Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3423 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 223, 224, 225, 226, 227, 228, 229  Prossimo
Autore Messaggio

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 382
Iscritto il: 20/03/2010, 17:41
Località: Puerto Vallarta/Mx
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 09/09/2021, 20:32 
vimana131 ha scritto:
Iktamool ha scritto:
+tutte le altre scosse alle quali ci siamo abituati...


Sono state avvistate anche le luci telluriche

Guarda su youtube.com



A si, ho visto. Ma, se non sbaglio, quelle luci/bagliori si verificano sempre.



_________________
...ogni giorno qualche cosa in meno...
Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 382
Iscritto il: 20/03/2010, 17:41
Località: Puerto Vallarta/Mx
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 12/09/2021, 00:34 
Popocatépetl con intensa attivitá -In vivo-
Popocatépetl con intensa actividad - EN VIVO
https://www.youtube.com/watch?v=6J8Wdq9HVys



_________________
...ogni giorno qualche cosa in meno...
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6241
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 17/09/2021, 01:48 
Cina: 3 morti e 60 feriti in terremoto nel Sichuan
Registrata una magnitudo di 6.0


(XINHUA) - CHENGDU, 16 SET - Sono tre le vittime confermate e 60 i feriti ricoverati presso le strutture ospedaliere a seguito di un terremoto di magnitudo 6.0 che ha scosso la contea di Luxian della città di Luzhou, nella provincia sud-occidentale cinese del Sichuan.
Secondo l'ufficio cittadino per la gestione delle emergenze, tra i ricoverati vi sarebbero inoltre tre feriti gravi.
La China Earthquake Administration ha inviato in loco una squadra per guidare le operazioni di soccorso con un totale di 890 persone mobilitate, tra comandanti e personale dei vicini dipartimenti di vigili del fuoco, mentre altri 4.600 soccorritori sono pronti a intervenire. Alle 8:30 di questa mattina il bilancio delle perdite era di 737 abitazioni crollate, 72 che hanno subito danni gravi e 7.290 con danni parziali.
Nella zona dell'epicentro, sulla strada che conduce alla città di Jiaming, colpita dalla pioggia, è possibile notare mura e case crollate.
Nella maggior parte delle abitazioni è stata sospesa la fornitura di elettricità mentre gli scaffali dei negozi che hanno ceduto durante le scosse, giacciono sparsi lungo le strade con alcuni residenti intenti a ripulire.
Sotto le forti piogge che si sono abbattute sulla città di Fuji, i soccorritori sono andati porta a porta alla ricerca di persone nelle case danneggiate e le hanno trasferite in rifugi temporanei presso i quali vengono distribuite porzioni di torta lunare, il tradizionale dolce cinese consumato durante la Festa di metà autunno, e altri prodotti alimentari alle persone colpite.
Lai Jianrong, un'abitante di Fuji, ha spiegato ai giornalisti di Xinhua di aver avvertito una lieve scossa intorno alle 4 del mattino e di essere corsa fuori a piedi nudi in camicia da notte quando le scosse si sono fatte più intense: "alcuni mattoni si sono staccati dal muro e non ho osato entrare di nuovo", ha raccontato la donna che in mattinata è stata spostata in un rifugio temporaneo.
Sono oltre 6.900 i residenti che hanno subito disagi e sono stati trasferiti mentre a questa mattina sono più di 10.000 le persone dislocate in rifugi temporanei, come fa sapere il governo locale.
Secondo il China Earthquake Networks Center, il terremoto si è verificato alle ore 4:33 del mattino e il suo epicentro è stato localizzato a 29,2 gradi di latitudine nord e 105,34 gradi di longitudine est, per una profondità di 10 km.
Con l'approvazione del governo provinciale, il quartier generale per i soccorsi in risposta al terremoto del Sichuan ha attivato una risposta di emergenza di livello-II, il secondo più alto nel sistema a quattro livelli della Cina.
Il fenomeno ha provocato il danneggiamento di alcune stazioni base e cavi per le telecomunicazioni.
Secondo le autorità ferroviarie, la stazione ad alta velocità di Luzhou è stata chiusa. Anche tutte le miniere di carbone hanno ricevuto l'ordine di sospendere le operazioni sotterranee ed evacuare i minatori nei pozzi.
Zhang Zhiwei, vice capo della Sichuan earthquake administration, ha spiegato che questo evento, a differenza del devastante terremoto di Wenchuan e di quello di Lushan avvenuti nella provincia, si è verificato nella faglia del monte Huaying.
Un'analisi condotta da esperti ha concluso che nella zona è improbabile che si verifichi un terremoto più grave, ma potrebbero esserci scosse di assestamento. (XINHUA)


https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/ ... 7ccf6.html


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6241
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 22/09/2021, 21:16 
Australia, forte terremoto di magnitudo 5.9: paura a Melbourne

Guarda su youtube.com


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 19591
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 23/09/2021, 08:59 
https://www.la7.it/intanto/video/sicili ... 021-398029


Guarda su youtube.com



_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml
Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no”perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable. Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6241
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 27/09/2021, 16:46 
Terremoto in Grecia, scossa di magnitudo 6.1 a Creta. Un morto per il crollo di una chiesa
Ingv, ad una profondità di 13 chilometri


Una scossa di terremoto di magnitudo 6.1 della scala Richter è stata registrata sull'isola di Creta, ad una profondità di 13 chilometri.
Il sisma, secondo quanto comunicato dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) che ne ha registrato la magnitudo, è avvenuta alle 08.17 ora italiana.

Una persona è morta. Lo riporta la tv greca Ert. Si tratta di un operaio che stava svolgendo dei lavori all'interno di una chiesa ad Arkalochori il cui tetto è crollato dopo il sisma. Sul posto è già arrivato il ministro della Protezione civile, Christos Stylianidis. I vigili del fuoco hanno descritto la situazione come "molto difficile", ci sono almeno tre persone intrappolate all'interno delle loro case.


https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/ ... 702bc.html


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6241
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 07/10/2021, 17:43 
Giornata movimentata

Pakistan, il bilancio del terremoto sale a 20 morti e 300 feriti
La zona più devastata dal sisma è quella del distretto di Harnai


E' salito ad almeno 20 morti e circa 300 feriti il bilancio delle vittime del terremoto di magnitudo 6 che nella notte ha colpito la provincia pakistana del Belucistan, secondo l'Autorità provinciale per la gestione dei disastri.

La zona più devastata dal sisma è quella del distretto di Harnai, dove sono morte 15 persone e più di 100 sono rimaste ferite.


https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/ ... fd755.html

Tokyo, terremoto di magnitudo 6.1, nessun allarme tsunami
Epicentro a ovest della metropoli, treni Shinkansen sospesi


(ANSA) - TOKYO, 07 OTT - Un forte terremoto di magnitudo 6.1 è stato registrato a Tokyo alle 22.41 locali (15.42 in Italia) con epicentro nella prefettura di Chiba, a est della capitale.
Lo rende noto la Japan meteorological agency (Jma) che non ha lanciato alcun allarme tsunami, misurando poi l'intensità della scossa in 5 sulla scala nipponica di misurazione massima di 7 livelli. Al momento, secondo la tv pubblica Nhk, non risultano notizie di danni a persone o cose. I servizi dei treni superveloci Shinkansen sono stati sospesi. (ANSA).


https://www.ansa.it/sito/notizie/topnew ... 040d0.html


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6241
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 11/10/2021, 17:55 
Hawaii, terremoto di magnitudo 6.2: no rischio tsunami


Il sisma a circa 17 miglia a sud della punta meridionale della Big Island


Due scosse di terremoto, di magnitudo 6.1 e 6.2, si sono registrate al largo delle isole delle Hawaii, a sud di Big Island. Lo rende noto l'US Geological Survey, spiegando che il primo sisma si registrato a circa 17 miglia a sud della punta meridionale della Big Island. Un secondo terremoto, di magnitudo 6.2, si è registrato circa 20 minuti dopo nella stessa zona.

Quasi duemila i residenti che hanno riferito di aver avvertito il terremoto, come riporta Usa Today. Non sono stati segnalati feriti. Il servizio meteorologico nazionale di Honolulu ha affermato che non vi è alcuna minaccia di tsunami conseguente ai terremoti.



https://www.adnkronos.com/hawaii-terrem ... mhNEYTm9Kl

Terremoto in Basilicata, epicentro scossa tra Potenza e Matera


Di magnitudo 3.4, è stata registrata alle 13.33


Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata alle 13.33 dall'Ingv in Basilicata, nell'area a cavallo tra le province di Potenza e Matera, nella zona delle Dolomiti lucane. Il sisma è stato avvertito dalla popolazione. L'epicentro è stato localizzato nel territorio di Campomaggiore (Potenza), entro i 10 chilometri l'area interessata comprende anche Pietrapertosa, Castelmezzano, Albano di Lucania (Potenza), Oliveto Lucano, Calciano, Tricarico, Accettura, Garaguso (Matera). Al momento non si rilevano segnalazioni presso la sala operativa dei Vigili del fuoco di Potenza.


https://www.adnkronos.com/terremoto-in- ... tp5Bc6Zuot


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6241
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 12/10/2021, 17:51 
Terremoto in Grecia: allerta tsunami “arancione” per la zona di Creta e le isole adiacenti
Un terremoto magnitudo 6.3 è avvenuto al largo dell'isola di Creta alle 11:24 di oggi: allerta tsunami "arancione" per la Grecia in corso

Immagine

Alle 11:24 di oggi, 12 ottobre 2021, un terremoto di magnitudo 6.3 è avvenuto lungo la costa sudorientale dell’isola di Creta. Il Centro Allerta Tsunami (CAT) dell’INGV ha diramato un messaggio di allerta tsunami di livello Advisory (Arancione) per la Grecia, in particolare per la zona di Creta e le isole adiacenti.

I ricercatori in turno al CAT – si spiega su INGVterremoti – stanno esaminando i dati dei mareografi posizionati a Ierapetra e in altre isole greche per verificare l’insorgenza di un eventuale tsunami nell’area. A maggio 2020 un terremoto di magnitudo 6.7, avvenuto a sud dell’isola, aveva generato un’allerta tsunami, confermata dai dati del mareografo di Ierapetra anche se con variazioni del livello del mare contenute entro +/- 20 cm.

La zona dell’arco ellenico è una delle regioni sismicamente più attive del Mediterraneo. Proprio lungo questo arco, nel settore ovest dell’isola di Creta, è avvenuto il terremoto che ha generato lo tsunami più significativo del Mediterraneo, nel 365 d.C.


https://www.meteoweb.eu/2021/10/terremo ... i/1730115/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6241
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 16/10/2021, 16:44 
Terremoto a Bali, scossa magnitudo 4.8: 3 morti


Almeno sette i feriti gravi nel bilancio del sisma in Indonesia


E' di almeno tre morti e sette feriti gravi il bilancio del terremoto che ha colpito l'isola indonesiana di Bali alle 4.18 di questa mattina ora locale. L'epicentro della scossa, di magnitudo 4.8 gradi della scala Richter è stato localizzato otto chilometri a nordovest di Karangasem, l'ipocentro a dieci chilometri di profondità, stando all'agenzia geologica nazionale indonesiana.


https://www.adnkronos.com/terremoto-a-b ... refresh_ce


Terremoto in Iran, epicentro nel sud-est del Paese: edifici danneggiati e gente in strada – MAPPE e DATI
Terremoto in Iran: "alcuni vecchi edifici sono stati in parte danneggiati a causa del sisma e la gente si è precipitata in strada presa dal panico"

Immagine


Un terremoto di magnitudo 4.8 (dati USGS) ha scosso la citta’ iraniana di Yazdansha, nella provincia di Kerman, alle 15.16 ora locale, ha detto il capo della Societa’ della Mezzaluna Rossa della provincia sudorientale Reza Fallah, citato da Irna. La scossa, avvenuta a una profondita’ di 10 chilometri, ha scosso anche le vicine citta’ di Zarand e Kianshahr.

“Alcuni vecchi edifici sono stati in parte danneggiati a causa del sisma e la gente si e’ precipitata in strada presa dal panico. Sul posto sono state inviate squadre di valutazione e mediche per conoscere l’ammontare dei danni e le possibili vittime”.


https://www.meteoweb.eu/2021/10/terremo ... 1731139/#1


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1977
Iscritto il: 01/06/2018, 10:10
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 24/10/2021, 16:15 
La Palma, strana mappa sismica
https://www.emsc-csem.org/Earthquake/Map/gmap.php

Video sul canale telegram: t.me/detoxedinfo


Allegati:
Senza nome.png


_________________
" Se vuoi scoprire i segreti dell' universo pensa in termini di energia, frequenza e vibrazioni. " (Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6241
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 26/10/2021, 17:13 
Due studi italiani sui precursori sismici: terremoti ed eruzioni sono preceduti da forti anomalie geochimiche
I risultati hanno messo in luce forti anomalie geochimiche che precedono eventi geologici. Una strada di interesse scientifico che però non vuol dire predizione precisa di eruzioni e terremoti

Alcuni scienziati italiani hanno portato a compimento due studi sui precursori sismici. Gli studi e la ricerca sono stati finanziati dal settore assicurativo italiano attraverso la Fondazione ANIA. Il primo studio è stato svolto in Islanda, grazie alla collaborazione con ricercatori locali, e pubblicato sulla rivista Science of the Total Environment. Il secondo studio è stato svolto lungo la Faglia del Monte Morrone (Figg. 5 e 6), nei pressi di Roccacasale (AQ) in Abruzzo ed è stato pubblicato sulla rivista Earth and Planetary Science Letters. Lo studio delle anomalie geochimiche per avanzare le nostre conoscenze sui fenomeni pre-sismici e pre-vulcanici è una frontiera di grande interesse scientifico.

Immagine
Immagine

“I risultati mostrano che il monitoraggio sistematico idrogeochimico delle acque sotterranee costituisce un percorso di studio. Per arrivare un giorno a stabilire se sia possibile validare anomalie-precursori, e quali, bisogna prima di tutto comprendere se tali fenomeni siano avvenuti anche nel passato remoto geologico e se abbiano lasciato un segno ormai fossile ma identificabile nelle rocce”, spiega Andrea Billi, ricercatore dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche, Cnr-Igag. “Gli studi geochimici del Monte Morrone (Figg. 7 e 8), sede di forti terremoti storici, hanno messo in luce la presenza, nelle rocce della faglia, di strutture delle dimensioni dei micron riconducibili a fluidi che sono risultati particolarmente ricchi in Vanadio, probabile testimonianza di antiche anomalie. I risultati sembrano validare i precursori idrogeochimici ricchi in Vanadio (ed anche Arsenico e Ferro) registrati nell’area di Sulmona prima della sequenza sismica del 2016 in Appennino centrale”. I ricercatori spiegano che i fluidi profondi “sono intrappolati ad alcuni chilometri di profondità nella crosta terrestre. Tali fluidi risalirebbero verso la superficie terrestre settimane o addirittura mesi prima di terremoti intermedi e forti, con una composizione chimica anomala, e si possono mescolare con le acque superficiali”, conclude Billi. “Con analisi chimiche ad hoc possono essere riconosciuti dai geologi e costituire un mezzo efficace nel filone degli studi predittivi di fenomeni sismici e vulcanici. Detto ciò, prevedere precisamente dove e quando si verificherà un terremoto, con dati utili in termini di prevenzione e protezione, è ancora un obiettivo remoto per geologi e geofisici. La predizione di tali eventi non è ancora dietro l’angolo, necessita di molto tempo e studi approfonditi e continuativi su larga scala, ma questa strada sembra avere grande interesse scientifico”.

Immagine

Il primo studio è stato svolto in Islanda (Fig. 1), grazie alla collaborazione con ricercatori locali, e pubblicato sulla rivista Science of the Total Environment. Già dai primi anni 2000, gli scienziati islandesi cominciarono a raccogliere settimanalmente le acque di due pozzi denominati HU01 e HA01 e situati nel nord dell’isola, presso Húsavik, dove avvengono frequenti terremoti di magnitudo superiore a 5.0 (Figg. 2 e 3).

Immagine

A partire dal 2018, la collaborazione tra scienziati italiani ed islandesi ha portato a effettuare, nei laboratori del Dipartimento di Scienze della Terra della Sapienza Università di Roma, nuove e diverse analisi su specifici elementi chimici nei campioni d’acqua che erano stati raccolti tra il 2010 ed il 2018. I risultati hanno messo in luce forti anomalie geochimiche in alcuni momenti della sequenza temporale, che precedono di giorni, settimane o mesi alcuni eventi geologici islandesi: la grande eruzione vulcanica del Bardabunga del 2014 (anticipata anche da una locale sequenza sismica) e tre terremoti di magnitudo superiore a 5.0 avvenuti nel 2012, 2013 e 2018.

Immagine
Immagine

Il secondo studio è stato svolto lungo la Faglia del Monte Morrone (Figg. 5 e 6), nei pressi di Roccacasale (AQ) in Abruzzo ed è stato pubblicato sulla rivista Earth and Planetary Science Letters. I geologi avevano cominciato a monitorare la chimica delle acque dell’area di Sulmona ai piedi del Monte Morrone già da circa un anno prima dell’inizio della sequenza sismica di Amatrice-Norcia in Appennino centrale, nell’agosto 2016. Circa 3-4 mesi prima della sequenza sismica, le acque monitorate mostrano contenuti anomali in Vanadio, Arsenico e Ferro, che sono stati studiati come potenziali precursori sismici al pari di quelli individuati in Islanda del Nord e che riguardano elementi chimici quali Vanadio, Boro, Alluminio o Litio, normalmente presenti solo in tracce nelle acque analizzate (Fig. 4). Lo studio svolto lungo la Faglia del Monte Morrone ha messo in luce la presenza di microlivelli di roccia ricchi in Vanadio, probabile testimonianza di antichi eventi sismici nell’area preceduti da anomalie di Vanadio nei fluidi. In altre parole tale studio, tramite l’analisi chimica di fluidi fossili, irrobustisce la validità di anomalie chimiche come potenziali precursori pre-sismici in Appennino centrale.

Immagine
Immagine



https://www.meteoweb.eu/2021/10/terremo ... e/1733563/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6241
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 29/10/2021, 19:56 
Non solo l’Uragano Mediterraneo: scossa di terremoto magnitudo 3.8 nel Canale di Sicilia, epicentro tra Malta e Lampedusa
Una scossa di magnitudo 3.8 ha colpito poco fa il Canale di Sicilia, con epicentro tra Lampedusa e Malta. Nessun problema nelle isole minori, ma la scossa è stata avvertita dalla popolazione

Immagine

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.8 ad appena 9.9 km di profondità ha colpito alle 21:14 di questa sera il Canale di Sicilia, con epicentro nei pressi di Lampedusa. La scossa è stata distintamente avvertita a Lampedusa e Linosa, ma non ha provocato alcun danno. Come se non bastasse l’allerta meteo per l’Uragano Mediterraneo “Apollo” che si trova proprio nei pressi dell’epicentro di questa scossa, un altro evento naturale che alimenta preoccupazione negli abitanti dell’area.






Scossa di terremoto 4.3 nelle Marche: gente in strada ad Ancona, tanta paura ma nessun danno
Forte scossa di terremoto avvertita dalla popolazione ad Ancona pochi minuti fa: magnitudo 4.3 con epicentro vicino Pesaro

Immagine

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita nelle Marche alle 12:53. In base ai dati forniti dall’INGV, la scossa è stata di magnitudo 4.3 e si è verificata a 37,5km di profondità con epicentro nell’entroterra di Pesaro, tra Mombaroccio e Isola del Piano, in una zona di montagna. La scossa è stata avvertita in modo molto forte in tutte le Marche e soprattutto ad Ancona, dove molta gente è scesa in strada. Paura anche a Pesaro, Colli al Metauro, Fano. Grande spavento anche in Romagna, a Cattolica, Riccione e Rimini.

A Montefelcino, a soli 3 chilometri dall’epicentro, sono state evacuate le scuole medie e la scuola elementare del Comune. Per le strade cittadine è in corso un monitoraggio dei carabinieri e, al momento, non si segnalano danni ne’ a persone ne’ a cose. In tutta la provincia di Pesaro-Urbino e fino a quella di Ancona, la scossa sussultoria ha spinto molti cittadini in strada; sono decine le telefonate con richieste di informazioni giunte ai centralini dei vigili del fuoco.

Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile, in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della protezione civile, al momento non risultano danni e feriti in tutta l’area epicentrale.

La scossa è stata avvertita anche in pianura Padana, fino in Lombardia e persino a Milano, e oltre il confine, in Slovenia e Croazia, seppur in modo decisamente più lieve rispetto alle Marche: la profondità dell’ipocentro, non molto superficiale, ha consentito alle onde sismiche di propagarsi fino a grande distanza.

Alla scossa principale ne sono seguite tre minori: una di magnitudo 2.7 alle 12:56, una di magnitudo 1.9 alle 13:00, una di magnitudo 1.4 alle 13.11 e l’ultima attualmente segnalata di magnitudo 2.3 alle 13:25. L’area interessata dalle scosse è al confine con la provincia di Perugia.
Terremoto nelle Marche, scuole evacuate in molti centri

Scuole evacuate a Senigallia e in molti centri dell’entroterra. Il sisma è stato avvertito chiaramente in tutto il territorio spaventando anche alcuni alunni, soprattutto i più giovani, tra coloro che lo hanno avvertito, come riportano alcuni sindaci dei comuni del Senigalliese. Negli istituti scolastici di Senigallia, Corinaldo, Ostra, Ostra Vetere, alunni, insegnanti e personale sono usciti nelle aree di ritrovo assegnate, senza che alcuno riportasse ferite ne’ danni agli edifici. “In tutti i plessi sono stati rispettati i protocolli di sicurezza – ha dichiarato l’assessore alla cultura Riccardo Pizzi – i responsabili della sicurezza, con l’ausilio di tecnici comunali, hanno fatto verifiche visive nei rispettivi plessi e, dove non sono emerse criticità visibili, gli studenti sono potuti rientrare. Al momento non si riscontrano criticità negli edifici scolastici“. “Ragazzi e insegnanti – spiega il sindaco di Ostra Vetere Rodolfo Pancotti – hanno eseguito l’evacuazione con estrema precisione, sono stati bravi. C’è stato solo spaventoso e preoccupante da parte di tutti, ma nessun problema“. Stessa situazione per altri centri della vallata del Misa e Nevola: a Corinaldo, nonostante l’ evacuazione, non si sono registrati disagi e gli alunni sono subito rientrati a scuola dopo una prima verifica visiva che non vi rischi rischi. Sotto controllo anche la situazione delle mura urbiche che dall’inverno scorso sono a rischio di ulteriori cedimenti dopo il crollo di una porzione dello storico manufatto. Il sistema di misurazione elettronica non ha registrato ulteriori crepe né l’aggravarsi delle fessurazioni preesistenti.
Terremoto in provincia di Pesaro Urbino “risentito in una vasta area delle Marche”

In base al modello di pericolosità per il territorio nazionale, “la pericolosità sismica di questa area è considerata alta,” riporta l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in un approfondimento pubblicato sul blog INGVterremoti.

Immagine

Il Catalogo Parametrico dei Terremoti Italiani evidenzia, “nelle vicinanze dell’area epicentrale, alcuni terremoti tra i quali ricordiamo il terremoto del 21 novembre 1897 (Mw 5.4) e quello del 2 gennaio 1924 (Mw 5.5). Eventi sismici di magnitudo minore si sono verificati nel 1916“.
Il 21 ottobre del 2006 “a poco più di una decina di chilometri a sud-est dell’epicentro di oggi fu localizzato un terremoto di magnitudo e profondità ipocentrale simili: Ml 4.2 a 36 km di profondità“.
Per il terremoto odierno, “la mappa di scuotimento calcolata dai dati delle reti sismiche e accelerometriche INGV e DPC mostra dei livelli di scuotimento fino al IV-V grado MCS.
Il terremoto è stato risentito in una vasta area delle Marche tra le province di Pesaro Urbino e Ancona, in particolare nelle zone costiere. Come evidenziato dai questionari compilati sul sito di “Hai sentito il terremoto?” , in alcune località, sono stati segnalati risentimenti che hanno raggiunto intensità fino al V grado MCS“.

Immagine





Terremoto a Pozzuoli, avvertite quattro scosse nell'area Flegrea


L'epicentro è stato localizzato nel vulcano Solfatara con profondità compresa tra uno e due chilometri. L'evento di maggiore entità è stato registrato alle 15.26, con magnitudo 1.1
Condividi


Torna a tremare la terra per effetto del bradisismo nell'area Flegrea. Nel pomeriggio sono state avvertite dalla popolazione quattro scosse di terremoto nell'arco di 21 minuti dalle 15.07 alle 15.26. L'epicentro è stato localizzato nel vulcano Solfatara con profondità compresa tra uno e due chilometri.
Le scosse di terremoto

L'evento di maggiore entità è stato registrato alle 15.26, magnitudo 1.1. In precedenza erano state registrati altri tre eventi di minore intensità. In mattinata altre due scosse di magnitudo inferiore ad 1.0. L'area flegrea era stata interessata la scorsa settimana da uno sciame sismico con 15 scosse nell'arco di otto ore con punta massima di 1,5 di magnitudo. Nei giorni a seguire eventi di minore entità con un massimo di magnitudo 1,4 sabato scorso.


https://www.meteoweb.eu/2021/10/forte-s ... a/1734602/

https://www.meteoweb.eu/2021/10/non-sol ... a/1734350/

https://tg24.sky.it/napoli/2021/10/29/t ... zuoli-oggi


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6241
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 07/11/2021, 17:58 
Terremoto a Reggio Calabria, il geologo Carlo Tansi sulla scossa di oggi: “originata dalla faglia del 1908, una delle più catastrofiche della storia mondiale”
Tanta paura stamattina a Reggio Calabria per una scossa di terremoto molto risentita. Intervista a Carlo Tansi, geologo CNR, esperto di sismologia, già presidente della protezione civile Calabria

Immagine

Una scossa di terremoto è stata nettamente avvertita questa mattina dalla popolazione di Reggio Calabria: l’evento magnitudo ML 2.9 è avvenuto alle 10:52, con epicentro nello Stretto di Messina, ad una profondità di 8 km (dati INGV).

Tanta la paura nella città calabrese, ma “considerando i dati finora disponibili, non c’è nessun motivo di allarme“: a rassicurare la popolazione è Carlo Tansi, geologo CNR, esperto di sismologia, già presidente della protezione civile Calabria, nonché candidato alle elezioni regionali 2020 come presidente e come consigliere nelle elezioni 2021. “Non c’è stato uno sciame sismico come in altre occasioni, si è trattato di un evento di ordinaria amministrazione,” ha spiegato ai microfoni di MeteoWeb.
L’evento di stamattina, ha proseguito l’esperto, “è stato di lieve entità, ed ha avuto origine nella faglia lunga decine di km che percorre tutta la Calabria meridionale e arriva fino a Messina“.
E’ stato originato “dalla faglia del terremoto del 1908, una tra le più importanti del pianeta, che ha provocato la morte di 120mila persone: è stata individuata dai ricercatori dell’Università di Catania, con rilievi sottomarini: hanno cartografato la faglia caratterizzata da scarpate fino a 80 km“.

Immagine

“Ogni tanto questa faglia dà origine a scricchiolii, scosse di piccola entità come quella di stamattina, che ha avuto ipocentro a 8 km di profondità,” ha evidenziato il geologo.
Per quanto riguarda l’epicentro, “è stato localizzato nella parte prospiciente la zona Nord di Reggio Calabria, di fronte al Palasport di Pentimele, a circa 4 km di distanza.
E’ stato un terremoto superficiale, per questo è stato avvertito così nettamente: più sono superficiali, più hanno un cono di risentimento stretto; se sono sono più profondi vengono risentiti in un’area più ampia. Come una bomba che esplode: se ci si trova vicino la deflagrazione si avverte con forza, se si è distanti è smorzata“.

Immagine

La figura mostra i più importanti terremoti storici e recenti che hanno colpito la Calabria meridionale. Credit Carlo Tansi

Secondo Tansi è importante sottolineare che “la tecnologia consente di costruire case che possono resistere a magnitudo superiore a quella del 1908 (7.1) o anche persino magnitudo 8,” e lo dimostrano Paesi “del Sud America, Giappone e California“.
“Nel 2021 il terremoto si può sconfiggere, grazie alla scienza. Gli edifici costruiti regolarmente resistono, al contrario di quelli abusivi (e in Calabria sono 142mila) che rischiano di crollare con scosse di magnitudo 4.5/5,” ha precisato l’esperto. “Gli italiani (e i calabresi in particolare) hanno una grande opportunità, quella di non morire per un terremoto, grazie al bonus simico 110%: possono mettere in sicurezza, è uno strumento decisivo” per proteggersi “da una delle faglie più catastrofiche della storia mondiale“.
I terremoti, ha concluso Tansi, “non si possono prevedere, ma si possono vincere con la prevenzione“.

Immagine


https://www.meteoweb.eu/2021/11/terremo ... i/1736967/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 8797
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 09/11/2021, 17:33 
C'è stato il terremoto più profondo di sempre, il problema è che per gli scienziati era impossibile



Gli scienziati hanno individuato il terremoto più profondo di sempre. Si è verificato a 751 chilometri di profondità, sotto la superficie della Terra. Nello specifico, all’interno del mantello inferiore. Il punto è che per i sismologi un terremoto in quel punto appariva e appare ancora come impossibile dal verificarsi. Questo perché sottoposte a un’estrema pressione le rocce hanno maggiori probabilità di piegarsi e deformarsi piuttosto che rompersi con un improvviso rilascio di energia.


Eppure sembra essere andata diversamente. I minerali, spiega Pamela Burnley, esperta di geomateriali all’università del Nevada, non si comportano sempre come ci si aspetterebbe. "Solo perché dovrebbero cambiare non significa che lo faranno" ha detto Burnley a WordsSideKick.com. Ciò che il terremoto potrebbe rivelare, quindi, è che i confini all'interno della Terra sono più sfocati di quanto spesso si creda, spiega ScienceAlert.


Il terremoto è stato registrato a giugno sulla rivista Geophysical Research Letters: si è trattato in realtà di una piccola scossa di assestamento seguente a un terremoto di magnitudo 7.9 che ha scosso le isole Bonin al largo del Giappone continentale nel 2015. I ricercatori guidati dal sismologo dell'università dell'Arizona Eric Kiser hanno rilevato il terremoto utilizzando la serie di stazioni sismiche Hi-net distribuite nel paese. Si tratta della rete più potente in uso al mondo per l’individuazione dei terremoti: il sisma non era minimamente percepibile sulla superficie ed è stato di magnitudo contenuta, per cui sono serviti degli strumenti così raffinati per individuarlo.

In realtà, la stima della profondità attende ulteriori conferme ma la scoperta sembra affidabile. E molto interessante: la stragrande maggioranza dei terremoti è infatti superficiale. Si origina all'interno della crosta terrestre e del mantello superiore entro i primi cento chilometri sotto la superficie. La crosta, in particolare, misura in media 20 chilometri: lì le rocce sono infatti fredde e fragili. Quando vanno sotto stress non riescono a mantenersi integre più di tanto e si rompono rilasciando energia come una molla. Più in profondità, tuttavia, le rocce sono più calde e appunto sottoposte a pressioni superiori, per questo tendono meno a rompersi - semmai a cambiare stato e a deformarsi. Ma a questa profondità i terremoti possono comunque verificarsi quando le alte pressioni spingono sui pori pieni di fluido nelle rocce, costringendo i fluidi contenuti a fuoriuscire. In queste condizioni, le rocce possono anche essere soggette a rotture simili a quelle che avvengono più in superficie.

n effetti, anche prima dell’ultimo fenomeno rilevato, c’erano stati terremoti nel mantello inferiore, fino a 670 chilometri di profondità. Terremoti lungamente ritenuti misteriosi, dagli esperti, perché a quelle profondità tutta l'acqua dovrebbe essere stata eliminata e dunque dovrebbe essere complesso innescare rotture del genere a cui siamo abituati entro i cento chilometri. Una spiegazione potrebbe trovarsi nel gruppo dell'olivina, un insieme di neosilicati di magnesio, manganese e ferro che costituisce la gran parte del mantello del nostro pianeta e di trasformazione in trasformazione assume differenti strutture. Queste strutture, dal mantello superiore a quello inferiore, sembrerebbero sempre meno tendenti a rompersi e dunque a creare faglie che inneschino il rilascio di energia, infine i terremoti.

I geologi sono ancora poco d’accordo sulle ragioni per cui si verifichino terremoti nel mantello superiore, ambito su cui hanno trovato un punto comune di caduta solo nel corso degli anni Ottanta legato ai passaggi e alle trasformazioni dei minerali, proprio dell’olivina che saltando uno stadio e sottoposta a una certa pressione potrebbe rompersi. Dando origine a un terremoto in quelle aree di transizione sotto i 400 chilometri. Ma appunto il nuovo terremoto giapponese individuato dall’ultima indagine si sarebbe verificato ancora più in profondità. Una possibile spiegazione è che il confine tra il mantello superiore e inferiore non si trovi “esattamente dove i sismologi si aspettano che sia nella regione di Bonin”, spiega ScienceAlert riportando le parole di Heidi Houston, geofisica dell'università della California del Sud. Oppure ancora per un comportamento anomalo dei minerali del gruppo dell'olivina, che appunto non concludono o neanche iniziano la transizione di stato a causa di elementi che disturbino quei passaggi, come lastre di croste continentali più fredde che si siano sovrapposte in particolari regioni geologiche terrestri, più in profondità di dove dovrebbero trovarsi. In questo modo quel livello del mantello inferiore non sarebbe così caldo come gli studiosi si aspetterebbero.



FONTE:
https://www.msn.com/it-it/meteo/storiep ... np1taskbar



_________________
“Questa crisi, questo disastro [europeo] è artificiale, e in sostanza questo disastro artificiale ha quattro lettere: EURO.”
Joseph Stiglitz
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3423 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 223, 224, 225, 226, 227, 228, 229  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Oggi è 19/05/2022, 00:59
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org