Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2164 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 145  Prossimo
Autore Messaggio

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1399
Iscritto il: 18/11/2009, 08:31
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 16:47 
LIBIA USA PRONTO ATTACCO A GHEDDAFI PRIMI RAID NELLA NOTTE DI OGGI.
ANSA) - NEW YORK - Secondo Barack Obama Gheddafi 'ha perso ogni legittimita'' ed e' responsabile di 'brutale violenza nei confronti del suo stesso popolo'. E 'crediamo che commettera' altre atrocita'', ha aggiunto. Gheddafi, ha ancora detto Obama, deve rispettare le condizioni poste dalla risoluzione Onu. Gli Usa 'non manderanno soldati in Libia' perche' 'il cambiamento nella regione non deve essere imposto dagli Stati Uniti, o da altre potenze straniere, ma deve venire dalle aspirazioni dei popoli'.


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6985
Iscritto il: 11/07/2009, 14:28
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 17:00 
Cita:
robs79 ha scritto:
Prima di quel fesso di Berlusconi le ha ottenute dai fessi di sinistra,vai un po' a vedere.Quello ha sempre fatto e detto cio' che ha voluto con la scusa che nel periodo di Mussolini li avevamo conquistati e invasi.A mio parere quel tempo é passato come é passato il tempo di chiedere scusa,spazziamolo via con i suoi leccapiedi e gestiamo noi il petrolio libico facendo lavorare i libici.

Temo che gli americani non siano d'accordo...[:246]



_________________
"Sei quello che sei, anche se non lo sai..."
Angeldark
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 16287
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 17:00 
I ribelli: nostri caccia bombardano le truppe di Gheddafi 77 –
La radio dell'opposizione libica 'Voce libera della Libia', che trasmette dalla città di al-Baida, ha riferito un messaggio del Consiglio nazionale transitorio di Bengasi, secondo cui alcuni caccia in mano ai ribelli starebbero bombardando le truppe del colonnello Muammar Gheddafi. Lo ha riferito il sito web dell'emittente 'Bbc', senza aggiungere ulteriori dettagli a riguardo.

ma la no fly-zone
vale solo per gheddafi ?
la risoluzione protegge i civili o
gli insorti?

si sentono talmente coperti..
che lo ammettono candidamente..

e` sempre la solita storia..



_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml

Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no” perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable.
Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1821
Iscritto il: 31/12/2008, 15:10
Località: Lato Oscuro
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 17:05 
Cita:
Angeldark ha scritto:

Cita:
robs79 ha scritto:
Prima di quel fesso di Berlusconi le ha ottenute dai fessi di sinistra,vai un po' a vedere.Quello ha sempre fatto e detto cio' che ha voluto con la scusa che nel periodo di Mussolini li avevamo conquistati e invasi.A mio parere quel tempo é passato come é passato il tempo di chiedere scusa,spazziamolo via con i suoi leccapiedi e gestiamo noi il petrolio libico facendo lavorare i libici.

Temo che gli americani non siano d'accordo...[:246]

e neanche i francesi da domani.


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13512
Iscritto il: 05/12/2008, 22:49
Località: Laveno Mombello (Va)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 17:07 
L'analisi/ Il Rais le tenterà tutte ma ormai il suo destino è segnato
Venerdí 18.03.2011 18:19

Come sempre avviene alla vigilia di una guerra, tanto più se nel cortile di casa nostra, tutti si pongono mille domande. Ma non è il momento delle risposte. E’ l’ora in cui si affinano le strategie militari e i caccia iniziano a spostarsi sulle piste in posizione di rullaggio. Il regime di Gheddafi - dopo la storica risoluzione 1973 sulla Libia finalmente adottata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che ha sancito il principio della protezione internazionale delle popolazione civile – è decisamente estromesso dalla storia. I continui bluff , come la dichiarazione di “ cessate il fuoco”, che prevengono da Tripoli non spostano di una virgola i termini, ben più ampi, della questione.

La minaccia sul terreno non è cambiata, anzi rischia di peggiorare nelle prossime ore. Certo, il Rais le tenterà tutte ma ormai il suo destino è segnato. Il dispositivo militare della Nato si è messo in movimento, forte di una votazione nella quale, pure l’astensione di Russia, Cina, Germania, hanno un fortissimo significato. Perché l’astensione significa non partecipazione diretta, non disapprovazione della risoluzione d’intervento. Anche il nostro Paese, alla fine, ha rotto gli indugi, garantendo l’uso delle basi “ e non solo” alla “ coalizione di volenterosi” – come ha detto il ministro della Difesa La Russa che si preparano a intervenire. L’intelligence, sia quella strategica che quella politica, nelle ultime due settimane hanno lavorato fianco a fianco, anche direttamente sul terreno, come nel caso di francesi e inglesi, per raccogliere il maggior numero di informazioni possibili per mettere i decisori politici in grado di agire.

Certo, ci sono stati ritardi e troppe indifferenze, come ha detto il Presidente Napolitano, ma alla fine è scattato il momento delle decisioni difficili. In termini strettamente operativi, francesi e inglesi, dispongono di mezzi aerei in grado di raggiungere la Libia nel volgere di poche ore. In teoria potrebbero decollare subito. Ma prima di effettuare raid di questo tipo è necessaria un’attenta ricognizione dell’area, dove peraltro proseguono i combattimenti e gli schieramenti sono molto ravvicinati. E’ assolutamente necessaria una strategia comune, partendo dall’individuazione dei bersagli: dislocazione delle aree che ospitano aerei ed elicotteri, centrali di telecomunicazioni, basi militari, posizionamento dei mezzi terrestri pesanti, batterie antiaeree, eventuali sistemi missilistici, e tutto ciò che è considerato strategico per la macchina militare di Gheddafi. Ed è esattamente a questo tipo di pianificazione che si sta lavorando a ritmi serrati in queste ore.

Quando scatterà l’ora “X” ogni squadriglia aerea alleata dal momento in cui si leverà in volo saprà perfettamente dove dirigersi e cosa colpire. Il mandato Nato è chiarissimo nell’applicazione della “no-fly zone” ma anche sulla necessità di far cessare ogni atto di ostilità nei confronti dei civili e degli oppositori che si battono a Bengasi. Il che, pur escludendo “uomini a terra” ( inteso come massiccio sbarco di soldati sul territorio libico) lascia spazio di manovra per eventuali azioni mirate di commando e di forze speciali, del resto alcuni team di “ specialisti” e di “ consiglieri” si trovano già a Bengasi e dintorni, anche per guidare le prossime azioni aeree. I leader della “rivoluzione dei ragazzi” che sta infiammando tutto il Nord Africa, il Medio Oriente, e parte della penisola araba, hanno accolto l’annuncio dell’intervento dell’Onu e della Nato con urla di giubilo, il che di per sé stesso è un grande avvenimento, perché mai prima di oggi si era visto tanto entusiasmo nei confronti dell’Occidente e degli Stati Uniti. Siamo solo agli inizi di un cambiamento realmente epocale nell’intera area, crollano equilibri che finora avevano garantito lo status quo. La stessa partecipazione alla no-fly zone del Qatar e degli Emirati Arabi Uniti, scelta sicuramente dettata da motivi di politica interna, visto che entrambi questi Paesi hanno problemi di stabilità e devono fare i conti con le richieste e le proteste dei loro ragazzi, fino all’altro ieri sarebbe stata impensabile. E’ assolutamente prematuro e azzardato ipotizzare adesso cosa accadrà “dopo”. Di certo, americani, ma soprattutto francesi e inglesi, stanno lanciando pesanti opzioni per il futuro controllo delle risorse energetiche libiche, e non solo. Ma di questo non mancherà occasione di parlare. Adesso è l’ora delle decisioni che pesano.

di Guglielmo Sasinini



_________________
Nutrirsi di fantasia, ingrassa la mente.

Immagine
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 732
Iscritto il: 20/04/2010, 12:41
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 18:19 
E' UFFICIALE:
LA FRANCIA HA INIZIATO L'ATTACCO;COLPENDO UN VEICOLO A TERRA

I telegiornali stanno diffondendo la notizia



_________________
"Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere".
M.Gandhi
Top
 Profilo  
 

Bannato
Bannato

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4937
Iscritto il: 17/07/2009, 09:40
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 18:37 
Bene,viva la francia.


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1399
Iscritto il: 18/11/2009, 08:31
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 18:42 
PRIME BOMBE CONTRO19/03/2011 18:26
Rai PRIME BOMBE CONTRO IL REGIME DI GHEDDAFI Aperte le ostilità in Libia. Un caccia francese ha bombardato un veicolo militare libico. E' quanto riferisce il ministero della Difesa di Parigi. In arrivo nella zona delle operazioni anche la portaerei Charles de Gaulle, che salperà domani dal porto di Tolone


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1399
Iscritto il: 18/11/2009, 08:31
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 18:45 
Parigi, Berlusconi tranquillizza il Paese:
"I missili libici non arriveranno in Italia"
Il premier Berlusconi al termine del vertice di Parigi ha voluto chiarire un dettaglio che in queste ore sta preoccupando gli italiani. Una possibile ritorsione libica con lancio di missili contro l'Italia è un'eventualità da non considerare. Gli armamenti in dotazione all'esercito di Gheddafi, secondo i vertici militari, non hanno una gittata sufficiente per raggiungere il territorio italiano.

Vorrei tranquillizzare i nostri concittadini: le nostre forze armate ieri hanno fatto un esame approfondito della disponibilità di armi e di missili del regime libico, e la loro conclusione certa è che non ci sono in questo momento armi in dotazione della Libia che possano raggiungere il territorio italiano". Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in una conferenza stampa all'ambasciata d'Italia a Parigi al termine del vertice.

"L'Italia, per il momento, mette a disposizione le basi e, attraverso la nostra partecipazione al coordinamento delle operazioni, potrà essere richiesta di una partecipazione con i suoi mezzi" e "noi abbiamo anticipato che potrebbe essere possibile tale partecipazione". Il coordinamento, su proposta italiana, ha aggiunto il premier, "sarà effettuato probabilmente nella base Nato di Napoli".

Sabato 19 marzo 2011 16.37


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1399
Iscritto il: 18/11/2009, 08:31
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 18:53 
Cita:
Lord Nerevar ha scritto:

Parigi, Berlusconi tranquillizza il Paese:
"I missili libici non arriveranno in Italia"
Il premier Berlusconi al termine del vertice di Parigi ha voluto chiarire un dettaglio che in queste ore sta preoccupando gli italiani. Una possibile ritorsione libica con lancio di missili contro l'Italia è un'eventualità da non considerare. Gli armamenti in dotazione all'esercito di Gheddafi, secondo i vertici militari, non hanno una gittata sufficiente per raggiungere il territorio italiano.

Vorrei tranquillizzare i nostri concittadini: le nostre forze armate ieri hanno fatto un esame approfondito della disponibilità di armi e di missili del regime libico, e la loro conclusione certa è che non ci sono in questo momento armi in dotazione della Libia che possano raggiungere il territorio italiano". Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in una conferenza stampa all'ambasciata d'Italia a Parigi al termine del vertice.

"L'Italia, per il momento, mette a disposizione le basi e, attraverso la nostra partecipazione al coordinamento delle operazioni, potrà essere richiesta di una partecipazione con i suoi mezzi" e "noi abbiamo anticipato che potrebbe essere possibile tale partecipazione". Il coordinamento, su proposta italiana, ha aggiunto il premier, "sarà effettuato probabilmente nella base Nato di Napoli".

Sabato 19 marzo 2011 16.37



Tranquilli un cavolo!!!
http://ricerca.repubblica.it/repubblica ... ttata.html
Questa è una notizia del 97!Quindi Gheddafi è dotato di missili a lunga gittata!!! [8)]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Premio Coerenza e ProfessionalitàPremio Coerenza e Professionalità

Non connesso


Messaggi: 12510
Iscritto il: 30/11/2006, 09:44
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 18:56 
Tranquilli, diamine! C'è da fidarsi delle parole di Berlusconi, quando mai ha detto bugie?



_________________
« Nel regno di chi cerca la verità non esiste nessuna autorità umana. Colui che tenta di recitarvi la parte di sovrano avrà a che fare con la risata degli dei » (Albert Einstein)

« Non dubitate che un piccolo gruppo di cittadini coscienti e risoluti non possa cambiare il mondo. In fondo è cosi che è sempre andata »
(Margaret Mead)
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1399
Iscritto il: 18/11/2009, 08:31
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 18:59 
Cita:
Blissenobiarella ha scritto:

Tranquilli, diamine! C'è da fidarsi delle parole di Berlusconi, quando mai ha detto bugie?
[:246]


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40676
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 19:02 
Cita:
Lord Nerevar ha scritto:

Parigi, Berlusconi tranquillizza il Paese:
"I missili libici non arriveranno in Italia"


L'attendibilità di questo presidente del consiglio, è pari a zero.
Quindi direi che... potrebbe succedere qualsiasi cosa.

Immagine



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1399
Iscritto il: 18/11/2009, 08:31
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 19:03 
[8)]Quella foto mi fa venire il voltastomaco!!!


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1399
Iscritto il: 18/11/2009, 08:31
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 19/03/2011, 19:06 
Via libera all'azione militare in Libia. I caccia francesi hanno colpito un veicolo militare libico. La notizia dell'ok è stata comunicata dal presidente francese Sarkozy al termine del vertice di Parigi tra Ue, Usa, e Lega araba dopo l'approvazione della risoluzione Onu sulla no-fly zone. Caccia bombardieri francesi sorvolano il territorio libico e, in Italia, i caccia sono schierati a Trapani, pronti a intervenire. Berlusconi: Per ora offriamo solo basi ma siamo pronti a raid. La Russa avverte: "Non avremo il ruolo di affittacamere". Il premier belga: "Raid aerei nelle prossime ore". Rivolgendosi soprattutto alla Francia e all'Inghilterra il Raìs ha detto: "Rimpiangerete ogni ingerenza". Poi a Obama: "I libici sono pronti a morire per me". Intanto a Bengasi e Misurata si combatte, un caccia dei ribelli è stato abbattuto in volo e almeno 27 persone sono morte negli scontri.

LA DIRETTA

18:57 Secondo al Jazeera nel raid francesi sono stati colpiti quattro carri armati del colonnello.

18:56 Le forze armate spagnole contribuiranno con almeno cinque cacciabombardieri F-18 alla copertura della zona di interdizione al volo sulla Libia prevista dalla risoluzione 1973 del Consiglio di Sicurezza dell'Onu: è quanto riporta il quotidiano spagnolo El Pais.

18:55 Alla base aerea di Trapani Birgi, una di quelle messe a disposizione dall'Italia per l'intervento militare in Libia, sono arrivati anche cinque cacciabombardieri F-18 Hornet canadesi.

18:48 Il ministro della Difesa francese ha precisato che i raid aerei francesi sono concentrati su una zona compresa entro un raggio di 100-150 chilometri da Bengasi.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2164 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 145  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 15/11/2019, 18:35
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org