Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 32 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1208
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: 432 Hz: la musica, il suono e le frequenze
MessaggioInviato: 05/09/2018, 18:18 
Alighieri Dante ha scritto:
Normalizzazione sta per standardizzazione. Un pó come è stato fatto con le misure di lunghezza, peso, temperatura, corrente elettrica, ecc.

Indubbiamente il significato è quello, solo che a me evoca comunque un' idea di mancanza di libertà... [8] e di fatto è ciò che è avvenuto se oggi si resta legati come standard comune ai 440 Hz.
Diciamo che almeno il singolo può accordare come preferisce ed essere disobbediente.

Posso chiederti cosa pensi per esempio delle esperienze di Maria Renold, citate negli articoli che sono stati postati ?

Cita:
La sua preziosa ricerca ha rilevato, più di una volta, che attraverso la normale intonazione standard basata su un LA a 440 Hz, gli ascoltatori presenti nella stanza cominciavano a polemizzare tra loro e ad assumere perfino comportamenti antisociali.

Quando invece l'intonazione del medesimo pianoforte veniva eseguita seguendo la regola del LA a 432Hz, gli stessi ascoltatori, nuovamente invitati ad assistere al medesimo concerto, rimanevano questa volta piacevolmente colpiti ed entusiasti.

Sull' inquinamento acustico mi trovo d' accordo con te ma non preferirei un totale silenzio, solo suoni più in armonia col creato. :)



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 503
Iscritto il: 15/07/2009, 09:08
Località: Verbania
 Oggetto del messaggio: Re: 432 Hz: la musica, il suono e le frequenze
MessaggioInviato: 06/09/2018, 20:36 
argla ha scritto:
Posso chiederti cosa pensi per esempio delle esperienze di Maria Renold, citate negli articoli che sono stati postati ?

Cita:
La sua preziosa ricerca ha rilevato, più di una volta, che attraverso la normale intonazione standard basata su un LA a 440 Hz, gli ascoltatori presenti nella stanza cominciavano a polemizzare tra loro e ad assumere perfino comportamenti antisociali.

Quando invece l'intonazione del medesimo pianoforte veniva eseguita seguendo la regola del LA a 432Hz, gli stessi ascoltatori, nuovamente invitati ad assistere al medesimo concerto, rimanevano questa volta piacevolmente colpiti ed entusiasti.


Allego la pagina successiva a quella che sopra ho postato.
L'esperimento che citi è come se fosse stato eseguito con due pianoforti diversi.
Nel pianoforte le corde poggiano sul ponticello, il quale, solidale con la tavola armonica, ne trasmette le vibrazioni.
Le corde scavalcano il ponticello con una certa angolazione. Messe in tensione esercitano su di esso una 'carica'. Abbassare il diapason da 440 a 432 Hz significa allentare la tensione delle corde e quindi ridurre la pressione delle stesse sul ponticello. Meno compressa, in tal modo la tavola armonica respira di piú, producendo un suono piú corposo. Nel testo che sotto allego si fa l'esempio opposto, dell'innalzamento del diapason da 440 a 445 Hz. Soli 5 Hz di incremento corrispondono ad un aumento complessivo della trazione delle corde di 445 kg (quello preso a riferimento è un pianoforte Steinway da concerto), il che si traduce in un aumento della pressione sulla tavola armonica di circa 30 kg. 8 Hz di decremento (da 440 a 432) comportano una riduzione della carica maggiore di 30 kg. Ne consegue una importante modifica della resa e qualitá acustica. Se poi il pianoforte è stato male progettato, costruito, regolato, se sono state montate corde sbagliate, il miglioramento ottenuto con l'abbassamento del diapason è approssimabile a quello che si ha, giusto per fare un esempio, premendo e rilasciando con una mano la membrana di un altoparlante.
Ammessa la bontá del musicista (vale il detto di non sparare sul pianista), la ripetitivitá dell'evento, non deve sorprendere la differente resa acustica dello strumento e quindi la migliore presa sugli ascoltatori.
Aggiungo pure che l'accordatura di un pianoforte tradizionale è cosa quantomai incerta. Basta una variazione di umiditá, di temperatura, lo spostamento dello strumento, per alterarla. Ottenere una accordatura stabile e precisa è molto difficile. Dire di aver accordato a 432 è un'approssimazione.
In base al risultato che si vuole raggiungere, accordando si puó tenere il registro dei bassi leggermente calante, crescente negli acuti. Le tre corde colpite da un singolo martello nel registro medio-acuto possono non essere, volutamente, esattamente all'unisono. In definitiva 432 o 440 Hz, relativi multipli e sottomultipli sono un riferimento teorico.
La bellezza di un suono di pianoforte sta anche nelle micro modulazioni frequenziali dovute all'elasticitá dei perni che tendono le corde e alla risposta elastica del complesso tavola armonica-telaio.


Allegati:
Diapason 2.jpg

Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 32 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 29/02/2020, 12:11
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org