Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 324 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 22  Prossimo
Autore Messaggio

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 49592
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 05/01/2013, 13:24 
Giustissimo! Solo che qui si va avanti ad inventarci partitini che poi ne basterebbe uno per sbilanciare uno dei due "poli"; quindi il tutto è sempre in mano a qualche fesso! [:o)]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Opinioni personali e avvenimenti accaduti nel passato): viewtopic.php?p=363955#p363955
Nient'altro che una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40983
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/01/2013, 02:01 
A proposito di "porta della democrazia che si sta chiudendo", propongo
uno scientifico stato dell'arte, scritto dall'immenso Paolo Barnard....

Tratto da: http://paolobarnard.info/intervento_mos ... php?id=541

Il mio lavoro ha portato prove autorevoli con documenti e testimonianze in numero talmente ampio che è impossibile persino riassumerle qui. Voglio solo ricordare i seguenti punti:

A) La Costituzione italiana non ha più valore sovrano, essendo stata sottomessa alla legge europea fin dal 1991. (Chapter National constitutions and the Lisbon Treaty: conflicts are resolved by the EU Court, 344 TFEU - obligation of loyalty, 4.3 TEU, 24.3 TEU - In Opinion 1/91 of the European Court of Justice, the European treaties are described as 'the Constitutional Charter of a Community of Law, a new legal order for the sake of which the States have limited their sovereign rights”).

B) La legge europea, redatta unicamente dalla Commissione Europea di tecnocrati che nessuno elegge, ha supremazia su ogni legge nazionale italiana. Ne consegue che il Parlamento nazionale è esautorato nella sovranità. Il ruolo subordinato dei Parlamenti nazionali nella nuova Europa significa che “essi dovranno fare gli interessi dell’Unione prima che i propri”, come sancito dai Trattati. (Art. 8c, TEU - The European Council of 21-23 June 2007 in Brussels: Presidency Conclusions, General Observations, point 3, page 16)

C) Il governo italiano non ha più alcuna sovranità nelle politiche economiche, di bilancio e sociali. Questo significa aver perso il 99,9% del potere di un governo. Ciò accade a causa dei Trattati europei che l’Italia ha firmato e ratificato in legge nazionale, e che da oggi costringono il governo e il Parlamento alle seguenti misure:

- Una spesa pubblica insignificante non oltre il 3% del PIL, che dovrà scendere allo 0,5% del PIL.

- Il pareggio di bilancio va inserito nella Costituzione (sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 3/1 a - 3/2). Significa che il governo deve spendere 100 e tassarci 100, lasciando a noi cittadini e imprese esattamente 0 denaro. Unica nostra alternativa è erodere i risparmi o indebitarci con le banche. Questo è precisamente l’impoverimento automatico che oggi chiamiamo ‘la crisi’. L’Italia ha ubbidito e ha messo in Costituzione il pareggio di bilancio, ma ora sapete che non è stata affatto una scelta parlamentare per il bene del Paese, ma una costrizione esterna dettata dalla minaccia di sanzioni europee (leggi sotto)


- Il governo dovrà sottomettere la legge di bilancio alla Commissione Europea prima che al Parlamento, e solo dopo l’approvazione di Bruxelles potrà interpellare i deputati.

- Se il governo sgarra, potrà essere multato di miliardi di euro e scatta una procedura chiamata Preventing Macroeconomic Imbalances. Concede alla Commissione e al Consiglio Europeo poteri di intervenire sulle politiche italiane del lavoro, sulla tassazione, sullo Stato Sociale, sui servizi essenziali e sui redditi per imporre tagli e maggiori tasse. Imporre, non suggerire.

- La competitività italiana sarà giudicata dai poteri europei superiori a governo e Parlamento in rapporto al contenimento degli stipendi e all’aumento della produttività. Gli stipendi pubblici devono essere tenuti sotto controllo per non danneggiare la competitività. La sostenibilità del debito nazionale viene giudicata a seconda della presunta generosità di spesa nella Sanità, Stato Sociale, e ammortizzatori sociali. Le pensioni e gli esborsi sociali devono essere riformati “allineando il sistema pensionistico alla situazione demografica nazionale, per esempio allineando l’età pensionistica con l’aspettativa di vita”.

- L’Italia, Stato della zona Euro, dovrà chiedere l'approvazione alla Commissione Europea e al Consiglio Europeo prima di emettere i propri titoli di Stato. Anche qui la funzione primaria di autonomia di spesa dello Stato sovrano è cancellata (sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 6).

- Se l’Italia dovrà chiedere un aiuto finanziario al Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) sarà obbligata a sottoscrivere, in accordo con la Commissione Europea, col FMI e con la BCE, un Memorandum dove si vincola a obbedire a tutto ciò che il MES e FMI gli imporranno, a tutti i Trattati, a tutte le condizioni del prestito, persino a critiche e suggerimenti dei sopraccitati. Il Parlamento italiano non ha alcuna voce in capitolo neppure qui.

(Fonti: The Stability and Growth Pact, The European Semester, Preventing Macroeconomic Imbalances, The Europact, The Fiscal Compact, The European Stability Mechanism(MES)).

Infine, il governatore della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, ha il potere sancito dallo statuto BCE di ricattare qualsiasi banca italiana attraverso i poteri della Struttura di Controllo del Rischio (Risk Contol Framework), e anche qui il governo italiano è impotente. E, come sapete, l’Italia, che ha perduto con l’Eurozona la sua moneta sovrana, dipende dai mercati di capitali internazionali per ricevere ogni centesimo di euro che spende per la vita dello Stato, per cui è da essi ricattabile al 100%, cioè il governo, il Parlamento, i cittadini, la Costituzione sono alla mercé dei mercati, interamente.



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40983
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 15/01/2013, 19:47 
Loretta Napoleoni: "La democrazia è a rischio: vi spiego
perché l'Italia deve rimettere in discussione l'euro"


http://www.ufoforum.it/topic.asp?whichp ... _ID=264737



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2712
Iscritto il: 04/12/2008, 11:27
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 16/01/2013, 07:46 
in merito di democrazie a rischio, segnalo il titolo a SKYTG24 di questa mattina: "Il PPE dice no a Berlusconi: per noi il candidato in Italia è Monti"

Per quanto io non sia simpatizzante di Silvio, trovano così conferma molti timori discussi in questo forum mesi fa, quando si diceva - da bravi ormai ex complottisti, visto che le cose sono reali - che l'Europa e il NWO non avrebbero mai permesso ad un antieuropeista di tornare al potere.


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 49592
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 16/01/2013, 12:20 
Berlusconi: "Ppe contro di me? Daul è solo uno dei 14 vicepresidenti"

Ieri l'attacco di Daul: "Il Ppe sostiene Monti". Berlusconi: "È solo uno dei 14 vicepresidenti, non rappresenta il partito". Su Draghi al Colle: "Non è lui il nostro candidato"

Lo scontro tra Mario Monti e Silvio Berlusconi si è ormai spostato in Europa, in seno al Partito popolare europeo di cui entrambi fanno parte.


Ieri il capogruppo Joseph Daul ha sostenuto la candidatura del Professore a discapito di quella del leader del Pdl.

Una dichiarazione "improvvida" che non spaventa il Cavaliere, che sottolinea come Daul sia solo uno dei 14 vicepresidenti del partito: "Ha espresso una personale posizione, non rappresenta il Ppe".

Berlusconi ha anche chiarito la sua posizione sull'eventuale candidatura di Mario Draghi al Quirinale: "Come al solito i quotidiani stravolgono le situazioni pur di farmi fare una brutta figura. Non ho portato avanti nessuna candidatura di Draghi, ho solo risposto a una domanda". Del resto, il presidente dell'Eurotower "sta facendo bene alla Bce. Non vedo nessuna opportunità né per lui né per noi che lasci il suo mandato". Berlusconi ha un altro nome da lanciare al Colle. Un nome che sarà rivelato solo al momento opportuno. Di certo non si tratta di Monti, nonostante sia stato in passato uno dei papabili proprio per il Cavaliere: "Era un Monti diverso, ci eravamo cascati".

Anche sul fronte interno, il Cavaliere è sicuro di sè: "Penso che al Senato vinceremo ampiamente", sostiene a Radio Anch'io, sottolineando che nella prossima legislatura "l’accordo tra noi e il Pd può avvenire solo per cambiare l’architettura dello Stato". Duro attacco anche al "centrino" di Monti che "è la ruota di scorta, la spalla, del Pd". Il Prof, secondo Berlusconi, ha ingannato gli italiani, aumentando le tasse, mentre ora promette di abbassarle: "Prima Monti ha messo l’Imu e ora dice di volerla togliere, poi ha fatto il redditometro e ora dice di non volerlo. O pensa che gli italiani siano matti o c’è in giro un matto che pensa di essere Monti". Il Cav, poi, assicura: "Il Pdl vuole tagliare la pressione fiscale di un punto all’anno per i prossimi cinque anni e questo può avvenire tagliando i costi dello Stato".

Immancabile, inoltre, un commento alla magistratura che "mi vuole colpire non solo nell’immagine, ma anche nel portafoglio". Per Berlusconi, i suoi guai giudiziari "derivano da un uso della giustizia a fini politici, per eliminare gli avversari politici. È un'anomalia, anzi una patologia della democrazia". Così come è un'anomalia Ingroia: "In Italia infatti c’è la possibilità per un magistrato che si è fatto pubblicità attraverso le indagini di potersi candidare in politica e poi di tornare nella magistratura".

Parlando infine del caso Fiat, Berlusconi ha ricordato che il Lingotto "ha promesso che manterrà la sua presenza in Italia": "Il prossimo governo dovrà vigilare affinché questo accada. Il mercato dell’auto è in una forte crisi, sia in Europa sia in Italia e la Fiat ha bisogno di programmare il futuro, di produrre macchine per acquisitori europei
e di tutto il mondo.

http://www.ilgiornale.it/news/interni/b ... 75463.html



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Opinioni personali e avvenimenti accaduti nel passato): viewtopic.php?p=363955#p363955
Nient'altro che una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40983
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/06/2013, 11:10 
VEDRO’: QUELLO CHE IL POPOLO ITALIANO
NON DEVE SAPERE MAI…


- Gianni Lannes -

Immagine

Sembra un titolo innocuo, però accende l’allarme rosso. «Direttiva ministeriale in merito alla politica ministeriale per l’anno 2013». Di che si tratta? Delle disposizione emanate per fare la guerra. Chi l’ha stabilito? Il ministro della Difesa italiano. Eppure l’articolo 78 della Costituzione stabilisce che «Le Camere deliberano lo stato di guerra e conferiscono al Governo i poteri necessari». Strano: il Parlamento non ha deliberato alcunché, mentre la Costituzione, appunto, è stata stracciata nel 2009 dall’entrata in vigore del Trattato di Lisbona.

Fonte: http://www.informarexresistere.fr/2013/ ... apere-mai/

Immagine


Immagine

In dettaglio nel documento licenziato il 19 dicembre 2012 dal ministro della difesa, l’ammiraglio Giampaolo Di Paola è scritto, tra l’altro:

«Direttive specifiche per il potenziamento della condotta delle operazioni… In ragione della mutevolezza del quadro internazionale, l’Italia deve saper concorrere ad iniziative multilaterali caratterizzate da un significativo impegno militare, per affrontare in tempi brevi e in maniera risolutiva, crisi che dovessero accendersi in aree o contesti di critica rilevanza per la sicurezza del Paese e della stabilità internazionale. Nel contempo, alla luce delle istanze che giungono dal paese, le Forze Armate devono tenersi pronte ad assicurare quel supporto tecnico e organizzativo che risulta decisivo in caso di particolari emergenze nazionali, nei modi e nei tempi che verranno richiesti da parte delle autorità preposte alla gestione di tali eventi. Non può essere, infine, ignorata la possibilità, per quanto remota, di un coinvolgimento del Paese e del sistema delle alleanze del quale siamo parte in un confronto militare su vasta scala e di tipo “ibrido”, ovvero che implichi sia operazioni militari convenzionali, sia operazioni nello spettro informativo, sia operazioni nel dominio cibernetico… Elemento irrinunciabile della politica nazionale c’è anche il rispetto degli impegni assunti in sede europea, impegni finalizzati a garantire la stabilità di lungo periodo della moneta comune e, con essa, dell’intero sistema economico comunitario. Tale stabilità deve essere considerata come essenziale per il perseguimento del fine ultimo costituito dalla sicurezza del sistema internazionale e delle relazioni politiche ed economiche che in questo si sviluppano…».
Non è tutto. E qui salta fuori la sorpresa, il collegamento reale, vale a dire la saldatura tra la casta dei politicanti e l’élite militare. Nel frattempo, mentre è in atto nulla più che una crisi speculativa di aggressione finanziaria a numerose nazioni, Italia in primis, imperversa ai massimi livelli l’avanspettacolo, utile per la gran distrazione di massa.
La senatrice Paola Nugnes ne ha parlato al Senato qualche giorno fa, tirando in ballo la fondazione Vedrò del primo ministro Enrico Letta (già affiliato alle multinazionali terroristiche Bilderberg Group e Trilateral Commission), prima di essere bruscamente interrotta dal vice presidente Maurizio Gasparri in quota Pdl. Già solo questo dettaglio”, in una democrazia vera, basterebbe per liquidare un governo fantoccio, voluto dal Nuovo ordine Mondiale di Rockefeller & Rothschild.
Ha dichiarato in Aula la parlamentare del Movimento 5 Stelle: «Una legittima e particolare attenzione va posta in tal senso alla Fondazione Vedrò, l’associazione di Enrico Letta, fondata nel 2005, definita una “thinknet”, un pensatoio… Tra gli sponsor della Fondazione, vera unione di PD e PDL abbiamo: i colossi del gioco d’azzardo, Sisal e Lottomatica, per energia e ambiente abbiamo Enel, Eni, Edison, per i trasporti Autostrade per l’Italia, per il settore alimentare Nestlé. Ben 7 personalità trasversali del Governo fanno parte della Fondazione Vedrò: Il Presidente del Consiglio Enrico Letta, il vice presidente, nonché Ministro dell’Interno Angelino Alfano (PDL), il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando (PD) il Ministro per le Infrastrutture Maurizio Lupi (PDL), il Ministro dell’Agricoltura Nunzia De Girolamo (PDL), Il Ministro delle Pari Opportunità Yosefa Idem (PD), il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin (PDL), ex ministri come Passera… come Polverini, Bernini, Boccia, Carfagna, D’Ambruco, l’europarlamentare ed ex ministro de Castro, Delle Vedove, il leghista Giorgetti, Madia, Leandri, l’ex ministro Patroni Griffi, Rovetto, la presidente del Friuli Serracchiani, il sindaco di Firenze Matteo Renzi, quello di Verona Tosi, quello di Napoli De Magistris, quello di Bari Emiliano, con l’illustre partecipazione del figlio del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E tanti giornalisti illustri come Curzio Maltese, Filippo Facci, Davide Parenzo e Giuseppe Cruciani. Tutti impegnati in un legittimo disegno politico comune che ci inquieta».
Allora, come al solito, pensate a quali reali interessi potranno mai tutelare tutti gli individui telecomandati. Pensate un pò: si fanno chiamare “vedroidi” che sa tanto di parassiti alieni.

Immagine

Sul sito internet della fondazione VEDRO’ appare anche questa comunicazione ancora più preoccupante: «Il Ministero della Difesa, attraverso il Centro Militare di Studi Strategici, ha realizzato, per la prima volta in 60 anni di storia repubblicana, l’Osservatorio Strategico. Prospettive 2013, un’analisi globale con previsioni a breve termine sul mondo e sui temi trasversali di maggiore impatto. Ne discuteremo a veDrò mercoledì 10 aprile 2013 con Alessandro Politi, responsabile del progetto, e Giuseppe Cucchi, coordinatore scientifico area di Politica ed Economia Internazionale di Nomisma.
Il Centro militare di studi strategici (CeMiSS) è un ente del Ministero della difesa, una delle tre componenti autonome del Centro alti studi per la difesa (CASD). Vi presta servizio sia personale militare, delle varie forze armate, sia personale civile. È strutturato su tre dipartimenti, che corrispondono a tre campi di competenza: relazioni internazionali; sociologia militare; scienza, tecnologia, economia e politica industriale. Ha sede nel Palazzo Salviati di Roma.
Lo Stato – nel nostro caso a stelle e strisce, per conto terzi – come è risaputo, detiene il monopolio della violenza. Il rapporto tra democrazia rappresentativa e potere militare, si regge su principi diversi: su libertà e controllo pubblico la prima; su disciplina, obbedienza cieca e gerarchia il secondo.
Quale pericolo si profila concretamente per l’Europa? L’instaurarsi, anzi il consolidarsi di tendenze autoritarie che trovano espressione nel pensiero militare e legittimazione nell’ambito politico. Imperversa infatti il modello autoritario delle élite militari che hanno preso il sopravento sui Parlamenti, già esautorati dai governi palesemente telecomandati a distanza atlantica.
Le democrazie rappresentative occidentali non hanno subito golpes militari, bensì svuotamenti graduali che comportano un mantenimento solo apparente di forme democratiche che coprono in realtà una sostanza oligarchica. E’ in questo tipo di processo che hanno trovato un ruolo le élites militari, insieme a quelle dei servizi di sicurezza, vale a dire il potere repressivo che con la democrazia non ha nulla da spartire.

A parte i famigerati postulati del pensiero geopolitico nordamericano, c’è un documento del Pentagono, risalente al gennaio 1992 (Prevent the Re-Emergence of a New Rival), davvero “illuminato”.

Immagine

Lo scenario che si profila, o meglio che è stato già concretizzato a nostra insaputa, è la fine del mondo in senso occidentale e dell’involuzione del sistema verso un unico ed assoluto governo mondiale, non eletto dai popoli, ma selezionato dal sistema di potere finanziario.

Attenzione e massima allerta: per i popoli europei è in azione Eurogendfor. Il sistema di potere imperante teme le rivolte sociali più delle esplosioni nucleari ed è già pronta a stroncarle ferocemente in barba alla democrazia. Ci stanno già massacrando in modi inimmaginabili (vedi anche l’aerosolterapia bellica e le mutazioni climatiche artificiali, nonché terremoti e cataclismi innescati dalle forze armate degli Stati Uniti d’America) attentando alla salute di milioni di esseri umani. Hanno reso la vita un inferno a miliardi di persone, e la situazione peggiora sempre più. Ci stermineranno senza alcuna pietà riducendo allo stato di zombies, se non opporremo una valida opposizione a livello internazionale, collegando la lotta europea a quella dei cosiddetti Paesi del terzo mondo: Africa, Asia, Sudamerica, Medioriente.

Che fare? Paralizzare pacificamente l’Italia con uno sciopero generale ad oltranza (stop a consumi inutili, trasporti, “lavoro”, eccetera), licenziamento di massa della casta politica, nomina su base popolare di una nuova Costituente, ristabilimento della Costituzione, allontanamento immediato dal suolo nazionale delle forze armate straniere a partire da quelle nordamericane, uscita dalla Nato e dall’Euro.

E’ tempo di azione contro questi terroristi ai vertici delle “superpotenze”. Le ossessive lamentazioni sono sterili e non servono alla causa di liberazione. Adesso, ora, bisogna unire tutte le forze attive nel mondo contro questa dittatura planetaria! Si può vincere e lo sanno bene i nemici di Gaia e del genere umano.

VEDRO’? Vedrai… vedrai…


riferimenti:

http://www.youtube.com/watch?v=-XahMyBT-Qo
http://www.vedro.it/
http://www.difesa.it/Il_Ministro/Uffici ... e2013.aspx
http://www.difesa.it/Il_Ministro/Uffici ... e_2013.pdf
http://www.difesa.it/Primo_Piano/Docume ... le_ENG.pdf
http://www.quirinale.it/elementi/Contin ... &key=14888
http://www.difesa.it/SMD_/CASD/IM/CeMiS ... e_2013.pdf
http://www.difesa.it/SMD_/CASD/IM/CeMiS ... fault.aspx
http://www.vedro.it/news/osservatorio-s ... ttive-2013
http://www.difesa.it/SMD_/CASD/IM/CeMiS ... 13_WEB.pdf
http://www.difesa.it/SMD_/CASD/IM/CeMiS ... 13_WEB.pdf
http://www.difesa.it/SMD_/CASD/IM/CeMiS ... 12_WEB.pdf
http://www.difesa.it/SMD_/CASD/IM/CeMiS ... er_web.pdf
http://www.difesa.it/SMD_/CASD/IM/CeMiS ... V_2011.pdf
http://www.difesa.it/SMD_/CASD/IM/CeMiS ... fault.aspx
http://www.gwu.edu/~nsarchiv/nukevault/ ... 3_full.pdf

approfondimenti:
http://sulatestagiannilannes.blogspot.i ... uerra.html
http://sulatestagiannilannes.blogspot.i ... urogendfor
http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=nato
fonte:
http://sulatestagiannilannes.blogspot.i ... o-non.html



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/06/2013, 12:13 
E' ormai evidente che i cittadini d'europa non possono permettersi di aspettare oltre per impedire che accada l'irreparabile. Penso che in gioco ci sia molto di più di quello che possiamo anche solo immaginare... [8]



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Il Il "Gary McKinnon" del Forum!

Non connesso


Messaggi: 875
Iscritto il: 10/11/2008, 17:59
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/06/2013, 12:48 
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 26270.html

Usa, spiati al telefono milioni di utenti
Ordine segreto di un tribunale. La denuncia del Guardian online. Silenzio dalla Casa Bianca

E in Italia
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 24281.html

Grasso annuncia una riunione dell' ufficio di presidenza sulle riprese video in aula: "Ho già auspicato ieri l'intervento dei questori. Sarebbe auspicabile vietare un'attività del genere. I nostri regolamenti risalgono ad anni in cui queste tecnologie non esistevano".



_________________
You wouldn't believe in aliens even if you get anal probed live on CNN!
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4108
Iscritto il: 09/05/2012, 18:57
Località: roma
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 07/06/2013, 11:19 
TTE scrive:
“La resistenza all’oppressione è diritto e dovere dei cittadini” … più lo rileggo e più mi convinco che le piazze greche avrebbero bisogno di questo articolo scomparso dalla nostra Costituzione. Più lo rileggo e più mi convinco che – forse – l’unica vera battaglia politica che dovremmo fare oggi è questa: chiedere che questo articolo scomparso della Costituzione venga ripristinato. Perché nessun tecnico con il suo operato possa favorire non i cittadini ma gli speculatori, le forze economiche, gli interessi di pochi a danno del diritto di pochi. Su questo sì farei una raccolta di firme. Sul diritto a resistere al potere.

Ormai ribellarsi è considerato un disturbo mentale.
I bambini che manifestano essere poco inclini all'obbedienza vengono trattati farmacologicamente! [xx(]



_________________
La scienza è solo una perversione, se non ha come fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità.(Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40983
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 07/06/2013, 12:20 
Cita:
shighella ha scritto:

TTE scrive:
“La resistenza all’oppressione è diritto e dovere dei cittadini” … più lo rileggo e più mi convinco che le piazze greche avrebbero bisogno di questo articolo scomparso dalla nostra Costituzione. Più lo rileggo e più mi convinco che – forse – l’unica vera battaglia politica che dovremmo fare oggi è questa: chiedere che questo articolo scomparso della Costituzione venga ripristinato. Perché nessun tecnico con il suo operato possa favorire non i cittadini ma gli speculatori, le forze economiche, gli interessi di pochi a danno del diritto di pochi. Su questo sì farei una raccolta di firme. Sul diritto a resistere al potere.

Ormai ribellarsi è considerato un disturbo mentale.
I bambini che manifestano essere poco inclini all'obbedienza vengono trattati farmacologicamente! [xx(]





Chissà... forse ha ragione Paolo Barnard...... [|)]

Cita:
Thethirdeye ha scritto:


Quale rivoluzione!? Siamo viziati e senza coraggio! - Paolo Barnard





_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4108
Iscritto il: 09/05/2012, 18:57
Località: roma
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 07/06/2013, 21:23 
Cita:
Thethirdeye ha scritto:

Cita:
shighella ha scritto:

TTE scrive:
“La resistenza all’oppressione è diritto e dovere dei cittadini” … più lo rileggo e più mi convinco che le piazze greche avrebbero bisogno di questo articolo scomparso dalla nostra Costituzione. Più lo rileggo e più mi convinco che – forse – l’unica vera battaglia politica che dovremmo fare oggi è questa: chiedere che questo articolo scomparso della Costituzione venga ripristinato. Perché nessun tecnico con il suo operato possa favorire non i cittadini ma gli speculatori, le forze economiche, gli interessi di pochi a danno del diritto di pochi. Su questo sì farei una raccolta di firme. Sul diritto a resistere al potere.

Ormai ribellarsi è considerato un disturbo mentale.
I bambini che manifestano essere poco inclini all'obbedienza vengono trattati farmacologicamente! [xx(]





Chissà... forse ha ragione Paolo Barnard...... [|)]

Cita:
Thethirdeye ha scritto:


Quale rivoluzione!? Siamo viziati e senza coraggio! - Paolo Barnard





Adoro st'omo.. [:o)]
Forse, per reagire, abbiamo bisogno di arrivare al punto di camminare con le scarpe bucate. Vero troppo viziati, troppo spaventati dalla possibilità di perdere le illusioni materiali che il sistema ci ha permesso di accumulare, al fine di esserne drogati. [8]



_________________
La scienza è solo una perversione, se non ha come fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità.(Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40983
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 25/06/2013, 12:03 
FINE PROGRAMMATA DELLA DEMOCRAZIA

Immagine

I veri padroni del mondo non sono più i governi, ma i dirigenti di gruppi multinazionali finanziari o industriali, e di istituzioni internazionali opache (FMI, Banca mondiale, OCDE, OMC, banche centrali). Purtroppo, questi dirigenti non sono stati eletti, malgrado l'impatto delle loro decisioni sulle popolazioni.

http://www.vocidallastrada.com/2013/06/ ... razia.html

1 - Il potere ha già cambiato di mano

Il potere di queste organizzazioni viene esercitato su una dimensione planetaria, mentre il potere di uno Stato è ridotto ad una dimensione nazionale.
Tra l'altro, il peso delle ditte multinazionali nei flussi finanziari ha da tempo superato quello degli Stati.

Di dimensione internazionale, più ricche degli gli Stati, ma anche principale fonte finanziaria dei partiti politici di ogni tendenza nella maggior parte dei paesi, queste organizzazioni si trovano quindi al di sopra delle leggi e del potere politico, al di sopra della democrazia.

Ecco un elenco del fatturato di alcune multinazionali, paragonati al Prodotto Interno Lordo degli Stati. Un esempio flagrante della potenza planetaria che queste organizzazioni stanno ottenendo.

Una potenza sempre più smisurata dal fatto dell'accelerazione della fusione di queste multinazionali tra di loro.

2 - L'illusione democratica

La democrazia ha già cessato di essere una realtà. I responsabili delle organizzazioni che esercitano il potere non sono eletti, e il pubblico non viene informato sulle loro decisioni. Il margine d'azione degli Stati viene sempre più ridotto da accordi economici internazionali per i quali i cittadini non sono stati ne consultati, ne informati. Tutti questi trattati elaborati negli ultimi 10 anni (GATT, OMC, AMI, NTM, NAFTA) hanno un unico scopo: trasferire il potere degli Stati verso organizzazioni non elette, tramite un processo chiamato "mondializzazione".

Una sospensione proclamata della democrazia avrebbe senz'altro provocato una rivoluzione. Ecco perché sembra essere stato deciso di mantenere una democrazia di facciata, e di piazzare il potere reale verso nuovi centri. I cittadini continuano a votare, ma il loro voto è privo di senso. Votano per dei responsabili che non hanno più un potere reale. Ed è senz'altro perché non c'è più nulla da decidere, che i programmi politici di "destra" e di "sinistra" si assomigliano sempre di più in tutti i paesi occidentali. Per riassumere, non possiamo scegliere il piatto, ma possiamo scegliere il contorno. Il piatto si chiama "nuova schiavitù", e il contorno può essere o piccante di destra, o agro-dolce di sinistr.

3 - Sparizione dell'informazione

Dai primi anni '90, l'informazione è stata progressivamente tolta dai media destinati al grande pubblico. Come le elezioni, i telegiornali continuano ad esistere, ma sono privi di senso. Un telegiornale ontiene al massimo 2 o 3 minuti di vera informazione. Tutto il resto è costituito da soggetti da rivista, servizi aneddotici, fatti diversi e reality show sulla vita quotidiana. Le analisi di giornalisti specializzati, e le trasmissioni di informazione sono state quasi totalmente eliminate. L'informazione si restringe ormai alla stampa, letta da un numero ridotto di persone. La sparizione dell'informazione è un segno tangibile che il nostro regime politico ha già cambiato natura.

4 - Strategie e obbiettivi per controllare il mondo

I responsabili del potere economico provengono quasi tutti dallo stesso mondo, lo stesso giro sociale. Si conoscono, si incontrano, condividono gli stessi punti di vista e gli stessi interessi. Condividono quindi naturalmente la stessa visione di ciò che dovrebbe essere il futuro mondo ideale.

E' quindi naturale che si mettano d'accordo e sincronizzino le loro azioni verso degli obbiettivi comuni, inducendo a delle situazioni economiche favorevoli alla realizzazione dei loro obbiettivi, come ad esempio:

Indebolimento degli Stati e del potere politico. Deregolamentazione. Privatizzazione dei servizi pubblic.

Disimpegno totale degli Stati dall'economia, compresi i settori dell'educazione, della ricerca e, tra breve, dell'esercito e della polizia, destinati a diventare dei settori sfruttabili da ditte private.

Indebitamento degli Stati tramite la corruzione, lavori pubblici inutili, sovvenzioni allegate a delle ditte senza contropartita, spese militari. Quando una montagna di debiti viene accumulata, i governi sono costretti alla privatizzazione e allo smantellamento dei servizi pubblici. Più un governo è sotto il controllo dei "Padroni del Mondo", più fa aumentare i debiti del suo paese.

Precarietà del lavoro e mantenimento di un alto livello di disoccupazione, intrattenuti tramite il decentramento e la mondializzazione del mercato del lavoro. Tutto ciò aumenta la pressione economica sui lavoratori, che sono quindi costretti ad accettare qualsiasi stipendio o condizione di lavoro.

Riduzione dell'aiuto sociale per aumentare le motivazioni del disoccupato ad accettare qualsiasi tipo di lavoro o qualsiasi stipendio. Un aiuto sociale troppo elevato impedisce alla disoccupazione di fare una pressione efficace sul mercato del lavoro.

Impedire l'espansione di rivendicazioni stipendiali nel Terzo Mondo, mantenendoci dei regimi politici totalitari o corrotti. Se i lavoratori del Terzo Mondo venissero pagati meglio, il principio stesso del decentramento e della pressione che esercita sul mercato del lavoro nella società occidentale verrebbe frantumato. Ciò costituisce un lucchetto strategico essenziale che deve essere preservato ad ogni costo. La famosa "crisi asiatica" di 1998 è stata innescata nello scopo di mantenere questo lucchetto.

5 - Gli attributi del potere

Le organizzazioni multinazionali private si stanno progressivamente dotando di tutti gli attributi della potenza degli Stati: reti di comunicazione, satelliti (2), servizi di spionaggio, dati sugli individui (3), istituzioni giudiziarie (stabilite dall'OMC e l'AMI accordo tramite il quale una multinazionale potrà fare causa ad uno Stato davanti ad una corte internazionale speciale).

La prossima &endash;ed ultima- tappa per queste organizzazioni sarà di ottenere il potere militare e poliziesco che corrisponda alla loro nuova potenza, creando i loro propri eserciti, dato che gli eserciti e le polizie nazionali attuali non sono adattate alla difesa dei loro interessi nel mondo.

Tra breve, gli eserciti diventeranno delle società private, presteranno servizi sotto contratto con gli Stati, o con qualsiasi altro cliente capace di pagarli. Ma all'ultima tappa del piano, questi eserciti serviranno quasi esclusivamente gli interessi delle multinazionali, e attaccheranno gli Stati che non si piegheranno al nuovo ordine economico. Nel frattempo, questo ruolo viene assunto dall'esercito dei Stati Uniti, il paese meglio controllato dalle multinazionali. N.B:

1 - Eserciti privati

Gli eserciti privati già esistono in U.S.A. Si tratta ad esempio delle società DynCorp, CACI, e MPRI, prototipi dei futuri eserciti privati. La DynCorp è intervenuta in varie regioni dove gli Stati Uniti volevano intervenire militarmente senza assumerne la responsabilità diretta (America del sud, Soudan, Indonesia, Koweït, Kossovo, Irak,…). Alla fine del 2002 la DynCorp è stata acquistata da Computer Sciences Corporation, una delle più importanti ditte americane di servizi informatici. A maggio del 2004 la DynCorp e la MPRI sono state implicate nelle torture di prigionieri irakeni. Gli eserciti privati (chiamati "subappaltatori" dal Pentagono) rappresentano il 10% degli effettivi americani presenti in Irak.

2 - Satelliti

Microsoft ha finalmente rinunciato al progetto Teledesic, una rete di 288 satelliti di comunicazione che doveva costruire una maglia intorno al pianeta. Ma altre compagnie multinazionali si stanno preparando ad impiantare una rete di satelliti di comunicazione simile. Alcuni satelliti privati di osservazione sono già operazionali. Due ditte commercializzano immagini ad alta risoluzione di ogni luogo del pianeta che possa interessare eventuali clienti.

3 - Dati privati

Numerose ditte create negli ultimi anni (principalmente in U.S.A.) sono specializzate nella raccolta di informazioni private, ufficialmente a dei fini commerciali. Ma questi dati privati cominciano a compilare milioni di profili individuali di consumatori sparsi nell'insieme dei paesi occidentali. Le informazioni di questi dati vengono vendute a chiunque desidera acquistarle.

6 - La vera realtà del denaro

Oggi il denaro è essenzialmente virtuale. La sua realtà è una serie di 0 e di 1 nei computer delle banche. La maggior parte del commercio mondiale si opera senza denaro liquido, e solo 10% delle transazioni finanziarie quotidiane corrispondono a degli scambi economici nel "mondo reale".

Gli stessi mercati finanziari eux-mêmes costituiscono un sistema di creazione di denaro virtuale, di profitto non basato su una creazione di ricchezze reali. Tramite il gioco dei mercati finanziari (che permette di trasformare in benefici l'oscillazione dei corsi), gli investitori avvisati possono diventare più ricchi, per via di una semplice circolazione di elettroni nei computer. Questa creazione di denaro senza creazione di ricchezza economica che gli corrisponde è la definizione della creazione artificiale del denaro. Cio' che la legge vieta ai falsificatori di denaro, e cio' che l'ortodossia economica liberale vieta agli Stati, è quindi legale e possibile per un numero ristretto di beneficiari. Se si vuol capire cio' che realmente è il denaro e a che cosa serve, basta invertire la famosa frase "Il tempo è denaro". Il denaro è tempo. Il denaro permette di comprare il tempo degli altri, il tempo necessario a produrre i prodotti o i servizi che consumiamo.

Il denaro, il tempo, e gli schiavi

Tecnicamente, il denaro è un' unità intermedia che permette di scambiare del tempo contro del tempo, senza che il tempo dell'uno o dell'altro possa essere direttamente comparato. Ogni conversione tra il denaro e il tempo si fa in base ad una stima soggettiva variabile a secondo del rapporto di forza economico e informativo tra il compratore e il venditore.

Nella pratica, questo rapporto di forza è sempre a svantaggio del consumatore-stipendiato.

Quando un individuo compra un prodotto, paga il tempo che è stato necessario alla fabbricazione del prodotto ad un prezzo molto più alto che lo stipendio che gli viene dato per una frazione equivalente del suo tempo.

Ad esempio: dai fabbricanti di automobile, una macchina viene costruita in un giorno (ossia 8 ore di lavoro) da 20 stipendiati (compreso i commerciali e il lavoro incluso per fabbricare il materiale di produzione utilizzato). Lo stipendio quotidiano di ogni stipendiato dovrebbe quindi corrispondere a 1/20° del prezzo della macchina, ossia 1000 euro se la macchina vale 20000 euro. Cio' dovrebbe corrispondere ad uno stipendio mensile di 22000 euro (contando 22 gironi di lavoro al mese). Per la maggior parte dei lavoratori, si è lontani dal conto.

Quando un lavoratore occidentale dà 10 ore del suo tempo, viene pagato solo l'equivalente di 1 ora. Per uno stipendiato del Terzo Mondo, questo rapporto è di 1000 ore contro 1.

Questo sistema è la versione moderna della schiavitù.

I beneficiari del tempo rubato agli stipendiati sono le ditte e i loro dirigenti ( i cui stipendi sono 100 volte più alti di un impiegato normale), ma anche gli Stati, dal momento che gli imposti e le tasse prelevate sui lavoratori non vengono utilizzati per l'interesse generale.

7 - Il punto di un non-ritorno ecologico sta per essere superato

E' evidente che siamo oggi urtando i limiti ecologici dell'attività economica. Un sistema economico liberale, il quale scopo è il profitto a breve raggio per degli interessi particolari, non puo' tener conto dei costi a lungo termine come la degradazione dell'ambiente. I modelli economici attuali sono incapaci di stimare al suo giusto valore la "produzione" della natura, indispensabile alla nostra sopravvivenza: produzione d'ossigeno, fissazione dei gas carbonici dalle foreste e gli oceani, regolazione della temperatura, protezione dai raggi del sole, riciclaggio chimico, spartizione delle alluvioni, produzione d'acqua potabile, di alimenti,…

Se i nostri modelli economici integrerebbero il costo reale della distruzione della natura, dell'inquinamento, dei cambi climatici, cio' cambierebbe radicalmente il nostro punto di vista riguardo a quello che è proficuo e quello che non lo è. La produzione della natura è stata valutata a 55000 miliardi di dollari annuali da un gruppo di scienziati dell'Institute for Ecological Economics dell'Università del Maryland nel 1997.

8 - La distruzione della natura è voluta

La scomparsa della natura è inevitabile, poiché voluta dal nuovo potere economico. Perché ? Per 3 ragioni:

1 La scomparsa della natura e l'aumento dell'inquinamento renderanno gli individui ancora più dipendenti del sistema economico per la loro sopravvivenza, e permetteranno di generare nuovi profitti (tra i quali un consumo crescente di medicine e prestazioni medicali,…)
2 Tra l'altro, la natura è una referenza di un altro ordine, quello dell'Universo. La contemplazione della bellezza e della perfezione di quest'ordine è potenzialmente sovversiva: porta l'individuo a respingere la bruttezza degli ambienti urbani, e a mettere in dubbio l'ordine sociale che dovrebbe essere l'unica referenza. L'urbanizzazione dell'ambiente permette di collocare le popolazioni in uno spazio totalmente controllato, sorvegliato e dove l'individuo si trova immerso in una proiezione dell'ordine sociale.
3 Infine, la contemplazione della natura incita al sogno e intensifica la vita interiore degli individui, sviluppando la loro sensibilità e quindi il loro libero giudizio. Smettono insomma di essere affascinati dalle merci, sviano dai programmi televisivi che dovrebbero guardare e che dovrebbero rimbecillirli e controllare il loro spirito. Sprigionati dalle loro catene, potrebbero incominciare a pensare che un'altra società è possibile, fondata su altri valori che non siano il profitto e il denaro.

Tutto quello che può portare un individuo a pensare e a vivere con la propria testa è potenzialmente sovversivo. Il più grande pericolo per l'ordine sociale è la spiritualità che porta l'individuo a rimettere in gioco il proprio sistema di valori e quindi il proprio atteggiamento, andando contro valori ed atteggiamenti inculcati dal condizionamento sociale. Per l'equilibrio del "nuovo ordine sociale", tutto quello che permette un risveglio della spiritualità deve essere eliminato.

9 - Le alternative dell'ultima speranza

Per non essere definitivamente esclusi dal gioco, le contro-organizzazioni del potere economico (sindacati, associazioni di consumatori, movimenti ecologici) devono rispondere piazzandosi allo stesso livello di organizzazione, quello mondiale e non più nazionale, unificandosi e sincronizzando le loro azioni, alla scala di gruppi di Stati avendo un peso sufficiente nei flussi economici mondiali. Rimane poco tempo per agire, dato che tutti i mezzi di controllo necessari ad una dittatura mondiale sono già innescati.

10 - 2000 anni di storia

Durante i due ultimi millenni, l'umanità ha attraversato quattro ere successive marcate da quattro forme diverse di potere politico:

1 - L'era delle tribù. Potere esercitato a secondo della forza (e più raramente a secondo della saggezza o della conoscenza). Come per vari gruppi animali, il potere spetta al "maschio dominante".
2 - L'era degli imperi e dei reami. Potere ereditario. Appare la nozione dello stato.
3 - L'era degli stati-nazione. Era lanciata dalla monarchia parlamentare in Gran Bretagna nel 1689, dalla rivoluzione francese nel 1789, e dalla fondazione degli Stati Uniti. In uno stato-nazione, il potere non è più ereditario, ma esercitato da dirigenti che dovrebbero essere i rappresentanti del popolo, e scelti tramite delle elezioni (stato-nazione democratico), o tramite un sistema di voto nel seno di un partito unico (stato-nazione totalitario).

4 - L'era dei conglomerati economici. Era iniziata nel 1954 , messa in funzione negli anni '70 e '80, e completamente operazionale dagli anni 90. Il potere non vi è più di tipo rappresentativo o elettivo, e non è più localizzato geograficamente (contrariamente alle tribù, i reami, e i stati-nazione). E' esercitato direttamente da quelli che controllano il mercato finanziario e la produzione di merci. Gli strumenti di questo potere sono il controllo della tecnologia, dell'energia, del denaro, e dell'informazione. Come ogni nuova forma di potere, si erige sostituendosi al potere precedente destinato a scomparire. Infine questo nuovo potere è globale, planetario. Non ha quindi né alternativa, né scappatoia. Costituisce un nuovo livello di organizzazione della civilizzazione, una specie di super-organismo.

La risoluzione dei grandi problemi economici, sociali ed ecologici necessitano dell'avvenimento di una forma di potere globale. D'altronde l'unificazione del mondo per via dell'economia, e il declino degli stati-nazione sono stati in parte decisi per una nobile causa: rendere impossibile una nuova guerra mondiale che, all'era atomica, significherebbe la fine della civilizzazione.

Ma la questione è di sapere al servizio di quali obiettivi e di quali interessi è volto questo potere globale, da chi deve essere esercitato, e da quale contro-potere deve essere equilibrato e controllato.

La globalizzazione non è una cosa negativa in sé. Potenzialmente potrebbe permettere una forma di pace mondiale, durevole e una miglior gestione delle risorse. Ma se continua ad essere organizzata al beneficio di una minorità di persone e se conserva la sua attuale direzione neo-liberale, non tarderà ad instaurare una nuova specie di totalitarismo, il commercio integrale degli esseri viventi, la distruzione della natura, e una forma inedita di schiavitù.



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 9364
Iscritto il: 01/11/2011, 19:28
Località: Astana
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/07/2013, 18:57 
Usa, studente arrestato per aver rivolto domande troppo scomode a John Kerry

[BBvideo]qRo57UV_-uA#at=216[/BBvideo]

Era il 2007

Studente troppo sveglio fa domande scomode ad un incerto John Kerry e viene immediatamente Taserato (colpito con pistola elettrica) ammanettato e infine arrestato.
E questa la chiamano democrazia?



_________________
ImmagineImmagine“El saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!”ImmagineImmagine
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 49592
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/07/2013, 20:28 
Insomma io vedo il mondo in pericolo più di quando vigeva il "terrore nucleare"! Si era in "equilibrio" e basta ...
Ora è un rimescolamento mica da ridere .....[8)]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Opinioni personali e avvenimenti accaduti nel passato): viewtopic.php?p=363955#p363955
Nient'altro che una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13570
Iscritto il: 05/12/2008, 22:49
Località: Laveno Mombello (Va)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/07/2013, 21:31 
Cambierei il titolo in " Signori la porta della democrazia è chiusa ".



_________________
Nutrirsi di fantasia, ingrassa la mente.

Immagine
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 324 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 22  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Oggi è 27/05/2020, 01:23
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org