Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1994 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 113, 114, 115, 116, 117, 118, 119 ... 133  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13337
Iscritto il: 05/12/2008, 22:49
Località: Laveno Mombello (Va)
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 03/11/2018, 11:21 
Stanno sparando gli ultimi colpi....a salve.
Occhio alle subdole connonate dei vari Soros e truppa, formazione a testugine, parare il colpo e scatenare gli arcieri.



_________________
Nutrirsi di fantasia, ingrassa la mente.

Immagine
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 9869
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 03/11/2018, 15:58 
Cita:
No Salvini no party: fatevene una ragione cattocomunisti e rosiconi di sinistra

http://blog.ilgiornale.it/pasini/2018/1 ... -sinistra/


Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4191
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 08/11/2018, 17:02 
Cita:

Risbuca fuori la Kyenge: ecco il movimento degli “afro-italiani”


Roma, 8 nov – Tra i ministri più superflui della storia d’Italia, onorata di un dicastero per soli motivi «epidermici», Cécile Kyenge non ha mai perso occasione per portare avanti la sua personale battaglia immigrazionista: dallo ius soli all’abolizione del reato di immigrazione clandestina, fino ad arrivare alla denuncia di presunti attacchi razzisti rivolti alla sua persona (e addirittura il marito la sconfessò). Dopo mille fallimenti e dopo un fruttuoso tour estivo sulle navi Ong sequestrate, la Kyenge torna ora alla carica con un’idea geniale: un movimento di soli «afro-italiani».

Il nome del contenitore è Afroitalian Power Initiative (perché, si sa, l’inglese fa sempre chic). Un nome che riecheggia apertamente lo slogan black power («potere nero»), utilizzato dagli afroamericani per vantare un certo orgoglio razziale e l’esistenza di presunti «valori neri». In sostanza, pur non trattandosi di un partito, la matrice politica e ideologica dell’iniziativa è chiarissima. Basta leggere la presentazione del progetto: «Afroitalian Power Initiative (API) è un percorso di rafforzamento economico e politico della Diaspora Africana in Italia. […] Si pone il doppio obiettivo di rafforzare la partecipazione della diaspora alla cooperazione, e di costruire un quadro partecipativo che consenta alla stessa diaspora di affermare la propria cittadinanza in Italia, in Europa». In pratica, è solo un altro modo per contrabbandare lo ius soli.

Ma non solo: «In un momento in cui assistiamo alla crescita dell’afrofobia e alla marginalizzazione delle iniziative degli afro-italiani in Italia, Afroitalian Power Initiative vuole rianimare gli attori sociali afro-italiani per il bene dell’Italia». E così, dopo la xenofobia, l’omofobia e la mixofobia, ora abbiamo anche l’afrofobia, l’ennesimo nome cacofonico che vuole mettere in scena il vittimismo della minoranza di turno: «Viviamo un momento storico in cui il rispetto della nostra identità di afro-italiani e dei nostri diritti sono costantemente messi a repentaglio: c’è chi vuole impedire ai nostri figli di usufruire dei servizi scolastici, c’è chi ci discrimina per il colore della pelle, c’è chi ci impedisce di vivere da persone libere». Capito? Vivevamo nell’Alabama dell’Ottocento, ma non ce ne eravamo accorti.




https://www.ilprimatonazionale.it/polit ... ani-96252/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14789
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 08/11/2018, 18:01 
tutta questa gente avrebbe bisogno
di un congruo soggiorno
presso struttura ospedaliera
opportunamente attrezzata

cioè alla fine questa gente teorizza il diritto
x decine, centinaia, migliaia e milioni, ecc.
di spostarsi e sistemarsi sine die
dove più gli aggrada..


questo succedeva al (alto) medioevo..
attila veniva insieme ai suoi,
e metteva su la tenda dove gli pareva..

a che servono ambasciate, confini, stati,
ordinamenti, ecc.??

uno prende e si stabilizza
dove accidenti gli pare..

ma se in 20 milioni di italiani partiamo
e ci sistemiamo al paese suo.
nel suo villaggetto nella savana
.
dove abitano mammà, papà, cugini e nipoti,
e imponiamo le nostre usanze,
la kiengè si inkaz.za immagino,
no??
ma non c arriva col cervello..

gente fuori di testa..


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 14789
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 12/11/2018, 17:00 
la nuova sinistra radical chic delle sciure bene
con la pancia piena e casa in centro..

la bella gente insomma..

https://torino.corriere.it/politica/18_ ... resh_ce-cp

Le madamin rifiutano l’invito di Appendino: «Portiamo le nostre proposte prima a Mattarella»
Le promotrici della mobilitazione mettono in stand by l’invito della prima cittadina. Che ribatte: «Brutto segnale di chiusura. Ma la mia porta rimane comunque aperta»

Chiara Appendino tende la mano alle sette donne in arancione, ma loro, almeno per il momento, preferiscono declinare l’invito: «Incontreremo tutti, ma prima vogliamo andare dal Capo dello Stato», tagliano corto le madamin, rispondendo alla proposta che hanno ricevuto questa mattina dalla sindaca. «Alla luce delle istanze emerse dalla manifestazione di sabato scorso e ai richiami all’operato dell’amministrazione di Torino — ha scritto Appendino, in una lettera alle promotrici della mobilitazione per il “Sì” — desidero invitarvi a un primo confronto il 16 novembre a Palazzo civico».

Immagine

scommetto che non abitano in val di susa..
codeste..
ma i vantaggi della tav quali sarebbero?
mi piacerebbe tanto sapere che pensano queste signore..
al di là delle felpe colorate..
ma nulla è dato sapere..

l'impressione è che non c'abbiano niente da fare tutto il giorno..


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 9869
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 12/11/2018, 17:08 
E' semplicemente l'ennesimo fronte contro Lega e 5 Stelle.


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 16451
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 12/11/2018, 17:15 
prodromi della classica rivoluzione colorata. Massima attenzione e tagliare i fondi derivanti dalle società di Soros.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2731
Iscritto il: 17/01/2012, 17:31
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 12/11/2018, 20:15 
infatti a quelli in piazza a torino non interessa nulla la tav. sono tutta gente del pd e partiti vari anti 5s e lega. ennesimo tentativo di dare addosso al governo.
rastrellare e manganellare.


Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4191
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 15/01/2019, 14:48 
Cita:

Chi non rinnega la firma per Battisti


Christian Raimo e Sandro Dazieri, ma anche il collettivo Wu Ming e Loredana Lipperini. Non tutti rinnegano la firma apposta nel 2004 all'appello a favore dell'ex terrorista Cesare Battisti, da ieri in carcere a Oristano dopo 37 anni di latitanza. Intervistati dall'Adnkronos, o con un post sui profili social, sono diversi gli intellettuali e scrittori che - contrariamente a quanto accaduto con Roberto Saviano - hanno deciso di confermare l'adesione, rifiutando tuttavia e nettamente l'ettichetta di 'fiancheggiatori di terroristi'. Ma non c'è solo la firma: lontani dalla linea del governo anche il co-fondatore di Potere Operaio Oreste Scalzone e il direttore de Il Dubbio Piero Sansonetti, che ne chiede l'amnistia.

RAIMO - Con Cesare Battisti in galera "aumenta il populismo penale". Ne è convinto lo scrittore Christian Raimo che nel 2004, insieme ad altri intellettuali, firmò un appello a favore dell'ex terrorista dell'organizzazione Proletari Armati per il Comunismo. Conversando con l'AdnKronos, Raimo spiega che "Battisti serve al M5S e alla Lega, partiti diversi da molti punti di vista, per aumentare la convergenza ideologica sul populismo penale". Il suo arresto, osserva Raimo, in questo momento "va a vantaggio della Lega perché il partito di Salvini ha fatto della battaglia sul populismo penale la sua anima cardinale". Per lo scrittore, "il corpo di Battisti in carcere, isolato e punito sarà una specie di monito. Sarà molto difficile, un domani, che una manifestazione politica che abbia toni più accesi non venga soffocata anche con misure di repressione carceraria molto forti. Un discorso che vale anche per reati di opinione. E' chiaro che se un ministro si può permettere di dire 'si va in galera' e di andare in giro con lo scalpo di Battisti, allora può accadere qualunque cosa. Con Battisti in galera, insomma, la Lega si fa forte di una possibilità di repressione in più".
"Si è persa - prosegue inoltre Raimo - un'occasione molto grande in questi ultimi anni per provare, anche a partire dal caso di Battisti, a ragionare su due grandi temi politici: il primo è quello della violenza politica degli anni Settanta e il secondo quello della grande questione carceraria. Alla luce di come si è conclusa questa vicenda, con uno schieramento unanime rispetto a una sentenza gioiosamente punitiva, di questi temi-chiave per una democrazia matura oggi non si può neanche parlare perché si potrebbe essere accusati di essere fiancheggiatori dei terroristi. Battisti, per il quale non ho alcuna simpatia personale, era una delle figure più marginali di questa stagione e non ha contribuito a riflettere più in generale su questo periodo". La sua vicenda, "è l'ennesimo epilogo carcerario di questa fase storica", aggiunge Raimo che conclude: "Se dovessi chiedere al ministro dell'Interno Matteo Salvini, o a molte persone che ora si affannano ad inneggiare alla galera per Battisti, un approfondimento storico sugli anni Settanta, sono convinto che li troverei molto impreparati".

Tra i firmatari che non rinnegano l'appello del 2004 per Battisti non c'è solo Raimo. Tra loro anche lo sceneggiatore Sandro Dazieri, il collettivo Wu Ming e la giornalista Loredana Lipperini.
Lontani dalla linea del governo anche il co-fondatore di Potere Operaio Oreste Scalzone e il direttore de Il Dubbio Piero Sansonetti.

DAZIERI - "Non ritiro la firma. Non lo farei neanche se fossi convinto di avere sbagliato - spiega lo scrittore e sceneggiatore Sandro Dazieri all'Adnkronos -. Ma non riesco a fare cose disonorevoli, a differenza di molti altri firmatari dell'appello che oggi negano di averlo fatto ed affermano che per loro lo abbia invece fatto la zia o la cugina. Nonostante Battisti non mi sia mai stato simpatico, ero convinto allora che si sarebbe potuto aprire un dibattito storico sugli anni di piombo, per questo ho firmato e non ritiro la firma anche se siamo diventati i nemici della patria, i fiancheggiatori del terrorismo perchè questa storia è fascismo puro".

"Avevo firmato l'appello perché avevo letto la controinchiesta e c'erano molti dubbi sul processo - ricorda Dazieri - Ad esempio: Alberto Torregiani (figlio del gioielliere ucciso nel 1979 dai Pac in una sparatoria in cui lui stesso rimase ferito e perse l'uso delle gambe - ndr) si dice che Battisti gli avesse sparato, ma non è vero il proiettile era diretto al padre, non al figlio. Inoltre pensavo fosse il caso di riparlare degli anni 70 - aggiunge -. Pensavamo che si sarebbe potuto riaprire un dibattito finalizzato ad una revisione storica sugli anni di piombo, sulle stragi, sui servizi deviati e sulla giustizia in relazione a quegli anni. La nostra non era una assoluzione a Battisti ma una richiesta di revisione storica che mai è stata accolta. Di contro, a 15 anni dall'appello, noi ancora stiamo subendo un vero e proprio linciaggio. E' diventato un gioco al massacro in cui i firmatari sono 'i complici' di Battisti. Dunque lasciamo far fare bella figura a Salvini che fa il poliziotto".

"Ricevo lettere con insulti e 'minacce di morte' in cui sono considerato 'complice di un assassino'. Lettere del tipo: 'Ho comprato un tuo libro ma spero che i soldi che guadagni tu li spenda solo in medicine'. Ciò accade perchè purtroppo non c'è spazio per il dibattito in Italia, soprattutto per la viltà di una certa sinistra, che in qualche modo è scomparsa. Parecchi firmatari dell'appello durante una intervista alla Rai in cui avrei voluto stimolare un confronto sugli anni di piombo, mi hanno addirittura attaccato il telefono in faccia per paura di essere definiti 'filo-terroristi'. Ma io facevo parte di Leoncavallo, che era contro la lotta armata! - esclama -. Dopo la firma, nel 2004 abbiamo subito un vero e proprio boicottaggio: volevano espellerci da tutte le biblioteche d'Italia. Questa storia è fascismo puro. Noi siamo i fiancheggiatori del terrorismo e posso anche capire chi non vuole parlare o se ne è tirato fuori per le conseguenze che rischia di subire, perché poi viene cacciato, attaccato da chi... fa il saluto romano".

Tra gli autori degli 'atti di abiura', Roberto Saviano: "Saviano? Lasciamo stare.Tra i firmatari per Battisti figurava anche lui, ma si è tirato fuori ", taglia corto Dazieri che ricorda di avere lanciato nel 2006 l'appello per la scorta all'autore di Gomorra sottoscritto anche da Massimo Carlotto e Giancarlo De Cataldo e poi dal sostegno di Umberto Eco. "Il nostro non era un appello alla solidarietà ma per la riapertura di un processo fatto negli anni '70, per discutere di un periodo di errori giudiziari e di chi è finito in galera senza colpa, mentre gli autori riconosciuti della strage di Bologna sono fuori pur essendo stati condannati. Vi rendete conto della differenza? E' pura ideologia. Non credo più alla possibilità di un dibattito". E poi ironicamente conclude: "Battisti il leader dei Pac? Non lo era. Era un proletario sfigatissimo. Troppe, troppe forzature".

WU MING - "Sono quelle giornate in cui la realtà ti ricorda che, anche nei paesi dove si legge pochissimo e gli scrittori non smuovono quasi niente, il potere li guarda con sospetto e appena può li addita ai mastini. Solidarietà ai colleghi 'mostri' sbattuti in homepage per una firma". Così ieri su Twitter la Wu Ming Foundation, la federazione di cui fa parte il Collettivo Wu Ming, attivo dal 2000 che mette insieme gli scrittori provenienti dalla sezione bolognese del Luther Blisset Project, fra i firmatari nel 2004 dell'appello a favore di Cesare Battisti.

LIPPERINI - "Fin qui ho taciuto, però adesso mi sembra che si stia passando la misura. Ho firmato un appello quattordici anni fa - scrive su Facebook la giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica Loredana Lipperini - insieme a una folla di colleghi illustri (cercatevi le firme, basta un clic). In quell'appello si sosteneva 'E' bene ricordare che a Cesare Battisti fu concesso asilo politico solo dopo che un magistrato francese ebbe vagliato le 'prove a suo carico', e le ebbe giudicate contraddittorie e 'degne di una giustizia militare'".

"A Battisti - ricorda Lipperini - erano stati addossati tutti gli omicidi commessi da un’organizzazione clandestina a cui era appartenuto negli anni ’70, anche quando circostanze di fatto e temporali escludevano una sua partecipazione. Questo è quello che ho sottoscritto, perché continuo a credere in una giustizia che non sia vendetta, questo è. Che arrivino vecchi sbavanti delle vecchie destre a urlare sui social, ci sta. Ma che arrivino pure scrittori frustrati in quanto non considerati dal mondo cattivo, a unirsi al coro, è, perdonate, nauseante", conclude Lipperini.

SCALZONE - "Chiusura di un’epoca? Più che altro - ribatte il co-fondatore di Potere Operaio Oreste Scalzone all'Adnkronos -, per chiusura si intende nelle intenzioni o velleità di LorSignori la chiusura delle porte di una cella dietro qualcuno, un essere umano, che secondo loro dovrebb'essere destinato a cent'anni di solitudine. Altro che 'voltar pagina'. Qui si parla di catenacci, ergastolo, che adesso va di moda voler rendere reale, effettivo, fino a morte definitiva. Fino a morte, esito di una lunga agonia, morte centellinata ogni giorno, come nelle canzoni di Dalla e De André".

"Se manteniamo un minimo di senso corrente delle parole, le epoche non si chiudono mai - argomenta Scalzone -. Siamo in presenza di persone che non vogliono chiudere proprio niente, e men che mai con la 'riconciliazione' blaterata e vagheggiata da tante 'AnimeBelle'. Ci sono esempi anche recenti nella Storia, in cui i poteri costituiti hanno ritenuto che, nell'interesse loro e dell'ordine sociale costituito, bisognasse 'voltar pagina', con un 'oblìo giudiziario', 'rinuncia alla pena', com'è scritto nei loro testi, in dottrina giuridica, conchiudere decenni di conflitti sanguinosi: e quando ritenevano di farlo la via maestra era quella di misure di amnistia, indulto, grazia, prescrizione, perfino depenalizzazione".

SANSONETTI - ''Cesare Battisti è stato condannato sulla base di testimonianze, poco credibili, di pentiti. Sono le uniche prove a suo carico. Mi si dirà che è una sentenza passata in giudicato ma io ho il diritto di contestarla. Bisognerebbe ripensare a quei processi e soprattutto alla legge sui pentiti che rischia di creare ingiustizie. Certo, in questo clima non mi sembra ci sia nessuna possibilità ma sarebbe importante''. Questa la voce fuori dal coro del direttore del 'Il Dubbio' Piero Sansonetti che con l'Adnkronos ha commentato l'arresto.

Sansonetti è consapevole che le sue sono posizioni ''più che isolate'' ma è una ''ventina di anni che le porto avanti in solitaria''. Anzi l'ex direttore di 'Liberazione e 'Il Garantista' rilancia anche la ''necessità di un'amnistia, non solo per la stagione degli anni di piombo'', ma certo ''in questo clima è difficile da ottenere''.




https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca ... EwdIO.html


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 16451
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 15/01/2019, 22:32 
xfabiox ha scritto:
infatti a quelli in piazza a torino non interessa nulla la tav. sono tutta gente del pd e partiti vari anti 5s e lega. ennesimo tentativo di dare addosso al governo.
rastrellare e manganellare.



Anche perchè le così dette "madamine" hanno ammesso di non sapere nulla della TAV ma di "fidarsi" del precedente governo il che fa capire bene il livello di idiozia che le anima.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4526
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Bananas
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 15/01/2019, 23:57 
A proposito di "compagni che sbagliano" (quando mai ne fanno una giusta?), in questi giorni, successivamente alla cattura di Battisti, si é scatenato il meglio del gauchismo nostrano.

Da Sansonetti, a Ferrero, all'immancabile Vauro, e persino quel lavapiatti di "chef Rubio".

Cesare Battisti, Chef Rubio sputa su Matteo Salvini: "Propaganda becera, e intanto la Mambro..."
https://www.liberoquotidiano.it/news/pe ... o-nar.html

Il ritornello è più o meno sempre quello: Salvini specula, Salvini spettacolarizza, Salvini é fascista e razzista, ergo non persegue i terroristi "neri", ma solo i "rossi" . Ed é pure assassino perché "lascia i migranti in mezzo al mare" (questo l'ho letto sui social). Per non parlare degli striscioni che sono apparsi a Bologna, Roma, "Salvini appeso", "Battisti libero" e altre perle simili, ecc.

Pur di dare contro a Salvini, difendono un assassino vigliacco. Poi si stupiscono se nessuno vota più a sinistra. Se questi sono i loro rappresentanti...

Fortuna vuole che siamo nel 2019 e non nel '77, quelli sparavano sul serio, questi sparano pistolinate dal proletario iPhone o scrivono vigliaccate con le bombolette spray made in Vietnam.
Beh meglio così.
Purtroppo hanno un ministero dell' interno talmente fascista che permette loro di diffamarlo dalla mattina alla sera, senza nessuna conseguenza.
Per questo è bello farsi delle grasse risate ogni volta che partono a starnazzare su presunti fascismi salviniani... :D



_________________
"And you run and you run to catch up with the sun, but it’s sinking,
racing around to come up behind you again.
The sun is the same in a relative way, but you’re older,
shorter of breath and one day closer to death."
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4526
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Bananas
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 24/01/2019, 11:18 
Adrian, la serie contro le dittature, è stata prodotta in Corea del Nord

L'irresistibile paradosso di "Adrian": un futuro distopico contro tutte le dittature però prodotto dallo Studio SEK, fiore all'occhiello delle aziende della Corea del Nord. Questo potrebbe spiegare i motivi per cui le scene di sesso non siano animate ma sostituite da illustrazioni ferme di Milo Manara. In Corea del Nord, il sesso è considerato una forma di edonismo che le persone non possono provare a manifestare.
https://www.google.com/amp/s/tv.fanpage ... -nord/amp/

[:246]



_________________
"And you run and you run to catch up with the sun, but it’s sinking,
racing around to come up behind you again.
The sun is the same in a relative way, but you’re older,
shorter of breath and one day closer to death."
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 872
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 24/01/2019, 11:44 
TheApologist ha scritto:
Adrian, la serie contro le dittature, è stata prodotta in Corea del Nord

L'irresistibile paradosso di "Adrian": un futuro distopico contro tutte le dittature però prodotto dallo Studio SEK, fiore all'occhiello delle aziende della Corea del Nord. Questo potrebbe spiegare i motivi per cui le scene di sesso non siano animate ma sostituite da illustrazioni ferme di Milo Manara. In Corea del Nord, il sesso è considerato una forma di edonismo che le persone non possono provare a manifestare.
https://www.google.com/amp/s/tv.fanpage ... -nord/amp/

[:246]


Proprio " irresistibile " come paradosso. [:D] Avevo letto qualche articolo prima che lo trasmettessero ma ho pensato di evitare, non volevo che inquinasse in un colpo tre dei miei miti : "Blade Runner" , "1984" di Orwell e Manara. Mi sa che ho fatto bene.



_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4526
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
Località: Bananas
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 24/01/2019, 12:02 
Io ho visto qualche spezzone l'altra sera. Francamente mi sembra solo un'opera fatta apposta per gonfiare ancora di più l'ego smisurato di Celentano. :D
Una noia mortale.

Come se non fossero bastati i flop di "film" del passato quali Joan Lui, Yuppi du.... Il suo problema è che si ritiene il Messia...



_________________
"And you run and you run to catch up with the sun, but it’s sinking,
racing around to come up behind you again.
The sun is the same in a relative way, but you’re older,
shorter of breath and one day closer to death."
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Non connesso


Messaggi: 3760
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
Località: WEST Prealpi OROBICHE
 Oggetto del messaggio: Re: A sinistra intanto..ovvero, compagni che sbagliano
MessaggioInviato: 24/01/2019, 12:09 
TheApologist ha scritto:
Io ho visto qualche spezzone l'altra sera. Francamente mi sembra solo un'opera fatta apposta per gonfiare ancora di più l'ego smisurato di Celentano. :D
Una noia mortale.

Come se non fossero bastati i flop di "film" del passato quali Joan Lui, Yuppi du.... Il suo problema è che si ritiene il Messia...

Come artista non è niente male, di caxxate come altri nostrani, ne ha sparate pochissime, ma in effetti come ego e come si porge, penso che, NON sia solo una "posa" artistica.



_________________

RAGLIO D'ASINO NON SALE IN CIELO!!

È cosa peggiore essere imbecilli piuttosto che cattivi: il cattivo qualche volta può recedere dalla sua cattiveria, MA l'imbecille non cessa mai di essere tale!
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1994 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 113, 114, 115, 116, 117, 118, 119 ... 133  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 20/04/2019, 20:30
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org