Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 143 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 6, 7, 8, 9, 10  Prossimo
Autore Messaggio

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1468
Iscritto il: 21/01/2017, 09:30
Località: Roma (Italia) e Quito (Ecuador)
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 17/11/2018, 13:24 
curioso vedere cosa e' rimasto dentro.
O non c'e' nessuno? tipo Triangolo delle Bermudas?
Faranno vedere le foto?



_________________
blog: http://www.oannes.myblog.it
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12999
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 17/11/2018, 13:52 
http://www.meteoweb.eu/2018/11/trovato- ... o/1182007/



_________________
niente è come sembra, tutto è come appare
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 19756
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 17/11/2018, 14:14 
mah dubito possano recuperarlo; il kursk a che profondità era?



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 8490
Iscritto il: 03/12/2008, 18:42
Località: romagnano sesia
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 17/11/2018, 14:31 
si adagiò sul fondo a 108 metri di profondità (da Wikipedia)
ciao
mauro



_________________
sono lo scuro della città di Jaffa
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 19756
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 17/11/2018, 14:34 
e lo hanno lasciato lì; questo è a 800 metri...

Se il problema logistico è dettato dalla profondità se non sono riusciti a recuperarlo a 100 metri figurarsi a 800, aprire i portelloni è oltremodo impossibile a 800 metri perchè su questi insiste una pressione enorme. Se è affondato vuol dire che i serbatoi di compensazione sono pieni d'acqua quindi per portarlo in superficie bisognerebbe usare degli airbag mastodontici e non so se tecnicamente sarebbe possibile installarli vper far sollevare in maniera integrale il sottomarino.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 8490
Iscritto il: 03/12/2008, 18:42
Località: romagnano sesia
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 17/11/2018, 14:45 
secondo wiki e qui
https://www.nauticareport.it/dettnews.php?idx=6&pg=4244
è stato recuperato
ciao
mauro



_________________
sono lo scuro della città di Jaffa
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1468
Iscritto il: 21/01/2017, 09:30
Località: Roma (Italia) e Quito (Ecuador)
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 17/11/2018, 15:48 
MaxpoweR ha scritto:
e lo hanno lasciato lì; questo è a 800 metri...

Se il problema logistico è dettato dalla profondità se non sono riusciti a recuperarlo a 100 metri figurarsi a 800, aprire i portelloni è oltremodo impossibile a 800 metri perchè su questi insiste una pressione enorme. Se è affondato vuol dire che i serbatoi di compensazione sono pieni d'acqua quindi per portarlo in superficie bisognerebbe usare degli airbag mastodontici e non so se tecnicamente sarebbe possibile installarli vper far sollevare in maniera integrale il sottomarino.


Perchè dovrebbero aprire i portelloni prima di portarlo su?
Siamo sicuri che i serbatoi di compensazione siano pieni d'acqua? Non conosco il modello affondato ma e' anche possibile che lo scafo leggero sia pieno d'acqua ma lo scafo resistente (in assetto neutro) sia intatto ovvero vuoto e leggero.
Se poi sono riusciti ad addrizzare parzialmente la Costa Concordia, molto più pesante, anche se in effetti in superfice, se vogliono portarlo su, lo fanno. E penso che l'Argentina cercherà ogni possibile aiuto internazionale per portarlo su.



_________________
blog: http://www.oannes.myblog.it
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10821
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 17/11/2018, 16:19 
Comunque non sapremo mai cosa è successo davvero... ufficialmente almeno. Banalità ma andava detta.

Almeno però lo hanno fatto vedere. E' anche questo un cambiamento...



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 19756
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 18/11/2018, 14:00 
andreacorazza ha scritto:
MaxpoweR ha scritto:
e lo hanno lasciato lì; questo è a 800 metri...

Se il problema logistico è dettato dalla profondità se non sono riusciti a recuperarlo a 100 metri figurarsi a 800, aprire i portelloni è oltremodo impossibile a 800 metri perchè su questi insiste una pressione enorme. Se è affondato vuol dire che i serbatoi di compensazione sono pieni d'acqua quindi per portarlo in superficie bisognerebbe usare degli airbag mastodontici e non so se tecnicamente sarebbe possibile installarli vper far sollevare in maniera integrale il sottomarino.


Perchè dovrebbero aprire i portelloni prima di portarlo su?
Siamo sicuri che i serbatoi di compensazione siano pieni d'acqua? Non conosco il modello affondato ma e' anche possibile che lo scafo leggero sia pieno d'acqua ma lo scafo resistente (in assetto neutro) sia intatto ovvero vuoto e leggero.
Se poi sono riusciti ad addrizzare parzialmente la Costa Concordia, molto più pesante, anche se in effetti in superfice, se vogliono portarlo su, lo fanno. E penso che l'Argentina cercherà ogni possibile aiuto internazionale per portarlo su.


Non ho detto che devono aprire i portelloni per tirarlo su, dove la hai letta questa idiozia? Ho scritto che è impossibile aprirli sottintendendo nel caso volessero entrare per vedere cosa ci fosse dentro, ma evidentemente era sottinteso solo per me.

Comunque oggi il governo argentino ha detto che non ha mezzi ne competenze tecniche per effettuare il recupero, cosa abbastanza ovvia vista la logistica di una operazione del genere senza nessun superstite.

Cita:
I sottomarini Tipo TR-1700 hanno un dislocamento di 2.116 tonnellate in superficie e 2.264 tonnellate in immersione. L'equipaggio ha 29 effettivi, di cui 8 ufficiali.


Mettiamo 2 numeri a spanne, tanto per renderci condo degli ordini di grandezza

Per riportare a galla quel pezzo di ferraglia bisognerebbe usare un volume d'aria tale da spostare una quantità d'acqua dal peso > del peso del sommergibile in modo da generare una spinta idrostatica ascensionale.

Cita:
[Il principio di Archimede afferma che «ogni corpo immerso parzialmente o completamente in un fluido (liquido o gas) riceve una spinta verticale dal basso verso l'alto, uguale per intensità al peso del volume del fluido spostato».]


Dato che ogni m3 d'acqua pesa CIRCA 1 tonnellata servirebbe gonfiare camere d'aria per un volume di 2200 m3 di fatto camere d'aria di 13 m x 13 m x 13 m (per dare l'idea a spanne) parliamo di una palazzina con 4 appartamenti da 170 m2 l'uno. Portare queste camere d'aria alla profondità stabilita, sistemarle in modo da non spaccare il tutto una volta mosso e poi pomparvi all'interno il volume d'aria suddetto. Non proprio una passeggiata di salute.

Se pure fosse già parzialmente pieno d'aria i numeri resterebbero esorbitanti, anzi di fatto se ci fosse ancora aria all'interno la cosa sarebbe ancora più pericolosa perchè non si potrebbe sapere con precisione quanta aria pompare e quindi bisognerebbe agire per tentativi senza sapere quando il sottomarino comincerebbe a sollevarsi. Trascurando tutto il problema relativo al posizionamento dei cavi per evitare che risalendo possa spezzarsi in tronconi.

La costa concordia non era ad 800 metri di profondità in mezzo all'oceano, ma a 37 metri di profondità sulle coste italiane e pure per recuperarla sono serviti mezzi tecnici ingenti, costi esorbitanti e la morte di un sommozzatore.

Fosse così semplice avrebbero recuperato anche il Kursk che era a "SOLI" 100 metri e tra l'altro con gente ancora viva dentro.

Tra l'altro ho letto che è stato trovato proprio nei pressi del luogo da cui è giunto il famoso suono misterioso (leggi esplosione), come hanno fatto a non vederlo? Non è quello il primo posto dove hanno cercato? E se hanno cercato lì come hanno fatto, solo a vista senza sonar o i nuovi sonar multicanale?



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1468
Iscritto il: 21/01/2017, 09:30
Località: Roma (Italia) e Quito (Ecuador)
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 18/11/2018, 14:39 
maxpower, l'hai scritto tu: Se il problema logistico è dettato dalla profondità se non sono riusciti a recuperarlo a 100 metri figurarsi a 800, aprire i portelloni è oltremodo impossibile a 800 metri perchè su questi insiste una pressione enorme.

Per cui si capisce, da quello che scrivi, che si parla dell'ipotesi di aprire il portellone sott'acqua, prima di tirarlo su.

E quindi la mia domanda e' leggittima.

Cerchiamo di assimilare il fatto che se scrivi, devi far capire agli altri cosa vuoi dire.

E cerchiamo di non usare parole forti, già esiste tanta violenza in Internet (confessione shock, notizia shock...) che almeno qui in questo forum potremmo utilizzare altre parole.

la tua parola "idiozia" la trasformo in "imprecisione" va bene?



Detto ciò, sono sicuro che troveranno in tutti i modi di far salire il sommergibile, oramai e' una sfida che il governo argentino vorrà adempiere, per rispetto dei famigliari delle vittime. Se ci riusciranno o meno, solo il tempo lo dirà. Sicuramente utilizzeranno tutto il know-how attuale a disposizione.



_________________
blog: http://www.oannes.myblog.it
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 19756
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 18/11/2018, 14:44 
quello che ho scritto è molto chiaro, se non capisci l'italiano sono problemi tuoi. E se leggi una cosa e ne capisci una tanto idiota ancora una volta i problemi di comprensione sono tuoi ^_^

Io utilizzo il linguaggio che ritengo opportuno, se non ti sta bene c'è il bottoncino preposto, mi segnali e chi di dovere prenderà provvedimenti evita di scatenare flame anche in questo topic per cortesia.

andreacorazza ha scritto:
Detto ciò, sono sicuro che troveranno in tutti i modi di far salire il sommergibile, oramai e' una sfida che il governo argentino vorrà adempiere, per rispetto dei famigliari delle vittime. Se ci riusciranno o meno, solo il tempo lo dirà. Sicuramente utilizzeranno tutto il know-how attuale a disposizione.


al momento attuale non si farà proprio nulla.

Cita:
Argentina, giudice: per ora nessun recupero del sottomarino San Juan 'Ara San Juan'

era scomparso nell'Atlantico con 44 a bordo Tweet 18 NOVEMBRE 2018 La giudice federale argentina Marta Yánez, che da un anno ha in mano la causa riguardante l'incidente del sottomarino ARA San Juan, ritrovato ieri, in cui hanno perso la vita 44 persone, ha dichiarato che "per il momento" non intende chiedere il recupero dell'unità perché prima vuole capire l'eventuale fattibilità di una simile operazione. Sottolineando le difficoltà di recuperare uno scafo che con l'acqua che ha dentro pesa 2.500 tonnellate, il magistrato ha spiegato che la sua principale preoccupazione al momento è "conservare l'integrità della prova". E se il ministro della Difesa Oscar Aguad ha già anticipato che l'Argentina "non ha i mezzi per procedere al recupero del sommergibile", molti famigliari hanno chiesto al governo di fare tutto il possibile per recuperare i corpi dei loro cari per poter rendere ad essi l'estremo omaggio. "Non servirebbe a molto al fine di accertare le responsabilità di quanto è successo", ha infine detto la giudice, che "per recuperare il sottomarino fosse necessario romperlo in molte parti". Yánez ha comunque chiesto alla compagnia americana 'SeabedConstructor' di documentare fotograficamente quanto possibile,sia del relitto sia dell'area di circa 100 metri di raggio attorno ad esso in cui sono disperse le parti esterne staccatesi nell'implosione

La scomparsa Il sottomarino argentino scomparve il 15 novembre dello scorso anno con 44 membri dell'equipaggio a bordo, mentre si dirigeva da Ushuaia a Mar del Plata. Il mezzo prese parte ad alcune manovre nel porto meridionale di Ushuaia e il 13 novembre ripartì per Mar del Plata, un viaggio in cui, a circa 400 chilometri dalla costa e due giorni dopo, fece la sua ultima comunicazione. Ore prima, il comandante avvertì di un guasto causato dall'entrata di acqua, attraverso un condotto di ventilazione, che finì nello scompartimento delle batterie elettriche e produsse un incendio. San Juan non arrivò mai al porto dove era atteso il 19 novembre. Prese poi il via un'operazione di ricerca senza precedenti in Argentina, coinvolgendo navi provenienti da Russia, Gran Bretagna e Stati Uniti. Il sottomarino "implose" Il sottomarino Ara San Juan è imploso: lo ha dichiarato Gabriel Attiz, comandante della base navale di Mar del Plata, porto di attracco del sommergibile. "E' intero, ma è imploso. Si trova a 870 metri di profondità", ha detto dopo aver incontrato le famiglie delle vittime.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1468
Iscritto il: 21/01/2017, 09:30
Località: Roma (Italia) e Quito (Ecuador)
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 19/11/2018, 11:36 
quello che ho scritto è molto chiaro, se non capisci l'italiano sono problemi tuoi.

You are absolutelly right!
[:295]



_________________
blog: http://www.oannes.myblog.it
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17270
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 19/11/2018, 12:13 
bah..
il volume d'aria da creare
per tirarlo su non è impossibile,
(1 mc=1 tonnellata)
si potrebbero utilizzare dei cassoni
pieni d'acqua da riempire con aria
ad una certa profondità
e tirare su il sottomarino..

secondo me non devono necessariamente
arrivare a 800 metri sotto,
c si può arrivare con dei cavi d'acciaio,
ecc.

se si vuole, pagando il giusto, si può..

certo non è una cosa che si fa in un week-end..

max
Cita:
Fosse così semplice avrebbero recuperato anche il Kursk che era a "SOLI" 100 metri e tra l'altro con gente ancora viva dentro.


il kursk era molto più grande e pesante,
ma non l'hahno recuperato??


Immagine

kursk.jpg




_________________
https://roma.corriere.it/notizie/politi ... 0b7e.shtml
Conte ripercorre le tappe della crisi: «Vorrei ricordare che con la parlamentarizzazione della crisi la Lega ha poi formalmente ritirato la mozione di sfiducia, ha dimostrato di voler proseguire, sono stato io che ho detto “assolutamente no”perché per me quell’esperienza politica era chiusa».


http://www.lefigaro.fr/international/mi ... e-20190923
il stipule que les États membres qui souscrivent à ce dispositif de relocalisation des personnes débarquées en Italie et à Malte s’engagent pour une durée limitée à six mois - éventuellement renouvelable. Le mécanisme de répartition serait ainsi révocable à tout moment au cas où l’afflux de migrants vers les ports d’Italie et de Malte devait s’emballer.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 19756
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 19/11/2018, 13:09 
Si fu recuperato l'anno dopo, sto leggendo un articolo proprio ora, pensavo fosse ancora là giù.

http://russiaintranslation.com/2017/08/22/kursk-17-anni-dopo-un-esperto-ha-mostrato-delle-foto-del-sommergibile-finora-inedite/

https://www.nauticareport.it/dettnews.php?idx=6&pg=4244

Cita:

Inizialmente venne ipotizzato che il Kursk avesse avuto una collisione con un qualche vascello non russo, non identificato. Questa ipotesi venne affermata da fonti russe, come dall'allora ministro della difesa Marshal Igor Sergeyev e dall'allora primo ministro Ilya Klebanov. Inoltre venne alla luce che quel giorno erano presenti due sottomarini statunitensi, che osservavano l'esercitazione, lo USS Memphis e lo USS Toledo, di classe Los Angeles. Gli Stati Uniti negarono immediatamente la collisione tra un loro sottomarino e il Kursk, anche se confermarono la presenza del Memphis e del Toledo.

In particolare, il Memphis avrebbe dovuto osservare la situazione da distante, mentre il Toledo avrebbe invece avuto ordini di pedinare il Kursk. Il Toledo avrebbe urtato il sottomarino russo, senza tuttavia causargli gravi danni. Il Toledo, danneggiato, avrebbe tentato di allontanarsi, aiutato dal Memphis. Rilevando che il Kursk stava attivando i sistemi d'arma, il Memphis avrebbe lanciato un siluro di tipo Mark 48, colpendo in pieno la sezione di prua del sommergibile russo, che conteneva i siluri. Ciò avrebbe creato una reazione a catena innescando le cariche dei siluri del Kursk. Sempre secondo questa tesi gli Stati Uniti e la Federazione Russa si sarebbero successivamente accordate e i primi, responsabili dell'incidente, avrebbero indennizzato la Russia cancellando un debito di 10 miliardi di dollari.

I sostenitori di questa teoria indicano come prova le immagini del relitto del Kursk quando venne recuperato che mostrerebbero un foro circolare, rivolto verso l'interno, presente sulla fiancata e vicino al luogo dell'esplosione.




Cita:
KURSK: OPERAZIONI DI RECUPERO SECONDO PROGRAMMA
RIMOSSI OLTRE 2000 MQ DI MUSCHIO, PRUA PRONTA AL TAGLIO
Mosca, 18 lug. - (Adnkronos/Dpa) - Piu' di duemila metri quadrati di muschio e limo sono stati rimossi da una estremita' del sottomarino nucleare russo Kursk, affondato nell'estate dello scorso anno ed adesso pronto per l'installazione di una attrezzatura da taglio, controllata via-radio, che spezzera' la prua. Lo ha riferito il comandante della flotta russa del nord Vyacheslav Popov precisando che il lavoro per sollevare il corpo principale del sottomarino dal mare di Barents procede da meta' settembre secondo i programmi.

Non sono previste ispezioni del relitto ad opera di sub, finche' la nave ausiliaria ''Mayo'' ritornera' dalla Norvegia, alla fine della settimana, con l'attrezzatura necessaria al taglio della prua. La Mayo era stata gia' stata inviata nell'autunno 2000 per recuperare i 12 corpi dei 118 membri dell'equipaggio.


Guarda su youtube.com


Il problema è che si trova ad una profondità 8 volte superiore.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1468
Iscritto il: 21/01/2017, 09:30
Località: Roma (Italia) e Quito (Ecuador)
 Oggetto del messaggio: Re: Il sottomarino scomparso
MessaggioInviato: 19/11/2018, 13:34 
Ma certo che l'hanno recuperato il Kursk, ed era pure più grande.
Bisognerebbe essere meno precipitosi...
Il comandante Juan Carlos Guerra dell'intelligence argentino, grande amico mio (abbiamo passato un paio di capodanni assieme alla famiglia) mi disse e ripeto quello che scrissi mesi fa: l'incidente del sottomarino argentino e' stata una scusa per una esercitazione militare in situ. Per il recupero ci penseranno più avanti in cambio di favori nelle Malvinas.

Qui, o si conoscono le persone giuste o si vive e si muore di Copy and paste dal Wikipedia sparando "idiozie".

Il sottomarino verrà recuperato, costi quel che costi.
E a qualcuno glie rode tanto che le cose le so attraverso canali secondari e non attraverso il TG 1 [:294]



_________________
blog: http://www.oannes.myblog.it
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 143 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 6, 7, 8, 9, 10  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 16/07/2020, 16:41
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org