Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 70 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7509
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 17/04/2018, 08:24 
Lettore bluray Sony, da una cinquantina d'euro: dopo esattamente tre anni ha smesso di funzionare. Proprio non s'accende più, kaputt.

L'avrò usato 4-5 volte...

L'ho aperto, non c'è nulla di bruciato, l'alimentatore funziona, la corrente arriva... Di punto in bianco è defunto.
Se non è obsolescenza programmata questa...!



_________________
“Questa crisi, questo disastro [europeo] è artificiale, e in sostanza questo disastro artificiale ha quattro lettere: EURO.”
Joseph Stiglitz
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5128
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 24/10/2018, 18:19 
Cita:

Antitrust multa Samsung e Apple



L'Antitrust ha sanzionato Apple e Samsung per 15 milioni di euro complessivi a causa degli aggiornamenti software che hanno procurato gravi inconvenienti e ridotto le funzionalità di alcuni cellulari. "Ad esito di due complesse istruttorie, l’AGCM ha accertato che le società del gruppo Apple e del gruppo Samsung hanno realizzato pratiche commerciali scorrette in violazione del Codice del Consumo in relazione al rilascio di alcuni aggiornamenti del firmware dei cellulari che hanno provocato gravi disfunzioni e ridotto in modo significativo le prestazioni, in tal modo accelerando il processo di sostituzione degli stessi" spiega l'Authority in un comunicato.

"Le società hanno, infatti, indotto i consumatori - argomenta l'Antitrust - mediante l’insistente richiesta di effettuare il download e anche in ragione dell’asimmetria informativa esistente rispetto ai produttori - ad installare aggiornamenti su dispositivi non in grado di supportarli adeguatamente, senza fornire adeguate informazioni, né alcun mezzo di ripristino delle originarie funzionalità dei prodotti".

Nei confronti di Apple è stata altresì accertata una seconda condotta in violazione del Codice del Consumo in quanto, fino a dicembre 2017, non ha fornito ai consumatori adeguate informazioni circa alcune caratteristiche essenziali delle batterie al litio, quali la loro vita media e deteriorabilità, nonché circa le corrette procedure per mantenere, verificare e sostituire le batterie al fine di conservare la piena funzionalità dei dispositivi. Alle due imprese sono state applicate sanzioni pari al massimo edittale, tenuto conto della gravità delle condotte e della dimensione dei professionisti: a Samsung 5 milioni di euro e ad Apple 10 milioni di euro (5 milioni per ciascuna delle due pratiche contestate).

Immagine

In particolare, Samsung ha insistentemente proposto, dal maggio 2016, ai consumatori che avevano acquistato un Note 4 (immesso sul mercato nel settembre 2014) di procedere ad installare il nuovo firmware di Android denominato Marshmallow predisposto per il nuovo modello di telefono Note 7, senza informare dei gravi malfunzionamenti dovuti alle maggiori sollecitazioni dell’hardware e richiedendo, per le riparazioni fuori garanzia connesse a tali malfunzionamenti, un elevato costo di riparazione.

Quanto a Apple, essa ha insistentemente proposto, dal settembre 2016, ai possessori di vari modelli di iPhone 6 (6/6Plus e 6s/6sPlus rispettivamente immessi sul mercato nell’autunno del 2014 e 2015), di installare il nuovo sistema operativo iOS 10 sviluppato per il nuovo iPhone7, senza informare delle maggiori richieste di energia del nuovo sistema operativo e dei possibili inconvenienti - quali spegnimenti improvvisi - che tale installazione avrebbe potuto comportare.

Per limitare tali problematiche, Apple ha rilasciato, nel febbraio 2017, un nuovo aggiornamento (iOS 10.2.1), senza tuttavia avvertire che la sua installazione avrebbe potuto ridurre la velocità di risposta e la funzionalità dei dispositivi. Inoltre, Apple non ha predisposto alcuna misura di assistenza per gli iPhone che avevano sperimentato problemi di funzionamento non coperti da garanzia legale, e solo nel dicembre 2017 ha previsto la possibilità di sostituire le batterie a un prezzo scontato.



http://www.adnkronos.com/soldi/economia ... dIlmM.html


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1797
Iscritto il: 15/09/2014, 21:42
Località: E paes tira gardeli
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 24/10/2018, 20:56 
15 milioni di euro ?
Un inezia.



_________________
Per ogni problema complesso c' è sempre una soluzione semplice.
Ed è sbagliata.
(George Bernard Shaw)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20334
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 25/10/2018, 13:26 
Infatti, praticamente nulla rispetto ai volumi di vendita in più che gli garantisce la pratica dell'obsolescenza programmata che è stimabile in miliardi e non milioni di €.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5128
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 04/05/2019, 17:57 
Cita:

Apple fa lobby contro il diritto al "fai da te": "i consumatori rischiano di farsi male"

Negli Stati Uniti si discute di rendere il "fai da te" un diritto dei consumatori, il che implicherebbe che riparare autonomamente (o in centri terzi) i propri device tech non comporterebbe la perdita della garanzia. Apple sta cercando di impedirlo, e ai politici dice: "c'è il rischio che la gente si faccia male tentando di riparare gli iPhone".

Motherboard ha raccontato che alcuni rappresentanti di Apple e un lobbista della CompTIA —una organizzazione che rappresenta molte aziende tech a Washington DC— si sono incontrati con diversi legislatori della California, Stato dove era stata presentata una proposta di legge per rendere il DIY (do it yourself) un diritto.

La proposta è stata ritirata lo scorso 30 Aprile, dopo che la prima-firmataria, Susan Talamantes-Eggman ha deciso che non era ancora arrivato il momento, sostenendo che la proposta non avrebbe trovato il consenso dei suoi colleghi.

I rappresentanti dell'azienda di Cupertino hanno mostrato ai legislatori come è fatto l'interno di un iPhone, e quali sono i componenti interni interessati dalle principali operazioni di riparazione fai da te. Secondo Motherboard Apple avrebbe sostenuto la tesi che tentare di riparare un iPhone comporterebbe dei forti rischi per i consumatori, specie se durante la procedura viene danneggiata la batteria.

Nel frattempo iFixit ha distrutto le nuove cuffie AirPods 2 perché "impossibili da riparare", e Motorola è diventato il primo produttore ad offrire kit ufficiali per le riparazioni DIY.





https://tech.everyeye.it/notizie/apple- ... 76076.html


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20334
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 06/05/2019, 10:18 
e come ci si potrebbe mai far male riparando un ai fini?



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4403
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 06/05/2019, 14:05 
Componenti elettronici sotto dimensionati da espertissimi ingengeri pagati dagli industriali e dai mercanti per programmare la durata a tempo, tanto dopo due anni sono in regola, e il calore parassita fa il resto. Tranquilli.

La "concessione" a scadenza del bene non è politicamente corretta, dunque molto meglio il black-out progettato per imporre nuovi ed inutili acquisti, meccanismo che riempie bene le tasche degli zioti, ma produce una curva d'inquinamento, di svaluta-zione monetaria e di distru-zione delle risorse esponenziale. Sarebbero Dei questi?



_________________
Immagine

Offtopic (fuori argomento)
Correte correte... che per pagare i mercanti e i loro camerieri dovrete rubare sempre di più, e attenti a non dimenticarvi la carta di credito a casa... che se vi rompete il muso per strada neppure il carroattrezzi viene più a prendervi.
Mi raccomando: Votate, umili e silenti.
.
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5128
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 08/06/2019, 15:25 
Cita:

Uno studio lo dimostra: elettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia!


08/06/2019 - Germania, uno studio dimostra: elettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia
Quando in casa un elettrodomestico si rompe all’improvviso, senza motivo e proprio poco tempo dopo la data di scadenza della garanzia, la prima cosa che viene in mente è la sfortuna; qualcuno più sospettoso potrebbe invece notare la strana coincidenza, ma finirebbe comunque per convincersi di essere perseguitato dalla mala sorte, che in qualche modo ci mette sempre lo zampino!



Adesso uno studio condotto in Germania rivela le cause di questi sospetti fenomeni di obsolescenza, attribuendone la colpa agli stessi produttori che fabbricano gli elettrodomestici in questione. Appena scade la garanzia il frigorifero inizia a emettere strani ronzii, la lavatrice perde acqua, il ferro da stiro non si scalda più, e quando arriva il tecnico per darci assistenza, la diagnosi è quasi sempre la stessa: costa più ripararlo che comprarne uno nuovo. Ormai è dimostrato: non si tratta di pura coincidenza, bensì di obsolescenza programmata, termine che definisce la pratica (poco etica) messa in atto dai fabbricanti di elettrodomestici allo scopo di vendere più prodotti, evitando così la saturazione del mercato. Sebbene dimostrare questa intenzionalità dei produttori sia estremamente difficile, i beni analizzati durante lo studio hanno presentato punti deboli non casuali che hanno spinto Stefan Schridde e Christian Kreis, gli autori della ricerca, a parlare di “opalescenza pianificata”. A rimetterci non solo l’ambiente, ma anche i consumatori.


Secondo lo studio in questione, commissionato dal gruppo parlamentare tedesco dei Verdi e condotto su 20 apparecchi di diverse tipologie, l’usura pianificata costerebbe ai compratori circa 100 miliardi l’anno. Immediata la replica dei produttori, tra cui quella di Werner Scholz, presidente dell’Associazione tedesca dei produttori di elettrodomestici (Zvei), che nega qualsiasi tipo di “usura pianificata”, sottolineando come la cosa si rivelerebbe estremamente controproducente per le aziende: “chi si ritrovasse dopo poco tempo una lavatrice inservibile – afferma Schols – come minimo ne comprerebbe una nuova di un altro marchio. Inoltre, secondo uno studio commissionato dalla Zvei, dei quasi 180 milioni di elettrodomestici presenti nelle case tedesche oltre 75 milioni hanno più di 10 anni di età.” Ciò non toglie che fino agli anni ’70 l’aspettativa di vita di un elettrodomestico risultava essere di 20-30 anni, mentre oggi è di 10 volte inferiore. Inoltre il fenomeno dell’obsolescenza programmata in realtà è noto fin dagli inizi dello secolo scorso: nel 1924 ad esempio, i produttori di lampadine decisero di abbassarne la durata media da 2500 a 1000 ore per venderne di più; le calze di nylon DuPont, lanciate 70 anni fa, erano troppo resistenti e si smagliavano raramente, così la loro composizione fu modificata per renderle molto più fragili. Recentemente anche Apple ha ricevuto accuse simili. Le batterie non sostituibili dell’iPod avrebbero una durata a orologeria di circa 18 mesi. Ma non è tutto. Molti elettrodomestici o prodotti più tecnologici vengono costruiti in modo che cambiare un pezzo difettoso risulti molto difficile e costoso, così il consumatore si trova costretto a comprare un prodotto nuovo, piuttosto che riparare il vecchio. È il caso, appunto, delle batterie non sostituibili, che col tempo si deteriorano e non possono essere cambiate. Come quella del MacBook Pro, incollata come altri suoi componenti, e quindi molto difficile da cambiare. Altro esempio sono le viti usate per l’iPhone 4, estremamente difficili da sostituire. In alcune lavatrici poi, le barre di riscaldamento, impossibili da sostituire a meno di non pagare un prezzo altissimo, si arrugginiscono appositamente con facilità, costringendo il proprietario ad acquistare un nuovo elettrodomestico. Non aiuta a migliorare la posizione dei produttori la pratica, sempre più in voga, di estendere la garanzia dei beni acquistati oltre il tempo stabilito per legge, in cambio di cifre che rispetto al costo dell’elettrodomestico possono sembrare convenienti, ma che in realtà nascondono un ricatto a tutti gli effetti.




https://terrarealtime.blogspot.com/2019 ... stici.html


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1663
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 08/06/2019, 17:44 
Domanda provocatoria e probabilmente senza risposta... potrebbe "qualcuno" da molto in alto aver deciso una sorta di "osolescenza pianificata" anche per i risparmi dei comuni mortali ?



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12911
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 08/06/2019, 18:17 
Una Caffettiera Espressa della Delonghi mi si è guastata dopo 10 anni di servizio, dopo ne ho acquistato una uguale stessa marca stesso modello e la sua durata è stata 3 anni. [:303]


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5128
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 21/11/2019, 20:00 
Sembra che il controller per Google Stadia sia quasi impossibile da riparare

Immagine

Brutte notizie per gli amanti del DIY: il controller ufficiale per Google Stadia è pressoché impossibile da riparare.

Il primo scoglio, scrive Slashgear, è dato banalmente dal fatto è che estremamente difficile aprire il case, e accedere quindi ai componenti interni. I ragazzi di Gamers Nexus sono dovuti ricorrere ad un seghetto circolare per accedere all’interno del controller.

Guarda su youtube.com


Salvo scoprire che due clip tengono tutti i componenti iper-compressi. Insomma, una bella sfida per chi sperava di poter ripararsi da solo il controller per il Google Stadia armato di buona volontà, componenti di terze parti e qualche tutorial.

In caso di problemi il passaggio presso l’assistenza ufficiale sembra d’obbligo.


https://leganerd.com/2019/11/21/sembra- ... -riparare/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10821
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 22/11/2019, 01:45 
argla ha scritto:
Domanda provocatoria e probabilmente senza risposta... potrebbe "qualcuno" da molto in alto aver deciso una sorta di "osolescenza pianificata" anche per i risparmi dei comuni mortali ?


Rispondo io, con un pò di ironia (amara, siamo tutti sulla stessa barca) :

Immagine

Morley ha scritto:
produce una curva d'inquinamento, di svaluta-zione monetaria e di distru-zione delle risorse esponenziale.
Sarebbero Dei questi?


[:264]



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20334
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 22/11/2019, 12:50 
vimana131 ha scritto:
Sembra che il controller per Google Stadia sia quasi impossibile da riparare

Immagine

Brutte notizie per gli amanti del DIY: il controller ufficiale per Google Stadia è pressoché impossibile da riparare.

Il primo scoglio, scrive Slashgear, è dato banalmente dal fatto è che estremamente difficile aprire il case, e accedere quindi ai componenti interni. I ragazzi di Gamers Nexus sono dovuti ricorrere ad un seghetto circolare per accedere all’interno del controller.

Guarda su youtube.com


Salvo scoprire che due clip tengono tutti i componenti iper-compressi. Insomma, una bella sfida per chi sperava di poter ripararsi da solo il controller per il Google Stadia armato di buona volontà, componenti di terze parti e qualche tutorial.

In caso di problemi il passaggio presso l’assistenza ufficiale sembra d’obbligo.


https://leganerd.com/2019/11/21/sembra- ... -riparare/


quella della PS4 invece è straordinario io l'ho aperto e riparato senza problemi ed era un danno anche abbastanza grave alla levetta destra che rimaneva incastrata e quella sinistra che inviava comandi anche quando era ferma. L'ho completamente smontato e rimontato in 10 minuti risolvendo il primo problema col classico metodo fai da te: "colla e carta"; in pratica si era spaccata una linguetta di plastica che teneva tesa la molla che fa tornare indietro la leva che quindi si incastrava nel supporto. Ora funziona alla grande.

quando l'ho richiuso ho pensato alla bravura dei progettisti di quel componente, è la prima volta che mi capita smontando qualcosa, di solito sono solo bestemmie.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1107
Iscritto il: 27/08/2018, 05:22
Località: Civitanova Marche
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 23/11/2019, 10:31 
https://it.wikipedia.org/wiki/Google_Stadia

è troppo presto...diamogli i 15/30 gg canonici per avere un numero di feed sufficiente... [:305]


Aztlan ha scritto:
da molto in alto aver deciso una sorta di "oBsolescenza pianificata" anche per i risparmi dei comuni mortali ?


(ex quote Argla)

e me par bien! mi sembra evidente che te li fanno spendere! "per rif o per raf"...più quattrini circolano PIU' si GUADAGNA sul loro movimento e controllo, DA SEMPRE, e banche e assicurazioni sono due degli "strumenti" primari -insieme al tempo- che fungono da LEVE moltiplicatrici della ricchezza... [:305]

che NON può stare nei "salvadanai dei poveri", tanto meno dei "ricchi"...come ANCHE nei televisori, nelle lavatrici, o nella play station! che tali sono SE NON SOSTITUITI... [;)]

sistema caduto dal cielo anche questo... [:295]



_________________
"...la vita è uno stato mentale..." tratto da "Oltre il giardino" di Hal Ashby
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10821
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re: Obsolescenza programmata
MessaggioInviato: 23/11/2019, 13:09 
FABIOSKY63 ha scritto:
Aztlan ha scritto:
da molto in alto aver deciso una sorta di "oBsolescenza pianificata" anche per i risparmi dei comuni mortali ?


(ex quote Argla)

e me par bien! mi sembra evidente che te li fanno spendere! "per rif o per raf"...più quattrini circolano PIU' si GUADAGNA sul loro movimento e controllo, DA SEMPRE, e banche e assicurazioni sono due degli "strumenti" primari -insieme al tempo- che fungono da LEVE moltiplicatrici della ricchezza... [:305]


[:301] [B)]

Cita:
che NON può stare nei "salvadanai dei poveri", tanto meno dei "ricchi"...come ANCHE nei televisori, nelle lavatrici, o nella play station! che tali sono SE NON SOSTITUITI... [;)]


Potresti articolare di più? [:296]

Cita:
sistema caduto dal cielo anche questo... [:295]


Immagino... La domanda a questo punto diventa: e il prossimo? Come facciamo a sapere che sarà migliore? Anche il consumismo
all' inizio pareva tanto una bella idea...



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 70 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Oggi è 02/12/2020, 00:50
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org