Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1832 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 113, 114, 115, 116, 117, 118, 119 ... 123  Prossimo
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5104
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 29/05/2020, 16:34 
La morte dell'afroamericano George Floyd


Minneapolis brucia, Trump minaccia l'uso della forza. Giornalista Cnn arrestato in diretta


La protesta degenera in rivolta, commissariato dato alle fiamme. Trump avverte: "Ora si comincia a sparare quando inizia il saccheggio". Cortei da New York (72 arresti) alla California, il sindaco di Minneapolis proclama lo stato di emergenza e ribatte alle critiche del tycoon: "Debolezza è accusare altri in tempi di crisi". Schierati in città 500 uomini della Guardia nazionale. Reporter rilasciato con le scuse del governatore -

I dimostranti e i rivoltosi in piazza sono "vandali" e ancora, a mo' di monito: "Quando comincia il saccheggio si comincia a sparare". Cosi' Donald Trump dopo la terza notte di violenze e scontri a Minneapolis innescati dall'uccisione da parte della polizia di George Floyd.

In un messaggio, diffuso su Twitter, il presidente americano ha riferito di aver parlato con il governatore del Minnesota, Tim Waltz, e di avergli detto che "l'esercito è con lui fino alla fine". Il presidente Usa non ha risparmiato critiche al sindaco di Minneapolis: parla di "totale mancanza di leadership". "O il molto debole sindaco di estrema sinistra - ha affermato Trump - riporta la città sotto controllo o invierò la Guardia nazionale".

"Questi delinquenti disonorano la memoria di George Floyd e non permetterò che questo accada - ha aggiunto il presidente - Ho appena parlato con il governatore Tim Walz e gli ho detto che i militari sono con lui".

Il sindaco di Minneapolis, Jacob Frey, ha poi replicato a Donald Trump: "Debolezza è rifiutare di assumersi la responsabilità delle proprie azioni - ha detto durante una conferenza stampa - Debolezza è puntare il dito contro qualcun altro in un momento di crisi". Poi ha incalzato: "Donald Trump non sa nulla della forza di Minneapolis". "Siamo forti da morire", ha detto ancora il sindaco, ammettendo che "è un momento difficile", ma - ha aggiunto nelle dichiarazioni riportate dalla Cnn - "ce la faremo".

Guarda su youtube.com


Giornalista Cnn arrestato in diretta, le scuse del governatore

Il giornalista della Cnn Omar Jimenez è stato arrestato dalla polizia, mentre stava trasmettendo in diretta dal luogo delle proteste. Lo riporta la stessa emittente, aggiungendo che Jimenez è stato preso in custodia "dopo essersi identificato in modo chiaro agli agenti". La Cnn ha pubblicato anche la foto del momento dell'arresto. Stessa sorte per i colleghi di Jimenez, tra cui un produttore e un operatore.

Il governatore Walz ha porto le sue "profonde scuse" per l'arresto "inaccettabile" della troupe. Lo ha riferito sempre la Cnn, spiegando che il presidente Jeff Zucker ha parlato con Walz dopo l'arresto, mentre ancora la troupe non era stata rilasciata.
Walz aveva promesso di intervenire perché il rilascio avvenisse subito, aggiungendo che il giornalista e i colleghi avevano chiaramente il diritto di restare e di essere favorevole alla presenza dei media sul luogo delle proteste. Jimenez e i colleghi sono stati poi rilasciati.

Il reporter agli americani: "Voi vedevate quello che mi succedeva"

"Quello che mi ha dato un po' di conforto è sapere che voi vedevate quello che stava succedendo, io vivevo quello che stava succedendo ed il Paese vedeva quello che succedeva in tempo reale". Così Omar Jimenez, in un collegamento subito dopo il suo rilascio, ha raccontato come la polizia di Minneapolis, questa mattina presto, lo ha arrestato. Il giornalista, che è ispanico e di colore, ha raccontato di essere stato avvicinato dagli agenti in tenuta antisommossa che - come mostrano le immagini trasmesse in diretta dalla Cnn - l'hanno circondato e ammanettato senza dirgli il motivo del suo arresto.

Nel collegamento con i giornalisti di Atlanta, che hanno ribadito la preoccupazione e la solidarietà di tutta l'emittente, il reporter ha raccontato anche quello che ha provato mentre veniva portato via, ammanettato, dai due poliziotti in tenuta antisommossa.


Mentre ci allontanavamo e mi facevano attraversare l'intero quartiere che era stato distrutto dalla rabbia dei dimostranti e sfortunatamente dalla rivolta e dai saccheggi che abbiamo visto, allora mi sono chiesto - ha detto - ma che cosa sta succedendo veramente?". Una volta arrivati al distretto, anche lì al giornalista, che cercava di capire se il problema fosse che stava facendo il collegamento da un posto non autorizzato dove ancora erano in corso disordini, non è riuscito a ottenere risposte. "Mi hanno chiesto le generalità, poi sono tornati e hanno chiesto 'state con la Cnn?", ha raccontato dicendo che poco dopo li hanno lasciati andare. E alla domanda se qualcuno si è scusato con loro per l'equivoco ha risposto: "Forse questo è avvenuto a un altro livello, ma a noi non hanno chiesto scusa".

Schierati 500 uomini della Guardia Nazionale

Dopo il caos della scorsa notte, sono stati schierati 500 uomini della Guardia Nazionale per contrastare le proteste. Un 'rinforzo' chiesto nelle scorse ore dallo stesso sindaco della città.

Proteste a New York, almeno 72 arresti

Sono almeno 72 i manifestanti arrestati nella notte durante le proteste a New York. Durante i tafferugli esplosi in diverse zone di Manhattan, alcuni agenti sono rimasti feriti dai lanci di sassi e bottiglie da parte dei manifestanti.

La rivolta

Fonti di stampa concordanti e immagini e video diffusi sui social network hanno documentato l'irruzione di dimostranti in centri commerciali, l'incendio di automobili parcheggiate e l'impiego di gas lacrimogeni in strada. Sempre a Minneapolis sarebbe stato occupato un commissariato di polizia, mentre in città è stata dispiegata la Guardia nazionale.

Floyd era un cittadino afroamericano di 46 anni. Il decesso dopo il fermo da parte della polizia e le violenze, documentate in un video nel quale l'uomo, bloccato a terra da un agente, ripete: "Non riesco a respirare".

Proteste di piazza si sono svolte ieri sera anche in altre città degli Stati Uniti, da New York a San Francisco, da Chicago a Denver.

Frey: "Inaccettabile quello che si vede in queste ore"

"E' inaccettabile quello che abbiamo visto nelle ultime ore e nelle ultime due notti in termini di saccheggi". Si è espresso così il sindaco Frey, durante una conferenza stampa nel mezzo delle tensioni in corso. "Le nostre comunità - ha detto nelle dichiarazioni riportate dalla Cnn - non possono tollerarlo e non lo tollereranno".

Frey, ha proclamato lo stato di emergenza di 72 ore nella città del Minnesota. Nel corso della conferenza stampa, il sindaco ha detto che Minneapolis ha chiesto aiuto al governo del Minnesota e alla Guardia Nazionale per cercare di ''tenere sotto controllo la situazione''.

A Roma murales in via Usa: Floyd 'Statua della Libertà'

Harry Greb, lo street artist che nei giorni scorsi ha tra l'altro decorato il muro esterno dello Spallanzani, "torna a colorare i muri di Roma e questa volta lo fa con l'immagine simbolo del momento, quella di George Floyd nei panni della Statua della Libertà con un cartello in cui chiede giustizia e la Carta dei Diritti stretta in una mano". E' quanto si legge in una nota dell'artista. L'opera è stata realizzata, significativamente, in via Stati Uniti d'America, vicino al Villaggio Olimpico.



​ "Sono rimasto colpito e indignato come essere umano dopo aver visto il video dove George Floyd muore in strada, da solo -afferma lo street artist - E' incredibile che ancora oggi possano accadere fatti del genere, alla luce del giorno, con arroganza e prepotenza, senza limiti. E' un peccato perché ritengo che gli Stati Uniti siano un gran Paese, ma sono vittime delle loro contraddizioni. Hanno ancora parecchie cose da risolvere e questa è l'ennesima testimonianza. Sembra che essere nero in America oggi è ancora una discriminante, tutto questo è inaccettabile. Qualcuno dovrebbe dare un segnale forte anche se in questo momento mi sembra difficile - conclude Harry Greb - visto chi è a capo della Nazione".

La morte di George Floyd

"Lasciatemi, non riesco a respirare....". Sono le ultime drammatiche parole di un afroamericano ucciso da un agente di polizia che lo ha soffocato, bloccandolo a terra e premendogli il collo con un ginocchio. Un episodio che ricorda un altro caso simile e tristemente noto, quello del newyorchese Eric Garner nel 2014. Questa volta teatro della tragedia è stata Minneapolis, in Minnesota, e l'intera sequenza è stata filmata da una passante in un video shock che adesso scuote gli Usa. Secondo le prime ricostruzioni, alcuni agenti sono stati allertati sulla presenza di un uomo sospetto seduto in un'auto e che sembrava sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. I poliziotti giunti sul posto gli hanno intimato di scendere ma l'uomo ha cominciato ad opporre resistenza. Gli agenti lo hanno allora bloccato a terra e, mentre cercavano di ammanettarlo, uno di loro gli ha tenuto premuto il collo con un ginocchio. "Per favore non riesco a respirare", si sente nel video. L'uomo implora più volte gli agenti ma invano, anche se visibilmente in sofferenza. Quando arriva l'ambulanza è troppo tardi. L'uomo morirà poco dopo. La polizia ha avviato un'indagine e gli agenti sono stati sospesi. Anche loro indossavano body-cam. "Quello che ho visto è terribile. Quell'uomo non avrebbe dovuto morire. Essere un nero in America non dovrebbe essere una sentenza di morte", è stata la reazione di rabbia del sindaco di Minneapolis, Jacob Frey. Sono stati in seguito licenziati i quattro poliziotti coinvolti nella vicenda. Lo ha reso noto il sindaco di Minneapolis. "Questa è la decisione più giusta", ha detto.


http://www.rainews.it/dl/rainews/artico ... b381e.html


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1583
Iscritto il: 21/01/2017, 09:30
Località: Roma (Italia) e Quito (Ecuador)
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 01:46 
Mi sa proprio che il poliziotto assassino non ricorda la vicenda di Rodney King e non ha nemmeno visto il film Joker...



_________________
https://oannes.myblog.it
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12883
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 12:04 
In america basta avere una divisa da poliziotto per poter diventare un comune assassino e al posto di rinchiuderlo lo hanno solo sospeso!. [:0]
E questi hanno la sfacciataggine di voler governare il mondo esportando la loro "Democrazia"!. [:246]


Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2700
Iscritto il: 16/12/2015, 09:33
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 12:44 
bleffort ha scritto:
In america basta avere una divisa da poliziotto per poter diventare un comune assassino e al posto di rinchiuderlo lo hanno solo sospeso!. [:0]
E questi hanno la sfacciataggine di voler governare il mondo esportando la loro "Democrazia"!. [:246]


Licenziato e arrestato.
https://www.ilmessaggero.it/mondo/minne ... 56650.html


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20145
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 12:45 
Cita:
Alessandro Di Battista - Se George Floyd fosse stato iraniano o cinese Repubblica avrebbe trattato la notizia così?

Immagine

di Alessandro Di Battista

Poche ore fa un giornalista della CNN che stava documentando le proteste per il barbaro omicidio (di questo si tratta) di George Floyd è stato arrestato, in diretta, a Minneapolis. Giustamente, in questo preciso momento, Il Fatto Quotidiano riporta la notizia in home page con lo spazio che merita. Anche il Corriere della Sera apre la sua home con questa incredibile notizia. la Repubblica no. Su Repubblica il box della notizia è minuscolo, posto in una parte bassa del sito e (per lo meno adesso) nelle didascalie di accompagnamento non si legge USA, Stati Uniti o Minneapolis.


Dai giornali “ liberal” io vengo costantemente definito filo-cinese per aver detto che il rapporto che l'Italia ha con la Cina deve diventare un'arma negoziale ai tavoli europei o filo-russo per aver detto che, anche grazie a Putin, la Siria non è
stata conquistata dall'Isis. Giorni fa Repubblica ha bollato le mie idee (criticabili per l'amor di Dio) figlie di una “strategia cinese” che mi sta guidando.


Non sono filo-cinese né filo-russo. Sono “filo-italiano”. E' la neo-Repubblica degli Elkann e di Molinari ad aver preso una linea profondamente russofobica e anticinese. E questo, oltretutto, non è nell'interesse dell'Italia e della stessa Europa.


Che spazio avrebbe avuto su Repubblica la notizia della morte di George Floyd e dell'arresto del giornalista della CNN se i responsabili fossero stati cinesi, russi, venezuelani o iraniani?


La nuova “Guerra Fredda” che Trump (insieme ai neocon americani che a volte sembrano i nuovi editori di Repubblica) cerca in ogni modo – anche per ragioni elettorali - non serve né all'Italia né alla sicurezza mondiale.


Ora diranno che le mie critiche colpiscono la libertà di stampa o che sono un pericoloso sostenitore di dittature o teocrazie mondiali. Balle. Sono un lettore che oltretutto cerca notizie scomode e non dettate dagli spin-doctor dei politici. Un tempo su Repubblica si leggevano. C'erano pezzi sulla questione palestinese e sul diritto dei palestinesi di vivere sulla loro terra.


Oggi, per lo meno su Repubblica, alcuni temi (Palestina, conflitto di interessi, accentramento di potere mediatico, etc etc.) iniziano a scarseggiare.


Mi auguro che sia un caso!

Notizia del: 29/05/2020




_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2700
Iscritto il: 16/12/2015, 09:33
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 12:48 
MaxpoweR ha scritto:
Cita:
Alessandro Di Battista - Se George Floyd fosse stato iraniano o cinese Repubblica avrebbe trattato la notizia così?

Immagine

di Alessandro Di Battista

Poche ore fa un giornalista della CNN che stava documentando le proteste per il barbaro omicidio (di questo si tratta) di George Floyd è stato arrestato, in diretta, a Minneapolis. Giustamente, in questo preciso momento, Il Fatto Quotidiano riporta la notizia in home page con lo spazio che merita. Anche il Corriere della Sera apre la sua home con questa incredibile notizia. la Repubblica no. Su Repubblica il box della notizia è minuscolo, posto in una parte bassa del sito e (per lo meno adesso) nelle didascalie di accompagnamento non si legge USA, Stati Uniti o Minneapolis.


Dai giornali “ liberal” io vengo costantemente definito filo-cinese per aver detto che il rapporto che l'Italia ha con la Cina deve diventare un'arma negoziale ai tavoli europei o filo-russo per aver detto che, anche grazie a Putin, la Siria non è
stata conquistata dall'Isis. Giorni fa Repubblica ha bollato le mie idee (criticabili per l'amor di Dio) figlie di una “strategia cinese” che mi sta guidando.


Non sono filo-cinese né filo-russo. Sono “filo-italiano”. E' la neo-Repubblica degli Elkann e di Molinari ad aver preso una linea profondamente russofobica e anticinese. E questo, oltretutto, non è nell'interesse dell'Italia e della stessa Europa.


Che spazio avrebbe avuto su Repubblica la notizia della morte di George Floyd e dell'arresto del giornalista della CNN se i responsabili fossero stati cinesi, russi, venezuelani o iraniani?


La nuova “Guerra Fredda” che Trump (insieme ai neocon americani che a volte sembrano i nuovi editori di Repubblica) cerca in ogni modo – anche per ragioni elettorali - non serve né all'Italia né alla sicurezza mondiale.


Ora diranno che le mie critiche colpiscono la libertà di stampa o che sono un pericoloso sostenitore di dittature o teocrazie mondiali. Balle. Sono un lettore che oltretutto cerca notizie scomode e non dettate dagli spin-doctor dei politici. Un tempo su Repubblica si leggevano. C'erano pezzi sulla questione palestinese e sul diritto dei palestinesi di vivere sulla loro terra.


Oggi, per lo meno su Repubblica, alcuni temi (Palestina, conflitto di interessi, accentramento di potere mediatico, etc etc.) iniziano a scarseggiare.


Mi auguro che sia un caso!

Notizia del: 29/05/2020



Quando le notizie arrivano da mamma America, i giornalai nostrani sanno come trattarla per vendere, non è assolutamente un caso.


Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2760
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 12:49 
bleffort ha scritto:
In america basta avere una divisa da poliziotto per poter diventare un comune assassino e al posto di rinchiuderlo lo hanno solo sospeso!. [:0]
E questi hanno la sfacciataggine di voler governare il mondo esportando la loro "Democrazia"!. [:246]


a parte che molti poliziotti in usa sono roba da impiccagione pubblica,
si sa che trump è imparentato con i savoia:
sono nella stessa linea discendente,
infatti trump partì dalla germania e otto generazioni prima i maggiordomi vennero a contatto a vista nelle terre nord-altoatesine con i savoia



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2700
Iscritto il: 16/12/2015, 09:33
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 12:53 
Zelman ha scritto:
a parte che molti poliziotti in usa sono roba da impiccagione pubblica,

Italia e Usa gli estremi, qua la polizia ha le mani legate e tra un po' non può più neanche arrestare; da loro invece fa il c.azzo che gli pare e finisce sempre scagionata!!!


Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2760
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 12:57 
Robiwankenobi ha scritto:
Zelman ha scritto:
a parte che molti poliziotti in usa sono roba da impiccagione pubblica,

Italia e Usa gli estremi, qua la polizia ha le mani legate e tra un po' non può più neanche arrestare; da loro invece fa il c.azzo che gli pare e finisce sempre scagionata!!!

mah, comunque lì i neri sono incazzati...
io starei attento, se fossi, improbabilmente, trump, ad ammonticchiare casi fino allo sfaldamento della trumpecrazzìa... [:297]
ieri ha voluto censurare i social per la critica di tuitter a trumpe, mentre zuccherberg, cosa saggia ha detto il ragazzo, diceva che i social non sono la verità,
e trumpe non l'ha ascoltato...
si vede che la verità lo turba più dei soscial



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17680
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 14:08 
ormai i dem soffiano sul fuoco della rivolta,
tipo maidan ecc.
tanto peggio, tanto meglio..


https://video.corriere.it/cronaca/georg ... -dall-alto

Un ragazzo di diciannove anni è rimasto ucciso a Detroit durante le proteste per la morte di George Floyd. Dei colpi di pistola sono stati esplosi da un'auto che si è data alla fuga.

colpi sparati nel mucchio non si sa da chi
mi vengono in mente cose passate..
per i giornali pro dem sarebbe dovuta essere la polizia, c scommetto.
per fortuna che c'è il video.


scusate a quelli del corriere il double-think di orwell
gli fa un baffo..
almeno lì c'era un prima e un dopo,
qui applicano il double-think nel medesimo arco temporale.
ma dove hanno studiato questi??


https://www.corriere.it/esteri/20_maggi ... 7b00.shtml

TITOLO

Minneapolis, l’autopsia su George Floyd: «Ginocchio sul collo per 9 minuti»
I risultati dell’autopsia sull’afroamericano morto durante un controllo di polizia a Minneapolis. Arrestato l’agente che gli ha messo il ginocchio sul collo


SVOLGIMENTO

L’autopsia su George Floyd ha accertato che «non ci sono elementi fisici che supportano una diagnosi di asfissia traumatica o di strangolamento» sull’afroamericano morto a Minneapolis dopo che un agente bianco gli ha tenuto un ginocchio sul collo per 8 minuti e 53 secondi mentre era a terra. Secondo il referto, riportato dai media americani, «gli effetti combinati dell’essere bloccato dalla polizia, delle sue patologie pregresse e di qualche potenziale sostanza intossicante nel suo corpo hanno probabilmente contribuito alla sua morte».

MA È INFORMAZIONE QUESTA ?!?!

un fesso medio che si ferma al titolo cosa capisce secondo voi?



_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml
Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no”perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable. Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2760
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 14:28 
ad uccidere il nero potrebbe esssere stato come anche no, il ginocchio sul collo,
potrebbero essere state le patologie pregresse,
ma per la rivolta il ginocchio sul collo è balsamo ed incentivo [:297] [:291]



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 5104
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 14:39 
La situazione in America sta degenerando

Usa,proteste a Oakland:ucciso un agente



14.33 Durante gli scontri a Oakland, in California, nel corso di manifestazioni di protesta ieri sera, legate alla morte dell'afroamericano George Floyd,è stato ucciso un militare del Servizio di protezione federale e un altro è rimasto ferito. Entrambi erano in servizio davanti all' edificio federale quando sono stati raggiunti da colpi d'arma da fuoco. Durante le proteste, alle quali hanno preso parte almeno 7.500 persone,ci sono stati furti,incendi,atti vandalici. Diverse persone sono state arrestate.



http://www.televideo.rai.it/televideo/p ... =320&p=101


Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2760
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 14:59 
oh, ma intanto anche qui...

https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca ... akOrI.html

a parte la manfrina -mascherina no-

però assembramenti in molte piazze... e pro-lira italica...

chi è sto pappalardo?



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2760
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 15:02 
az, quoque tu... pappalardo?

https://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Pappalardo

Antonio Pappalardo (Palermo, 25 giugno 1946) è un politico ed ex carabiniere italiano.

Generale di brigata dei Carabinieri in congedo dal 2006[1] e presidente del Consiglio Centrale di Rappresentanza Militare (COCER) dell'Arma dal 1991 al 1998 e dal 1999 al 2001, è stato deputato della XI legislatura e sottosegretario di stato alle Finanze del Governo Ciampi[2]. Attualmente è presidente dei movimenti civici nazionali Melograno e Dignità sociale, del comitato dei saggi del Movimento Liberazione Italia[3] e del Movimento Gilet Arancioni[4].



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 20145
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Rivolte e rivoluzioni infiammano il mondo
MessaggioInviato: 30/05/2020, 15:21 
Godo.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1832 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 113, 114, 115, 116, 117, 118, 119 ... 123  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 22/10/2020, 19:35
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org