Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ] 
Autore Messaggio

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1769
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 06/03/2019, 09:59 
Salve,
mi sono chiesto da tempo che prove ci sono che qualcuno dei nostri pianeti del sistema solare non sia precedente alla formazione del sistema solare?
cioè il, nostro, Sole si trova qui, e ha sicuramente preso, prima che si accendesse nella stella che conosciamo, i suoi costituenti principali: idrogeno ed elio, dalla nube cosidetta pre-solare, che potrebbero essere i resti di una stella sicuramente esplosa e altri elementi...
chi vieta che quella stella non avesse pianeti a sua volta?
quando una stella, parliamo di nove, supernove, esplode, sicuramente i pianeti orbitanti, almeno i meno vicini, non vengono distrutti!
allora o a causa della gravità modificata saranno proiettati o vagheranno nello spazio o saranno assorbiti, diciamo, da qualche stella in formazione con i residui precedenti

altro punto basilare: ovviamente le supernovae di idrogeno ed elio ne avranno infine poco, poco quanto?
si sa infatti che nove e supernovae esplodono perchè idrogeno ed elio non sono più sufficienti a sostenere le reazioni e tutto cade sotto la pressione di radiazione finendo per poi esplodere...
qualcosa sarà pur rimasto nel complesso dell'insostenibilità delle complessive trasformazioni di H ed He infine non più bastevoli
viceversa se una nova o supernova sono come delle idrovore disperatamente affamate di H ed He per sostenere il loro equilibrio, ovviamente non ne rimane nulla di questi elementi,
allora si dovrebbe parlare SOLO di residui interstellari di questi elementi
gli elementi pesanti ovviamente sono proiettati dalle precedenti stelle... nel turbine delle nubi stellari o interstellari ed infine condensati per gravità dalle masse delle relative stelle con i pianeti, rocciosi o gassosi, in formazione

se parliamo di grandi stelle magari qualche residuo è sufficiente a formare una stella relativamente piccola come il nostro Sole
ovviamente parlare di quantità precise è fondamentale...
resta che quei pianeti sono gravitazionalmente modificati dalla mancanza di massa della supernova o nova, che comunque rimangono ancora gravitazionalmente legati con stelle di neutroni etc,
ma ci sarebbe anche lo scenario che i pianeti residui vengano fiondati altrove... e magari catturati da una stella in formazione...

ebbene per sapere se un pianeta nel nostro sistema solare è precedente la formazione del sistema stesso, oltre alla precisa percentuale di isotopi per esempio dell'idrogeno, credo firma di ogni sistema, cosa ci sarebbe di altro?
Qualcuno dei pianeti attuali ha una qualche anomalia non indifferente:
-Venere: moto opposto di rotazione, sembra che si tratti di qualche disastro planetario di migrazione masse pre assestamento orbite di tutti i pianeti.
-Marte: con le sue piane e tracce di fiumi sembra il residuo di un pianeta prima vitale... chissà che quello che da sempre si dice non sia riferito ad un ricordo chissà come sommerso, di una civiltà scomparsa... pensavo a Marte come bruciato dall'esplosione di una stella pre-solare... poi catturato dentro il sistema solare, oltre al fatto che tutto il materiale che si vede sulla superficie sembra frantumato
-Urano: asse di rotazione inclinato sul piano dell'orbita.
-Plutone: orbita inclinata di oltre 17° sul piano comune delle orbite e di 122° sulla sua orbita...
-Per non parlare del presunto pianeta 10 (o 9 secondo la recente esclusione di Plutone), molto anomalo nell'orbita, si pensa estromesso da giganti del nostro sistema solare... ma chissà... magari prima appartenente ad un'altra stella è stato catturato vagante nello spazio e la sua orbita risulterebbe così... si suppone che c'è ma precisamente quanto lontano (molto) non si sa, ancora



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1769
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 06/03/2019, 23:18 
riporto questo thread del 2009, con inclusi i link sotto

viewtopic.php?f=54&t=10334
I pianeti orfani potrebbero essere più comuni delle stelle:

Riproponiamo in modo più approfondito l'articolo pubblicato sul nostro sito il 19 Maggio 2011 con il contributo del nostro bravissimo collaboratore Arthur McPaul, quello che leggeremo è un approfondimento ripreso da uno dei maggiori siti scientifici e astronomici, Science Daily:
Gli astronomi, di un team finanziato dalla NASA, hanno scoperto una nuova classe di pianeti gioviani vaganti nello spazio, senza essere in orbita attorno a nessuna stella. Il team ritiene che questi mondi solitari siano stati probabilmente espulsi dai rispettivi sistemi planetari in cui si erano formati.
La scoperta si basa su un sondaggio congiunto tra ricercatori di Giappone e Nuova Zelanda che ha scansionato il centro della Via Lattea nel corso del 2006 e del 2007, rivelando le prove di 10 pianeti fluttuanti all'incirca della massa di Giove. Le sfere isolate, note anche come pianeti orfani, sono difficili da individuare, ed erano fino ad ora inosservati. I pianeti sono situati ad una distanza media che va circa da 10.000 a 20.000 anni luce dalla Terra. "Anche se la loro presenza è già stata teoricamente prevista, finalmente sono stati scoperti fornendo importanti implicazioni per la formazione dei pianeti e modelli evolutivi", ha dichiarato Mario Perez, del programma di ricerca sui pianeti extrasolari della NASA a Washington.

La scoperta indica che ci sono molti altri pianeti fluttuanti della massa di Giove che non possono ancora essere visti. Il team stima che sarebbero all'incirca due volte più numerosi delle stelle o almeno quanto i pianeti che orbitano attorno alle stelle. Questo implica che esisterebbero centinaia di miliardi di pianeti solitari nella nostra galassia. "La nostra indagine è come un censimento della popolazione," ha detto David Bennett, della NASA e della National Science Foundation, co-autore dello studio presso l'Università di Notre Dame a South Bend, in Indiana: "Abbiamo visionato una porzione della galassia e sulla base di questi dati, siamo in grado di stimare i numeri complessivi".

Lo studio, condotto da Takahiro Sumi da Osaka University in Giappone, appare nel numero del 19 maggio della rivista Nature. L'indagine non è sensibile ai pianeti più piccoli di Giove e Saturno, ma le teorie suggeriscono che pianeti di massa inferiore, come la Terra dovrebbero essere espulsi dalle loro stelle più spesso. Come risultato, si pensa che siano ancora più comuni dei gioviani fluttuanti.

Precedenti osservazioni avevano rilevato qualche pianeta libero all'interno di cluster in cui si formano le stelle, con massa di circa tre volte quella di Giove. Ma gli scienziati sospettano che i corpi gassosi siano ancora più comuni delle le stelle. Questi oggetti particolari, chiamati nane brune, si formano dal collasso di gas e polvere, ma non hanno la massa per bruciare il combustibile nucleare e brillare come le stelle. Si ritiene che le più piccole nane brune abbiano all'incirca le dimensioni dei pianeti di grandi dimensioni.

D'altra parte, è probabile che alcuni pianeti siano stati espulsi nelle prime turbolenti fasi della formazione dei sistemi a causa di incontri gravitazionali con altri pianeti o stelle. Questi pianeti si muovono attraverso la galassia come il nostro Sole e le stelle in orbite stabili attorno al centro della galassia. La scoperta di 10 pianeti gioviani fluttuanti supporta lo scenario dell'espulsione, anche se è possibile che ci siano stati anche altri meccanismi in gioco.

"Se i "free-floating planets" si formarono come le stelle, allora avremmo dovuto vedere solo uno o due di loro nel nostro sondaggio, anziché 10", ha detto Bennett. "I nostri risultati suggeriscono che i sistemi planetari spesso diventano instabili, con pianeti che vengono cacciati fuori dai loro luoghi di nascita".

Dalle osservazioni non si può escludere la possibilità che alcuni di questi pianeti potrebbero avere orbite attorno a stelle molto lontane, ma la ricerca di altri pianeti di massa gioviana in orbite distanti sono rare.

Un telescopio da 5,9 metri (1,8 metri) sul Monte John University Observatory in Nuova Zelanda è usato per controllare regolarmente le stelle al centro della nostra galassia per eventi di microlensing gravitazionale. Questi casi si verificano quando qualcosa, come una stella o un pianeta, passa davanti a un altro, più distanti della stella. La gravità del corpo che transita, deforma la luce facendolo ingrandire e illuminare. I corpi più pesanti di passaggio, come le stelle massicce, si aggiungono alla luce della stella di fondo, in misura maggiore, durando anche diverse settimane. I corpi più piccoli della dimensione di un pianeta causeranno meno una distorsione, e illumineranno una stella solo per pochi giorni.

Un secondo gruppo di indagine con la microlensing, l'Optical Gravitational Lensing Experiment (OGLE), ha contribuito a questa scoperta con un telescopio da 4,2 metri (1,3 metri) in Cile. Il gruppo OGLE ha anche osservato molti degli stessi eventi e le loro osservazioni indipendentementi hanno confermato l'analisi del gruppo di MOA.

Il NASA's Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, gestisce il programma di esplorazione della NASA sui pianeti orfani. Il JPL è una divisione del California Institute of Technology di Pasadena.
Maggiori informazioni su pianeti extrasolari e sui programmi di ricerca sono disponibili al seguente indirizzo: http://planetquest.jpl.nasa.gov

Traduzione e adattamento a cura di ArthurMCPaul (collaboratore centro ufologico ionico)

http://www.sciencedaily.com/releases/20 ... 131757.htm

http://www.centroufologicoionico.com/ar ... lle-stelle

http://fede1988.splinder.com/post/24598 ... lle-stelle



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1769
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 07/03/2019, 06:32 
oops il topic riportato sopra non è del 2009, ma del 2011



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3228
Iscritto il: 28/08/2016, 09:26
Località: Neutropoli
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 19/03/2019, 23:45 
Quello che dici è interessante per due motivi:
a) gli scienziati sono fissati con la linea di causa-effetto e il tempo lineare
b)quando ipotizzano lo sviluppo di qualcosa,lo fanno seguendo questa logica! Non sanno pensare in modo creativo,non concepiscono che quello che loro considerano nato dopo possa essere stato già prima!!!
c)usano lo studio del sole come modello per le altre stelle,ma non vi dicono che il modello dell'interno del sole è stato costruito SOLO sulla base dell'ASCOLTO DEI SISMI INTERNI!
Una cosa ridicola,a pensarci bene,dato che non esiste alcuna verifica possibile di questo modello!
Ancora più ridicola quando viene applicata a stelle lontane di cui si vede a malapena la superficie!!!
d)quando vi dicono che il sole e le altre stelle PRODUCONO TUTTI GLI ELEMENTI PESANTI CHE FORMANO POI I PIANETI E LE LUNE, DICONO UNA CORBELLERIA!
Questi elementi potrebbero essere preesistenti alla stella ed essere stati inglobati in essa!
Inoltre,chi potrebbe negare che il nucleo solare possa essere solido,costituitosi durante la formazione della stella ed essere ALTAMENTE RADIOATTIVO proprio a causa di quella genesi!
Un nucleo solare del genere,sarebbe caldissimo e produrrebbe energia , luce e calore tanto quanto il "sole modello attuale"!
Riscalderebbe la materia liquefandola verso la superficie quindi la vaporizzarebbe e infine la trasformerebbe in PKASMA,il quarto stato della materia,il 99% della materia universale!!!
Ne risulterebbe un sole uguale a quello attuale ma completamente diverso come natura e funzionamento!
Il fatto è che gli scienziati sono fissati con la logica passato/presente/futuro e siccome l'idrogeno sarebbe l'elemento primordiale ,ecco che le stelle devono essere fatte di idrogeno che si trasforna in elio!MA CHI L' HA MAI DETTO
...DIMOSTRANDOLO??
Oggi si sa,ad esempio,che
l'80 %del calore terrestre viene dal nucleo altamente radioattivo del pianeta e NON dal sole!
A maggior ragione,il calore del sole e il suo essere plasma,POTREBBE DERIVARE DA UN SUO ENORME NUCLEO RADIOATTIVO e non dalla fusione dell'idrogeno!
Un grazie a zelman che ha aperto questo topic!



_________________
https://thesky.freeforumzone.com/mobile ... 1&f=183131
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3624
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 20/03/2019, 00:24 
Ehi, voi due, come osate mettere in dubbio le prove che la scienza mette sul piatto dei dottoroni da salotto che popolano la Terra?

Ogni giorno tutta l'umanità è confortata da solide dimostrazioni tangibili che la scienza dice la verità, da qui all'estremo confine del Cosmo non può sbagliare, è infallibile, è Dio.

Il prossimo che mi viene a fare lezioni di fede scientifica lo manderò a curarsi laggiù.



_________________
Qualcuno vuole vedere che fine fanno i ribelli?
https://www.scambiofigu.net/host/up/8dcda1bfb827.jpg
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3228
Iscritto il: 28/08/2016, 09:26
Località: Neutropoli
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 20/03/2019, 00:38 
perchè noi due ragioniamo con la nostra testa e non con la loro,per fortuna!
Muah [:304]



_________________
https://thesky.freeforumzone.com/mobile ... 1&f=183131
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1769
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 20/03/2019, 01:26 
freelancer007 ha scritto:
Quello che dici è interessante per due motivi:
a) gli scienziati sono fissati con la linea di causa-effetto e il tempo lineare
b)quando ipotizzano lo sviluppo di qualcosa,lo fanno seguendo questa logica! Non sanno pensare in modo creativo,non concepiscono che quello che loro considerano nato dopo possa essere stato già prima!!!
c)usano lo studio del sole come modello per le altre stelle,ma non vi dicono che il modello dell'interno del sole è stato costruito SOLO sulla base dell'ASCOLTO DEI SISMI INTERNI!
Una cosa ridicola,a pensarci bene,dato che non esiste alcuna verifica possibile di questo modello!
Ancora più ridicola quando viene applicata a stelle lontane di cui si vede a malapena la superficie!!!
d)quando vi dicono che il sole e le altre stelle PRODUCONO TUTTI GLI ELEMENTI PESANTI CHE FORMANO POI I PIANETI E LE LUNE, DICONO UNA CORBELLERIA!
Questi elementi potrebbero essere preesistenti alla stella ed essere stati inglobati in essa!
Inoltre,chi potrebbe negare che il nucleo solare possa essere solido,costituitosi durante la formazione della stella ed essere ALTAMENTE RADIOATTIVO proprio a causa di quella genesi!
Un nucleo solare del genere,sarebbe caldissimo e produrrebbe energia , luce e calore tanto quanto il "sole modello attuale"!
Riscalderebbe la materia liquefandola verso la superficie quindi la vaporizzarebbe e infine la trasformerebbe in PKASMA,il quarto stato della materia,il 99% della materia universale!!!
Ne risulterebbe un sole uguale a quello attuale ma completamente diverso come natura e funzionamento!
Il fatto è che gli scienziati sono fissati con la logica passato/presente/futuro e siccome l'idrogeno sarebbe l'elemento primordiale ,ecco che le stelle devono essere fatte di idrogeno che si trasforna in elio!MA CHI L' HA MAI DETTO
...DIMOSTRANDOLO??
Oggi si sa,ad esempio,che
l'80 %del calore terrestre viene dal nucleo altamente radioattivo del pianeta e NON dal sole!
A maggior ragione,il calore del sole e il suo essere plasma,POTREBBE DERIVARE DA UN SUO ENORME NUCLEO RADIOATTIVO e non dalla fusione dell'idrogeno!
Un grazie a zelman che ha aperto questo topic!


grazie, ma:
quando scrivevo sopra che alcuni pianeti del sistema solare possono essere precedenti la formazione del sistema stesso era un dubbio basato sul fascino che per l'appunto alcuni di questi pianeti fossero
1. essere stati formati precedentemente al sole
2. aver avuto una loro evoluzione durante la stella precedente, la dico tutta:
2bis.: avere avuto una civiltà comunque non sopravvissuta alla morte della stella precedente....
3. essere sopravvissuti, comunque come pianeti, alla stella precedente
4. oppure essere migrati nelle vicende casuali, sempre dovute alla gravità, di aggregazione presso altre masse sensibilmente utili a determinare nuove masse, e per prima la stella

tutto questo però è una domanda oltre ad essere un dubbio,
ovvero pensarli preesistenti senza dubbio è ugualmente impreciso quanto pensarli tutti determinati col sistema solare

mi ero chiesto e ho trovato che una spiegazione per determinare se un pianeta appartiene al suo sistema stellare è quella di stabilire la percentualedi isotopi di un elemento , pare che un elemento non a caso, l'idrogeno, sia riguardo ai suoi isotopi, quello che determina la sicura appartenenza al suo sistema del pianeta da cui si ricava e analizza un determinato isotopo
dato che io non posso avere un sistema di recupero materiale extra-terra e analizzarne gli isotopi cercavo di trovare questa risposta, più strumentalmente fidata, in qualche pubblicazione...
e volevo per l'appunto sentire: no, questo o l'altro pianeta, sono stati formati col sistema solare per questo motivo preciso etc... dato che si è presa questa situazione come dato di fatto, non significa comunque che a "scavare" non sia vera

riguardo al fatto che dici del sole...
bè ci possono essere anche sistemi in cui per prima si aggregano i componenti rocciosi e poi via via i gas più abbondanti che risultano essere idrogeno e poi elio...
se succede una cosa simile, la domanda che ci si dovrebbe porre è: la stella si accenderà ugualmente? cioè, idrogeno ed elio in massa nuclearmente bastevole ad accendere la stella, lo fanno anche se al centro c'è un nucleo roccioso, grande quanto non si sa?

quindi: una stella, quindi, può avere un nucleo roccioso?
io non lo so come lo escludano, e non lo posso certo controaffermare, che il sole abbia un nucleo roccioso,
questo è solo un dubbio e pure una domanda, e vorrei sentire o trovare una pagina web che ne argomenti al proposito...
ci saranno SENZA DUBBIO casi simili, e cosa succede in questo caso?
si sono date risposte argomentate al proposito?

quanto al fatto del calore e della radiazione proveniente dall'interno della terra, tu, freelancer, ti accorgi che di notte hai lo stesso irraggiamento che di giorno? dato che pensi che il sole sia indifferente, lo togli e vedi che non cambia nulla durante la notte?
non credo proprio

non ultimo quanto agli elementi, freelancer tu contesti che si proceda dal più semplice, l'idrogeno, aggiungendosi poi elettroni, protoni, e neutroni?
(se lo fai magari apri un nuovo capitolo della chimica e della fisica nucleare, ma devi dimostrare passo passo e negare passo passo)
quando dici che alcuni elementi fossero preesistenti la stella, lo sono certamente poichè l'uranio che trovi sulla terra, per dirne uno, o l'oro o il platino, per dirne pochi altri due, sono stati formati in stelle precedenti, dicono supernove, il sole non ha formato, ancora, nulla, si bea del suo idrogeno ed elio ed elementi a cascata a seguire, e quando finiranno si aggregheranno elementi più complessi dopo il ferro...
così come tutti gli altri elementi inclusi carbonio eccetera, sono preesistenti il sole...
uhm... nell'insieme però come si fa a stabilire che il pianeta sia anch'esso precedente il sole? mah...

in particolare riguardo ai pianeti avevo un dubbio e una domanda che direi ingenui, ma volevo solo trovare qualche prova EVIDENTE che, per esempio, MARTE, appartenga o non appartenga al sistema solare, immagino che coloro che hanno materiali e strumenti se lo siano domandato,
in fondo a loro cosa gli costa dire se, sempre per esempio, MARTE è un pianeta di una stella precedente? secondo me nulla



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3228
Iscritto il: 28/08/2016, 09:26
Località: Neutropoli
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 20/03/2019, 03:15 
per quanto riguarda la terra,si tratta di studi recenti !Questo articolo te li spiega e ti dice qualcosa di interessante sull'origine del sistema solare:

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubr ... 83083.html

In pratica,dunque, il cuore radioattivo del pianeta produce il 50 % del calore terrestre(su altri siti danno cifre più elevate!)!La cosa che mi ha stupito è il fatto che,questo cuore,sembra essere responsabile di un bel po' di cose!
IL TUO INTERESSE PER IL SISTEMA SOLARE TROVA IN QUESTO ARTICOLO UNA PRIMA RISPOSTA!
Quindi,bisognerebbe andare su Mercurio e Venere,pianeti rocciosi,per verificare i geoneutrini!
Non so se si potrebbe fare su Giove e i giganti gassosi:dovrebbero avere tutti un nucleo roccioso!
Sull'escursione termica notturna,io penso che raffreddandosi l'aria e mancando il calore del sole,resta solo quel 50 % o più di calore proveniente dall' interno più,naturalmente,un residuo giornaliero esterno!
Ti metto un link che ti interesserá molto: ti parla di un sistema molto vicino al nostro,retto da una stella di alone!
Le stelle di alone sono stelle che si trovano ai margini della galassia e sembrano provenire dall'esterno della galassia stessa,dall'alone,perlappunto!
LA TUA IDEA RELATIVA AD UNA STELLA VICINA AL SOLE CHE AVREBBE ESPULSO PIANETI O PERSO PIANETI PER QUALCHE RAGIONE,PIANETI POI CATTURATI DAL SOLE È INTERESSANTE!
Leggendo questo articolo,ad esempio,potremmo chiederci se il nostro sistema solare ha incrociato quello della stella in questione e ne abbia catturato un pianeta:

https://www.google.com/url?sa=t&source= ... CS1qzA0DUq

Un'altra cosa:nel raggio di 15 anni luce dal sole,ci sono ben 60 sistemi stellari,molti dei quali con pianeti!
QUINDI,LA TUA IPOTESI SULLA CATTURA DI UNO O PIÙ PIANETI DA PARTE DI SISTEMI SOLARI IN RELATIVA COLLISIONE È INTELLIGENTE E
REALISTICA!
Daltronde,il sole avrebbe 4 miliardi di anni:durante questo tempo avrebbe percorso,alla velocità attuale,uno STERMINATO NUMERO DI KM TRADUCIBILI IN ANNI LUCE!!!
Perció,la probabilità che sia stato alimentato da altri sistemi è notevole,ma è anche probabile che abbia PERSO qualche pianeta di suo!!!
Pensa alla fascia degli asteroidi:forse un pianeta in formazione è stato rotto da un incontro gravitazionale con un altro sistema stellare!
[:304]



_________________
https://thesky.freeforumzone.com/mobile ... 1&f=183131
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1769
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 20/03/2019, 23:01 
uhm... come ho fatto a non ricordarlo...
lo spettro stellare indica con le righe di assorbimento gli elementi presenti...
http://spettroscopia.uai.it/Spettroscopia%20solare.htm

gli elementi pesanti sono una piccolissima parte*
ovvio che le stelle all'inizio dell'universo fossero le meno metalliche di tutte,

http://www.planetariumpythagoras.com/pi ... 4.1.10.htm
Composizione chimica del Sole:
Le osservazioni spettroscopiche confermarono immediatamente che gran parte dei componenti chimici presenti sul Sole coincidevano con gli elementi noti sulla Terra. Le intense righe dell’idrogeno (H) confermarono un’indicazione emersa già dalla determinazione della densità media del Sole (1,41 gr/cm3): una densità così bassa non poteva essere compatibile che con una composizione, in cui gran parte del Sole era formato dall’elemento più leggero che esiste, appunto l’H.
Immagine
Nello spettro solare furono osservate per la prima volta le righe di un elemento sconosciuto, a cui fu dato il nome di Elio (He), scoperto poi alla fine dell’800 anche sulla Terra. La stessa cosa avvenne quando, durante le eclissi solari, furono presi i primi spettri della corona: comparvero una serie di righe assolutamente sconosciute, nuovamente interpretate come dovute ad un elemento sconosciuto a cui fu dato il nome di Coronio. In questo caso però l’interpretazione si dimostrò completamente sbagliata, in quanto le righe osservate erano dovute ad elementi noti, come il Ferro, altamente ionizzati dall’elevata temperatura riscontrata in corona (1-2 106 °K).

*
La composizione generale del Sole presenta alcune peculiarità, l’abbondanza degli elementi diminuisce rapidamente con l’aumentare della complessità della struttura dell’atomo, tutti gli elementi al di sopra dell’He nel loro insieme non superano il 2% in peso del Sole e 1% in numero di atomi.

Se poi si analizza in maggiore dettaglio la composizione chimica complessiva, si trovano altre osservazioni interessanti, fra cui la notevole mancanza di alcuni degli elementi più semplici (Litio, Berillo e Boro), interessante indicazione sulle prime fasi dell’evoluzione solare, in quanto tale mancanza non si ritrova nelle abbondanze cosmiche e quindi deve essere legata all’evoluzione della stella Sole. Mentre più attinenti alla fisica sono la particolare abbondanza degli atomi del gruppo del Ferro, dovuta alla stabilità particolare di questi atomi, e la sistematica deficienza degli elementi con numero atomico dispari.


MENTRE MI SEMBRA DI CAPIRE CHE OGNI ELEMENTO HA UNA STORIA PRECISA DI FORMAZIONE, nel senso dei processi nucleari:
ORO e Platino
https://www.gqitalia.it/news/2017/10/18 ... llo-spazio

OVVERO LA RARITA' dell'ORO è parallela al processo di formazione, che sarebbe quando due stelle di neutroni si fondono, e si genera, IN PARTE, l' ORO!
adesso quante fusioni tra stelle di neutroni ci sono? credo che siano pochissime!
sulla terra ovviamente questo non si sapeva, si sa della rarità dell'ORO ma a livello di formazione è pure una faccenda rara...
comunque dalla fusione di due stelle di neutroni non si forma neppure una grande massa di oro, dicono all'incirca grande solo quanto il volume di una Terra... massa proiettata nello spazio...

Argento
http://www.nationalgeographic.it/scienz ... refresh_ce

anche i metalli più pesanti fino ai radioattivi, uranio etc...
vorrei capire se la rarità degli elementi è legata ad un evento progressivamente più estremo o particolare riguardo alla dinamica di aggregazione nucleare... come risposta ovviamente [:296]

Rimane la domanda su cosa ne possa essere se una massa rocciosa diversi volumi della Terra si metta ad attrarre H e He a percentuali che permettano l'accensione stellare, cosa succede? [:296]



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3624
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 22/03/2019, 00:08 
Interessante.

Ponendo che il sistema solare sia veritiero, per tenere in orbita 9 pianeti il Sole ha una bella gravità, quindi massa considerevole, ma se come dicono fosse fatto di gas in fusione accadrebbero tre cose strane:

1) Nel volume si diluirebbe la sua gravità
2) Tali gas leggeri sfuggirebbero al calore
3) Il plasma occuperebbe tutto il volume

Queste tre condizioni farebbero del Sole un centro gravitazionale insignificante, o no?
In breve, per avere la gravità che ha deve necessariamente avere un nucleo pesante, Horus?



_________________
Qualcuno vuole vedere che fine fanno i ribelli?
https://www.scambiofigu.net/host/up/8dcda1bfb827.jpg
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1769
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 22/03/2019, 00:38 
Morley ha scritto:
Interessante.
Ponendo che il sistema solare sia veritiero, per tenere in orbita 9 pianeti il Sole ha una bella gravità, quindi massa considerevole, ma se come dicono fosse fatto di gas in fusione accadrebbero tre cose strane:

1) Nel volume si diluirebbe la sua gravità
2) Tali gas leggeri sfuggirebbero al calore
3) Il plasma occuperebbe tutto il volume

Queste tre condizioni farebbero del Sole un centro gravitazionale insignificante, o no?
In breve, per avere la gravità che ha deve necessariamente avere un nucleo pesante, Horus?

il problema secondo me è il termine gas che hai usato...
per innescare le reazioni nucleari occorre una concentrazione mica da poco (mentre non capisco il punto 3, ovvero che il plasma occuperebbe tutto il volume, cosa intendi per plasma?

inoltre come si vede dalle foto fatte, lì sulla superficie del sole ci sono oceani di fuoco che sembrano come lava dove la Terra intera galleggerebbe e sarebbe bruciata come una pallina da tennis in qualche secondo tutta intera

considera che la massa dell'idrogeno ed elio che qui chiamiamo gas nello stato terrestre, lì è la somma di tutto, quasi, quello che c'era nella nube pre-solare, anzi è la parte rocciosa, dei pianeti restanti ad essere una parte vicina all'insignificanza... rispetto all'abbondanza inimmaginabile di H ed He... e per giunta concentrati!
e questo riflette quanto poco sia quello che si trasforma dalle esplosioni stellari in elementi pesanti, che comunque è casuale perchè sono aggregati mossi da diverse esplosioni stellari e che sempre casualmente si aggregano secondo il centro di gravità della "zona"...



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 341
Iscritto il: 24/03/2009, 14:47
Località:
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 22/03/2019, 00:42 
Morley ha scritto:
In breve, per avere la gravità che ha deve necessariamente avere un nucleo pesante, Horus?

Se non ricordo male questa è più o meno la teoria esposta da Nassim Haramein, anche se lui parla di singolarità e non di nucleo pesante.


Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3624
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 22/03/2019, 01:42 
Penso che il Sole sia molto diverso da ciò che vogliono far bere ai loro fans, il plasma inteso come fuoco a temperature estreme sparerebbe via tutti i presunti gas, perchè occuperebbe l'intera sfera solare se il Sole non avesse nucleo pesante allo stato fuso.

Dici bene, le concentrazioni di idrogeno devono essere notevoli per una reazione nucleare, e non saprei proprio come una tale quantità di quel gas possa trovarsi tutta in un punto X prima della nascita di una stella, cosa la può convogliare? Sono tutte fantasticherie pure.



_________________
Qualcuno vuole vedere che fine fanno i ribelli?
https://www.scambiofigu.net/host/up/8dcda1bfb827.jpg
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1769
Iscritto il: 15/02/2012, 13:31
Località: SICILIA
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 22/03/2019, 02:06 
Morley ha scritto:
Penso che il Sole sia molto diverso da ciò che vogliono far bere ai loro fans, il plasma inteso come fuoco a temperature estreme sparerebbe via tutti i presunti gas, perchè occuperebbe l'intera sfera solare se il Sole non avesse nucleo pesante allo stato fuso.

Morley ha scritto:
Dici bene, le concentrazioni di idrogeno devono essere notevoli per una reazione nucleare, e non saprei proprio come una tale quantità di quel gas possa trovarsi tutta in un punto X prima della nascita di una stella, cosa la può convogliare? Sono tutte fantasticherie pure.

ti sembra che il Sole sia finto allora? e le altre stelle?
se c'è molto materiale sparso in un certo punto della galassia, in Orione si vedono nubi inimmaginabili dove ci sono sistemi in formazione, perchè non pensare che ad un certo punto la gravità aumenti perchè nella zona è presente un determinato e abbondante elemento diffuso= si chiama Idrogeno considerando ripeto l'abbondanza e le spinte delle esplosioni stellari fino a formare una massa critica per l'accensione stellare, si chiama, qui, Sole?
quindi prima la presenza di un elemento e poi a poco a poco la gravità una volta partita in qualche zona, ... che sicuramente non è distribuito uniformemente secondo valori fissi quindi, il che sarebbe ancora più assurdo, si aggrega a formare massa via via catturante atomi fino alla predetta massa critica, non parliamo di un atomo al metro cubo ovviamente...e considerare anche un altro fatto inimmaginabile, il tempo: milioni di anni!
e non accade solo qui, con la nasa o gli usa presenti...
al di là del problema formazione stellare e di cosa siano effettivamente
forse siamo come in un grande planetario?
... e a parte l'argomento "planetario" presumo col proiettore... ehm
... da un punto di vista religioso, ho letto, anni fa, che l'universo fosse un inganno...
non so se si trattasse di contestazioni diciamo complottistiche o invece qualcosa di più vicino a qualcosa di ortodossamente religioso
ma questo, ehm, merita un thread apposito...



_________________
Gli abortiti non sono figli della "libertà" di chi li ha uccisi.
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3624
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: Esistenza di pianeti pre nube solare
MessaggioInviato: 22/03/2019, 14:30 
Zelman, la chiesa pre-illuminista vedeva il cielo in un modo assai diverso da Giordano Bruno, e di eretici ne ha arsi molti, perchè?

Come vedi invece oggi tutti gli universalisti cosmici, anche "religiosi", "ignorano", cioè danno la morte civile a chi pone dubbi circa il loro assolutista modello illuminista; non ti pare c'è qualcosa di assai strano in questa dinamica?

Il volgo "addottorato" plaude all'universo di Copernico e di Galileo, quell'alienato volgo che sta distruggendo tutta la Terra con la tecnologia scientifica illuminista. Sbaglio?
Hai ragione, ci vorrebbe un topic apposito.

Tornando all'idrogeno, è l'unico gas che fugge dai pianeti grazie alla sua neutralità gravitazionale, dunque come potrebbe poi andarsi a concentrare in certe coordinate spaziali? Cosa lo attrarrebbe proprio là?

Miliardi o triliardi di anni non spiegano la faccenda, non è comprimendo l'idrogeno e innescando la detonazione che fai la bomba H, la fusione H in He inoltre presuppone il rapido esaurimento del combustibile ed una forte emissione di Elio date le temperature, quindi un rapido collasso della stella, che non rispecchia i miliardi di anni presunti.

Ci sono tante credenze che non quadrano.



_________________
Qualcuno vuole vedere che fine fanno i ribelli?
https://www.scambiofigu.net/host/up/8dcda1bfb827.jpg
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ] 

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 19/10/2019, 17:47
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org