Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4822 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 315, 316, 317, 318, 319, 320, 321, 322  Prossimo
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 9527
Iscritto il: 01/11/2011, 19:28
Località: Astana
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 13:35 
Immagine

Sono già 2 ore che svolazza li a bassissima quota.
Tra mezzora se ne ritornerà a casa.



_________________
ImmagineImmagine“El saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!”ImmagineImmagine
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12999
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 13:38 
@Te che idea ti sei fatto allora?



_________________
niente è come sembra, tutto è come appare
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20088
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 13:52 
come scritto di solito quelle sono rotte fatte o per aerofotogrammetria (ma ancora si usano gli aerei? Ormai ci soni droni che lo fanno da remoto) o per mappatura o per irrorare i campi. Non è che ci si muove in quel modo per sfizio eh....



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2605
Iscritto il: 16/12/2015, 09:33
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 14:08 
sottovento ha scritto:
@Te che idea ti sei fatto allora?

È quello che mi piacerebbe sapere anche io.
Vorrei capire che teorie ci sono dietro.


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 9527
Iscritto il: 01/11/2011, 19:28
Località: Astana
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 14:11 
sottovento ha scritto:
@Te che idea ti sei fatto allora?


Al momento nessuna idea


Come previsto ha terminato il turno di 3 ore e stà rientrando a Genova

Immagine Immagine

Ha fatto su e giù circa 33 volte per un totale di 1320 Km



_________________
ImmagineImmagine“El saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!”ImmagineImmagine
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 589
Iscritto il: 24/03/2009, 14:47
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 15:11 
Wolframio ha scritto:
sottovento ha scritto:
@Te che idea ti sei fatto allora?


Al momento nessuna idea


Ho letto che in altri paesi utilizzano i sorvoli per rilevare quelli con la febbre che vanno in giro.
Potrebbe essere una spiegazione.


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 9527
Iscritto il: 01/11/2011, 19:28
Località: Astana
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 15:16 
alcar ha scritto:
Wolframio ha scritto:
sottovento ha scritto:
@Te che idea ti sei fatto allora?


Al momento nessuna idea


Ho letto che in altri paesi utilizzano i sorvoli per rilevare quelli con la febbre che vanno in giro.
Potrebbe essere una spiegazione.


[:)] Buona idea, considerando anche che questo di oggi volava sotto i 700 metri

Immagine Immagine



_________________
ImmagineImmagine“El saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!”ImmagineImmagine
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20088
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 15:35 
O_o cioè da 700 metri di altezza si riesce a rilavare una differenza di temperatura di 1\2° C al volo tra gente che magari è assembrata o a singoli individui? mi sembra già abbastanza difficile con droni che volano a 10\15 metri... Parlando ovviamente di mezzi civili... dubito che quegli arerei siano dotati di iper tecnologie fantasmagoriche... M magari è mia ignoranza.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 589
Iscritto il: 24/03/2009, 14:47
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 17:29 
MaxpoweR ha scritto:
O_o cioè da 700 metri di altezza si riesce a rilavare una differenza di temperatura di 1\2° C al volo tra gente che magari è assembrata o a singoli individui? mi sembra già abbastanza difficile con droni che volano a 10\15 metri... Parlando ovviamente di mezzi civili... dubito che quegli arerei siano dotati di iper tecnologie fantasmagoriche... M magari è mia ignoranza.


La rilevazione è ottica e quindi la distanza dipende dall'ingrandimento e dal gruppo ottico (diametro obiettivo e luminosità).

Quanto alla sensibilità, una comune termocamera civile ha una sensibilità termica < 0,05 ° C a 30° C. Immagino che le militari siano anche più sensibili.

Considera che dalla bassa orbita, con ottiche militari ovviamente, si possono leggere le targhe delle auto.


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20088
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 17:47 
non mi riferisco alla rilevazione ottica ma alla temperatura corporea di individui a terra da 700 metri di altezza su di un normale piccolo aereo da trasporto civile con un errore minore del mezzo grado visto che 36,5 si sta bene 37,0 è febbre.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12999
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 18:11 
@ragazzi, a me onestamente sembrerebbe eccessivo che si mettano in campo strumentazioni militari di questo livello per una simile situazione. Che poi anche una volta individuati flussi di persone con una possibile febbre dopo andrebbero identificarli uno a uno per poi far cosa? Multarli? o metterli in quarantena?

Mi parrebbe più efficace fare blocchi coi termoscanner o termometri per rilevare le temperature corporee o meglio ancora fare tamponi a tappeto come si leggeva in giro.

Nb: resta di fatto che la chiave di volta di questo casino è ISOLAMENTO SOCIALE ergo evitare gli assembramenti e mantenere le giuste distanze.



_________________
niente è come sembra, tutto è come appare
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 589
Iscritto il: 24/03/2009, 14:47
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 18:20 
MaxpoweR ha scritto:
non mi riferisco alla rilevazione ottica

E come credi che venga rilevata la temperatura da una termocamera?

MaxpoweR ha scritto:
ma alla temperatura corporea di individui a terra da 700 metri di altezza su di un normale piccolo aereo da trasporto civile con un errore minore del mezzo grado visto che 36,5 si sta bene 37,0 è febbre.


Infatti le termocamere non rilevano l'esatta temperatura, anzi su questa sono molto imprecise (anche +/- 2°C), ma le differenze di temperatura tra elementi differenti con una precisione inferiore anche al centesimo di grado.

Le termocamere funzionano per comparazione e quindi sono in grado di rilevare in modo estremamente preciso le differenze.

Per la distanza, ripeto, dipende dal gruppo ottico. Con una buona ottica puoi leggere il giornale ad 1 km di distanza.

Ad esempio il record del cecchino è di 3,650 metri.


Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 589
Iscritto il: 24/03/2009, 14:47
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 18:21 
sottovento ha scritto:
@ragazzi, a me onestamente sembrerebbe eccessivo che si mettano in campo strumentazioni militari di questo livello per una simile situazione. Che poi anche una volta individuati flussi di persone con una possibile febbre dopo andrebbero identificarli uno a uno per poi far cosa? Multarli? o metterli in quarantena?

Mi parrebbe più efficace fare blocchi coi termoscanner o termometri per rilevare le temperature corporee o meglio ancora fare tamponi a tappeto come si leggeva in giro.

Nb: resta di fatto che la chiave di volta di questo casino è ISOLAMENTO SOCIALE ergo evitare gli assembramenti e mantenere le giuste distanze.


Ho suggerito questa ipotesi perché ho letto che viene usata in altri paesi.


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20088
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 19:13 
alcar ha scritto:
MaxpoweR ha scritto:
non mi riferisco alla rilevazione ottica

E come credi che venga rilevata la temperatura da una termocamera?

MaxpoweR ha scritto:
ma alla temperatura corporea di individui a terra da 700 metri di altezza su di un normale piccolo aereo da trasporto civile con un errore minore del mezzo grado visto che 36,5 si sta bene 37,0 è febbre.


Infatti le termocamere non rilevano l'esatta temperatura, anzi su questa sono molto imprecise (anche +/- 2°C), ma le differenze di temperatura tra elementi differenti con una precisione inferiore anche al centesimo di grado.

Le termocamere funzionano per comparazione e quindi sono in grado di rilevare in modo estremamente preciso le differenze.

Per la distanza, ripeto, dipende dal gruppo ottico. Con una buona ottica puoi leggere il giornale ad 1 km di distanza.

Ad esempio il record del cecchino è di 3,650 metri.


ed una volta identificata la temperatura da 700 metri di altezza che si fa? Si sgancia il missile e si abbatte il tizio con 37,1 di febbre? Quale sarebbe il senso di una simile rilevazione sempre che sia plausibile come metodo.


Ci sono modi molto più immediati per tracciare le persone che sorvolare con un aereo.Secondo me è una ipotesi abbastanza peregrina.

Cita:
e avete acquistato di recente una termocamera, vi starete probabilmente chiedendo fino a che distanza è possibile misurare. O forse siete interessati ad acquistarne una, ma non siete certi di quale modello sia adatto a misurare in modo accurato il vostro soggetto e rientri nel vostro budget. La risposta alla domanda “Fino a che distanza è possibile misurare?” dipende da fattori quali risoluzione, campo visivo istantaneo (IFOV), ottiche, dimensioni del soggetto e altre variabili.

Ottenere una misurazione accurata
La questione è assimilabile all’esame della vista. Seduti a una data distanza dalla tavola optometrica è probabile che non riusciate a vedere chiaramente le lettere dell’ultima riga: ma a quale distanza riuscite a leggerle (analogamente a “misurarle”)? Se avete un’acuità visiva di 10/10, potrete vedere le lettere più piccole anche a maggiore distanza. In questo caso, l’acuità visiva di 10/10 sarebbe equivalente a una termocamera ad alta risoluzione. Se la visione non è perfetta, è possibile migliorarla con gli occhiali (nel caso della termocamera aggiungendo una lente teleobiettivo) o avvicinandosi alla tavola optometrica (ossia riducendo la distanza dal soggetto).

pixel termocameraComprendere appieno il rapporto spot/distanza è importante. Il rapporto spot/distanza indica la distanza a cui ci si può porre da un soggetto di una data dimensione per ottenere una misura di temperatura accurata.

Per ottenere una misura di temperatura più accurata possibile è importante che il soggetto occupi il maggior numero di pixel del sensore della termocamera. In questo modo si aumenta il dettaglio dell’immagine termica. Man mano che ci si allontana dal soggetto da misurare, l’accuratezza della misura di temperatura diminuisce. A risoluzioni maggiori della termocamera aumenta anche il numero di pixel dedicati al soggetto a distanza maggiore, a garanzia di risultati accurati. Dato che lo zoom digitale non migliora l’accuratezza in quanto ingrandisce solo i pixel, è fondamentale una risoluzione più elevata o un campo visivo ristretto.

Un po’ di calcoli
Campo visivo termocameraIpotizziamo di voler eseguire una misurazione di temperatura accurata di un soggetto di 20 millimetri a 15 metri di distanza dalla termocamera. Come si fa a capire se la termocamera è in grado di misurare con accuratezza? È necessario controllare nelle specifiche della termocamera il campo visivo e la risoluzione. Per questo esempio, ipotizziamo che la risoluzione della termocamera sia 320 x 240, e il campo visivo orizzontale dell’ottica di 24 gradi. È necessario prima calcolare l’IFOV in milliradianti (mrad) con questa formula:

IFOV = (FOV/numero di pixel*) x [(3,14/180)(1000)]

*Utilizzate il numero di pixel che corrisponde all’orientamento (orizzontale/verticale) del FOV

Poiché l’ottica ha un FOV orizzontale di 24 gradi, si divide 24 per la risoluzione pixel orizzontale della termocamera, in questo caso 320. Poi si moltiplica per 17,44, che è il risultato di (3,14/180)(1000) nell’equazione sopra.

(24/320) x 17,44 = 1,308 mrad

Sapendo che l’IFOV è 1,308 mrad, si deve trovare il proprio IFOV in millimetri con questa formula:

IFOV (mm): (1,308/1000) x 15000* mm = 19,62 mm

*La distanza dal soggetto

Che cosa significa dunque questo numero? Il rapporto spot/distanza è 19,62:15000. Questo numero è la dimensione misurabile di un singolo pixel (1 x 1). Semplificando, questo calcolo indica che la termocamera è in grado di misurare uno spot di 19,62 mm a una distanza di 15 metri.

Questa misura a singolo pixel è chiamata rapporto spot/distanza teorico. Alcuni produttori elencano nelle loro specifiche di prodotto il rapporto spot/distanza teorico. Anche se può essere considerato il vero rapporto punto/distanza, è fuorviante perché non è necessariamente il più accurato. Questo dato fornisce infatti solo la temperatura di un’area molto piccola all’interno di un singolo pixel. Come accennato in precedenza, è preferibile avere il maggior numero possibile di pixel sul soggetto per ottenere massima accuratezza. Uno o due pixel possono essere sufficienti per determinare in modo qualitativo l’esistenza di una differenza di temperatura, ma possono non essere sufficienti per fornire una rappresentazione accurata della temperatura di un’area.

Dalla teoria alla pratica
La misurazione di un singolo pixel può essere imprecisa per vari motivi:

il singolo pixel delle termocamere può avere piccole differenze rispetto al pixel più vicino;
gli oggetti possono presentare riflessi o imperfezioni della superficie che possono causare un falso positivo;
un oggetto caldo, ad esempio la testa di un bullone, potrebbe essere di dimensioni vicine al pixel in larghezza, ma i pixel sono quadrati, mentre la testa del bullone è esagonale;
nessuna ottica è assolutamente perfetta, esistono sempre lievi distorsioni nei sistemi ottici che influenzano le misure.
A causa del fenomeno della dispersione ottica, la radiazione proveniente da un’area molto piccola non fornisce a un elemento del sensore energia sufficiente per ottenere un valore corretto. Per questa ragione Flir utilizza un puntatore delle dimensioni di 3 x 3 pixel così da garantire una misura accurata anche a distanza. È sufficiente moltiplicare per tre il rapporto punto/distanza teorico in millimetri, per ottenere un rapporto punto/distanza di 3 x 3 pixel invece di 1 x 1. Questo valore sarà più accurato.

Quindi moltiplicando l’IFOV in mm (19,62) per 3, si ottiene: 58,86 mm.
Ciò significa che è possibile misurare un punto di 58,86 millimetri a 15 metri di distanza. Ora ipotizziamo di voler misurare uno spot di 20 millimetri. Fino a che distanza è possibile misurare con accuratezza questa specifica dimensione dello spot? È necessario eseguire alcune moltiplicazioni incrociate:

IFOV in mm: Distanza in mm
(15 m = 15000 mm)
5,886:15000
20 mm : x
15000* 2= 58,86 * x
300000/58,86 = x
x = 5096,8 mm o circa 5,1 m

Con una termomocamera di risoluzione 320 x 240 è possibile misurare uno spot di 20 mm a circa 5 m di distanza dal soggetto.

Altri produttori potrebbero non usare questo valore quando parlano di IFOV o SSR (Size to Spot Ratio – rapporto spot/distanza), ma in realtà è questo il valore che consentirà una lettura più accurata della temperatura di un’area problematica.

IFOVIn definitiva, il rapporto spot/distanza è importante perché vi aiuterà a capire se la vostra termocamera è in grado di misurare con accuratezza la temperatura alla distanza desiderata. Se è necessario misurare piccoli soggetti a grande distanza, è fondamentale conoscere il rapporto spot/distanza della termocamera e se ci si trova all’interno del range di misurazione accurata.

Se state pianificando un’ispezione termografica, considerate se potete avvicinarvi sufficientemente a un soggetto per ottenere una lettura accurata. L’accuratezza dovrebbe essere interpretata come “sufficientemente buona per un’interpretazione corretta”. Ciò non significa necessariamente entro le specifiche di accuratezza della termocamera. È possibile incappare in un errore di diversi gradi, anche di centinaia, se non si considera il rapporto spot/distanza.

Per agevolare i calcoli, Flir ha reso disponibile un calcolatore di FOV per ogni termocamera. Basta fare clic sulla serie Flir che si sta utilizzando per visualizzare l’elenco di tutte le termocamere che ne fanno parte. Facendo clic su “FOV Calc.” accanto alla termocamera corretta, verrà visualizzato il rapporto spot/distanza della termocamera.


Magari usano queste tipologie miltiari:

Cita:
Una vasta gamma di termocamere
Forniamo una varietà di termocamere a lungo raggio. Le telecamere EO / IR di livello militare offrono campi di rilevamento per umani fino a 30km e veicoli a 50km. A seconda del sistema pan / tilt e del giroscopio selezionato, le nostre telecamere possono essere utilizzate su veicoli in movimento e navi per mantenere un'immagine fissa sul bersaglio e sono fornite di serie con incredibile qualità costruttiva e tecnologia all'avanguardia per aumentare il rilevamento della distanza e ridurre le influenze esterne come nebbia / foschia

Tutte le telecamere includono un sensore ottico / NIR di alta qualità e una termocamera ad alta sintonizzazione per le prestazioni 24 / 7 reali. l'interazione di questi due sensori fornisce prestazioni ineguagliabili con conseguente rilevamento, riconoscimento e identificazione precisi degli intrusi. Tutto questo è integrato in un robusto alloggiamento IP66 o Mil spec in grado di sopportare i climi più rigidi e gli assalti più brutali, lo rende ideale per dispiegamenti mobili, sicurezza perimetrale, difesa della patria e protezione costiera.

Sono disponibili molte opzioni per aggiornare o personalizzare la fotocamera per il tuo uso finale specifico.

Sebbene le telecamere siano apparecchiature estremamente sofisticate, sono gestite da un'interfaccia intuitiva e intuitiva con opzioni di controllo multiple come touch screen o mouse. Possono anche essere controllati da un joystick dell'asse 3 e sono semplici da utilizzare senza un precedente addestramento.


Ma non capisco il senso di fare misurazioni del genere, con apparecchiature di certo non comuni, con un aereo quando è più semplici installare termo camere o adattare le ottiche delle videocamere di sorveglianza. E poi ripeto a cosa servirebbe se non vengono identificati i soggetti tracciati? Boh penso sia più plausibile una qualche oiperaizone di mappatura del territorio se si vogliono escludere a priori altre ipotesi più complesse e difficilmente dimostrabili. Strano però che gli erei vengano dalla svizzera...



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1047
Iscritto il: 05/12/2008, 21:35
Località: pederobba(tv)
 Oggetto del messaggio: Re: Studi e approfondimenti sulle Scie Chimiche
MessaggioInviato: 21/03/2020, 20:29 
Forse sta mappando come hanno fatto a Trieste

http://www.triesteprima.it/cronaca/arpa ... -2016.html


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4822 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 315, 316, 317, 318, 319, 320, 321, 322  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 30/09/2020, 02:32
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org