Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 37 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Svelato il nome dell'autore delle Piramidi?
MessaggioInviato: 22/05/2012, 19:39 
Ho scovato in rete questo articolo dedicato all'ardito esperimento di Armando Mei, giornalista e scrittore, appassionato di civiltà antiche autore del libro dal titolo "Giza: le Piramidi Satellite ed il Codice Segreto”, che svelerebbe il nome di colui che costruì (o fece costruire) le Piramidi di Giza.

Credo sia meritevole di attenzione e di approfondimento.

Cita:
Fonte: http://meimor-antichecivilta.blogspot.i ... di-di.html

Ecco chi ha costruito le piramidi di Giza

Si tratta di una delle scoperte più importanti degli ultimi decenni. Finalmente, dopo secoli di incertezze e ipotesi inattendibili, abbiamo scoperto chi ha voluto realizzare uno dei complessi più importanti della storia dell'uomo.

La scoperta è stata conseguita dal Team del Progetto Tau-T, completamente autofinanziato e di matrice italiana, che da quasi dieci anni dedica la propria attività allo studio del complesso monumentale di Giza, cercando di individuarne non solo il Progetto Unitario (ovvero associare tutti i monumenti presenti nell'area valutandone, su basi scientifiche, l'appartenenza al progetto originario di Giza), ma anche gli scopi per cui i complessi furono costruiti. Il tutto fuori dagli schemi ormai obsoleti dell'Egittologia cosiddetta "accademica".

Ebbene, il Team dopo meticolosa analisi tecnico-scientifica ha conseguito un risultato davvero straordinario: abbiamo scoperto che sulla Piana di Giza è inciso a caratteri tridimensionali il nome dell'Autore delle Piramidi!

* * *

La storia ufficiale dell’Egitto Dinastico, soprattutto per quanto riguarda il periodo riferito all’Antico Regno, dimostrerebbe che quella terra è stata “isolata” dalle influenze delle altre civiltà a causa delle particolari condizioni geografiche in cui si è sviluppata. Completamente isolata a sud-ovest dalla presenza del deserto, “protetta” dal mare a nord in un periodo in cui la navigazione finalizzata a scopi militari era allo stato primordiale e, infine, difeso ad est dal Nilo. Queste caratteristiche hanno, in un certo senso, protetto il Paese da invasioni o da contatti culturali e commerciali tali da poterne influenzare l’evoluzione nei vari aspetti della vita quotidiana. Eppure, la religione Egizia è intrisa di miti che hanno una chiara e straordinaria similitudine con quelli Sumeri. Perché?

In realtà, se si dovesse partire dal presupposto - ormai arcinoto visto che i libri di scuola ne sono testimonianza – che l’Egitto Dinastico si è evoluto secondo i canoni ufficiali a partire dal 3.100 a.C. e che ha raggiunto, durante la IV Dinastia, il massimo splendore con l’edificazione del complesso monumentale di Giza, allora la similitudine con altre culture sarebbe davvero inspiegabile. Viceversa, se allarghiamo gli orizzonti e si comincia a prendere coscienza del fatto che l’Egitto dinastico sia stato fortemente influenzato da un retaggio ereditato da una Civiltà precedente, allora in questo caso la questione diventa senz’altro più chiara e meno intricata.

Una delle cause di conflitto tra correnti di pensiero, ad esempio, riguarda gli interni della Grande Piramide. Non certamente sulle ragioni per cui sono stati costruiti in quel modo, seguendo delle articolazioni complesse da renderli praticamente unici al mondo, bensì sui motivi per cui all’interno del monumento non esiste lo straccio di un geroglifico!

Sappiamo, che una delle caratteristiche principali che ha reso famosi gli Egizi è proprio la scrittura, una sintesi di abilità artistica e di complessità linguistica davvero notevole. Eppure, i monumenti per eccellenza che rappresentano un elemento distintivo dell’Egitto in tutto il mondo sono stati “esentati” dall’arte lessicale degli scribi.

Si è discusso molto, dei simboli rinvenuti dietro la "porta di Gantenbrink" eppure, anche quei simboli sembrano essere evidentemente frutto di ben altra cultura e non certo ascrivibili a forme di scrittura in uso durante il periodo dinastico.

Così, partendo da queste brevissime premesse (ma ci sono ulteriori elementi fondamentali che non richiamiamo per ragioni di spazio) ci siamo concentrati sulla disposizione delle Piramidi di Giza sulla Piana. Se le Piramidi erano state costruite per trasmettere un ulteriore messaggio, era doveroso analizzare tutto seguendo una linea improntata alla logica razionalità.

Pertanto la prima operazione è stata quella di “leggere” la disposizione delle piramidi.


Immagine


Quindi ci siamo tempestati di domande sulle procedure da adottare e su quali potessero essere le tecniche utilizzate dai costruttori per tramandare un messaggio attraverso la scrittura dei simboli.

Abbiamo deciso, così, di allineare le piramidi in orizzontale, disponendole secondo un ordine cardinale verso est e mantenendo la configurazione per ciascun complesso senza alterarne l’originalità.

Abbiamo quindi lavorato sull’immagine, trasferendo la Grande Piramide e la Terza sulla stessa linea che segue la Seconda Piramide.


Immagine

Non ce ne vogliano gli amanti dell’ortodossia e dell’estetica, ma riteniamo che qualsiasi revisione possa essere utile alla ricerca se non comporta danni. E, per nostra coscienza, sapevamo che la manomissione di un’immagine non avrebbe certo arrecato danni all’archeologia.

A questo punto non ci rimaneva che trovare l'anello di congiunzione tra l'Egitto e la terra di Sumer ed, in particolare, alla famosissima scrittura cuneiforme.

Così, abbiamo tratteggiato delle linee che congiungessero gli angoli estremi della facciata sud della terza Piramide, ricavandone un simbolo “apparentemente” cuneiforme… abbiamo fatto la stessa cosa con le piramidi satellite… e poi la stessa cosa con la seconda Piramide… ed infine con la Grande Piramide…

L’immagine che ne avevamo ricavato ci sembrava particolarmente curiosa; disegnate in quel modo le Piramidi sembravano effettivamente una scrittura cuneiforme tridimensionale…


Immagine


Ci siamo messi immediatamente alla ricerca di un alfabeto cuneiforme che potesse soddisfare la nostra curiosità…

Il primo simbolo analizzato è stato quello della Terza Piramide. Abbiamo verificato se esiste nell’alfabeto sumero un simbolo cuneiforme che avesse un “triangolo” rivolto verso il basso… Solo alcuni secondi e la prima risposta all’interrogativo veniva soddisfatta! Esiste davvero un simbolo nella scrittura sumera con quelle caratteristiche ed è associato, nel nostro alfabeto, alla lettera “G”.

Siamo passati alla seconda verifica. Questa volta alle piramidi satellite della Terza Piramide… tre cunei rivolti verso il basso… anche in questo caso ci siamo trovati in presenza di un simbolo fonetico corrispondente alla lettera “L” del nostro alfabeto.

Il terzo simbolo, quella ottenuto con la Seconda Piramide ha fornito come risultato, il simbolo fonetico corrispondente alla nostra lettera “Z”. Mentre la Grande Piramide e le sue satellite restituivano le lettere corrispondenti al nostro alfbeto "T" e "H"...

Immagine

Ecco la sequenza ottenuta:

GL Z TH

Ora, è giunto il momento di ricostruire il messaggio…

In sumero, le lettere si leggono nel seguente modo:

GaL Zu TeHu

Che in lingua Italiana corrisponde esattamente alla seguente frase:

Il Grande Sapiente Toth

Ovvero, “Thot il Grande Sapiente”, il Guaritore, lo Scriba degli Dei, l’inventore della scrittura, della matematica e del calendario, il più Saggio tra le divinità egizie creatrici e, non ultimo, il Grande Architetto della Piana di Giza… colui il quale ha voluto rendere alla Storia la figura immortale del suo divino Re, Osiride e della sua consorte, Iside. Pur nella tragica esperienza narrata, Thot è colui che ha tenuto saldo il destino dell’Egitto aprendo la strada alla prima successione semidivina, attraverso il figlio “illegittimo” Horus.

Nella “Terra che Porta il mio Nome” è scritto nei testi ermetici, e la terra che porta di nome di Thot è esattamente Giza!

Armando Mei & Monica Benedetti
Progetto Tau-T

Per ulteriori dettagli sui contenuti rimandiamo al libro di prossima pubblicazione: "Oltre le Nebbie del Tempo"


Il tutto ovviamente implica l'edificazione delle piramidi a un tempo di molto precedente la datazione ufficiale, forse addirittura a un tempo 'antidiluviano'.

E ancora una volta il nome di Thoth e del suo figlio Horus tornano alla ribalta nelle teorie 'alternative' avanzate dai ricercatori controcorrente.

Di Horus, della sua importanza e del suo messaggio che travalica i confini del tempo ho parlato nel thread "L'Occhio di Horus"

http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=12596

Ma se le origini di Iside, di Osiride, di Thoth e di suo figlio Horus sono riconducibili ai miti storici sumeri e a un tempo molto più antico, allora possiamo pensare a questi come a divinità sumere (Anunnaki) semplicemente chiamati dalle genti dell'antico egitto con nomi diversi.

Affascinante allora pensare, in accordo con le teorie sostenute dalle mie ricerche alla famiglia reale divina egiziana come a quei superstiti di quel fenomenale esperimento sociale chiamato "Rinascita", che viene immediatamente dopo al cataclisma che cancella 'Atlantide' mettendo fine all'età dell'oro antidiluviana.

http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=12280

Ma allora quali sono le equazioni che collegano gli 'dei' dell'antico egitto con le divinità anunnake sumere?

Possiamo identificare:

Thoth con Enki?

Horus con Marduk?

Seth con Enlil?

O stiamo parlando di altri soggetti, comunque collegati agli Anunnaki, che rivestivano il ruolo di reggenti dello stato egizio nell'ambito di un più vasto impero colonia di Atlantide, visto che stiamo collocando l'intero evento a più di 10.000 anni fa?



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 37450
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: Brescia
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 22/05/2012, 19:59 
Bene; altra interessante ipotesi. Ma dove mettiamo tutte queste ..."coincidenze"?


LA GRANDE PIRAMIDE DI "CHEOPE"



Il mistero delle piramidi di Egitto, che o con gli UFO o con una razza precedente, hanno a che fare...

Vorrei considerare alcune caratteristiche e scoperte per lo più trascurate o semplicemente interpretate dagli archeologi come "coincidenze", ma non ci spiegano come mai si trovino incorporate o esplicate solo in questo monumento...

1°) L'intera costruzione piramidale, avente m. 232.800 di lato e m. 148.208 d'altezza, è stata orientata a Nord con un errore di 4' e 35" di grado. Errore del tutto trascurabile se pensiamo che nel 1577 l'Osservatorio di Urianenborg ( dell'astronomo Ticho Brahe ) nonostante tutti i calcoli e strumenti a disposizione, è stato orientato con un errore di 18' d'arco... Se invece la costruzione piramidale fosse stata innalzata (come molti sostengono) molto prima della IV Dinastia, allora l'orientamento sarebbe stato perfetto (quindi l'errore attuale sarebbe dovuto alla variazione periodica dell'asse terrestre. Infatti, ogni 25826.6 anni, l'asse terrestre compie un'intera rotazione).

2°) Ebbene, questo particolare ciclo di 25826.6 anni, si può rilevare nella Grande Piramide, sommando le due diagonali della sua base quadrata.

3°) La pendenza delle sue quattro facce triangolari dà l'esatto valore di "Pi - greco": 3,1416; notevolmente più esatto di quello greco, calcolato in seguito. Lo stesso valore si ottiene anche in altri modi nella struttura, come ad esempio dividendo il perimetro di base 931,22 per il doppio dell'altezza, 296,416. Oppure, con opportune trasformazioni in cubiti egizi, dalla "Camera del Re". Cosicché questa grande costante matematica, cercata per secoli, si trova materializzata nella Grande Piramide e solo in questa!

4°) Le quattro facce triangolari rientrano leggermente in dentro, in verticale, che negli equinozi il Sole illumina 23andMe-Web-Site Nov-07 mezza faccia per volta!

5°) Il perimetro di base, espresso in cubiti, dà l'equivalente dei giorni dell'anno: 365,242. Lo stesso risultato si può ricavare moltiplicando per 3,1416 la lunghezza della "Camera del Re", in pollici piramidali. Il numero esatto non riuscì ad essere calcolato né dai Geci né dai Romani.

6° )Il cubito piramidale è quasi uguale al metro, ma in realtà più esatto: infatti, il cubito è basato su una frazione dell'asse terrestre (asse polare) anziché su un meridiano qualsiasi che varia secondo le latitudini e i contorni del pianeta.

7°) Il doppio del perimetro di base dà l'equivalente di 1' di grado all'equatore.

8°) Il peso dell'intera Piramide di Cheope per 10 alla 15a, dà il peso complessivo della Terra!

9°) L'altezza di ciascuna faccia triangolare dà l'equivalente di 1/600 di grado di latitudine! 10 ) Invece l'altezza complessiva della Piramide per 10 alla 9a, corrisponde alla distanza della Terra dal Sole: 248,208...

11°) Il pollice piramidale, moltiplicato per 100 miliardi, ci mostra inequivocabilmente il percorso della Terra lungo la sua orbita, con un'approssimazione superiore addirittura a quella ottenibile con la yarda o il metro francese!

12°) Il luogo di costruzione della Grande Piramide, situato al 30° parallelo, fa si che dista dal polo nord come quest'ultimo dal centro della Terra e di rimando alla Piramide, costituendo un perfetto triangolo equilatero basato sul raggio terrestre: Km. 6320.

13°) Si è detto che la Grande Piramide è stata eretta sotto il 30° parallelo Nord, ma anche sotto il 30° meridiano Est. Davvero spettacolare in quanto, quest'ultimo, attraversa più terre emerse, poiché entra dalla penisola Scandinava ed esce dalla punta meridionale dell'Africa (al contrario dello 0° di Greenwich ). Inoltre, questo meridiano, incrociandosi con il 30° parallelo Nord, fa sì che, a 45° (diagonalmente ad essi), dividono tutte le terre emerse in quattro parti uguali, cosicché la Grande Piramide viene a trovarsi AL CENTRO DEL MONDO!
Ma vi è un appunto che non deve sfuggire riguardo al 30° parallelo Nord: il vertice della Piramide si trova esattamente a 29°,58' e 51,22" di latitudine Nord; bene, quello che a prima vista sembra un dettaglio trascurabile è, al contrario, oltremodo accurato, poiché se si riflette che la posizione della Stella Polare appare spostata di 1' e 8",78 a causa della rifrazione atmosferica, si può comprendere perfettamente l'intenzione del costruttore...! Infatti, sommando 29°,58' e 51",22 alla percentuale fissa di rifrazione 1' e 8",78 si ottengono esattamente 30°...

14°) Il 30° parallelo Nord attraversa anche i due misteriosi "triangoli della morte": il "TRIANGOLO DELLE BEMUDA" (nell'oceano Atlantico) e il "TRIANGOLO DEL DIAVOLO" (nel Mare del Giappone). Infatti, queste aree, essendo distanti in ugual misura dal 30° meridiano Est, ed essendo i vertici di tali triangoli opposti tra loro, se prolunghiamo idealmente i due lati, formanti le punte opposte, fino a incrociarsi noteremo che si formerà un'ellisse al cui centro si troverà ... la Grande Piramide!

15° ) Il pavimento della "Camera del Re" (situata all'interno a un terzo dall'altezza dalla base) è un perfetto rettangolo aureo, le cui misure ci danno le dimensioni esatte dei due triangoli pitagorici fondamentali, ricorrendo sempre i numeri: 2,3,5 e 3.4.5!

16°) Il "Sarcofago" (dove non è stato mai sepolto nessuno, come nelle altre Piramidi, infatti i Re venivano sepolti nelle Mastabe!) costituito da granito rosso scuro, se percosso dà una tonalità sconosciuta.

17°) Ma la cosa più sensazionale è stata la scoperta di un flusso di ENERGIE emananti all'interno e all'esterno della costruzione piramidale, tutto ciò anche con modellini in scala della Piramide! (Esperimenti effettuati anche dal sottoscritto e alla portata di chicchessia. Ma questa è UN'ALTRA STORIA...) Mi scuso se sono stato lungo, ma ne sento poco parlare di queste caratteristiche per le quali ho avuto molte accese discussioni anche con mio fratello archeologo e alcuni egittologi UFFICIALI !

" VI FU UN'EPOCA IN CUI I SOVRANI D'EGITTO ERANO DEGLI DEI E QUESTI DEI VIVEVANO IN MEZZO AGLI UOMINI! L'ULTIMO DI LORO CHE REGNO' SULL'EGITTO FU HORUS, FIGLIO DI OSIRIDE."


Ed altre "cosucce" di cui parlo nel topic: http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ ... hichpage=7



_________________
Immagine Ex M/llo RADARISTA - (34 anni Difesa Aerea, Reparti Speciali dell'A.M.)
U.F.O: ASTRONAVI da altri MONDI (Prima pagina con indice): viewtopic.php?p=363955#p363955
Un Topic del sottoscritto; non è scienza ma nemmeno meno fede, è semplicemente un rapporto di fatti e COSE che sembrano avvenire nei nostri cieli. IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1210
Iscritto il: 09/07/2009, 12:31
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 22/05/2012, 20:36 
Secondo me invece non implica necessariamente che le piramidi siano state edificate in un'epoca antidiluviana, dai per scontato troppo facilmente certe cose. Che siano state costruite prima della data ufficiale può essere vero anche se nell'articolo non si parla di questa cosa.

Fantastica idea però, non avrei mai pensato che il codice segreto delle piramidi fosse nelle piramidi stesse e che rappresentassero glifi sumeri! Questo può significare che chi si stabilì in egitto proveniva da babilonia, quindi anche l'idea (anche se modificata) delle piramidi è nata dalle zigurat sumere.

Sommariamente è quello che stanno facendo a Dubai dove l'insieme di isole dall'alto formano la grande palma o i continenti del mondo, con la differenza che gli Egizi avevano una simbologia legata a concetti di vita più alti del denaro.



_________________
Immagine

Immagine
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 13575
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 22/05/2012, 21:51 
Sono l'unico a cui l'articolo iniziale sembra decisamente azzardato...?


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 22/05/2012, 22:22 
Cita:
Ufologo 555 ha scritto:

" VI FU UN'EPOCA IN CUI I SOVRANI D'EGITTO ERANO DEGLI DEI E QUESTI DEI VIVEVANO IN MEZZO AGLI UOMINI! L'ULTIMO DI LORO CHE REGNO' SULL'EGITTO FU HORUS, FIGLIO DI OSIRIDE."



Prendo spunto dalla saggia citazione di Ufologo, che ringrazio per le preziosi informazioni sui 'numeri' delle piramidi, per proseguire nel discorso.

Dalla lista di Beroso

PRIMO PERIODO PROTODINASTICO
Dopo che la regalità calò dal cielo, il regno ebbe dimora in Eridu.

In Eridu, Alulim divenne re; regnò per 28800 anni
Aluliim di Eridu: 8 sars (28 800 anni)
Alalgar di Eridu: 10 sars (36 000 anni)
En-Men-Lu-Ana di Bad-Tibira: 12 sars (43 200 anni)
En-Men-Ana
En-Men-Gal-Ana di Bad-Tibira: 8 sars (28 800 anni)
Dumuzi di Bad-Tibira, il pastore: 10 sars (36 000 anni)
En-Sipad-Zid-Ana di Larag: 8 sars (28 800 anni)
En-Men-Dur-Ana di Zimbir: 5 sars e 5 ners (21 000 anni)
Ubara-Tutu di Shuruppak: 5 sars e 1 ner (18 600 anni)
Zin-Suddu

SECONDO PERIODO PROTODINASTICO
Dopo il Diluvio che spazzò a ogni cosa e la regalità fu discesa dal cielo, il regno ebbe dimora in Kish.

Prima dinastia di Kish

Jushur di Kish: 1.200 anni
llassina-bel di Kish: 960 anni
Nangishlishma di Kish: 670 anni
En-Tarah-Ana di Kish: 420 anni
Babum di Kish: 300 anni
...

Il diluvio universale rappresenta lo spartiacque tra due epoche ben distinte: i dieci sovrani antidiluviani avevano regnato per tempi lunghissimi, misurati in saroi, ossia in periodi di 3600 anni.

Ai loro tempi pesci con testa e piedi umani erano emersi dal mare (il primo era stato Oannes) e avevano assunto il ruolo di consiglieri dei sovrani, insegnando per loro tramite agli uomini tutti gli elementi della civiltà.

Dopo il diluvio le durate dei regni diminuiscono e sono misurate in neroi, ossia in periodi di seicento anni.

Così come in Egitto ci fu un tempo in cui gli dei vivevano insieme agli uomini così i Sumeri ricordano un tempo prima del diluvio in cui gli dei regnavano sulla terra.

Se l'ultimo dei sovrani divini fu Horus, cosa accadde? Perchè la stirpe divina non continuò a governare sulla terra?

Le mie ricerche ipotizzano il seguente fenomeno. Dopo il diluvio la sovranità sul pianeta fu concesso all'uomo. Vedasi a tal proposito il seguente passo della Bibbia: «Quanto a me, ecco, stabilisco il mio patto con voi, con i vostri discendenti dopo di voi e con tutti gli esseri viventi che sono con voi: uccelli, bestiame e tutti gli animali della terra con voi; da tutti quelli che sono usciti dall'arca, a tutti gli animali della terra. Io stabilisco il mio patto con voi; nessun essere vivente sarà più sterminato dalle acque del diluvio e non ci sarà più diluvio per distruggere la terra».

Gli antichi dei ebbero allora un tempo limitato (nell'ordine di qualche migliaio di anni per la verità) per ripristinare le basi della società umana: agricoltura, civiltà urbane, sistemi politici, sociali, culturali, tipici di una società raffinata: insomma i Sumeri.

Chi furono gli artefici di questa "Rinascita"?

Furono per me Osiride, Thoth, Horus (per usare i nomi egiziani), Enki, Ninghizidda, Marduk (per usare i nomi sumeri).

Thoth e Horus in particolare concedettero all'umanità anche tutta una serie di conoscenze di ordine esoterico, alchemico, affinchè l'umanità tutta se ne potesse avvalere.

Oggi purtroppo sembra che solo una piccolissima elite stia sfruttando il potere insito nella conoscenza di questo sapere.

Conoscenza che, ritornando al post di ufologo, giustifica le incredibili analogie delle misure delle piramidi con elementi matematici, astronomici, geometrici, che oggettivamente non possono essere solo ed esclusivamente delle coincidenze.

Le piramidi sono come un libro di pietra - e così anche le cattedrali gotiche

http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=12273



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 22/05/2012, 22:26 
Cita:
Sheenky ha scritto:

Sono l'unico a cui l'articolo iniziale sembra decisamente azzardato...?


Come sai, mi piace prendere in considerazione soprattutto le critiche, quando sono costruttive...

Per cui mi piacerebbe sapere cosa ti lascia perplesso dell'articolo di Armando Mei.

[;)]



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 13575
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/05/2012, 00:03 
Be, un po tutto.
Intanto il vedere i simboli cuneiformi in quelle figure.
In secondo luogo, le parole venute fuori.
Come facciamo a sapere che quei simboli venuti fuori corrispondano a quanto detto nell'articolo?


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1855
Iscritto il: 06/12/2008, 14:15
Località: Brighton
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/05/2012, 00:33 
Possibile che noi umani siamo gli essere piu inferiori di questo dannato universo??
E che cavolo.

Bisogna ammetterlo, l'idea è buona ma questi caratteri cuneiformi sono poco chiari.

Per saperne di piu bisogna andare alla fonte. Esiste un sito ufficiale? anche in lingua inglese?



_________________
...the earth is an enclosed plane, centered at the North Pole and bounded along its outward edge by a wall of ice, with the sun, moon, planets, and stars only a few hundred miles above the surface of the earth.
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 8084
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/05/2012, 00:47 
Cita:
Sheenky ha scritto:

Be, un po tutto.
Intanto il vedere i simboli cuneiformi in quelle figure.
In secondo luogo, le parole venute fuori.
Come facciamo a sapere che quei simboli venuti fuori corrispondano a quanto detto nell'articolo?


SE IL FONT FOSSE OPERATIVO POTREI GIA' DIRE MOLTO ! ( con calma ... )


[:211] [:211] [:83] [:254] [:212] [:83] [:211] [:211] [:211]




zio ot [;)]


Ultima modifica di barionu il 23/05/2012, 00:48, modificato 1 volta in totale.


_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Il saggioIl saggio

Non connesso


Messaggi: 8084
Iscritto il: 03/12/2008, 13:35
Località: GOTHAM
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/05/2012, 00:56 
CUNEIFORME


Un link fornito dal nick lugalbanda di eclisseforum

http://www.enenuru.net/html/signlist.htm

http://www.cdli.ucla.edu/tools/SignList ... signs.html



zio ot [;)]


Ultima modifica di barionu il 23/05/2012, 00:58, modificato 1 volta in totale.


_________________
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=57
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 13575
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/05/2012, 07:54 
Oltretutto:

Immagine

Immagine

Da dove è saltato fuori quel quadrattino dentro il cerchio rosso?
E' stato aggiunto apposta per dare un sembianza in più al presunto carattere cuneiforme?


Ultima modifica di Bastion il 23/05/2012, 07:55, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7090
Iscritto il: 24/01/2011, 14:04
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/05/2012, 10:21 
Cita:
Sheenky ha scritto:
Da dove è saltato fuori quel quadrattino dentro il cerchio rosso?
E' stato aggiunto apposta per dare un sembianza in più al presunto carattere cuneiforme?


Credo sia parte del monumento, solo che nella foto non si nota. Si vede meglio nella ricostruzione in pianta:

Immagine



_________________
"Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione" - Jean Kerr

"People willing to trade their freedom for temporary security deserve neither and will lose both" - Benjamin Franklin
"Chi e' disposto a dar via le proprie liberta' fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non otterra' né la liberta' ne' la sicurezza ma le perdera' entrambe" - Benjamin Franklin

"Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni" - Emil Cioran

"Quanto piu' una persona e' intelligente, tanto meno diffida dell'assurdo" - Joseph Conrad

Immagine
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 13575
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/05/2012, 11:16 
Ma comunque non vedo piramidi in miniatura nella seconda.
Nelle altre due si.
A meno che non si volesse intendere la Sfinge.


Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 2712
Iscritto il: 04/12/2008, 11:27
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 23/05/2012, 11:48 
Cita:
Sheenky ha scritto:

Sono l'unico a cui l'articolo iniziale sembra decisamente azzardato...?

no, siamo almeno in 2


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 24/05/2012, 23:53 
Cita:
Ufologo 555 ha scritto:

Bene; altra interessante ipotesi. Ma dove mettiamo tutte queste ..."coincidenze"?


LA GRANDE PIRAMIDE DI "CHEOPE"



Il mistero delle piramidi di Egitto, che o con gli UFO o con una razza precedente, hanno a che fare...

Vorrei considerare alcune caratteristiche e scoperte per lo più trascurate o semplicemente interpretate dagli archeologi come "coincidenze", ma non ci spiegano come mai si trovino incorporate o esplicate solo in questo monumento...

1°) L'intera costruzione piramidale, avente m. 232.800 di lato e m. 148.208 d'altezza, è stata orientata a Nord con un errore di 4' e 35" di grado. Errore del tutto trascurabile se pensiamo che nel 1577 l'Osservatorio di Urianenborg ( dell'astronomo Ticho Brahe ) nonostante tutti i calcoli e strumenti a disposizione, è stato orientato con un errore di 18' d'arco... Se invece la costruzione piramidale fosse stata innalzata (come molti sostengono) molto prima della IV Dinastia, allora l'orientamento sarebbe stato perfetto (quindi l'errore attuale sarebbe dovuto alla variazione periodica dell'asse terrestre. Infatti, ogni 25826.6 anni, l'asse terrestre compie un'intera rotazione).

2°) Ebbene, questo particolare ciclo di 25826.6 anni, si può rilevare nella Grande Piramide, sommando le due diagonali della sua base quadrata.

3°) La pendenza delle sue quattro facce triangolari dà l'esatto valore di "Pi - greco": 3,1416; notevolmente più esatto di quello greco, calcolato in seguito. Lo stesso valore si ottiene anche in altri modi nella struttura, come ad esempio dividendo il perimetro di base 931,22 per il doppio dell'altezza, 296,416. Oppure, con opportune trasformazioni in cubiti egizi, dalla "Camera del Re". Cosicché questa grande costante matematica, cercata per secoli, si trova materializzata nella Grande Piramide e solo in questa!

4°) Le quattro facce triangolari rientrano leggermente in dentro, in verticale, che negli equinozi il Sole illumina 23andMe-Web-Site Nov-07 mezza faccia per volta!

5°) Il perimetro di base, espresso in cubiti, dà l'equivalente dei giorni dell'anno: 365,242. Lo stesso risultato si può ricavare moltiplicando per 3,1416 la lunghezza della "Camera del Re", in pollici piramidali. Il numero esatto non riuscì ad essere calcolato né dai Geci né dai Romani.

6° )Il cubito piramidale è quasi uguale al metro, ma in realtà più esatto: infatti, il cubito è basato su una frazione dell'asse terrestre (asse polare) anziché su un meridiano qualsiasi che varia secondo le latitudini e i contorni del pianeta.

7°) Il doppio del perimetro di base dà l'equivalente di 1' di grado all'equatore.

8°) Il peso dell'intera Piramide di Cheope per 10 alla 15a, dà il peso complessivo della Terra!

9°) L'altezza di ciascuna faccia triangolare dà l'equivalente di 1/600 di grado di latitudine! 10 ) Invece l'altezza complessiva della Piramide per 10 alla 9a, corrisponde alla distanza della Terra dal Sole: 248,208...

11°) Il pollice piramidale, moltiplicato per 100 miliardi, ci mostra inequivocabilmente il percorso della Terra lungo la sua orbita, con un'approssimazione superiore addirittura a quella ottenibile con la yarda o il metro francese!

12°) Il luogo di costruzione della Grande Piramide, situato al 30° parallelo, fa si che dista dal polo nord come quest'ultimo dal centro della Terra e di rimando alla Piramide, costituendo un perfetto triangolo equilatero basato sul raggio terrestre: Km. 6320.

13°) Si è detto che la Grande Piramide è stata eretta sotto il 30° parallelo Nord, ma anche sotto il 30° meridiano Est. Davvero spettacolare in quanto, quest'ultimo, attraversa più terre emerse, poiché entra dalla penisola Scandinava ed esce dalla punta meridionale dell'Africa (al contrario dello 0° di Greenwich ). Inoltre, questo meridiano, incrociandosi con il 30° parallelo Nord, fa sì che, a 45° (diagonalmente ad essi), dividono tutte le terre emerse in quattro parti uguali, cosicché la Grande Piramide viene a trovarsi AL CENTRO DEL MONDO!
Ma vi è un appunto che non deve sfuggire riguardo al 30° parallelo Nord: il vertice della Piramide si trova esattamente a 29°,58' e 51,22" di latitudine Nord; bene, quello che a prima vista sembra un dettaglio trascurabile è, al contrario, oltremodo accurato, poiché se si riflette che la posizione della Stella Polare appare spostata di 1' e 8",78 a causa della rifrazione atmosferica, si può comprendere perfettamente l'intenzione del costruttore...! Infatti, sommando 29°,58' e 51",22 alla percentuale fissa di rifrazione 1' e 8",78 si ottengono esattamente 30°...

14°) Il 30° parallelo Nord attraversa anche i due misteriosi "triangoli della morte": il "TRIANGOLO DELLE BEMUDA" (nell'oceano Atlantico) e il "TRIANGOLO DEL DIAVOLO" (nel Mare del Giappone). Infatti, queste aree, essendo distanti in ugual misura dal 30° meridiano Est, ed essendo i vertici di tali triangoli opposti tra loro, se prolunghiamo idealmente i due lati, formanti le punte opposte, fino a incrociarsi noteremo che si formerà un'ellisse al cui centro si troverà ... la Grande Piramide!

15° ) Il pavimento della "Camera del Re" (situata all'interno a un terzo dall'altezza dalla base) è un perfetto rettangolo aureo, le cui misure ci danno le dimensioni esatte dei due triangoli pitagorici fondamentali, ricorrendo sempre i numeri: 2,3,5 e 3.4.5!

16°) Il "Sarcofago" (dove non è stato mai sepolto nessuno, come nelle altre Piramidi, infatti i Re venivano sepolti nelle Mastabe!) costituito da granito rosso scuro, se percosso dà una tonalità sconosciuta.

17°) Ma la cosa più sensazionale è stata la scoperta di un flusso di ENERGIE emananti all'interno e all'esterno della costruzione piramidale, tutto ciò anche con modellini in scala della Piramide! (Esperimenti effettuati anche dal sottoscritto e alla portata di chicchessia. Ma questa è UN'ALTRA STORIA...) Mi scuso se sono stato lungo, ma ne sento poco parlare di queste caratteristiche per le quali ho avuto molte accese discussioni anche con mio fratello archeologo e alcuni egittologi UFFICIALI !

" VI FU UN'EPOCA IN CUI I SOVRANI D'EGITTO ERANO DEGLI DEI E QUESTI DEI VIVEVANO IN MEZZO AGLI UOMINI! L'ULTIMO DI LORO CHE REGNO' SULL'EGITTO FU HORUS, FIGLIO DI OSIRIDE."


Ed altre "cosucce" di cui parlo nel topic: http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ ... hichpage=7


Alle coincidenze citate da Ufologo vorrei aggiungere quelle riportate nel seguente articolo di Fabio Garuti.

Cita:
LA MAPPATURA TERRESTRE DELLE PIRAMIDI
di Fabio Garuti

Quando per la prima volta in vita mia, in terza elementare, ho sentito parlare delle piramidi in Egitto, mi è stato raccontato, come a tutti noi, che le tre piramidi della piana di Giza, nel Nord dell’Egitto, sono state edificate da tre faraoni circa 4.500 anni fa per fungere da grandiosi sepolcri reali. Data la mia non più giovanissima età, la cosa accadde più di quarant’anni fa, ma fin da allora l’argomento mi è rimasto impresso nella mente; nel corso degli anni, ovviamente da archeologo non professionista, ho maturato sempre più la convinzione che ci fosse qualcosa di sbagliato nel racconto tradizionale riguardante questi colossali edifici. Obiezioni se ne potevano fare tante, come vedremo, ma mancava un argomento decisivo, qualcosa che potesse indurre anche il cosiddetto uomo della strada a pensare che c’è qualcosa di sbagliato in tutta questa storia. Si poteva obiettare che stranamente i tre faraoni avevano deciso di costruire tre piramidi di misura diversa, con la terza, quella del faraone Micerino, molto più piccola delle altre due. Perché? Nessuna delle tre piramidi è stata effettivamente usata come sepolcro reale. Perché? Come erano state edificate e quando? Mistero assoluto e mancanza di qualsivoglia testimonianza certa. Ipotesi tantissime, anche fantasiose, ma certezze nessuna. Unica certezza la pesantezza dei blocchi sollevati ad altezze di quasi cento metri. Ma perché fare tanta fatica, ammesso che siano stati davvero gli Egizi, con mezzi manuali così antichi, senza energia elettrica o macchinari industriali?

Perché non usare pietre più piccole? Perché non esiste un solo disegno, un solo papiro, una sola incisione in cui venga raffigurata la costruzione delle piramidi ? Eppure si è trovato veramente di tutto. Ma veniamo ad argomenti molto più convincenti, in merito a quanto vogliamo, e cerchiamo, di dimostrare: le tre piramidi di Giza non sono posizionate sulla stessa linea: una delle tre, quella di Micerino, (la più piccola), è fuori asse rispetto alle due più grandi. Un errore dell’architetto? Per favore non scherziamo. E allora perché? Queste le domande che mi sono sempre posto ed a cui non riuscivo a dare una soluzione convincente, finché non ebbi modo di leggere una teoria molto interessante: le tre piramidi di Giza riproducono, sul terreno, la posizione delle tre stelle della Cintura di Orione. Mi spiego meglio: la cosiddetta Cintura di Orione è la semplificazione del nome dato a tre stelle (Alnitak, Alnilam e Mintaka, di grandezza ovviamente diversa, in ordine decrescente) che fanno parte della Costellazione di Orione. Orione era un cacciatore che, secondo la leggenda, ebbe l’onore di essere mandato tra le stelle. Ora, le tre stelle descritte costituiscono la ideale cintura del cacciatore Orione. Detti tre astri sono posizionati in cielo proprio come le nostre tre piramidi, con la più piccola fuori asse rispetto alle altre due. Fin qui nulla di strano. Il problema sorse allorché mi accorsi che anche in Messico, e di preciso a Teotihuacan, esiste un complesso di tre piramidi, peraltro stranamente molto meno famoso di Giza, che a propria volta riproduce le tre stelle della Cintura di Orione. A questo punto non era più possibile, a mio avviso, parlare di pura combinazione. Che esistesse tra i Maya (a cui le piramidi Messicane vengono attribuite secondo l’archeologia tradizionale) un culto teistico-stellare come anche nell’antico Egitto passi, ma che questi due popoli abbiano edificato colossi mostruosi di questo genere solo con la forza delle mani o giù di lì mi era sembrato da subito assurdo.

Solo che, come spesso accade, l’archeologia tradizionale si trincera dietro un categorico “ci vogliono fatti incontestabili” per cambiare valutazioni stratificate da anni. Un giorno, quasi per caso, leggendo una rivista Tedesca (parlo Tedesco ed Inglese e ciò mi è stato di grande aiuto) sono venuto a conoscenza del racconto di alcuni commercianti, appunto Tedeschi, che nel 1912, in Cina, avevano potuto osservare un gigantesco agglomerato formato da decine di piramidi; dallo stato di conservazione si capiva che erano antichissime. Ho cominciato a fare tutte le ricerche possibili, cosa non facile data la tradizionale e consueta, e proprio per questo da rispettarsi al massimo, riservatezza di un Popolo che non ama fare clamore, finchè non ho potuto osservare alcune foto che riproducono il sito piramidale dell’odierna zona di Xian, nel Nord della Cina, appunto. Con mia enorme sorpresa ho notato che per l’ennesima volta veniva riprodotto sul terreno, fra tante altre costruzioni della medesima forma, anche il disegno della Cintura di Orione, con tre piramidi di diversa grandezza posizionate come ben sappiamo. Basta, non era possibile si trattasse nuovamente di un caso. Stante la mancanza di conferme ufficiali, quasi che le piramidi Cinesi e quelle Messicane siano quasi un optional rispetto alle conclamate piramidi Egizie, si continuava comunque ad attribuire ai faraoni una specie di patente o marchio di fabbrica su questo tipo di costruzioni. Purtroppo, per poter attaccare questo teorema, era necessario trovare un altro filo conduttore: ebbene, il filo conduttore c’è, ed è rappresentato da una linea retta, lunga quasi 25.000 chilometri, che congiunge i tre siti attraversando il pianeta. Detta linea retta equivale ad un arco di circonferenza ove rapportata al mappamondo.

A questo punto, dato che ciò che affermo, e che ho denominato teoria della mappatura terrestre delle piramidi, è verificabile con un planisfero, un righello ed una matita e dato che su un piano e per tre punti passa una ed una sola linea retta, non siamo più in presenza di un caso. A questo punto il cosiddetto onere della prova spetta a chi voglia tentare di dimostrare quanto segue: improvvisamente, circa 4.500 anni fa o giù di lì, tre popoli che parlano e scrivono in modo diverso (appunto Egizi, Maya e Cinesi dell’età Imperiale), che non comunicano tra loro, che non si conoscono, che non hanno energia elettrica e macchinari industriali, che non dispongono di aerei per mappature terrestri, che non dispongono di computer e telefonia o quant’altro, decidono così, tutti insieme e sempre per caso, di erigere, con la sola forza delle braccia e di macchinari rudimentali ed elementari, svariati colossi di pietra, utilizzando monoliti pesanti fino a 100 tonnellate ed elevandoli a quasi cento metri di altezza (cosa quasi impossibile anche oggi). La cosa interessante è che decidono anche, sempre per caso, di riprodurre sul terreno le tre stelle della Cintura di Orione e poi, come cosiddetta ciliegina sulla torta, edificano, sempre per caso, tali siti piramidali a Nord, (Egizi), a Nord Est, (Cinesi), ed a Sud, (Maya). Il tutto, (per un caso del destino quantificabile in uno contro infinito), fa sì che detti complessi piramidali vengano a trovarsi sulla medesima linea retta che attraversa tutto il pianeta. Ma c’è di più: detta linea retta, non parallela all’equatore, ne interseca il prolungamento, generando due angoli che, (ci credereste?), riproducono i due angoli acuti generati dalle tre stelle della Cintura di Orione (un angolo è formato dalla retta che attraversa la prima e la seconda stella, il secondo è formato dalla retta che attraversa la seconda e la terza).

Ora, se vogliamo farci una bella risata, ben venga. Ma se vogliamo parlare di archeologia il discorso cambia. Allineare tre gruppi di costruzioni così gigantesche su tutto il pianeta è frutto dell’opera di una tecnologia estremamente avanzata. Inutile parlare di UFO, Atlantide o quant’altro: si è trattato solo di una civiltà sicuramente planetaria e non frazionata come oggi, e che disponeva di una tecnologia estremamente sofisticata. Sul perché e sul come tutto ciò sia stato edificato, se ne può parlare per molto tempo: a mio avviso la retta che attraversa i tre siti potrebbe avere a che fare con l’equatore celeste, ossia un qualcosa che permette di calcolare la posizione di una stella nel cielo da qualunque posizione ci si trovi sulla Terra. Ma, ripeto, questi sono discorsi da farsi in seguito. Per adesso ciò che davvero conta, ed è moltissimo a mio modesto avviso, è l’aver dimostrato concretamente, seguendo leggi geometriche verificabili da tutti, che i faraoni Egizi non sono assolutamente i depositari terrestri dell’arte di erigere le piramidi. Anzi, si può quindi affermare che nessun faraone abbia edificato una delle tre piramidi di Giza.

A questo punto diventa interessante capire che cosa effettivamente abbiano fatto i faraoni con dette piramidi, dato che le avranno trovate già costruite. Purtroppo nel caso delle piramidi Messicane e Cinesi abbiamo solo leggende, che ci conforterebbero sicuramente in quanto parlano di costruttori celesti e di Maya che avrebbero trovato le piramidi ricoperte da liane e quindi molto più antiche, solo che sempre di leggende si tratta e quindi dobbiamo lasciar perdere. Per quanto riguarda quelle Egizie, invece, la cosa cambia, dato che abbiamo la testimonianza di eminenti storici, sia Greci che Latini. Per quanto strano possa sembrarvi, nessuno storico parla mai della costruzione delle piramidi: non se ne sa assolutamente nulla e si fanno solo congetture, proprio come noi al giorno d’oggi. Invece, cosa basilare, si parla eccome del rivestimento esterno: sia Erodoto, che Diodoro Siculo che Strabone, che Plinio il Vecchio (per intenderci lo storico che parlò dell’eruzione del Vesuvio che gli costò anche la vita), parlano di ciò che avvenne al di fuori delle piramidi. Addirittura, per quanto riguarda quella di Micerino, la più piccola, doveva originariamente essere ricoperta di ossidiana, ma il progetto fu interrotto sia per la morte del faraone che per la difficoltà di lavorare tale durissima pietra.

Ora, di tale ossidiana non c’è traccia eppure gli storici ne parlano, mentre della costruzione neanche una parola già allora. Semplice: perché il rivestimento esterno è stato davvero tentato, mentre la costruzione è molto ma molto anteriore. Sapete cosa dicono in sintesi gli storici antichi? Plinio il Vecchio si scaglia contro i faraoni che avrebbero speso tanto ed occupato tante persone per erigere qualcosa che non serve a niente, mentre Diodoro Siculo non riesce a spiegarsi chi abbia costruito tali colossi che, come già all’epoca si sapeva benissimo, non sono neanche serviti da sepolcri reali. Se facciamo un confronto con le opere Romane, anche per noi sono passati più o meno 2.000 anni, ma noi sappiamo benissimo chi ha costruito il Colosseo. Come mai delle piramidi non si sapeva nulla? Perché erano molto più antiche. E si tenga presente che all’epoca della presunta costruzione (2.500 circa avanti Cristo, secondo gli archeologi) in Grecia c’era già una società organizzata che viveva in città. Possibile che non si fosse saputo niente di un lavoro così grandioso ed immenso, durato decine di anni? Francamente, e lo affermo senza alcuna nota polemica, aver trovato un punto fermo da cui partire (la teoria sulla mappatura delle piramidi, appunto) ci permette di mettere al proprio posto tanti tasselli di quello che era un vero e proprio puzzle archeologico.

Un’ultima annotazione: qualora non crediate realistico pensare ad una civiltà esistita prima di noi e capace di una tecnologia forse superiore alla nostra, provate ad immaginare cosa accadrebbe se, estinta la nostra civiltà causa inquinamento (cosa purtroppo possibile), tra 10.000 anni spuntasse una nuova civiltà. Giunta nuovamente ad uno sviluppo pari al nostro, e dato che sarebbero rimaste solo le costruzioni in pietra stante la bio-degradabilità degli altri materiali, troverebbe nell’ordine: -le piramidi, su tutto il pianeta,-il Colosseo e vari altri anfiteatri, in tutto il bacino del Mediterraneo,-le autostrade, in tutto il mondo,-le piste di atterraggio degli aerei, di cui alcune nelle isole e quindi apparentemente inutili,-gli aeroporti e le linee ferroviarie prive di rotaie,-vari manufatti monolitici, come a Baalbek in Libano, di 1000 tonnellate, (già un mistero per noi),-altri siti megalitici, come Tiahuanaco, isola di Pasqua o Stonehenge, (altro mistero anche per noi).-il sito di Puma Punku in Bolivia, che rappresenta anche per noi un altro mistero, considerata la maestria, quasi impossibile anche oggi, con cui è stata lavorata la diorite, seconda per durezza solo al diamante.In pratica si troverebbero a dover fare i conti con manufatti di almeno 3 o 4 civiltà molto distanti tra loro da un punto di vista cronologico. Mi chiedo perché non sia possibile la stessa cosa anche per noi.

Comunque credo che sia importante aver cominciato a delineare un punto fermo da cui poter procedere a livello astronomico, geometrico e matematico: le piramidi di Giza non sono un fatto isolato ma appartengono ad un sistema planetario di piramidi. La linea retta, o arco di circonferenza, che congiunge tre siti distanti tra loro migliaia di chilometri ne è conferma inequivocabile.


Tutte queste 'coincidenze' e questi allineamenti impossibili e tutte le altre strane ricorrenze testimoniano un progetto comune nell'architettura globale dei grandi edifici megalitici? Ci fu una sola mano dietro l'edificazione di queste strutture? Io penso proprio di sì...

A due domande dovremmo rispondere per capire se possiamo parlare di Thoth come l'artefice di questo progetto come ipotizzato da Armando Mei nel primo articolo caricato su questo thread.

1. Se i caratteri cuneiformi da lui indicati rispecchiano le frasi riconducibili a Thoth

2. Se gli allineamenti tra Giza e gli altri complessi piramidali riproducono davvero ancora una volta le angolazioni delle stelle della costellazione di Orione (o delle Pleaidi)

Sulle coincidenze descritte da ufologo non discuto nemmeno... [;)]



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 37 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Oggi è 28/03/2017, 02:33
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org