Passa allo versione desktop
In questo Forum puoi scrivere... con cognizione... quello che vuoi.
Rispondi al messaggio

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

18/07/2019, 14:47

Guarda su facebook.com


L'altra versione della storia.

ed a giudicare dalle cose che sto ripescando da twitter mi sa che gigino ha pienamente ragione. La lega si è sfilata perchè evidentemente all'ultimo non gli hanno garantito una poltrona, in classico stile Berlusoniano, con cui governano in tutta italia.

Immagine

Immagine

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

18/07/2019, 15:16

MaxpoweR ha scritto: L'unico con le palle è FARAGE, gli altri mi sembrano solo burattini.

Già, peccato che sia inglese

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

18/07/2019, 15:32

[:296] COME LA METTIAMO ...?



Immagine


Immagine

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

18/07/2019, 16:11

Degna di nota la stoccata diretta a Berlusconi, alla faccia di chi gli dava del servo, burattino, berluscemo ecc...


SE si andasse al voto Matteo ci andrebbe con Giorgia e basta...Toti se lo mangia il padrino prima. MA già questo basterebbe


E faccio notare pure DI MAIO ha dichiarato che "non ci alleeremo mai col partito di Bibbiano!" Parole più chiare [?]


Il problema è che "qualcuno" maneggerà per metterci Dibba al suo posto nel M5* per "investire" il più biancopelo Fico e al solito
non ci faranno mai votare per colpa dei "mercati"...

Quindi dopo la "bella" parentesi, si torna al governissimo tecnico/PD per altri 5 anni...


A quel punto anche SE si vota, EuroGendFor permettendo, avremo le profetizzate suole di cartone...


Lo dico seriamente, SE cade il governo E non si vota E non c'è nemmeno la nuova maggioranza parlamentare
che rispecchi la volontà di riscatto della maggioranza degli italiani, ma il solito inciucio di palazzo, io me ne vado via
entro il giorno prima della pubblicazione in gazzosa del primo provvedimento... Non ci resto a far muffa.
Tanto voto pure dall' estero. [:D]

@Apo: SE continua così neppure Salvini avrà la maggioranza perchè la gente potrebbe ascoltare le sirene per i cosacchi
figurati MORI...TURI...Dammi retta, SE viene giù tutto e pure la Troika apro un topic sul Paese esteuropeo di scelta...

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

18/07/2019, 17:28

Guardate come hanno visto l'Italia gli Europei della Finanza:



Europa vista dall'UE - Copia.png
Europa vista dall'UE - Copia.png (91.79 KiB) Osservato 909 volte



In neretto tutta la Pianura Padana. [:246]


Ora ditemi che credibilità abbiamo avuto e che avremo ancora se per loro l'Italia dei soldi (quelli che interessano a loro) è un piccolo territorio a ridosso delle Alpi?, il rimanente territorio è terzo mondo [:(] , anche se i Padani sarebbero Indipendenti all'Italia, gli Europei se lo mangerebbero in un boccone. [:305]

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

18/07/2019, 18:01


Giocare sporco e su più tavoli, per una poltrona: ecco cosa c’è dietro la decisione presa dalla Lega sul voto al nuovo Presidente della Commissione UE von der Leyen.

Ora ci attaccano, come spesso fanno per sviare l’attenzione e accendere i riflettori su qualcosa di meno imbarazzante. Ma sono stati proprio loro ad ammettere questa “strategia”; una mossa che però non fa certo gli interessi degli italiani. Detto altrimenti, hanno sostenuto la volontà italiana di pesare in Europa per cambiare le regole, salvo poi fare marcia indietro quando non hanno ottenuto garanzie sulla poltrona di Commissario a cui guardavano dal giorno dopo il voto di maggio.
Vogliamo fermare la serie di menzogne che leggiamo in questi giorni e vogliamo fare chiarezza perché, come spesso accade, la verità è una cosa semplice: e i cittadini hanno il diritto di conoscerla.

Il MoVimento 5 Stelle ha lavorato per l’interesse del Paese, tutelando il lavoro portato avanti dal Presidente Conte in sede europea; un mandato sostenuto da tutte e due le forze di maggioranza, anche dalla Lega. Ma questo stesso partito, evidentemente, ha poi scelto di trattare privatamente, per il proprio interesse. Per una poltrona. L’europarlamentare leghista Donato, infatti, riprendendo uno scambio di battute di Claudio Borghi su Twitter conferma e rivendica la strategia: dissimulare un sostegno alla von der Leyen per poi sfilarsi e fare lo scaricabarile sul MoVimento. Ma perché sfilarsi? Semplice, la trattativa non è andata a buon fine. Lo spiega bene Fabio Martini oggi su La Stampa: la priorità leghista era blindarsi la poltrona, non ottenere impegni dall’Europa su migranti, lavoro e ambiente.

Ma non ve lo diranno mai.

Su Twitter raccontano di aver deciso di non sostenere von der Leyen da 10 giorni, il giorno prima del voto fanno interviste per annunciare invece il sostegno, poi il giorno del voto trattano fino all’ultimo minuto…questo è il famoso prima gli italiani? Pane al pane, vino al vino: prima la poltrona!

Noi siamo stati trasparenti: il voto europeo ha detto che la Lega avrebbe dovuto indicare la nomina del Commissario su cui Conte ha trattato. Ma una cosa deve essere chiara: quella nomina per far alzare la voce all’Italia a Bruxelles, che non sarebbe una proprietà della Lega, la stanno mettendo a rischio loro. Il MoVimento pensa alle esigenze del Paese, non alla voglia di sistemarsi a spese dei cittadini europei, non a riempire le caselle con i nomi delle sue donne e dei suoi uomini.

Il sostegno alla candidatura di von der Leyen è basato esclusivamente sui temi che abbiamo presentato in campagna elettorale e che sono stati recepiti dall’agenda programmatica presentata dalla neo-Presidente. Salario minimo europeo, revisione del meccanismo redistributivo dei migranti e priorità alla questione ambientale: le prerogative del MoVimento 5 Stelle hanno dettato l’agenda europea. Dimostriamo di essere l’ago della bilancia in Europa, rispettando quanto promesso in campagna elettorale.

Chi ha vinto le elezioni invece sceglie di non governare, sprecando i giorni tra giochetti e sgambetti per il solo tornaconto elettorale.

fonte: https://www.ilblogdellestelle.it/2019/07/il-nostro-paese-per-una-poltrona.html


La versione 5 stelle è credibile e forse anche condivisibile, si attende di conoscere la versione leghista della vicenda. Magari da una fonte ufficiale del partito e che spieghi tutta la vicenda e non i soliti articoli di giornali zeppi di coglionate.

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

18/07/2019, 18:19

Ma ... hai letto sopra, Salvini? Chi te lo deve dire, Travaglio? [^]

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

18/07/2019, 19:15

Immagine

Ecco chi hanno votato i grillini. A parlare, intervistata dai giornali del consorzio Lena di cui fa parte anche Repubblica, parla la neo-presidente della Commissione europea, la tedesca Ursula von der Leyen, eletta coi voti decisivi del M5s (un voto che ha aperto l'ennesimo fronte nel governo). E la fedelissima di Angela Merkel passa direttamente alle minacce contro l'Italia: "La Commissione attuale ha deciso di non aprire una procedura d’infrazione eccessiva - ricorda in premessa -. La Commissione che presiederò monitorerà molto da vicino la situazione in Italia, così come in altri Paesi. Il nostro obiettivo è di riuscire a investire per stimolare la crescita senza contravvenire alle regole esistenti". Dunque, quando si parla della battaglia di Matteo Salvini contro le ong, la von der Leyen ribatte: "È un obbligo per tutti gli esseri umani quello di salvare chi rischia di annegare. Ciò che vuole l’Italia, principalmente, è una riforma del sistema disfunzionale di Dublino. E devo ammettere che mi meraviglia come un accordo così sbagliato possa essere stato firmato. Inoltre posso capire che i Paesi che sono ai confini esterni della Ue non vogliano essere lasciati soli ad affrontare la sfida dell’immigrazione. Devono avere la nostra solidarietà". Tutto drammaticamente chiaro...

Leggi anche: Così i grillini hanno eletto la Von der Leyen

https://www.liberoquotidiano.it/news/po ... e-ong.html

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

19/07/2019, 09:59

Von der Leyen avvisa l'Italia: "Monitorerò i conti da vicino"

La neo eletta Ursula von der Leyen promette uno stretto monitoraggio dell'Italia ma si dice anche aperta al dialogo. E ora aspetta il nome del commissario italiano

Nonostante la mancanza della maggioranza schiacciante al Parlamento europeo, la neo eletta von der Leyen si è detta comunque convinta di avere i numeri per portare avanti il suo progetto europeista. L'Europarlamento ha dimostrato grosse spaccature sulla scelta della candidata tedesca alla guida della Commissione. Ma poi è stata lei ad avere la meglio.

I sovranisti di Identità e Democrazia, gruppo di Salvini e Le Pen, hanno votato contro l'ex ministro della Difesa tedesca che però, come spiega La Stampa, non è sembrata spaventata dal dover affrontare la pressione dei populisti di destra, "che il voto europeo del 26 maggio ha mostrato di saper contenere", ma allo stesso tempo non è intenzionata a dettare condizioni a chi non la pensa come lei.

Intervistata dal quotidiano di Torino, sulla possibilità che l'Italia proponga un commissario della Lega, la presidente ha ricordato il "diritto di ciascuno Stato membro a proporre i propri Commissari", così come "il diritto del presidente a chiedere altri nomi qualora se ne ravvisino delle buone ragioni". Ursula von der Leyen non vuole porre nessuna condizione, ma si annuncia come un'interlocutrice attenta alle problematiche italiane.

"La Commissione attuale ha deciso di non aprire una procedura d’infrazione eccessiva - ha spiegato a Repubblica -. La Commissione che presiederò monitorerà molto da vicino la situazione in Italia, così come in altri Paesi. Il nostro obiettivo è di riuscire a investire per stimolare la crescita senza contravvenire alle regole esistenti". La von der Leyen promette così uno stretto monitoraggio dell'Italia ma si dice anche aperta al dialogo.

E adesso tocca all'Italia nominare il suo commissario. Luigi Di Maio aveva assicurato: "Abbiamo sempre detto che il voto delle Europee è stato chiaro e spetta alla Lega la nomina del commissario". Ma l'operazione si fa sempre più complessa a causa delle continue tensioni tra alleati di governo.

http://www.ilgiornale.it/news/politica/ ... 28779.html

PEGGIO ... DI PRIMA!

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

19/07/2019, 10:06

Immagine

[:287]

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

19/07/2019, 12:42

Ufologo 555 ha scritto:Ma ... hai letto sopra, Salvini? Chi te lo deve dire, Travaglio? [^]


Si ho ascoltato tutte le versione dei vari protagonisti e si conferma la lega gestita da deficienti :)

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

19/07/2019, 15:58

MAI COME I GRILLETTI ...!




Immagine

La bomba la sgancia Dagospia, in un "Dagoreport" che esordisce così, andando dritto al punto: "Non molti sanno che dietro il voto grillino alla Von Der Leyen c'è Elisabetta Trenta. È stata lei ad aprire i contatti tra la tedesca e i 5 Stelle quando è arrivata sul tavolo l'ipotesi della sua candidatura". Secondo Dago, insomma, dietro al voto per la presidenza della Commissione europea che ha minato, forse definitivamente, i rapporti tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, ci sarebbe proprio la Trenta, il ministro della Difesa schieratissima contro la Lega e il suo vicepremier.

Leggi anche: Elisabetta Trenta, asse sui migranti con Laura Boldrini?

Dago prosegue sottolineando come "le due si sono conosciute meno di un anno fa a Bruxelles durante i vertici Nato. Hanno stretto un rapporto: bilaterali, saluti, colazioni, caffè. Tanto che dopo la sua nomina la von der Leyen ha scritto un messaggio alla Trenta: You did that, I will remember. Tnks (È merito tuo, me ne ricorderò, grazie, ndr)". Insomma, le relazioni tra le due sarebbero molto più che solide. E proprio queste relazioni avrebbero spinto la Trenta a brigare per un voto che, per il M5s, ha poco senso. Così come poco senso ne ha avuto per Salvini, che sulla faccenda ha picchiato durissimo.

Dunque, Dagospia avanza il sospetto: "Vai a vedere che la Trenta potrebbe essere la candidata italiana a Commissario Ue dopo la rinuncia di Giancarlo Giorgetti". Uno scenario che, se si realizzasse, sarebbe gravissimo. "D'altronde - conclude Dago - la stessa Ursula ha detto che all'Italia spetta un commissario, ma i commissari "li scelgo io", specificando che intende avere un esecutivo perfettamente paritario tra uomini e donne. Se i paesi membri non presentano abbastanza nomi femminili, respingerà le candidature, anche quelle meritorie".
https://www.liberoquotidiano.it/news/po ... getti.html

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

19/07/2019, 16:43

Il nostro Paese per una poltrona

Postato il 18 luglio 2019, 17:12 MoVimento 5 Stelle ( )

Giocare sporco e su più tavoli, per una poltrona: ecco cosa c’è dietro la decisione presa dalla Lega sul voto al nuovo Presidente della Commissione UE von der Leyen.
Ora ci attaccano, come spesso fanno per sviare l’attenzione e accendere i riflettori su qualcosa di meno imbarazzante. Ma sono stati proprio loro ad ammettere questa “strategia”; una mossa che però non fa certo gli interessi degli italiani. Detto altrimenti, hanno sostenuto la volontà italiana di pesare in Europa per cambiare le regole, salvo poi fare marcia indietro quando non hanno ottenuto garanzie sulla poltrona di Commissario a cui guardavano dal giorno dopo il voto di maggio.
Vogliamo fermare la serie di menzogne che leggiamo in questi giorni e vogliamo fare chiarezza perché, come spesso accade, la verità è una cosa semplice: e i cittadini hanno il diritto di conoscerla.
Il MoVimento 5 Stelle ha lavorato per l’interesse del Paese, tutelando il lavoro portato avanti dal Presidente Conte in sede europea; un mandato sostenuto da tutte e due le forze di maggioranza, anche dalla Lega. Ma questo stesso partito, evidentemente, ha poi scelto di trattare privatamente, per il proprio interesse. Per una poltrona. L’europarlamentare leghista Donato, infatti, riprendendo uno scambio di battute di Claudio Borghi su Twitter conferma e rivendica la strategia: dissimulare un sostegno alla von der Leyen per poi sfilarsi e fare lo scaricabarile sul MoVimento. Ma perché sfilarsi? Semplice, la trattativa non è andata a buon fine. Lo spiega bene Fabio Martini oggi su La Stampa: la priorità leghista era blindarsi la poltrona, non ottenere impegni dall’Europa su migranti, lavoro e ambiente.
Ma non ve lo diranno mai.
Su Twitter raccontano di aver deciso di non sostenere von der Leyen da 10 giorni, il giorno prima del voto fanno interviste per annunciare invece il sostegno, poi il giorno del voto trattano fino all’ultimo minuto…questo è il famoso prima gli italiani? Pane al pane, vino al vino: prima la poltrona!
Noi siamo stati trasparenti: il voto europeo ha detto che la Lega avrebbe dovuto indicare la nomina del Commissario su cui Conte ha trattato. Ma una cosa deve essere chiara: quella nomina per far alzare la voce all’Italia a Bruxelles, che non sarebbe una proprietà della Lega, la stanno mettendo a rischio loro. Il MoVimento pensa alle esigenze del Paese, non alla voglia di sistemarsi a spese dei cittadini europei, non a riempire le caselle con i nomi delle sue donne e dei suoi uomini.
Il sostegno alla candidatura di von der Leyen è basato esclusivamente sui temi che abbiamo presentato in campagna elettorale e che sono stati recepiti dall’agenda programmatica presentata dalla neo-Presidente. Salario minimo europeo, revisione del meccanismo redistributivo dei migranti e priorità alla questione ambientale: le prerogative del MoVimento 5 Stelle hanno dettato l’agenda europea. Dimostriamo di essere l’ago della bilancia in Europa, rispettando quanto promesso in campagna elettorale.
Chi ha vinto le elezioni invece sceglie di non governare, sprecando i giorni tra giochetti e sgambetti per il solo tornaconto elettorale.

https://www.ilblogdellestelle.it/2019/0 ... trona.html

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

19/07/2019, 16:52

se la von der leyen è passata per soli 9 voti..
c sarà stato un motivo !!


da quello che ho capito
hanno giocato al divide et impera..
la lega è stata estromessa da tutto,
i 5s blanditi con carezze e poltrone..


non essendoci in ballo il governo
la strategia ha funzionato..

tutto qua..

toninelli non lo so,
ma la trenta va messa a riposo..
è una mina vagante..


se potesse darebbe alla rackete una madaglia..
ho detto tutto..

alla faccia dei militari salvi per miracolo..

si potrebbe cominciare da quella..

Re: EUROPA: euroscettici vs euroentusiasti

19/07/2019, 17:03

Ufologo 555 ha scritto:MAI COME I GRILLETTI ...!




Immagine

La bomba la sgancia Dagospia, in un "Dagoreport" che esordisce così, andando dritto al punto: "Non molti sanno che dietro il voto grillino alla Von Der Leyen c'è Elisabetta Trenta. È stata lei ad aprire i contatti tra la tedesca e i 5 Stelle quando è arrivata sul tavolo l'ipotesi della sua candidatura". Secondo Dago, insomma, dietro al voto per la presidenza della Commissione europea che ha minato, forse definitivamente, i rapporti tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, ci sarebbe proprio la Trenta, il ministro della Difesa schieratissima contro la Lega e il suo vicepremier.

Leggi anche: Elisabetta Trenta, asse sui migranti con Laura Boldrini?

Dago prosegue sottolineando come "le due si sono conosciute meno di un anno fa a Bruxelles durante i vertici Nato. Hanno stretto un rapporto: bilaterali, saluti, colazioni, caffè. Tanto che dopo la sua nomina la von der Leyen ha scritto un messaggio alla Trenta: You did that, I will remember. Tnks (È merito tuo, me ne ricorderò, grazie, ndr)". Insomma, le relazioni tra le due sarebbero molto più che solide. E proprio queste relazioni avrebbero spinto la Trenta a brigare per un voto che, per il M5s, ha poco senso. Così come poco senso ne ha avuto per Salvini, che sulla faccenda ha picchiato durissimo.

Dunque, Dagospia avanza il sospetto: "Vai a vedere che la Trenta potrebbe essere la candidata italiana a Commissario Ue dopo la rinuncia di Giancarlo Giorgetti". Uno scenario che, se si realizzasse, sarebbe gravissimo. "D'altronde - conclude Dago - la stessa Ursula ha detto che all'Italia spetta un commissario, ma i commissari "li scelgo io", specificando che intende avere un esecutivo perfettamente paritario tra uomini e donne. Se i paesi membri non presentano abbastanza nomi femminili, respingerà le candidature, anche quelle meritorie".
https://www.liberoquotidiano.it/news/po ... getti.html



se la von der leyen
vuole una donna,
le mandiamo una leghista donna,
che problema c'è??
Rispondi al messaggio