Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 
Autore Messaggio

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Attenta AstrofilaAttenta Astrofila

Non connesso


Messaggi: 3962
Iscritto il: 06/12/2008, 12:42
Località:
 Oggetto del messaggio: Missione Cassini fino al 2017
MessaggioInviato: 04/02/2010, 16:58 
Agenzia spaziale Usa ha destinato altri 60 mln dollari

La Nasa ha deciso di estendere fino al 2017 la missione internazionale Cassini-Huygens per l'esplorazione del sistema Saturno fino al 2017. La missione e' frutto di una collaborazione fra Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi). L'agenzia spaziale Usa ha per ora destinato al prolungamento della missione 60 milioni di dollari, dal budget del 2011. Lanciate nell'ottobre del 1997, Cassini e la sonda europea Huygens hanno raggiunto il sistema di Saturno nel 2004.




Pronti a prolungare attivita' Iss

I partner della Stazione Spaziale Internazionale (Iss) sono pronti a prolungare la vita operativa della struttura costruita nello spazio. Lo ha deciso il Comitato di coordinamento multilaterale della Iss, riunito in una videoconferenza tra Mosca, Washington, Montreal, Tokyo e Parigi.

In una dichiarazione, i partner della Iss (Usa, Europa, Russia, Canada e Giappone) 'confermano all'unanimita' il loro forte interesse nel massimizzare i benefici che derivano dall'utilizzo della stazione'.

Fonte: ansa.it


Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Attenta AstrofilaAttenta Astrofila

Non connesso


Messaggi: 3962
Iscritto il: 06/12/2008, 12:42
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 04/02/2010, 17:05 
La NASA ha deciso di estendere la missione della sonda Cassini per l'esplorazione di Saturno e dei suoi anelli fino al 2017. Nel Budget 2011 dell'agenzia vi sono infatti 60 milioni di dollari l'anno per continuare la sua preziosa attività scientifica.

Il progetto originale - nato da una collaborazione tra NASA, ESA ed ASI - era pianificato per terminare nel 2008, ma la missione fu estesa fino al settembre di quest'anno con il nome di Cassini Equinox.

Le parole di Jim Green, Direttore della Planetary Science Division nella sede centrale NASA di Washington: "Questa è una missione che non ha mai smesso di darci risultati scientifici sorprendenti e di mostrarci nuove prospettive. Le sbalorditive scoperte di questo viaggiatore storico e le immagini [che ci ha inviato]hanno rivoluzionato la nostra conoscenza di Saturno e delle sue lune".

Bob Pappalardo, scienziato del progetto Cassini al JPL (Jet Propulsion Laboratory) di Pasadena: "L'estensione rappresenta un'opportunità unica per seguire i cambiamenti stagionali di un sistema planetario esterno per tutto il periodo che va dal suo inverno fino alla sua estate. Alcune delle più eccitanti scoperte di Cassini sono ancora davanti a noi".

La nuova missione denominata Cassini Solstice Mission consentirà infatti agli scienziati di studiare i cambiamenti climatici stagionali e per un lungo tempo sia per il pianeta che per le sue lune. Cassini arrivò a destinazione proprio dopo il solstizio invernale del nord e questa nuova estensione lo porterà fino a pochi mesi dopo il solstizio estivo del nord (l'inizio dell'estate nell'emisfero nord ed inverno nell'emisfero sud), nel maggio 2017.
Non è mai stato studiato prima d'ora un periodo stagionale completo di Saturno con questo livello di dettaglio. Cassini effettuerà 155 orbite in più intorno al pianeta, 54 flyby (passaggi ravvicinati) su Titano ed 11 altri flyby sulla luna ghiacciata Encelado.
Questa nuova estensione consentirà agli scienziati anche di continuare le osservazioni degli anelli si Saturno e della sua magnetosfera.

Fonte: http://www.nasa.gov/home/hqnews/2010/fe ... ended.html - http://newsspazio.blogspot.com/2010/02/ ... sione.html


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 16/01/2012, 18:08 
Qualche problema per Cassini…

Gli ingegneri NASA che si occupano della missione Cassini, stanno conducendo in questi giorni alcuni test diagnostici sul sistema radio della sonda, in seguito al fatto che il segnale non è stato rilevato da Terra durante un passaggio avvenuto a dicembre. La sonda è stata costretta a comunicare con la Terra attraverso un sistema ausiliario [;)]


Top
 Profilo  
 

Bannato
Bannato

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 9440
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 16/01/2012, 20:53 
Come si suol dire, speriamo non sia nulla di grave....


A parte ciò sono ottime notizie davvero.

La missione di Cassini continua e - per me ancora più importante - pure la Stazione Spaziale continuerà a rimanere operativa.

L' unanimità del comitato internazionale mi ha quasi commosso....


Eccellente report 2di7 come sempre! [;)]



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14885
Iscritto il: 26/12/2009, 12:30
Località: ravenna
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 25/01/2012, 17:21 
Una delle lune di Saturno, Mimas, fa capolino da dietro la luna Dione, che appare più grande. È questa l'immagine che ci regala la sonda Cassini e catturata lo scorso 12 dicembre, durante il flyby di Dione.
Dione, con il suo diametro di 1.123 chilometri, domina la vista sul lato destro dell'immagine. Più piccolo appare Mimas, sulla sinistra. Misura infatti 396 chilometri.
L'immagine è stata scattata in luce visibile dall sonda Cassini con una fotocamera ad angolo stretto. L'immagine è stata ottenuta da una distanza di circa 94000 km da Dione e 611000 km da Mimas.
La missione Cassini-Huygens è un progetto di cooperazione della NASA, l'Agenzia Spaziale Europea e l'Agenzia Spaziale Italiana.
Mimas venne scoperto nel 1789 dall'astronomo tedesco William Herschel. Il satellite deve il suo nome al personaggio di Mimas (Mimante), figlio di Gea secondo la mitologia greca; il nome Mimas era anche il nome del monte sul quale il filosofo Anassagora andava a stare in osservazione del cielo.
Dione è la dodicesima luna di Saturno, scoperta da Giovanni Cassini nel 1684 e prende il nome dalla titeide Dione che, secondo Omero, nella mitologia greca sposò Zeus da cui ebbe la figlia Afrodite. È il terzo satellite di Saturno più denso dopo Titano e Encelado.

Fonte: MEDIA INAF



Immagine:
Immagine
51,03 KB


Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3292
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Missione Cassini fino al 2017
MessaggioInviato: 01/12/2016, 15:29 
La sonda Cassini si è tuffata negli anelli di Saturno

Iniziato il gran finale della missione
30 novembre, 15:21


Immagine


¯
Con il tuffo negli anelli di Saturno, cominciato alle 12,31 del 30 novembre, inizia il gran finale della lunghissima missione della sonda Cassini. Grazie alla spinta gravitazionale della più grande delle lune di Saturno, Titano, la sonda ha cominciato il programma dei 20 tuffi programmati fino al 22 aprile 2017, a intervalli di 7 giorni, in una regione inesplorata ai margini più esterni degli anelli principali.

Tra anelli e lune misteriose
Nata dalla collaborazione fra Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi), la sonda Cassini riemergerà da questo primo tuffo negli anelli solo tra cinque giorni, il 4 dicembre prossimo. Durante l'immersione' la sonda accenderà il motore principale e invierà un segnale a Terra. La manovra permetterà a Cassini di osservare l'emisfero nord di Saturno e di girare un video di 9 ore del polo Nord del pianeta degli anelli. Sarà anche l'occasione per osservare da una prospettiva diversa i geyser del polo Sud di una delle lune più affascinanti, Encelado, e per raccogliere dati utili a comprendere la natura delle misteriose strisce rosse di un'altra luna, Teti.

Verso il gran finale
Dopo i tuffi, nell'aprile 2017 l'orbita della sonda sarà nuovamente deviata per compiere un ultimo sorvolo ravvicinato di Titano e pochi mesi più tardi si preparerà a una serie di manovre ancora più audaci, che la porteranno al gran finale. Il 15 settembre 2017 è infatti previsto il tuffo nell'atmosfera di Saturno, durante il quale la sonda invierà a Terra dati preziosissimi sul campo gravitazionale e sulla composizione chimica del pianeta degli anelli.

Una missione ricca di record
Lanciata nel 1997, la missione Cassini è entrata nel 2004 nell'orbita di Saturno e da allora ha compiuto osservazioni importantissime sul pianeta e le sue lune. Dopo aver rilasciato la sonda Huygens sulla superficie di Titano, rivelandone lo straordinario paesaggio fatto di monti, fiumi e mari di metano, Cassini ha segnato altri traguardi storici nella storia dell'esplorazione spaziale inviando dati che hanno permesso di scoprire l'oceano nascosto sotto i ghiacci di Encelado.
_



fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 994
Iscritto il: 18/10/2013, 13:02
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Missione Cassini fino al 2017
MessaggioInviato: 08/12/2016, 10:48 
Cita:
Astronomia: nuovi scenari per Cassini, la sonda sempre più vicina al gran finale

La sonda Cassini ha inviato a terra le immagini dell’emisfero nord di Saturno realizzate il 2 e 3 dicembre, due giorni prima dell'inizio della penultima fase della sua missione


Immagine

Cassini sempre più vicina al gran finale. Lo scorso 4 dicembre la sonda ha dato il via alla Ring Grazing Orbit, una delle ultime fasi della sua missione che prevede il passaggio radente sul piano degli anelli per 20 volte (uno alla settimana). Durante questi voli ravvicinati Cassini potrà ottenere dati e realizzare immagini con una risoluzione mai ottenuta finora. Le prime, risalenti al 2 e 3 dicembre sono già state processate e mostrano il turbolento emisfero nord di Saturno, con al centro una tempesta di tipo circolare sul polo.
L’immagine grafica in alto descrive quali saranno le ultime fasi orbitali di Cassini, spiega l’Agenzia Spaziale Italiana. In grigio le 20 orbite previste dalla Ring Grazing Orbit che impegneranno Cassini per i prossimi quattro mesi; in blu le orbite più interne previste dal ‘Gran Finale’ nel mese di aprile e in arancione la traiettoria che la sonda seguirà per il tuffo finale, ultima parte della missione.

Immagine

l corso dei prossimi mesi l’obiettivo delle camere a bordo di Cassini ci regalerà immagini degli altri anelli di Saturno e delle piccole lune che vi orbitano. “Siamo agli sgoccioli della missione – commenta Carolyn Porco del Cassini Imaging Team dello Space Science Institute di Boulder – le immagini raccolte e quelle dei prossimi mesi saranno senza dubbio le migliori mai realizzate dall’inizio di questa avventura”.

Il prossimo passaggio sui bordi esterni degli anelli è previsto per l’11 dicembre. Le orbite di Cassini proseguiranno fino al 22 aprile prossimo quando avverrà l’ultimo rendez-vous con Titano che sarà artefice ancora una volta del cambiamento di rotta della sonda. Questo incontro darà il via al gran finale della missione con il primo dei 22 tuffi tra gli anelli in programma per il 26 aprile attraverso il divario di circa 2.400 chilometri tra Saturno e il suo anello più interno. Il 15 settembre poi ci sarà l’ultimo salto nell’atmosfera del gigante ad anelli: durante gli ultimi momenti della missione, Cassini continuerà a trasmettere preziosi dati a terra fino a quando non avverrà la perdita del segnale.

A cura di Filomena Fotia


http://www.meteoweb.eu/2016/12/astronom ... le/804777/

Altre immagini da qui: http://www.coelum.com/news/missione-cas ... della-fine

Cita:
Immagine
Quattro immagini che mostrano l'emisfero nord di Saturno ripreso con quattro filtri differenti. Ogni filtro è sensibile a una diversa lunghezza d'onda, per rivelare le nuvole e le foschie presenti nell'atmosfera a diverse altezze. In senso orario, partendo in alto a sinistra: filtro viola (420 nanometers), rosso (648 nanometers), vicino infrarosso (728 nanometers) e infrarosso (939 nanometers). Ripresa effettuata con la wide-angle camera il 2 dicembre da una distanza di circa 640 mila km da Saturno (153 km/px). Credits: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute


Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 994
Iscritto il: 18/10/2013, 13:02
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Missione Cassini fino al 2017
MessaggioInviato: 26/04/2017, 19:57 
Cita:
La sonda Cassini oggi comincia il suo ultimo viaggio

Dopo 20 anni nello Spazio profondo, sta per fare le ultime manovre che la porteranno a schiantarsi su Saturno, raccogliendo nuovi preziosi dati


Immagine

Oggi la sonda Cassini comincia il suo viaggio attraverso gli anelli di Saturno, l’ultimo della sua missione durata circa 20 anni nello Spazio profondo, che si concluderà tra pochi mesi con un gran finale, tanto tragico quanto prezioso per la scienza planetaria. I responsabili della sonda Cassini hanno deciso di farle compiere una serie di passaggi ravvicinati a Saturno, il pianeta intorno al quale orbita da 13 anni: in seguito sarà attratta inesorabilmente dalla sua orbita e si polverizzerà entrando nell’atmosfera del pianeta. Durante quegli ultimi momenti, i sensori della sonda Cassini raccoglieranno dati importanti sulle caratteristiche atmosferiche di Saturno, che saranno inviati verso la Terra prima del silenzio radio.

La sonda Cassini è stata lanciata nell’ottobre del 1997 e ha raggiunto Saturno nel 2004, dopo un viaggio molto lungo nello Spazio interplanetario. Ora si trova a circa 1,7 miliardi di chilometri da noi, e di recente ha scattato una foto al nostro pianeta, che appare come un minuscolo punto luminoso all’orizzonte. L’immagine è stata diffusa dalla NASA nell’ambito delle iniziative per la Giornata della Terra dello scorso 22 aprile.

Immagine

Cassini è stata realizzata con la collaborazione dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e di quella italiana (ASI), con il compito principale di studiare le caratteristiche del pianeta, della sua famosa serie di anelli e delle sue numerose lune. La sonda si chiama così in onore dell’astronomo italiano Gian Domenico Cassini, tra i primi studiosi di Saturno a fine Seicento. È più o meno grande quanto un minibus ed è tra le sonde più grandi mai lanciate nella storia delle esplorazioni spaziali.

Immagine

Nei suoi quasi 20 anni di carriera, Cassini ha permesso non solo di avere immagini incredibili e dettagliate di Saturno, ma anche di analizzare la polvere interstellare e di scoprire un oceano sotto Encelado, la sesta luna del pianeta per dimensioni, che secondo una recente ricerca avrebbe le giuste condizioni per ospitare alcune forme di vita.

Immagine

A distanza di molti anni dal suo lancio, la sonda Cassini ha finito quasi completamente il propellente che utilizza per regolare la sua orbita intorno a Saturno, e per compiere manovre per esplorare i suoi dintorni. Per questo motivo, già nel 2010 i tecnici della NASA avevano lavorato a un nuovo piano per sfruttare fino all’ultimo le risorse di Cassini, programmando un suo tuffo verso Saturno. Il progetto, studiato e perfezionato negli ultimi anni, non ha solo lo scopo di raccogliere nuovi dati, ma anche di preservare le lune intorno al pianeta in vista di future esplorazioni. Se Cassini non venisse distrutta, un suo rottame potrebbe staccarsi e causare una contaminazione su una luna. L’obiettivo principale è preservare Encelado, sulla quale ci sono prove sempre più consistenti per considerarla potenzialmente abitabile.

Immagine

La fine di Cassini può essere considerata una parte rilevante di una nuova, ultima, missione. Le istruzioni per compiere le manovre di avvicinamento a Saturno sono state trasmesse dalla Terra lo scorso 11 aprile e saranno eseguite a partire da oggi. Il piano di volo prevede di ridurre la distanza dal pianeta e collocare la sonda in un’orbita che le consenta di attraversare lo spazio tra Saturno e il punto dove iniziano i suoi anelli, ampio circa 2.400 chilometri. Nel corso di più orbite, Cassini attraverserà questo spazio per 22 volte, fino al prossimo settembre. A ogni passaggio, la sonda raccoglierà dati che dovrebbero consentire di approfondire le conoscenze sulla struttura interna di Saturno e forse sull’origine stessa dei suoi anelli. Cassini avrà anche il compito di rilevare la composizione dei gas che costituiscono l’atmosfera di Saturno. Le fotocamere riprenderanno nuovi dettagli, che potranno essere analizzati sulla Terra.

Immagine

La NASA ha programmato questo ultimo viaggio con molta cautela, perché c’è la possibilità che la presenza di detriti spaziali possa complicare il passaggio di Cassini tra il pianeta e i suoi anelli. Il primo attraversamento sarà eseguito sfruttando la grande antenna della sonda come una sorta di scudo: valutati gli eventuali danni, la NASA deciderà quali strumenti esporre nei passaggi successivi, e in che modo.

Immagine

Gli ultimi mesi di Cassini sono attesi con grande interesse non solo dai ricercatori, ma anche dai semplici appassionati di Spazio. In 20 anni la sonda è diventata molto popolare, anche per il fatto di avere studiato il pianeta più semplice da riconoscere e caratteristico del nostro sistema solare. A metà settembre Cassini eseguirà un’ultima manovra di avvicinamento che la porterà a immergersi ad altissima velocità nell’atmosfera di Saturno, dove registrerà e trasmetterà dati fino a disintegrarsi e a non farsi sentire mai più.

Guarda su youtube.com



http://www.ilpost.it/2017/04/26/sonda-cassini-saturno/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5006
Iscritto il: 05/12/2008, 20:52
Località: Regno di Raziel
 Oggetto del messaggio: Re: Missione Cassini fino al 2017
MessaggioInviato: 03/05/2017, 22:23 
http://www.meteoweb.eu/2017/05/astronom ... no/895766/



_________________
Fuoco e vento provengono dal cielo, dagli dei del cielo, ma è Crom il tuo dio, Crom che vive nella terra. Un tempo i giganti vivevano nella terra Conan, e nell'oscurità del caos mistificarono Crom e gli sottrassero il segreto dell'acciaio. Crom si adirò e la terra tremò e fuoco e vento si abbatterono su quei giganti e scagliarono i loro corpi nelle acque. Ma nel loro furore gli dei si dimenticarono del segreto dell'acciaio e lo lasciarono sul campo di battaglia, e noi che lo trovammo non siamo che uomini. Né dei, né giganti. Solo uomini. E il segreto dell'acciaio ha sempre portato con sé un mistero; devi impararne il valore Conan, devi impararne la disciplina. Perché di nessuno, di nessuno al mondo ti puoi fidare, né uomini, né donne, né bestie. Di questo solo ti puoi fidare.



Senza cuore saremmo solo macchine.W.Shakespeare



Per i truffatori ufologici, dobbiamo far applicare l'articolo 661 del C.P.: "Abuso della credulità popolare"
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 994
Iscritto il: 18/10/2013, 13:02
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Missione Cassini fino al 2017
MessaggioInviato: 04/05/2017, 19:38 
Guarda su youtube.com


Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3566
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Missione Cassini fino al 2017
MessaggioInviato: 15/09/2017, 16:13 
Cita:

Addio alla sonda Cassini, compiuto il tuffo finale

Immagine

Addio alla sonda Cassini che per anni ha esplorato Saturno, i suoi anelli e la sua luna più grande Titano coma mai prima d'ora. Con il suo ultimo tuffo, schiantandosi contro l'atmosfera del pianeta, la sonda Nasa-Esa-Asi ha chiuso per sempre la sua missione dei record. A dare la conferma è il presidente dell'Asi Roberto Battiston, in collegamento dal Jpl della Nasa, a Pasadena, con la sede di Roma dell'Agenzia Spaziale Italiana.

Cassini "ha esteso in modo esponenziale la nostra conoscenza del sistema solare" ha commentato Battiston. La sonda non manderà più segnali ma ora per gli scienziati inizia la fase più cruciale della missione: studiare i 635 GB di dati e le 453.000 foto inviati dallo spazio. La gloriosa carriera di Cassini, - una missione costata oltre 5 miliardi di euro di cui 4 miliardi investiti dalla Nasa e 1,5 miliardi dall'Europa e Italia di costi complessivi per sonda, lander e esperimenti - chiude con numeri da record.

Cominciata nel 1997, la sonda ha raggiunto dopo 7 anni di viaggio il pianeta Saturno percorrendo 3,5 miliardi di chilometri, in totale nell'arco di tutta la missione, Cassini ha percorso un totale di 7,9 miliardi di chilometri, sono stati inoltre eseguiti 2,5 milioni comandi, completate 294 orbite ed eseguiti 162 flyby.

Nella missione sono coinvolte 27 nazioni. Immensa l'eredità scientifica che lascia Cassini. Grazie alla sonda Nasa-Esa-Asi sono già stati pubblicati 4.000 articoli scientifici e scoperte 6 lune di Saturno.

La sonda si è disintegrata per effetto delle potenti forze aerodinamiche dovute alla grande velocità, una velocità pari a 30 chilometri al secondo, la stessa impiegata per coprire in 20 secondi la distanza fra Roma e Milano. Cassini è stata la prima sonda a entrare nell'orbita di Saturno il primo luglio del 2004, la quarta sonda ad avere visitato il pianeta dopo la Pioneer 11 e le Voyager 1 e 2. Lanciata il 15 ottobre 1997 con un volo spettacolare dal poligono di Cape Canaveral, Cassini ha avuto il compito di studiare il sistema di Saturno, comprese le sue lune e i suoi anelli. La missione è composta dall'orbiter Cassini della Nasa e dal lander Huygens dell'Esa. Domani il mondo della scienza e dello spazio la saluterà con un intenso "Goodbye kiss" come la Nasa ha romanticamente battezzato il saluto finale a Cassini.

"In più di dieci anni nell'atmosfera di Saturno, Cassini ha visitato tutte le principali lune del pianeta e prodotto una serie di straordinarie scoperte e l’eredità che lascia in dote alla comunità scientifica internazionale è immensa" sottolinea Luciano Iess, docente di ingegneria meccanica e aerospaziale a La Sapienza che ha partecipato al progetto fin dalle fasi preliminari al lancio.

Durante le fasi finali della missione, iniziate il 26 aprile scorso, Cassini è passata 22 volte vicinissima a Saturno, permettendo di gettare luce per la prima volta sulla struttura interna del gigante gassoso e di rivelare l’età dei suoi anelli. E proprio in queste ultime ore di vita della sonda, i ricercatori della Sapienza hanno presentato al team Cassini gli ultimi e rivoluzionari dati ricevuti. La missione, guidata dalla Nasa con importanti contributi dell’Agenzia Spaziale Italiana e dell'Agenzia Spaziale Europea è arrivata nell'orbita di Saturno il primo luglio 2004 dopo una lunga fase di crociera.

Durante il tour del sistema di Saturno, Cassini ha reso possibile la scoperta di mari e laghi di idrocarburi liquidi sulla superficie di Titano, la seconda luna del sistema solare per dimensioni, nonché la determinazione della struttura interna del satellite e la scoperta di un nucleo roccioso di circa 2.000 chilometri di raggio composto da silicati idrati. Grazie alla misura delle maree di Titano, è stata rivelata l’esistenza di un oceano di acqua liquida sotto la crosta ghiacciata del satellite. La batimetria dei mari della luna mostra come questi raggiungano la profondità di 170 m. Nel 2014 è stato poi rilevato una grande quantità di acqua liquida nella regione polare meridionale di Encelado, pari a circa 240 volte il lago di Garda, al di sotto della fredda crosta ghiacciata di -190° C della piccola luna che ha un raggio di 252 chilometri. "Il fatto che l’oceano 'poggi' su una base di rocce e di silicati costituisce una sede ideale per lo sviluppo di reazioni chimiche complesse, quali quelle necessarie per la vita" indicano ancora i ricercatori della Sapienza guidati da Iess e dal Dipartimento di Ingegneria elettronica e delle telecomunicazioni con il professor Roberto Seu.

Importante l'apporto dell'industria italiana nella missione Cassini. Tutti i dati raccolti da Huygens nel corso della discesa e dalla superficie di Titano, tra cui quelli dello strumento italiano Hasi realizzato da Leonardo, sono stati trasmessi alla sonda attraverso il sottosistema di comunicazione Probe Data Relay Subsystem (Pdrs), realizzato da Thales Alenia Space. Nella missione Cassini-Huygens, il colosso italiano Leonardo ha un ruolo di primissimo avendo fornito gli strumenti di navigazione, le tecnologie per i radar di bordo e importanti strumenti di osservazione e misura sia a bordo dell’orbiter che del lander.

Nella missione Cassini, Thales Alenia Space (joint venture tra Thales 67% e Leonardo 33%), è prime contractor per la costruzione del lander Huygens ed è responsabile della progettazione e realizzazione di importanti sistemi elettronici all’interno dell’orbiter, per conto dell'Asi.


http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/ ... boO7J.html


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13787
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Missione Cassini fino al 2017
MessaggioInviato: 15/09/2017, 19:59 
Una delle più belle missioni ha dato vita a forse un centinaio di documentari da quando ho sky :°)



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 19/01/2018, 14:33
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org