Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Omicidi e Morti misteriose
MessaggioInviato: 26/11/2014, 20:40 
Magari esiste già un thread di archivio e approfondimento simile a questo. Eventualmente invito i mod a indicarmelo di modo da poter caricare quanto segue nel vecchio e chiudere codesto.

Qualora così non fosse ritengo invece potrebbe essere interessante cercare di archiviare, catalogare e, nel caso, approfondire, tutte quelle morti misteriose che molto spesso occupano le pagine della cronaca nera nazionale.

Cita:
«I servizi segreti mi vogliono chiudere la bocca», carabiniere trovato morto in caserma: è giallo

Il militare dell'Arma era di Monterubiaglio, su Facebook l'ultimo messaggio: «Sono io Adam Kadmon». Ma il protagonista della trasmissione "Mistero" smentisce. Indaga il nucleo investigativo di Roma, ipotesi suicidio: domani l'autopsia

Immagine

Luis Miguel Chiasso, carabiniere di Monterubiaglio in servizio a Roma, è stato trovato senza vita stanotte in caserma intorno a mezzanotte. Ferito a morte con un colpo d'arma da fuoco che il giovane si sarebbe sparato con la pistola di ordinanza. Trentenne, aveva chiamato i genitori intorno alle 20,30. Poche ore la dopo tragica notizia della scomparsa.

Una scomparsa che si tinge di giallo, con il messaggio che il carabiniere ha lasciato su Facebook, un vero e proprio addio a tratti delirante. «Lavoro per i servizi segreti italiani ed internazionali da tempo sto vedendo cose a noi sconosciute cose non di questo mondo ma dei nostri creatori, purtroppo sapere determinate cose porta delle responsabilità - è scritto nel post - mi resta poco da vivere so già che stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre». Secondo la cronologia del social network il post è stato pubblicato intorno alle 21.

La ricostruzione

Il giovane è stato trovato morto dai colleghi della caserma "Salvo d'Acquisto" di Roma nella sua cameretta che era chiusa dall'interno. Secondo le ricostruzioni ad allertarli è stata una telefonata dei carabinieri del Nucleo investigativo di Roma a loro volta avvisati da una chiamata di un operatore del 112 cui si era rivolto Chiasso. Poco prima di togliersi la vita il giovane ha telefonato al 112 in stato confusionale e quando l'operatore ha cercato di trattenerlo al telefono lui ha riattaccato. Inutile il successivo tentativo di ricontattarlo. Poi l'allerta. Il carabiniere di Monterubiaglio era in forza all'VIII reggimento lazio, reparto che si occupa di ordine pubblico in supporto all'Arma territoriale e vigilanze.


Le indagini

Sono in mano al Reparto investigativo dell'Arma della Capitale le indagini sulla morte di Luis Miguel Chiasso. Già disposta l'autopsia che potrebbe svolgersi sin dalla giornata di oggi. Al momento l'ipotesi più accreditata è il suicidio.


Il messaggio su Facebook

Tuttavia apre scenari inquietanti che occorre indagare. Ed è quello che gli investigatori stanno tentando di fare sotto ogni profilo, linguistico e sociologico, per risalire al profilo psicologico e non solo di chi lo ha pubblicato.


I servizi segreti

Nel messaggio il giovane carabiniere svela di lavorare per i servizi segreti nazionali e internazionali. Un'affermazione degna della massina attenzione. Anche se dalla prime verifiche, pare non ne potesse far parte tecnicamente, si sta verificando se vi fosse entrato in contatto in qualche modo.

http://www.giornaledellumbria.it/articl ... 08014.html


Parto da questo recente caso per via di una coincidenza inquietante e che registriamo nella foto che molti giornali online stanno utilizzando per rappresentare la vittima.

Altri link che ne parlano

http://www.today.it/cronaca/suicidio-ca ... greti.html

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/C ... 3179.shtml

[8)]



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 26/11/2014, 20:41 
Il suo ultimo messaggio su facebook...

Cita:
Ciao popolo. Vi prego condividete e urlate al mondo intero.

Qualcuno mi conosce sente le mie parole alla TV mi sono creato il personaggio con un attore di Adam kadmon, vi avevo promesso che avrei levato la maschera come faccio a sapere tante cose? Semplice
Lavoro per i servizi segreti italiani ed internazionali da tempo sto vedendo cose a noi sconosciute cose non di questo mondo ma dei nostri creatori, purtroppo sapere determinate cose porta delle responsabilità , mi resta poco da vivere so già che stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre.

Anni fa giurai questo "Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina ed onore tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni".

E ora popolo vi dico combattete ribellatevi fate che la mia morte non sia vana perché il popolo ha il diritto alla disobbedienza verso il governo quando questo perda legittimità agendo fuori dai limiti del mandato e il diritto all’uso consapevole dell’illegalità giustificato dallo stato di guerra che i governanti, tradendo il patto, avrebbero ripristinato:

“E se coloro che con la forza sopprimono il governo sono ribelli, i governanti stessi non possono essere giudicati altrimenti, se essi, che sono stati istituiti per la protezione e la conservazione del popolo e delle sue libertà e proprietà, le violano con la forza e tentano di sopprimerle, e quindi, ponendosi in stato di guerra con quelli che li avevano stabiliti come protettori e custodi della loro pace, sono propriamente, e con la maggiore aggravante, rebellantes, cioè a dire ribelli.

Ma se coloro, che dicono che questa dottrina getta il fondamento della ribellione, vogliono dire che può dare occasione a guerre civili o disordini intestini il dire al popolo che esso è sciolto dall’obbedienza quando si perpetrano attentati illegali contro le sue libertà e proprietà e può opporsi alla violenza illegittima dei suoi governanti istituiti, quando essi violino le sue proprietà contro la fiducia posta in loro, e che perciò questa dottrina, essendo così esiziale per la pace nel mondo, non deve essere ammessa, per la stessa ragione essi potrebbero parimenti dire che uomini onesti non possono opporsi a briganti e pirati, per il fatto che ciò può dar occasione a disordini o versamenti di sangue.

Se in tali occasioni avviene qualche male, esso non deve essere imputato a chi difende il proprio diritto, ma a chi viola il diritto dei vicini. Se l’uomo innocente e onesto deve, per amor di pace, cedere passivamente tutto ciò che possiede a colui che vi attenta con la violenza, vorrei che si pensasse che razza di pace vi sarebbe al mondo, se la pace non consistesse che in violenza e rapine, e non dovesse essere conservata che per il vantaggio di briganti e oppressori. ““



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6912
Iscritto il: 01/11/2011, 19:28
Località: Astana
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 26/11/2014, 22:36 
[BBvideo]axA7lQAwVgY#t=328[/BBvideo]

"LA ROSA DEI CONTI"...

LA ROSA DEI CONTI... PERCHE'???
Perché tutti i processi da MDF fino a Sarah Spistolini, Meredith, Yara, Cogne, Garlasco, Erba, sono stati tutti brutalmente depistati???
Che significato ha mostrare certi omicidi, veicolarli massivamente per anni sui media come fossero soap-opera e poi non trovare quasi mai il vero colpevole, oppure, cambiando le carte in tavola, tenere in sospeso il pubblico da casa come durante una incessante rullata di tamburi...

Perché ETEROPILOTARE una storia già programmata, poi trovare i soliti capri espiatori, come fosse scritta in una sceneggiatura di un romanzo???
Perché certi omicidi hanno talvolta gli stessi inquirenti, gli stessi personaggi che orbitano attorno a storie spesso simili ed affini???
Perché, in seconda battuta, viene sempre fuori una pista satanica non meglio identificata?

E' anch'essa un secondo livello di depistaggio??? E' solo uno dei livelli del protocollo???
Perché certe testimonianze scomode dei fatti, veicolate e lette per caso in qualche trafiletto di periferia o apparse per poco tempo e poi dimenticate, vengono sempre bloccate, al massimo riprese dopo anni, testimonianze che cambierebbero la storia ufficiale ed indicherebbero nuovi personaggi, oppure un'altra storia completamente differente???
Perché ad un certo punto qualche testimone muore in circostanze misteriose?
Perché talvolta si suicidano, erano tutti depressi???
Perché Pacciani fu avvelenato da un mix improprio di farmaci???
Perché nella vicenda del MDF sono morte tante altre persone che orbitavano attorno alla vicenda, non direttamente coinvolte con le esecuzioni delle coppiette???

Fu Pacciani a sbarazzarsi di tutti quanti, insieme ai vecchi compagni di merende storpi e malandati???

Perché nella vicenda UNO BIANCA non tornano i conti, perché degli sbirri avrebbero agito uccidendo senza movente persone comuni, omicidi non legati tra loro, a meno che non guardiamo i fatti da un'altra visuale???

Perché venne fuori la Falange Armata, chi era questo fantomatico gruppo eversivo di estrema destra collegato ai Servizi Segreti???

Perché Cogne è diventata una soap televisiva senza fine, perché non si parla delle reali dinamiche dell'omicidio del povero Samuele, completamente diverse da quelle della versione ufficiale???

Perché sparì subito la testimonianza di quel ragazzo che disse di aver visto dei MEN IN BLACK rapire Yara Gambirasio, caricandola violentemente in una macchina???

Perché deve pagare ancora una volta, come fossimo nel medioevo più buio, un capro espiatorio, il muratore Bossetti???

Perché Parolisi deve pagare un delitto non commesso, perché non si indaga nei piani alti dell'ambiente militare...

Perché il caso Melania Rea è stato così profondamente stravolto, negando contraddizioni vistose ed imbarazzanti sulle dinamiche dell'omicidio???

Perché i testimoni del delitto di Erba hanno ritrattato e sono stati minacciati???

Perché non si è più parlato di quel commando miliziano di contractor nella strage di Erba, visto da numerosi inquilini del posto???
Perché non si è più parlato del padre di Amanda Knox che lavora alla BBC come agente di disinformazione dei Servizi?
Perché non si parla del fatto che Chiara Poggi lavorava per un'agenzia dell'Intelligence???

Perché la gente comune crede alla versione ufficiale dei fatti, vuol essere tranquillizzata???
Perché ha paura di accettare una verità scomoda???
Perché preferisce percepire il fatto che siamo circondati da killer seriali???
Perché ha paura di mettere in discussione l'autorità e il potere costituito???
PERCHE'...PERCHE'... PERCHE' ???







LA ROSA DEI CONTI... 1994

I SAVI sono in realtà uno specchietto per le allodole. Hanno fatto di tutto per essere incastrati, agendo senza movente apparente, uccidendo tante persone diverse tra loro, sempre senza motivo apparente. Sapendo che prima o poi sarebbero stati presi. I SAVI non sono semplicemente quei criminali fascisti che sono stati indicati dai media, in realtà lo sono anche, ma sono a loro volta un corpo sacrificale di una CAUSA ben più alta.

La BANDA DELLA UNO BIANCA, che è una creazione della Falange Armata, che a sua volta è un organo della Rosa dei Venti, quindi della Nato, col patrocinio dei Servizi Segreti nostrani, ha alimentato la strategia della tensione che da quel momento avrà diverse modalità nel compiere omicidi, più di carattere squisitamente DOMESTICO.

Non più bombe e stragi come quelle passate, ma omicidi senza movente apparente, "casuali", che vanno dagli zingari fino alle Forze dell'Ordine, passando per benzinai e passanti. E' questa la nuova fase della strategia della tensione, non più gruppi uniti da una presunta ideologia fascista, ma semplicemente fascisti di strada, caos all'ennesima potenza, un sistema criminale più liquido, meno visibile, meno comprensibile. E' questo il goal del progetto UNO BIANCA, l'anonimato che uccide, a bordo di una macchina anonima, in situazioni anonime e senza senso, follemente piccolo borghesi con licenza di giustizieri, dove tutti sono potenziali bersagli in qualsiasi momento.

Dopo la fine del caso del MDF, questi crimini hanno dato il via agli omicidi mediatici moderni che tanto oggi vanno di moda ed hanno sostituito le stragi "politiche"di un tempo, perché erano un retaggio di un mondo ideologizzato che si vuole sparisca in favore di un caos perenne senza ragion d'essere.

La Falange Armata farà ancora delle stragi ed attentati con bombe, ma saranno gli ultimi, celebrando l'avvento della Seconda Repubblica come l'erezione di un Tempio prevedeva il sacrificio rituale di una vergine. La banda della UNO BIANCA si occupò del MEMENTO MORI andando a colpire la pancia dei fedeli, creando un alone di terrore per tutta la città...

Ognuno poteva essere un possibile bersaglio, l'UOMO NERO era arrivato ed il Ministero della Paura poteva accomodarsi nella sua futura poltrona.

In tutto questo calderone fatto di coperture di Magistrati, uomini legati all'Arma, Servizi Segreti, i SAVI hanno svolto il loro PROTOCOLLO, perchè a loro volta vittime dello stesso sistema che li aveva creati, essendo carne da macello eteropilotata e costretta a uccidere, magari soddisfacendo le loro voglie criminali, perché sempre killer erano e tali rimangono.

Ai SAVI doveva essere successo qualcosa di veramente importante e particolare per far si che potessero accettare di diventare killer e Re per una notte, andando in galera tutto il resto della vita, quindi perdendo tutto, un passaggio, una sorta di iniziazione che in gergo chiameremo "ADDESTRAMENTO". Killer che vengono costretti ad uccidere perché non hanno altra scelta se non quella di soddisfare i loro creatori, scelta che se si rifiutassero di compiere li condannerebbe a morte sicura. Due opzioni, la più sconsigliata sarebbe quella di venir uccisi, loro e/o i loro familiari, perché così funziona il sistema, oppure fare qualche omicidio, per CAUSE ESTERNE che loro ignorano e salvare la pelle scegliendo il male minore. Per fare queste operazioni vengono sempre scelti personaggi compromessi e ricattabili, perché di base già assassini e criminali.

Una terza eventuale opzione potrebbe essere quella più probabile e logica.

Forse fu creato uno scenario dove ai SAVI fu promessa un'impunita e magari qualche alloro, situazione magari cambiata IN CORSO D'OPERA e tradita dai loro stessi capi che, in seguito, avrebbe permesso di smascherarli per coprire il livello superiore.

Insomma UTILI IDIOTI... e loro erano perfetti per questa operazione militare, anche il nome calzava a pennello... I FRATELLI SAVI...







LA ROSA DEI CONTI... 2014

Sulla rete tornano in auge video ed interviste della madre di Sarah Spistolini...

Perché proprio ora??? C'è un buco da colmare nella gestione della programmazione degli omicidi mediatici, come quando in Tv davano le repliche di certi film???
La versione ufficiale di Avetrana è diventata demenziale ed obsoleta, fatti già emersi all'epoca e mediaticamente dimenticati, sembrano finalmente tornare a galla e la madre questa volta, pare voglia andare fino in fondo alla faccenda, magari con più coraggio senza incolpare altri capri espiatori...
RITI SATANICI sono lo sfondo di questa nuova vulgata, oppure un ulteriore depistaggio???

Sarah, prima di essere uccisa, si era informata di strane sparizioni in un casolare della zona, dove pare ci fossero congreghe di brutti personaggi che, attraverso un anello minore di adepti, celebrassero messe e rituali di sesso e morte.
Era venuta a conoscenza di certi eventi oscuri ed aveva preso dalla biblioteca comunale un libro che parla di omicidi sacrificali, scritto da un ex-agente dei servizi segreti di fine 800, William Tufnell Le Queux, dal titolo "Segreti di morte".

Ricapitolando in una logica e possibile visione d'insieme...
Una ragazzina bionda ed appassionata di esoterismo e strane letture per la sua età, appartenente contadina campagna pugliese e forse non particolarmente istruita ma non certo stupida, viene a conoscenza di certi mondi e di certi fatti che vedrebbero coinvolti loschi figuri che compiono riti satanici. Si informa alla grande e, come un personaggio da film NOIR anni 50, trova in quella piccolissima biblioteca di paese, un rarissimo libro che spiega come funziona questa realtà occulta, scritto da un uomo dei servizi segreti dell'epoca, collegato con la corona inglese ed adepto della Golden Dawn. I fatti del casolare incriminato sono condivisi anche dalla cugina e dal suo uomo che, forse perché coinvolti come semplici curiosi o perché a loro volta informati sulla vicenda, si assicurano che non trapeli la verità. Ci sono i tabulati dell'epoca dei dialoghi inerenti a questo particolare, l'intercettazioni parlano chiaro.

In realtà questa storia venne fuori poco dopo la presentazione mediatica, dove inizialmente fu indicata solo la figura di Michele Misseri e poi fu incolpata la cugina che magari ne conosce qualche aspetto più marginale, ma come spettatrice passiva di una vicenda molto più allargata e complessa.
Tutto questo calderone basterebbe per scrivere una sceneggiatura di un film alla Polanski, mentre gli investigatori pare non siano troppo interessati a questi aspetti, come quasi tutti i giornalisti e commentatori che si masturbano a vicenda in TV, girando intorno all'argomento e sviando puntualmente da analisi più serie e circostanziate.

Questa è la cosa più inquietante, l'omertoso silenzio collettivo di chi sa o di chi non vuol sapere...

DI CHI VIVE QUEL MONDO, MAGARI DA ALTRE POSIZIONI DIFFERENTI DA QUELLE PIU' "SQUISITAMENTE CRIMINALI" E NON COINVOLTO IN PRIMA PERSONA...

Una maggioranza silenziosa fatta di VIP, militari, massoni deviati, prelati, magistrati, avvocati e dottorini di ogni specie. Dove i colpevoli sono quasi sempre persone appartenenti a ceti sociali più bassi, contadini, casalinghe, ragazzi sprovveduti e facilmente plagiabili, persone con meno difese e strumenti di conoscenza. Dove passa la morale che queste tragedie sono faccende del popolo bue, delle classi inferiori, mentre quelle superiori vengono mostrate come rette, ordinate e come modello vincente, giustificando il principio che allora è giusto che il sistema funzioni così, che la piramide sociale sia gerarchica e percepita come totem invalicabile e divino.

Noi poveri NEO-REALISTI aspettiamo con ansia una resa dei conti, anzi, una ROSA DEI CONTI, dove finalmente venga a galla almeno in parte il funzionamento della matrice rituale.

Un piccolo risveglio ed una presa di coscienza del potere totalitario ed invasivo della TV e dei giornali, della sua funzione oracolare e religiosa in tempi moderni.


PERCHE'..., PERCHE'..., PERCHE'... MA LO SPECCHIO NON RISPONDEVA!!!

cit. La Strega Cattiva



Pubblicato da MAESTRO DI DIETROLOGIA a mercoledì, novembre 26, 2014

[align=right]Source: MAESTRO DI DIETROLOGIA: "LA ROSA DEI CONTI"... [/align]



_________________
Immagine“El saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!”
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7293
Iscritto il: 24/01/2011, 14:04
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 26/11/2014, 22:49 
Ne stiamo parlando qui:

http://www.ufoforum.it/topic.asp?whichp ... _ID=353104


Direi che data l'attinenza di la sia il posto giusto.

Qui chiudo.

Magari riporta di la i contenuti significativi.



_________________
"Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione" - Jean Kerr

"People willing to trade their freedom for temporary security deserve neither and will lose both" - Benjamin Franklin
"Chi e' disposto a dar via le proprie liberta' fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non otterra' né la liberta' ne' la sicurezza ma le perdera' entrambe" - Benjamin Franklin

"Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni" - Emil Cioran

"Quanto piu' una persona e' intelligente, tanto meno diffida dell'assurdo" - Joseph Conrad

Immagine
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 7293
Iscritto il: 24/01/2011, 14:04
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 27/11/2014, 23:34 
Riaperta su segnalazione di Wolframio.



_________________
"Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione" - Jean Kerr

"People willing to trade their freedom for temporary security deserve neither and will lose both" - Benjamin Franklin
"Chi e' disposto a dar via le proprie liberta' fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non otterra' né la liberta' ne' la sicurezza ma le perdera' entrambe" - Benjamin Franklin

"Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni" - Emil Cioran

"Quanto piu' una persona e' intelligente, tanto meno diffida dell'assurdo" - Joseph Conrad

Immagine
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6912
Iscritto il: 01/11/2011, 19:28
Località: Astana
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 27/11/2014, 23:39 
Grazie Zakmck [:)]





NOCENSURA.COM – Luisa Bonello e la sua lotta ai pedofili: un "suicidio" che non convince


27 nov

Immagine

A cura di staff nocensura.com

La dottoressa Luisa Bonello aveva consegnato al Papa un dettagliato dossier che portava alla luce un grosso giro di pedofilia riguardante diversi prelati della diocesi di Savona. Aveva raccolto la testimonianza di alcuni suoi pazienti, era determinata a fare emergere la vicenda.

Da persona fortemente credente quale era, lo aveva fatto con grande fiducia nelle istituzioni ecclesiastiche, si aspettava che dal suo esposto scaturisse un’inchiesta e che coloro che quanti fossero riconosciuti colpevoli di pedofilia fossero adeguatamente puniti, ma i suoi propositi si sono presto scontrati con una realtà ben diversa.

La signora Bonello non aveva nascosto la sua delusione; ne aveva parlato anche in alcuni video che pubblichiamo di seguito, e aveva organizzato diverse iniziative per fare emergere la questione.
Pochi giorni fa, il 19 Settembre, è stata trovata morta: un colpo di pistola alla testa. Da subito la pista battuta dagli inquirenti è stata quella del suicidio, che sarebbe stato confermato anche dall’autopsia, anche se è stata aperta un’inchiesta contro ignoti per “istigazione al suicidio“.

Ma la pista del suicidio non convince affatto chi la conosce, che anzi si sentono di escludere questa ipotesi. La dottoressa era determinata ad andare avanti nella sua “battaglia”, nonostante avesse subito pressioni per farla tacere.
Solo una decina giorni prima del “suicidio”, aveva affidato a Facebook il seguente post, visibile anche a chi non è tra i suoi “amici”:

Immagine

Immagine

A giudicare dai suoi post, non sembrava affatto una persona depressa, che pensava a suicidarsi; anzi sembrava ben determinata a portare avanti questa battaglia, mediante iniziative come la seguente:

Immagine

Di seguito pubblichiamo alcuni video dove descrive la vicenda e anche la sua delusione.

VIDEO Intervista a Luisa Bonello «Io, delusa dal mio vescovo» (SECOLO XIX)

VIDEO Omertà anche in VATICANO La testimonianza di Luisa Bonello, la sua delusione da cattolica

VIDEO Luisa Bonello. ho consegnato al Papa un dossier sulla Diocesi di Savona. TG3 8-2-14

VIDEO Denunciò la Chiesa: trovata morta. Luisa Bonello

Staff nocensura.com

Fonte: http://www.nocensura.com/2014/09/luisa-bonello-e-la-sua-lotta-ai.html

[align=right]Source: NOCENSURA.COM – Luisa Bonell...emporanea Residente Forestiera [/align]


Ultima modifica di Wolframio il 27/11/2014, 23:40, modificato 1 volta in totale.


_________________
Immagine“El saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!”
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12120
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
Località: Agropoli (SA)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/11/2014, 00:07 
Cita:
Perché non si parla del fatto che Chiara Poggi lavorava per un'agenzia dell'Intelligence???


da dove salta fuori questa cosa? non riesco a trovare nulla in merito



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 6912
Iscritto il: 01/11/2011, 19:28
Località: Astana
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/11/2014, 07:58 
Cita:
MaxpoweR ha scritto:

Cita:
Perché non si parla del fatto che Chiara Poggi lavorava per un'agenzia dell'Intelligence???


da dove salta fuori questa cosa? non riesco a trovare nulla in merito


Qui si dice: http://paolofranceschetti.blogspot.de/2 ... corto.html

Chiara Poggi lavorava per la Computer Sharing che dipendeva dai servizi segreti

Mah [V]


Sarà questa la ditta in questione? https://www.linkedin.com/company/computer-sharing


Ultima modifica di Wolframio il 28/11/2014, 08:31, modificato 1 volta in totale.


_________________
Immagine“El saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!”
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3834
Iscritto il: 09/05/2012, 18:57
Località: roma
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/11/2014, 17:41 
Articolo di Paolo Franceschetti sulle strane morti capitate ad appartenenti del centro sociale Leoncavallo di Milano e la morte di De Andrè.[8]


De Andrè, centri sociali, servizi segreti e dintorni.
Mentre lavoro ascolto De Andrè. Oggi sto lavorando ad un normale articolo giuridico. In sottofondo va De Andrè… Prima di iniziare leggo alcune mail. Una ragazza mi parla di Lucio Wahid Yassa, un avvocato del Leoncavallo di Milano, impiccatosi. Gli amici dicevano che non era depresso. Non si capisce il perché del suo gesto. Ma controllo la data della morte: 9.11.1995. E la notizia della sua morte fu data l'11.11.Valore numerico 8. Giustizia. Con questa ragazza parliamo della mattanza che hanno fatto certi poteri negli anni. Dei freni rotti a persone del Leoncavallo, di persone morte in modo inspiegabile ma che alla luce di ciò che scriviamo nel blog oggi trovano una spiegazione.

Riporto un passo della sua lettera:
E quanti morti tra noi: un’allarmante frequenza di incidenti stradali, infarti giovanili, l’AIDS poi... possibile che dei miei amici sieropositivi negli anni ’80, siano ancora vivi solo quelli che NON sono andati a curarsi dalle ASL o, peggio, nelle apposite strutture?

A pranzo ho appuntamento con Giovanni, un mio amico delle medie che ha organizzato un centro sociale. Una persona buona innocua, ma molto impegnata socialmente. Cerchiamo di capire perché lo hanno incastrato per un rapina a mano armata; le uniche fonti di prova sono una fonte confidenziale di PG che non può essere rivelata. E, venuto fuori un testimone che aveva riconosciuto un ragazzo che fuggiva con una pistola in mano da una tabaccheria, il riconoscimento è stato fatto fare con 4 foto; 5 extracomunitari e lui unico italiano. La presunta rapina sarebbe stata fatta nel centro storico; proprio vicino a casa sua; pochi giorni dopo la sua elezione nella circoscrizione del centro storico. In altre parole, dopo essere stato eletto in un determinato quartiere, Giovanni avrebbe poi fatto una rapina a volto scoperto proprio lì. La cosa è talmente assurda che neanche i presunti rapinati hanno voluto costituirsi parte civile, perchè conoscono bene Giovanni, e sanno che non è stato lui.
.

Ma allora perché? Cerchiamo di capire perché gli hanno manomesso lo sterzo, in un giorno rituale ancora una volta di valore 8 come somma, pochi giorni prima che partisse poi la denuncia per rapina. Non riusciamo a spiegarlo. Ma ci viene un sospetto.
Collego la mail di questa lettrice. Collego i morti sospetti della mia gioventù... collego le infiltrazioni dei servizi nei centri sociali. All' epoca pensavamo dipendessero dalla volontà delle istituzioni di "controllare" meglio... Mi viene il dubbio che forse non c'era una volontà solo di "controllare". Forse c'era la volontà di eliminare le persone pericolose, di disgregare potenziali gruppi che potevano avere un peso contro il sistema e informare correttamente certa gente.
Mi accorgo che non sono morti solo agenti dei servizi, magistrati, poliziotti, testimoni scomodi. No. Nei decenni sono morti cittadini normali che davano troppo fastidio. I centri sociali erano e sono tuttora infiltrati dai servizi segreti probabilmente per dividere un possibile centro di agregazione alternativa. Ci viene il sospetto, su cui lavoreremo in seguito, che ci fu un'opera capillare, studiata a monte, di infiltrazione da parte dei servizi nei centri sociali; opera che potrebbe essere collegata alla nascita di Rifondazione (partito come abbiamo detto nel nostro articolo sulla Rosa Rossa, di impostazione smaccatamente rosacrociana per tanti punti di vista, a partire dal nome). Cioè mi viene il dubbio che Rifondazione Comunista - che pure ho votato più volte - sia stata una chirurgica operazione del sistema per disgregare la sinistra, e che in questa operazione entrava di necessità l'opera di infiltrazione nei centri sociali di allora.
.
Del resto, l'estrema sinistra di allora (come l'estrema destra di ieri e di oggi) faceva veramente un'informazione alternativa al sistema; forse un po' parziale, forse troppo politica, ma veramente contro il sistema e veramente libera da condizionamenti (eccetto i condizionamenti tipici della propria ideologia).Oggi quell'informazione non esiste più. E probabilmente è stata disgregata mediante un'operazione chirurgica e capillare da parte dei servizi segreti.

De Andrè. Il sospetto
Il pensiero mi corre a De Andrè. Data della morte. 11.1.1999. Tante volte ho cacciato il pensiero. Troppe volte mi sono detto “Paolo stai diventando paranoico… che c’entra De Andrè? A chi poteva dare fastidio? Faceva canzoni che erano una poesia, e basta….” E non ho controllato. Non ho voluto approfondire.

Ma è di questi giorni la notizia che i familiari di Carmelo Bene hanno il sospetto che egli fu assassinato. Noto che finalmente alcuni familiari cominciano a capire. Per fortuna.

Ed è è di questi giorni la notizia, su tutti i giornali, che De Andrè è stato per anni controllato dai servizi segreti perché ritenuto vicino alle BR. Ma le Br, quelle vere, erano quasi inesistenti. Erano un invenzione dello stato, un movimento controllato dai servizi segreti per destabilizzare il paese. Quindi perché lo controllavano?

Poi Solange ha lavorato a quell’articolo in cui descrive come si uccide una persona. Il cancro si può inoculare. Oppure, come risulta da una testimonianza messa a verbale davanti alla commissione stragi, ti facevano false diagnosi di cancro ai polmoni, poi ti portavano in una clinica sotto il loro controllo e lì facevano il resto. Così morì il padre di Solange ad esempio.
Ecco il link all'articolo di Solange
http://paolofranceschetti.blogspot.com/ ... ciare.html
.

E allora il dubbio diventa più forte. Allora controllo. Come è morto De Andrè? E la data, facendo il calcolo, che valore numerico ha? Morì la notte dell’11.1.1999. Lasciamo perdere le complicazioni simboliche date dal 999, dall’11, ecc. che sono per esoteristi sofisticati Vediamo la somma totale, cioè la cosa più semplice da calcolare. 31. Il 13 rovesciato. Loro coi simboli ci giocano. I simboli non sono sempre così visibili specie perché devono essere celati. Anche Falcone morì in una data a somma 31. Mentre Borsellino in una datala cui somma era 11. Insomma. Muore in un giorno ritualmente perfetto. Ma magari è una coincidenza. Come sarà una coincidenza la data del funerale: 13 gennaio 1999. Somma: 33.

Vediamo le cause della morte: Tumore ai polmoni. Ovverosia proprio il tipo di tumore con cui la P2 uccideva i suoi nemici.
Perchè quello al polmone?
Presto detto.
Si somministrava ad una persona una sostanza che gli creava difficoltà respiratorie. La vittima faceva le lastre e le veniva fatta una falsa diagnosi di tumore.
Il tumore al polmone, quando viene diagnosticato, in genere non è curabile e la persona muore in poco tempo. Quindi nessuno ha sospetti. In realtà la persona muore perchè viene avvelenata lentamente, normalmente nel centro tumori (controllato dalla P2) in cui viene curato. Un'analisi delle sostanze iniettate dimostrerebbe che la sostanza iniettata al soggetto era ben altro rispetto a ciò che i medici dicevano.Infatti De Andrè non muore a casa. Muore ricoverato all’Istituto tumori di Milano.


Altri indizi.
Poco tempo prima di ammalarsi. Disse: “se non ci fosse la mafia al sud ci sarebbe più disoccupazione”. Una frase che all’epoca non capii; e che rispecchia molto il mio modo di pensare oggi. De Andrè era un altro che conosceva il sistema, probabilmente.

Poi c'è la storia del sequestro... Venne sequestrato la sera del 27 agosto 1979. Una data perfetta, la cui somma numerica è 7, il numero della Rosa rossa. E viene liberato il 22.12.1979. Somma finale: 33 perfetta data massonica.

Al processo, perdonò i suoi sequestratori e disse che il problema non erano loro. Erano i mandanti.Quindi aveva capito che il suo sequestro era opera di qualcun altro. Non dell'anonima sarda.
I giornali dell'epoca lo accusarono della sindrome di Stoccolma. Ma in realtà la sua non era una sindrome, ma era ben altro. Era la consapevolezza che il suo sequestro aveva mandanti di altro tipo.

.
Poi c'è questo numero di XL, il settimanale di Repubblica. Nel numero di gennaio c'è un servizio su De Andrè che compare con una rosa rossa in bocca, e altre rose nel servizio.
.
Mi voglio togliere uno sfizio. Vado su un sito che sotto l'aria innocente pieno di cuccioletti, fiori, ecc.., veicola messaggi rosacrociani. Il 14 febbraio dell’anno scorso - data della moarte di Pantani - c’era, immancabile, un articolo su Pantani. Non poteva mancare un articolo su De Andrè.

.
E infine... guardate bene il video del TG 2. Osservate anche i numeri che compaiono... Osservate bene. Osservate l'8 della camera mortuaria, le rose rosse ricorrenti... e fate caso alle canzoni scelte, sia di De Andrè che di Battisti. Fate caso al testo.
-

Il mio è solo un sospetto. Ma se tre indizi fanno una prova, qui ce ne sono molti di più che tre. Trentatrè, direi.... De Andrè, probabilmente, è stato ucciso.

Aggiungiamo che era uno dei principali sostenutori del circolo anarchico di Massa Carrara.
E se il mio sospetto fosse vero, le vittime dei centri sociali alternativi son molte a quanto pare. Da Lucio Yassa, a De Andrè.

****

De Andrè cantava: ricorda Signore questi servi disobbedienti alle leggi del branco
non dimenticare il loro volto
che dopo tanto sbandare
è appena giusto che la fortuna li aiuti
come una svista
come un'anomalia
come una distrazione
come un dovere.
.
La fortuna ha aiutato la lettrice che mi ha scritto la mail sui centri sociali, salvandole la vita da un incidente d'auto per una rottura improvvisa dei freni. La fortuna ha salvato la vita a Giovanni, il mio amico di Viterbo. La fortuna ha salvato me e Solange da incidenti identici. Come una svista, come una distrazione. Dopo tanti incidenti, qualcuno si è salvato e ha potuto raccontare. La preghiera non è rimasta inascoltata.
Fonte:http://paolofranceschetti.blogspot.it/2009/01/ma-che-aveva-fatto-de-andr-perch.html



_________________
La scienza è solo una perversione, se non ha come fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità.(Nikola Tesla)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 29/11/2014, 19:19 
Shighella, visto che hai parlato di De Andrè colgo l'occasione per introdurre un altro omicidio misterioso che ha colpito uno dei maggiori intellettuali italiani dei passati decenni. Troppo avanti per l'epoca e che forse nel suo ultimo film "Salò" (le 120 giornate di Sodoma) toccò temi che non dovevano essere nemmeno pensati.

Un po' come accadde a Kubrick con il suo Eyes Wide Shut.

Cita:
Pasolini e la morte di Enrico Mattei. Il mistero "scandaloso" della storia italiana
di Fulvio Lo Cicero

La tragica morte dello scrittore legata a filo doppio a quella del fondatore dell’Eni Enrico Mattei. Un’inchiesta giudiziaria finita nell’archivio di Pavia e la probabile riapertura delle indagini a Roma. Un filo rosso che lega la “storia criminale” della nostra Repubblica e che ripercorriamo nei suoi aspetti più incredibili

Immagine

In un’ideale classifica dei misteri italiani più enigmatici e nebbiosi della nostra storia recente, quello che vede protagonisti uno dei più grandi scrittori italiani, Pier Paolo Pasolini e il fondatore dell’Eni Enrico Mattei è, forse, il più impenetrabile e nondimeno uno dei più clamorosi. A dispetto di numerosi articoli di giornale pubblicati negli ultimi anni, si tratta di un caso così incredibile che si stenta a credere che non susciti un interesse maggiore e che non se ne parli se non, in fondo, fra limitati cenacoli di intellettuali e di giornalisti a caccia di scoop. Per questo motivo, è interessante ripercorrerne le tappe e cercare di capire di cosa veramente si tratti.

Immagine
Il romanzo incompiuto Petrolio

Tutto parte da un’opera incompiuta di Pasolini, il romanzo che lo scrittore friulano stava scrivendo quando fu ucciso, la notte del 2 novembre 1975, in una zona degradata Il romanzo si intitola Petrolio e il “locus” da cui dobbiamo partire è una pagina dell’edizione einaudiana del 1992, curata da Maria Careri, Graziella Chiarcossi (cugina del poeta) e da Aurelio Roncaglia: 93, una pagina bianca e un titolo. “Lampi sull’Eni”. Petrolio è un’opera mancata e del tutto informe, magmatica. Pasolini vedeva in questo romanzo la sua apodissi politica, il racconto definitivo del potere infinito di un ceto dirigente criminale – quello democristiano, già da lui deprecato nel famoso j’accuse della scomparsa delle lucciole. E il protagonista di questa somma degenerazione, per il grande scrittore, era un personaggio assai noto alle cronache di quei tempi, Eugenio Cefis, grand commis dell’Eni, assurto alla massima carica dopo la misteriosa morte di Enrico Mattei, avvenuta a Bascapè, il 27 ottobre 1962, con l’incidente aereo che costò la vita anche al pilota e al giornalista che lo accompagnava. L'ipotesi sconvolgente fatta propria da Pasolini, era che, dietro l’attentato allo aereo di Mattei si celasse proprio Cefis, desideroso di prendere il suo posto al vertice dell’Eni, cosa che effettivamente avvenne subito dopo.

Ma con l’affresco contenuto in “Petrolio”, più in generale, lo scrittore friulano sembra volgere la sua attenzione a ciò che considera, oramai da qualche anno, il cancro della società civile italiana: il potere democristiano. Il 14 novembre 1974, a poco meno di un anno dalla sua tragica morte, scrive sul “Corriere della sera”: «Io so. Io so i nomi dei responsabili». Una frase misteriosa, che viene generalmente interpretata, con il suo ambiguo avallo, come un’intuizione del poeta, non come il possesso di prove o di indizi su determinati fatti.

Il lavoro di ricerca e documentazione

In realtà, oggi si sa che per scrivere il suo romanzo-fiume Pasolini aveva svolto un rilevante lavoro di ricerca e di documentazione, scoprendo qualcosa che non doveva scoprire. La sua verità confluì in quel famoso capitolo, “Lampi sull’Eni”, una pagina bianca dell’edizione einaudiana, che in realtà sarebbe stato rubato nell’abitazione dello scrittore subito dopo la sua morte (ma su quest’ultimo evento, parenti ed amici dello scrittore non sono d’accordo).

Secondo Gianni D’Elia, uno di coloro che hanno indagato su questi fatti (L’eresia di Pasolini, Effigie, 2005), la fonte principale dello scrittore fu un libro, di un autore che si firma con lo pseudonimo Giorgio Steimetz e dal titolo quanto mai significativo. Questo è Cefis. L’altra faccia dell’onorato presidente, pubblicato nel 1972 da un oscuro editore, “Agenzia Milano informazioni”. D’altronde, le fotocopie del libro di Steimetz sono conservate, insieme ad altro materiale su Cefis, nell’archivio pasoliniano del Gabinetto Vieusseux e furono inviate allo scrittore dallo psicanalista suo amico Elvio Facchinelli.

L’opera ebbe un curioso quanto misterioso destino: sparì subito da qualsiasi libreria o banchetto di libri usati, tanto che tuttora è introvabile anche nelle biblioteche pubbliche. Quei pochi che ne sanno qualcosa, spiegano il perché. L’autore racconta la vera vita di Eugenio Cefis, dalla sua esperienza partigiana con Enrico Mattei, fino alla scalata al potere economico. Pare oramai sicuro che Pasolini, nello scrivere il capitolo scomparso, attinse a piene mani da quelle informazioni. Un’affermazione di Steimetz, riferita a Cefis, colpisce: «Ridurre al silenzio, e con argomenti persuasivi, è uno dei tratti di ingegno più rimarchevoli del presidente dell’Eni».

Non si conosce la vera identità di Giorgio Steimetz ma si sa che, dietro la misteriosa casa editrice che pubblicò la sua opera, vi fosse Graziano Verzotto, ras democristiano in Sicilia (corrente di Rumor), capo delle pubbliche relazioni dell’Eni e grande amico dello stesso Mattei. Al giudice Vincenzo Calia che indagava sull’incidente di Bascapè, Verzotto dichiarò che esso non doveva essere attribuito né ai servizi francesi o algerini, né alle “Sette sorelle” (ipotesi fra le più accreditate per lungo tempo) ma che la responsabilità potesse individuarsi rispondendo alla domanda: “A chi è giovato?”.

La verità di Pasolini

Quest’ultima è la convinzione cui arriva Pasolini e lo scrive in un appunto presente nelle carte di Petrolio. Cefis assume, nella “finzione” letteraria, il nome di Troya e Mattei si chiama Bonocore. Nell’appunto, lo scrittore fa riferimento ad un preciso momento in cui «Troya (!) sta per essere fatto presidente dell’Eni: e ciò implica la soppressione del suo predecessore». Questa sua verità sarebbe anche riuscito a scriverla nel famoso capitolo, sparito forse proprio per questo motivo. Il curatore dell’edizione già citata, Aurelio Roncaglia, ha precisato che Pasolini, all’inizio del 1975, asseriva che la stesura del romanzo era oramai arrivata a circa 600 pagine (lui ne prevedeva, in realtà, addirittura 2000). Ma ne sono giunte fino a noi soltanto 400; quindi, a scomparire non sarebbero state solamente quelle di “Lampi sull’Eni” ma molte altre, nelle quali forse si faceva riferimento alle responsabilità di Cefis nella morte di Mattei.

http://www.pasolini.net/indagini2010_Dazebao2aprile.htm



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/12/2014, 13:34 
#lifechangingexperience: i misteri delle morti irrisolte delle star

Immagine

Sono davvero tante le star che secondo molti hanno inscenato a regola d’arte il loro decesso. I motivi? I più svariati. Per lo più il tentativo è quello di sfuggire alla “noiosa” vita che stavano conducendo fino a quel momento. Necessità di vivere nell’ombra o voglia di ritirarsi a vita privata sfuggendo dai riflettori: le morti misteriose di: Elvis Presley, Moana Pozzi, Michael Jackson.

C’è chi sostiene che siano solo leggende. A quale scopo? Naturalmente quello di creare un alone di mistero attorno ad alcuni personaggi che hanno fatto la storia. Oppure per tenere accesi l’interesse e la speranza di fan che non hanno mai accettato la scomparsa dei loro idoli.

Comunque le cose siano andate queste vicende continuano ad attirare grande interesse. Personaggi che hanno fatto tanto parlare di sé quando erano in vita e che continuano a far sognare le persone con le loro sparizioni mai totalmente chiarite.

Sparizioni misteriose proprio come quella del nostro Mattia. Ci piace immaginare che anche le loro siano state delle #lifechangingexperience. Morti inscenate per poter cambiare radicalmente la propria esistenza. Scopriamo le più famose:

Tra le icone più celebri che si pensa non siano mai morte spicca indubbiamente il grande Elvis Presley.

Il 16 agosto 1977 il re del Rock and Roll venne ritrovato morto dalla fidanzata Ginger Alden, nel bagno della sua casa di Graceland (Memphis), con il pigiama abbassato fino alle caviglie e il viso sepolto in una pozza di vomito sul tappeto.

L’arrivo al Baptist Memorial Hospital avvenne alle 14:55 del pomeriggio, alle 15:30 fu dichiarata la morte per un arresto cardiaco. Aveva solamente 42 anni.

Al suo funerale venne scattata una foto che ritrae un uomo troppo perfetto e troppo magro, lontano dall’ultimo Elvis, quasi fosse un uomo di cera.

Naturalmente dopo questa foto cominciarono tantissime supposizioni sulla possibilità che in realtà Elvis avesse inscenato la sua morte. Un altro fatto inquietante è la pesantezza della bara con il corpo di Elvis: 410Kg. Secondo i fautori della teoria del complotto, all’interno della bara era stato posto in realtà un manichino di cera con impianto di raffreddamento per non farlo sciogliere.
Un’altra star di cui si sospetta tutt’oggi la morte è la pornoattrice Moana Pozzi.

Il suo è il mistero più affascinante per antonomasia per contraddizioni per i tanti dubbi che presenta.

Moana Pozzi nella seconda metà degli anni 80 divenne la regina incontrastata dell’eros e del sesso. Era la più richiesta e ambita dai produttori pornografici e divenne anche l’amante preferita di importanti esponenti della politica italiana e internazionale, con i quali ebbe numerose relazioni.

Il 15 settembre 1994 Moana Pozzi venne dichiarata morta a seguito di una malattia. Tuttavia iniziarono i primi dubbi:

Perché venne fatta cremare immediatamente senza autopsia?

Perché non venne emesso nessun certificato ufficiale di morte con data ora e giorno del decesso?

E perché venne data la notizia della morte soltanto 48 ore dopo il decesso?

Come ogni personaggio di fama che si rispetti iniziò a circolare la teoria della “finta morte” ovvero un escamotage di Moana per fuggire dai riflettori e dal suo personaggio e ritirarsi a vira privata nell’anonimato più completo e riservato.

Più recente e altrettanto discussa è, infine, la morte di Michael Jackson, deceduto il 25 giugno 2009 per un malore causato probabilmente da un eccesso di farmaci.

È il quotidiano The Sun a riportare la sconvolgente notizia che il cantante Michael Jackson sarebbe ancora vivo e, infatti, nell’edizione del 1° febbraio titola “Michael is alive!”. Secondo l’autore dell’articolo Gray Korat, Jackson potrebbe aver simulato la sua morte ed essere ancora vivo a Las Vegas, città popolata da miriadi di sosia dell’artista e nella quale potrebbe quindi facilmente confondersi con essi.
La teoria è supportata da quanto dichiarato da alcune fonti, per ora rimaste anonime, sull’autopsia a cui è stato sottoposto il corpo del cantante. Ecco nel dettaglio quanto apparso sul Sun:

“Se mettiamo a paragone i risultati dell’autopsia con la conoscenza che abbiamo di Jackson, è evidente che non si tratta della stessa persona. Non abbiamo idea di chi fosse sdraiato sulla quella barella, ma sicuramente non era Michael. L’autopsia dice che il suo viso e la sua testa non riportavano alcuna cicatrice, ma noi sappiamo bene della cicatrice che aveva in testa, risalente all’incidente della Pepsi nel 1984. Tra l’altro, a giudicare dai calli nelle mani, l’autopsia conclude che Michael fosse mancino, ma chiunque lo abbia visto può facilmente dedurre il contrario. Michael non voleva dare un dispiacere ai fan, ma uscire da una situazione per lui difficile. Sapeva bene che le persone si aspettavano performances di ottima qualità (in occasione del suo ritorno sulle scene londinesi) ed era spaventato dal fatto di non potersi mostrare in forma come agli inizi della sua carriera.”

Questi sono solo tre dei molteplici casi di morti irrisolte, ma i misteri di personaggi famosi che si pensa siano ancora vivi sono davvero tanti.

http://www.teatrofilodrammatici.eu/webs ... elle-star/



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Omicidi e Morti misteriose
MessaggioInviato: 27/02/2015, 17:19 
Mi sono permesso di riproporre qui il post di apertura del thread creato da xfabiox solo a titolo di archivio.

xfabiox ha scritto:
Sarah Scazzi, setta satanica-esoterica dietro il delitto

Anche qui la disinformazione dei tg e la mala fede delle forze dell'ordine hanno sviato del tutto le indagini, per l'ennesima volta i poteri forti di queste sette sataniche o esoteriche hanno colpito. forze dell'ordine zitte e accondiscenti e messo in carcere le prime 2 che capitavano senza prove concrete.

Ad Avetrana c'è una masseria. “La casa dell’Africa”, così la chiamano i cittadini. Una leggenda vuole che molti anni fa la giovane figlia di una nobile famiglia che ci abitava morì cadendo da un pozzo. Si dice che, da allora, in quel luogo avvengano riti satanici, messe nere o sporchi e viziosi giochi di lussuria.
Un pozzo. Come quello in cui è stato calato il cadavere di Sarah Scazzi. Giochi di lussuria, come quelli che la cugina Sabrina Misseri, imputata insieme alla madre Cosima dell'omicidio di Sarah, avrebbe intrattenuto con Ivano Russo, che inizialmente era stato identificato come l'oggetto del contendere tra le due cugine.

Sarah Scazzi scompare il 26 agosto 2010. Successivamente si scoprirà che in quella data verrà anche uccisa. Alle 20.40 del 26 agosto, un gruppo su facebook denominato Regen (pioggia in tedesco) pubblica una serie di immagini che ritraggono un manichino legato strettamente con una corda.
Una corda. Come quella che stringeva il cadavere di Sarah, quando fu trovato nel pozzo.

Secondo la Polizia, il gruppo Regen è in realtà una setta satanica. Molti indizi porterebbero ad identificare in Sabrina Misseri, in sua cugina Antonella Misseri e in Alessio Pisello i capi di questa setta. Ci sarebbe anche l'intercettazione di una telefonata tra Sabrina e Alessio: "Hei, Alè, ma tu lo hai detto ai carabinieri di quella masseria?"; "Non ti preoccupare… tanto ce chi sta andando prima di loro… Non ti preoccupare".

Pare che anche la piccola Sarah si interessasse di misteri e occultismo. Non solo una moda, come quella di appendere in stanza il poster di Marilyn Manson o come quella di vestirsi di nero e di truccarsi pesantemente di nero. Dalla lettura dei diari di Sarah si evince che la ragazzina si interessasse di questi temi. Pare addirittura che, poco prima di sparire, avesse preso in prestito dalla biblioteca di Avetrana un libro su alcune sparizioni misteriose, dall’inquietante titolo "Segreti di morte".

La madre Concetta lo dice da anni: "In quel casolare succedono cose strane e lo sanno tutti. E' facile ritrovare sempre candele nere o disposte in modo strano". Il delitto, secondo la madre, potrebbe essere legato a questo mondo.

Sarah potrebbe aver scoperto qualcosa. Il timore che avesse potuto rivelarlo ad altri è stata la causa della sua morte.



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12120
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
Località: Agropoli (SA)
 Oggetto del messaggio: Re: Omicidi e Morti misteriose
MessaggioInviato: 28/02/2015, 02:10 
stasera a quarto grado per quel poco che ho visto nemmeno un accenno il che è abbastanza strano se si pensa all'interesse morboso che c'è sempre intorno a questi casi e le pulci che vengono fatte su tutte le intercettazioni. Guarda caso su quella del casolare nessuno si ci è soffermato...



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 10918
Iscritto il: 06/06/2009, 15:26
Località: VARESE
 Oggetto del messaggio: Re: Omicidi e Morti misteriose
MessaggioInviato: 28/02/2015, 09:20 
le finte morti delle star
possono essere un buon stratagemma
per separarsi dal personaggio pubblico
e ricominciare una nuova vita..

le persone bormali danno le dimissioni,
i vip fingono la propria morte.


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 12044
Iscritto il: 05/02/2012, 12:22
Località: Milano
 Oggetto del messaggio: Re: Omicidi e Morti misteriose
MessaggioInviato: 15/04/2015, 22:59 
Non prendetemi in giro... [:I]

Stasera stavo guardando "Chi l'ha visto" su Rai3 e si è parlato dell'omicidio di Teresa e Trifone, due ragazzi di Pordenone, facendo molto riferimento a una serie di particolari inquietanti collegati al ritrovamento di numerose ROSE ROSSE appassite lasciate in circostanze misteriose e secondo modalità molto strane nei giorni precedenti all'omicidio.

Giallo di Pordenone, cinque ipotesi e i Ris

Immagine

PORDENONE Da quel 17 marzo in cui furono uccisi con cinque colpi di pistola i due fidanzati Trifone Ragone e Teresa Costanza, ancora nessuna certezza ma solo cinque ipotesi. C'è la pista passionale - lei ballerina e lui animatore di serate per addii al nubilato; quella finanziaria -lei ha fatto l'assicuratrice a Milano e aveva molti contatti con imprenditori della movida locale; quella che riconduce l'omicidio a Cosa Nostra - Teresa ha origini siciliane e suo zio fu vittima 20 anni fa della “lupara bianca”; quella di un traffico di anabolizzanti in palestra - Trifone era un pesista e voleva arrivare a buoni risultati.

Infine, quella una spietata vendetta tra la struttura dove si allenava Ragone e la palestra vicina frequentata da albanesi e rumeni e anche dalla stessa Teresa fino a martedì scorso. Ma nulla di tutto ciò convince pienamente gli inquirenti nei i Ris per i quali le modalità del duplice omicidio sarebbero sproporzionate rispetto alle personalità delle due vittime.


Bisogna trovare la puntata di Chi l'ha visto di oggi 15 Aprile 2015 e pubblicarla qui se possibile per capire bene quanto si parli di queste ROSE ROSSE nel servizio... la cosa mi ha colpito talmente da voler condividerla con voi.

[8]



_________________
Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero. (Goethe)
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 22/05/2017, 21:19
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org