Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5990 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 374, 375, 376, 377, 378, 379, 380 ... 400  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17893
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 08/05/2019, 13:15 
Non bisogna avere NESSUNA PIETÀ.

Questo è il governo che dovrà estirpare la melma che attanaglia i gangli della P.A. Non avremo ulteriori possibilità in futuro.

O ora o mai più ma bisogna essere risoluti, l'incedere deve essere perentorio.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 49000
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 08/05/2019, 14:11 
MaxpoweR ha scritto:
Roma sta per fallire adesso eh? Prima invece ocn Marino, Alemanno, Veltroni era tutto rose e fiori. La notizia va letta esattamente al contrario, prima rischiava di fallire ora finalmente c'è una gestione OCULATA E LEGALE rispetto ap rima che era in pratica un bancomat per corrotti, traffichini e trafficoni. E VOI che vi bevete ste scemenze siete complici di questa melma :)



Senti un po', "pan di stelle", ma perché nessuno fa dimettere la Raggi e l'Appendino? [:291]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
viewtopic.php?p=363955#p363955 U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo)
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17893
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 08/05/2019, 14:57 
Lo hai già scritto in 3 topic, continua così freelancer2 scrivi le stesse scemenza in ogni post, vai siamo con te!



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 49000
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 08/05/2019, 16:52 
Resta il FATTO che sono indagate tutt'e due! [8D]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
viewtopic.php?p=363955#p363955 U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo)
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 49000
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 08/05/2019, 17:14 
Immagine


Scontro in diretta a L'aria che tira su La7, tra Giorgio Mulè, di Forza Italia e Ignazio Corrao del Movimento 5 stelle sui casi di corruzione che hanno coinvolto centrodestra e M5s e sul caso di Armando Siri. "A Roma c'è il trio monnezza", gli ricorda l'azzurro: "De Vito, Marra e Lamzarone. Perché usate il garantismo con Virginia Raggi e la mannaia con Siri". "Ti arrampichi sugli specchi, non c'è un'indagine", gli risponde il grillino. A quel punto interviene la conduttrice Myrta Merlino: "Diciamo che anche la sindaca Raggi qualche svista l'ha avuta...".

Clicca qui per guardare il video: http://www.la7.it/laria-che-tira/video/ ... 019-270992



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
viewtopic.php?p=363955#p363955 U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo)
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17893
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 08/05/2019, 19:06 
Ufologo 555 ha scritto:
Immagine


Scontro in diretta a L'aria che tira su La7, tra Giorgio Mulè, di Forza Italia e Ignazio Corrao del Movimento 5 stelle sui casi di corruzione che hanno coinvolto centrodestra e M5s e sul caso di Armando Siri. "A Roma c'è il trio monnezza", gli ricorda l'azzurro: "De Vito, Marra e Lamzarone. Perché usate il garantismo con Virginia Raggi e la mannaia con Siri". "Ti arrampichi sugli specchi, non c'è un'indagine", gli risponde il grillino. A quel punto interviene la conduttrice Myrta Merlino: "Diciamo che anche la sindaca Raggi qualche svista l'ha avuta...".

Clicca qui per guardare il video: http://www.la7.it/laria-che-tira/video/ ... 019-270992



tutti uguali i vostri paladini:

Cita:
Myrta Merlino rinviata a giudizio è stata salvata dalla prescrizione. La paladina della guerra al Movimento 5 Stelle e depositaria della verità e della legalità (cosa che si evince nel mettere OSSESSIONATAMENTE IN EVIDENZA IL NULLA COSMICO delle cose che solo lei vede di malvagio nel M5S) e insabbiare costantemente o trattarli come un gioco, le malefatte dei delinquenti che hanno distrutto l’Italia.



Meno male che quelli come te col loro voto non contano più nulla, altrimenti staremmo ancora appresso a Berlusconi Renzi ed i suoi ladrocini di stato.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 49000
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 08/05/2019, 19:46 
Dottò, me sa che neppure te stai tanto ... bene. [:291] (Mi sa che sono più giovane io di te ...) [:304]


Immagine



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
viewtopic.php?p=363955#p363955 U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo)
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 15988
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 08/05/2019, 21:03 
Si, fontana ha assunto l'amico avvocato
Vincitore di concorso
Ma il punto e':
"Aveva i requisiti?"

Se li aveva, non c'e' trippa x gatti..


Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 09/05/2019, 01:21 
Tangenti Milano, così un cartello di 50 imprenditori si spartiva appalti: accordi, tradimenti e l’ombra della ‘ndrangheta


Immagine


______________________________________________
[iNon ci sono solo le corruzioni nell'ultima storia di tangenti messa nero su bianco dalla Dda. A inquinare gli appalti c'era un gruppo di impresari che con patti di desistenza e spartizione seguivano l'orientamento riportato in una intercettazione dell'imprenditore il cui nome era emerso nell’indagine Infinito e in altre indagini antimafia: "Ognuno si guarda poi il suo lotto". Gli investigatori stanno facendo accertamenti "su un’altra decina di situazioni"[/i]
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯



¯
Accordi, tradimenti, manovre e l’ombra della ‘ndrangheta. Non ci sono solo le corruzioni nell’ultima storia di tangenti messa nero su bianco dalla Dda di Milano. A “inquinare” (o tentare di farlo) gli appalti c’era un vero e proprio cartello di imprenditori: una cinquantina in totale quelli sotto indagine da parte dei pm Antimafia guidati da Alessandra Dolci. Per l’accusa con patti di desistenza e spartizione seguivano (anche se non tutti) l’orientamento riportato in una intercettazione dell’imprenditore il cui nome era emerso nell’indagine Infinito e in altre indagini antimafia, Renato Napoli: “… Che ognuno si guarda poi il suo lotto…”. E agli atti dell’inchiesta c’è anche una foto che certifica il patto: gli imprenditori che il 21 luglio 2017, con il coordinamento di Napoli, si incontrano e decidono come e cosa spartirsi. L’appuntamento, intorno alle 17, è in piazza Kennedy a Milano. A osservare e documentare l’incontro ci sono i carabinieri di Monza. Dalle intercettazioni si capirà che poi che quello non era il primo incontro.

Non solo la pulizia della neve e il teleriscaldamento
Due gli appalti al centro delle contestazioni della procura. Il primo è il servizio di pulizia dalla neve di Milano e altri comuni per il periodo 2017-2021 del valore di quasi 4 milioni e 800mila euro. Il secondo è il bando per il teleriscaldamento dell’A2a per un valore di 5 milioni. Nel primo caso il pm Antonio Scudieri ha spiegato: “Abbiamo accertato la presenza di una ventina di aziende che con guida di Renato Napoli sono riuscite a spartirsi i lotti. Il secondo è il bando per il teleriscaldamento dell’A2a, uno dei vari bandi che ha fatto A2a. Un accordo fallito perché uno degli imprenditori si è tirato indietro e ognuno è andato per i fatti propri“. Ma gli accertamenti degli inquirenti non si fermano alle due contestazioni perché è emersa “una diffusa e inquietante situazione di inquinamento degli appalti pubblici nel milanese” e gli investigatori stanno facendo accertamenti “su un’altra decina di situazioni, che coinvolgono tutte le principali aziende municipalizzate pubbliche del territorio lombardo, quindi non soltanto Amsa, ma anche A2a, Metropolitana milanese e altre aziende pubbliche. Quello che emerge è che gli imprenditori tendenzialmente si spartiscono i lotti. Si mettono d’accordo, cercano di ottenere informazioni da insider interni a queste società pubbliche per sapere chi sono gli altri partecipanti alle gare e quando c’è la possibilità di dividersi i lotti, pianificano con offerte al ribasso reciproche per potersi spartire le gare“.

La cordata degli imprenditori e gli appalti conquistati o persi
Napoli, che è a capo di società (Simedil ed Edilnapoli) che si occupano di lavori edilizi, movimento terra, trasporto di inerti, realizzazione di gasdotti, acquedotti fognature, per il giudice per le indagini preliminari “è il promotore e animatore delle due vicende di turbativa d’asta … un soggetto che non si fa alcuno scrupolo nel condizionare le gare d’appalto mediante la concertazione, tenacemente cercata, con i concorrenti, a tal fine approfittando di rapporti privilegiati con soggetti qualificati interni alle aziende pubbliche”. Ma allo stesso tempo quasi tutti gli altri imprenditori contattati si prestano a questo concerto e – anche se c’è chi si tira indietro o addirittura tradisce, approfittando delle informazioni ricevute per partecipare alla gara per vincerla – c’è anche chi pur non partecipando agli incontri chiede di essere messo nella lista della spartizione.

Alla fine come riassume il giudice “le imprese facenti parte della cordata riconducibile all’indagato Napoli si sono aggiudicate complessivamente 16 lotti su 46 effettivamente assegnati (4 sono andati deserti), e ciò a non voler contare il numero di lotti aggiudicati alla cordata Malacrida (totale 16 lotti), il quale, sfruttando le informazioni ottenute da Napoli (la lista a cui si fa riferimento nel corso delle intercettazioni) ha fatto man bassa delle aggiudicazioni, avvalendosi comunque indirettamente della collusione avente come effetto la turbativa di gara. L’aggiudicazione di un così rilevante numero di lotti da parte delle aziende partecipanti al cartello promosso da Napoli è stata possibile proprio in quanto le stesse si erano accordate per concorrere solo per alcuni specifici lotti, senza quindi competere tra loro; tanto è vero che i lotti persi sono quelli nei quali hanno concorso ditte che non sono state contattate… o che si sono rifiutate di partecipare al cartello…”.

Il gip: “Territorio pesantemente pervaso da criminalità organizzata”
Napoli però non è imprenditore qualsiasi. Come l’altro imprenditore protagonista di questa vicenda Daniele D’Alfonso (cui è contestata l’aggravante mafiosa) “ha rapporti con l’azienda di Giuseppe Molluso (della famiglia calabrese operativa tra Corsico e Buccinasco, ndr), a dimostrazione – scrive il gip di Milano Raffaella Mascarino – che il contesto nel quale operano i due imprenditori è tendenzialmente lo stesso, a cavallo tra la criminalità d’impresa e quella organizzata”. In un territorio ragiona il gip “pesantemente pervaso dalla criminalità organizzata di stampo mafioso, in quanto, nella regione lombarda, la materia degli appalti pubblici, soprattutto nei settori dell’edilizia, della movimentazione terra, del trattamento dei rifiuti e della gestione dell’ambiente in generale, costituiscono uno dei settori d’elezione in cui le diverse imprese gestite dalle varie famiglie di ’ndrangheta hanno in passato avuto modo di affondare le proprie radici e di trarre dalle risorse connesse a tali lavori pubblici linfa vitale per il loro persistere e prosperare su vaste aree del territorio. Queste acquisizioni possono dirsi assodate alla luce di accertamenti processuali ormai suggellati dal passaggio in giudicato delle sentenze di condanna nell’ambito di indagini che costituiscono i capisaldi della ricostruzione del fenomeno mafioso nell’Italia settentrionale”. Un fenomeno che non sempre ha visto gli imprenditori opporsi. Anzi: “Facendo una riflessione sulle figure imprenditoriali di cui mi sono occupata in questi anni alla Dda – dice Alessandra Dolci – posso dire che otto di loro erano collusi, mentre solo due di loro erano vittime“.


Formato file: mp4

_



Fonte



Immagine




Tangenti Milano, “il governatore della Lombardia Attilio Fontana nel registro degli indagati per abuso d’ufficio”


Immagine


______________________________________________
Nell’ambito della maxi inchiesta della Dda di Milano sulle tangenti in Lombardia, Fontana è passato nella stessa giornata da parta lesa a indagato: l’episodio contestato non riguarda la corruzione, ma è relativo alla nomina del suo collega di studio, l’avvocato Luca Marsico, come membro esterno del Nucleo di valutazione degli investimenti pubblici lombardo. Il leghista: "Risponderò serenamente ai pm"
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯



¯
Scampato di fatto a un’accusa che poteva essere di concorso in corruzione, il governatore della Lombardia Attilio Fontana però finisce nel registro degli indagati per abuso d’ufficio. Secondo la tesi dei pm, facendo nominare con una delibera il suo socio di studio Luca Marsico al Nucleo di valutazione degli investimenti della Regione, il presidente ha violato il principio di imparzialità, perché quel posto non era di nomina ‘fiduciaria’ ma si trattava di un incarico che era passato per un avviso pubblico a cui hanno partecipato circa 60 persone. Fontana è stato convocato per un interrogatorio lunedì prossimo, il 13 maggio, dai pm milanesi. La data è indicata nell’avviso a comparire che il governatore ha ricevuto alle 13.45 di oggi unitamente all’informazione di garanzia.

“Mi rasserena il fatto che non sia stata accertata alcuna violazione della procedura di nomina che è all’attenzione dei magistrati milanesi”, scrive in una nota il presidente della Regione Lombardia. “Mi rasserena altresì il fatto – ha aggiunto – che tale contestazione nulla ha a che vedere con fenomeni di corruzione. Per quanto concerne la vicenda della nomina di Luca Marsico, ribadisco che si è trattato come sempre di una procedura caratterizzata da trasparenza e da assoluta tracciabilità“, sostiene Fontana. “Quanto poi all’imparzialità – aggiunge il leghista – è stato garantito l’assoluto interesse della pubblica amministrazione nella scelta di un professionista dotato delle capacità e competenze richieste per quel ruolo. Risponderò quindi puntualmente e serenamente alle domande che i pm riterranno rivolgermi”, scrive il governatore.

Nell’ambito della maxi inchiesta della Dda di Milano sulle tangenti in Lombardia, Fontana è passato nella stessa giornata da parta lesa a indagato per quello che il procuratore capo di Milano, Francesco Greco, in conferenza stampa ieri aveva definito un “piccolo incarico“. L’episodio contestato non riguarda infatti la corruzione, ma è relativo alla nomina del suo collega di studio, l’avvocato Marsico, come membro esterno del Nucleo di valutazione degli investimenti pubblici lombardo: un incarico che frutta 11.500 euro l’anno e 180 euro a seduta. Marsico era stato candidato alle Regionali ma non era stato eletto. Così Gioacchino Caianiello, ex coordinatore di Forza Italia a Varese (anche lui arrestato) e definito dal gip un “burattinaio”a capo di un vero e proprio “sistema feudale”, si sarebbe speso per trovargli un nuovo incarico. In cambio, secondo l’accusa, ha chiesto a Fontana di nominare una terza persona alla Direzione formazione della Regione. Il governatore aveva declinato la proposta, senza però denunciare. Ragione per cui Fontana è “parte offesa” nel tentativo di istigazione alla corruzione di cui è accusato Caianiello, ma è stato iscritto nel registro degli indagati per la nomina di Marsico.

L’avvocato socio di Fontana è stato nominato “esperto in ambito giuridico, con particolare riferimento alla legislazione territoriale, urbanistica, ambientale, edilizia ed ai contratti pubblici”. Il decreto dirigenziale del 31 ottobre 2018, firmato dal dirigente Antonello Turturiello è negli atti di indagine della Procura di Milano. Al bando avrebbero partecipato circa sessanta professionisti, dopo la pubblicazione dell’avviso nel luglio scorso per individuare gli esperti esterni da inserire nel nucleo, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia, Serie Avvisi e Concorsi. Nell’avviso si specificava che il compenso “è determinato nella misura fissa annua di 11.500 euro. Ai componenti spetta altresì un compenso pari a 185 euro per ogni seduta a titolo di gettone di presenza”.

La mancata rielezione di Marsico e le manovre di Caianiello
Tutto nasce dalla mancata rielezione in consiglio regionale di Marsico. Gli inquirenti ricostruiscono che “una delle cause della mancata rielezione è riconducibile al boicottaggio della sua campagna elettorale da parte di Caianiello, il quale ha deciso di puntare sul deciso sostegno elettorale al candidato Angelo Palumbo“. Insomma: il ras di Forza Italia in provincia di Varese aveva contribuito a far “trombare” il socio di studio del neogovernatore. “La mancata rielezione di Marsico – scrive il giudice – fa sin da subito registrare la volontà del presidente Fontana di trovare il modo di ricollocare professionalmente il suo socio di studio e, a tal fine, lo stesso intrattiene una serie di incontri con Caianello”. È a quel punto Caianello si attiva per realizzare quella che gli investigatori definiscono “una complessa operazione corruttiva, consistente, in particolare, nello scambio tra la nomina dell’attuale direttore generale di AfolMetropolitana Milano, Zingale Giuseppe, alla direzione generale Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Lombardia, (per effetto dell’intercessione diretta di Fontana) e l’affidamento di incarichi onerosi da parte Afol in favore dell’avvocato Marsico”. In pratica Caianiello propone a Fontana di far affidare a Marsico alcune consulenze dall’Afol. In cambio il presidente avrebbe dovuto nominare l’attuale dg di Afol al vertice della Formazione della Regione Lombardia.

L’intercettazione: “… Ti facciamo avere gli incarichi!”
A raccontare il contenuto degli incontri con Fontana è lo stesso Caianiello: “Allora da Attilio, Attilio parte e mi dice: Sai Nino io..tu sai che io alla fine soldi..in soldoni proprio io ho due problemi, Luca e Mentasti. Ma la cosa preoccupante è che i problemi la Regione Lombardia non sono Mentasti, è Luca Marsico! Mi dice: ‘Sai Nino lui…mi dice che non ce la fa”. Io ho detto: “Scusa Attilio, adesso va bene tutto, il fratello gli ho..prende 2.600 euro netti al mese in Trenord, portando in giro i volantini della pubblicità. Lui adesso dire che non ce la fa..è vero che i so..”. A quel punto Caianiello fa la sua proposta al governatore: “Guarda…allora, per Luca io continuo a dirti ti faccio la proposta.…ti propongo di prendere Zingale come direttore generale alla formazione, lui è all’Afol, attraverso l’Afol che è l’azienda di formazione di città metropolitana…ti facciamo avere gli incarichi! Il meccanismo è quello che quello va lì e gli da le consulenze…”.

Proposta respinta, ma poi un piccolo incarico al socio
Palumbo, il consigliere eletto, fa notare a Caianiello che Marsico ha un altro problema: per due anni non potrà ricoprire incarichi di governance in aziende partecipate dalla Regione Lombardia essendo un consigliere regionale uscente: “Il problema dei due anni che tu per due anni non puoi assumere incarichi di governance nelle aziende dove c’è la partecipazione della nuova Regione”. A sentire Caianiello, addirittura, sarebbe stato lui stesso ad “aver avvisato Fontana del pericolo di una sua esposizione in prima persona in relazione alla risoluzione del problema di Marsico (chiaramente alludendo alla inopportunità di nomine in favore di Marsico direttamente riconducibili al Presidente Fontana)”.“Io gli ho fatto: guarda tu questa cosa non devi fare, perché domani mattina quando esce una cosa del genere la collegano a te, tu devi capire che sei nell’occhio del ciclone! Sei il Presidente della Regione Lombardia”. In ogni caso, Fontana respinge la proposta di Caianello ma non la denuncia: il governatore “dopo un’iniziale apertura sul punto preferirà successivamente percorrere una diversa strada, non accogliendo la proposta corruttiva avanzatagli da Caianiello”. Quella “diversa strada”. con un “piccolo incarico” al socio, è il motivo per cui la posizione di Fontana è cambiata dalla mattina alla sera.

Marsico: “Non sono entrato dalla porta di servizio”
“No, non sono entrato dalla porta di servizio. Ho fatto una regolare domanda nel luglio del 2018 come esperto giuridico per accedere al nucleo di valutazione regionale. E la domanda è stata accolta. Tutti qui” spiega all’Adnkronos Marsico. Il legale, sentito ieri dai magistrati “come persona informata dei fatti” sottolinea di fare l’avvocato “dal 1992, alla domanda ho allegato un curriculum e sono stato inserito in questo nucleo di valutazione, composto da un team di professionisti con competenze diverse, ci sono anche ingegneri e geologi”. Un incarico, sottolinea, non certo dettato da motivazioni economiche considerato che “sono previsti 11.500 euro più un gettone di presenza di 180-185 euro. Se consideriamo che questo nucleo si è riunito 4-5 volte dalla sua istituzione, si vede che non vi sono certo guadagni fuori norma”. All’Ansa il legale dice_ “Fontana è stato il mio ‘maestro’ sin da quando ho iniziato a lavorare nel suo studio, nel 1992. Credo di essere un buon avvocato, per questo ho ottenuto l’incarico e non per l’amicizia con il governatore”.
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17893
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 09/05/2019, 12:44 
Quanta brava gente ha fatto quel cavolo che voleva in questi anni di governo PD FI... non c'è un ambito in cui non si siano infiltrati e mo qualcuno ha pure il coraggio di storcere il naso se qualcuno in odore di mafia, bancarottiere e corrotto viene allontanato dal governo.


che paese di babbei.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 15988
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 09/05/2019, 13:01 
Ma il palazzo di siri?
Le mitiche intercettazioni?

Scommetto che raggiunto l'obiettivo,
Sul corriere ecc silenxio assoluto..

Comunque avanti tutta...


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 49000
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 09/05/2019, 13:28 
[:296] .. la vedo proprio grigia .... [:291]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
viewtopic.php?p=363955#p363955 U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo)
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3325
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 09/05/2019, 14:00 
No, è viola liturgico-mortuario.
Tra un po' si apre la porta Libitina.



_________________
Qualcuno vuole vedere che fine fanno i ribelli?
https://www.scambiofigu.net/host/up/8dcda1bfb827.jpg
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 49000
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 10/05/2019, 16:29 
Immagine

Il tricolore usato come straccio per pulire una targa. Questo è quanto si vede in un video che in queste ore sta facendo il giro del web. A compiere il gesto è il sindaco di Bergamo, il Pd Giorgio Gori. Il primo cittadino per pulire la targa del parco dedicato a Lea Garofalo (collaboratrice di giustizia e vittima della ‘ndrangheta), ha pensato bene di usare la bandiera italiana come uno strofinaccio qualsiasi. Il parco pubblico è stato inaugurato a Valtesse, un quartiere della città di Bergamo, e durante la cerimonia di inaugurazione, alla presenza del dem, sono state svelate due targhe: una in memoria della donna, e un’altra per ricordare Davide Ferro, ingegnere della zona deceduto in un incidente stradale.

Un gesto punibile fino a due anni di reclusione, secondo l’articolo 292 del codice penale, che regola il reato per vilipendio alla bandiera o ad altro emblema dello Stato: «Chiunque pubblicamente e intenzionalmente distrugge, disperde, deteriora, rende inservibile o imbratta la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato è punito con la reclusione fino a due anni».


VIDEO: https://www.secoloditalia.it/2019/05/be ... cio-video/


Poi qualcuno si scandalizza che tifo ...U.S.A.! Immagine



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
viewtopic.php?p=363955#p363955 U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo)
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 11937
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Povera Italia.. (seconda parte)
MessaggioInviato: 10/05/2019, 17:12 
Povera Italia!! Beh io negli Usa se potessi ci andrei proprio a vivere [:264]



_________________
Make Italy great again!
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5990 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 374, 375, 376, 377, 378, 379, 380 ... 400  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 19/09/2019, 21:26
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org