Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 76 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 15148
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 17/02/2016, 10:24 
Thethirdeye ha scritto:
HAI VERSATO 19 ANNI DI CONTRIBUTI ALL’INPS? LI HAI PERDUTI !!!

INPS, IL “FURTO ” SILENTE

Migliaia di lavoratori versano i contributi senza poter arrivare alla pensione. Soldi regalati all’ente
di Salvatore Cannavò – “Il Fatto Quotidiano”

http://www.morasta.it/hai-versato-19-an ... i-perduti/

Sono tantissimi ma l’Inps non li quantifica o per lo meno si rifiuta di farlo. Parliamo delle Posizioni silenti, cioè quelle posizioni iscritte all’Inps che hanno versato contributi senza raggiungere i requisiti minimi previsti dalla legge per andare in pensione. Per la pensione di vecchiaia, infatti, legata all’età anagrafica (66 e 67 anni con la riforma Fornero) servono almeno 20 anni di contributi versati nella medesima cassa previdenziale (all’Inps, all’Inpdap, all’Inpgi, etc.). Il problema dei contributi silenti si pone quando un contribuente non raggiunge quel requisito dando origine a quella che sindacati ed esperti previdenziali definiscono senza giri di parole una truffa, un furto.
Mettiamo il caso, infatti, di chi abbia potuto versare contributi solo per 18 o 19 anni: senza raggiungere il requisito minimo di 20, quegli anni non daranno vita ad alcuna pensione. In realtà, si tratta di un caso limite perché essendo molto ridotto il margine di differenza è possibile colmare il vuoto ricorrendo alla contribuzione volontaria cui si può accedere con un minimo di 5 anni di contribuzione versata. Questa si calcola sulla base dell’ultima retribuzione percepita e quindi sale in relazione a quella. Stiamo comunque parlando di cifre consistenti: su uno stipendio di 1300 euro si versa fino a 8000 euro all’anno. Se gli anni da colmare, quindi, ammontano – come nella maggior parte dei casi – a 7, 9 o anche di più si pagano cifre impossibili.

“In questa condizione si trovano moltissime donne – spiega Luigina De Santis, esperta previdenziale dell’Inca- Cgil – perché sono quelle dall’attività lavorativa più incostante e frammentata”. Chi ha versato, ad esempio, 12 anni di contributi, quando arriva all’età per la pensione non si ritrova nulla in mano. “E’ un furto. E’ scandaloso e lo è ancora di più il fatto che l’Inps non dia le cifre esatte di questo fenomeno: si fanno morti e feriti ma non li si vogliono dichiarare” commenta ancora De Santis. Sul problema del silenzio Inps e della indisponibilità a fornire i dati batte anche il deputato radicale Maurizio Turco che sta preparando un’iniziativa eclatante: “Presenterò a breve un progetto di legge per istituire una Commissione di inchiesta con poteri giudiziari per dire una cosa chiara: se l’Inps non ci consegna i dati manderemo i carabinieri a prenderli”. Non avendo a disposizione i dati è molto difficile fare una stima. E infatti di stime non ce ne sono. Si possono fare delle valutazioni induttive. Ad esempio, una fonte rilevantissima di posizioni silenti è data dai contributi versati dai lavoratori immigrati che, spesso, ritornano nel loro paese e, se vogliono recuperare quanto versato in Italia, devono disporre di adeguate convenzioni internazionali e attivarsi per fare regolare domanda. Gl immigrati iscritti all’Inps sono 2,7 milioni (dati al 2007) e i contributi che li riguardano ammontano a circa 8 miliardi di euro. Altre stime calcolano in circa 600 mila le donne casalinghe che hanno pochi anni di contribuzione all’attivo e così via.

Formalmente la riforma Fornero dovrebbe sanare la ferita con il sistema contributivo. Infatti, con questo nuovo sistema di calcolo tutti i contributi versati saranno accumulati per calcolare una pensione finale e, se non si raggiunge il requisito minimo dei 20 anni, si potrà comunque andare in pensione a 70 anni oppure se la stessa supera di 1,5 volte l’assegno sociale. “In ogni caso c’è il limite dei 5 anni di contributi – commenta però De Santis – e se non si raggiungono, si regalano all’Inps”. “E poi, aggiunge, chi può vantare un importo pari a 1,5 volte l’assegno sociale (tra i 7 e gli 800 euro) con meno di 20 anni di contributi è solo chi ha avuto retribuzioni molto alte”. Inoltre i casi sono destinati a crescere con il sistema delle ricongiunzioni onerose deciso dal governo Berlusconi nel 2010 e avallato dall’attuale governo. In questo caso ricadono quelle posizioni previdenziali aperte in istituti diversi. Un’insegnante che abbia lavorato in una scuola privata, ad esempio, per un certo numero di anni e poi in una pubblica per il resto della sua vita lavorativa avrà una parte di contributi all’Inps e un’altra parte all’Inpdap. Per riunificarli (tecnicamente: ricongiungerli) dovrà pagare una somma molto elevata e se non la possiede utilizzerà la posizione più favorevole lasciando “silenti” gli altri contributi. Che restano lì, a disposizione dell’Inps che, ovviamente, li utilizzerà – lo sta già facendo –per pagare le pensioni in essere. “Le ricongiunzioni onerose sono uno scandalo” aggiunge Luigina De Santis. Intervenendo su questo nella trasmissione Report su Rai3, “la ministra Fornero ha detto cose inesatte perché le ricongiunzioni non servono ad avere pensioni più alte ma semplicemente commisurate ai contributi versati”.
In realtà anche prima della legge del 2010 le ricongiunzioni verso regimi previdenziali più favorevoli (ad esempio dall’Inps verso l’Inpdap) erano onerose ma non quelle verso il regime dell’Assicurazione generale obbligatoria (Ago) gestito dall’Inps. Ora si paga anche questo e ci si può vedere richiedere importi di 100 mila o anche 200 mila euro. Ma Fornero ha invitato a utilizzare un altro sistema, che invece è gratuito, la totalizzazione dei contributi. “Ma è un sistema con il quale si sceglie di entrare integralmente nel sistema contributivo anche se si ha ancora diritto a una parte di retributivo (doppio sistema entrato in vigore nel 1996 con la riforma Dini, ndr.). E favorisce solo i salari molto alti che da quel tipo di conteggio vengono particolarmente valorizzati. Ai salari più bassi la pensione viene tagliata”.

Tratto da: giacomosalerno.com



in realtà dipende se raggiungi il minimo
oppure no..
se lo raggiungi
mi pare bastino 5 anni di contributi..

poi m ipare appunto per non perdere
per poco la contribuzione versata
ed avere un pò di più
esiste l'istituto delle contribuzioni volontarie..
cioè uno ci mette del suo anche se non ha lavorato
per raggiungere i requisisti minimi..


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40672
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 08/10/2016, 15:00 
ANTICIPO PENSIONISTICO: UN IMMENSO AFFARE PER BANCHE E ASSICURAZIONI SULLA PELLE DEI LAVORATORI!

L’ultima invenzione del governo Renzi si chiama APE: anticipo pensionistico. Andare in pensione prima sembra una grande opportunità ma c’è un trucco: alla fine a guadagnare saranno solo banche e assicurazioni. Con l’Ape si permetterà di andare in pensione fino a 3 anni prima. Negli anni di anticipo a pagare la pensione sarà una banca, poi raggiunta l’età pensionabile, cioè 67 anni, il pensionato restituirà il PRESTITO in rate per 20 anni fino alla veneranda età di 87 anni, perdendo il 20% della pensione.

E se il pensionato dovesse morire prima degli 87 anni? Chi ripagherà il suo debito con la banca?
Dunque il pensionato sarà obbligato a sottoscrivere un’assicurazione privata.

In sostanza oltre il 40% delle rate sarà costituito da oneri finanziari e assicurativi… ad esempio anticipando di 2 anni la pensione con un assegno di 1500 euro al mese, per un totale di 36.000 euro in 2 anni, si andrà a pagare di rate BEN 61.000 euro. Una vera e propria truffa!! E con l’APE social la truffa se la paga lo Stato! Lo Stato avrebbe potuto pagare DIRETTAMENTE l’anticipo agli aventi diritto quasi dimezzando la spesa complessiva!

VIDEO: https://www.facebook.com/55261473821712 ... 262126638/



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40672
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 30/11/2016, 11:56 
Come volevasi dimostrare..... [:305]

Inps, bilancio si chiude con perdite colossali: -16,3 miliardi di euro
http://www.wallstreetitalia.com/news/in ... i-di-euro/



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 15148
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Re:
MessaggioInviato: 30/11/2016, 13:08 
Thethirdeye ha scritto:
ANTICIPO PENSIONISTICO: UN IMMENSO AFFARE PER BANCHE E ASSICURAZIONI SULLA PELLE DEI LAVORATORI!

L’ultima invenzione del governo Renzi si chiama APE: anticipo pensionistico. Andare in pensione prima sembra una grande opportunità ma c’è un trucco: alla fine a guadagnare saranno solo banche e assicurazioni. Con l’Ape si permetterà di andare in pensione fino a 3 anni prima. Negli anni di anticipo a pagare la pensione sarà una banca, poi raggiunta l’età pensionabile, cioè 67 anni, il pensionato restituirà il PRESTITO in rate per 20 anni fino alla veneranda età di 87 anni, perdendo il 20% della pensione.

E se il pensionato dovesse morire prima degli 87 anni? Chi ripagherà il suo debito con la banca?
Dunque il pensionato sarà obbligato a sottoscrivere un’assicurazione privata.

In sostanza oltre il 40% delle rate sarà costituito da oneri finanziari e assicurativi… ad esempio anticipando di 2 anni la pensione con un assegno di 1500 euro al mese, per un totale di 36.000 euro in 2 anni, si andrà a pagare di rate BEN 61.000 euro. Una vera e propria truffa!! E con l’APE social la truffa se la paga lo Stato! Lo Stato avrebbe potuto pagare DIRETTAMENTE l’anticipo agli aventi diritto quasi dimezzando la spesa complessiva!

VIDEO: https://www.facebook.com/55261473821712 ... 262126638/



ma non ho capito,
le rate le paga il pensionato,
la fregatura è tutta sua..
ma che c'entra lo stato ??


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40672
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 14/12/2016, 08:52 
Le camere a gas non vanno piu' di moda (per ora), quindi servono altre soluzioni per risparmiare.

Il delirio sociopatico del capo dell'INPS, Tito Boeri, tutto per voi, dove nonostante una supercazzola
memorabile non riesce a nascondere quello che realmente voleva dire, cioè che se livellano le pensioni
verso il basso, i pensionati crepano prima e si risparmiano dei bei soldi.

15380471_1132333920169181_2270028250809942308_n.jpg



Studio ordine Attuari e Inps: "Aspettativa di vita più alta per chi riceve pensione più alta"
http://www.huffingtonpost.it/2016/12/13 ... 99410.html

L'Aktion T4 è il nome convenzionale con cui viene designato il Programma nazista di eutanasia che sotto responsabilità medica prevedeva la soppressione di persone affette da malattie genetiche inguaribili e da portatori di handicap mentali (ma non fisici, se non per casi gravi), cioè delle cosiddette "vite indegne di essere vissute".

CONTINUA>>> https://it.m.wikipedia.org/wiki/Aktion_T4



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4261
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: L’Inps nasconde la verità per evitare rivolte
MessaggioInviato: 10/06/2017, 01:43 
Cita:


Inps, rivede i conti del 2017 e cede tutti gli immobili

Il rosso a fine anno si attesterà a 6,2 miliardi superiore alla prima stima. Confermato in negativo anche il patrimonio, già passato al segno meno a fine 2016. Le entrate sono inferiori rispetto alle uscite e a pesare sono i conti dei dipendenti pubblici. Via al programma di dismissione degli immobili

MILANO - La prima nota di variazione al bilancio preventivo 2017 dell'Inps segnala un peggioramento dei conti dell'Istituto rispetto alle previsioni. Il risultato economico di esercizio - si legge in una nota - per l'anno è negativo per 6.279 milioni, a fronte di un rosso da 6.152 milioni del preventivo originario 2017. Il patrimonio netto previsto alla fine dell'anno è negativo per 7.990 mln (era di -7.863 milioni nelle previsioni originarie). Il patrimonio era passato al segno meno già nel 2016.

Ma per raddrizzare le casse dell'istituto, i vertici dell'Ente hanno avviato la valorizzazione dell'intero patrimonio immobiliare. Si tratta di più di 30.000 unità immobiliari suddivise fra unità residue delle operazioni di cartolarizzazione (25.000 unità) e unità immobiliari non cartolarizzate (5.000 unità) per un valore complessivo di bilancio di circa 2,5 miliardi di euro. Il Piano di investimento e disinvestimento, in attuazione delle vigenti disposizioni di legge, ne prevede la completa dismissione, sia attraverso la cessione diretta con salvaguardia dei diritti di opzione e prelazione riconosciuti ai conduttori, sia attraverso il conferimento di parte del patrimonio al fondo immobiliare i3-INPS gestito da Invimit sulla base di portafogli specificamente individuati.

Gli immobili inoptati e quelli liberi saranno oggetto di dismissione a mezzo procedure ad evidenza pubblica (aste). I criteri e il piano verranno trasmessi al Consiglio di indirizzo e vigilanza, per l'approvazione definitiva di competenza, e successivamente verranno trasmessi al ministero dell'Economia e delle finanze e al dicastero del Lavoro e delle politiche sociali.

Tornado al bilnacio dell'ente, il saldo di competenza finanziaria è pari a -6.599 milioni (era di -6.551 milioni nelle precedenti previsioni). Le entrate contributive complessive previste sono di 219.730 milioni, con un aumento dello 0,2% circa rispetto al dato precedentemente previsto. L'aumento più significativo si verifica per le Gestioni Dipendenti Pubblici, in relazione ai previsti rinnovi contrattuali ed a nuove assunzioni nell'ambito delle amministrazioni dello Stato. Ammontano invece a 315.104 milioni le uscite per prestazioni, con un incremento di 2.562 milioni rispetto alle previsioni. In particolare, le prestazioni pensionistiche (276.902 milioni) aumentano di 1.586 milioni (+0,58%) rispetto alle previsioni 2017, mentre quelle temporanee incidono per 38.202 mln, con un aumento di 976 mln rispetto al preventivo originario (37.226
milioni).

Il sostegno complessivo dello Stato (in termini di competenza finanziaria) è pari a 113.344 milioni, così ripartiti: 109.746 milioni di trasferimenti di parte corrente, con un incremento di 2.375 milioni rispetto alla previsione precedente; 3.598 milioni di trasferimenti in conto capitale per anticipazioni di bilancio, con un aumento di 1.329 milioni rispetto a quelle previste nel preventivo originario. I trasferimenti includono il finanziamento della spesa per invalidi civili per 17.450 milioni e la quota parte di ciascuna mensilità di pensione erogata per 22.903 milioni. Le spese complessive di funzionamento dell'Istituto sono pari a 4.152,1 milioni, in linea (-0,01%) con il dato previsto dal bilancio preventivo originario. Vengono trasferiti al bilancio dello stato 740,8 milioni di risparmi, un incremento dello 0,7% rispetto al 2016. Il valore nominale dei crediti contributivi previsti al termine dell'anno è pari a 109.697 milioni, con una diminuzione di 15 milioni rispetto ai 109.712 milioni previsti in origine. L'ammontare complessivo previsto del Fondo svalutazione crediti è quantificato in 59.558 milioni, con una percentuale media di svalutazione del 54,3%. La risultante delle operazioni di accantonamento a questo Fondo, per il 2017, ha inciso sul risultato economico d'esercizio per 701 milioni.



http://www.repubblica.it/economia/2017/ ... 167683537/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 16881
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: L’Inps nasconde la verità per evitare rivolte
MessaggioInviato: 10/06/2017, 13:48 
Chissà a chi andranno questi immobili... [:246]



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40672
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: 12/11/2017, 11:48 
Bomba sulle pensioni: gli immigrati faranno fallire l'INPS.
Lo studio dell'Università Bicocca di Milano parla chiaro.
Boeri, quando dirai la verità agli italiani?

Guarda su facebook.com



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Connesso


Messaggi: 8570
Iscritto il: 01/11/2011, 19:28
Località: Astana
 Oggetto del messaggio: Re: L’Inps nasconde la verità per evitare rivolte
MessaggioInviato: 12/11/2017, 12:18 
Questo si chiama informazione chiara [:)]

Purtroppo a differenza della Catalogna dove ieri si sono mobilitate 750'000 mila persone per ottenere la libertà di qualche loro rappresentante eletto:

Immagine

in Italia non si muove nemmeno un gatto per ottenere le dimissioni di parecchi non rappresentanti abusivii.



_________________
Immagine“El saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!”
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Non connesso


Messaggi: 4084
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
 Oggetto del messaggio: Re: L’Inps nasconde la verità per evitare rivolte
MessaggioInviato: 12/11/2017, 12:55 
Wolframio ha scritto:
Questo si chiama informazione chiara [:)]

Purtroppo a differenza della Catalogna dove ieri si sono mobilitate 750'000 mila persone per ottenere la libertà di qualche loro rappresentante eletto:

Immagine

in Italia non si muove nemmeno un gatto per ottenere le dimissioni di parecchi non rappresentanti abusivii.

Come già detto più volte, noi taGliani, non siamo altro che dei MAL TRA INSEMA.
Penso che tu abbia capito sia lo scritto in se stesso sia il significato.
A Girona, dintorni per evitare occhiatacce mi premuravo di specificare: je vien de Milan.
Non siamo paragonabili ai catalani, qui da noi, forse sino al 1955/60, poi .....

Che combinazione intorno al 1860 e poi 100 anni dopo intorno al 1960, i piemontesi ci hanno "MASSACRATO".
Non abbiamo imparato proprio nulla, noi polentoni. [:292] [:292] [:292]
Non siamo neanche lontanamente paragonabili ai catalani, oramai siamo POLEN-T-ERRONI. [:302] [:302]



_________________
):•
'A LIVELLA È SEMPRE ATTIVA !!!
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 46288
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio: Re: L’Inps nasconde la verità per evitare rivolte
MessaggioInviato: 12/11/2017, 16:18 
... più che altro INDIVIDUALISTI.
Ci unisce (LI, UNISCE) solo la nazionale ...
(D'altronde se per esporre una bandiera alla finestra o sul balcone si paga una tassa .... Che italiani vuoi che esistano!L'hanno riaffermato l'altra era in TV)



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Un Topic unico e completo): viewtopic.php?p=363955#p363955
Una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 8132
Iscritto il: 24/01/2011, 14:04
 Oggetto del messaggio: Re: L’Inps nasconde la verità per evitare rivolte
MessaggioInviato: 12/11/2017, 16:47 
Ufologo 555 ha scritto:
(D'altronde se per esporre una bandiera alla finestra o sul balcone si paga una tassa .... Che italiani vuoi che esistano!L'hanno riaffermato l'altra era in TV)


http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e- ... 5704.shtml



_________________
"Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione" - Jean Kerr

"People willing to trade their freedom for temporary security deserve neither and will lose both" - Benjamin Franklin
"Chi e' disposto a dar via le proprie liberta' fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non otterra' né la liberta' ne' la sicurezza ma le perdera' entrambe" - Benjamin Franklin

"Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni" - Emil Cioran

"Quanto piu' una persona e' intelligente, tanto meno diffida dell'assurdo" - Joseph Conrad

"Guardati dalla maggioranza. Se tante persone seguono qualcosa, potrebbe essere una prova sufficiente che è una cosa sbagliata. La verità accade agli individui, non alle masse." – Osho

Immagine
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4261
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: L’Inps nasconde la verità per evitare rivolte
MessaggioInviato: 19/12/2017, 01:26 
Cita:

Inps non ha soldi per le pensioni ma bonus mamma va anche a chi non ha permesso di soggiorno permanente


L’Inps non ha soldi per le pensioni, così opera attraverso due vie: innalzamento dell’età pensionabile e, simultaneamente, taglio delle pensioni. Non si toccano invece pensioni d’oro o vitalizi.

Il bonus bebè è stato dimezzato. Ed i farmaci hanno subìto un notevole incremento di prezzo, specie per i centri abitati più piccoli e, quindi, molto probabilmente più biognosi di welfare.

Di contro, però, ora verranno erogati i bonus mamma anche agli stranieri che non sono in possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo. Il premio una tantum da 800 euro, sarà infatti rilasciato alle donne che siano almeno al settimo mese di gravidanza nel corso del 2017.

Questo perchè l’istituto INPS ha preso atto di quanto disposto dal Tribunale di Milano: tre giorni fa, in questa sede, è stato accolto il ricorso presentato da alcune associazioni (APN, ASGI e Fondazione Giulio Piccini) contro le circolari dello stesso Istituto, che limitavano il bonus alle donne titolari “della carta di soggiorno o carta di soggiorno permanente di cui agli articoli 10 e 17, decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30″.

Sul sito dell’Istituto guidato da Tito Boeri si legge che “Il Tribunale ha ordinato all’INPS di estendere il beneficio in questione a tutte le future madri regolarmente presenti in Italia che ne facciano domanda e che si trovino nelle condizioni previste dall’articolo 1, comma 353, legge 11 dicembre 2016, n. 232″.

La questione legata all’allocazione delle risorse si fa sempre più problematica, accentuando la situazione di iniquità nel rapporto diritti-doveri percepita dai contribuenti.




http://www.wallstreetitalia.com/inps-no ... soggiorno/


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11223
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: L’Inps nasconde la verità per evitare rivolte
MessaggioInviato: 19/12/2017, 10:02 
Il Bonus Mamma andrà sempre agli immigrati stranieri ( faranno figli come conigli ) ,in quanto le condizioni sociali degli Italiani non permettono più di sposarsi e fare figli. [:305]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 15148
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Re:
MessaggioInviato: 02/04/2018, 13:35 
Thethirdeye ha scritto:
Bomba sulle pensioni: gli immigrati faranno fallire l'INPS.
Lo studio dell'Università Bicocca di Milano parla chiaro.
Boeri, quando dirai la verità agli italiani?

Guarda su facebook.com


toh..

http://www.corriere.it/buone-notizie/18 ... 3e6b.shtml

I pensionati scappano all’estero: l’allarme e le strategie dell’Inps
Sono 370 mila gli over 65 che ricevono e spendono la propria pensione all’estero
«Senior house» progetta residenze su misura a due passi dal mare

Abbandonano l’Italia e cercano la tranquillità in lidi (anche fiscali) più favorevoli.
Sono circa 370 mila gli over 65 che oggi ricevono e spendono la propria pensione all’estero. In parte si tratta di stranieri rientrati nei paesi d’origine ma ci sono anche migliaia di italiani che hanno scelto di sfruttare le agevolazioni in termini di tasse di Portogallo, Spagna o Tunisia.


in parte = la maggioranza,
ma non si può dire..
comunque gli italiani che decidono di passare gli ultimi anni
a cuba, canarie o in altro posto ameno
non capisco quale problema creino all'inps..
allo stato italiano si, meno pil, tasse, ecc.
ma l'inps che c'entra?
quello è un mero pagatore..

se poi parliamo della truffa delle pensioni sociali
assegnate agli stranieri residenti
(x il tempo necessario a istruire la pratica..),
che poi se la godono all'estero,
quello è un alro discorso..


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 76 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 16/06/2019, 13:17
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org