Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1930 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 124, 125, 126, 127, 128, 129  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 11823
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/05/2019, 12:44 
Ufologo 555 ha scritto:
TheApologist ha scritto:
bleffort ha scritto:
sottovento ha scritto:
Ad averceli noi 263mila posti di lavoro nuovi in 1 mese!!


Chi ha la facoltà di stampare moneta può anche dire che l'Asino vola. [:297]

Giusta osservazione.

Comunque l'amministrazione Trump in casa lavora bene, nonostante gli strepiti dei globalisti lgztbqr. La politica estera invece la decidono il genero e Netanyahu...



Però ancora non ha sganciato una bomba a nessuno! [:304]


Negli ultimi tempi dove le ha sganciate sono bastate quelle "convenzionali" al Fosforo Bianco o all'Uranio Impoverito,perchè se non avessero bastato queste usavano le classiche Nucleari.,però al momento che avessero preso la decisione di usarle, potevano porsi delle riflessioni. [:291] [:246]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17574
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/05/2019, 13:02 
Cita:
Cosa sono le 'terre rare' e perché sono una "opzione nucleare" della Cina nella guerra commerciale degli Stati Uniti?

Immagine

L'escalation della guerra commerciale tra gli USA e la Cina ha generato preoccupazione per le armi che ogni parte potrebbe utilizzare nel conflitto, compresa la possibilità che Pechino decida di limitare le esportazioni di terre rare.

Questa misura economica è considerata una delle opzioni 'nucleari' della Cina nella sua battaglia con Washington, perché il paese asiatico è il principale produttore di metalli delle terre rare e ha le maggiori riserve al mondo.

Cosa sono?

Le terre rare o terre rare metalli sono un gruppo di 17 elementi chimici con caratteristiche particolari: scandio, ittrio e i 5 elementi del gruppo dei lantanidi (lantanio, cerio, praseodimio, neodimio, promezio, samario, europio, gadolinio, terbio, disprosio, olmio, erbio, tulio, itterbio e lutezio). In realtà, non sono così eccezionali, ma sono difficili da trovare in concentrazioni desiderabili e difficili da trattare perché contengono spesso materiali radioattivi presenti in natura come l'uranio e torio.

Per cosa sono usati?

Le terre rare sono di vitale importanza per una vasta gamma di settori, dal tecnologico al militare. I metalli e le leghe che li contengono sono utilizzati in molti dispositivi che utilizziamo quotidianamente, come memorie per computer, batterie ricaricabili, telefoni cellulari, magneti, luci fluorescenti, ecc. Negli ultimi 20 anni c'è stata un'esplosione nella richiesta di molti articoli che richiedono metalli rari.

Inoltre, l'esercito utilizza elementi terrestri rari in occhiali per la visione notturna, armi di precisione, dispositivi di comunicazione e GPS, batterie e altri dispositivi di difesa elettronici.

Quanto sono importanti per gli Stati Uniti?

Gli Stati Uniti dipende dalle forniture di terre rare della Cina, che rappresentano l'80% dei suoi acquisti globali di questi materiali. Pechino controlla circa l'85-95% della produzione e della fornitura di tutte le terre rare. L'anno scorso, il paese asiatico ha prodotto circa il 78% del volume globale di questi metalli.

Le terre rare sono tra i pochi elementi cinesi che le autorità statunitensi hanno esclusi dalla lista di elementi soggetti a tariffe, dimostrando la loro "importanza strategica", ha detto l'analista politico indipendente Alessandro Bruno a RT, il quale aggiunge che la Cina, dunque, capisce la sua importanza.

L'esperto ricorda anche che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti "è preoccupato per la mancanza di forniture adeguate di terre rare negli Stati Uniti, osservando che ciò compromette le capacità di produzione di armi".

Pechino utilizzerà la sua arma "strategica"?

Le terre rare sono "certamente le armi che la Cina può utilizzare nel suo arsenale di negoziati commerciali contro il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump", crede l'analista.

Secondo Bruno, se Pechino vieta le esportazioni di terre rare, potrebbe paralizzare l'industria globale, in particolare le tecnologie emergenti, come ci sono poche opzioni per quelle dei metalli tecnologici essenziali altrove. Tuttavia, l'analista afferma che "la Cina non vuole necessariamente farlo, perché non vuole che l'Occidente sviluppi alternative".

Ieri mattina le quote di terre rare sono salite alle stelle, dopo che i media di stato cinesi hanno avvertito che Pechino potrebbe utilizzare le esportazioni di questi materiali vitali per varie industrie come arma nella sua guerra commerciale con gli Stati Uniti.

Lo scontro tra gli Stati Uniti e la Cina è peggiorata nelle ultime settimane dopo che Washington ha deciso di includere nella sua lista nera commercio Huawei, il gigante delle telecomunicazioni cinese, che si accusa di spionaggio a favore di Pechino, qualcosa che la società nega.


Fonte: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-cosa_sono_le_terre_rare_e_perch_sono_una_opzione_nucleare_della_cina_nella_guerra_commerciale_degli_stati_uniti/82_28645/



Cita:
(lantanio, cerio, praseodimio, neodimio, promezio, samario, europio, gadolinio, terbio, disprosio, olmio, erbio, tulio, itterbio e lutezio)


uhshudsdshuadsahu sembrnao i nomi dei sette re di roma [:246]



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5483
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Soroslandia
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/05/2019, 18:19 
L'Europio se lo sniffa la Bonino, ha le dosi già pronte sotto il turbante! :D



_________________
Al è dibant cirî di insegnâ al mus, si piert dome timp e si infastidis la bestie!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11634
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/05/2019, 18:33 
Ufologo 555 ha scritto:
(... come dalle due Guerre Mondiali) [:305]

Che giusto per ribadirlo l'ennesima volta se non fosse stato per gli Usa (e per tutte quelle migliaia di loro ragazzi che han dato la vita per liberarci), oggi l'Italia starebbe ancora o sotto lo schiaffo nazista oppure sotto l'armata rossa con 1 pollo e 1 bottiglia di vodka al mese, senza una lira in tasca, senza internet e per alcuni anche senza Grande Fratello, Isola dei Famosi etc. grazie ai cui format "Sua Emittenza" da lavoro a centinaia di nostri connazionali o forse più così come in tutte quelle altre migliaia di aziende e piccole imprese che danno a campare a mezzo paese "grazie" al Capitalismo.



_________________
Make Italy great again!
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5483
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Soroslandia
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/05/2019, 18:50 
Ma non ti stanchi di ripetere sempre la stessa solfa del pollo??
Noi italiani siamo cresciuti grazie al LAVORO e all'INVENTIVA non al capitalismo.
Nell'epoca fascista vivevamo nelle palafitte?! Dai!
Il capitalismo è servito solo agli Agnelli e a quelli come loro per far soldi, chiedere gli aiuti di Stato, e infine andarsene a evadere le tasse in Olanda!

Legalmente, of course.
Grazie al sacro capitalismo quelli vengono sempre tutelati!
Quelli di Mercatone Uno un po' meno, mi risulta.
Può sembrare un discorso "di sinistra", in realtà le stesse cose le dicono pure a destrissima, e per la cronaca, pure una vasta schiera di liberali non è propriamente entusiasta di come è messo il globo allo stato attuale, grazie al turbocapitalismo che ci libera dal male.
Solo tu sei raggiante.
Buon per te.
Ma non pretendere che la tua minestra piaccia a tutti.



_________________
Al è dibant cirî di insegnâ al mus, si piert dome timp e si infastidis la bestie!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11634
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/05/2019, 18:53 
Tralasciando su pollo, vodka e affini (scusami ma mi piace ricordare cosa ci siamo scampati e credimi non è poco rispetto a come viviamo ora), ad ogni modo molti di voi continuano a incolpare il modello capitalistico (tu ci hai appena tirato in ballo la triste faccenda di Mercatone Uno). Ora io però ti rispondo con una domanda: come mai queste situazioni non si vedono in altri paesi che adottano lo stesso modello capitalistico di quello italico?



_________________
Make Italy great again!
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5483
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Soroslandia
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/05/2019, 19:41 
Di mega-licenziamenti ce ne sono sempre stati, mica solo in Italia. A mio avviso, (almeno da noi) il capitalismo, o per meglio dire, l'attuale modello liberista unito a politici corrotti, incapaci o letteralmente venduti, ha fatto più danni che altro.

Vedi l'Iri, opera del tanto vituperato fascismo, smantellata e distrutta da quel pirla di Prodi. Svendite a gogó, con la scusa di ripagare il debito...
Per cui non capisco che cosa sia rimasto da difendere: ormai i soldi si fanno col gioco d'azzardo della finanza, con le rendite, speculando sui titoli di stato, e stop.
Noialtri galleggiamo nel loro mare, ma alla prossima crisi (che più di qualcuno da per imminente) andremo tutti col culo per terra, nessuno escluso.



_________________
Al è dibant cirî di insegnâ al mus, si piert dome timp e si infastidis la bestie!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11634
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/05/2019, 22:04 
TheApologist ha scritto:
Di mega-licenziamenti ce ne sono sempre stati, mica solo in Italia. A mio avviso, (almeno da noi) il capitalismo, o per meglio dire, l'attuale modello liberista unito a politici corrotti, incapaci o letteralmente venduti, ha fatto più danni che altro.

Vedi l'Iri, opera del tanto vituperato fascismo, smantellata e distrutta da quel pirla di Prodi. Svendite a gogó, con la scusa di ripagare il debito...
Per cui non capisco che cosa sia rimasto da difendere: ormai i soldi si fanno col gioco d'azzardo della finanza, con le rendite, speculando sui titoli di stato, e stop.
Noialtri galleggiamo nel loro mare, ma alla prossima crisi (che più di qualcuno da per imminente) andremo tutti col culo per terra, nessuno escluso.

Ok, ma continui a fare esempi di situazioni italiane. Dimmi invece quale paese straniero che tu conosca ha svenduto aziende statali come accaduto in Italia oppure in quale paese gli stranieri han rilevato così tante aziende private come in Italia.

Questo per dire che non è in se il modello capitalistico a poter essere messo sotto accusa ma il modello-paese con cui viene gestito (o mal gestito a seconda dei casi).



_________________
Make Italy great again!
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5483
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Soroslandia
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 31/05/2019, 23:56 
Parlavo di Italia perchè tu insisti sul fatto che noi dobbiamo ringraziare qualcuno per avere adottato il loro modello economico, quindi ho portato un paio di esempi non virtuosi.

Pure negli Usa, che sono la patria del capitalismo, le cose non vanno propriamente alla grande. Se gli americani hanno eletto Trump, non l'hanno fatto perchè facesse guerre in giro per il globo (che effettivamente non sta facendo) bensì per disperazione, dato che in moltissimi hanno pagato a caro prezzo la crisi del 2007. La globalizzazione (ovvero la perenne ricerca di profitto) ha messo in ginocchio la cosiddetta "rust belt", tantissime fabbriche hanno chiuso e i lavoratori sono rimasti per strada.
Immagine
Immagine

Esiste un lato oscuro del capitalismo, nessuno ne parla mai, ma è ben radicato. In America c'è la concezione secondo cui i poveri meritano di crepare per strada o di vivere male perchè le loro condizioni disagiate sono una colpa, dovute esclusivamente a loro stessi e alla loro inefficienza come "prodotto" sul mercato.
Per me è bestiale, darwinismo...
Anche perchè dietro c'è sempre il trucco: è logico che chi nasce in una famiglia come quella dei Trump, oppure non ricchissima ma "benestante", abbia la possibilità di studiare, formarsi, andare al college, all'università, e diventare "classe dirigente".
Per la middle-low class certi traguardi non sono raggiungibili. Sono rari i casi in cui dei "nati poveri" siano diventati personalità di rilievo, penso al chirurgo (poi politico) Ben Carson, o ad alcuni attori/cantanti. Ma sono rare eccezioni.

Insomma, secondo il mio parere non è un modello ideale verso cui guardare (anche se, a conti fatti, in Italia è già così da un bel pezzo). A meno che non si sia ricchi, a quel punto non è una scelta ma una condizione quella di dichiararsi fieri amanti della pecunia.
Anche la criminalità e le mafie sono appendici del capitalismo, infatti i mafiosi ragionano come imprenditori. E lo sono, dato che vendono cose illegali, riciclano tranquillamente i loro profitti in attività legali, e prima che qualcuno se ne accorga, (quando vuole accorgersene) campa cavallo...

Preferirei una maggiore presenza dello Stato (ovvero "noi"), nelle grosse aziende, nell'economia di un Paese e non solo, che usasse il pugno di ferro impedendo ai ladroni di svuotare le casse e scappare col malloppo, e in poche parole, che picchiasse duro quando qualcuno fa il furbo o lo stronzetto.
Ma la mia è un'utopia, dato che gli Stati ormai sono diventati S.P.A., sempre piu' deboli proprio per il concetto -truffa- del finanziamento a deficit, con banche centrali PRIVATE che decidono quanti soldi PRESTARE (ad interesse -ti sei mai chiesto chi intasca gli interessi sul denaro creato dal nulla, che poi PRESTA?)...

Per farla breve, bisogna restituire il primato alla politica; se si "lascia fare" al capitale e alla finanza... Beh tra non molto si potrà pure fare a meno di votare, altrochè gilet gialli. Già ora possiamo renderci conto che non serve a molto, basta che accendi la tv e te ne rendi conto... Abbiamo un governo col 52% dei consensi dopo un anno: sembrano degli abusivi, non c'è un'istituzione politica, finanziaria o un canale mediatico che non li massacri.
Soltanto perchè si "ventila" l'introduzione di un metodo di pagamento alternativo all'euro.
Demos Kratos, potere del popolo: ti sembra che sia così? Io vedo uno STRA-potere assoluto della finanza speculativa che non vuole perdere le sue prebende ai nostri danni.
La vedo MOLTO grigia...
Scusa per la prolissità e le digressioni. [:246]



_________________
Al è dibant cirî di insegnâ al mus, si piert dome timp e si infastidis la bestie!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 11823
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 03/06/2019, 08:26 
Boeing a compagnie, problema su ali 737


© ANSA Boeing a compagnie, problema su ali 737
(ANSA) - WASHINGTON, 2 GIU - Boeing ha annunciato che alcuni dei suoi aerei 737, compresi molti dei 737 Max già bloccati dopo i due incidenti in Indonesia ed Etiopia, possono avere alcune parti difettose sulle ali. La società ha avvisato le compagnie che operano i 737 di ispezionare le alule (componenti per il controllo aerodinamico) sui modelli Max e Ng (che includono i 737-600, -700, -800 e -900).
Boeing 737 Max, 6 minuti di tentativi disperati per evitare lo schianti.
https://www.msn.com/it-it/notizie/mondo ... spartanntp


E sono convinti di sbarcare su Marte!. [:302]


Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 07/06/2019, 08:03 
Quante ne combina er pannocchia. Immagine


Trump ha approvato il trasferimento di tecnologie nucleari a Riad due volte dopo l'assassinio di Khashoggi


Immagine


______________________________________________
Secondo i dati ufficiali ottenuti dal Senato degli Stati Uniti, in totale lo ha fatto sette volte dalla fine del 2017.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯



¯
L'amministrazione del presidente americano Donald Trump ha trasferito sette volte le tecnologie nucleari all'Arabia Saudita da dicembre 2017, ha annunciato il senatore Tim Kaine in una dichiarazione pubblicata martedì scorso sul suo sito web ufficiale, in cui cita le informazioni fornite da Dipartimento dell'Energia in risposta a un ordine del presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, James Risch.

Due approvazioni hanno avuto luogo dopo l'omicidio di Jamal Khashoggi, giornalista saudita e residente negli Stati Uniti che è stato smembrato da un gruppo di agenti di Riad poco dopo essere entrato nel Consolato Generale dell'Arabia Saudita a Istanbul, il 2 ottobre 2018.

"Ho seri dubbi sul fatto che le decisioni riguardanti i trasferimenti nucleari [di tecnologie] siano state prese in base ai legami finanziari della famiglia Trump e non agli interessi del popolo americano", ha affermato Kaine.

"Il desiderio del presidente Trump di dare ai sauditi quello che vogliono, nonostante le proteste di entrambe le parti al Congresso, ferisce gli interessi della sicurezza nazionale degli Stati Uniti", ha detto il senatore, aggiungendo che la Casa Bianca "sta alimentando una pericolosa escalation di tensione" in Medio Oriente.

A febbraio, il capo della Commissione per la supervisione e la riforma della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, il democratico Elijah Cummings, ha avviato un'indagine sul presunto tentativo dell'amministrazione Trump di trasferire "tecnologia nucleare altamente sensibile" a Riad.
_



Fonte




Immagine



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4344
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 08/06/2019, 15:24 
Cita:


L'intesa dopo giorni di negoziati Trump: "Raggiunto accordo con il Messico su immigrazione, niente dazi"


"Il Messico ha accettato di adottare misure forti per fermare la marea di immigrati attraverso il nostro confine meridionale", ha detto il presidente degli Stati Uniti

Trump e le guerre commerciali. Tocca al Messico Usa, scandalo al confine con il Messico: 900 migranti stipati in un centro per 125 Trump e i dazi: la Cina agisca ora o l'accordo sarà peggiore 08 giugno 2019 Niente dazi Usa sull'export del Messico. I due Paesi hanno raggiunto un'intesa dopo tre giorni di negoziati. L'annuncio è stato dato via Twitter da Donald Trump, poche ore dopo il suo rientro dal lungo viaggio europeo. "Sono felice di informarvi che gli Stati Uniti d'America hanno raggiunto un accordo firmato con il Messico. Le tariffe che dovevano essere applicate dagli Usa da lunedì contro il Messico sono dunque sospese a tempo indeterminato. Il Messico, a sua volta, ha accettato di adottare misure forti per fermare la marea di immigrati attraverso il nostro confine meridionale. Questo è stato fatto per ridurre, o eliminare, l'immigrazione illegale proveniente dal Messico negli Stati Uniti". Pochi minuti dopo è arrivata la conferma, sempre via Twitter, del ministro degli Esteri messicano, Marcelo Ebrard, da mercoledì scorso a Washington per negoziare un accordo in extremis. Già quando era a bordo dell'Air Force One il tycoon aveva lanciato segnali di ottimismo, twittando che c'era "una buona chance di fare l'accordo". I dettagli sono stati diffusi dal dipartimento di Stato americano, che ha condotto i negoziati con il Messico, Paese fortemente deciso ad evitare la minaccia di dazi crescenti sul proprio export, a partire dal 5% sino al 25% in ottobre. Le misure previste Da lunedì il Messico dispiegherà la guardia nazionale lungo il suo confine meridionale per fronteggiate il flusso di migranti diretti negli Stati Uniti, contrastando le gang criminali e collaborando con l'intelligence di Washington. Gli Usa estenderanno le deportazioni in Messico dei richiedenti asilo in attesa che venga presa una decisione sulla loro domanda. Il dialogo sull'immigrazione tra Usa e Messico andrà avanti e se entro novanta giorni non saranno rilevati risultati, "saranno intraprese altre azioni", secondo il comunicato congiunto diffuso dal dipartimento di Stato americano. Il Messico avrebbe però rifiutato la richiesta Usa di diventare un "paese terzo sicuro", cosa che l'avrebbe costretto a prendersi gran parte dei migranti centroamericani. Il presidente messicano Lopez Obrador ha esultato, ringraziando "per il sostegno tutti i messicani" e confermando il comizio che aveva programmato per oggi al confine, a Tijuana, prima che venisse raggiunto un accordo, per protestare contro le tariffe commerciali annunciate da Trump. Mentre il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, in una nota ha ringraziato l'omologo messicano, "per il duro lavoro nel negoziare un'intesa" che va beneficio di entrambi i paesi. Le parti continueranno a discutere per altri 90 giorni su ulteriori passi da prendere. Si conclude così per ora un conflitto da cui Trump esce in qualche modo vincitore grazie all'arma delle tariffe, anche se l'entrata in vigore dei dazi avrebbe danneggiato pure i consumatori e l'economia americana. E anche i mercati, da lunedì, tireranno un sospiro di sollievo, in attesa di vedere come finirà la guerra dei dazi con la Cina. Mentre con la Turchia aumentano le tensioni sugli armamenti, in particolare su F-35 e antiaerea S-400, dopo che il capo dell'azienda di Stato russa Rostec, Sergheij Chemezov, ha annunciato che entro due mesi saranno in grado di fornire alla Turchia l’armamento missilistico antiaereo S-400. Uno strumento che "non è compatibile con gli armamenti Nato", dicono a Washington.


http://www.rainews.it/dl/rainews/artico ... refresh_ce


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11634
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 08/06/2019, 16:26 
TheApologist ha scritto:
Esiste un lato oscuro del capitalismo, nessuno ne parla mai, ma è ben radicato. In America c'è la concezione secondo cui i poveri meritano di crepare per strada o di vivere male perchè le loro condizioni disagiate sono una colpa, dovute esclusivamente a loro stessi e alla loro inefficienza come "prodotto" sul mercato. Per me è bestiale, darwinismo...Anche perchè dietro c'è sempre il trucco: è logico che chi nasce in una famiglia come quella dei Trump, oppure non ricchissima ma "benestante", abbia la possibilità di studiare, formarsi, andare al college, all'università, e diventare "classe dirigente".

Premesso che Trump ha rilanciato alla grande l'economia americana con di riflesso una diminuzione drastica della disoccupazione vorrei ricordare che anche che a questo mondo ci sono anche fior di ricconi sfondati che grazie alle loro donazioni fanno opere di beneficenza.

TheApologist ha scritto:
Preferirei una maggiore presenza dello Stato (ovvero "noi"), nelle grosse aziende, nell'economia di un Paese e non solo, che usasse il pugno di ferro impedendo ai ladroni di svuotare le casse e scappare col malloppo, e in poche parole, che picchiasse duro quando qualcuno fa il furbo o lo stronzetto.

Mi trovi assolutamente d'accordo.

TheApologist ha scritto:
Per farla breve, bisogna restituire il primato alla politica; se si "lascia fare" al capitale e alla finanza...

Questo ragionamento va preso con le pinze. Spesso singoli paperoni o cordate di industriali hanno evitato che grosse aziende andassero gambe all'aria con conseguenti licenziamenti (vedi Alitalia ad esempio).

TheApologist ha scritto:
Parlavo di Italia perchè tu insisti sul fatto che noi dobbiamo ringraziare qualcuno per avere adottato il loro modello economico, quindi ho portato un paio di esempi non virtuosi.

Capisco il ragionamento ma torna a porsi l'atavico punto di domanda: se non avessimo accettato quel modello economico quale avremmo dovuto scegliere?



_________________
Make Italy great again!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11634
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 08/06/2019, 16:28 
Dimenticavo:
per ciò che concerne le eventuali tecnologie nucleari ai sauditi mi sembra il minimo sindacale davanti al pericolo nucleare rappresentato dall'Iran.



_________________
Make Italy great again!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 11823
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 08/06/2019, 17:41 
sottovento ha scritto:
Dimenticavo:
per ciò che concerne le eventuali tecnologie nucleari ai sauditi mi sembra il minimo sindacale davanti al pericolo nucleare rappresentato dall'Iran.


Non sapevo che l'IRAN dispone già di armi nucleari. [:291]


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1930 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 124, 125, 126, 127, 128, 129  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 25/08/2019, 21:46
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org