Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 490 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 33  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Fatima: incontro ravvicinato del terzo tipo
MessaggioInviato: 17/03/2012, 17:44 
Ho cercato negli archivi di ufoforum delle discussioni su Fatima e sono rimasto stupito dal fatto di aver trovato solo una vecchissima discussione su quello che a mio parere è uno degli esempi più reali di incontri ravvicinati del terzo tipo con entità extraterrestri.

Moltissimi sanno come nel 1917 tre bambini pastorelli portoghesi Francisco e Giacinta Marto (9 e 7 anni) e la loro cugina Lucia dos Santos (10 anni), il 13 maggio 1917, mentre badavano al pascolo in località Cova da Iria (Conca di Iria), vicino alla cittadina portoghese di Fátima, riferirono di aver visto scendere una nube e, al suo diradarsi, apparire la figura di una donna vestita di bianco con in mano un rosario, che identificarono con la Madonna. Dopo questa prima apparizione la donna avrebbe dato appuntamento ai bambini per il 13 del mese successivo, e così per altri 5 incontri, dal 13 maggio fino al 13 ottobre.

Le apparizioni continuarono per un po' di tempo e furono accompagnate da rivelazioni su eventi futuri, in particolare: la fine della prima guerra mondiale a breve; il pericolo di una seconda guerra ancora più devastante se gli uomini non si fossero convertiti; la minaccia comunista proveniente dalla Russia, debellabile solo mediante la Consacrazione della nazione stessa al Cuore Immacolato di Maria.

Il 13 ottobre 1917 molte migliaia di persone, credenti e non credenti, riferirono di aver assistito ad un fenomeno che fu chiamato "miracolo del sole". Molti dei presenti, anche a distanza di parecchi chilometri, raccontarono che mentre pioveva e spesse nubi ricoprivano il cielo, d'un tratto la pioggia cessò e le nuvole si diradarono: il sole, tornato visibile, avrebbe cominciato a roteare su se stesso, divenendo multicolore e ingrandendosi, come se stesse precipitando sulla terra.

Occorre precisare, che già durante i due anni precedenti i tre fanciulli avevano assistito ad insoliti eventi, il primo nel 1915 quando, assorti nelle loro preghiere, videro sugli alberi della vallata una nuvola più bianca della neve, trasparente e dalle sembianze umane. L’anno seguente, mentre i bambini stavano per accingersi a pregare, videro improvvisamente giungere da Est, sopra il bosco, una luce splendente, bianca, che prese le sembianze di un ragazzo trasparente “più brillante di un cristallo penetrato dai raggi del sole e di celestiale bellezza”. Quella figura di luce comparve numerose volte, durante i mesi estivi, sempre nella valle della Cova da Iria. E fu qui che quel fatidico 13 maggio ai tre testimoni riunitisi con un certo numero di fedeli, in quanto avvertiti precedentemente da un “angelo” annunciatore, comparve una giovane donna luminosa che ritennero essere la Vergine Maria (va ricordato che i ragazzi del tutto analfabeti praticavano solo la piccola chiesa locale).

I veri fenomeni “sconcertanti”, però, avvennero durante la quinta e sesta (l’ultima) apparizione. Nella prima occasione, dov’erano presenti circa 20.000, subito dopo il passaggio del solito globo luminoso si verificò una pioggia di corpuscoli di colore bianco simile a fiocchi di neve che si dissolsero nell’aria prima ancora di toccare il terreno. Un fenomeno che fu ritenuto misterioso o comunque di carattere divino, ma che oggi grazie allo studio del fenomeno UFO è stato classificato con il termine di capelli d’angelo o bambagia silicea spesso riscontrata al passaggio di UFO. Il 13 Ottobre, invece, avvenne qualcosa di eclatante in quanto a testimonianza dell’incredibile evento furono presenti circa 60-70.000 persone. Quel giorno l’enorme folla ed alcune autorità ecclesiastiche nonché diversi giornalisti si era radunata per poter assistere al “miracolo” che era stato preannunciato, dalla signora di luce, il mese precedente. Ignara di cosa dovesse accadere, la folla fradicia a causa dell’incessante pioggia, guardava nel luogo dov’erano presenti i tre pastorelli. A mezzogiorno Lucia, dopo aver chiesto di chiudere gli ombrelli, invita tutti a guardare il “sole”, comparso dopo che le nubi si erano improvvisamente squarciate, che inizia a evoluire nel cielo. La folla atterrita osserva l’astro mutare in una ruota di fuoco che invia i suoi raggi di diversi colori in ogni direzione per poi discendere a zig-zag sulle proprie teste fermarsi per alcuni istanti e ripartire con un movimento spiraliforme verso il cielo per poi arrestarsi e riprendere la sua attività. Ma lo stupore non finì lì, dato che non solo i vestiti degli astanti ma perfino la terra, anch’essa zuppa d’acqua, risultavano “inspiegabilmente” asciutti.

Questa non è solo una teoria o un racconto. Questo è un fatto!

La chiesa lo ha riconosciuto come evento soprannaturale.

Di seguito alcuni link da cui ho preso spunto per questo topic.

http://www.aprilia2.com/index.php?optio ... d=3:ignoto

http://italia.pravda.ru/science/01-10-2006/3297-0/

http://profezie2012.myblog.it/tag/ufo.t ... i%20fatima

Ma allora mi domando:
- chi è veramente la Madonna di Fatima? La madre di Gesù Cristo? O un membro di una razza extraterrestre che ci osserva e tutela? [dalla descrizione dei pastorelli non sembra essere un grigio, più una pleiadana? o Ariano-nordica?]
- quale significato hanno le sue profezie e per quale motivo sono state rivelate?
- perchè a tre pastorelli?

Una possibile interpretazione vede in una razza extraterrestre, nota come ariano-nordici, i protagonisti della vicenda di Fatima. Essi sono responsabili anche di avvistamenti ufo contemporanei, e sono da diverso tempo residenti sul nostro pianeta presso basi sotterranee, retaggio della civiltà atlantidea, del cui impero facevano parte (p.es. triangolo bermuda?)

Potrebbero essere anche le prime avanguardie degli Anunnaki, antichi creatori dell'umanità, che ritornano sulla terra e che avvisano l'umanità degli errori cui sta andando incontro scegliendo tre pastorelli per diffondere il messaggio a livello universale sfruttando la religiosità e la diffusione capillare del cristianesimo nel mondo occidentale. Ma in tal caso dove sarebbero le basi degli Anunnaki, postulando che non abbiano avamposti nè sulla Luna nè sulla Terra?!

Se la bella signora vista dai pastorelli era una rappresentante della civiltà aliena nordico-ariana, quale era lo scopo dell'apparizione e delle profezie e quale ruolo hanno avuto i nordici negli eventi futuri?

Allora, più che una Anunnaka o una Nordico-Ariana, la bella signora di Fatima potrebbe essere una ambasciatrice Pleiadana che senza doppi fini volle intervenire in vista della possibile e probabile distruzione che il genere umano stava compiendo ai suoi stessi danni.

Obiettivo forse solo in parte riuscito...



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 37478
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: Brescia
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 19:41 
(Scappo ...)



_________________
Immagine Ex M/llo RADARISTA - (34 anni Difesa Aerea, Reparti Speciali dell'A.M.)
U.F.O: ASTRONAVI da altri MONDI ? (Prima pagina con indice): viewtopic.php?p=363955#p363955
Un Topic del sottoscritto; non è scienza ma nemmeno meno fede, è semplicemente un rapporto di fatti e COSE che sembrano avvenire nei nostri cieli. IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40210
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 20:47 
Cita:
Ufologo 555 ha scritto:

(Scappo ...)



Beh.... obiettivamente.... è molto più "razionale" l'ipotesi dell'entità extradimensionale che....
quella della Madonna in persona. Non credi? [:p]



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Non connesso


Messaggi: 1365
Iscritto il: 07/03/2010, 18:29
Località: Lucca
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 20:47 
Eehehhehehehe....
Vade retro...
Anche se, Massimo, molti eventi del genere andrebbero riqualificati ed attualizzati...

Marco1971.



_________________
Talpy, Lincy, Rossy e Trippy di Mamma Rossina. Gimpsy.
Silvestro...Briciola...Mamma Gojira e Bimbina.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 37478
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: Brescia
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 20:51 
Certo, ora gli UFO si mettono pure a far miracoli , a guarire la gente che beve l'acqua e a convertire; e tutto succede tutt'ora. Tutti matti, a migliaia! E la visione, in presenza di migliaia di persone, era solo per Bernadette! Strano!
Totò diceva: ..."ma mi faccia il piacere!" [:D]


Ultima modifica di Ufologo 555 il 17/03/2012, 20:55, modificato 1 volta in totale.


_________________
Immagine Ex M/llo RADARISTA - (34 anni Difesa Aerea, Reparti Speciali dell'A.M.)
U.F.O: ASTRONAVI da altri MONDI ? (Prima pagina con indice): viewtopic.php?p=363955#p363955
Un Topic del sottoscritto; non è scienza ma nemmeno meno fede, è semplicemente un rapporto di fatti e COSE che sembrano avvenire nei nostri cieli. IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40210
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 21:54 
Cita:
Ufologo 555 ha scritto:

Certo, ora gli UFO si mettono pure a far miracoli, a guarire la gente che beve l'acqua e a convertire;


Ufo?
Io ho parlato di entità extradimensionali....

Riguardo alla tua considerazione:
Hai mai sentito parlare di "autoguarigione"?

http://www.sarademaria.it/autoguarigioni-e-miracoli



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2302
Iscritto il: 03/12/2008, 21:09
Località: roma
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 22:22 
Cita:
Ufologo 555 ha scritto:

Certo, ora gli UFO si mettono pure a far miracoli , a guarire la gente che beve l'acqua e a convertire; e tutto succede tutt'ora. Tutti matti, a migliaia! E la visione, in presenza di migliaia di persone, era solo per Bernadette! Strano!
Totò diceva: ..."ma mi faccia il piacere!" [:D]


[:D]



_________________
"Bisogna cercare orizzonti lontani non solo per scopi pragmatici, ma perché l'immaginazione e l'anima vengano nutrite dalla meraviglia e dalla bellezza".
Verner Von Braun,1972
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6091
Iscritto il: 11/07/2009, 14:28
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 22:39 
Cita:
Thethirdeye ha scritto:

Cita:
Ufologo 555 ha scritto:

(Scappo ...)



Beh.... obiettivamente.... è molto più "razionale" l'ipotesi dell'entità extradimensionale che....
quella della Madonna in persona. Non credi? [:p]

Ecco una bella discussione attinente...come al solito con molti video interessanti scomparsi...
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ ... =,salvador



_________________
Immagine
"Dentro di noi abbiamo tutte le risposte, eppure proprio quando pensiamo di averle riscoperte ci sfuggono via, proprio come un sogno al risveglio che la mente non riesce a mantenere nitido e inesorabilmente si dissolve..."
Angeldark
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1628
Iscritto il: 26/11/2011, 18:31
Località: Ancona
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 22:39 
Qui però non si vuole affrontare il discorso alla radice: Mai.
Ok, esiste Dio, ma le apparizione mariane come le spieghiamo? Maria non è Dio né una divinità femminile, ergo deve essere una qualche "entità" extradimensionale, resta da vedere se essa sia effettivamente lo "spirito" della madre di Gesù e moglie di Giuseppe vissuta a cavallo dell'anno zero.
Concordiamo su questo, e sulla grande nebulosità di tutto ciò?



_________________
Mi spinsi nel futuro quanto mai occhio umano, le meraviglie vidi di quel mondo lontano

Alfred Tennyson - Locksley Hall


«All’Italia è mancata una riforma protestante e una sana borghesia calvinista»
Mario Monti
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 8203
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 22:43 
Cita:
Ufologo 555 ha scritto:

Certo, ora gli UFO si mettono pure a far miracoli , a guarire la gente che beve l'acqua e a convertire; e tutto succede tutt'ora. Tutti matti, a migliaia! E la visione, in presenza di migliaia di persone, era solo per Bernadette! Strano!
Totò diceva: ..."ma mi faccia il piacere!" [:D]



Ma cosa c'entra Bernadette di Lourdes ????

Il rilievo di Atlanticus è notevole e va approfondito.


Notevole la connessione con molti episodi Biblici ,

vedi gli studi di Biglino.

Poi sapendo benissimo che non riconosciamo niente di vero

nei Vangeli
, questo è un avvenimento dove entrano in scena forze

extradimensionali .



zio ot [;)]



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Premio Coerenza e ProfessionalitàPremio Coerenza e Professionalità

Non connesso


Messaggi: 12510
Iscritto il: 30/11/2006, 09:44
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 22:47 
LA QUARTA VEGGENTE
http://www.eugeniosiragusa.com/t329-la-quarta-veggente

Un importante contributo allo studio degli aspetti ufologici degli eventi di Fatima è stato fornito da due studiosi portoghesi: il giornalista Joaquim Fernandes e la dottoressa in storia Fina D'Armada. In un libro pubblicato nel 1982 e intitolato «Intervento Extraterrestre a Fatima», essi hanno esposto i risultati di sei anni di meticolose ricerche sull'argomento. L'interesse maggiore dell'opera risiede nel fatto che i due autori, oltre ad aver raccolto un centinaio di testimonianze dirette, hanno potuto anche consultare i documenti originali sulle apparizioni, in particolare i verbali dei primissimi interrogatori fatti ai tre veggenti in sede parrocchiale, allorché la memoria delle visioni e l'impressione ricevutane erano ancora, in loro, vive ed immediate. Sono cosi emersi particolari inediti suscettibili non solo di colmare le lacune esistenti nella successione e nella descrizione degli eventi, ma anche di dare ulteriore e forse decisivo sostegno alla tesi che a Fatima si manifestarono fenomeni di apparenza ufologica. Purtroppo il libro non è stato tradotto in italiano (né, per quanto mi risulta, in nessun'altra lingua europea), e non è escluso che il motivo della riluttanza degli editori sia da individuare in quell'aggettivo «extraterrestre» che i due autori, poco felicemente a mio avviso, hanno utilizzato nel titolo. Una cosa, infatti, è far vedere che esistono analogie tra alcuni «prodigi» osservati a Fatima e certi fenomeni ufologici, e tutt'altra cosa è interpretare gli uni e gli altri come il manifestarsi di un'attività extraterrestre. Ciascuno, beninteso, è libero di avere e di esprimere le proprie opinioni personali, ma se si vuol fare un'opera di storia e di documentazione, come certamente hanno inteso fare Fernandes e D'Armada, è indispensabile limitarsi a riferire i dati per quelli che sono ed evitare di interpretarli alla luce di una determinata teoria, soprattutto quando tale teoria risulta indimostrabile. Non è possibile sintetizzare in un articolo un volume di oltre 450 pagine. Mi limiterò quindi, in questa sede, a riferire i risultati più interessanti (inediti) delle ricerche compiute dai due studiosi portoghesi.



La descrizione della «Madonna»


A pagina 33 del loro libro, Fcmandes e D'Armada riepilogano i dati descrittivi dell'entità di Fatima ricavati dai primi interrogatori fatti ai tre veggenti dal parroco del paese. Eccone la traduzione integrale: «Era una persona di apparenza femminile, molto bella, circonfusa di una luce abbagliante. Alta circa un metro e dieci, mostrava un'età compresa fra 12 e 15 anni. Indossava una gonna stretta, un corpetto e un manto o cappa. Le vesti erano bianche, ma la gonna ed il manto presentavano una variegatura di fili dorati che, intersecandosi, creavano una sorta di Reticolato'. Il corpetto aveva due o tre strisce ai polsi. Sul capo portava qualcosa che le nascondeva i capelli e gli orecchi. Gli occhi erano neri. Aveva dei cerchietti ai lati del collo e un globo luminoso nella mano sinistra tenuta all'altezza della vita. Arrivava dall'alto e scompariva poco a poco in senso inverso. Non mostrava alcuna motilità facciale. Parlava senza muovere le labbra e si spostava senza articolare le gambe. Muoveva soltanto, di quando in quando, le mani. Quando partiva, girava le spalle ai veggenti ». E interessante notare come certe caratteristiche descrittive della «signora» di Fatima si ritrovino nelle entità umanoidi associate agli ufo. Sulla rivista francese«Ouranos» n° 25 (primo trimestre 1979, pag. 35) figura per esempio il disegno di un tipo di entità osservato più volte, che presenta due di queste caratteristiche: la veste a «reticolato», e il «globo luminoso» nella mano.





Arrivo e partenza della «Madonna»


I documenti esaminati, scrive J. Fernandes in un suo articolo apparso sulla «Flying Saucer Review» (Voi. 28, n° 6, pag. 10), ci consentono di affermare che l'entità apparentemente femminile di Fatima veniva trasportata da un fascio di luce di forma tronco conica proiettato verso il basso e ritirato verso l'alto in modo graduale, e la cui fonte era probabilmente una «nube» dal comportamento anomalo (si spostava contro vento). L'esistenza di questo fascio di luce non è soltanto una illazione dei due studiosi portoghesi. Alle pagine 113 e 114 del loro libro, essi riportano al riguardo una testimonianza diretta: quella di certo Gilberto dos Santos che vide, in due distinte occasioni (13 settembre e 13 ottobre), «un fascio di luce che, dall'alto, arrivava fino al leccio delle apparizioni ». Egli lo definisce proprio con il termine «strada». «Mentre i tre pastorelli stavano inginocchiati con lo sguardo rivolto verso l'apparizione — racconta il testimone — mi accorsi che essi e il leccio si trovavano all'interno di un cerchio luminoso trasparente e iridato (i colori non erano però a bande come nell'arcobaleno, bensì mescolati in una sorta di amalgama) che costituiva il punto terminale di una strada di luce colorata proveniente dal cielo. Quando, alla fine dell'apparizione, i veggenti si alzavano, la strada di luce cominciava ad estinguersi poco a poco, dal basso verso l'alto, e scompariva completamente in pochi secondi». Nelle sue «Memorie», Lucia ha confermato questo fatto. Le caratteristiche del fascio di luce tronco conico, scrive Fernandes nell'articolo sopra citato, ricordano da vicino il fenomeno della «luce solida» più volte descritto nei rapporti-ufo. La casistica ufologica offre anche diversi esempi di «entità» che discendono dall'ufo e / o vi risalgono attraverso una «strada di luce ». Nel libro (pp. 115-116) viene citato, fra gli altri, il caso di lmjàrvi, villaggio finlandese nei pressi della città di Heinola, del 7 gennaio 1970. Descrizione del «Sole» Fernandes e D'Armada presentano nel loro libro (pp. 174-175) un campionario delle espressioni usate dai testimoni oculari per descrivere l'aspetto del «Sole» protagonista del «miracolo» del 13 ottobre 1917. In esse si parla proprio di un «disco argenteo» che si sovrappone all'astro e poi se ne distacca per abbassarsi sulla folla. Ecco il campionario: «Uno schermo argentato di forma rotonda»; «Il Sole pareva trasparente: dietro di esso si poteva infatti scorgere il cielo»; «Il Sole era come la Luna, ma molto più grande»; «Il Sole dava luce e calore e appariva nitido, a bordi netti»; «Vidi il Sole come un disco di argento opaco»; «Un disco molto luminoso, azzurro argenteo., che riprese il suo colore naturale quando cominciò a roteare»; «Il Sole argenteo si vide roteare e girare su se stesso»; «D'improvviso un disco luminoso che tutti potevano fissare...»; «Vidi il Sole come se fosse una palla di fuoco»; «Il globo solare sembrava un disco metallico, come d'argento».





Un'ipotesi esplicativa del «miracolo del Sole»


Dopo aver descritto in dettaglio le varie fasi del «miracolo solare» sulla base delle testimonianze raccolte e dei documenti consultati, Fernandes e D'Armada suggeriscono una loro ipotesi esplicativa del fenomeno. Si tratta di un'ipotesi ufologica. In quanto tale, essa appare giustificata, viste le analogie tra i fenomeni osservati a Fatima ei fenomeni ufo. Molto meno giustificata appare invece, a mio parere, la connotazione extraterrestre che i due autori hanno esplicitamente dato al concetto di ufo. Essi avrebbero infatti dovuto tener presente che se l'esistenza del fenomeno ufo è un fatto documentabile, la sua origine extraterrestre è invece proponibile in linea esclusivamente ipotetica, e quindi sostenibile solo a titolo di convinzione personale. Ecco, comunque, la «spiegazione» proposta dai due studiosi portoghesi (pp. 278-279 del libro): Prima fase. Una «nuvola» peculiare appare nel cielo, proveniente da est. Da essa, che nasconde un'astronave-madre, viene liberato a metà percorso fra est e sud (posizione in cui si trova il Sole) un globo argenteo dal quale scaturisce un fascio di luce tronco destinato a trasportare l'entità celeste fino al piccolo leccio. Seconda fase. Mentre si svolge il dialogo fra i veggenti e la «signora», la gente osserva a intervalli di 3 o 4 minuti il globo argenteo che appare e scompare nella «nube». Terza fase. Finito il dialogo, l'entità viene ritirata con lo stesso procedimento dell'invio, e rientra nel globo argenteo. Allora la «nube» si sposta nel cielo fino a posizionarsi davanti al Sole. Uno dei testimoni racconta di aver visto una «scala» in prossimità dell'astro: involontariamente, costui descrive quella che è in effetti l'astronave madre, cioè un ufo a forma di «sigaro» con oblò. Quarta fase. Provenendo dall'astronave, che controlla l'intero fenomeno, gli ufo cominciano a far dissipare le nubi che avvolgono il Sole, specialmente quelle a media e bassa quota. Piove. La massa di nubi, illuminata a tratti da rapidi bagliori solari, si fende lasciando apparire un disco luminoso, forse lo stesso osservato poco prima. Quinta fase. Questo disco o globo si distacca dallo sfondo del cielo lungo la verticale Sole-Cova da Iria, e comincia ad eseguire i diversi movimenti descritti dai testimoni. Sesta fase. Il disco si abbassa fino a una trentina di metri dal suolo, sempre mantenendosi su una traiettoria orientata sud-nord, e libera sulla folla l'onda di calore che asciuga i vestiti e il terreno e provoca la guarigione di alcuni malati. Settima fase. L'ufo risale in quota e riprende la sua luminosità; forse diventa anche trasparente, se dobbiamo accettare la testimonianza di alcune persone che credono di aver visto, nel suo interno, delle entità in atto di salutare la folla. Ottava fase. Lo pseudo-Sole rientra nell’astronave-madre, che si allontana dalla verticale del Sole.






Località dalle quali fu osservato il «miracolo del Sole»


Fernandes e D'Armada hanno potuto accertare che il «miracolo del Sole » fu osservato, oltre che dalla Cova da Iria, anche da diverse località più o meno distanti. I due autori ritengono che in cinque di queste località le osservazioni avvennero contemporaneamente a quella del luogo delle apparizioni, mentre in altre tre, più lontane, avvennero un poco prima o poco dopo. Le località di osservazione simultanea sarebbero state (pp. 240-244 del libro):
1) Alburitel, a circa 13 chilometri in linea d'aria ad est di Fatima. Fra le testimonianze figura quella del rev. Ignazio Pereira citata nel mio rapporto.
2) Minde, villaggio a circa 12 chilometri a sud ovest di Fatima. Un pastore riferì di aver visto «il Sole che cadeva dal cielo».
3) Aljustrel, il paese dove abitavano i tre veggenti. Un testimone vide il Sole multicolorato e tanto «basso» che «arrivò quasi a terra».
4) Leiria, cittadina a circa 20 chilometri a nord ovest di Fatima. Fu visto un «gran fuoco di luce vermiglia ».
5) Torres Novas, a circa 18 chilometri a sud est di Fatima. In una lettera ad un'amica, una testimone oculare riferì di aver visto «qualcosa», ma senza precisare che cosa.
Le località di osservazione «non simultanea » sarebbero state invece San Fedro de Muel, Granja e Paqo de Arcos (pp. 245-247). La prima, citata anche nel mio rapporto, si trova a circa 35 chilometri a nord ovest di Fatima, e riguarda la testimonianza del poeta Lopez Vieira; le altre due sono molto più lontane: Granja a circa 165 chilometri (!!) a nord, presso Oporto; e Paco de Arcos a circa 120 chilometri (!) a sud ovest, vicino a Cascais. Fernandes e D'Armada dubitano a ragione che da luoghi così distanti, soprattutto da Granja e Paco de Arcos, sia stato possibile vedere il prodigio del «Sole rotante» di Fatima. Si tenga presente, a titolo di confronto, che da Leiria, e cioè da soli 20 chilometri di distanza, tutto quello che si poté osservare fu un «fuoco di luce vermiglia ». Secondo i nostri autori, le testimonianze (tutte indirette) provenienti dalle tre località in parola potrebbero riferirsi a fenomeni precedenti o seguenti il «miracolo solare» vero e proprio. A sostegno di questa tesi, Fernandes e D'Armada ci informano che lo pseudo- Sole di Fatima, ovvero l'oggetto volante discoide, non solo fu osservato dalla Cova da Iria prima del «grande miracolo » (si veda, più sopra, la «seconda fase» della ricostruzione del fenomeno solare da loro proposta), ma anche «dopo » la conclusione del miracolo stesso. Viene riferita in proposito la testimonianza (diretta) di persone che videro lo pseudo-Sole nel cielo anche quando, di ritorno da Fatima, stavano rincasando; diversi minuti dopo, quindi, la fine del fenomeno principale. Personalmente ritengo che le testimonianze di Granja e Paco de Arcos abbiano poco o punto valore: per località cosi lontane, infatti, il problema non mi sembra tanto quello di stabilire la simultaneità o meno delle osservazioni, quanto quello di ammetterne addirittura la possibilità. Ad oltre 100 chilometri di distanza, né la «danza del Sole» né le evoluzioni del presunto «disco argenteo» che la precedettero e la seguirono, potevano essere percepibili ad occhio nudo.




L'area interessata dagli effetti secondari


Gli effetti secondari manifestatisi a Fatima il 13 ottobre 1917 durante il «prodigio solare» furono, com'è noto, una forte sensazione di calore e l'asciugamento istantaneo degli abiti e del terreno inzuppati di pioggia. Fernandes e D'Armada hanno messo in evidenza un terzo effetto: la guarigione improvvisa di alcuni malati cronici (pag. 226 del loro libro). Ma la loro scoperta più significativa fatta in proposito dai due autori è un'altra, e cioè che questi effetti secondari non interessarono l'intera Cova da Iria e tutte le 60.000 persone ivi presenti, bensì furono avvertiti e constatati soltanto da quella parte di folla che, al momento del «prodigio», si trovava entro una fascia di terreno ben delimitata. Tale fascia, larga una settantina di metri e includente il leccio delle apparizioni, attraversa la Cova da Iria da sud a nord, e corrisponde alla traiettoria percorsa dallo pseudo-Sole nella fase di massimo avvicinamento al suolo (pp. 290-291 del libro). Ciò dimostra che tra gli effetti avvertiti e lo pseudo-Sole ci fu una stretta correlazione, e dimostra anche, quindi, che il «grande miracolo» del 13 ottobre 1917 fu un fenomeno oggettivo.





La quarta veggente


Nel corso delle loro indagini, Fcrnandes e D'Armada hanno accertato che a Fatima, nel 1917, i veggenti furono quattro e non tre come si era sempre creduto (pp. 361-373 del libro). La quarta veggente si chiamava Carolina Carreira e aveva allora 12 anni. La sua esperienza fu però del tutto indipendente da quella degli altri pastorelli. 11 28 luglio 1917 Carolina si trovava nella Cova da Iria a badare le pecore, e con lei c'era una bimba di 7 anni di nome Concetta, originaria di Espite (cittadina a circa 17 chilometri a nord di Fatima). All'improvviso entrambe scorsero, vicino al leccio delle apparizioni, un «piccolo essere» dell'apparente età di 10-11 anni, dai capelli biondi fluenti sulle spalle, vestito di un abito bianco lungo fino ai piedi. Nel contempo Caterina (ma non Concetta) percepì dentro di sé, forse per telepatia, una voce che le diceva ripetutamente: «Vieni qui a dire tre Ave Maria... vieni qui a dire tre Ave Maria...». In seguito la madre di Carolina pregò Lucia, la veggente che parlava con la «Madonna», di chiedere a quest'ultima chi fosse la «entità» vista dalla figlia. La «Madonna» rispose che si trattava di un «angelo». Fernandes e D'Armada considerano questo episodio una delle loro scoperte più importanti, e forse lo è ai fini di una migliore comprensione dell'atmosfera sacrale diffusasi all'epoca nella zona di Fatima. Meno importante, a mio parere, è invece l'episodio dal punto di vista che più ci interessa in questa sede, vale a dire quello ufologico. Sarebbe infatti difficile individuare, nella testimonianza di Carolina Carreira, un qualsiasi elemento sicuramente riferibile alla fenomenologia ufo; tutto invece induce a pensare che si sia trattato di un'esperienza paranormale innescata dall'entusiasmo mistico di quel particolare periodo.




Per concludere


I dati forniti da J. Fernandes e F. D'Armada con la loro inchiesta su Fatima sono certamente preziosi. Alcuni, come ho già detto all'inizio, sono probabilmente decisivi per dimostrare che le apparizioni avvennero in uno scenario di aspetto tipicamente ufologico. Ciò, tuttavia, non serve a modificare di una virgola quanto detto in precedenza : che cioè gli eventi accaduti a Fatima nel 1917 rimangono per noi incomprensibili anche dopo averne constatato l'apparente nesso ufologico. Suggerire, come hanno fatto i due studiosi portoghesi, che tutto diventi spiegabile ammettendo un «intervento extraterrestre » mi sembra illusorio. A parte, infatti, l'arbitrarietà di un'ipotesi (la extraterrestre) che richiede a sua volta di essere dimostrata, quale significato avrebbe l'operato dei presunti agenti alieni? Operato, si badi bene, che non è limitato a Fatima: ne esistono, notoriamente, molti esempi precedenti e seguenti; sembra anzi che sia in atto un vero e proprio programma di «catechizzazione » destinato ad intensificarsi con il tempo. Le apparizioni «mariane», negli ultimi anni, stanno diventando «epidemiche »: Medjugorje, Kibeho, Schio, Carpi, Cittadella di Padova, Oliveto Citra, Flaminiano, Belpasso, Crosia, sono soltanto alcuni dei moltissimi eventi «mariani» verificatisi negli ultimi anni . In tutti questi casi la manifestazione religiosa è sempre risultata accompagnata, come a Fatima, da fenomeni di tipo ufologico (soli rotanti, luci nel cielo ecc..).

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
Sulla storia de«e apparizioni di Fatima — l Gonzaga
Da Fonseca. Le meravigli* dt Fatima. Ediz. Paolina
1965. — G. Renault. Fatima Espérance du Monte. Pton
1957. Sugli aspetti ufologici dei prodigi di Fatima —
Paul Thomas. Les Extraterresti. Pk>n 1962; — Paul
H m K Des Stgnes óans te GW, Laòergene 1968. Per
la casistica ufologica: - NICAP. The Ufo Evidence
Washington 1964. — 0 Keyhoe. La vehtà sui dischi
volanti, Atlante 1954; — A. Michel. L enigma dei dischi
volanti. Massimo 1965; - A Michel. Mystéheox Ob-
/ets C#estes. Arthaud 1958. — E Ruppelt. Face aux
soucoupes volantes. Franca Empire 1958



_________________
« Nel regno di chi cerca la verità non esiste nessuna autorità umana. Colui che tenta di recitarvi la parte di sovrano avrà a che fare con la risata degli dei » (Albert Einstein)

« Non dubitate che un piccolo gruppo di cittadini coscienti e risoluti non possa cambiare il mondo. In fondo è cosi che è sempre andata »
(Margaret Mead)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Premio Coerenza e ProfessionalitàPremio Coerenza e Professionalità

Non connesso


Messaggi: 12510
Iscritto il: 30/11/2006, 09:44
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 22:57 
I fenomeni BVM(Beata Vergine Maria):
http://www.scribd.com/doc/47781515/B-V- ... DO-MALANGA



_________________
« Nel regno di chi cerca la verità non esiste nessuna autorità umana. Colui che tenta di recitarvi la parte di sovrano avrà a che fare con la risata degli dei » (Albert Einstein)

« Non dubitate che un piccolo gruppo di cittadini coscienti e risoluti non possa cambiare il mondo. In fondo è cosi che è sempre andata »
(Margaret Mead)
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1628
Iscritto il: 26/11/2011, 18:31
Località: Ancona
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 23:14 
ma nessuno si è mai posto almeno questa semplice questione: che l'iconografia è quella tradizionale di rilievi e libri... Indossano quelle vesti per farsi meglio riconoscere? razionalità gente, cerchiamo di capire, esistono sti fenomeni? bene, capiamoli, e non diciamo semplicemente, va be' è così, sono gli angeli.. ecc. e fine. Capiamo, se ci sono, e se non ci sono, capiamo che non ci sono.



_________________
Mi spinsi nel futuro quanto mai occhio umano, le meraviglie vidi di quel mondo lontano

Alfred Tennyson - Locksley Hall


«All’Italia è mancata una riforma protestante e una sana borghesia calvinista»
Mario Monti
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 40210
Iscritto il: 22/06/2006, 23:58
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 17/03/2012, 23:45 
Cita:
Raziel ha scritto:

ma nessuno si è mai posto almeno questa semplice questione: che l'iconografia è quella tradizionale di rilievi e libri... Indossano quelle vesti per farsi meglio riconoscere? razionalità gente, cerchiamo di capire, esistono sti fenomeni? bene, capiamoli, e non diciamo semplicemente, va be' è così, sono gli angeli.. ecc. e fine. Capiamo, se ci sono, e se non ci sono, capiamo che non ci sono.


Io sono per questa tesi:

"Altre volte venimmo sul pianeta, nelle forme che ciascuno di voi che incontrammo desiderava concretizzare. Parlarono di noi, e ad ognuno fu imposto il silenzio. Il segreto di Fatima, custodito gelosamente insieme ad altri dello stesso tipo, è quello della nostra esistenza. Non siete gli unici abitanti dell'universo, ed esistono infiniti universi. Una verità di questo genere avrebbe modificato l'assetto politico, sociale e religioso del vostro pianeta e per questo fu sepolta nella menzogna e nel mistero. Ora è finito il tempo dei segreti".

Tratto da: http://odearea-n.blogspot.it/


Quindi nessuna Madonna... ma solo entità extradimesionali che, sin dalla notte dei tempi, si sono manifestate sotto varie forme, per completare quel processo evolutivo complementare (cioè spirituale) da loro stessi iniziato (sul piano fisico e quindi sul "piano della materia") con la c.d. "manipolazione genetica antidiluviana". Lo so che rischio di risultare impopolare ma... mi sembra davvero la tesi più verosimile. Certamente più verosimile di quella che affibia a questa fenomenologia la presenza di discutibilissime "icone religiose".



_________________
"…stanno uscendo allo scoperto ora, amano annunciare cosa stanno per fare, adorano la paura che esso può creare. E’ come la bassa modulazione nel ruggito di una tigre che paralizza la vittima prima del colpo. Inoltre, la paura nei cuori delle masse risuona come un dolce inno per il loro signore". (Capire la propaganda, R. Winfield)

"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

UfoPlanet Informazione Ufologica - Ufoforum Channel Video
thethirdeye@ufoforum.it
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 8203
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 18/03/2012, 00:09 
Cita:
Quindi nessuna Madonna... ma solo entità extradimesionali che, sin dalla notte dei tempi, si sono manifestate sotto varie forme, per completare quel processo evolutivo complementare (cioè spirituale) da loro stessi iniziato (sul piano fisico e quindi sul "piano della materia") con la c.d. "manipolazione genetica antidiluviana". Lo so che rischio di risultare impopolare ma... mi sembra davvero la tesi più verosimile. Certamente più verosimile di quella che affibia a questa fenomenologia la presenza di discutibilissime "icone religiose".



QUOTO.


zio ot [;)]



_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 490 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 33  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 18/10/2017, 05:59
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org