questo è il futuro.'”

***

Josh Tetrick ricorda di essere stato a Boulder, in Colorado, il Giorno del Ringraziamento 2020, chiamando all’infinito il suo team per aggiornamenti da Singapore, dove Eat Just stava cercando la sua prima approvazione da parte del governo. “Mi sono sdraiato e ho messo via il telefono per un po’, giusto per smettere di controllare incessantemente,” mi ha detto. “Mi sono addormentato sul pavimento. E mi sono svegliato con il nostro capo della regolamentazione che mi ha chiamato e mi ha detto: ‘Josh, abbiamo capito.’”

La divisione carne coltivata di Eat Just aveva la capacità di produrre solo una piccola quantità di pollo, e ciò con una forte perdita finanziaria. Il processo si basava ancora sul siero fetale bovino, un prodotto della brutale catena di approvvigionamento animale che la carne coltivata avrebbe dovuto rendere obsoleta. Il prodotto, ha affermato la società, era composto per circa il 30% da ingredienti di origine vegetale, un incrocio tra una crocchetta di pollo e un hamburger vegetariano. Indipendentemente da ciò, l’approvazione è stata trattata come un evento storico. “Carne coltivata in laboratorio senza uccisioni sarà messa in vendita per la prima volta”, ha scritto il Guardian , in un articolo che definisce lo sviluppo “un momento fondamentale per l’industria della carne”.

Gli investimenti nel settore sono aumentati di oltre il 300% tra il 2020 e il 2021. Shiok Meats, che ha iniziato come azienda di prodotti ittici coltivati, è riuscita a raccogliere circa 30 milioni di dollari senza nemmeno avere una linea cellulare che potesse crescere sufficientemente in coltura, un requisito fondamentale per successo. New Age Eats, un’azienda che produceva salsicce coltivate costituite solo dall’1% al 2% di cellule animali, raccolse 32 milioni di dollari e iniziò la costruzione di un impianto di produzione di 23.000 piedi quadrati ad Alameda, in California. La fabbrica era un esempio di ciò che un articolo nella rivista Nature Food si riferirebbe in generale alle “strutture pilota Potemkin” del settore.

Isha Datar, direttrice esecutiva di New Harvest, un’organizzazione no-profit che finanzia la ricerca pubblica e accademica sulla carne coltivata, ha affermato di aver osservato tutto ciò con incredulità, sapendo che i problemi scientifici fondamentali non erano stati risolti. “Questa”, ha ricordato di aver detto al suo consiglio, “è una bolla che scoppierà”.

Nel novembre 2021, Upside ha aperto la sua fabbrica a Emeryville, in California. “Non è più un sogno”, ha detto Valeti a una folla estasiata di dipendenti durante il taglio del nastro trasmesso in live streaming dall’azienda su YouTube. L’impianto di Emeryville è stato progettato con grandi reattori scintillanti, ha detto la società, in parte per produrre petti di pollo interi. Come ho riferito di recente con Matt Reynolds, tuttavia, Upside produce le sue cotolette di pollo quasi a mano in quantità minuscole, utilizzando bottiglie di plastica usa e getta: un processo ingombrante, non scalabile e insostenibile che sembra generare più rifiuti di plastica che carne. Upside mi ha recentemente detto che l’operazione della cotoletta di pollo non è mai stata una questione di scala: “Il suo intento – che è stato realizzato – è quello di ispirare i consumatori con una stella polare di ciò che è possibile fare con la carne coltivata”.

Una fabbrica con tubi argentati lucenti che corrono in ogni direzione e pavimenti lucidi e nuovi.
Per quanto riguarda Eat Just, nel maggio 2022, la sua divisione di carne coltivata, Good Meat, ha annunciato l’intenzione di costruire due stabilimenti, a Singapore e negli Stati Uniti. La fabbrica statunitense sarebbe una mega struttura che ospiterebbe 10 bioreattori da 250.000 litri e sarebbe in grado, disse all’epoca Eat Just, di produrre milioni di libbre di carne. Ma i costi previsti sono aumentati vertiginosamente, proprio mentre i finanziamenti per le start-up scivolavano verso un forte calo.

“Sono rimasto sorpreso”, mi ha detto Tetrick, “dalla rapidità con cui i mercati dei capitali hanno chiuso”. Uno dei principali sostenitori delle aziende produttrici di carne cellulare, ha detto, gli ha detto che era passato a investire nel settore immobiliare.

L’anno scorso, ABEC, una società di costruzioni che era un partner chiave per le strutture, ha citato in giudizio Eat Just e la sua divisione di carne coltivata per circa 100 milioni di dollari in fatture non pagate e pagamenti per modifiche alla portata dei lavori. (Le domande riconvenzionali sostengono che, tra le altre cose, l’ABEC non è riuscita a consegnare l’attrezzatura che era stata acquistata.) Anche un’altra società ha fatto causa per milioni di fatture non pagate.

Dopo tutti quegli anni di esuberanza – ma ancora senza prodotto disponibile in nessun negozio – il conto, a quanto pareva, era finalmente arrivato a scadenza.

***

Quando ho visitato la sede centrale di Eat Just ad Alameda il mese scorso, ho notato per la prima volta Josh Tetrick curvo all’interno di una sala conferenze buia e con pareti di vetro durante una chiamata Zoom, un complicato foglio di calcolo sullo schermo del proiettore. Eat Just ha licenziato almeno 80 dipendenti nel 2023 e durante la mia visita l’azienda era in fase di ridimensionamento da due edifici a uno solo.

Il fascino fiducioso che Mr. Tetrick emanava è oggi più attenuato; ora trasuda lo stoicismo ostinato di un camminatore sul fuoco, con occasionali lampi di frustrazione e dolore.

“La sfortunata prospettiva che devo avere è una prospettiva a lungo termine”, mi ha detto. “Bisogna avere una visione non solo dei prossimi 10 anni, ma dei prossimi 50 anni”. Lo scopo non è correre per costruire una grande fabbrica, ha aggiunto. “Lo scopo è fare cose che aumentino la probabilità che nel corso dei decenni – sto inghiottendo dicendo ‘decenni'”, ha detto. “Sto soffocando con queste parole.”

Il signor Tetrick ha detto che spera che Eat Just, che vende ancora prodotti a base vegetale come Just Egg, possa raggiungere il pareggio quest’anno. Ma l’uomo che una volta parlò in modo così ottimista della rivoluzione mi disse: “Non so se noi, l’industria, saremo in grado di capirla nel modo in cui ne abbiamo bisogno nel corso della nostra vita”. Riuscì a fare una risata forzata. “Le persone che investono nella nostra azienda non vogliono parlare di vite intere.”

La verità, ha detto Tetrick, è che l’economia della carne coltivata non funzionerà per nessuno finché le fabbriche non potranno essere costruite per una frazione del loro costo attuale, e lui non sa come risolvere questo problema.

Per descrivere la forza emotiva di quella realizzazione, Tetrick ha ripetutamente parafrasato la frase di Mike Tyson su come tutti hanno un piano finché non ricevono un pugno in faccia.

Lo stesso duro colpo potrebbe essere riservato ad altre aziende quando cercheranno di espandersi sul serio, ha detto. La maggior parte di loro semplicemente non lo sa ancora.

***

Anche il concorrente di Mr. Tetrick, Upside Foods, non ha alcun prodotto nei negozi, ma afferma di essere ancora ottimista riguardo alle sue prospettive. L’azienda ha “fatto progressi significativi” su nuovi prodotti e processi produttivi e ora è concentrata sullo sviluppo di carne di pollo coltivata a terra, che sarà il focus iniziale di una fabbrica pianificata di 187.000 piedi quadrati a nord di Chicago .

Ho provato più volte a parlare con Uma Valeti, CEO di Upside, ma la sua portavoce ha rifiutato. In risposta alle mie domande dettagliate, l’azienda ha risposto, in parte: “Come per ogni tecnologia trasformativa, il nostro percorso e il nostro piano di scalabilità si sono evoluti man mano che abbiamo innovato e cercato di fare qualcosa che non era mai stato fatto prima, sullo sfondo di un contesto esterno ed economico in continua evoluzione e imprevedibile. L’innovazione non segue una linea retta e continua. L’idea che il nostro percorso sia insolito ignora la realtà di come si sviluppano le tecnologie trasformative e rende un disservizio a ogni innovatore che osa portare qualcosa di nuovo nel mondo”.

È vero, ovviamente, che l’innovazione raramente è lineare. Sono prevedibili battute d’arresto nello sviluppo di qualsiasi nuova tecnologia. Anche i progressi sono stati fatti – e ci sono stati alcuni progressi recenti.

I ricercatori della Tufts University hanno ingegnerizzato le cellule di mucca per produrre una proteina che in precedenza doveva essere acquistata a caro prezzo. E Upside e Eat Just , tra gli altri, hanno capito come produrre il loro brodo nutriente in modo più economico evitando il siero bovino fetale. Alcuni osservatori del settore affermano che miglioramenti incrementali come questi potrebbero un giorno rendere fattibili le carni coltivate di lusso in mercati di nicchia più remunerativi o potrebbero migliorare le offerte principalmente a base vegetale . È anche possibile che la ricerca porti a progressi in altri campi. “Sono convinta che ne deriverà qualcosa di positivo, ma non sono sicura che sarà carne”, ha affermato Isabelle Decitre, fondatrice di ID Capital, una società di investimenti focalizzata sulla tecnologia alimentare. Tuttavia, alcune persone vedono il settore come una minaccia crescente. La Florida e l’Arizona hanno recentemente introdotto progetti di legge che vieterebbero la vendita di carne coltivata con cellule. Altri stati potrebbero seguire.

Ma per quanto familiare possa essere la traiettoria accidentata della carne coltivata, una cosa risalta: l’industria, e in particolare i suoi due maggiori attori, Upside Foods e Eat Just, hanno costruito strutture costose e hanno spinto per l’approvazione del governo prima di aver superato le più fondamentali sfide tecnologiche. sfide.

In occasione di un summit sull’agricoltura cellulare tenutosi il mese scorso a Tufts, un esperto di biotecnologie, Dave Humbird, ha affermato che l’industria ha “desiderato” trovare la propria strada per essere pronta per il mercato, qualcosa che non ha mai visto funzionare. La sua previsione per il futuro della carne coltivata: “R.&D. tornerà nel mondo accademico. E probabilmente è una buona cosa”.

La sua analisi approfondita sulla rivista peer-reviewed Biotechnology and Bioengineering ha rilevato che i costi di produzione negli impianti di produzione di carne “probabilmente precluderebbero l’accessibilità economica dei loro prodotti come cibo”.

Molti dei veterani del settore con cui ho parlato erano ancora più ribassisti. Joel Stone è un consulente specializzato in biotecnologie industriali. Gli ho chiesto quanto fosse probabile che nel corso della mia vita anche il 10% della fornitura di carne degli Stati Uniti venisse coltivata.

“Se avessi intenzione di scommettere su questo, le probabilità sarebbero pari a zero”, ha detto in tono piatto.

Immagine

Una fotografia che mostra due spiedini di pollo coltivato marinato di Eat Just che si trovano diagonalmente su un piatto.
Spiedini di pollo coltivato alla griglia preparati presso la sede di Eat Just ad Alameda, in California.Credito…tramite BUONA Carne
Una fotografia che mostra due spiedini di pollo coltivato marinato di Eat Just che si trovano diagonalmente su un piatto.


Durante la mia recente visita agli uffici di Eat Just, ho finalmente avuto la possibilità di provare il prodotto. Nella cucina di prova, gli chef hanno tirato fuori un unico grosso pezzo di pollo coltivato su un piatto bianco scintillante. L’hanno tagliato in sei fette, impiattandone quattro per me con funghi e broccolini sopra una deliziosa purea color lavanda, e ne hanno tenute due per sé e per la mia ospite, la direttrice delle comunicazioni di Eat Just, Carrie Kabat. A quanto pareva, assaggiarlo era ancora un’occasione speciale per loro. “Questo è costato $ 10.000”, ha scherzato uno degli chef.

Il pollo era saporito, con un delicato sapore di umami, ma l’esperienza era più vicina al consumo di tofu o seitan che al pollo, il che ha senso poiché è pieno di proteine ​​vegetali. Non avrebbe mai soddisfatto un mangiatore di carne incallito, che, dopo tutto, era il punto. Allora a cosa è servito tutto questo sforzo?

***

Siamo nel mezzo di una catastrofe globale al rallentatore. Ogni anno che passa, la forza distruttiva del cambiamento climatico diventa sempre più destabilizzante e il danno umano agli animali diventa più estremo. Ma anche i cambiamenti a livello sociale che dovremo apportare per evitare gli esiti peggiori sono travolgenti. È così forte la tentazione di aggrapparsi ai ricordi recenti di un passato meno disordinato.

La carne coltivata incarnava il desiderio di poter cambiare tutto senza cambiare nulla. Non avremmo bisogno di ripensare il nostro rapporto con i Big Mac e il bacon. Potremmo continuare a credere che il mondo sarà sempre come lo conosciamo.

La carne coltivata rappresentava anche una versione allettante di una fantasia profondamente americana: che possiamo acquistare la strada verso un mondo migliore. In un mondo in cui le nostre indulgenze preferite tendono a venire a spese di qualcun altro, o di qualcos’altro , questo era un prodotto che riformulava il consumo come virtù. E per la classe degli investitori è stata la conferma che fare soldi e fare del bene possono davvero essere la stessa cosa.

Infine, è stata una manifestazione della nostra fiducia nella tecnologia e nei sognatori con un prototipo fantasioso, una presentazione e una buona dose di fascino naturale.

In questo contesto, la carne coltivata è sempre sembrata una storia di ottimismo. Riguardava il modo in cui le persone si univano e risolvevano grandi problemi al momento giusto. Riguardava il potenziale infinito dell’ingegno umano, la nostra capacità di rendere possibile l’impossibile.

Ma più tempo ho trascorso in questo settore, più ho sentito che l’intero progetto è fondamentalmente radicato nella disperazione, nel riconoscimento che il vero cambiamento, il cambiamento politico, era impossibile, quindi potremmo anche offrire alle persone una nuova scintillante prodotto da acquistare.

Con mia sorpresa, il signor Tetrick la vide allo stesso modo. “Il motivo per cui utilizziamo carne coltivata ha a che fare con molto pessimismo che nutro riguardo alla capacità degli esseri umani collettivamente di apportare questo cambiamento”, mi ha detto in una conversazione telefonica. “Penso che la dipendenza dalla carne sia così profonda in noi.”

Più tardi, quando abbiamo parlato di persona, gli ho chiesto cosa pensa dei 3 miliardi di dollari che gli investitori investono nella carne coltivata. Quei soldi avrebbero potuto rendere il mondo un posto migliore se indirizzati altrove? Il signor Tetrick ha appollaiato le mani sulle ginocchia per rappresentare due corridori. Il corridore a destra, ha detto, rappresentava l’attivismo di base, il sostegno politico, l’educazione alimentare, la politica agricola, le pratiche lavorative eque, la conservazione degli animali. Il corridore a sinistra era carne coltivata. Se avesse 3 miliardi di dollari, rifletteva, quale sarebbe la scommessa migliore per realizzare il tipo di mondo che dice di volere per primo?

Ha scelto il primo corridore.

In breve, era come se stesse emergendo da un sogno durato anni. Ma prima che potessi chiedergli come avrebbe potuto continuare a guidare l’azienda, ha risposto alla mia domanda. Il fatto è, ha detto, che è meno probabile trovare persone disposte a dare 3 miliardi di dollari al primo corridore. Anche se è una strategia migliore, non è così che funziona il mondo.

“Le persone sono molto più motivate a investire in qualcosa in cui possono ottenere un rendimento piuttosto che a donare qualcosa”, ha affermato. “Penso che sia un peccato, ma penso che sia la realtà.”

Dimentica la nostra dieta per un minuto. Cosa servirà per cambiare questo atteggiamento? Pensiamo che la tecnologia sia veloce e che il cambiamento dal basso verso l’alto sia lento. Ma l’ironia è che a volte le nuove tecnologie non possono decollare senza uno sforzo collaborativo poco affascinante. Senza nuove normative e un’azione politica coraggiosa. Senza conversazioni culturali difficili. Senza un cambiamento effettivo e talvolta scomodo.

Questa storia è stata prodotta in collaborazione con il McGraw Center for Business Journalism presso la Craig Newmark Graduate School of Journalism presso la City University di New York.



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2217
Iscritto il: 24/01/2009, 17:17
 Oggetto del messaggio: Re: Hamaburger sintetico: lo mangiaereste ?
MessaggioInviato: 13/02/2024, 14:17 
Tutta questa storia mi ricorda il famoso romanzo di Crichton, vorrà dire che aspetteremo Hammond e quando il gusto di carne avrà stufato i clienti ci inventeremo qualcosa di più attraente e gustoso. [8D]

Quindi riassumendo mi sembra di capire che il processo non è fattibile nelle tempistiche e qualità adeguate, per avere un hamburger misto vegetale che non sa di carne e che potrebbe essere di topo tanto vale andare su quello fatto di soia.



_________________
"meglio vivere nell'ignoranza che rimanere sconvolti dalla verità"
"dalla vita non ottieni ciò che meriti ma solo ciò che puoi sopportare"
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6984
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Hamaburger sintetico: lo mangiaereste ?
MessaggioInviato: 23/02/2024, 00:44 
Carne coltivata nei chicchi di riso, nuovo cibo ibrido
L'esperimento in Corea



E' sempre più ricco il menù delle alternative sostenibili alla tradizionale carne da allevamento.

Dai laboratori di ricerca coreani arriva infatti il riso di manzo coltivato, un nuovo cibo ibrido ottenuto facendo crescere le cellule di muscolo e grasso bovino sulla superficie e all'interno dei chicchi di riso.

Il risultato è un alimento arricchito di proteine a un costo economico e ambientale inferiore rispetto alla tradizionale carne bovina, che potrebbe essere usato per combattere la malnutrizione nei Paesi più poveri, ma anche come alimento per i soldati in missione o gli astronauti nello spazio. Lo indica lo studio pubblicato sulla rivista Matter dal team di ricerca guidato dalla Yonsei University di Seoul.

Per ottenere il riso ibrido, i ricercatori hanno coltivato le cellule di muscolo e di grasso bovino usando il riso come impalcatura: il vantaggio è doppio, perché i chicchi hanno una struttura porosa che offre sostegno e in più contengono molecole che nutrono le cellule animali, favorendone la crescita. Per facilitare il loro attecchimento, i chicchi sono stati rivestiti di gelatina di pesce, un ingrediente sicuro e commestibile.

Dopo una decina di giorni di coltura in provetta, il riso ibrido è servito. I ricercatori lo hanno cotto al vapore per poi sottoporlo a una serie di analisi tipiche dell'industria alimentare con l'obiettivo di valutarne le proprietà. I risultati dimostrano che il riso ibrido, di color rosa pallido, ha una maggiore consistenza di quello tradizionale e contiene l'8% in più di proteine e il 7% in più di grassi. Il riso a maggior contenuto di cellule muscolari ha un odore che ricorda la carne bovina e le mandorle, mentre il riso con più grasso ha sentori di burro, panna e olio di cocco.

Secondo le stime dei ricercatori coreani, per ogni 100 grammi di proteine prodotte, il riso ibrido comporta l'emissione di circa 6 chili di CO2, mentre la carne bovina ne produce quasi 50. Se commercializzato, il riso ibrido potrebbe costare circa 2,23 dollari al chilo contro i 14,88 dollari della carne bovina.

"La novità dello studio sta nel coltivare le cellule animali usando come scheletro i chicchi di riso, invece delle solite impalcature fatte con proteine di soia o noci", spiega il genetista Michele Morgante, dell'Università di Udine e membro dell'Accademia Nazionale dei Lincei. "Questa tecnica, a detta dei ricercatori coreani, permette alle cellule di crescere meglio e riduce il rischio di allergie alimentari". Restano però diverse perplessità, innanzitutto in merito alla correttezza della stima dell'impatto ambientale, "considerando che, per quanto riguarda le emissioni di gas climalteranti, la coltivazione di riso è seconda solo all'allevamento di bestiame", sottolinea Morgante. Resta poi da valutare la scalabilità della tecnica a livelli industriali per poter realizzare una filiera capace di rispondere alla domanda globale di alimenti proteici. Infine "c'è il problema dell'accettazione da parte dei consumatori, perché questo alimento ibrido non è né carne né riso, ma una cosa completamente nuova".


https://www.ansa.it/canale_scienza/noti ... dce2c.html


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1892
Iscritto il: 15/09/2014, 21:42
Località: E paes tira gardeli
 Oggetto del messaggio: Re: Hamaburger sintetico: lo mangiaereste ?
MessaggioInviato: 24/02/2024, 18:43 
Meglio diventare vegetariani



_________________
Per ogni problema complesso c' è sempre una soluzione semplice.
Ed è sbagliata.
(George Bernard Shaw)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11045
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re: Hamaburger sintetico: lo mangiaereste ?
MessaggioInviato: 25/02/2024, 18:00 
Meglio combattere per avere vera carne e vero cibo da esseri umani.



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 22326
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Hamaburger sintetico: lo mangiaereste ?
MessaggioInviato: 27/02/2024, 14:45 
Stiamo passando da un tipo di allevamento "a terra" ad un allevamento di tipo intensivo per l'animale adàm e questo comporta le stesse identiche incombenze (per i produttori ed allevatori di uomini) che si presentano agli allevatori umani (di bovini, ovini, caprini, suini).

- Riduzione della libertà di movimento delle bestie allevate per migliorarne il controllo
- Utilizzo di metodi vaccinazioni di massa standardizzate per limitare l'uso di farmaci ad hoc
- Limitazione delle libertà personali (dei singoli capi)
- Aggregazione/concentrazione di tutti i capi negli stessi posti

Di conseguenza anche il "pastone" da dare da mangiare alle bestie dovrà essere standardizzato, di facile produzione e senza nessun tipo di variante, MANGIME.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11045
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re: Hamaburger sintetico: lo mangiaereste ?
MessaggioInviato: 27/02/2024, 19:23 
Analisi tecnica impeccabile, caro Max.

La domanda però è: ci riusciranno davvero?


In un'epoca in cui anche il "bestiame" Adàm pretende che il suo cibo,
vegetale o da bestiame che sia
vada nella direzione di un ritorno alla natura,

all' estensivo e non all'intensivo, senza OGM, pesticidi, BIO equo e sostenibile e chi più ne ha più ne metta...


In un'epoca in cui la Creatura Adàm prende finalmente coscienza della sua origine, della sua vera natura, della sua Storia...

Possiamo essere davvero davvero sicuri che la robotizzazione scatterà al momento stabilito giusto in tempo per evitare la rivolta finale?


Perchè non so voi, ma io quando mi guardo intorno, dal vivo o sulla Rete, trovo gente sempre più preparata e sveglia persino sugli argomenti più ostici,

e questo è un processo che vedo andare avanti da ANNI.


Si dice che il diavolo faccia le pentole ma non i coperchi.

Certo la trappola è questa ed è ben tesa all' obiettivo, ma la questione cruciale è... la ricercata "preda" ci andrà davvero alla fine?



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 22326
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Hamaburger sintetico: lo mangiaereste ?
MessaggioInviato: 28/02/2024, 14:22 
Ci sono già riusciti, o meglio è così che operano da sempre, si tratta di una mera "riorganizzazione aziendale".

Noi come specie non abbiamo alcun controllo sul processo, possiamo solo resistere come singoli individui, PECORE NERE, ma in generale c'è poco da fare. Sarebbe come aspettarsi che una mandria di mucche in un recinto dal mattino alla sera decidesse di concerto di andarsene e di non rispettare i propri padroni. Quanto durerebbero d sole nel mondo? Sempre che i padroni non le riportino obtorto collo nel recinto o non le facciano fuori per eliminare la componente genetica DEVIATA.

Come disse il figlio di Girolamo Cardano circa una frase riferitagli da degli strani visitatori accolti dal padre e dichiaratasi "alieni":

Cita:
"Noi di rango basso ci occupiamo di voi, così come quelli di voi dei ranghi più bassi si occupano delle bestie migliori."


L'unica vera soluzione è tornare "selvatici" ma ormai gli ambienti davvero "liberi" anche naturali sono pochissimi e molto remoti. Basti pensare che in tutta Europa non c'è una sola foresta primitiva quindi perfino andarsene a vivere in un bosco vuol dire andare a vivere in un ambiente in parte artificiale. Ed in ogni caso saremmo un animale domesticato in un ambiente selvaggio con quindi 0 possibilità di sopravvivenza.

Una mucca che decide di andarsene a vivere da sola, sempre che riesca a fuggire e ne abbia le capacità cognitive e fisiche quanto dura? Un giorno? Due? Poi viene divorata.

Gli animali DOMESTICATI (non addomesticati, c'è differenza) in natura soccombono perchè sono stati privati, nel processo di domesticazione, degli strumenti per sopravvivere da soli, della necessaria aggressività e spietatezza. L'uomo è una animale domesticato quindi...

Perfino un indios dell'amazzonia senza i rudimenti della civilizzazione (ordine sociale, arco, frecce, fuoco, un tetto) non sopravvive.

Dopo averci abituato ad abbuffarci di antibiotici ad ampio spettro, vaccinazioni preventive di massa, ora ci stanno abituando al mangime e con un pò più di difficoltà al contenimento forzato nei recinti (meglio se recinti di fatto ma percepiti come ALTRO).

Il processo è di una semplicità assoluta nei suoi principi e dal mio punto di vista anche condivisibili se mi metto nei loro panni.

Io farei lo stesso ed allo stesso modo, facendocelo fare da soli visto che sappiamo come si avendo noi stessi soggiogato diverse tipologie di bestie modificandone natura e fisiologia pro dromo nostra.

Bisogna che le persone abbiano il coraggio di rispondere alla presunte fatidiche domande: CHI/COSA SIAMPO SIAMO? DA DOVE VENIAMO? DOVE STIAMO ANDNADO? Queste risposte ci sono, sono semplici, ma è evidente che non possano piacere ed è questo il grande trucco.

Una volta accettate queste realtà, ed avuta la forza e la voglia di rispondere a quelle domande in modo serio e con gli elementi reali a disposizione invece di renderle solo domande retoriche a cui si danno risposte retoriche, si è liberi.

Io mi sento libero, perchè capisco cosa mi sta succedendo, anche se non posso impedirlo.

E' la consapevolezza la vera ed unica forza; purtroppo non serve a nulla a livello generale, e nono servirebbe nemmeno se tutti fossimo consapevoli della nostra natura, ma almeno avere la soddisfazione personale di non essersi fatto trattare da mero bovide, aver almeno avuto il coraggio di fargli vedere il lampo della consapevolezza balenarmi negli occhi prima di essere portato al macello con gli altri.

E' poco, ma meglio poco che niente.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 68 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 22/04/2024, 17:24
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org