Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 799 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 50, 51, 52, 53, 54  Prossimo
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6239
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 16/01/2022, 20:00 
Kazakistan. Mosca avrebbe neutralizzato laboratori di guerra biologica sovietici “rammodernati” dagli USA


Durante la crisi scoppiata in Kazakistan, sia stata un’insurrezione e/o un tentativo di colpo di stato, oppure come un attacco ibrido, l’intervento della Russia alla guida dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (OTSC) ha preso di mira le reti dell’ex presidente Nursultan Nezarbayev con riguardo agli ex laboratori segreti di guerra biologica sovietici la cui conversione è finanziata dal Pentagono .

Questa importante informazione che abbiamo ricevuto accidentalmente rimane completamente sconosciuta ai media ufficiali.

Dall’inizio della crisi, informazioni non confermate ma inserite in account “orientati” sui social network hanno denunciato la presa o la cattura da parte di estranei di un laboratorio per la ricerca sulle armi biologiche vicino ad Almaty. Secondo altre versioni, era un laboratorio del Centro scientifico nazionale per le malattie altamente contagiose. Questo è il sito catturato per prima cosa dalle unità della 93a divisione aviotrasportata russa. Un altro laboratorio di riferimento in termini di vettori biologici sarebbe stato anche bersaglio di un assalto guidato da unità CBRN (Chimico, Batteriologico, Radiologico e Nucleare).

Gli altri quattro siti presi di mira sono quelli che hanno ospitato la base di sperimentazione e produzione di Stepnogorsk, l’istituto di ricerca scientifica agricola di Gvardeyski, l’istituto di ricerca sulla peste di Almaty. I siti di test come l’isola di Vozrojdenya nel Lago d’Aral non sono stati interessati dalle operazioni militari della CSTO.

Questi siti facevano tutti parte di Biopreparat durante l’era sovietica prima di essere abbandonati o smantellati dopo lo scioglimento dell’ex URSS nel periodo 1991-1992. Nel 1993, il Kazakistan ha fondato il Centro nazionale per la biotecnologia e gli esperti del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti hanno iniziato a valutare i siti kazaki dal 1995 al fine di convertire il vecchio programma militare in civile.

Nel dicembre 2004, Il Kazakistan e gli Stati Uniti hanno firmato un Accordo per ridurre i rischi di proliferazione delle armi biologiche e soprattutto dei patogeni che potrebbero essere utilizzati in un attacco di tipo biologico asimmetrico. In questo contesto, il governo degli Stati Uniti ha finanziato diversi laboratori tra cui il riferimento nazionale per un importo ufficiale di 103 milioni di dollari oltre ad un altro sito nel villaggio di Otar, regione di Jambol (Jambylskaya) destinato a prevenire e rilevare l’insorgere di nuove epidemie malattie in tutta la Regione.

In totale, Washington sta stanziando più di 400 milioni di dollari per questo programma che Mosca ha guardato con sospetto negli anni 2009-2010.

Più recentemente durante lo scambio di accuse sino-americane sull’origine del COVID, resoconti affiliati al governo della Repubblica popolare cinese avevano suggerito che le attività statunitensi in Kazakistan avrebbero incluso lo sviluppo di nuove varianti di virus conosciute o diffuse e persino la diffusione di epidemie localizzate in alcune parti del mondo su base sperimentale. Quello che Washington vedeva come un misto di propaganda e cospirazione.

Con il senno di poi, sembra che i russi fossero molto attenti a queste ipotesi. I laboratori biologici sono stati l’obiettivo principale dell’intervento delle forze russe a fianco delle infrastrutture strategiche e alcune voci a Mosca chiedono di cogliere questa inaspettata opportunità per porre fine alle attività dell’esercito americano in Asia centrale in generale e in Kazakistan in particolare.

È un aspetto non riconosciuto di una guerra ibrida che probabilmente durerà.


https://www.maurizioblondet.it/kazakist ... dagli-usa/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6239
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 23/01/2022, 21:21 
Usa, uccise le scimmie da laboratorio in fuga dopo un incidente
I macachi dalla lunga coda sono particolarmente richiesti per la ricerca sul vaccino contro il coronavirus, secondo il New York Times
Usa, uccise le scimmie da laboratorio in fuga dopo un incidente

Sono state soppresse le tre scimmie da laboratorio che erano fuggite dopo l'incidente di venerdì scorso in Pennsylvania che ha coinvolto il camion con cui erano dirette in Florida: lo riporta il sito di notizie locali 'Wnep' citando i centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Il mezzo, che trasportava circa 100 scimmie, si è scontrato con un veicolo della nettezza urbana sulla Route 54, nella Contea di Montour.

In un primo momento era circolata la notizia che i primati in fuga erano quattro (su un totae di 100), ma successivamente la polizia ha reso noto che ne mancavano all'appello solo tre. Sempre secondo il 'Wnep', ha partecipato alle ricerche delle scimmie in fuga anche un elicottero della polizia con telecamere termiche, mentre gli agenti a terra hanno utilizzato potenti torce elettriche.

Le scimmie cynomolgus, note anche come macachi dalla coda lunga, possono costare fino a 10.000 dollari ciascuna e sono particolarmente richieste per la ricerca sul vaccino contro il coronavirus, secondo il 'New York Times'.


https://www.rainews.it/articoli/2022/01 ... d0a20.html


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Non connesso


Messaggi: 5459
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 23/01/2022, 21:52 
vimana131 ha scritto:
Usa, uccise le scimmie da laboratorio in fuga dopo un incidente
I macachi dalla lunga coda sono particolarmente richiesti per la ricerca sul vaccino contro il coronavirus, secondo il New York Times
Usa, uccise le scimmie da laboratorio in fuga dopo un incidente

Sono state soppresse le tre scimmie da laboratorio che erano fuggite dopo l'incidente di venerdì scorso in Pennsylvania che ha coinvolto il camion con cui erano dirette in Florida: lo riporta il sito di notizie locali 'Wnep' citando i centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Il mezzo, che trasportava circa 100 scimmie, si è scontrato con un veicolo della nettezza urbana sulla Route 54, nella Contea di Montour.

In un primo momento era circolata la notizia che i primati in fuga erano quattro (su un totae di 100), ma successivamente la polizia ha reso noto che ne mancavano all'appello solo tre. Sempre secondo il 'Wnep', ha partecipato alle ricerche delle scimmie in fuga anche un elicottero della polizia con telecamere termiche, mentre gli agenti a terra hanno utilizzato potenti torce elettriche.

Le scimmie cynomolgus, note anche come macachi dalla coda lunga, possono costare fino a 10.000 dollari ciascuna e sono particolarmente richieste per la ricerca sul vaccino contro il coronavirus, secondo il 'New York Times'.


https://www.rainews.it/articoli/2022/01 ... d0a20.html

Quante sono le "scimmie umane italiche" ammazzate per lo scopo ????



_________________
):•
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6239
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 03/02/2022, 20:24 
Documentati gli esperimenti biologici statunitensi sui soldati alleati in Ucraina e Georgia
Maurizio Blondet 3 Febbraio 2022

Qui la valorosa giornalista bulgara Dilyana Gaitandzhieva (già vittima di attacchi in passato per l’ inchiesta sui rifornimenti di armi azere ai jihadhsti siriani con il placet occidentale, per cui è stata accusata di fare disinformazione per Mosca) pubblica documenti che proverebbero l’ uso di militari georgiani ed ucraini per esperimenti biologici.
Secondo l’ inchiesta il Pentagono avrebbe condotto esperimenti biologici su 4.400 soldati in Ucraina e 1.000 soldati in Georgia. Secondo i documenti trapelati, tutte le morti dei volontari dovrebbero essere segnalate entro 24 h (in Ucraina) e 48 h (in Georgia).
Entrambi i paesi sono considerati i partner statunitensi più fedeli nella regione con una serie di programmi del Pentagono implementati nel loro territorio. Uno di questi è il programma di impegno biologico della Defense Threat Reduction Agency (DTRA) da 2,5 miliardi di dollari che include ricerche su agenti biologici, virus mortali e batteri resistenti agli antibiotici. https://dilyana.bg/documents-expose-us- ... d-georgia/
(E’ proprio l’Impero del Male)

Qui sotto il suo articolo:


Di Dilyana Gaytandzhieva –24 gennaio 2022

Mentre gli Stati Uniti stanno pianificando di aumentare la loro presenza militare nell’Europa orientale per “proteggere i loro alleati contro la Russia”, i documenti interni mostrano cosa significhi concretamente la “protezione” americana.

Il Pentagono ha condotto esperimenti biologici con un esito potenzialmente letale su 4.400 soldati in Ucraina e 1.000 in Georgia. Secondo i documenti trapelati, tutte le morti di volontari dovrebbero essere segnalate entro 24 ore (in Ucraina) e 48 ore (in Georgia).

Entrambi i paesi sono considerati i partner statunitensi più fedeli nella regione con una serie di programmi del Pentagono implementati nel loro territorio. Uno di questi è il programma di impegno biologico della Defense Threat Reduction Agency (DTRA) da 2,5 miliardi di dollari che include la ricerca su agenti biologici, virus mortali e batteri resistenti agli antibiotici in fase di studio sulla popolazione locale.

Progetto GG-21: “Tutte le morti dei volontari saranno tempestivamente segnalate”

Il Pentagono ha lanciato un progetto della durata di 5 anni con una possibile estensione fino a 3 anni, nome in codice GG-21: “Infezioni trasmesse da artropodi e zoonotiche tra il personale militare in Georgia”. Secondo la descrizione del progetto, verranno prelevati campioni di sangue da 1.000 reclute militari al momento dell’esame fisico della loro registrazione militare presso l’ospedale militare georgiano situato a Gori.

I campioni saranno testati per gli anticorpi contro quattordici agenti patogeni:

Bacillus antracis
Brucella
virus CCHF
Coxiella burnetii
Francisella tularensis
Hantavirus
specie Rickettsia
Virus della tubercolosi
Specie Bartonella
specie Borrelia
specie Ehlrichia
Specie Leptospira
Salmonella typhi
WNV

La quantità di prelievo di sangue sarà di 10 ml. I campioni saranno conservati a tempo indeterminato presso l’NCDC (Lugar Center) o l’USAMRU-G e le aliquote potrebbero essere inviate alla sede centrale di WRAIR negli Stati Uniti per futuri studi di ricerca. Il Walter Reed Army Institute of Research (WRAIR) è la più grande struttura di ricerca biomedica amministrata dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. I risultati delle analisi del sangue non saranno forniti ai partecipanti allo studio.

Tale procedura non può causare la morte. Tuttavia, secondo il rapporto del progetto, “tutti i decessi di volontari verranno tempestivamente segnalati (di solito entro 48 ore dalla notifica del PI)” al Georgian Military Hospital e al WRAIR.

Immagine
Immagine
Immagine
Secondo il rapporto del progetto GG-21, “tutte le morti di volontari saranno prontamente segnalate” all’ospedale militare georgiano e WRAIR, USA.

I campioni di sangue dei soldati saranno conservati e ulteriormente testati presso il Lugar Center, una struttura finanziata dal Pentagono da 180 milioni di dollari nella capitale della Georgia, Tbilisi.

Il Lugar Center è diventato famoso negli ultimi anni per le attività controverse , gli incidenti di laboratorio e gli scandali che circondano il programma dell’epatite C del gigante della droga statunitense Gilead in Georgia, che ha provocato almeno 248 morti di pazienti . La causa della morte nella maggior parte dei casi è stata indicata come sconosciuta, come dimostrano i documenti interni .

Il progetto georgiano GG-21 è stato finanziato da DTRA e implementato da scienziati militari americani di un’unità speciale dell’esercito americano denominata USAMRU-G che opera nel Lugar Center. Hanno ottenuto l’immunità diplomatica in Georgia per ricercare batteri, virus e tossine senza essere diplomatici. Questa unità è subordinata al Walter Reed Army Institute of Research (WRAIR).

Immagine

Il Lugar Center è il biolaboratorio finanziato dal Pentagono con 180 milioni di dollari nella capitale della Georgia, Tbilisi.

Immagine

Un’auto diplomatica con targa dell’Ambasciata degli Stati Uniti a Tbilisi nel parcheggio del Centro Lugar. Gli scienziati statunitensi che lavorano al laboratorio del Pentagono in Georgia guidano veicoli diplomatici poiché hanno ottenuto l’immunità diplomatica. Foto: Dilyana Gaytandzhieva

I documenti ottenuti dal registro dei contratti federali degli Stati Uniti mostrano che USAMRU-G sta espandendo le sue attività ad altri alleati degli Stati Uniti nella regione e sta “stabilendo capacità di spedizione” in Georgia, Ucraina, Bulgaria, Romania, Polonia, Lettonia e qualsiasi località futura. Il prossimo progetto USAMRU-G che prevede test biologici sui soldati dovrebbe iniziare a marzo di quest’anno presso l’ospedale militare bulgaro di Sofia.

Progetto UP-8: tutti i decessi dei partecipanti allo studio dovrebbero essere segnalati entro 24 ore

La Defense Threat Reduction Agency (DTRA) ha finanziato un progetto simile che coinvolge soldati in Ucraina, nome in codice UP-8: La diffusione del virus della febbre emorragica della Crimea-Congo (CCHF) e degli hantavirus in Ucraina e la potenziale necessità di una diagnosi differenziale nei pazienti con sospetta leptospirosi. Il progetto è iniziato nel 2017 ed è stato prorogato alcune volte fino al 2020, come dimostrano i documenti interni.

Secondo la descrizione del progetto, saranno raccolti campioni di sangue da 4.400 soldati sani a Lviv, Kharkov, Odesa e Kiev. 4.000 di questi campioni saranno testati per gli anticorpi contro gli hantavirus e 400 di questi per la presenza di anticorpi contro il virus della febbre emorragica della Crimea-Congo (CCHF). I risultati delle analisi del sangue non saranno forniti ai partecipanti allo studio.

Non ci sono informazioni su quali altre procedure verranno eseguite tranne che “incidenti gravi, compresi i decessi, dovrebbero essere segnalati entro 24 ore . Tutti i decessi di soggetti di studio sospettati o noti per essere correlati alle procedure di ricerca dovrebbero essere portati all’attenzione dei comitati di bioetica negli Stati Uniti e in Ucraina”.

Immagine

campioni di sangue di 4.000 soldati ucraini saranno testati per l’hantavirus. Altri 400 campioni di sangue saranno testati per CCHF nell’ambito del progetto ucraino UP-8 sponsorizzato da DTRA.

Immagine

Progetto UP-8: “Gli incidenti gravi, compresi i decessi, dovrebbero essere segnalati entro 24 ore. Tutti i decessi di soggetti di studio sospettati o noti per essere correlati alle procedure di ricerca dovrebbero essere portati all’attenzione dei comitati di bioetica negli Stati Uniti e in Ucraina”. Fonte: ukr-leaks.org

DTRA ha stanziato 80 milioni di dollari per la ricerca biologica in Ucraina a partire dal 30 luglio 2020, secondo le informazioni ottenute dal registro dei contratti federali degli Stati Uniti. Incaricata del programma è la società statunitense Black & Veatch Special Projects Corp.
Immagine

Un altro appaltatore DTRA che opera in Ucraina è CH2M Hill. La società americana si è aggiudicata un contratto da 22,8 milioni di dollari (2020-2023) per la ricostruzione e l’attrezzatura di due biolaboratori: l’Istituto statale di ricerca scientifica per la diagnostica di laboratorio e l’esperienza veterinaria-sanitaria (Kyiv ILD) e il Servizio statale dell’Ucraina per la sicurezza alimentare e Laboratorio Diagnostico Regionale Tutela dei Consumatori (Odesa RDL).

Il personale statunitense è indennizzato per morti e feriti alla popolazione locale

Le attività della DTRA in Georgia e Ucraina rientrano nella protezione di accordi bilaterali speciali. In base a tali accordi, la Georgia e l’Ucraina manleveranno, non avvieranno procedimenti legali e risarciranno gli Stati Uniti e il loro personale, appaltatori e personale degli appaltatori, per danni alla proprietà, morte o lesioni a persone in Georgia e Ucraina, derivanti delle attività previste dal presente Accordo. Se gli scienziati sponsorizzati dal DTRA causano decessi o lesioni alla popolazione locale, non possono essere ritenuti responsabili.

Immagine
Immagine

Inoltre, secondo l’accordo USA-Ucraina, le richieste di terzi per decessi e lesioni in Ucraina, derivanti da atti o omissioni di dipendenti degli Stati Uniti in relazione al lavoro ai sensi del presente accordo, saranno responsabilità dell’Ucraina.

Sono un giornalista indipendente e non lavoro per governi o aziende. Se vuoi sostenere il mio lavoro, vai alla pagina delle Donazioni o Diventa Volontario . Grazie! Se vuoi seguirmi su Telegram, iscriviti al canale Arms Watch Telegram utilizzando il link: https://t.me/armswatch


https://www.maurizioblondet.it/document ... e-georgia/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6239
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 25/02/2022, 19:06 
Cosa c’è dietro la nuova paura dell’AIDS?

Quando i media iniziano a sollevare un problema tutti insieme, di solito è una campagna coordinata diretta da una società di Pubbliche Relazioni per conto di un cliente. C’è una ragione per questo, e la ragione è quella di seminare nella mente della gente una narrazione desiderata. Seminano idee in modo che quando succede qualcosa, la gente è già preparata con certi pregiudizi o supposizioni.

Allora, quale potrebbe essere il motivo per cui tutti improvvisamente parlano di AIDS? Nel dicembre 2021, il presidente Biden aveva annunciato un piano della Casa Bianca per “porre fine all’epidemia di HIV/AIDS entro il 2030” (1). Lo stesso esatto annuncio fatto dall’Agenzia britannica per la sicurezza sanitaria una settimana prima (2).

Anche se cercano di scaricare questa pandemia in una tomba poco profonda, stanno già preparando il pubblico per il prossimo allarme sanitario: l’AIDS. ~ Off-Guardian

Nel frattempo, il principe Harry era là fuori ad esortare tutti a fare un test HIV, e i ricercatori olandesi avevano annunciato la scoperta di un ceppo di HIV preoccupante. Tutto questo sta accadendo nello stesso momento in cui la Covid sta iniziando a svanire.

Come notato da Off-Guardian (3) “solo perché stanno allentando sulla Covid non significa che l’agenda dietro la Covid sia sparita. Tutt’altro. Infatti, anche se cercano di scaricare questa pandemia in una tomba poco profonda, stanno già preparando il pubblico per il prossimo allarme sanitario: l’AIDS“.


Il principe Harry esorta tutti a fare il test dell’HIV

Nelle ultime settimane, il principe Harry si sta dando da fare sollecitando le persone a sottoporsi ad un test HIV. Secondo un rapporto del 10 febbraio 2022 della BBC (4) “il duca di Sussex … vuole continuare il lavoro ‘incompiuto’ di sua madre nel rimuovere lo stigma intorno al virus“.

Il principe Harry ha sottolineato che durante gli ultimi due anni, il test dell’HIV tra gli uomini e le donne eterosessuali nel Regno Unito è sceso del 33%, rispetto al 7% in meno di test tra gay e bisessuali. Allo stesso tempo, le diagnosi di AIDS tra gli eterosessuali stanno superando quelle tra i gay per la prima volta in un decennio (5).

Allo stesso modo, un pezzo di opinione del 9 febbraio 2022 di Ian Green, amministratore delegato del Terrence Higgins Trust (un ente di beneficenza britannico che fornisce servizi relativi all’HIV), in The Guardian, ha evidenziato la necessità di una “nuova strategia” per combattere l’HIV. “Continuare a puntare solo su quelli tradizionalmente più a rischio non funzionerà“, ha detto. La risposta, secondo Green, è un test più diffuso per tutte le persone, indipendentemente dai preconcetti sul rischio.


Scoperta una nuova e più infettiva variante dell’HIV

Mentre la fama del principe Harry viene sfruttata al massimo per convincere la gente a iniziare a pensare di fare il test HIV, è stata annunciata anche la scoperta di una nuova variante dell’HIV nei Paesi Bassi (6). È una coincidenza?

Secondo i ricercatori, questo virus HIV mutato, soprannominato la variante VB, è più infettivo e causa malattie più gravi, due volte più velocemente. All’inizio di febbraio 2022, c’erano 109 casi noti della variante VB nei Paesi Bassi. Curiosamente, gli scienziati hanno detto che la variante era in circolazione da decenni. Come riportato da NPR, il 4 febbraio 2022 (7):

“Hanno scoperto un totale di 109 persone che avevano questa particolare variante e non lo sapevano, risalendo fino al 1992. La variante è emersa probabilmente alla fine degli anni ’80 … prendendo piede intorno al 2000 e poi alla fine rallentando intorno al 2010.

Le persone con questa variante hanno una carica virale che è da tre a quattro volte più alta del solito per quelli con l’HIV. Questa caratteristica significa che il virus progredisce nella malattia grave due volte più velocemente – e lo rende anche più contagioso …

Non c’è bisogno di sviluppare trattamenti speciali per questa variante … Non mostra alcun segno di resistenza ai farmaci, come fanno alcune varianti dell’HIV. Ma poiché la variante si muove rapidamente, le persone hanno bisogno di ricevere le medicine il più velocemente possibile”.

I ricercatori hanno detto di aver anche osservato un grande aumento della carica virale negli individui con questa variante, da 3,5 a 5,5 punti. Ciò significa che le persone infette potrebbero sviluppare l’AIDS più velocemente senza un trattamento immediato; il che potrebbe spiegare l’improvvisa richiesta di test di massa. Come hanno scritto (8):

“Nel momento in cui sono stati diagnosticati, questi individui erano suscettibili di sviluppare l’AIDS entro 2 o 3 anni … Senza trattamento, l’HIV avanzato – conta delle cellule CD4 inferiore a 350 cellule per millimetro cubo, con conseguenze cliniche a lungo termine – dovrebbe essere raggiunto, in media, 9 mesi dopo la diagnosi per gli individui trentenni con questa variante”.


Siamo di fronte ad un AIDS indotto dal vaccino?

A tutto questo possiamo anche aggiungere la preoccupazione che il vaccino Covid possa causare malattie simili all’AIDS distruggendo la funzionalità immunitaria (9). Questo non significa che il vaccino stia causando l’HIV/AIDS (10), (11). Piuttosto, un preprint del Lancet (12) che ha confrontato i risultati tra svedesi “vaccinati” e non vaccinati, ha scoperto che sei mesi dopo il vaccino, alcuni dei gruppi vaccinati più vulnerabili erano a maggior rischio di Covid sintomatica rispetto ai loro simili non vaccinati.

Chiaramente, i vaccini stanno rendendo alcune persone più suscettibili alle infezioni e alle malattie gravi, piuttosto che meno. Secondo un articolo del dicembre 2021 pubblicato da American Frontline Doctors (13):

“I medici stanno chiamando questo fenomeno nei pluri-vaccinati ‘erosione immunitaria’ o ‘immunodeficienza acquisita’, spiegando l’elevata incidenza di miocardite e altre malattie post-vaccino che o li colpiscono più rapidamente, con conseguente morte, o più lentamente, con conseguente malattia cronica.”

In altre parole, sospettano che la miocardite e altri problemi di salute cronici associati ai vaccini potrebbero essere il risultato della sindrome da immunodeficienza acquisita da vaccino o “VAIDS”, che è fondamentalmente molto simile all’AIDS. La differenza principale è l’innesco iniziale. Nel novembre 2021, il Regno Unito ha anche riportato un aumento del 50% dei ricoveri in terapia intensiva di pazienti con problemi al sistema immunitario nei due mesi precedenti (14).

America’s Frontline Doctors avverte che i vaccini stanno creando dei “drogati di vaccino”, nel senso che il loro sistema immunitario non sarà in grado di allontanare la Covid senza di loro. Tuttavia, è ancora un’impresa perdente, poiché ogni iniezione peggiora solo l’erosione immunitaria, rendendo sempre più vulnerabili a tutti i tipi di infezioni – incluso l’HIV! Come riportato da Off-Guardian (15):

“Abbiamo già visto una pletora di previsioni di aumenti di ictus e attacchi cardiaci, tutti attribuiti ad una maggioranza di cause non vaccinali. Tutto, dall’aumento dei prezzi dell’energia alla depressione legata ai lockdown, è stato incolpato. Questo sembra certamente un comportamento preventivo per pararsi il culo. E anche questa “nuova variante” dell’AIDS potrebbe esserlo.

Se i ‘vaccini’ Covid fanno sì che milioni di persone sviluppino improvvisamente sistemi immunitari disfunzionali, o qualche tipo di potenziamento anticorpo-dipendente (ADE) un ‘nuovo ceppo più pericoloso di AIDS’ è una storia di copertura abbastanza buona, non credete? …

Nell’ottobre 2020 un gruppo di ricercatori, citato in Forbes, ha avvertito che qualsiasi potenziale ‘vaccino’ COVID potrebbe aumentare il rischio di essere infettati dall’HIV.

Uno dei pochi candidati vaccino Covid poi abbandonati, dell’Università del Queensland, ha effettivamente usato una proteina dell’HIV come ‘morsetto molecolare’ per legare insieme le loro proteine spike artificiali, hanno affermato i ricercatori. Questo potenziale ‘vaccino’ è stato apparentemente scartato dopo che i test sui soggetti hanno restituito risultati ‘falsi positivi’ per l’HIV (16).”


Cosa sta cercando di nascondere la campagna di PR?

Stiamo guardando diversi grandi pezzi del puzzle qui:

Il principe Harry e altri che ricordano a tutti l’importanza di fare il test dell’HIV
I governi di Regno Unito e Stati Uniti che promettono simultaneamente di sradicare l’AIDS entro il 2030
La scoperta di un nuovo ceppo di HIV più infettivo e pericoloso
Dati emergenti che suggeriscono che i vaccini Covid minano la funzionalità immunitaria
La possibilità teorica che il vaccino Covid possa aumentare il rischio di infezione da HIV, scatenando così una valanga di casi di AIDS nel prossimo futuro

L’attenzione al test HIV, specialmente in combinazione con l’avvertimento di un nuovo ceppo di HIV, potrebbe essere uno sforzo per nascondere il fatto che i vaccini Covid stanno distruggendo la funzionalità immunitaria delle persone e, potenzialmente, facilitando l’infezione da HIV?

Può darsi. Ma c’è anche un’altra possibilità. La stessa settimana dell’apparizione mediatica del principe Harry e della pubblicazione del nuovo ceppo di HIV, Moderna ha anche annunciato il lancio di una sperimentazione umana per il primo vaccino HIV mRNA al mondo. La tempistica di tutti questi rapporti indica fortemente che si tratta di un piano coordinato di PR.


La sperimentazione umana per il vaccino HIV mRNA è in corso

Come riportato da Bloomberg (17):

“Come il vaccino Covid di Moderna, il farmaco e utilizza la tecnologia mRNA per fornire le istruzioni per le proteine chiave necessarie per costruire una risposta immunitaria … I ricercatori hanno passato decenni ad elaborare un possibile modo per vaccinare le persone contro l’HIV, e l’mRNA renderà possibile testare la teoria molto più velocemente del previsto.

Questo lavoro dovrebbe aiutare le aziende tra cui Pfizer, BioNTech e Sanofi, che stanno accelerando i loro sforzi per progettare e testare vaccini mRNA, per capire quando la tecnologia può – e non può – fare la differenza nella prevenzione della malattia …

Creare un vaccino mRNA per l’HIV è più complicato che fare il tipo di vaccini SARS-CoV-2 con cui siamo diventati familiari. I vaccini Covid a mRNA forniscono la ricetta per la proteina spike … Questo fa sì che le cellule immunitarie producano anticorpi neutralizzanti contro la Covid, proprio come farebbero se avessero subito un’infezione da Covid.

Con l’HIV, non c’è una ricetta così semplice. L’equivalente della proteina spike dell’HIV – la sua glicoproteina dell’involucro – è più ostinata. Nasconde i suoi aspetti vulnerabili, rendendo difficile per le cellule immunitarie generare anticorpi contro di essa. Un problema ancora più grande è che l’HIV inizia a mutare entro poche ore dopo aver infettato una persona…

L’HIV si comporta come ‘uno sciame di virus leggermente diversi’ … Le persone con l’HIV raramente sviluppano anticorpi neutralizzanti, e nei pochissimi che lo fanno, gli anticorpi impiegano anni per evolversi – troppo tempo perché possano combattere efficacemente il virus. Il sistema immunitario non riesce a tenere il passo.

Ma cosa succederebbe se si potesse dare un vantaggio al sistema immunitario? Questa è l’idea alla base del vaccino Moderna/IAVI … I ricercatori somministreranno in anticipo una serie di vaccini per cercare di persuadere il sistema immunitario durante quel processo lungo anni in modo che quando è esposto all’HIV, possa entrare in azione”.


Nascondere le patologie o produrre la necessità di un vaccino, o entrambi?

Quindi, per ricapitolare, l’attenzione dei media sui test dell’AIDS e l’emergere di un ceppo più infettivo dell’HIV potrebbe essere uno sforzo coordinato per:

a) nascondere i devastanti effetti della vaccinazione Covid, e

b) creare la percezione che abbiamo un bisogno urgente di un vaccino contro l’HIV

Se fosse vero, pensate solo a quanto sarebbe perverso. Un’iniezione di mRNA ampiamente spinta per una pandemia causa una seconda pandemia che è peggiore della prima, permettendo loro di lanciare un secondo “vaccino” mRNA. Quel secondo vaccino poi erode ancora di più la funzionalità immunitaria, dando luogo a una terza epidemia e ad un altro vaccino. Dove finisce? Questo piano grida il fallimento a più non posso.

Quando ho saputo del vaccino mRNA Covid, mi ha subito colpito come una cattiva idea. C’erano diversi meccanismi palesemente ovvi attraverso i quali potevano causare danni. Oggi, queste preoccupazioni sono confermate dalle statistiche di lesioni e morte. La possibilità che le cose vadano male con un vaccino HIV mRNA è assicurata, se me lo chiedete. Come riportato da Bloomberg, l’intera premessa alla base è speculativa.

Il vaccino Moderna HIV avrà come bersaglio un certo sottoinsieme di cellule B note per legarsi all’HIV. L’idea è che stimolando queste cellule B con istruzioni di mRNA, fornite attraverso una serie di vaccini, potrebbero sviluppare la capacità di produrre anticorpi neutralizzanti contro l’HIV.

La mia paura qui è che se il vaccino Covid può causare l’esaurimento immunitario dopo dosi ripetute, che tipo di disfunzione potrebbe innescare una serie di vaccini HIV? I richiami infiniti per la Covid-19 vengono presentati come la soluzione alla pandemia, poiché la ripetizione aumenta il livello di anticorpi nel corpo (18), ma gli anticorpi artificialmente gonfiati causati da ripetuti richiami segnalano al corpo che si è sempre infetti.

La risposta immunitaria risultante può effettivamente fare più male che bene, e può accelerare lo sviluppo di condizioni autoimmuni come per esempio il Parkinson, la malattia di Kawasaki e la sclerosi multipla (19). Un vaccino contro l’HIV basato su un processo simile sarà più sicuro? Ne dubito.


La connessione Fauci

Come notato da James Corbett in un suo video (non disponibile al momento di questo articolo), c’è un altro interessante parallelo tra la Covid e l’AIDS, cioè il dottor Anthony Fauci stesso. Era incaricato di seguire entrambe queste epidemie, e senza dubbio – a meno che il nostro sistema giudiziario non si svegli prima di allora – sarà incaricato anche della prossima campagna sull’AIDS.

I paralleli tra la campagna di Fauci sull’AIDS negli anni ’80 e la Covid sono così sorprendentemente simili che è quasi come un manuale che viene ripetuto, dice Corbett. Negli anni ’80, Fauci ha spinto il farmaco mortale AZT come l’unico modo ammissibile per trattare l’AIDS. Durante la pandemia di COVID, il Remdesivir di Fauci, farmaco fallimentare e letale per l’Ebola, ha ottenuto il via libera a spese di alternative di trattamento molto più sicure.

Fauci è anche un anello di congiunzione tra i vaccini Covid e il vaccino per l’HIV, poiché ha spinto con entusiasmo per una transizione dai vaccini convenzionali a questa nuova piattaforma mRNA. Nell’ottobre 2019, aveva partecipato ad una tavola rotonda su come questa transizione potrebbe essere realizzata alla luce degli ostacoli normativi e della sfiducia pubblica nelle tecnologie di trasferimento genico (20).

Fauci aveva riconosciuto che sarebbe stato davvero molto difficile cambiare la percezione delle persone sui vaccini (in questo caso particolare si riferiva al vaccino antinfluenzale). Il suo consiglio? “Fatelo dall’interno e dite: ‘Non mi interessa quale sia la vostra percezione, affronteremo il problema‘”.

Non solo Fauci non si preoccupa della percezione pubblica, ma non si preoccupa nemmeno di chi danneggia. Non gli importava dei pazienti di AIDS negli anni ’80, e non gli importa dei pazienti di Covid oggi. Se lo facesse, insisterebbe che i medici usino qualsiasi cosa funzioni, e non solo i prodotti di cui lui ha personalmente investito.


Muore lo scopritore dell’HIV

Una strana coincidenza nel mezzo di tutto questo è la morte inaspettata del dottor Luc Montagnier, che insieme a Harald zur Hausen e Françoise Barré-Sinoussi nel 2008 aveva vinto il premio Nobel per la fisiologia o la medicina per la scoperta del virus dell’immunodeficienza umana (HIV) (21).

Montagnier, che aveva 89 anni, è morto l’8 febbraio 2022 all’Ospedale Americano di Parigi a Neuilly-sur-Seine. Non sono stati rilasciati dettagli sulla causa della morte (22). Montagnier è stato un critico esplicito del vaccino COVID fin dall’inizio. Sospettava anche che la SARS-CoV-2 fosse stata ingegnerizzata geneticamente, dato che la proteina spike aveva delle somiglianze con l’HIV (23).


Il clamore sull’AIDS è una minaccia reale?

Quindi, il clamore emergente sull’AIDS riflette una minaccia reale? È solo un tentativo di tenere la popolazione nella paura? O stanno semplicemente cercando di coprire gli effetti dei “vaccini” Covid? Se è una copertura, l’infezione da HIV è stata una conseguenza accidentale o un effetto intenzionale del vaccino?

La nuova variante dell’HIV potrebbe effettivamente essere il risultato della vaccinazione di massa contro la Covid? Dopo tutto, la tempistica di questo “super ceppo” di HIV è interessante, per non dire altro. Perché ci sono voluti 40 anni per farlo emergere?

Il test HIV sarà ora spinto come lo è stato il test Covid, e se sì, perché? Come notato da Off-Guardian (24), per quanto ne sappiamo, lo screening dell’AIDS potrebbe essere semplicemente un altro modo di monitorare questo massiccio esperimento sanitario. Per ora, abbiamo molte più domande che risposte, ma se continuiamo a farle, alla fine scopriremo la verità.



Link: https://articles.mercola.com/sites/arti ... 1415258447


https://comedonchisciotte.org/cosa-ce-d ... -dellaids/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6239
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 09/03/2022, 21:22 
Gli USA ammettono l’esistenza di laboratori biomilitari in Ucraina: un eventuale attacco biologico “è colpa della Russia”
In Ucraina si sta verificando l'esodo più veloce che l'Europa abbia visto dalla seconda guerra mondiale e dalla Russia arrivano accuse di produzione di armi biologiche, come pericolosi virus



Di recente, il ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver trovato prove di biolaboratori finanziati dagli Stati Uniti in Ucraina nei quali erano stati urgentemente distrutti campioni di agenti patogeni mortali quando è iniziata l'”operazione militare” russa, ovvero l’invasione e la conseguente guerra.

Mesi fa, quando l’ipotesi era stata paventata la prima volta, gli USA avevano smentito l’esistenza di questi laboratori. Ieri, il sottosegretario di Stato per gli affari politici del governo degli Stati Uniti Victoria Nuland ha testimoniato davanti a un’audizione della commissione per le relazioni estere del Senato sull’Ucraina a Washington, e ha affermato che gli Stati Uniti stavano lavorando con l’Ucraina per impedire alle forze russe di invasione di sequestrare materiale di ricerca biologica. Il Dipartimento di Stato ha anche affermato di essere preoccupato per il fatto che le forze russe stiano cercando di ottenere il controllo delle strutture di ricerca biologica in Ucraina. Il comitato doveva esaminare l’invasione russa dell’Ucraina e la risposta mondiale.

All’udienza, al funzionario del Dipartimento di Stato Victoria Nuland è stato chiesto se l’Ucraina avesse armi biologiche. “L’Ucraina ha strutture di ricerca biologica, di cui ora siamo piuttosto preoccupati che le truppe russe, le forze russe, potrebbero cercare di ottenere il controllo“, ha dichiarato ai legislatori statunitensi l’8 marzo. “Stiamo lavorando con gli ucraini su come può impedire che uno qualsiasi di quei materiali di ricerca cada nelle mani delle forze russe se si avvicinano”, ha aggiunto.

A seguito della risposta, il senatore degli Stati Uniti Marco Rubio ha subito aggiunto che c’erano rapporti di “propaganda russa” che rivendicavano la scoperta di un complotto degli ucraini per rilasciare armi biologiche, con il coordinamento della NATO. Ha inoltre chiesto che se si verificasse un attacco con armi biologiche o chimiche all’interno dell’Ucraina, se ci sarebbero stati russi dietro, e Nuland ha affermato: “Non ho dubbi, senatore“. Ha riferito che si tratta della classica tecnica russa, ovvero incolpare gli altri per quello che stanno pianificando di fare da soli.

Tuttavia, affermando che la Russia sarà responsabile di un “attacco con armi biologiche o chimiche” in corso, la Nuland – secondo i russi – ha in un certo senso ammesso ciò che il governo russo ha sempre affermato, ovvero l’esistenza dei biolaboratori finanziati dagli Stati Uniti che stanno lavorando allo sviluppo di armi biologiche.

L’ambasciata del governo degli Stati Uniti in Ucraina aveva dichiarato di finanziare programmi di ricerca in Ucraina che lavorano sugli “agenti patogeni più pericolosi del mondo“. Di recente, il ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver trovato prove di biolaboratori finanziati dagli Stati Uniti in Ucraina che avevano urgentemente distrutto campioni di agenti patogeni mortali quando è iniziata la guerra.

Ciò è accaduto due giorni dopo che la Russia ha affermato che l’Ucraina era vicina alla costruzione di un’arma nucleare bomba sporca a base di plutonio. Il 6 marzo, il ministero degli Esteri di Mosca aveva twittato che le forze russe avevano trovato prove che Kiev stava sradicando le tracce del programma biologico-militare in Ucraina, finanziato dal Pentagono.

La guerra tra Russia e Ucraina è scoppiata il 24 febbraio quando la Russia ha iniziato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina attraverso i paesi vicini. Secondo le Nazioni Unite, il numero di persone che hanno asciato il paese sotto attacco ha raggiunto i 2 milioni, e questo è l’esodo più veloce che l’Europa abbia visto dalla seconda guerra mondiale.


https://www.meteoweb.eu/2022/03/gli-usa ... a/1771635/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6239
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 11/03/2022, 21:24 
Ne parla l'ansa, quindi alla fine non erano teorie da complottisti...

L'Oms all'Ucraina, distruggere gli agenti patogeni nei laboratori
'Per prevenire eventuali fuoriuscite'

L'Oms ha raccomandato all'Ucraina di distruggere gli agenti patogeni ad alto rischio nei laboratori sanitari per prevenire potenziali fuoriuscite.

Lo riferisce la Cnn.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha "fortemente raccomandato" al Ministero della Salute in Ucraina di distruggere in sicurezza "agenti patogeni ad alta minaccia" che potrebbero essere ospitati nei laboratori di salute pubblica del paese al fine di prevenire "eventuali fuoriuscite.

L'Oms ha anche incoraggiato "lo smaltimento sicuro e protetto di qualsiasi agente patogeno" e si è messa a disposizione per assistere se necessario e ove possibile.


https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/ ... 56dbe.html


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6239
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 11/03/2022, 21:26 
vimana131 ha scritto:
Per sconfiggere la malaria le zanzare geneticamente modificate si perfezionano con le proteine anti-CRISPR
Team di ricerca internazionale su Nature Communications scopre come trasmettere in toto nelle zanzare i geni che bloccano la trasmissione della malaria


zanzare

La malaria uccide 400.000 persone all’anno in Africa e finora nessuna delle strategie classiche di controllo (zanzariere, insetticidi, farmaci, candidati vaccini) ha funzionato in modo soddisfacente nei Paesi a basso reddito. Ispirandosi a questi meccanismi naturali, un team di ricercatori dell’Imperial College di Londra, della North Carolina State University, dell’Università tedesca di Würzburg e della britannica Keele University guidato dal prof. Andrea Crisanti, Direttore del Dipartimento di Medicina molecolare dell’Università di Padova, sta provando a vincere un’altra sfida plurimillenaria, quella tra uomo e malaria. Lo studio sul controllo genetico delle zanzare vettrici della malattia “A genetically encoded anti-CRISPR protein constrains gene drive spread and prevents population suppression”, pubblicato su «Nature Communications» rappresenta l’ultimo progresso in questa direzione. I ricercatori avevano già messo a punto uno stratagemma per favorire la diffusione di geni utili a bloccare la trasmissione della malaria, causando sterilità nelle zanzare Anopheles gambiae o uno sbilanciamento tra i sessi tale da azzerare il loro tasso di riproduzione nel giro di qualche mese. «I meccanismi mendeliani che regolano l’ereditarietà rappresentano una pesante limitazione: ogni volta che una zanzara modificata si accoppia con una selvatica, infatti, la modificazione genetica verrà ereditata solo dalla metà dei suoi figli e si troverà diluita nella popolazione – spiega il prof Crisanti -. Se però il gene di interesse viene trainato da un drive genetico, ovvero da un elemento capace di auto-propagarsi, la caratteristica desiderata passerà all’intera progenie. Il metodo più efficace per far funzionare questo approccio è il copia-incolla eseguito con CRISPR/Cas9, che nei gene drive diventa una macchina di correzione perpetua del genoma, attiva generazione dopo generazione. Le speranze per controllare il processo o fermarlo del tutto, invece, si sono concentrate sugli agenti anti-CRISPR, delle proteine che impediscono alle forbici genetiche di tagliare». All’interno di un laboratorio ad elevata biosicurezza, Crisanti e i suoi colleghi avevano già dimostrato di poter portare al collasso una popolazione sperimentale di zanzare, grazie ai gene drive. Ora hanno aggiunto un nuovo tassello, dimostrando che il processo, una volta messo in moto, può essere interrotto e diventare reversibile, se oltre al drive è presente un anti-drive: la proteina anti-CRISPR AcrIIA4 originaria del batterio Listeria monocytogenes. Quando la tecnologia sarà pronta per passare dal chiuso dei laboratori a test più realistici, i primi rilasci sperimentali nell’ambiente dovranno avvenire con un’attenta analisi di rischi e benefici, e con il consenso delle comunità locali. «La tecnologia anti drive rappresenta un passo fondamentale nella strada che porta all’uso di tecnologie gene drive allo scopo di modificare la storia evolutiva di organismi dannosi poiché per la prima volta abbiamo a disposizione una tecnologia per limitarne la diffusione nello spazio e nel tempo», conclude Crisanti.


https://www.meteoweb.eu/2021/06/sconfig ... e/1701321/



È ufficiale: miliardi di zanzare modificate geneticamente saranno rilasciate in natura


La zanzara è la creatura che fa più morti ogni anno sul nostro pianeta. Mentre la scienza sta dibattendo sulla possibilità di far estinguere per sempre questo insetto, numerosi ricercatori stanno tracciando una strada alternativa: la modifica genetica di intere popolazioni.

La US Environmental Protection Agency (EPA) ha dato il via libera alla società biotecnologica Oxitec per il rilascio di miliardi di zanzare geneticamente modificate in Florida e California. L'obiettivo dichiarato? Combattere le malattie trasmesse, come la febbre dengue e il virus Zika. Saranno rilasciate oltre 2 miliardi in California e circa 400 milioni in Florida tra il 2022 e il 2024.

Stiamo parlando di zanzare Aedes aegypti di sesso maschile che non pungono, geneticamente modificate per avere la proteina tTAV-OX5034. Una volta che i maschi introdotti all'interno dell'habitat si accoppieranno con le femmine di zanzara selvatiche, la proteina verrà trasmessa e ucciderà la prole femminile prima che raggiunga la maturità.

In questo modo le popolazioni saranno automaticamente ridotte. L'idea di "rilasciare zanzare modificate geneticamente" non piace molto alla gente, sia perché vedono nell'esperimento qualcosa di "pericoloso", sia perché il progetto non ha funzionato come previsto in Brasile, e molte zanzare sono invece sopravvissute fino all'età adulta e hanno potenzialmente aggravavano il problema dell'area.

"Questo esperimento non è necessario e persino pericoloso, poiché in California non ci sono casi acquisiti localmente di dengue, febbre gialla, chikungunya o Zika", ha dichiarato Jaydee Hanson, direttore politico dell'International Center for Technology Assessment e Center for Food Safety. Oxitec ha più volte sottolineato che non ci sarà alcun intoppo nel loro esperimento, e che addirittura le loro zanzare offrono una tecnologia di controllo dei parassiti sicura e sostenibile che non danneggia gli insetti benefici, come api e farfalle.

Insomma, questo programma di rilascio sarà molto utile per cercare di ridurre la popolazione di questi insetti che, in molte aree del mondo, possono essere davvero nefaste.


https://tech.everyeye.it/notizie/uffici ... 75156.html


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 8784
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 11/03/2022, 21:41 
vimana131 ha scritto:
Ne parla l'ansa, quindi alla fine non erano teorie da complottisti...


No no, anzi. Ma non credo che a noi giungerà qualcosa dal circuito mainstream... Nei media russi ne parlano, ma ovviamente qua è tutto censurato! Propaganda, dicono! Come se in Italia ci fosse tutta questa libertà di stampa, con 3/4 editori tutti schierati, ovviamente, da una parte sola.



_________________
“Questa crisi, questo disastro [europeo] è artificiale, e in sostanza questo disastro artificiale ha quattro lettere: EURO.”
Joseph Stiglitz
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 21995
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 12/03/2022, 14:11 
Cita:
La US Environmental Protection Agency (EPA) ha dato il via libera alla società biotecnologica Oxitec per il rilascio di miliardi di zanzare geneticamente modificate in Florida e California. L'obiettivo dichiarato? Combattere le malattie trasmesse, come la febbre dengue e il virus Zika. Saranno rilasciate oltre 2 miliardi in California e circa 400 milioni in Florida tra il 2022 e il 2024.


cosa potrà mai andare storto? [:246]



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 9104
Iscritto il: 03/12/2008, 18:42
Località: romagnano sesia
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 12/03/2022, 14:21 
che gli insettivori gliele mangino tutte! [:246]

ciao
mauro



_________________
sono lo scuro della città di Jaffa
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10276
Iscritto il: 01/11/2011, 19:28
Località: Astana
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 12/03/2022, 15:04 
MaxpoweR ha scritto:
Cita:
La US Environmental Protection Agency (EPA) ha dato il via libera alla società biotecnologica Oxitec per il rilascio di miliardi di zanzare geneticamente modificate in Florida e California. L'obiettivo dichiarato? Combattere le malattie trasmesse, come la febbre dengue e il virus Zika. Saranno rilasciate oltre 2 miliardi in California e circa 400 milioni in Florida tra il 2022 e il 2024.


cosa potrà mai andare storto? [:246]


Booh zanzare.png




_________________
“El saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!”
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2747
Iscritto il: 09/07/2012, 10:56
Località: Arcadia
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 12/03/2022, 15:15 
mauro ha scritto:
che gli insettivori gliele mangino tutte! [:246]

ciao
mauro


Mangiano ogm in pratica...con tutte le possibili
conseguenze a lungo termine del caso.Che schifezza! [xx(]
che è diventato questo mondo...davvero puzzolente e
sporco...! Serve Pulizia e Disinfestazione Urgente.!

[:305]

Immagine



_________________
" La Giustizia del Padre
è lenta ed Inesorabile. "
Eugenio Siragusa
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6239
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 14/03/2022, 20:20 
Aids, al via studio clinico vaccino mRna Moderna


Comincia lo studio clinico sul vaccino a mRna contro l'Aids, sviluppato da Moderna. Ha ricevuto la prima dose un partecipante dello studio clinico di fase 1, annuncia "con orgoglio" l'azienda biotech americana. "Lo sviluppo di un regime vaccinale che induca livelli sostenuti di anticorpi neutralizzanti negli esseri umani è stato difficile da portare a termine. In Moderna, riteniamo che l'mRna offra un'opportunità per adottare un nuovo approccio in questa sfida", sottolinea Stephen Hoge, presidente di Moderna. "Con il lancio del secondo trial su un vaccino per l'Hiv, stiamo perfezionando la nostra strategia e sfruttiamo la potenza della nostra piattaforma a mRna per accelerare la scoperta di un vaccino protettivo" anti-Hiv.

Lo studio di fase 1 ha l'obiettivo di valutare la sicurezza e l'immunogenicità del vaccino sperimentale con mRna e dovrebbe arruolare circa 100 adulti Hiv-negativi, di età compresa tra 18 e 55 anni.


https://www.adnkronos.com/aids-al-via-s ... refresh_ce


Parte al Monzino a Milano studio sul 'vaccino' anti-infarto
Test al farmaco che dimezza colesterolo su 10mila pazienti mondo



Parte al Centro cardiologico Monzino di Milano, con i primi tre pazienti, la sperimentazione sul cosiddetto futuro 'vaccino' anti-infarto, il farmaco Inclisiran, definito così dal padre della cardiologia moderna Eugene Brauwnwal.


Lo studio coinvolgerà oltre 10 mila pazienti nel mondo, con l'obiettivo di dimostrare che il nuovo farmaco di Novartis (che non e' propriamente un vaccino ma che e' stato definito cosi' per la sua capacita' di ridurre fortemente un fattore di rischio strategico dell'infarto), che viene somministrato solo due volte l'anno, è in grado di ridurre il rischio di eventi cardiovascolari gravi, come infarto e ictus, dimezzando i livelli di colesterolo cattivo LDL-C. "È noto come l'LDL-C giochi un ruolo chiave nello sviluppo e la progressione delle malattie cardiovascolari e aterosclerotiche ed è dimostrato che, abbassandone i livelli nel sangue, si ottiene una riduzione della loro incidenza e della mortalità", spiega Piergiuseppe Agostoni, direttore del Dipartimento di Cardiologia Critica e Riabilitativa Monzino. "Un effetto che è ancora più importante nei soggetti più a rischio, come chi ha già sperimentato nella sua storia un evento cardiovascolare (infarto e ictus). Sono proprio questi i pazienti su cui si focalizza questo studio - aggiunge - ad oggi infatti, pur avendo a disposizione un'ampia gamma di farmaci anticolesterolo, tra cui le note statine, i target di LDL-C desiderabili per ridurre il rischio di recidive sono spesso difficili da ottenere". "Inclirisan - afferma - è il primo farmaco di una nuova classe che, in studi clinici precedenti, ha già dimostrato di poter abbassare del 50% i livelli di LDL-C sia in pazienti con malattia cerebrovascolare (Cevd) che in pazienti con malattia polivascolare (Pvd). (ANSA).


https://www.ansa.it/canale_saluteebenes ... 9b572.html


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 21995
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: A che servono queste 500.000 bare?
MessaggioInviato: 16/03/2022, 14:00 
Il vaccino contro il vaccino Pfizer... Non male



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 799 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 50, 51, 52, 53, 54  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 16/05/2022, 07:02
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org