Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 92 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12313
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/07/2010, 23:54 
Cita:
greenwarrior ha scritto:

Cita:
bleffort ha scritto:

Bene..bene...il Nord può cominciare a contare i soldi che saranno miliardi di Euro per risarcire tutti i danni causati al Sud.[;)]


Pagano Garibaldi e Cavour, noi abbiamo già dato.[;)]

Cosa avete dato e poi a chi?,neanche il Ponte ci avete fatto!!!.[:(!]
I Borboni ne avrebbero costruiti due!.[^]


Ultima modifica di bleffort il 13/07/2010, 00:00, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13519
Iscritto il: 05/12/2008, 22:49
Località: Laveno Mombello (Va)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 13/07/2010, 12:22 
Cita:
bleffort ha scritto:

Cita:
greenwarrior ha scritto:

Cita:
bleffort ha scritto:

Bene..bene...il Nord può cominciare a contare i soldi che saranno miliardi di Euro per risarcire tutti i danni causati al Sud. [;)]


Pagano Garibaldi e Cavour, noi abbiamo già dato. [;)]

Cosa avete dato e poi a chi?,neanche il Ponte ci avete fatto!!!. [:(!]
I Borboni ne avrebbero costruiti due!. [^]




[:D] [:D] [:D]



_________________
Nutrirsi di fantasia, ingrassa la mente.

Immagine
Top
 Profilo  
 

Bannato
Bannato

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5539
Iscritto il: 11/09/2009, 10:39
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 13/08/2010, 00:25 
Cita:

Quando Cavour sognava il federalismo
Il Conte non voleva un’Italia fondata sul modello piemontese. Ma la classe politica respinse ogni idea di decentramento


di Eugenio Di Rienzo

Una vecchia leggenda risorgimentale narra che Cavour, poco prima della sua scomparsa, avvenuta il 6 giugno 1861, affermò di poter morire sereno, avendo ormai creato l’Italia. Personalmente, penso che gli ultimi momenti della sua vita siano stati connotati da minore soddisfazione. Solo pochi mesi prima, infatti, era stato respinto il disegno di legge Minghetti, che prevedeva un riordino amministrativo ispirato ad un ampio decentramento e che intendeva contrastare quella che proprio Cavour aveva definito la «tirannia centralizzatrice». Con il fallimento di quella riforma, in grado di conciliare le esigenze del nuovo Stato con le esperienze, le tradizioni, gli interessi dei governi pre-unitari, il nostro paese avrebbe rinunciato, fino ai nostri giorni, ad un’architettura istituzionale che poteva meglio garantire, insieme all’unità, la crescita di tutte le sue componenti territoriali senza eternare antichi contrasti e creare nuovi squilibri.
[color=maroon]
Il problema delle autonomie locali non era, infatti, allora come oggi, solo un problema di organizzazione amministrativa ma costituiva soprattutto un problema che riguardava la corretta distribuzione del potere tra la classe politica nazionale e le classi politiche locali e il rafforzamento dei diritti economici, civili, sociali di una nazione. Sarebbe, quindi, difficile negare che l’idea di un decentramento amministrativo su base regionale, o se si vuole di un vero e proprio federalismo amministrativo, potesse rimanere estranea alla tradizione del pensiero risorgimentale. Persino Mazzini nel 1861 sostenne l’esigenza di «riconoscere la Regione quale ente intermedio fra la Nazione e il Comune», precisando che «l’unità non doveva identificarsi necessariamente con l’accentramento». Anche l’apostolo della Giovane Italia, infatti, si rendeva conto che lo Stato unitario si sarebbe dovuto convenientemente strutturare «con un interno moto centrifugo dal centro alla periferia». Mazzini non voleva affatto uno Stato rigidamente accentrato ma sosteneva l’opportunità di conciliare l’unità politico-costituzionale con «una ben intesa autonomia e autarchia delle province e magari delle regioni, per tutto quanto riguardava l’attività legislativa, esecutiva e amministrativa avente ad oggetto materie di interesse locale».


D’altro canto, l’ipotesi di un federalismo amministrativo era fortemente connaturata non soltanto al patrimonio ideale democratico ma apparteneva di diritto al codice genetico della cultura liberale. Il federalismo che si era andato sperimentando e affermando negli Stati Uniti assunse grande valore per il liberalismo europeo dell’Ottocento, per la sua capacità di tutelare ampie sfere di libertà civiche connaturate al principio del self-government. Neppure Cavour, che fino a tutto il 1859 aveva respinto la formazione di uno Stato italiano unificato considerandola una semplice «utopia politica», dimostrò di voler restare estraneo a queste considerazioni, quando, il 2 ottobre 1860, respinse sdegnosamente la qualifica di «accentratore» per connotare il suo programma politico.

Da questo punto di vista è possibile dire, rovesciando il senso di una famosa frase di Massimo d’Azeglio, che se Cavour «aveva fatto gli Italiani», dopo aver individuato nel centro moderato la componente egemonica della futura nazione, il più grave problema da affrontare restava per lui quello di «fare l’Italia» e cioè quello di creare un modello di Stato, capace di unire e non semplicemente di unificare popolazioni divise da realtà storiche, politiche, culturali, produttive. L’Italia sarebbe stata una «corbelleria», aveva sostenuto Cavour, senza realizzare questa unione dal basso e se ad essa si fosse voluto dare corpo sovrapponendo al tessuto policentrico della Penisola le normative statali piemontesi o procedendo ad una centralizzazione autoritaria di tipo bonapartista.

Dopo la scomparsa di Cavour, la classe dirigente italiana preferì invece arroccarsi alla pressoché totale unanimità, senza apprezzabili distinzioni tra Destra e Sinistra, nella difesa del modello centralista. Nel 1881, tuttavia, Marco Minghetti, in uno dei più lucidi manifesti del pensiero liberale prodotto nel nostro paese (I partiti politici e la ingerenza loro nella giustizia e nell’amministrazione) aveva ripreso la battaglia, conclusasi sfortunatamente un ventennio prima, concentrandosi ora sull’obiettivo di realizzare una sorta di federalismo finanziario. Grazie a questa riforma, pur rimanendo sempre al governo centrale «l’indirizzo generale politico interno ed esterno», alle future aree macroregionali doveva essere assegnata «la gestione della gran parte del bilancio della spesa pubblica». Sebbene apparentemente limitata, tale innovazione poteva dar vita a Regioni «economicamente responsabili» per quello che riguardava l’utilizzazione delle risorse pubbliche. Una volta creata la Regione, auspicata da Minghetti, questa avrebbe costituito il punto di coagulo di interessi di rilevante estensione, per rafforzare la capacità dei vari territori italiani di rivendicare una precisa funzione di autodecisione rispetto al governo centrale. Le stesse dimensioni geografiche della Regione dovevano inoltre conferire vigore a tutto l’ordinamento territoriale, aprendogli sbocchi in direzione di una forte evoluzione autonomistica. Nella soluzione proposta da Minghetti ritornava l’ipotesi del federalismo amministrativo voluto da Cavour, in grado di rafforzare, e non certo di indebolire, l’unità statale, innescando un circolo virtuoso di collaborazione tra centro e territorio.
[/color]
(12 agosto 2010 - © «Libero»)



_________________
[^]The best quote ever (2013 Nonsense Award Winner):
«Way hay and up she rises, Way hay and up she rises, Way hay and up she rises, Early in the morning!»
© Anonymous/The Irish Rovers
http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 9295
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 08/09/2010, 23:37 
NOI CREDEVAMO


MORTE DEL RISORGIMENTO ITALIANO







http://www.mymovies.it/film/2010/noicre ... iomartone/

http://www.mymovies.it/film/2010/noicredevamo/

http://www.mentelocale.it/27740-mostra- ... credevamo/


Mi sa che si cominci ad analizzare la versa Storia dell' Unità di Italia

Alla Mostra di Venezia.




zio ot [;)]


Ultima modifica di barionu il 08/09/2010, 23:43, modificato 1 volta in totale.


_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 9295
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 15/08/2011, 14:35 
Stralci dalla " Commissione Massari " , tutt'ora coperta dal Segreto di Stato .

http://www.pavonerisorse.it/italia150/b ... assari.pdf



Nessun dubbio , i " Piemontesi " attuarono al Sud una precisa strategia di globalizzazione tipica delle attuali Corporations.




zio ot [V]


Ultima modifica di barionu il 15/08/2011, 14:36, modificato 1 volta in totale.


_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 9295
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio: Re: STORIA DELL' UNITA' D' ITALIA. NORD E SUD
MessaggioInviato: 09/09/2019, 18:59 
cip di attenzione



zio ot [:305]



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12833
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: STORIA DELL' UNITA' D' ITALIA. NORD E SUD
MessaggioInviato: 09/09/2019, 20:57 
barionu ha scritto:
cit da bleffort

Mi ripeto ancora:

Guardate che,sotto i Borboni nel Sud si viveva meglio di come è la condizione in cui siamo oggi.


A Bleffort e a tutti i meridionali consiglierei queste letture.........
https://corrieredelmezzogiorno.corriere ... resh_ce-cp

http://www.ilgiornale.it/news/spettacol ... 44078.html



_________________
Make Italy great again!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12313
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: STORIA DELL' UNITA' D' ITALIA. NORD E SUD
MessaggioInviato: 09/09/2019, 21:12 
sottovento ha scritto:
barionu ha scritto:
cit da bleffort

Mi ripeto ancora:

Guardate che,sotto i Borboni nel Sud si viveva meglio di come è la condizione in cui siamo oggi.


A Bleffort e a tutti i meridionali consiglierei queste letture.........
https://corrieredelmezzogiorno.corriere ... resh_ce-cp

http://www.ilgiornale.it/news/spettacol ... 44078.html


Premetto che io per il momento non ho il tempo di leggere i due articoli, ma... ammettendo che ciò che è scritto è la verità,si giustifica l'abbandono el Sud da parte del Nord.? [:291]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12833
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: STORIA DELL' UNITA' D' ITALIA. NORD E SUD
MessaggioInviato: 09/09/2019, 21:19 
bleffort ha scritto:
Premetto che io per il momento non ho il tempo di leggere i due articoli, ma... ammettendo che ciò che è scritto è la verità,si giustifica l'abbandono el Sud da parte del Nord.? [:291]

No, quell'abbandono non sarebbe giustificato ma almeno io non credo in quell'abbandono poiché buona parte dei politici di quell'epoca sono stati meridionali eletti dai meridionali e quindi la colpa ricadrebbe su chi li ha eletti, cioè i meridionali stessi.

Nb: poi certo se magari Gianni Agnelli, Enrico Cuccia, Berlusconi etc. fossero nati al sud magari vi sarebbe andata meglio!



_________________
Make Italy great again!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12313
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: STORIA DELL' UNITA' D' ITALIA. NORD E SUD
MessaggioInviato: 09/09/2019, 21:28 
sottovento ha scritto:
bleffort ha scritto:
Premetto che io per il momento non ho il tempo di leggere i due articoli, ma... ammettendo che ciò che è scritto è la verità,si giustifica l'abbandono el Sud da parte del Nord.? [:291]

No, quell'abbandono non sarebbe giustificato ma almeno io non credo in quell'abbandono poiché buona parte dei politici di quell'epoca sono stati meridionali eletti dai meridionali e quindi la colpa ricadrebbe su chi li ha eletti, cioè i meridionali stessi.

!


Dato che sei ancora piccolo di cervello e di esperienza,ti faccio ricordare che tutti i politici eletti al Sud e specialmente in Sicilia erano stati eletti con il volere, il "consiglio" e le minacce della Mafia, perchè a quel tempo la forza della mafia si basava sopratutto aver amicizie e uomini all'nterno delle Istituzioni e nei governi sia Comunali, Provinciali, Regionali e Nazionali. [:305]


Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4023
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: STORIA DELL' UNITA' D' ITALIA. NORD E SUD
MessaggioInviato: 12/09/2019, 12:56 
Veramente la mafia, longa manus degli USA, poggia sull'elettorato sinistro meridionale, che paga i voti con un po' di becchime nelle vaste area provinciali delle regioni rosse del sud, dove il commercio e l'uso di droga sostiene tutti i sinistrati, "buoni e pacifisti". Non trovi?



_________________
Immagine

Offtopic (fuori argomento)
Correte correte... che per pagare i mercanti e i loro camerieri dovrete rubare sempre di più, e attenti a non dimenticarvi la carta di credito a casa... che se vi rompete il muso per strada neppure il carroattrezzi viene più a prendervi.
Mi raccomando: Votate, umili e silenti.
.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12313
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: STORIA DELL' UNITA' D' ITALIA. NORD E SUD
MessaggioInviato: 12/09/2019, 13:09 
Morley ha scritto:
Veramente la mafia, longa manus degli USA, poggia sull'elettorato sinistro meridionale, che paga i voti con un po' di becchime nelle vaste area provinciali delle regioni rosse del sud, dove il commercio e l'uso di droga sostiene tutti i sinistrati, "buoni e pacifisti". Non trovi?


Ma che dici!, portami le prove Salviniano. [:297]


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 9295
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio: Re: STORIA DELL' UNITA' D' ITALIA. NORD E SUD
MessaggioInviato: 12/09/2019, 13:24 
sottovento ha scritto:
barionu ha scritto:
cit da bleffort

Mi ripeto ancora:

Guardate che,sotto i Borboni nel Sud si viveva meglio di come è la condizione in cui siamo oggi.


A Bleffort e a tutti i meridionali consiglierei queste letture.........
https://corrieredelmezzogiorno.corriere ... resh_ce-cp

http://www.ilgiornale.it/news/spettacol ... 44078.html


CARO , CERCA DI SVEGLIARTI !!!!



--------------------------------

https://www.google.com/search?q=SAVOIA+ ... e&ie=UTF-8

https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/0 ... a/1535817/

https://www.inuovivespri.it/2017/05/31/ ... i-sicilia/


31 Maggio 1860:

il giorno funesto del saccheggio del Banco di Sicilia




Il primo della storia. Dell’enorme tesoro in lingotti d’oro che allora il Banco di Sicilia conteneva e che fu saccheggiato da Garibaldi ne è testimonianza il fatto che poco meno di un anno prima (nel 1859) era stato eseguito il rafforzamento della pavimentazione del Banco stesso resa pericolante dall’enorme peso della traboccante cassaforte in cui appunto erano contenute ingenti somme di denaro e enormi quantità di lingotti d’oro…










Il 27 maggio del 1860 data l’inizio della scientifica spoliazione e della rapina delle ricchezze e dei beni delle genti del Sud e dei siciliani. Con l’entrata di Garibaldi a Palermo ha, infatti, inizio il saccheggio che avverrà quattro giorni dopo, il 31 Maggio, della tesoreria del Regio Banco di Sicilia.

Dell’enorme tesoro in lingotti d’oro che allora il Banco di Sicilia conteneva e che fu saccheggiato da Garibaldi ne è testimonianza il fatto che poco meno di un anno prima (nel 1859) i dirigenti del banco siciliano avevano commissionato ad alcune imprese edili il rafforzamento della pavimentazione del Banco stesso resa pericolante dall’enorme peso della traboccante cassaforte in cui appunto erano contenute ingenti somme di denaro e enormi quantità di lingotti d’oro. Ad alleggerirla in quel maggio del 1860 e a risolvere i problemi e i pericoli del sovrappeso della cassaforte ci pensò, alla sua maniera, Garibaldi rapinando il contenuto della cassaforte e depredando i palermitani e i siciliani dei loro risparmi.



Il tutto avvenne in occasione dell’incredibile e inspiegabile ingresso di Garibaldi in una Palermo presidiata da 24000 borboni e dopo la farsa della battaglia di Calatafimi, dove grazie al tradimento e alla corruzione (il prezzo del tradimento ammontò allora a 14000 ducati) del generale Landi ,3000 borboni batterono in ritirata di fronte a circa 1000 garibaldini male in arnese e nella quasi totalità inesperti all’uso delle armi.



In quell’occasione, proprio quando i borboni in numero nettamente superiore e attestati in una posizione più che favorevole, si accingevano a sconfiggere facilmente i garibaldini, il generale Landi , che già aveva intascato una fede di credito di 14000 ducati, un somma enorme per quei tempi equivalenti a 430 milioni di vecchie lire e 224mila euro dei nostri giorni, diede ordine al proprio trombettiere, di suonare il segnale della ritirata, lasciando sbigottiti ed esterrefatti gli stessi garibaldini che, a quel punto, non credevano ai propri occhi.

Come non credevano ai propri occhi gli stessi soldati borbonici che con rabbia e sdegno, loro malgrado, furono costretti a ubbidire. Scriverà poi Cesare Abba nelle suo libro Da Quarto al Volturno: “E quando pensavamo di avere perso improvvisamente ci accorgemmo di avere vinto e meravigliati dal campo stemmo a guardare la lunga colonna ritirarsi a Calatafimi”.


E ancora, uno dei Mille, Francesco Grandi nel suo diario così riportava: “Ci meravigliammo non credendo ai nostri occhi e alle nostre orecchie, da come si erano messe le cose, quando ci accorgemmo che il segnale di abbandonare la contesa non era lanciato dalla nostra tromba ma da quella borbonica”. Più chiaro di così ….

Tanto potè a Calatafimi il tradimento e la corruzione del generale Landi come possiamo rilevare da quanto riportato nei loro diari degli stessi garibaldini increduli testimoni dell’”inglorioso” evento. Ma “l’intelligenza con il nemico” di Landi nella battaglia di Calatafimi non fu certo pari a quella del generale Lanza a Palermo.

Questi lo superò di gran lunga,nel modo come all’alba del 27 maggio agevolò l’entrata di Garibaldi a Palermo da porta Termini, lasciandola deliberatamente sguarnita e non prendendo alcun provvedimento malgrado alcuni suoi ufficiali lo sollecitassero a fare uscire le truppe (che contavano ben 24000 uomini) acquartierate al palazzo reale per contrastare i circa 3000 garibaldini ( ai Mille si erano nel frattempo aggiunte alcune bande di picciotti molte delle quali condotte da noti mafiosi dell’epoca) che si accingevano a entrare in città.

Lanza lasciò deliberatamente il grosso delle truppe inoperose e poca resistenza poterono fare le 260 reclute che erano rimaste a presidio di porta Termini da cui, travolta questa scarsa resistenza, i garibaldini dilagarono in città rimanendone nei giorni successivi assoluti padroni poiché Lanza si ostinava a tenere inspiegabilmente(era evidente il tradimento e la connivenza con il nemico) le sue truppe acquartierate e inoperose nei pressi del Palazzo Reale. Nei giorni seguenti, fedele a un copione già stabilito e concordato, chiede per il giorno 29 maggio all’ammiraglio inglese Mundy, che si trovava con la sua nave ammiraglia Hannibal nella rada di Palermo la mediazione per la firma di un armistizio che verrà accordato e che si protrarrà sino al 3 giugno .


Nelle more dell’armistizio, per accordare ulteriori 3 giorni di proroga Garibaldi, il 31 maggio, pretenderà la consegna di tutto il denaro del Regio Banco delle Due Sicilie. E come è facilmente arguibile, da copione già scritto, il Lanza acconsentirà facendo per questo nascere il legittimo sospetto, alla luce degli avvenimenti di quei giorni caratterizzati da tradimenti e corruzioni, che, nella divisione della torta del saccheggio del Banco, una fetta non indifferente andasse alla fine nelle capienti tasche del generale borbonico. Del resto, di qualche giorno a Calatafimi sulla falsariga della corruzione e del tradimento, lo aveva preceduto per cifre più modeste il generale Landi.

La cronaca di quei giorni e della consegna di quanto contenuto e saccheggiato dal Banco delle Due Sicile è dettagliatamente riportata nel libro di Lucio Zinna Il caso Nievo che come si sa fu il viceintendente di finanza della spedizione dei Mille. Zinna fa una puntuale e interessante ricostruzione del caso Nievo e della sua misteriosa morte avvenuta nel marzo del 1861, nell’affondamento del Piroscafo Ercule a punta Campanella nei pressi di Napoli mentre stava portando a Torino la rendicontazione della gestione amministrativa e finanziaria dell’impresa dei Mille comprendente anche, si presume, la vicenda riguardante la “consegna” del denaro del Banco delle Due Sicile preteso da Garibaldi all’atto dell’armistizio.


Ma sfortunatamente tutto andò a fondo nel naufragio dell’Ercole e ogni notizia al riguardo si perse con la misteriosa morte di Nievo. Lucio Zinna nel suo interessante libro, così puntigliosamente e minuziosamente, ricostruisce la cronaca del ” prelievo” fatto da Garibaldi a danno dei palermitani e dei siciliani al Banco delle Due Sicilie: “Il primo giugno Francesco Crispi e Domenico Peranni (ultimo tesoriere di nomina borbonica,ben presto e per breve tempo Ministro delle Finanze della dittatura garibaldina) ricevettero nel palazzo delle finanze, dallo stesso generale Lanza e in presenza di funzionari, la somme che vi erano custodite. Complessivamente 5 milioni 444ducati e 30 grani. E poiché nella monetazione siciliana- spiega Zinna nella sua puntuale ricostruzione – un ducato,equivalente a dieci tarì, corrispondeva al cambio in lire italiane di 4,20, la somma complessiva ammontava a 22 milioni864mila 801 ducati e 26 centesimi pari a 166 miliardi 962 milioni738 mila 984 lire che tradotti in euro fa 86 milioni 229 058 e 44 centesimi. Un importo complessivo costituito dai depositi dei privati tranne 112 mila 286 ducati di pertinenza erariale. Una somma enorme equivalente a quasi metà delle spese sostenute nella guerra franco piemontese del 1859 contro l’Austria.

E fu così che privati cittadini palermitani e siciliani si videro così spogliare di tutti i loro risparmi ai quali Garibaldi rilasciò una improbabile ricevuta con su scritto “ Per spese di guerra” con l’impegno che il nuovo stato avrebbe restituito il prestito. Il foglietto contenente la ricevuta restò negli archivi a futura memoria. Il dovuto non fu mai restituito ma distribuito ai garibaldini , alla copertura delle spese delle guerre sabaude e al ripianamento del debito pubblico dello stato più indebitato d’Europa che era allora il Piemonte per le enormi spese di guerra sostenute.


I siciliani e i palermitani aspettano ancora di essere risarciti di queste rapine anche per questo la magica parola Risorgimento vorrà ancora oggi ,per loro significare, con i dovuti interessi, Risarcimento. Di questo prelievo indebito e forzato è difficile, trattandosi di un vero e proprio atto di saccheggio e di pirateria dei depositi bancari dei siciliani, trovarne traccia nelle cronache e nei libri del tempo. Ne fa cenno nel suo libro-diario “La Flotta inglese e i mille” l’ammiraglio sir Rodney Mundy, inviato, con la sua flotta, dal governo del suo paese, a scortare e proteggere Garibaldi, che così debitamente riporta l’avvenimento : 1° giugno – Riferendosi alle clausole della convenzione firmata dal generale Lanza e dal sig. Crispi, segretario di stato del governo provvisorio, la Finanza e la Zecca reale passava agli insorti. Nelle casse furono trovate un milione e duecentomila sterline in denaro contante” ( Corrispondente, in sterline, all’ingente somma così bene e minuziosamente descritta da Lucio Zinna)




Per non fare torto ai siciliani e ai palermitani, appena giunto a Napoli, Garibaldi non si fece parimenti scrupolo di depredare e usare lo stesso trattamento e gli stessi metodi di rapina alla capitale del Regno delle Due Sicilie. Il palazzo reale fu spogliato e depredato di tutto e così come avvenne a Palermo fu saccheggiato l’oro della Tesoreria dello Stato e tutti i depositi del Banco di Napoli requisiti e dichiarati beni nazionali . Con un decreto del 23 ottobre, ben 6 milioni di ducati equivalenti a 118 miliardi delle vecchie lire e a 90 milioni degli attuali euro provenienti da questi saccheggi furono poi divisi tra gli occupanti e i loro sodali. Furono pure requisiti il patrimonio e i beni personali di Francesco II di cui indebitamente si impossessò Vittorio Emanuele II .


Più avanti il re di Sardegna si offrirà di restituirli al legittimo proprietario se questi avesse acconsentito a rinunciare al suo diritto al trono delle Due Sicilie. “La dignità non si compra” fu la lapidaria risposta del deposto ultimo re della dinastia borbonica in Italia ,definita “la negazione di Dio”, al re “galantuomo”che lo aveva depredato di tutto.



E dire che di recente il ballerino cantante principe Emanuele Filiberto di Savoia e suo padre Vittorio Emanuele, degni discendenti del re “galantuomo”, con la regale faccia tosta che li contraddistingue, rientrati dall’esilio pretendevano un cospicuo risarcimento per svariati milioni di euro per i danni subiti, a loro dire, dallo stato italiano. Avrebbero fatto bene i due ridicoli e patetici rampolli discendenti di casa Savoia a rileggere la Storia di quei tempi e rivisitare i massacri le rapine, le spoliazioni e i saccheggi perpetrati indebitamente dai loro avi a danno delle popolazioni meridionali e per questo, esse e non i Savoia, legittimamente destinatarie di risarcimenti mai bastevoli a compensare gli incommensurabili e inestimabili danni subiti.



Ma torniamo al generale Ferdinando Lanza. Dopo avere consentito a Garibaldi di depredare,nelle more dell’armistizio del 30 maggio, il Banco di Sicilia in cui si presume abbia avuto la sua parte di “bottino”,giusto il tempo di consentire saccheggio, firmerà appena sette giorni dopo (il 6 giugno) una disonorevole e umiliante capitolazione . Ben 30 mila borboni bene armati e in pieno assetto di combattimento( ai 24000 uomini accampati, che Lanza teneva inoperosi nel piano di palazzo reale, se ne erano nel frattempo aggiunti 6000 agli ordini di Bosco e Won Mekel rientrati a Palermo dopo il vano inseguimento alla colonna del garibaldino Orsini) si arrenderanno a poco più di 3000 tra picciotti e garibaldini male in arnese e scarsamente armati.



Una incredibile e assurda capitolazione che non trova alcuna elementare spiegazione in nessun manuale di strategia militare, se non giustificata dalla corruzione e dal tradimento dei generali Landi a Calatafimi e Lanza a Palermo. Scrive, a proposito di questa inconcepibile resa, ancora Cesare Abba: “Gli abbiamo visti partire. Sfilarono dinanzi a noi alla marina per imbarcarsi, una colonna che non finiva mai,fanti,cavalli, carri. A noi pare un sogno, ma non a loro”.


Era un sogno. I garibaldini ancora una volta, come a Calatafimimi, non credevano ai propri occhi: avevano guadagnato una battaglia che, considerata l’enorme disparità in campo a loro sfavorevole mai pensavano di poter vincere. Un sogno per i garibaldini, un incubo per i soldati duosiciliani cui li aveva precipitati il tradimento e la corruzione dei propri generali.



Rientrato a Napoli, Ferdinando Lanza finirà davanti alla Corte Marziale per alto tradimento Non ci sarà il tempo di condannarlo per il precipitare degli eventi dovuti alla fuga da Napoli di Francesco II . Il generale Lanza potrà così godersi il frutto delle proprie malefatte. Della sua “intelligenza con il nemico” negli avvenimenti di Palermo del giugno del 60 ne è riprova quanto avvenne poco meno di tre mesi dopo a Napoli. Il 7 settembre Lanza si recherà a palazzo d’Angri a rendere omaggio a Garibaldi e a complimentarsi per le sue “ vittorie” e ricordargli che a queste vittorie lui aveva dato il suo determinante e peculiare contributo.



Altrettanto bene non finirà invece al generale Landi. Vi ricordate delle fede di credito di 14mila ducati quale prezzo della sua arrendevolezza a Calatafimi? Ebbene nel marzo del 1861 quando si presenterà presso la sede del banco di Napoli per esigere il prezzo del”malaffare”, dai funzionari del banco si sentirà dire che quella fede di credito era taroccata . Il suo valore non era di 14mila ducati ma bensì di 14 ducati a cui erano stati aggiunti truffaldinamente tre zeri. Ai dirigenti, che gli aprivano sconsolatamente le braccia, confesserà con rabbia di averla avuta personalmente da Garibaldi. Corrotto e truffato dunque , Landi, precedentemente degradato e posto in pensione, morirà per il dispiacere poco tempo dopo.


Saccheggi, spoliazioni,tradimenti corruzioni,truffe da Garibaldi ai Savoia questi gli ingredienti che caratterizzarono la conquista del Sud e portarono a una mal metabolizzata “Unità d’Italia”.

Oggi, a distanza di più di150 anni da quegli avvenimenti, nulla è cambiato. Con queste premesse del resto cos’altro potevano pretendere gli italiani e le popolazioni meridionali che di questa mala Unità ne pagarono e ne continuano a pagare le drammatiche e costose conseguenze.



ndr quello di cui ci ha parlato Ignazio Coppolo è stato il primo saccheggio. L’ultimo, quello definitivo, si consuma sul finire degli anni 90. Ve lo abbiamo raccontato qui.



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12313
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: STORIA DELL' UNITA' D' ITALIA. NORD E SUD
MessaggioInviato: 12/09/2019, 13:48 
Due Generali "mariuoli e corrotti" Napoletani...e che ci si poteva aspettare!. [:(!]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12833
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: STORIA DELL' UNITA' D' ITALIA. NORD E SUD
MessaggioInviato: 12/09/2019, 13:56 
bleffort ha scritto:
Due Generali "mariuoli e corrotti" Napoletani...e che ci si poteva aspettare!

Ma quindi quello che voi altri chiamate "Saccheggio" non fu opera dei nordici??? Spiegatemi, sono curioso.



_________________
Make Italy great again!
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 92 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 10/12/2019, 09:49
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org