Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2089 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 140  Prossimo
Autore Messaggio

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20181
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 19/08/2015, 19:59 
Ormai è chiaro e lampante che la politica estera usa è fatta per procura dall'isis :) chissà fino a che punto dovranno spingersi prima che la controparte si rompa definitivamente le scatole e rovesci il tavolo.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2780
Iscritto il: 13/11/2009, 23:29
Località: Palermo
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 19/08/2015, 21:03 
Turchia, bomba nel sud-est: otto soldati morti. A Istanbul spari contro palazzo di Dolmabahce

L'ordigno è esploso al passaggio del mezzo su cui viaggiavano i militari. Secondo i media l'attentato è stato compiuto dal Pkk. L'edificio preso di mira nella città del Bosforo ospita l'ufficio del primo ministro Ahmet Davutoglu. Aperto il fuoco contro poliziotti. Agente leggermente ferito. Arrestati due sospetti. "Sono del Dhkp-c"

Due attacchi tornano a scuotere la Turchia. Come pochi giorni fa, i bersagli presi di mira dagli attentatori sono poliziotti e soldati. Non ci sono ancora rivendicazioni, ma i sospetti degli investigatori si concentrano sui gruppi di estrema sinistra dopo gli attentati della scorsa settimana e l’escalation militare che Ankara ha scatenato contro il Partito dei lavoratori curdi nel sud-est del Paese. Non solo. L’offensiva arriva nel giorno in cui si è ufficialmente aperta la strada per il voto anticipato.

Bomba contro i soldati a Siirt: otto morti
Almeno otto militari sono rimasti uccisi per l’esplosione di una bomba scoppiata al passaggio del mezzo sui cui viaggiavano. L’attentato è avvenuto nella provincia sudorientale di Siirt. Lo riferisce l’agenzia di stampa statale Anadolu. Secondo i media locali la bomba sarebbe stata piazzata da militanti del Pkk, organizzazione al bando nel Paese e inserita nelle liste nere del terrorismo. Sempre oggi, un soldato è morto per le ferite riportate negli scontri avvenuti martedì 18 agosto con miliziani del Pkk curdo nella provincia sudorientale di Diyarbakir. Si tratta del luogotenente della gendarmeria Hubeyib Turan. Il numero dei militari uccisi in due giorni nell’area sale così a quattro. Gli scontri erano iniziati lunedì sera per rimuovere alcuni blocchi stradali imposti dal Pkk lungo la strada che collega Diyarbakir e Bingol.

Istanbul, spari contro il palazzo di Dolmabahce: due arresti

Mentre a Istanbul, intorno alle 14 e 45, due uomini hanno lanciato bombe a mano e sparato con armi automatiche contro i poliziotti di guardia davanti il palazzo di Dolmabahce, che ospita alcuni uffici della presidenza del consiglio, tra cui quello del primo ministro Ahmet Davutoglu, ed è anche uno dei siti di interesse turistico di epoca ottomana che si trova nel quartiere di Besiktas. Uno degli agenti è rimasto “leggermente ferito” durante l’attacco. Due sospetti sono stati bloccati nei pressi del vicino consolato tedesco. Quando sono stati arrestati avevano addosso una bomba a mano e una pistola. Secondo gli inquirenti fanno parte del gruppo fuorilegge Dhkp-c (Partito-Fronte di liberazione del popolo rivoluzionario), la stessa sigla che ha rivendicato l’assalto al consolato degli Stati Uniti del 10 agosto sempre a Istanbul, oltre che il sequestro e l’uccisione del procuratore Mehmet Selim Kiraz, che indagava sulle violenze seguite alle proteste di Gezi Park. Soltanto ieri notte, sempre a Istanbul, un 17enne è morto nel quartiere popolare di Esenler dopo i violenti scontri tra polizia e sospetti militanti dell’Ydg-h, gruppo armato giovanile del Pkk curdo.

Attacchi nel giorno in cui si apre la strada verso voto anticipato

Gli attacchi arrivano mentre il Paese vive una situazione politica delicata. “La Turchia si sta dirigendo rapidamente verso nuove elezioni. C’è bisogno di una soluzione che includa la volontà popolare”, ha detto il presidente Recep Tayyip Erdogan dopo che ieri sera il premier incaricato Ahmet Davutoglu aveva rimesso il mandato nelle sue mani. Oggi il capo dello Stato ha aperto la strada verso il voto anticipato incontrando il presidente del parlamento, Ismet Yilmaz, e negando un nuovo incarico a Kemal Kilicdaroglu, leader della seconda forza alle elezioni del 7 giugno, il socialdemocratico Chp: una mossa che l’opposizione giudica “golpista“. Ma il presidente punta dritto alle urne in autunno. Se a deciderlo sarà lui, la Costituzione prevede un governo elettorale con tutti i partiti, incluso il filo-curdo Hdp. Con un via libera del parlamento, invece, il suo Akp potrebbe restare in sella. Il modo migliore per affrontare una campagna elettorale che per Erdogan pare già iniziata: “Se moriremo – ha detto oggi – moriremo una volta ma da uomini”.

Dieci giorni fa attacchi contro poliziotti e soldati

Anche se al momento non risulta che ci sia una regia unica né rivendicazioni, i due attacchi arrivano a distanza di dieci giorni dalla serie di attentati che hanno colpito la Turchia firmati da sigle di estrema sinistra. Il 10 agosto, infatti, a Istanbul una bomba aveva distrutto parte dell’edificio dove ha sede la stazione di polizia di Fatih nel distretto di Sultanbeyli causando il ferimento di cinque poliziotti e due civili. L’attentato era stato rivendicato dal gruppo Hsb (Unità di difesa del popolo), un gruppo di recente creazione. Una manciata di ore dopo, alcuni uomini avevano sparato contro il consolato Usa. Questa volta la paternità se l’era presa il Dhkp-c. Altri attentati si erano registrati a poche ore di distanza nella provincia sudorientale di Sirnak, a una manciata di chilometri dal confine con Iraq e Siria e nella provincia di Diyarbakir, nella Turchia sudorientale. Ad agire i miliziani del Pkk. E ancora una volta gli obiettivi erano stati soldati e poliziotti.

Escalation di violenza dopo l’offensiva di Ankara contro Pkk

L’escalation di violenza tra forze dell’ordine, esercito e gruppi di estrema sinistra arriva dopo che Ankara ha lanciato quella che ha definito una “guerra sincronizzata contro il terrorismo”. A partire dal 24 luglio, infatti, l’esercito turco ha lanciato un’ondata di raid contro le postazioni dello Stato Islamico in Siria e del Pkk nel nord dell’Iraq. Ma secondo il Pkk, la strategia del presidente Erdogan, “i turchi sostengono di combattere lo Stato islamico, ma in realtà stanno combattendo il Pkk”.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08 ... e/1968176/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 19/08/2015, 23:05 
MaxpoweR ha scritto:
Ormai è chiaro e lampante che la politica estera usa è fatta per procura dall'isis :)


Non posso mica sporcarmi le mani...

D'altronde non facemmo lo stesso noi qui in Italia con Falcone e Borsellino?!

A sporcarsi le mani fu la mafia (organica a certi 'poteri')... a dare l'ordine fu...............

[:303]

Stessa cosa Washington e ISIS (organica a certi 'poteri')



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2780
Iscritto il: 13/11/2009, 23:29
Località: Palermo
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 22/08/2015, 11:29 
Francia, ferisce tre persone a bordo del treno col kalashnikov. Fermato da due marines
Immagine
Un 26enne di origine marocchina è salito a bordo del convoglio diretto nella capitale francese. E' stato consegnato alla polizia intorno alle 18 presso la stazione di Arras ed era noto ai servizi segreti di Parigi. Si fa strada la pista del terrorismo, anche se per il ministro Brandet è "prematuro" parlarne. Non ha dubbi, al contrario, il premier belga

Spara a bordo del treno con un kalashnikov, ferisce tre persone e – prima di essere fermato dalla polizia ad Arras, nel nord della Francia – viene bloccato da due americani che si trovavano a bordo. Un gesto dal probabile “carattere terrorista” sventato da due passeggeri americani rimasti gravemente feriti. L’autore del possibile gesto terrorista, che sarebbe stato identificato come il 26enne Ayoub el-Qahzzani, è marocchino o di origine marocchina. Fonti dell’unità spagnola di antiterrorismo hanno indicato che il giovane, segnalato nei registri come estremista, ha abitato in Spagna per un anno fino al 2014, quando ha deciso di trasferirsi in Francia. Le stesse fonti hanno precisato che l’autore dell’attacco è poi partito per la Siria, ritornando infine in Francia.
Immagine

Le tre persone colpite sono l’attore Jean-Hugues Anglade e i due cittadini americani che hanno cercato di sventare l’attentato. Hugues Anglade giunto ad Arras, è stato medicato in ospedale per una lieve ferita alla mano, che si è procurato tentando di tirare il freno di sicurezza. L’attore è ora in stato di choc. L’attentatore Ayoub el-Qahzzani è stato ferito gravemente ma è rimasto cosciente. E’ stato fermato dalla polizia francese e consegnato alla sezione anti-criminalità intorno alle 18 e sul posto è arrivato il prefetto di Pas-de-Calais, Fabienne Buccio.

La dinamica
– Tutto è cominciato, secondo la ricostruzione del quotidiano locale La Voix du Nord, intorno alle 16 di venerdì 21 agosto. L’assalitore era in una toilette del treno, impegnato a caricare l’arma automatica, quando i militari americani (alcuni media hanno parlato di “Marines”), sono stati insospettiti dai rumori che produceva. Gli uomini sono riusciti a bloccarlo prima che aprisse il fuoco nello scompartimento, ma sono rimasti seriamente feriti, uno da un proiettile e l’altro da una coltellata. Uno di loro potrebbe essere ancora in pericolo di vita, secondo un portavoce del ministero dell’Interno francese. Dopo l’intervento dei due americani il treno è stato deviato verso la stazione di Arras, nel nord della Francia, dove l’assalitore è stato arrestato. E il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha espresso la sua gratitudine “per il coraggio dimostrato e per la rapidità di pensiero” nei confronti dei passeggeri, fra i quali anche due soldati americani, del treno Amsterdam-Parigi, dove un uomo ha sparato ferendo tre persone.

Chi è Jean-Hugues Anglade – Francese, 60 anni, ha alle spalle una lunga carriera di cinema e tv. Per il grande schermo ha lavorato con registi come Patrice Chéreau, Luc Besson, Alain Corneau. La sua interpretazione nel film La regina Margot, di Chereau, gli è valsa nel 1994 il Premio Cesar per il migliore attore non protagonista. Ma già nel 1983 aveva avuto una nomination, sempre al Cesar, come migliore promessa maschile per il suo ruolo in un altro film di Chereau, l’Homme blessé (l’uomo ferito).

Tra i suoi film anche Subway di Besson (1985), che gli è valso un’altra nomination al Cesar, e poi ancora Betty Blue (1986) di Jean-Jacques Beineix, per il quale ha vinto nel 1987 il Premio Jean Gabin e Notturno indiano (1989) di Alain Corneau.

In Francia Jean-Hugues Anglade è un attore noto anche in tv: tra il 2008 e il 2010 ha interpretato il personaggio di Adamsberg, il commissario di polizia protagonista dei libri della scrittrice francese Fred Vargas in quattro film per il piccolo schermo.
http://www.ilfattoquotidiano.it/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 23/08/2015, 20:59 
Avete notato che molti dei terroristi o sedicenti tali sono stati arrestati in precedenza e quindi già noti alle forze dell'ordine e, soprattutto, ai servizi segreti?!

Nel 2003, il marocchino Ayub al-Qazani (sopra), si trasferì da Tangeri al porto spagnolo di Algeciras. Era noto ad agenzie di polizia e d’intelligence. Secondo un giornale fu arrestato per traffico di droga e posto sotto sorveglianza. A questo punto potrebbe essere stato reclutato dalla CIA e soci.

LA FALSE FLAG DEL TRENO FRANCESE
http://www.sapereeundovere.it/la-false- ... -francese/



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 26/08/2015, 09:52 
E' Hollywood! Prima lo capiamo meglio sarà per tutti...

I tre eroici Marines e Ayoub, il solito incastrato

Il presidente Hollande ha avuto troppa fretta a distribuire Legion d’Honneurs come caramelle agli “eroi” americani, perché la storiaccia del terrorista islamico bloccato dai generosi Marines non è a punto, e viene ancora modificata in corso d’opera. L’arma del jihadista, non è più un Kalashnikov come ma un similare AKM di fabbricazione tedesco-orientale, composto di parti diverse. I Marines non hanno sentito – con il loro orecchio professionale – qualcuno che caricava un otturatore nel WC; il terrorista è uscito dal WC forse avrebbe voluto sparare, ma l’arma (ricordate il particolare) non ha sparato. E gli eroici Marines non erano nei posti per i quali avevano i biglietti; avevano cambiato vagone, giusto mezz’ora prima dell’evento. Per prendere meglio il wi-fi, hanno spiegato.

Immagine

http://www.numerama.com/magazine/33986- ... wi-fi.html

Altri particolari che indicano il false flag, o più precisamente la manovra di “sting” (nel gergo poliziesco, “incastrare” qualcuno a per farlo passare per terrorista e poi arrestarlo) sono stati subito delineati dal sito Aurora:

https://aurorasito.wordpress.com/2015/0 ... -francese/

inutile aggiungere di più, se non per sottolineare la fortunata presenza sul luogo dell’evento di quel Ahmad Meguini, arabo ma filo-sionista già noto come agente provocatore, che riprenderà la scena col suo smartphone e ne trarrà un buon guadagno vendendolo ai network, a cominciare da CNN.

http://www.aredam.net/dossier-ahmed-meg ... ghini.html

http://www.wikistrike.com/2015/08/thaly ... e-cnn.html

E poi c’è il terrorista: Ayoub El Khazzani, un clochard, un senza fissa dimora, a cui sono stati rubati i documenti, che appare alla sua avvocatessa d’ufficio, Sophie David, “scheletrico”, malnutrito, “smarrito”, e soprattutto “con dieci chili meno del giovane che appare nelle foto” subito pubblicate dai giornali. A tal proposito è opportuno chiedersi: chi ha dato ai giornali le foto del marocchino risalenti ad anni prima, quando abitava ad Algesiras? Qualcuno pronto in anticipo con l’archivio-immagini e il profilo biografico prefabbricato degli spostamenti del “terrorista” in Europa, Turchia e Siria, di cui alimentare immediatamente i giornali e le tv?

Immagine

O magari esistono due Ayoub? Uno ben in carne, che ha i mezzi per far viaggi in Siria e Turchia e un altro che dorme sulle panchine di Bruxelles?

Tutti segni che fanno pensare che Ayoub il magro sia stato, appunto, incastrato. Da un servizio. Interessante: il 12 febbraio scorso, la notissima trasmissione televisiva Envoyé Spécial aveva intervistato un agente speciale dell’FBI, Mike German, che dopo 25 anni di lavoro ha dato le dimissioni accusando la polizia federale di “fabbricare falsi attentati terroristici” islamisti. Ufficialmente, spiegava German, gli agenti hanno per missione di infiltrarsi ed identificare cellule terroriste prima che passino all’azione; ufficiosamente, creano dal nulla organizzazioni jihadiste, per poi smantellarle “appena in tempo”, prima del “terribile attentato”, e fare i titoli dei giornali.

Il metodo è ben oliato: gli uomini dell’FBI attirano giovani musulmani in “reti” dove altri musulmani o presunti tali fanno apologia di atti di terrorismo; ricevono una “formazione” poltiica, un “addestramento”, frasi e slogan incendiari da ripetere (meglio se lo fanno sui social); si arriva a suggerire ai futuri terroristi i delitti di cui poi saranno accusati quando verranno “fortunatamente catturati appena in tempo”. Le cellule vivono di sole parole e slogan, non hanno armi, né esplosivi né denaro…finché non gliele fornisce l’agente infiltrato dell’FBI. Armi che al momento buono non sparano – come quella che Ayoub dice di aver trovato su una panchina dentro una borsa, con centinaia di proiettili, una Luger, un coltello e un contenitore di benzina. Con cui s’era convinto di fare una rapina in treno..O qualcuno l’aveva convinto?

Envoyé Special non faceva che riprendere un rapporto di Human Right Watch del luglio 2014, “Illusion of Justice”, con dure e comprovate accuse ai federali, che è di pubblico dominio;

https://www.hrw.org/report/2014/07/21/i ... osecutions

Persino l’ufficioso e rispettoso Le Monde ci aveva dedicato un articolo: “Il FBI ha incoraggiato, istigato e perfino pagato dei musulmani americani a commettere attentati”, scriveva l’autorevolissimo media, spesso “prendendo di mira persone vulnerabili, sofferenti di turbe mentali o intellettuali”: il ritratto di Ayoub il clochard.

http//www.lemonde.fr/ameriques/article/2014/07/21/le-fbi-a-pousse-des-americains-musulmans-a-commettre-des-attentats_4460774_3222.html#mwSwxhQkpmP83CHl.99

Invece adesso Le Monde è sicuro che quel denutrito e smarrito è il terrorista pronto a fare una strage sul treno, se i tre Marines non l’avessero placcato e menato ben bene.

Del resto non occorre sospettare direttamente dell’FBI; ogni polizia politica sa come fare per generare terroristi da scoprire appena in tempo; abbiamo qualche ricordo che la Digos non mancava di questa abilità, ai tempi della strategia della tensione, per incastrare giovani neofascisti. E’ un classico dell’attività poliziesca, l’agente provocatore. Ci scrisse un romanzo nientemeno che Joseph Conrad, traendo spunto da un attentato “anarchico” avvenuto a Londra nel 1894, dove in realtà è un agente segreto a convincere suo cognato – un ritardato mentale – a piazzare la bomba.

E molti avvocati italiani, difensori di musulmani accusati di terrorismo, sanno raccontare storie simili…

Ma la storia sul treno Thalys è troppo bella per distruggerla. E’ un apologo pieno d’insegnamenti di alta simbologia politica: cari europei imbelli, cosa fareste senza i nostri Marines che vi difendono dal jihadismo? Tenetevi stretti al vostro Alleato! Non abbandonate il suo scudo protettivo, altrimenti finirete nelle fauci dell’ISIS! (o dell’USIS).

L’evento conferma perfettamente che “gli europei vengono da Venere, gli americani da Marte”, come teorizzò anni fa, in un libro fortunato, il neocon Robert Kagan, che voleva così bollare la spregevole tendenza europea a cercare soluzioni diplomatiche ai problemi internazionali, invece che belliche. E’ appena il caso di ricordare che Kagan (ebreo di non lontana origine lituana) è il marito della Victoria Nuland (Nudelman) , la sottosegretaria di stato che sta istigando l’Ucraina alla guerra alla Russia.

E’ la nuova guerra: contro di noi

Resta da capire perché lorsignori avessero bisogno di imbastire questa narrativa, e perché in Francia; e perché Hollande si sia tanto affrettato a distribuire le massime onorificenze del paese come confetti, cosa che è apparsa alquanto esagerata. Doveva rinverdire i fasti di “Je suis Charlie”, con la commossa mobilitazione di massa dei cretini di massa? Solidificare l’eterna amicizia con gli Stati Uniti? O quale altro motivo?

O forse non c’è da cercare altro motivo che quello, generale: è stato un episodio della guerra di nuovo tipo, al “guerra di quarta generazione” , teorizzata nelle centrali neocon e siglata G4G. “La guerra dell’informazione e coinvolgente intere popolazioni in tutti i campi – politico, economico, sociale e culturale. L’obiettivo di questa guerra è il sistema mentale collettivo dell’avversario, il mentale degli individui che compongono la collettività nemica”; nemici che siamo, sia chiaro, noi. Noi europei. Siamo noi i destinatari della full immersion nella narrativa del terrore che ci assedia da ogni lato…e contro cui dobbiamo combattere a fianco degli Usa, l’eroico, fedele alleato.

La frase di cui sopra l’ho tratta da un’opera collettiva testé uscita a Parigi, “Choc et Simulacre”, presentato da Michel Drac.

Da cui traggo altre citazioni gustose, giusto per completezza. “Con al G4G, l’armata Usa si confessa l’armata del capitalismo globalizzato, e la sua arma principale è il marketing”.

“La manipolazione del terrorismo, o la sua fabbricazione, è una vecchia strategia dell’oligarchia americano-britannica. Giuseppe Mazzini al servizio di Londra per destabilizzare l’Austria, o la nota strumentalizzazione della Rote Armee Fraktion da parte dei servizi anglo americani; o ancora la strumentalizzazione delle Brigate Rosse da parte degli Usa per sbarazzarsi di Aldo Moro”. Oggi, l’uso imperiale-americano del terrorismo si potenzia al cubo, diventando “media-terrorismo”: un simulacro tridimensionale di una realtà inventata apposta per terrorizzarci.

Anzi di più. “In Usa, lo storytelling non è più solo un metodo di governo (lo era da tempo), ma il governo stesso, l’atto del governare….ormai la gestione della comunicazione “è” l’atto stesso di governare. Ormai, la politica è l’atto di parlare non del paese reale, ma dell’immaginario”.

In Usa, avete detto? Guardate Matteo Renzi. Primo della classe in questa arte .

http://www.maurizioblondet.it/i-tre-ero ... ncastrato/



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17711
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 26/08/2015, 12:44 
come detto sopra anche x me sono tutte sceneggiate..
ma i feriti si sono autoferiti?
l'ara era a salve o no?
anche la controinformazione di cui sopra
non è chiarissima..



_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml
Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no”perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable. Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2780
Iscritto il: 13/11/2009, 23:29
Località: Palermo
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 26/08/2015, 18:24 
Usa, due reporter uccisi in diretta tv: killer filma l’omicidio e lo pubblica su Twitter

l duplice omicidio è avvenuto a Moneta, in Virginia. Quando la polizia lo ha fermato, Vester Lee Flanagan II si è sparato. Il presunto assassino era un ex dipendente della stessa emittente delle vittime. "Ho filmato la sparatoria, andate a vedere su Facebook", aveva scritto sul suo profilo

Sono stati freddati in diretta televisiva. Intanto il killer ha filmato in soggettiva l’attimo in cui spara con la pistola e uccide la reporter di 24 anni Alison Parker e il cameraman di 27 Adam Ward durante un’intervista live a Moneta, nella Bedford County in Virginia. Poi l’invito ai suoi follower: “Ho filmato la sparatoria, andate a vedere su Facebook”.
Le due vittime lavoravano per l’emittente locale Wdbl-Tv. Il presunto assassino è Vester Lee Flanagan II, afroamericano di 41 anni, che ha lavorato per un anno nella stessa tv prima di essere licenziato, come ha confermato il governatore Terry McAuliffe. “Alison ha fatto commenti razzisti. L’hanno assunta dopo questo?”, ha spiegato sul social media l’uomo (dove scrive con lo pseudonimo di Bryce Williams, pseudonimo utilizzato durante la sua esperienza lavorativa in tv e con il quale avrebbe inviato la notte scorsa un fax di 23 pagine alla Abc News). La Cnn – citando fonti investigative – ha riportato che il killer, fermato dalla polizia sulla Interstate 66 si è sparato. Ma non è chiaro se sia morto o se sia solamente ferito.
La donna che veniva intervistata al centro commerciale Bridgewater Plaza è invece rimasta ferita alla schiena. Vicki Gardner, direttrice della locale Camera di Commercio, è tuttora in sala operatoria. In un primo momento sembrava che la donna fosse rimasta illesa. Le indagini sono condotte da polizia, l’Fbi e l’Atf, l’agenzia federale Usa specializzata in crimini con armi da fuoco ed esplosivi. In tutta la città è scattato il piano di messa in sicurezza (lockdown) per scuole e uffici, mentre le persone sono state invitate a non uscire di casa.

Jeff Marks, il general manager dell’emittente, ha detto detto alla Cnn che i due giornalisti sono morti poco dopo essere stati colpiti intorno alle 9.30 del mattino (ora locale). “Abbiamo sentito le urla e poi più nulla”, ha spiegato Marks. Il manager ha anche aggiunto che la fidanzata del cameraman ha visto dalla regia dello studio televisivo l’omicidio del 27enne. Marks ha spiegato che la ragazza è una producer dell’emittente che ha appena accettato un altro posto di lavoro a Charlotte. “Era il suo ultimo giorno di lavoro”, ha detto il general manager, aggiungendo che Ward e gli altri colleghi stavano preparando una piccola festicciola da fare alla fine della giornata. Alison Parker, raccontano ancora dall’emittente, aveva portato anche una torta ed i palloncini per festeggiare le collega.

Il filmato della tv in cui va poi in scena il duplice omicidio si apre con una panoramica su Bridgewater Plaza a Franklin County. Sullo sfondo si vede un lago, probabilmente lo Smith Mountain Lake che domina la cittadina. La panoramica si chiude su una donna che viene intervistata. Sta parlando di turismo, “vogliamo che le persone che vengono qui dicano” che si sta bene. Viene inquadrata anche Alison Parker, che si prepara a una seconda domanda. Si sente un colpo di arma da fuoco, la reporter urla, e cerca di fuggire. Arrivano altri colpi in sequenza ravvicinata, forse sei. Alison continua a gridare.

L’operatore Adam Ward la segue. I colpi sembrano arrivare dalla loro sinistra. Il 27enne viene colpito, la telecamera vacilla, poi cade. Inquadra il pavimento, l’immagine è fissa. Si intravede un uomo: insegue la giornalista, che ancora urla terrorizzata. I fermi immagine postati sui social network – che mostrano la sequenza intera – lasciano intravedere anche un’arma. La regia taglia la diretta: torna in video la conduttrice che è sotto choc: “Non siamo sicuri di cosa sia successo lì”, dice: “Cercheremo di capire cosa fossero quei suoni”. Poi arriva l’annuncio della morte della reporter di 24 anni e del suo collega.

video
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08 ... a/1985159/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17711
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 26/08/2015, 19:49 
nemesis-gt ha scritto:
Usa, due reporter uccisi in diretta tv: killer filma l’omicidio e lo pubblica su Twitter

l duplice omicidio è avvenuto a Moneta, in Virginia. Quando la polizia lo ha fermato, Vester Lee Flanagan II si è sparato. Il presunto assassino era un ex dipendente della stessa emittente delle vittime. "Ho filmato la sparatoria, andate a vedere su Facebook", aveva scritto sul suo profilo

Sono stati freddati in diretta televisiva. Intanto il killer ha filmato in soggettiva l’attimo in cui spara con la pistola e uccide la reporter di 24 anni Alison Parker e il cameraman di 27 Adam Ward durante un’intervista live a Moneta, nella Bedford County in Virginia. Poi l’invito ai suoi follower: “Ho filmato la sparatoria, andate a vedere su Facebook”.
Le due vittime lavoravano per l’emittente locale Wdbl-Tv. Il presunto assassino è Vester Lee Flanagan II, afroamericano di 41 anni, che ha lavorato per un anno nella stessa tv prima di essere licenziato, come ha confermato il governatore Terry McAuliffe. “Alison ha fatto commenti razzisti. L’hanno assunta dopo questo?”, ha spiegato sul social media l’uomo (dove scrive con lo pseudonimo di Bryce Williams, pseudonimo utilizzato durante la sua esperienza lavorativa in tv e con il quale avrebbe inviato la notte scorsa un fax di 23 pagine alla Abc News). La Cnn – citando fonti investigative – ha riportato che il killer, fermato dalla polizia sulla Interstate 66 si è sparato. Ma non è chiaro se sia morto o se sia solamente ferito.
La donna che veniva intervistata al centro commerciale Bridgewater Plaza è invece rimasta ferita alla schiena. Vicki Gardner, direttrice della locale Camera di Commercio, è tuttora in sala operatoria. In un primo momento sembrava che la donna fosse rimasta illesa. Le indagini sono condotte da polizia, l’Fbi e l’Atf, l’agenzia federale Usa specializzata in crimini con armi da fuoco ed esplosivi. In tutta la città è scattato il piano di messa in sicurezza (lockdown) per scuole e uffici, mentre le persone sono state invitate a non uscire di casa.

Jeff Marks, il general manager dell’emittente, ha detto detto alla Cnn che i due giornalisti sono morti poco dopo essere stati colpiti intorno alle 9.30 del mattino (ora locale). “Abbiamo sentito le urla e poi più nulla”, ha spiegato Marks. Il manager ha anche aggiunto che la fidanzata del cameraman ha visto dalla regia dello studio televisivo l’omicidio del 27enne. Marks ha spiegato che la ragazza è una producer dell’emittente che ha appena accettato un altro posto di lavoro a Charlotte. “Era il suo ultimo giorno di lavoro”, ha detto il general manager, aggiungendo che Ward e gli altri colleghi stavano preparando una piccola festicciola da fare alla fine della giornata. Alison Parker, raccontano ancora dall’emittente, aveva portato anche una torta ed i palloncini per festeggiare le collega.

Il filmato della tv in cui va poi in scena il duplice omicidio si apre con una panoramica su Bridgewater Plaza a Franklin County. Sullo sfondo si vede un lago, probabilmente lo Smith Mountain Lake che domina la cittadina. La panoramica si chiude su una donna che viene intervistata. Sta parlando di turismo, “vogliamo che le persone che vengono qui dicano” che si sta bene. Viene inquadrata anche Alison Parker, che si prepara a una seconda domanda. Si sente un colpo di arma da fuoco, la reporter urla, e cerca di fuggire. Arrivano altri colpi in sequenza ravvicinata, forse sei. Alison continua a gridare.

L’operatore Adam Ward la segue. I colpi sembrano arrivare dalla loro sinistra. Il 27enne viene colpito, la telecamera vacilla, poi cade. Inquadra il pavimento, l’immagine è fissa. Si intravede un uomo: insegue la giornalista, che ancora urla terrorizzata. I fermi immagine postati sui social network – che mostrano la sequenza intera – lasciano intravedere anche un’arma. La regia taglia la diretta: torna in video la conduttrice che è sotto choc: “Non siamo sicuri di cosa sia successo lì”, dice: “Cercheremo di capire cosa fossero quei suoni”. Poi arriva l’annuncio della morte della reporter di 24 anni e del suo collega.

video
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08 ... a/1985159/



ma con tutte le armi che girano,
con l'assenza di tutele e garanzie
(se non lavori non ti puoi curare)
io mi stupisco che siano così pochi
casi del genere..



_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml
Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no”perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable. Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Ufetto
Ufetto

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 133
Iscritto il: 11/01/2013, 03:15
Località: pescara
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 26/08/2015, 20:21 
ho visto il video postato dl presunto assassino dei reporter
https://www.youtube.com/watch?v=U3xBvoTdWao

dico presunto perchè non a so voi, ma a pare che i primi colpi sparati all'intervistatrice non sembra siano andati a segno nonostante la pistola pare fosse puntata bene sul bersaglio. infatti anche tenendo conto della minima distanza, la vittima non ha alcun contraccolpo dall'impatto dei proiettili e da quella distanza un minimo di feedback del sistema nervoso per le ferite da arma da fuoco ci deve pur essere, così come una reazione alla forza cinetica del proiettile.
siamo sicuri che sia roba vera?


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17711
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 26/08/2015, 20:47 
Ignorante ha scritto:
ho visto il video postato dl presunto assassino dei reporter
https://www.youtube.com/watch?v=U3xBvoTdWao

dico presunto perchè non a so voi, ma a pare che i primi colpi sparati all'intervistatrice non sembra siano andati a segno nonostante la pistola pare fosse puntata bene sul bersaglio. infatti anche tenendo conto della minima distanza, la vittima non ha alcun contraccolpo dall'impatto dei proiettili e da quella distanza un minimo di feedback del sistema nervoso per le ferite da arma da fuoco ci deve pur essere, così come una reazione alla forza cinetica del proiettile.
siamo sicuri che sia roba vera?


adrenalina..
a me pare siano andati a segno..
sul momento uno scappa,
probabilmente si è accasciata
pochi metri più avanti..



_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml
Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no”perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable. Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10821
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 26/08/2015, 20:55 
E' il dubbio che abbiamo ad ogni notizia oggigiorno... [:I]



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 26/08/2015, 22:39 
Corretta osservazione di "Ignorante", ma effettivamente ci può stare anche l'effetto dell'adrenalina. Non so il calibro dell'arma per cui.

Il punto è che, vero o falso che sia, la situazione sta diventando sempre più esplosiva negli USA e non solo negli USA.

Sembrano davvero i prodromi di qualcosa di brutto.

Benjamin Fulford continua a dire che sarà un autunno caldo...

[V]



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2780
Iscritto il: 13/11/2009, 23:29
Località: Palermo
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 26/08/2015, 23:43 
reporter uccisi in diretta tv

IL MOVENTE


La polizia della Virginia, nel corso di una conferenza stampa, ha spiegato: “Ancora non sappiamo il movente, stiamo indagando, stiamo cercando di capire se ci fossero dei rancori”. Ma lo stesso Vester Lee Flanagan II prima di compiere la strage ha mandato un fax di 23 pagine alla Abc News per spiegare le ragioni del gesto. L’emittente televisiva ha svelato parte del contenuto, spiegando anche che nelle ultime settimane l’assassino ha contattato più volte la redazione. Sul sito internet della Abc sono stati poi pubblicati alcuni stralci del documento (al vaglio della polizia) da cui emergerebbe che l’uccisione di due reporter sarebbe un atto per “vendicare la strage nella chiesa di Charleston“, dove il 17 giugno furono assassinati nove afroamericani per mano di un suprematista bianco. In un altro passaggio citato dalla Abc, l’uomo sipega che: “La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la sparatoria in chiesa. E sulle mie pallottole a punta cava ci sono le iniziali delle vittime”, ha scritto l’ex reporter spiegando di aver versato il deposito per la pistola due giorni dopo la sparatoria di giugno. Nel documento, che l’emittente ha consegnato alla polizia, vi sarebbe anche una parte considerata “una lettera di suicidio per amici e familiari”. Nel documento l’uomo fa anche riferimento al massacro di Virginia Tech, chiamando il suo autore, Seung Hui Cho, che nel 2007 uccise 32 persone, il suo ispiratore, ed ha espresso anche ammirazione per i killer di Columbine. Nel testo, Flangan poi lamenta di aver subito sul posto di lavoro discriminazioni razziali e molestie sessuali per essere un gay afroamericano. “Sì, sembra che sono arrabbiato e lo sono – scrive – ed ho tutto il diritto di esserlo, ma quando lascerò questa terra l’unica cosa che sentirò sarà pace”.
http://www.ilfattoquotidiano.it


Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2780
Iscritto il: 13/11/2009, 23:29
Località: Palermo
 Oggetto del messaggio: Re: ATTENTATI ...
MessaggioInviato: 26/08/2015, 23:50 
mik.300 ha scritto:
nemesis-gt ha scritto:
Usa, due reporter uccisi in diretta tv: killer filma l’omicidio e lo pubblica su Twitter

l duplice omicidio è avvenuto a Moneta, in Virginia. Quando la polizia lo ha fermato, Vester Lee Flanagan II si è sparato. Il presunto assassino era un ex dipendente della stessa emittente delle vittime. "Ho filmato la sparatoria, andate a vedere su Facebook", aveva scritto sul suo profilo

Sono stati freddati in diretta televisiva. Intanto il killer ha filmato in soggettiva l’attimo in cui spara con la pistola e uccide la reporter di 24 anni Alison Parker e il cameraman di 27 Adam Ward durante un’intervista live a Moneta, nella Bedford County in Virginia. Poi l’invito ai suoi follower: “Ho filmato la sparatoria, andate a vedere su Facebook”.
Le due vittime lavoravano per l’emittente locale Wdbl-Tv. Il presunto assassino è Vester Lee Flanagan II, afroamericano di 41 anni, che ha lavorato per un anno nella stessa tv prima di essere licenziato, come ha confermato il governatore Terry McAuliffe. “Alison ha fatto commenti razzisti. L’hanno assunta dopo questo?”, ha spiegato sul social media l’uomo (dove scrive con lo pseudonimo di Bryce Williams, pseudonimo utilizzato durante la sua esperienza lavorativa in tv e con il quale avrebbe inviato la notte scorsa un fax di 23 pagine alla Abc News). La Cnn – citando fonti investigative – ha riportato che il killer, fermato dalla polizia sulla Interstate 66 si è sparato. Ma non è chiaro se sia morto o se sia solamente ferito.
La donna che veniva intervistata al centro commerciale Bridgewater Plaza è invece rimasta ferita alla schiena. Vicki Gardner, direttrice della locale Camera di Commercio, è tuttora in sala operatoria. In un primo momento sembrava che la donna fosse rimasta illesa. Le indagini sono condotte da polizia, l’Fbi e l’Atf, l’agenzia federale Usa specializzata in crimini con armi da fuoco ed esplosivi. In tutta la città è scattato il piano di messa in sicurezza (lockdown) per scuole e uffici, mentre le persone sono state invitate a non uscire di casa.

Jeff Marks, il general manager dell’emittente, ha detto detto alla Cnn che i due giornalisti sono morti poco dopo essere stati colpiti intorno alle 9.30 del mattino (ora locale). “Abbiamo sentito le urla e poi più nulla”, ha spiegato Marks. Il manager ha anche aggiunto che la fidanzata del cameraman ha visto dalla regia dello studio televisivo l’omicidio del 27enne. Marks ha spiegato che la ragazza è una producer dell’emittente che ha appena accettato un altro posto di lavoro a Charlotte. “Era il suo ultimo giorno di lavoro”, ha detto il general manager, aggiungendo che Ward e gli altri colleghi stavano preparando una piccola festicciola da fare alla fine della giornata. Alison Parker, raccontano ancora dall’emittente, aveva portato anche una torta ed i palloncini per festeggiare le collega.

Il filmato della tv in cui va poi in scena il duplice omicidio si apre con una panoramica su Bridgewater Plaza a Franklin County. Sullo sfondo si vede un lago, probabilmente lo Smith Mountain Lake che domina la cittadina. La panoramica si chiude su una donna che viene intervistata. Sta parlando di turismo, “vogliamo che le persone che vengono qui dicano” che si sta bene. Viene inquadrata anche Alison Parker, che si prepara a una seconda domanda. Si sente un colpo di arma da fuoco, la reporter urla, e cerca di fuggire. Arrivano altri colpi in sequenza ravvicinata, forse sei. Alison continua a gridare.

L’operatore Adam Ward la segue. I colpi sembrano arrivare dalla loro sinistra. Il 27enne viene colpito, la telecamera vacilla, poi cade. Inquadra il pavimento, l’immagine è fissa. Si intravede un uomo: insegue la giornalista, che ancora urla terrorizzata. I fermi immagine postati sui social network – che mostrano la sequenza intera – lasciano intravedere anche un’arma. La regia taglia la diretta: torna in video la conduttrice che è sotto choc: “Non siamo sicuri di cosa sia successo lì”, dice: “Cercheremo di capire cosa fossero quei suoni”. Poi arriva l’annuncio della morte della reporter di 24 anni e del suo collega.

video
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08 ... a/1985159/



ma con tutte le armi che girano,
con l'assenza di tutele e garanzie
(se non lavori non ti puoi curare)
io mi stupisco che siano così pochi
casi del genere..


Usa, un ragazzo di 14 anni ha tenuto in ostaggio l’intera classe minacciando i compagni con una pistola
http://www.ilfattoquotidiano.it


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2089 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 140  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 29/10/2020, 14:53
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org