Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2014 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 131, 132, 133, 134, 135  Prossimo
Autore Messaggio

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4616
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 29/10/2019, 19:44 
Il latte: il nuovo simbolo del razzismo nell’America di Donald Trump

Questa settimana, nel giornaletto universitario Daily49er, Samantha Diaz, della California State University, ha descritto come il latte sia diventato il nuovo simbolo dell’odio.

“Tutti voi, insieme al resto della nazione, siete talmente abituati a sentire decantare i benefici del latte che, probabilmente, non vi sarete nemmeno resi conto del sottile razzismo nascosto nelle nostre abitudini salutistiche,” asserisce la signora Diaz.

Continua poi: “Potrebbe non sorprendervi che gli Stati Uniti sono stati fondati sul razzismo e che ogni istituzione che noi patrociniamo ha radici razziste, che a volte sono difficili da comprendere e ancora più difficili da combattere. Questo fenomeno influisce sulle leggi per l’identificazione degli elettori, sugli esami di stato e, sì, anche sulle linee guida dietetiche federali. Ma come possono le linee guida sulla salute, un sistema basato esclusivamente su fatti scientifici, contenere messaggi razzisti? Dove c’è una tradizione consolidata per sopprimere l’esistenza di un’intera razza, il modo c’è.”

E sì, tutto si riduce al latte.

“Il sostegno del governo federale al latte nelle diete americane contribuisce al problema, spingendo in modo acritico la gente a bere latte, nonostante i potenziali effetti avversi che ha sulla salute della gente di colore,” ha scritto la Diaz. “Le attuali normative dietetiche federali esortano le persone a bere tre bicchieri di latte al giorno, come riportato nelle ‘Linee Guida Dietetiche 2015-2020 per gli Americani.‘ Il principale beneficio per la salute derivante dal latte è la protezione dall’osteoporosi, una malattia che indebolisce le ossa, da qui la retorica delle ‘ossa più forti.’ Anche se questo è un evidente effetto positivo sulla salute, l’osteoporosi colpisce gli Africani in una percentuale significativamente inferiore rispetto alla maggior parte degli Americani [non di colore].”

Pertanto, il latte può essere utile all’organismo di una persona bianca, ma meno a quello di un nero, quindi è razzista.

Se pensaste che l’analisi della signora Diaz sia di sinistra, vi sbagliereste. Il mese scorso, sulla rivista online Mic.com era apparso un articolo intitolato: “Il latte è il nuovo, cremoso simbolo della purezza della razza bianca nell’America di Donald Trump.”

Perché, potreste chiedervi?

Beh, perché durante una rappresentazione anti-Trump tenutasi al Museum of the Moving Image di New York City c’era stata una ripresa televisiva in diretta di alcuni neonazisti che trangugiavano litri di latte.

“Tra i vari tatuaggi dell’iconografia del Terzo Reich che ballavano qua e là, una cosa spiccava: tutti i neonazisti bevevano latte,” aveva scritto Mic. “Mentre ballavano lo sputavano, lasciandoselo gocciolare giù per il mento.”

Aveva poi continuato: “Alcuni suprematisti bianchi pensano che l’identità etnica bianca abbia una correlazione storica e geografica con la tolleranza biologica al latte, in particolare con la produzione dell’enzima lattasi, che consente all’organismo di degradare il lattosio. Su 4chan, la fabbrica N°1 dell’hate speech su Internet, un anonimo partecipante aveva esposto questa tesi usando questa grafico tratto da uno studio su Nature, che mostra le località in cui le popolazioni hanno tolleranze al latte più elevate,” ha riferito la rivista online.

Oh caspita.

Ma la stampa di sinistra ha sposato questa argomentazione.

L’anno scorso, la rivista Mother Jones si era posta la domanda se le linee guida dietetiche statunitensi sul latte fossero razziste, concludendo che: “La comunità medica deve ancora iniziare a chiedersi se gli alimenti che sono stati etichettati culturalmente come ‘di libero consumo’ abbiano conseguenze dannose per le minoranze.”

Questo mese, in un’intervista al Los Angeles Times, il regista di “Get Out,” [Scappa] Jordan Peele, ha spiegato il legame tra latte e odio e come lo aveva descritto nel suo film sul pregiudizio razziale nell’età moderna.

Nella scena, un’attrice è seduta nella sua camera da letto, con le cuffie e ascolta tema di “Dirty Dancing,” mentre mangia Fruit Loops e beve latte con una cannuccia.

Come spiega il Los Angeles Times: “Il latte, nelle discussioni più recenti, sarebbe il nuovo simbolo della supremazia bianca in America, per il colore e per l’idea che l’intolleranza al lattosio in alcune etnie implichi una superiorità genetica della razza caucasica, dovuta alla sua migliore capacità di metabolizzazione del latte.”

“C’è qualcosa di orribile nel latte“, ha dichiarato Peele al Los Angeles Times. “Pensateci! Pensate a cosa stiamo facendo. Il latte è una cosa disgustosa.”

Così il gioco è fatto. Avete del latte in casa? Allora probabilmente siete dei nazisti. LOL.

Kelly Riddell



https://comedonchisciotte.org/il-latte- ... ald-trump/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6204
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Soroslandia
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 29/10/2019, 19:46 
Sono matti da legare! :D



_________________
Al è dibant cirî di insegnâ al mus, si piert dome timp e si infastidis la bestie!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 18541
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 30/10/2019, 12:48 
uhsdhsdsduhsduhsdhdusdhsusdhusuhsuhuhsduh



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12869
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 12/11/2019, 14:20 
Gli americani se non ci fossero bisognerebbe inventarli!!! ........

https://www.ilprimatonazionale.it/ester ... ta-136477/



_________________
niente è come sembra, tutto è come appare
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6204
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Soroslandia
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 12/11/2019, 14:21 
Clint ha le palle quadre, ce ne fossero come lui...



_________________
Al è dibant cirî di insegnâ al mus, si piert dome timp e si infastidis la bestie!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12869
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Re:
MessaggioInviato: 12/11/2019, 14:52 
TheApologist ha scritto:
Clint ha le palle quadre, ce ne fossero come lui...


[:264] [:264] [:264] [:264]

Nb: giusto per ricordarlo, Clint Eastwood è nato nel lontano 1930, ergo ha 89 anni.

... mi sia concesso:

Guarda su youtube.com



_________________
niente è come sembra, tutto è come appare
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10809
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 13/11/2019, 01:15 
CLINT E' UNO, come lui non c'è quasi più nessuno... Speriamo bene nelle nuove generazioni, sono largamente traviate ma

almeno questo vuol dire che hanno una carica ideale, morale, e non solo desideri materiali...


Però tornando a bomba devi ammettere che il consumismo, globalismo (capitalismo terminale) è partito da LI'.


Trump sta applicando ricette che funzionano, partendo dall' economia reale, creando e proteggendo i posti di lavoro produttivi, non speculativi

ossia industrie...anche coi DAZI... e facendo solo gli interessi del Paese senza fare disastri inutili in giro anche in politica estera,


e infatti il Protezionismo e l' "Isolazionismo" sono stati i primi due nemici abbattuti dal Sistema Capitalista,


quelli che "Il mercato ci salverà, il mercato aperto, Libbero" di fare ciò che gli pare, il mondo come un mercato, senza confini,

"aperto come i ns quli" Cit. Loro... E si è visto! Il mercato regna, la gente muore! O vive di m... però col suicidio legalizzato.
E pure dell' omicidio, dell' infanticidio legalizzato, perchè sì, soffre troppo... perchè curarlo? "La cura non c'è" giurano gli ultracentenari che letteralmente fottono il mondo intero...

Nemmeno l' umanità così credulona merita questo... ma un' apocalisse sì, quindi o la va o la spacca. [:298]



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4616
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 27/11/2019, 18:46 
Storie americane

Los Angeles, la patria dei senzatetto


La fila fa il giro dell’isolato. La percorro a ritroso guardano le facce delle persone che la compongono. Anziani, giovani, afroamericani, bianchi, ispanici, alcuni sorridono al mio saluto, altri abbassano la testa. Smetto di contare, i numeri non raccontano storie anche quando sono impressionanti come quelli dei senzatetto a Los Angeles. Vivo in questa città dal 2005 e gli homeless fanno parte della quotidianità, del vivere in questa metropoli. Sono una delle prime realtà con le quali sono venuta a contatto. Ancora prima di conoscere la “comunità” italiana in città, ho conosciuto molti di loro. Sono come le stelle sulla Walk of Fame.


Puntellano i marciapiedi, gli angoli delle strade. C’è Bam Bam che mi ha raccontato e continua a raccontare della sua avventura nel mondo del cinema (aveva avuto una piccola parte in un famoso film), finita però quando il procurarsi la cocaina è diventato più importante del presentarsi alle audizioni. “E’ il mio vizio – dice sempre onestamente – e non riesco a smettere. O meglio vado in Chiesa, smetto, mi pulisco e poi ci ricado. Solo colpa mia.”

Poi c’è Bruce, lunga barba bianca sul viso scuro, sosta sempre vicino a una banca, di notte si ripara sotto la tettoia della fermata dell’autobus. E’ un veterano del Vietnam con trascorsi di alcolista. Parla poco, sorride molto. L’opposto di James, che racconta a tutti di avere la moglie malata e di chiedere l’elemosina solo per prendere un taxi e tornare a casa ad assisterla. Purtroppo lo fa da almeno dieci anni. Ripete sempre la stessa storia. Fa vedere le cicatrici di un’operazione al cuore e ti stringe il braccio con affetto quando lo “aiuti” a prendere quel famoso taxi.

Tante facce che, per anni ho visto e rivisto, storie che ho sentito al punto da diventare familiari.

Ultimamente però qualcosa è cambiato ed è purtroppo riassunto in un numero, una percentuale: +12 per cento ossia quanto la popolazione dei senzatetto è aumentata solo nell’ultimo anno. E il loro repentino aumento preoccupa il 95 per cento degli Angelinos, gli abitanti della città che si trovano ad affrontare una situazione che sta precipitando perché accompagnata da un peggioramento della situazione igienica nelle strade, ora infestate anche da ratti. Un cambiamento che non si limita solo a downtown, dove la zona di San Pedro da sempre è una città nella città, con decine di migliaia di “residenti” homeless. Ora il problema bussa alle porte delle case. Le tende, infatti, sono montate in zone residenziali, vicino alle abitazioni, davanti ai negozi, sotto i ponti delle autostrade, lungo le colline. Piccoli accampamenti che sorgono nello spazio di qualche giorno e sembrano destinati a restare a lungo.

“Una volta facevamo gruppo ora invece sono sola contro tutti, siamo troppi”. Me lo dice Bam Bam che non riesce a spiegarsi da dove siano arrivate migliaia di “nuovi” senzatetto. L’aumento del costo degli affitti, in una città dove per vivere bene bisogna avere un reddito di almeno 200mila euro l’anno, è sicuramente una delle cause principali, ma non è la sola. Il numero delle persone morte sulle strade di Los Angeles a causa di overdose o per alcolismo è in crescita, e questo è un altro fattore. Ma se si chiede all’amministrazione della città una causa, una ragione, si capisce che brancola nel buio.


Così eccomi qui, alla vigilia del Ringraziamento mentre percorro la fila davanti ad uno degli shelter, dei rifugi, che servono il classico pranzo di quella che è la ricorrenza più amata in America. Tacchino, purè, torta di zucca. Gli altri anni la fila non c’era. In molti volontari, infatti, si mobilitano in questa giornata, mentre associazioni e chiese si aggiungono agli shelter per riuscire ad accomodare tutti quelli che si presentavano per un pasto caldo. Quest’anno non è così. Conto 342 persone che attendono. I numeri forse contano perché nella contea di Los Angeles oggi ci sono circa 59mila senzatetto e l’anno prossimo potrebbero essere molti di più.



http://www.rainews.it/dl/rainews/artico ... a5f9d.html


Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4616
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 07/01/2020, 15:15 
Una grande guerra convenzionale contro l’Iran è impossibile. C’è crisi all’interno della struttura di comando degli Stati Uniti




L’egemonica agenda militare americana ha raggiunto la soglia di pericolo.

L’assassinio del Generale dell’IRGC Soleimani, ordinato dal Presidente il 2 gennaio 2020, equivale ad un atto di guerra contro l’Iran.

Il presidente Donald Trump ha accusato Soleimani di “pianificare imminenti e sinistri attacchi“: “La scorsa notte abbiamo preso provvedimenti per fermare una guerra. Non abbiamo preso provvedimenti per iniziare una guerra … l’abbiamo colto in flagrante e lo abbiamo eliminato.”

Il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Mark T. Esper, l’ha descritta come una “decisiva azione difensiva,” confermando che l’operazione ordinata da Donald Trump era stata effettuata dal Pentagono. “I giochi sono cambiati,” ha affermato il segretario alla Difesa Esper.

Cosa succederà dopo?

L’assassinio del generale Soleimani è forse legato alla presenza militare dell’Iran in Iraq e al sostegno di Teheran al governo di Baghdad a scapito degli interessi statunitensi in Iraq?

O è legato al più vasto programma di guerra in Medio Oriente?

O è legato ad entrambi? La battaglia per l’Iraq fa parte di una guerra più ampia. E gli Stati Uniti sono in un certo senso “spinti fuori” dall’Iraq.

Mentre una guerra contro l’Iran è al vaglio del Pentagono, nelle condizioni attuali, una blitzkrieg a tutto campo in stile iracheno (guerra teatrale convenzionale) che comporti lo spiegamento simultaneo di forze terrestri, aeree e navali è impossibile.

Dal momento che gli Stati Uniti non hanno la capacità di realizzare un simile progetto, sono state contemplate diverse altre forme di “guerra limitata,” inclusi attacchi missilistici mirati, le cosiddette “operazioni da cazzotto sul naso” (incluso l’uso di armi nucleari tattiche), insieme ad atti di destabilizzazione politica e rivoluzioni colorate (che sono già in corso).

Per diverse ragioni, l’egemonia americana in Medio Oriente si è in gran parte indebolita a causa dell’evolversi delle alleanze militari.

Ed è proprio a causa delle debolezze statunitensi nel campo della guerra convenzionale che si potrebbe prevedere un’opzione nucleare. Una tale opzione porterebbe inevitabilmente all’escalation.

L’ignoranza e la stupidità sono fattori che fanno parte del processo decisionale. Secondo l’analista di politica estera Edward Curtin “I pazzi fanno cose pazze.”

Chi sono i pazzi nelle posizioni chiave dei processi decisionali?

I consulenti di Trump per la politica estera: il Segretario di Stato Mike Pompeo, il Consigliere per la Sicurezza Nazionale Robert O’Brien e Brian Hook, (rappresentante speciale per l’Iran e consigliere di Pompeo), potrebbero “consigliare” al presidente Trump di autorizzare una “operazione da cazzotto sul naso” con l’uso di armi nucleari tattiche (quelle a basso potenziale), che il Pentagono ha classificato come “innocue per i civili perché l’esplosione è sotterranea.”

Questo tipo di operazione, come suggerisce la designazione del Pentagono, è un’operazione militare che presumibilmente “creerebbe il minimo danno possibile.”

Secondo il Bulletin of Atomic Scientists (luglio 2019):

Le tensioni tra Stati Uniti e Iran stanno portando verso uno scontro militare, con la reale possibilità che gli Stati Uniti utilizzino armi nucleari. L’assortimento delle capacità asimmetriche iraniane, tutte studiate per essere efficaci contro gli Stati Uniti, garantisce praticamente un esito del genere. L’attuale posizione degli Stati Uniti sul nucleare lascia l’amministrazione Trump almeno aperta all’uso di armi atomiche tattiche nei teatri convenzionali. Alcuni, nell’attuale amministrazione, potrebbero pensare che sia nel migliore interesse degli Stati Uniti cercare una vittoria rapida e decisiva nel polo petrolifero del Golfo Persico e, nel farlo, utilizzare [anche] il proprio arsenale nucleare.

Riteniamo che vi sia un’accresciuta possibilità che una guerra USA-Iran scateni un attacco nucleare statunitense …

(L’uso delle armi nucleari tattiche non richiede l’autorizzazione del comandante in capo. Tale autorizzazione riguarda esclusivamente le cosiddette armi nucleari strategiche).

Michel Chossudovsky, 4 gennaio 2020

***
Questo articolo analizza l’agenda militare americana nei suoi rapporti con la Repubblica Islamica dell’Iran, concentrandosi sulle capacità militari dell’Iran, sulla struttura delle alleanze e sulla crisi all’interno della struttura di comando degli Stati Uniti.

1. L’esercito iraniano

C’è il problema delle capacità militari dell’Iran (forze di terra, marina, aeronautica, difesa missilistica), vale a dire la sua capacità di resistere efficacemente e di rispondere ad una guerra convenzionale a tutto campo che coinvolga lo spiegamento di forze statunitensi ed alleate. Per quanto riguarda la guerra convenzionale, l’Iran ha notevoli capacità militari. L’Iran acquisirà a breve il moderno sistema di difesa aerea S400 russo.

L’Iran è classificato come “una grande potenza militare” in Medio Oriente, con una stima di 534.000 uomini in servizio attivo nell’esercito, nella marina, nell’aeronautica e nel Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC). Ha avanzate capacità missilistiche balistiche e un’industria di difesa nazionale. Nel caso di un attacco aereo statunitense, l’Iran prenderebbe di mira le strutture militari statunitensi nel Golfo Persico.

2. L’evoluzione delle alleanze militari

La seconda considerazione ha a che fare con l’evoluzione delle alleanze militari (2003-2019,) che è si è risolta in gran parte a svantaggio degli Stati Uniti.

Molti degli alleati più fedeli d’America stanno dormendo con il nemico.

I paesi che confinano con l’Iran, compresi Turchia e Pakistan, hanno accordi di cooperazione militare con l’Iran. Mentre questo di per sé esclude la possibilità di una guerra di terra, influisce però sulla pianificazione delle operazioni navali ed aeree degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

Fino a poco tempo fa, la Turchia (un peso massimo della NATO) e il Pakistan erano considerati fedeli alleati dell’America, con numerose basi militari statunitensi nei loro territori.

Da un punto di vista militare più generale, la Turchia collabora attivamente sia con l’Iran che con la Russia. Inoltre, Ankara ha acquisito (12 luglio 2019), in anticipo sul programma, il moderno sistema di difesa aerea S-400 della Russia, mentre, di fatto, ha rinunciato al sistema di difesa aerea integrato USA-NATO-Israele.

Inutile dire che l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico è in crisi. L’uscita della Turchia dalla NATO è quasi un dato di fatto. L’America non può più fare affidamento sui suoi più stretti alleati. Inoltre, le milizie appoggiate dagli Stati Uniti e dalla Turchia si combattono a vicenda in Siria.

In più, diversi Stati membri della NATO hanno preso una ferma posizione contro la politica di Washington nei confronti dell’Iran: “Gli alleati europei sono alle prese con crescenti disaccordi in politica estera e sono irritati dal modo di fare arrogante della leadership di Washington.”

“La manifestazione più importante del crescente malcontento europeo nei confronti della leadership statunitense è stata la mossa della Francia e di altre nazioni per creare una capacità di difesa indipendente, ‘solo per gli Europei’” ( National Interest, 24 maggio 2019)

L’Iraq ha anche fatto sapere che non coopererà con gli Stati Uniti nel caso di una guerra di terra contro l’Iran.

Nelle condizioni attuali, nessuno degli stati confinanti con l’Iran, compresi Turchia, Pakistan, Afghanistan, Iraq, Turkmenistan, Azerbaigian e Armenia, consentirebbe alle forze di terra degli Stati Uniti e dei suoi alleati il transito attraverso il proprio territorio. Né coopererebbero con gli Stati Uniti nella conduzione di una guerra aerea.

Ultimamente, l’Azerbaigian, che a causa della Guerra Fredda era diventato un alleato degli Stati Uniti, nonché un membro del partenariato della NATO per la pace, ha cambiato schieramento. I precedenti accordi di cooperazione militare tra Stati Uniti ed Azerbaigian sono praticamente defunti, compresa l’alleanza militare post-sovietica GUAM (Georgia, Ucraina, Azerbaigian e Moldova).

Nel dicembre 2018 sono stati firmati accordi bilaterali militari e di intelligence tra Iran e Azerbaigian. A sua volta, l’Iran collabora ampiamente con il Turkmenistan. Per quanto riguarda l’Afghanistan, la situazione interna, con i Talebani che controllano gran parte del territorio afgano, non favorirebbe un dispiegamento su larga scala delle forze di terra statunitensi ed alleate al confine tra Iran e Afghanistan.

E’ evidente che la politica di accerchiamento strategico dell’Iran, formulata sulla scia della guerra in Iraq (2003), non è più funzionale. L’Iran intrattiene relazioni amichevoli con i paesi vicini, che in precedenza erano all’interno della sfera di influenza degli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti sono sempre più isolati in Medio Oriente e non hanno il sostegno dei loro alleati della NATO.
In queste condizioni, una grande guerra convenzionale da parte degli Stati Uniti che preveda lo spiegamento di forze di terra sarebbe un suicidio.

Tuttavia, questo non significa che non ci sarà una guerra. Sotto certi aspetti, con i progressi delle tecnologie militari, una guerra in stile iracheno è diventata obsoleta.

Siamo comunque ad un bivio pericoloso. Altre forme diaboliche di intervento militare diretto contro l’Iran sono attualmente al vaglio del Pentagono. Queste includono:

• varie forme di “guerra limitata,” vale a dire attacchi missilistici mirati,
• supporto americano ed alleato ai gruppi paramilitari terroristici,
• le cosiddette “operazioni a pugno sul naso” (compreso l’uso di armi nucleari tattiche),
• atti di destabilizzazione politica e rivoluzioni colorate,
• attacchi false flag e minacce militari,
• sabotaggio, confisca di attività finanziarie, sanzioni economiche a tutto campo,
• guerra elettromagnetica e climatica, tecniche di modificazione ambientale (ENMOD),
• guerra cibernetica,
• guerra chimica e biologica.

Il Quartier Generale Avanzato del Comando Centrale degli Stati Uniti è situato in territorio nemico.
Un’altra considerazione ha a che fare con la crisi all’interno della struttura di comando degli Stati Uniti.
USCENTCOM è il comando combattente a livello di teatro per tutte le operazioni nella estesa regione mediorientale che va dall’Afghanistan a tutto il Nord Africa. È il comando combattente più importante di tutta la struttura del comando unificato. Ha guidato e coordinato diversi importanti teatri di guerra in Medio Oriente, tra cui l’Afghanistan (2001) e l’Iraq (2003). È anche coinvolto [nelle operazioni] in Siria.

Nel caso di una guerra con l’Iran, le operazioni in Medio Oriente sarebbero coordinate dal Comando Centrale degli Stati Uniti con quartier generale a Tampa, in Florida, in collegamento permanente con il suo quartier generale avanzato in Qatar.

Alla fine di giugno 2019, dopo che l’Iran aveva abbattuto un drone degli Stati Uniti, il presidente Trump “aveva annullato gli attacchi militari già programmati contro l’Iran,” minacciando nel suo tweet che “qualunque attacco da parte dell’Iran contro una qualsiasi entità americana si sarebbe trovato di fronte ad una reazione enorme e travolgente.”

Il comando centrale USA (CENTCOM), aveva confermato lo spiegamento dei caccia stealth F-22 della US Air Force della base aerea di al-Udeid, in Qatar, allo scopo di “difendere [dagli attacchi dell’Iran] le forze e gli interessi americani” nella regione. (Michael Welch, Persian Peril, Global Research, 30 giugno 2019). Non vi sembra spaventoso?

“La base è tecnicamente di proprietà del Qatar ed ospita il Quartier Generale del Comando Centrale Statunitense.” Con 11.000 membri del personale militare americano, viene descritta come “una delle basi dell’esercito americano più longeve e strategicamente importanti di tutto il pianeta” (Washington Times) . Al-Udeid ospita anche il 379° Air Expeditionary Wing della US Air Force, considerato come “il più importante comando aereo d’oltremare dell’America.”

Quello che i media e gli analisti militari non riescono a comprendere è che il quartie generale avanzato mediorientale del CENTCOM statunitense presso la base militare di al-Udeid, vicino a Doha, “si trova di fatto in territorio nemico.”

Dopo il fallimento, nel maggio 2017, del Gulf Cooperation Council (GCC), il Qatar è diventato un fedele alleato sia dell’Iran che della Turchia (anch’essa un alleato dell’Iran). Pur non avendo un accordo di cooperazione militare “ufficiale” con l’Iran, [Qatar e Turchia] condividono in comproprietà con l’Iran i più grandi giacimenti offshore di gas di tutto il mondo.

La divisione del CCG aveva portato ad uno spostamento delle alleanze militari: nel maggio 2017 l’Arabia Saudita aveva bloccato l’unica frontiera terrestre del Qatar. Subito dopo, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti avevano bloccato il trasporto aereo e le spedizioni marittime commerciali verso Doha.

Quello che sta succedendo da maggio 2017 è uno spostamento delle rotte commerciali del Qatar, tramite l’istituzione di accordi bilaterali con l’Iran, la Turchia e il Pakistan. A questo proposito, la Russia, l’Iran e il Qatar gestiscono oltre la metà delle riserve mondiali di gas conosciute.

La base di Al-Udeid vicino a Doha è la più grande base militare americana in Medio Oriente. A sua volta, la Turchia ha stabilito una propria struttura militare in Qatar. La Turchia non è più un alleato degli Stati Uniti. Le forze mercenarie turche in Siria stanno combattendo le milizie appoggiate dagli Stati Uniti.

La Turchia è ora allineata con la Russia e con l’Iran. Ankara ha confermato che acquisirà il sistema di difesa aerea missilistico S-400 russo, che richiede una cooperazione militare con Mosca.

Il Qatar brulica di uomini d’affari iraniani, personale addetto alla sicurezza ed esperti del settore petrolifero e del gas (con possibili collegamenti con l’intelligence iraniana?), per non parlare della presenza di personale russo e cinese.

Domanda. Come si fa a lanciare una guerra contro l’Iran dal territorio di uno stretto alleato dell’Iran?

Da un punto di vista strategico non ha senso. E questa è solo la punta dell’iceberg.

Nonostante tutta la retorica alla base delle relazioni militari ufficiali USA-Qatar, il Consiglio Atlantico, un think tank di esperti con stretti legami sia con il Pentagono che con la NATO, conferma che il Qatar è ora un solido alleato di Iran e Turchia:

In parole povere, affinché il Qatar possa mantenere la propria indipendenza, Doha non avrà sostanzialmente altra scelta se non quella di mantenere un forte partenariato con la Turchia, che si è rivelata un alleato importante, almeno tanto quanto l’Iran, dal punto di vista del sostegno militare e della sicurezza alimentare. Ci sono buone probabilità che i legami Iran-Qatar continuino a rafforzarsi, anche se Teheran e Doha concordano sul fatto di essere in disaccordo su diverse questioni … Il 15 giugno [2019], il presidente Hassan Rouhani aveva sottolineato che il miglioramento delle relazioni con il Qatar è una priorità per i politici iraniani. … Rouhani aveva detto all’Emiro del Qatar che “la stabilità e la sicurezza dei paesi di questa regione sono interdipendenti” e la massima autorità del Qatar, a sua volta, aveva sottolineato che Doha era alla ricerca di un partenariato più forte con la Repubblica Islamica. (Consiglio Atlantico, giugno 2019)

Ciò che suggerisce questa ultima dichiarazione del Consiglio Atlantico è che, anche se il Qatar ospita il quartier generale di USCENTCOM, l’Iran e il Qatar stanno collaborando (ufficiosamente) nell’area della “sicurezza” (ad es. intelligence e cooperazione militare).

Pianificazione militare goffa, politica estera americana maldestra? Intelligence approssimativa?

La dichiarazione di Trump conferma che [gli Amricani] stanno pianificando di lanciare una guerra contro l’Iran dal loro quartier generale USA Centcom presso la base militare di Al Udeid, situata in territorio nemico. È retorica o semplice stupidità?

La divisione del CCG

La divisione del CCG ha portato alla creazione di un cosiddetto asse Iran-Turchia-Qatar, che ha contribuito ad indebolire l’egemonia degli Stati Uniti in Medio Oriente. Mentre la Turchia ha stretto legami di cooperazione militare con la Russia, il Pakistan si è alleato con la Cina. E il Pakistan è diventato un partner importante del Qatar.

A seguito della frattura tra Qatar ed Arabia Saudita, il Gulf Cooperation Council (GCC) è allo sbando, con il Qatar schierato dalla parte di Iran e Turchia, contro Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

Il Qatar è di estrema importanza strategica perché condivide con l’Iran nel Golfo Persico i più grandi giacimenti mondiali offshore di gas del mondo. Inoltre, dalla divisione del CCG il Kuwait non è più allineato con l’Arabia Saudita, pur mantenendo una stretta relazione con Washington. Il Kuwait ospita sette strutture militari statunitensi attive, la più importante delle quali è Camp Doha.
Inutile dire che la divisione del CCG del maggio 2017 ha vanificato l’intenzione di Trump di creare una “NATO araba” (supervisionata dall’Arabia Saudita) diretta contro l’Iran. Questo progetto è virtualmente defunto, in seguito al ritiro dell’Egitto nell’aprile 2019.

Il Golfo di Oman

Con la scissione del 2017 del Gulf Cooperation Council (GCC), l’Oman sembra essersi allineato con l’Iran. In queste circostanze, il transito delle navi da guerra statunitensi verso il quartier generale della Quinta Flotta americana in Bahrain, per non parlare della condotta delle operazioni navali nel Golfo Persico, è potenzialmente a rischio.

La Quinta Flotta è sotto il comando del Comando Centrale delle Forze Navali Statunitensi (NAVCENT). (L’area di competenza di NAVCENT è costituita dal Mar Rosso, dal Golfo di Oman, dal Golfo Persico e dal Mar Arabico).

Lo stretto di Hormuz che costituisce il punto di ingresso nel Golfo Persico dal Golfo di Oman è controllato dall’Iran e dal Sultanato dell’Oman (vedere la mappa, territorio dell’Oman sulla punta dello Stretto).

La larghezza dello stretto, nel suo punto più angusto, è di 39 km. Tutte le grosse navi devono passare nelle acque territoriali dell’Iran e/o dell’Oman, secondo le attuali norme di transito dettate dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto Marittimo.

Più in generale, è in pericolo la struttura stessa delle alleanze. Gli Stati Uniti non possono ragionevolmente condurre una vera e propria guerra convenzionale contro l’Iran senza il sostegno dei propri alleati di lunga data, che ora “dormono con il nemico.”

La fallita “NATO araba” di Trump. La storia della scissione del CCG.

Nel crollo della sfera di influenza americana in Medio Oriente, il “Make America Great Again” (MAGA) di Trump all’inizio della sua presidenza era consistito in un tentativo improvvisato di ricostruire la struttura delle alleanze militari. Quello che l’amministrazione Trump aveva in mente era la formazione di un’Alleanza Strategica per il Medio Oriente (MESA), o “NATO araba.” Questo progetto sponsorizzato dagli USA avrebbe dovuto includere, fra i sei stati membri del CCG, anche l’Egitto e la Giordania.

La bozza dell’alleanza MESA era stata preparata a Washington prima della storica visita di Trump del maggio 2017 in Arabia Saudita, dove aveva incontrato Re Salman, leader del GCC ed “oltre 50 funzionari di alto livello del mondo arabo e islamico in un vertice islamo-americano senza precedenti.”

La Dichiarazione di Riyadh, diffusa alla conclusione del vertice del 21 maggio 2017, aveva annunciato l’intenzione di “fissare a Riyadh la sede della MESA.” (Arab News, 19 febbraio 2019). L’intenzione dichiarata della “NATO araba” era quella di “combattere l’egemonia iraniana” in Medio Oriente.

Due giorni dopo, il 23 maggio 2017, a seguito di questo storico incontro, l’Arabia Saudita aveva ordinato il blocco del Qatar, chiedendo l’embargo e la sospensione delle relazioni diplomatiche con Doha, sostenendo che l’Emirato del Qatar avrebbe collaborato con Teheran.

Qual era l’agenda nascosta? Senza dubbio era già stato tutto deciso a Riyad il 21 maggio 2017, con la tacita approvazione dei funzionari statunitensi.

Il piano era di escludere il Qatar dalla futura alleanza MESA e dal GCC, mantenendo però intatto il GCC.
Il risultato era stato un embargo saudita al Qatar (con l’approvazione non ufficiale di Washington) che aveva provocato la frattura del GCC e con l’Oman e il Kuwait schierati con il Qatar. In altre parole, il GCC si era spaccato a metà. L’Arabia Saudita ne era uscita indebolita e il progetto della “NATO araba” era stato abbandonato sin dall’inizio.

21 maggio 2017: vertice islamico-americano a Riyadh.
23 maggio 2017: blocco ed embargo del Qatar a seguito di presunte dichiarazioni dell’Emiro del Qatar. Questo evento era stato pianificato?
5 giugno 2019: Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein ed Egitto interrompono le relazioni diplomatiche, bloccano i trasporti terrestri, aerei e marittimi con il Qatar, accusandolo di sostenere l’Iran.
7 giugno 2017, il parlamento turco approva una legge che consente alle truppe turche di essere dispiegate in una base militare turca in Qatar.
Gennaio 2018, il Qatar avvia colloqui con la Russia al fine di acquisire il suo sistema di difesa aerea S-400.

Arriviamo a metà aprile 2019: Trump è nuovamente a Riyad: questa volta la monarchia saudita viene incaricata da Washington di rilanciare ufficialmente la fallita Middle East Strategic Alliance (MESA) (formulata per la prima volta nel 2017), nonostante il fatto che tre degli stati invitati a farne parte, vale a dire Kuwait, Oman e Qatar, fossero impegnati nella normalizzazione delle relazioni con l’Iran. A sua volta, il governo egiziano del presidente Sisi aveva deciso di boicottare il vertice di Riyad e di ritirarsi dalla proposta di una “NATO araba.” Il Cairo aveva anche chiarito la sua posizione nei confronti di Teheran. L’Egitto si era fermamente opposto al piano di Trump perché “avrebbe aumentato le tensioni con l’Iran.”

L’obiettivo di Trump era quello di creare un “blocco arabo.” Tutto quello che aveva ottenuto era stato un “blocco arabo” MESA monco, costituito da un CCG fratturato in cui erano presenti solo Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Giordania.

L’Egitto si era ritirato.

Il Kuwait e l’Oman avevano ufficialmente assunto una posizione neutrale.

Il Qatar si era schierato dalla parte del nemico, compromettendo ulteriormente la sfera di influenza americana nel Golfo Persico.

Un totale fallimento geopolitico. Uno strano tipo di alleanza.

E il quartier generale avanzato del Comando Centrale degli Stati Uniti si trova ancora in Qatar, nonostante il fatto che due anni prima, il 23 maggio 2017, l’Emiro del Qatar, lo Sceicco Tamim bin Hamad Al Thani, fosse stato accusato dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti di aver collaborato con l’Iran.

Non è chiaro chi abbia dato l’ordine di imporre l’embargo al Qatar. L’Arabia Saudita non avrebbe preso quella decisione senza prima aver consultato Washington. E’ chiaro che l’intento di Washington era quello di creare un’alleanza araba tipo NATO (un blocco arabo) diretta contro l’Iran “che facesse il lavoro sporco per noi.”

Il resto è storia, il Pentagono ha deciso di mantenere il Quartier Generale del Comando Centrale Americano in Qatar, che risulta essere il più stretto alleato e partner dell’Iran.

Un errore di politica estera? Stabilire il quartier generale “ufficiale” in territorio nemico, mentre “ufficiosamente” si ridistribuisce parte degli aerei da combattimento, del personale militare e delle funzioni di comando in altre località (ad esempio in Arabia Saudita)?

Nessun rapporto stampa, nessuna interrogazione al Congresso degli Stati Uniti. Nessuno sembra aver notato che la guerra di Trump contro l’Iran, se dovesse scoppiare, dovrebbe essere guidata dal territorio del più stretto alleato dell’Iran.

Un’impossibilità?

Michel Chossudovsky


https://comedonchisciotte.org/una-grand ... ati-uniti/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 18541
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 08/01/2020, 12:47 
è ora che i paesi arabi si sgancino dal giogo americano e comincino a camminare sulle proprie gambe e condurre politiche autonome, sol così si renderanno conto che essere "alleati" dei propri vicini conviene più che essere alleati SOLO degli USA e tenersi attorno potenziali minacce. In questo modo tornerà a più miti consigli anche il regime sionista che occupa la palestina.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4403
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 08/01/2020, 15:59 
Impossibile, sono figli di... Abramo pure loro, Semiti.

La grande America spara su un uomo con i missili, sarà l'ultima scena dell'X file?

La democra-zia è simile ad una vecchia donnaccia con tanti figliastri degenerati che ci vanno a nozze.



_________________
Immagine

Offtopic (fuori argomento)
Correte correte... che per pagare i mercanti e i loro camerieri dovrete rubare sempre di più, e attenti a non dimenticarvi la carta di credito a casa... che se vi rompete il muso per strada neppure il carroattrezzi viene più a prendervi.
Mi raccomando: Votate, umili e silenti.
.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 18541
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 09/01/2020, 12:54 
Cita:
Gli Stati Uniti evacuano due basi in Siria dopo l'attacco dell'Iran

https://www.lantidiplomatico.it/resizer/resiz/public/13503047_xl.jpg/700x350c50.jpg

Come riportato dall'agenzia di stampa ufficiale siriana, SANA , le forze statunitensi hanno lasciato oggi il complesso militare che occupano nella città di Jerab al-Yair, nel comune di Al-Malikiya, nord-est di Hasaka e situato a una zona di confine vicino a Iraq e Turchia.

"Dopo una presenza illegale di quasi sei mesi, le truppe occupanti hanno evacuato definitivamente la base " , ha riferito un corrispondente di SANA, precisando che un convoglio di 40 camion carichi di attrezzature e veicoli militari ha lasciato la suddetta base e si è diretto al valico di frontiera di Al-Walid.

Il rapporto rivela anche che altri 50 camion con attrezzature militari e logistiche hanno lasciato oggi la base americana, situata nella città di Shadadi, sud di Al-Hasaka, sulla strada per il passo di frontiera di Al-Walid.


Secondo l'agenzia siriana, diversi camion che hanno lasciato la città di Shadadi provenivano dal quartier generale delle forze di occupazione statunitensi sul fronte orientale della provincia di Deir Ezzor.

Il ritiro delle truppe statunitensi che hanno controllato fino a questo mercoledì alcuni giacimenti petroliferi siriani si verifica nello stesso giorno in cui il Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica dell'Iran ha effettuato " forti attacchi missilistici" contro due basi statunitensi in Iraq, in rappresaglia per l'assassinio del comandante della forza Quds del paese persiano, il generale Qasem Soleimani, in un attacco perpetrato da Washington.

Fonte: Foto di repertorio AFPNotizia del: 08/01/2020

Fonte: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-gli_stati_uniti_evacuano_due_basi_in_siria_dopo_lattacco_delliran/82_32497/



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2096
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 10/01/2020, 18:30 
Boeing 737 Max, le denunce insabbiate dei dipendenti: «Aereo progettato da clown»
Lo sconcertante contenuto di numerose mail dei dipendenti reso noto dal Congresso: nascosti difetti nel funzionamento di alcuni macchinari. Sanzioni contro gli autori[/b]
Nuova grana per Boeing. Alcuni documenti interni della società rivelano critiche e prese in giro alle autorità e non solo sul 737 Max, l’aereo ormai a terra da mesi dopo i due incidenti mortali. Il 737 Max è stato «progettato da clown e controllato da scimmie» si legge in una delle email trapelate, dalle quali emerge come i dipendenti di Boeing hanno convinto, anche ricorrendo ad alcuni trucchi, le compagnie aeree e le autorità che non fosse necessario nessun addestramento con simulatori per i piloti del velivolo. Il quadro, emerso dalle migliaia di conversazioni interne che la Boeing ha scoperto sui propri server il mese scorso, è stato girato alla Federal Aviation Administration (Faa) e alle commissioni di inchiesta del Congresso.

«A conoscenza dei difetti»

I documenti, resi pubblici ieri dal Campidoglio, rivelano come alcuni dipendenti della Boeing fossero a conoscenza dei difetti di progettazione del 737 Max da tempo e si siano presi gioco delle attività di vigilanza della Faa. «Questo aeroplano è stato progettato da clown che a loro volta sono controllati da scimmie» scrive nell’aprile del 2017 un dipendente mentre un altro fa riferimento allo sviluppo dei simulatori di volo sviluppati per il 737 Max e sembra indicare come siano stati nascosti difetti con il funzionamento di questi macchinari. «Non sono ancora stato perdonato da Dio per tutto l’insabbiare che ho dovuto fare l’anno scorso» recita un messaggio del 2018.

Gli incidenti

Due modelli del 737 Max sono caduti nell’arco di cinque mesi a cavallo fra il 2018 e il 2019 uccidendo 346 persone. Da allora i voli di questo modello sono stati sospesi in tutto il mondo. «Il linguaggio utilizzato in queste comunicazioni non sono in linea con i valori della Boeing — spiega un comunicato della compagnia aerea — stiamo adottando le contromisure adeguate. Queste includeranno anche azioni disciplinari e di altro tipo una volta che le necessarie indagini saranno state completate». Da parte sua la Faa in un comunicato ha definito «deludenti» i messaggi ma ha spiegato che questi non rivelano «alcun rischio per la sicurezza che non fosse già stato identificato come parte delle continue attività di verifica delle modifiche proposte per l’aereo». La Faa ha inoltre spiegato che continuerà a concentrarsi «sul seguire un processo accurato per far ritornare in servizio il Boeing 737 Max».
10 gennaio 2020 (modifica il 10 gennaio 2020 | 16:55)


fonte: https://www.corriere.it/cronache/20_gen ... resh_ce-cp

[:296]



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.

download/file.php?id=4981
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4403
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: Re:
MessaggioInviato: 10/01/2020, 22:54 
sottovento ha scritto:
Nb: il Comunismo è imploso da solo, il Muro di Berlino non lo abbiamo certo abbattuto noi.

Immagine


Ah si? E tu sei esploso da solo o ti ha abbattuto la contraerea pleiadiana?



_________________
Immagine

Offtopic (fuori argomento)
Correte correte... che per pagare i mercanti e i loro camerieri dovrete rubare sempre di più, e attenti a non dimenticarvi la carta di credito a casa... che se vi rompete il muso per strada neppure il carroattrezzi viene più a prendervi.
Mi raccomando: Votate, umili e silenti.
.
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2096
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 11/01/2020, 00:44 
Il Boeing 737 Max "è stato progettato da pagliacci supervisionati da scimmie"
è scritto in una delle comunicazioni sull'aereo a terra da mesi dopo gli incidenti in Indonesia e in Etiopia.La compagnia ha replicato che le dichiarazioni dei dipendenti "sono inaccettabili".


https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/b ... 002a.shtml

"Questo aeroplano è stato progettato da clown che a loro volta sono controllati da scimmie" scrive nell'aprile del 2017 un dipendente

https://www.repubblica.it/economia/diri ... 245403942/

se non ci fossero stati tanti morti la notizia sarebbe da risata inesauribile (come in parte è)



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.

download/file.php?id=4981
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2014 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 131, 132, 133, 134, 135  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Oggi è 23/02/2020, 18:32
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org