Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 47 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 13/12/2009, 21:51 
Roger of Wendover (http://en.wikipedia.org/wiki/Roger_of_Wendover), storico inglese, racconta nella sua opera "The history of England from the descent of the saxons to A.D. 1235" (Vol.1), di una visione avvenuta a Northumbria nel 796 d.C.;

http://www.medievalist.globalfolio.net/ ... ex0171.php

"In the year of our Lord 796 [...] small globes were seen about
the sun..
"

Traduzione:

"Nell'anno 796, furono visti piccoli globi attorno al sole.."

Immagine


Ultima modifica di Lawliet il 13/12/2009, 22:13, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 13/12/2009, 22:13 
Nel libro storico "From Caledonia to Pictland" di James Fraser, troviamo il seguente evento nell'anno 748 d.C.;

Fonte

"Ships were seen in the air with their men over Clonmacnoise."

Traduzione:

"Furono viste delle navi con equipaggio nel cielo su Clonmacnoise."


Ultima modifica di Lawliet il 13/12/2009, 22:14, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 18/12/2009, 20:45 
Attenzione, nella stesura di questo testo non è stato preso in considerazione il "Vaimanika Shastra", scritto soltanto nel 20° secolo.


Il termine sanscrito "Vimana" (http://en.wikipedia.org/wiki/Vimana), indica un mitologico e generico oggetto volante descritto in numerosi testi religiosi indiani.
La loro descrizione è diffusa un po' ovunque, persino nelle guerre mitologiche del "Mahabharata" (http://en.wikipedia.org/wiki/Mahabharata) e del "Ramayana" (http://en.wikipedia.org/wiki/Ramayana). Secondo le descrizioni di questi testi sacri, i Vimana sarebbero stati in grado di volare nell'aria, nello spazio, ma anche sott'acqua.

Immagine

Nel "Rigveda" (http://en.wikipedia.org/wiki/Rigveda) non compare il termine Vimana, ma appare una descrizione molto simile (da considerare che i versi sono in poesia, quindi è risultato difficile parafrasare correttamente);

http://www.sacred-texts.com/hin/rvsan/rv01164.htm

" 47. niyānaṃ harayaḥ suparṇā apo vasānā divamut patanti |
ta āvavṛtran sadanād ṛtasyādid ghṛtena pṛthivī vyudyate ||
dvādaśa pradhayaścakramekaṃ trīṇi nabhyāni ka u tacciketa |
tasmin sākaṃ triśatā na śaṅkavo.arpitāḥ ṣaṣṭirna calācalāsaḥ
"

Traduzione:

"Oscura l'origine; questi uccelli (meccanici) dal colore dell'oro volano fino al cielo nascosti nell'acqua.
Poi discendono di nuovo dalla "sede dell'ordine" (il cielo) e tutta la terra viene bagnata dalla loro "capacità di fertilizzare".
Dodici sono i segmenti dei cerchioni ma la ruota è una sola; tre sono le navate. Quale uomo potrebbe capire il loro funzionamento?

I 360 raggi (della ruota) sono regolati insieme, in modo che non possano essere assolutamente allentati.
[/i]"

Ma anche..

http://www.sacred-texts.com/hin/rigveda/rv06058.htm

"O P#363;#7779;an, with thy golden ships that travel across the ocean, in the air's mid-region.."

Traduzione:

"O Pusan, con quelle tue navi d'oro che viaggiano nell'oceano e nell'aria.."

E..

http://www.sacred-texts.com/hin/rigveda/rv04036.htm

"THE car that was not made for horses or for reins, three-wheeled, worthy of lauds, rolls round the firmament."

Traduzione:

"La macchina che volava nel cielo non era fatta per cavalli o redini, ma era composta da tre ruote, meritevoli di essere lodate."


Nel Arthasastra di Kautilya (http://en.wikipedia.org/wiki/Arthashastra), scritto intorno al terzo secolo a.C., vengono menzionati i "Saubhikas"..

http://www.bharatadesam.com/literature/ ... stra_7.php

"Dancers, actors, singers, players on musical instruments, buffoons, court-bards, swimmers, and saubhikas (?), previously set about the enemy, may continue under his service and may indirectly serve the prince."

Traduzione:

"Ballerini, attori, cantanti, musicisti, buffoni e poeti di corte, nuotatori e piloti (saubhikas), precedentemente sotto il controllo del nemico, potranno ora continuare il proprio mestiere sotto il comando del principe."

Secondo recenti studi il termine "Saubhika", per quanto strano possa sembrare, indicherebbe proprio una persona in grado di volare o che sa come pilotare un velivolo, da qui la traduzione "pilota".


Il termine Vimana compare per la prima volta nel Ramayana;

http://en.wikipedia.org/wiki/Vimana#Ramayana

Traduzione inglese tratta dal libro "Ramayana" di Dutt, Manatha Nath pubblicato nel 1892 a Calcutta e poi a New York (come cita wikipedia stesso);

"The Pushpaka chariot that resembles the Sun and belongs to my brother was brought by the powerful Ravana; that aerial and excellent chariot going everywhere at will .... that chariot resembling a bright cloud in the sky ... and the King [Rama] got in, and the excellent chariot at the command of the Raghira, rose up into the higher atmosphere."

Traduzione;

"La carrozza di fiori che somiglia al Sole ed appartiene a mio fratello, ci fu portata dal potente Ravana; questa magnificente carrozza volante viaggia ovunque si voglia... essa somiglia ad una nuvola brillante nel cielo... e il Re stesso (Rama) entrò dentro, e la magnificente carrozza, al comando di Raghira, salì sù nell'alta atmosfera."

Il "Pushpaka" (primo tipo di Vimana) fu creato da Maya per Kuberea (il dio della salute), ma fu poi rubato, insieme a Lanka, dal demone Ravana.
E ancora, sempre dallo stesso testo;

http://www.srivaishnava.org/scripts/veda/rv/rvbook5.htm

"5.062.07 The substance (of their chariot) is of gold; its pillars are of metal, and it shines in the firmament like lightning.."

Traduzione:

"La sostanza delle loro carrozze è l'oro; i loro pilastri sono di metallo, e splendono nel cielo come dei fulmini.."

E..

"1.118.02 Come to us with your tri-columnar, triangular, three-wheeled, and well-constructed car.."

Traduzione:

"Vieni da noi con la tua macchina triangolare ben costruita e composta da tre colonne e tre ruote.."

Nel "Vedic and Puranic", troviamo;

http://www.sacred-texts.com/hin/hmvp/hmvp39.htm

".. and the car Pushpaka for his vehicle. * This car was of immense size, and moved at its owner's will at a marvellous speed; R#257;vana took it by force from Kuvera, at whose death it was restored by R#257;ma to its original possessor."

Traduzione:

".. e la macchina Pushpaka era il suo veivolo. Questa macchina era di incredibile grandezza, e si muoveva secondo la volontà del proprietario ad una straordinaria velocità; Ravana lo rubò da Kuvera, ma alla sua morte fu ridato al suo legittimo proprietario da Rama."

Altri riferimenti qui; http://www.google.com/#hl=en&q=inurl:sa ... 5bf9d43a8f

Da non dimenticare anche la "Vitthakalai" (http://en.wikipedia.org/wiki/Vitthakalai), "carrozza volante dorata" di Kali descritta nella mitologia "Ayyavazhi" (http://en.wikipedia.org/wiki/Ayyavazhi_mythology).



Il Ramayana, come gli altri testi sacri, è pieno di riferimenti del genere.
Oltre che "vimana" (aerei), spesso si utilizza il termine "chariot" (carrozza, attenzione però a non confondere con quelle usuali) ed anche "car" (macchina). Se ne trovano a bizzeffe, infatti persino gli Dei vengono sempre rappresentati in base ai loro mezzi volanti con i quali arrivano sulla terra. Spesso, gli Dei combattono in battaglie avvincenti, ognuno con la propria macchina volante e con le proprie armi fantascientifiche, da far impallidire le nostre bombe atomiche.

Nel Mahabharata:

http://www.archive.org/stream/religions ... k_djvu.txt

"Now Vata's chariot's greatness ! Breaking goes it,
And thundering is its noise ; to heaven it touches,
Goes o'er the earth, cloud ^ making, dust up-rearing;
"

Traduzione:

"Ora arriva la grande carrozza di Vata! Procede distruggendo, e il suo rumore è come quello di un fulmine: tocca il cielo, va sulla terra alzandone la polvere e creando le nuvole."

E..

http://www.mahabharataonline.com/transl ... _05083.php

"Janardana [...] «Let my car be made ready and let [...] all kinds of weapons, offensive and defensive, be placed on it.» [...] his attendants immediately addressed themselves to yoke his car. And that car resembled in effulgence the fire that shows itself at the time of the universal dissolution, and itself in speed. And it was provided with two wheels that resembled the sun and the moon in lustre. And it bore emblazonments of moons, both crescent and full, and of fishes, animals, and birds and it was adorned with garlands of diverse flowers and with pearls and gems of various kinds all around. And endued with the splendour of the rising sun, it was large and handsome. [...] And Saurin then mounted on that car, high as the summit of the Meru, and producing a rattle, deep and loud as the sound of the kettle-drum or the clouds and which resembled the celestial car coursing at the will of the rider. And taking Satyaki also upon it, that best of male beings set out, filling the earth and the welkin with the rattle of his chariot-wheels."

Traduzione:

"Janardana [...] disse; «Fate in modo che la mia macchina sia pronta ed equipaggiata con ogni tipo di arma, sia offensiva che difensiva.» [...] ed i suoi assistenti immediatamente iniziarono a modificarla. Questa macchina somigliava, in luminosità ed in rapidità, al fuoco sprigionato durante il tempo della dissoluzione dell'universo. Era provvista di due ruote che somigliavano, in brillantezza, al sole ed alla luna. Essa era adornata con simboli rappresentanti la luna, crescente o piena, pesci, animali, uccelli, e persino ghirlande di svariati fiori, perle e gemme di diverso tipo. Splendente come il sole durante l'alba, era enorme e grandiosa. [...] Saurin salì sulla macchina, alta quanto la sommità del monte Meru, producendo un rumore profondo ed acuto quanto quello dei timpani o delle nuvole, tipico delle macchine celesti che volano ovunque secondo la volontà del pilota. Dopo aver preso a bordo anche Satyaki, riempì il cielo e la terra col rumore delle sue ruote."

E..

http://www.mahabharataonline.com/transl ... _03042.php
http://www.mahabharataonline.com/transl ... _03043.php

"Kuru [...] coursed through the firmament on that celestial car effulgent as the sun and of extra-ordinary achievements. And after he had become invisible to the mortals of the earth, he beheld thousands of cars of extra-ordinary beauty. [...] And those brilliant regions that are seen from the earth in the form of stars, like lamps (in the sky)--so small in consequence of their distance, though very large--were beheld by the son of Pandu. [...] And the celebrated Arjuna having thus passed through successive regions of heaven at last beheld Amaravati, the city of Indra. [...] The son of Pandu entered the favourite city of Indra. And he beheld there celestial cars by thousands, capable of going everywhere at will, stationed in proper places. And he saw tens of thousands of such cars moving in every direction."

Traduzione:

"Kuru [...] volò attraverso il cielo su quella macchina celeste, di grande successo, splendente quanto il sole. E dopo esser diventata invisibile agli esseri viventi della Terra, egli vide migliaia di altre macchina dalla bellezza straordinaria. [...] Il figlio di Pandu vide da vicino quelle brillanti regioni celesti che, osservate dalla Terra sottoforma di stelle, sembrano essere così piccole, come delle lampade, ma che in realtà sono immensamente grandi per via della distanza. [...] Ed Arjuna, avendo attraversato le successive regioni celesti, alla fine raggiunse e vide Amaravati, la città di Indra. [...] Il figlio di Pandu entrò dunque in questa fantastica città. E lì vide migliaia di macchine celesti, capaci di andare ovunque secondo volontà, ferme nella loro posizione. E poi vide altre centinaia di migliaia di macchine celesti muoversi in ogni direzione."

http://www.mahabharataonline.com/transl ... _01228.php

"Varuna [...] gave a car furnished with celestial weapons and whose banner bore a large ape [...] resembling in fleetness the wind or the mind. And it was equipped with implement of war, and was incapable of being vanquished by the celestials or the Asuras. Its splendour was great and the sounds of its wheels was tremendous. It delighted the heart of every creature that looked at it. It had been made by Viswakarman, the architect of the universe. [...] Its splendour, like that of the sun, was so great that no one could gaze at it. It was the very car from which the lord Soma had vanquished the Danavas. Resplendent with beauty, it looked like an evening cloud reflecting the effulgence of the setting sun."

Traduzione:

"Varuna [...] diede poi una macchina dalla rapidità del vento, e della mente, [...] fornita di armi dei celesti e di uno stendardo [...] con sopra raffigurata una scimmia. Era equipaggiata con armi da guerra, e non venne sconfitta nemmeno dai celesti o dagli Asura. Era di grande splendore ed il suono delle sue ruote era tremendo. Allietava il cuore di ogni creatura che la guardasse. Fu creata da Viswakarman, l'architetto dell'universo. [...] Il suo splendore, simile a quello del Sole, era talmente grandioso che nessuno poteva guardarla intensamente. Questa era la stessa macchina utilizzata da Soma per sterminare i Danavas. Risplendente in bellezza, assomigliava ad una nuvola notturna che risplendesse la luce del sole calante."

E..

http://www.sacred-texts.com/hin/m02/m02024.htm

"And having vanquished his foe, Krishna furnished with weapons and unwounded and accompanied by the kings (he had released), came out of Girivraja riding in that celestial car. [...] And that best of cars, incapable of being vanquished by any king [...] and driven by Krishna, looked exceedingly handsome. [...] And riding upon that car Krishna now came out of the hill-fort. Possessed of the splendour of heated gold, and decked with rows of jingling bells and furnished with wheels whose clatter was like the roar of clouds, and ever victorious in battle, and always slaughtering the foe against whom it was driven, it was that very car riding upon which Indra had slain ninety-nine Asuras of old. The people of Magadha [...] seated in that car wondered much. And thereupon that best of cars became still more dazzling with its splendour and was as incapable of being looked at by created being as the midday sun surrounded by a thousand rays. The car upon which Krishna rode had been obtained by king Vasu from Vasava, and from Vasu by Vrihadratha, and from the latter in due course by king Jarasandha."

Traduzione

"Avendo sconfitto i suoi nemici senza subire ferite, Krishna, fornito di armi ed accompagnato dai re che aveva appena liberato, uscì da Girivraya a bordo di quella macchina celeste. [...] Quella macchina, la migliore di tutte, non poteva essere distrutta da nessun altro re, e guidata da Krishna [...] appariva immensamente bella. [...] A bordo di questa Krishna uscì dalla fortezza. Era proprio la macchina sulla quale Indra aveva ucciso novantanove Asuras, questa possedeva lo splendore dell'oro riscaldato, era abbigliata con campanelli rumorosi e fornita di ruote il quale rumore era simile al boato delle nuvole, era sempre vittoriosa in battaglia ed aveva sempre sterminato tutti i nemici. La gente di Magadha [...] potè sedersi in quella macchina, e ne rimase stupefatta. [...] E lì questa divenne ancora più abbagliante col suo splendore, tanto da non poter essere osservata dagli esseri viventi creati, come il Sole di mezzogiorno circondato da migliaia di raggi. La macchina sulla quale viaggiò Krishna fu ottenuta dal re Vasu dalla Vasava, e a Vasu fu data da Vrihadratha, e a quest'ultimo fu data da Jarasandha."



Armi post-moderne non mancano:

http://www.mahabharataonline.com/transl ... _09046.php

"Inflamed with rage, the adorable Kartikeya then pierced that mountain with that dart given him by Agni. [...] The apes and elephants on it were affrighted. The birds that had their abode on it rose up and wheeled around in the welkin. The snakes began to dart down its sides. [...] In consequence of all this that mountain, though it was reduced to a very pitiable plight."

Traduzione:

"Acceso dalla rabbia l'adorabile Kartikeya lanciò quindi su quella montagna un dardo datogli da Agni. [...] Le scimmie e gli elefanti della montagna si spaventarono a morte. Gli uccelli, che lì avevano il proprio nido, iniziarono a volare in cerchio nel cielo. I serpenti iniziarono a scendere da essa rapidamente. [...] Di conseguenza la montagna fu ridotta in misera condizione."

E..

http://www.sacred-texts.com/hin/m01/m01173.htm

"Saying these words, the Pandava wrathfully hurled at the Gandharva that blazing weapon made of fire which burnt the Gandharva's chariot in a trice. Deprived of consciousness by the force of that weapon, the mighty Gandharva was falling, head downward, from his chariot."

Traduzione:

"Dicendo queste parole, Pandava lanciò a Gandharva quell'arma ardente fatta di fuoco, che bruciò la carrozza di Gandharva in un attimo. Il possente Gandharva, perdendo coscienza per la potenza dell'arma, iniziò a cadere verso terra, dalla sua carrozza."

E..

http://www.mahabharataonline.com/transl ... _07180.php

"..by good luck Jishnu did not engage in single combat with Karna. Each of them in that case challenging the other, would have shot his celestial weapons on all sides. The weapons of the Suta's son would have been destroyed by Arjuna. The former then afflicted by the latter, would certainly have hurled Indra's dart in that battle."

Traduzione:

".. per fortuna Jishnu e Karna non si sono mai incontrati in battaglia. Ognuno dei due, in quel caso, avrebbe usato le proprie armi celesti in ogni direzione. Le armi del figlio di Suta sarebbero state distrutte da Arjuna. Quest'ultimo, afflitto quindi dal primo (il figlio di Suta), avrebbe sicuramente usato il fucile di Indra in quella battaglia."

E..

http://www.bharatadesam.com/spiritual/m ... _16001.php

"When the next day came, Samva actually brought forth an iron bolt.. that looked like a gigantic messenger of death.. through which all the individuals in the race of the Vrishnis and the Andhakas became consumed into ashes. Men were employed, O king, to cast.. that iron bolt.. reduced into fine powder.. into the sea.. showering gravels blew from every side. The horizon on every side seemed to be always covered with fog.. The Sun’s disc, O king, seemed to be always covered with dust.. it was.. proclaimed throughout the city that from that day, among all the Vrishnis and the Andhakas no one should manufacture wines and intoxicating spirits of any kind.. Earthen pots showed cracks or broke from no apparent cause.. "

Traduzione:

"Quando arrivò il giorno successivo, Samva effettivamente lanciò un fulmine di ferro, che apparì come un gigantesco messaggero di morte, e ridusse in cenere le popolazioni di Vrishnis e Addhakas. Agli uomini fu ordinato, o Re, di buttare le polveri rimaste del fulmine di ferro in mare. Piccoli sassi (ghiaia) cadevano da tutte le direzioni. L'orizzonte, da tutte le parti, sembrava essere sempre coperto dalla nebbia.. il disco solare, o Re, sembrò sempre essere coperto da polvere. Fu detto in tutta la città che da quel giorno nessuno avrebbe più dovuto fabbricare vino o liquore inebriante di alcun tipo. I vasi di terracotta si ruppero senza un apparente motivo."

Su http://en.wikipedia.org/wiki/Astra_%28weapon%29 , è stato fatto un veloce listino delle armi più importanti descritte nel Ramayana e nel Mahabharata (per verificare la veridicità basta cercare i termini in sanscrito di ogni arma come poi farò vedere da qui a poco con altri esempi su google);

ARMA, Entità Divina, Effetto

Aindraastra, Indra, Dio del tempo, Crea una pioggia di freccie dal cielo.
Agneyastra, Agni, Dio del fuoco, Emette fuoco indistinguibile attraverso i normali sensi.
Varunaastra, Varuna, Dio dell'acqua, Sprigiona tonnellate d'acqua sul nemico.
Nagaastra, Nagas, Uccide all'impatto con poche possibilità di mancare il bersaglio (prende la forma di un serpente).
Nagapaasha, Nagas, Rende il nemico cieco avvolgendolo con molti serpenti velenosi.
Vayvayaastra, Vayu, Dio del vento, Crea una tempesta capace di distruggere interi eserciti.
Suryastra, Surya, Dio del Sole, Crea una luce abbagliante che vince l'oscurità.
Vajra, Indra, Dio del tempo, Paralizza il nemico con dei fulmini.
Mohini, Mohini, Fa svanire ogni sorta di incantesimo maligno nelle vicinanze.
Twashtar, Twashtri, il costruttore celeste, Confonde le persone in modo da farle lottare le une contro le altre.
Sammohana/Pramohana, // Fa cadere in trance tutte le persone, persino un intero esercito.
Parvataastra, // Fa cadere una montagna sui nemici.
Brahmaastra, Brahma, il Creatore, Distrugge interi eserciti in un colpo solo.
Brahmasirsha, Brahma, il Creatore, Evoluzione della precedente arma, con simile effetto.
Narayanaastra, Vishnu, il Protettore, Crea piogge di freccie e dischi sul nemico.
Vaishnavaastra, Vishnu, il Protettore, Infallibile. Distrugge l'obiettivo in un colpo solo, qualunque esso sia.
Pashupatastra, Shiva, il Distruttore, Infallibile. Distrugge l'obiettivo in un colpo solo, qualunque esso sia.


Se volete farvi un'idea di quanti riferimenti ad armi post-moderne vi siano in questo testo, potete fare qualche ricerca dei termini, ad esempio date un'occhiata a "weapon"; http://www.google.com/#hl=en&q=site%3Am ... 5bf9d43a8f .
O anche "car"; http://www.google.com/#hl=en&q=site%3Am ... 5bf9d43a8f .

Anche nel "Yajur Veda" (http://en.wikipedia.org/wiki/Yajurveda) troviamo moltissimi eventi simili..
"car" http://www.google.com/#q=inurl:hin/yv+% ... 5bf9d43a8f
"chariot" http://www.google.com/#hl=en&q=inurl%3A ... 5bf9d43a8f


Nel "Kalpa Sutra" (http://en.wikipedia.org/wiki/Kalpasutra_%28Jainism%29) di Bhadra-bahu..
http://jainsamaj.org/literature/bhadrabahu-040806.htm
.. si afferma che Mahavira, il 24° profeta del Giainismo, arrivò sulla terra mediante il grande "vimana" (mezzo volante) "Puspa-uttara".. il 22° profeta "Aristanemi", arrivò mediante il grande vimana "Aparijita".. il 4° ed il 5° profeta "Abhinandana" ed "Sumatinatha" viaggiarono entrambi nel cielo con il "Jayanta-vimana", che era il vimana posseduto dagli dei Jayanta.. il 15° profeta viaggiò nel cielo attraverso il "Vijaya-vimana".
Si capisce come il Vimana in realtà non rappresenti un semplice ed isolato mezzo volante, quanto una vera e propria "specie" di mezzi volanti, tutti diversi tra loro, tutti appartenenti a Dei diversi, e tutti incredibilmente ben descritti, se si considera che tali testi son datati di circa 3000 anni.


Nel "Bhagavata Purana" (http://en.wikipedia.org/wiki/Bhagavata_Purana), uno dei testi della letteratura Hindu, troviamo ancora numerose descrizioni..

http://srimadbhagavatam.com/sb/2/9/13/

"bhrajis?n?ubhir yah? parito virajate

lasad-vimanavalibhir mahatmanam

vidyotamanah? pramadottamadyubhih?

savidyud abhravalibhir yatha nabhah?
"

Traduzione:

"I pianeti di Vaikuntha sono circondati da numerosi aeroplani, tutti brillanti ed ingegnosamente posizionati. Questi aeroplani appartengono ai grandi mahatmas, o devoti dei Signore. Le donne dei mahatmas sono belle come i fulmini per via della loro carnagione celestiale, e tutto questo combinato appare proprio come il cielo decorato da nuvole e fulmini."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/3/15/26/

"tad visva-gurv-adhikr?tam´ bhuvanaika-vandyam´

divyam´ vicitra-vibudhagrya-vimana-socih?

apuh? param´ mudam apurvam upetya yoga-

maya-balena munayas tad atho vikun?t?ham
"

Traduzione:

"Non appena i grandi saggi: Sanaka, Sanatana, Sanandana e Sanat-kumara raggiunsero il sopra menzionato Vaikuntha nel mondo spirituale grazie al loro impegno mistico yoga, percepirono una immensa felicità. Loro videro che il cielo spirituale era illuminato da aeroplani decorati in cielo, pilotati dai migliori devoti di Vaikuntha.."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/3/16/32/

"dvah?sthav adisya bhagavan

vimana-sren?i-bhus?an?am

sarvatisayaya laks?mya

jus?t?am´ svam´ dhis?n?yam avisat.
"

Traduzione:

"Dopo aver discusso alla porta di Vaikuntha, il Signore ritornò alla sua dimora, dove vi erano numerosi aeroplani celesti, tutti molto vitali e splendenti."

E..

http://vedabase.net/sb/10/64/30/en3

"anujñ#257;to vim#257;n#257;gryam

#257;ruhat pa#347;yat#257;m nrin#257;m
"

Traduzione:

"Concesso il permesso di partire, Re Nriga salì a bordo di un magnifico aereo celeste, mentre tutti gli altri presenti osservavano."

E..

http://srimadbhagavatam.com/4/12/34/en

"tatra tatra pra#347;am#769;sadbhih#803;

pathi vaim#257;nikaih#803; suraih#803;

avak#299;ryam#257;n#803;o dadr#803;#347;e

kusumaih#803; krama#347;o grah#257;n
"

Traduzione:

"Quando Dhruva Maharaja viaggiò nel cielo, vide gradualmente tutti i pianeti del sistema solare, e durante la strada vide tutti i semi-dei nei loro rispettivi aeroplani lanciare a lui dei fiori come la pioggia."

E..

http://srimadbhagavatam.com/3/23/41/en

"bhr#257;jis#803;n#803;un#257; vim#257;nena

k#257;ma-gena mah#299;yas#257;

vaim#257;nik#257;n atya#347;eta

caran lok#257;n yath#257;nilah#803;
"

Traduzione:

"In questo modo egli viaggiò attraverso vari pianeti, così come l'aria scorre in ogni direzione senza controllo. Superò persino i semi-dei, passando attraverso l'aria in quello splendido aereo grande quanto una villa che volava seguendo la sua volontà."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/3/16/34/

"tada vikun?t?ha-dhis?an?at

tayor nipatamanayoh?

haha-karo mahan asid

vimanagryes?u putrakah?
"

Traduzione:

"Poi, come Jaya e Vijaya caddero dalla dimora del Signore, un grande fragore di delusione arrivò dai semi-dei, che sedevano nei loro splendidi aeroplani."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/4/3/5-7/

"tad upasrutya nabhasi

khe-caran?am´ prajalpatam

sati daks?ayan?i devi

pitr?-yajña-mahotsavam

vrajantih? sarvato digbhya

upadeva-vara-striyah?

vimana-yanah? sa-pres?t?ha

nis?ka-kan?t?hih? suvasasah?

dr?s?t?va sva-nilayabhyase

lolaks?ir mr?s?t?a-kun?d?alah?

patim´ bhuta-patim´ devam

autsukyad abhyabhas?ata
"

Traduzione:

"Quando la moglie di Siva, Sati, figlia di Daksa, venne a conoscenza della conversazione avvenuta tra quelli che volavano nel cielo riguardo il grande sacrificio fatto da suo padre, vide da tutte le direzioni venire le bellissime mogli dei semi-dei, volando nei loro aeroplani insieme ai loro mariti, con belle collane ed ornamenti.."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/4/6/27/

"tara-hema-maharatna-

vimana-sata-sankulam

jus?t?am´ pun?yajana-stribhir

yatha kham´ satad?id-ghanam
"

Traduzione:

"Gli aeroplani delle mogli di Yaksas sono ornati di perle, oro e gioielli di valore, come il cielo è ornato di fulmini e nuvole."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/4/9/56/

"pr#257;k#257;rair gopur#257;g#257;raih#803;

#347;#257;takumbha-paricchadaih#803;

sarvato 'la#324;kr#803;tam#769; #347;r#299;mad-

vim#257;na-#347;ikhara-dyubhih#803;
"

Traduzione:

"In occasione di questo evento, i palazzi della città, le porte e le mura, già belli di per sè, vennero decorate con ornamenti d'oro. Le cupole dei palazzi brillavano quanto le cupole dei belissimi aeroplani che sorvolavano la città."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/4/12/19/

"sa dadar#347;a vim#257;n#257;gryam#769;

nabhaso 'vatarad dhruvah#803;

vibhr#257;jayad da#347;a di#347;o

r#257;k#257;patim ivoditam
"

Traduzione:

"Non appena i sintomi della sua liberazione si manifestarono, egli vide un bellissimo aeroplano scendere dal cielo, brillante come la luna piena, il quale emanava luce in tutte le direzioni."

(Durante la descrizione del passaggio, il traduttore afferma che esistono, secondo le sacre scritture indiane, diversi livelli di coscienza. Quando si supera un determinato livello di coscienza appaiono visibili cose che prima non lo erano, come nel caso di questo aeroplano)

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/4/12/27/

"etad vim#257;na-pravaram

uttama#347;loka-maulin#257;

upasth#257;pitam #257;yus#803;mann

adhirod#803;hum#769; tvam arhasi
"

Traduzione:

"O Immortale, questo aeroplano unico ti è stato mandato dal più alto degli Dei (Visnu), il quale è adorato da fedeli prescelti poichè è il protettore di tutte le specie viventi. Sicuramente sei considerato affidabile per poter utilizzare un aeroplano del genere."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/5/1/8/

"sa tatra tatra gagana-tala ud#803;u-patir iva vim#257;n#257;valibhir anupatham amara-parivr#803;d#803;hair abhip#363;jyam#257;nah#803; pathi pathi ca var#363;tha#347;ah#803; siddha-gandharva-s#257;dhya-c#257;ran#803;a-muni-gan#803;air upag#299;yam#257;no gandha-m#257;dana-dron#803;#299;m avabh#257;sayann upasasarpa"

Traduzione:

"Non appena Lord Brahma scese dal suo mezzo di trasporto, il grande uccello, tutti i residenti dei pianeti chiamati Siddhaloka, Gandharvaloka, Sadhyaloka e Caranaloka, insieme a tutti i saggi e i semi-dei che volano nei loro diversi aeroplani, si riunirono sul tetto del cielo per riceverlo e adorarlo."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/5/17/4/

"tato 'neka-sahasra-kot#803;i-vim#257;n#257;n#299;ka-sa#324;kula-deva-y#257;nen#257;vatar-ant#299;ndu man#803;d#803;alam #257;v#257;rya brahma-sadane nipatati"

Traduzione:

"Dopo aver purificato i sette pianeti vicino Dhruvaloka (la stella polare), l'acqua del Gange fu portata attraverso lo spazio in miliardi di aeroplani celesti dei semi-dei. Poi con essa fu inondata la luna (Chandraloka), e alla fine raggiunse la dimora di Lord Brahma sulla vetta del monte Meru.

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/7/8/33/

"dyaus tat-sat#803;otks#803;ipta-vim#257;na-sa#324;kul#257;"

Traduzione:

"I capelli di Nrsimhadeva buttarono gli aeroplani fuori, nello spazio esterno, e nel sistema planetario superiore."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/7/8/36/

"tad#257; vim#257;n#257;valibhir nabhastalam#769;

didr#803;ks#803;at#257;m#769; sa#324;kulam #257;sa n#257;kin#257;m
"

Traduzione:

"A quel tempo gli aeroplani dei semi-dei, desiderosi di vedere l'attività di Lord Narayana, affollarono il cielo."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/7/10/68/

"divi dundubhayo nedur

vim#257;na-#347;ata-sa#324;kul#257;h#803;

devars#803;i-pitr#803;-siddhe#347;#257;

jayeti
"

Traduzione:

"Gli abitanti dei sistemi planetari superiori intonarono un canto, seduti nei loro aeroplani nel cielo."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/8/10/16-18/

"vairocano balih#803; sa#324;khye

so 'sur#257;n#803;#257;m#769; cam#363;-patih#803;

y#257;nam#769; vaih#257;yasam#769; n#257;ma

k#257;ma-gam#769; maya-nirmitam

sarva-s#257;#324;gr#257;mikopetam#769;

sarv#257;#347;caryamayam#769; prabho

apratarkyam anirde#347;yam#769;

dr#803;#347;yam#257;nam adar#347;anam

#257;sthitas tad vim#257;n#257;gryam#769;

sarv#257;n#299;k#257;dhipair vr#803;tah#803;

b#257;la-vyajana-chatr#257;gryai

reje candra ivodaye
"

Traduzione:

"Durante quella battaglia il più celebrato comandante in carico, Maharaja Bali, figlio di Virocana, era al comando di un bellissimo aeroplano chiamato Vaihayasa. O re, questo bellissimo e decorato aeroplano è stato costruito dal demone Maya, ed è stato equipaggiato con armi adatte ad ogni tipo di combattimento. Questo aeroplano era inconcepibile ed indescrivibile. A volte era visibile, ma a volte nò. E Maharaja Bali appariva proprio come la luna quando sorge di notte, illuminando tutte le direzioni, circondato dai suoi capitani e militari era infatti seduto in questo aeroplano sotto un bellissimo ombrello, e veniva ventilato dalle migliori ancelle."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/10/21/12/

"kr#803;s#803;n#803;am#769; nir#299;ks#803;ya vanitotsava-r#363;pa-#347;#299;lam#769;

#347;rutv#257; ca tat-kvan#803;ita-ven#803;u-vivikta-g#299;tam

devyo vim#257;na-gatayah#803; smara-nunna-s#257;r#257;

bhra#347;yat-pras#363;na-kabar#257; mumuhur vin#299;vyah#803;
"

Traduzione:

"La bellezza ed il carattere di Krsna sono come un festival per le donne. Indubbiamente, quando le mogli dei semi-dei volano negli aeroplani con i loro mariti e d'un tratto vedono Krsna o ascoltano la musica del suo flauto, i loro cuori vengono scossi da Cupido, e diventano così imbarazzate che i fiori cadono dai loro capelli e le loro cinture si allentano."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/10/33/3/

"yam#769; manyeran nabhas t#257;vad

vim#257;na-#347;ata-sa#324;kulam

divaukas#257;m#769; sa-d#257;r#257;n#803;#257;m

autsuky#257;pahr#803;t#257;tman#257;m
"

Traduzione:

"I semi-dei e le loro mogli erano sovrastati dall'ansia di assistere alla danza Rasa, e subito affollarono il cielo con centinaia di aeroplani."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/10/37/1-2/

"sat#803;#257;vadh#363;t#257;bhra-vim#257;na-sa#324;kulam#769;

kurvan nabho hes#803;ita-bh#299;s#803;it#257;khilah#803;

tam#769;
"

Traduzione:

"I capelli della sua criniera sparsero le nuvole e gli aeroplani dei semi-dei.."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/10/64/30/

"ity uktv#257; tam#769; parikramya

p#257;dau spr#803;s#803;t#803;v#257; sva-maulin#257;

anujñ#257;to vim#257;n#257;gryam

#257;ruhat pa#347;yat#257;m#769; nr#803;n#803;#257;m
"

Traduzione:

"Dopo aver parlato ed aver camminato attorno a Lord Krsna, Maharaja Nrga toccò la sua corona ed i suoi piedi. Avendo avuto il permesso di partire, Re Nrga decollò con un bellissimo aeroplano celestiale, mentre tutti lo osservavano."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/10/75/16/

"gupt#257; nr#803;bhir niragamann upalabdhum etad

devyo yath#257; divi vim#257;na-varair nr#803;-devyo
"

Traduzione:

"Circondate dalle guardie, le regine di Re Yudhisthira uscirono dalle carrozze per assistere al divertimento, proprio appena le mogli dei semi-dei apparirono nel cielo con i loro aeroplani celesti."

E..

http://vedabase.net/sb/10/76/9-11/en

"nirudhya senayā śālvo

mahatyā bharatarṣabha

purīḿ babhañjopavanān

udyānāni ca sarvaśaḥ

sa-gopurāṇi dvārāṇi

prāsādāṭṭāla-tolikāḥ

vihārān sa vimānāgryān

nipetuḥ śastra-vṛṣṭayaḥ

śilā-drumāś cāśanayaḥ

sarpā āsāra-śarkarāḥ

pracaṇḍaś cakravāto 'bhūd

rajasācchāditā diśaḥ
"

Traduzione:

"Salva assediò la città con un grande esercito, e distrusse con violenza tutti i parchi, i giardini, gli alti palazzi delle sentinelle, i portoni, le mura ed anche le aree ludiche del popolo. Salva, dalla sua eccellente aeronave, buttò giù una miriade di armi, tra le quali sassi, tronchi, fulmini, serpenti e chicchi. A quel punto arrivò un violento turbine che ricoprì tutto di sabbia."

E..

http://srimadbhagavatam.com/sb/11/31/4/

"vavr#803;s#803;uh#803; pus#803;pa-vars#803;#257;n#803;i

vim#257;n#257;valibhir nabhah#803;

kurvantah#803; sa#324;kulam#769; r#257;jan

bhakty#257; paramay#257; yut#257;h#803;
"

Traduzione:

"O Re, essi mostrarono i loro fiori con grande devozione attraverso molti aeroplani che affollarono il cielo."

Ancora nel Mahabharata;

http://www.sacred-texts.com/hin/m03/m03042.htm

".. the car endued with great effulgence and guided by Matali, came dividing the clouds and illuminating the firmament and filling the entire welkin with its rattle deep as the roar of mighty masses of clouds. Swords, and missiles of terrible forms and maces of frightful description, and winged darts of celestials splendour and lightnings of the brightest effulgence, and thunderbolts, and propellors furnished with wheels and worked with atmosphere expansion and producing sounds loud as the roar of great masses of clouds, were on that car [...] the car was drawn with such speed that the eye could hardly mark its progress [...] the mighty-armed son of Pritha regarded it as belonging to the celestials."

Traduzione:

".. la macchina, coperta da una grande ed irraggiante luminosità, guidata da Matali, venne separando le nuvole, illuminando il cielo e riempendo l'intera sfera celeste di un tintinnio tanto profondo quanto il boato delle nuvole durante la tempesta. Su quella macchina, a creare questo suono, vi erano spade, missili di terribile forma, mazze dalla descrizione spaventosa, dardi alati di splendore celeste, fulmini di luminosità irraggiante, tuoni, e propellenti forniti di ruote [...] la macchina era talmente veloce che l'occhio poteva a malapena seguire i suoi movimenti [...] il figlio di Pritha la ricordò come appartenente ai celesti."



Infine nel "Samarangana Sutradhara" (http://en.wikipedia.org/wiki/Samarangana_Sutradhara), capitolo 31, versi 95-100, è riportata la costruzione di macchine volanti a forma di uccello (vimanas).. nei versi 101-107 invece è riportata la costruzione di guardie-robot. Purtroppo su internet non è presente il testo.




E' incredibile come 3000 anni fa, o forse più, qualcuno sia stato in grado di descrivere degli aeroplani e delle armi del genere. La scienza ufficiale fa risalire la scoperta della moltitudine di pianeti e sistemi solari nell'universo, nonchè la scoperta della sfericità dei pianeti (non generalmente attribuita come da dovere ad Eratostene), a poco più del 17° secolo. Ed invece scopriamo che 2700 anni prima tutto ciò era già stato ampiamente descritto nelle sacre scritture indiane.. ad ognuno le proprie conclusioni.

[i]


Ultima modifica di Lawliet il 28/02/2010, 20:00, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 20/12/2009, 20:08 
Il grande astronono Charles Messier (http://it.wikipedia.org/wiki/Charles_Messier), racconta nella "Memorie dell'Accademia Parigina" di una osservazione fatta il 17 giugno 1777 dalle ore 11:46 alle ore 11:51;


Fonte

"Observation singulier d'une prodigieuse quantité de petits globules qui ont passé au devant du disque du soleil."

Traduzione:

"Osservazione singolare di una grande quantità di piccoli globi che sono passati davanti al disco solare."



_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/12/2009, 22:51 
Fritsch, famoso astronomo, il 20 marzo 1800 e il 7 febbraio 1802..

http://articles.adsabs.harvard.edu//ful ... 6.000.html

".. states that he saw spots having rapid motions of their own."

Traduzione:

".. afferma di aver visto (sul disco solare) dei punti muoversi velocemente di proprio moto."



_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 26/12/2009, 22:19 
In un controverso documento anonimo francese (http://fr.wikisource.org/wiki/Discours_ ... _de_Gennes) viene descritto un evento decisamente strano avvenuto a Genova nel 1608.
E' bene dire, comunque, che negli annali genovesi non è riportato alcun evento simile, quindi questo documento è l'unica fonte, ed in quanto tale non è certamente privo di sospetti. Infatti, sembra che eventi o prodigi simili vengano raccontati, sempre in maniera anonima, allo stesso modo anche in altri documenti, come ben descritto nell'articolo di Diego Cuoghi su http://www.sprezzatura.it/UFO_Genova/page2/page2.html .

La traduzione più pertinente, comunque, è quella di Alfredo Lissoni, scritta per il Notiziaro UFO:


Così in un documento degli Archivi Municipali di Nizza:
"Inizio di agosto dell'anno di grazia del Signore 1608, sul mare di Gennes (Genova), si è visto il più orribile segno che di memoria d'uomo se ne sia parlato o scritto, che il Signore ci protegga".
In questo modo inizia un fatto riportato negli annali storici di Nizza; il cronista che scrisse queste cose doveva essere alquanto scosso quando riferì di mostruose apparizioni, "gli uni erano con figura umana, ma con le braccia che sembravano coperte di squame e che tenevano in ciascuna mano degli orribili serpenti volanti che si attorcigliavano attorno alle braccia; apparivano solo dall'ombelico in su fuori dal mare, lanciando dei gridi orribili che era cosa del tutto spaventevole; certe volte si tuffavano e ne riuscivano poi in altri punti, sempre gettando dei gridi così spaventevoli che molta gente ne rimase ammalata di paura. Certi sembravano avere figura di donna, altri con forma umana ma con il corpo tutto coperto di squame e con la testa che sembrava quella di un drago. La Signoria della città fece portare dei cannoni, e con la speranza di farli scappare dal luogo gli sparò qualche cosa come 800 colpi, ma invano. Le Chiese si riunirono e per trovare un rimedio fecero molte processioni e comandarono il digiuno. I buoni frati Cappuccini ordinarono le 40 ore di penitenza... Il quindicesimo giorno del detto mese, apparvero sul mare tre carrozze, tirate ciascuna da sei figure tutte in fuoco e con somiglianza di draghi, e correvano le dette carrozze tirate dai detti draghi, accompagnate da quelli che avevano sembianze umane con i loro serpenti attorcigliati attorno alle braccia e continuando i loro gridi spaventevoli. Dopo che le dette spaventevoli cose ebbero fatto tre volte il giro del porto, e che ebbero lanciato dei gridi così potenti che fecero risuonare le montagne del circondario, si persero tutti dentro nel mare, e poi non se ne seppe più nulla. Questo fatto spaventevole, apportò molto danno a molti cittadini di Genova e molti ne morirono di paura, tra questi il figlio del Sor Gasparino de Loro, e anche il fratello del Sor Antonio Bagatello; molte donne anche ne sono state afflitte e hanno avuto una tale paura, che qualche d'una ne è morta. Da allora si continua a cantare il Te Deum, e sono tutti spariti; delle grandi piogge di sangue sono state registrate subito dopo in tutta la regione, e anche fino in Provence. Altra cosa degna di memoria, successa quasi nello stesso tempo nella città de l'Isle de Martègue. Il ventiduesimo giorno di agosto apparvero due uomini in aria avendo ciascuno armi e scudo, e si batterono in maniera tale da meravigliare i cittadini spettatori. Dopo che si furono a lungo battuti, si riposarono per un certo tempo, poi ricominciarono a battersi per circa due ore. L'ultima volta si batterono in tal maniera da sembrare due forgiatori che battessero sull'incudine. Il giorno dopo sembrava che tutti due avessero vinto una battaglia contro una fortezza, talmente sembravano contenti, e dopo essersi guardati l'uno verso l'altro ci fu un grande rumore come spari di cannone; il rumore era così spaventevole che sembrava agli uditori che fosse giunta la fine del mondo, e continuò quel rumore per circa sette ore, poi ad un tratto una nuvola spessa apparve nel cielo, e per due ore non si vide che nuvole e nebbia nera e si sentì una gran puzza di zolfo. Quando l'aria si fu purificata, niente fu rivisto di quelle chimere. Questi prodigi meravigliosi hanno toccato l'anima di molti cristiani i quali, avendo considerato le meraviglie di Dio, e sapendo che egli solo è potente e con la sua bontà infinita ha voluto avvertirci, prima di mandare il castigo che ci è dovuto, si sono gli uni resi religiosi, e gli altri fanno penitenza per calmare le sue ire, ché il Santo Spirito ci assista in questa buona azione. Così sia.
"


Ultima modifica di Lawliet il 26/12/2009, 22:24, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 31/12/2009, 22:43 
Nel volume 30 del "Annales de chimie et de physique" troviamo la descrizione di un evento riguardante una strana e grande luce nel cielo, apparentemente stazionaria, volatizzatasi nel nulla.

http://books.google.com/books?id=Jn3GZF ... 22&f=false

"Le 1er décembre 1825, à 5 heures de l'après-midi, on aperçut à Berlin un globe de feu de la grosseur de la pleine lune. Sa lumière était terne et rougeâtre, il disparut sans laisser aucune trace et sans avoir changé de place."

Traduzione:

"Alle 5 di pomeriggio del 1° dicembre 1825, vedemmo sopra Berlino una palla di fuoco dalla grandezza della Luna piena. La sua luce era fioca e rossastra.. l'oggetto scomparì nel nulla senza lasciar traccia, e senza essersi mosso."


Ultima modifica di Lawliet il 01/01/2010, 00:22, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 01/01/2010, 19:50 
Nello stesso testo del precedente avvistamento, "Annales de chimie et de physique" volume 30, troviamo la descrizione di un altro strano avvistamento da parte di un astronomo, Hansteen (http://en.wikipedia.org/wiki/Christopher_Hansteen), di una "stella cadente" che si muove a zig-zag.. in verso opposto, ovvero verso l'alto.

http://books.google.com/books?id=Jn3GZF ... Bt&f=false

"M. Hansteen rapporte que pendant qu'il observait la polaire, le 13 août 1825, à 11 heures un quart du matin, il vit passer dans le champ de sa lunette un point lumineux dont la lumière était plus vive que celle de l'étoile. Son mouvement apparent se faisait de bas en haut, il était lent et un tant soit peu sinueux."

Traduzione:

"Il signor Hansteen riferisce di aver visto il 13 agosto 1825, alle 11 del mattino, attraverso la lente del suo cannocchiale, mentre guardava la Stella Polare, un punto di luce più luminoso della stessa Stella. Il suo moto apparente era verso l'alto, lento, ed un po' ondulato."



_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 02/01/2010, 15:31 
Nell'ottavo volume del famosissimo "Monthly Notices of the Royal Astronomical Society" (http://en.wikipedia.org/wiki/Monthly_No ... al_Society), vi è la descrizione di una luce intermittente osservata sulla Luna dall'astronomo Hodgson..

http://www.archive.org/stream/monthlyno ... g_djvu.txt

"On the 11th of December last, at 6 p.m. while Mr. Hodgson, of Fir Grove, Eversley, was observing the dark body of the moon, " a bright spot, about ** the angular diameter of Saturn was perceived, which, though it varied in intensity like an intermitting light, was at all times visible." On this occasion Mr. H. used an achromatic telescope of 5 foot focal length, and powers 50 and 80."

Traduzione:

"L'11 di Dicembre, alle 6 di pomeriggio, mentre Mr. Hodgson a Fir Grove, in Eversely, stava osservando la Luna, su di essa.. «notò un punto luminoso, quasi dal diametro angolare di Saturno, il quale, nonostante variasse di intensità come una luce intermittente, fu sempre visibile» , in questa occasione Mr. Hodgson utilizzò un telescopio acromatico dalla lunghezza focale di 5 piedi, e dalla potenza di ingrandimento di 50x e 80x."


Ultima modifica di Lawliet il 11/10/2010, 19:24, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 02/01/2010, 22:44 
Nel "Report of the British Association for the Advancement of Science" (http://en.wikipedia.org/wiki/British_Sc ... ssociation) del 1856, è riportato l'avvistamento, avvenuto nel 1855, di una "meteora", alquanto strana..

http://www.archive.org/stream/reportofb ... 9/mode/2up

Immagine
Immagine

Data: 11 agosto 1855 (scritto sopra).
Ora: 23:30.
Aspetto e magnitudine: Una luce intensa, proveniente da dietro le montagne, precede la salita di un corpo luminoso grande quanto la Luna piena. Grandezza gradualmente diminuita fino a quella di una piccola stella.
Luminosità e colore: Intorno all'oggetto, in tutte le direzioni, vi erano dei raggi stazionari. Più rosso di ?? (**). La luminosità oscurò le stelle "come una luna di porpora."
Velocità e durata dell'avvistamento: Dalle 23:30 all'01:00, salendo lentamente.
Direzione ed altitudine: Bassa altitudine, vicino Sud-Ovest.
Appunti particolari: Molte stelle cadenti nel frattempo (dovuto alle Perseidi, infatti è la notte dopo quella di S.Lorenzo).
Zona: Tillington, vicino Petworth.
Osservatore: La signorina Ayling con gli amici.
Referente: Lettera all'astronomo Lord Wrottesley.

** Il simbolo è quello di Marte rovesciato, non ho idea di cosa rappresenti.


Ultima modifica di Lawliet il 02/01/2010, 23:02, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 04/01/2010, 23:35 
Nel "L'astronomie" del 1885, è pubblicata una lettera spedita da Bonilla (direttore dell'osservatorio di Zecatecas, in Messico), il quale racconta di una strana osservazione..

http://www.archive.org/stream/lastronom ... 2/mode/1up

"Passaggio sul disco solare di molti corpuscoli, visti dall'osservatorio di Zacatecas (Messico)

[...]
Il 12 Agosto 1883 alle 8:00 del mattino, come da regola, stavo disegnando le macchie solari, quando tutto d'un tratto un piccolo corpo luminoso entrò nell'obiettivo delle lenti, prendendo forma sul foglio da me utilizzato per riprodurre le macchie solari (è la famosa tecnica adoperata da Galileo), mentre l'oggetto attraversava il disco solare, la sua luce era proiettata sul foglio con un'ombra quasi circolare.

Non mi ero ancora ripreso dalla straordinarietà dell'evento, quando improvvisamente lo stesso fenomeno accadde di nuovo, e questa volta con una frequenza tale, che nell'arco di due ore, arrivai a contare circa 283 corpi, i quali uno dopo l'altro attraversavano il disco solare.

Le nuvole mi impedirono di osservare per un certo periodo [...] poi contai altri 48 corpi. I corpi andavano da Ovest ad Est, ed erano sempre inclinati o a Nord o a Sud del disco. In quei pochi minuti, mentre erano proiettati sul foglio del disco solare, notai che questi corpi, che apparivano neri o scuri, gli uni perfettamente rotondi e gli altri più o meno estesi, in realtà erano molto luminosi, non appena superavano la superficie del sole che gli faceva da sfondo.
[...]
La seguente figura è una copia ridotta del disegno del disco solare che feci (di 250mm di diametro) con le traiettorie dei corpi e le macchie solari. Alcune volte son anche riuscito a fotografare l'interessante passaggio di uno di questi corpi sul disco solare.

Immagine

[...]
Devo dire che durante la proiezione, a prima vista, tutti i corpi apparivano rotondi o sferici.. tuttavia una volta fotografati i corpi presentano forme irregolari. Come il seguente.

Immagine

[...]
Il giorno dopo, 13 agosto, [...] il fenomeno apparì di nuovo, e durante quei 45 minuti osservammo e contammo, io ed il mio assistente, altri 116 corpi attraversare il disco solare.
[...] dopo l'osservazione, mediante telegrafo, chiesi all'Osservatorio di Città del Messico e di Puebla di verificare l'osservazione, ma dal loro punto di vista non appariva nulla di strano.
[...]
Tutto ciò [...] mi fece pensare che questi corpi fossero relativamente vicini alla Terra, probabilmente più vicini della stessa Luna, e che la loro parallasse fosse notevole, proprio per l'impossibilità di localizzarli sul disco solare da altre località.
"


Ultima modifica di Lawliet il 04/01/2010, 23:36, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 06/01/2010, 23:17 
Da pagina 397 a pag. 398 del T73 "Comptus Rendus" del 1871, troviamo il resoconto dell'osservazione dell'astronomo Coggia di un bolide alquanto strano avvenuta il 1° agosto 1871.

http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k3 ... 397.langFR

La traduzione è pressochè questa;

"Osservazione di un bolide fatta all'Osservatorio di Marsiglia il 1° agosto. Note di M. Coggia, presentate a Le Verrier.

« Un magnifico bolide dal colore rosso sangue è comparso a Marsiglia ieri sera, 1° agosto, alle 10:43, verso il punto situato quasi al centro del triangolo formato dalla constellazione del Serpente e quella di Ofiuco.
Il bolide era diretto ad Est con molta lentezza, è passato alle 10:45 e 30 secondi dentro la costellazione del Sagittario, e alle 10:46 e 35 secondi vicino Saturno.
La sua velocità diminuiva gradualmente. E' passato alle 10:49 e 50 secondi sotto Sagittario, e alle 10:50 e 40 secondi a Sud della stessa costellazione.
Alle 10:52 e 30 secondi è arrivato presso la costellazione del Capricorno, e qui si è fermato. Cambiando direzione ha proseguito a Nord verso la stella Verseau, alle 10:57 e 50 secondi si è fermato di nuovo, a Sud Ovest di Verseau.
Riprendendo in un momento il cammino iniziale verso Est.. è sembrato cadere con abbastanza rapidità perpendicolarmente all'orizzonte, lasciando sfuggire gocce incandescenti, e passata la luna, quasi piena, si è diretto ad Est.
L'ho perso di vista verso Nord, alle 11:03 e 20 secondi. Il suo diametro, durante il tragitto, è diminuito fino a raggiungere un terzo di quello iniziale. La sua luce era simile a quella di Venere, luminosità che ha mantenuto fino al momento nel quale l'ho perso di vista.
»

Le Verrier ha fatto notare al Sig. Saint-Clair Deville che il bolide sia stato osservato "in condizioni nuove e sconosciute". La lunga durata è stata straordinaria, e probabilmente le irregolarità del movimento e la caduta finale sono conseguenze di questo."


Ultima modifica di Lawliet il 11/01/2010, 20:16, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 07/01/2010, 22:42 
Nell'11° volume di "Monthly Notices of the Royal Astronomical Society" vien riportata la lettera dell'astronomo Rev. W. Read, che testimonia di un avvistamento avvenuto il 4 settembre 1851.. che ho tradotto come segue;

http://www.archive.org/stream/monthlyno ... 6/mode/1up

"Mercoledì 4 settembre, alle 09:30 di mattina circa, mentre stavo cercando di visualizzare il pianeta Mercurio, fui molto sorpreso dall'osservare un grande numero di corpi splendenti di propria luce (*) attraversare il campo visivo del mio telescopio.
Questi, perfettamente rotondi e ben definiti, ma con grandezze differenti tra loro, passarono con velocità altrettanto diverse, quelli più grandi erano lenti, gli altri più piccoli invece molto veloci, quasi tutti splendenti quanto Venere
, l'unico astro col quale riuscii a confrontarli.
La direzione generale era da Est ad Ovest, ma alcuni andavano da Nord a Sud.
Continuai ad osservarli ad intervalli di circa sei ore, durante i quali non cessarono di passare.. spesso erano talmente tanti da non poter essere contati.

(*) Pare che gli oggetti splendessero di luce propria poichè anche se osservati vicino al Sole, questi mantenevano la propria forma rotonda perfetta, senza protuberanze o imprecisioni.
"


Ultima modifica di Lawliet il 07/01/2010, 22:47, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 09/02/2010, 18:43 
Sulla Merneptah Stele (http://en.wikipedia.org/wiki/Merneptah_Stele), una iscrizione dell'antico re egiziano Merneptah (1213 - 1203 a.C.), troviamo la descrizione di una battaglia condotta dal dio Horus contro il popolo di Metjen.
Potrebbe forse, il diadema del dio Horus, rappresentare un'altra delle fantomatiche armi dai poteri immensi di cui si parla, ad esempio, nei testi indù?

Fonte: http://www.cs.st-andrews.ac.uk/~mjn/egy ... sisIII.pdf

"All foreign lands were united, standing prepared to fight as one. There were no deserters,
relying on the numerous troops, with limitless people and horses.
They advanced, their hearts being bold, without fear in their hearts.
But the one mighty of strength overthrew them,
the one with powerful arm, who tramples his enemies. He is a king who fights alone,
without crowds behind him. He is more effective than a million of numerous soldiers.
No equal to him has been found: warrior, hero on the battlefield,
in whose vicinity there is no resistance, who immediately overpowers all foreign lands,
as commander of his army,
while he rushes between the barbarians as a star that crosses the sky,
who enters the turmoil of battle, while his glowing breath [attacks] them with fire,
who eradicates them, while they lie in their blood.
It is his serpent-diadem that overthrows them for him,
his flame that drives away his enemies.
The numerous army of Metjen was overthrown within an hour,
as perished as those who have never been, [...] in the manner of a consuming flame,
as what the arms of the good god did, who is great of strength in battle,
who carries out a massacre of everyone,
his only leader, the king of Upper and Lower Egypt Menkheperre (may he live forever!).
He is Horus, with a powerful arm, a excellent fortress to his army, a refuge to the subjects,
who attacks every land with infighting, who rescues Egypt on the battlefield,
protector who does not fear the rapacious.
"

Traduzione:

"Tutte le terre straniere si erano unite, erano preparate a combattere insieme. Non c'erano disertori,
queste infatti si affidavano a truppe molto numerose, con tantissime persone e cavalli.
Essi avanzarono, i loro cuori erano audaci, non vi era paura.
Ma colui dalla somma potenza li distrusse,
colui con il possente braccio, che travolge i nemici. Egli è un re che combatte da solo,
senza alcun esercito dietro di lui. Egli è più efficace di un milione di soldati.
Non è stato trovato nessuno di eguale grandezza: guerriero, eroe sul campo di battaglia,
nelle quali vicinanze nessuno può opporre resistenza, colui che immediatamente conquista le terre straniere,
come comandante del suo esercito,
mentre irrompe nelle fila dei barbari come una stella che attraversa il cielo,
colui che entra nel tumulto della battaglia, mentre emette una ventata di fuoco,
colui che estirpa i nemici, mentre essi giacciono a terra nel loro stesso sangue.
A distruggere i nemici è il suo diadema a forma di serpente,
è la fiamma del diadema a respingere i nemici.
La numerosa armata di Metjen fu rovesciata in una sola ora,
essi moriron tutti come mai altri esseri umani morirono, [...] nello stesso modo nel quale perisce una fiamma consumata,
così come fece l'armata del buon Dio, il quale è molto forte in battaglia,
il quale porta massacro ovunque,
egli è l'unico comandante
, il re dell'Egitto superiore e di quello inferiore Menkheperre (possa vivere egli per sempre!).
Egli è Horus, con un possente braccio, una eccellente fortezza per il suo esercito, un rifugio per le persone,
egli attacca ogni terra durante il combattimento, egli soccorre l'Egitto sul campo di battaglia,
egli è il protettore che non ha paura dell'avido.
"

Immagine


Ultima modifica di Lawliet il 22/02/2010, 20:55, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

Viral Marketing Discoverer!Viral Marketing Discoverer!

Non connesso


Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/12/2008, 15:07
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 14/02/2010, 14:58 
Una legenda di Babilonia (http://en.wikipedia.org/wiki/Etana) racconta di una certa Etana, una donna incapacitata a poter fare un figlio ma disposta a tutto pur di averlo. Un giorno Etana salva un'aquila dalla morte (l'aquila era stata precedentemente catturata da un serpente e buttata in una fossa priva di cibo), e questa decide di portarla nel cielo del Dio Anu per cercare la pianta della nascita.
Durante il volo Etana inizialmente si spaventa e decide di tornare sulla Terra. E' curioso osservare la descrizione della Terra data da Etana man mano che l'aquila la porta sù per il cielo. Alcuni credono che il passo sia troppo realistico per essere fantasioso, lascio a tutti voi la libertà di giudicare;

http://www.gatewaystobabylon.com/myths/ ... hetana.htm

"Put your arms against my sides,
Put your hands against my wing feathers".
He put his arms against his sides,
He put his hands against his wing feathers.
When he had borne him aloft one league,
"Look, my friend, how the land is now!"
"The land´s circumference is become one fifth of its size.
"The vast sea is become like a paddock".
When he had borne him aloft a second league,
"Look, my friend, how the land is now!"
"The land has become a garden plot [...],
"And the vast sea has become a trough".
When he had borne him aloft a third league,
"Look, my friend, how the land is now!"
"I looked but could not see the land!
"Nor were my eyes enough to find the vast sea!
"My friend, I won´t go up to heaven
"Set me down, let me go off to my city".


Traduzione:

"Poggia le braccia sui miei fianchi,
poggia le mani sulle mie ali piumate".
Pose le sue braccia sui fianchi,
pose le sue mani sulle ali piumate.
Quando l'aquila la portò in alto di una lega disse, (unità di misura equivalente a circa 5 km)
"Amica mia, guarda com'è la Terra ora!"
Ed Etana rispose, "La circonferenza della Terra è diventata cinque volte più piccola!
Il vasto oceano ha ora la grandezza di un recinto".
Quando l'aquila la portò in alto di due leghe disse,
"Amica mia, guarda com'è la Terra ora!"
Ed Etana rispose, "La Terra ha ora la grandezza di un giardino [...],
e il vasto oceano la grandezza di un mangiatoio".
Quando l'aquila la portò in alto di tre leghe disse,
"Amica mia, guarda com'è la Terra ora!"
Ed Etana rispose, "Ho guardato ma non riesco proprio a trovare la Terra!
I miei occhi non sono nemmeno stati in grado di osservare il vasto oceano!
Amica mia, non andrò in cielo
Lasciami tornare sulla terra ora, lasciami tornare alla mia città".


Immagine


Ultima modifica di Lawliet il 23/02/2010, 19:38, modificato 1 volta in totale.


_________________
"Chiedere a chi ha il potere, di riformare il potere!? Che ingenuità!" - Giordano Bruno

Indice "Tracce di UFO nella Letteratura"; topic.asp?TOPIC_ID=4630
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 47 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 25/05/2018, 02:58
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org