Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1858 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 120, 121, 122, 123, 124  Prossimo
Autore Messaggio

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 21995
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 09/10/2020, 12:47 
Vediamo se riesco a raggranellare qualche milione pure io col crwofounding mettendo qualche cretinata come obiettivo. Devo provare hai visto mai.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5824
Iscritto il: 16/12/2015, 09:33
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 09/10/2020, 12:51 
MaxpoweR ha scritto:
Vediamo se riesco a raggranellare qualche milione pure io col crwofounding mettendo qualche cretinata come obiettivo. Devo provare hai visto mai.

Eh si caro Max, pure io ci avevo pensato a suo tempo [:246]



_________________
Immagine
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 21995
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 27/10/2020, 13:14 
Cita:
Come rendere obsolete 11 portaerei in un colpo solo

Immagine

La Russia ha portato a termine con successo un altro test del programma per il missile da crociera ipersonico “Zirkon.” Il lancio è stato effettuato per la prima volta dalla fregata “Ammiraglio della flotta dell’Unione Sovietica Gorshkov” contro un bersaglio galleggiante situato a 450 km di distanza. La velocità media di volo del missile è stata di 1,6 km al secondo e la quota massima raggiunta di 28.000 m. Ci sono voluti circa 4,5 minuti per centrare il bersaglio. Il missile verrà utilizzato contro le navi di superficie nemiche dotate di sistemi di difesa aerea e missilistica in grado di intercettare in modo efficace i moderni missili da crociera supersonici anti-nave.

Il primo lancio di prova contro un bersaglio situato sulla terraferma e distante 500 km era avvenuto a gennaio e si era anch’esso concluso con un successo. La fregata della flotta settentrionale “Admiral Gorshkov” effettuerà altri tre lanci di prova dello “Zirkon” entro la fine di quest’anno. Allo stesso tempo, tutti i lanci saranno effettuati contro veri e propri bersagli marittimi e terrestri simulanti portaerei nemiche e postazioni strategiche.

Questo significa che il missile ipersonico russo “Zirkon” 3M22, sviluppato da “Mashinostroeniya,” è pronto per il suo uso principale: la neutralizzazione delle grandi navi nemiche.

Gli Stati Uniti sono chiaramente allarmati dalla prospettiva che questo complesso venga messo a disposizione della Marina russa. Come sappiamo, la base dell’influenza degli Stati Uniti nel mondo è costituita dalla sua potenza militare. E la caratteristica principale di questa potenza è la sua capacità, come dicono gli Americani, di proiezione, cioè di attaccare altri paesi, non importa quanto lontani dagli Stati Uniti. Lo strumento principale di questa proiezione è la US Navy, o meglio, la sua capacità di distruggere, in una guerra non nucleare, ogni possibile flotta che osi resisterle, garantendo così agli Stati Uniti il dominio dei mari. E questa capacità si basa sul fatto che, indipendentemente dai mezzi che il nemico sarà in grado schierare contro questa flotta, ogni suo tentativo si rivelerà inutile, mentre i sottomarini americani e gli aerei imbarcati sulle portaerei saranno sempre in grado di far fronte a qualunque minaccia.

I sottomarini sono tutta un’altra storia, ma la neutralizzazione degli attacchi missilistici è compito delle forze di superficie della Marina americana. Incrociatori missilistici e cacciatorpediniere dotati del sistema AEGIS possono fornire una difesa aerea così efficace che cercare di superarla senza fare ricorso alle armi nucleari potrebbe far pagare un prezzo troppo alto alle forze di qualunque aviazione nemica. Naturalmente, la difesa delle formazioni navali della Marina americana può essere perforata o aggirata con trucchi tattici, ma tutto ciò richiederebbe un dispiegamento enorme di forze, attacchi missilistici di saturazione, un duro lavoro da parte del quartier generale e, ahimè, perdite. E anche molte, in un contesto del genere.

Ora, tutti i vantaggi della US Navy sono stati ridotti a zero. L’estrema velocità è il principale vantaggio dello “Zirkon.” Ad oggi, semplicemente, non esistono sistemi di difesa missilistica in grado di intercettare con successo questi missili anti-nave.

Se poi prendiamo in considerazione l’autonomia di volo dichiarata, che, secondo varie fonti, è di 600 km e molto probabilmente di più di 1000, una portaerei, semplicemente, non si renderebbe neanche conto della minaccia che le sta arrivando addosso. E se poi anche un solo missile colpisse un cacciatorpediniere lanciamissili di classe Arleigh Burke, questo verrebbe letteralmente spezzato in due dall’enorme energia cinetica del proiettile. Una cosa del genere azzererebbe le capacità di intercettazione della cupola protettiva del sistema AEGIS prevista per tutti i gruppi da battaglia della Marina degli Stati Uniti. Invece di essere un formidabile deterrente, i gruppi d’attacco delle portaerei americane dovranno stare ben lontani dalle coste russe e dai vettori delle armi ipersoniche.

Quando gli “Zirkon” verranno usati dai sottomarini, sarà come sparare a bruciapelo. Negli Stati Uniti, si illudono di poter utilizzare i loro missili imbarcati SM-6 per intercettare i missili ipersonici russi. Gli SM-6 dovrebbero essere in grado di rilevare lo “Zirkon” a grande distanza utilizzando il nuovo sistema di controllo del fuoco integrato navale contraereo (NIFC-CA ). Anche se riuscissero a rilevarlo, il che è molto dubbio, attualmente è impossibile nascondersi o proteggersi da un proiettile che si muove a 3 km al secondo.

All’estero, stanno monitorando da vicino i test missilistici russi e ne terranno conto nel momento in cui dovranno decidere la politica da seguire nel campo del controllo degli armamenti, questo secondo una dichiarazione, riportata da molti media americani, del Dipartimento di Stato subito dopo il test del missile “Tsirkon.” Popular Mechanics ha scritto, ad esempio, che i sistemi di difesa della Marina degli Stati Uniti, probabilmente, potrebbero avere dei problemi con lo “Zirkon” e con gli altri missili anti-nave ipersonici.

Tuttavia, secondo la rivista: “la velocità dello Zircon rasenta il terrificante, ma la buona notizia è che la US Navy non è molto distante.” Non specifica però come gli Americani intendano contrastare le armi ipersoniche russe.

Inoltre, la maggior parte delle navi e dei sottomarini russi sarà ora in grado di utilizzare queste armi, sia le piccole corvette e le fregate che gli incrociatori nucleari. Le navi di superficie e i sottomarini saranno dotati di lanciatori universali per “Kalibr,” “Oniks” e ” Zirkon.” La possibilità di armare con lo Zirkon la fregata antisommergibile della Flotta del Pacifico “Maresciallo Shaposhnikov” e il sottomarino nucleare della Flotta del Pacifico “Irkutsk” indica che le armi ipersoniche saranno dispiegate in Estremo Oriente, una regione che sta diventando sempre più importante nel confronto sempre più caldo tra Stati Uniti e Cina.

Le flotte del Mar Baltico e del Mar Nero non hanno bisogno di missili con una gittata di 1.000 chilometri, perché, semplicemente, sarebbero sprecati nei piccoli mari interni. Ma, nell’Oceano Pacifico, i missili supersonici ed ipersonici hanno tutto lo spazio necessario, il “Kalibr” ha due volte la gittata dell’americano “Harpoon” (600 km contro 280 km) ed è tre volte più veloce (Mach 3 contro Mach 0,85). Una velocità di volo tre volte quella del suono mette in dubbio la possibilità che il sistema di difesa aerea AEGIS, schierato sulle navi della Marina americana, sia in grado di intercettarlo. Non c’è assolutamente protezione contro lo “Zirkon” con i suoi Mach 9 e raggio d’azione di 1000 km.

Forse, la regione del Pacifico diventerà una priorità per il dispiegamento dello “Zirkon,” scrive Military Watch Magazine. I missili aviolanciati “Kinzhal” e navali “Zirkon” diventeranno l’“arma assoluta” della Russia, consentendole di rafforzare la propria influenza nella regione e dando nuovo impulso agli sforzi congiunti della Cina e della Federazione Russa per sottrarsi al predominio marittimo mondiale degli Stati Uniti. Inoltre, in Russia vengono sviluppati diverse dozzine di progetti nel settore delle armi ipersoniche.

La Russia ha privato l’America dello status di intoccabilità, ha affermato il vice ammiraglio della Marina degli Stati Uniti Daryl Caudle. “Ora si sa che il nostro paese non è più un santuario, perciò dobbiamo essere preparati, qui in patria, per condurre operazioni di combattimento di alto livello nelle nostre acque territoriali,” ha detto.

Con l’avvento del missile da crociera “Zirkon,” la Russia sta diventando anche un leader marittimo e acquisisce uno strumento efficace nello scoraggiare l’aggressione da parte di stati ostili, ha detto Viktor Bondarev, capo del Comitato per la Difesa e la Sicurezza del Consiglio della Federazione Russa. “Oggi, la presenza di un serio arsenale nucleare sta raffreddando le teste calde del Pentagono, impedendo loro di usare la forza contro la Russia, in una forma o nell’altra. In effetti, le forze nucleari strategiche sono attualmente il principale garante della pace globale. Ma è importante sostenere questa ‘fonte di stabilità’ con armi non nucleari che siano paragonabili in potenza e impatto alle armi nucleari,” ha aggiunto il senatore. Questo, ha sottolineato Bondarev, è ciò che la Russia sta facendo con successo: le armi ipersoniche, insieme alle armi laser, sono la nuova generazione delle armi.

In futuro, lo “Zirkon” sarà installato non solo su navi di superficie e sottomarini, ma anche sui complessi costieri anti-nave “Bastion.”

I test del missile ipersonico “Zirkon” sono stati un evento molto importante per le forze armate russe. Secondo il segretario stampa del presidente russo, Dmitry Peskov, grazie al successo del test del missile “Zirkon,” la triade nucleare russa ha ricevuto una nuova arma fondamentale. Ha sottolineato che il presidente russo ha definito questo test un grande evento per l’intero paese. A sua volta, l’ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov, sul canale televisivo “Russia-1” ha definito il lancio dello “Zirkon” “uno straordinario successo delle forze armate russe.” Secondo l’ambasciatore, Washington segue con attenzione i test e, in ogni caso, “monitora da vicino” ciò che accade in Russia. Ha osservato che qualsiasi iniziativa delle forze armate russe è importante per la controparte americana. Già solo la notizia dell’imminente adozione di un missile ipersonico da parte della Marina russa ha avuto un impatto significativo sugli equilibri di forze in diverse parti del mondo.

C’è da dire che l’ultimo test dello “Zirkon” è stato seguito da un quasi completo silenzio da parte della stampa specializzata americana. Hanno finalmente capito? Improbabile. Il missile anti-nave “Zirkon” 3M22 è uno dei famigerati “missili Putin,” di cui il presidente russo aveva messo in guardia i suoi partner geopolitici in un memorabile discorso all’Assemblea Federale. Allora c’era stata molta ironia per quei “cartoni animati,” anche da parte dei liberali russi. Ma ora possiamo parlare del sistema missilistico “Avangard” e del complesso aeronautico ipersonico “Kinzhal” come di un fatto compiuto. Lo “Zirkon” era la terza delle armi promesse in quella lista.

La situazione è molto simile a quella che si era verificata nel periodo in cui l’URSS stava portando avanti il suo programma nucleare. L’8 marzo 1950, l’URSS aveva annunciato ufficialmente di essere in possesso della bomba atomica, scioccando la comunità mondiale e, sopratutto, l’amministrazione e gli ambienti militari statunitensi.

Prima di allora, gli esperti statunitensi erano sicuri che l’industria nucleare sovietica fosse molto indietro rispetto a quella americana e ritenevano che, nel migliore dei casi, la bomba atomica sovietica non sarebbe stata pronta prima del 1954. Nel 1947, la dichiarazione del ministro degli esteri dell’URSS, Molotov, sul progetto segreto, ormai non più segreto, dell’atomica sovietica era stato considerata un bluff dagli Americani. Ma, nello stesso anno, in Unione Sovietica era entrato in funzione il primo reattore nucleare.

Tuttavia, i media e i politici americani non avevano quasi mai sollevato l‘argomento, tanto erano sicuri dell’irraggiungibile superiorità militare degli Stati Uniti. Il 12 agosto 1953, nel poligono di “Semipalatinsk” era stato portato a termine con successo il test [di una bomba all’idrogeno], che aveva consentito all’URSS di diventare il primo paese in possesso di un’arma termonucleare di enorme potenza distruttiva. Inoltre, quella bomba poteva anche essere trasportata in territorio nemico da un bombardiere strategico perchè era di piccole dimensioni, pesava solo 7 tonnellate, e si adattava facilmente, ad esempio, al Tu-16. Questa notizia non era passata inosservata all’estero, ma non aveva avuto l’effetto sperato: gli USA non avevano cambiato opinione sulla propria grandezza.

Secondo Vladimir Batyuk, capo del Centro per la ricerca militare e politica presso l’Istituto degli Stati Uniti e del Canada dell’Accademia delle Scienze Russa, gli Americani erano rimasti scettici fino agli anni ’50 sui progressi della ricerca scientifica sovietica. “L’establishment americano non era rimasto particolarmente colpito dal test della bomba atomica sovietica. Si era convenuto di far passare tutto sotto silenzio, riducendolo ad un caso di ‘spionaggio atomico.’ Inoltre, il test della bomba all’idrogeno non aveva fatto sensazione, anche se in questo campo l’Unione Sovietica era chiaramente davanti all’America. Ho il sospetto che gli Americani associassero i segreti atomici allo spionaggio: secondo gli Americani, tutto quello che avevano fatto i Russi era stato rubare qualcosa e perfezionarla,” ha detto Batyuk in un’intervista a RT.

L’esperto ritiene che gli Americani erano rimasti davvero scioccati dai risultati della scienza e della tecnologia militare sovietica solo in seguito, quando era stato lanciato il primo satellite artificiale (1957), ma, “molto più del primo test del 1953 della bomba all’idrogeno sovietica, era stato nel 1961 che la società e l’élite americana erano rimaste realmente impressionate dall’esplosione sperimentale in Novaya Zemlya dell’ordigno termonucleare denominato ‘Bomba Zar,’ all’epoca l’arma più potente nella storia dell’umanità.”

Era andata così: il 17 ottobre 1961, al 22° Congresso del Partito Comunista dell’Unione Sovietica, Nikita Khrushchev aveva annunciato l’imminente collaudo di un’enorme bomba termonucleare aviotrasportata. La potenza della bomba era da record. Krusciov aveva parlato di 50 megatoni, ma in realtà, la sua capacità era di 58 megatoni.

Il test si era svolto il 30 ottobre 1961. La superbomba, chiamata “Bomba Zar” o “Madre di Kuzkin” (Krusciov, all’ONU, aveva detto che avrebbe mostrato a tutti “la madre di Kuzkin,” da qui il secondo nome della bomba), era stata sganciata da un bombardiere Tu -95 da un’altezza di 10 km appesa ad un paracadute ed era stata fatta detonare tre minuti dopo. Immediatamente dopo lo sgancio, l’aereo aveva invertito la rotta di 180°. L’esplosione era avvenuta a una distanza di 38-39 km dall’aereo, l’onda d’urto aveva raggiunto il bombardiere quando si trovava ad una distanza di 115 km, mandandolo in una picchiata da cui i piloti erano riusciti ad uscire dopo aver perso circa 800 m di quota. L’esplosione della bomba avrebbe dovuto dimostrare la potenza nucleare dell’Unione Sovietica e indurre alla calma le teste calde dell’Occidente.

La storia si ripete, ma sotto forma di farsa, e questo succede periodicamente nella storia americana. Nel marzo dello scorso anno, il sito web “Breitbart news” aveva scritto: “Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha deriso la minaccia del presidente russo Vladimir Putin di schierare nuovi missili contro le capitali occidentali, definendola ‘una spacconata’ progettata per seminare divisione tra Washington e i suoi alleati.”

Un mese fa, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, aveva dichiarato che la Russia è stata in grado di creare armi ipersoniche solo dopo aver presumibilmente rubato tecnologia americana durante il mandato del suo predecessore, Barack Obama. “Ora abbiamo la più grande arma mai creata dall’uomo. Abbiamo rivitalizzato l’esercito e l’abbiamo portato ad un livello che si riteneva impossibile. E ho detto che abbiamo creato l’arma più potente mai conosciuta dall’umanità. Questo è vero,” aveva aggiunto. Allo stesso tempo, secondo il presidente, queste armi sono così avanzate che Russia e Cina “invidieranno” gli Stati Uniti.

I generali americani sembrano essere più realisti. Negli ultimi mesi, hanno più volte riconosciuto che il paese è rimasto indietro rispetto alla Russia e alla Cina nella produzione di armi ipersoniche. Il capo del Pentagono, Mark Esper, ad esempio, ha osservato che gli Stati Uniti, in questo settore, “stanno giocando di rimessa.” Ha annunciato un raddoppio dei finanziamenti per lo sviluppo di munizioni ipersoniche terrestri, aeree e marittime per il 2020. E il capo del Comando Settentrionale delle forze armate statunitensi, il generale Terrence O’Shaughnessy, ha recentemente affermato che “il sistema russo Avangard è in grado di aggirare le difese antimissili statunitensi e colpire in profondità il territorio nazionale 15 minuti dopo il lancio.”

Il presidente russo Vladimir Putin ha paragonato il lavoro sul sistema “Avangard” al progetto nucleare sovietico. Ha sottolineato che, dal dicembre dello scorso anno, è già in servizio attivo il primo reggimento di missili strategici equipaggiati con il sistema “Avangard.” Secondo il leader russo, questo è un evento enorme nella vita del paese e ne garantisce la sicurezza. “Il ritiro degli Stati Uniti dal trattato sui missili balistici nel 2002 ha costretto la Russia ad iniziare lo sviluppo delle armi ipersoniche. Abbiamo dovuto creare queste armi in risposta al dispiegamento del sistema di difesa missilistica strategica degli Stati Uniti, che, in futuro, potrebbe essere in grado, di neutralizzare e annullare il nostro potenziale nucleare,” ha dichiarato il presidente russo.

La Russia è stata per un certo periodo in ritardo nello sviluppo di nuove armi, ha continuato Vladimir Putin, e la cosa aveva messo il paese in una posizione molto difficile e persino pericolosa. “In effetti, ci sono stati momenti in cui siamo stati minacciati, ma non avevamo nulla con cui rispondere,” ha aggiunto il presidente. “Quella era una chiara e pericolosa violazione dell’equilibrio strategico. Ma ora, per la prima volta, il paese ha le armi più moderne, molte volte superiori a quelle sviluppate da altri paesi,” ha affermato presidente.

Nell’ultimo rapporto del servizio di ricerca del Congresso, “Armi ipersoniche. Background e questioni per il Congresso” del 17 marzo 2020 si afferma esplicitamente: i veicoli di rientro russi (“Avangard“) con testata nucleare sono difficili da rilevare tramite le apparecchiature esistenti, la struttura di comando delle forze armate statunitensi è troppo lenta e non sarà in grado di rispondere ad un attacco del genere. Ma asserisce anche che queste armi non aggiungono nulla al potenziale strategico esistente. Quindi, ancora una volta, non hanno capito nulla.

Il 18 settembre 2020, l’autorevole rivista americana “The National Interest” ha pubblicato un articolo dal titolo “Is the Russian Avangard Hypersonic ICBM a Serious Threat?” [L’ICBM ipersonico Avangard russo è una minaccia seria?]. Il suo autore, Peter Suciu, in particolare, scrive che l’unità da combattimento ipersonica planante del sistema missilistico “Avangard” può muoversi a una velocità 27 volte superiore a quella del suono e che la sua capacità di manovra può rendere quasi impossibile prevedere correttamente la sua traiettoria. L’articolo rileva inoltre che “Avangard” è solo uno dei componenti del grande arsenale russo di tali armi, che comprende 528 missili balistici intercontinentali terrestri e sublanciati, nonché armi nucleari aviotrasportate.

Il possesso di sistemi ipersonici da parte della Russia è il motivo principale del rifiuto della Casa Bianca di estendere il Trattato START-3, e questo perchè vorrebbe includere il sistema “Avangard” nell’accordo, ma la Russia, per ovvie ragioni, rifiuta. Il fatto è che, dopo la comparsa delle armi ipersoniche, “Avangard” compreso, le armi nucleari hanno perso molto del loro significato strategico. E qui è particolarmente importante sottolineare che il duro lavoro che la Russia ha svolto per estendere il Trattato START-3 è dettato esclusivamente dalla preoccupazione per il mantenimento della pace. Ma anche questa è una cosa che gli Stati Uniti non vogliono accettare. Nel frattempo, secondo fonti ben informate, l’entrata in servizio di un nuovo missile balistico intercontinentale americano è prevista per il 2029. Ciò significa che nei prossimi 8-10 anni gli USA non avranno nulla da opporre all’“Avangard” russo. Ma neanche la Russia resterà con le mani in mano …

Ed ecco che arriva lo “Zirkon.” Non è un caso che nei prossimi lanci di prova, previsti per la fine del 2020, vengano indicati come bersagli unità mobili di superficie che simulano le portaerei: del resto il missile 3M22 è chiamato “carrier killer.” Questo è uno degli scopi principali dello “Zirkon.”

E così, le poderose portaerei sono diventate un ottimo bersaglio anche per le piccole navi della Marina russa, che saranno equipaggiate con missili ipersonici. Pertanto, i 10 prossimi lanci di prova dello “Zirkon” hanno un significato geopolitico paragonabile al test della superbomba denominata “Madre di Kuzkin.” All’epoca, gli Stati Uniti avevano finalmente riconosciuto l’Unione Sovietica come un nemico paritario in termini di potenza militare. La Guerra Fredda era stata quindi equilibrata dalle potenzialità dei due stati nucleari più potenti. Oggi, come si suol dire, la palla ipersonica è nella parte americana del campo e, allo stesso tempo, aumenta il grado di confronto nella Guerra Fredda infinita, ma la Russia ora è in condizioni di dettare le regole del Grande Gioco.

Valery Panov

Fonte: stalkerzone.org
Link: https://www.stalkerzone.org/11-us-aircraft-carriers-were-nullified/
11.10.2020
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Fonte: https://comedonchisciotte.org/come-rendere-obsolete-11-portaerei-in-un-colpo-solo/



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 6240
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 14/03/2021, 01:22 
George Floyd, la città di Minneapolis verserà 27 milioni alla famiglia
Raggiunto un accordo. L'intesa segue l'avvio del processo di selezione della giuria che si occuperà del caso.


La famiglia di George Floyd riceverà 27 milioni di dollari di danni e interessi dalla città di Minneapolis, con la quale ha raggiunto un accordo. L'intesa segue l'avvio del processo di selezione della giuria che si occuperà del caso.


https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/ ... 33727.html


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 21995
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 14/03/2021, 12:58 
bingo



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Non connesso


Messaggi: 5459
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 14/03/2021, 15:51 
MaxpoweR ha scritto:
bingo

Scusa, ma che vuoi dire???



_________________
):•
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 21995
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 15/03/2021, 01:18 
che hanno monetizzato alla grande



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Non connesso


Messaggi: 5459
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 15/03/2021, 11:05 
MaxpoweR ha scritto:
che hanno monetizzato alla grande

Perchè:
1) Hanno dei buoni avvocati, che si sono cuccati 9 milioni di dollari come parcella?
2) O perchè il colore di quelli "picconati" qui da noi, non rende "BENE" in TV?
3) O..... [:291] [:291] [:291]



_________________
):•
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 19591
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 07/07/2021, 14:23 
il giacimento zor è sulla rotta della francia,
che dà la legion d'onore a al sisi..
noi scemi gli dichiariamo guerra..
il piano è quello..
grazie ai traditori piddini e agl ialtri..
portare il giacimento di gas in bocca ai padroni francesi..


https://www.corriere.it/politica/21_lug ... 01bd.shtml

Zaki, la Camera dà il via libera alla mozione per la cittadinanza italiana
Il testo voluto dal Pd approvato all’unanimità con l’astensione solo di FdI. Letta: «Ora il governo faccia la sua parte».



https://www.corriere.it/esteri/20_dicem ... 6dd1.shtml

Immagine
Egitto, Al Sisi incassa anche la Legion d'Onore da Macron. La cerimonia «nascosta» dall'Eliseo
Le immagini trasmesse dalla tv egiziana e rilanciate a Parigi: i media francesi non c'erano. Il generale, già difeso pubblicamente dal presidente francese, ha ottenuto riconoscimenti e onori nonostante la ferita aperta dei diritti umani. Il conduttore francese: «Siamo dovuti andare su un sito di regime per sapere che fa l'Eliseo»



_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml
Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no”perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable. Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 21995
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 07/07/2021, 15:28 
Mattarella è andato pure ì in visita in questi giorni con la comitiva della casa di cura a far cosa non si fa... ah si giusto a posare la corona di fiori vattelapesca



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 19591
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 07/07/2021, 15:42 
i padroni di letta,
intelligenza con stato estero in danno a stato italiano..


toh..

https://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/m ... 0-tg1.html


Legion d'onore a Enrico Letta
Andato in onda il: 05/04/2017
Con una cerimonia all'Eliseo, Francois Hollande ha insignito l'ex premier Enrico Letta del titolo di commendatore della Legion d'onore, uno dei massimi riconoscimenti della repubblica francese. Letta, attuale direttore della Scuola di affari internazionali della Facoltà di scienze politiche di Parigi, è uno dei 22 insigniti del titolo di commendatore come personalità straniere che vivono in Francia.

e questo qua dovrebbe tutelare gli interessi italiani..



_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml
Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no”perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable. Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Non connesso


Messaggi: 5459
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 07/07/2021, 16:07 
mik.300 ha scritto:
i padroni di letta,
intelligenza con stato estero in danno a stato italiano..


toh..

https://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/m ... 0-tg1.html


Legion d'onore a Enrico Letta
Andato in onda il: 05/04/2017
Con una cerimonia all'Eliseo, Francois Hollande ha insignito l'ex premier Enrico Letta del titolo di commendatore della Legion d'onore, uno dei massimi riconoscimenti della repubblica francese. Letta, attuale direttore della Scuola di affari internazionali della Facoltà di scienze politiche di Parigi, è uno dei 22 insigniti del titolo di commendatore come personalità straniere che vivono in Francia.

e [size=150]questo qua dovrebbe tutelare gli interessi italiani..[/size]

Ripeto: confermo che mi sbagliavo col 44° parallelo.
È al 45° che dobbiamo fare il MURO.



_________________
):•
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 21995
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 09/09/2021, 12:08 
Cita:
Chi è Mamady Doumbouya, leader golpista in Guinea, paese chiave nella produzione di alluminio?

Immagine

Il 5 settembre, le forze speciali della Guinea hanno annunciato in un messaggio alla nazione lo scioglimento del governo, la sospensione della Costituzione e la chiusura delle frontiere terrestri e aeree dopo aver rovesciato il presidente del Paese, Alpha Condé.

Una volta deposto il capo di Stato, i prezzi dell'alluminio hanno toccato i massimi degli ultimi 10 anni, visto che la nazione africana rappresenta un quarto dell'offerta mondiale di bauxite.
Così il tenente colonnello Mamady Doumbouya, capo di un'unità d'élite dell'esercito della Guinea, è apparso davanti alle telecamere per annunciare i prossimi passi dell'esercito.

"Si terrà una consultazione per definire il quadro principale per la transizione, quindi verrà istituito un governo di unità nazionale per guidare la transizione. Al termine di questa fase di transizione, daremo il tono a una nuova era per la governance e lo sviluppo economico", ha dichiato il militare.

Esperienza militare all'estero

Il tenente colonnello Mamady Doumbouya è nato il 4 marzo 1980 in una comunità della provincia di Kankan (Guinea). È sposato con una donna di origine europea e ha tre figli.

Quando raggiunse la maggiore età, si trasferì in Francia per studiare. Si è diplomato alla scuola militare École de guerre (Parigi, Francia). Oltre a ciò, ha completato la sua formazione come esperto di protezione operativa presso l'Accademia per la sicurezza internazionale in Israele, oltre ad avere diplomi delle scuole militari senegalesi e del Gabon. È un esperto in gestione, comando e strategia della difesa.

Doumbouya ha prestato servizio nella Legione straniera francese. La sua carriera militare in 15 anni ha incluso, tra le altre, missioni in Afghanistan, Cipro, Regno Unito, Costa d'Avorio, Gibuti e Repubblica Centrafricana.

Al termine del servizio nell'esercito francese, il militare ha accettato l' invito dello stesso presidente Alpha Condé a guidare il Gruppo delle forze speciali (GFS,), istituito nel 2018.

Ritorno in Guinea

Mamadou Aliou Barry, esperto di geopolitica presso il Centro di analisi e studi strategici in Guinea, ha ricordato che durante il governo Condé erano state utilizzate forze d'élite per reprimere manifestazioni pubbliche. Soprattutto le massicce proteste dopo il controverso referendum del marzo 2020, che ha permesso al presidente di postulare la sua candidatura alle elezioni per la terza volta consecutiva e i cui risultati sono stati messi in discussione dall'opposizione.

Di conseguenza, Doumbouya è passato al vaglio delle autorità dell'UE, che hanno minacciato di punirlo, insieme ad altri 25 funzionari, per presunte violazioni dei diritti umani.

Le funzioni e le competenze del Gruppo Forze Speciali sono aumentate negli ultimi anni del mandato di Condé, portando , in particolare, al conflitto tra Doumbouya e il Ministero della Difesa, il supervisore del GFS, secondo i rapporti.

Giorni prima del golpe le autorità guineane avevano drasticamente aumentato le tasse per ricostituire le casse dello Stato e aumentato del 20% il prezzo del carburante, provocando diffusi disordini tra i cittadini.

Di fronte alla prospettiva di nuove manifestazioni a seguito della politica del governo, il capo delle forze speciali ha deciso di agire con decisione e prendere il controllo.

"Penso che [Condé] volesse avere uno strumento di sicurezza a sua disposizione per missioni repressive, […] purtroppo per lui, quando voleva averlo tra le mani, il comando delle forze speciali gli si è rivoltato contro" ha spiegato Barry.

Fonte: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-chi__mamady_doumbouya_leader_golpista_in_guinea_paese_chiave_nella_produzione_di_alluminio/82_42974/



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 6240
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 20/11/2021, 19:11 
L’Europa si infiamma: dopo Rotterdam disordini anche a Vienna, migliaia in piazza anche a Roma: “basta lockdown, libertà sul vaccino”
Manifestazioni, disordini e tafferugli anche oggi in Europa: migliaia di persone protestano a Vienna e a Roma



Manifestazioni, disordini e tafferugli anche oggi in Europa, dopo le proteste di ieri a Rotterdam: migliaia di persone sono scese in piazza a Vienna, così come a Roma, Milano e Zagabria.

Il sit-in contro il Green Pass nella Capitale, al Circo Massimo, è partito sulle note dell’inno nazionale: sono oltre 3 mila i partecipanti arrivati nell’area scelta per la manifestazione. Sventolano decine di bandiere tricolore. Dalla piazza si sollevano cori: “Giù le mani dai bambini” e “La gente come noi non molla mai“.

Attimi di tensione si sono verificati in centro a Milano, tra Piazza Fontana e Piazza del Duomo. Almeno 500 manifestanti sono stati bloccati in extremis dalle forze dell’ordine all’altezza dell’Arengario, quando hanno provato a muoversi in corteo verso Piazza del Duomo. Quando le forze dell’ordine hanno bloccato il primo mini corteo, altri manifestanti, che erano sparsi in gruppetti in Piazza del Duomo, si sono avvicinati al cordone alle spalle, dal Sagrato, creando ulteriore scompiglio. Nelle concitate fasi, un paio di manifestanti sono stati bloccati dagli agenti per essere identificati, suscitando urla e ulteriori proteste. A margine, insulti ai giornalisti e slogan “no Green Pass” e “libertà”.

Migliaia di persone sono scese in piazza a Vienna per dire no all’obbligo vaccinale e al lockdown, misure annunciate dal governo austriaco contro la pandemia.
La manifestazione è stata organizzata dal partito di estrema destra Fpo: la protesta si svolge a due passi dalla sede della Cancelleria.
Su alcuni cartelli e striscioni si leggono slogan come “No alla divisione della società” e “No alla Corona-dittatura“.
La polizia ha riferito di tafferugli con le forze dell’ordine e di diversi arresti.
Venerdì il cancelliere conservatore, Alexander Schallenberg, ha annunciato un lockdown per tutta la popolazione a partire da lunedì prossimo. Il governo inoltre introdurrà l’obbligo vaccinale alla popolazione adulta dal primo febbraio 2022: è il primo Paese europeo a prendere questa decisione.
Alcune bandiere italiane sono comparse al corteo in corso a Vienna: tra le migliaia di manifestanti, anche uno striscione “Noi siamo il popolo italiano“, slogan che richiama quelli già impiegati nelle proteste tenutesi nel nostro Paese. I manifestanti sono in gran parte senza mascherine, nonostante l’obbligo previsto per gli eventi di massa in Austria.

Migliaia di persone hanno protestato a Zagabria, in Croazia, contro le misure restrittive anti-Coronavirus adottate dal governo. I manifestanti hanno raggiunto la capitale a bordo di decine di autobus e hanno contestato il governo del premier Andrej Plenkovic, di cui hanno chiesto le dimissioni. Martedì sono entrate in vigore nel Paese nuove misure restrittive, che limitano l’ingresso in molti edifici alle persone vaccinate, guarite dalla malattia o in possesso di un recente test negativo.

Blocchi stradali e proteste segnate da episodi di violenza da parte dei manifestanti anti Green Pass e no-vax anche a Guadalupa, territorio d’oltremare francese nel sud del Mar dei Caraibi: il prefetto ha imposto il coprifuoco tra le 18 e le 5 del mattino, “tenuto conto dei disordini sociali in corso nel dipartimento e degli atti di vandalismo“. Il governo – secondo quanto annunciato dal ministro dell’Interno Gerald Darmanin – ha disposto l’invio dalla Francia di 200 tra agenti di polizia e gendarmi come rinforzi. Il coprifuoco rimarrà in vigore fino a martedì. In Guadalupa la vaccinazione è obbligatoria per il personale sanitario e per chiunque lavori a contatto con persone vulnerabili.


https://www.meteoweb.eu/2021/11/leuropa ... a/1740747/


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 6240
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 06/01/2022, 00:20 
S'infiamma il Kazakhstan, scatta lo stato d'emergenza
Presidente chiede intervento di Mosca per stroncare le proteste


Né la minaccia di una reazione "dura", né le promesse di ribassare i prezzi dei beni di prima necessità hanno convinto i dimostranti scesi in piazza da giorni in Kazakhstan a mettere fine alle loro proteste senza precedenti.

Otto agenti delle forze di sicurezza sono rimasti uccisi e 317 feriti nelle violenze in Kazakhstan, secondo quanto riferiscono media locali citando il ministero dell'Interno kazako.

Il bastone e la carota esibiti dal presidente Kassym-Jomart Tokayev non hanno impedito che le manifestazioni si estendessero anzi a diverse città e che migliaia di persone prendessero d'assalto il municipio e la residenza presidenziale ad Almaty, cuore economico del Paese, e arrivassero in serata ad attaccare l'aeroporto della città. Di fronte al precipitare della crisi Tokayev ha chiesto alla Russia e agli altri Paesi membri di un'alleanza militare guidata da Mosca di intervenire per stroncare le proteste.

La crisi mette improvvisamente in discussione l'immagine di stabilità di questa ex Repubblica sovietica ricca di idrocarburi e retta da un regime autoritario che nei tre decenni seguiti alla fine dell'Urss ha attirato enormi investimenti nel settore energetico dalle principali compagnie petrolifere mondiali. Le proteste, innescate dal raddoppio del prezzo del Gpl in seguito alla cancellazione dei limiti imposti dal governo, sono dirette ormai contro l'intero establishment di un sistema fondato e guidato per tre decenni dall'ex presidente Nursultan Nazarbayev, dimessosi nel 2019 per passare la mano a Tokayev. Una sua statua, riferisce l'agenzia russa Tass, è stata abbattuta nella città di Taldykorgan, nel sud-est del Paese. Tokayev si è visto costretto a proclamare lo stato d'emergenza su tutto il territorio nazionale, dopo che la misura era stata decisa ieri ad Almaty e nel Mangistau, principale provincia petrolifera affacciata sul Mar Caspio, nell'ovest del Paese. Proprio da qui erano partite domenica le prime proteste, che si sono poi estese a macchia d'olio. In primo momento il presidente ha cercato di calmare la piazza sciogliendo il governo guidato dal premier Askar Mamin e dando ordine di ripristinare i limiti non soltanto al prezzo del Gpl, ma anche sulla benzina, il diesel e altri generi "socialmente importanti".

Ma né questo né i lacrimogeni e le bombe assordanti impiegate dai reparti della polizia anti-sommossa sono riusciti a fermare le migliaia di manifestanti. Tanto che a tarda sera, in un drammatico discorso televisivo alla nazione, Tokayev è arrivato a chiedere l'intervento militare di Mosca e degli altri Paesi membri del Csto, l'Organizzazione del trattato per la sicurezza collettiva di cui fanno parte diverse Repubbliche ex sovietiche. Il Paese, ha affermato il presidente, è sotto attacco da parte di gruppi terroristici addestrati all'estero. Alcuni "terroristi", ha aggiunto, sono penetrati anche nell'aeroporto di Almaty impossessandosi di cinque aerei, di cui uno straniero. Tokayev ha assunto anche i poteri di capo del Consiglio di sicurezza nazionale, carica che dopo le dimissioni di tre anni fa era stata mantenuta dall'ottantunenne Nazarbayev. Affermando che tra i manifestanti vi sono "banditi" che hanno attacco le forze di sicurezza uccidendo alcuni agenti, il presidente ha avvertito che è pronto ad "agire nella maniera più ferma possibile". Otto agenti delle forze di sicurezza sono rimasti uccisi e 317 feriti nelle violenze in Kazakhstan, secondo quanto riferiscono media locali citando il ministero dell'Interno kazako.


https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/ ... 6d74c.html


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1858 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 120, 121, 122, 123, 124  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 18/05/2022, 01:15
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org