Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 23
Iscritto il: 06/03/2015, 16:25
 Oggetto del messaggio: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 21/04/2015, 21:56 
Su suggerimento di Atlanticus81, apro un thread per parlare della tredicesima costellazione.



Ofiuco (in latino Ophiūchus, "colui che porta il serpente" o "colui che domina il serpente"; Ὀφιοῦχος, Ofiôuchos in greco), detta anche Serpentario in lingua italiana, appartiene alle 88 costellazioni ufficiali studiate in astronomia. Il Sole attraversa la costellazione di Ofiuco dal 30 novembre al 17 dicembre, lungo un percorso chiamato in astronomia con il termine di eclittica.

Da un punto di vista astronomico, Ofiuco venne citato per la prima volta da Tolomeo, bibliotecario di Alessandria d’Egitto, che pubblicò nel 140 d.C. il libro “Mathematiké syntaxis” (trasformato poi nel medioevo in “Almagesto”), nel quale riuscì a catalogare 48 costellazioni.

A livello mitologico, è collegato a due differenti storie:

1. La prima lo vede come Asclepio (o Esculapio), il figlio di Apollo (dio del Sole) che affidò il figlio al centauro Chirone per apprendere l'arte della medicina.
Avendo contravvenuto al divieto di risuscitare i morti, fu fulminato da Zeus a malincuore, tanto che decise di elevarlo in cielo a rango celeste, insieme al serpente.
Asclepio veniva raffigurato con: un serpente, un bastone, una pergamena e dei papaveri. La leggenda narra, infatti, che un serpente gli dette un'erba magica in grado di risuscitare i morti. La moglie di Asclepio si chiamava Salute.

Altre informazioni collegate al mito:

- nel bacino del Mediterraneo esistevano dei santuari-sanatori posti sotto la protezione del dio.

- le Asclepiee, dette Epidaurie, erano feste celebrate in Atene in colleganza con i misteri eleusini il 17 o 18 Boedromione, a ricordo dell'introduzione di Asclepio da Epidauro nell'Eleusinion

- alcuni riportano che il gallo era l'animale sacrificato in onore del dio, in quanto simbolo del nuovo giorno che risorge (= resurrezione). Famosa è l'ultima frase che Socrate disse prima di morire: "O Critone, noi siamo debitori di un gallo ad Asclepio: dateglielo e non dimenticatevene!"

2. La seconda, lo vede associato ad Enkidu, amico di Gilgamesh (mitologia sumera, appartenente all'epopea di Gilgamesh).

Una parte della costellazione di Ofiuco (il "piede", la parte meridionale) rientra nel percorso dell'eclittica solare.
Per questo motivo, a livello astrologico, fu riportata in auge (con scarso successo, tranne in Giappone, dove il loro zodiaco già contemplava la figura del Serpente) da Walter Berg, nel 1995.
Lo stesso Walter Berg, cambiò il simbolo di Ofiuco, proponendone una nuova versione; ad oggi non si trovano sul web informazioni che giustifichino il suo cambiamento (e la spiegazione del simbolo utilizzato).

I due simboli di Ofiuco (il primo, classico, legato al caduceo e il secondo introdotto da Berg):


Immagine

Immagine


Quest'immagine a quanto pare appartiene alla facciata di un ospedale.
Ofiuco rappresenta l'immortalità?

Immagine


Nel cartone animato "I cavalieri dello zodiaco", Ofiuco è il cavaliere d'oro maledetto, portatore di sciagura.
Sempre nello stesso cartone, in altre serie, Ofiuco è una donna, detta Tisifone (o Shaina), ed è un cavaliere d'argento.

- - - - - - - - - - - - -


La questione numerologica.

Attraverso l'introduzione di Ofiuco, le costellazioni dello zodiaco da 12 diventerebbero 13.
Il 12 è un numero molto importante in molti miti, leggende e religioni; all'interno di questo discorso, il 13 sembrerebbe un numero maledetto.


Vediamo perché:

Cristianesimo:

Giuda Iscariota, noto come il traditore di Gesù, è stato eliminato dagli apostoli, i quali rimasero 11.
Da wikipedia:
Nei giorni seguenti l'ascensione di Gesù Cristo, l'apostolo Pietro propose all'assemblea dei fratelli, il cui numero era di centoventi, di scegliere uno tra loro per prendere il posto del traditore Giuda Iscariota nel collegio apostolico. Furono indicati due discepoli, Giuseppe, chiamato Barsaba, e Mattia, e fu fatto il sorteggio, col risultato in favore di Mattia, che pertanto venne associato agli undici apostoli.

Mattia,
secondo il libro degli Atti degli Apostoli 1,21-22 fu uno dei settanta discepoli di Gesù


Come si creerebbe il 13:

- facendo rientrare Giuda Iscariota tra i 12 apostoli
- considerando la figura di Cristo, senza Giuda Iscariota
- considerando la figura di Cristo, facendo rientrare Giuda Iscariota tra i 11 apostoli eliminando Mattia, nominato da Pietro dopo l'Ascensione (e non da Gesù stesso)


Dal 25 dicembre al 6 gennaio, contando le estremità, abbiamo 13 giorni; alcuni esoteristi parlano di 12 notti sante, altri di 13 (es: Rudolf Steiner).


Ebraismo:

12 è il numero delle tribù d'Israele, escludendo quella di Levi, considerata stirpe santa, che farebbero 13


Ghematria (numerologia ebraica)

Il 13 è considerato il numero dell'Unità e dell'Amore.


Leggenda arturiana:

I 12 cavalieri della tavola rotonda, sarebbero stati 13 se non fosse stato per il tradimento di Mordred


Mitologia norrena

Loki (subdolo, traditore e malvagio) era il tredicesimo dio.


Musica:

Nel sistema musicale occidentale l'ottava è divisa in 12 semitoni ma nella scala cromatica l'intervallo di un' ottava è di 13 note, contando le estremità.


Misura del tempo:

L'anno solare contiene 12 mesi, ma 13 lunazioni una volta ogni 3-5 anni .
Inoltre: 13 lune di 28 giorni = 13 x 28 = 364, molto vicino all'anno solare di 365 giorni.


Lavoro dipendente:

Ogni mese un lavoratore percepisce uno stipendio, in linea con i 12 mesi dell'anno; a Dicembre, però, alcuni prendono la 13esima (e il Sole attraversa la costellazione di Ofiuco dal 30 novembre al 17 dicembre).


Tarocchi:

L'arcano maggiore XIII corrisponde alla Morte. E' bene ricordare che nei tarocchi l'arcano al diritto non necessariamente significa morte fisica, bensì trasformazione, rinascita.


Alberghi/numeri civici

Il numero 13 è spesso sostituito con il 12a per superstizione.
Esiste una vera e propria fobia culturale del numero 13 chiamata Triscaidecafobia.


Matematica:

Il 13 è un numero primo, appartenente alla successione di Fibonacci.


Film da approfondire:

Il tredicesimo piano (alla fine del film, non si capisce cosa c'entri il numero 13)

Il tredicesimo invitato, vecchio film del 1932, con Ginger Rogers


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


Proseguo poi su questo post appena posso, spiegando delle ipotesi di implicazioni tra il tredicesimo segno e la cosmogonia di Walter Russell…purtroppo non ho delle solide basi scientifiche...chissà di trovare qualche esperto nel forum che mi dia un suo parere :wink:


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 15856
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 21/04/2015, 22:17 
Cita:
1. La prima lo vede come Asclepio (o Esculapio), il figlio di Apollo (dio del Sole) che affidò il figlio al centauro Chirone per apprendere l'arte della medicina.


[:291]



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 21/04/2015, 23:33 
MaxpoweR ha scritto:
Cita:
1. La prima lo vede come Asclepio (o Esculapio), il figlio di Apollo (dio del Sole) che affidò il figlio al centauro Chirone per apprendere l'arte della medicina.


[:291]


Dettaglio che ha colpito anche me moltissimo...



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 15856
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 21/04/2015, 23:44 
Chirone (in greco Χείρων) personaggio della mitologia greca era un centauro.
Nacque da Filira (cioè tiglio in greco, pianta dai poteri calmanti), figlia di Oceano, e dal Titano Crono, che per sedurla si trasformò in cavallo. Ciò spiega la sua immortalità ed il fatto che avesse appunto l'aspetto di un centauro, metà uomo e metà cavallo. Considerato il più saggio e benevolo dei centauri, esperto nelle arti, nelle scienze ed in medicina ebbe per allievi numerosi eroi: Aiace, Achille, Aristeo, Asclepio, Atteone, Ceneo, Enea, Eracle, Fenice, Giasone, Oileo, Palamede, Peleo, Telamone, Teseo, e, secondo alcune leggende, anche Dioniso. Era padre di Ociroe, nata dall'unione con la ninfa Cariclo, e visse sul monte Pelion.


Chirone nella Mitologia

Chirone, in quanto medico, fu chiamato a curare Achille quando quest'ultimo, a seguito delle magie praticate da sua madre Teti per renderlo immortale, ebbe la caviglia ustionata. Chirone gliela sostituì con quella di un Gigante morto, Damiso, particolarmente dotato nella corsa (ciò avrebbe reso Achille piè veloce).

Fine di Chirone
Essendo Eracle venuto a contrasto con i Centauri ne uccise alcuni ed i superstiti si rifugiarono presso la grotta dove viveva Chirone, che peraltro era amico dell'eroe. Nel corso della battaglia una freccia, scagliata da Eracle, colpì al ginocchio Chirone. Questa ferita, causata da una freccia avvelenata, non poteva guarire ma nemmeno poteva portare a morte Chirone, nato immortale, così che essa gli causava indicibili sofferenze che lo portarono alla disperazione.

Desiderando la morte, Chirone riuscì ad ottenerla scambiando la sua immortalità con Prometeo che era diventato mortale per i suoi contrasti con Zeus. Il padre degli Dei, al quale il centauro era particolarmente caro, lo volle comunque vicino a sé nel cielo, dando origine alla costellazione del Centauro.

Caratteristiche
A differenza degli altri centauri, che come i satiri erano ignoranti e dediti alla violenza, Chirone si distingueva per la grande bontà d'animo, per la saggezza, per la conoscenza delle scienze, in particolare quella medica. Fu pertanto considerato il capostipite di quella scienza in quanto maestro di colui che la mitologia greca considerava il dio della medicina Asclepio.

Chirone è anche considerato precursore della scienza erboristica, in quanto lo storico tedesco Giustino Febrònio (pseudonimo di Johann Nikolaus von Hontheim) racconta che egli aveva, nel territorio di Collepardo, il suo "Orto del Centauro".

Letteratura
Chirone viene citato nella Divina Commedia (canto XII dell'Inferno) di Dante Alighieri.

Anche Niccolò Machiavelli menziona la figura di Chirone ne "Il principe". Ne sottolinea la natura al contempo umana e bestiale, sostenendo che il buon principe debba fare affidamento su entrambi questi aspetti della personalità umana, nessuno dei quali è di per se sufficiente.



Peccato che non si faccia menzione di come il centauro abbia appreso queste arti...


Il logo di una clinica...

Immagine


Immagine

Ma il centauro non ha il corpo di cavallo ed il busto umano? questo sembra un uomo con attaccato un mezzo cavalllo dietro, o al limite un uomo con dietro in prospettiva un cavallo... boh



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 48
Iscritto il: 27/06/2009, 14:30
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 22/04/2015, 08:46 
Anche se l'astrologia mi interessa molto purtroppo non ne so molto, per cui chiedo a voi...

Enfasy ha scritto:
Il Sole attraversa la costellazione di Ofiuco dal 30 novembre al 17 dicembre


Questo significa che chi nasce in quel periodo è del segno dell'Ofiuco?


Top
 Profilo  
 

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 23
Iscritto il: 06/03/2015, 16:25
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 22/04/2015, 10:44 
Fuoco e fiamme ha scritto:
Anche se l'astrologia mi interessa molto purtroppo non ne so molto, per cui chiedo a voi...

Enfasy ha scritto:
Il Sole attraversa la costellazione di Ofiuco dal 30 novembre al 17 dicembre


Questo significa che chi nasce in quel periodo è del segno dell'Ofiuco?



Teoricamente sì, se l'astrologo utilizza lo zodiaco astronomico.
Per la quasi totalità degli astrologi, Ofiuco è escluso dai segni zodiacali, rimanendo soltanto una costellazione astronomica.


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 22/04/2015, 11:53 
Enfasy ha scritto:
La questione numerologica.

Attraverso l'introduzione di Ofiuco, le costellazioni dello zodiaco da 12 diventerebbero 13.
Il 12 è un numero molto importante in molti miti, leggende e religioni; all'interno di questo discorso, il 13 sembrerebbe un numero maledetto.


Vediamo perché:

Cristianesimo:

Giuda Iscariota, noto come il traditore di Gesù, è stato eliminato dagli apostoli, i quali rimasero 11.
Da wikipedia:
Nei giorni seguenti l'ascensione di Gesù Cristo, l'apostolo Pietro propose all'assemblea dei fratelli, il cui numero era di centoventi, di scegliere uno tra loro per prendere il posto del traditore Giuda Iscariota nel collegio apostolico. Furono indicati due discepoli, Giuseppe, chiamato Barsaba, e Mattia, e fu fatto il sorteggio, col risultato in favore di Mattia, che pertanto venne associato agli undici apostoli.

Mattia,
secondo il libro degli Atti degli Apostoli 1,21-22 fu uno dei settanta discepoli di Gesù


Come si creerebbe il 13:

- facendo rientrare Giuda Iscariota tra i 12 apostoli
- considerando la figura di Cristo, senza Giuda Iscariota
- considerando la figura di Cristo, facendo rientrare Giuda Iscariota tra i 11 apostoli eliminando Mattia, nominato da Pietro dopo l'Ascensione (e non da Gesù stesso)


Dal 25 dicembre al 6 gennaio, contando le estremità, abbiamo 13 giorni; alcuni esoteristi parlano di 12 notti sante, altri di 13 (es: Rudolf Steiner).


Ebraismo:

12 è il numero delle tribù d'Israele, escludendo quella di Levi, considerata stirpe santa, che farebbero 13


Ghematria (numerologia ebraica)

Il 13 è considerato il numero dell'Unità e dell'Amore.


Leggenda arturiana:

I 12 cavalieri della tavola rotonda, sarebbero stati 13 se non fosse stato per il tradimento di Mordred


Mitologia norrena

Loki (subdolo, traditore e malvagio) era il tredicesimo dio.



Facendo riferimento alla questione numerologica osserviamo come nella mitologia e nelle religioni sia costante il riferimento alla locuzione 12+1 come se queste fossero richiami di una trasposizione dell'atavico culto astronomico-solare antidiluviano includente 13 periodi di cui uno, quello appunto dell'ofiuco, sottoposto a una forma di "damnatio memoriae" a posteriori.

Un culto astronomico-solare talmente radicato nel nostro inconscio collettivo da venire applicato anche in talune strutture sociali storiche come appunto le 12 tribù di Israele + quella "santa" dei leviti (santa perché poteva vantare una discendenza diretta dagli "Antichi Dei"?!) o, in tempi più recenti e più vicini a noi "I dodici" era il nome di antiche magistrature locali italiane, composte appunto di dodici persone. Ad esempio "i dodici del popolo" di Pisa nei secoli 13º-14º, "i dodici" di Siena nel secolo 14º, "i dodici procuratori" di Firenze durati dal 1480 al 1494, "il collegio dei dodici" di Venezia durato dal 1548 al 1780..

Nella religione nuragica della Sardegna della fine dell'età del bronzo, religione molto vicina a quella cananea delle origini, il 12 era un numero assai frequente per esprimere il disco o la luce solare di YHWH. Lo attestano ormai numerosi documenti sardi rinvenuti a far data dal 1995, anno in cui furono rinvenute le ormai famose tavolette bronzee di Tzricotu di Cabras. Il numero era spesso affiancato dal numero 'tre', ovvero dal segno commentatore (hē) e dal sette con il significato di 'Santo'.

La stessa bandiera dell'Unione Europea raffigura dodici stelle dorate disposte in cerchio su campo blu. Il loro numero è assunto a simbolo di completezza: «come i dodici segni dello zodiaco rappresentano l'intero universo, le dodici stelle d'oro rappresentano tutti i popoli d'Europa». Il numero 12 è stato scelto, inoltre, perché tradizionalmente associato anche alla perfezione ed all'unità.

Immagine

Dodici sono anche gli dei dell'Olimpo del pantheon della Grecia classica... escludendo ADE, dio degli inferi, (ecco di nuovo il "12+1")

http://it.wikipedia.org/wiki/Olimpi

Potremmo interrogarci sul perché della "damnatio memoriae" subita dall'Ofiuco...

[:291]

12 volendo guardare sono anche i mesi dell'anno... anche se sappiamo che ogni 4 anni va aggiunto un giorno per allinearci all'anno solare... Il che significa che, in modo inconsapevole, ogni 4 anni andiamo a formare una frazione di un invisibile 13° mese...

[;)]



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 23
Iscritto il: 06/03/2015, 16:25
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 22/04/2015, 12:02 
da Wikipedia:

La bandiera statunitense consiste di 13 strisce orizzontali rosse e bianche alternate (la prima dall'alto è rossa). Nel quadrante superiore (sul lato dell'asta) è presente un rettangolo blu con 50 piccole stelle bianche a cinque punte, disposte su nove file da sei o cinque stelle che si alternano (la prima è da sei). Le 50 stelle rappresentano i 50 Stati federati degli Stati Uniti e le 13 strisce rappresentano le tredici colonie originarie.

(...)

La bandiera originale aveva 13 stelle e man mano che altri stati si aggiungevano all'Unione, sono state aggiunte altre stelle, ma le strisce sono rimaste sempre 13.

(...)Tredici Colonie sono quelle che formarono il primo nucleo degli USA a seguito della rivoluzione americana che proclamarono la loro indipendenza il 4 luglio 1776, ancora oggi solennemente festeggiato dagli statunitensi come Giorno dell'Indipendenza.



Immagine


e che dire delle 13 famiglie che governano il mondo? Perché proprio 13?

http://frontediliberazionedaibanchieri.it/article-le-13-famiglie-che-comandano-il-mondo-119481956.html


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 22/04/2015, 12:07 
Quindi gli Stati Uniti, incarnando il numero 13 corrisponderebbero all'ofiuco?!

[:D]

La tribù "santa" dei Leviti oltreoceano!

[:p]

Ma nell'ottica dei nostri Player dove possiamo collocare questo "ofiuco"? Per capirlo secondo me dovremmo tornare a interrogarci sulle motivazioni presunte della "damnatio memoriae" a cui sembra essere stato sottoposto il ruolo dell'ofiuco nel contesto astronomico-solare post-diluviano a cui le religioni e di conseguenza le strutture sociali dipendenti fanno riferimento.



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 23
Iscritto il: 06/03/2015, 16:25
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 22/04/2015, 13:04 
Dal libro "I numeri del segreto" di Nadav Crivelli:

Nella forma più semplice, il calcolo della Ghematria di una determinata parola ebraica consiste nella somma di tutti i numeri-valori posseduti dalle lettere.
Ad esempio, la parola ECHAD significa UNO, ma anche TREDICI

(Alef-Cheit-Dalet) ha un valore di 1+8+4=13
In altre parole, la Ghematria di ECHAD è tredici.
Secondo la maggioranza dei rabbini e dei maestri che interpretano la Torà, il numero 13 viene così a possedere una qualità che rispecchia, in una certa misura, i concetti contenuti nella parola UNO.
Un primo esempio a conferma di ciò lo si trova nel fatto che il numero totale delle tribù d'Israele, che di solito viene ritenuto dodici, è in realtà tredici, e che tale numero è il simbolo migliore dell'unità fondamentale che le sottende. Infatti, pur essendo i figli di Giacobbe dodici, Giuseppe, diventato il primogenito spirituale, merita una parte doppia di eredità rispetto ai fratelli, che divise poi tra i suoi due figli: Efraim e Menasse, ognuno dei quali divenne capostipite di una tribù separata.
La tribù di Levi non viene di solito inclusa nel computo delle dodici tribù, in quanto è "santa", che in ebraico significa "separata, messa a parte". L'ordine con cui le tribù si accampavano durante i quarant'anni del loro pellegrinaggio nel deserto del Sinai era il seguente: le dodici tribù si disponevano lungo i quattro lati dell'accampamento, tre per ogni lato. Al centro si disponeva la tribù di Levi, intorno al Tabernacolo, il luogo ove veniva conservata la Torà che Moshè aveva portato con sé dal Sinai. La tredicesima tribù, quella di Levi, diventa così il simbolo del centro che unifica tutto il perimetro, il luogo dov'è contenuta la forza centripeta che tiene insieme tutti i vari elementi costituenti il perimetro. Ecco perché il numero tredici è il simbolo dell'unità.
L'uso più frequente della Ghematria consiste nel porre in relazione parole che posseggono un identico valore numerico. Si scopre che, sovente, esse condividono un significato comune, o mostrano aspetti diversi della medesima realtà.
Per continuare l'esempio precedente, 13 è anche il valore numerico (Ghematria) di AHAVAH (alef-Hey-Beit-Hey) = AMORE
Confrontando il concetto espresso dalla parola UNO e quello espresso da AMORE si deduce immediatamente che la vera unità è frutto dell'amore, in quanto forza determinante che permette l'unificazione di ogni esistenza separata.



Il discorso del centro mi riporta alla mente la teoria dei Vortex di Walter Russell:

Vortex visto dall'alto
Immagine

Vortex visto frontalmente (più o meno)
Immagine

E le teorie dell'universo toroidale:

Una delle caratteristiche fondamentali del toroide è quella che esso ha, al suo centro, una singolarità, un punto di immobilità e di bilanciamento. Questo punto centrale connetterebbe tutti i sistemi esistenti con il Campo Unificato sottostante. Si tratterebbe di una realtà olografica in cui ogni entità informerebbe l'intero cosmo della sua esistenza locale tramite il Campo Unificato

dal sito http://www.consapevoli.net/la-teoria-de ... ramein.php

Immagine


La mia domanda è: possibile che il tragitto del sole lungo le costellazioni (eclittica solare) non si tratti in realtà un cerchio, ma di una spirale?

Guarda su youtube.com


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 22/04/2015, 14:18 
Enfasy ha scritto:
Secondo la maggioranza dei rabbini e dei maestri che interpretano la Torà, il numero 13 viene così a possedere una qualità che rispecchia, in una certa misura, i concetti contenuti nella parola UNO.


Aspetta aspetta... stiamo parlando di fatto di un metodo di calcolo a base 12 quindi?!

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12

che continua (e che ciclicamente riparte) come

13 = (1)
14 = (2)
15 = (3)
...

... Altra base numerica storicamente importante è la base 12. Essa è stata molto diffusa e tuttora ha sparsi molti relitti in tutto il mondo (es. fra tutti il termine dozzina). Essa era usata da Sumeri e Assiro-babilonesi come misura per le lunghezze, le superfici, i volumi e le capacità. In questo contesto la durata della giornata era suddivisa in 12 periodi detti danna di 2 ore ciascuno; a sua volta il cerchio, l'eclittica e lo zodiaco erano suddivisi da queste popolazioni in 12 beru (settori) di 30º ciascuno...


Sempre lì torniamo...

[:D]

Tutto questo ci ricorda come frammenti di un sapere antidiluviano sono arrivati fino a noi, spesso "distorti" per via di una reinterpretazione arbitraria dei testi sacri, leggende e mitologie...



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 23
Iscritto il: 06/03/2015, 16:25
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 22/04/2015, 21:01 
Atlanticus81 ha scritto:
Aspetta aspetta... stiamo parlando di fatto di un metodo di calcolo a base 12 quindi?!


No, le lettere hanno questi valori :

1 Aleph א
2 Bet ב
3 Gimel ג
4 Daleth ד
5 He ה
6 Vav ו
7 Zajin ז
8 Heth ח
9 Teth ט
10 Jud י
20 Kaph כ
30 Lamed ל
40 Mem מ
50 Nun נ
60 Samech ס
70 Ajin ע
80 Pe פ
90 Tsade צ
100 Qoph ק
200 Reš ר
300 Šin ש
400 Taw ת
500 Kaph (finale) ך
600 Mem (finale) ם
700 Nun (finale) ן
800 Pe (finale) ף
900 Tsade (finale) ץ

La somma delle lettere di ogni parola (in alcuni casi, frasi) può dare un numero-significato da 1 a 1000 (se superiore, viene ridotto)


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 23/04/2015, 12:46 
Magari non c'entra nulla... magari invece il numero non è casuale.

LE 13 FAMIGLIE CHE COMANDANO IL MONDO

“Illuminati” o ”portatori di luce”. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente controllano e comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono, da molti, anche definiti la “Nobiltà Nera

http://ilmonolitoner.blogspot.it/2015/0 ... mondo.html


Chiuso off-topic...

[:p]



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 15856
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 23/04/2015, 14:49 
se non sbaglio nella bibbia c'è scritto che quando dio ha diviso il mondo lo ha fatto a seconda del numero delle tribù di israele (mi pare fossero 13) se colleghiamo ciò al fatto che in realtà "dio" divise il mondo in base AI FIGLI DEGLI ELOHIM potremmo presupporre che queste 13 famiglie siano l'emanazione del potere di questi 13 assegnatari...



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 23
Iscritto il: 06/03/2015, 16:25
 Oggetto del messaggio: Re: Ofiuco: simbologia della tredicesima costellazione
MessaggioInviato: 23/04/2015, 16:51 
Atlanticus81 ha scritto:
Magari non c'entra nulla... magari invece il numero non è casuale.

LE 13 FAMIGLIE CHE COMANDANO IL MONDO


per me non è off topic!
Forse ti è sfuggito, ma l'avevo già suggerito...scritto sotto il post della bandiera americana [:)]


MaxpoweR ha scritto:
se non sbaglio nella bibbia c'è scritto che quando dio ha diviso il mondo lo ha fatto a seconda del numero delle tribù di israele (mi pare fossero 13) se colleghiamo ciò al fatto che in realtà "dio" divise il mondo in base AI FIGLI DEGLI ELOHIM potremmo presupporre che queste 13 famiglie siano l'emanazione del potere di questi 13 assegnatari...



se non sbagli, sì, potrebbe. Bella osservazione!
Aggiungo che alcune coincidenze tra storia (es: 13 famiglie) e scienza (es: costellazioni dell'eclittica solare, il vortex ecc) siano dovute al fatto che gli Antichi conoscevano l'olografismo come struttura dell'universo e lo rispettavano riponendolo all'interno del loro sistema


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 17/12/2018, 15:23
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org