Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2033 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 132, 133, 134, 135, 136  Prossimo
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5102
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 16/09/2020, 16:12 
Washington, firmato alla Casa Bianca l'accordo tra Israele, Emirati e Bahrein. Trump: "Giorno storico, alba di un nuovo Medio Oriente"


Alla cerimonia con i ministri degli esteri di Abu Dhabi e Manama, il premier israeliano Benjamin Netanyahu esordisce in arabo: "Salam Alaykum". Il plauso di Biden. La reazione palestinese: "Pugnalati alle spalle". Tredici razzi sparati dalla Striscia di Gaza, 8 intercettati. Nella notte reazione israeliana: "Colpiti 10 obiettivi di Hamas"


https://www.repubblica.it/esteri/2020/0 ... 267397868/


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20142
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 16/09/2020, 17:49 
I palestinesi ormai sono come i pellerossa negli USA una specie in via di estinzione confinata in una riserva da chi occupa abusivamente la loro terra natia.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4628
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 20/09/2020, 12:39 
Chomsky: Perché oggi il rischio di estinzione umana è più forte che mai


Immagine


L'umanità è minacciata da tre grandi crisi - nucleare, ambientale e democratica - che sono diventate ancora più gravi durante la presidenza Trump, ha affermato l'intellettuale statunitense


¯
Il linguista e politologo americano Noam Chomsky , tra i pi più grandi intellettuali viventi, ha avvertito che il mondo sta attualmente vivendo il momento più pericoloso della sua storia, poiché l'umanità deve ora affrontare contemporaneamente la minaccia di una guerra nucleare , l'imminenza di una catastrofe ambientale e, inoltre, il crescente autoritarismo.


In un'intervista concessa New Statesman, il brillante pensatore e scrittore 91enne, autore di dozzine di opere politiche come ' Who Rules the World? o " Stati falliti: l'abuso di potere e l'attacco alla democrazia" , afferma che i pericoli di oggi superano persino quelli degli anni '30 .
"Sono abbastanza vecchio per ricordare, in modo molto vivido, la minaccia che il nazismo avrebbe potuto impossessarsi di gran parte dell'Eurasia. Non era una preoccupazione inutile", ha detto Chomsky. "Ma anche questo, abbastanza orribile, non era come la fine della vita umana organizzata sulla Terra, che è ciò che stiamo affrontando", ha avvertito.

Secondo l'attivista americano, l'umanità sta attualmente affrontando "una sorprendente confluenza" di diverse gravi crisi : la crescente minaccia di una guerra nucleare - "probabilmente più grave di quanto non fosse durante la Guerra Fredda" - e di una catastrofe ambientale. , così come "il forte deterioramento della democrazia".

Durante la presidenza di Donald Trump, ha osservato l'intellettuale, la minaccia di ciascuno di questi tre pericoli è aumentata enormemente: gli Stati Uniti hanno abbandonato il trattato nucleare INF con la Russia, hanno intensificato l'uso di combustibili fossili, mentre il suo ramo esecutivo è rimasto senza un unica "voce dissidente" diventando un "gruppo di adulatori".

"L'unica speranza per affrontare le due crisi esistenziali, che minacciano l'estinzione , è affrontarle attraverso una democrazia vibrante, con cittadini impegnati e informati che partecipano allo sviluppo di programmi per affrontare queste crisi", secondo Chomsky.

Chomsky ha rilasciato questa intervista prima del'Internazionale Progressista, che si terrà da oggi fino a domenica in videochiamata e vedrà la partecipazione di Yanis Varoufakis, Naomí Klein, Luis Arce, Andrés Arauz, Alicia Castro, il cui consiglio include anche l'ex cancelliere ombra John McDonnell, il romanziere Arundhati Roy e l'ex presidente dell'Ecuador Rafael Correa.

A tal proposito Chomsky ha definito l'Internazionale progressista come "una coalizione libera di persone impegnate per un mondo di giustizia, pace, partecipazione democratica, di cambiamento sociale e istituzioni economiche, in modo che non siano orientate al profitto privato di pochi ma ai bisogni e alle preoccupazioni della popolazione in generale ".

Fonte: Foto AFP
Notizia del: 18/09/2020
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7301
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 25/09/2020, 14:10 
Ladies and gentleman, Pedo Joe
Guarda su youtube.com


Porca putt... che schifo, viscido maiale [:(!]



_________________
“Questa crisi, questo disastro [europeo] è artificiale, e in sostanza questo disastro artificiale ha quattro lettere: EURO.”
Joseph Stiglitz
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20142
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 26/09/2020, 13:05 
Cita:
"Democratici" pronti a golpe e caos in caso di vittoria di Trump?

Immagine

di Antonio Di Siena


Molto interessanti le notizie sulle presidenziali americane provenienti da oltre oceano.


Illustri analisti, ex procuratori distrettuali, professori e giuristi anticipano con una sicurezza quantomeno sospetta quello che sarà l'esito delle elezioni USA.

Nonostante una campagna elettorale anonima e ignorata praticamente da tutti Joe Biden vincerà le elezioni presidenziali.

Un risultato, dato praticamente per scontato, che si verificherà in ogni caso e a prescindere dal formale esito elettorale.

Nel caso in cui il candidato democratico esca vincitore dall’urna, infatti, si dà per certo che lo sconfitto Trump, quello che al contrario di Biden fa bagni di folla ovunque vada, non riconoscerà la vittoria del suo sfidante.

Immagine

Attraverso questo “sgarbo istituzionale” si metterebbe infatti nelle condizioni di sfruttare a suo vantaggio il periodo di interregno fra l’esito elettorale e il giuramento (circa due mesi e mezzo) tentando così qualunque strada, più o meno costituzionale, per sovvertire l’esito del voto direttamente dalla scrivania della Casa Bianca. Riconteggi, ricorsi, sentenze addomesticate. Fino alle rivolte di piazza.

Ma non è tutto.

Perché negli U SA sono preparatissimi anche all’ipotesi peggiore: quella in cui la notte del 3 novembre Trump viene democraticamente rieletto dal popolo americano.

In questo secondo scenario si danno per certi brogli elettorali, tentativi di revoca del diritto di voto all'ultimo minuto e ovviamente compravendita di voti. Una pratica molto simile a quanto fatto in queste ore da Michael Bloomberg, il miliardario democratico che pochi giorni fa ha pagato di tasca su 16 milioni di $ di multe e spese giudiziarie in favore di centinaia di pregiudicati della Florida per consentir loro di votare alle presidenziali. Per Biden ovviamente.

Su alcuni media tecnicamente molto autorevoli si afferma con certezza che Donald Trump abbia pronto da tempo un piano molto dettagliato per sovvertire il “naturale” esito delle elezioni, un progetto articolato su più livelli. Da una parte impedire, o quantomeno rendere molto difficoltoso, il voto per corrispondenza (modalità di cui il Presidente USA è acerrimo nemico, e chissà come mai viene da chiedersi..) e quindi sfruttare tutte le falle e i ritardi delle procedure di voto a distanza per accreditarsi come vincitore la notte stessa del voto. Ben prima quindi dell'esito ufficiale (un po' come accadde nel 2000 fra Bush e Gore).

Dall’altra organizzare disordini grazie alla collaborazione dei suoi sostenitori, i famosi “suprematisti bianchi”, incaricati di scatenare risse fuori dai seggi, mettere a ferro e fuoco le strade e per far dichiarare lo stato d'emergenza.

Uno stato di cose che potrebbe addirittura “costringere” gli Stati a sospendere le operazioni di voto e nominare direttamente i grandi elettori, purché siano pro Trump s'intende. Violenze che, ovviamente, dovranno proseguire incessanti per giorni. Diventando tanto più cruente tanto più due candidati saranno vicini nelle percentuali di consenso.

In ogni caso quindi il legittimo presidente dovrà essere Joe Biden. Povera vittima di una antidemocratica strategia golpista degna dei peggiori regimi dispotici.

Un colpo di stato in piena regola del cui verificarsi sono certi, manco a dirlo, nella redazione di un magazine considerato autorevole, equilibrato e indipendente come The Atlantic (la rivista che ha “diagnosticato” a Trump psicopatia, disturbi narcisistici e un'altra decina di patologie mentali). Un periodico che, insieme a tanti altri “organi d’informazione”, diffonde da mesi queste speculazioni destituite di ogni fondamento spacciandole per verità.
Ma con quale obiettivo?

Che si voglia orientare l’elettorato spingendolo verso il voto democratico è fin troppo evidente. Il timore però è che sotto ci sia dell’altro, qualcosa di molto più inquietante e pericoloso.

La prima volta che ho sentito ipotizzare lo scenario in cui il candidato perdente non riconosce la sconfitta, l’ho sentito da Hillary Clinton. Il politico più potente e maggiormente rappresentativo dell’establishment degli Stati Uniti.

È stata proprio lei ad affermare pubblicamente che Biden non dovrà in nessun caso riconoscere la vittoria di Trump, perché questa sarà per certo viziata.

Una frase fortissima che contiene due verità. I dem sanno che Trump vincerà (e lo farà regolarmente). I dem sanno che per tornare alla Casa bianca dovranno fare qualcosa che si pone al di fuori dell’ordinamento giuridico e costituzionale. O quantomeno della sua prassi secolare.

Come farlo legittimamente agli occhi dell’opinione pubblica americana?

Come hanno sempre fatto in giro per il mondo. Accusando il politico sgradito di turno di essere un dittatore antidemocratico che trucca le elezioni. Niente di più facile.

Solo un tonto quindi può non avvedersi di quello che sta per succedere. A Washington qualcuno sta da tempo (e meticolosamente) preparando il terreno per una gigantesca operazione di delegittimazione democratica. Per conto di quell'establishment che ritiene sacrosanto riprendersi ciò che è suo per diritto naturale: il governo del Paese più potente del mondo.

E stavolta sembrano davvero pronti a tutto.

Quattro anni fa furono presi alla sprovvista e persero. Oggi le cose potrebbero realisticamente prendere una piega ben peggiore. Fino a far sprofondare gli Stati Uniti nel caos. Le avvisaglie lungo le strade ci sono già tutte, e da molti mesi.

Per questo, a differenza del 2016, non sono così sicuro di come andrà a finire. Capiamoci, esattamente come quattro anni fa, sono assolutamente certo che Trump vincerà le elezioni. Il problema è che questa volta non è detto che la cosa sia sufficiente per governare. Sembra gli si stia per scatenare contro una violentissima tempesta di fuoco.

Forse è davvero arrivata la resa dei conti. Un redde rationem dall’esito incerto che potrebbe trascinare il paese in una seconda guerra civile.

Per questo motivo, e pur detestando le iperboli, credo davvero che le presidenziali 2020 siano le più importanti della storia americana.

Uno spartiacque che potrebbe cambiare profondamente - e definitivamente - il volto degli USA e per riflesso quello del mondo intero.
Notizia del: 25/09/2020

fonte:https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-democratici_pronti_a_golpe_e_caos_in_caso_di_vittoria_di_trump/29278_37449/



Preparo i pop-corn



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20142
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 30/09/2020, 12:54 
Cita:

Il Deep State pensa a un golpe militare: Trump allo scontro finale contro il Nuovo Ordine Mondiale

Immagine

Cesare Sacchetti

Lacrunadellago.net



Il sorriso di Amy Coney Barrett brilla sul prato della Casa Bianca quando il presidente Trump lo scorso sabato l’ha nominata a giudice della Corte Suprema.

Il presidente ha mantenuto una promessa che aveva fatto già in precedenza ai suoi consiglieri, ai quali aveva confidato di tenere in serbo la sua nomina per l’organo giurisdizionale più importante degli Stati Uniti.

Nei giorni scorsi, la reazione dei media mainstream e dell’apparato del partito democratico americano di fronte alla possibilità che Trump potesse esercitare le sue legittime prerogative presidenziali è stata letteralmente isterica e furiosa.

Per i democratici era intollerabile che Trump sostituisse la giudice Ginsburg, la togata di origini ebraiche e madrina di battaglie femministe e abortiste, prima del 3 novembre quando si terranno appunto le elezioni presidenziali.

In realtà, Trump non ha fatto altro che seguire il consiglio dello stesso Obama che nel 2016 disse chiaramente che non c’era nulla di ostativo alla nomina di un giudice della corte Suprema, anche nell’anno delle presidenziali.

In questo senso, emerge ancora una volta il doppio standard della sinistra mondialista.



Ciò che viene considerato legittimo e democratico se applicato dalla sinistra diventa dittatoriale e pericoloso se applicato dai conservatori.

Per confermare la nomina della Barrett ora manca solo il voto del Senato, ma su questo non sono previsti intralci particolari, dal momento che il leader della maggioranza repubblica, McConnell, ha dato rassicurazioni di voler confermare la scelta del presidente.

La nomina della Barrett potrebbe mettere fine all’aborto negli USA

Appare certo comunque un fatto. La nomina di Amy Coney Barrett sposta decisamente l’asse della Corte verso posizioni più conservatrici, soprattutto in materia di temi etici.

Se la Ginsburg poteva essere considerata la paladina del diritto all’aborto, la Barrett di converso può essere considerata la paladina del diritto alla vita.

Sono note infatti le sue posizioni contro l’aborto definito “sempre immorale.”

Allo stesso tempo, appare sempre più probabile che la Corte possa rovesciare una sua stessa sentenza del lontano 1973, il caso Roe contro Wade, tramite la quale si è difatti legalizzato lo stesso aborto.





La sentenza è piuttosto controversa perchè non sono pochi i giuristi che ne hanno messo in discussione la costituzionalità, dal momento che l’aborto non è previsto nella carta degli Stati Uniti.

Con l’ingresso della Barrett nella Corte si avvicina la possibilità che la Corte si pronunci di nuovo sulla questione, soprattutto perchè la giudice, allieva di un altro noto giudice del supremo organo giurisdizionale americano, Antonin Scalia, sposa il cosiddetto approccio originalista che vede il giudice come esecutore del diritto, e non come suo creatore.

Questa nomina dunque assume una importantissima valenza morale alla luce della battaglia cristiana per i valori e per la difesa della vita sin dal suo concepimento.

L’importanza politica sta invece nella possibilità che la Corte possa pronunciarsi su eventuali battaglie legali per le prossime elezioni presidenziali, senza andare incontro ad un ipotetico stallo decisionale, dal momento che se la Barrett sarà confermata dal Senato, i giudici saranno nove e non potrà esserci uno scenario di parità.

Come è noto, quest’anno ci sarà un maggiore ricorso al voto postale, definito da Trump come una potenziale frode, e non saranno poche le contestazioni che verranno mosse in questo senso.

Ad ogni modo, al netto del voto postale, Trump non dovrebbe avere particolar problemi ad aggiudicarsi un secondo mandato, se si considera anche un modello statistico che raramente ha fallito e che lo vede affermarsi come vincitore della contesa al 91%.

La Corte con sei giudici conservatori contro tre progressisti servirà dunque a respingere eventuali contestazioni dei democratici che probabilmente adiranno la strada del ricorso legale pur di non concedere la vittoria a Trump.

E’ per questo che l’ingresso della Barrett nella Corte rappresenta un colpo durissimo del presidente contro l’establishment che ora non potrà più fare affidamento sulla carta dell’impasse giuridico.

Esclusa dunque la possibilità di vincere una battaglia legale, al deep state non resterà altro che continuare ad alimentare le insurrezioni e le rivolte violente che stanno destabilizzando gli Stati Uniti.

Si tratta di una sorta di strategia della tensione permanente. A Washington, si è già insediato permanentemente fino al 3 novembre AdBusters, un gruppo finanziato da George Soros, che scatenerà il caos specialmente in caso di sconfitta di Biden.

Allo stesso modo, Black Lives Matter, anch’esso finanziato da Soros e da altri importanti gruppi finanziari e industriali americani, continua con le sue devastazioni.

L’ultima ha visto l’imbrattamento di una cattedrale a San Diego, profanata con murales di croci rovesciate, svastiche e scritte che inneggiavano a Biden.

La croce rovesciata negli ambienti satanisti è una chiara dissacrazione della croce di Cristo, una circostanza che aiuta a comprendere meglio quale sia la filosofia che ispira il movimento sovvenzionato da Soros.

Una delle fondatrici di questo gruppo, non a caso, si dichiara come devota all’occultismo.

Il deep state pensa al golpe militare per togliere di mezzo Trump

Tutto questo comunque potrebbe non essere sufficiente.

Per rovesciare l’esito del voto, il mondialismo ha bisogno di qualcosa di ancora più drastico e quel qualcosa potrebbe essere un colpo di Stato orchestrato dall’apparato militare.

Sono stati gli stessi ambienti dell’establishment a considerare apertamente questa soluzione.

Il gruppo bipartisan Transition Integrity Project (TIP), formato da politici e giornalisti del deep state di estrazione repubblicana e democratica, ha tracciato diversi scenari e in uno di questi prevede, tra gli altri, una vittoria delle elezioni da parte di Trump nel collegio elettorale mentre il voto popolare invece andrebbe a Biden.

Sarebbe esattamente la fotocopia di quanto accaduto nel 2016 con la Clinton, e questo significherebbe per Trump la conquista di un secondo mandato.

Se ciò dovesse accadere, il TIP non si tira affatto indietro e suggerisce apertamente di rovesciare il presidente degli Stati Uniti con un colpo di Stato militare.

Per capire quali personaggi appartengono a questo gruppo, basti citare due nomi di primo piano.

Il primo è John Podesta, già direttore della campagna elettorale di Hillary Clinton nel 2016 ed ex capo dello staff di Bill Clinton durante gli anni del suo mandato alla Casa Bianca.

Il nome di Podesta probabilmente è già noto a molti per essere stato coinvolto nell’affare Wikileaks che ha pubblicato molte delle sue email con la Clinton quando questa era segretario di Stato sotto la presidenza Obama.

Il suo nome è stato associato anche ad un’altra torbida vicenda nota come “Pizzagate” nel quale una pizzeria di Washington, la Comet Ping-Pong, di proprietà di James Elefantis, è stata accusata di essere al centro di un traffico di pedofilia internazionale.

Podesta, assieme a suo fratello Tony un potentissimo lobbista, è stato anche accostato al caso del rapimento della bambina Madeleine McCann avvenuto in Portogallo.

Secondo alcuni, gli identikit mostrati da Scotland Yard degli uomini visti allontanarsi con la piccola avrebbero una notevole somiglianza con quelli di John e Tony Podesta.

Sotto vengono mostrate le immagini in modo che ognuno possa farsi una sua idea riguardo alla somiglianza tra i rapitori e i fratelli Podesta.

Immagine

Il secondo personaggio di peso del TIP è Bill Kristol, americano di origini ebraiche, già noto per essere stato uno dei falchi di punta del PNAC, il progetto per un nuovo secolo americano, che prevedeva una affermazione degli Stati Uniti sulla altre potenze nascenti, Russia e Cina, senza escludere uno scontro militare che avrebbe portato con ogni probabilità alla terza guerra mondiale.

Nel PNAC c’erano anche molti dei falchi neocon che hanno fatto parte dell’amministrazione presidenziale di Bush figlio, quali Wolfowitz, Rumsfeld e Dick Cheney e che hanno dato il via alle guerre in Afghanistan e Iraq.

Dentro il TIP dunque ci sono quindi esponenti di primo piano del deep state più profondo che è disposto a tutto pur di rovesciare Trump.

La lobby militare sembra in particolar modo essere quella più agguerrita.

Non è stato solo il gruppo in questione infatti a proporre un golpe militare. Prima ancora erano arrivati altri inquietanti segnali in questa direzione.

Lo scorso luglio John Nagl e Paul Yingling, colonnelli in pensione delle forze armate avevano indirizzato una lettera a Mark Milley, capo dello Stato maggiore americano, nella quale in pratica chiedevano l’intervento dei militari per rimuovere Trump dalla Casa Bianca che a detta dei due “sta attivamente sovvertendo il sistema elettorale” del Paese.

E non è stata questa l’unica allarmante uscita nella quale si chiedeva di allontanare Trump con la forza dall’ufficio ovale.

Il generale James Mattis, ex segretario alla Difesa dello stesso Trump e in netto contrasto con la decisione del suo comandante in capo di ritirare le truppe USA dalla Siria, ha apertamente invocato una “azione collettiva” contro il presidente degli Stati Uniti.

Prima ancora di queste preoccupanti esternazioni di noti esponenti delle forze armate americane, i vertici militari di Washington sembravano comunque già prepararsi ad entrare in azione in caso di una situazione di generale ingovernabilità.

Lo scorso marzo infatti la rivista Newsweek pubblicò un rapporto riservato preparato dagli Stati maggiori riuniti delle forze armate americane, nel quale si prevedeva appunto un intervento dei militari per prendere il potere qualora il Paese si fosse trovato in uno stato di caos generale a causa della crisi del coronavirus, e nel caso in cui la “autorizzazione del Presidente sia impossibile” da ricevere.

Non si comprende bene quale tipo di situazione, secondo questo rapporto, potrebbe portare a impedire al presidente in carica di agire secondo le prerogative che la Costituzione gli assegna, ma tutto lascia pensare che alcuni ambienti militari abbiano già deciso di superare il perimetro della legalità costituzionale e intervenire alla luce di una probabile vittoria di Trump.

In questo caso, a prendere le redini del potere, nel piano dello Stato maggiore USA, sarebbe il Comando del Nord, diretto dal generale VanHerck, e creato dal presidente Bush dopo l’11 settembre.

I nemici di Trump tra il deep state dunque sono molti specialmente al Pentagono.

E’ stato lo stesso Trump a spiegare come la sua politica di disimpegno dal Medio Oriente stia mettendo a rischio gli interessi delle grandi corporation che ricavano ingenti profitti dalle guerre.

Allo stesso tempo, il presidente americano sta mettendo in discussione uno dei dogmi dell’ordine mondialista che si è instaurato dopo il secondo dopoguerra, quello che ha affidato agli USA il ruolo di guardiano del Nuovo Ordine Mondiale.

Dal 1945 ad oggi, la potenza militare degli Stati Uniti è stata utilizzata come un’arma per disciplinare i Paesi e i leader politici che hanno osato ribellarsi ai piani della élite mondialista.

L’elezioni USA saranno decisive e l’autunno del 2020 cambierà la storia del mondo

Ecco perchè queste elezioni assumono una importanza capitale, probabilmente come non l’hanno mai avuta tutte le precedenti elezioni.

Monsignor Viganò, in questo momento guida spirituale contro la cabala mondialista, ha ribadito come queste elezioni negli USA siano fondamentali per decidere le sorti dell’umanità.

Si decide, in altre parole, se il mondo negli anni a venire sarà destinato ad entrare nell’ultima fase del Nuovo Ordine Mondiale, quella che vede l’instaurazione di un supergoverno globale nelle mani delle grandi famiglie del mondialismo, oppure se ci sarà ancora la possibilità di vivere in nazioni libere dal giogo del più minaccioso e pericoloso totalitarismo della storia.

L’elezione americana pertanto non solo segnerà la storia dell’America, ma quella del mondo intero.

Senza la superpotenza di Washington, è impensabile arrivare alla formazione di un governo unico mondiale che assumerebbe le forme di una moderna Torre di Babele.

E’ per questo che la nomina della giudice Barrett alla corte suprema ha messo praticamente al sicuro qualsiasi scenario che possa portare ad un’invalidazione giuridica di una vittoria sempre più probabile di Trump.

Ecco perchè le élite hanno bisogno dei militari per togliere di mezzo una minaccia senza precedenti per i loro piani.

Se alcuni vertici del Pentagono potrebbero schierarsi a favore di questo tentativo di colpo di Stato, la partecipazione delle truppe non è affatto scontata.

Lo stesso Trump ha ricordato che le truppe sono con lui, e pertanto difficilmente accetterebbero di violare la Costituzione e rovesciare un presidente regolarmente eletto.

Il sistema quindi è furioso e pronto a tutto, ma le sue chance di rimuovere il presidente non sembrano favorevoli come accaduto nel lontano 1963 con il presidente Kennedy.

Trump è probabilmente il presidente americano che si sta più avvicinando a sferrare un colpo letale al piano del Nuovo Ordine Mondiale.

Monsignor Viganò si è detto convinto che alla fine la Provvidenza interverrà per consegnare l’America a Trump.

Forse la nomina della giudice Barrett, che una volta esortò i suoi studenti a mettere al servizio la loro professione per arrivare al regno di Dio è stato un segnale decisivo in questo senso.

Qualsiasi sarà l’esito di questa guerra politica, ma soprattutto spirituale, un fatto appare certo.

L’autunno del 2020 è davvero storico. L’autunno del 2020 deciderà il destino dell’umanità per i prossimi decenni.

———

Fonte: https://lacrunadellago.net/2020/09/29/il-deep-state-pensa-a-un-golpe-militare-trump-allo-scontro-finale-contro-il-nuovo-ordine-mondiale/

Pubblicato il 29 Settembre 2020

Fonte: https://comedonchisciotte.org/il-deep-state-pensa-a-un-golpe-militare-trump-allo-scontro-finale-contro-il-nuovo-ordine-mondiale/




_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17670
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 03/10/2020, 10:06 
Non è che con la scusa del coronavirus
Attentano alla vita di Trump??
Fossi in lui starei molto attento..

Comunque c sono tutti gli estremi x rinviare di qualche mese le elezioni..



_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml
Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no”perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable. Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 824
Iscritto il: 10/11/2017, 20:03
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 03/10/2020, 12:03 
mik.300 ha scritto:
Non è che con la scusa del coronavirus
Attentano alla vita di Trump??
Fossi in lui starei molto attento..

Comunque c sono tutti gli estremi x rinviare di qualche mese le elezioni..


In giro si legge che il partito repubblicano, in caso di peggioramento del suo quadro clinico, potrebbe anche decidere di virare su un altro candidato. Sarebbe il benservito senza bisogno di magheggi.


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20142
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 03/10/2020, 12:41 
mik.300 ha scritto:
Non è che con la scusa del coronavirus
Attentano alla vita di Trump??
Fossi in lui starei molto attento..

Comunque c sono tutti gli estremi x rinviare di qualche mese le elezioni..


Ci stanno provando da un pò saggiando il suo apparato difensivo a sto giro se vorranno avranno vita facile. Tanto o lo accoppano ora o dopo che avrà vinto l'effetto deflagrante sarà lo stesso penso.

Cita:
Il centro di ricerca russo che ha creato il vaccino contro il Covid-19 offre il suo aiuto a Trump

Immagine

Il Gamaleya National Research Center for Epidemiology and Microbiology della Russia, che ha creato il primo vaccino contro il covid-19, Sputnik V, ha dichiarato di essere pronto ad aiutare il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, a cui è stato recentemente diagnosticato il coronavirus, nel caso in cui si rivolgesse alle autorità russe per assistenza.

In una conversazione con RIA Novosti, il direttore del Gamaleya Center, Alexánder Guíntsburg, ha raccomandato che tutto il personale della Casa Bianca venga vaccinato con Sputnik V.

Oggi, il presidente americano ha riferito tramite il suo account Twitter che lui e sua moglie Melania sono risultati positivi al covid-19.

La coppia presidenziale è stata sottoposta ieri ad un test covid-19 dopo aver confermato la diagnosi positiva di uno dei più stretti consiglieri del presidente, Hope Hicks . La donna di 31 anni si è recata martedì scorso a bordo dell'Air Force One a Cleveland (Ohio), dove Trump ha partecipato al primo dibattito elettorale con il candidato democratico Joe Biden, recandosi anche con il presidente a una manifestazione in Minnesota.

Il vaccino Sputnik V, sviluppato dal centro Gamaleya, è stato registrato l'11 agosto ed è attualmente nella terza fase di sperimentazione. Più di 60.000 volontari registrati a Mosca per partecipare alle sperimentazioni e più di 40 paesi hanno già espresso interesse a ottenere il vaccino.

Fonte: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-il_centro_di_ricerca_russo_che_creato_il_vaccino_contro_il_covid19_offre_il_suo_aiuto_a_trump/82_37564/


Al posto di Trump mi fiderei più dei Russi che sei suoi compatrioti pedoDEM.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2696
Iscritto il: 16/12/2015, 09:33
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 03/10/2020, 20:14 
mik.300 ha scritto:
Non è che con la scusa del coronavirus
Attentano alla vita di Trump??
Fossi in lui starei molto attento..

Ma si tanto morta una ********** se ne fa un'altra.


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7301
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 04/10/2020, 02:41 
Pare che stia meglio di noi, naso chiuso e un po' di tosse.

Che poi "essere positivi al Coronavirus" non vuol dire una fava:

Esistono 7 coronavirus.

1 - 229E (coronavirus alpha)

2 - NL63 (coronavirus alpha)

3 - OC43 (coronavirus beta)

4 - HKU1 (coronavirus beta)



Altri coronavirus umani

5 - MERS-CoV (il coronavirus beta che causa la Middle East respiratory syndrome)

6 - SARS-CoV (il coronavirus beta che causa la Severe acute respiratory syndrome)

7 - SARS-CoV-2 (il coronavirus che che causa la COVID-19)

I tamponi non distinguono il ceppo.
Ergo si è beccato un raffreddore e già fanno scaldare Pence per sostituirlo :D



_________________
“Questa crisi, questo disastro [europeo] è artificiale, e in sostanza questo disastro artificiale ha quattro lettere: EURO.”
Joseph Stiglitz
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 9565
Iscritto il: 01/11/2011, 19:28
Località: Astana
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 04/10/2020, 05:50 
A Trump conviene evitare altri dibattiti contro Biden per non aggravare lo svantaggio.
Il virus potrebbe essere una valida scusa.



_________________
ImmagineImmagine“El saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!”ImmagineImmagine
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17670
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 04/10/2020, 09:00 
Non si possono fare dibattiti da malato,
(In ogni caso quella mummia corrotta di biden non me sembra che abbia fatto fuochi d'artificio)
Ma io leggo che i repubblicani, cioè i democratici con nome diverso,
Potrebbero cambiare in corsa il candidato.
Sarebbe un colpo di stato..
Ma rinviare le elezioni di qualche settimana
Non sarebbe meglio e più facile?

Adesso la solita ridda di fake news e gufaggini degli allarmisti dem..



_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml
Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no”perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable. Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7301
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 04/10/2020, 11:20 
mik.300 ha scritto:
(In ogni caso quella mummia corrotta di biden non me sembra che abbia fatto fuochi d'artificio)

Ma non capisco, si sono visti l'altra sera per il dibattito... E Biden risulta negativo? Dev'essere un virus selettivo che infetta quasi esclusivamente i destri: Bolsonaro, Lukashenko, Trump, Berlusconi, Briatore... Stranamente Salvini che è sempre in giro a fare i bagni di folla fino adesso non si è beccato nulla [:291]



_________________
“Questa crisi, questo disastro [europeo] è artificiale, e in sostanza questo disastro artificiale ha quattro lettere: EURO.”
Joseph Stiglitz
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2696
Iscritto il: 16/12/2015, 09:33
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Mr. President Trump
MessaggioInviato: 04/10/2020, 11:32 
TheApologist ha scritto:
mik.300 ha scritto:
(In ogni caso quella mummia corrotta di biden non me sembra che abbia fatto fuochi d'artificio)

Ma non capisco, si sono visti l'altra sera per il dibattito... E Biden risulta negativo? Dev'essere un virus selettivo che infetta quasi esclusivamente i destri: Bolsonaro, Lukashenko, Trump, Berlusconi, Briatore... Stranamente Salvini che è sempre in giro a fare i bagni di folla fino adesso non si è beccato nulla [:291]

Dimentichi gli asintomatici [;)]


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2033 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 132, 133, 134, 135, 136  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 21/10/2020, 18:14
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org