Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3081 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 202, 203, 204, 205, 206  Prossimo
Autore Messaggio

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4748
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Bananas
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 21/11/2017, 19:54 
Non è questione di essere antiamericani... A me piacciono le Harley, suono una Fender e ascolto Elvis, ma non mi piace "l'impero" e quello che fanno per 'mantenerlo'.
In sostanza, gli Stati Uniti si sono allargati dopo l'implosione dell'Urss, ne hanno approfittato per allungare i tentacoli (anche "grazie" all'11/9).
Adesso che Russia e Cina reclamano spazio, gli Stati Uniti hanno 2 possibilità: si ritirano parzialmente e collaborano con i nuovi giocatori, o vanno allo scontro frontale.
Penso che Trump propenda per la prima ipotesi, ma voglia tenere un atteggiamento ambiguo perché "tiene famiglia", e chi comanda dietro le quinte si è visto che la pensa all'opposto rispetto a lui.

Quindi per come la vedo io, andremo avanti con questi tira e molla per un bel pezzo... A meno che qualche pazzo non accenda la miccia, allora a quel punto converrà cominciare a scavare un buco in cantina.



_________________
"And you run and you run to catch up with the sun, but it’s sinking,
racing around to come up behind you again.
The sun is the same in a relative way, but you’re older,
shorter of breath and one day closer to death."
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10345
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 21/11/2017, 21:05 
TheApologist ha scritto:
Non è questione di essere antiamericani... A me piacciono le Harley, suono una Fender e ascolto Elvis, ma non mi piace "l'impero" e quello che fanno per 'mantenerlo'.
In sostanza, gli Stati Uniti si sono allargati dopo l'implosione dell'Urss, ne hanno approfittato per allungare i tentacoli (anche "grazie" all'11/9).
Adesso che Russia e Cina reclamano spazio, gli Stati Uniti hanno 2 possibilità: si ritirano parzialmente e collaborano con i nuovi giocatori, o vanno allo scontro frontale.
Penso che Trump propenda per la prima ipotesi, ma voglia tenere un atteggiamento ambiguo perché "tiene famiglia", e chi comanda dietro le quinte si è visto che la pensa all'opposto rispetto a lui.

Quindi per come la vedo io, andremo avanti con questi tira e molla per un bel pezzo... A meno che qualche pazzo non accenda la miccia, allora a quel punto converrà cominciare a scavare un buco in cantina.

Sono parzialmente d'accordo per un motivo assai semplice: i contrappesi, cioè ciò che dicevo nel precedente post. Come hai potuto leggere condanno senza troppi problemi le politiche espansionistiche americane ma resto del parere che senza gli Usa molto probabilmente quell'espansionismo lo avrebbero messo in atto altri e magari oggi staremmo sotto a qualche altra bandiera e non so con quali conseguenze. Se infatti dopo la 2 guerra mondiale non fossero stati gli americani a stabilirsi qui al 99% lo avrebbero fatto i russi. Purtroppo e lo ribadisco purtroppo, l'Italia non è una superpotenza e non è un paese che in politica estera ha gli attributi, motivo per il quale dovrà sempre sottostare a qualcuno più grosso.

E' altresì vero che oramai sono passati anni senza una grossa guerra e le risorse iniziano a scarseggiare, ergo chi si imporrà oggi avrà la meglio anche in futuro e questo le superpotenze lo sanno bene per cui come giustamente dicevi o si andrà avanti coi tira e molla oppure prima o poi qualcuno schiaccerà un bottone rosso e si salvi chi può.


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45827
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 03/03/2018, 21:02 
I foreign fighter stanno tornando

Qualcuno, un po’ ingenuamente, aveva creduto che la caduta di Raqqa, Mosul e Deir Ezzor, fosse il segno della fine dello Stato islamico. In realtà le cose non sono state così semplici. Se è vero che la conclusione del Califfato come l’abbiamo conosciuto ha coinciso con la liberazione delle sue roccaforti, è anche vero che i miliziani guidati da al-Baghdadi non sono ancora stati sconfitti. Sacche di resistenza sono ancora presenti nelle zone desertiche della Siria e in altre aree del Paese. Un crollo che ha fatto tornare l’Isis alle sue origini, a quell’insorgenza locale che la generò nell’Iraq post-Saddam. Ma la fine dell’utopia jihadista ha comportato anche un’altra insidia, molto pericolosa per l’Europa. Quella dei foreign fighters di ritorno.

Un recente studio del think tank Soufan Center ha cercato di tracciare i miliziani che hanno fatto ritorno nei Paesi di origine dopo la sconfitta dell’Isis. In particolare ha provato di rispondere a due semplici domande: dei circa 40 mila combattenti confluiti in Siria e Iraq quanti sono rientrati? E dove sono andati? Lo studio ha “seguito” circa 5.600 persone scoprendo in quali paesi sono finiti combattenti e potenziali terroristi.

Per tutti i Paesi il loro rientro rappresenta una sfida di difficile soluzione. Molti sono stati incarcerati e finiti sotto processo mentre altri sono stati inseriti in programmi di riabilitazione e reinserimento. Ma si tratta di dispositivi che però non sono mai stati provati prima e dei quali non si conosce ancora l’esito. Al momento nessuno dei combattenti rientrati è stato coinvolto direttamente in attacchi o episodi di violenza, ma la loro presenza in contesti sensibili, pensiamo ad esempio a una banlieue francese, potrebbe influenzare diversi giovani spingendoli alla radicalizzazione.

Immagine

Una sfida alla sicurezza per Tunisia, Arabia e Turchia

I paesi che in questo senso si troveranno ad affrontare l’insidia più pericolosa sono sicuramente Turchia, Arabia Saudita e Tunisia. Ankara ha visto partire per la vicina Siria circa 1.500 persone e ne ha viste rientrare poco più di 900. Allo stesso modo Riad dovrà trovare un modo di gestire 760 combattenti sugli oltre 3.200 partiti. Non va meglio alla Tunisia. Il Paese è in una situazione di forte fragilità dopo le rivolte del 2011 e gli 800 jihadisti rientrati potrebbero contribuire a una nuova destabilizzazione.

Non va meglio ad alcuni Paesi europei già colpiti dal terrorismo tra il 2015 e 2017. La Russia, uno dei bacini più grandi per i foreign fighters (3.400 quelli partiti) ha visto rientrare 400 persone; il Regno Unito che ha ripresi 400 su 850 e la Francia 271 su 1.900. Numeri molto più bassi per gli Stati Uniti e il Canada. Ottawa ha visto partire 180 combattenti e di questi ne sono rientrati circa una sessantina. Dagli Usa sono invece andate via circa 130 persone e di queste quelle rientrate sono una decina. Secondo il Soufan Center quelli che hanno rimesso piede sul suolo americano sono sette, ma un recente studio della George Washington University ha individuato circa 12 “returnees”, di questi nove sono finiti in manette per terrorismo, mentre altri tre non sono stati incriminati. La ricerca ha mostrato come in generale l’approccio principale di trattare i combattenti di ritorno sia stato quello di delegare la loro gestione al sistema giudiziario e penitenziale.

Immagine

Cinque categorie per classificare i combattenti

La soluzione però è tutt’altro che a portata di mano. Come hanno più volte sottolineato gli esperti, la questione posta dai combattenti di ritorno è molto complessa. In primo luogo bisogna ricordare che molti degli attentati che hanno colpito l’occidente durante tra il 2014 e 2016 sono stati compiuti da simpatizzanti o persone che non erano riuscite a raggiungere la Siria: terroristi domestici che avevano seguito le indicazioni del portavoce del califfato Abu Muhammad al-Adnani di attaccare con qualsiasi mezzo gli “infedeli”. In secondo luogo va tenuto presente che l’obiettivo primario di chi viaggiava verso Siria e Iraq non era compiere attentati nei Paesi d’origine ma raggiungere l’utopia sanguinaria di al-Baghdadi. A questo punto l’insidia più grande è rappresentata proprio da come verranno gestiti. Se dovessero ritrovarsi nelle stesse condizioni sociali che ne avevano prodotto la partenza potrebbero ricadere nelle stesse reti di reclutamento jihadista che però nel frattempo sono mutate, ritornate a forme terroristiche più tradizionali. Il Soufan Center ha individuato almeno cinque diverse categorie di returnees:

Quelli che sono rientrati presto o dopo una breve permanenza: si tratta dei combattenti che hanno lasciato il Califfato prima che iniziasse a perdere terreno e che non hanno sviluppato particolare attaccamento nei suoi confronti;

Quelli rientrati dopo, ma disillusi: sono i combattenti che hanno lasciato l’Isis quanto il gruppo ha assunto comportamenti sempre più violenti e brutali e quando sono emerse dei disaccordi sulla dottrina da seguire. In questo caso molti di loro potrebbero ancora condividere il sogno di uno Stato islamico ideale e potrebbero legarsi a nuovi emiri del terrore;

Quelli che non hanno avuto scrupoli nell’attirare le tattiche dell’Isis: i combattenti di questa categoria si sarebbero abituati alla brutalità del gruppo al punto da essere pronti a nuove battaglie come dimostrano i trasferimenti verso la Filippine, nel Sinai e in Afghanistan;

Quelli costretti a lasciare il Califfato o catturati: di questo fanno parte i miliziani arresi durante l’avanzata dell’esercito iracheno e curdo e coloro che in accordo con i vertici del gruppo hanno intrapreso la via della clandestinità per compiere attentati, soprattutto in Siria e Iraq.

Quelli spediti a combattere in altri scenari: è una delle categorie più subdole. Si tratta di combattenti che sono stati preparati alle fasi successive della caduta. Un modello molto simile alle cellule create per compiere attacchi fuori dai confini come i commando che hanno attaccato Parigi o Bruxelles. Il rapporto del Soufan spiega però che solo pochi di loro farebbero parte di cellule attive.


Immagine

Che il tema resti delicato viene dimostrato anche dal fatto che non tutti i Paesi sono concordi nel modo di gestire queste persone. Un esempio su tutti è il caso dei terroristi britannici noti come i Beatles, un gruppo di quattro tagliagole di origine britannica del quale faceva parte anche Jihadi John. Gli ultimi due membri del commando sono stati recentemente catturati in Siria dalle forze della colazione a guida americana. Responsabili di esecuzioni come i giornalisti americani James Foley and Steven Sotloff, hanno causato una frattura tra Londra e Washington. Secondo la diplomazia statunitense i due, El Shafee Elsheikh and Alexanda Kotey, dovrebbero rientrare in Inghilterra ed essere messi sotto processo. Di diverso avviso invece il ministro della difesa britannico Gavin Williamson che ha detto ai giornali del Regno Unito che i due hanno voltato le spalle al Regno e che non devono più mettere piede nel Paese.
Il caso dell’Italia

La recente “Relazione sulla politica dell’informazione per la sicurezza” degli 007 italiani ha messo in luce che nel 2017 in Italia “non si sono registrate nuove partenze in direzione del teatro siro-iracheno e che gli ulteriori casi di foreign fighters a vario titolo collegati con l’Italia nel contempo emersi sono da riferire per lo più a trasferimenti verso il campo di battaglia verificatisi in anni precedenti”. Il rapporto però non ha dedicato molto spazio ai combattenti rientrati, ma ha messo in luce i rischi collegati agli “estremisti homegrown, mossi da motivazioni e spinte autonome o pilotati da ‘registi del terrore'”. Una tendenza che ormai è diventata quasi un’ossessione.

http://www.occhidellaguerra.it/la-marea ... -dorigine/



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1090
Iscritto il: 21/10/2015, 22:46
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 03/03/2018, 22:37 
Ufologo,i tuoi dati protrebbero anche essere corretti,ma dimentichi una cosa fondamentale:fino a un paio d'anni fa erano definiti ribelli moderati.....ergo:uccidevano con moderazione,bombardavano con moderazione,riempivano di cadaveri fosse comuni con moderazione e mangiavano gli organi interni dei soldati siriani:con moderazione,ovviamente.


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45827
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 04/03/2018, 13:58 
... Certo; e ringaraziamo Obama e la sua segretaria ...! [8D]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1090
Iscritto il: 21/10/2015, 22:46
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 04/03/2018, 16:25 
Cosa vorresti dire?Non l'ho capita.


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45827
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 04/03/2018, 19:31 
L'ISIS: roba di Obama & Hillary ... (Sfuggita poi di mano)



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 8132
Iscritto il: 24/01/2011, 14:04
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 13/03/2019, 18:50 
Ufologo 555 ha scritto:
L'ISIS: roba di Obama & Hillary ... (Sfuggita poi di mano)


I successori non e' che hanno rimediato.

Anzi ne hanno fatto buon uso.


Per visualizzare questo messaggio devi registrarti e eseguire l’accesso al forum.



_________________
"Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione" - Jean Kerr

"People willing to trade their freedom for temporary security deserve neither and will lose both" - Benjamin Franklin
"Chi e' disposto a dar via le proprie liberta' fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non otterra' né la liberta' ne' la sicurezza ma le perdera' entrambe" - Benjamin Franklin

"Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni" - Emil Cioran

"Quanto piu' una persona e' intelligente, tanto meno diffida dell'assurdo" - Joseph Conrad

"Guardati dalla maggioranza. Se tante persone seguono qualcosa, potrebbe essere una prova sufficiente che è una cosa sbagliata. La verità accade agli individui, non alle masse." – Osho

Immagine
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4748
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Bananas
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 20/03/2019, 00:22 
ASCOLTARE CON MOLTA ATTENZIONE [^]
Che poi si capiscono molte cose... Per chi vuole capire.
Guarda su youtube.com



_________________
"And you run and you run to catch up with the sun, but it’s sinking,
racing around to come up behind you again.
The sun is the same in a relative way, but you’re older,
shorter of breath and one day closer to death."
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11009
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 20/03/2019, 10:37 
TheApologist ha scritto:
ASCOLTARE CON MOLTA ATTENZIONE [^]
Che poi si capiscono molte cose... Per chi vuole capire.
Guarda su youtube.com


E te pareva che non indicasse il Comunismo Trosckista della Russia come origine dell'ISIS. [:302]

D'accordo però su tutto il resto. [:264]


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 45827
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 20/03/2019, 10:44 
..Ti suona male perché non parla degli ... USA?! [:291]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11009
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 20/03/2019, 10:57 
Ufologo 555 ha scritto:
..Ti suona male perché non parla degli ... USA?! [:291]


Il Prete non poteva accusare solo gli Anglo-Americani!, doveva compensare! lo sappiamo tutti che Loro sono stati da sempre contro l'ideologia Comunista! e acccumunare l'ISIS con Comunismo per loro è stato "prendere due piccioni con una fava" fino a "ieri" sono stati filo-Monarchici,poi filo-Fascisti, poi sono saliti al potere in Italia con il loro Partito DC, salgono sempre sul "carro" del vincitore. Ora si sono accordi che il vero loro e nostro nemico sono gli Anglo-Americani e gli Ebrei. [:D]


Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4748
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Bananas
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 20/03/2019, 11:07 
bleffort ha scritto:

E te pareva che non indicasse il Comunismo Trosckista della Russia come origine dell'ISIS. [:302]

D'accordo però su tutto il resto. [:264]

Ma lui lo indica come un esempio, per dire che i metodi sono quelli. Il trozkismo è l'internazionalismo di sinistra che va tanto di moda oggi, e che produce solo mer...
Sull'america non c'è tanto da dire, loro sono anglosassoni con la loro mentalità, noi abbiamo un altra cultura e un'altra Storia, siamo come l'acqua e l'olio, anche se si vuole pensare il contrario.

Comunque tanto di cappello a questo teologo... Ci vorrebbero più preti così e meno pseudo-fricchettoni con la chitarra in mano che parlano solo di pace amore e solidarietà (col culo degli altri) :D



_________________
"And you run and you run to catch up with the sun, but it’s sinking,
racing around to come up behind you again.
The sun is the same in a relative way, but you’re older,
shorter of breath and one day closer to death."
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2061
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 20/03/2019, 11:33 
TheApologist ha scritto:
Non è questione di essere antiamericani... A me piacciono le Harley, suono una Fender e ascolto Elvis, ma non mi piace "l'impero" e quello che fanno per 'mantenerlo'.
In sostanza, gli Stati Uniti si sono allargati dopo l'implosione dell'Urss, ne hanno approfittato per allungare i tentacoli (anche "grazie" all'11/9).
Adesso che Russia e Cina reclamano spazio, gli Stati Uniti hanno 2 possibilità: si ritirano parzialmente e collaborano con i nuovi giocatori, o vanno allo scontro frontale.
Penso che Trump propenda per la prima ipotesi, ma voglia tenere un atteggiamento ambiguo perché "tiene famiglia", e chi comanda dietro le quinte si è visto che la pensa all'opposto rispetto a lui.

Quindi per come la vedo io, andremo avanti con questi tira e molla per un bel pezzo... A meno che qualche pazzo non accenda la miccia, allora a quel punto converrà cominciare a scavare un buco in cantina.


Il cruccio degli USA è perdere il primato di "number one", questo dovuto alla follia di Sion che pretende di sfondare la muraglia orientale per spartirsi così la Terra dalle tre posi-zioni; il socialismo è la "bestia rossa" dell'intoppo finale, poco drogabile dai soldi.
Gli Americani faranno la fine della rana di Esopo, perchè la loro potenza è satanica, in Asia i fantocci di Sion è difficile piazzarli, e ammesso che ci riesca gli Asiatici sono per genetica refrattari a fargli da "pecorelle da macello" come fanno gl'idioti occidentali.

L'anticristianesimo occidentale è alla frutta, se Sion non riesce con le sue finte buone si tolglierà la maschera prima che il gap arms si azzeri, sono talmente vigliacchi che non amano battersi alla pari, USAno i cannoni contro le frecce, il marchio dell'infamia.

sottovento ha scritto:
Sono parzialmente d'accordo per un motivo assai semplice: i contrappesi, cioè ciò che dicevo nel precedente post. Come hai potuto leggere condanno senza troppi problemi le politiche espansionistiche americane ma resto del parere che senza gli Usa molto probabilmente quell'espansionismo lo avrebbero messo in atto altri e magari oggi staremmo sotto a qualche altra bandiera e non so con quali conseguenze. Se infatti dopo la 2 guerra mondiale non fossero stati gli americani a stabilirsi qui al 99% lo avrebbero fatto i russi. Purtroppo e lo ribadisco purtroppo, l'Italia non è una superpotenza e non è un paese che in politica estera ha gli attributi, motivo per il quale dovrà sempre sottostare a qualcuno più grosso.


https://it.wikipedia.org/wiki/Patto_di_Varsavia

Nota che il blocco dell'Est si formò 10 anni dopo l'invasione europea da parte di USion, e non viceversa, pertanto se non ci fossse stato gli americhini sarebbero già a Mosca, e quello di ritirare i missili da Cuba fu solo un copione, direi un errore imperdonabile.

sottovento ha scritto:
E' altresì vero che oramai sono passati anni senza una grossa guerra e le risorse iniziano a scarseggiare, ergo chi si imporrà oggi avrà la meglio anche in futuro e questo le superpotenze lo sanno bene per cui come giustamente dicevi o si andrà avanti coi tira e molla oppure prima o poi qualcuno schiaccerà un bottone rosso e si salvi chi può.


Questi emeriti idioti scientifici stanno già affidando ai robots compiti militari chiave, mentre i codici di lancio e di detonazione sono affidati ai computers. Ti dice nulla?
Stavolta potrebbe anche non esserci una crisi economica, ma accadere tutto senza preavviso, e sarebbe una fine meritata.



_________________
Cos'è un'illusione?

E' la favola a cui ti piace credere.


Immagine

E cos'è un OGM idiota?

E' una protoscimmia che corre verso il futuro, facendo a gara per addobbarsi di tecnologia sistemica.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11009
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: ISIS: pronto il nuovo spauracchio per l'Occidente
MessaggioInviato: 20/03/2019, 11:35 
TheApologist ha scritto:
bleffort ha scritto:

E te pareva che non indicasse il Comunismo Trosckista della Russia come origine dell'ISIS. [:302]

D'accordo però su tutto il resto. [:264]

Ma lui lo indica come un esempio, per dire che i metodi sono quelli. Il trozkismo è l'internazionalismo di sinistra che va tanto di moda oggi, e che produce solo mer...
Sull'america non c'è tanto da dire, loro sono anglosassoni con la loro mentalità, noi abbiamo un altra cultura e un'altra Storia, siamo come l'acqua e l'olio, anche se si vuole pensare il contrario.

Comunque tanto di cappello a questo teologo... Ci vorrebbero più preti così e meno pseudo-fricchettoni con la chitarra in mano che parlano solo di pace amore e solidarietà (col culo degli altri) :D


Nella storia tutti hanno cercato di espandere la loro ideologia politica-religiosa-culturale, neanche l'ideologia Comunista si è sottratta alla volontà di espandere il suo pensiero, maggiormente perchè proprio per essere la cultura per eccellenza della Socialità e dell'Uguaglianza si voleva cambiare il mondo percosso da guerre, disuguaglianze economiche,di classe e di etnia.
Il Comunimo non ha mai prospettato invasioni di popoli o di migrazioni di massa,proprio per il fatto che ogni popolo doveva diventare libero e autodeterminante come tutti gli altri senza che avesse il bisogno di spostarsi in massa per sopravivere. [:305]


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3081 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 202, 203, 204, 205, 206  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 19/05/2019, 09:22
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org