Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 303 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 16, 17, 18, 19, 20, 21  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12999
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 29/11/2018, 17:45 
Cita:
Comunismo: la più grande e tragica esperienza del Novecento

https://www.imolaoggi.it/2018/11/13/com ... novecento/

...Ovviamente senza dimenticare il 68 (che per mia grande fortuna non ho vissuto).



_________________
niente è come sembra, tutto è come appare
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 19750
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 30/11/2018, 21:29 
secondo me invece il 68 deve essere stato davvero un bel periodo in cui vivere se si era dalla parte giusta :)



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7083
Iscritto il: 30/08/2014, 14:48
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 01/12/2018, 00:42 
Gli ex sessantottini adesso sono tutti ricchi con la evve moscia, per fare un esempio su tutti: Vauro. Col superattico e il conto in banca che straborda!
http://www.ilgiornale.it/news/vignettis ... 64703.html
Alla faccia del komunismoh! Per carità buon per lui se ha fatto i soldi coi disegnini, ma che si risparmi la camicia kaki da guerrigliero e le sparate equo-solidali, lui che non avrà mai visto un italiano povero in vita sua.

Sarebbero anche ridicoli, il problema é che hanno fatto un sacco di danni, e purtroppo hanno figli e nipoti che portano avanti le loro "opere"!



_________________
“Questa crisi, questo disastro [europeo] è artificiale, e in sostanza questo disastro artificiale ha quattro lettere: EURO.”
Joseph Stiglitz
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12667
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 01/12/2018, 10:21 
sottovento ha scritto:
Cita:
Comunismo: la più grande e tragica esperienza del Novecento

https://www.imolaoggi.it/2018/11/13/com ... novecento/

...Ovviamente senza dimenticare il 68 (che per mia grande fortuna non ho vissuto).


Certo che da un personaggio così cosa che giudizio si potrebbe aspettare sul Comunismo?:


""Dal 1985 al 1987 dirige il bimestrale Intervento. Nel 1988 fonda il mensile di cultura Pagine libere, che dirige fino al 1992.[4] Successivamente fonda e dirige settimanali come L'Italia settimanale (1992-1995) – periodo in cui parallelamente dà vita alla Fondazione Italia – e Lo Stato (1997-1999), che poi si fonde con Il Borghese del quale diventa direttore editoriale insieme a Vittorio Feltri. Il sodalizio con Feltri, iniziato con L'Indipendente e nel 1994 con Il Giornale, prosegue nel 2004 con Libero e dall'agosto 2009 di nuovo con Il Giornale fino a febbraio 2015.[1] È stato membro del Consiglio di Amministrazione della Rai durante la XIV Legislatura

Questo poi è il colmo: [:296]

In un articolo di fine 2017 invece, dichiarò Mussolini "l'uomo dell'anno 2017", affermando che "il fascismo col suo ducione è stato il tema dell'anno, del decennio, forse del millennio"
https://it.wikipedia.org/wiki/Marcello_Veneziani



Capite il motivo per il quale Stalin imprigionavi i presunti intellettuali?,questi sono allergici a vivere in umiltà una vita sociale come il Comunismo. [:246]


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 49592
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 05/08/2019, 10:43 
Immagine

Si è spento all’età di 93 anni Nuon Chea. Un nome che può dir poco alla maggioranza dei cittadini del mondo in questo 2019, ma che è quello di uno dei più sanguinari ideologi del Novecento. Nuon Chea era infatti il presidente dell’Assemblea rappresentativa del popolo, nonché vice-segretario del Partito Comunista cambogiano: era il “fratello numero 2” del regime dei Khmer Rossi, secondo solo al dittatore Pol Pot. Si dice che sia stato soprattutto lui l’ispiratore, l’ideologo del regime che assassinò due milioni di persone in meno di quattro anni, un quarto dell’intera popolazione cambogiana di allora.

Nuon Chea era nome di battaglia di Lau Kim Lorn, nato da famiglia abbiente di origine cinese, al confine con la Tailandia. Dopo aver studiato a Bangkok, militò prima nel Partito Comunista tailandese, poi alla guerriglia cambogiana, quando tutto il Sudest asiatico (gli attuali Vietnam, Laos e Cambogia) era ancora una colonia francese.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale e dopo la sua militanza nell’insurrezione anti-francese, partecipò da subito, assieme a Pol Pot, alla formazione del Partito Comunista cambogiano. Quando i Khmer Rossi, cioè i comunisti cambogiani filo-maoisti, presero il potere alla fine di aprile del 1975, Nuon Chea si ritrovò ai vertici del nuovo regime. Per quei 4 anni al potere, dal 1975 all’inizio del 1979, il tribunale internazionale della Cambogia lo ha condannato all’ergastolo nel 2014 per crimini contro l’umanità, poi nel 2018 anche per genocidio (per lo sterminio sistematico delle etnie vietnamite e cham in Cambogia). E’ stato condannato anche per altri reati, quali: riduzione in schiavitù (nei campi di lavoro e “rieducazione”), matrimoni forzati e violenze sessuali sistematiche.

Il crimine cambogiano, uno dei peggiori nel “secolo crudele”, per ferocia e intensità, può essere considerato come un’aberrazione del comunismo o come una sua applicazione coerente?
La domanda è d’obbligo nel giorno in cui muore il suo ideologo. L’opinione pubblica negli ultimi anni è rimasta sconvolta dalle notizie che riguardano la violenza dell’Isis e soprattutto è rimasta sbalordita per le regole di vita incredibilmente rigide imposte alla popolazione nei territori da esso controllati: divieto di cantare e di suonare, divieto di usare matite e pastelli colorati, divieto di bere il caffè o di fumare alla finestra potevano costare frustate o pene carcerarie severissime.
Tutte le regole imposte dall’Isis nel nome della sharia erano già state imposte dai Khmer Rossi al popolo cambogiano nel nome dell'ateismo. Non si poteva scambiare neppure uno sguardo con la moglie, tantomeno tenerla per mano o dirle parole dolci (per un “cara” detto alla moglie, il medico e attivista cambogiano Haing Ngor venne torturato). Le religioni erano completamente bandite. I buddisti, che costituivano il 90% della popolazione, vennero sistematicamente "rieducati", i loro monaci sterminati. L'islam della minoranza Cham venne liquidato con metodi genocidi. La minoranza cristiana venne bandita e sradicata. Tutte le chiese furono rase al suolo, il materiale ricavato venne usato per altre costruzioni.


Non si poteva vivere in città: tutti i residenti cittadini vennero deportati in massa nei primi giorni del nuovo regime, inclusi malati, anziani, moribondi e bambini appena nati. Morirono a centinaia di migliaia, solo in quei primi giorni. Non si potevano parlare lingue straniere. Non si dovevano avere contatti con l’estero. Le minoranze etniche erano automaticamente considerate "nemiche" perché rappresentavano popolazioni straniere.


Non si poteva neppure portare gli occhiali: ogni segno di “decadenza borghese” era punito dai capi locali, anche con la morte se lo ritenevano necessario.
La proprietà privata era abolita completamente. Non solo i pasti si dovevano consumare in comune, ma si doveva dormire in spazi comuni nelle comunità agricole fondate dal regime per creare l’uomo nuovo contadino cambogiano, "libero" da tutti i vizi cittadini. Si moriva di fame, perché il sistema di redistribuzione applicato a qualunque genere di prima necessità era insostenibile, ma chi rubava dai catasti era punito con la morte. I sentimenti personali erano vietati, come dimostra il caso di Haing Ngor, ma anche la stessa famiglia era di fatto abolita. Era il regime che decideva al posto della persona chi sposare, i figli erano affidati all'educazione collettiva, separati dai genitori fin dai primi anni di vita. L’amore più grande doveva sempre essere rivolto al Partito, che rappresentava la collettività.


Questa società non è l’aberrazione del comunismo: è comunismo puro. E’ l’utopia di Marx, applicata alla lettera dall’ideologo Nuon Chea e da Pol Pot, oltre che dai loro numerosi esecutori, senza gradualismo, senza passaggi intermedi. Senza, dunque, quella tappa storica chiamata “socialismo reale” che nell’Urss aveva portato alla burocratizzazione del regime e che anche in Cina, secondo il punto di vista dei Khmer Rossi, stava rallentando troppo la realizzazione della società comunista.


http://www.lanuovabq.it/it/morto-nuon-c ... GGBWtrFhcg

NON L'HO TROVATO IN NESSUN ALTRO QUOTIDIANO ......
(Forse 2 milioni di morti ammazzati sono stati pochi, o IRRILEVANTI, come si usa dire!)


MEDITATE GENTE, MEDITATE (MA SUL SERIO ...)


IN UNIONE SOVIETICA, CHI E' RIUSCITO A CAMPARE, E' DURATA 70 ANNI!



_________________
Immagine Operatore Radar Difesa Aerea (1962 - 1996)
U.F.O. "Astronavi da altri Mondi?" - (Opinioni personali e avvenimenti accaduti nel passato): viewtopic.php?p=363955#p363955
Nient'altro che una CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4967
Iscritto il: 10/01/2009, 13:06
Località: Barletta
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 09/11/2019, 19:14 
Cita:


I luoghi del terrore rosso che la sinistra finge di non vedere

Tanti i memoriali e musei che ricordano il sacrificio di cento milioni di persone


I 100 milioni di morti del comunismo sono ricordati in tutta Europa e nel mondo fino in Cambogia martoriata dal genocidio ordito dai khmer rossi. Non occorre andare lontano per visitare i luoghi della memoria delle atrocità comuniste. Sull'altopiano carsico, che domina Trieste, sorge la foiba di Basovizza diventata monumento nazionale nel 1992. Un ex pozzo minerario, luogo simbolo della pulizia etnica dei partigiani di Tito, che a guerra finita hanno gettato migliaia di italiani nelle cavità carsiche.

A Budapest si può visitare la «Terror Haza», la casa del terrore ricavata nell'edificio che fu sede della polizia segreta del regime comunista ungherese. E ancora prima dei nazisti e dei loro alleati locali. In Croazia, nella Dalmazia settentrionale, rimane com'era il lager di Goli Otok, l'isola Calva. Un altro terribile luogo della memoria dove venivano internati, torturati e speso uccisi i comunisti fedeli a Mosca, non in linea col maresciallo Tito. A Tirana gli albanesi hanno voluto ricordare lo spietato regime di Enver Hoxha con il «museo della sorveglianza segreta» ricavato in un edificio che era stato sede della Gestapo e poi della sicurezza dello Stato comunista. Non poteva mancare a Berlino il museo della Stasi, in una delle sedi originarie della polizia segreta della Germania Est, con tanto di celle e sistemi di ascolto e intercettazione. Varsavia non dimentica il massacro di massa degli ufficiali polacchi nelle fosse di Katyn. Fino all'arrivo di Gorbaciov studiavamo sui testi di storia al liceo, che la strage era nazista e non ordinata da Stalin.

In tutti i Paesi dell'Est che hanno aderito all'Europa unita sorgono luoghi di ricordo dei crimini del comunismo, ma le scuole non li inseriscono nei percorsi della memoria. I paesi baltici sono i primi a non dimenticare gli orrori del Novecento. A Vilnius, la capitale della Lituania, c'è il «museo delle occupazioni» ricavato nell'ex quartier generale del Kgb, ma ricorda anche la repressione nazista. In Lettonia si ricordano i crimini dei due totalitarismi nell'edificio costruito dai sovietici per il centesimo anniversario della nascita di Lenin. In Estonia hanno aperto al pubblico le celle nella prigione del Kgb.

La Russia, nonostante le stelle rosse sulle torri del Cremlino e il mausoleo di Lenin, non dimentica i milioni di morti del comunismo. A Mosca «il muro del dolore» le vittime dello stalinismo. Alla periferia della capitale, il poligono di Butovo era disseminato di fosse comuni al 1938 al 1950. Nel 1931 Stalin fece saltare in aria la maestosa cattedrale di Cristo salvatore. Il 19 agosto 2000 la cattedrale è stata riedificata com'era all'inizio e viene visitata ogni giorno dai turisti come simbolo di rinascita dai crimini di Stalin e del comunismo.

Dall'altra parte del mondo, a Phnom Penh, è impossibile dimenticare i campi della morte dei khmer rossi, che hanno sterminato tre milioni di persone. Il genocidio viene ricordato nell'ex Ufficio sicurezza S 21, la punta dell'iceberg dei lager cambogiani. Il museo è inserito dall'Unesco nell'«Elenco delle Memoria del mondo».




http://www.ilgiornale.it/news/politica/ ... 81642.html


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12667
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 09/11/2019, 20:18 
Qualcuno in questo forum tempo fa ha postato il conteggio reale e non falsificato dalla propaganda Occ.,di tutti i morti che ha fatto il Comunismo e tutti quelli che ha fatto l'Imperialismo-Razzista - Capitalista usa con tutti i loro alleati, vi renderete conto che disparità di proporzione vi è a carico degli usa e getta e company. [:246]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12999
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 09/11/2019, 21:54 
bleffort ha scritto:
Qualcuno in questo forum tempo fa ha postato il conteggio reale e non falsificato dalla propaganda Occ.,di tutti i morti che ha fatto il Comunismo e tutti quelli che ha fatto l'Imperialismo-Razzista - Capitalista usa con tutti i loro alleati, vi renderete conto che disparità di proporzione vi è a carico degli usa e getta e company. [:246]

Caro Bleffort, te non hai compreso ancora una cosa che provo a spiegarti: questo mondo è sporco, brutto e cattivo, come lo sono tutte le guerre, l'opportunismo, l'egoismo, etc. altrimenti la razza umana nella sua storia non si sarebbe macchiata di così tante crudeltà. Ciò detto, quello che secondo me te non hai ancora afferrato è che così è l'uomo a prescindere dalla propria nazionalità o provenienza geografica, ergo è insito nella razza umana dominare, arricchirsi, conquistare a qualsiasi costo il potere, lo facevano gli uomini dell'antichità allo stesso modo degli uomini moderni, per cui che alla fine ogni paragone o ragionamento moralistico torna relativo.

Ora alla luce di questo ragionamento, che come vedi non fa differenze da parte mia siano essi russi o americani, ci sono comunque due problemi per me fondamentali:

1) Mi girano le scatole quando qualcuno viene a dirmi specie ora a 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino, che il Comunismo è stato un modello equo e giusto, altrimenti la gente non avrebbe scavato tunnel a mani nude e non si sarebbe fatta mitragliare per scavalcare quel filo spinato pur di scappare dal regime comunista.

2) A questo mondo quando appartieni ad un piccolo paese che non è una superpotenza -devi- schierarti con qualcuno e che a te piaccia o no il mondo anche se la guerra Fredda è finita, è ancora diviso fra paesi NATO e paesi non NATO.

Onde per cui o accetti questa realtà oppure fai le valige e espatri in Russia, Cina, Vietnam o Corea del Nord, hai soltanto l'imbarazzo della scelta. Io contrariamente preferisco e preferirò sempre questa parte di pianeta che per quanto ingiusto possa essere non mi ha mai impedito di fare liberamente la vita che ho voluto.



_________________
niente è come sembra, tutto è come appare
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10821
Iscritto il: 04/12/2008, 15:57
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 10/11/2019, 01:13 
A me e molti altri invece Sì, ma hai ragione lo stesso, infatti sono ancora qui e non in Russia.

Più in tema con la discussione: Holodomor - Wikipedia.english

Cita:
The Holodomor (Ukrainian: Голодомо́р;[a][2] derived from морити голодом, "to kill by starvation")[3][4][5] was a famine in Soviet Ukraine in 1932 and 1933 that killed millions of Ukrainians. It is also known as the Terror-Famine and Famine-Genocide in Ukraine,[6][7][8] and sometimes referred to as the Great Famine[9] or the Ukrainian Genocide of 1932–33.[10] It was part of the wider Soviet famine of 1932–33, which affected the major grain-producing areas of the country. During the Holodomor, millions of inhabitants of Ukraine, the majority of whom were ethnic Ukrainians, died of starvation in a peacetime catastrophe unprecedented in the history of Ukraine.[11] Since 2006, the Holodomor has been recognized by Ukraine[12] and 15 other countries as a genocide of the Ukrainian people carried out by the Soviet government.[13]

Early estimates of the death toll by scholars and government officials varied greatly.[14] According to higher estimates, up to 12 million[15] ethnic Ukrainians were said to have perished as a result of the famine. A U.N. joint statement signed by 25 countries in 2003 declared that 7–10 million perished.[16] Research has since narrowed the estimates to between 3.3[17] and 7.5[18] million. According to the findings of the Court of Appeal of Kiev in 2010, the demographic losses due to the famine amounted to 10 million, with 3.9 million direct famine deaths, and a further 6.1 million birth deficits.[19]

Some scholars believe that the famine was planned by Joseph Stalin to eliminate a Ukrainian independence movement.[11][20][21] Using Holodomor in reference to the famine emphasises its man-made aspects, arguing that actions such as rejection of outside aid, confiscation of all household foodstuffs, and restriction of population movement confer intent, defining the famine as genocide; the loss of life has been compared to that of the Holocaust.[22][23][24][25] The causes are still a subject of academic debate, and some historians dispute its characterization as a genocide.[26][27]



_________________
Per quanto possa essere buia la notte sulla Terra, il sole sorgerà quando è l' ora, e c' è sempre la luce delle stelle per illuminarci nel cammino.

Non spaventiamoci per quando le tenebre caleranno, perchè il momento più buio è sempre prima dell' alba.

Noi siamo al tramonto, la notte è ancora tutta davanti, ma alla fine il sole sorgerà anche stavolta. Quello che cambia, è quello che i suoi raggi illumineranno. Facciamo che domani sotto il Sole ci sia un mondo migliore.
_________________________________________________________________________

Rivoluzioni democratiche, governi del cambiamento... Sta già albeggiando!
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12667
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 14/11/2019, 12:49 
sottovento ha scritto:
bleffort ha scritto:
Qualcuno in questo forum tempo fa ha postato il conteggio reale e non falsificato dalla propaganda Occ.,di tutti i morti che ha fatto il Comunismo e tutti quelli che ha fatto l'Imperialismo-Razzista - Capitalista usa con tutti i loro alleati, vi renderete conto che disparità di proporzione vi è a carico degli usa e getta e company. [:246]

Caro Bleffort, te non hai compreso ancora una cosa che provo a spiegarti: questo mondo è sporco, brutto e cattivo, come lo sono tutte le guerre, l'opportunismo, l'egoismo, etc. altrimenti la razza umana nella sua storia non si sarebbe macchiata di così tante crudeltà. Ciò detto, quello che secondo me te non hai ancora afferrato è che così è l'uomo a prescindere dalla propria nazionalità o provenienza geografica, ergo è insito nella razza umana dominare, arricchirsi, conquistare a qualsiasi costo il potere, lo facevano gli uomini dell'antichità allo stesso modo degli uomini moderni, per cui che alla fine ogni paragone o ragionamento moralistico torna relativo.

Ora alla luce di questo ragionamento, che come vedi non fa differenze da parte mia siano essi russi o americani, ci sono comunque due problemi per me fondamentali:

1) Mi girano le scatole quando qualcuno viene a dirmi specie ora a 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino, che il Comunismo è stato un modello equo e giusto, altrimenti la gente non avrebbe scavato tunnel a mani nude e non si sarebbe fatta mitragliare per scavalcare quel filo spinato pur di scappare dal regime comunista.

2) A questo mondo quando appartieni ad un piccolo paese che non è una superpotenza -devi- schierarti con qualcuno e che a te piaccia o no il mondo anche se la guerra Fredda è finita, è ancora diviso fra paesi NATO e paesi non NATO.

Onde per cui o accetti questa realtà oppure fai le valige e espatri in Russia, Cina, Vietnam o Corea del Nord, hai soltanto l'imbarazzo della scelta. Io contrariamente preferisco e preferirò sempre questa parte di pianeta che per quanto ingiusto possa essere non mi ha mai impedito di fare liberamente la vita che ho voluto.

Attualmente i Comunisti in tutto il mondo sono milioni forse vicino al miliardo, quanto ci scommetti che se si fa un sondaggio generale in tutto il mondo, nei Paesi dove vi è il Comunismo le persone vivono più felici e stanno meglio che in Italia, ma anche negli altri Paesi Europei vi è il malcontento e le persone sono tutti arrabbiati. [:246]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12999
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 16/11/2019, 14:01 
bleffort ha scritto:
nei Paesi dove vi è il Comunismo le persone vivono più felici e stanno meglio che in Italia

E quali sono questi paesi dove esiste ancora quello che te definisci "Comunismo"???



_________________
niente è come sembra, tutto è come appare
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12667
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 16/11/2019, 14:50 
sottovento ha scritto:
bleffort ha scritto:
nei Paesi dove vi è il Comunismo le persone vivono più felici e stanno meglio che in Italia

E quali sono questi paesi dove esiste ancora quello che te definisci "Comunismo"???


Hai ragione, il Comunismo è morto è di Comunisti non ve ne più traccia, di che ti preoccupi allora dato che ogni notte ti vengono gli incubi Rossi?. [:302]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12999
Iscritto il: 04/01/2017, 18:06
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 17/11/2019, 14:43 
bleffort ha scritto:
Hai ragione, il Comunismo è morto è di Comunisti non ve ne più traccia, di che ti preoccupi allora dato che ogni notte ti vengono gli incubi Rossi?. [:302]

Mi preoccupa il Capital-Totalitarismo" (cioè il comunismo moderno), dove seppur hanno l'auto nuova, il tv a colori, lo smartphone etc. lavorano sempre e comunque per un pugno di lenticchie, senza i sindacati a tutelarli, vivendo in case-alveare e con magari il miraggio di un cheeseburger e una birra al posto di 1 pollo e 1 vodka ma alla fine dei conti non cambia molto.



_________________
niente è come sembra, tutto è come appare
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2565
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 17/11/2019, 15:25 
ALT! contr'ordine! in una trasmissione su raitre, giorni fa, quel giornalista scapigliato e con bretelle, che spesso fa il corrispondente dagli usa, ha affermato che intorno al XXII - XXIII secolo in cina vigeva una economia dal carattere capitalista
sarà vero? non credo che il giornalista si sia inventato tutto...



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12667
Iscritto il: 03/12/2008, 20:45
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Gli orrori del comunismo
MessaggioInviato: 17/11/2019, 15:32 
sottovento ha scritto:
bleffort ha scritto:
Hai ragione, il Comunismo è morto è di Comunisti non ve ne più traccia, di che ti preoccupi allora dato che ogni notte ti vengono gli incubi Rossi?. [:302]

Mi preoccupa il Capital-Totalitarismo" (cioè il comunismo moderno), dove seppur hanno l'auto nuova, il tv a colori, lo smartphone etc. lavorano sempre e comunque per un pugno di lenticchie, senza i sindacati a tutelarli, vivendo in case-alveare e con magari il miraggio di un cheeseburger e una birra al posto di 1 pollo e 1 vodka ma alla fine dei conti non cambia molto.

Ma si!...In Italia per pochi Posti di Lavoro nel Pubblico ad ogni Concorso vi sono 10.000 partecipanti, oltre a quei pochi che hanno la fortuna di entrare, che faranno i rimanenti se non vi è il Papà Pensionato a mantenerli "leccando la Sarda" e tu critichi la Cina!.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 303 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 16, 17, 18, 19, 20, 21  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Oggi è 13/07/2020, 04:49
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org