Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1928 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 121, 122, 123, 124, 125, 126, 127 ... 129  Prossimo
Autore Messaggio

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/03/2019, 00:56 
Le alture del Golan, ultima avventura di Trump e jolly elettorale di Netanyahu


Immagine


______________________________________________
Netanyahu vuole vincere le elezioni e Donald Trump vuole sviare l'attenzione dai suoi problemi interni. Per fare questo, hanno deciso di violare il diritto internazionale e prendersi gioco delle Nazioni Unite stabilendo che le alture del Golan appartengono a Israele.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯



Segue l'editoriale di Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo.


¯
Lo stesso giorno in cui la Siria ha convocato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per denunciare il riconoscimento da parte degli Stati Uniti delle alture del Golan come territorio israeliano, l'aviazione sionista ha bombardato presunte installazioni iraniane ad Aleppo. La via più probabile era attraverso la Giordania, l'Iraq e il territorio delle forze democratiche siriane.

Questo evento, per stare lontano dall'aneddotica, è un altro esempio del disprezzo che entrambi, gli americani e gli israeliani, hanno nei confronti della comunità internazionale e della sovranità delle nazioni.

La decisione di Donald Trump di riconoscere il territorio occupato del Golan come parte di Israele è una violazione del diritto internazionale e delle molteplici risoluzioni delle Nazioni Unite da oltre mezzo secolo. Esso rappresenta anche un attacco contro un la minoranza drusa nella regione che è e mette in pericolo 1.600 truppe dalla Missione delle Nazioni Unite (UNODOF) sulle alture del Golan, lì per garantire la stabilità di una zona contesa.

La Risoluzione delle Nazioni Unite 497 del 1981, ratificata nuovamente nel 2008, conferma che il Golan Occupato è territorio siriano e non israeliano e che le leggi, la giurisdizione e l'amministrazione israeliana dei territori occupati non hanno alcun effetto legale. Nella stessa risoluzione, le Nazioni Unite hanno affermato che l'occupazione di quei territori è inammissibile.

L'occupazione del Golan impedisce a migliaia di siriani di tornare alle loro case. Almeno 140.000 sono stati costretti a lasciare le loro località perdendo lo status di cittadini per diventare sfollati interni. La maggior parte del territorio occupato del Golan è stato distrutto dalle forze israeliane e rimane così da 52 anni con circa 40 insediamenti illegali.

Israele e Stati Uniti Stanno violando la legge internazionale con totale impunità ... ma come al solito, Questa non è una nuova dinamica che sorprende qualcuno.

Nei colloqui di pace a Madrid nel 1991, Israele ha dimostrato la sua intransigenza rifiutando la richiesta di restituzione del territorio occupato. Così gli israeliani hanno sfidato i rappresentanti siriani e le Nazioni Unite, che con le risoluzioni 242 (1967), 338 (1973) e 407 (1981) chiedono vhe lo stato sionista cessi di occupare il territorio della Siria meridionale.

Israele è un paese antidemocratico, suprematista, espansionista e pericoloso per la sicurezza internazionale. Il suo totale disdegno verso qualsiasi corpo che non è complice dei suoi crimini, incluso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, è molto più pericoloso di quanto possa sembrare all'inizio. Il peggior killer è colui che sa che è impunito.

La prima mossa è stata di dichiarare Gerusalemme come capitale di Israele, è ora la volta di annettere il Golan, e stanno prendendo in considerazione l'annessione della Cisgiordania. Dobbiamo capire che, quando si parla di questi problemi, non ci riferiamo a una zona senza significato. Parliamo del patrimonio storico e culturale e della vita di migliaia di civili. Israele, semplicemente, non rispetta la vita, la cultura o la storia.

Se oggi ci sembra terribile la ripartiizone dell'Africa, nel Medio Oriente di oggi si soffre ancora la sfortunata pianificazione Sykes-Picott, dovrebbero tremare i polsi quando sentiamo come gli israeliani vogliono reinventare i confini in modo da non avere epiteti per spiegarlo.

Stati Uniti e Israele hanno cercato di frammentare la Siria per anni e con decenni di distruzione della Palestina. Cosa ci fa pensare che si fermeranno qui?

Il 28 marzo 2019 le Nazioni Unite hanno mostrato il rifiuto della decisione del megalomane Donald Trump, che agisce come se fosse il padrone del mondo, in gran parte perché la comunità internazionale lo consente.

Solo Israele e Stati Uniti sostengono l'annessione del Golan occupato.
Anche i 28 paesi dell'Unione europea hanno fatto una dichiarazione congiunta dal Consiglio europeo in cui non riconoscono il Golan come parte di Israele, che lo occupa dal 1967, dopo la guerra dei sei giorni.

È il contesto della Guerra dei Sei Giorni, l'unghia infuocata che i sionisti alla quale si aggrappano per giustificare l'occupazione dei territori. Tuttavia, l'ex consigliere del ministero degli Esteri israeliano Robbie Sabel spiega che "in una guerra difensiva non è possibile conquistare i territori dell'altro paese".

La stessa legislazione internazionale vieta di prendere i territori del nemico. Applicando la logica israeliana di un bisogno pseudo-divino di espandersi, non dovrebbe esserci alcun problema nel modo in cui Hitler ha agito con la Cecoslovacchia e la Polonia.

Bashar al-Jaafari è stato chiaro alle Nazioni Unite: la risoluzione illegale degli Stati Uniti è un altro gesto della tendenza di voler costantemente umiliare l'ONU. Stanno guidando il mondo all'unica soluzione di un confronto violento.

Ciò che Netanyahu considera una risoluzione storica, secondo la Siria e il mondo, non è altro che un attacco e una vergogna. Ma è chiaro, il 9 aprile ci sono elezioni in Israele e Netanyahu ha tutti contro ed è colpito da casi di corruzione. Ecco perché ha bisogno di gettare nel mondo questo tipo di gesti di spavalderia e arroganza. Inoltre, non è male per lui ricordare ai cittadini americani per i quali l''establishment' del loro paese governa davvero.

Per questo motivo, non è stato Israele ma gli Stati Uniti che per prima delle Nazioni Unite ha chiesto alla Russia di fare pressione sul suo alleato siriano per ritirare (con la scusa di Hezbollah) le sue truppe dalla linea che separa il territorio occupato dal territorio controllato dalla Siria. Perché sì, i "poliziotti del mondo" sanno che possono permettersi di dire ai paesi sovrani cosa dovrebbero fare o non fare.

Colpisce il modo in cui la Casa Bianca ora si preoccupa della presenza di Hezbollah nel sud della Siria. Colpire per non usare una qualifica peggiore quando si verifica come per anni le forze israeliane e al-Qaeda abbiano vissuto nello stesso confine in modo "esemplare"; non solo facilitando il traffico di armi, ma fornendo anche cure mediche ai ribelli feriti in combattimento.

Non ci si può aspettare di meno da un paese che ha avuto come ministro della Difesa Moshe Ya'alon, che preferisce la presenza in Siria dello Stato islamico prima di quella iraniana. È il caso di ricordare al lettore che Ya'alon è lo stesso che, nel tentativo di vincere la presidenza è stata presentata alle elezioni israeliane del 9 aprile.

Decisioni come l'annessione delle alture del Golan, con la complicità della popolazione israeliana, mostrano la putrefazione di una società basta sulla colonizzazione, l'odio e la costante paranoia. La stessa società che ora discute di annessione anche in Cisgiordania.

La logica sionista in Siria è la stessa applicata in Palestina. Per prima cosa colonizzano un territorio, poi spostano la popolazione locale e alla fine la fanno propria. Nel processo, riscrivono la storia a loro piacimento.

Ecco perché oggi non è raro vedere ferventi sionisti negare l'esistenza della Palestina. Quanto è necessario in questi casi ricordare che le stesse organizzazioni sioniste che oggi negano l'esistenza della Palestina, parlarono meno di 100 anni fa della Palestina.

Ora, da Washington, considerano parte di Israele un territorio la cui popolazione si è incontrata solo di recente al confine per mostrare il loro sostegno alla Siria e la sua lealtà a Bashar al-Assad. I meno di 50.000 ebrei che vivono nel territorio occupato sono semplici coloni provenienti dall'esterno in un tentativo israeliano di espansione.

Il Golan è l'ultimo tentativo di Netanyahu di rimanere al potere, l'esempio della servilismo americano a Israele e un gesto di disprezzo nei confronti della comunità internazionale. Quindi cercheranno di convincerci che la Corea del Nord, l'Iran e la Russia sono la minaccia alla coesistenza delle nazioni.
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 11567
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/03/2019, 03:12 
Lasciamoli fare, vedrete che tempo qualche decennio un miliardo e cinquecentomila Islamici passeranno tutti nell'altro blocco quello "Asiatico". [;)] [:305]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17173
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/03/2019, 12:32 
questi si svegliano la mattina e fanno come caXXo gli pare senza che nessuno dica o faccia nulla.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 07/04/2019, 01:56 
"Non ci aspettavamo che il mondo tacesse": gli Stati Uniti continuano a uccidere i civili impunemente

¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Immagine


L'amministrazione Trump, che ha promesso di tenere a freno le inutili guerre di Washington, non solo ha ampliato il programma di droni segreti e nascosti degli Stati Uniti, ma ha anche portato il suo bilancio di vittime civili a un livello completamente nuovo.
________________________________________


¯
Segue l'analisi di Darius Shahtahmasebi analista legale e politico, attualmente specializzato in immigrazione, rifugiati e diritto umanitario.

Come la maggior parte dei campi di battaglia aperti sotto l'amministrazione Obama, Donald Trump ha scatenato attacchi aerei contro il famigerato gruppo terrorista Al-Shabaab in Somalia circa due anni fa. E, come la maggior parte delle guerre di droni espanse sotto Obama e drammaticamente allargate sotto Trump, i dettagli di questo assalto segreto vengono continuamente spazzati sotto il tappeto, in particolare quando si tratta di vittime civili.

Il Pentagono ha dichiarato apertamente che i suoi attacchi aerei in Somalia hanno ucciso zero civili.

Eppure, recentemente, un'indagine condotta da Amnesty International su solo cinque degli attacchi effettuati dal marzo 2017 da entrambi i velivoli con equipaggio umano e senza pilota ha rilevato che gli attacchi hanno provocato almeno 14 morti civili, con casi di otto feriti civili. In totale, gli Stati Uniti hanno effettuato oltre 100 attacchi in Somalia dal 2017.

Amnesty ha chiarito che gli attacchi hanno violato il diritto internazionale umanitario e possono essere considerati crimini di guerra (ricordate che ne hanno valutati solo cinque su 100 finora). Stranamente, il pezzo del New York Times che presenta questo rapporto non menziona quell'ultimo punto, anche quando Amnesty lo ha menzionato molto presto nella sua versione (anche se, detto questo, il Times fece un tentativo poco entusiasta di adottare una morale e posizione legale vicino alla fine dell'articolo, sottolineando che "i critici hanno affermato che" la guerra dei droni "potrebbe anche tradursi in crimini di guerra." )

Non c'è da preoccuparsi però, quando si è rivolto a un commento di Amnesty International, il Comando Africa USA (AFRICOM) ha ripetuto l'affermazione che nessun civile è morto nelle operazioni americane in Somalia.

L'esercito americano è davvero una forza meravigliosa e benevola per il bene del mondo, non è vero? Ha incrementare i suoi attacchi aerei in Somalia dopo che il presidente degli Stati Uniti firmò un ordine esecutivo nel marzo 2017, dichiarando la Somalia meridionale una "zona di ostilità attiva". Condusse più attacchi aerei in Somalia che in Libia e Yemen messi insieme. Solo nei primi mesi del 2019, ha già effettuato 24 attacchi sul territorio somalo, rispetto a solo 14 in tutto il 2016 , prima dell'entrata in carica di Trump. Nel 2018, i raid aerei americani hanno ucciso 326 persone. Eppure, non un singolo civile è morto o è stato ferito. Notevole.

Uno di questi attacchi nel villaggio di Farah Waeys in Somalia avrebbe ucciso membri "o affiliati di Al-Shabaab", secondo AFRICOM. Quelli affiliati, tuttavia, erano in realtà due uomini civili, oltre a cinque donne e bambini feriti. Un altro attacco ha ucciso tre agricoltori locali nelle prime ore della mattina di novembre 2017, che stavano riposando dopo aver lavorato tutta la notte per scavare canali. Anche l'AFRICOM ha ammesso di aver effettuato un attacco aereo nella regione quella stessa mattina.

Se pensavamo che fosse difficile monitorare le guerre segrete guidate dagli Stati Uniti in Medio Oriente e in Africa, sembra essere peggiorato ancora sotto Trump. Proprio di recente, Trump ha permesso alla CIA di mantenere segreto il numero di civili uccisi nei suoi attacchi aerei al di fuori delle zone di guerra. Mentre traspare, una legge approvata dal Congresso che rende obbligatorio per il Pentagono riportare pubblicamente i civili uccisi nelle sue operazioni si applica solo al Pentagono, e non al programma dei droni della CIA.

La legge è comunque inutile, quando si considera come il Pentagono valuta se i civili siano stati uccisi o meno. L'allentamento di Donald Trump delle regole che circondano i bombardamenti aerei sono di per sé una via per un tribunale criminale di guerra. Secondo un generale di brigata statunitense in pensione che è stato consultato da Amnesty, l'ordine esecutivo di Trump ha ampliato la lista dei potenziali bersagli per includere i maschi adulti che vivono nei villaggi solidali con Al-Shabaab che si trovano nel raggio d'azione di noti combattenti. Questa era già una tattica conosciuta sotto il presidente del premio per la pace Barack Obama, che contava tutti i "maschi dell'età militare" nelle vicinanze di un obiettivo come miliziani.

In altre parole, non possiamo fidarci che il Pentagono sia disponibile con queste statistiche anche quando sono obbligate dalla legge. Considerando questo paragrafo del governo del New York Times, che per tutta la sua retorica al servizio dell'impero, non può resistere dal dire la verità:
"Eppure, anche sotto le regole precedenti, non importa quanto precise fossero le armi, quanto fossero attenti i pianificatori e quanto abili i combattenti, gli errori, l'intelligence difettosa, persino le decisioni calcolate portarono spesso alla morte di civili. I dati ufficiali vanno da nessuno a esasperatamente vago, e le misure di sicurezza per mitigare le morti civili sono insufficienti.
"
Inoltre, i funzionari della difesa hanno dichiarato sotto anonimato che gli sforzi della CIA e del Pentagono in posti come la Somalia sono comunque fortemente intrecciati, spesso al di fuori delle postazioni militari americane o delle milizie appoggiate dagli Stati Uniti. Il potenziale per gli Stati Uniti di mentirci attraverso a causa di questo accordo è a dir poco stupefacente.

Già nel 2015, quattro ex militari dell'aviazione degli Stati Uniti hanno scritto una lettera aperta a Barack Obama per avvertire degli effetti della guerra dei droni, definendola uno "strumento di reclutamento" per gruppi come l'ISIS. Hanno avanzato la 'pazza idea' che l'uccisione di civili innocenti abbia agito come una delle "forze motrici più devastanti per il terrorismo e la destabilizzazione in tutto il mondo".

Durante una conferenza stampa a New York, i militari hanno anche rivelato che gli operatori di droni chiamerebbero bambini come "terroristi a misura di divertimento" e giustificano la loro uccisione con la frase che stavano "tagliando l'erba prima che cresca troppo a lungo". Alcuni operatori guidavano i droni durante le loro missioni mentre erano in preda all'abuso di droghe e alcol.

"Ne uccidiamo quattro e ne creiamo 10 [miliziani]", ha detto un militare.

In passato, i funzionari somali hanno anche avvertito che gli Stati Uniti venivano ingannati da clan rivali che alimentavano le cattive informazioni militari statunitensi mentre conducevano le loro operazioni. Quando gli Stati Uniti si vantano, ad esempio, che i singoli bombardamenti hanno ucciso oltre 150 combattenti di Al-Shabaab, puoi essere abbastanza sicuro che non avremo il quadro completo.

Nonostante tutto questo, puoi sempre contare sui media aziendali per in qualche modo dare una svolta all'intero problema che sposta in modo sorprendente la colpa ad altre parti. Prendi, per esempio, questa gemma, di nuovo, dal New York Times:"La mancanza di trasparenza e responsabilità per le morti civili aiuta i nemici a gettare false narrazioni, rende più difficile per gli alleati difendere le azioni americane e costituisce un cattivo esempio per gli altri paesi che stanno rapidamente aggiungendo droni ai loro arsenali".

La macchina da guerra americana che uccide i civili aiuta i nemici di Washington a "distorcere le false narrazioni?" Se penso che l'insistenza americana nel far esplodere i musulmani, a destra sinistra e centro, con zero responsabilità o compensi di alcun tipo, rende molto facile la loro chiamata ai nemici a girare narrazioni che sono al cento per cento radicate nella verità. Perché dovrebbero persino mentire?

E dove ci porterà tutto questo? Come ha notato astutamente Hina Shamsi, direttrice del Progetto di sicurezza nazionale ACLU:"L'era di Trump ha chiarito quanto siano vulnerabili i limiti delle politiche e quanto sia pericoloso quando un presidente rivendica l'autorità legale per uccidere in segreto. Nel 2017, Trump ha revocato un limite politico chiave limitando gli attacchi letali a "militanti di alto livello" che rappresentano "una minaccia continua e imminente per gli americani". Secondo quanto riferito, inoltre, alcune parti dello Yemen e della Somalia sono state esentate dai limiti rimanenti. Il risultato? Gli Stati Uniti stanno uccidendo più sospetti di basso livello, indipendentemente dal fatto che il governo abbia motivo di credere che rappresentino una minaccia per gli Stati Uniti ".

Gli Stati Uniti non sono nemmeno in guerra con la Somalia, eppure in qualche modo ci sono almeno 500 soldati americani di stanza lì, con altri 6.500 sparsi nel continente africano. Gli Stati Uniti hanno persino assunto appaltatori privati per fornire forze sostitutive nel paese. Persino il Guardian ha riferito alla fine dello scorso anno che il dilagare degli attacchi aerei statunitensi non stava davvero cambiando la situazione sul terreno in Somalia , dal momento che il gruppo terroristico ha continuato a rafforzare la sua presa sul paese.
Per quanto riguarda gli innocenti civili uccisi dai dollari delle tasse americane, faremmo bene a tenere a mente queste "statistiche" (sono persone, dopotutto) in mente la prossima volta che un attacco orribile come quello avvenuto a Christchurch, in Nuova Zelanda , a metà marzo di quest'anno si verifica. Dovremmo tenere a mente che quei leader mondiali che hanno espresso il loro sdegno e il loro sostegno alla Nuova Zelanda, alla fine della giornata, continuano a essere i principali responsabili delle violenze anti-musulmane.

Come un contadino del villaggio di Darusalaam, la Somalia ha detto ad Amnesty: "Non ci aspettavamo che il mondo tacesse ".
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17173
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 08/04/2019, 14:33 
Davvero non si aspettavano che il mondo tacesse? E cosa si aspettavano? [:246]



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 47275
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 08/04/2019, 14:35 
... Amnesty? (Come Gino Strada insomma ...) [:291]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10343
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 08/04/2019, 15:26 
Il NYT è una "risorsa" CIA come il Washington Post, parola di Senatore americano in Commissione Intelligence, lo sapevi questo [?]

Senza nulla togliere a quanto sono spesso altrettanto schierate (ma solo coi DEM) le ONG,

rimane il fatto che il giornalismo indipendente volgarmente etichettato "complottista" "bufalaro" "anti" o altro,
è l' unico rimasto degno di questo nome.



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 26/04/2019, 11:39 
'Trump ha sostenuto l'attacco di Haftar'


In telefonata della scorsa settimana, lo riporta Bloomberg



Immagine


¯
(ANSA) - WASHINGTON, 25 APR - Donald Trump ha indicato in una telefonata la scorsa settimana al generale libico Khalifa Haftar che gli Usa sostenevano il suo assalto a Tripoli per deporre il governo sostenuto dall'Onu. Lo scrive la Bloomberg sul suo sito, citando dirigenti americani. Questa versione va oltre il resoconto del colloquio diffuso dalla Casa Bianca e segna una svolta dopo che il segretario di Stato americano Mike Pompeo aveva annunciato la contrarietà Usa all'offensiva militare di Haftar chiedendogli di fermare le operazioni.

La conversazione di Trump con Haftar e' avvenuta dopo che il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi ha incontrato il presidente americano il 9 aprile scorso sollecitandolo a sostenere il generale libico, secondo due fonti. Il tycoon ha parlato anche con il principe di Abu Dhabi Mohammed bin Zayed Al Nahyan, un sostenitore di Haftar, il giorno prima che la Casa Bianca diffondesse il comunicato sulla telefonata.
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17173
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 26/04/2019, 12:56 
Gli amici di sottovento... Bella gente.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 11118
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 26/04/2019, 13:58 
MaxpoweR ha scritto:
Gli amici di sottovento... Bella gente.

Come al solito te ed altri fate come si suol dire, i conti senza l'oste, ergo non importa chi appoggia Trump ma cosa va a nostro vantaggio in questa situazione. Tutto il resto sono opinioni, congetture e ipotesi ma i fatti sono una cosa diversa....o pensate davvero che il nostro alleato americano ci mollerà nei nostri più importanti interessi energetici? Andiamo! mettete un attimo da parte il vostro antiamericanismo e cercate di essere obbiettivi o davvero pensate che allo zio Sam farebbe piacere che persa la Libia diventassimo gas-dipendenti dalla Russia? o che per risparmiare comprassimo il petrolio dal Venezuela anzicchè dagli Emirates?



_________________
méj tratà cun tri baloss che cunt un lòcch
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5448
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Soroslandia
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 26/04/2019, 15:04 
Il prezzo della benzina ha sfondato i 2 euro al litro

Alla base del nuovo aumento dei prezzi anche le nuove tensioni internazionali dopo la decisione degli Stati Uniti di non rinnovare, alla scadenza di maggio, le esenzioni per l'import di petrolio dall'Iran che riguardano anche l'Italia. Non solo: la guerra in Libia ha fatto crollare la produzione di Eni.
https://www.google.com/amp/s/amp.today. ... -euro.html
[:306]
Immagino che preferiate pagare di più la benza, in silenzio, (per un cameratesco "senso di responsabilità" nei confronti dell'alleato-amico-fratello), piuttosto che ammettere che per gli americani non siamo alleati ma sudditi che si devono adeguare ai loro voleri. E stare zitti, sennò pure minacciano.

Poi chiediti come mai non amo il deep state americano. Per ideologia? No, perché sono dei maiali, che credono che il mondo sia di loro proprietà.



_________________
Al è dibant cirî di insegnâ al mus, si piert dome timp e si infastidis la bestie!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 11118
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 26/04/2019, 16:03 
TheApologist ha scritto:
Immagino che preferiate pagare di più la benza, in silenzio, (per un cameratesco "senso di responsabilità" nei confronti dell'alleato-amico-fratello), piuttosto che ammettere che per gli americani non siamo alleati ma sudditi che si devono adeguare ai loro voleri. E stare zitti, sennò pure minacciano.

Poi chiediti come mai non amo il deep state americano. Per ideologia? No, perché sono dei maiali, che credono che il mondo sia di loro proprietà.

Caro mio, da parte mia non c'è nessun "cameratesco senso di responsabilità" anzi io ho sempre detto che gli Usa hanno fatto delle guerre davvero inutili a cominciare da quella in Iraq (la seconda, la prima ci stava), ma nell'attuale caso della Libia non pensare che a me farebbe piacere veder schizzare i costi dei carburanti e vedere di riflesso aumentare il prezzo dei generi trasportati via nave e su gomma.

Ciò che mi ostino a dire (poi magari verrò smentito), è che secondo me questa è solo una fase transitoria che non dimostra alcunché della piega che prenderanno i nostri interessi in Libia.



_________________
méj tratà cun tri baloss che cunt un lòcch
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10343
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 26/04/2019, 19:13 
sottovento ha scritto:
MaxpoweR ha scritto:
Gli amici di sottovento... Bella gente.

Come al solito te ed altri fate come si suol dire, i conti senza l'oste, ergo non importa chi appoggia Trump ma cosa va a nostro vantaggio in questa situazione. Tutto il resto sono opinioni, congetture e ipotesi ma i fatti sono una cosa diversa....o pensate davvero che il nostro alleato americano ci mollerà nei nostri più importanti interessi energetici? Andiamo! mettete un attimo da parte il vostro antiamericanismo e cercate di essere obbiettivi o davvero pensate che allo zio Sam farebbe piacere che persa la Libia diventassimo gas-dipendenti dalla Russia? o che per risparmiare comprassimo il petrolio dal Venezuela anzicchè dagli Emirates?


Infatti vuole vendercelo lui il gas, liquefatto, trasportandolo dall' altra parte del mondo, per poi rigassificarlo in loco... [:302]



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5448
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Soroslandia
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 26/04/2019, 19:58 
Aztlan ha scritto:

Infatti vuole vendercelo lui il gas, liquefatto, trasportandolo dall' altra parte del mondo, per poi rigassificarlo in loco... [:302]

Eh he... Infatti Trump fa (giustamente) gli interessi del SUO Paese.
Il problema è che anche NOI dobbiamo fare gli interessi del SUO Paese sennò poi s'incazzano.
È quella la stortura, non è "antiamericanismo". Se si comportassero da nazione normale, e non da impero, nessuno avrebbe niente da ridire.



_________________
Al è dibant cirî di insegnâ al mus, si piert dome timp e si infastidis la bestie!
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 47275
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 26/04/2019, 19:59 
.. ma siccome non contiamo un cacchio .............. [:291]



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1928 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 121, 122, 123, 124, 125, 126, 127 ... 129  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 17/07/2019, 21:00
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org