Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13520
Iscritto il: 05/12/2008, 22:49
Località: Laveno Mombello (Va)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 15/03/2009, 19:35 
Dalle mie parti non c'è.

Immagine:
Immagine
3,76 KB



_________________
Nutrirsi di fantasia, ingrassa la mente.

Immagine
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12315
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 16/03/2009, 16:21 
Quì da mè ogni tanto si forma,ma viene dal mare, ( per caso cè qualcuno che vuole prosciugare il Basso Mediterraneo?) però e non è un problema per queste parti anzi!.[:234]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12315
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/03/2009, 15:59 
Guardate quanto lavoro ci sarebbe in Sicilia a cominciare dal ripristino a fini Turistici delle vecchie Linee Ferroviarie abbandonate e dalla costruzione di nuovi ponti:



Immagine[/url]


http://www.postimage.org/gx2oqwWS.jpg


http://www.ferrovieabbandonate.it/video ... 15&start=0


Ultima modifica di bleffort il 21/03/2009, 16:07, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4400
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 27/09/2016, 22:05 
Il #Pontesullostretto del Menomato Morale


Immagine



di Beppe Grillo

¯
Il MoVimento 5 Stelle è riuscito, grazie a Virginia Raggi, a bloccare le irresponsabili Olimpiadi del 2024 a Roma, ma non siamo ancora riusciti a frenare gli appetiti malsani di chi vuole fare a tutti i costi grandi opere inutili con i soldi dei cittadini. Il Menomato Morale oggi ha detto che è pronto ad aprire i cordoni della borsa (di soldi pubblici dei cittadini) per far ripartire il progetto del Ponte sullo Stretto, un'opera costosissima, inutile e in piena zona sismica.


Un'opera che non vedrà mai la luce, già costata circa 600 milioni di euro ai contribuenti, per il quale Monti stanziò 300 milioni per il pagamento delle penali per la NON realizzazione del progetto. Secondo il piano economico, approvato dal consiglio d’amministrazione della Stretto di Messina Spa il costo dell’opera sarebbe di 8,5 miliardi di euro, mezzo Reddito di Cittadinanza con cui il M5S salverebbe 10 milioni di italiani dalla fame. Un ponte di 3.000 metri con profilo aerodinamico non è mai stato fatto prima d’ora. Non c’è la sicurezza che regga, in particolare in una zona altamente sismica (ricordate il terremoto di Messina?) e con correnti fortissime. Non gli basta il record di 80 miliardi di aumento del debito pubblico nei primi sei mesi di quest'anno, ne vuole creare altro senza portare alcun beneficio ai cittadini.


Qualche anno proprio Renzi diceva "Continuano a parlare dello Stretto di Messina, ma io dico che gli otto miliardi li dessero alle scuole per la realizzazione di nuovi edifici e per renderle piu' moderne e sicure''.
La sua parola non vale nulla.
Il 4 dicembre si avvicina.
_



fonte




@ Verdini: non hai puntato su uno stallone purosangue ma su un brocco zoppo che ha gongolato troppo. Immagine

Coraggio, vi è andata male. Resta solo una cosa da fare. Immagine Immagine



Immagine

Ma non disperate, con il brocco e la chitarra potrete tentare una pagnottella al dì farcita di PCB (porcheria tossica che l'ILVA ha donato e dona a Taranto):

Guarda su youtube.com



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 18299
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 28/09/2016, 00:51 
Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Ponte_sullo_stretto_di_Messina

Questa del ponte sullo stretto è una storia che va avanti da, grossomodo, duemila anni;i primi a farne uno di barche furono i romani...

Ma diamo una occhiata a cosa è successo negli ultimi anni...

Anni '10 (del nuovo millennio)

Cita:
Nell'ottobre 2011 l'Unione Europea non ha incluso il ponte sullo stretto tra le opere pubbliche destinate a ricevere finanziamenti comunitari. Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, comunque aveva confermato la realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina a prescindere dall'eventuale finanziamento della Ue, in quanto le risorse per il manufatto saranno reperite sul mercato, come previsto dal piano finanziario allegato al progetto definitivo.

Il 27 ottobre l'Aula di Montecitorio ha approvato una mozione dell'Idv, che impegna il governo «alla soppressione dei finanziamenti per la realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina». La mozione è stata approvata con 284 favorevoli, un solo contrario e con l'astensione della maggioranza PDL (anche se hanno votato a favore della soppressione: il sottosegretario responsabile Aurelio Misiti, rappresentante del governo di Berlusconi, il coordinatore del partito Denis Verdini, i ministri Mariastella Gelmini e Michela Vittoria Brambilla, i sottosegretari Laura Ravetto, Stefano Saglia e Guido Crosetto).[26] [27] [28] Tuttavia già il giorno successivo la maggioranza tornò a sostenere che il ponte si farà, e alle prime dichiarazioni del presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e del Ministro della Difesa Ignazio La Russa seguì una nota ufficiale del governo in carica in quei giorni a Palazzo Chigi, dove si legge anche che «l'opera è solo in parte finanziata dall'intervento pubblico. L'onere complessivo dell'infrastruttura prevede anche la partecipazione di capitale privato, l'utilizzo di Fondi strutturali e di altre fonti».[29]



Cita:
Il 30 settembre seguente Corrado Clini, il ministro dell'Ambiente del governo Monti, ha dichiarato: “Non esiste l'intenzione di riaprire le procedure per il ponte sullo stretto di Messina, anzi al contrario, il governo vuole chiudere il prima possibile le procedure aperte anni fa dai precedenti governi, e per farlo deve seguire l'iter di legge”[32] Il 10 ottobre il governo Monti, nella cosiddetta legge di stabilità, ha stanziato 300 milioni per il pagamento delle penali per la non realizzazione del progetto.[33] Il 31 ottobre 2012 il governo Monti ha deliberato di prorogare, per un periodo complessivo di circa due anni, i termini per l'approvazione del progetto definitivo del ponte sullo stretto di Messina al fine di verificarne la fattibilità tecnica e la sussistenza delle effettive condizioni di bancabilità.[34][35] Antecedentemente era stata prevista, dalla Legge obiettivo, l'apertura della Conferenza dei servizi con l'approvazione entro febbraio 2012 del progetto definitivo da parte del CIPE e il contestuale avvio della gara per il reperimento dei finanziamenti, la stesura del progetto esecutivo e l'apertura dei cantieri principali preventivata a partire dalla metà del 2012.[36] L'intento era quello di aprire l'opera al traffico nel 2019.[37][38]


Cita:
Localizzazione
Lo stretto di Messina è un braccio di mare a forma di imbuto che collega il mar Ionio a sud al Tirreno a nord. La larghezza dello stretto varia da un massimo di circa 16 km (all'altezza di Punta Pellaro in Calabria e Capo d'Alì in Sicilia) fino a un minimo di circa 3 km (tra Torre Cavallo in Calabria e Capo Peloro in Sicilia). Una distanza simile separa Cannitello da Ganzirri; in quel punto, lo stretto ha una profondità di 72 m (mentre in altri punti si toccano anche i 2000 m).

Lo stretto è caratterizzato da forti correnti. Queste correnti fanno dello stretto un ecosistema molto peculiare[senza fonte], in cui trovano il proprio habitat specie animali e vegetali uniche per il Mediterraneo[senza fonte]. Altrettanto peculiare è il movimento di masse aeree al di sopra dello stretto, che rappresenta una rotta privilegiata seguita dalla maggior parte degli uccelli migratori.


Cita:
Dibattito sul progetto
Problemi ingegneristici[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto di un ponte di tali dimensioni, senza alcun precedente al mondo, ha ovviamente dato luogo anzitutto ad un difficile confronto tecnico e scientifico, tra esperti, sulle diverse proposte presentate e sulla loro fattibilità. La lunghissima storia del progetto testimonia proprio questa intrinseca difficoltà dovuta alle eccezionali condizioni ambientali e alle prestazioni richieste al manufatto (fondali profondi, forti correnti marine, traffico marittimo intenso, zona altamente sismica, zona altamente ventosa, prestazioni di traffico stradale e ferroviario). Inoltre le normative di sicurezza, nazionali e internazionali, stradali e ferroviarie, risultano non adeguate a un'opera così fuori dall'ordinario[54]. Dal punto di vista della fattibilità tecnica, nonostante i ripetuti pareri[55] degli Enti competenti: ANAS, FS, Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, alcuni autorevoli ingegneri continuano a nutrire delle perplessità sulla idoneità della soluzione a campata unica di 3 300 m andata in appalto e quindi ritenuta sicura.[56] In sintesi i principali problemi ingegneristici che pone una soluzione di tipo aereo (ponte sospeso) sono i seguenti:

Fondazioni in mare dei piloni
L'idea di realizzare due o più piloni nello stretto con relative fondazioni nelle acque profonde (> 100 m) è stata considerata troppo difficile da realizzare. Questa eccessiva difficoltà, unitamente all'innegabile vantaggio di non porre limiti alla navigabilità nello stretto offerto da una soluzione a luce unica, ha fatto propendere la scelta su quest'ultima soluzione, rispetto ad una soluzione di ponte su più luci.

Stabilità dell'impalcato sotto l'azione del vento
A ponte scarico l'impalcato deve risultare stabile nei confronti dei rischi di vibrazioni autoeccitate (flutter, distacco di schiere di vortici di von Karman, buffetting, ecc...) anche con venti molto forti. Per tali verifiche ci si avvale dei risultati dei test in galleria del vento.

Deformabilità laterale
In esercizio (a ponte carico), con venti moderati, l'impalcato deve essere sufficientemente rigido da poter consentire il traffico stradale e ferroviario, cioè le deformazioni laterali devono essere contenute entro limiti accettabili.

Deformabilità nel piano verticale
Le deformazioni dell'impalcato nel piano verticale, soprattutto per stese di carico non simmetriche, devono essere contenute entro i limiti adeguati per consentire il traffico ferroviario (generalmente si richiedono frecce massime inferiori a 1/500 - 1/1000 della luce).

Rigidezza torsionale
L'impalcato deve essere sufficientemente rigido a torsione per evitare eccessive pendenze trasversali incompatibili con l'esercizio stradale e ferroviario.

Costruibilità
Realizzare un'opera di dimensioni così colossali comporta problemi di costruibilità mai affrontati in precedenza con problematiche di sicurezza che devono essere garantite per ogni fase della costruzione.

Problemi sismici[modifica | modifica wikitesto]
Afferma Mario Tozzi: Reggio Calabria e Messina furono rase al suolo: è una buona idea quella di costruire proprio lì, il ponte a campata unica più lungo del mondo? Uno dei problemi che la costruzione pone è infatti quello sismico. Lo stretto di Messina è infatti noto per essere una delle zone a più alto rischio sismico del mondo: in esso ebbero epicentro i gravissimi terremoti del 1783, 1894 e 1908 (MaxoiweR: direi che per il prossimo ci siano no?) che, accompagnati da violenti tsunami, ridussero Messina, Reggio Calabria e le città limitrofe ad un cumulo di macerie, causando imponenti cambiamenti idro-geologici alla regione. Il progetto del ponte, quindi, dovrà prevedere una struttura altamente resistente a scosse telluriche non inferiori all'ottavo grado della scala Richter, e costruita con possenti pilastri sistemati in zone esenti da rischio frana. Tuttavia, paradossalmente, il "problema sismico" non dovrebbe essere il principale problema tecnico dell'Opera, problema peraltro, anche con le più pessimistiche ipotesi di progetto, facilmente analizzabile con i moderni codici di calcolo.[senza fonte] Infatti l'eccezionale dimensione della struttura fa sì che i modi di vibrare della stessa siano associati a frequenze molto basse (T>10 sec) e lontanissime dalle frequenze dei terremoti attesi (T<<1 s), conseguentemente le accelerazioni orizzontali dello spettro di risposta al sisma sono molto modeste; in parole povere il ponte è praticamente "insensibile" ai terremoti.[senza fonte] Inoltre, qualora si attivasse una faglia proprio in corrispondenza del ponte, e si verificasse uno spostamento relativo tra i due piloni dopo il sisma di qualche metro, anche in questo improbabile caso la struttura non subirebbe alcun danno essendo lo spostamento impresso inferiore al millesimo della luce.[senza fonte]

È importante considerare che non si tratta dell'unico ponte sospeso costruito in un'area ad alto rischio sismico: a esempio, i due ponti sospesi sul Bosforo sono una realtà esistente in una zona a fortissimo rischio sismico. Quand'era ancora in costruzione, l'attuale ponte sospeso più lungo del mondo fu colpito dal terremoto di Kobe, di magnitudo 6,8 e che provocò oltre 6 000 vittime. Le due torri di sostegno, unica parte dell'opera a essere stata già costruita all'epoca, si spostarono di un metro l'una rispetto all'altra, e fu necessario riadattare in corso d'opera il progetto alla nuova lunghezza, ma non furono altrimenti danneggiate[57]. Allo stesso tempo, bisogna tener conto del fatto che tali strutture presentano una campata massima notevolmente inferiore rispetto a quella allo stato proposta per il ponte sullo Stretto: un terzo quella dei ponti sul Bosforo[58], due terzi quella del ponte di Kobe[57].

Problemi ambientali[modifica | modifica wikitesto]
Come ogni grande opera dell'ingegno umano le grandi costruzioni creano un problema ambientale avvertibile già dall'inserimento dei cantieri; l'infrastruttura ultimata proprio perché grandiosa crea modificazioni sia ambientali che paesaggistiche. Scarso sarà l'impatto sulle correnti marine in virtù della campata unica, ma notevole sarà quello sulle correnti aeree data l'estensione in altezza dei piloni e di tutto l'impalcato del manufatto.

I favorevoli all'opera sottolineano che la costruzione del Ponte diminuirebbe l'inquinamento marino e ambientale prodotto dal transito dei traghetti nello stretto. Il Ponte sarebbe poi un'opera maestosa, che darebbe prestigio all'Italia e sarebbe un'importante attrazione turistica.

I suoi detrattori si rifanno a valutazioni di impatto ambientale o negano la fattibilità tecnica del ponte. I 65 metri di altezza del ponte risultano inoltre insufficienti a consentire il transito nello stretto delle navi da crociera più imponenti, ostacolando il crocierismo che è una fonte importante di introiti per l'economia delle città dello Stretto.[59]

Problemi dei trasporti[modifica | modifica wikitesto]
I favorevoli, al di là degli aspetti economici difficilmente valutabili, fanno notare che si tratterebbe di un'opera sociale, utile al rilancio del trasporto ferroviario tra la Sicilia e il continente, sia di merci che di viaggiatori, oggi quasi del tutto svolto dai mezzi su strada visto che è difficile pensare a collegamenti veloci tra le città dell'isola e il continente con l'attuale sistema di traghetti che per il trasporto dei vagoni dalla stazione di Messina a quella di Villa S. Giovanni o viceversa impiega circa un'ora e mezza. Ancor più critica è la continuità del trasporto merci subordinato per forza di cose a quello dei viaggiatori.

I fautori del progetto, che è parte importante dell'"Asse ferroviario 1" della Rete ferroviaria convenzionale trans-europea TEN-T, lo considerano un'importante infrastruttura in grado di promuovere il rilancio dell'economia delle regioni meridionali d'Italia e soprattutto della Sicilia, velocizzando innanzitutto il trasporto merci oggi affidato ad un gran numero di Tir (traghettati principalmente dalle navi private tra le due sponde dello stretto) che sono poi costretti a percorrere la A3-Salerno-Reggio Calabria con tutte le conseguenze negative in termini di aggravio dei costi di trasporto, nonché di incidentalità e di inquinamento. Il trasporto ferroviario allo stato attuale trasporta solo una quota infinitesima di merci a causa dei suoi lunghi tempi di composizione e scomposizione per l'imbarco e lo sbarco dai traghetti.[60] L'utilizzo delle attuali autostrade del mare, cioè delle navi che trasportano autocarri dalla Sicilia alla Liguria, presuppone infatti ancora l'uso del trasporto su strada.

Il ponte permetterebbe un risparmio di circa 2 ore nel trasporto ferroviario viaggiatori, un tempo superiore alla tratta Roma-Firenze. Tale è il tempo che attualmente le Ferrovie dello Stato impiegano per preparare e imbarcare un treno viaggiatori, per traghettarlo e per ricomporlo a destinazione (tempo calcolato dall'arrivo alla stazione di Villa S. Giovanni e la ripartenza dalla stazione di Messina). Il tempo relativo al traghettamento dei treni merci è invece superiore il più delle volte in quanto legato a differente logistica.

Il Ponte inoltre rimuoverebbe un ostacolo all'alta velocità in Sicilia. L'unione dei due interventi permetterebbe con le tecnologie impiegate nel resto d'Italia di collegare Palermo a Roma in circa 4 ore[senza fonte].

L'attraversamento in auto permette di raggiungere l'altra riva in 20 minuti[61] ai quali aggiungere l'eventuale attesa, che in alcuni periodi dell'anno può divenire consistente. Il costo è di circa 73 euro a/r per un'auto di piccola cilindrata (a meno di ritorno in meno di 3 giorni)[quando, e quanto per veicoli industriali e TIR]. I fautori del ponte sostengono che considerando le tariffe così alte, il ritorno dell'investimento del ponte sullo stretto sarebbe davvero veloce[in quanto tempo e a quali condizioni?].

Un altro fattore evidenziato a supporto dell'inutilità di tale opera è l'incompletezza dei lavori di adeguamento dell'autostrada A3, Salerno-Reggio Calabria alle normative di sicurezza, e pertanto limitata in alcuni tratti del suo tracciato ad una corsia per senso di marcia e al limite di velocità di 60 km/h[senza fonti autorevoli è una RO].

Aspetti e problemi economici[modifica | modifica wikitesto]
Molti detrattori considerano l'opera inutile dal punto di vista economico, in particolare affermano che non si otterrebbero miglioramenti delle condizioni di trasporto merci e passeggeri da sud a nord in quanto le infrastrutture viarie della zona in atto sono estremamente carenti e recenti studi hanno indicato che il trasporto merci via mare verso i porti della Liguria risulta vantaggioso sotto molteplici aspetti.[senza fonte]

Molte critiche sono invece legate al costo di quest'opera. Viene fatto rilevare infatti[da chi?] che si potrebbe utilizzare questo denaro per modernizzare e rendere più efficienti le infrastrutture del sud Italia e che sarebbe inutile la realizzazione del Ponte dato che non sono presenti strutture all'altezza quali autostrade e ferrovie (a doppio binario) per poterlo raggiungere.

I favorevoli controbattono il fatto che i fondi utilizzati per l'opera verrebbero per la maggior parte dall'ambito privato (il Ponte sarebbe infatti costruito con il metodo del Project financing[senza fonte] il quale prevede che un privato costruisca un'infrastruttura con le proprie risorse, per poi poterne usufruire economicamente per un determinato periodo di tempo). La mancata realizzazione del Ponte dunque, libererebbe solamente le risorse stanziate dallo stato italiano, minoritarie rispetto ai finanziamenti comunitari, e ai fondi creati ad hoc dalla SPV (special purpose vehicle) da costituirsi all'uopo, da parte del soggetto vincitore dell'aggiudicazione dei lavori secondo la metodologia del "general contractor"[senza fonte].

Contesto politico[modifica | modifica wikitesto]
Dopo l'annuncio, nel 1985, della prossima realizzazione del ponte fatta da Bettino Craxi, è nei primi anni 2000 che il ponte sullo stretto è entrato ufficialmente a far parte del programma, per le elezioni politiche del 2001, di entrambi i candidati alla carica di presidente del Consiglio, (Silvio Berlusconi e Francesco Rutelli); successivamente è stato inserito tra le grandi opere promesse dal governo Berlusconi II divenendo oggetto di rinnovate polemiche.



Senza voler considerare l'aspetto peculiare di ogni opera pubblica italiana e cioè CORRUZIONE, SPECULAZIONE, CLIENTELISMO, NEPOTISMO e MAFIA.


Insomma direi che Renzi, non eletto da nessuno non è nella posizione di poter decidere se avallare o meno una opera del genere questo a prescindere se si è favorevoli (io in linea teorica lo sarei, se mi fidassi dei miei governanti) o contrari.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4400
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 28/09/2016, 07:43 
Formato file: mp4




28 settembre 2016


Crozza: “Ponte sullo Stretto di Messina? Se fossi Berlusconi, denuncerei Renzi per plagio”


¯
Copertina di Maurizio Crozza, che apre la nuova puntata di Dimartedì (La7), ironizzando sugli ospiti in studio: “Giova, ci siete tu, Massimo Giannini e Massimo D’Alema. Sembra una pizzata di gente fatta fuori da Renzi. Se ci fosse anche Enrico Letta, sareste come i Duran Duran. Più che Duran Duran potreste fare i ‘Non Duran, Non Duran’. D’Alema, come è andata la vendemmia quest’anno? Lei è qui come viticoltore? D’altra parte, dall’Ulivo al vigneto per lei è stato uno scatto di carriera importante. Ma la vigna, in realtà, è una copertura. Per molti” – continua – “D’Alema è ancora l’eminenza grigia del Pd. D’Alema, lei nel Pd è una specie di guida spirituale. In Tibet hanno il Dalai Lama e nel Pd hanno il Dalai Lema. Tutte le volte che D’Alema parla, la sua opinione sposta consensi.


Dalla parte di Renzi… però li sposta. Vedere D’Alema che fa i ‘Comitati per il NO’ è come vedere Vettel, di notte, che entra nei box e manomette la sua Ferrari“. E aggiunge: “D’Alema, se vince il NO, non si ancora è capito se Renzi si dimette. Ma non è che poi torna lei, vero? Finalmente abbiamo la data del referendum: 4 dicembre. Renzi non ha specificato di quale anno, ma sarà un 4 dicembre di questi. Renzi farà un tour con 200 eventi in 60 giorni. Scusate, ma da qui a dicembre, questo paese, chi c*##o lo governa? Ieri da Del Debbio Renzi ha promesso bonus, sconti fiscali, tredicesime, quattordicesime ai pensionati benestanti, quindicesime ai pensionati poveri, sedicesime ai pensionati morti… Ormai Renzi promette Narnia. Mi ricorda qualcuno. Renzi oggi ha promesso il Ponte sullo Stretto. Se fossi Berlusconi, lo denuncerei per plagio“.


Il comico si cala nei doppi panni del premier e di Berlusconi: “Signori miei, con il Ponte sullo Stretto potremmo avere 100 mila posti di lavoro in più. Non le basta per votare SI’? Facciamo le Olimpiadi sul Ponte sullo Stretto. Mi raccomando, il 4 dicembre votate per il SI…LVIO”. Crozza torna nelle sue vesti e osserva: “Il Ponte sullo Stretto costerebbe 8 miliardi e mezzo e nello stesso tempo il governo sta pensando di fare dei tagli alla Sanità 7 miliardi. Sono matto io? Non è che ci vuoe un genio: niente ponte, niente tagli. Ci avanza anche un miliardo e mezzo che potremo dare alla Lorenzin per trovarsi un grafico. Il 22 settembre, tra l’altro, era il Fertility Day, il 26 la Giornata Mondiale della Contraccezione. Dovevi trombare il 22 e poi prendere pillola dei 4 giorni dopo”.


Commento finale su Roma: “Qui più che il Fertility Day ci vorrebbe un Assessority Day, la giornata mondiale a favore della ricerca di un Assessore al Bilancio kamikaze. A Roma i commercialisti, quando passa la Raggi, fanno finta di frugare nella cartella e dicono: ‘Speriamo non chiami me, c*##o’. Non troveranno un assessore, però hanno trovato un leader, perché è tornato Grillo”. E lo imita: “Belin, ma è meraviglioso. “La Raggi decide su Roma e io decido sulla Raggi. E’ la democrazia diretta. Diretta da me, ma è sempre democrazia“
_



fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 9295
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 28/09/2016, 08:03 


da Crozza


Matteo " facciamo le Olimpiadi

sul Ponte dello Stretto !!!
"





[:297] [:297] [:297] [:297] [:297] [:297] [:297] [:297]



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 18299
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 28/09/2016, 14:59 
dsuhdhuasdhuasdahusduhdsahudahudhsaudsahudsah bellissimo :°



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5008
Iscritto il: 05/12/2008, 20:52
Località: Regno di Raziel
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 28/09/2016, 19:39 
Immagine



_________________
Fuoco e vento provengono dal cielo, dagli dei del cielo, ma è Crom il tuo dio, Crom che vive nella terra. Un tempo i giganti vivevano nella terra Conan, e nell'oscurità del caos mistificarono Crom e gli sottrassero il segreto dell'acciaio. Crom si adirò e la terra tremò e fuoco e vento si abbatterono su quei giganti e scagliarono i loro corpi nelle acque. Ma nel loro furore gli dei si dimenticarono del segreto dell'acciaio e lo lasciarono sul campo di battaglia, e noi che lo trovammo non siamo che uomini. Né dei, né giganti. Solo uomini. E il segreto dell'acciaio ha sempre portato con sé un mistero; devi impararne il valore Conan, devi impararne la disciplina. Perché di nessuno, di nessuno al mondo ti puoi fidare, né uomini, né donne, né bestie. Di questo solo ti puoi fidare.



Senza cuore saremmo solo macchine.W.Shakespeare



Per i truffatori ufologici, dobbiamo far applicare l'articolo 661 del C.P.: "Abuso della credulità popolare"
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4400
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 29/09/2016, 07:03 
Eh si, il pupo deve giocare a spese degli italiani.
Evidentemente pettinare le bambole non gli basta più. [:D]



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40680
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 29/09/2016, 16:43 
Guarda su youtube.com



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 18299
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 29/09/2016, 16:52 
Il geologo ha toccato il punto principale.

Piuttosto che spendere quei soldi per fare lavori di ammodernamento e ristrutturazione della rete viaria e delle strutture generando "ricchezza e lavoro diffusi" si punta su un opera mastodontica che garantirà guadagni fantasmagorici A POCHI. Che poi è il perfetto modus operandi di chi fa gli interessi dei pochi lobbysti a scapito dei cittadini che invece dovrebbero rappresentare.

Finchè non comincerà a scorrere il sangue e i morti si accumuleranno sui bordi delle strade in questo paese non cambierà mai nulla.

[:305]



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Non connesso


Messaggi: 4257
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 29/09/2016, 17:23 
MaxpoweR ha scritto:
Il geologo ha toccato il punto principale.

Piuttosto che spendere quei soldi per fare lavori di ammodernamento e ristrutturazione della rete viaria e delle strutture generando "ricchezza e lavoro diffusi" si punta su un opera mastodontica che garantirà guadagni fantasmagorici A POCHI. Che poi è il perfetto modus operandi di chi fa gli interessi dei pochi lobbysti a scapito dei cittadini che invece dovrebbero rappresentare.

Finchè non comincerà a scorrere il sangue e i morti si accumuleranno sui bordi delle strade in questo paese non cambierà mai nulla.

[:305]

Quando comincerà a scorrere il sangue, stai tranquillo che sarà soprattutto quello della povera gente, come noi per esempio, perché non siamo nella possibilità di difenderci tantomeno di "attaccare", visto che le armi le hanno gli altri ed a noi è proibito detenerne.
Comunque visto che non possiamo fare altro; potremmo fare lo sciopero personale: no supermercato, no distributore, no superenalotto, no telefonini accesi, no ....
Dici che faranno come gli austriaci a Milano nel 1848 che obbligarono certi cittadini a fumare ????



_________________

“Non discutere MAI con un idiota: la gente potrebbe non notare la differenza.”(di Arthur Bloch)

Il cattivo qualche volta può anche recedere dalla sua cattiveria, MA l'imbecille non cessa mai di essere tale!

Niente è dannoso per una nazione come il fatto che i furbi passino per intelligenti. (Francis Bacon)
):•
Verba volant scripta manent! (Anche l'IP)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4400
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 30/09/2016, 15:42 
MaxpoweR ha scritto:
Piuttosto che spendere quei soldi per fare lavori di ammodernamento e ristrutturazione della rete viaria e delle strutture generando "ricchezza e lavoro diffusi" si punta su un opera mastodontica che garantirà guadagni fantasmagorici A POCHI. Che poi è il perfetto modus operandi di chi fa gli interessi dei pochi lobbysti a scapito dei cittadini che invece dovrebbero rappresentare.




Ponte sullo Stretto? “Il traffico sarebbe quasi inesistente. E mancano tutte le opere ordinarie, che creerebbero lavoro”


Immagine


¯
Lo utilizzeranno in pochissimi, costerà una cifra esorbitante e gestirlo non converrà a nessuno. Eppure Renzi ci prova.
- Ponti (Politecnico di Milano): "Meglio fare la manutenzione delle strade siciliane e calabresi, che sono in condizioni disastrose. Sono le piccole opere che creano lavoro".

- Marino (Università di Reggio Calabria: "Ci saranno costi altissimi, ai privati non interessa e lo Stato ci rimetterà".

- Signorino (Ateneo di Messina): "Perché vogliono l'infrastruttura? Per motivi politici, affaristici, economici: sono diversi gli interessi in campo, nonostante la qualità della proposta sia scadente"

_



•••► Leggi tutto



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3197
Iscritto il: 29/03/2011, 20:52
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: NO AL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA 2
MessaggioInviato: 01/10/2016, 03:07 
Forse il ponte è solo metaforico ...
Non si tratta del ponte sullo stretto ma del ponte della nuova democrazia cristiana, dall'altra parte c'è la destra moderata
Il modus operandi di Renzi è sempre più simile a quello di Berlusconi, secondo me sta puntando ai voti della destra moderata come il M5S ha puntato su quelli della destra estrema grazie ai quali hanno vinto a Roma e Torino
Siete andati a vedere i risultati complessivi delle amministrative?
http://www.rainews.it/dl/rainews/artico ... 87cac.html
Come dice Bersani, a breve la ventata nazionalista arriverà anche in Italia ... manca solo il leader giusto
Quindi Renzi deve agire prima che ciò avvenga, creando una larga alleanza di centro ... mi sbaglierò


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 12/12/2019, 03:55
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org