Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

CoraggiosoCoraggioso

Non connesso


Messaggi: 7706
Iscritto il: 30/10/2005, 08:30
Località:
 Oggetto del messaggio: La nuova P2
MessaggioInviato: 05/12/2008, 14:42 
Ho scoperto una nuova P2"
Luigi De Magistris

I verbali degli interrogatori di De Magistris

Negli atti di «Why Not» - quelle sequestrate dalla procura di Salerno, e «risequestrate» dalla procura di Catanzaro - ci sarebbero le carte della «nuova P2». È questa la versione di Luigi de Magistris, ascoltato dai procuratori di Salerno, dinanzi ai quali, il 28 dicembre 2007, fa nomi e cognomi: «Le indagini Why Not stavano ricostruendo l'influenza di poteri occulti (…) in meccanismi vitali delle istituzioni repubblicane: in particolare stavo ricostruendo i contatti intrattenuti da Giancarlo Elia Valori, Luigi Bisignani, Franco Bonferroni e altri, e la loro influenza sul mondo bancario ed economico finanziario».

E proprio Valori sarebbe ai vertici di questa organizzazione occulta. «Giancarlo Elia Valori - dice De Magistris - pareva risultare ai vertici attuali della "massoneria contemporanea" e Valori s'è occupato spesso di lavori pubblici”». Nel verbale, l'ex pm di Catanzaro, tira in ballo anche il governo di centrosinistra guidato da Massimo D'Alema: «Nel recente passato (Valori, ndr) ha trovato anche una sponda rilevante a sinistra, dentro il governo D'Alema, in Marco Minniti, ritenuto il "braccio destro" del Presidente del Consiglio dei Ministri». In altri passaggi (di ulteriori verbali) De Magistris specifica che su Minniti stava «svolgendo accertamenti delicatissimi e riservatissimi».

Ma tornando a Valori, De Magistris va oltre, tracciando prima un collegamento con il figlio di Mario Delli Priscoli, l'ex procuratore generale della Corte di Cassazione che l'ha incolpato. Il tutto parte dal business della telefonia: «Valori s'è occupato del programma Blu - oggetto di accertamenti nel procedimento Toghe Lucane (inchiesta condotta sempre da De Magistris, ndr). Blu era interessato anche alle licenze Umts ossia il sistema che unisce telefonini e servizi internet, per le quali si è scatenata una "guerra di lobby". Le cinque licenze vennero poi assegnate da un comitato di ministri presieduto da Massimo D'Alema». E una di quelle licenze, conferma la procura, fu affidata proprio alla Blu. La vicenda s'intrica ulteriormente con il legame tra Valori e Giancarlo Pittelli, senatore del Pdl, indagato da De Magistris e anch'egli in odore di massoneria.

I pm di Salerno scrivono che «Valori ha ricoperto le cariche di presidente di "Torino Internazionale", società per la quale Pittelli ha emesso fatture per un ammontare di 269.380 euro, per prestazioni consulenziali oggetto d'indagini in Why Not». Anche Luigi Bisignani, che De Magistris indagò in "Why Not", compariva nell'elenco della P2, «con il numero di tessera 203», scrivono gli inquirenti, puntualizzando che Bisignani ha però sempre negato. «Bisignani - continuano i procuratori di Salerno - risulta aver riportato una condanna a 3 anni e 4 mesi per maxi tangente Enimont». Infine, il terzo nominativo fatto da De Magistris, Franco Bonferroni, viene descritto dai pm di Salerno come «altro indagato eccellente» dei procedimenti Poseidone e Why Not: «Consigliere di Finmeccanica», scrivono i pm salernitani, «dei cui illeciti interessi in Calabria ha riferito De Magistris (…)».

Il 18 settembre 2008, inoltre, De Magistris dichiara alla procura di Salerno: «L'ipotesi investigativa sulla quale avevo raccolto gravi indizi è quella sull'esistenza di una gestione illegale e anche occulta di settori rilevanti delle istituzioni, con radici in Calabria e ramificazioni in tutto territorio nazionale. Una sorta di nuova P2, per essere sintetici, e sul punto posso offrire ogni eventuale utile approfondimento che mi verrà richiesto». «Un'ipotesi investigativa», aggiunge, sulla quale non gli è stato «consentito di condurre a termine».

Fonte: La Stampa



_________________
Immagine

UfoPlanet Informazione Ufologica
Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 213
Iscritto il: 03/12/2008, 20:38
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 05/12/2008, 21:32 
Caro Dig Dug ho letto il post e metto volentieri a disposizione tua e degli amici quanto a mia conoscenza.
In primo luogo nessuno dei nomi citati nell'articolo risulta per affermazione dei rispettivi responsabili essere iscritto alle due associazioni che assommano il 90% della massoneria ufficiale e legale italiana, Grande Oriente d'Italia detto GOI, e Gran Loggia d'Italia.
Ciò può essere facilmente riscontrato da parte dei magistrati mediante gli elenchi depositati presso il Ministero degli Interni, quindi credo di poter ritenere che anche questa volta la massoneria ufficiale italiana sia estranea all'indagine.
D'altro canto ciò quadrerebbe con quanto trapelato sui giornali che parlano di Loggia di San Marino, cioè una loggia non italiana essendo San Marino uno stato totalmente indipendente dall'Italia, avente proprie strutture, come polizia, magistratura, governo eccetera.
Non posso affermare se tale Loggia di San Marino sia legalmente ed ufficialmente costituita sul territorio straniero in oggetto, perchè non conosco quella realtà, ma mi sembra di poterne dubitare.
Considero significativo ed onorevole, tuttavia, che per nascondersi dietro il paravento della massoneria, i malintenzionati siano costretti a girare al largo dalle associazioni legalmente costituite in Italia.
Un cenno a parte merita la personalità del prof. Giancarlo Elia Valori.
Si tratta di personalità di grande prestigio nel mondo della cultura italiana, e nel mondo della dirigenza illuminata.
Ha avuto importanti riconoscimenti internazionali ed è un benemerito dei rapporti tra tra l'Italia ed il mondo culturale del Medio Oriente.
Ho avuto l'onore di conoscerlo personalmente e, francamente, non riesco a credere che abbia commesso niente di illecito o immorale, anche se, ovviamente, rispetto il lavoro di chi indaga e le sue opinioni.
In ogni caso credo che, religiosissimo, faccia parte di tutt'altra organizzazione antitetica ed incompatibile, rispetto alla laicità della massoneria.
Comunque, visto l'ultimo scenario della indagine della quale tu hai postato quelle dichiarazioni. (carabinieri schierati dai giudici di Salerno ad assediare il Palazzo di Giustizia di Catanzaro difeso da altri carabinieri schierati dai giudici di Catanzaro, col rischio anche di uno scontro), la credibilità generale dell'operato della magistratura sarebbe da rivisitare in chiave critica.
Se posso esprimere il mio pensiero, se, per caso, fosse nata una nuova P2, posso solo sperare che faccia la fine della prima, possibilmente senza mettere in mezzo chi non c'entra.
Ho offerto quanto a mia conoscenza solo per onorare l'impegno che avevo preso in tal senso con tutti gli amici del forum, in altra discussione, e non quindi per spirito polemico, fuori luogo, in questo caso o per esigenze di difendere ciò che, se fosse vero, non ne sarebbe meritevole.
Cordialmente
Carpeoro


Ultima modifica di Carpeoro il 05/12/2008, 21:34, modificato 1 volta in totale.


_________________
E' vero la pubblicità è l'anima del commercio, ma se non ci sono più i soldi per comprare perchè c'è ancora tanta pubblicità?
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

CoraggiosoCoraggioso

Non connesso


Messaggi: 7706
Iscritto il: 30/10/2005, 08:30
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 05/12/2008, 21:39 
Grazie Carpeoro sapevo che avresti risposto a questo topic ed attendevo alcune tue impressioni....



_________________
Immagine

UfoPlanet Informazione Ufologica
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/12/2008, 09:27 
Credo che chiunque studi gli eventi attuali politici e non solo, possa capire facilmente che già esiste una nuova P2.
Spero proprio che De Magistris (che cognome eh?) faccia del suo meglio nonostante gli impedimenti.



_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 242
Iscritto il: 03/12/2008, 15:57
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/12/2008, 09:58 
Cita:
Carpeoro ha scritto:

Caro Dig Dug ho letto il post e metto volentieri a disposizione tua e degli amici quanto a mia conoscenza.
In primo luogo nessuno dei nomi citati nell'articolo risulta per affermazione dei rispettivi responsabili essere iscritto alle due associazioni che assommano il 90% della massoneria ufficiale e legale italiana, Grande Oriente d'Italia detto GOI, e Gran Loggia d'Italia.
Ciò può essere facilmente riscontrato da parte dei magistrati mediante gli elenchi depositati presso il Ministero degli Interni, quindi credo di poter ritenere che anche questa volta la massoneria ufficiale italiana sia estranea all'indagine.
D'altro canto ciò quadrerebbe con quanto trapelato sui giornali che parlano di Loggia di San Marino, cioè una loggia non italiana essendo San Marino uno stato totalmente indipendente dall'Italia, avente proprie strutture, come polizia, magistratura, governo eccetera.
Non posso affermare se tale Loggia di San Marino sia legalmente ed ufficialmente costituita sul territorio straniero in oggetto, perchè non conosco quella realtà, ma mi sembra di poterne dubitare.
Considero significativo ed onorevole, tuttavia, che per nascondersi dietro il paravento della massoneria, i malintenzionati siano costretti a girare al largo dalle associazioni legalmente costituite in Italia.
Un cenno a parte merita la personalità del prof. Giancarlo Elia Valori.
Si tratta di personalità di grande prestigio nel mondo della cultura italiana, e nel mondo della dirigenza illuminata.
Ha avuto importanti riconoscimenti internazionali ed è un benemerito dei rapporti tra tra l'Italia ed il mondo culturale del Medio Oriente.
Ho avuto l'onore di conoscerlo personalmente e, francamente, non riesco a credere che abbia commesso niente di illecito o immorale, anche se, ovviamente, rispetto il lavoro di chi indaga e le sue opinioni.
In ogni caso credo che, religiosissimo, faccia parte di tutt'altra organizzazione antitetica ed incompatibile, rispetto alla laicità della massoneria.
Comunque, visto l'ultimo scenario della indagine della quale tu hai postato quelle dichiarazioni. (carabinieri schierati dai giudici di Salerno ad assediare il Palazzo di Giustizia di Catanzaro difeso da altri carabinieri schierati dai giudici di Catanzaro, col rischio anche di uno scontro), la credibilità generale dell'operato della magistratura sarebbe da rivisitare in chiave critica.
Se posso esprimere il mio pensiero, se, per caso, fosse nata una nuova P2, posso solo sperare che faccia la fine della prima, possibilmente senza mettere in mezzo chi non c'entra.
Ho offerto quanto a mia conoscenza solo per onorare l'impegno che avevo preso in tal senso con tutti gli amici del forum, in altra discussione, e non quindi per spirito polemico, fuori luogo, in questo caso o per esigenze di difendere ciò che, se fosse vero, non ne sarebbe meritevole.
Cordialmente
Carpeoro



ancora carpeoro non vuole capire che i massoni controllano e continueranno a controllare associazioni losche cme queste non c'è niente da fare....



_________________
guardando il cielo riesco a distinguere una stella più piccola da quelle più grandi,ma se non ci fosse un cielo nero a fare da sfondo non ci sarebbero affatto stelle
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1332
Iscritto il: 03/12/2008, 12:15
Località: Roma
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/12/2008, 10:59 
Cita:
Carpeoro ha scritto:

Caro Dig Dug ho letto il post e metto volentieri a disposizione tua e degli amici quanto a mia conoscenza.
In primo luogo nessuno dei nomi citati nell'articolo risulta per affermazione dei rispettivi responsabili essere iscritto alle due associazioni che assommano il 90% della massoneria ufficiale e legale italiana, Grande Oriente d'Italia detto GOI, e Gran Loggia d'Italia.
Ciò può essere facilmente riscontrato da parte dei magistrati mediante gli elenchi depositati presso il Ministero degli Interni, quindi credo di poter ritenere che anche questa volta la massoneria ufficiale italiana sia estranea all'indagine.
D'altro canto ciò quadrerebbe con quanto trapelato sui giornali che parlano di Loggia di San Marino, cioè una loggia non italiana essendo San Marino uno stato totalmente indipendente dall'Italia, avente proprie strutture, come polizia, magistratura, governo eccetera.
Non posso affermare se tale Loggia di San Marino sia legalmente ed ufficialmente costituita sul territorio straniero in oggetto, perchè non conosco quella realtà, ma mi sembra di poterne dubitare.
Considero significativo ed onorevole, tuttavia, che per nascondersi dietro il paravento della massoneria, i malintenzionati siano costretti a girare al largo dalle associazioni legalmente costituite in Italia.
Un cenno a parte merita la personalità del prof. Giancarlo Elia Valori.
Si tratta di personalità di grande prestigio nel mondo della cultura italiana, e nel mondo della dirigenza illuminata.
Ha avuto importanti riconoscimenti internazionali ed è un benemerito dei rapporti tra tra l'Italia ed il mondo culturale del Medio Oriente.
Ho avuto l'onore di conoscerlo personalmente e, francamente, non riesco a credere che abbia commesso niente di illecito o immorale, anche se, ovviamente, rispetto il lavoro di chi indaga e le sue opinioni.
In ogni caso credo che, religiosissimo, faccia parte di tutt'altra organizzazione antitetica ed incompatibile, rispetto alla laicità della massoneria.
Comunque, visto l'ultimo scenario della indagine della quale tu hai postato quelle dichiarazioni. (carabinieri schierati dai giudici di Salerno ad assediare il Palazzo di Giustizia di Catanzaro difeso da altri carabinieri schierati dai giudici di Catanzaro, col rischio anche di uno scontro), la credibilità generale dell'operato della magistratura sarebbe da rivisitare in chiave critica.
Se posso esprimere il mio pensiero, se, per caso, fosse nata una nuova P2, posso solo sperare che faccia la fine della prima, possibilmente senza mettere in mezzo chi non c'entra.
Ho offerto quanto a mia conoscenza solo per onorare l'impegno che avevo preso in tal senso con tutti gli amici del forum, in altra discussione, e non quindi per spirito polemico, fuori luogo, in questo caso o per esigenze di difendere ciò che, se fosse vero, non ne sarebbe meritevole.
Cordialmente
Carpeoro



Grazie per la testimonianza [:)]


riporto un interessante articolo del Corriere, che avevo postato in un altro thread sulla giustizia italiana

Cita:
Messaggio di DeMultaNocte


Io sono dell'idea che la separazione delle carriere tra magistratura inquirente e magistratura giudicante sarebbe già un passo avanti...

Purtroppo attualmente la magistratura non è esclusa dalle lotte di potere, anzi a volte sembra che essa stessa sia un centro di potere.

Cmq leggete e riflettete....



Mancino: «'Why Not', pronto a lasciare»
Napolitano chiede atti a Procura Salerno
Il presidente del Csm: «Vicenda senza precedenti, con gravi implicazioni». Il vice: «Mai chiamato Saladino»


ROMA - Svolta nell'inchiesta sul presunto "complotto" ai danni dell'ex pm Luigi de Magistris. Il presidente della Repubblica Napolitano, che è anche presidente del Csm, ha chiesto gli atti alla Procura di Salerno parlando di una «vicenda senza precedenti, con gravi implicazioni istituzionali». Atti e informazioni sulla vicenda de Magistris sono stati chiesti dal segretario generale della presidenza della Repubblica, Donato Marra, al procuratore di Salerno Lucio Di Pietro. La richiesta è stata avanzata su preciso mandato del capo dello Stato dopo la decisione di sequestrare atti di inchieste condotte dall'ex pm della procura di Catanzaro ora in servizio a Napoli. Nella lettera si parla di «vicenda senza precedenti» e di vicenda che «suscita inquietanti interrogativi»; viene inoltre paventato il rischio di «paralisi della funzione processuale» (leggi il testo completo).

LA GUERRA DEGLI ATTI - A seguito di ciò la Procura di Catanzaro ha bloccato gli atti già sequestrati dalla Procura di Salerno. Il provvedimento è stato firmato dal procuratore generale Enzo Jannelli e dai sostituti Garbati, De Lorenzo e Curcio. Il provvedimento di sequestro è stato notificato ai carabinieri di Salerno che erano negli uffici della Procura generale per effettuare l'indicizzazione dei documenti sequestrati relativi all'inchiesta 'Why Not' e 'Poseidone'. Un gruppo di carabinieri del Reparto operativo provinciale di Catanzaro è partito alla volta di Salerno per notificare ai magistrati campani il provvedimento di sequestro emesso dalla Procura generale del capoluogo calabrese. Inoltre sette magistrati della Procura di Salerno, fra cui il procuratore capo Apicella, sono indagati dalla Procura di Catanzaro.

MANCINO: «PRONTO A LASCIARE» - Oggi c'è stata anche la riunione plenaria del Csm con l'intervento del vicepresidente Nicola Mancino, che si è difeso dalle indiscrezioni diffuse via stampa. «Il giorno in cui una campagna di stampa dovesse incidere sulla mia autonomia non ho difficoltà a togliere l'incomodo» ha detto riferendosi alle notizie pubblicate dal Giornale secondo cui sarebbe coinvolto nell'inchiesta della Procura di Salerno sul "complotto" contro de Magistris, il cui trasferimento è stato deciso proprio dal Csm. «Non vorrei avere su di me neppure l'ombra di un sospetto - ha detto Mancino -, il giorno che dovesse accadere non avrei esitazione a lasciare. Ho sempre operato al servizio delle istituzioni e sono venuto al Csm per cercare di conciliare politica e magistratura, probabilmente me ne andrò senza aver raggiunto questo obiettivo, ma ciò dipende anche da quello che si muove all'esterno del Csm».

TELEFONATA A SALADINO - «Non ho mai telefonato a Saladino - ha chiarito Mancino parlando dell'ex presidente della Compagnia delle Opere e principale indagato nell'inchiesta «Why Not» -, la chiamata partita da uno dei miei numeri di telefono è stata fatta da un'altra persona, da un rappresentante di Comunione e liberazione, Angelo Arminio, che nel 2001 era nella schiera dei miei collaboratori. Saladino non lo conosco, mi è stato presentato nel 1985 per un comizio che fece un candidato delle liste Dc e appartenente a Cl, pensavo fosse milanese, non ho mai avuto rapporti con lui». «Nel 2001 - ha ricordato ancora Mancino parlando di Arminio - ho cessato di fare il presidente del Senato, e quel collaboratore ha smesso di far parte della mia segreteria». Inoltre, a quel tempo «de Magistris non era ancora destinato a Catanzaro, dove è andato solo nel 2002. Si fa tanto clamore, dunque per una telefonata che non ho fatto».


LE INDISCREZIONI - Nell'articolo pubblicato dal Giornale si fa riferimento al decreto di perquisizione nei confronti dei magistrati di Catanzaro emesso dalla Procura di Salerno, in cui - alla pagina 442 - si dà conto di una telefonata giunta a Saladino da un numero fisso intestato a Mancino. Inoltre il Giornale cita un interrogatorio del dicembre 2007 in cui de Magistris parla del vicepresidente del Csm: «In questi mesi ho potuto registrare diverse dichiarazioni di appartenenti al Csm che in qualche modo hanno anticipato valutazioni negative sul mio operato. Mi riferisco in particolare alle dichiarazioni dei consiglieri (...) e del vicepresidente del Csm, Nicola Mancino. (...) Questo mi ha sorpreso perché come noto egli è presidente della sezione disciplinare che dovrà valutare la mia condotta». In una deposizione del novembre 2007 davanti ai giudici salernitani e riportata dall'Ansa, de Magistris afferma anche che «Why Not» gli è stata tolta quando «stavo praticamente per chiudere il procedimento» e «soprattutto stavo facendo degli atti anche molto importanti (...) che riguardavano esponenti di spicco della politica calabrese (Minniti, Tommasi, Adamo e D'Andria)». Si tratta di Marco Minniti, massimo esponente del Pd calabrese ed ex viceministro dell'Interno; Nicola Adamo ex vicepresidente della giunta regionale e attuale capogruppo del Pd alla Regione, Diego Tommasi (Verdi) ex assessore regionale all'ambiente, e Renato D'Andria (Psdi).

SOLIDARIETÀ - Il plenum del Csm ha espresso completa solidarietà a Mancino. «Eravamo ampiamente consapevoli che l'operazione in atto mira a colpire tutti noi - ha detto il togato di Magistratura Democratica, Livio Pepino -. Bisogna avere grande rigore e trasparenza con una risposta dura che ci porta a non farci intimidire». Giuseppe Berruti, rappresentante di Unicost, ha detto che «Mancino capirà che la sua missione è quella di questo consiglio, che riuscirà a reggere in questo momento difficile». Il vicepresidente, ha aggiunto Vincenzo Siniscalchi (laico del centrosinistra), «ha dato una grande prova di trasparenza democratica». Gianfranco Anedda (laico di An) ha criticato de Magistris: «Mi pare che anche in queste ore anteponga l'orgoglio personale all'interesse della magistratura che da tutto ciò esce delegittimata». Mancino, da parte sua, ha voluto ringraziare tutti i componenti del Consiglio per le loro parole sottolineando che «non ci dobbiamo chiudere a riccio, ho sempre rispettato l'esercizio della giurisdizione, ci possono anche essere eccessi, ma ci sono tre gradi di giudizio, il sistema permette che la verità possa emergere». Per questo rivendica il ruolo del Csm «che deve sempre essere svolto in totale imparzialità: il magistrato da valutare in sede amministrativa o disciplinare ha diritto a una giustizia imparziale».

DI PIETRO E ROTONDI - Solidarietà a Mancino anche da Di Pietro e Rotondi. «Non si getti fango su di lui: finché i magistrati non dicono che c'è un'inchiesta, si eviti di fare di tutta l'erba un fascio - ha detto il leader dell'Idv Antonio Di Pietro -. La stagione dei veleni non è finita, ma sarebbe giusto ridare a de Magistris le sue inchieste e permettergli di fare il suo dovere». E il ministro per l'Attuazione del programma Gianfranco Rotondi: «Chi conosce Nicola Mancino sa che nessuna ombra può esserci sulla sua autonomia e, soprattutto, sulla sua onestà personale attestata da mezzo secolo di presenza nella politica e nelle istituzioni». Michele Vietti (Udc): «Del presidente Mancino conosciamo e apprezziamo da sempre la lunga militanza al servizio delle istituzioni condotta con serietà ed equilibrio. Gli esprimiamo la nostra solidarietà».

PECORELLA - Secondo Gaetano Pecorella (deputato Pdl) «sta accadendo quello che non poteva che accadere, e cioè che una volta entrata la politica nella magistratura questa finisce per intaccare e tagliare le radici della stessa magistratura - ha detto a Radio Radicale -. Con questo sistema per cui le informazioni di garanzia, le notizie sui giornali, le telefonate più o meno interessanti vengono pubblicate, si finisce per lasciare in mano a questo o quel magistrato delle forme di epurazione. In questo modo si colpisce l'intero Csm perché Mancino lo rappresenta». Pecorella parla di «una guerra tra bande dentro la magistratura che hanno in mano persino la organizzazione interna. Il Paese non sa se a Catanzaro c'è una specie di associazione a delinquere fatta di magistrati con ramificazioni che arriverebbero addirittura al Csm oppure se c'è un gruppo di magistrati (quelli della Procura di Salerno, ndr) che ha sentito la necessità di scrivere 1.700 pagine per fare una perquisizione con lo scopo evidentemente di diffondere dati e notizie».

fonte: http://www.corriere.it/cronache/08_dice ... aabc.shtml




Ultima modifica di DeMultaNocte il 06/12/2008, 11:01, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 213
Iscritto il: 03/12/2008, 20:38
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/12/2008, 11:28 
Cita:
[red]anunnako ha scritto:
ancora carpeoro non vuole capire che i massoni controllano e continueranno a controllare associazioni losche cme queste non c'è niente da fare....


Sei tu che ancora una volta non vuoi capire che è il contrario: che è il potere che cerca di servirsi della massoneria come di tante altre cose e che quelli come te che danno la colpa ai massoni di tutto, al potere fanno estremamente comodo ....
Carpeoro


Ultima modifica di Carpeoro il 06/12/2008, 11:29, modificato 1 volta in totale.


_________________
E' vero la pubblicità è l'anima del commercio, ma se non ci sono più i soldi per comprare perchè c'è ancora tanta pubblicità?
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 26/05/2019, 15:43
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org