Time zone: Europe/Rome




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 123 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 9  Prossimo
Autore Messaggio

Stellare
Stellare

Avatar utente

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 14557
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio: Nazismo Esoterico
MessaggioInviato: 12/05/2011, 11:17 
MISTICISMO NAZISTA



Il misticismo nazista è un termine generale per indicare le correnti semireligiose presenti nel nazismo, vere o presunte, che spesso si confondono con l'occultismo, l'esoterismo, la criptostoria e il paranormale.
Il misticismo nazista attribuisce in genere alla persona di Adolf Hitler e alla missione nazista un significato semireligioso e attribuisce ad alcuni gerarchi del partito nazista (NSDAP), come Richard Walther Darré, Rudolf Hess, Heinrich Himmler, Reichsführer delle SS, Alfred Rosenberg e altri, semplice interesse o anche pieno coinvolgimento in questa visione.
La mistica nazista è stato uno strumento di propaganda e non ha reali radici nelle tradizioni prenaziste radicate nel misticismo germanico (o nella Ariosofia) e tutti gli sforzi speculativi per rintracciare tali radici sono stati rigettati dagli storici. Lo stesso concetto di misticismo nazista è oggetto di critica, essendo un tema trattato in numerosi testi di forte presa popolare, sensazionalistici e privi di basi scientifiche.

Panoramica
Il misticismo nazista è un movimento völkisch basato su radici ideologiche mistiche, reali o supposte, che affondavano nel pensiero di Adolf Hitler o di altri capi nazisti, spesso mutuate da idee di contemporanei o precursori come Arthur de Gobineau.
Guido von List, Jörg Lanz von Liebenfels, la Teosofia e la Thule-Gesellschaft sono state viste come importanti figure e organizzazioni la cui influenza sul nazismo storico è fortemente contestata, ma sono figure che tanti esponenti del misticismo nazista considerano come fondamentali.
Fra coloro che rifiutano una reale connessione fra la autentica tradizione occulta tedesca e il pensiero nazista, va ricordato Adolf Schleipfer. In un articolo intitolato The Wiligut Saga e contenuto nel libro The Secret King, Schleipfer rimarca le differenze fra il credo di Karl Maria Wiligut (l'influente guida spirituale di Himmler, considerato "eminenza grigia" della spiritualità nazista) e quello generalmente accettato quale proprio dell'odinismo. Stephen A. McNallen, fra l'altro traduttore in lingua inglese del libro, arrivò a dire:

«...la prima ragione che hai per possedere The Secret King è di usarlo per difendere Asatru dalla bugia che 'Hitler fosse un pagano' o che 'Asatruar tracciò la via alla Germania Nazista.' The Secret King prova in modo definitivo che così non è stato. Un'arma potente al servizio della verità»

Varie altre voci, fra le quali il sopracitato Stephen McNallen, lo studioso Stephen E. Flowers, ed il giornalista Michael Moynihan, hanno affermato che il misticismo nazista fu solo una riproposizione distorta dell'Odinismo. In particolare, nel novembre 2006 Flowers tenne una conferenza di 80 minuti su questo argomento ad una convention del Woodharrow Institute.
Esempi tipici del misticismo nazista sono l'Hitlerismo esoterico e la Tempelhofgesellschaft, mentre ci sono altre organizzazioni come la Artgemeinschaft di Jürgen Rieger e l'Armanen-Orden fondata proprio da Adolf Schleipfer nel 1976, che rappresenta significativi sviluppi del misticismo germanico dopo la seconda guerra mondiale, ma che non sono necessariamente forme ben definite di misticismo nazista.

Critiche al misticismo nazista come concetto storico
L'uso di simbologie runiche, il rinnovamento della mistica germanica e l'esistenza di dipartimenti goverantivi nazisti dedicati allo studio dell'eredità ancestrale tedesca (incluso il paganesimo) hanno portato alla credenza che nel nazismo fosse inclusa anche una certa componente mistica. Il ruolo giocato dal misticismo nello sviluppo del nazismo e dei suoi ideali sono stati identificati perlomeno dal 1940, con la pubblicazione di Cause occulte della presente guerra di Lewis Spence. Nel suo libro, Spence identifica un substrato neopagano nel nazismo (come responsabile del quale identificava Alfred Rosenberg), che equipara al satanismo; inoltre, collegò il nazismo all'Ordine degli Illuminati.
Vari studiosi affermano, d'altra parte, che l'interesse di Hitler e di altri gerarchi nazisti per l'occulto e per il paganesimo è stato in larga parte esagerato e sopravvalutato. Causa perlomeno parziale di questo è che simili testi, specialmente se scritti in ambito anglosassone, e durante la guerra (come appunto quello di Spence), facilmente possono essere visti come fonte propagandistica avversa al Nazismo. Ma ovviamente non va sottovalutato il fatto che simili tesi sono in grado di stimolare moltissimo l'immaginario collettivo. Il ricercatore di Oxford Nicholas Goodrick-Clarke riguardo all'argomento, nel capitolo finale del suo libro Le radici occulte del nazismo (nel quale definisce cripto-storiche le tesi a suo avviso troppo entusiaste riguardo al ruolo dell'occultismo nazista) conclude che:

«I libri scritti sull'occultismo nazista fra il 1960 e il 1975 tipicamente erano di effetto e senza adeguate basi scientifiche. Comune alla maggior parte degli autori era l'ignoranza completa delle fonti primarie, e inesattezze ed errori sono state continuamente ripetute da ogni nuovo frequentatore del genere fino ad avere oggi una letteratura decisamente abbondante basata su 'fatti' completamente spuri riguardo alla Società Thule, ai legami dei nazisti con l'Oriente, e alla iniziazione occulta di Hitler. Tuttavia, la moderna mitologia del nazismo occulto, sebbene triviale e assurda, esercita un fascino ben oltre il mero intrattenimento. Autori stimati furono tentati da aspetti eccitanti della storia intellettuale: Ellic Howe, I figli di Urania (1967, ripubblicato come L'astrologia e il Terzo Reich, 1984) tratta la storia del presunto astrologo personale di Hitler, e James Webb ha dedicato un intero capitolo a 'I Magi del Nord' in La costituzione occulta (1976). Focalizzandosi sugli effetti pratici dell'occultismo nell'irrazionalismo politico, Webb ha portato in auge, nella storia del pensiero, lo studio dell'occultismo nazista».

Le tesi portate dal misticismo nazista

«La forza senza un fondamento spirituale è destinata a fallire»
(Hitler)


Sulla base di questa affermazione, i sostenitori del misticismo nazista hanno pensato che il Führer e i suoi gerarchi puntarono alla creazione di una religione che esaltasse la forza e la potenza del popolo tedesco. Obiettivo primo era la consacrazione della razza "pura" che avrebbe poi fondato un nuovo ordine mondiale, cioè il Terzo Reich. Alla base del mito della razza pura vi era la leggenda di un popolo superiore: gli ariani. Per il nazismo i discendenti di questa stirpe si sarebbero sparpagliati in tutto il mondo ed in particolare in Tibet. Vennero quindi promosse dalla Ahnenerbe spedizioni per provare che la popolazione germanica derivasse da quei discendenti facendo anche esperimenti criminali sui corpi dei tibetani. Provando che i tedeschi erano discendenti degli ariani, si doveva favorire la nascita di una nuova razza. L'antisemitismo e la discriminazione razziale derivano direttamente da questo concetto.
Un'altra componente dell'odio razziale derivava dalla presunta società Thule, cui si pensava facessero parte lo stesso Hitler, Rudolf Hess e Alfred Rosenberg.

Punti chiave
I concetti chiave includono le origini della Razza ariana (e la sua branca più 'pura', i Teutoni o il Popolo Tedesco), e la superiorità degli Ariani su tutte le altre razze.
Nel misticismo nazista varie località leggendarie o immaginarie fra cui Atlantide, Thule, Hyperborea, Shambala e la stella Aldebaran sono state presentate come luoghi di provenienza originali degli Ariani Übermenschen (superuomini).
Un altro punto accertato è quello secondo il quale la Herrenrasse (razza suprema) è stata indebolita attraverso l'incrocio con le cosiddette untermenschen o “razze inferiori”.

Esempi
Esempi di filosofia mistica nazista sono visti in:

* l'Ariosofismo;
* l'Armanismo;
* la Theozoologia

oltre alle correnti espresse nei seguenti ordini esoterici:

* Armanen-Orden;
* Art-gemeinschaft;
* Tempelhof-gesellschaft
* Thule Gesellschaft
* Vryl gesellschaft

Soppressione dell'occultismo non nazista
Lo stato totalitaristico fondato dal partito nazista dimostrò la tendenza a sopprimere tutti i gruppi religiosi indipendenti. Ciò non fu applicato solo alle varie Chiese presenti nel Terzo Reich, ma anche alla Massoneria e alla società dei Rosacroce. Hitler successivamente ridicolizzò pubblicamente molti mistici tedeschi, specialmente se appartenenti alla Massoneria, alla Teosofia e alla Antroposofia. Stando a quanto si legge nei loro scritti privati, i leader del partito nazista tedesco non avevano intenzione di incoraggiare forme di paganesimo non utili a portare avanti la consapevolezza di un'etnia pangermanica.
Rudolf von Sebottendorff fu coinvolto nella Società Thule e nei Germanenorden. Nel gennaio 1933 pubblicò Bevor Hitler kam: Urkundlich aus der Frühzeit der Nationalsozialistischen Bewegung (Prima che Hitler arrivasse: Documenti dai Primi Giorni del Movimento Socialista Nazionale). Comprensibilmente, il libro non fu affatto apprezzato dalle autorità naziste (o forse dallo stesso Hitler), e fu messo all'Indice. Sebottendorff riparò allora in Turchia. Si suppone sia stato la guida del gruppo tedesco neopagano Germanische Glaubens-Gemeinschaft.
Nel 1936 l'esperto armanista di rune Friedrich Bernhard Marby, un seguace dell'ariosofia occulta di Guido von List, fu arrestato e mandato in campo di concentramento. Fu liberato nel 1945 a Dachau.
Altri occultisti imprigionati durante il Terzo Reich furono Peryt Shou Peryt Shou, Siegfried Adolf Kummer Siegfried Adolf Kummer, Rudolf John Gorsleben, Werner von Bülow, Franz Bardon e Wilhelm Wulff.
Essere un membro o un ex membro di un'organizzazione odinista valeva come squalifica ad occupare cariche all'interno del NSDAP. Molti altri membri di questi gruppi finirono in campi di concentramento, sebbene non si sappia se qualcuno di loro fu ucciso. L'attenzione dello stato non si concentrò sui gruppi religiosi fino a che, il 9 giugno 1941, Reinhard Heydrich, capo della polizia di sicurezza, bandì un gran numero di pratiche spirituali. Le organizzazioni furono sciolte, le loro proprietà confiscate, e molti dei loro leader arrestati.
La persecuzione di occultisti fu dovuta principalmente alle raccomandazioni fatte ad Himmler da Karl Maria Wiligut, il suo mago personale. Wiligut identificò l'irminismo come la vera religione ancestrale, affermando che il culto di Wotan di Guido von List e la sua magia runica fosse una religione falsa e scismatica. Himmler, seguendo queste raccomandazioni, imprigionò nei lager molti seguaci di List e vari occultisti nazisti non ufficiali. Si dice anche che il celebre Aleister Crowley cercò di entrare in contatto con Hitler, ma vi sono ben poche prove.

Hitler e il paganesimo tedesco
Nel 1915, mentre era sotto le armi sul fronte occidentale con l'esercito tedesco, Hitler scrisse, menzionando la divinità germanica precristiana Wotan, questa poesia esoterica:

«Ich gehe manchmal in rauhen Nächten

Zur Wotanseiche in den stillen Hain,
Mit dunklen Mächten einen Bund zu flechten -
Die Runen zaubert mir der Mondenschein.

Und alle, die am Tage sich erfrechten,
Sie werden vor der Zauberformel klein!
Sie ziehen blank - doch statt den Strauß zu fechten,
Erstarren sie zu Stalagmitgestein.

So scheiden sich die Falschen von den Echten -
Ich greife in das Fibelnest hinein
Und gebe dann den Guten und Gerechten
Mit meiner Formel Segen und Gedeihn».



«Talvolta mi reco nelle notti amare

Alla quercia di Woden nella placida macchia,
E tutti quelli che durante il giorno sono impudenti,
Dalla formula magica sono fatti minuscoli!
Perciò verranno separati i retti degli empi
raggiungerò un nido di parole
e donerò ai buoni e ai puri
con il mio incantesimo fortuna e prosperità».


Molti studiosi ritengono comunque che Hitler non avesse intenzione di ristabilire il culto delle divinità antiche. Lui stesso, nelle conversazioni a lui attruibuite raccolte da David Irving, afferma che "mi sembra che niente potrebbe essere tanto stupido quanto ristabilire il culto di Wotan. La nostra mitologia antica ha smesso di essere realmente praticabile fin da quando il Cristianesimo si è impiantato. Niente muore, a meno che non sia già moribondo." E in Mein Kampf afferma che "La caratteristica tipica di questi personaggi [i moderni seguaci delle antiche religioni tedesche] è che a parole declamano dell'antico eroismo germanico, della vaga preistoria, di asce di pietra, lancia e scudo, ma in realtà sono i più grandi vigliacchi che si possano immaginare. Proprio quelle persone che brandiscono pedisseque imitazioni in latta di vecchie spade tedesche e indossano pelliccia d'orso con un paio di corna di toro sulla loro testa, predicano del nulla odierno ma lottano con armi solamente spirituali e scappano più velocemente che possono di fronte a un comunista qualunque." In un documentario trasmesso lunedì 15 febbraio 2010 su History Channel si poneva l'accento sul ruolo di "Messia salvifico" che Hitler incarnava agl'occhi del popolo tedesco prostrato dalla disoccupazione, dalla situazione economica disastrosa, dalla miseria. I temi che il commentatore evidenziava erano:

* Hitler più volte disse di ammirare la gerarchia ecclesiastica, la quale era da intendersi come modello cui ispirarsi per organizzare il partito.
* Himmler, a sua volta, considerava i Templari ed i Cavalieri Teutonici come gli antesignani delle SS. Devoti anima e corpo al dittatore nazista.
* Hitler aveva dato ordine di epurare il Vangelo e la Bibbia dalla più esigua traccia di "Giudaismo". Altresì aveva dato mandato di reperire - nei testi sacri - ogni minima traccia che riconducesse Cristo "alle sue origini ariane".
* La coreografia delle adunate naziste era mutuata dalle solenni festività cristiane, seppur con evidenti componenti neopagane.
* Hitler, non appena entrato trionfalmente in Vienna, nel 1938 s'impossessò della Lancia Sacra (Heilige Lanze) che la tradizione vuole appartenuta al centurione Longino, con la quale sarebbe stato trafitto il costato di Gesù.
* Hitler fece cercare ovunque, dalle SS, il Santo Graal, il calice ove Cristo avrebbe benedetto il vino durante l'ultima cena. A volte con esiti tragici, come nel 1944, quando culminò con la strage della cittadina francese di Oradour-sur-Glane.
* Hitler più volte citava la "missione divina" che era venuto a compiere per il bene della Germania. A questo riconduceva la "protezione" che gli aveva consentito di rimanere illeso negli attentati in cui rimase vitima.
* Hitler si suicidò la Notte di Santa Valpurga (Walpurgisnacht), notte in cui si celebrava il Sabba da parte delle streghe, ma anche in cui - in base ad alcuni calcoli storici - cadde uno dei giorni proposti per la resurrezione di Cristo.
* Hitler tenne sempre in somma considerazione una veggente tedesca, tal Elsbeth Ebertin, per via di una straordinaria previsione da lei compiuta sul destino del dittatore tedesco nel 1923, quand'era un semisconosciuto politico di Monaco di Baviera.

Le esperienze mistiche di Hitler
Hitler affermò che, mentre combatteva la prima guerra mondiale, ebbe un risveglio religioso, e in particolare mentre, a causa di un attacco nemico con il gas, rimase ricoverato in ospedale temporaneamente privo della vista (ottobre 1918). Durante questo periodo capitò inoltre un fatto celebre; una "voce" misteriosa gli disse di lasciare un affollatissimo rifugio durante un fuoco a raffica, e lui obbedì. Pochi attimi dopo sopra quel punto cadde una granata. Hitler vide in questa esperienza come un messaggio che gli fece credere di essere un individuo unico, illuminato, destinato a una "missione" speciale.
Il 28 settembre 1918 Hitler capitò sotto il tiro di un soldato britannico, Henry Tandey, che scelse di non sparargli perché si accorse che era ferito. Per ironia della sorte, Tandey divenne il soldato di leva più decorato dell'armata britannica nella prima guerra mondiale, con una Victoria Cross per il coraggio dimostrato nella battaglia di Marcoing, proprio dove avvenne questo incontro. Il fatto è conosciuto perché Hitler in seguito riconobbe Tandey in una foto su un giornale e la conservò. Nel 1937 Hitler chiese ed ottenne una copia di un dipinto di Tandey dal suo reggimento, assieme ad una copia del suo dossier di servizio. Il dipinto fu notato da Neville Chamberlain nell'abitazione di Hitler a Bergof quando vi si recò per la Conferenza di Monaco.

La "Mano del destino"
Hitler, al termine del fallito colpo di stato del 1923, passato alla storia coll'epiteto di "Putsch della birreria" (in quanto fu tentato alla birreria Burgebraükeller a Monaco di Baviera) decidendo di suicidarsi sparandosi alla tempia venne affrontato con una tecnica di arti marziali dalla moglie americana del suo amico e camerata Sepp Dietrich, che gl'impedì di compiere l'atto. Durante la conseguente detenzione carceraria di Hitler, presso la fortezza di Landsberg, egli confidò a Rudolf Hess, il suo delfino, che la Signora Dietrich aveva avvertito "... come una sorta di mano che la spinse materialmente ad avanzare il pugno in modo da allontanare la pistola dalla testa di Hitler".

La presunta possessione di Hitler
Hermann Rauschning, uno dei collaboratori più stretti di Hitler, afferma nel suo libro Hitler Speaks, che Hitler fu oggetto di una possessione demoniaca e che il suo umore variava in modo casuale ed incomprensibile. Ad ogni modo, gli studi più recenti non vedono affatto in Rauschning una fonte degna di fiducia.
Un'altra figura importante che sostenne questa tesi è stata Sepp Dietrich. In tre occasioni, papa Pio XII avrebbe tentato un esorcismo a distanza, ma riportando sempre un fallimento. August Kubizek, uno dei più cari amici di Hitler fin dall'infanzia, assicura che Hitler, allora diciassettenne, gli parlò una volta di "riportare la Germania alla sua gloria passata"; riguardo a questo, Kubizek ricorda che "era come se un altro essere parlasse attraverso il suo corpo, e lo muovesse quanto muoveva me."
Anche papa Benedetto XVI ha affermato che potrebbe esservi stata un'influenza demoniaca nelle azioni dei nazisti.

Artur Dinter
Nel 1927 Hitler silurò il Gauleiter della Turingia, Artur Dinter, perché affermava con troppa forza di volere una religione della purezza della razza ariana. L'anno seguente lo stesso Dinter fu espulso dal partito dopo aver pubblicamente attaccato Hitler riguardo a tale decisione.

Erik Jan Hanussen
Paradossalmente, il più seguìto tra gli occultisti da parte di Hitler era un suo coetaneo ebreo, tal Erik Jan Hanussen, che non solo gl'impartì lezioni di oratoria, ma anche curò la teatralità dei gesti del futuro dittatore[29]. A far data dal 1932 (sebbene altri futuri alti gerarchi nazisti abbiano ricorso al medium già a partire dal 1924) Hitler ricorse più volte alle "cure" di Hanussen ogni qual volta doveva prendere decisioni importanti o si sentiva deluso dai risultati elettorali, tanto che, nel 1932, l'esoterista, a quel tempo secondo solo ad Harry Houdini per fama, gli preannunciò la conquista del potere per l'anno seguente, il che effettivamente si verificò nella data prestabilita, in quanto "... Questo hanno deciso le potenze celesti e nulla potrà mutare tale verdetto se scritto nel destino". Nel corso di un'intervista, Hanussen ebbe modo di affermare circa Hitler ed il nazismo: "Hitler? Sì, un ottimo direttore d'orchestra ! Però, lo spartito.... - rammentate bene - ebbene quello l'ho scritto io !". Hanussen morì in circostanze oscure un anno esatto dopo aver predetto la vittoria hitleriana, nella primavera del 1933, ma sembra ormai accertato che Hitler non fosse coinvolto nel suo omicidio, quanto - piuttosto - lo fossero Himmler e G#333;ring. Hanussen predisse a Göring la caduta del Terzo Reich e questa fu una delle cause probabili della sua morte. Il giorno prima di morire, con l'inchiostro simpatico scrisse una lettera all'ex segretario Juhn, che tanto gli fu di nocumento: "Desidero che si ricompongano i nostri dissidi... tu non credi nell'occulto, ma il nuovo padrone (Hitler) della Germania ci crede eccome ! Leggi quanto profetizza il mio collega, il profeta Daniele nel capitolo 8 ( "13-Udii parlare un santo e un altro santo dire a quello che parlava: «Fino a quando durerà questa visione: il sacrificio quotidiano abolito, la trasgressione devastante, il santuario e la milizia calpestati?». 14-Gli rispose: «Fino a duemilatrecento sere e mattine: poi al santuario sarà resa giustizia» "). Calcola bene gli anni e saprai quando cadrà l'uomo malvagio che cerca di sottomettere il mondo con la forza bruta (sempre Hitler). Calcola gli anni da quando cento sinagoghe saranno distrutte in un'unica sera ("Notte dei cristalli", 1938) e saprai quando cesserà il suo barbaro sogno".

Lettura delle profezie, episodi a doppia lettura e frequentazione di veggenti
Hitler - è provato dalle fonti storiche - era molto incline alla lettura delle profezie ed alla frequentazione di veggenti. Hanussen a parte, molti episodi del nazismo rimangono non del tutto chiariti. L'operazione che passò alla storia col nome de "La Notte dei Lunghi Coltelli" (in tedesco: "Die Nacht der langen Messer", 1934), fu presa a modello delle epurazioni (costituì il modello a cui s'ispirò Stalin per l'organizzazione delle purghe) fu voluta da Hitler, dal ministro degli Interni Göring e dal leader delle SS, Himmler. Alcuni vedono un regolamento di conti non solo sul campo politico, ma anche esoterico. Anche la morte dell'archeologo Otto Rahn non è stata del tutto chiarita. L'archeologo Otto Rhan e, dopo di lui, il filosofo Alfred Rosenberg, cercarono a Montségur, vicino ai Pirenei, il Santo Graal. Si credeva forse che il sacro calice, che aveva custodito il sangue di Cristo, potesse rendere onnipotente e immortale il Terzo Reich. Hitler, nel 1942 si recò in Bulgaria a consultare una nota veggente di nome Vangelia Pandeva ("Baba Vanga", 31 gennaio 1911 - 11 agosto 1996) che viveva nella città di Petrich. Probabilmente l'incontro non fu dei più felici,essendo stato Hitler visto uscire piuttosto cupo in volto. Si faceva commentare anche i passi di Nostradamus, della Monaca di Dresda, di San Malachia, Mother Shipton e dell'anonimo monaco tedesco noto con lo pseudonimo de "Il Ragno Nero" (in tedesco: "der Schwarze Spinne") da un sedicente esoterista, tal Ludwig Birzer.

La "Mancata Marcia su Berlino"
Nel 1930 Hitler venne intervistato dal Washington Post. L'intervistatore chiese al futuro dittatore se fosse intenzionato ad imitare Benito Mussolini con una "Marcia su Berlino". Al che, Hitler rispose all'incredulo interlocutore "quasi fosse in trance": "Una marcia su Berlino... ?! Ed a che fine se io, a Berlino, ci sono già ?!".

Gli angeli in attesa
Una mattina, nell'autunno del 1933, le grida d'un Hitler terrorizzato svegliarono all'alba alcuni domestici, che trovarono il dittatore in stato confusionale e ripeteva: "Là ! Nell'angolo ! Non vedete che ci sono quattro angeli in piedi, che aspettano di portarmi via.. ?!". L'unico ad aver parlato di questo delirio di Hitler fu Albert Speer.

Origine dell'hitlerismo esoterico
Il fondatore dell'hitlerismo esoterico fu Heinrich Himmler, il quale, molto più di qualunque altro alto ufficiale del terzo Reich, compreso Hitler stesso, era affascinato dalle teorie di razza riguardo agli ariani (e non solo i germanici) e da certe forme di neopaganesimo tedesco. Si diceva che Himmler si considerasse il successore spirituale (o forse la reincarnazione stessa) di Enrico I di Sassonia, dal momento che stabilì speciali rituali delle SS riguardo a questo re e che riportò le sue ossa alla cripta della Cattedrale di Quedlinburg. Aveva persino decorato con una sua commemorazione la sua abitazione a Wewelsburg.

Culto di Hitler
Nella dottrina nazista, Adolf Hitler occasionalmente veniva paragonato con Gesù, o comunque riverito come un salvatore mandato da Dio.
Una preghiera, usata negli orfanotrofi, recita così:

«Führer, mein Führer, von Gott mir gegeben, beschütz und erhalte noch lange mein Leben

Du hast Deutschland errettet aus tiefster Not, Dir verdank ich mein tägliche Brot
Führer, mein Führer, mein Glaube, mein Licht
Führer mein Führer, verlasse mich nicht».



«Führer, mio Führer, datomi da Dio, proteggimi e sostieni la mia vita per ancora molto tempo

hai salvato la Germania dalla miseria più nera, a te devo il pane quotidiano
Führer, mio Führer, mia fede, mia luce
Führer mio Führer, non mi abbandonare».


Ahnenerbe
L'Ahnenerbe Forschungs und Lehrgemeinschaft, ovvero la Società di ricerca ed insegnamento dell'eredità ancestrale, fu fondata nel 1935 come istituto dedicato alle ricerche riguardanti la storia antropologica e culturale della razza germanica. Gli scopi iniziali della società fondata da Heinrich Himmler, Hermann Wirth, e Walter Darré miravano a riscoprire la grandezza delle popolazioni dell'antica Germania dando ampio spazio agli scopi divulgativi; le sue attività iniziarono via via ad allargarsi grazie alla spinta crescente data dalle teorie intorno al mito della razza superiore, di cui i tedeschi sarebbero stati i diretti discendenti. La sua guida fu affidata allo stesso Wirth.
Perciò, molto tempo e molte risorse furono dedicate all'ideare un background “storico”, “culturale” e “scientifico” per permettere che nella società tedesca prosperasse l'idea di una razza ariana superiore. Furono create organizzazioni misticheggianti, solitamente legate ai corpi di élite delle SS, con specifici credo e rituali.
Tra il 1937 e il 1938 fu organizzata persino una spedizione tedesca in Tibet alla ricerca delle origini della razza ariana. A questo proposito, il leader della spedizione, Ernst Schäfer, si fece misurare volto, teschio e naso dall'antropologo della spedizione Bruno Beger. Un'altra spedizione parti alla volta delle Ande.
Simili spedizioni furono organizzate anche per la ricerca di oggetti mitici o semi-mitici creduti in grado di garantire potere e abilià straordinarie a chi li possedesse: per esempio, il Sacro Graal e la lancia di Longino. Ad ogni modo, quest'organizzazione non fu coinvolta nel trasferimento della lancia da Vienna a Norimberga dopo l'Anschluss. Per quanto concerne il Sacro Graal, nel giugno del 1944 la II^ divisione delle S.S. "Das Reich" mise a ferro e fuoco il paese di Oradour-sur-Gland, massacrandone gran parte della popolazione, rea di aver occultato, a loro dire, la reliquia che Hitler cercava disperatamente per mezza Europa.
Nel 1939 venne incorporata all'interno del Persönlicher Stab RfSS.
Come molte altre organizzazioni della Germania nazionalsocialista la Ahnenerbe fu coinvolta in attività nei lager, e specialmente negli esperimenti che ivi erano condotti. A far parte della Ahnenerbe erano l'SS-Sturmbannführer i dottori August Hirt ed il medico maggiore della Luftwaffe, Sigmund Rascher. Il primo, docente di anatomia all'Università di Strasburgo, si occupò di raccogliere ad Auschwitz migliaia di crani umani allo scopo di compiere misure antropometriche e di confrontarle; il secondo organizzò gli esperimenti di decompressione nel Campo di concentramento di Dachau.
Sebbene la Ahnenerbe fosse l'anima dietro alle attività archeologiche e di ricerca sulla storia antica tedesca, le sue spedizioni archeologiche rappresentano nella cultura popolare uno degli elementi più facilmente identificabili del lato esoterico del nazismo. In particolare la figura degli "archeologici nazisti" alla ricerca di antichi manufatti portata alla conoscenza del grande pubblico con il film I predatori dell'Arca perduta all'inizio degli anni ottanta, è assurta con il tempo a vero e proprio stereotipo narrativo.

"L'istituto del pendolo" e l'astrologia
Durante la seconda guerra mondiale, in Germania ed in Gran Bretagna si sarebbe fatto largo uso di pratiche occulte, astrologia e simili, nella convinzione che sarebbero potute essere utili a scopi bellici. In Germania, le SS assoldarono numerosissimi astrologi e occultisti. Tre dei più conosciuti, che lavorarono durante il conflitto per Walter Schellenberg e sostanzialmente anche per lo stesso Himmler (il quale, come già detto, aveva sviluppato un vero fanatismo per l'argomento), furono Ludwig Straniak (1879-1951), il dott. Wilhelm Gutberlet (entrambi esperti nell'uso del pendolo) e l'astrologo Wilhelm Wulff (il cosiddetto Istituto del pendolo).
Assieme a Wulff, un altro celebre astrologo della Germania nazista fu Karl Ernst Krafft.
Quando Hitler, dopo la caduta del fascismo, ordinò di localizzare la posizione di Mussolini con qualunque mezzo, fu impiegato anche il potere del pendolo. Nel libro di Peter Levenda, Unholy Alliance, l'episodio è raccontato così:

«Ciò nonostante, un certo "Maestro del Pendolo Sidereo" riuscì infine a localizzare Mussolini su un'isola ad ovest di Napoli. Va aggiunto che in quel momento Mussolini non aveva alcun contatto con il resto del mondo. Fu infatti l'isola di Ponza dove fu trasferito all'inizio. In altre parole, il "Maestro del Pendolo Sidereo" riuscì a localizzare il prigioniero italiano più celebre del ventesimo secolo... in cambio di nient'altro di un pranzo decente, qualche drink, una buona sigaretta, e un pendolo in oscillazione sulla cartina dell'Italia. Si ricorda anche che uno degli amici più intimi di Hitler fu proprio il "Maestro del Pendolo Sidereo" dott. Gutberlet. Nessuno è in grado di dire se si tratti dello stesso "Maestro"».

Nel suo Lo Zodiaco e la Svastica, Wulff sostiene a sua volta che uno dei suoi primi incarichi importanti dopo essere stato arrestato dai nazisti fu di localizzare Mussolini, che scomparve dopo la sua caduta in disgrazia nel 1943. Anche Wulff assicura di aver scoperto la risposta esatta - circa cinquanta miglia a sudest di Roma - quando nessuno ancora ne era a conoscenza, la stessa isola di Ponza del "Maestro del Pendolo Sidereo".
Anche l'architetto Ludwig Straniak fu utilizzato dai tedeschi. Pare avesse un dono particolare nel localizzare oggetti su mappe usando il pendolo. Come test, gli organi maggiori della Marina Tedesca gli ordinarono di trovare la Prinz Eugen, allora in mare. Pare rimasero particolarmente sorpresi nel veder localizzare la nave di guerra nonostante fosse in quel momento impegnata in una segretissima missione al largo della Norvegia. Questo episodio parve impressionarli talmente da convincere anche le SS a fare molto più affidamento sulle scienze dell'occulto.

Altri presunti appartenenti all'Istituto del pendolo
Altri occultisti dell'Istituto del Pendolo furono:

* Karl Spiesberger
* dr. Benedikt
* A. Frank Glahn (1865-1941)
* dr. E. Klasen
* Ernst Schradin
* dr. K.E.Weiss
* Rud. Vöckler
* Friederike Hauffe
* Heinrich Jürgens
* Julie Kniese
* Barone dr. Carl Ludwig von Reichenbach
* prof. Karl Bahr
* Friedrich Kallenberg
* prof. dr. Leopold Oelenheinz
* prof. Hellmut Wolff (1906-1986)
* Thomas Charles Lethbridge (1901-1971)

Gli astrologi di cui le SS decisero di avvalersi furono principalmente:

* Karl Ernst Krafft
* Wilhelm Wulff
* Dr. Wilhelm Gutberlet
* Ernst Schulter-Strathaus

In seguito a questo massiccio utilizzo bellico, il mondo dell'occulto presente in Germania fu visto dopo il 1945 come retaggio del periodo nazista e molto demonizzato.[39] In seguito, conobbe nuova linfa attraverso l'opera di Karl Spiesberger (Fratur Eratus) e dal 1955 il sistema runico di Armanen e l'uso del pendolo divennero nei salotti tedeschi ancor più di moda di quanto lo fossero prima del conflitto. Riguardo all'astrologia post-bellica in Germania, si ricorda, oltre alla più popolare astrologia occidentale, anche una scuola di pensiero che tratta del sistema astrologico germanico (basato su rune) e del suo uso nelle predizioni nella tradizione nordica dell'Odinismo.

Savitri Devi
Con la caduta del Terzo Reich, l'hitlerismo esoterico poté finalmente permettersi di deificare Hitler, morto suicida alla fine del conflitto. Uno dei maggiori esponenti dell'hitlerismo esoterico post bellico fu Savitri Devi. Lei vide un collegamento fra l'ideologia ariana del Führer con quella paninduista del movimento di indipendenza indiano e di attivisti come Subhas Chandra Bose. Nella sua visione, la svastica era un simbolo di particolare importanza, in quanto simboleggiava l'unità della razza ariana nelle sue componenti germaniche ed hindu (ed era anche, nella tradizione tibetana, un simbolo di buon augurio).
Savitri Devi interpretò il nazismo all'interno di una più larga struttura di corsi e ricorsi storici della storia induista. Considerò la figura di Hitler come Kalki, il decimo e finale avatar di Vishnu, e lo chiamò con appellativi quali “il Semidio dei nostri tempi; l'Uomo contro il Tempo; il più grande Europeo di tutti i tempi”, considerando la sua visione di riportare il popolo ariano al passato di un'era perfettissima, e anche la sua effettiva possibilità di eliminare le distruttive forze che agiscono "nel Tempo". La sua sconfitta - e l'arresto di questi progetti prima della loro attuazione - come risultato del suo essere stato "troppo magnanimo, troppo corretto, troppo buono", al suo non essere stato abbastanza senza pietà, al suo avere, nel suo "profilo psicologico, troppo 'sole' [benevolenza] e non abbastanza 'fulmine' [praticità, assenza di scrupoli]”; questo, a differenza della sua prossima incarnazione:

«Kalki agirà con un'assenza di pietà senza precedenti. Al contrario di Adolf Hitler, Lui non risparmierà uno solo dei nemici della Causa divina: non uno degli avversari dichiarati, ma neppure un solo individuo degli ignavi, o degli opportunisti, o degli eretici, o dei meticci, o dei deboli di salute, o degli esitatori, o dei troppo-umani; nemmeno uno solo fra coloro che, nel corpo, nel carattere o nella mente, recassero ancora il marchio delle Ere Decadenti».

Miguel Serrano
Un'altra importante figura dell'hitlerismo esoterico è Miguel Serrano, un diplomatico cileno. Fra i suoi libri, Il nastro dorato--Hitlerismo esoterico e Adolf Hitler, l'Ultimo Avatar.
Il concetto di Iperborea ha per Serrano contemporaneamente un significato razziale ed uno mistico. La sua convinzione è che Hitler si sia recato a Shambhala, una città sotterranea che egli colloca in Antartide (precedentemente, al Polo Nord ed in Tibet), dove entrò in contatto con gli dei iperborei e da dove sorgerà di nuovo un giorno al comando di un'armata di UFO. Guiderà allora le forze della luce (Iperborea, associata talvolta con Vril) alla vittoria contro quelle delle tenebre (che inevitabilmente includono, per Serrano, gli Ebrei adoratori di Jehova) nella battaglia finale, quella che aprirà l'era del Quarto Reich.
Secondo Nicholas Goodrick-Clarke "Serrano segue la tradizione gnostica catara (anni 1025-1244) identificando in Jehova, il Dio dell'Antico Testamento, il demiurgo malvagio. Come i dualisti medievali, questa eresia ripudiò Jehova come un dio falso e un mero esecutore nei confronti del vero Dio, molto lontano dal regno di mortali. Questa dottrina gnostica chiaramente conduceva a pericolosissime implicazioni nei confronti del popolo ebraico. Dato che Jehova era, a tutti gli effetti, la loro divinità primigenia, ne conseguiva che essi fossero a tutti gli effetti gli adoratori del demonio. Assurgendo così gli ebrei al ruolo di figli di Satana, l'eresia catara riuscì a dare all'antisemitismo lo status di dottrina teologica, con tanto di vasta base cosmologica. Se gli Ariani Iperborei sono l'archetipo e i discendenti di sangue di quelli che Serrano chiama divyas (provenienti dal Sole Nero), è ovvio che l'archetipo del Signore dell'Oscurità ha bisogno di un'adeguata razza antagonista. Il demiurgo trovò negli Ebrei il popolo più adatto a divenire il suo archetipo". Lo studioso delle religioni Frederick C. Grant e Hyam Maccoby enfatizzano, nella visione dualistica gnostica, che "gli Ebrei erano visti come il popolo eletto dal demiurgo per avere lo speciale ruolo storico di fermare l'operato salvifico degli emissari del Vero Dio". Serrano quindi considera Hitler come uno dei più grandi emissari di questo dio, rifiutato e crocifisso dalla tirannia della massa ebraicizzata come altri rivoluzionari portatori di luce prima di lui.
Serrano, nella sua ideologia, ha anche riservato un posto speciale alle SS le quali, nei loro tentativi di ricreare l'antica stirpe dell'uomo-dio ariano, sono considerate sopra qualunque tipo di moralità e dunque giustificate nelle loro azioni, visto anche l'esempio della "distaccata violenza" anti-umanitaria insegnata nell'inudismo ariano del Bhagavad Gita.

Tempelhofgesellschaft
Il Tempelhofgesellschaft fu fondato a Vienna nei primi anni novanta da Norbert Jurgen-Ratthofer e Ralft Ettl con lo scopo di insegnare una forma di religione gnostica chiamata Marcionismo. Il gruppo identifica il "malvagio creatore di questo mondo", ovvero il demiurgo, con Jehova, il dio degli Ebrei. Distribuiscono volantini dicendo per esempio che la razza ariana si stabilì all'inizio su Atlantide, dopo il suo arrivo dalla stella Aldebaran (un'informazione basata sulla lettura di ipotetici "antichi manoscritti sumeri"). Affermano che da Aldebaran gli ariani sono in grado di ottenere l'energia vril del Sole Nero. Base del loro insegnamento, la certezza che, date le origini extraterrestri della razza ariana, la sua missione divina è quella di dominare tutte le altre.

Il misticismo nel moderno neonazismo
Influenze mistiche spesso sono presenti nella moderna musica nazista, specialmente riferimenti a particolari manufatti come la Lancia Sacra.
D'altro canto, svariati gruppi ed organizzazioni neopagane del Nord Europa, hanno esplicitamente dichiarato che il neonazismo e i suoi collegamenti con Ásatrú non è assolutamente da ritenersi condividere con loro un patrimonio comune, o simile. In particolare, affermano con forza queste posizioni soprattutto organizzazioni come i Theods, lo Asatruarfélagio e il Vioartruar.

Il misticismo nazista e le pseudoscienze moderne
Le opere di Miguel Serrano, Julius Evola, Savitri Devi e altri hanno generato numerose altre opere sulle connessioni tra il credo della razza ariana e la fuga di vari nazisti e teorie cospirazioniste, come quella dei rettiliani, della terra cava e delle mitiche civiltà al suo interno, e di un'oscura cospirazione per il Nuovo Ordine Mondiale.
Il libro Arktos: The Polar Myth in Science, Symbolism, and Nazi Survival, dello studioso della Hypnerotomachia Poliphili Joscelyn Godwin, discute di varie teorie pseudoscientifiche sulla possibilità di elementi nazisti tuttora sopravviventi in Antartide. Arktos è encomiabile, nel suo approccio attento e nella disamina di molte fonti altrimenti non disponibili. Godwin e altri autori, compreso Nicholas Goodrick-Clarke, hanno discusso anche dei presunti rettili antartici alleati di Hitler (a volte collegati agli iperborei) e delle connessioni fra misticismo nazista e l'energia Vril, o le civiltà nascoste di Shambhala e di Agartha, o le presunte basi UFO sotterranee.

Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Misticismo_nazista


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 14557
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 11:24 
WEWELSBURG E LE SOCIETA' INIZIATICHE TEDESCHE



Abbiamo ripercorso, nello scorso numero di ARCHEOMISTERI, la tappa più significativa di un viaggio che questa estate ci ha visti impegnati presso alcuni siti storici tedeschi che ospitarono l’iniziale coacervo di ideologie esoteriche sottese al movimento nazista. Wewelsburg ha costituito una tappa obbligata all’interno di un più vasto percorso di studio personale che ci ha permesso di toccare alcune capitali europee nonché quei luoghi che vengono identificati oggi come le roccaforti ideologiche entro cui assunse forza e vigore quel movimento ideologico e culturale che conosciamo con il nome di nazismo esoterico. Nelle vicinanze dell’ameno castello abbiamo avuto modo anche di visitare la meno nota Externsteine, un luogo in cui le antiche conoscenze pagane e druidiche si fusero con la nuova ideologia dei Reich, originando una commistione ideologico-religiosa mai osservata entro un partito politico. Da tali assunti vogliamo continuare questo nostro percorso visitando a posteriori, e cercando di recuperare alcune risposte, circa le motivazioni che permisero a determinate ideologie di strutturarsi così profondamente entro il partito nazista. Cercheremo inoltre di delineare il quadro storico e culturale che permise la creazione di queste entità culturali nonché la parallela ideazione di una nuova cultura religiosa che avrebbe avuto in Wewelsburg il suo centro di potere principale.

Le motivazioni storiche e culturali
“Dobbiamo rinnovare il culto dei Germani ”, con queste parole un giovanissimo caporale Adolf Hitler si espresse durante un discorso, tenutosi nel 1920, poco dopo la fondazione del Partito NazionalSocialista Tedesco (NSDAP). Parole quantomeno sibilline e che lasciano appena intravedere il moto insondabile che certamente si agitava nell’animo di un giovane reduce della Prima Guerra Mondiale. Già in quel periodo si ritiene che Hitler si fosse avvicinato, o facesse già parte, di circoli esoterico-politici come quelli della Thule Gesellschaft, un organismo fondato nel 1918 da Rudolf von Sebottendorff1, al secolo Rudolph Gauler, e connotati da un acceso nazionalismo nonché da un intenso antisemitismo. La Thule costituisce forse l’esempio più palese di quanto andremo a presentare in queste pagine ovvero di istituzioni in cui il sentimento di nazionalità, unito alla volontà di risollevare l’onore di un paese devastato dalla guerra, aveva permesso di promuovere nuove forme culturali e nuovi campi di ricerca interiore.
La società Thule, che non fu come molti continuano ad affermare una società segreta bensì un cenacolo di stampo culturale-esoterico-nazionalista gerarchicizzato, attinse a piene mani dalle teorie del professore di geopolitica Karl Haushofer2, convinto assertore della rinascita della grande Germania nonché si fece portavoce di una politica espansionistica verso est tesa a ricostituire un solido “spazio vitale”3 che avrebbe a sua volta garantito il dominio sul mondo. A tali “dottrine” si affiancarono gli insegnamenti di un curioso monaco cistercense, sospeso a divinis dalle gerarchie ecclesiastiche, Adolf Lanz Von Liebenfels fondatore dell’Ordine dei Nuovi Templari, e primo patrocinatore dell’idea sull’esistenza di una razza superiore formata dall’antico popolo ariano, ritenuto a sua volta di origine semidivina e a cui era stato affidato il compito di liberare il mondo dagli popolo ebraico.
A questo si aggiunge un dato poco rimarcato nelle pubblicazioni sul tema, la Thule si ispirò anche al Buddismo tibetano deformandone i contenuti principali nonché annettendovi le dottrine esoteriche proposte dalla teosofa di origine russa madame Helena Petrovna Blavatsky, considerata la più grande medium e occultista della storia recente nonché la fondatrice della Società Teosofica Internazionale.
La Blavatsky sosteneva di essere in contatto telepatico con antichi “Maestri sconosciuti”, sopravvissuti di una razza eletta vissuta tra Tibet e Nepal, rifugiatisi in seguito a una spaventosa catastrofe nelle viscere della Terra ove avrebbero fondato una straordinaria civiltà sotterranea all’oscuro del mondo, la leggendaria Agarthi.
Gli appartenenti alla Thule mirarono, attraverso la telepatia e attraverso specifiche pratiche esoteriche, che si svolgevano solitamente nei boschi e vicino a corsi d’acqua, ad entrare in contatto con questa sorta di superuomini, al fine di ricostituire la leggendaria razza superiore e concedere alla Germania “il ruolo e la potenza che le spettavano”.
Proprio in tale ambito siti archeologici come quello di Externsteine assunsero un valore ed una valenza unici dopo la conquista del potere da parte del nazismo. Le lunghe arenarie scure evocanti nel loro aspetto le antiche rune, gli alti bastioni scavati dal tempo e dalle intemperie, il tutto accentuato dalla presenza di un ameno stagno e dal carattere maestoso del manto forestale limitrofo, spiegano la vocazione che spinse i primi gerarchi nazisti a recarsi in questo luogo e a trasformarlo nel sito per antonomasia ove le élite delle SS ricevevano il loro “battesimo sacro” per assurgere ai gradi più alti delle loro gerarchie. Wewelsburg e Externsteine si legano indissolubilmente entro quel progetto, prevalentemente himmleriano, di creare oltre ad una nuova “razzia ariana” anche una nuova religione globale4.
A tale riguardo riteniamo importante raccontare una nostra esperienza personale, vissuta proprio durante la nostra spedizione estiva, sintomatica di un percorso che solo cinquant’anni fa centinaia di persone sperimentarono nel cammino iniziatico di Externsteine. Abbiamo voluto ripercorrere e sperimentare in prima persona una delle tappe che vedevano coinvolti i giovani ufficiali delle SS durante il loro rito di iniziazione. Ci siamo quindi distesi in quell’incavo di arenaria conosciuto con il nome di “sepolcro” cercando di comprendere quali elementi potessero essere stimolati nell’iniziando. Siamo rimasti davvero sconcertati nel percepire subito un cambiamento, quasi un distacco dalla realtà circostante, originato dalla perfetta “copertura” che questo incavo produce sul soggetto. Ogni suono esterno viene attutito mentre il flebile suono dell’inspirazione e dell’espirazione sembrano predominare su ogni altro. Una situazione del genere favorisce sicuramente stati meditativo-contemplativi profondi, gli stessi che erano richiesti ai giovani ufficiali durante la loro iniziazione. A differenza di noi però questi stessi dovevano rimanere entro il sarcofago per una notte intera cercando di riscoprire e richiamare a sé le antiche forze che avevano reso eroi gli uomini del mito. Una vera e propria morte e rinascita rituale che, accompagnata dalla sacralità del luogo e da rituali pagani mutuati dal nazismo, trasformavano il tutto in un vero e proprio rituale religioso.

La voce della memoria
Giorgio Galli autore del primo testo italiano sul nazismo esoterico5, in una recente intervista rilasciata alla rivista cattolica 30 Giorni6, chiarisce ampiamente quel retroterra culturale e storico che condusse queste concezioni ad assurgere un ruolo predominante nella cultura tedesca successiva al 1918. #61825;gInnanzitutto una concezione secondo cui la storia che conosciamo è solo una parte della storia dell’umanità. Solo alcune élites di iniziati conoscono “tutta” la storia. La storia antichissima di civiltà pure e incorrotte. Questo sapere e queste conoscenze, a cui è possibile attingere con pratiche e riti occultistici, trasmettono un particolare potere agli iniziati i quali devono svolgere anche un ruolo politico per gestire il futuro di una umanità decaduta cui occorre restituire le doti e le caratteristiche andate perdute nel tempo. I componenti di queste società si ritengono, insomma, depositari di un’antica sapienza primordiale che si manifesta spesso in riti particolari. Un fatto interessante è che alcuni adepti di gruppi esoterici si trovano a ricoprire ruoli anche nei servizi segreti dei propri Paesi. Un personaggio chiave in tal senso è il tedesco Theodor Reuss, della società occultistica Ordo Templi Orientis, maestro dell’inglese Aleister Crowley. Crowley, anch’egli maestro d’occultismo e al contempo agente dei servizi segreti inglesi, alla fine dell’Ottocento aderisce alla celebre Golden Dawn – una derivazione, come s’è detto, della Società rosacrociana – e poi fonda una sezione inglese dell’Ordo Templi Orientis . La Golden Dawn è a sua volta collegata con associazioni tedesche connesse alla dottrina segreta della russa madame Elena Blavatsky – fondatrice a New York, nel 1875, della Società teosofica – e all’antroposofia di Rudolph Steiner ”7.
La preoccupazione e la testimonianza riguardo la possibile ascesa del nazismo non solo come entità politica ma anche come nuova religione ci vengono confermate da due importanti figure del tempo che contrastarono e identificarono fin da subito la matrice ideologico-religiosa alla base di questo partito. Anche in questo caso ci si sofferma raramente su alcuni emblematici momenti che videro coinvolte le gerarchie cattoliche nella condanna del Reich, si sente forse più spesso parlare di possibili connivenze di alcuni suoi alti membri rispetto al vero lavoro di prevenzione e condanna operato dalla Chiesa Cattolica. August von Galen, vescovo di Münster durante il periodo nazista, e lo stesso Pio XI mostrarono le loro profonde preoccupazioni verso le nuove ideologie del Reich attraverso la pubblicazione, nel 1937, dell’enciclica Mit Brennender Sorge8. Pio XI parlò per questo movimento anche direttamente di neopaganesimo quando sovente si riferì alle matrici ideologiche soggiacenti al nazismo. La Chiesa di Roma condannò infatti profondamente l’operato e le principali figure del Reich, pur mantenendo un profilo medio nella sua gestione pubblica e politica della res operò clandestinamente per cercare di minare alla base ideali che oltre a possedere una matrice fortemente distruttiva avrebbero potuto contrastare il credo cattolico se fossero riusciti ad assurgere alle vette della millenarità.
Lo stesso Galli affermerà “In realtà si può parlare di qualcosa di più del neopaganesimo. Tutte le cerimonie nazionalsocialiste ricalcano un modello religioso: le luci, il Führer che appare come una magica agnizione. Hanno tutte un carattere di liturgia magica”9.

I figli di Odino
Diventa ora necessario osservare come affianco delle grandi società esoteriche, alcune delle quali ancora oggi conosciute ed esistenti, presenti in Germania prima della salita al potere da parte di Hitler fossero altresì presenti una vasta ed eterogenea quantità di comunità, unioni, società e associazioni di matrice neopagana o neogermanica passate perlopiù sotto il silenzio della storia e note solamente a pochi studiosi di queste tematiche che ne abbiano indagato i recessi. Buona parte di queste istituzioni erano “private” o “riservate” per differenti motivazioni, prima tra tutte la necessità di una non esposizione di alcuni dei suoi membri (che in non rare occasioni appartenevano all’élite culturale o politica del momento) o perché composte da uomini provenienti dai Freikorps e dalle Einwohnerwehre, ovvero i gruppi di milizia popolare che si erano formati subito dopo il primo dopoguerra. Molti di questi gruppi organizzavano incontri clandestini e non erano rari i casi in cui in tali incontri venivano officiate vere e proprie ritualità pagane. Alcune di queste società pubblicavano delle vere e proprie riviste, si veda Runen dell’Ordine dei Germani, ma in generale si richiamavano ad una tradizione culturale e religiosa antica che aveva cercato di preservare e continuare a vivere nell’ambito del non recente fenomeno del neopaganisimo tedesco10.
Studiosi come René Freund affermano11 che sarebbero esistite oltre “cento società” di questo tipo tra cui le principali furono:

Armanenschaft (Gli Armani)

Bund fur personliche Religion (Lega per la Religione Personale)

Deutschbund (Lega Tedesca)

Deutsche Erneuerungsgemeinde (Comunità Tedesca di Rinnovamento)

Deutschglaubige Bewengung (Movimento dei Credenti Tedeschi)

Deutscher Monistenbund (Lega Tedesca dei Monisti)

Freie Gemeinde vom deutschen Leben (Libera Comunità di Vita Tedesca)

Germanenbund (Lega dei Germani)

Germanenorden (Ordine dei Germani)

Jungborn (Fonte di Giovinezza)

Jungdeutscher Orden (Ordine dei Giovani Tedeschi)

Lichtfreunde (Amici della Luce)

Lumen-Klub (Club dei Lumi)

Neutempler (Nuovi Templari)

Thule Gesellschaft (Società Thule)

Wodan- Gesellschaft (Società di Odino)

Con l’avvento del nazismo molte di queste entità, compresa la stessa Massoneria, vennero smantellate e disperse per fare posto a nuove strutture di fede interamente naziste tra cui si annoverano la Thule Gesellschaft, La Fratellanza del Serpente e l’Ordine del Sole Nero.
Queste furono solo alcune, ma in realtà le principali, tra le Società iniziatiche che si svilupparono sotto il nazismo. In alcune di esse possiamo trovare iscritti anche quegli stessi gerarchi “apportatori” o “fautori” di una nuova cultura e di una nuova religiosità germanica. Non si dimentichi come Alfred Rosenberg, il filosofo del Reich, nutrisse una vera e propria ossessione per il mistero del continente di Atlantide nonché per la mistica medievale; Rudolph Hess, designato in qualità di successore di Hitler, era stato uno studioso di occultismo e di chiaroveggenza mentre un Heinrich Himmler, capo delle SS e numero tre nella gerarchia nazista, era stato ossessionato dall’idea di fondare un nuovo ordine iniziatico di stampo germanico. Sullo stesso Hitler tutto e il suo contrario è stato detto e scritto ma nessuno può togliergli l’epiteto che forse comprende meglio il ruolo e il valore enigmatico che la sua guida e le sue idee sul Reich millenario produssero, portando altresì a considerarlo il “Mago Nero” del Reich e del XX secolo. Come sottolinea Emil Julius Gumbel nel suo “Cospiratori, storia e sociologia delle società segrete nazionaliste tedesche”12, stampato la priva volta nel lontano 1924, molti di questi gruppi neopagani si attribuirono una “… veste mistica, che si manifestava soprattutto attraverso la loro lingua segreta”. Karl Jaspers ci ricorda13 invece come “…l’identificazione di Dio e della Razza pura erano l’assioma principale degli adepti ariani. E per quanto in generale ci si interessasse ancora alle grandi religioni straniere, le si indicò come fenomeni degenerati oppure le si adattò al vero arianesimo”.
Le antiche leggende, i miti, le favole, le saghe nordiche e i culti antichi riemersero a nuova vita in questo enorme processo ricostruttivo di una identità e di una cultura tedesca. Si cercò di colpire il monoteismo cristiano con le armi più antiche, gli eroi e le gesta delle saghe mitologiche pagane furono decristianizzati per riprenderli nella loro antica valenza e nelle loro antica cultura.
Nel processo di arianizazione si cercò addirittura di trasformare il Cristo semita in un “Gesù ariano”, così nel 1901 la rivista pangermanista Heimdall pubblicò una serie dia rticoli in cui si esaltava la figura di Cristo-ariano, figlio di un funzionario germanico e depositario del “sangue puro”. Concetti palesemente e grossolanamente distorti nonché piegati alle volontà ideologiche-religiose del nazismo.
Conveniamo con Freund nel constatare come il nazismo possa essere sì compreso all’interno di questi movimenti per la sua visione del mondo, ma anche di come anche se ne fosse ben presto distaccato e mutuato per perseguire finalità politiche e non solo più para-religiose e culturali. Si procedette in maniera sistematica includendo da una parte personaggi come Von List, Sebbotendorf e Haushofer entro le nuove gerarchie del Reich, riprendendo le loro dottrine, la loro mistica e la loro nuova visione del mondo, ma allo stesso tempo perseguendo finalità più materiali e facendo emergere questo lato oscuro del Partito solo subdolamente o se vogliamo solo a posteriori quando i primi studiosi sul tema, Pawels e Bergier, ne studiarono e ne identificarono le matrici. Un doppio binario culturale-esoterico e ideologico-politico che avrebbe permesso, tanto per l’habitus mentale vissuto in quel momento dal popolo tedesco quanto per un rinnovato interesse per l’antico germanismo, l’ascesa di un partito ai vertici dello stato tedesco. Il popolo vide in Hitler e nel suo entourage quei capi in grado di ridare forza e onore alla devastata nazione tedesca, Hitler vide altresì nel suo popolo e nelle idee degli uomini che gli furono affianco gli strumenti necessari per imporre una nuova dottrina ed un nuovo impero che avrebbero successivamente dovuto possedere una portata globale. La storia è stata diversa e solo a distanza di cinquant’anni riusciamo a comprendere pienamente i diversi ed alterni elementi che si connaturarono alla base delle ideologie naziste.
La degna conclusione di quanto sopra esposto pensiamo possa risiedere nella rispota che Giorgio Galli diede durante una sua recente intervista. Di fronte alla domanda su come fosse stato possibile che da esperienze esoteriche si fosse riusciti a raggiungere un potere così grande come quello che ebbero Hitler e i suoi “adepti” in Germania, il noto politologo risponde “Io ho sempre cercato di evitare di privilegiare esclusivamente la chiave interpretativa dell’esoterismo per spiegare certi fatti. è sicuramente, come ho già detto, un aspetto importante e trascurato. Ma Hitler raggiunge il consenso per ragioni che la storiografia ha già abbondantemente studiato e che io non metto in discussione: l’umiliazione tedesca dopo la Prima guerra mondiale, le frustrazioni derivanti dalla sconfitta e dal Trattato di Versailles, la crisi economica del ’29 che produce 6 milioni di disoccupati, la politica di Weimar che non riesce ad esprimere una risposta efficace a questi problemi. Queste sono le ragioni principali che permettono a Hitler di prendere il potere. Hitler riesce a fronteggiare la disoccupazione anche prima del riarmo, con i grandi lavori pubblici, accettando i consigli del finanziere e politico Hjalmar Schacht, che è un keynesiano. D’altronde Hitler nel Mein Kampf presenta un progetto politico che ha degli aspetti normali, come, appunto, la lotta alla disoccupazione”.
Il nostro viaggio ci ha riservato numerose scoperte che riproporremo nel corso dei prossimi mesi, al momento però stiamo cercando di riportare alla luce altri lati meno noti della storia nazista in cui i movimenti esoterici e para-religiosi sembrano assumere valori spesso neanche considerati dalla storiografia ufficiale. Attraverso un viaggio nel nostro passato e nelle sue più oscure pieghe emergeranno nei prossimi anni nuovi scenari che probabilmente permetteranno di comprendere definitivamente la matrice esoterica sottostante all’ascesa del nazismo.

Note
1Rudolf Von Sebottendorff, Prima che Hitler venisse, Edizione Arktos, Torino, 1987.
2Haushofer, Karl , Geopolitik des Pazifischen Ozeans : Studien ؆ber die Wechselbeziehungen zwischen Geographie und Geschichte (1924/1938) [Kurt Vowinckel Verlag; Heidelberg/Berlin.
3Il ben noto Lebensraum, il concetto fu fatto proprio da Hitler che lo impiegò per legittimare la politica espansionistica e bellicista che avrebbe consentito alla Germania di conseguire l’ampliamento dello spazio vitale, fino a un dominio tedesco su tutto il continente europeo.
4G. L. Mosse, The Mystical Origins of National Socialism, in Journal of the History of Ideas , Vol. 22, No. 1 (Jan. – Mar., 1961), pp. 81-96.
5Giorgio Galli, Hitler e il Nazismo Margico, BUR, Milano, 2005.
6La grande Germania, un sogno esoterico, articolo di Paolo Mattei, apparso sulla rivista 30 Giorni, Ottobre 2004. – http://www.30giorni.it
7Vd. articolo di Paolo Mattei.
8 Enciclica «MIT BRENNENDER SORGE», «CON VIVA ANSIA», LETTERA ENCICLICA AI VENERABILI FRATELLI PATRIARCHI PRIMATI ARCIVESCOVI VESCOVI E AGLI ALTRI ORDINARI AVENTI CON L’APOSTOLICA SEDE PACE E COMUNIONE «Sulla situazione della Chiesa nel Reich germanico». PIO XI, 14 Marzo 1937.
9vd. Hitler e il Nazismo Margico, BUR.
10Gugenberger Eduard, Schweidlenka Roman, Mutter Erde, Magie und Politik. Zwischen Faschismus un neuer Gesellschaft, Verlag fur Gesellschaftskritik, Wien, 1987.
11René Freund, La magia e la svastica, Lindau, Torino, 2006.
12Emil Julius Gumbel, Verschworer. Zur Geschichte un Soziologie der deutschen nationalistichen Geheimbunde 1918-1924, Fischer, Frankfurt am M., 1984.
13 Karl Jaspers, Ragione e antiragione nel nostro tempo, SE, Milano, 1999.

[align=right]Fonte: http://www.enricobaccarini.com/?p=1214#more-1214[/align]


Top
 Profilo  
 

Bannato
Bannato

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4937
Iscritto il: 17/07/2009, 09:40
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 11:31 
[BBvideo]http://www.youtube.com/watch?v=Ovy8NZzKkjk[/BBvideo]


Top
 Profilo  
 

Bannato
Bannato

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4937
Iscritto il: 17/07/2009, 09:40
Località: Milano
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 11:32 
[BBvideo]http://www.youtube.com/watch?v=BCM9NkWPhX8[/BBvideo]


Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 8206
Iscritto il: 03/12/2008, 18:42
Località: romagnano sesia
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 18:23 
cari amici vedere anche

HITLER E IL NAZISMO MAGICO

http://www.google.it/url?sa=t&source=we ... _2QiB5VazA

ciao
mauro



_________________
sono lo scuro della città di Jaffa
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 14557
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 18:33 
Ottimo mauro! Lo stavo giusto cercando! [:)]
Grazie!


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1173
Iscritto il: 30/03/2011, 19:03
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 19:03 
La Società Thule

La Thule Gesellschaft fu fondata il 17 agosto 1918 da Adam Alfred Rudolf Glauer (alias Erwin Torre) che assunse, a seguito di una contestata adozione, il nome di Rudolf "Freiherr" (Barone) von Sebottendorff (o von Sebottendorf), dopo che aveva aderito, infondendovi nuova linfa, ad un'altra società occulta: il Germanenorden.

Immagine

Il Germanenorden, fondato nel 1912, aveva come leader Philip Stauff, ma il menbro membro più eminente era, appunto, Rudof Glauer, che era entrato a farne parte nel 1916, "mettendosi a capo di un'ala segreta antisemita dedita a combattere l' 'alleanza segreta ebraica'."

"Sotto Stauff e Sebottendorff l'ordine capovolse i temi otiginali della teosofia: i membri credevano che alla base di tutti i mali ci fosse la 'mescolanza razziale' e che la Germania dovesse sforzarsi di creare una superiore razza ariana per rivendicare il predominio sul mondo. Inoltre, l'ordine pretendeva che i suoi membri anziani dipendessero direttamente dai 'Capi Segreti del Tibet', discendenti degli Atlantidei e dimoranti da 'qualche parte sull'Himalaya' sotto il regno del 'Re della paura' o 'Re del Mondo' (...), questo 're' avrebbe avuto- e avrebbe tuttora- potere di vita e di morte su tutti gli esseri viventi della terra" (Gary Hyland, "I segreti perduti della tecnologia nazista", Newton Compton Editori).

Tra i membri della Thule figuravano: Rudolf Hess, Wilhelm Frick, Julius Streicher,germanen Orden Alfred Rosenberg, Hans Frank, Max Altmann, Anton Drexler, Dietrich Eckart, Gottfried Feder, Karl Harrer, Ernst Halbritter, Walter Deicke, Franz Dannehl, Walter Nauhaus, Georg Baubatz, Johannes Hering, Herman Pohl, Michael Lotter, Friedrich Krohn. Tutti personaggi che in un modo o nell'altro acquisirono successivamente una fama sinistra.

Ecco cosa riporta lo stesso Sebottendorff nel suo "Prima che Hitler venisse" (Oggero Editore): "Nauhaus propose di attribuirgli la denominazione ufficiale di Società Thule, approvata da Sebottendorff, che la giudicò misteriosamente suggestiva quanto basta, riservandosi peraltro di illustrarne tosto l'autentica finalità a chi di dovere. La consacrazione dei locali destinati ad ospitarne la sede fu celebrata il 17° giorno del mese di Ernting - (Agosto) - del 1918. Alla cerimonia intervennero ambedue i Presidenti dell'Ordine Germanico, i quali designarono Sebottendorff a rappresentarli. conferendogli la carica di Maestro. (...) Ogni membro dell'Ordine portava come distintivo una spilla di bronzo, (...) recante entro uno scudo, una Croce Uncinata intersecata da due lance incrociate, contrassegno simbolico che era stato ripreso da una prototipo arcaico rinvenuto in Slesia, raffigurante una Croce Uncinata apposta ad una antica ascia germanica. Le sorelle affiliate all'Ordine avevano invece adottato come distintivo una semplice Croce Uncinata in oro.

Immagine

Von Sebontendorff attinse a piene mani dalle teorie geopolitiche di Karl Hausofer, l'assertore del Lebensraum, dalla dottrina di Adolf Lanz von Liebenfels, e dalle speculazioni teosofiche di madame Helena Petrovna Blavatsky.

Inoltre, si rifece al Sufismo a cui era stato introdotto durante il suo soggiornogurdjieff in Turchia.

Sembra che, nell'ambito del Sufismo, Sebontendorff fosse entrato in contatto con Georges Ivanovi#269; Gurdjieff e che i suoi riti occulti, influenzati anche dagli insegnamenti del Maestro Spirituale cercassero l'elevazione e il superamento del torpido ed ottuso stato di veglia per ottenere, tramite un duro lavoro su sè stessi, un livello superiore di consapevolezza.

Immagine

A tal riguardo, Giorgio Galli nel più volte citato "Hitler e il Nazismo Magico", "Allo scoppio della rivoluzione (Gurdjieff) si trasferisce col suo gruppo nel Caucaso settentrionale, vicino alla natìa Georgia, ma anche sede di una di quelle "colonie" indiane di cui aveva parlato Schlegel. L'avanzata dell'Armata rossa induce il gruppo a trasferirsi prima a Costantinopoli e poi in Germania. E un itinerario analogo a quello di von Sebottendorff e ci si può chiedere se i due si siano incontrati tra il 1920 e il 1922, quando il fondatore della Thule viaggia nelle sue due patrie".

Un altro notevole influsso esercitarono su Sebontendorff gli studi di madame Blavatsky sulla telepatia, che avrebbero permesso agli adepti iniziati della Thule di entrare in contatto con gli abitanti di Agarthi, i Maestri Sconosciuti possessori della mitica energia Vril, di cui anche gli eletti Ariani sarebbero tornati in possesso, trasmutandosi in Superuomini.

Infine, "il Maestro della Società Thule credeva alla verità fondamentale del Monismo.Per lui il cielo e la terra non erano in opposizione tra loro, ma appartenevano alla stessa realtà, al tempo stesso spirituale e materiale. Dio non è esterno all'uomo, ma è, in fin dei conti, il destino stesso di ogni individuo. Finalmente ardevo! In quel piccolo volumetto ("Die praxis der alten türkischen Freimaurerei" di Sebottendorff), passato del tutto inosservato, scoprivo il messaggio di Iperborea..." (Jean Mabire, "Thule - Il sole ritrovato degli Iperborei", Edizioni L'era dell'Acquario).

Per ottenere tali risultati, gli iniziati della Thule si riunivano a volte nei boschi in vicinanza di corsi d'acqua ed ivi eseguivano i riti occulti a cui sopra abbiamo accennato.

Sebottendorff scrisse solo nel 1933 il libro Bevor Hitler kam ("Prima che Hitler venisse", ut supra), ma, uscita la seconda edizione nel 1934, misteriosamente, esso venne completamente ritirato dalle stampe, sparendo dalla circolazione ed il suo autore arrestato per breve tempo.

Da ciò nacque la leggenda che in esso fossero contenuti i segreti ed occulti riti che permettevano il contatto con i Superiori Maestri Sconosciuti.

Niente di più falso.

Il libro in realtà è una specie di diario (a volte tedioso), scritto in terza persona, delle iniziative intraprese dall'autore per contrastare la Repubblica Sovietica Bavarese proclamata il 6 aprile 1919 dal commediografo Ernst Toller, appartenente ai Socialisti Indipendenti. Una delle prime iniziative intraprese da tale governo fu la dichiarazione di guerra alla Svizzera per alcune locomotive!

Dopo alcuni giorni di follie, il potere venne preso dal triumvirato russo composto da Eugen Leviné, Max Levien e Towia Axelrod, inviati da Lenin per la formazione della Repubblica dei Consigli in Bavaria. Il fatto che fossero tutti e tre russi ed ebrei, insieme alla decisione di sciogliere l'esercito con l'organizzazione della Rote Armee popolare, rappresentò uno schiaffo in faccia ai movimenti pangermanici e nazionalisti raggruppati attorno a Sebottendorff.

Il 30 aprile 1919, sette membri della Thule, tra cui una donna, presi in ostaggio dal governo bolscevico bavarese, vennero condannati a morte ed uccisi.

Pochi giorni dopo i Freikorps, tra cui l'Oberland, formato dall'attivissimo Sebottendorff, penetrarono in Bavieria sconfiggendo i comunisti ed abbandonandosi a feroci massacri. Leviné fu l'unico del triumvirato a pagare con la vita.

Dopo queste vittorie, Sebottendorff, apparentemente stremato, ma in realtà allontanato da false accuse di appropriazione indebita, ritornò in Turchia, perdendo progressivamente i contatti con gli altri appartenenti alla Società Thule.

Il 12 settembre 1919, senza aver avuto niente a che fare con questi avvenimenti, Adolf Hitler aderì al DAP (Deutsche Arbeiterpartei). Egli neanche conosceva Sebottendorff, ma venne iniziato dai membri della Thule, tra cui Harrer, Drexler, Eckart e Rudolf Hess, compagno di prigionia a ludendorff.Landsberg e fedele scritturale del folle "Mein Kampf".

Subito dopo il fallito putsch del 9 novembre 1923 a Monaco, Erich Friedrich Wilhelm Ludendorff, eroe della I Guerra Mondiale, che era stato coinvolto al tentativo di colpo di stato grazie a vane promesse, prese le distanze da Hitler.

Il 30 gennaio 1933, avendo Hinderburg, Presidente del Reich, nominato Hitler Cancelliere, Ludendorff così gli scrisse:

"Facendo Hitler cancelliere del Reich, Lei ha affidato la nostra santa patria a uno dei più grandi demagoghi di tutti i tempi. Le predico solennemente che quest'uomo maledetto porterà il nostro Reich nell'abisso, causerà alla nostra nazione sofferenze inaudite e che la maledizione del genere umano la perseguiterà nella tomba per quello che Lei ha fatto".

Parole profetiche...

Nel frattempo Hitler, sempre più agitato da forze demoniache aveva allontanato tutti i membri della Thule dal partito a parte Hess. Aveva compreso in carcere di essere stato "teleguidato" da Sebottendorff ed i suoi affiliati per i fini del Pangermanesimo.

Nel 1933 Sebottendorff, a seguito di svariate traversie, era tornato in Germania ed aveva pensato dl lucrare con la situazione creatasi a seguito dell'avvento di Hitler al Cancellierato, dando alle stampe il proprio resoconto degli avvenimenti bavaresi e confidando nella riconoscenza del Führer. Hitler invece, riteneva di avere alcuni conti in sospeso con il Maestro della Thule, conti che sarebbero stati saldati in un sol colpo.

Sembra che un altro motivo per cui Hitler avesse ordinato il sequestro del libro fosse dovuto al fatto che Sebottendorff si era (giustamente) attribuito un diritto di primogenitura della fondazione del NSDAP (Nationalsozialistische Deutsche Arbeiterpartei), avendo dato impulso alla nascita del DAP, primo nucleo del NSDAP, nonché dell'utilizzo della svastica come simbolo germanico e perfino del saluto introdotto da Hitler, Sieg Heil (Vittoria e Salvezza) che, all'interno della Thule sarebbe stato Heil und Sieg (Salvezza e Vittoria).

Già il titolo stesso del libro, Prima che Hitler venisse, rappresentava una provocazione per il Führer, lasciando ad intendere che il vero lavoro iniziatico, preparatorio ed organizzativo era stato svolto dallo stesso Sebottendorff.

Ovvio che l'egomaniaco Führer non poteva accettare la divulgazione di tali affermazioni, anche se vere.

Dopo l'arresto e la breve prigionia, Sebottendorff venne espulso dal Paese.

Alcuni storici, forse con poco approfondimento, hanno tratto da questi avvenimenti il destro per affermare che nulla ebbe il Nazismo a che fare con l'Esoterismo e l'Occultismo, rinnegando tutti gli studi eruditi effettuati al riguardo da Giorgio Galli e Marco Dolcetta, solo per citare due degli autori italiani di maggiore autorevolezza.

Spieghino, pertanto, costoro con quali modalità un ex caporale boemo oscuro e misconosciuto. una volta affiliatosi ad uno dei tanti partiti völkisch, il DAP, con appena una cinquantina di iscritti, sia divenuto l'uomo più potente di Germania prima e d'Europa dopo.

"Sono visitatori provenienti da un altro piano. Il medium ne è posseduto. Liberato da questo demone, egli ripiomba nel mediocre. Così avviene che incontestabilmente alcune forze invadono Hitler, forze quasi infernali, delle quali il corpo chiamato Hitler è soltanto l'involucro provvisorio" (Hermann Rauschning , "Hitler speaks", trad. in Italia, "Hitler mi ha detto").

Tornando al fondatore della Thule-Gesellschaft, questi, essendo ormai inviso ad Hitler, riparò nuovamente in Turchia.

Il resto della sua storia è del tutto privo di interesse. Si uccise, gettandosi dal Bosforo, l'8 maggio 1945, il giorno dopo la dichiarazione di resa della Germania.

In tal modo, senza alcuna gloria, moriva uno dei personaggi che avevano direttamente o indirettamente instradato ed iniziato Adolf Hitler alla Politica, all'Esoterismo ed alla conoscenza dei Maestri Sconosciuti.
[align=right]
Fonte: http://www.isoladiavalon.eu/terra_cava/ ... thule.html[/align]



_________________
"Ti avverto, chiunque tu sia. Oh tu che desideri sondare gli arcani della Natura, se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi non potrai trovarlo nemmeno fuori. Se ignori le meraviglie della tua casa, come pretendi di trovare altre meraviglie? In te si trova occulto il Tesoro degli Dei.
Oh Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli Dei" - Oracolo di Delfi
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 14557
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 19:11 
Ma.....ma quello è Esquel!!! [:2]


Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1173
Iscritto il: 30/03/2011, 19:03
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 19:14 
La Società Vril

Nel 1921 nacque, dall'impulso di Karl Hausofer e Rudolf Freiherr von Sebottendorff, il cui vero nome era Adam Alfred Rudolf Glauer, la Vril Gesellschaft (Società Vril) o Loggia Luminosa, una comunità segreta di medium ed occultisti tedeschi, in stretto contatto con l'Hermetic Order of the Golden Dawn.
Secondo quanto afferma Jan Van Helsing, pseudonimo di Jan Hudo Holey, ne "Secret Societies and their power in the 20th Century" ("Geheimgesellschaften und ihre Macht im 20. Jahrhundert"), nel 1917 il Barone Von Sebonttendorf, Karl Hausofer, l'asso dell'aviazione Lothar Waiz, il Prelato Gernot della Segreta "Societas Templi Marcioni" (gli eredi dei Cavalieri Templari) e Maria Orsic, si incontrarono per la prima volta a Vienna.

Il Prelato Gernot avrebbe parlato loro dell'avvento della nuova Era, l'Era dell'Acquario, e che l'ILU, il raggio divino, proveniente dal Centro della Galassia (e quindi dal Buco Nero situato esattamente al centro di Essa - si legga al riguardo il nostro articolo), avrebbe finalmente raggiunto la Terra, portando all'elevazione ed all'evoluzione degli esseri umani, ponendo fine all'Era del Kali Yuga. Il punto in cui la Societas Templi Marcioni ipotizzava che il raggio divino avrebbe raggiunto la Terra era il massiccio alpino dell'Untersberg, vicino a Salzburg e Berchtesgaden, che sarebbe divenuta la residenza preferita di Adolf Hitler.

Nel settembre del 1917, Sebottendorf si sarebbe incontrato con i membri del dhvss.jpgDie Herren vom Schwarzen Stein (DHvSS - I Signori della Pietra Nera), adoratori della Dea della Montagna e della Resurrezione, Isais, che avrebbero introdotto il barone ai segreti della Pietra Nera (il Sacro Graal?). Proprio costoro fonderanno in seguito l'ordine occulto SS Schwarze Sonne, il cui simbolo è il Sole Nero riprodotto nella Sala delle Riunione degli Obergruppenführer a Wewelsburg.wewelsburg.jpg
Tutti insieme, questi elementi avrebbero dato la spinta propulsiva alla creazione della Loggia Vril o Vril Gesellschaft.



Negli anni '90 del 1900, venne fondata a Vienna da Norbert Jurgen-Ratthofer e Ralft Ettl, una società che si ispirò grandemente al retroterra culturale della Vril, la Tempelhofgesellschaft. Questa ha, come fine, l'insegnamento della dottrina del Marcionismo, un'eresia gnostica che identifica JaHWeH o JaHVeH con il Demiurgo creatore del mondo materiale, del Male. Secondo gli adepti, la razza ariana, destinata a dominare il mondo, si sarebbe stabilita su Atlantide, dopo l'arrivo da Aldebaran. Tale informazioni deriverebbero da imprecisati antichi manoscritti sumeri o accadici.

Il tutto pare, però un rimaneggiamento dell'humus culturale ed esoterico che permeava la Vril Gesellschaft.

In tutte le dottrine gnostiche, caratterizzate da un accentuato dualismo ed in particolare nel Marcionismo, vi è, comunque, la netta contrapposizione tra il Buon Dio, L'Eone Gesù, il Soter, e il Demiurgo, impersonificante la favola del creatore del Mondo, il Dio dell'Antico Testamento, il male.

Gesù-Soter, nella dottrina gnostica, è un eone, un avatar, non ha natura materiale, la sua luce non serve a redimere tutti i peccatori, ma solo ad illuminare le anime predisposte alla verità ed all'elevazione, al passaggio dimensionale.

Pertanto nello gnosticismo, il Bene è rappresentato dall'Eone Gesù, mentre il male è il Demiurgo El Shaddai, che è anche l'Arconte ostile Elsadaios, l'Arconte che rappresenta il Sole.

Sempre Jan Van Helsing nel suo "Società Segrete e il loro Potere nel Ventesimo Secolo" scrive che, "Sebontedorff identificò chiaramente El Shaddai, il Dio dell'Antico Testamento, con il distruttore, l'antagonista di Dio (Gesù Cristo, il vero Dio)."

E' indicativo che Satan, in Ebraico, significa l'avversario, l'antagonista.

Immagine

Wulf Schwarzwaller, in "The Unknown Hitler: His Private Life and Fortune" (Zenith Ed.), scrive che, "La Loggia (Vril) includeva Hitler, Alfred Rosenberg, Himmler, Goring e il medico personale di Hitler, Dr. Morell. E' anche risaputo che Aleister Crowley e Gurdjieff presero contatto con Hitler. Gli inusuali poteri di suggestione di Adof Hitler diventano più comprensibili se si considera che egli aveva accesso alle "segrete" tecniche psicologiche di Gurdjieff che, a sua volta, erano basate sulle tecniche dei Sufi e dei lama Tibetani ed era vicino agli insegnamenti Zen della Società Giapponese del Dragone Verde."

Immagine

L'intento della Vrl era lo studio dell'origine della Razza Ariana, la ricerca dei progenitori Ariani, che ritenevano essere gli Atlantidei ed il recupero dell'energia Vril per gli Eletti.

"Il mondo cambierà", scriveva Bulwer-Lytton, "i nostri Signori usciranno dal centro della Terra. O noi facciamo un’alleanza con loro, diventando così Signori noi stessi, o ci troveremo tra gli schiavi, nel mucchio di letame che nutrirà le radici delle nuove città che sorgeranno".

Secondo Giorgio Galli, in una recente intervista, "(Questa era) una concezione secondo cui la storia che conosciamo è solo una parte della storia dell’umanità. Solo alcune élites di iniziati conoscono “tutta” la storia. La storia antichissima di civiltà pure e incorrotte. Questo sapere e queste conoscenze, a cui è possibile attingere con pratiche e riti occultistici, trasmettono un particolare potere agli iniziati i quali devono svolgere anche un ruolo politico per gestire il futuro di una umanità decaduta cui occorre restituire le doti e le caratteristiche andate perdute nel tempo. I componenti di queste società si ritengono, insomma, depositari di un’antica sapienza primordiale che si manifesta spesso in riti particolari".

Ed identico era il credo della Vril.

"La Società credeva [inoltre] che Vril fosse la lingua parlata dagli Atlantidei o Tuleani. Era un idioma composto di suoni e di clic.
La Società Vril forniva rivelazioni segrete, la venuta della Nuova Era, il ritorno della lancia del destino, il ritorno della magica pietra nero-violetta, e del pugnale in ferro nero della vecchia fede pagana germanica. (...) La Società Vril riteneva che la vera fonte di energia fosse il Sole Nero, un'infinita radiazione di energia reale anche se invisibile per l'occhio umano." (Encyclopedia of Ancient and Forbidden Secrets, voce "Vril")

Il motto della Società era: "Non tutto il Bene viene da lassù".

Il simbolo era una giovane donna con i capelli acconciati a lunga coda di cavallo e diventò anche il segno di riconoscimento di quel gruppo che si si definiva "Alldeutsche Gesellschaft für Metaphysik."

Immagine

Immagine

Il cuore pulsante della Società era un gruppo di donne dotate di grandi poteri medianici.


La loro guida era la medium della Thule Gesellschaft, Maria Orsitsch (Orsic) di Zagabria, che aveva ricevuto messaggi e disegni dagli Alieni Ariani di Alpha Tauri nel sistema binario di Aldebaran, distante dalla Terra 65 anni-luce.

Immagine

Questi Alieni avrebbero visitato l'Antica Agade, portandovi la civiltà che avrebbe poi prodotto l'Impero Accadico, il primo immenso impero della Storia, guidato da Sargon I, detto il signore delle quattro parti del mondo

Il termine Vril, infatti, deriverebbe dal termine accadico "VRI-IL" (Simili a Dei).

Le medium della Vril avrebbero ricevuto altri messaggi da Aldebaran. Grazie a tali comunicazioni, avrebbero appurato che la popolazione di Aldebaran si diividerebbe tra il "Divino Popolo della Luce", gli Ariani alti, biondi dagli occhi azzurri e razze degenerate geneticamente.

A causa della continua espansione di Aldebaran (il suo diametro è attualmente 38 volte quello del Sole, ha infatti terminato l'idrogeno ed adesso fonde l'elio) gli Ariani sarebbero stati costretti ad abbandonare, 500.000 anni fa, il pianeta natale, colonizzando nuovi pianeti. In quei contatti, gli Aldebarani affarmarono che il loro è un sistema binario. Solo nel 1997 è stata scoperta la sua compagna, una nana bruna.

Nel nostro sistema solare avrebbero colonizzato il Pianeta Mallona (Prometeo per i Romani, denominato anche Marduk o Maldek) situato tra Giove e Marte, il Pianeta Esploso. Avrebbero poi colonizzato Marte ed infine la Terra, dando origine all'Impero Accadico-Sumero.

Insieme a Maria Orsic, canale di tali messagi e seconda nella linea di comando ci sarebbe stata la medium Traute A.

Oltre che segno di riconoscimento, la lunga coda di cavallo rappresenta, per le tradizioni esoteriche, forza medianica. I capelli sarebbero, infatti, antenne magiche. Pertanto, le poche foto pervenute ritraggono sempre i membri della Vril con capelli lunghissimi.

Immagine

Proprio grazie ai messaggi ed ai disegni trasmessi da Aldebaran e ricevuti dalla Orsic e tradotti dall' Antico Sumero da Sigrun, un altro elemento di spicco del gruppo il cui pseudonimo derivava dalla valchiria Sigrune, venne costruita una macchina volante interdimensionale a forma di disco, la Jenseitsflugmaschine (JFM).

Questa macchina era composta da tre dischi con un'unità centrale che fungeva da generatore. I due dischi superiore ed inferiore, ruotando in direzioni contrapposte, generavano un campo magnetico sempre più forte. Al culmine si creava un "buco bianco" che avrebbe permesso il passaggio dimensionale del mezzo fino a raggiungere la Flotta Sumera ad Aldebaran.



Gli esperimenti sarebbero continuati fino al 1924. Dopo di allora, La JFM sarebbe stata smantellata ed infine distrutta.

Il Dottor Willy Ley, esperto missilistico costretto nel 1933 a lasciare la Germania, affermò che i membri della Società Vril ritenevano di avere conoscenze segrete che avrebbe loro permesso di mutare, rendendoli simili ai semidei che vivono all'interno della Terra Cava.

"Il dottor (...) Ley, uno dei pionieri della moderna scienza missilistica: studioso tedesco fuggito negli USA nel 1933, scrive (1947) su una rivista americana della nascita nel 1925 della Loggia della Luce (detta anche Societa’ della Verita’) in contatto con i super uomini Vril, e, congiuntamente a questi ultimi, rivolta alla conquista globale. Ley venne sbeffeggiato dalla comunita’ dei suoi colleghi scienziati e la data della presunta costituzione si prestò a critiche feroci; e’ altresì vero che nel 1925 venne sciolta Thule, che confluì nel gruppo dirigente del partito nazista, così come e’ vero che in quel periodo Hitler si distaccò definitivamente dall’insurrezionalismo dei Frei Korps per avvicinarsi alla classe colta degli industriali ed ai Junkers della vecchia germania: è così, l’ideologia dei picchiatori in camicia bruna non era quella dei cosiddetti eletti nel cuore del partito. Ricercatori successivi a Ley si divisero sull’identificazione dei Vril: per alcuni, essi erano una super razza originaria del nostro Pianeta nascostasi probabilmente alla fine dell’Eta’ dell’oro nel sottosuolo, ove aveva costruito enormi cunicoli entro cui si spostavano a velocita’ vertiginosi su dischi volanti; per altri essi erano degli extraterretri veri e propri provenienti dallo spazio. Quest’ultima ottica prendeva le mosse proprio da un mito interno a Thule, cioe’ che i leggendari Iperborei (i misteriori popoli posti oltre Thule, l’ultima e fantasmagorica citta’ all’estremo nord europeo dell’alba dei tempi) fossero i discendenti dell’equipaggio di un’astronave schiantatasi sulla Terra, fuggita da un remoto pianeta in preda ad una guerra catastrofica. Dalle migrazioni degli Iperborei, sarebbero nate alcune etnie particolari (in cui si distingueva notevolmente il sangue di tipo Rh negativo, aggiungo io): Celti, Norreni, Bretoni, Baschi ed Ariani." (Pensatore, "La Svastica sull'Antartide. Una 'contaminatio' Aliena-Nazista-Americana")

Le medium usavano, per raggiungere la concentrazione necessaria, tecniche di meditazione mutuate dagli Esercizi Spirituali di Ignazio di Loyola.

L'uso di queste tecniche avrebbe permesso, nell'iniziato, la riattivazione del Vril. I membri della Loggia Illuminata credevano che la riattivazione del Vril avrebbe riportato i popoli della Terra Cava in superficie e solo chi era Padrone della Potenza del Vril, sarebbe diventato simile ad Essi, mentre gli altri, i "non risvegliati" sarebbero rimasti schiavi.


[align=right]Fonte: http://www.isoladiavalon.eu/terra_cava/ ... -vril.html[/align]



_________________
"Ti avverto, chiunque tu sia. Oh tu che desideri sondare gli arcani della Natura, se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi non potrai trovarlo nemmeno fuori. Se ignori le meraviglie della tua casa, come pretendi di trovare altre meraviglie? In te si trova occulto il Tesoro degli Dei.
Oh Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli Dei" - Oracolo di Delfi
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1173
Iscritto il: 30/03/2011, 19:03
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 19:26 
GLI ALDEBARANI

Curiosamente, il contatto delle medium della Vril non sarebbe stato stato l'ultimo contatto medianico con gli Aldebarani.
Il medium Richard Miller afferma di aver ricevuto il 12 marzo 1958 un messaggio telepatico da Kla-La di Aldebaran, il quale avrebbe portato i saluti dalla Luce della sua dimensione (il riferimento alla Loggia Luminosa è evidente).

Kla-la afferma che la Grande Piramide sarebbe stata costruita dall'equipaggio di una nave proveniente dal Terzo Pianeta della Costellazione di Aldebaran, per fungere da faro interplanetario. In una cavità posta a 243 piedi sotto la Piramide, sarebbero state poste della apparecchiature atte al riequilibrio dell'asse gravitazionale terrestre, per produrre un clima più favorevole alla vita.

Tra l'altro fornisce una datazione della Piramide più simile a quella (più veritiera) ipotizzata da Graham Hancock in base agli studi alluvionali e geomorfologici della zona (circa tredicimila anni fa), rispetto a quella favoleggiata dai cosiddetti egittologi ufficiali (2500 a.C.).


In questa pagina il resoconto di tale contatto medianico.

http://www.think-aboutit.com/ufo/john_winston_2.htm


LE EVOLUZIONI SUCCESSIVE ALLO SCOPPIO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALI


Nel 1941, Adolf Hitler per impedire che altri potessero acquisire conoscenze esoteriche superiori alle proprie, sciolse le società segrete, tra cui la Thule, che però continuò la sua attività sotto l'unità segreta SS E-IV (Entwicklungsstelle 4), Nucleo di Ricerca Tecnica E-IV delle SS.

Sembra, invece che la Vril abbia continunato ad esistere autonomamente, grazie ad un'attività pubblica di sperimentazione di nuovi tipi di motore come Antriebstechnischen Werkstätten Vril, che avrebbero permesso la messa in opera dei Vril e delle Haunebu, gli UFO di Hitler.
Ma gli adepti della Vril continuarono ad agire a livello esoterico, pur essendo loro vietato, attribuendosi il nome occulto di Die Kette (La Catena), indicando con questo termine l'anello, l'uroburo, che univa medianicamente le loro menti e, per riconoscersi tra loro, utilizzavano un piccolo disco raffigurante l'unione delle menti di Maria Orsic e Sigrun.

Verso la fine della Guerra, essendo ormai chiara la sconfitta, la Vril progettò il trasferimento di tutta la tecnologia avanzata ottenuta dai contatti con gli Alieni Ariani nella Base segreta nazista in Antartide, la Base 211, mentre tutti i membri della Vril, in particolare le preziose medium, si sarebbero recati ad Aldebaran tramite l'Andromeda Gerät, ennesimo mezzo costruito tramite le nformazioni degli Aldebarani.

Immagine

In una (presunta) comunicazione del marzo 1945 la Vril Gesellschaft annunciava la decisione di utilizzare tale mezzo per abbandonare la Germania ormai assediata dalle orde nemiche e raggiungere Aldebaran.

Sembrerebbe che, fin dal 1943 l'unità speciale SS E-IV, con la collaborazione delle medium, lavorasse alla costruzione dell' Andromeda Geräte.

Il prototipo venne chiamato Freya ed esisterebbero delle testimonianze che affermano il successo del progetto. Quindi la comunicazione del marzo '45 sarebbe veritiera.

L'astronave avrebbe avuto una lunghezza di 140 metri e 30 metri di diametro, potendo contenere al suo interno una Haunebu IV e due Vril 2. Alcune foto pervenute proverebbero l'esistenza di questa Raumschiff (Nave Spaziale), anche se, ovviamente, sulla loro genuinità nessuno può esprimere un parere sicuro.

Il mezzo avrebbe avuto una velocità prossima a quella della luce, sfruttando la spinta dovuta al controllo di campi magnetici, una tecnologia che non poteva ovviamente essere terrestre, ma frutto delle comunicazioni degli Aldebarani.

Il volo non poteva che avere un'unica destinazione: Aldebaran.

Il fatto sarebbe confermato da Jan Van Helsing (op. cit.), "Sembra che almeno un VRIL-7 da caccia ed un VRIL-7 da trasporto siano partiti da Brandenburg - dopo la distruzione dell'area dei test - verso Aldebaran con alcuni degli scienziati della Vril e membri della Loggia".

Comunque sia andata, sulla Terra, delle medium della Vril Gesellschaft non si è più avuta notizia alcuna.

OGGI?


La sottile linea rossa che dalla Golden Dawn, tramite Crowley e l'O.T.O., arriva alla Thule ed alla Vril Gesellschaft sembrerebbe essersi definitivamente spezzata. Ma forse non è così.

Vi è taluno, infatti, che afferma che dalle ceneri della Vril sarebbe sorto il Novo Vera Ordo VRIL

http://thuletempel.org/wiki/index.php/Novo_Ordo_Vril

(N.O.V.), con affiliati, soprattutto di sesso femminile, distribuiti tra Germania, Austria, Francia ed Italia.Le sedi in Italia sarebbere poste vicino a Milano ed a Venezia.

La nuova loggia avrebbe un carattere ancora più segreto rispetto alla Società Vril, anche per il raccordo di forze mondiali contrarie ad ogni tipo di elevazione spirituale e mentale dell'individuo, che invece deve rimanere schiavo di convenzioni, leggi restrittive e lobbies politico-industriali.

Tra l'altro, vi sarebbe un preciso collegamento tra questo Ordine e un altro Ordine Occulto, Causa Nostra, anche denominato Causa Nostra Vril, se non addirittura una completa identità e comunanza di intenti, persone e mezzi.

http://www.causa-nostra.com/

In rete circola la foto di una (presunta) leader della Nuova Vril chiamata Vera, i cui lunghi capelli farebbero riferimento alla tradizione magico-esoterica delle medium della Vril Gesellschaft.

Fonte: http://www.isoladiavalon.eu/terra_cava/ ... -vril.html



_________________
"Ti avverto, chiunque tu sia. Oh tu che desideri sondare gli arcani della Natura, se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi non potrai trovarlo nemmeno fuori. Se ignori le meraviglie della tua casa, come pretendi di trovare altre meraviglie? In te si trova occulto il Tesoro degli Dei.
Oh Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli Dei" - Oracolo di Delfi
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 13519
Iscritto il: 05/12/2008, 22:49
Località: Laveno Mombello (Va)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 19:29 
La Deutsches Ahnenerbe – Studiengesellschaft für Geistesurgeschichte („Eredità tedesca degli antenati – Società di studi per la preistoria dello spirito“) sorse il 1 luglio 1935 per iniziativa del Reichsführer SS Heinrich Himmler, il quale concepì l’idea di dar vita a tale istituzione in seguito alla lettura dell’opera dell’olandese Herman Wirth (1), da lui personalmente incontrato un anno prima. Della nuova Società di studi fu segretario generale, fino alla fine, l’Obersturmbannführer SS Wolfram Sievers, che sarà processato a Norimberga e impiccato. La sede della Società era a Berlin-Dahlem, Pücklerstrasse n. 16, mentre la fondazione che la sosteneva economicamente si trovava al n. 28 della Wilhelmstrasse.

Principale organo di stampa della Deutsches Ahnenerbe, che pubblicava libri e periodici, fu la rivista “Germanen”.

L’Ahnenerbe nacque sotto il patronato congiunto delle SS e del Ministero dell’Agricoltura: oltre a Himmler, era entrato in rapporto col professore olandese anche il ministro Richard Walther Darré, il quale avvertiva pure lui l’esigenza di un’istituzione scientifica che fornisse solide basi alla dottrina del Partito. Ma la collaborazione tra Himmler e Darré non sarebbe durata a lungo, data la loro divergenza di vedute circa l’Idealtypus germanico, che per il ministro dell’Agricoltura (e per lo stesso Wirth) era rappresentato dal contadino, mentre per il capo delle SS si identificava con la figura del guerriero. Al professor Wirth, che lasciò la Ahnenerbe nel febbraio 1937, subentrò come presidente della Società Walther Wüst, rettore dell’Università di Monaco e membro dell’Accademia delle Scienze, il quale era affiancato da uno stretto collaboratore di Himmler, Bruno Galke. Nel 1943 Wüst diede le dimissioni; ciò non gli evitò di essere condannato a morte a Norimberga, anche se la pena capitale gli venne poi commutata.

L’unica menzione pubblica fatta da Himmler circa la Ahnenerbe si trova in un discorso del gennaio 1937. Parlando del Servizio razziale delle SS, il Rasse und Siedlungshauptamt, Himmler disse che “esso ha anche l’incarico di effettuare ricerche scientifiche in collaborazione con l’Istituto Ahnenerbe. Così – proseguì il Reichsführer SS – ad Altchristenburg abbiamo scoperto una fortezza su una superficie di trenta iugeri. (…) Dal punto di vista scientifico e dottrinale, il nostro compito consiste nello studiare queste cose senza falsificarle, in maniera obiettiva. Le scoperte fatte dall’Istituto Ahnenerbe ad Altchristenburg hanno rivelato l’esistenza di sette strati (…) Tutte queste cose ci interessano, perchérivestono la massima importanza nella nostra lotta ideale e politica”. E fu lo stesso Himmler, stando almeno a quanto dichiarato da Sievers a Norimberga, a riassumere lapidariamente il programma generale delle attività demandate alla Ahnenerbe, con queste parole: “Raum, Geist, Tod und Erbe des nordrassischen Indogermanentums” (“Spazio, spirito, morte ed eredità del mondo indogermanico di razza nordica”).

Gordon Williamson, Storia illustrata delle SS In altri termini, la Società aveva il compito di effettuare ricerche sullo spirito ariano, di salvare e rinvigorire le tradizioni popolari, di diffondere tra la popolazione la cultura tradizionale germanica. Sorsero quindi in seno alla Ahnenerbe una cinquantina di dipartimenti, ciascuno dei quali si dedicava a un particolare settore d’indagine: i canti tradizionali, le danze popolari, gli stili regionali, l’etnografia, le leggende, la geografia sacra ecc. Ci si occupò della costruzione di monumenti che celebrassero la gloria del popolo tedesco e degli eroi della rivoluzione nazionalsocialista; si intrapresero scavi archeologici; ci si impegnò nella conservazione dei monumenti storici (tra i quali, la sinagoga Staronova di Praga, risalente al XIII secolo). Per dire quale fu il livello degli studiosi che collaborarono con la Ahnenerbe, basterebbe menzionare l’Ehren SS (“SS ad honorem”) Franz Altheim, il grande storico delle religioni (2).

Oltre a ciò, nell’Ahnenerbe c’era anche una sezione che si occupava di studi tradizionali. Essa, secondo Brissaud, “aveva un eminente collaboratore nella persona di Friedrich Hielscher, amico dell’esploratore svedese Sven Hedin, amico di Karl Haushofer, di Wolfram Sievers, di Ernst Jünger e anche di… Martin Buber” (3). Friedrich Hielscher è il “Bodo” o “Bogo” dei Diari di Jünger. Nato a Guben nella Bassa Lusazia il 31 maggio 1902, partecipò nel 1919 alle azioni dei Corpi Franchi; poi diventò dottore in legge, giornalista e scrittore, “una delle teste pensanti che diressero e formarono i circoli nazional-rivoluzionari” (4). Nell’aprile del 1928 assunse la direzione della rivista nazional-rivoluzionaria “Der Vormarsch”, che era stata diretta da Jünger; nel 1930 cominciò a pubblicare “Das Reich”, un periodico omonimo del suo trattato di “teologia dell’Impero”: Das Reich, Berlin 1931.

“Il nome di Friedrich Hielscher – scrive Brissaud – figura tra i primi di una lista dell’Ahnenerbe comprendente più di cento nomi, che fu prodotta al processo di Norimberga” (5). Nonostante ciò, Hielscher rientra nel novero di quegli uomini dell’Ahnenerbe che non solo non furono “impiccati come ‘criminali di guerra’ o uccisi a fuoco lento nelle segrete o nei campi di concentramento dei vincitori, [ma] sembrano aver goduto di una strana immunità, come se un cerchio magico li avesse avvolti e protetti, perfino davanti ai ‘giudici’ del processo di Norimberga” (6). Addirittura, se dobbiamo credere a Brissaud, dopo aver deposto una testimonianza praticamente inconsistente al processo contro Sievers, Hielscher “ottenne dagli Alleati l’autorizzazione ad accompagnare Sievers al patibolo” (7).

Nazismo. La cospirazione occulta - DVD Nel 1938 la Ahnenerbe organizzò una spedizione in Tibet. Il capo della spedizione, lo Hauptsturmführer SS dr. Ernst Schäfer, era un biologo e zoologo che già nel 1930-’32 e nel 1934-’36 aveva partecipato a un paio di spedizioni in Cina. Tornato in patria, Schäfer aveva avuto modo di esporre a Himmler la sua idea di una spedizione in Tibet. Il Reichsführer accolse entusiasticamente l’idea di Schäfer e assunse il patrocinio dell’iniziativa. Oltre a Schäfer, facevano parte del gruppo quattro Obersturmführer SS: il capocarovana “tecnico” Edmund Geer, l’antropologo ed etnologo Bruno Beger, il geografo e geomagnetologo dr. Karl Wienert, il fotografo e operatore cinematografico Ernst Krause. Scopo ufficiale della spedizione era lo studio della regione tibetana dal punto di vista antropologico, geografico, zoologico e botanico. Ma a Himmler importava anche stabilire un contatto con l’abate di Reting, diventato Reggente del paese nel 1934, un anno dopo la morte del tredicesimo Dalai Lama. Infatti il quattordicesimo Dalai Lama, quello attuale, bsTan adsin rgya mts’o, nel 1938 aveva tre anni e sarebbe stato insediato nel 1940.

Imbarcatisi a Genova nel maggio 1938, i sei uomini dell’Ahnenerbe arrivano a Colombo e quindi a Calcutta, dove sono accolti da una campagna di stampa orchestrata da agenti inglesi contro la spedizione tedesca. Da Calcutta il gruppo non si muove finché Schäfer, recatosi a Darjeeling, non riesce a ottenere dalle autorità anglo-indiane un visto di sei mesi per il Sikkim, lo staterello himalayano che per varie ragioni costituisce la più favorevole porta d’accesso al Tibet. Ai primi di luglio, portando con sé un bagaglio di due tonnellate e mezzo, la spedizione parte da Calcutta e arriva in treno alle falde dell’Himalaya, dove ha inizio la lunga marcia; “la nostra meta è il Trono Divino, là in alto” – dice il commento sonoro della pellicola girata dall’operatore Krause (8). A Gangtok, capitale del Sikkim, trovano un maharaja generoso di aiuti: è Sua Altezza Tashi Namgyal, che nel 1948 ospiterà anche il nostro Giuseppe Tucci. Di lì la spedizione procede verso nord: una carovana di dieci indigeni e cinquanta muli avanza lentamente a causa delle piogge monsoniche, del fango e delle frane. Dopo una sosta di due settimane nei pressi di Thanggu (a quota 4.500 m.), le otto tende da campo vengono piantate a Gayokang, alle falde del Kanchenjunga (m. 8.585); per alcune settimane il campo di Gayokang è la base da cui partono fruttuose missioni di ricerca. Tra luglio e agosto, Schäfer e Krause accolgono l’invito di un influete principe tibetano e si recano alla sua residenza estiva di Doptra, dove ricevono la promessa che la spedizione sarà raccomandata presso le autorità di Lhasa. Alla fine di settembre, dopo aver effettuato le loro ricerche nella parte tibetana del Sikkim, gli uomini dell’Ahnenerbe ritornano a Gangtok per assistere all’annuale “danza di guerra degli dèi”. Subito dopo, Schäfer si reca con l’interprete a conferire con un alto funzionario politico per esporgli i programmi della spedizione; nel frattempo, Wiener e Beger si spingono sull’Himalaya, mentre Krause e Geer attraversano la giungla e vanno a completare riprese cinematografiche e ricerche zoologiche nella zona di Gayokang. Allorché il gruppo si ricostituisce, il campo rimane per qualche tempo ai piedi del Kanchenjunga, a una temperatura di venti gradi sotto zero. Così, dopo una serie di ricerche nel territorio di Lachen e un’ascensione lungo una parete del Pimpo Kanchen, il primo giorno di dicembre gli uomini dell’Ahnenerbe ricevono la notizia che il Reggente del Tibet li invita a trascorrere due settimane a Lhasa. Prima di allora vi erano potuti entrare pochi Europei, tra i quali nessun tedesco.

Rupert Butler, SS-Wiking. The History of the Fifth SS Division 1941-45 Felicemente terminata l’esplorazione del Sikkim, poco prima di Natale gli uomini del Reich si dirigono verso Lhasa con una nuova carovana. Varcano la soglia della “città proibita” il 19 gennaio 1939, accompagnati da un alto ufficiale tibetano e accolti dalle massime autorità; non dal Dalai Lama, che si trovava ancora nel suo villaggio nel territorio di Amdo, vicino al lago Kokonor. Esiste una fotografia di Schäfer, con l’elmetto estivo delle SS, che saluta il segretario personale del Panchen Lama (direttore spirituale del Dalai Lama), mentre un’altra foto documenta uno scambio di doni tra la delegazione del Reich e i dignitari della teocrazia tibetana. Agli ospiti tedeschi viene concesso il privilegio di assistere alle feste del Capodanno lamaista; viene permesso loro di visitare il Potala e gli altri templi, di studiarli e fotografarli. L’antropologo può osservare da vicino un momento culminante della vita religiosa tibetana e, approfittando dell’immensa folla di pellegrini affluita a Lhasa per il Capodanno, può approfondire lo studio della tipologia razziale del paese. Più difficile è il lavoro dello zoologo, a causa dell’interdizione dell’uso delle armi da fuoco durante le feste del Capodanno; ma l’interdizione viene aggirata mediante l’impiego di una sorta di fionda fabbricata da Schäfer, che consente di aggiungere alla collezione ornitologica diversi esemplari.

La visita a Lhasa doveva durare quattordici giorni; ma l’intesa stabilitasi tra le SS e le autorità lambiste è tale, che il governo tibetano non lascia partire i propri ospiti prima del 19 marzo, facendoli accompagnare da un alto funzionario fino alla stazione inglese di Gyangtse (Rgyal-rce). Dopo un’esplorazione delle rovine dell’antica capitale Jalung Phodrang, disabitata da circa un migliaio d’anni, e dopo una marcia di seicento chilometri fino al lago di Yamdrok, il 25 aprile gli esploratori tedeschi raggiungono Shigatse (Gzis ca rce), dove risiede il nono Panchen Lama, Lobsang Tseten. A Shigatse, nei cui pressi si trova il monastero di Tashi Lhunpo, abitato da quattromila monaci, l’accoglienza è calorosa come a Lhasa: tutta la popolazione accorre a dare il benvenuto agli uomini dell’Ahnenerbe. Il Panchen Lama riceve ufficialmente la missione tedesca e firma un documento di amicizia con il Terzo Reich.

Marco Zagni, Archeologi di Himmler. Ricerche, spedizioni e misteri dell'Ahnenerbe Il 19 maggio la marcia riprese in direzione di Gyangtse, che fu raggiunta in tre giorni. Qui ebbero luogo trattative coi funzionari inglesi circa il passaggio in India e il trasporto dell’ingente materiale. Una decina di animali da soma dovette essere impiegata solo per il materiale di interesse etnologico (costumi, tende, un aratro, un telaio ecc.), al quale si aggiungevano i centootto volumi di Scritture buddiste donati dal Reggente al governo del Reich. Si trattava verosimilmente del Kanjur (bka’-gyur), versione tibetana del Canone, che nell’edizione di Derge (Sde dge) consta per l’appunto di centootto volumi. Oltre a ciò, la spedizione portava con sé più di 4.000 uccelli impagliati, più di 500 teschi di animali, esemplari zoologici viventi, piante d’ogni genere, semi vegetali.

Attraverso Gangtok, il gruppo giunse a Calcutta; via Bagdad, Atene, Vienna, i reduci della spedizione atterrarono a Berlin-Tempelhof la sera del 4 agosto 1939, dopo sedici mesi di assenza dalla Germania (9). All’aeroporto di Monaco, Schäfer e i suoi camerati ebbero la sorpresa di trovare il Reichsführer SS Heinrich Himmler, venuto personalmente ad accoglierli.

Di lì a poco si sarebbe realizzata la predizione del veggente tibetano che aveva detto a Schäfer: “Verranno gli uomini volanti e ci sarà una grande catastrofe. Qualcosa di terribile accadrà nelle terre degl’Inglesi e dei Tedeschi. Vi sarà una scintilla enorme e anche la nostra religione ne sarà colpita”.

Quanto al battaglione di Waffen SS tibetane che avrebbe preso parte alla difesa di Berlino, rimane ancora un mistero.

Note

(1) Herman (Felix) Wirth (Utrecht 6 maggio 1885 – Kusel 16 febbraio 1981), professore olandese naturalizzato tedesco, dal 1909 al 1919 era stato lettore di filologia olandese all’Uiversità di Berlino. Nel 1925 si iscrisse alla NSDAP. Studioso dei simboli della protostoria, pubblicò diverse opere, tra le quali spiccano due monumentali capolavori: Der Aufgang der Menschheit, Jena 1928 e Die heilige Urschrift der Menschheit, Leipzig 1931-1936. Intorno alla sua attività scoppiò una vivace polemica scientifica allorché pubblicò Die Ura-Linda-Chronik, Leipzig 1932 (trad. it. dell’editio minor, Leipzig 1934, apud Edizioni Barbarossa, Saluzzo 1989); secondo Wirth si trattava di un autentico documento originario del popolo frisone, mentre per i suoi avversari era solo una fabbricazione relativamente recente. Herman Wirth, scrive Armin Mohler, “incarna perfettamente la singolare posizione dei Völkischen nel Terzo Reich: da una parte egli viveva grazie ad un incarico di ricerca della Ahnenerbe, dall’altro gli era proibito pubblicare” (A. Mohler, La Révolution Conservatrice en Allemagne 1918-1932, Pardès, Puiseaux 1993, p. 444).

(2) Franz Altheim (Erscherscheim 6 ottobre 1898 – Münster 1976) si addottorò con uno studio su Die Komposition der Politik des Aristoteles, discussa col professor Hans von Arnim all’Università di Francoforte sul Meno. Qui entrò in relazione col filologo Walther Friedrich Otto (che nel 1933-’34 gli fece pubblicare Epochen der römischen Geschichte) e con l’etnologo Leo Frobenius. Insegnò alle università di Halle, Berlino e Münster. Tra le opere più significative della sua sterminata produzione scientifica, la Römische Religionsgeschichte, Berlin 1956 (ed. definitiva), Niedergang der alten Welt, Frankfurt am Main 1952, Die Araber in der alten Welt, Berlin 1964. In italiano: Dall’antichità al Medioevo (Sansoni, Firenze 1961), Il dio invitto (Feltrinelli, Milano 1960), Romanzo e decadenza (Settimo Sigillo, Roma 1995), Storia della religione romana (Settimo Sigillo, Roma 1996).

(3) André Brissaud, Hitler et l’ordre noir. Histoire secrète du national-socialisme, Librairie Académique Perrin, Paris 1969, p. 285. Anche il libro di Brissaud, per alcuni versi abbastanza documentato, rimasta certe fantasticherie che il famigerato Mattino dei maghi di Louis Pauwels e Jacques Berger (Mondadori 1963, pp. 371-374) ha trasmesse a gran parte della letteratura “nazioccultistica”. Si veda, come ulteriore esempio di ciò, Le marché du diable di Robert Faligot e Rémi Kauffer (Fayard, Paris 1995, p. 243), dove si sostiene che la spedizione dell’Ahnenerbe in Tibet aveva lo scopo di “saggiare le possibilità di una presa di contatto tra i mitici maestri del Tibet e la Società di Thule, che se ne considerava l’erede”. D’altronde, anche specialisti di germanistica come Furio Jesi hanno riciclato le tesi del Mattino dei maghi, attribuendo agli “studiosi guidati dal dottor Scheffer [sic]” lo scopo di “raccogliere materiali sulle origini della razza ariana” (F. Jesi, Germania segreta, Feltrinelli, Milano 1992, p. 188).

(4) A. Mohler, op. cit., p. 585.

(5) A. Brissaud, op. cit., p. 454.

(6) Savitri Devi, L’India e il nazismo, Edizioni all’insegna del Veltro, Parma 1979, p. 53.

(7) A. Brissaud, op. cit., p. 286.

(8) Dai 16.000 metri di pellicola in bianco e nero e dai 2.000 a colori girati da Krause fu ricavato il documentario Geheimnis Tibet. (Se ne veda l’edizione italiana nel video allegato al fascicolo n. 9 della serie Il nazismo esoterico di Marco Dolcetta, Hobby and Work, Milano 1994). Oltre a realizzare le riprese cinematografiche, Krause scattò 20.000 fotografie e trovò anche il tempo per mettere insieme una straordinaria collezione di formiche, api, calabroni e farfalle.

(9) Alla fine di quel medesimo mese d’agosto si sarebbe dovuta concludere anche la terza spedizione tedesca sul Nanga Parhat (m. 8.114), guidata da Peter Aufschneiter, che era partita nel maggio 1939. Sorpresi in territorio indiano dallo scoppio della guerra (3 settembre), Peter Aufschneiter e Heinrich Harrer, il campione dei giochi olimpici del 1936, furono internati in un campo di concentramento britannico. Evasi nel 1944, raggiunsero il Tibet, dove ottennero asilo. Cfr. H. Harrer, Sieben Jahre in Tibet, A. J. MacPherson 1958 (ed. franc. Sept ans d’aventures au Tibet, Arthaud, Paris-Grenoble 1953).



_________________
Nutrirsi di fantasia, ingrassa la mente.

Immagine
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1173
Iscritto il: 30/03/2011, 19:03
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 19:46 
Cita:
Sheenky ha scritto:

Ma.....ma quello è Esquel!!! [:2]



Georges Ivanovi#269; Gurdjieff


Immagine


Georges Ivanovi#269; Gurdjieff (Alexandropol, 14 gennaio 1872 – Neuilly, 29 ottobre 1949) è stato un filosofo, scrittore, mistico e "maestro di danze" armeno.

Il suo insegnamento combina sufismo e altre tradizioni religiose in un sistema di tecniche psicofisiche che cerca di favorire il superamento degli automatismi psicologici ed esistenziali che condizionano l'essere umano.

L’insegnamento fondamentale di Gurdjieff è che la vita umana è vissuta in uno stato di veglia apparente prossimo al sogno. Per trascendere lo stato di sonno (o di sogno) elaborò uno specifico lavoro su sé stessi al fine di ottenere un livello superiore di vitalità e consapevolezza. La sua tecnica prevede il raggiungimento di uno stato di calma e isolamento, a cui segue il confronto con altre persone.

Dopo aver attratto a sé un consistente numero di allievi e discepoli tra i quali vi erano persone di una certa rilevanza, fondò una scuola per lo sviluppo spirituale, chiamata Istituto per lo Sviluppo Armonico dell'Uomo. Gurdjieff fu noto anche come insegnante di danze sacre.

Negli anni, l'insegnamento di Gurdjieff ha influenzato diversi personaggi noti della cultura e della letteratura: fra questi, il più grande architetto statunitense del XX Secolo, Frank Lloyd Wright, che sposò in seconde nozze Olgivanna Hinzenberg, allieva di Gurdjieff e che gli tributò un pubblico riconoscimento durante un congresso svoltosi dopo la morte del maestro. Suoi allievi furono anche la scrittrice Pamela Lyndon Travers, nota per avere creato il personaggio di Mary Poppins e René Daumal, scrittore francese che entrò in contatto con le sue idee attraverso Alexandre Gustav Salzmann, oltre alla celebre poetessa e scrittrice Katherine Mansfield che, affetta da tubercolosi, volle passare l'ultimo periodo della sua vita accanto al Maestro, vivendo quasi come un'eremita in una casetta che Gurdjieff le aveva offerto nella sua tenuta.

Fra i discepoli attuali più noti, il regista teatrale inglese Peter Brook, il cui film Incontri con uomini straordinari e la sua autobiografia "I fili del tempo" riportano ampie testimonianze della sua vicinanza all'insegnamento di Gurdjieff, e il cantante e regista Franco Battiato.

L'influenza gurdjieffiana, inoltre, è presente anche nella pedagogia grazie al "Modello educativo Etievan", creato da Nathalie de Salzmann (figlia di Alexander e Jeanne de Salzmann) e applicato in diversi collegi del Sudamerica, diffusi tra Venezuela, Cile e Bolivia.

http://it.wikipedia.org/wiki/Georges_Iv ... _Gurdjieff


Un articolo sul nazismo esoterico dal Il Domenicale n° 43 - 28 ottobre 2006

TUTTA LA MAGIA DEL NAZISMO

Gli unici studi seri in materia restano quelli di Nicholas Goodrick-Clarke. Di cui è uscito un nuovo, importante libro

Prosegue a pagina 9 del pdf.

http://www.ildomenicale.it/arretrati/n. ... 202006.pdf



_________________
"Ti avverto, chiunque tu sia. Oh tu che desideri sondare gli arcani della Natura, se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi non potrai trovarlo nemmeno fuori. Se ignori le meraviglie della tua casa, come pretendi di trovare altre meraviglie? In te si trova occulto il Tesoro degli Dei.
Oh Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli Dei" - Oracolo di Delfi
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1173
Iscritto il: 30/03/2011, 19:03
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 20:08 
La Svastica sull'Antartide

Una “Contaminatio” Aliena-Nazista-Americana

http://sentistoria.org/index.php?option ... _year=2010



_________________
"Ti avverto, chiunque tu sia. Oh tu che desideri sondare gli arcani della Natura, se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi non potrai trovarlo nemmeno fuori. Se ignori le meraviglie della tua casa, come pretendi di trovare altre meraviglie? In te si trova occulto il Tesoro degli Dei.
Oh Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli Dei" - Oracolo di Delfi
Top
 Profilo  
 

Marziano
Marziano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 1173
Iscritto il: 30/03/2011, 19:03
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 20:12 
FASCISMO, NAZISMO E ARCHEOLOGIA.
FASCISMO, NAZISMO E ARCHEOLOGIA DI FRONTIERA.

Fu parecchi anni fa quando, sulla scia della necessità di raccolta di materiale valido per la stesura della mia tesi di laurea in Storia economica, ebbi l’onore ed il piacere di conoscere il grande Ardito Desio, eminente scienziato fondatore dell’Istituto di Scienze della Terra di Milano e poi appassionato organizzatore di spedizioni alpine italiane indimenticabili sul Tetto del Mondo.
Stava allora per raggiungere la meta dei 90 anni, un’inezia pensando al fatto che se ne è andato non molto tempo fa e aveva già superato agevolmente i cento, e, prendendomi in simpatia mi aveva prestato del materiale legato alle prime ricerche petrolifere compiute durante il periodo fascista nei territori delle colonie italiane (in particolare in Africa Orientale ed in Libia).
Mi disse: “Indipendentemente da quel periodo di dittatura, allora si era in una fase davvero eroica per le ricerche petrolifere, sempre strettamente connesse a quelle geologiche. Avevamo già scelto alcune zone del deserto libico dove eravamo già in grado di effettuare, anche dal punto di vista tecnologico, le prime esplorazioni nei primi anni ‘40. Se non avessimo perso però inopinatamente tutte le nostre colonie, quel mare di petrolio libico lo avremmo scoperto noi, al posto degli Inglesi , che sfruttarono le nostre mappe di ricerca nel dopoguerra“.
E poi continuò: “Avevo contribuito anch’io alla preparazione di quelle mappe, poi sequestrate. Quell’ avventuriero un po’ guascone che era Italo Balbo parecchie volte negli anni Trenta mi faceva venire a prendere e insieme si volava, lui alla guida, sopra il multiforme deserto libico e nelle zone del Fezzan Orientale e pure nel sud–est , a caccia di zone promettenti ma un po’ alla ventura. Il romanzo di Benoit sull’Atlantide Africana era uscito da relativamente poco tempo anche in Italia e quindi insieme, nei momenti di pausa, si fantasticava sulla possibile scoperta di chissà quali tesori archeologici nascosti in quel vero e proprio mare desertico. Anni dopo seppi che i tedeschi ci credevano veramente all’Atlantide e mandarono delle spedizioni di ricerca pure in Nord Africa “.
Allora non diedi particolare importanza a queste informazioni, al di fuori del fascino del racconto in se’, reminiscenze di vita di questo grande italiano ma oggi, dopo la pubblicazione del saggio sull’archeologia nazista dell’Ahnenerbe (Archeologi di Himmler, Ritter ed., Milano, 2004 ) e di un altro un saggio curato da G. De Turris sull’esoterismo fascista (Esoterismo e Fascismo, ed. Mediterranee, Roma, 2006), quello che mi confidò a quel tempo Desio assume ora una luce particolarmente interessante.
Si può quindi tentare, in estrema sintesi con questo articolo, di presentare alcune considerazioni su quello che ha potuto significare per queste due dittature del XX secolo il pensiero esoterico e archeologico alternativo, già allora in pieno sviluppo.
Quali erano le visioni interpretative di questo pensiero in Germania, quali in Italia?
La ricerca di visioni alternative all’Occidente pluto-democratico massonico, come allora si bollavano le democrazie europee e statunitensi, fino a che punto spinse a metodi di ricerca diversi la vita quotidiana, il mondo letterario, la ricerca umanistica e scientifica la Germania nazista e l’Italia fascista?
Sono argomentazioni alle quali, a 60 anni e oltre dalla fine della II Guerra Mondiale, è difficile rispondere, soprattutto perché dopo il 1945, la necessaria opera di de-nazificazione e di de-fascistizzazione del dopoguerra, a ben vedere, ha fatto comunque tabula rasa anche di concetti ed ipotesi sorte allora davvero affascinanti, sulle quali, depurate dagli eccessi propagandistici e utilitaristici di parte, ci si potrebbe discutere parecchio. Ma la ricostruzione è comunque molto difficile e richiede, e richiederà tempo, soprattutto fino a quando gli storici dovranno aspettare di volta in volta la messa a disposizione pubblica di materiale d’archivio inedito da parte delle allora forze vincitrici della II guerra mondiale, che si protrarrà fino al 2045 – cento anni dopo la fine della guerra.
Ma senza dover essere costretti ad aspettare tutto questo tempo, alcune considerazioni possiamo già esporle sin da subito.
Per quanto riguarda le concezioni, le idee e le fattive ricerche preistoriche ed archeologiche il fascismo ed il nazismo presero, tutto sommato, strade diverse. Ma soprattutto con diverso impegno: fondamentalmente il nazismo tedesco fece di tutto per appropriarsi e rimodellare a suo uso e consumo il bagaglio culturale poggiato di fatto su una interpretazione particolarmente “nazionalista“ della Mitologia Nordica.
Rosenberg ed Himmler in particolare, seppure concorrenti in Germania per ottenere il primato nazionale sullo studio umanistico, la fattibilità e l’attuazione di determinate campagne di ricerca , in Germania e all’estero, diedero alle nuove concezioni della preistoria, fondamentalmente basate sulla ipotesi di una antichissima esistenza di una Atlantide Nordica, un carattere di propaganda nazista contingente della situazione di allora senza pari in queste discipline. I loro rispettivi enti di ricerca, creati ad hoc da questi due leader nazisti, lo AMT ROSENBERG ( Ufficio Rosenberg ) e lo Ahnenerbe ( Eredità degli Antenati ) per anni si fecero una “guerra culturale“ senza pari, attraverso azioni di contrasto vero e proprio per ottenere permessi e concessioni di ricerca preistorica e archeologica, e attraverso le pagine dei loro magazines mensili di informazione: lo Amt Rosenberg divulgava le sue scoperte attraverso la rivista Germanen–Erbe ( Eredità dei Germani ), l’Ahnenerbe con i mensili Nordland e Germanien.
Ma al di fuori di questa pura guerra di potere tra gerarchi nazisti c’era in campo la volontà di diventare gli unici referenti plausibili e accettati dalla comunità tedesca atti ad una operazione gigantesca di rivisitazione, ricostruzione e retrodatazione della nascita della civiltà umana, in chiave nordica , razziale ed anche antisemita.
Sostanzialmente, secondo le ipotesi alternative di coloro che supportavano ricerche preistoriche ed archeologiche di frontiera, da un’antichissima civiltà “Polare“ si era sviluppata in seguito , 15-20.000 anni fa, la civiltà di Atlantide, un’Atlantide a guida “Nordica”, con una classe dirigente capostipite della “razza ariana “.
Dopo la scomparsa del continente glorificato da Platone, grandi movimenti di migrazione di questa gente Atlantico – nordica si era spostata dalle aree Nord del mondo verso Sud e verso Est, creando nei millenni successivi le più antiche civiltà storicamente conosciute compresi gli antichi Romani.
L’indiano Tilak nel primo novecento, l’olandese Wirth ( fondatore insieme a Himmler dell’Ahnenerbe nel 1935 ) in seguito , ma anche il pensatore italiano, il barone Julius Evola erano stati di questo avviso .
Evola si differenziava così parzialmente, per l’ennesima volta ,da gran parte del pensiero dominante allora in Italia che, guidato da Mussolini, con il suo movimento fascista vedeva un modello per la sua società ideale fondamentalmente gli antichi fasti di Roma, e non certo una poco probabile ( per lui) origine Nordica delle popolazioni italiche pelagiche e pre- romane.
Ma al di là di queste ipotesi, ancora controverse ai giorni nostri e, sotto alcuni punti di vista , non proprio da sottovalutare aprioristicamente, il pensiero culturale tedesco e quello mediterraneo italiano si scontravano, al di fuori delle alleanze strategiche e militari, anche in questi campi dello scibile umanistico, storico e propagandistico.
Ne era ben conscio il padrone delle SS Heinrich Himmler, capo dell’Ahnenerbe che così si esprimeva con una lettera del 1937 all’indogermanista Walther Wuest:
“I musei italiani possiedono una innumerevole quantità di oggetti che ci riguardano in relazione al nostro arianesimo. Gli italiani non nutrono alcun interesse per queste cose. Sono invece interessati all’Età di Cesare e all’Età Imperiale…sembrano del tutto disinteressati a capire da dove sono venuti. Intravedo a questo punto la possibilità di trovare un rimedio …in questo contesto bisogna raggiungere due obiettivi: dimostrare esattamente che i Romani, come naturalmente i Sanniti, gli Umbri , i Volsci, i Latini ecc…sono venuti a Sud come una migrazione di tribù indogermaniche dal Nord, dai nostri territori Baltici. Lo stesso andrebbe dimostrato anche per i Greci in tutte le loro componenti “.
Naturalmente queste ipotesi non erano universalmente accettate, neanche in Germania, dove invece personaggi eccentrici e studiosi alternativi come lo stesso Herman Wirth venivano bollati come “ Germanomanen “ ( Germano–maniaci ).
Adolf Hitler, nella sua visita in Italia del 1938 insieme a Mussolini, durante l’inaugurazione della nuova sistemazione dell’ARA PACIS vicina al Mausoleo di Augusto, per opera dell’architetto Ballio Morpurgo, non aveva mai preso realmente in considerazione un’origine “nordica “ delle popolazioni italiche pre-romane, e rimase sempre attaccato al concetto delle supremazie classiche Greche e Romane, considerando gli interessi di frontiera di Himmler, con la sua voglia di organizzare in ogni dove le sue spedizioni Ahnenerbe alla ricerca delle fonti della “Razza Ariana“, poco più di una perdita di tempo e denaro.
Ma nel frattempo, come in Germania salivano alla ribalta della cronaca specialisti archeologici nazisti dell’Atlantide “del Nord“, così in Italia, diversi appassionati italiani, in modo del tutto privato si davano parecchio da fare appassionati ricercatori dell’Atlantide Mediterranea o meglio detta , la “Tirrenide“, l’ultimo punto di arrivo della gente atlantide durante la loro invasione del mediterraneo, episodio descritto nei ben noti capitoli di Platone, il Timeo e il Crizia .
Anche qui lo scopo propagandista non era secondario: secondo il desiderio di questi appassionati Mussolini avrebbe dovuto dedicare e distogliere energie, finanziamenti e personale per cercare l’Atlantide Tirrenica, esistente migliaia di anni fa nel Mediterraneo, quando il “mare nostrum” era molto più basso di quello attuale, più di cento metri più basso, e i grandi spazi che si aprivano nella zona mediterranea erano stati millenni fa forieri di civiltà plurisecolari ,capostipiti di Malta, Creta, ed Egitto.
Certo bisognava organizzare delle vere e proprie spedizioni marine, con stanziamenti ad hoc per delle vere e proprie missioni di “archeologia subacquea” ante litteram, perché in fondo al mediterraneo, al largo di La Spezia, al largo della Toscana e fuori Marsala, in mare aperto, giacevano delle vere e proprie città tirreniche sommerse, relitti di civiltà meravigliose.
Non si mancò anche di informare e cercare di coinvolgere la nascente arma subacquea italiana ( in particolare alcuni elementi facenti parte della formazione X Flottiglia Mas ), che allora era all’avanguardia rispetto a tutte le altre marine da guerra mondiali. Ma la cosa veniva guardata con sospetto da più parti ed inoltre, allora come oggi, si voleva dare spazio alla ricerca subacquea di relitti di antiche navi piuttosto che lanciarsi, sia pur emozionalmente, alla ricerca di “ fantomatiche “ città tirreniche sepolte da millenni sotto il fango marino.
Ci furono altri episodi interessanti, per esempio fu proprio durante il fascismo che nacque l’idea di utilizzare la nascente arma aerea per arrivare a fare ricerche fotografiche a fini archeologici dal cielo: l’esperienza della Prima Guerra Mondiale aveva fatto sì che alcuni esploratori aviatori militari si fossero resi conto che una visione aerea d’insieme di certi territori poteva facilitare la ricerca archeologica. In alcune zone apparve infine lampante, da una approfondita analisi fotografica aerea, che parti del territorio nazionale nascondevano ancora molti tesori sepolti, al Nord come al Centro Italia. Allora, come oggi.


[align=right]Fonte: http://edmundkiss-zama.blogspot.com/201 ... logia.html[/align]



_________________
"Ti avverto, chiunque tu sia. Oh tu che desideri sondare gli arcani della Natura, se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi non potrai trovarlo nemmeno fuori. Se ignori le meraviglie della tua casa, come pretendi di trovare altre meraviglie? In te si trova occulto il Tesoro degli Dei.
Oh Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli Dei" - Oracolo di Delfi
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3962
Iscritto il: 08/07/2009, 23:30
Località: Brescia
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 12/05/2011, 20:54 
Cita:
mauro ha scritto:

cari amici vedere anche

HITLER E IL NAZISMO MAGICO

http://www.google.it/url?sa=t&source=we ... _2QiB5VazA

ciao
mauro


Ottimo davvero. Ho iniziato a leggerlo e l'autore mi è piaciuto subito. In particolare questo frammento introduttivo:

"Non sono in grado di valutare l'esoterismo dall'interno.
Percepisco la tematica dell'iniziazione e della contro-iniziazione solo da quanto ne scrivono i cultori e gli specialisti. La posizione nella quale mi colloco è quella di uno storico e di un politologo il quale ritiene che la cultura esoterica si intrecci con le discipline che pratica in misura maggiore di quanto sia stato sinora valutato dalla storiografia e dalla scienza politica."

In passato, ho seguito un po' la tematica e devo dire che non mi ha mai convinto la fretta con la quale gli autori più ortodossi che ho letto hanno liquidato come false le origini esoteriche del nazismo.


Ultima modifica di eSQueL il 12/05/2011, 20:59, modificato 1 volta in totale.


_________________
eSQueL (case sensitive)
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 123 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 9  Prossimo

Time zone: Europe/Rome


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 10/12/2019, 08:38
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org