Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3469 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 227, 228, 229, 230, 231, 232  Prossimo
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6574
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 03/08/2022, 17:02 
L’Islanda si prepara: “sostanziale probabilità di un'eruzione nei prossimi giorni”
Si ritiene che ci sia una possibilità significativa di un'eruzione vulcanica nei prossimi giorni o settimane in Islanda nell'area del vulcano Fagradalsfjall: l'eruzione potrebbe essere più potente di quella dell'anno scorso

Immagine


In Islanda potrebbe presto avvenire una nuova eruzione vulcanica nella stessa zona di quella dello scorso anno. “I risultati preliminari della modellazione della deformazione suggeriscono che la profondità superiore della nuova intrusione del dicco sotto Fagradalsfjall è molto bassa, circa 1km. La velocità di afflusso di magma è rapida, quasi doppia rispetto a quella osservata durante la prima intrusione nel febbraio-marzo 2021. Vi sono indicazioni che la deformazione e la sismicità siano in calo e questo è stato precursore dell'eruzione iniziata il 19 marzo 2021. Considerando quanto sopra, la probabilità di un'eruzione a Fagradalsfjall nei prossimi giorni è considerata sostanziale”. Lo afferma il Met Office islandese riguardo l’attività che negli ultimi giorni interessa la penisola di Reykjanes, nell’Islanda sudoccidentale.

L'immagine del satellite Sentinel-1 (in alto) mostra “una nuova intrusione del dicco sulla penisola di Reykjanes e la deformazione associata al terremoto di magnitudo 5.4 del 31 luglio 2022. Le frange colorate mostrano la deformazione del suolo nella linea di vista del satellite, correlata alla nuova intrusione sotto Fagradalsfjall iniziata il 30 luglio 2022. L'interferogramma mostra circa 16cm di spostamento verso nord-ovest correlato all'intrusione”, spiega ancora il Met Office islandese.

Si ritiene, dunque, che ci sia una possibilità significativa di un'eruzione nei prossimi giorni o settimane. In caso di eruzione nell'area tra Fagradalsfjall e Keilis, è probabile che sia più potente dell'eruzione dell'anno scorso, secondo gli scienziati. La Protezione Civile è in allerta. "C'è un tasso di afflusso più elevato. Ciò corrisponde a circa 50 milioni di metri cubi. Sta fluendo nella crosta terrestre e, poiché il flusso è maggiore, questa eruzione potrebbe essere più potente", afferma il geofisico Freysteinn Sigmundsson.

L'esperto crede che l’eruzione potrebbe avvenire nei prossimi giorni, piuttosto che nelle prossime settimane. La maggior parte delle evidenze indica che il magma potrebbe emergere da qualche parte tra Fagradalsfjall e Keilis. La lava potrebbe quindi fluire a nord verso Reykjanesbraut, ma la natura dell'eruzione sarebbe probabilmente simile all'ultima volta, tranne per il flusso di lava che potrebbe essere maggiore.


https://www.meteoweb.eu/2022/08/islanda ... 001132948/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6574
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 08/08/2022, 21:14 
La mappa mensile della sismicità: 1370 scosse a luglio 2022, circa 44 terremoti al giorno
Dei 1370 eventi registrati, 144 hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 2.0


Immagine

Sono stati 1370 gli eventi localizzati dalla Rete Sismica Nazionale dal 1° al 31 luglio 2022, un numero in crescita rispetto al mese di giugno, con una media che sale da 38 a poco più di 44 terremoti al giorno: lo rende noto l'INGV. Dei 1370 eventi registrati, 144 hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 2.0 e 15 magnitudo pari o superiore a 3.0.

In questo mese un solo terremoto ha raggiunto magnitudo ML 4.0, il 9 luglio localizzato al di fuori del territorio nazionale, 50 km ad ovest di Stoccarda in Germania. Nell'ultima settimana di luglio sono stati registrati due eventi sismici di magnitudo ML 3.9 e 3.6 in Croazia, a sud di Zagabria.

Sul territorio nazionale l'INGV ricorda una sequenza sismica localizzata a sud di Forlì, nei pressi del comune di Meldola (FC) con circa 50 terremoti registrati prevalentemente tra il 13 e 14 luglio con magnitudo massima ML 3.2.


https://www.meteoweb.eu/2022/08/mappa-m ... 001137938/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13717
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 21/08/2022, 08:44 
Un terremoto di magnitudo ML 4.2 è avvenuto nella zona: 1 km E Giuliana (PA), il

21-08-2022 04:52:49 (UTC) 2 ore, 44 minuti fa
21-08-2022 06:52:49 (UTC +02:00) ora italiana
con coordinate geografiche (lat, lon) 37.6780, 13.2480 ad una profondità di 4 km.

http://terremoti.ingv.it/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6574
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 30/08/2022, 19:20 
Sciame sismico tra Regalbuto (EN) e Bronte (CT): 47 terremoti da ieri mattina | DATI
I terremoti sono stati registrati "ai limiti delle pendici occidentali dell'Etna, in un'area di media pericolosità sismica"

Immagine

Uno sciame sismico è in corso da ieri tra i paesi di Regalbuto (EN) e Bronte (CT): la mappa diffusa dall’INGV mostra gli epicentri dei terremoti localizzati dall’Istituto dalla mattina del 29 agosto al primo pomeriggio del 30 agosto 2022.

I sismologi hanno rilevato 47 eventi con magnitudo Ml compresa tra 1.4 e 3.5, di cui 9 con magnitudo pari o superiore a 3.0. La lista completa degli eventi è consultabile sul sito terremoti.ingv.it

La regione interessata, spiega l’INGV “si trova ai limiti delle pendici occidentali dell’Etna, in un’area di media pericolosità sismica. Storicamente i danni più rilevanti (VIII grado di intensità a Regalbuto) sono stati registrati in seguito ad eventi sismici avvenuti lungo la costa catanese (come ad esempio il terremoto del 20 febbraio 1818 di magnitudo Mw 6.3). Più in prossimità all’area di questo sciame sismico sono avvenuti terremoti di magnitudo inferiore tra cui l’evento del 20 febbraio 1718 nella Sicilia orientale (Mw 5.25) e quello molto più recente del 6 ottobre 2018 (Mw 4.72)“.


https://www.meteoweb.eu/2022/08/sciame- ... 001145827/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6574
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 03/09/2022, 20:04 
Terremoti Italia, oltre 1200 ad agosto: a fine mese sciame sismico in Sicilia
L'INGV ha pubblicato le mappe mensili della sismicità per il mese agosto 2022, con i terremoti avvenuti in Italia e nelle aree limitrofe dal 1 al 31 agosto

Immagine

Sono stati 1265 gli eventi localizzati dalla Rete Sismica Nazionale dal 1 al 31 agosto 2022, un numero in diminuzione rispetto al mese di luglio, con una media che scende da 44 a poco più di 40 terremoti al giorno. Dei 1265 eventi registrati, 172 hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 2.0 e 22 magnitudo pari o superiore a 3.0.

In questo mese solo due eventi hanno raggiunto o superato magnitudo 4.0: il 23 agosto un terremoto localizzato al confine Grecia-Albania (M 4.3) e il 21 agosto il terremoto tra le province di Palermo e Agrigento di magnitudo ML 4.0. Questo evento è stato risentito in alcuni comuni tra le province di Palermo e Agrigento e verso sud sulla costa nei pressi di Sciacca (mappa HSIT). Negli ultimi giorni di agosto è stato registrato uno sciame sismico in Sicilia ai limiti delle pendici occidentali dell’Etna con oltre 50 eventi localizzati tra i comuni di Regalbuto (EN) e Bronte (CT). Di questi eventi, 9 hanno superato magnitudo 3.0, il più forte ML 3.5.

Immagine

A questo link si trova l’estrazione dal portale terremoti.ingv.it di tutti gli eventi sismici avvenuti in Italia e in aree limitrofe nel mese di agosto 2022.

Le mappe, insieme ad altri prodotti del monitoraggio, sono disponibili sul sito dell’Osservatorio Nazionale Terremoti e sul Portale Web dell’INGV.


https://www.meteoweb.eu/2022/09/terremo ... 001146719/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6574
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 05/09/2022, 19:30 
Terremoto di magnitudo 6.6 nel sud-ovest della Cina, 46 morti
Avvertita fino a Chengdu, megalopoli con 21 milioni di abitanti

Immagine

Almeno 46 persone sono morte a causa di un terremoto di magnitudo 6.6 che ha colpito la provincia del Sichuan, nel sud-ovest della Cina, secondo quanto comunicato dall'Usgs, l'istituto geosismico statunitense.

La scossa, scrive l'Usgs, è avvenuta alle 12.52 ora locale (le 6.52 italiane) e ha avuto l'epicentro a 45 km a sud-est di Kangding e a una profondità di 10 km nella crosta terrestre. La tv di stato Cctv parla anche di "gravi danni" a case ed edifici nelle principali città della zona, con le linee di telecomunicazione interrotte in alcune aree. La scossa è stata avvertita con forza in una vasta zona, fino alla megalopoli di Chengdu, capoluogo del Sichuan, che da sola conta 21 milioni di abitanti e che dal primo settembre è in lockdown anti Covid. "Tutto tremava piuttosto forte", ha dichiarato un abitante di Chengdu.

I terremoti sono piuttosto frequenti nel sud-ovest della Cina, specialmente nel Sichuan e nello Yunnan. L'ultimo a colpire la zona, lo scorso giugno, fu di magnitudo 6.1 e uccise 4 persone e ne ferì decine. Sempre nel Sichuan, nel 2008 ci furono decine di migliaia di morti e danni colossali per un terremoto di magnitudo 8.0 che devastò la contea montagnosa di Wenchuan.


https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/ ... f31cb.html


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6574
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 13/09/2022, 23:16 
Terremoto in Papua Nuova Guinea: osservato il fenomeno della liquefazione del suolo
Diversi morti e feriti, numerose le infrastrutture danneggiate a causa del terremoto magnitudo 7.6



Almeno tre persone sono morte dopo che un potente terremoto ha colpito una parte remota della Papua Nuova Guinea domenica mattina ora locale. Diversi i feriti e numerose le infrastrutture danneggiate a causa del terremoto magnitudo 7.6 che è stato avvertito in tutto il Paese.

Le 3 vittime hanno perso la vita a causa di in una frana nella città mineraria di Wau, ha affermato il direttore del disastro provinciale di Morobe, Charley Masange. Altre persone sono rimaste ferite per la caduta di strutture o detriti e si sono registrati danni ad alcuni centri sanitari, case, strade rurali e autostrade, ha detto Masange.

Masange ha affermato che potrebbe volerci del tempo per valutare l’intera portata dei danni nella regione, ma ha precisato che il ridotto numero di residenti e la mancanza di grandi edifici vicino all’epicentro potrebbero aver contribuito a prevenire un disastro maggiore, dato che il terremoto è stato così forte.

Durante la fase di rilevazione dei danni, è stato anche segnalato il fenomeno della liquefazione del suolo (foto nella gallery in alto): ciò avviene quando la pressione dell’acqua contenuta fra i pori di un terreno diventa talmente forte da annullare le forze che lo fanno restare compatto. Il terreno, solitamente un mezzo resistente a sollecitazioni, solido, inizia a comportarsi come un fluido. Questo non avviene in tutti i tipi di terreno: avviene soprattutto nei terreni non coesivi (per esempio le sabbie), e non su quelli coesivi (come le argille). Inoltre deve esserci già un’alta percentuale di acqua.

Il passaggio dell’onda sismica, non fa altro che agitare il terreno, aumentando la pressione dell’acqua nei pori del terreno: quello che i geologi chiamano “sovrappressione”. Il terreno, che fino a quel momento si comportava come un solido, viene “vinto” dall’eccesso di pressione dell’acqua, perde la sua coesione e inizia a comportarsi come un fluido. Il terreno diventato fluido cerca a quel punto una via di fuga verso l’esterno


https://www.meteoweb.eu/2022/09/papua-n ... 001148834/


Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 397
Iscritto il: 20/03/2010, 17:41
Località: Puerto Vallarta/Mx
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 19/09/2022, 22:12 
All'1 pm circa ha dato una bella scossa, vedo adesso(3:10pm) che é stata di 7.4 a Cittá de Messico.
Porca miseria, ero steso sul divano e i ventilatori hanno cominciato a oscillare.
Fuori tutti in strada. Nessun danno.

Nota: il 19 di settembre qui é il giorno maledetto dei terremoti (1985, 2017, oggi)


Allegati:
sismo.jpg


_________________
...ogni giorno qualche cosa in meno...
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6574
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 22/09/2022, 23:30 
Ingv: Nessun nesso fra i terremoti
"Sono troppo distanti per essere in relazione"


Sono troppo distanti per avere un collegamento fra loro, i terremoti che a distanza di poche ore hanno scosso Sicilia, Marche, Liguria ed Emilia Romagna, e ognuno è stato generato da un meccanismo diverso.

"Non c'è alcuna relazione: le distanze fra i luoghi in cui sono avvenuti i terremoti sono di centinaia di chilometri perché possa esserci un nesso", ha detto all'ANSA il sismologo Carlo Meletti, della sezione di Pisa dell'Istituto Nazionale di geofisica e Vulcanologia (Ingv). "E' curioso che dopo un periodo di apparente calma si siano verificati quattro terremoti un po' più forti e avvertiti dalla popolazione", ha aggiunto riferendosi al fatto che "negli ultimi tre mesi abbiamo avuto in Italia solo una scossa di magnitudo superiore a 4: di fatto, avere due terremoti importanti nello stesso giorno è solo una variazione statistica".

Dei quattro terremoti, il più profondo (24 chilometri) è quello avvenuto alle 12,24 nelle Marche, a Folignano, in provincia di Ascoli Piceno, e la cui magnitudo è stata ricalcolata in 3,9. Vengono subito in mente i terremoti tipici dell'Appennino, ma questo è un sisma diverso: "è localizzato lungo la costa delle Marche, in una fascia esterna che ha una sua sismicità", ha detto l'esperto. Si trova infatti in una zona compresa fra l'Appennino e la fascia esterna lungo la costa delle Marche, che una sismicità di tipo diverso. "Il terremoto è stato generato da un meccanismo trascorrente, ossia dallo scorrimento laterale si strutture profonde", mentre i terremoti appenninici sono di tipo distensivo e generati da strutture più superficiali.

Ha delle sue peculiarità anche il terremoto di magnitudo 4.1 avvenuto in Liguria, a Bargagli (Genova). "E' una zona non molto sismica e nella quale non si sono rilevati storicamente terremoti troppo forti". Anche in questo caso il meccanismo è diverso da quello tipico dei terremoti dell'Appennino: "è infatti di tipo compressivo - ha detto Meletti - perché questa zona della Liguria è nell'area di congiunzione fra l'Appenino a Est e l'arco alpino a Ovest". I sismi più forti avvenuti in passato in questa zona hanno avuto una magnitudo fra 4 e 5.

Anche il terremoto di magnitudo 3,6 in Sicilia, a Paternò (Catania), ha caratteristiche particolari: sebbene sia avvenuto nell'area dell'Etna, è stato generato da un meccanismo indipendente dal vulcano e legato a faglie che si trovano nella zona. "Paternò si trova in una zona alle pendici dell'Etna nella quale si sta rilevando una sismicità frequente da qualche settimana. Per questo - ha aggiunto il sismologo - non deve sorprendere". A generare il terremoto "potrebbero essere state faglie sismogenetiche importanti che si trovano a Sud dell'Etna e indipendenti dall'attività del vulcano".


Potrebbe invece essere un tipico terremoto dell'Appennino quello di magnitudo 3,8 avvenuto a Pievepelago (Modena), "sul crinale fra l'Emilia e la Garfagnana, una zona sismica ben conosciuta e della quale, purtroppo sappiano che ha una sismicità frequente".


https://www.ansa.it/sito/notizie/cronac ... 49307.html


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6574
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 04/10/2022, 21:06 
La mappa mensile della sismicità: 1282 terremoti a settembre 2022, circa 42 al giorno
Dei 1288 eventi registrati, 161 hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 2.0 e 20 magnitudo pari o superiore a 3.0

Immagine

Mappa dei terremoti avvenuti in Italia e nelle aree limitrofe dal 1 al 30 settembre

Sono stati 1282 i terremoti localizzati dalla Rete Sismica Nazionale dal 1 al 30 settembre 2022, un numero quasi invariato rispetto al mese di agosto, con una media che si attesta intorno ai 42 terremoti al giorno circa. Dei 1288 eventi registrati, 161 hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 2.0 e 20 magnitudo pari o superiore a 3.0.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia spiega che il terremoto di magnitudo maggiore registrato in questo mese è avvenuto il 10 settembre nella Francia meridionale (Mb 4.6) vicino al confine con la Svizzera. Un altro evento di magnitudo superiore a 4 si è stato localizzato sulla Costa Albanese meridionale (Mb 4.2) il 18 settembre.

In questo mese nella giornata del 22 settembre in alcune aree in Italia sono stati registrati a distanza di poche ore diversi eventi sismici e sequenze. Alle 12:24 un terremoto di magnitudo Mw 3.9 (ML 4.1) localizzato 4 km da Folignano in provincia di Ascoli Piceno, al confine con la provincia di Teramo, seguito da una sequenza con oltre 70 eventi anche nei giorni successivi. Alle 15:39 un evento di magnitudo Mw 4.0 (ML 4.1) localizzato nel comune di Bargagli (GE), pochi chilometri a est di Genova, anche questo seguito nelle ore successive da altri piccoli eventi di bassa energia. Infine alle ore 17:47 nell’Appennino tosco-emiliano, tra le province di Modena e Lucca, un terremoto di magnitudo ML 3.8 (Mw 3.7), il primo di una sequenza di altri 130 terremoti circa registrati a settembre nell’area (massima magnitudo ML 3.2).


https://www.meteoweb.eu/2022/10/mappa-m ... 001156298/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6574
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 28/10/2022, 17:55 
Terremoto nelle Filippine: almeno 26 feriti, pazienti evacuati da ospedale danneggiato
Il terremoto è stato registrato nella zona di Lagayan, nella provincia di Abra



Un terremoto magnitudo 6.4 ha scosso ieri il Nord delle Filippine: almeno 26 persone risultano ferite. Sono stati segnalati danni a edifici e infrastrutture, alcune strade sono bloccate a causa di frane o cedimenti. Alcune aree sono rimaste senza corrente elettrica. In un ospedale nella provincia di Ilocos Norte i pazienti sono stati evacuati dopo il crollo parziale di un soffitto.

La scossa è stata registrata poco prima delle 23 di ieri (16:59 ora italiana) nella zona di Lagayan, nella provincia di Abra, 348 km a Nord di Manila, secondo l’Istituto di vulcanologia e sismologia delle Filippine.


https://www.meteoweb.eu/2022/10/terremo ... 001162209/


Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3102
Iscritto il: 09/07/2012, 10:56
Località: Arcadia
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 05/11/2022, 12:29 
Simulato sisma nello Stretto,
esercitazione della Protezione Civile
in Calabria e Sicilia


04 nov 2022

in corso da oggi fino a domenica 6 novembre in Calabria e Sicilia
l’esercitazione nazionale della protezione civile
"Sisma dello Stretto 2022"
per testare il sistema IT-alert attualmente in fase sperimentale

Simulato questa mattina un terremoto di magnitudo 6
con epicentro in provincia di Reggio Calabria che
potrebbe generare un maremoto colpendo alcuni comuni costieri.

L’esercitazione effettuata dal Servizio Nazionale della protezione civile
ha come obiettivo provare il sistema di allarme pubblico IT-alert,
attualmente in fase di sperimentazione.

Subito dopo la simulazione del terremoto, i cittadini delle zone costiere
di Calabria e Sicilia hanno ricevuto sui loro cellulari un messaggio
di allarme IT-alert che avvertiva dello svolgimento dell’esercitazione.




https://tg24.sky.it/cronaca/2022/11/04/ ... ne-civile-

https://messina.gds.it/articoli/cronaca ... 10052a2cf/



_________________
" La Giustizia del Padre
è lenta ed Inesorabile. "
Eugenio Siragusa
Top
 Profilo  
 

Non connesso


Messaggi: 7
Iscritto il: 15/01/2017, 19:25
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 07/11/2022, 10:13 
test


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6574
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 08/11/2022, 23:23 
Il blogger Dutchsinse, ha lanciato l'allerta per l'Italia per i prossimi 7 giorni.

02/11/2022 - Il blogger Dutchsinse, diventato famoso per le sue previsioni sui terremoti, ha lanciato l'allarme per l'Italia per i prossimi 7 giorni.

traduzione letterale :

Titolo del video "31/10/2022 -- ATTENZIONE TERREMOTO EUROPEO (AVVISO) -- Italia Profondo da M5.1 a M5.5 -- Potenziale grande terremoto"

In Italia nel Mar Tirreno un nuovo profondo 5.1 (EMSC) o 5.5 (USGS) dipende da quale agenzia prendete il risultato. Sto mettendo in dubbio la magnitudo su questo profondo EQ.

Lasciate che vi porti indietro nel tempo, 6 anni fa, dove un profondo 5.8 ha colpito nel Mar Tirreno, solo un po' più distante dalla costa, rispetto a quello di adesso. A quel tempo ho allertato per una magnitudo in più, cioè per un 6.8 in Centro Sud Italia.

Quando lanci una simile allerta in Europa, molte persone fanno attenzione. In quel caso, la mia allerta è stata colta da chi mi segue in Italia e ha avvertito la gente e l'ha messa in condizione di essere preparata, in Centro Italia, dove avevo lanciato l'allerta. La gente ha dormito nelle auto quella notte, e due giorni dopo l'EQ ha colpito esattamente in quella zona, il 6.8, è stato il più grande EQ per l'Italia in quel periodo.

Questo nuovo profondo EQ nel Tirreno è più vicino alla costa, e mi chiedo se sia un 5.1 o un 5.5.

La ragione per cui me lo domando è a causa di quello che ha colpito più ad Est, nelle zone che avevo menzionato nelle mie ultime previsioni. Un EQ ha colpito in Giappone, come previsto, un 6, declassato a 4.8, quindi capite bene il mio dubbio.

Un conto è dire di controllare la situazione, un altro conto è lanciare un'allerta. Quindi sapere la magnitudo certa è molto importante, perchè se è un 5.5 e aspettiamo una magnitudo superiore, questo diventa un 6.5 in Centro Italia, se invece è un 5.1 questo ci da un 6.1 in Centro Italia, zona Norcia, dove i cerchi si sovrappongono (FOTO 1) la solita zona per la seconda volta. In questo caso lancio l'allerta da l'Aquila fino a Firenze.

Non voglio che dormiate nelle auto o che vi spaventiate a per un imminente EQ, perchè ci sono alcune domande che riguardano i "professionisti" e chi riporta gli EQs, EMSC e USGS.

Non significa che dobbiamo ignorare questo EQ, ma guardarlo con un po' di dubbi.

Ciò significa che terrò d'occhio la situazione per un potenzziale 6.5, ma se non colpisce andrò a cercare i dettagli di questo EQ e chi lo ha riportato.

Ad ogni modo, darò sette giorni di tempo per questo 6.1/6.5 di colpire, che ci porterò fino al 7 di novembre. Quindi se entro il 7 di novembre non colpisce nulla, considererò questo EQ come un errore o come un profondo EQ che non ha portato effetti.

Ma come ripeto, l'ultima volta che abbiamo visto un profondo 5.8 nel Tirreno, questo ha portato ad un EQ maggiore e più superficiale in Centro Italia, devastando città, e l'unica cosa positiva è stata che non ci sono state vittime perchè avevano ascoltato la mia allerta.

Putroppo le cose in questi anni sono cambiate riguardo ai dati degli EQ, molti dati vengono modificati.

Inoltre avevo lanciato un allerta per un 5.5 nella zona dello Ionio, nel mio ultimo update del 30 ottobre, ma l'EQ ha colpito più ad Ovest, nel Tirreno, ad ogni modo era quello che aspettavo.

Se quell'EQ avesse colpito la zona Ionica, cioè la parte Est del margine della placca che passa attravero l'Italia, avrei avvertito la parte Est, Romania, Polonia, Olanda e Regno Unito, Canale della Manica.

Invece l'EQ ha colpito nella parte Ovest del margine di placca, nel Tirreno, quindi la parte Ovest che comprende anche le Azzorre e l'Atlantico fino all'Islanda (FOTO 2).

Inoltre tre gorni fa abbiamo avuto anche un 5.1 nella zona della frattura di Owen a Sud del Mar Rosso, a Nord dell''Oceano Indiano, Golfo di Aden. Poi un 4.2 nel Mar Rosso, un 4.2 a Sud del Pakistan e un 4.4 in Turchia Centrale. Se li sommiamo ci danno 4.2 + 4.2 = 4.4 (FOTO 3).

Quindi in Centro Italia voglio che siate pronti per un "potenziale" 6.1 o 6.5, dipende da quali dati sono reali se EMSC o USGS.

Spero di sbagliarmi e che i porfessionisti abbiamo falsificato questo dato.

Come sempre, se qualcosa di rilevante dovesse accadere, da adesso in poi, sarò subito qui.


https://terrarealtime.blogspot.com/2022 ... ciato.html


Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3102
Iscritto il: 09/07/2012, 10:56
Località: Arcadia
 Oggetto del messaggio: Re: terremoto in arrivo
MessaggioInviato: 09/11/2022, 14:44 
Terremoto oggi nel Centro Italia,
forte scossa nelle Marche


https://it.notizie.yahoo.com/terremoto- ... 59224.html

Immagine



_________________
" La Giustizia del Padre
è lenta ed Inesorabile. "
Eugenio Siragusa
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3469 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 227, 228, 229, 230, 231, 232  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 05/02/2023, 11:44
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org