Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 152 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 7, 8, 9, 10, 11
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5086
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Colonia Italia
MessaggioInviato: 01/02/2020, 16:45 
Stupri, rapine e omicidi. Ecco il dossier segreto sui crimini degli Alleati in Italia


Roma, 1° feb – L’hanno chiamata «liberazione». Eppure, per moltissimi italiani, è stata più semplicemente un’invasione, con tanto di furti, molestie, violenze e omicidi che ogni esercito invasore riserva a un popolo sconfitto. Basti anche solo leggere la politicamente correttissima Wikipedia per rendersi conto della più brutale realtà: Allied invasion of Italy si intitola la voce che descrive quei tragici eventi, ossia L’invasione alleata dell’Italia. Di «liberazione», insomma, se ne parla solo il 25 aprile, e solo in Italia. Sul dramma delle popolazioni italiane e sui crimini degli Alleati, infatti, è calato il silenzio. Per convenienza o per viltà, quei misfatti dovevano essere taciuti e dimenticati.
La scoperta all’Archivio di Stato

Ciò nondimeno, alcuni ricercatori stanno tentando di ricomporre quelle pagine strappate dalla storia d’Italia. Tra questi vi è, per esempio, Emiliano Ciotti, che proprio di recente ha scoperto un dossier segreto all’Archivio di Stato di Roma. Un documento che getta una fosca luce sulla condotta degli Alleati durante la campagna d’Italia. Il dossier, stilato dall’allora ministero della Guerra e composto da circa 2mila pagine, è intitolato Statistica incidenti e crimini commessi da truppe alleate.
Le cifre dell’invasione

Nel computo generale rientrano ad esempio i sinistri stradali, che dal 1943 al 1946 sono stati più di 3mila. Incidenti – si legge – «da imputarsi per la maggior parte al dispregio per le norme di disciplina stradale manifestato dai conduttori». Non solo: si contano anche «342 omicidi, risultante di atti spavaldi e malvagi prodotti da militari avvinazzati» che si sono resi colpevoli di «molestie alla popolazione civile, specialmente donne, sia nella pubblica strada, sia nelle abitazioni private». Per quanto riguarda furti e rapine, invece, il conteggio totale (6.489), «pur considerevole, è da ritenersi molto inferiore a quella reale per il fenomeno – spiegabilissimo – della mancata denuncia per il timore del peggio».


Alleati liberatori?

Più specificamente, i crimini riportati dal dossier sono stati commessi dalle truppe statunitensi, inglesi, canadesi e francesi. A questi sono da aggiungere senz’altro i numerosi stupri registrati, tra cui le famigerate «marocchinate», forse uno dei pochi (e infami) delitti conosciuti al grande pubblico grazie al romanzo di Moravia La ciociara, alla sua trasposizione filmica con protagonista Sophia Loren e a progetti artistici anche più recenti. Senza contare, ovviamente, le morti provocate dai martellanti bombardamenti con cui gli Alleati hanno ridotto l’Italia a un cumulo di macerie. Sicuri si possa ancora chiamare «liberazione»?



https://www.ilprimatonazionale.it/cultu ... ia-144488/


Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2760
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Colonia Italia
MessaggioInviato: 02/02/2020, 11:20 
https://www.ilgiornale.it/news/politica ... 20096.html

Soros rivendica l'attacco all'Italia e sostiene Santori & Co. Ora è pronto a tornare in campo con un progetto a favore della "società aperta" e delle migrazioni
Andrea Indini - Dom, 02/02/2020 - 10:36

"Nessun rimpianto, ho semplicemente anticipato gli eventi". Oltre a rilanciare il progetto da un miliardo di euro per mettere "in rete" le università progressiste, nel suo nuovo libro Democrazia! Elogio della società aperta, che da martedì arriverà anche nelle librerie italiane, George Soros rivendica con sfrontatezza tutto quello per cui in molti ambienti viene preso di mira e duramente critica.

Se da una parte difende, infatti, il perseguimento di un mondo privo di frontiere dove i migranti siano liberi di muoversi ovunque vogliano, dall'altra si vanta delle sue incursioni finanziarie contro il nostro Paese. "Lo considero un mio successo", dice. Il suo attacco alla lira, in quel "mercoledì nero" del 1992, fu un durissimo colpo per l'Italia. Obbligò i vertici della Banca d'Italia a vendere 48 miliardi di dollari di riserve per sostenere il cambio e portò la nostra moneta ad una svalutazione del 30%.

"Ho sempre agito nel rispetto delle regole", dice oggi Soros in una intervista rilasciata al Corriere della Sera per promuovere il libro pubblicato con Einaudi. A distanza di quasi trent'anni da quell'attacco, il finanziere non solo difende ancora quell'operazione ("Ho sempre separato la mia attività sui mercati dalle mie critiche ai mercati") ma vuole addirittura spacciarsi per "un intellettuale".

"Oggi mi considero così", dice rivendicando di averv sempre criticato "gli eccessi e i mercati senza controllo". Peccato che, anche grazie a quegli eccessi, ha ottenuto la fama dello speculatore e il bollino dello squalo della finanza. A suo dire le critiche, che oggi gli piovono ancora addosso, sono mosse da "persone ricche e potenti" [:297] [:297] [:297] [:297] , che lo vogliono "distruggere perché colpisco i loro interessi" [:297] [:297] [:297] , e "in misura sempre maggiore" dai politici. In realtà proprio dalla politica, in particolar modo quella progressista e radical chic, ha sempre ottenuto appoggi e applausi. Nel 1995, per esempio, come raccontò Bettino Craxi in una intervista (guarda qui), la colossale speculazione sulla lira gli valse, "a riconoscimento", una laurea ad honoris causa dell’Università di Bologna. L'indicazione arrivò, guarda caso, dal suo amico Romano Prodi [:(!] [:(!] [:(!] .

Oggi Soros vanta un patrimonio da 8,3 miliardi di dollari e non molla di un millimetro il suo impegno per cercare di plasmare il mondo come lui vorrebbe. Dal sostegno alle rivoluzioni colorate, che hanno destabilizzato i Paesi del Nord Africa, i Balcani e il vicino Oriente, ai progetti a favore dell'accoglienza dei migranti, passando inevitabilmente per il contrasto a qualsiasi forma di nazionalismo, continua a essere in prima linea e a muovere le fila da dietro le quinta. Anche nei giorni scorsi si trovava al World Economic Forum di Davos per annunciare il nuovo progetto da un miliardo di dollari che servirà a mettere in rete una serie di università progressiste. Sarà una sorta di estensione della sua Central European University, l'ateneo che in Ungheria ha a lungo operato contro il premier Viktor Orban finché quest'ultimo non lo ha cacciato dal Paese obbligandolo a trasferirsi a Vienna. Il suo nuovo libro è stato pubblicato proprio per promuovere questa sua idea della società aperta dove, come spiega al Corriere della Sera, "i rappresentanti democraticamente eletti dovrebbero mettere gli interessi degli elettori davanti ai loro".

A Soros i "rappresentanti democraticamente eletti" vanno a genio solo quando i loro interessi collimano con i suoi. Nella sua black list ci sono ovviamente capi di Stato come Donald Trump, Vladimir Putin, Boris Johnson e ovviamente Viktor Orban. E poi, dice lui stesso, "come si chiama? Ah sì, Salvini". Dice di preferire i movimenti che partono dal basso, come "il fenomeno delle sardine" e i sindaci che si stanno impegnando contro il cambiamento climatico e a favore delle migrazioni interne. Al loro fianco ci sarà sempre lo squalo della finanza, pronto ad aprire il portafogli per plasmare l'Occidente e correggere quelle democrazie che non gli piacciono.



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 152 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 7, 8, 9, 10, 11

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 30/09/2020, 01:53
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org