Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 42 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: L'Ipotesi dell'Arresto della Rotazione terrestre
MessaggioInviato: 02/05/2014, 23:59 
La frenata di Venere

Per cause ancora misteriose, il pianeta ruota più lentamente del previsto
di Jason Major

Immagine
Le spesse nuvole che avvolgono la superficie di Venere in una fotografia scattata da una sonda orbitante. Immagine per gentile concessione MPS/DLR/IDA/ESA

Venere ha rallentato: secondo i dati raccolti da Venus Express, la velocità di rotazione del pianeta è diminuita rispetto a 16 anni fa.

Nei primi anni Novanta gli astronomi della NASA calcolarono che il pianeta compiva un giro completo su se stesso in 243,015 giorni terrestri. Il calcolo era basato sui dati forniti dalla sonda orbitante Magellan, che prendeva un punto di riferimento sulla superficie di Venere e misurava il tempo trascorso tra due "passaggi".

Oggi però un'altra sonda, il Venus Express dell'Agenzia spaziale europea, ha dato risultati diversi: da un giorno venusiano all'altro, il punto di riferimento scelto sulla superficie del pianeta è risultato distante 20 chilometri da dove sarebbe dovuto essere. La conclusione, confermata da osservazioni radar compiute da Terra, è che il tempo di rotazione si è allungato di 6,5 minuti.

"All'inizio ho pensato di aver sbagliato i calcoli, perché le misurazioni di Magellan erano state molto accurate", spiega Nils Müller, planetologo del DLR, il Centro aerospaziale tedesco. "Ma abbiamo controllato in ogni modo, e i calcoli erano esatti".

Colpa dell'atmosfera?

Una delle possibili cause della "frenata" potrebbe essere l'attrito causato dalla spessa atmosfera di Venere e dai potenti venti che spazzano il pianeta. Anche sulla Terra i movimenti atmosferici hanno un impatto - sebbene molto minore - sulla velocità di rotazione. L'atmosfera di Venere, carica di anidride carbonica, è tanto pesante da esercitare una pressione sulla superficie 90 volte più forte di quella che noi terrestri subiamo a livello del mare. Nuvole opache di acido solforico ruotano costantemente attorno al pianeta a velocità da uragano.

Tuttavia "è difficile individuare le cause di un rallentamento così marcato della rotazione di Venere avvenuto in soli 16 anni", sostiene Håkan Svedhem, progettista di Venus Express. "Potrebbe dipendere dal ciclo del Sole o da cambiamenti di lungo termine delle dinamiche atmosferiche. È un enigma ancora da risolvere".

Una teoria attribuisce il rallentamento allo scambio di momento angolare tra Venere e la Terra: quando avviene tra un pianeta e il suo satellite, ad esempio, il fenomeno può causare un rallentamento della rotazione. Ma Venere e la Terra, assicura Svedhem, sono troppo distanti (38 milioni di chilometri) per scambiarsi momento angolare.

Toccherà quindi agli astronomi indagare sulle cause della "frenata" di Venere. Non è solo una curiosità teorica: conoscere l'esatta velocità di rotazione è importante anche per programmare l'eventuale atterraggio di una sonda sulla superficie del pianeta.

http://www.nationalgeographic.it/scienz ... re-853454/

Questo mi ha portato alla memoria il lavoro di Velikowsky che ho citato anche un paio di volte nel corso della redazione dei miei articoli in merito al presunto arresto del moto di rotazione del nostro pianeta descritto come vicenda comune in alcuni testi sacri e mitologici.

Per ricordare ciò utilizzerò il seguente articolo...

PERCHÉ IL SOLE SI FERMÒ
di Fulton Oursler (Prima Parte) - da "Selezione dal Reader's Digest" del Maggio 1950

Fulton Oursler presenta il sensazionale libro di Immanuel Velikovsky "Worlds in Collision" pubblicato in USA dalla Macmillan Co. e in Italia da Garzanti.

Alcuni fra i critici più in vista hanno predetto che Worlds in Collision potrà essere un libro che farà epoca, come "L’Origine delle Specie" di Charles Darwin o i "Principi di Newton". Alla luce delle sue nuove deduzioni e speculazioni, il dottor Gordon A. Atwater, direttore e curatore del Planetario Hayden del Museo Americano di Storia Naturale, dice che "oggi si possono riprendere in esame i puntelli della scienza moderna"; John J. O’Neill, redattore scientifico dello Herald Tribune di New York, dichiara: "Questo magnifico esempio di ricerca scientifica innalza la storia del mondo ad un livello di sommo interesse".

L’autore di questa emozionante nuova opera, il Dottor Immanuel Velikovsky, è di origine russa e studiò scienze naturali all’Università di Edimburgo, storia, legge e medicina a Mosca, biologia a Berlino, la funzione del cervello a Zurigo, psicologia a Vienna. Nel 1939 emigrò negli Stati Uniti. "Worlds in Collision" è stato scritto dopo dieci i anni di estese ricerche, in cui l’Autore si è consultato con studiosi e con specialisti di tutto il mondo.

Circa 25 anni fa (alla metà degli anni ’20), un maestro di scuola di una piccola città dello Stato del Tennessee, nel sud degli Stati Uniti, parlò ai suoi scolari della teoria di Darwin sull’evoluzione.

Per questa infrazione alla legge dello Stato, che proibiva insegnamenti contrari alla Bibbia, il maestro venne arrestato, ed il mondo assisté ad uno dei più straordinari processi della storia. Venne chiamato a testimoniare, come difensore della fede, William Jennings Bryan, che per tre volte fu candidato alla Presidenza degli Stati Uniti.

L’avvocato difensore di Jonh T. Scopes, il maestro di scuola, era Clarence Darrow, un illustre agnostico.

Darrow attaccò furiosamente le storie soprannaturali narrate dalla Bibbia e sottopose ad un serrato interrogatorio la credulità di Bryan nelle leggende e nei racconti favolosi.

"Signor Bryan, credete che Giosuè abbia fatto fermare il Sole?".

"Si signor Darrow, lo credo".

"Non sarebbe invece stata la Terra stessa a fermarsi? E se ciò è quello che credete, non ritenete che, se mai cessasse di girare, la Terra diverrebbe un ammasso di materia fusa?".

L’indignato Darrow sembrava parlare con esatta conoscenza delle cose. Ma la scienza non è mai così dogmatica.

Un quarto di secolo dopo quel processo, uno scienziato pubblica un libro in cui dichiara che la Terra, durante l’epoca storica, si arrestò davvero nella sua rotazione quotidiana, e che per più di un giorno il Sole rimase visibile sopra Giosuè e le sue truppe.

Benché ciò sia soltanto incidentale per gli scopi dell’Autore, il libro tende a confermare la Bibbia in altri racconti miracolosi; i racconti di prodigi che ci sono familiari ne risultano non più come miti, ma come precise descrizioni di eventi concreti.

Lo scienziato che solleva tali possibilità, il Dottor Immanuel Velikovsky, ha intitolato la sua opera "Worlds in Collision" (Mondi in collisione). Come fece Darwin, stabilisce alcune ipotesi originali e le sostiene con argomentazioni scientifiche convincenti.

Applicando al campo delle scienze (archeologia, paleontologia, geologia, astronomia, psicologia, antropologia, fisica) i metodi propri del detective, l’Autore ha riunito attraverso i suoi ragionamenti deduttivi una catena di prove indiziare che può profondamente influire sul mondo degli uomini che pensano.

Gli anelli del suo ragionamento sono foggiati dalla storia e dalla letteratura delle tribù e delle nazioni antiche e moderne di tutto il mondo.
Il testo e le note dell’opera sprizzano di dati a conferma, tratti dalla Bibbia e dal Talmud, dai papiri egizi, dalle tavolette astronomiche babilonesi, dai calendari aztechi e maya, dalle tradizioni popolari dell’Arabia, dell’India, del Nord-America, del Tibet, della Cina, del Perù.
Il racconto del Sole che sta fermo illustra uno dei principali metodi dell’Autore per giungere alla verità dei fatti.

È chiaro che, se il Sole "non tramontò per tutto un giorno", il fenomeno non poté costituire uno spettacolo solamente locale. L’intera superficie terrestre dovette esservi coinvolta: se il Sole rimase sospeso su Gabaon nel quadrante orientale, in altri luoghi il crepuscolo o l’oscurità si prolungarono per un periodo corrispondente.

Il dottor Velikovsky cita documenti da tutte le parti del globo, che sono d’accordo sul tempo e sulla variazione della durata della luce diurna e dell’oscurità, in ciascuna regione. Simili testimonianze concordanti si ripetono più e più volte in altre storie di prodigi.

Per ciascun caso da lui analizzato, il dottor Velikovsky, cita dozzine, ventine e perfino centinaia di conferme.

Sul racconto più incredibile della Bibbia, l’arresto in cielo della Luna e del Sole mentre Giosuè metteva in fuga il nemico, vi sono prove raccolte in tutto il mondo.

Dice il dottor Velikovsky, all’inizio di una lunga serie di citazioni:
"Tenuto conto della differenza di longitudine, dev’essere stata notte o mattina presto, nell’emisfero occidentale. Consultiamo i libri che contengono l tradizioni storiche degli aborigeni dell’America centrale.

Negli 'Annali di Cuauhtitlan' del Messico - la storia dell’impero di Colhuacan e del Messico, scritta in lingua nahua-indiana (Nahuatl) - si racconta che durante una catastrofe cosmica accaduta nel remoto passato, la notte non ebbe fine per lungo tempo. Potremmo seguire un cammino attorno alla Terra e cercare nelle varie tradizioni concernenti una notte o una giornata anormalmente lunghe, con il Sole e con la Luna assenti o indugianti in punti differenti lungo lo Zodiaco."

E l’Autore si mette a farlo. Che avvenne, dunque, durante quella misteriosa giornata?

La teoria di "Mondi in Collisione" si basa sulle catastrofi prodotte da una grande cometa che passò due volte accanto alla Terra, la prima intorno al 1500 avanti Cristo, al tempo dell’Esodo, la seconda 52 anni più tardi, al tempo di Giosuè; e sulla ripetizione delle prime catastrofi, ma in scala minore, dovuta a vari avvicinamenti al pianeta Marte, da 700 a 800 anni più tardi.

Questi cataclismi astrali provocarono strani avvenimenti sulla Terra e nel cielo.

La spiegazione del miracolo di Giosuè sta nel fatto che, se un giorno una grande cometa dovesse avvicinarsi abbastanza alla Terra, avverrebbero proprio spettacolosi fatti del genere. L’avvenimento rallenterebbe la Terra nella sua rotazione quotidiana e chi crede sia il Sole a girare attorno alla Terra vedrebbe, tra altri mistici spettacoli, il Sole stesso e la Luna come se fossero improvvisamente arrestati nel cielo.

Ciò, afferma Velikovsky, è proprio quanto accadde.

Il misterioso fuorilegge del firmamento, la cometa che fece dividere le acque, innalzare una colonna di nubi durante il giorno e di fuoco durante la notte fu veramente un vagabondo del cielo, generato e proiettato lontano per eruzione spontanea dalla massa ribollente del pianeta Giove.

La nuova cometa ci turbinò intorno nello spazio finché, dopo secoli, venne presa e imprigionata come membro permanente del nostro sistema solare, assestandosi felicemente in un’orbita circolare e mutandosi in un appariscente, ma tranquillo pianeta, che circola a tempo determinato attorno al nostro Sole: l’astro bellissimo che gli uomini chiamano Venere.

Il libro di Velikovsky tratta, in realtà, della strana nascita di questa stella del mattino. Tutte le altre parti delle sua tesi dipendono da quel prolungato e spettacoloso cataclisma.

Nel presentare la sua teoria, il dottor Velikovsky comincia con umiltà, confessando l’ignoranza della scienza, dell’"homo ignorans". Ciò che l’uomo non conosce riempirebbe un libro più grosso di tutti i libri scritti.

Deve ancora apprendere le cose più semplici e più essenziali: cosa sia la vita, o come essa nacque.

L’uomo non può dire se la vita, in una forma qualsiasi, esista altrove nel celeste alveare di stelle, né cosa sia la misteriosa forza chiamata gravitazione.

L’origine del sistema solare è tuttora oltre la comprensione degli scienziati.

Il primo passo che l’uomo di scienza deve compiere è studiare un pianeta, quello su cui camminiamo; "poi, attraverso il metodo deduttivo, applicare i risultati ottenuti agli altri membri del sistema solare", questo è quanto il dottor Velikovsky sta tentando di fare, valendosi nei suoi ragionamenti delle nuove conoscenze dell’elettromagnetismo e della fisica nucleare. Egli sostiene che quanto accade nei cieli è simile a ciò che avviene in un atomo, dove gli elettroni girano attorno al nucleo come pianeti intorno al Sole.

Ma di tanto in tanto gli elettroni si scambiano di posizione.
Alcuni obiettano: "Non capita di leggere nel giornale che tutto ad un tratto Saturno e Marte si siano scambiati di posto".

È vero: non lo leggiamo sul giornale, perché non è un avvenimento di tutti i giorni, ma lo leggiamo nelle cronache antiche citate in questo nuovo libro.

In un atomo, un pianeta gira attorno al suo Sole milioni di volte al secondo, può continuare a compiere miliardi di rivoluzioni, od anni atomici, senza mutare di orbita. Ma poi l’atomo assorbe un po’ di energia e l’elettrone si sposta in un’orbita più esterna, dove il suo anno è più lungo; oppure l’atomo cede un po’ di energia, e l’elettrone cade in un’orbita più vicina al nucleo, dove il suo anno diventa più corto.

Nella scala più vasta del sistema solare, possono passare secoli ed anche millenni tra un avvenimento corrispondente e la sua ripetizione.

Una volta compresa l’idea dell’Autore - che cioè i violenti, catastrofici mutamenti che avvengono su minuscola scala nell’interno dell’atomo si sono verificati su scala immensa, seppure ugualmente subitanea, nell’universo dei soli, dei pianeti e delle comete - si comincia a fare luce su alcuni antichi misteri.

Beninteso, ogni astronomo sa che il contatto con un altro corpo di massa sufficiente potrebbe sovvertire la rotazione ed il ritmo della Terra.

In questo stesso momento le comete vagano a milioni nello spazio e costituiscono per noi un periodo remoto ma reale. Sappiamo che la nostra Terra può venire in collisione e ci viene, con masse di meteoriti; spesso queste pietre incandescenti cadono sulla Terra. Pure, anche questa conoscenza è di data molto recente.

Ai tempi già tardi dei nostri bisnonni nessuno credeva, nel mondo dei dotti, che una pietra potesse cadere dal cielo. Questo scetticismo fu condiviso, fra molti altri, da Copernico, da Galileo, da Keplero e da Newton, sino al 1803, quando una pioggia di meteoriti cadute a l’Aigle in Francia, venne studiata dall’Accademia Francese delle Scienze.

Allora, per la prima volta, uomini istruiti riconobbero la possibilità della nostra collisione con qualche cosa vagante nel cielo.

Nei racconti della Bibbia l’Autore trova straordinari conferme della presenza di una cometa durante quei giorni di sbigottimento. Se, per esempio, la testa di una cometa si avvicinasse alla Terra, una pioggia, anzi un torrente di meteoriti ci cadrebbe certamente addosso.

Nel libro di Giosuè, appena due versetti prima che il Sole si fermi nel cielo, leggiamo che "il Signore gettò sopra loro dal cielo pietre grosse".

Colui che scrisse il Libro di Giosuè, sebbene non sapesse nulla della relazione fra le pietre che cadono dal cielo e l’arresto delle Terra, ci dà una descrizione vivida e scientificamente accurata.

Il periodo della prima visita della cometa fu quello in cui il Faraone teneva gli Ebrei schiavi in Egitto e il Signore, per costringere il vecchio Re a cambiare idea, mandò le piaghe delle rane e delle cavallette, la pioggia di sangue e di fuoco, le tenebre che non si dissipavano.

Bryan avrebbe creduto a tutti questi racconti, mentre Darrow li avrebbe scherniti, ma nessuno dei due avrebbe potuto trovare nulla, né in un senso ne nell’altro.

Velikovsky si assume il compito di provare che tali fatti avvennero, proprio nel modo in cui sono riferiti e che la storia biblica degli Israeliti segue l’ordine astronomico degli eventi.

Per esempio, durante le piaghe il mondo si tinse di rosso. Uno dei primi segni dell’incontro con la cometa fu una pioggia di particelle di pigmento rugginoso, quando la cometa sfiorò la Terra con la sua coda gassosa.
Sembrò che i laghi, i fiumi e i mari si mutassero in sangue; la terra stessa sembrò tutta rugginosa.

Vi sono racconti di testimoni oculari di tale arrossamento, non soltanto nella Bibbia, ma nel "Manoscritto Quiché" dei Maya, e in un papiro egizio di "Ipuwer", che fu lui stesso testimone del fenomeno. "Il fiume è sangue" egli lamentava; e ciò corrisponde all’Esodo: "L’acqua del fiume divenne sangue".

La contaminazione delle acque dolci uccise i pesci "e il fiume imputridì", è detto nell’Esodo. "Non potevano bere delle sue acque - il cronista egiziano conferma, ed esclama - gli uomini hanno ribrezzo ad assaggiarle; gli esseri umani sono assetati d’acqua. Cosa dobbiamo fare? Tutto è rovina!"

E non soltanto nel Medio Oriente. La polvere tinta di rosso, che irritava la pelle degli uomini e degli animali e causava foruncoli provocando malattie e morte, è segnalata anche in molti altri paesi.
Venne poi l’ultima piaga d’Egitto, il regno delle tenebre che si prolungò per tre giorni, culminando in violenti sconvolgimenti.

Cosa naturale anche questa, dice Velikovsky, perché il corpo della cometa si avvicinava alla Terra.

Questo avvicinamento, come sembrano indicare le cronache dell’epoca, fu seguito da una pioggia di massi e di pietre e da una stasi della Terra che sussultò e mancò di compiere alcune rotazioni, prima di riassestarsi e riprendere a ruotare.

Nazioni e tribù di molti altri luoghi hanno tradizioni riguardanti una catastrofe cosmica, durante la quale il Sole non risplendette; la lunga notte è ricordata in Finlandia, a Babilonia, nel Perù , presso gli Indiani d’America, presso popoli di tutto il mondo.

Centinaia di migliaia di uomini e di animali perirono durante uno sconvolgimento che scosse il globo.

Secondo il racconto della Bibbia, che Velikovsky non cita, dopo aver visto queste tenebre e questi terremoti spaventevoli, il Faraone acconsentì a lasciar andare il popolo di Mosé. Ma appena la vita ridivenne normale, rimpianse la sua decisione e con il suo esercito corse sui carri all’inseguimento per costringere i fuggitivi a tornare indietro, incorrendo così di gran carriera in un miracolo per il quale i profeti dovevano rendere grazie a Dio per secoli e secoli: la traversata del Mar Rosso.

Avvenne storicamente una cosa simile? Il logico Velikovsky ne è certo. Il rapido spostamento dell’atmosfera per lo scontro con le parti gassose della cometa, l’accumularsi dell’aria attratta dal nucleo della cometa stessa, e l’impeto dell’atmosfera risultante dall’inerzia allorché la Terra cessò di ruotare, tutto contribuì alla formazione di venti di velocità e forza enormi, proprio come è descritto nell’Antico Testamento.

Il tema di una simile tempesta cosmica è ripetuto nel Messico, nell’India, in Persia e nei mari del Sud.

Ma ciò non fu tutto.

Una cometa con un nucleo grande come la Terra stessa che, al culmine di tale bufera, fosse passata abbastanza vicina alla Terra, avrebbe avuto un effetto tremendo sulle maree degli oceani. La cometa sollevò le acque degli oceani ad un’altezza di chilometri.

Dal Giappone al Perù, fra gli indiani Choctaw e fra le tribù dell’altra parte del globo, dura ancora la memoria di tale mostruosa marea, di mari divisi in due; evento così insolito da diventare il ricordo più impressionante della lunga storia dei popoli.

Poiché tutti i paesi vennero in un primo tempo percossi dalle medesime piaghe e dal fuoco e, poi, squassati dalla stessa furia.

Ed ecco che si produsse nel cielo uno spettacolo che doveva imprimersi profondamente nell’immaginazione degli uomini e nella loro letteratura.

Il firmamento sembrò un campo di battaglia, una scena di spavento e di splendore incomparabili. Infatti la testa della cometa, essendo prima passata in prossimità del Sole, era già in fiamme.

Incandescente e fantasmagorica, piombò nell’orbita stessa della Terra, e così gli Ebrei in fuga seguirono una colonna di nuvole di giorno e una colonna di fuoco di notte. Frattanto la testa della cometa, avvolgendosi in spire, venne ad impigliarsi nella sua stessa coda, e tale lotta in mezzo al firmamento deve essere apparsa come un duello tra un globo di fuoco ed un cupo pilastro di fumo.

Non c’è da meravigliarsi che le genti di molte parti del mondo, come dicono ancor oggi i loro canti e le loro epopee, abbiano creduto di contemplare una lotta fra un mostro del cielo in forma di serpente e il dio della luce, il quale vinse e salvò la Terra.

È difficile trovare un popolo o una tribù che non abbiano lo stesso tema nelle loro credenze religiose.

http://www.edicolaweb.net/am_oc12a.htm

La parola agli esperti...

[:D]



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7090
Iscritto il: 24/01/2011, 14:04
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 02:02 
L'arresto della rotazione terrestre senza conseguenze catastrofiche non e' proprio possibile. La terra e' un sistema chiuso in cui vige la legge della conservazione del moto angolare e non vi sono possibilita' che si possa auto-alterare.

Ne consegue che per alterare tale quantita' di moto angolare e' assolutamente necessario l'intervento di una forza esterna al sistema.

Va da se inoltre che ogni alterazione di questo moto avrebbe conseguenze che definire apocalittiche e' un eufemismo.

Quindi, quanto descritto nella bibbia, evidentemente non puo' essere spiegato con l'arresto della rotazione terrestre. Questa volta e' necessario fare uno sforzo maggiore per cercare di capire quale dinamica abbia potuto essere descritta in siffatto modo.

Tralascio poi di commentare l'ipotesi del passaggio cometario, sicuramente suggestiva ma assolutamente inconsistente.

Quanto invece alla questione del presunto rallentamento di Venere, se verificato, sara' interessante capire quali spiegazioni potranno mai dare di tale cosa.

Personalmente scommetterei sull'errore della precedente misurazione (o anche dell'attuale).



_________________
"Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione" - Jean Kerr

"People willing to trade their freedom for temporary security deserve neither and will lose both" - Benjamin Franklin
"Chi e' disposto a dar via le proprie liberta' fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non otterra' né la liberta' ne' la sicurezza ma le perdera' entrambe" - Benjamin Franklin

"Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni" - Emil Cioran

"Quanto piu' una persona e' intelligente, tanto meno diffida dell'assurdo" - Joseph Conrad

Immagine
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11723
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
Località: Agropoli (SA)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 02:30 
Siamo sicuri che il sole descritto dalla bibbia fosse proprio il sole? Non possiamo prendere quanto scritto per oro colato e soprattutto senza ulteriori "dati" l'unica cosa certa è che è stato descritto una qualche tipo di fenomeno macroscopico planetario confermato anche da altri popoli che ne hanno decritto gli effetti nello stesso modo. Io mi son fissato con la traslazione della crosta terrestre ma non so se questa possa provocare come effetti collaterali l'apparente blocco del sole...



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 802
Iscritto il: 03/09/2009, 12:53
Località: rieti
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 09:47 
Cita:
MaxpoweR ha scritto:

Siamo sicuri che il sole descritto dalla bibbia fosse proprio il sole? Non possiamo prendere quanto scritto per oro colato e soprattutto senza ulteriori "dati" l'unica cosa certa è che è stato descritto una qualche tipo di fenomeno macroscopico planetario confermato anche da altri popoli che ne hanno decritto gli effetti nello stesso modo. Io mi son fissato con la traslazione della crosta terrestre ma non so se questa possa provocare come effetti collaterali l'apparente blocco del sole...



Anche se ti trovi su di una nave che viaggia in direzione opposta al moto apparente del sole non avresti la velocita necessaria per compensare la rotazione terrestre.

La tralazione della crosta terrestre provocherebbe scosse sismiche inimmaginabili.



_________________
« Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. »
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 802
Iscritto il: 03/09/2009, 12:53
Località: rieti
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 09:51 
Cita:
zakmck ha scritto:

L'arresto della rotazione terrestre senza conseguenze catastrofiche non e' proprio possibile. La terra e' un sistema chiuso in cui vige la legge della conservazione del moto angolare e non vi sono possibilita' che si possa auto-alterare.

Ne consegue che per alterare tale quantita' di moto angolare e' assolutamente necessario l'intervento di una forza esterna al sistema.

Va da se inoltre che ogni alterazione di questo moto avrebbe conseguenze che definire apocalittiche e' un eufemismo.

Quindi, quanto descritto nella bibbia, evidentemente non puo' essere spiegato con l'arresto della rotazione terrestre. Questa volta e' necessario fare uno sforzo maggiore per cercare di capire quale dinamica abbia potuto essere descritta in siffatto modo.

Tralascio poi di commentare l'ipotesi del passaggio cometario, sicuramente suggestiva ma assolutamente inconsistente.

Quanto invece alla questione del presunto rallentamento di Venere, se verificato, sara' interessante capire quali spiegazioni potranno mai dare di tale cosa.

Personalmente scommetterei sull'errore della precedente misurazione (o anche dell'attuale).





Anche io propendo per un errore di misurazione..
na differenza di 20 km ci potrebbe stare



_________________
« Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. »
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7090
Iscritto il: 24/01/2011, 14:04
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 10:53 
Cita:
Morlok ha scritto:
Anche se ti trovi su di una nave che viaggia in direzione opposta al moto apparente del sole non avresti la velocita necessaria per compensare la rotazione terrestre.


In realta' dipende da quale nave e da quale quota. [:D]

Ad esempio se mettessimo una nave di 347 km di diametro a 36'000 km di quota (l'orbita geostazionaria) avremmo un disco visibile da terra delle apparenti dimensioni del sole.

Ovviamente si possono fare anche altre ipotesi. Ad esempio una nave di dimensioni molto piu' piccole, sempre da quella quota, avrebbe potuto riflettere la luce solare, come fosse uno specchio, su una zona del pianeta (o su tutto a seconda della convessita' dello specchio) e venir scambiata per sole (non e' che in quel frangente si mettevano a misurare il diametro del disco. A quei tempi se qualcuno avesse visto illuminato a giorno avrebbe pensato solo al sole).

Cita:
La tralazione della crosta terrestre provocherebbe scosse sismiche inimmaginabili.


Dipende dal tempo. In qualche decina di milioni di anni non avrebbe effetti visibili, ma nell'arco di una mezza giornata rimarrebbero in vita solo i protozoi.



_________________
"Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione" - Jean Kerr

"People willing to trade their freedom for temporary security deserve neither and will lose both" - Benjamin Franklin
"Chi e' disposto a dar via le proprie liberta' fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non otterra' né la liberta' ne' la sicurezza ma le perdera' entrambe" - Benjamin Franklin

"Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni" - Emil Cioran

"Quanto piu' una persona e' intelligente, tanto meno diffida dell'assurdo" - Joseph Conrad

Immagine
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 802
Iscritto il: 03/09/2009, 12:53
Località: rieti
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 12:00 
Cita:
zakmck ha scritto:

Cita:
Morlok ha scritto:
Anche se ti trovi su di una nave che viaggia in direzione opposta al moto apparente del sole non avresti la velocita necessaria per compensare la rotazione terrestre.


In realta' dipende da quale nave e da quale quota. [:D]

Ad esempio se mettessimo una nave di 347 km di diametro a 36'000 km di quota (l'orbita geostazionaria) avremmo un disco visibile da terra delle apparenti dimensioni del sole.

Ovviamente si possono fare anche altre ipotesi. Ad esempio una nave di dimensioni molto piu' piccole, sempre da quella quota, avrebbe potuto riflettere la luce solare, come fosse uno specchio, su una zona del pianeta (o su tutto a seconda della convessita' dello specchio) e venir scambiata per sole (non e' che in quel frangente si mettevano a misurare il diametro del disco. A quei tempi se qualcuno avesse visto illuminato a giorno avrebbe pensato solo al sole).

Cita:
La tralazione della crosta terrestre provocherebbe scosse sismiche inimmaginabili.


Dipende dal tempo. In qualche decina di milioni di anni non avrebbe effetti visibili, ma nell'arco di una mezza giornata rimarrebbero in vita solo i protozoi.




Giusto, ma si dice che il sole rimase fermo nel cielo quindi era visibile, non si dice che il giorno è diventato notte si dice che il giorno si è allungato.
In caso di eclisse o occultazione nel solo cono d'ombra si ha la "notte", il sole diventa nero e si vede la corona solare, a non è giorno è quasi un crepuscolo, si alza il vento gli animali cambiano comportamento, ma dall'altro lato della terra non ci si accorge di nulla, il giorno e la notte continuerebbero ad alternarsi.



_________________
« Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. »
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11723
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
Località: Agropoli (SA)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 14:33 
Cita:
Morlok ha scritto:

Cita:
MaxpoweR ha scritto:

Siamo sicuri che il sole descritto dalla bibbia fosse proprio il sole? Non possiamo prendere quanto scritto per oro colato e soprattutto senza ulteriori "dati" l'unica cosa certa è che è stato descritto una qualche tipo di fenomeno macroscopico planetario confermato anche da altri popoli che ne hanno decritto gli effetti nello stesso modo. Io mi son fissato con la traslazione della crosta terrestre ma non so se questa possa provocare come effetti collaterali l'apparente blocco del sole...



La tralazione della crosta terrestre provocherebbe scosse sismiche inimmaginabili.


E quindi?

Cita:
Charles Hutchins Hapgood (17 maggio 1904 – 21 dicembre 1982) è stato uno storico statunitense.

È stato ideatore della cosiddetta teoria dello slittamento polare (Pole Shift Theory), ipotesi secondo la quale i poli della Terra tendano a spostarsi nel tempo. In altre parole i poli sono stati e, in futuro, saranno in posizioni differenti. La teoria non è mai stata accettata dalla maggior parte degli studiosi. Nonostante la stima sincera di Albert Einstein, che ne redasse anche la prefazione della sua prima pubblicazione sull'argomento e con il quale intrattenne un proficuo rapporto epistolare, Hapgood e le sue teorie sono stati emarginati ai margini della comunità scientifica a lungo. Solamente a partire dai tardi anni 70 del secolo scorso le idee di Hapgood hanno conosciuto nuova notorietà grazie ad un gruppo di studiosi indipendenti (Graham Hanckok, Colin Wilson, Rand Flem-Ath, John Anthony West, solo per citarne alcuni) autori di numerosi libri talvolta sconfinanti in teorie riconducibili alla pseudoscienza della archeologia misteriosa.

Happgood ha ricevuto un master universitario dalla Harvard University nel 1932 in storia medievale e moderna. Il suo Dottorato in filosofia sulla rivoluzione francese è stato interrotto dalla Grande depressione.


Questa teoria spiegherebbe moltissime cose. Ma bisognerebbe capire le tempistiche e non è facile.

Comunque si da per scontato fosse il sole ma non lo possiamo sapere, le ipotesi di cui ha parlato zakmck sono tutte plausibili se partiamo dal presupposto che quanto descritto da vari popoli sia avvenuto davvero. E proprio perché sappiamo che determinati fenomeni fisici non possono accadere senza conseguenze tremende per la vita sul pianeta dovremmo essere incuriositi e cercare di capire cosa quei popoli hanno vissuto per spingerli a fissare quell'evento nella propria storia. Perché ricordiamo sempre che quella gente tramandava quelle cose PER SE STESSA non con l'intenzione di farne un libro sacro per noi -_-

Se venisse trovato un quotidiano di oggi tra 3mila anni difficilmente potrebbero capire al meglio il linguaggio usato ed i costrutti linguistici, modi di dire e codici di uso comune per quel linguaggio a cui noi non abbiamo accesso.


Ultima modifica di MaxpoweR il 03/05/2014, 14:41, modificato 1 volta in totale.


_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7090
Iscritto il: 24/01/2011, 14:04
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 15:16 
Cita:
Morlok ha scritto:
Giusto, ma si dice che il sole rimase fermo nel cielo quindi era visibile, non si dice che il giorno è diventato notte si dice che il giorno si è allungato.
In caso di eclisse o occultazione nel solo cono d'ombra si ha la "notte", il sole diventa nero e si vede la corona solare, a non è giorno è quasi un crepuscolo, si alza il vento gli animali cambiano comportamento, ma dall'altro lato della terra non ci si accorge di nulla, il giorno e la notte continuerebbero ad alternarsi.


Morlok, un piccolo sforzo per leggere tutto il mio post pero' credo sia necessario. Altrimenti si creano dei misunderstanding. [;)]

Io non ho parlato di eclisse. Il mio riferimento alle dimensioni del disco solare era solo per dire che non e' impossibile piazzare un oggetto in orbita stazionaria sufficientemente grosso da essere scambiato per il sole (ovviamente non per la nostra tecnologia).

Quanto poi alla luminosita' che questo oggetto dovrebbe avere, ho fatto l'ipotesi dello specchio, che se convesso potrebbe essere anche molto piu' piccolo del disco apparente solare.

Il fatto poi che altri testi abbiano fatto riferimento ad analoghi avvenimenti (sia in versione diurna che notturna) nulla toglie alla mia ipotesi. Infatti nessuno dice che gli avvenimenti descritti siano stati tra loro contemporanei.



_________________
"Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione" - Jean Kerr

"People willing to trade their freedom for temporary security deserve neither and will lose both" - Benjamin Franklin
"Chi e' disposto a dar via le proprie liberta' fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non otterra' né la liberta' ne' la sicurezza ma le perdera' entrambe" - Benjamin Franklin

"Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni" - Emil Cioran

"Quanto piu' una persona e' intelligente, tanto meno diffida dell'assurdo" - Joseph Conrad

Immagine
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 802
Iscritto il: 03/09/2009, 12:53
Località: rieti
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 16:44 
Cita:
MaxpoweR ha scritto:

Cita:
Morlok ha scritto:

Cita:
MaxpoweR ha scritto:

Siamo sicuri che il sole descritto dalla bibbia fosse proprio il sole? Non possiamo prendere quanto scritto per oro colato e soprattutto senza ulteriori "dati" l'unica cosa certa è che è stato descritto una qualche tipo di fenomeno macroscopico planetario confermato anche da altri popoli che ne hanno decritto gli effetti nello stesso modo. Io mi son fissato con la traslazione della crosta terrestre ma non so se questa possa provocare come effetti collaterali l'apparente blocco del sole...



La tralazione della crosta terrestre provocherebbe scosse sismiche inimmaginabili.


E quindi?

Cita:
Charles Hutchins Hapgood (17 maggio 1904 – 21 dicembre 1982) è stato uno storico statunitense.

È stato ideatore della cosiddetta teoria dello slittamento polare (Pole Shift Theory), ipotesi secondo la quale i poli della Terra tendano a spostarsi nel tempo. In altre parole i poli sono stati e, in futuro, saranno in posizioni differenti. La teoria non è mai stata accettata dalla maggior parte degli studiosi. Nonostante la stima sincera di Albert Einstein, che ne redasse anche la prefazione della sua prima pubblicazione sull'argomento e con il quale intrattenne un proficuo rapporto epistolare, Hapgood e le sue teorie sono stati emarginati ai margini della comunità scientifica a lungo. Solamente a partire dai tardi anni 70 del secolo scorso le idee di Hapgood hanno conosciuto nuova notorietà grazie ad un gruppo di studiosi indipendenti (Graham Hanckok, Colin Wilson, Rand Flem-Ath, John Anthony West, solo per citarne alcuni) autori di numerosi libri talvolta sconfinanti in teorie riconducibili alla pseudoscienza della archeologia misteriosa.

Happgood ha ricevuto un master universitario dalla Harvard University nel 1932 in storia medievale e moderna. Il suo Dottorato in filosofia sulla rivoluzione francese è stato interrotto dalla Grande depressione.


Questa teoria spiegherebbe moltissime cose. Ma bisognerebbe capire le tempistiche e non è facile.

Comunque si da per scontato fosse il sole ma non lo possiamo sapere, le ipotesi di cui ha parlato zakmck sono tutte plausibili se partiamo dal presupposto che quanto descritto da vari popoli sia avvenuto davvero. E proprio perché sappiamo che determinati fenomeni fisici non possono accadere senza conseguenze tremende per la vita sul pianeta dovremmo essere incuriositi e cercare di capire cosa quei popoli hanno vissuto per spingerli a fissare quell'evento nella propria storia. Perché ricordiamo sempre che quella gente tramandava quelle cose PER SE STESSA non con l'intenzione di farne un libro sacro per noi -_-

Se venisse trovato un quotidiano di oggi tra 3mila anni difficilmente potrebbero capire al meglio il linguaggio usato ed i costrutti linguistici, modi di dire e codici di uso comune per quel linguaggio a cui noi non abbiamo accesso.


Per inversione dei poli, si intende slittamento magnetico, non fisico, quindi un capovolgimento del globo è da escludere. È una teoria che ha trovato diverse prove che in passato sia già avvenuto.
Sta avvenendo tutt'oggi infatti il polo nord magnetico si trova in canada.

Per il discorso della traslazione, concordo con zakmck, in mezza giornata di traslazione non rimarrebbe nessuno per raccontarlo.


Ultima modifica di Morlok il 03/05/2014, 16:50, modificato 1 volta in totale.


_________________
« Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. »
Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 802
Iscritto il: 03/09/2009, 12:53
Località: rieti
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 16:49 
Cita:
zakmck ha scritto:

Cita:
Morlok ha scritto:
Giusto, ma si dice che il sole rimase fermo nel cielo quindi era visibile, non si dice che il giorno è diventato notte si dice che il giorno si è allungato.
In caso di eclisse o occultazione nel solo cono d'ombra si ha la "notte", il sole diventa nero e si vede la corona solare, a non è giorno è quasi un crepuscolo, si alza il vento gli animali cambiano comportamento, ma dall'altro lato della terra non ci si accorge di nulla, il giorno e la notte continuerebbero ad alternarsi.



Morlok, un piccolo sforzo per leggere tutto il mio post pero' credo sia necessario. Altrimenti si creano dei misunderstanding. [;)]

Io non ho parlato di eclisse. Il mio riferimento alle dimensioni del disco solare era solo per dire che non e' impossibile piazzare un oggetto in orbita stazionaria sufficientemente grosso da essere scambiato per il sole (ovviamente non per la nostra tecnologia).

Quanto poi alla luminosita' che questo oggetto dovrebbe avere, ho fatto l'ipotesi dello specchio, che se convesso potrebbe essere anche molto piu' piccolo del disco apparente solare.

Il fatto poi che altri testi abbiano fatto riferimento ad analoghi avvenimenti (sia in versione diurna che notturna) nulla toglie alla mia ipotesi. Infatti nessuno dice che gli avvenimenti descritti siano stati tra loro contemporanei.




Ho letto tutto il tuo post e forse mi sono espresso male.
Buona la teoria dell specchio, ne consegue pero' che se da una parte si ha il sole diciamo per 24 ore, dall'altro lato del pianeta si avrà una notte di 24 ore, quindi se da una parte si usa uno specchio, dall'altra si provocherà un'eclisse di sole.



_________________
« Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. »
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7090
Iscritto il: 24/01/2011, 14:04
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 18:48 
Cita:
Morlok ha scritto:
Ho letto tutto il tuo post e forse mi sono espresso male.
Buona la teoria dell specchio, ne consegue pero' che se da una parte si ha il sole diciamo per 24 ore, dall'altro lato del pianeta si avrà una notte di 24 ore, quindi se da una parte si usa uno specchio, dall'altra si provocherà un'eclisse di sole.


???
Qui non ti seguo. Se l'obiettivo era quello di prolungare il giorno per una certa zona allora uno specchio che fosse in orbita geostazionaria rimarrebbe sempre sulla perpendicolare di tale zona. Cambiandone l'inclinazione si riuscirebbe ad illuminare la zona anche quando questa si trovi nella posizione corrispondente al buio (ma non necessariamente in opposizione al sole).
In quel frangente, sull'altro lato del pianeta sarebbe giorno e nulla si noterebbe.
Dato che l'evento raccontato era relativo al prolungamento di un'unica giornata, finito il lavoro lo specchio poteva essere rimosso e quindi non si sarebbe frapposto tra il sole e zona interessata quando questa sarebbe ritornata dalla parte del giorno. Inoltre, calcolando bene le angolazioni, sarebbe possibile anche evitare che l'ombra proiettata dallo specchio finisca per colpire la superficie, generando quindi un'eclissi.

Diverso invece il discorso di prolungare la notte. Occultare la luce solare per l'intero emisfero e' un'impresa ben piu' ardua. Ad esempio una zona di circa 300 km di diametro richiederebbe un disco geostazionario di 347 km. di diametro, non proprio un francobollo, e comunque il buio non sarebbe assoluto, ma solo un imbrunire. Cose piu' totali richiederebbero dischi ben piu' grandi e quindi sempre meno ipotizzabili.

PS:
[8] [8]
Tra l'altro mi vengono in mente anche le "astronavi di cristallo" di cui ci ha raccontato donnacinzia in relazione al caso amicizia.

http://www.ufoforum.it/topic.asp?whichp ... _ID=315347


Ultima modifica di zakmck il 03/05/2014, 18:52, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione" - Jean Kerr

"People willing to trade their freedom for temporary security deserve neither and will lose both" - Benjamin Franklin
"Chi e' disposto a dar via le proprie liberta' fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non otterra' né la liberta' ne' la sicurezza ma le perdera' entrambe" - Benjamin Franklin

"Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni" - Emil Cioran

"Quanto piu' una persona e' intelligente, tanto meno diffida dell'assurdo" - Joseph Conrad

Immagine
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 19:13 
Come ho avuto anche occasione di dire nel corso delle puntate del podcast ammetto che le mie competenze in astrofisica siano limitate... per questo per il momento sto alla finestra a osservare come si sviluppa il discorso.

Quindi, a prescindere dalle questioni bibliche e ai fisiologici cataclismi conseguenti all'arresto della rotazione della Terra che di fatto impedirebbero anche solo di pensare che un tale evento sia occorso nella storia del genere umano, vorrei provare a fare un passo indietro.

Considerando le forze in gioco, è possibile determinare quale forza dovrebbe essere introdotta nel sistema Terra-Luna per modificare la rotazione della Terra in modo significativo?

Ad esempio (solo per capire meglio io), se si spostasse la Luna allontanandola di svariate centinaia di kilometri, cosa succederebbe al moto di rotazione terrestre? E se applicassimo ipoteticamente una forza che facesse iniziare a girare la Luna su se stessa più velocemente di ora ciò modificherebbe il momento angolare del sistema?

Scusate se non mi sono espresso in modo del tutto corretto o se ho detto delle castronerie, ma davvero in fisica non sono molto ferrato...

[:I]



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 11723
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
Località: Agropoli (SA)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 20:14 
Cita:
Morlok ha scritto:

Cita:
MaxpoweR ha scritto:

Cita:
Morlok ha scritto:

Cita:
MaxpoweR ha scritto:

Siamo sicuri che il sole descritto dalla bibbia fosse proprio il sole? Non possiamo prendere quanto scritto per oro colato e soprattutto senza ulteriori "dati" l'unica cosa certa è che è stato descritto una qualche tipo di fenomeno macroscopico planetario confermato anche da altri popoli che ne hanno decritto gli effetti nello stesso modo. Io mi son fissato con la traslazione della crosta terrestre ma non so se questa possa provocare come effetti collaterali l'apparente blocco del sole...



La tralazione della crosta terrestre provocherebbe scosse sismiche inimmaginabili.


E quindi?

Cita:
Charles Hutchins Hapgood (17 maggio 1904 – 21 dicembre 1982) è stato uno storico statunitense.

È stato ideatore della cosiddetta teoria dello slittamento polare (Pole Shift Theory), ipotesi secondo la quale i poli della Terra tendano a spostarsi nel tempo. In altre parole i poli sono stati e, in futuro, saranno in posizioni differenti. La teoria non è mai stata accettata dalla maggior parte degli studiosi. Nonostante la stima sincera di Albert Einstein, che ne redasse anche la prefazione della sua prima pubblicazione sull'argomento e con il quale intrattenne un proficuo rapporto epistolare, Hapgood e le sue teorie sono stati emarginati ai margini della comunità scientifica a lungo. Solamente a partire dai tardi anni 70 del secolo scorso le idee di Hapgood hanno conosciuto nuova notorietà grazie ad un gruppo di studiosi indipendenti (Graham Hanckok, Colin Wilson, Rand Flem-Ath, John Anthony West, solo per citarne alcuni) autori di numerosi libri talvolta sconfinanti in teorie riconducibili alla pseudoscienza della archeologia misteriosa.

Happgood ha ricevuto un master universitario dalla Harvard University nel 1932 in storia medievale e moderna. Il suo Dottorato in filosofia sulla rivoluzione francese è stato interrotto dalla Grande depressione.


Questa teoria spiegherebbe moltissime cose. Ma bisognerebbe capire le tempistiche e non è facile.

Comunque si da per scontato fosse il sole ma non lo possiamo sapere, le ipotesi di cui ha parlato zakmck sono tutte plausibili se partiamo dal presupposto che quanto descritto da vari popoli sia avvenuto davvero. E proprio perché sappiamo che determinati fenomeni fisici non possono accadere senza conseguenze tremende per la vita sul pianeta dovremmo essere incuriositi e cercare di capire cosa quei popoli hanno vissuto per spingerli a fissare quell'evento nella propria storia. Perché ricordiamo sempre che quella gente tramandava quelle cose PER SE STESSA non con l'intenzione di farne un libro sacro per noi -_-

Se venisse trovato un quotidiano di oggi tra 3mila anni difficilmente potrebbero capire al meglio il linguaggio usato ed i costrutti linguistici, modi di dire e codici di uso comune per quel linguaggio a cui noi non abbiamo accesso.


Per inversione dei poli, si intende slittamento magnetico, non fisico, quindi un capovolgimento del globo è da escludere. È una teoria che ha trovato diverse prove che in passato sia già avvenuto.
Sta avvenendo tutt'oggi infatti il polo nord magnetico si trova in canada.

Per il discorso della traslazione, concordo con zakmck, in mezza giornata di traslazione non rimarrebbe nessuno per raccontarlo.


Questa è l'ultima volta che ti rispondo nel merito perchè mi sono reso conto che non leggi ciò che ti viene scritto ma ti limiti a leggere il "titolo" ed a farti una tua idea preconcetta.

In futuro mi limiterò ad ignorare le tue repliche se basate sugli stessi presupposti, perchè discutere così è oggettivamente scocciante e senza senso.
Io non ho parlato di INVERSIONE DEI POLI. MA mi astengo dal precisare cosa è presente in questo post perchè basta leggerlo.

Cita:
Atlanticus81 ha scritto:

Come ho avuto anche occasione di dire nel corso delle puntate del podcast ammetto che le mie competenze in astrofisica siano limitate... per questo per il momento sto alla finestra a osservare come si sviluppa il discorso.

Quindi, a prescindere dalle questioni bibliche e ai fisiologici cataclismi conseguenti all'arresto della rotazione della Terra che di fatto impedirebbero anche solo di pensare che un tale evento sia occorso nella storia del genere umano, vorrei provare a fare un passo indietro.

Considerando le forze in gioco, è possibile determinare quale forza dovrebbe essere introdotta nel sistema Terra-Luna per modificare la rotazione della Terra in modo significativo?

Ad esempio (solo per capire meglio io), se si spostasse la Luna allontanandola di svariate centinaia di kilometri, cosa succederebbe al moto di rotazione terrestre? E se applicassimo ipoteticamente una forza che facesse iniziare a girare la Luna su se stessa più velocemente di ora ciò modificherebbe il momento angolare del sistema?

Scusate se non mi sono espresso in modo del tutto corretto o se ho detto delle castronerie, ma davvero in fisica non sono molto ferrato...

[:I]


Non sono un esperto di astrofisica ovviamente ma a spanne direi che servono forze incommensurabili per provare artificialmente questi fenomeni ed eventuali modificazioni del moto lunare provocherebbero si effetti sulla terra ma non istantanei (e per istantanei intendo centinaia di anni). Rimango in attesa di risposte più approfondite perchè la domanda che hai posto è interessante, soprattutto per quel che riguarda la "luna". [}:)]


Ultima modifica di MaxpoweR il 03/05/2014, 20:20, modificato 1 volta in totale.


_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

U.F.O.
U.F.O.

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 412
Iscritto il: 28/07/2013, 18:17
Località: The World
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/05/2014, 20:59 
Cita:
Atlanticus81 ha scritto:

Come ho avuto anche occasione di dire nel corso delle puntate del podcast ammetto che le mie competenze in astrofisica siano limitate... per questo per il momento sto alla finestra a osservare come si sviluppa il discorso.

Quindi, a prescindere dalle questioni bibliche e ai fisiologici cataclismi conseguenti all'arresto della rotazione della Terra che di fatto impedirebbero anche solo di pensare che un tale evento sia occorso nella storia del genere umano, vorrei provare a fare un passo indietro.


Secondo me, il punto GENERALE è proprio questo.
Il passo indietro.

Leggo datazioni che a mio avviso sono troppo "recenti" ogni qualvolta si cerchi di dare una collocazione temporale ad eventi descritti nella Bibbia e in molti altri testi citati in queste ipotesi.

Come dice giustamente zakmac, la durata delle eventuali "metamorfosi" accadute al nostro pianeta, è il territorio su cui si muove la possibilità che esse siano realmente accadute come descritte nei testi storici, o siano state manifestazioni probabilmente d'altra natura, rispetto a quella descritta.

Per quanto riguarda la Luna, il discorso "conoscitivo" occorrente per poter affrontare al meglio l'aspetto "astrofisico", è piuttosto lungo.

E io sono il meno adatto a rendere "breve" ciò che non lo è già di suo. [:I] [:D]

Mi limito a rispondere alla domanda di seguito, per quanto ne sono in grado.


Cita:
Atlanticus81 ha scritto:

Considerando le forze in gioco, è possibile determinare quale forza dovrebbe essere introdotta nel sistema Terra-Luna per modificare la rotazione della Terra in modo significativo?

Ad esempio (solo per capire meglio io), se si spostasse la Luna allontanandola di svariate centinaia di kilometri, cosa succederebbe al moto di rotazione terrestre? E se applicassimo ipoteticamente una forza che facesse iniziare a girare la Luna su se stessa più velocemente di ora ciò modificherebbe il momento angolare del sistema?

Scusate se non mi sono espresso in modo del tutto corretto o se ho detto delle castronerie, ma davvero in fisica non sono molto ferrato...

[:I]



Secondo buona parte degli studiosi specializzati sulla nostra Luna, essa si formò quando la Terra era ancora una palla di magma, agli inizi della sua storia.
Causa un impatto con un pianeta di dimensioni notevoli, si formò la Luna.
Che girava di brutto su se stessa, molto tempo fa.
Poi, come buona parte dei satelliti nel sistema solare, questo moto rallentò sino a determinare la geosincronicità odierna.
Da quanto, in quanto tempo e con che esatte meccaniche sia avvenuto ed avvenga un fenomeno di questo genere, o altri cambiamenti più o meno repentini negli apparenti equilibri del Sistema Solare, è tuttora obbiettivo di studi praticamente "nati l'altro giorno".

Sulla questione dello spostamento lunare...in realtà la Luna non gira attorno alla Terra descrivendo un cerchio perfetto.
Ha un apogeo e un perigeo, distanziati nel loro valore di ben 40.000 chilometri (migliaio più o meno).
Quindi il suo spostamento per poter causare stravolgimenti, dovrebbe essere più "importante" delle svariate centinaia di km.



_________________
Ore 10.30 AM
Me & Sir Pent... lui, appena svegliatosi. Io, di rientro dalla nottata. Perdonatemi occhiaie e scapigliatura. ^_^
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 42 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Oggi è 28/03/2017, 02:32
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org