Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1301 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 77, 78, 79, 80, 81, 82, 83 ... 87  Prossimo
Autore Messaggio

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45874
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 10/06/2018, 15:20 
.. ma uno fa ciò che deve se è tutto d'un pezzo; e per esserlo ....... [^]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 16656
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 11/06/2018, 01:21 
E per esserlo non deve essere un corrotto ed in fatto di corruzione morale e materiale i cristiani hanno di che insegnar, non è certo la fede che fa l'uomo retto.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45874
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 11/06/2018, 09:12 
Giusto! "... i pubblicani e le meretrici vi precederanno nel Regno dei cieli"
Se un uomo è retto è sulla Strada! [;)]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45874
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 24/06/2018, 15:54 
[:291]


Immagine
Il radicalismo islamico che ha scelto la via della lotta armata nato a metà degli anni ’70 ha avuto un “salto di qualità” con l’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001 prima, poi con la nascita dello Stato islamico e gli attentati in Europa che dal novembre 2015 non cessano di terrorizzare il Vecchio continente. Da al-Qaida a Daesh sono cambiati i fini e le strategie, benché l’ideologia neosalafita di fondo delle organizzazioni terroristiche citate sia la medesima: stabilire un califfato transnazionale basato sulla legge della sharia. Queste organizzazioni respingono la democrazia e credono che la violenza e il terrorismo siano giustificati nel perseguire i loro obiettivi. Prima del 1990, c’erano solo una manciata di gruppi jihadisti salafiti attivi. Nel 2013 erano ben 49.

Come spiega Foreign Affairs, la proliferazione di questi gruppi è sconcertante perché i loro obiettivi sono molto più radicali di quelli della popolazione sunnita che cercano di rappresentare. Secondo un’indagine condotta dal Pew Research Center nel 2013, che ha preso in esame 38mila musulmani in 39 Paesi, la maggior parte dei sunniti preferisce la democrazia rispetto al salafismo e le grandi maggioranze rifiutano fortemente la violenza in nome dell’Islam. Se così tanti musulmani non sono d’accordo con gli obiettivi e i metodi di questi gruppi radicali, perché si sono moltiplicati?
L’avanzata del radicalismo islamico

Benché la maggior parte dei musulmani non appoggi le idee radicali e violente del neosalafismo, osserva Barbara F. Walter su Foreign Affairs, quando scoppiano le guerre civili o guerre per procura, come accaduto in Ciad, Iraq, Libia, Nigeria, Mali, Pakistan, Somalia, Siria e Yemen, “i cittadini moderati hanno due opzioni: scegliere una parte o cercare di rimanere neutrali”. Spesso si tratta di una scelta legata alla sopravvivenza: “La scelta migliore – spiega- è allinearsi con la fazione armata che ha più probabilità di vincere la guerra. Il sostegno del vincitore protegge un individuo dalle rappresaglie del dopoguerra e, schierandosi con un gruppo che promette riforme, si apre la possibilità di un cambiamento politico positivo”. Il problema è che molti non sanno come si comporterà il vincitore una volta giunto al potere.

Le ideologie estreme come quella del Califfato consentono ai vertici dell’organizzazione terroristica di reclutare combattenti fortemente ideologizzati e pronti a morire per la causa. Ciò comporta un notevole vantaggio strategico a questo tipo di organizzazioni. Questi combattenti accaniti aiutano il gruppo a vincere le prime battaglie e creare una solida reputazione. Il risultato è che, dopo le prime vittorie, anche le persone più moderate si uniscono all’organizzazione perché opportunisticamente credono che quella fazione possa vincere. “Questo – spiega Foreign Affairs – è esattamente ciò che l’esperto di terrorismo Will McCants crede sia successo in Siria: il successo iniziale dello Stato islamico (o Isis) ha convinto molti ex combattenti dell’esercito siriano libero a disertare in favore del gruppo jihadista meglio finanziato e più organizzato”. In questi contesti, dunque, le persone non hanno bisogno di credere in un’interpretazione radicale dell’Islam per sostenere un gruppo estremista.
Le cause della radicalizzazione

Come spiega in Sunniti Massimo Campanini, orientalista italiano, nonché uno dei più apprezzati storici del Medio Oriente contemporaneo, le cause della radicalizzazione possono essere molteplici. In primo luogo, spiega, la sconfitta degli ideali laici di nazionalismo e socialismo incarnati da Nasser ha implicato un ritorno all’Islam militante. Nasser si era fatto portabandiera di una secolarizzazione dell’islam che la disfatta della guerra dei Sei Giorni ha rivelato illusoria. A questa delusione si è aggiunta la crisi economica che, a partire dagli anni Settanta del Novecento, ha impoverito larghe fasce della popolazione, soprattutto urbana. Un terreno fertile per ideologie estreme e radicali come quelle di al-Qaida e dello Stato Islamico.

http://www.occhidellaguerra.it/come-si- ... -islamico/



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45874
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 03/07/2018, 10:29 
Immagine
L’offerta di aiuto avanzata dalla Lega Musulmana Mondiale (MWL) al governo italiano per quanto riguarda il problema delle moschee e il flusso migratorio non può non destare perplessità e interrogativi. Per quale motivo, infatti, la ONG saudita, da sempre attiva nella diffusione dell’Islamismo di stampo wahabita, ha improvvisamente tutto quest’interesse nell’”aiutare” l’Italia?

Una proposta che non è però stata presa in considerazione dal nuovo governo, secondo quanto dichiarato dal segretario della MWL, Mohammed al-Issa: “Siamo pronti a mettere molti soldi, un supporto diretto al governo italiano sull’immigrazione. Ma – si lamenta – non siamo riusciti a dirlo al vostro ministro degli Esteri.

A questo punto è utile capire meglio il profilo dell’ONG in questione, la strategia perpetrata da anni dal wahabismo sul piano internazionale e osservare come ha influito su un contesto dove è particolarmente presente, quello bosniaco.
Cos’è la Lega Musulmana Mondiale (Muslim World League)

Secondo quanto illustrato dall’Oxford Islamic Studies Dictionary la MWL viene fondata nel 1962 in Arabia Saudita con lo scopo di discutere le problematiche della comunità islamica in relazione alla minaccia comunista/atea promuovendo la dottrina islamica e combattendo i complotti percepiti nei confronti dei musulmani.

Dal 1972 la ONG inizia a mettere in evidenza un’identità sovranazionale e indipendente, focalizzandosi sulla costruzione di relazioni con organizzazioni culturali e politiche di stampo islamico, espandendo le proprie iniziative missionarie e di supporto sociale. Sempre secondo l’esposizione del Dizionario britannico, la MWL è legata al regime saudita e da esso finanziata.

In poche parole la MWL si occupa di proselitismo, di divulgare quell’islamismo radicale meglio noto come “wahabismo” che non permette a un musulmano di convertirsi ad altra religione (pena la morte), che perseguita gli omosessuali, i miscredenti, quell’ideologia che nega diritti fondamentali alle donne e che non accetta differenti interpretazioni dell’Islam che si discostano da quella ufficiale saudita. Del resto basta vedere come ha risposto al-Issa durante l’intervista del Corriere della Sera quando gli viene chiesto se si considera wahabita: “Io sono contrario a queste denominazioni: wahabita, salafita. Io sono con il puro Islam”.

Questo cosa significa? Intendeva forse dire che vi sono branche dell’Islam considerate “impure”? Chissà cosa pensa al-Issa del Sufismo, dell’Islam sciita o dei Bektashi albanesi. Del resto nell’ultima domanda dell’intervista al-Issa non perde l’occasione di puntare il dito contro gli sciiti, accusandoli di fare la Taqqiyya (dissimulazione nell’interesse dell’Islam).

Per quanto riguarda il terrorismo, al-Issa definisce i terroristi islamici come “estremisti religiosi, falsamente islamici” e tira in ballo gli estremisti cattolici, ma sarebbe interessante sapere la posizione della Lega Musulmana Mondiale (MWL) nei confronti del terrorismo e a tal fine è utile analizzare la definizione del concetto di “terrorismo”, proprio della MWL, datata 2002: “Il terrorismo è un attacco oltraggioso condotto da individui, gruppi o stati contro l’essere umano (la sua religione, vita, intelletto, proprietà e onore). Include tutte le forme di intimidazione, danno, minaccia, uccisione senza giusta causa …”

In un’altra clausola si aggiunge: “Nell’Islam, la Jihad è ordinata per mantenere il diritto, respingere l’ingiustizia e stabilire la giustizia, la pace, la sicurezza e la clemenza, con cui il Profeta (la pace sia con lui) è stato inviato per portare l’umanità fuori dall’oscurità e verso la luce; la Jihad è stata ordinata per eliminare tutte le forme di terrorismo e per difendere la patria dall’occupazione, dal saccheggio e dal colonialismo”.

Una definizione che desta serie perplessità: nel caso in cui subentrasse una “giusta causa” allora il terrorismo diventerebbe legittimo? E chi dovrebbe essere a stabilire se una causa è “giusta” o meno?

Immancabile il riferimento al jihad, ovviamente infarcito con retorica “medievale” su “luce e oscurità” in una definizione generale che va a mescolare dogmatismo religioso con tematiche politiche e securitarie.
Il legame con la International Islamic Relief Organization

Matthew Levitt nel suo libro “Hamas: Politics, Charity, and Terrorism in the Service of Jihad” illustrava come la MWL fosse stata messa sotto indagine negli Stati Uniti per rapporti con Hamas e al-Qaeda.

E’ bene infatti ricordare che nel 1978 la Lega Musulmana Mondiale fondava a Jeddah la Intenrational Islamic Relief Organization (IIRO), ONG ben nota a chi ha esaminato l’infiltrazione islamista durante la guerra di Bosnia (1992-95), dove svolse un ruolo di rilievo nel finanziare i mujahideen anti-serbi, come illustra l’analista John Schindler:

“La IIRO era utilizzata come perno dei finanziamenti di al-Qaeda e i suoi collegamenti con il movimento internazionale del jihad erano talmente profondi che non si riusciva a distinguere, dal punto di vista funzionale, l’organizzazione umanitaria dalla rete della jihad” (cfr. Schindler John, “Guerra in Bosnia 1992-1995”, p.192).

Schindler ricordava inoltre come il fratello del leader qaedista Ayman al-Zawahiri (Muhammad) avesse lavorato come funzionario della IIRO in Albania, Croazia e Bosnia, proprio negli anni ’90 ed è proprio in quegli anni che molti esponenti di al-Qaeda venivano segnalati attivi in Bosnia.

Subito dopo gli attentati dell’11 settembre 2001 emergeva inoltre che un cognato di Usama Bin Laden aveva utilizzato il ramo indonesiano e filippino della IIRO per operare con organizzazioni terroristiche.

La IIRO compariva anche in Cecenia in supporto ai jihadisti anti-Mosca, sia nella raccolta di fondi a favore dei “separatisti” che nel trasferimento di jihadisti, come spiegato dall’analista Olga Oliker: “Documenti rinvenuti a Grozny elencavano Paesi come Sudan, Nigeria, Niger, Costa d’Avorio che avevano inviato combattenti in Cecenia attraverso la IIRO” (cfr. Oliker Olga, “Russia’s Chechen Wars 1994-2000: Lessons from Urban Combat”, P.71-72 e Hahn Gordon, “Russia’s Islamic threat”, p.36).
La strategia wahabita e l’infiltrazione bosniaca

Quando Mohammed al-Issa afferma che i salafiti hanno il principio del rispetto delle regole stabilite dai capi del proprio Stato, anche se in disaccordo, fa probabilmente riferimento alla branca “quietista” del salafismo: quelli che non contrastano i governanti. Bisogna però tener presente che i salafiti “quietisti” hanno anche il principio dell’isolamento, ovvero dell’”egira” nei confronti della società miscredente in cui vivono e di esempi del genere ce ne sono numerosi anche in Italia. Delle vere e proprie realtà sociali parallele che si alienano e continuano a vivere secondo i propri dettami. Un esempio europeo? I tribunali della Sharia presenti in Gran Bretagna. Lì non combattono i tribunali britannici, semplicemente creano i propri. Ha senso dunque citare i salafiti quietisti come “esempio di integrazione e rispetto delle regole”? No.

Un esempio ancor più prossimo all’Italia? La Bosnia, la grande moschea di Sarajevo, luogo che ospita anche la sede diplomatica saudita e che promuove il wahabismo in contrapposizione all’Islam etno-culturale autoctono ed è sufficiente fare un giro a Sarajevo per rendersene conto, così come in tutta la Bosnia dove gli “dzemat” wahabiti, spesso finanziati da ONG del Golfo, spuntano come funghi infiltrando così la società bosniaca.

Un perfetto esempio dell’infiltrazione wahabita in Bosnia è il predicatore jihadista bosniaco Bilal Bosnic, ex combattente in quell’unità denominata “el-Mudzahid”, composta quasi interamente da jihadisti arabi e oggi in carcere con l’accusa di propaganda e reclutamento a favore dell’ISIS. Il suo amico Nusret Imamovic, anch’egli predicatore, è invece andato in Siria per raggiungere i qaedisti di Jabhat al-Nusra.

Risultano numerosi i predicatori e i combattenti balcanici che si sono recati nelle università islamiche saudite a studiare dottrina per poi rientrare nei propri Paesi d’origine e mettersi al servizio del “puro Islam”.

Non si tratta dunque di “integrazione”, ma di finta integrazione che punta a divulgare l’ideologia islamista radicale all’interno dei luoghi di culto del Paese di riferimento, una strategia che mira all’egemonia dottrinaria tramite finanziamenti, proselitismo e costruzione di nuove moschee. Di fatto chi controlla i finanziamenti controlla tutto il resto, questo è un dato di fatto.

Un ultimo aspetto che non va dimenticato è quello dell’infiltrazione politica, perché invece del jihad si può raggiungere il potere utilizzando gli strumenti democratici messi a disposizione dai Paesi europei, quella partecipazione socio-politica che mira a cambiare l’ordine nel tempo, facendo tanti figli, infiltrando la sfera politica e controllando i luoghi di culto (dove religione e politica spesso diventano un’unica questione). Una strategia utilizzata anche dai Fratelli Musulmani, come già ampiamente visto tra il 2011 e il 2014. Cambiano le strategie ma non l’ideologia alla base, ciò che viene definito “puro Islam”, come a lasciar sottintendere che esiste anche quello “impuro”.

http://www.occhidellaguerra.it/decenni- ... allitalia/



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45874
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 07/07/2018, 20:11 
Immagine


Immagine
Roma, 7 lug – “Il cane è il miglior amico dell’uomo”, recita un detto popolare. Miglior amico, sì: ma non di tutti. È il caso di Speed, Jack Russell diventato un fenomeno a-social (perché socievolissimo non sempre lo è) proprio nelle ultime ore. Certo è scabroso parlare di un “cane razzista” nei tempi iper maturi del politicamente corretto. Ma questo, il nostro Speed non può saperlo: sulla spiaggia di Alassio, ringhia deciso contro neri ed extracomunitari. No: non è il cane di Salvini (come insinuerebbero i buonisti malpensanti) ma l’amico a quattro zampe di uno dei gestori dell’Hotel Milano.

“Un cagnolino che abbaiava contro un ragazzo di colore sulla spiaggia di Alassio, alcuni bagnanti che ridono e applaudono e lo incitano, io che non credo ai miei occhi e li invito a fermarsi. Loro sghignazzano e una signora mi offende pesantemente con i soliti riferimenti sessuali a me e ai migranti”: così racconta, in un post su Facebook, una testimone delle “razziste, canine illazioni”. Sta di fatto che il “terribile Speed” ha raccolto il plauso di moltissimi turisti e bagnanti: cave canem!

“Si, è vero che lui riconosce i negri dall’odore e gli ringhia, ma non ha mai azzannato nessuno. Ovviamente l’hotel accoglie anche clienti di colore. Razzista? Ma come fa un cane a essere razzista? Io? Macchè, è solo che quando vengono i marocchini a vendere Speed li riconosce subito e li manda va”, afferma la proprietaria. Comprensibile indignazione e moral denuncia de “La Repubblica” e affini. In tempi di razzismo più presunto che effettivo, la vicenda del cane di Alassio restituisce il fedele ritratto dello status quo.
Parafrasando Pasolini “c’è razzismo in assenza di razzismo”, di quel “nemico immaginario”, chiamato Russell. Il solito, aulico “giornalismo (canino) d’inchiesta”.

https://www.ilprimatonazionale.it/crona ... sta-88998/



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Non connesso


Messaggi: 3895
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 07/07/2018, 20:23 
Ufologo 555 ha scritto:
Immagine


Immagine
Roma, 7 lug – “Il cane è il miglior amico dell’uomo”, recita un detto popolare. Miglior amico, sì: ma non di tutti. È il caso di Speed, Jack Russell diventato un fenomeno a-social (perché socievolissimo non sempre lo è) proprio nelle ultime ore. Certo è scabroso parlare di un “cane razzista” nei tempi iper maturi del politicamente corretto. Ma questo, il nostro Speed non può saperlo: sulla spiaggia di Alassio, ringhia deciso contro neri ed extracomunitari. No: non è il cane di Salvini (come insinuerebbero i buonisti malpensanti) ma l’amico a quattro zampe di uno dei gestori dell’Hotel Milano.

“Un cagnolino che abbaiava contro un ragazzo di colore sulla spiaggia di Alassio, alcuni bagnanti che ridono e applaudono e lo incitano, io che non credo ai miei occhi e li invito a fermarsi. Loro sghignazzano e una signora mi offende pesantemente con i soliti riferimenti sessuali a me e ai migranti”: così racconta, in un post su Facebook, una testimone delle “razziste, canine illazioni”. Sta di fatto che il “terribile Speed” ha raccolto il plauso di moltissimi turisti e bagnanti: cave canem!

“Si, è vero che lui riconosce i negri dall’odore e gli ringhia, ma non ha mai azzannato nessuno. Ovviamente l’hotel accoglie anche clienti di colore. Razzista? Ma come fa un cane a essere razzista? Io? Macchè, è solo che quando vengono i marocchini a vendere Speed li riconosce subito e li manda va”, afferma la proprietaria. Comprensibile indignazione e moral denuncia de “La Repubblica” e affini. In tempi di razzismo più presunto che effettivo, la vicenda del cane di Alassio restituisce il fedele ritratto dello status quo.
Parafrasando Pasolini “c’è razzismo in assenza di razzismo”, di quel “nemico immaginario”, chiamato Russell. Il solito, aulico “giornalismo (canino) d’inchiesta”.

https://www.ilprimatonazionale.it/crona ... sta-88998/

I cani sono più onesti e sinceri di certi "esseri" umani.
Non hanno nessuno PREgiudizio PREconfezionato.
Come "sentono" i tumori, sentono i .....
Minkia, adesso facciamo fuori tutti i cani ....
Sono vecchio, ma non in carrozzina, e la forza di premere un grilletto ce l'ho ancora, sia per difendere la mia famiglia e la mia cagnolina.



_________________
Chi è assunto e pagato dallo Stato, deve obbedire a chi rappresenta lo STATO, non più al "capotribù" !
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45874
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 07/07/2018, 20:28 
Ahahahaah!!!



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Non connesso


Messaggi: 3895
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 07/07/2018, 20:32 
Ufologo 555 ha scritto:
Ahahahaah!!!

Ti riferisci alla cagnolina o alla MIA montagna??? [:291]



_________________
Chi è assunto e pagato dallo Stato, deve obbedire a chi rappresenta lo STATO, non più al "capotribù" !
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4752
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Bananas
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 07/07/2018, 20:32 
Ormai siamo sui livelli di "caccia alle streghe" dei DEM americani, che da quando ha vinto "Crodino" trasudano bile! :D

Ogni pretesto è buono per buttarla sempre sui razzismi, neri Vs bianchi, etero Vs gaudenti, ecc... Ma che cazz si fumano questi 'progressisti', letame di asino?!



_________________
"And you run and you run to catch up with the sun, but it’s sinking,
racing around to come up behind you again.
The sun is the same in a relative way, but you’re older,
shorter of breath and one day closer to death."
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10350
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 07/07/2018, 21:42 
Cita:
Migranti, la minaccia dell'imam: "Ci saranno delle conseguenze"

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ ... 49380.html


Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Non connesso


Messaggi: 3895
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 07/07/2018, 22:29 
sottovento ha scritto:
Cita:
Migranti, la minaccia dell'imam: "Ci saranno delle conseguenze"

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ ... 49380.html

Come in tante altre volte, nella vita , ci si trova davanti a situazioni, faccende dove bisogna tirar fuori le p@lle, gli attributi.
Visto ed appurato che sti muslim, mussulmani, arabi o fricani che siano hanno comunque 2 mani e due gambe come noi, vediamo di darci una svegliata e: à la guerre comme à la guerre
, copiamo una volta tanto quando serve.
Abbiamo una sovrapproduzione di piscio suino, o no ??
Usiamolo.
Se continuiamo a fare le pecore, altro che invasione di mafiosi ci tocca sopportare, e ci dovremo vergognare davanti ai nostri figli e nipoti.



_________________
Chi è assunto e pagato dallo Stato, deve obbedire a chi rappresenta lo STATO, non più al "capotribù" !
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 873
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 08/07/2018, 07:56 
" bagnanti che ridono e applaudono e lo incitano "
Non ho parole. Non vedo proprio cosa ci sia da ridere e non capisco il tenore di certi commenti.
Ci sarebbe solo da piangere per un' "umanità" che si comporta così...



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45874
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 08/07/2018, 08:15 
Allora non basterebbe un secchio per raccogliere tutte le lacrime! (E non si può sempre piangere, ci castiga già la vita ..) [:291]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 873
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: Non potrò mai integrarmi con i musulmani !
MessaggioInviato: 08/07/2018, 08:54 
Trovo inconcepibile che il razzismo possa far ridere.



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1301 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 77, 78, 79, 80, 81, 82, 83 ... 87  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 20/05/2019, 12:35
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org