Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 
Autore Messaggio

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1646
Iscritto il: 11/05/2009, 20:21
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: La TV non è "DIO"
MessaggioInviato: 23/09/2010, 15:42 
Vorrei fare una domanda a tutto il forum, visto che quando posto fonti di persone alternative molti torciono il naso, vorrei capire come mai l'essere umano fino ad ora si è basato su quello che ha detto la TV, MA LA TV NON è DIO, E CHI CI DICE CHE NON CI MENTANO ?
Le fonte TV o giornalistiche sono tanto attendibile come le fonti alternative!!
Es: Se al TG dicono che le torri sono state attaccate da Islamici comandati da Bin Ladem tutti ci credeno e nessuno chiede prove o le presunte fonti delle prove, NO LA GENTE SI FIDA E BASTA SENZA FARE UNA RICERCA PROPRIA PER CONSTATARE LA VERICITà DELLA NOTIZIA...
E infatti quando uno la fa inizia a vedere che son tutte almeno la maggiorparte BAGGIANATE !!!







_________________
L'amore è l'unica verità tutto il resto è una mera illusione.
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2712
Iscritto il: 04/12/2008, 11:27
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/09/2010, 18:19 
non posso che quotare, ma dubito che qui dentro ci sia che prenda x oro colato quello che dicono le televisioni, specie riguardo a fatti come quelli dell'11 settembre 2001


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1646
Iscritto il: 11/05/2009, 20:21
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/09/2010, 18:43 
Cita:
Sirius ha scritto:

non posso che quotare, ma dubito che qui dentro ci sia che prenda x oro colato quello che dicono le televisioni, specie riguardo a fatti come quelli dell'11 settembre 2001


Si qui in confronto al mondo di tutti i gg è un isola felice [;)]

Cmq veramente son stanco di sentirmi chiedere mille prove mille fonti, MENTRE I TG E LE TV hanno il dono del : tutto quello che dici è vero.

A volte guardo la razza umana e penso a un gregge di pecore [:(!]



_________________
L'amore è l'unica verità tutto il resto è una mera illusione.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13414
Iscritto il: 05/12/2008, 22:49
Località: Laveno Mombello (Va)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/09/2010, 19:01 
Quoto, ma per favore non scrivere a caratteri cubitali.[;)]



_________________
Nutrirsi di fantasia, ingrassa la mente.

Immagine
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2269
Iscritto il: 14/01/2009, 20:32
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/09/2010, 20:11 
Quoto
calcola che ci stavo pensando propio oggi per l'affare della donna che verrà uccisa in america di cui nessuno ne parla e Sakineh, un autentica propaganda televisiva, che fortunatamente ha salvato (per ora) una vita, ma l'unico scopo subdolo di quella campagna era mettere la popolazione mondiale contro l'Iran (e non sono pro-Iran, mettetevelo bene in testa!)
Quello che voglio dire è che la TV è capace di un controllo che chi ne stà a capo è veramente potente.
E mi chiedo da questo fascino da dove arrivi, perchè è così potente?
Allora ci penso adesso,
e mi viene da pensare che la sua potenza è perchè te ti siedi davanti al suo monitor, non devi pensare, le tue difese si abbassano, non stai valutando una persona, ma stai osservando uno specchio nero che improvvisamente si accende, e ti manda colori e immaggini, e c'è una voce che t sembra umana, e che t assale dentro, e t conquista... e a quel punto non è più una cosa morta, ma una fantasia, una donna amica, che t seduce e t entra dentro, nella testa, sconfiggendo tutti quei blocchi che avresti di fronte se ti trovassi una persona. e le sue parole sono sincere, perchè la TV è la tua migliore amica, non può dire bugie, non può mentire a te, nè mentire a milioni di persone, sarebbe troppo, deve, DEVE dire la verità. E' la cosa più affascinante che conosca...

Per tutti questi motivi la TV dovrebbe essere guardata con intelligenza, e non farsi travolgere dalla sua marea incorruttibile...



_________________
EddyCage

Rispetto

“Il miglior modo di predire il futuro è inventarlo” (A.Kay)

Mi piace risultar antipatico...

Immagine

....................[:215]....................
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40673
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 24/09/2010, 13:25 
LE 10 STRATEGIE DELLA MANIPOLAZIONE MEDIATICA

DI NOAM CHOMSKY
visionesalternativas.com

Il linguista Noam Chomsky ha elaborato la lista delle “10 Strategie della Manipolazione” attraverso i mass media.

Fonte:
http://www.comedonchisciotte.org/site/m ... e&sid=7480

1 - La strategia della distrazione. L’elemento principale del controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel distogliere l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche utilizzando la tecnica del diluvio o dell’inondazione di distrazioni continue e di informazioni insignificanti. La strategia della distrazione è anche indispensabile per evitare l’interesse del pubblico verso le conoscenze essenziali nel campo della scienza, dell’economia, della psicologia, della neurobiologia e della cibernetica. “Sviare l’attenzione del pubblico dai veri problemi sociali, tenerla imprigionata da temi senza vera importanza. Tenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza dargli tempo per pensare, sempre di ritorno verso la fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”).


2 - Creare il problema e poi offrire la soluzione. Questo metodo è anche chiamato “problema - reazione - soluzione”. Si crea un problema, una “situazione” che produrrà una determinata reazione nel pubblico in modo che sia questa la ragione delle misure che si desiderano far accettare. Ad esempio: lasciare che dilaghi o si intensifichi la violenza urbana, oppure organizzare attentati sanguinosi per fare in modo che sia il pubblico a pretendere le leggi sulla sicurezza e le politiche a discapito delle libertà. Oppure: creare una crisi economica per far accettare come male necessario la diminuzione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.

3 - La strategia della gradualità. Per far accettare una misura inaccettabile, basta applicarla gradualmente, col contagocce, per un po’ di anni consecutivi. Questo è il modo in cui condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberismo) furono imposte negli anni ‘80 e ‘90: uno Stato al minimo, privatizzazioni, precarietà, flessibilità, disoccupazione di massa, salari che non garantivano più redditi dignitosi, tanti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero stati applicati in una sola volta.

4 - La strategia del differire. Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come “dolorosa e necessaria” guadagnando in quel momento il consenso della gente per un’applicazione futura. E’ più facile accettare un sacrificio futuro di quello immediato. Per prima cosa, perché lo sforzo non deve essere fatto immediatamente. Secondo, perché la gente, la massa, ha sempre la tendenza a sperare ingenuamente che “tutto andrà meglio domani” e che il sacrificio richiesto potrebbe essere evitato. In questo modo si dà più tempo alla gente di abituarsi all’idea del cambiamento e di accettarlo con rassegnazione quando arriverà il momento.

5 - Rivolgersi alla gente come a dei bambini. La maggior parte della pubblicità diretta al grande pubblico usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, spesso con voce flebile, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente. Quanto più si cerca di ingannare lo spettatore, tanto più si tende ad usare un tono infantile. Perché? “Se qualcuno si rivolge ad una persona come se questa avesse 12 anni o meno, allora, a causa della suggestionabilità, questa probabilmente tenderà ad una risposta o ad una reazione priva di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno (vedi “Armi silenziose per guerre tranquille”).

6 - Usare l’aspetto emozionale molto più della riflessione. Sfruttare l'emotività è una tecnica classica per provocare un corto circuito dell'analisi razionale e, infine, del senso critico dell'individuo. Inoltre, l'uso del tono emotivo permette di aprire la porta verso l’inconscio per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o per indurre comportamenti….

7 - Mantenere la gente nell’ignoranza e nella mediocrità. Far si che la gente sia incapace di comprendere le tecniche ed i metodi usati per il suo controllo e la sua schiavitù. “La qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile, in modo che la distanza creata dall’ignoranza tra le classi inferiori e le classi superiori sia e rimanga impossibile da colmare da parte delle inferiori" (vedi “Armi silenziose per guerre tranquille”).

8 - Stimolare il pubblico ad essere favorevole alla mediocrità. Spingere il pubblico a ritenere che sia di moda essere stupidi, volgari e ignoranti...

9 - Rafforzare il senso di colpa. Far credere all’individuo di essere esclusivamente lui il responsabile della proprie disgrazie a causa di insufficiente intelligenza, capacità o sforzo. In tal modo, anziché ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto svaluta e si sente in colpa, cosa che crea a sua volta uno stato di depressione di cui uno degli effetti è l’inibizione ad agire. E senza azione non c’è rivoluzione!

10 - Conoscere la gente meglio di quanto essa si conosca. Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno creato un crescente divario tra le conoscenze della gente e quelle di cui dispongono e che utilizzano le élites dominanti. Grazie alla biologia, alla neurobiologia e alla psicologia applicata, il “sistema” ha potuto fruire di una conoscenza avanzata dell’essere umano, sia fisicamente che psichicamente. Il sistema è riuscito a conoscere l’individuo comune molto meglio di quanto egli conosca sé stesso. Ciò comporta che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un più ampio controllo ed un maggior potere sulla gente, ben maggiore di quello che la gente esercita su sé stessa.

Noam Chomsky
Fonte: http://www.visionesalternativas.com.mx
Link: Link: http://www.visionesalternativas.com.mx/ ... 0&Itemid=1
Settembre 2010



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Non connesso


Messaggi: 1021
Iscritto il: 04/12/2008, 23:42
Località: Bologna
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 26/09/2010, 09:46 
Cita:
EddyCage ha scritto:

Quoto
calcola che ci stavo pensando propio oggi per l'affare della donna che verrà uccisa in america di cui nessuno ne parla e Sakineh, un autentica propaganda televisiva, che fortunatamente ha salvato (per ora) una vita, ma l'unico scopo subdolo di quella campagna era mettere la popolazione mondiale contro l'Iran (e non sono pro-Iran, mettetevelo bene in testa!)
Quello che voglio dire è che la TV è capace di un controllo che chi ne stà a capo è veramente potente.
E mi chiedo da questo fascino da dove arrivi, perchè è così potente?
Allora ci penso adesso,
e mi viene da pensare che la sua potenza è perchè te ti siedi davanti al suo monitor, non devi pensare, le tue difese si abbassano, non stai valutando una persona, ma stai osservando uno specchio nero che improvvisamente si accende, e ti manda colori e immaggini, e c'è una voce che t sembra umana, e che t assale dentro, e t conquista... e a quel punto non è più una cosa morta, ma una fantasia, una donna amica, che t seduce e t entra dentro, nella testa, sconfiggendo tutti quei blocchi che avresti di fronte se ti trovassi una persona. e le sue parole sono sincere, perchè la TV è la tua migliore amica, non può dire bugie, non può mentire a te, nè mentire a milioni di persone, sarebbe troppo, deve, DEVE dire la verità. E' la cosa più affascinante che conosca...

Per tutti questi motivi la TV dovrebbe essere guardata con intelligenza, e non farsi travolgere dalla sua marea incorruttibile...


La televisione è potente semplicemente xchè la SUBISCI, e non puoi interagire con essa.
Non puoi obiettare quello che dice, la TV getta nelle case una minestra e quella ti devi mangiare.

Al contrario, il PC ti permette di pensare, di interagire con le notizie, di frequentare un forum e parlare delle notizie, di andartele a cercare attivamente le notizie, ma sopratutto di confrontarle.
il PC ti impone di essere usato, non ti sputa in faccia una verità ma ti obbliga ad interagire con lui x cercarla.

X questo chi usa il pc è ad uno stato evoluto maggiore di coscienza e di opinione rispetto a chi vede solo la TV.



_________________
Cos'è l'Esistenza?
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1646
Iscritto il: 11/05/2009, 20:21
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 26/09/2010, 10:52 
Cita:
La televisione è potente semplicemente xchè la SUBISCI, e non puoi interagire con essa.
Non puoi obiettare quello che dice, la TV getta nelle case una minestra e quella ti devi mangiare.

Al contrario, il PC ti permette di pensare, di interagire con le notizie, di frequentare un forum e parlare delle notizie, di andartele a cercare attivamente le notizie, ma sopratutto di confrontarle.
il PC ti impone di essere usato, non ti sputa in faccia una verità ma ti obbliga ad interagire con lui x cercarla.

X questo chi usa il pc è ad uno stato evoluto maggiore di coscienza e di opinione rispetto a chi vede solo la TV.


Straquoto !!!



_________________
L'amore è l'unica verità tutto il resto è una mera illusione.
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6952
Iscritto il: 11/07/2009, 14:28
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 26/09/2010, 11:25 
Io amo la TV, guardo sempre e con assiduità maria de filippi, bonolis, il grande fratello e verissimo... [:90] [:58]



_________________
"Sei quello che sei, anche se non lo sai..."
Angeldark
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2269
Iscritto il: 14/01/2009, 20:32
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 26/09/2010, 12:32 
Cita:
holocron ha scritto:

Cita:
EddyCage ha scritto:

Quoto
calcola che ci stavo pensando propio oggi per l'affare della donna che verrà uccisa in america di cui nessuno ne parla e Sakineh, un autentica propaganda televisiva, che fortunatamente ha salvato (per ora) una vita, ma l'unico scopo subdolo di quella campagna era mettere la popolazione mondiale contro l'Iran (e non sono pro-Iran, mettetevelo bene in testa!)
Quello che voglio dire è che la TV è capace di un controllo che chi ne stà a capo è veramente potente.
E mi chiedo da questo fascino da dove arrivi, perchè è così potente?
Allora ci penso adesso,
e mi viene da pensare che la sua potenza è perchè te ti siedi davanti al suo monitor, non devi pensare, le tue difese si abbassano, non stai valutando una persona, ma stai osservando uno specchio nero che improvvisamente si accende, e ti manda colori e immaggini, e c'è una voce che t sembra umana, e che t assale dentro, e t conquista... e a quel punto non è più una cosa morta, ma una fantasia, una donna amica, che t seduce e t entra dentro, nella testa, sconfiggendo tutti quei blocchi che avresti di fronte se ti trovassi una persona. e le sue parole sono sincere, perchè la TV è la tua migliore amica, non può dire bugie, non può mentire a te, nè mentire a milioni di persone, sarebbe troppo, deve, DEVE dire la verità. E' la cosa più affascinante che conosca...

Per tutti questi motivi la TV dovrebbe essere guardata con intelligenza, e non farsi travolgere dalla sua marea incorruttibile...


La televisione è potente semplicemente xchè la SUBISCI, e non puoi interagire con essa.
Non puoi obiettare quello che dice, la TV getta nelle case una minestra e quella ti devi mangiare.

Al contrario, il PC ti permette di pensare, di interagire con le notizie, di frequentare un forum e parlare delle notizie, di andartele a cercare attivamente le notizie, ma sopratutto di confrontarle.
il PC ti impone di essere usato, non ti sputa in faccia una verità ma ti obbliga ad interagire con lui x cercarla.

X questo chi usa il pc è ad uno stato evoluto maggiore di coscienza e di opinione rispetto a chi vede solo la TV.


ESATTO

nel mio post volevo descrivere esattamente questo, come la TV t porta ad abbassare le difese senza che te nemmeno te ne accorga e coinvolgerti nella sua assurda realtà.
Cercare di studiare i suoi processi destabilizzanti e provarli a spiegare era il mio intento
per questi e per altri motivi bisognerebbe guardarla sapendo COSA si sta guardando
Siamo Zombie


Ultima modifica di EddyCage il 26/09/2010, 12:34, modificato 1 volta in totale.


_________________
EddyCage

Rispetto

“Il miglior modo di predire il futuro è inventarlo” (A.Kay)

Mi piace risultar antipatico...

Immagine

....................[:215]....................
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2269
Iscritto il: 14/01/2009, 20:32
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 26/09/2010, 12:38 
Cita:
Thethirdeye ha scritto:


LE 10 STRATEGIE DELLA MANIPOLAZIONE MEDIATICA

DI NOAM CHOMSKY
visionesalternativas.com

Il linguista Noam Chomsky ha elaborato la lista delle “10 Strategie della Manipolazione” attraverso i mass media.

Fonte:
http://www.comedonchisciotte.org/site/m ... e&sid=7480

1 - La strategia della distrazione. L’elemento principale del controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel distogliere l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche utilizzando la tecnica del diluvio o dell’inondazione di distrazioni continue e di informazioni insignificanti. La strategia della distrazione è anche indispensabile per evitare l’interesse del pubblico verso le conoscenze essenziali nel campo della scienza, dell’economia, della psicologia, della neurobiologia e della cibernetica. “Sviare l’attenzione del pubblico dai veri problemi sociali, tenerla imprigionata da temi senza vera importanza. Tenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza dargli tempo per pensare, sempre di ritorno verso la fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”).


2 - Creare il problema e poi offrire la soluzione. Questo metodo è anche chiamato “problema - reazione - soluzione”. Si crea un problema, una “situazione” che produrrà una determinata reazione nel pubblico in modo che sia questa la ragione delle misure che si desiderano far accettare. Ad esempio: lasciare che dilaghi o si intensifichi la violenza urbana, oppure organizzare attentati sanguinosi per fare in modo che sia il pubblico a pretendere le leggi sulla sicurezza e le politiche a discapito delle libertà. Oppure: creare una crisi economica per far accettare come male necessario la diminuzione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.

3 - La strategia della gradualità. Per far accettare una misura inaccettabile, basta applicarla gradualmente, col contagocce, per un po’ di anni consecutivi. Questo è il modo in cui condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberismo) furono imposte negli anni ‘80 e ‘90: uno Stato al minimo, privatizzazioni, precarietà, flessibilità, disoccupazione di massa, salari che non garantivano più redditi dignitosi, tanti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero stati applicati in una sola volta.

4 - La strategia del differire. Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come “dolorosa e necessaria” guadagnando in quel momento il consenso della gente per un’applicazione futura. E’ più facile accettare un sacrificio futuro di quello immediato. Per prima cosa, perché lo sforzo non deve essere fatto immediatamente. Secondo, perché la gente, la massa, ha sempre la tendenza a sperare ingenuamente che “tutto andrà meglio domani” e che il sacrificio richiesto potrebbe essere evitato. In questo modo si dà più tempo alla gente di abituarsi all’idea del cambiamento e di accettarlo con rassegnazione quando arriverà il momento.

5 - Rivolgersi alla gente come a dei bambini. La maggior parte della pubblicità diretta al grande pubblico usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, spesso con voce flebile, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente. Quanto più si cerca di ingannare lo spettatore, tanto più si tende ad usare un tono infantile. Perché? “Se qualcuno si rivolge ad una persona come se questa avesse 12 anni o meno, allora, a causa della suggestionabilità, questa probabilmente tenderà ad una risposta o ad una reazione priva di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno (vedi “Armi silenziose per guerre tranquille”).

6 - Usare l’aspetto emozionale molto più della riflessione. Sfruttare l'emotività è una tecnica classica per provocare un corto circuito dell'analisi razionale e, infine, del senso critico dell'individuo. Inoltre, l'uso del tono emotivo permette di aprire la porta verso l’inconscio per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o per indurre comportamenti….

7 - Mantenere la gente nell’ignoranza e nella mediocrità. Far si che la gente sia incapace di comprendere le tecniche ed i metodi usati per il suo controllo e la sua schiavitù. “La qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile, in modo che la distanza creata dall’ignoranza tra le classi inferiori e le classi superiori sia e rimanga impossibile da colmare da parte delle inferiori" (vedi “Armi silenziose per guerre tranquille”).

8 - Stimolare il pubblico ad essere favorevole alla mediocrità. Spingere il pubblico a ritenere che sia di moda essere stupidi, volgari e ignoranti...

9 - Rafforzare il senso di colpa. Far credere all’individuo di essere esclusivamente lui il responsabile della proprie disgrazie a causa di insufficiente intelligenza, capacità o sforzo. In tal modo, anziché ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto svaluta e si sente in colpa, cosa che crea a sua volta uno stato di depressione di cui uno degli effetti è l’inibizione ad agire. E senza azione non c’è rivoluzione!

10 - Conoscere la gente meglio di quanto essa si conosca. Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno creato un crescente divario tra le conoscenze della gente e quelle di cui dispongono e che utilizzano le élites dominanti. Grazie alla biologia, alla neurobiologia e alla psicologia applicata, il “sistema” ha potuto fruire di una conoscenza avanzata dell’essere umano, sia fisicamente che psichicamente. Il sistema è riuscito a conoscere l’individuo comune molto meglio di quanto egli conosca sé stesso. Ciò comporta che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un più ampio controllo ed un maggior potere sulla gente, ben maggiore di quello che la gente esercita su sé stessa.

Noam Chomsky
Fonte: http://www.visionesalternativas.com.mx
Link: Link: http://www.visionesalternativas.com.mx/ ... 0&Itemid=1
Settembre 2010



Quoto

E' come la rana quando la metti nell'acqua calda, lei se ne acorge e scappa, ma se te alzi la temperatura a poco a poco lei nn se ne accorge e si farà ammazzare crogiulandosi beatamente nell'inferno che le stanno creando intorno.

Esempio preso dal documentario di Al Gore


Ultima modifica di EddyCage il 26/09/2010, 12:38, modificato 1 volta in totale.


_________________
EddyCage

Rispetto

“Il miglior modo di predire il futuro è inventarlo” (A.Kay)

Mi piace risultar antipatico...

Immagine

....................[:215]....................
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2626
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: La TV non è
MessaggioInviato: 03/06/2019, 23:58 
NOcoverUP ha scritto:
Vorrei fare una domanda a tutto il forum, visto che quando posto fonti di persone alternative molti torciono il naso, vorrei capire come mai l'essere umano fino ad ora si è basato su quello che ha detto la TV, MA LA TV NON è DIO, E CHI CI DICE CHE NON CI MENTANO ?
Le fonte TV o giornalistiche sono tanto attendibile come le fonti alternative!!
Es: Se al TG dicono che le torri sono state attaccate da Islamici comandati da Bin Ladem tutti ci credeno e nessuno chiede prove o le presunte fonti delle prove, NO LA GENTE SI FIDA E BASTA SENZA FARE UNA RICERCA PROPRIA PER CONSTATARE LA VERICITà DELLA NOTIZIA...
E infatti quando uno la fa inizia a vedere che son tutte almeno la maggiorparte BAGGIANATE !!!



Contrariamente alla Verità che è impressa nella tua firma, il degenere umano OGM è una specie di grossa scimmia grigia che ha il pessimo difetto congenito di dare per oro colato tutto ciò che è socialmente omologato, e figurati dunque la televisione.

Così come danno per scontato il papa, che rappresenta un simbolo imposto dall'alto, danno per scontato tutto ciò che è sociale, come appunto la televisione. Pura patologia.

Un banco di aringhe è più sano di mente.



_________________
Cos'è un'illusione?
E' la favola a cui ti piace credere.

Immagine
E cos'è un OGM idiota?
E' una protoscimmia che corre verso il futuro, facendo a gara per addobbarsi di tecnologia sistemica.
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 19/07/2019, 17:15
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org