Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 175 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 8, 9, 10, 11, 12
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10576
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re: Salute umana K.O. La Legge del Profitto ringrazia.
MessaggioInviato: 09/09/2018, 20:50 
vimana131 ha scritto:
Cita:
http://www.meteoweb.eu/2018/09/vaccini- ... a/1147517/
è improbabile che nel futuro a breve termine la scienza ottenga dei vaccini contro Hiv, tubercolosi e malaria.


Come no... [xx(] [:(!]



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40676
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 26/02/2019, 09:02 
shighella ha scritto:
La causa primaria del Cancro fu scoperta nel 1931 da uno scienziato premio nobel


--------------------------------------------------------------------------------




By Edoardo Capuano - Posted on 01 novembre 2012


Otto Heinrich WarburgUna notizia che ha dell’incredibile: la causa principale del cancro è stata ufficialmente scoperta decenni fa da uno scienziato premio nobel per la medicina nel 1931.

E da allora nulla è stato fatto in base a tale conseguimento, se non continuare a raccogliere in tutto il mondo soldi per la ricerca, attraverso associazioni come ad esempio l’italiana AIRC.

Quando la causa primaria del cancro era già conosciuta.

Pochissime persone in tutto il mondo lo sanno, perché questo fatto è nascosto dall’industria farmaceutica e alimentare.

Nel 1931 lo scienziato tedesco Otto Heinrich Warburg ha ricevuto il Premio Nobel per la scoperta sulla causa primaria di cancro.

Proprio così. Ha trovato la causa primaria del cancro e ha vinto il Premio Nobel.

Otto ha scoperto che il cancro è il risultato di un potere anti-fisiologico e di uno stile di vita anti-fisiologico.

Perché? Poiché sia con uno stile anti-fisiologico nutrizionale (dieta basata su cibi acidificanti) e l’inattività fisica, il corpo crea un ambiente acido (nel caso di inattività, per una cattiva ossigenazione delle cellule).

L’acidosi cellulare causa l’espulsione dell’ossigeno. La mancanza di ossigeno nelle cellule crea un ambiente acido.

Egli ha detto: “La mancanza di ossigeno e l’acidità sono due facce della stessa medaglia: Se una persona ha uno, ha anche l’altro”.

Cioè, se una persona ha eccesso di acidità, quindi automaticamente avrà mancanza di ossigeno nel suo sistema. Se manca l’ossigeno, avrete acidità nel vostro corpo.


Egli ha anche detto: “Le sostanze acide respingono ossigeno, a differenza delle alcaline che attirano ossigeno”.

Cioè, un ambiente acido è un ambiente senza ossigeno.

Egli ha dichiarato: “Privando una cellula del 35% del suo ossigeno per 48 ore è possibile convertirla in un cancro”.

“Tutte le cellule normali hanno il bisogno assoluto di ossigeno, ma le cellule tumorali possono vivere senza di esso”. (Una regola senza eccezioni).

Ph e salute “I tessuti tumorali sono acidi, mentre i tessuti sani sono alcalini.”

Nella sua opera “Il metabolismo dei tumori”, Otto ha mostrato che tutte le forme di cancro sono caratterizzate da due condizioni fondamentali: acidosi del sangue (acido) e ipossia (mancanza di ossigeno).

Ha scoperto che le cellule tumorali sono anaerobiche (non respirano ossigeno) e non possono sopravvivere in presenza di alti livelli di ossigeno.

Le cellule tumorali possono sopravvivere soltanto con glucosio e in un ambiente privo di ossigeno.


Pertanto, il cancro non è altro che un meccanismo di difesa che ha alcune cellule del corpo per sopravvivere in un ambiente acido e privo di ossigeno.

In sintesi:
Le cellule sane vivono in un ambiente ossigenato e alcalino che consente il normale funzionamento. Le cellule tumorali vivono in un ambiente acido e carente di ossigeno.

Importante:

Una volta terminato il processo digestivo, gli alimenti, a secondo della qualità di proteine, carboidrati, grassi, vitamine e minerali, forniscono e generano una condizione di acidità o alcalinità nel corpo. In altre parole … tutto dipende unicamente da ciò che si mangia.

Il risultato acidificante o alcalinizzante viene misurato con una scala chiamata PH, i cui valori vanno da 0 a 14, al valore 7 corrisponde un pH neutro.

È importante sapere come gli alimenti acidi e alcalini influiscono sulla salute, poiché le cellule..per funzionare correttamente dovrebbe essere di un ph leggermente alcalino (poco di sopra al 7).

In una persona sana, il pH del sangue è compreso tra 7.4 e 7.45.

Se il pH del sangue di una persona inferiore 7, va in coma.

Gli alimenti che acidificano il corpo:
Lo zucchero raffinato e tutti i suoi sottoprodotti. (È il peggiore di tutti: non ha proteine, senza grassi, senza vitamine o minerali, solo carboidrati raffinati che schiacciano il pancreas). Il suo pH è di 2,1 (molto acido)
Carne. (Tutti i tipi)
Prodotti di origine animale (latte e formaggio, ricotta, yogurt, ecc)
Il sale raffinato.
Farina raffinata e tutti i suoi derivati. (Pasta, torte, biscotti, ecc)
Pane. (La maggior parte contengono grassi saturi, margarina, sale, zucchero e conservanti)
Margarina.
Caffeina. (Caffè, tè nero, cioccolato)
Alcool.
Tabacco. (Sigarette)
Antibiotici e medicina in generale.
Qualsiasi cibo cotto. (la cottura elimina l’ossigeno aumentando l’acidita’ dei cibi”)
Tutti gli alimenti trasformati, in scatola, contenenti conservanti, coloranti, aromi, stabilizzanti, ecc.

Il sangue si ‘autoregola’ costantemente per non cadere in acidosi metabolica garantire il buon funzionamento e ottimizzare il metabolismo cellulare. Il corpo deve ottenere delle basi minerali alimentari per neutralizzare l’acidità del sangue nel metabolismo, ma tutti gli alimenti già citati (per lo più raffinati) acidificano il sangue e ammorbano il corpo.

Dobbiamo tener conto che CON il moderno stile di vita, questi cibi vengono consumati almeno 3 volte al giorno”, 365 giorni l’anno e tutti questi alimenti sono anti-fisiologici.

Gli alimenti alcalinizzanti:

* Tutte le verdure crude. (Alcune sono acide al gusto, ma all’interno del corpo avviene una reazione è alcalinizzante.”. Altre sono un po acide, tuttavia, forniscono le basi necessarie per il corretto equilibrio). Le verdure crude producono ossigeno, quelle cotte no.

* I Frutti, stessa cosa. Ad esempio, il limone ha un pH di circa 2,2, tuttavia, all’interno del corpo ha un effetto altamente alcalino. (Probabilmente il più potente di tutti - non fatevi ingannare dal sapore acidulo)

* I frutti producono abbastanza ossigeno.

* Alcuni semi, come le mandorle sono fortemente alcalini.

* I cereali integrali: l’unico cereale alcalinizzante è il miglio. Tutti gli altri sono leggermente acidi, tuttavia, siccome la dieta ideale ha bisogno di una percentuale di acidità, è bene consumarne qualcuno. Tutti i cereali devono essere consumati cotti.

Il miele è altamente alcalinizzante.

* La clorofilla la pianta è fortemente alcalina.

(Da qualsiasi pianta) (in particolare aloe vera, noto anche come aloe)

* L’acqua è importante per la produzione di ossigeno. “La disidratazione cronica è la tensione principale del corpo e la radice della maggior parte tutte le malattie degenerative.” Lo afferma il Dott. Feydoon Batmanghelidj.

* L’esercizio ossigena tutto il corpo. “Uno stile di vita sedentario usura il corpo.”

L’ideale è avere una alimentazione di circa il 60% alcalina piuttosto che acida, e, naturalmente, evitare i prodotti maggiormente acidi, come le bibite, lo zucchero raffinato e gli edulcoranti.

Non abusare del sale o evitarlo il più possibile.

Per coloro che sono malati, l’ideale è che l’alimentazione sia di circa 80% alcalina, eliminando tutti i prodotti più nocivi.

Se si ha il cancro il consiglio è quello di alcalinizzare il più possibile.”

Inutile dire altro, non è vero?

Dr. George W. Crile, di Cleveland, uno dei chirurghi più rispettati al mondo, dichiara apertamente: “Tutte le morti chiamate naturali non sono altro che il punto terminale di un saturazione di acidità nel corpo.”

Come precedentemente accennato, è del tutto impossibile per il cancro di comparire in una persona che libera il corpo dagli acidi con una dieta alcalina, che aumenta il consumo di acqua pura e che eviti i cibi che producono acido.

In generale, il cancro non si contrae e nemmeno si eredita. Ciò che si eredita sono le abitudini alimentari, ambientali e lo stile di vita. Questo può produrre il cancro.

Mencken ha scritto: “La lotta della vita è contro la ritenzione di acido”.“Invecchiamento, mancanza di energia, stress, mal di testa, malattie cardiache, allergie, eczema, orticaria, asma, calcoli renali, arteriosclerosi, tra gli altri, non sono altro che l’accumulo di acidi”.

Dr. Theodore A. Baroody ha detto nel suo libro “Alcalinizzare o morire” (alcaline o Die):

” In realtà, non importa i nomi delle innumerevoli malattie Ciò che conta è che essi provengono tutti dalla stessa causa principale: Molte scorie acide nel corpo”

Dr. Robert O. Young ha detto:

“L’eccesso di acidificazione nell’organismo è la causa di tutte le malattie degenerative. Se succede una perturbazione dell’equilibrio e un corpo inizia a produrre e immagazzinare più acidità e rifiuti tossici di quelli che è in grado di eliminare allora le malattie si manifestano.”

E la chemioterapia ?

La chemioterapia acidifica il corpo a tal punto che ricorre alle riserve alcaline del corpo immediatamente per neutralizzare l’acidità tale, sacrificando basi minerali (calcio, magnesio e potassio) depositati nelle ossa, denti, articolazioni, unghie e capelli.

Per questo motivo osserviamo tali alterazioni nelle persone che ricevono questo trattamento e tra le altre cose la caduta dei capelli. Per il corpo non vuol dire nulla stare senza capelli, ma un pH acido significherebbe la morte.

Niente di tutto questo è descritto o raccontato perché, per tutte le indicazioni, l’industria del cancro (leggi: industria farmaceutica) e la chemioterapia sono alcune delle attività più remunerative che esistano..Si parla di un giro multi-milionario e i proprietari di queste industrie non vogliono che questo sia pubblicato.

Tutto indica che l’industria farmaceutica e l’industria alimentare sono un’unica entità e che ci sia una cospirazione in cui si aiuta l’altro al profitto.

Più le persone sono malate, più sale il profitto dell’industria farmaceutica. E per avere molte persone malate serve molto cibo spazzatura, tanto quanto ne produce l’industria alimentare.

Quanti di noi hanno sentito la notizia di qualcuno che ha il cancro e qualcuno dire: “… Poteva capitare a chiunque …”

No, non poteva!

“Che il cibo sia la tua medicina, la medicina sia il tuo cibo”.
Ippocrate (il padre della medicina )

http://www.ecplanet.com/node/3619

Fonte: pmbeautyline.wordpress.com

(cliccare per ingrandire)
Fais.jpg


Per chi avesse ancora dei dubbi, quello che parla è il Direttore del Reparto
Farmaci Anti-Tumorali dell'Istituto Superiore della Sanità........... [:305]

Guarda su youtube.com



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3637
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: Salute umana K.O. La Legge del Profitto ringrazia.
MessaggioInviato: 26/02/2019, 11:51 
Thethirdeye ha scritto:
In questo topic mi piacerebbe raccogliere tutti quegli articoli, con chiari riferimenti scientifici, in grado di dimostrare che la Legge del Profitto prevale su ogni cosa. Anche sulla vita umana. E che ci sono Aziende Multinazionali (farmaceutiche e non solo) che pur di generare profitti da capogiro, non hanno avuto, e non hanno tuttora, nessun tipo di scrupolo nel diffondere informazioni errate e fuorvianti su cure e/o prodotti che - invece di essere salutari per la vita umana - sono assolutamente DELETERI.

Un grazie sentito a coloro i quali mi aiuteranno in questa ricerca [;)]


Grazie TTE del topic, perfino il Ministero ora ammette:

http://www.salute.gov.it/portale/news/p ... ro&id=2750

Vuoi che l'OMS non lo sapesse prima? Il demonio Rockefeller ha investito molto nella medicina, e i suoi amici del farmaco hanno incassato sulle malattie indotte dalle medicine di sintesi, alterando l'equilibrio naturale con la disper-sione nell'ambiente di sostanze dagli effetti collaterali disastrosi.
Fa tutto parte del piano di autodistru-zione, il loro motto è: " Il danno produce ricchezza".

Ulteriore prova che la scienza è satanismo.



_________________
Qualcuno vuole vedere che fine fanno i ribelli?
https://www.scambiofigu.net/host/up/8dcda1bfb827.jpg
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1052
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Re:
MessaggioInviato: 26/02/2019, 16:58 
Thethirdeye ha scritto:
Per chi avesse ancora dei dubbi, quello che parla è il Direttore del Reparto
Farmaci Anti-Tumorali dell'Istituto Superiore della Sanità........... [:305]

Guarda su youtube.com


Dubbi io non ne avevo ma sono arrivata comunque in fondo coi capelli dritti in testa. Sono anni che scherzando dico che preferirei farmi curare dal veterinario... mi sa che c' avevo preso. [xx(]

Dice il Dott. Stefano Fais " la paura rende stupidi ", aggiungerei anche l' avidità.
Speriamo che qualcosa cambi in fretta perché in ogni famiglia ci sono "caduti" in questa guerra...
Nel frattempo video come questi possono salvare la vita. Grazie mille della condivisione, Tte.



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4433
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Salute umana K.O. La Legge del Profitto ringrazia.
MessaggioInviato: 06/04/2019, 22:02 
Cita:

La famiglia che voleva guadagnare curando l’epidemia che aveva creato
Sono i Sackler, proprietari della casa farmaceutica Purdue, che contribuì in modo determinante alla crisi degli oppioidi con il farmaco OxyContin


Un’inchiesta del New York Times e due cause legali nello stato di New York e nel Massachusetts accusano la casa farmaceutica Purdue Pharma, produttrice dell’oppioide Oxycontin, di aver cercato di trarre profitto curando una dipendenza che lei stessa aveva contribuito in maniera determinante a creare. È l’ultimo sviluppo dell’enorme questione della cosiddetta “epidemia degli oppioidi”, una delle più gravi piaghe sociali ad aver colpito gli Stati Uniti negli ultimi trent’anni: un fenomeno poco raccontato all’estero, ma che è stato centrale nel dibattito pubblico americano degli ultimi anni.

Il contesto, in breve
Gli oppioidi sono farmaci con effetti simili a quelli della morfina, e quindi usati principalmente per la gestione del dolore. Cominciarono a essere sintetizzati nel primo Novecento, ma la loro diffusione è molto più recente e risale agli anni Novanta. In quel periodo la casa farmaceutica Purdue mise sul mercato l’ossicodone, commercializzato come OxyContin, e cominciò una campagna di marketing molto aggressiva per convincere i medici a prescriverlo come sollievo per il dolore, sostenendo che potesse essere usato per trattare i dolori cronici senza problemi di dipendenza.

La strategia funzionò molto bene. L’OxyContin si diffuse capillarmente, non solo tra i malati ma anche tra gli amici e i familiari, compresi i figli adolescenti dei pazienti che lo usavano, e presto si sviluppò anche un mercato nero. I medici abusarono delle prescrizioni di ossicodone, e in moltissimi casi i pazienti cominciarono a prolungarne l’assunzione anche oltre i laschi termini raccomandati dai medici. Gli Stati Uniti, dove il sistema sanitario basato sulle assicurazioni rende certe terapie molto costose, furono un terreno fertile per la diffusione degli oppioidi, che garantivano sollievo dal dolore e anche un apparente miglioramento dell’umore.

Ma l’ossicodone creava gravi problemi di dipendenza, e presto sul mercato arrivarono alternative ancora più pericolose come il fentanyl, il farmaco cento volte più potente della morfina per cui morì il cantante Prince. Il suo fu un caso tutto meno che isolato. Le morti per overdose da farmaci negli Stati Uniti sono diventate frequentissime negli ultimi vent’anni: si stima che dal 1999 siano state 700mila, in buona parte legate proprio agli oppioidi. Nonostante il ruolo centrale avuto per via della diffusione dell’ossicodone, Purdue Pharma è solo una delle molte case farmaceutiche coinvolte nella crisi degli oppioidi.

Purdue e la famiglia Sackler
Attualmente la casa farmaceutica Purdue sta affrontando circa 1.600 cause legali negli Stati Uniti: l’accusa è che abbia contribuito in maniera determinante, con le sue strategie di marketing aggressive e irresponsabili, a creare e alimentare l’epidemia di oppioidi. Purdue è di proprietà della famiglia Sackler, accusata da molte inchieste giornalistiche e cause legali di aver continuato a promuovere il farmaco come alternativa sicura agli antidolorifici anche quando aveva a disposizione abbondanti prove scientifiche che non era così. Richard Sackler, ex presidente di Purdue, è accusato dal procuratore generale del Massachusetts di aver cercato di presentare OxyContin come “non-narcotico” nonostante non lo fosse, rinunciando solo su pressione dello stesso creatore del farmaco.

Molte delle cause affrontate negli anni da Purdue si sono concluse: nel 2007, per esempio, in un processo federale la società dovette dichiararsi colpevole di aver ingannato dottori, pazienti ed enti di controllo sui rischi di dipendenza e di abuso dell’ossicodone. Dovette pagare 600 milioni di dollari di multe e risarcimenti.

Project Tango
Negli scorsi giorni è emerso un nuovo sviluppo. Purdue e la famiglia Sackler sono accusate di aver architettato un sistema per trarre profitto dalla cura dei problemi di dipendenza creati da OxyContin. Uno dei documenti interni diffusi nell’ambito della causa legale nello stato di New York dice che «il trattamento del dolore e la dipendenza sono naturalmente legati», e mostra un grafico che sembra indicare direttamente una correlazione tra il numero di pazienti che usano l’oppioide e quelli potenzialmente interessati alla cura per la dipendenza.

Immagine

Il piano fu accantonato nel 2014, ma secondo il New York Times dal 2016 i piani per vendere farmaci contro la dipendenza come il naloxone o la buprenorfina furono nuovamente attivati, ottenendo anche brevetti e approvazioni. Purdue ha risposto negando le accuse, e ricordando di aver aderito a varie iniziative benefiche per combattere le dipendenze da oppioidi, citando una donazione di 75 milioni di dollari a un centro di cura di Tulsa, in Oklahoma. Ma quella donazione fu il risultato di un pateggiamento in una delle varie cause legali mosse contro l’azienda: Purdue, quindi, ha provato a prendersi il merito di una cosa che è stata costretta a fare per legge.

Purdue sostiene anche che nessun membro del consiglio di amministrazione della società ebbe a che fare con il Project Tango, anche se la causa nello stato di New York sostiene che almeno Kathe Sackler – che faceva parte del consiglio – avesse partecipato alla sua revisione.





https://www.ilpost.it/2019/04/06/oppioi ... in-purdue/


Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4380
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Salute umana K.O. La Legge del Profitto ringrazia.
MessaggioInviato: 30/04/2019, 10:54 
Grande guerra farmaceutica: L'India critica la crociata degli USA contro i farmaci a basso costo


Immagine


______________________________________________
La spinta di Washington per i diritti di proprietà intellettuale nell'industria farmaceutica è un attacco all'industria farmaceutica indiana, secondo New Delhi, mentre un rapporto del governo americano accusa l'India di distribuire farmaci contraffatti in tutto il mondo.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯



¯
Le autorità di New Delhi sono rimaste sbigottite dal fatto che il "Rapporto speciale 301" pubblicato ieri dal USTR ha identificato l' India, insieme alla Cina, come le principali fonti globali di farmaci contraffatti. Il documento, che esamina lo stato della protezione della proprietà intellettuale in tutto il mondo, sostiene anche che fino al 20% dei farmaci venduti sul mercato indiano sono falsi e rappresentano un pericolo per la salute e la sicurezza pubblica.

Nel frattempo, il funzionario sanitario indiano ha respinto le conclusioni del rapporto affermando che le accuse hanno lo scopo di mettere sotto pressione farmaci generici a prezzi accessibili. "Siamo fortemente in disaccordo con le osservazioni fatte da USTR. Non conosciamo la genesi e la metodologia delle loro ricerche. Invece, consideriamo questa una opposizione ai generici a basso costo e alla fiorente industria manifatturiera indiana," ha dichiarato ai media locali il segretario alla salute Preeti Sudan.

Il funzionario ha sostenuto che i farmaci generici sono prodotti a basso costo ma di qualità e assicurano che solo le medicine certificate vengono esportate dall'India. Il rapporto USTR, tuttavia, pone l'India in una "lista di controllo prioritario" per la violazione dei diritti dei detentori di brevetti statunitensi, in particolare nel settore farmaceutico.

Sul fatto che l'India sia stata trattata ingiustamente dal governo degli Stati Uniti è un parere nel frattempo condiviso anche da MSF (Medici senza frontiere). In un comunicato stampa pubblicato ieri, la ONG medica ha dichiarato che i risultati del rapporto sono "in linea" con le richieste dei grandi operatori farmaceutici di stringere gli standard di proprietà intellettuale. Questi appelli , tuttavia, possono alla fine privare molte persone in tutto il mondo di cure mediche a prezzi accessibili, avverte MSF.

"In un momento in cui i prezzi delle medicine aumentano vertiginosamente, il rapporto mina gli sforzi per rendere i farmaci più accessibili sul mercato interno.
La spinta di USTR per una maggiore protezione e applicazione delle politiche sulla proprietà intellettuale manterrebbe alti i prezzi della medicina a livello globale e metterebbe i trattamenti salva-vita fuori dalla portata dei paesi in via di sviluppo“.

L'India è il più grande produttore di farmaci generici al mondo con le sue esportazioni che coprono il 40% della domanda generica negli Stati Uniti e il 25% di tutto il mercato della medicina nel Regno Unito. Il suo mercato farmaceutico è stato valutato 33 miliardi di dollari nel 2017 e dovrebbe raggiungere i 55 entro il 2020.
_



Fonte



Salute umana K.O.
La Legge del Profitto ringrazia.

Già.



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4380
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Salute umana K.O. La Legge del Profitto ringrazia.
MessaggioInviato: 12/05/2019, 15:21 
Usa, sotto accusa venti aziende farmaceutiche: “Hanno gonfiato i prezzi dei farmaci generici fino al 1.000%”


Immagine


______________________________________________
Le procure di 44 Stati Usa hanno fatto causa alle ditte, comprese Teva, Pfizer, Novartis e Mylan. Sono più di 100 i farmaci tra cui quelli contro HIV, cancro, diabete, asma, colesterolo alto, ma anche antibiotici e antidepressivi. Il procuratore del Connecticut: "È una delle più vergognose e dannose cospirazioni per la determinazione dei prezzi nella storia del nostro paese"
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯



¯
Venti multinazionali farmaceutiche, tra cui Teva, Pfizer, Novartis e Mylan, avrebbero preso accordi illegali per gonfiare i prezzi dei farmaci generici fino al 1.000%. Con questa accusa, le procure generali di 44 Stati Usa hanno fatto causa alle aziende. L’azione legale, frutto di cinque anni di indagini, è stata presentata dal procuratore generale del Connecticut, William Tong, e nomina specificatamente 15 persone tra dirigenti responsabili delle vendite, del marketing e dei prezzi. Il procuratore l’ha definita “una delle più vergognose e dannose cospirazioni per la determinazione dei prezzi nella storia degli Stati Uniti”.

Sono più di 100 i farmaci a cui sono stati gonfiati i prezzi. Tra cui: lamivudine-zidovudine, che tratta l’HIV; budesonide, un farmaco per l’asma; fenofibrate, che tratta il colesterolo alto; anfetamina-dextroamphetamine per l’iperattività e i deficit di attenzione, ma anche antibiotici orali, fluidificanti del sangue, farmaci contro il cancro, il diabete, contraccettivi e antidepressivi. “Sappiamo tutti che i farmaci prescritti possono essere costosi”, ha detto Gurbir Grewal, procuratore generale del New Jersey. “Ora sappiamo che gli alti prezzi dei farmaci sono stati spinti in parte da un complotto illegale tra le compagnie di farmaci generici per gonfiare i loro prezzi”.

La denuncia, secondo quanto riporta il New York Times, sostiene che i cospiratori sapevano che i loro sforzi per contrastare la concorrenza erano illegali e che quindi evitavano di produrre documenti scritti, preferendo stringere accordi durante pasti, feste, gite a golf e altri eventi. “Abbiamo prove forti che mostrano come l’industria dei farmaci generici abbia perpetrato una frode multimiliardaria ai danni del popolo americano”, ha spiegato Tong. “Abbiamo email, sms, telefonate registrate ed ex insider delle aziende con cui crediamo di poter provare la cospirazione pluriennale per stabilire i prezzi e dividere le quote di mercato”. I pubblici ministeri hanno dichiarato che la frode ha influenzato negativamente l’economia nazionale per miliardi di dollari. Inoltre, ha danneggiato i piani sanitari statali e i programmi federali di assistenza medica come Medicare e Medicaid.

La Teva, “azienda leader della cospirazione”
Una delle società accusate, la Teva Pharmaceuticals, è il più grande produttore di farmaci generici al mondo. Ad ora ha negato ogni accusa. Ma secondo gli inquirenti la maggior parte dell’attività collusiva si è verificata proprio in riferimento a questa azienda, che tra luglio 2013 e gennaio 2015, ha aumentato i prezzi su quasi 400 formulazioni di 112 farmaci generici. Lo schema utilizzato, poi, si sarebbe strutturato secondo un vero e proprio cartello. Cioè un accordo tra le diverse aziende per concordare i prezzi gonfiati in modo che ognuna di esse potesse mantenere una “giusta quota” dei mercati dei farmaci generici. Sebbene gli atti dipingano la Teva Pharmaceuticals come il leader nella cospirazione, il comportamento illegale viene definito come “pervasivo a livello industriale”. In risposta alle denunce, Teva ha rilasciato un comunicato in cui respinge ogni addebito illegale: “Teva continua a rivedere la questione internamente e non si è impegnata in alcuna condotta che potrebbe portare a responsabilità civile o penale”. Anche Pfizer ha negato tutto. L’azienda ha detto che Greenstone, una sua filiale che produce farmaci generici, “è stata per decenni una fornitrice affidabile di farmaci generici a prezzi accessibili e intende difendersi con forza da queste affermazioni”.
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 8182
Iscritto il: 03/12/2008, 18:42
Località: romagnano sesia
 Oggetto del messaggio: Re: Salute umana K.O. La Legge del Profitto ringrazia.
MessaggioInviato: 03/08/2019, 10:23 
cari amici,

Cita:
Piero De Bernardi, 69 anni, meccanico in pensione, fino a mercoledì scorso non riusciva più a muovere la gamba e il braccio sinistro, a causa di una paresi, provocata da un ematoma nel lato destro del cranio. Ieri, invece, camminava tranquillo fra i corridoi del reparto di Neurochirurgia dell’Ospedale di Legnano. Niente stress da intervento, nessuna anestesia da smaltire. Piero è stato il primo paziente del nosocomio ad essere operato sotto ipnosi, anziché sotto anestesia. In Italia sono rarissimi i casi di utilizzo di questa tecnica in neurochirurgia: al momento esistono solo tre pubblicazioni.


http://www.msn.com/it-it/notizie/italia ... ar-AAFe6qX

si conoscono queste cose da almeno 100 anni, ma grazie anche al cicap, le case farmaceutiche non permetteranno.... [;)]


ciao
mauro



_________________
sono lo scuro della città di Jaffa
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4433
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Salute umana K.O. La Legge del Profitto ringrazia.
MessaggioInviato: 18/09/2019, 21:45 
Cita:

L’antidolorifico Oxycontin crea dipendenza: Purdue Pharma dichiara fallimento dopo la morte di 400 mila persone

L’antidolorifico oppioide sostituto della morfina fu commercializzato in modo aggressivo, ingannando medici e pazienti sui rischi di dipendenza e sovradosaggio, causando quindi la morte di quasi 400mila persone


Oxycontin crea dipendenza. L’antidolorifico prodotto da Purdue Pharma è nocivo e letale, tanto che l’azienda stessa ha dovuto dichiarare fallimento. L’azienda farmaceutica produttrice di Oxycontin, farmaco diventato emblema dell’epidemia di oppioidi negli Stati uniti, ha presentato istanza di fallimento e annunciato un piano da 10 miliardi di dollari per risolvere più di 2mila cause legali intentate da Stati e governi locali che accusano la società di aver provocato un’epidemia di dipendenza da oppiacei negli Usa.

Secondo l’accusa, l’antidolorifico oppioide sostituto della morfina fu commercializzato in modo aggressivo, ingannando medici e pazienti sui rischi di dipendenza e sovradosaggio, causando quindi la morte di quasi 400mila persone tra il 1999 ed il 2017.

Gran parte del denaro che la società verserà ai querelanti verrà usata per creare una nuova società gestita dagli stessi denuncianti: sarà una società pubblica, in una formula per cui tutti i suoi proventi andranno agli stati, alle città e alle comunità che hanno fatto causa a Purdue.

La nuova società, inoltre, dovrà produrre farmaci che servano a contrastare la dipendenza da oppioidi.

Steve Miller, presidente del consiglio di amministrazione di Purdue Pharma, ha dichiarato: “L’accordo evita di sprecare centinaia di milioni di dollari e anni in contenziosi prolungati, invece fornirà miliardi di dollari e risorse alle comunità di tutto il paese che cercano di affrontare la crisi degli oppioidi”.

“Continueremo a lavorare con i procuratori generali e i rappresentanti di tutti i querelanti per finalizzare questo accordo il più rapidamente possibile”, ha concluso.




http://www.meteoweb.eu/2019/09/antidolo ... a/1315030/


Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4433
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Salute umana K.O. La Legge del Profitto ringrazia.
MessaggioInviato: 27/09/2019, 17:29 
Cita:


Cresce la spesa per i farmaci anticancro, +659 mln in un anno


Un'esplosione, frutto del progresso della ricerca. La spesa per i farmaci anticancro in Italia è aumentata di oltre 650 milioni di euro in un anno: passando da 5 miliardi nel 2017 a 5 miliardi e 659 milioni nel 2018. Non solo: in 5 anni (2013-2017) nel mondo sono stati commercializzati 54 nuovi trattamenti anticancro e l'Italia ha garantito (entro il 2018) la disponibilità per 35 di queste molecole innovative, collocandosi al quinto posto a livello internazionale dopo Stati Uniti (52), Germania (43), Regno Unito (41), Francia (37), e davanti a Canada (33), Spagna (30) e Giappone (29). Proprio sulla sfida della sostenibilità dei sistemi sanitari si confrontano più di 24 mila esperti al Congresso della Società europea di oncologia medica (Esmo, European Society for Medical Oncology), che si apre oggi a Barcellona.

E grazie alla ricerca, anche la prevenzione - prima arma per combattere i tumori - diventa personalizzata. "Circa il 40% delle neoplasie può essere evitato seguendo uno stile di vita sano (no al fumo, attività fisica costante e dieta corretta) - afferma Stefania Gori, presidente nazionale dell'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) e direttore Dipartimento oncologico, Irccs ospedale Sacro Cuore Don Calabria-Negrar (Verona) - In Italia il 34,5% dei cittadini è sedentario, il 31,6% è in sovrappeso, il 10,9% obeso e il 25,7% fuma. Per invertire la tendenza, serve maggiore consapevolezza anche da parte degli operatori sanitari: solo un fumatore su 2 ha ricevuto il consiglio di smettere, suggerimenti sull'attività fisica sono stati forniti solo al 30% dei cittadini e meno della metà delle persone obese o in sovrappeso ha ottenuto dal proprio medico indicazioni per perdere peso". Ma sugli stili di vita è possibile definire programmi di prevenzione 'personalizzata', in relazione all'età e alle abitudini. "Inoltre, in alcuni tumori, oggi si stanno delineando percorsi di prevenzione su misura", aggiunge.

Nel 2019, in Italia, sono stimati 371 mila nuovi casi di cancro. "Il 5-7% dei tumori della mammella e il 10-20% delle neoplasie dell'ovaio sono dovuti a una predisposizione ereditaria, riconducibile in particolare alle mutazioni dei geni Brca1 e Brca2 - continua Gori - Questo significa che, nel nostro Paese, ogni anno circa 3 mila casi di carcinoma della mammella e circa mille all'ovaio potrebbero essere evitati o individuati in fase molto precoce proprio adottando strategie mirate ed efficaci. E' quindi fondamentale che il test Brca venga eseguito nei familiari sani delle pazienti in cui è stata individuata una variante dei geni Brca1/2 e che, in caso di positività, venga loro offerto gratuitamente il programma di prevenzione, eventualmente con l'introduzione di un codice di esenzione per malattie genetiche ereditarie". L'identificazione di una frazione di pazienti con carcinoma prostatico o pancreatico metastatico portatori della mutazione "sta inoltre aprendo nuovi orizzonti anche per quanto riguarda la valutazione dei loro familiari sani: nel caso risultino portatori sani di mutazione Brca, dovranno essere avviati a percorsi di prevenzione. E', quindi, un nuovo mondo in espansione per una prevenzione dei tumori".

Anche per i forti fumatori si stanno delineando percorsi su misura per la prevenzione del cancro del polmone. "Sulla base dei risultati di studi internazionali - spiega Giordano Beretta, presidente eletto Aiom e responsabile dell'Oncologia medica all'Humanitas Gavazzeni di Bergamo - vi sono i presupposti per implementare lo screening per il carcinoma polmonare (con Tac spirale a basso dosaggio) in popolazioni selezionate: in questo contesto, la possibilità di abbinare allo screening radiologico l'analisi di biomarcatori nell'ambito di studi clinici controllati rappresenta un'opportunità di grande interesse scientifico, che potrebbe aprire nuove prospettive nella prevenzione e nel trattamento di questa grave malattia".

"La sfida futura - continua Beretta - è arrivare a una prevenzione personalizzata di ogni persona sulla base dei rischi genetici e, quindi, non modificabili solo con gli stili di vita. Solo uno sviluppo di organizzazione, terapia e prevenzione personalizzata potrà offrire benefici tali da mantenere la sostenibilità del sistema sanitario, guarendo al contempo un numero sempre maggiore di pazienti".

In Italia oggi la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi raggiunge il 63% nelle donne e il 54% negli uomini. Circa 3 milioni e mezzo di persone vivono dopo la scoperta della malattia, cifra in costante crescita. "La malattia sta diventando sempre più cronica grazie ad armi efficaci come l'immuno-oncologia e le terapie a bersaglio molecolare che si aggiungono a chirurgia, chemioterapia, ormonoterapia e radioterapia - sottolinea Beretta - Evidenti i risultati in alcune delle neoplasie più frequenti: la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi raggiunge il 92% nel tumore della prostata, l'87% nella mammella, il 79% nella vescica e il 65% nel colon-retto".

"Sul fronte dell'organizzazione - conclude Gori - la svolta è rappresentata dalla reale istituzione delle reti oncologiche regionali, attive solo in Piemonte e Valle D'Aosta, Veneto, Toscana, Umbria, Liguria, Provincia autonoma di Trento, Puglia e Campania, oltre che in Lombardia ed Emilia-Romagna, pur se con configurazioni differenti. La concreta realizzazione di questi network consentirà di migliorare i livelli di appropriatezza, di estendere a tutti i cittadini i programmi di prevenzione e di risparmiare risorse da utilizzare per velocizzare l'accesso ai farmaci innovativi".

STUDI: "NUOVI FARMACI NON SEMPRE VALGONO IL COSTO EXTRA" - Non sempre nuovo è sinonimo di migliore, almeno nei caso dei farmaci anticancro. Se l'immunoterapia si è aggiudicata l'ultimo Nobel per la Medicina e le terapie con cellule Car-T cominciano ad arrivare sul mercato suscitando grandi speranze, non tutti i frutti della ricerca sono davvero preziosi, almeno secondo alcune ricerche presentate oggi al Congresso 2019 Esmo (European Society for Medical Oncology) di Barcellona, che hanno passato al microscopio le molecole introdotte negli ultimi 10-15 anni. Ebbene, "molti nuovi anti-cancro hanno poco valore aggiunto per i pazienti rispetto ai trattamenti standard e raramente valgono il costo extra", affermano gli autori di due studi che hanno esaminato beneficio clinico e prezzi di questi farmaci in Europa e negli Stati Uniti.

Gli studi hanno cercato di capire se i costi di trattamento mensili dei medicinali introdotti negli ultimi 10-15 anni per i tumori solidi fossero associati a punteggi clinici migliori in termini di sopravvivenza, ma anche di complicanze e qualità della vita, rispetto al trattamento standard. "La maggior parte dei nuovi farmaci antitumorali ha un basso valore aggiunto, quindi medici e pazienti non dovrebbero supporre che, solo perché un farmaco è nuovo, sarà meglio", ha detto Marc Rodwin della Suffolk University di Boston (Usa), co-autore di uno dei due studi, condotto sui nuovi anticancro arrivati sul mercato in Francia.

In questo lavoro, quasi la metà dei nuovi farmaci approvati in Europa tra il 2004 e il 2017 per il trattamento dei tumori solidi aveva punteggi spia di un basso valore aggiunto sulla scala Esmo Magnitude of Clinical Benefit, e oltre due terzi totalizzavano un basso valore aggiunto sulla scala di classificazione utilizzata dall'agenzia regolatoria francese. In media, i nuovi costi sono stati superiori di 2.525 euro al mese rispetto alle terapie standard per la stessa malattia. "Il primo studio in Francia a correlare il prezzo con parametri indipendenti per misurare il valore aggiunto ha dimostrato che, sebbene esista un legame tra costo e beneficio aggiunto, questo è debole", ha affermato Rodwin.

Nel secondo studio - sui farmaci approvati per i tumori solidi negli adulti in quattro Paesi europei e negli Stati Uniti dal 2009 al 2017, non è emerso alcun legame tra costo del farmaco e beneficio clinico. Complessivamente, inoltre, i prezzi medi dei farmaci antitumorali in Europa sono risultati meno della metà di quelli statunitensi.

Più in dettaglio, il costo medio mensile per medicinali risultati di basso beneficio variava da 4.361-5.273 dollari nei Paesi europei a 12.436 dollari negli Stati Uniti. Ma soprattutto "i costi dei farmaci non erano associati a un beneficio clinico in nessuno dei Paesi esaminati. Ad esempio, alcuni dei medicinali più costosi per il carcinoma della prostata e del polmone in Svizzera avevano punteggi (Esmo-Mcbs) più bassi, mentre i più economici totalizzavano punteggi più alti", ha spiegato Kerstin Vokinger dell'Università di Zurigo. "E' importante - ha concluso - che i prezzi dei farmaci siano allineati al valore clinico, e che le nostre limitate risorse siano spese per medicinali innovativi che offrono risultati migliori".




https://www.adnkronos.com/salute/medici ... refresh_ce


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 175 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 8, 9, 10, 11, 12

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 22/10/2019, 05:09
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org