Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3061 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 89, 90, 91, 92, 93, 94, 95 ... 205  Prossimo
Autore Messaggio

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 43624
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 31/01/2010, 19:15 
Grazie 2 di 7, ma più della moglie non porto...! (poi, in treno...) [:D]



_________________
Immagine Ex Maresciallo - Operatore Radar (Difesa Aerea)
U.F.O. : un Mistero irrisolvibile (per l'uomo comune ...) viewtopic.php?p=363955#p363955 Un Topic unico e completo.
CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Per informazione: chi usasse FaceBook e desiderasse "parlare" solo di UFO, sono qui (anche come Mod.):
1) https://www.facebook.com/groups/notizia ... 5894072103
2) https://www.facebook.com/groups/294170607704531/
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 43624
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 01/02/2010, 16:23 
ROSWELL

L’Affidavit di WALTER G. HAUT


Immagine Immagine

Si tratta di un documento ufficiale nel quale viene detto in modo esplicito cosa avvenne e di cosa fu testimone realmente l'Ufficiale:la caduta, il recupero e gli Occupanti del Disco precipitato aRoswell.
Da principio disse la verità ma quelle importanti rivelazioni dovettero essere subito coperte dal "Cover-up". Ora che è morto emerge la testimonianza diretta di quel che successe...


Quanto segue è l’affidavit ufficiale rilasciato da Walter Haut prima
della sua morte. Ne riportiamo il testo integrale:


DATA: 26 Dicembre 2002
TESTIMONE: Chris Xxxxxx
NOTAIO: Beverlee Morgan

(1) Mi chiamo Walter G. Haut
(2) Sono nato il 2 Giugno 1922
(3) Il mio indirizzo è 1405 W. 7th Street, Roswell, NM 88203
(4) Sono in congedo.
(5) Nel 1947 ero di stanza presso la Base Aeronautica di Roswell, New Mexico, come responsabile delle Pubbliche Informazioni della base. Trascorsi il fine settimana del 4 Luglio (sabato 5 e domenica 6) nella mia abitazione, a circa 10 miglia a nord della base, situata a sud della città.

(6) Venni a sapere che qualcuno aveva segnalato i rottami di un veicolo precipitato, verso metà mattina, dopo aver ripreso servizio alla base, lunedì 7 Luglio. Seppi che il Maggiore Jesse A. Marcel, responsabile dell’intelligence, era stato inviato ad investigare, dal comandante della base, il Col. William Blanchard.

(7) Nel tardo pomeriggio di quello stesso giorno, avrei appreso che erano pervenuti ulteriori rapporti civili, riguardo un secondo sito proprio a nord di Roswell. Trascorsi gran parte della giornata svolgendo le mie regolari mansioni, e a riguardo mi giunse poco altro all’orecchio.

(8) Il martedì mattina dell’8 Luglio, partecipai alla riunione dello staff, come da programma, alle 7:30. Oltre a Blanchard e Marcel erano presenti il capitano Sheridan Cavitt del CIC (Counterintelligence Corp), il Colonnello James I. Hopkins, addetto alle operazioni, il tenente Colonnello Ulysses S. Nero, ufficiale di complemento e, provenienti dalla Base aeronautica di Carswell, a Fort Worth, Texas, il capo di Blanchard, il Brig. Generale Roger Ramey e il suo direttore del personale, il Colonnello Thomas J. Dubose. L’argomento con priorità di discussione venne introdotto da Marcel e Cavitt, a proposito di un grande campo coperto da rottami nella contea di Lincoln, approssimativamente 75 miglia a nord-ovest di Roswell. Blanchard fornì un briefing preliminare sul secondo sito, a circa 40 miglia a nord della città. Campioni dei rottami vennero mostrati a tutti i convenuti. Erano diversi da qualsiasi tipo di materiale che io avessi o abbia mai visto in vita mia. Pezzi simili a lamine di metallo, sottili come fogli di carta anche se molto resistenti, e pezzi con impressi insoliti segni vennero fatti passare di mano in mano, mentre ognuno esprimeva le proprie opinioni. Nessuno fu in grado di identificare quei resti del crash.

(9) Una delle questioni più importanti discusse in riunione, riguardò la decisione di rendere pubblica la scoperta o meno. Il Gen. Ramey propose un piano, che credetti provenire dai suoi capi al Pentagono. Avremmo dovuto deviare l’attenzione dal sito principale, a nord della città, mentre avremmo reso pubblico l’altro. Ormai, erano coinvolti
troppi civili e la stampa era già informata. Non mi informarono con esattezza di come questo sarebbe avvenuto.

(10) Alle 9:30 circa del mattino, il Col. Blanchard telefonò nel mio ufficio e dettò il comunicato stampa in cui si dichiarava che avevamo in nostro possesso un disco volante, recuperato in un ranch a nord- ovest di Roswell e l’invio per via aerea, da parte di Marcel, del materiale ai quartier generali di più alto grado. Io avrei dovuto trasmettere il comunicato stampa alle stazioni radio KGFL e KSWS e ai quotidiani Daily Record e il Morning Dispatch.

(11) Una volta diffuso il comunicato stampa, il mio ufficio venne inondato da telefonate da tutto il mondo. La mia scrivania si riempì di messaggi, ma anziché occuparmi delle pressioni dei media, il Col. Blanchard mi suggerì di andare a casa e togliermi di mezzo.

(12) Prima di lasciare la base, il Col. Blanchard mi accompagnò personalmente al Building 84 (l’Hangar P-3) l’hangar dei B-29 situato sul lato est dell’area. Subito al primo approccio all’edificio, notai che era strettamente sorvegliato sia all’esterno che all’interno. Una volta dentro mi fu permesso di osservare, da una distanza di sicurezza, l’oggetto appena recuperato a nord della città. Era lungo approssimativamente dai 12 ai 15 piedi, non molto largo, alto circa 6 piedi e di forma ovoidale. L’illuminazione era scarsa, ma la sua superficie sembrava metallica. Non si vedevano finestre, portelli, ali, coda, o ruote per l’atterraggio.

(13) Da quella distanza potei scorgere anche un paio di corpi sotto un telone. Al di fuori del telone sporgevano solo le teste, ma non ne riconobbi i lineamenti. Le teste sembravano più grandi del normale e le curve del telone suggerivano le dimensioni di un bambino di 10 anni. Più tardi, nel suo ufficio, Blanchard stese il braccio a circa
quattro piedi dal suolo per indicarne l’altezza.

(14) Venni a sapere che era stato allestito un obitorio temporaneo per ospitare i corpi recuperati.

(15) Venni informato che il relitto non era “caldo” (radioattivo).

(16) Al suo rientro da Fort Worth, il Maggiore Marcel mi disse di aver portato alcuni rottami nell’ufficio del Gen. Ramey e, dopo essere tornato dall’ufficio cartografico, scoprì che durante la sua assenza dall’ufficio di Ramey, erano stati sostituiti con i resti di un pallone sonda. Marcel si mostrò molto contrariato dalla situazione. Non ne parlammo più.

(17) Mi fu consentito, almeno una volta, di visitare uno dei siti di recupero, mentre i militari ne effettuavano la bonifica. Tornai alla base con alcuni rottami che collocai nel mio ufficio.

(18) Venni a sapere che due squadre diverse tornarono su entrambi i siti, mesi dopo, per effettuare ulteriori ricerche di qualunque altra prova residua.

(19) Sono convinto che ciò che vidi con i miei occhi era un qualche tipo di velivolo e il suo equipaggio provenienti dallo spazio esterno.(20) Non sono stato pagato, né mi è stato dato alcunché di valore per il rilascio di queste dichiarazioni e questa è la verità, al meglio della mia ricostruzione dei fatti.

Firmato: Walter G. Haut
26 Dicembre 2002


(7 Agosto 2007 Tratto da Area51 n.23)
http://www.dnamagazine.it/affidavit-haut.html



_________________
Immagine Ex Maresciallo - Operatore Radar (Difesa Aerea)
U.F.O. : un Mistero irrisolvibile (per l'uomo comune ...) viewtopic.php?p=363955#p363955 Un Topic unico e completo.
CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Per informazione: chi usasse FaceBook e desiderasse "parlare" solo di UFO, sono qui (anche come Mod.):
1) https://www.facebook.com/groups/notizia ... 5894072103
2) https://www.facebook.com/groups/294170607704531/
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 43624
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 01/02/2010, 17:41 
BOLLETTINO DEL DISCLOSURE PROJECT - GENNAIO 2010.
lunedì 1 febbraio 2010


Immagine

Bollettino delle delle News dal Disclosure Project. - Dr. Steven Greer.
La possibile presenza di vita su altri paineti è stata discussa all'interno del World Economic Forum di Davos in Svizzera la scorsa settimana.

Sfortunatamente, il discorso su questo argomento è stato iniziato dal dottor Jill Tarter del SETI - l'istituto che si occupa di scandagliare il cielo in attesa di un qualche segnale per scoprire la vita extraterrestre tramite i radiotelescopi. Ufficialmente fino ad oggi nessun contatto con gli ET è stato raggiunto, ma secondo il CSETI (l'organizzazione diretta dal Dr. Steven Greer), il SETI da anni nasconderebbe la verità sugli alieni.

Recentemente un blog del Washington Post redatto da David Ignatius (http://blog.washingtonpost.com/davos-di ... anets.html # more) ha ripreso il dialogo aperto dal Dr. Jill Tarter sul World Economic Forum in Svizzera, nel quale affermava che si utilizzavano milioni di dollari per cercare di catturare segnali provenienti da altri mondi.

Tarter ha scritto che il "sistema di allarme" del SETI si attivò l'ultima volta nel 1998, quando si captò un rumore inspiegabile proveniente dal cosmo. Per un pò si pesnò di aver raggiunto un collegamento gli extraterrestri - fino a quando si scoprì che il suono proveniva da un satellite spaziale europeo e che non era stato codificato correttamente dal sistema.

Nonostante il fatto che i radiotelescopi utilizzati dal SETI usino una tecnologia antiquata - l'equivalente dell'uso da parte dell'uomo dei segnali di fumo contro i telefoni cellulari - il SETI effettivamente ricevette segnali provenienti da altre civiltà, ed ha occultato i dati!

Un membro del SETI avrebbe rivelato questo fatto al dottor Steven Greer, il quale ha rivelò la notizia alla radio Art Bell su Coast-to-Coast pochi anni fa. Fu sottoposto a pesanti critiche anche perchè si riufiutò di rivelare la fonte, alla quale aveva promesso l'anonimato.

Resta il fatto che il personale del SETI, come ad esempio di dottor Jill Tarter conoscono la verità, ma da anni diffondono disinformazione. Ci sono abbondanti prove che non siamo soli e centinaia di militari e funzionari del governo attraverso il Disclosure Project, hanno affermato che la Terra è già stata visitata da civiltà avanzate di altri sistemi solari.

http://ufoplanet.ufoforum.it/headlines/ ... LO_ID=8421

********************************



_________________
Immagine Ex Maresciallo - Operatore Radar (Difesa Aerea)
U.F.O. : un Mistero irrisolvibile (per l'uomo comune ...) viewtopic.php?p=363955#p363955 Un Topic unico e completo.
CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Per informazione: chi usasse FaceBook e desiderasse "parlare" solo di UFO, sono qui (anche come Mod.):
1) https://www.facebook.com/groups/notizia ... 5894072103
2) https://www.facebook.com/groups/294170607704531/
Top
 Profilo  
 

Essere Interdimensionale
Essere Interdimensionale

Avatar utente

CoraggiosoCoraggioso

Non connesso


Messaggi: 7706
Iscritto il: 30/10/2005, 08:30
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 01/02/2010, 18:05 
Scusa ufologo se ho modificato il post ma c'erano un po' di imprecisioni, quello che ho tradotto io è più adatto.[:D]



_________________
Immagine

UfoPlanet Informazione Ufologica
Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 43624
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 01/02/2010, 20:27 
Sono io che ti ringrazio...! [:D]



_________________
Immagine Ex Maresciallo - Operatore Radar (Difesa Aerea)
U.F.O. : un Mistero irrisolvibile (per l'uomo comune ...) viewtopic.php?p=363955#p363955 Un Topic unico e completo.
CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Per informazione: chi usasse FaceBook e desiderasse "parlare" solo di UFO, sono qui (anche come Mod.):
1) https://www.facebook.com/groups/notizia ... 5894072103
2) https://www.facebook.com/groups/294170607704531/
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 13898
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 02/02/2010, 13:01 
[color=red][center][size=175][b]ROSWELL (POST DEFINITIVO)[/b][/size][/center][/color]
[color=red][size=150][center][b]L’UFO “CRASH” DI ROSWELL : ORMAI E' STORIA ...[/b][/center][/size][/color]

[center][img]http://img80.imageshack.us/img80/5844/pressp.jpg[/img][/center]

Pubblicato da centroufologicotaranto su Luglio 14, 2008

Articolo scritto da Franco Pavone (Centro Ufologico Taranto)
Sull’incidente di Roswell è stato scritto tutto e il contrario di tutto , spesso anche a sproposito e anche il sottoscritto nonostante sia sempre stato quasi sicuro della veridicità di quel lontano evento post-guerra , almeno al 99 per cento , con quel 1 per cento di dubbio che deve sempre esserci in ogni studioso che si rispetti , dubbi che forse derivano anche dalla nostra cattiva visione antropocentrica dell’Universo , ma anche senza avere avuto mai assurdi preconcetti di sorta , mi ha fatto molto piacere leggere sulla rivista AREA 51 di Gennaio 2008 l’intervista che il noto ufologo inglese Philip Mantle ha fatto al Dott. Jesse Marcel jr. in occasione della Convention che la rivista UFO DATA ha organizzato nell’Ottobre del 2007 in Inghilterra , con Marcel ospite d’onore , sui misteriosi eventi che portano il nome della cittadina del New Mexico nel 1947 .Quell’ 1 per cento di dubbio è completamente svanito in me leggendo le risposte che il figlio del Maggiore Jesse Marcel senior ha proferito con grande sicurezza senza tentennamenti , che avvalorano ulteriormente quegli avvenimenti .

Anche il sottoscritto , senza remore psicologiche , con coraggio , con un po’ di esperienza militare e un po’ delle modeste conoscenze della materia acquisite in oltre 35 anni di studio e ricerca , mi sono ormai convinto al 100 per 100 che gli eventi alieni di Roswell sono reali . Bisogna dirlo con franchezza e senza perifrasi , come disse a suo tempo Walter Haut , in quel lontano Luglio del 1947 , in quella piana desertica cadde o atterrò una nave spaziale extraterrestre , frutto di una tecnologia a noi ignota , capace di viaggiare negli abissi cosmici e che forse i nostri scienziati sono riusciti parzialmente a replicare e a immetterla nella nostra cultura , a sentire le parole di Philip Corso , ex Colonnello dell’intelligence americana , morto non prima di aver rivelato segreti straordinari . Le credenziali di Jesse Marcel jr. sono acclarate , visto che è stato un medico militare , ora in congedo , avendo svolto 10 anni di servizio nella US NAVY , la Marina degli Stati Uniti e 13 mesi nella Guardia Nazionale di stanza in Irak come medico chirurgo oltre ad aver svolto un corso per elicotteristi . Questo a mio giudizio basta e avanza per essere sicuri che quello che ha raccontato è vero . Perché un medico , tenuto al giuramento deontologico della sua non certo facile professione oltre che un militare , e bisogna esserci stato in ambito militare per capire certe cose , non mette a repentaglio la propria reputazione per cose non vere o fantasiose . E non mi si venga a dire , con la solita maligna mentalità tutta italiana , che ha fatto queste rivelazioni per avere riscontri economici in conseguenza della pubblicazione del suo libro “ THE ROSWELL LEGACY “ .

Non mi sembra che il Dott. Marcel abbia bisogno di denaro , visto quello che guadagnano i medici , in special modo quelli di estrazione ed esperienza militare , ma queste malignità le lasciamo agli italiani , pratici in questo tipo di discorso . E poi non si specula sui problemi avuti precedentemente dal proprio padre , ufficiale dell’Aeronautica . La cosa che poi più mi ha divertito è stata quando Marcel jr. rispondendo a una precisa domanda di Philip Mantle sul fatto che il padre all’epoca fu screditato perché aveva scambiato un pallone sonda radar con un disco volante , egli ha risposto che la cosa era pressoché impossibile , visto che il padre aveva frequentato in Aeronautica un corso specialistico sui palloni sonda e i radar , che conosceva quindi alla perfezione . Un altro punto citato dal Dott. Marcel è la famosa foto che ritrae il padre con i resti del “ pallone sonda “ , con la faccia sconcertata ed interrogativa che chiede ai suoi superiori il perché dello scambio dei famosi rottami metallici . Anche la storia del Project Mogul è parzialmente errata visto che già nel 1948 questo progetto era già inutilizzabile e andò in vigore nel 1949 in forma di palloni che spiavano gli echi degli esperimenti atomici sovietici , se non servivano proprio a monitorare i voli degli allora dischi volanti , e la loro conformazione era eguale ad altri palloni sonda che avevano un target radar , solo lo scopo era diverso . Egli ha poi riferito del discredito subito dal padre come testimone , non potendo ovviamente screditare il caso , anche se poi andò in pensione con il grado di tenente colonnello , e il fatto che gli riferì che alcuni frammenti , piegati , ritornavano alla forma originale e da cui poi successivamente pare siano state create leghe a memoria di forma . Lo stesso Bill Brazel , figlio dell’allevatore William Mac Brazel che trovò i rottami al Foster Ranch , ha visto gli stessi geroglifici sulle barre strumentali viste da lui a casa sua portate dal padre nel 47 . Egli ritiene anche , come molti ufologi sostengono , che gli alieni probabilmente tenevano d’occhio il 509° gruppo bombardieri di Roswell , perché era l’unico contingente dotato e preposto all’uso di bombe atomiche vista la vicinanza dal poligono di Alamagordo, sganciate poi del resto nel 1945 su Hiroshima e Nagasaki .

Inoltre in quella zona è stata installata la più grande rete di parabole telescopiche del mondo (WLA), incaricate di captare segnali artificiali extraterrestri. Pare inoltre che il Dott. Marcel sia stato anche contattato qualche tempo fa da un agente della NSA che gli ha confermato in camera caritatis la connection aliena degli eventi di Roswell e che ha dovuto pubblicare alacremente il suo libro perché testimoni viventi sul caso ne sono rimasti pochi e bisogna rivelare a tutti i costi al mondo che non siamo soli nell’Universo e che il fenomeno UFO è reale , che il caso Roswell , da alcuni indicato come una grossa panzana , è una panzana di cui si discute e che dura da 60 anni , a dispetto delle smentite che non smentiscono . Quindi bisogna raccontare i fatti così come si sono succeduti , a prescindere anche da false autopsie basate però su eventi reali e disinformazioni varie . L’ ufologia non è solo statistica di avvistamenti in cielo , ma è ben altro : è agenzie di intelligence , è segretezza militare , è tecnologia , è economia , ma è soprattutto testimonianza di gente che ha visto e sentito , e se le testimonianze umane sono preponderanti nei processi penali , non vedo perché non debbano esserlo in questo sconvolgente avvenimento , forse il più importante della storia umana , che ha fatto la storia e forse ha cambiato il nostro stesso futuro .


[center]___________________________________________________________[/center]


[color=red][size=150][center][b]IL MEMO DEL GENERALE RAMEY[/b][/center][/size][/color]

[center][img]http://img413.imageshack.us/img413/3653/rameygrofjpg.jpg[/img][/center]

[center][img]http://www.ufoforum.it/public/data/shantaram/200971216813_roswell.gif[/img] [/center]

Chi l'avrebbe detto che dopo 60 anni, Roswell, ci avrebbe riservato ancora sorprese e...conferme!
Mentre il Gen. Roger Ramey, nella foto in cui fu immortalato ( che lo ritraeva mentre mostrava ipocritamente un pallone “Mogul”ai giornalisti, convocati in una concitata conferenza stampa per sviare i sospetti dei giornalisti, avvisati della caduta di un Disco Volante ), reggeva in una mano un telegramma ( evidentemente appena giunto ) nel quale, dopo tutti questi anni, si è riusciti a tirare fuori, grazie a sofisticatissimi software informatici, qualche parola che ci può convalidare l'UFO-CRASH di Roswell !
A parte tutto quello che ormai sappiamo riguardo tale avvenimento, questo fatto è in un certo senso la diretta conferma dell'accaduto...
Ad aiutare a svelare il tutto è stato Donald R. Burleson, Direttore di un dei Laboratori di Informatica presso la Eastern New Mexic University, di Roswell.
Per condurre la propria indagine, si è avvalso della foto scattata nel 1947, ma tratta da documenti provenienti da Internet elaborandola al fine di ottenere il meglio decifrabile.
Il Sito dove è stata analizzata la foto è : http://www.adm2.ph.man.ac.uk/ftw-pi.../rmylet2.gif.
L'immagine è stata trasformata nelle dimensioni 2331x1881 pixel a 2400 dpi, in un file di 2.5 Megabyte. Questo per renderla ad alta risoluzione.
Poi è stata filtrata con un sofisticato programma ad uso commerciale, ma con il miglior software in campo scientifico: il LUCIS.
Il lavoro di Burleson ha messo in contraddizione quello che aveva dichiarato l'USAF: che era precipitato un pallone sonda !
( Infatti per un pallone sonda si mette quasi il coprifuoco ad una cittadina ! ).
Dal telegramma, comunque, si sono evidenziate ben 9 righe, tranne qualche carattere.

1° riga : “...RECO...OPERATION WITH ROSWELL “DISK” 074 “MJ”...AT THE...
( operazione di recupero con il DISCO di Roswell 074 MJ....al )

2° riga:”THE VICTIM OF THE WRECK AND FORWARD TO THE...
( le VITTIME del disastro e traslate al... )

3° riga: “...TEAM AT FORT WORTH, TEXAS.
( ...il Gruppo di Fort Worth, Texas...)

4° riga: “....M-SS...ON THE “DISK” MUST HAVE SENT TWX A3-JM40 ADVANCED...
(...messaggio sul DISCO deve inoltrarsi a TWX A3-JM40 avanzato...)

5° riga: “ ...URGENT POWERS ARE NEEDED SITE TWO AT CARLSBAD, NMEX...
( ...poteri sono urgentementi richiesti nel Sito Due a Carlsbad, Nuovo Messico...)

6° riga “...L – D SAFE TALK NEWSPAPER MEANING OF STORY AND A-...
(... in un discorso sicuro il significato dato dai giornali alla storia e...)

7° riga”...ONLY TURN ...T TOP OF WEATHER BALLONS 400- KW WAVE....
(...dirigere solo...in cima palloni atmosferici con lunghezza d'onda di 400 Kw...)

8° riga: “...9 AND LAND L...DENVER CREWS...
(... e atterrato ...equipaggi da Denver...)

9° riga: “ TEMPLE” ( firma )


Temple, un nome sconosciuto, l'unico indizio sembra essere un codice utilizzato dall'F.B.I. che corrispondeva proprio alla dicitura TEMPLE.
Lo stesso direttore dell'F.B.I. J. Edgar Hoover, utilizzò questo stesso codice.
Con queste poche, ma significative frasi, si può ricostruire lo scenario :
nelle vicinanze di Roswell un Oggetto di forma discoidale sarebbe stato recuperato da un gruppo di militari.
Insieme all'Oggetto Discoidale sarebbero stati recuperati dei corpi che sarebbero stati subito trasportati da detto luogo per essere esaminati sommariamente alla Base.
Si nota anche un'interessante linea-guida che indica l'urgenza di queste operazioni con una “copertura di palloni sonda”...
Non credo ci sia bisogno di ulteriori commenti...
La storia ormai è pienamente ricostruita da varie testimonianze ( più di un centinaio ); questo Telegramma ne è praticamente la CONFERMA !


[center]___________________________________________________________[/center]


[color=red][size=150][center][b]A PROPOSITO DI ROSWELL ...[/b][/center][/size][/color]

[center][b]Nuove rivelazioni dell'ex-astronauta McClelland verranno pubblicate negli USA [/b][/center]

Clark C. McClelland fu impiegato alla NASA come ingegnere aerospaziale dal 1958 al 1992 (anno del suo improvviso licenziamento). Fu Assistente Tecnico Responsabile della missione Apollo e lavoro' su 622 lanci tra cui la navetta e la stazione orbitale.
Ora la situazione economica di Clark e' disastrosa in quanto e' parecchi senza impiego, ma finalmente e' riuscito a concludere un accordo con una famosa rivista Americana, ma che viene tradotta in altre lingue compreso l'Italiano.

McClelland ha affermato ufficialmente che "La divulgazione della mia esperienza sara' presentata nel prossimo numero di Nexus di Ottobre/Novembre 2008!. Il secondo evento sara' pubblicato due mesi piu' tardi nel numero successivo. "
La storia ricordera' di ripercorrere passo per passo tutta la vicenda accaduta nella navetta spaziale quando l'ex-astronauta vide l'Alieno.

Il reale licenziamento della NASA di McClelland ancora oggi rimane un mistero. Donald E.Keyhoe alle'poca dei fatti invito' Clark a creare una succursale dell'associazione ufologica Nicap (Commissione di Indagini Nazionali per i fenomeni Aerei) a Cape Canaveral. Questo con tutta probabilita' fu il motivo che scaturi' la decisione dei vertici NASA.

McClelland sicuramente si esprimera' tramite NEXUS cio' che Werner Von Braun aveva affermato, circa la sua visita a Roswell nel Luglio 1947 per esaminare il relitto recuperato.
McClelland: "Mi disse che la nave non pare essere fatta di metallo come lo conosciamo qui sulla terra. La sua consistenza era da considrarsi biologica tipo un strana pelle. I corpi degli occupanti recuperati inizialmente furono posizionati in una tenda. Erano piccoli, molto fragili, teste molto grandi e con grandi occhi. La loro pelle era di colore grigiastra e la consistenza poteva ricordare il tessuto dei rettili. Von Braun mi spiego' che la loro pelle assomigliaava a quella dei serpenti del deserto che piu' volte aveva visto a White Sands.

L'esame dei detriti recuperati dal disco lasciarono all'epoca tutti molto perplessi: erano una sorta di alluminio colorato, molto fine tipo le confezioni dei pacchetti di gomme da masticare. Molto leggero ed estremamente resistente, L'interno del velivole era quasi completamente privo di apparecchiature come se le creature aliene formassero un essere unico con il disco volante.

Secondo John Lear le dichiarazioni di McClelland per ora non possono essere confermate a pieno, ma sottolinea che le dichiarazioni hanno un certo valore: "So che Clark McClelland dispone di informazioni che ancora non ha divulgato....."

Raffaele Di Nicuolo (DigDug) http://www.centroricercheufoliguria.135.it/


[center]___________________________________________________________[/center]


[color=red][size=150][center][b]TORNANDO A ROSWELL[/b][/center][/size][/color]

Poi, due settimane dopo l'avvistamento di Arnold, accadde qualcosa che doveva condurre alla maggiore teoria cospirazionista sugli UFO di tutti i tempi. Il 2 Luglio del 1947, giorno più o giorno meno, qualcosa precipitò nel deserto del New Mexico, vicino alla Base militare di Roswell.

Le autorità militari della base emisero un comunicato stampa che iniziava così: "Le molte voci che da tempo circolavano sui dischi volanti sono diventate una realtà ieri, quando gli ufficiali dei servizi di intelligence del 509mo stormo Bombardieri dell'Ottava Forza Aerea di stanza al campo di atterraggio di Roswell sono stati tanto fortunati da entrare in possesso di un disco".

I giornali uscirono con titoli di prima pagina così: "Disco Volante catturato dall'Aviazione".

Poi, appena 24 ore più tardi, i militari cambiarono la propria versione e affermarono che l'oggetto recuperato, erroneamente creduto un disco volante era, in realtà, un pallone sonda caduto in un pascolo nelle vicinanze. Stranamente, sia i mezzi di comunicazione sia l'opinione pubblica accettarono tale spiegazione senza problemi, con un'acquiescenza che oggi sarebbe impensabile. Roswell scomparve dalle cronache fino alla fine degli anni '70, quando alcuni dei militari coinvolti iniziarono a parlare. Il testimone chiave fu il Maggiore Jesse Marcel, l'ufficiale di intelligence che si era recato al ranch per recuperare i rottami. Egli descrisse il metallo di quei rottami come sottile come una sfoglia, ma incredibilmente resistente. Era leggero come legno di balsa, ma era impossibile sia tagliarlo che bruciarlo. Alcuni dei testimoni descrissero anche degli strani simboli incisi sui rottami.

Questi ed altri resoconti sull'incidente sono stati in gran parte ignorati, tranne che dai ricercatori più convinti.

Ma la scorsa settimana è giunta una nuova svolta per il mistero di Roswell e una nuova luce ha illuminato il caso, sollevando la possibilità che, in definitiva, quel giorno noi fummo veramente visitati da esseri alieni. Il Tenente Walter Haut era l'addetto alle pubbliche relazioni della Base di Roswell nel 1947 e fu colui che indisse la successiva conferenza stampa dopo l'incidente, per ordine del Colonnello William Blanchard, comandante della base.
Haut è morto l'anno scorso, ma ha lasciato una dichiarazione giurata (affidavit) da divulgare soltanto dopo la sua morte.
Recentemente, il documento è stato pubblicato e vi si sostiene che la storia del pallone sonda era una copertura e che il vero oggetto caduto era stato requisito dai militari e custodito in un hangar. Nel documento, Haut sostiene anche di aver visto non solo la navicella, ma anche dei corpi alieni. Egli non è il primo dei testimoni a parlare di corpi alieni: lo aveva già fatto il locale impresario di pompe funebri Glenn Dennis che da sempre sostiene che poco dopo l'incidente fu contattato dalle autorità della base di Roswell affinchè procurasse un certo numero di bare della misura adatta a dei bambini. Dennis, una volta giunto alla base incontrò una sua amica infermiera (in seguito misteriosamente scomparsa) che gli raccontò che un UFO era caduto e che erano stati recuperati corpi di piccoli umanoidi extraterrestri.

Il piano di disinformazione

Walter Haut, però, è l'unico dei partecipanti della prima ora ad affermare di aver visto corpi alieni. Nel suo affidavit, Haut parla di un meeting ad alto livello a cui partecipò insieme al comandante della base Colonnello William Blanchard e al Comadante dell'Ottava Forza Aerea, Generale Roger Ramey. Haut riferisce che in tale riunione vennero mostrati pezzi di rottami e che tutti li maneggiarono senza riuscire a identificare di quale materiale fossero fatti. Secondo Haut, la conferenza stampa si rese necessaria perchè la popolazione locale, a causa delle notizie filtrate, era ormai in grado di riconoscere il luogo dell'impatto ma, in realtà, esisteva un secondo luogo di impatto dove erano presenti molti più rottami. Il piano era quello di ammettere l'esistenza del primo sito di impatto, scoperto da un allevatore, e distogliere così l'attenzione dal secondo e ben più importante sito. Haut parla anche di un'accurata 'operazione di pulizia' durata mesi, durante la quale personale militare passò al setaccio entrambi i siti, alla ricerca di tutti i possibili rottami rimasti, rimuovendoli e cancellando tutte le possibili tracce dell'accaduto. Ciò concorda perfettamente con i racconti della gente del posto che afferma di essersi vista sequestrare dai militari i pezzi di rottami conservati come ricordo.
Haut racconta anche che il Colonnello Blanchard lo portò all'Edificio 84, uno degli hangar della base di Roswell e gli mostrò la navicella. La descrive come un oggetto metallico a forma di uovo lungo 12-15 piedi (circa tre o quattro metri e mezzo) e largo meno di due metri, senza finestrini né ali né coda e senza alcun meccanismo di atterraggio o motore visibile.
Sul pavimento egli vide due corpi parzialmente coperti con tela incatramata, descritti come alti circa quattro piedi (circa un metro e venti) e con teste sproporzionatamente grandi. Verso la fine del suo affidavit Haut conclude: "Sono convinto che quello che ho visto era un qualche tipo di astronave di un altro mondo con il suo equipaggio".
Ciò che rende interessante la storia di Haut è il fatto che nelle tante interviste concesse prima di morire egli aveva sempre raccontato di aver avuto un ruolo marginale nella storia e non aveva mai fatto affermazioni così concrete. Se avesse cercato pubblicità avrebbe sicuramente parlato prima dell'astronave e dei corpi. Aveva forse paura del ridicolo, oppure il suo affidavit è una sorta di confessione in punto di morte da parte di qualcuno che aveva fatto parte del cover-up e che era rimasto fedele al giuramento dato fino alla fine?


La testimonianza di Philip Corso

Un altro testimone militare che ha detto di sapere che a Roswell era caduta una nave spaziale aliena è stato il Colonnello Philip J. Corso, ex ufficiale del Pentagono, il cui lavoro consisteva nel passare ad aziende americane tecnologie dedotte dall'astronave recuperata a Roswell. Corso ha affermato che scoperte come il kevlar dei giubbetti anti-proiettile, la tecnologia stealth, i visori notturni, il laser e i chip dei circuiti integrati, hanno tutti avuto origine dalla tecnologia aliena scoperta grazie all'incidente di Roswell. Corso morì a causa di un attacco di cuore poco tempo dopo aver detto queste cose e ciò suscitò una nuova ondata di ipotesi cospirazioniste. Per quanto bizzarra possa apparire la storia di Corso, essa è stata supportata da molti personaggi importanti, incluso l'ex Ministro della Difesa del Canada Paul Hellyer che, in tempi recenti, ha rivelato di aver verificato le parole di Corso con una fonte attendibile dell'apparato militare statunitense e quest'ultima gli ha confermato essere tutto vero.


Lanci ad alta quota

Negli anni '90 il Governo degli Stati Uniti venne messo sotto forte pressione da parte dell'opinione pubblica riguardo al caso Roswell. Nel 1994, in risposta a una richiesta da parte dell'Ufficio Generale Contabilità, l'ufficio della Segreteria dell'Aeronautica (USAF) pubblicò una relazione intitolata: "Rapporto su Roswell: Fatti e non Fantasie nel deserto del Nuovo Messico". Tale rapporto concludeva che l'incidente di Roswell era riconducibile al cosiddetto Progetto Mogul, segretissimo all'epoca dei fatti, che consisteva nell'uso di palloni in grado di volare ad altissima quota; i palloni erano equipaggiati con sensori capaci di percepire eventuali esplosioni nucleari sovietiche. Quindi il rapporto ammetteva che la storia del pallone sonda era stata una copertura della verità, ma tale verità avrebbe riguardato soltanto un nuovo tipo di spionaggio da parte degli Stati Uniti e non la presenza di extraterrestri."
Nel 1997 venne pubblicato un secondo rapporto dell'USAF intitolato "Roswell, caso chiuso". Tale rapporto era focalizzato sulle testimonianze che parlavano del ritrovamento di piccoli corpi e concludeva che, a parte la massa di affermazioni del tutto inventate o fraudolente, una piccola parte dei resoconti di cittadini onesti poteva essere stata causata dall'aver visto i manichini lanciati da palloni nell'ambito di un progetto dell'Aviazione chiamato "Lanci da alta quota". Lo scopo di tale progetto era lo sviluppo di equipaggiamenti protettivi per piloti o astronauti costretti a lanciarsi da altitudini estreme.

Tali esperimenti si erano effettivamente svolti in New Mexico, ma soltanto a partire dal 1954 fino al 1959. Comunque, ciò non impediva al Governo USA di suggerire che proprio la vista di tali manichini sarebbe stata all'origine delle storie su alieni umanoidi e che, in seguito, la gente avrebbe confuso le date, collegando erroneamente questi fatti con la storia di un UFO precipitato nel 1947. Naturalmente gli scettici ignoreranno anche la testimonianza lasciata da Walter Haut, che dopo tutto, per quanto affascinante, è sempre e soltanto un'altra storia senza prove. Comunque, se non altro, queste ultime rivelazioni dimostrano che ancora oggi, a sessant'anni di distanza dai fatti, il mistero permane. Gli appassionati di UFO progettano di commemorare il sessantesimo anniversario dell'incidente di Roswell con una serie di eventi (le celebrazioni si aprono oggi, N.d.R.). Nella stessa Roswell è prevista una conferenza sponsorizzata anche dalle autorità cittadine e si prevede che saranno presenti migliaia di persone. Il caso Roswell non è più soltanto una grande notizia, è anche un grosso affare.


Rendlesham

Dai tempi dell'avvistamento di Kenneth Arnold e del caso Roswell gli UFO hanno continuato ad essere avvistati in tutto il mondo. Nel 1950, in Gran Bretagna, il Capo della Commissione Scientifica del Ministero della Difesa, Sir. Henry Tizard, affermò che gli avvistamenti di UFO non dovevano essere rigettati finchè non fossero stati compiuti seri studi scientifici sul fenomeno e il Ministero della Difesa britannico mise in piedi il comitato col nome forse più incredibile della storia: il Gruppo di Lavoro sui Dischi Volanti, ma le sue conclusioni furono scettiche.

In esse si affermava che gli avvistamenti di UFO erano da attribuire ad errate interpretazioni di fenomeni celesti, a truffe o a illusioni ottiche ed il Rapporto Finale del Gruppo di Lavoro, datato 1951, stabilì che non valeva la pena di dedicare altri fondi a quel tipo di ricerca. Nel 1952 si verificò una serie di avvistamenti notevoli in cui gli oggetti vennero individuati anche dai radar e dai piloti della Royal Air Force. A quel punto il Ministero della Difesa fu costretto a riesaminare la questione e da allora non ha mai smesso di investigare. Fino a oggi il Ministero della Difesa ha ricevuto più di 100.000 rapporti.

Il più famoso incidente UFO avvenuto in Gran Bretagna avvenne nel Dicembre 1980 nella Foresta di Rendlesham, nel Suffolk. Nelle prime ore del mattino del 26 Dicembre il personale della RAF di stanza a Bentwaters (una base aerea inglese affittata all'Aeronautica degli Stati Uniti) riferì la presenza di strane luci nella foresta. Temendo che fosse precipitato un aereo, i militari andarono subito ad investigare. Ciò che trovarono, secondo i testimoni, fu un UFO. Gli uomini scattarono delle fotografie (in seguito, si disse dal loro sviluppo non era uscita alcuna immagine) dello scafo intensamente luminoso e uno di loro si avvicinò talmente all'oggetto da riuscire a toccarlo, immediatamente dopo l'oggetto si sollevò e volò via. Gli stupefatti militari fecero subito rapporto ai propri superiori, incluso l'incaricato del comando della base, il Tenente Colonnello Charles Halt.

Halt diede ordine ai suoi uomini di rendere accurate testimonianze ufficiali e di fare degli schizzi della navicella avvistata. La sera successiva Halt si trovava ad un ricevimento quando un aviere irruppe sconvolto nella sala, fece il saluto d'ordinanza e disse: "Signore, è tornato. Halt lo guardò interdetto e chiese: "Che cosa è tornato?". "L'UFO, signore. L'UFO è tornato" rispose l'aviere.

Halt e una piccola squadra di uomini andarono a vedere con l'intenzione, avrebbe detto in seguito Halt, di "ridimensionare quella sciocchezza". Non appena entrarono nella foresta le loro radio smisero di funzionare e i fari da ricerca si spensero. Improvvisamente, Halt e i suoi uomini videro l'UFO e cercarono di avvicinarsi ad esso. A un certo momento esso venne a trovarsi direttamente sopra di loro e li illuminò con un potente fascio di luce. Dopo questi avvenimenti Halt diede l'ordine di esaminare attentamente la zona dove l'UFO era stato avvistato la notte precedente. Nel terreno dove l'oggetto era atterrato vennero ritrovati tre buchi in corrispondenza dei quali il contatore Geiger diede segnali molto forti. Halt fece rapporto al Ministero della Difesa e venne avviata un'indagine. I risultati furono inconcludenti, ma lo Staff di Intelligence della Difesa dichiarò che le letture delle radiazioni prese sul luogo dell'atterraggio avevano registrato "livelli significativamente più alti di quelli attribuibili alla semplice radioattività di fondo". Il dossier del Ministero della Difesa sull'incidente è stato divulgato solo di recente grazie alla Legge sulla Libertà di Informazione.

http://blog.libero.it/ALFCOSMOS/7364985.html


[center]___________________________________________________________[/center]



[color=red][size=150][center][b]Ancora Roswell : una eccezionale nuova testimonianza[/b][/center][/size][/color]

Il tempo è il nemico principale nelle indagini che riguardano gli eventi del 1947 perchè il passare dei decenni ha lasciato indietro la maggior parte dei testimoni diretti dell’episodio che ha cambiato il nostro rapporto con la questione “aliena”.

Ma per fortuna alcune testimonianze sono sopravissute e quella di June M. Crain rientra tra queste. Nel 1998, un anno prima di morire, probabilmente consapevole di questo, questa anziana signora di 72 anni contattò il ricercatore, ex ufficiale di polizia, James E. Clarkson confidandoli il suo diretto coinvolgimento nella storia.


Tutto questo episodio ha raggiunto il grande pubblico grazie al coinvolgimento di Linda Multon Howe, al cui sito vi rimando alla fine del post. Al Ryan Wood’s UFO Crash Conference recentemente tenutosi a Las Vegas, Clarkson ha fatto ascoltare un nastro sul quale aveva registrato l’intervista a June Crain.

[center][img]http://img251.imageshack.us/img251/2487/20101411165222.png[/img][/center]
[center][b]Jule M. Crain[/b][/center]

L’intervista destò un grande interesse perchè le rivelzioni fatte dalla donna confermavano uno degli aspetti più controversi di tutto ciò che è seguito il crash nel New Mexico. Fatta eccezione per la testimonianza di Jessie Marcel Jr. non esistevano infatti testimonianze dirette di persone che avessero potuto vedere e toccare i resti dello schianto. Uno di questi “resti” era il famoso foglio metallico dotato di memoria, che ritrovava la sua forma originaria qualsiasi cosa gli venisse fatta. Il governo Usa ha messo a tacere questa “diceria” spiegandola con i fogli di alluminio che costituivano il bersaglio radar del pallone sonda e mentre per altri filoni di ricerca si è riusciti a smentire le affermazioni governative ( vedi manichini ) nel caso in questione invece non si era mai potuto fare un granchè.

June Crain, dopo il suo percorso formativo e le successive specializzazioni, finì per essere assegnata alla fine del 1942 al Air Materiel Command, di Wright Field Ohio ( poi divenuto Wright Patterson Field ) dove lavorando come impiegato giunse ad ottenere un livello di autorizzazione Q. ( en.wikipedia.org/wiki/Q_clearance )

Durante la sua permanenza presso lo AMC per ragioni del tutto casuali ebbe l’opportunità di vedere e toccare un pezzo di un materiale che secondo l’ufficiale che glielo aveva mostrato proveniva “Da una navicella spaziale”. Su invito dello stesso lei provò a stropicciarlo e tagliarlo con le forbici ma nonostante i suoi sforzi esso tornava sempre alla sua forma iniziale. Come ha raccontato più volte era grande quando un biglietto da visita, grigio e spessoo diversi millimetri ma eccezionalmente leggero. L’ufficiale, quando qualcuno entrò nella stanza, si affrettò a rimettere in tasca l’esotico reperto, dimostrando così che probabilmente non doveva ne averlo con sè ne tanto meno mostrarlo in giro.

A questo punto è bene ricordare che le credenziali di June Crain sono verificabili da diversi documenti, da lei stessa forniti, che dimostrano i suoi rapporti lavorativi con la base di Wright Field. La sua credibilità è importante anche perchè il suo racconto si è spinto oltre.

Un sergente maggiore, infatti, le avrebbe raccontato di esser stato alla guida di un aereo da trasporto che ospitò 4 cadaveri di esseri non umani. Questo sergente, di cui June ricorda solo il nome, li descrisse come “Piccoli uomini verdi”, poi volendo essere più preciso specificò che erano di un verde-blu e alti poco più di un metro.

Su http://www.earthfile.com potete trovare ulteriori dettagli e le trascrizioni delle interviste.

Non possiamo ancora porre la parola fine su Roswell. Interessante in questo senso è il lavoro dei due investigatori, Thomas J. Carey e Donald R. Schmitt, che ancora oggi scavano nei ricordi dei sopravissuti e letteralmente alla ricerca del sito dell’incidente. Una delle cose più rilevanti da loro scoperte è che ancora oggi alcuni testimoni diretti ed indiretti vengono costantemente intimati al silenzio con metodi non degni di uno stato democratico, ma ben noti alla comunità ufologica


[center]___________________________________________________________[/center]



[color=red][size=150][center][b]LA SPIEGAZIONE DEL CASO ROSWELL SECONDO IL CICAP[/b][/center][/size][/color]

RAGAZZI, QUALCHE VOLTA MI DIVERTO ANCH'IO!
Sono andato a dare un'occhiata al Sito del...CICAP ! Ebbene, sì, ho avuto questo coraggio! E vi ho proposto la LORO spiegazione di Roswell; Quindi "divertitevi" voi!

[b]Roswell
di Massimiano Teso[/b]

L'8 luglio 1947 Il Roswell Daily Record usciva nell'edizione pomeridiana con un titolo a cinque colonne: "La Raaf cattura un disco volante in un ranch nella regione di Roswell". Si faceva riferimento a un presunto disco volante precipitato il 2 luglio nel Foster Ranch di Corona, circa 120 Km a nord-ovest di Roswell. I rottami del velivolo erano stati ritrovati da Mac Brazel, proprietario del ranch. Secondo la sua descrizione i frammenti erano costituiti da "pezzi di gomma, stagnola, carta piuttosto robusta e asticelle". Brazel decise di parlare della faccenda allo sceriffo, George Wilcox, solo dopo aver appreso la notizia dei "dischi volanti".
Lo sceriffo, Brazel e "un uomo in abiti borghesi", sicuramente un militare, andarono sul luogo del ritrovamento e raccolsero quello che rimaneva del "disco". Il materiale pesava meno di tre chilogrammi ed era presente una gran quantità di nastro adesivo sul quale erano stampati dei fiori. Brazel aveva in passato recuperato due palloni sonda nel suo ranch ed era sicuro che quello appena ritrovato non era un oggetto di quel tipo.
Il 9 luglio sul Fort Worth Morning Star-Telegram veniva riportato un articolo di James Bond Johnson il quale riferiva che il sergente maggiore Irving Newton, della stazione meteorologica della base aerea di Forth Worth, aveva identificato l'oggetto rinvenuto come un pallone ray wind, usato per determinare la direzione e la velocità dei venti in alta quota. Le foto scattate da Johnson ritraevano il giovane ufficiale meteorologo che sorreggeva i detriti del pallone recuperato, il quale non sarebbe stato immediatamente riconosciuto perché ignoto al personale della base di Roswell.
A partire da quel momento, il caso Roswell venne dimenticato fino a che due ufologi americani, Stanton Friedman e William Moore, non lo riportarono all'attenzione dei media. I due, dopo aver raccolto una gran quantità di dati e avere intervistato circa sessanta persone collegate in un modo o nell'altro con il caso, pubblicarono nel 1980 il libro The Roswell Incident (pubblicato in Italia con il titolo Accadde a Roswell), contenente i dettagli sul caso.
Il nuovo scenario che si stava ipotizzando, però, prevedeva l'esplosione di un disco volante e la conseguente caduta di frammenti sul ranch di Brazel (avvenuta la notte tra il 2 e il 3 luglio), ma il nucleo vero e proprio dell'oggetto sarebbe poi precipitato nella Piana di San Agustin a circa duecento chilometri a ovest di Roswell, dove sarebbero stati recuperati anche i cadaveri di alcuni umanoidi, presumibilmente l'equipaggio alieno del disco.
Altri studiosi iniziarono a interessarsi al caso, tra questi due ufologi del Cufos (Centre for Ufo Studies), Kevin Randle e Donald Schmitt, i quali nel libro Ufo Crash at Roswell presentarono argomentazioni secondo le quali l'oggetto rinvenuto non era di origine terrestre. I due infatti passarono in rassegna le possibili "ipotesi terrestri", scartandole tutte (pallone meteorologico, razzo V-2, aereo sperimentale, pallone bomba giapponese Fugo, eccetera).
Molte delle affermazioni di Randle e Schmitt vennero però confutate dal ricercatore Karl Pflock il quale, nella sua monografia Roswell in Perspective (marzo 1994), suggerì l'ipotesi che a cadere fosse stato un oggetto "Top Secret".
Il 15 febbraio 1994, in risposta a un'inchiesta parlamentare sul caso Roswell, l'aeronautica militare aprì un'indagine interna, atta a chiarire, una volta per tutte, la faccenda: nel 1945, alla fine del conflitto mondiale, una delle preoccupazioni principali dell'America era l'avanzamento dell'Unione Sovietica in materia di applicazioni belliche dell'energia atomica. Il geofisico Maurice Ewing, in un promemoria spedito al generale Carl A. Spaats, comandante delle Army Air Forces, suggeriva un modo per poter rilevare eventuali test atomici sovietici. Aveva infatti scoperto che a una quota di 14 mila metri vi era un "canale acustico" in cui, se la sorgente sonora e il ricevitore si fossero trovate a questa altezza, si sarebbero potute "ascoltare" le esplosioni dovute ai test atomici sovietici. All'epoca però nessun aereo era in grado di arrivare a tali quote e quindi si decise di costruire dei palloni sonda; nasceva il Progetto Mogul. Per la realizzazione dei palloni l'aeronautica stipulò un contratto con la New York University che organizzò il cosiddetto balloon group, diretto da Athelstan Spilhaus. Dopo i primi lanci di prova effettuati tra aprile e maggio 1947 dal campo di football della Leigh University a Bethlehem, in Pennsylvania si decise di spostare il sito di lancio nella base aerea di Alamogordo, New Mexico. Il Volo 4, il primo dalla nuova postazione, fu effettuato il 4 giugno. Il grappolo di ventotto palloni in neoprene non era equipaggiato con cartellini per la ricompensa, come era in uso per i palloni meteorologici e forse questo fu uno dei motivi per cui Brazel non riconobbe il materiale come un semplice pallone sonda.
Secondo la ricostruzione dell'aeronautica, fu proprio il grappolo di palloni del Volo 4 a cadere nel ranch e la descrizione di Brazel e altri importanti particolari non fanno che rendere estremamente probabile questa ipotesi. E' infatti plausibile che all'epoca si volesse mantenere segreto un progetto così importante e che a parte il balloon group e pochi altri, nessuno fosse a conoscenza del Progetto Mogul.
Naturalmente anche questa, come quella extraterrestre, è un ipotesi ed è doveroso dire che non esiste alcun documento ufficiale che dimostri un legame tra il Progetto Mogul e il caso Roswell. L'ipotesi extraterrestre però è sicuramente meno solida dovendo fare ricorso a un'elaborata operazione di cover-up, finalizzata a nascondere fino a oggi le prove del ritrovamento di un disco volante precipitato nel 1947 e dei corpi dell'equipaggio alieno. Risulta inoltre difficile pensare che un'ipotetica astronave aliena possa essere costituita da materiale come gomma, stagnola, asticelle di legno di balsa e nastro adesivo.

http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=100426

Quindi per questa BOIATA, l'Aviazione degli Stati Uniti ha tenuto in scacco una cittadina intera epr più giorni, terrorizzando i suoi abitanti per convincerli a non rivelare niente di quello che aveva no visto, sentito o partecipato (agenti locali, vigili del fuoco, becchino compreso visto che dovette preparare alcune casse per ..."bambini"!).
A parte l'affrettato dispaccio comunicato alla stampa da Walter Haut ...

Dico una sola cosa: ROBA DA MATTI!


[center]___________________________________________________________[/center]



[color=red][size=150][center][b]DA ROSWELL SEMPRE PIU' CONFERME [/b][/center][/size][/color]

Importanti rivelazioni sull'UFO Crash di Roswell da parte dei discendenti dei proprietari terrieri del ranch nel quale lavorava Mac Brazel.

Il ricercatore Anthony Bragalia rivela dettagli interessanti sull'incidente di Roswell.

I ranch del New Messico sono tra i più suggestivi e spettacolari di tutti gli Stati Uniti. Ma c'è n'è uno venuto alla ribalta sin dal 1947, quando secondo molti cadde dal cielo un misterioso Disco Volante Alieno. Tutto il mondo ufologico conosce la storia e nonostante più di 50 anni passati ancora ci sono lati oscuri e perplessità.

Migliaia di frammenti generati dallo schianto furono recuperati dai militari ed ora emergono ulteriori interessanti dettagli da due discendenti dei Foster, i quali erano i proprietari dei campi e del ranch affidato all'ormai noto MacBrazel, testimone dei fatti.

Un documento federale recentemente acquisto indica chiaramente che il Governo letteralmente impedì lo ogni attività di scavo o di lavori che potesse riguardare il sottosuolo dell'area..
Alla luce di questi fatti potrebbe inoltre emergere che gli allevatori furono pagati per mantenere il silenzio sull'accaduto.

Quali segreti celesti custodiscono dunque i terreni e il ranch dei Foster?

All'epoca dello schianto, Mac Brazel era l'incaricato dai Foster per il mantenimento del ranch. Mac fu colui che per primo si accorse dell'enorme numero di detritie vista la particolarità del materiale portò alcuni frammenti in visione a Loretta e Floyd Proctor, proprietari di un ranch adiacente, per avere un parere.

In una recente intervista la donna novantacinquenne confermò che i detriti che vide erano davvero unici, no si trattava sicuramente di legno, di metallo, di vetro, insomma materiale sconosciuto.
Ben presto la notizia si diffuse e tutti compreso le autorità militari vennero a conoscenza dell'accaduto.

I proprietari del ranch erano i fratelli gemelli Foster, di nome Henry Foster e Jap o Jasper Foster. La famiglia benestante aveva possedimenti in molti luoghi nel New Mexico e nel Texas.

Spesso si trascura il fatto che i Foster, in quanto proprietari del ranch, dovevano aver avuto un ruolo molto importante nella saga dell'incidente. Dopo tutto si trattava di una loro proprietà e ovviamente erano interessati, anche perchè per un certo periodo gli fu negato l'accesso. Il figlio di Mac, Paul Brazel recentemente in una rara intervista ha rivelato che, all'epoca i militari impedirono addirittura di far abbeverare gli animali del ranch durante le operazioni di recupero dei detriti e tutto il periodo dell'occupazione dei militari.

Causa i militari Mac Brazel perse i profitti derivati dal lavoro al ranch di quel periodo, ed avendo inviato soldati ed attrezzature avevano letteralmente sequestrato il ranch. Occuparono la zona per diverso tempo, impedendo ogni accesso non autorizzato.
I Foster in quel periodo si trovavano in Texas e tramite la stampa erano venuti a conoscenza dello schianto. La notizia era nota in tutto il Paese e secondo le notizie i Brazel avevano avvisato i Foster sul fatto che il loro terreno era stato momentaneamente confiscato.

La signora Geraldine Perkins che all'epoca gestiva un negozio di alimentari a Corona, vicino a Roswell, interpellata in una intervista recentemente ha confermato che Mac chiese di utilizzare il telefono sito all'interno del negozio per comunicare al suo datore di lavoro lo schianto.
Una volta rientrati nel New Mexico Brazel, secondo la figlia di Jab Foster ricorda come Mac cambiò lettarlmente atteggiamento circa lo schianto come se avesse avuto paura di parlare del reale accaduto. Molte volte si incontrarono, ma la storia del pallone meteorologico non convinse i proprietari che si accorsero della reale paura nel diffondere la verità.

Cody Derek, un pronipote dei Foster, afferma che e' giunta l'ora di affermare che la sua famiglia seppe che si tratto veramente di uno schianto extraterrestre. Nel 2005 scomparve il padre di Cody, il quale era sempre stato reticente nel discutere sulla questione, e quando si rivolse allo zio, all'epoca diciasettenne egli rispose: "Quei ragazzi lassù mi assicurarono che si tratto' di un reale disco volante, ma non sapeva nulla dei corpi alieni.

IL DIVIETO GOVERNATIVO

DECISION RECORD Reference: Environmental Assessment (EA)
for Grazing Authorization, #NM-066-99-003
U.S. Department of the Interior Bureau of Land Management Roswell Field Office Roswell, New Mexico
One of the alleged UFO crash sites of 1947 is located on this allotment. The UFO crash site has been excluded from rights- of-way and mineral leasing. The site will be withdrawn from mining claim location, and designated a NSO for oil and gas leasing.

Il Governo degli Stati Uniti emise un decreto - sopra si puo' leggere l'originale -: "Nessun lavoro di scavo doveva essere intrapreso in quei territori".
US Department of Interior's Bureau of Land Management (BLM) gestisce centinaia di milioni di acri di terreno in tutta la nazione. Tra le altre responsabilità amministrative c'e' quella di esaminare e approvare i trasferimenti terrieri e le leggi federali concedono le autorizzazioni per l'esplorazione del sottosuolo.

All'interno del documento depositato al BLM cita testualmente: "Presunti detriti dello schianto UFO del 1947 potrebbero trovarsi in questo lotto. Il luogo dello schianto e' interdetto dal passaggio e dall'estrazione minerale, petrolifero."
Ciò significa che reti elettriche, fibre ottiche, ferroviarie e autostrade non potranno mai essere costruite su quella terra.

Favori e denaro in cambio di silenzio.

L'azienda dei proprietari la "Foster's Greay Grandson Cody", secondo quanto affermato da Cody derek acquisì altre proprietà dopo il 1947. Afferma che fecero letteralmente fortuna con il petrolio. Furono agevolati nell'acquistare dalle autorità federali terreni in cui era possibile estrarre il petrolio in cambio forse del silenzio sulla questione. Nei documenti ritrovati al BLM si possono notare 8 voci di trasferimento di proprietaà verso Henry Foster, ma purtroppo i dettagli dei trasferimenti ad tutt'oggi non sono disponibili, in quanto quando furono redatti, stando alle informazioni cartacee, non furono soggetti ad un sistema di automazione.

Sicuramente qualcosa di insolito accadde. questo ce lo confermano i discendenti e i documenti, chiaramente il Governo tentò con ogni mezzo di mettere a tacere coloro che potevano rivelare informazioni scomode alla verità.

( 11 Dicembre 2009 - Di: DigDug - Fonte: UfoPlanet di Ufoforum.it)


[center]___________________________________________________________[/center]


[size=125][b]Traduzione e recupero informazioni a cura di http://ufoplanet.ufoforum.it[/b][/size]

[center][img]http://img824.imageshack.us/img824/604/cordes.jpg[/img][/center]
[center][quote]Generale Harry N. Cordes[/quote][/center]

[b]Una recente ed interessante testimonianza della vedova di un anziano Generale dell'US Air Force rivela che l'incidente di Roswell avvenuto nel 1947 fu davvero un evento extraterrestre. La sua confessione afferma che la vera natura del relitto è stata tenuta nascosta per decenni, anche al personale del Governo di alto livello.[/b]

Suo marito, il Generale Harry Nations Cordes, che all'epoca aveva accesso alla documentazione classificata top secret, fu in una posizione unica per essere al corrente di tale faccenda. Forse nessun altro uomo nella storia militare può vantare di essere stato di stanza presso il Roswell Army Air Field nel luglio del 1947, in seguito presso la Wright Patterson Air Force Base, di aver lavorato presso l'Area 51, essere stato impiegato alla CIA, di aver avuto il compito di Vice Capo di Stato Maggiore presso la sede centrale di Intelligence per lo Strategic Air Command (SAC) e più tardi di aver ricoperto molte funzioni di Intelligence per il Pentagono.

La carriera di Cordes è ineccepibile e conferma che l'oggetto che precipitò dal cielo nel deserto del New Mexico sei decenni fa non proveniva dalla Terra.

Harry Cordes si laureò presso La Emory University ad Atlanta in Georgia e ricevette un MBA (Master in Business Administration) dalla George Washington University di Washington D.C.
Poco dopo lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, HArry si arruolò nell'esercito dell'Air Force, laureandosi primo della classe alla scuola di volo come pilota. La carriera di Cordes durò quattro decadi e fu protagonista di molti eventi storici. Volò a bordo di 25 tipi differenti di aerei. Effettuò voli di combattimento e voli di ricognizione in missioni in Europa, nel Pacifico ed in Vietnam. Gary Powers che riuscì a guadagnarsi l'attenzione a livello mondiale durante la "Guerra Fredda" fu sotto il comando di Cordes.

Cordes fu pilota dell'U-2 (Ndr: Il Lockheed U-2 è un aereo statunitense da ricognizione ad alta quota) e fu il primo uno a volare in una tuta spaziale. Cordes vide di persona le azioni presso la cosiddetta "Baia dei Porci", la crisi Missilista Cubana ed il test della Bomba Atomica nell'Atollo di Bikibi.Partecipò attivamente al più alto livello per le decisioni sulle questioni più riservate della nazione, tra le quali "Star Wars" - l'iniziativa della Difesa Strategica nello spazio.

[b]Il periodo a Roswell[/b]

Cordes, nel 1947 si trovava di stanza a Roswell (RAAF) come Operatore Radar. E fu lì che incontrò Rogene, la sua futura moglie. Il padre di Rogene aveva un ranch di bovini e pecore vicino a dove avvenne l'incidente a Roswell. E proprio con Rogene Cordes che l'autore di questo articolo (Anthony Bragalia) ha avuto un ampio dialogo nell'arco di diversi mesi. Fu la stessa Rogene Cordes - vedova del Generale - che si sentì in dovere durante la vecchiaia, di raccontare tutto quello che lei e suo marito venirono a conoscenza sullo schianto di Roswell con tutte le implicazioni storiche.

Sia Rogene che Henry erano ben consapevoli dello schianto di un "disco volante" avvento nello nell'estate del 1947. Come residenti di Roswell, all'epoca, lessero i giornali e conobbero personalmente molti dei protagonisti coinvolti. Ma fu solo nel 1980 quando la storia di Roswell fu tornata alla ribalta dell'opinione pubblica, che cominciarono a discutere dell'evento e sulla verità di cosa si schiantò lì. Rogene ricorda che il marito sapeva molto circa l'incidente. Anche lei era interessata a sapere cosa realmente fosse accaduto.

Rogene mi disse che usò ogni strumento a sua disposizione per farlo parlare. Ciò incluse anche quello che lei definisce "Beaty" e "Pillow Talk" (Ndr: in italiano di può tradurre "chiacchere sotto le lenzuola) per convincerlo a rivelare di più su quello che sapeva dello schianto. Harry disse che fisicamente non si trovava alla base la settimana del "Crash" e che si trovava in viaggio in quel periodo. Lei non si convinse sul fatto che il marito le rivelò tutto quello che sapeva. Era una questione di dovere verso il Paese. Infine dopo ripetuti tentativi, Harry disse: "Ero un operatore radar presso la RAAF come sai. L'oggetto volante non era identificato. La macchina volante fu rintracciata dai radar di White Sands e quelle persone non sapevano cosa diavolo stesse accadendo". Lei insistette ulteriormente e gli chiese: "Ascoltami, era un pallone? Harry rispose che non si trattò di un pallone (atmosferico). Jesse Marcel disse la verità. Ma se rivelo i dettagli non ci vedremo più in vita." Poi bisbigliò a lei di non chiedere oltre. Ma lei lo fece lo stesso. Harry sbottò " Rogene, se ti dico di più… dovrò ucciderti. La donna pensò che lui stesse scherzando. Ma Harry non stava ridendo.

Tempo dopo, Rogene decise di andare a fondo della cosa. Ella le chiese direttamente. "Dove lo tenete il velivolo nell'Area 51?" Lei sapeva che il marito aveva lavorato nel Nevada presso il Site Test per certo un periodo. Lui rispose che non se lo ricordava. "Forse lavorò anche presso la Base Wright Patt, in un area riservata".

Rogene nel tempo proseguì con le domande sapendo che il marito aveva fatto parte anche della CIA. Gli chiese "Che cosa siete venuti a conoscenza circa lo schianto quando si trovavi alla CIA? Lui fece una inaspettata affermazione. "Quando andai a lavorare per la CIA una delle prime cose che feci fu quella di cercare il file relativo a Roswell. So che esiste, ma non c'era. Anche se me lo nascondevano."

Rogene si chiese per tutta la vita il motivo dell'insabbiamento, e il perché non lo dissero alla gente.

Anche se Harry Cordes diede pochi dettagli su Roswell, durante la usa carriera le raccontò in maniera approssimativa la storia di un suo incontro UFO. Raccontò alla famiglia (tra cui le due sue figlie) che una volta mentre si trovava in volo a 70.000 piedi (la quota limite mai superata fino a quel momento), personalmente aveva assistito a quello che lui definì "astronave aliena".

[b]I Segreti di Rogene su Roswell[/b]

Rogene, nacque e crebbe fuori Roswell, in un ranch. Era impiegata presso una banca di Roswell nell'estate del 1947. Rogene conosceva molte persone nella comunità, nomi i quali sono ben noti in relazione allo schianto di Roswell.

Parlò in maniera criptica di Butch Blanchard, che era al comando della RAAF al tempo dell'incidente. "Butch era un credente" Lei sapeva che lui ordinò a tutto il personale della base (molti dei quali si trattennero con lei e suo marito a casa loro , con cene, giochi di carte e barbecue) di non rivelare l'accaduto. Ogni qualvolta lei provò di trattare dell'argomento ricevette dei gran silenzi da parte loro. Rogene affermò che "Chi voleva rimanere in campo militare doveva semplicemente non parlare! Era il loro dovere patriottico nel dire poco e di non fare troppe domande." Rogene conosceva la moglie di Blanchard all'epoca, Ethel. Lei crede che Ethel fu stressata emozionalmente per via del coinvolgimento del marito nel recupero del velivolo, e questa situazione avrebbe contribuito al loro divorzio.

Rogene viveva vicino allo sceriffo di Roswel il signor George Wilcox e sua moglie Ines. Ancora oggi Rogene non gli piace parlare del coinvolgimento di Wilcox. "George Wilcox e Ines furono minacciati ed ebbero paura. Egli non volle mai parlare, nemmeno con gli amici. "George cambiò, dopo tutta questa storia".

Rogene si dice sicura anche circa la storia vissuta dall'imbalsamatore ed impresario di pompe funebri Glenn Dennis. Andava a scuola con Glenn. Lei lo conosceva come un tipo a posto. E secondo lei quello che che raccontò, realmente accadde.. Il giorno dopo l'incidente di Roswell, Rogene stava cercando di prendere del ghiaccio per la soda e la birra per le vacanze del fine settimana. Dovette fare un giro strano per trovare il ghiaccio, incluso il super mercato Clardy sito in città. Gli fu riferito che l personale della base aveva prelevato tutto il ghiaccio, lo comprarono tutto. In seguito si recò presso la stazione ferroviaria, posto nel quale il ghiaccio secco poteva essere acquistato. Con sua grande sorpresa, gli fu di nuovo riferito che il personale della base si era recato lì e lo aveva preso tutto. Le intere scorte di ghiaccio della città erano finite. Questo non era mai accaduto e non accadde più durante il week-end. In seguito Glenn disse che il ghiaccio fu necessario per aiutare a preservare i corpi alieni dopo l'impatto. Lei collegò i fatti.

Molto interessate inoltre, è la conferma che ci furono dei cordoni militari attorno alla zona dei ranch presso il sito dell'incidente. Con i propri occhi lei vide militari armati, che non facevano passare la gente. Le strade erano state interdette nella zona. In seguito sentii in banca alcuni allevatori affermare di aver visto un lungo camion coperto di tela dirigersi verso la base.

Infine, lei rivelò di conoscere molto anche bene l'Ufficiale Walter Haut. Haut era Ufficiale presso il Roswell Army Air Field e fu colui che informò il pubblico circa lo schianto del "disco volante" in un primo momento. Rogene sostiene che la storia originale fu quella raccontata all'inizio e non quella ritrattata il giorno successivo. "So che Walter alla fine della sua vita confermò che il velivolo non proveniva dalla Terra. Walter finalmente disse la verità."

La vedova del Generale ha finalmente messo a posto la coscienza. Harry morì nel 2004. Egli non mi raccontò tutto quello che sapeva, ha affermato la donna. "Ma mi sono sentita di raccontare tutto quello che so. La gente dovrebbe sapere ciò che accadde realmente a Roswell."


[center]___________________________________________________________[/center]


[center][b][color=red][size=150]L’Affidavit di WALTER G. HAUT[/size][/color][/b][/center]

Si tratta di un documento ufficiale nel quale viene detto in modo esplicito cosa avvenne e di cosa fu testimone realmente l'Ufficiale:la caduta, il recupero e gli Occupanti del Disco precipitato aRoswell.
Da principio disse la verità ma quelle importanti rivelazioni dovettero essere subito coperte dal "Cover-up". Ora che è morto emerge la testimonianza diretta di quel che successe...

Quanto segue è l’affidavit ufficiale rilasciato da Walter Haut prima
della sua morte. Ne riportiamo il testo integrale:

DATA: 26 Dicembre 2002
TESTIMONE: Chris Xxxxxx
NOTAIO: Beverlee Morgan

(1) Mi chiamo Walter G. Haut
(2) Sono nato il 2 Giugno 1922
(3) Il mio indirizzo è 1405 W. 7th Street, Roswell, NM 88203
(4) Sono in congedo.
(5) Nel 1947 ero di stanza presso la Base Aeronautica di Roswell, New Mexico, come responsabile delle Pubbliche Informazioni della base. Trascorsi il fine settimana del 4 Luglio (sabato 5 e domenica 6) nella mia abitazione, a circa 10 miglia a nord della base, situata a sud della città.

(6) Venni a sapere che qualcuno aveva segnalato i rottami di un veicolo precipitato, verso metà mattina, dopo aver ripreso servizio alla base, lunedì 7 Luglio. Seppi che il Maggiore Jesse A. Marcel, responsabile dell’intelligence, era stato inviato ad investigare, dal comandante della base, il Col. William Blanchard.

(7) Nel tardo pomeriggio di quello stesso giorno, avrei appreso che erano pervenuti ulteriori rapporti civili, riguardo un secondo sito proprio a nord di Roswell. Trascorsi gran parte della giornata svolgendo le mie regolari mansioni, e a riguardo mi giunse poco altro all’orecchio.

(8) Il martedì mattina dell’8 Luglio, partecipai alla riunione dello staff, come da programma, alle 7:30. Oltre a Blanchard e Marcel erano presenti il capitano Sheridan Cavitt del CIC (Counterintelligence Corp), il Colonnello James I. Hopkins, addetto alle operazioni, il tenente Colonnello Ulysses S. Nero, ufficiale di complemento e, provenienti dalla Base aeronautica di Carswell, a Fort Worth, Texas, il capo di Blanchard, il Brig. Generale Roger Ramey e il suo direttore del personale, il Colonnello Thomas J. Dubose. L’argomento con priorità di discussione venne introdotto da Marcel e Cavitt, a proposito di un grande campo coperto da rottami nella contea di Lincoln, approssimativamente 75 miglia a nord-ovest di Roswell. Blanchard fornì un briefing preliminare sul secondo sito, a circa 40 miglia a nord della città. Campioni dei rottami vennero mostrati a tutti i convenuti. Erano diversi da qualsiasi tipo di materiale che io avessi o abbia mai visto in vita mia. Pezzi simili a lamine di metallo, sottili come fogli di carta anche se molto resistenti, e pezzi con impressi insoliti segni vennero fatti passare di mano in mano, mentre ognuno esprimeva le proprie opinioni. Nessuno fu in grado di identificare quei resti del crash.

(9) Una delle questioni più importanti discusse in riunione, riguardò la decisione di rendere pubblica la scoperta o meno. Il Gen. Ramey propose un piano, che credetti provenire dai suoi capi al Pentagono. Avremmo dovuto deviare l’attenzione dal sito principale, a nord della città, mentre avremmo reso pubblico l’altro. Ormai, erano coinvolti
troppi civili e la stampa era già informata. Non mi informarono con esattezza di come questo sarebbe avvenuto.

(10) Alle 9:30 circa del mattino, il Col. Blanchard telefonò nel mio ufficio e dettò il comunicato stampa in cui si dichiarava che avevamo in nostro possesso un disco volante, recuperato in un ranch a nord- ovest di Roswell e l’invio per via aerea, da parte di Marcel, del materiale ai quartier generali di più alto grado. Io avrei dovuto trasmettere il comunicato stampa alle stazioni radio KGFL e KSWS e ai quotidiani Daily Record e il Morning Dispatch.

(11) Una volta diffuso il comunicato stampa, il mio ufficio venne inondato da telefonate da tutto il mondo. La mia scrivania si riempì di messaggi, ma anziché occuparmi delle pressioni dei media, il Col. Blanchard mi suggerì di andare a casa e togliermi di mezzo.

(12) Prima di lasciare la base, il Col. Blanchard mi accompagnò personalmente al Building 84 (l’Hangar P-3) l’hangar dei B-29 situato sul lato est dell’area. Subito al primo approccio all’edificio, notai che era strettamente sorvegliato sia all’esterno che all’interno. Una volta dentro mi fu permesso di osservare, da una distanza di sicurezza, l’oggetto appena recuperato a nord della città. Era lungo approssimativamente dai 12 ai 15 piedi, non molto largo, alto circa 6 piedi e di forma ovoidale. L’illuminazione era scarsa, ma la sua superficie sembrava metallica. Non si vedevano finestre, portelli, ali, coda, o ruote per l’atterraggio.

(13) Da quella distanza potei scorgere anche un paio di corpi sotto un telone. Al di fuori del telone sporgevano solo le teste, ma non ne riconobbi i lineamenti. Le teste sembravano più grandi del normale e le curve del telone suggerivano le dimensioni di un bambino di 10 anni. Più tardi, nel suo ufficio, Blanchard stese il braccio a circa
quattro piedi dal suolo per indicarne l’altezza.

(14) Venni a sapere che era stato allestito un obitorio temporaneo per ospitare i corpi recuperati.

(15) Venni informato che il relitto non era “caldo” (radioattivo).

(16) Al suo rientro da Fort Worth, il Maggiore Marcel mi disse di aver portato alcuni rottami nell’ufficio del Gen. Ramey e, dopo essere tornato dall’ufficio cartografico, scoprì che durante la sua assenza dall’ufficio di Ramey, erano stati sostituiti con i resti di un pallone sonda. Marcel si mostrò molto contrariato dalla situazione. Non ne parlammo più.

(17) Mi fu consentito, almeno una volta, di visitare uno dei siti di recupero, mentre i militari ne effettuavano la bonifica. Tornai alla base con alcuni rottami che collocai nel mio ufficio.

(18) Venni a sapere che due squadre diverse tornarono su entrambi i siti, mesi dopo, per effettuare ulteriori ricerche di qualunque altra prova residua.

(19) Sono convinto che ciò che vidi con i miei occhi era un qualche tipo di velivolo e il suo equipaggio provenienti dallo spazio esterno.(20) Non sono stato pagato, né mi è stato dato alcunché di valore per il rilascio di queste dichiarazioni e questa è la verità, al meglio della mia ricostruzione dei fatti.

Firmato: Walter G. Haut
26 Dicembre 2002


(7 Agosto 2007 Tratto da Area51 n.23)
http://www.dnamagazine.it/affidavit-haut.html


[center]___________________________________________________________[/center]


[center][b]Traduzione a cura di http://ufoplanet.ufoforum.it[/b][/center]

[center][color=red][b][size=150]Gli scettici affermano che il caso di Roswell se ne iniziò a parlare quando fu menzionato in un libro nel 1980. Si sbagliano![/size][/b][/color][/center]

Gli scettici affermano che l'incidente UFO di Roswell non è mai stato menzionato o discusso prima del 1980 e se ne è iniziato parlare solo dopo attraverso la pubblicazione del libro "The Roswell Incident". In realtà, l'evento del 1947 avvenuto nel New Mexico è stato trattato in diversi modi e molte volte nel 1950, 1960 e nel 1970.

Gli oppositori della storia sostengono che i testimoni si fecero avanti solo quando la storia di Roswell diventò popolare grazie a numerosi libri, film, spettacoli televisivi, documentari andati in onda negli anni 1980 e 1990, quindi dopo molti anni dall'incidente. Costoro vorrebbero farci credere che dopo la prima pubblicazione della stampa dell'articolo del luglio 1947, nessuno disse qualcosa in merito fino al 1980. Facendo un esame della letteratura si possono trovare le conferme delle storie raccontate e ci rivela che l'episodio "alieno" era noto e fu discusso ben prima dell'esplosione del caso.

[b]WILHELM REICH – 1955[/b]

[center][img]http://ufoplanet.ufoforum.it/headlines_articoli_immagini_th/HL_PRD_8449/eva/reich22.jpg[/img][/center]
[quote][center]DR. WILHELM REICH[/center]
[/quote]

Il Dr. Wilhelm Reich era uno psichiatra e un psicoanalista che lavorò a stretto contato con Sigmund Freud. Noto per lo sviluppo delle teorie radicali legate ad una "energia vitale" denominate "energie organiche", Reich fu molto interessato inoltre al tema della vita extraterrestre ed agli UFO. Reich morì nel 1957, ma nel suo ultimo libro, pubblicato nel corso del suo ultimo anno di vita, fa riferimenti all'incidente di Roswell e agli UFO.

Nel 1957 nel suo libro "Contact With Space" Reich racconta di un viaggio del 1955 a Tucson in Arizona. In quel viaggio condusse "esperimenti energetici atmosferici" utilizzando un dispositivo progettato da lui chiamato "Cloudbuster" e altri strumenti per attirare gli UFO. Sulla strada verso Tucson, racconta di essere "stato costretto" a fermarsi presso un piccolo paese chiamato Roswell nel New Mexico. Reich decise di fare "osservazioni sul campo" proprio lì a Roswell. Nel libro del 1957, Reich specifica (anche se in modo breve) che nella zona di Roswell c'era "uno strano squilibrio" che interpretava come "energia UFO" relazionate a forze che chiamava


Ultima modifica di Bastion il 17/09/2010, 08:14, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 13898
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 02/02/2010, 15:07 
Di niente [:)]


Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 13898
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 02/02/2010, 16:39 
L'UFO NEL FILM DI CORBUCCI



Tempo fa si discusse in questo forum (ma anche in molti altri) di una breve dichiarazione che Christian De Sica fece durante la trasmissione "Che tempo che fa", esso sosteneva che il suo amico regista Sergio Corbucci e alcuni componenti della sua troupe durante le riprese di un film in Spagna furono protagonisti di un avvistamento UFO e, non solo, puntarono la telecamera (ad alta definizione) e catturarono l'evento.
Io condussi delle indagini a riguardo, e lo scrissi nel forum, che mi permisero di scoprire che il film era "Vamos a matar companeros", e che della ripresa dell'oggetto non identificato furono fatte due copie, perchè una fu richiesta dalla NASA e l'altra se la tenne il buon Corbucci, che la presentò durante una puntata di "Italia Sera" degli anni '80 (la registrazione della trasmissione "dovrebbe" risiedere negli archivi RAI, ma misteriosamente non se ne ha più traccia...chissà come mai...).
Alcuni ufologi del tempo, vista la trasmissione, chiesero, prima alla RAI, e poi alla NASA, di poter visionare la copia in loro possesso ma ricevettero risposta negativa (dalla RAI: "registrazione smarrita", dalla NASA: "documento top secret").
Trovai inoltre un riferimento che asseriva che Corbucci inserì in quel film una specie di cammeo, cioè l'UFO che "svolazzava" nel bel mezzo di una scena prima di fermarsi (immobile) sopra la troupe.
Rifacendo una breve ricerca, a distanza di alcuni mesi, mi sono accorto (con piacere) che non fui l'unico ad indagare in merito, ma altri come me incuriositi dall'accaduto andarono a fondo della questione.

Bene, un certo sig. Mario Maisto ha scandagliato con meticolosità il film e ha trovato la scena dell'UFO, ha prodotto un filmato e lo ha inserito su youtube.


L'INDAGINE DEL SIG. MARIO MAISTO

L'avvistamento viene testimoniato dall’intervista rilasciata recentemente dall’attore Cristian De Sica al programma TV “Che tempo che fa“.



Da come si deduce ancora dall’intervista, era possibile che il disco volante poteva stazionare ancora nella zona di ripresa cinematografica quindi ho provveduto a visionare il film alla ricerca di qualche oggetto non identificato e credo di averne trovato uno nelle scene finali del film come si può constatare dal video e dalle immagini che riporto seguentemente.



Le immagini relative “1#8243;, “2#8243;, “3#8243; e “4#8243; rappresentano l’analisi dell’oggetto non identificato inoltre dalle stesse immagini “2#8243; e “3#8243; si nota come l’oggetto non è fermo infatti ho preso come punto di riferimento una parte del suolo e si nota che l’oggetto si trova prima di questo punto di riferimento nell’immagine “2#8243; e poi si trova dopo lo stesso punto di riferimento nell’immagine “3#8243; quindi l’oggetto ha un moto proprio.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Cosa mi fa associare questo oggetto volante ad un UFO è la sua mancata associazione per la sua relativa forma con qualcosa di identificabile.
Per quanto riguarda l’avvistamento a cui si riferisce Christian De Sica, un copia del filmato girato volontariamente dalla troupe fu inviata, come già detto precedentemente, alla NASA mentre un altra copia si trova negli archivi della RAI infatti una volta è stata trasmessa in TV insieme ad un intervista del regista Sergio Corbucci nel programma televisivo “Italia sera” del 1984 condotto da Mino Damato e Enrica Bonaccorti.
Bisogna dire inoltre che l’ente spaziale NASA fu molto interessato al filmato girato dalla troupe in quanto esso fu realizzato con macchine da presa ad alta definizione da 35 mm inoltre alcuni ufologi hanno contattato la NASA per poter visionare il video ma la risposta fu che il materiale era “Top Secret” quindi una cosa che si potrebbe fare è di contattare la RAI per avere una registrazione della puntata in questione di “Italia sera”.


[align=right]Fonte: http://www.ivanceci.it/2009/07/16/avvis ... -corbucci/[/align]

___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Mario Maisto ha scritto:

Cita:
mar6mar1 ha scritto:



- Ho contattato un'altra persona via e-mail e mi ha dato delle informazioni che non posso passarvi ancora completamente poiché devo sapere per correttezza se posso postare quanto mi ha riferito però vi anticipo che è molto probabile che un membro del CUN potrebbe avere il filmato.



Ho avuto il permesso allora...la persona che ho contattato e il Prof. Corrado Malanga vi riporto quanto mi ha scritto nella e-mail che cortesemente mi ha inviato:


"sentii parlare per la prima volta del filmato a casa di Roberto Pinotti non meno di trenta anni fa perché Pinotti aveva parlato con Corbucci. NOn escluderei che Pinotti avesse il filmato conoscendo il soggetto Non mi ricordo ma mi pare che mi disse che aveva il filmato in VHS.
potrei però ricordarmi male. Se per caso Pinotti ha il filmato non lo dirà mai

malcor (Corrado Malanga)"



Mi permetto di aggiungere che il sig. Pinotti Roberto per chi non lo sapesse è il presidente del CUN (Centro Ufologico Nazionale) ed è stato accusato, secondo articoli e interviste di alcune persone, di essere in contatto con i servizi segreti passando così informazioni inoltre è stato accusato di non rendere pubblico tutto ciò che veniva scoperto dal CUN e quindi di trattenere informazioni non essendo così trasparente; molte di queste persone che lo hanno accusato si sono separati dal CUN e messi in proprio.




___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Deckard ha scritto:

..sembra che le affermazioni di De Sica abbiano colpito molti.
Se ne parla in alcuni forum:

http://cunnetwork.freeforumzone.leonard ... 320316&a=2

http://www.nntp.it/discussioni-ufo/1696 ... video.html ...da quest'ultimo, riporto uno stralcio interessante, ad opera dell'iscritto Reran:

"Mi sono documentato e ho fatto delle ricerche usando internet, ho scoperto che ci sono delle particolarità che definirei enigmatiche riguardo quelle riprese.

Di quel frammento di filmato furono fatte due copie. Una fu data alla NASA (che ne fece richiesta dopo che venne a conoscenza dell'accaduto) e una rimase allo staff di Corbucci.

Il fatto strano è che la copia rimasta a Corbucci non è più rintracciabile, Edoardo Russo dice che esiste ancora una videoregistrazione ma in realtà non è mai stata archiviata e non è possibile più recuperarla.

Il mistero si infittisce se consideriamo che quando fu chiesto alla NASA, da un gruppo di ufologi, anni fa, di poter visionare la copia che era custodita da loro, la risposta che ricevettero fu negativa perchè si trattava di documentazione catalogata top-secret.

Certo è vero che quasi tutto quello che viene gestito dalla NASA è considerato top-secret (anche le fatture per acquistare l'acqua per intenderci) ma questo non sminuisce la stranezza della risposta ottenuta."


La Rai possiede ancora l'intervista a Corbucci, un documento molto + importante delle affermazioni di De Sica, che comunque, salvo smentite, ha confermato con la sua parola l'esistenza del filmato e la veridicità dell'episodio (inteso come avvistamento). Non potendo imporre il Top Secret o nascondersi ridicolamente dietro scuse di archivi distrutti, almeno l'intervista potrebbero renderla di nuovo pubblica! [:(!]
Alcuni dicono che le riprese dell'ufo furono mandate in TV alcuni anni fa... [8] Dallo stesso forum, Edoardo Russo (C.I.S.U.) :

Storia vecchia e nota: lo stesso Corbucci ne parlò in TV e mostrò il filmato, anni fa (da qualche parte abbiamo anche la video-registrazione, ma per trovarla devo prima ricostruire almeno in che anno).

Storia vecchia e ...NOTA?? Sono daccordo sul fatto che andrebbe ALMENO più divulgata!



___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________

Cita:
Abbaidadore ha scritto:

L'INTERVENTO DI ROBERTO PINOTTI AL PROGRAMMA TELEVISIVO "UNO MATTINA"

Nella prima parte si trova il passaggio riguardante il filmato di Corbucci, nella seconda il resto dell'intervento. [^]

Parte 1:



Parte 2:




___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Mario Maisto ha scritto:

Una persona può essere valutata in due modi cioè dal punto di vista umano e dal punto di vista professionale, quindi dal punto di vista umano non posso e non devo giudicare il sig.Pinotti ma dal punto di vista professionale posso giudicarlo e lo posso fare in base ai fatti essendo i fatti quello che contano quindi dal punto di vista professionale il sig. Pinotti ha fatto qualcosa che non ha senso oppure nasconde qualcosa, non c'è dubbio che come dice qualcuno il sig. Pinotti ha passato tutta la vita a studiare seriamente il fenomeno UFO ma da quanto noto lo ha fatto per lui ma non per tutti perché, in riferimento al film del regista Corbucci, il sig. Pinotti ha avuto modo di vedere il filmato e se fosse stato professionale nel suo lavoro avrebbe mostrato il filmato pubblicamente poichè si è presentato al sig. Corbucci non per sfizio ma si è presentato come membro del CUN quindi la sua posizione era in quel momento di una persona che indagava e in base al suo lavoro di rendere pubblico ciò che scopriva altrimenti tra il CUN e i servizi segreti non ci passa niente, questi sono i fatti veri e non parole, faccio presente che il sig. Pinotti ha contattato di persona il regista Corbucci e sappiamo che il sig. Corbucci è andato in televisione a raccontare la storia dell'avvistamento quindi il sig. Pinotti da parte sua non ha avuto nessuna negazione per poter pubblicare il filmato quindi non ha nessuna scusante

Aggiungo un commento del Prof. Corrado Malanga in una sua e-mail che mi ha inviato:

"...Pinotti ha agganci con i servizi di informazione che devono averlo avvisato e lui compare miracolosamente in tv e miracolosamente parla di un caso di tanti anni fa.. il caso è pressoché impossibile hehehe"



In riferimento alla ricerca del filmato in questione, allora:

- Il sig. Pinotti ha contattato il regista Corbucci e ha visto il filmato dell'avvistamento:

- Il sig. Christian De Sica conosceva il regista Corbucci e ha visto il filmato.

- La NASA ha prelevato il filmato dopo che il regista Corbucci ha reso pubblica la faccenda cioè dopo l'uscita del film in questione cioè a giochi già fatti, non credo che il regista Corbucci avrebbe voluto avere qualche intoppo prima che il film uscisse a sua volta l'unico modo per la NASA di avere il filmato era quello di riceverlo dallo stesso regista Corbucci e ciò è avvenuto sicuramente dopo l'uscita del film e non prima per non rischiare un mancato permesso nel pubblicare il film in questione.

Ragazzi secondo me la ricerca del filmato in questione porta al regista Corbucci e quindi secondo me il filmato potrebbe essere ancora custodito dalla famiglia del regista.

Ho contattato tramite e-mail la moglie del regista cioè la sig.a Nori Corbucci ma non ho avuto ancora risposta.


___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Mario Maisto ha scritto:


Ho fatto un po' di ricerca in rete e ho trovato che l'Almería, luogo dove è stato girato il film in questione, è terra di UFO secondo l'articolo in spagnolo seguente:

http://www.ideal.es/almeria/20080420/cultura/almeria-tierra-ovnis-20080420.html

Sottolineo questa frase dello scrittore e investigatore J. J. Benítez:

Asimismo, Benítez argumentó que Almería es tierra de ovnis. «He trabajado mucho por estas tierras, por aldeas y desiertos y hay muchos casos de encuentros, aterrizajes, persecuciones, de encuentros con tripulantes casi como en todo el mundo, lo que pasa es que al ser una zona muy desértica, hay pueblos en el interior muy retirados de otros y por ello hay cierta tendencia a que se vean más en esos lugares, que en las grandes ciudades», añadió el investigador.

Traduzione:

Inoltre Benítez ha sostenuto che l'Almería è terra di UFO. "Ho investigato molto per queste terre, per villaggi e deserti e ci sono molti casi di incontri, atterraggi, persecuzioni, di incontri con equipaggi quasi come in tutto il mondo, ciò avviene perchè essendo una zona molto desertica in queste zone ci sono persone più isolate rispetto ad altre e per questo c'è una certa tendenza a guardare più in questi luoghi che nelle grandi città", ha aggiunto l'investigatore.

Informazioni sul dr. J. J. Benítez:

http://www.sunesis.ca/historicaljjbenitez.html



___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
mar6mar1 ha scritto:

Novità:

La notizia che la RAI non ha più le puntate di "Italia Sera" è falsa infatti ho trovato un commento in rete di lunedì 2 febbraio 2009 alle ore 11.58 che testimonia il contrario, il commento è della sig. Simona Camiolo che fa parte del coordinamento del CUN (Centro Ufologico Nazionale):

In riferimento alla puntata in questione della trasmissione TV "Italia Sera"

"Comunque questa sera su raisat Extra ( sky canale 120), alle 19,45, danno la replica della puntata."

-------------------------------------------------------------------------

Ragazzi avete notato che a 5:10 s dell'intervista del sig. Pinotti a "Uno Mattina" il sig. Pinotti dice che è stato ospite in una trasmissione RAI insieme al regista Corbucci dove il regista ha fatto vedere anche il filmato.

link del video dell'utente Abbaidadore:

Guarda su youtube.com


Inoltre la sig.a Simona Camiolo dice in un suo commento del lunedì 2 febbraio 2009 alle ore 9.45 nella stessa discussione del link precedente

"Mi ricordo quel video. Fu trasmesso parecchi anni fa, fine anni ottanta, in una trasmissione della RAI che precedeva il TG di prima serata. Mi pare che il titolo fosse Buonasera Italia o qualcosa del genere, condotto da Mino D'Amato ed Enrica Bonaccorti. In studio c'era Corbucci. Me lo ricordo bene perchè la qualità delle immagini era ottima."

Ciò vuol dire che durante la trasmissione TV "Italia Sera" è stato mandato in onda anche il filmato dell'avvistamento in questione.




___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Mario Maisto ha scritto:

Grazie alla collaborazione con Edoardo Russo, Massimo Valloscuro, Paolo Toselli e Giuseppe Stilo del CISU vi riporto i seguenti aggiornamenti:

- Articolo sulla vicenda con ulteriori informazioni:

Guarda su youtube.com


- La trasmissione di "Italia Sera" con ospite il regista Corbucci è del 25 novembre 1983.

- Nella puntata in questione oltre al regista Corbucci: il segratario attuale del CUN Roberto Pinotti ed il comandante G. Grilli.

- Il filmato mandato in onda nella puntata non è l'originale ma una copia;

- Si riferisce che sono stati avvicinati da due funzionari americani che hanno chiesto l'originale.

- Il regista Corbucci ha riferito anche che a 650 km di distanza (località Quenca?) hanno visto lo stesso oggetto, seguito da due aerei militari.




___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Perfo ha scritto:

Cita:
Edoardo Russo ha scritto:

Ciao tutti.

Mario Maisto mi ha risvegliato su questa vicenda. Due parole quindi a completamento di quanto da lui già accennato:

Cita:
Mario Maisto ha scritto:

Grazie alla collaborazione con Edoardo Russo, Massimo Valloscuro, Paolo Toselli e Giuseppe Stilo del CISU vi riporto i seguenti aggiornamenti:

- Articolo sulla vicenda con ulteriori informazioni:


Oltre al ritaglio del "Carlino sera" del 14 dicembre 1968, abbiamo poi recuperato nell'Archivio Stampa del CISU anche una "Gazzetta sera" dello stesso giorno, ma soprattutto l'intervista integrale di Corbucci (della quale quei giornali pomeridiani riportarono solo un estratto parziale), pubblicata sul quotidiano romano "Il Tempo" di quella mattina.

Cita:
- La trasmissione di "Italia Sera" con ospite il regista Corbucci è del 25 novembre 1983.


... e Massimo Valloscuro (all'epoca direttore della sede di Terni del CUN, poi coordinatore regionale umbro del CISU) ne registrò integralmente l'audio, che ora ha recuperato, convertito in formato digitale MP3 e girato a Mario Maisto, che sarà così gentile da trascriverlo...

Non pensate però che il caso fosse così anomalo, anche se rientra in un ben noto e clamoroso flap che in quell'estate travolse la Spagna con migliaia di testimonianze (e non poche foto, nonché un'intercettazione da parte dei caccia dell'Aeronautica) relative ad un oggetto piramidale in cielo, visto da un'ampia zona, come peraltro anche Corbucci aveva detto:

Cita:
- Il regista Corbucci ha riferito anche che a 650 km di distanza (località Quenca?) hanno visto lo stesso oggetto, seguito da due aerei militari.


Cuenca, esattamente...

Una delle tante fonti reperibili su Internet è ad esempio:

http://www.planetabenitez.com/ovnis3/1968madrid.htm

Saluti da




Saluti a te

Quelle che hai riportato sono sicuramente ottime notizie, vorrei però chiederti se avete cercato anche la videoregistrazione del programma sulla Rai che dovreste possedere, come si evince da qui http://www.ufoforum.it/topic.asp?rand=7055475&whichpage=1&TOPIC_ID=633#8064 nella parte in blu:


Cita:
Deckard ha scritto:

..sembra che le affermazioni di De Sica abbiano colpito molti.
Se ne parla in alcuni forum:


http://www.nntp.it/discussioni-ufo/1696 ... video.html ...da quest'ultimo, riporto uno stralcio interessante, ad opera dell'iscritto Reran:

"Mi sono documentato e ho fatto delle ricerche usando internet, ho scoperto che ci sono delle particolarità che definirei enigmatiche riguardo quelle riprese.

Di quel frammento di filmato furono fatte due copie. Una fu data alla NASA (che ne fece richiesta dopo che venne a conoscenza dell'accaduto) e una rimase allo staff di Corbucci.

Il fatto strano è che la copia rimasta a Corbucci non è più rintracciabile, Edoardo Russo dice che esiste ancora una videoregistrazione ma in realtà non è mai stata archiviata e non è possibile più recuperarla.

Il mistero si infittisce se consideriamo che quando fu chiesto alla NASA, da un gruppo di ufologi, anni fa, di poter visionare la copia che era custodita da loro, la risposta che ricevettero fu negativa perchè si trattava di documentazione catalogata top-secret.

Certo è vero che quasi tutto quello che viene gestito dalla NASA è considerato top-secret (anche le fatture per acquistare l'acqua per intenderci) ma questo non sminuisce la stranezza della risposta ottenuta."


La Rai possiede ancora l'intervista a Corbucci, un documento molto + importante delle affermazioni di De Sica, che comunque, salvo smentite, ha confermato con la sua parola l'esistenza del filmato e la veridicità dell'episodio (inteso come avvistamento). Non potendo imporre il Top Secret o nascondersi ridicolamente dietro scuse di archivi distrutti, almeno l'intervista potrebbero renderla di nuovo pubblica! [:(!]
Alcuni dicono che le riprese dell'ufo furono mandate in TV alcuni anni fa... [8] Dallo stesso forum, Edoardo Russo (C.I.S.U.) :

Storia vecchia e nota: lo stesso Corbucci ne parlò in TV e mostrò il filmato, anni fa (da qualche parte abbiamo anche la video-registrazione, ma per trovarla devo prima ricostruire almeno in che anno).

Storia vecchia e ...NOTA?? Sono daccordo sul fatto che andrebbe ALMENO più divulgata!





___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Edoardo Russo ha scritto:

Cita:
Perfo ha scritto:



Quelle che hai riportato sono sicuramente ottime notizie, vorrei però chiederti se avete cercato anche la videoregistrazione del programma sulla Rai che dovreste possedere, come si evince da qui http://www.ufoforum.it/topic.asp?rand=7055475&whichpage=1&TOPIC_ID=633#8064 nella parte in blu:


Cita:
Dallo stesso forum, Edoardo Russo (C.I.S.U.) :

Storia vecchia e nota: lo stesso Corbucci ne parlò in TV e mostrò il filmato, anni fa (da qualche parte abbiamo anche la video-registrazione, ma per trovarla devo prima ricostruire almeno in che anno).





Negli scambi di messaggi sull'argomento, che ci sono stati fra Maisto e il sottoscritto nonché sulla mailing list dei soci CISU, passo a passo si è arrivati a determinare il perché non ero riuscito a trovare né la registrazione nel nostro archivio video, né la schedatura della trasmissione nel nostro catalogo di tutto quello che di ufologico è passato in TV: contrariamente ai miei ricordi di 25 anni fa, la partecipazione di Corbucci avvenne in un anno (1983, come hanno precisato Paolo Toselli e Massimo Valluscoro) in cui ben poche persone disponevano di un video-registratore, e l'archivio video del CISU (attivato nel 1985) ancora non esisteva.

Di molte trasmissione degli anni 70 e 80 abbiamo quindi solo registrazioni audio.

La copia video del programma stiamo provando ad ottenerla (come ente di studio) dall'archivio RAI.

Saluti


___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
[color=red]Mario Maisto ha scritto:

Vi propongo la trascrizione dell'audio concesso dal CISU della puntata in questione di "Italia Sera", alcune parole non le ho trascritte a causa della non chiarezza dell'audio in alcune parti e quindi ho messo i puntini tratteggiati:

Intervistatore: … sentiamo intanto un'altra testimonianza quella di Sergio Corbucci regista abituato al colpo d’occhio e quando voglio dire colpo d’occhio, ha visto un UFO anni fa, come avvenne l’avvistamento?:

Corbucci: eh, si … stavamo girando un film di giorno verso il tramonto, stavamo facendo un primo piano ad un attore Volodymyr Palahniuk cioè Jack Palance guardo dietro di lui su in cielo vedevo uno strano oggetto, non io, non io solo io ma tutta la troupe, una strana campana come una trottola rovesciata con delle grosse, dei grossi palloni, trasparenti, il quale stava in cielo ed ondeggiava, praticamente è rimasta ferma là molto tempo io, riprendiamo subito la cosa, credevo che si trattasse di non so di un altro oggetto così non ho pensato …………. anche perché puoi essere fregato perché i casi di ………… con i marziani ………… chi ce pensa ……………. abbiamo girato questa cosa e così credevamo che fosse un semplice documento strano, tornando la sera a casa a Madrid vedemmo dei funzionari che riportavano che sulla città era stata avvistata una ……. e ne hanno fotografati alcuni che erano del tutto simili credo che ci siano,

Intervistatore: ecco vediamo il documento un attimo, Lucio testa per favore è possibile passare il documento, vediamo l’immagine che è stata girata dall’operatore del Corbucci

Corbucci: ecco questo è l’oggetto esattamente come vedete una specie di campana rovesciata che con queste grosse palle, fermo, mentre io calcolo che questo doveva essere circa minimo due o tremila metri forse di, forse di più perché se fosse stata ancora più lontano dovrebbe essere grande come una portaerei, la cosa strana che questi che vedi sono uguali a quelli che sono stati visti a Madrid,

Intervistatore: ecco questo non è il documento originale intanto perché, cosa è successo?

Corbucci: beh, la sera stessa rientrando a Madrid fui avvicinato da alcuni

Intervistatore: abbiamo detto funzionari

Corbucci: forse funzionari, insomma addetti all’ambasciata americana che mi chiesero di visionare il materiale originale che stava nel laboratorio, io acconsentii, il laboratorio diede questo materiale ma a me rimase la copia di quello che da tutta questa parte si vede che poi è tutto quello che, l’originale è poi si è

Intervistatore: scomparso, gli ufologi diranno che magari è custodito a Washington in qualche buco segreto

Corbucci: ecc la cosa, più che altro forse questo ma la cosa strana è che poi il giorno seguente io ne ho visto un altro questa è la cosa che ………. un pochettino, andando a girare in un’altra località il giorno seguente a circa 250 Km da là, …………. parlando dei fatti di cui parlavano tutti i giornali quella mattina arrivammo sul luogo di lavoro che era Cuenca …….. c’era un’altra volta lo stesso oggetto che stavolta purtroppo non avevamo la macchina da presa perché ancora doveva arrivare il materiale e questo oggetto ……… per molto tempo …………. e poi sparì …………… un quarto d’ora ……………



___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Mario Maisto ha scritto:

[size=150]Novità:

vi aggiorno sugli ultimi sviluppi tramite alcune parti delle e-mail tra me ed Edoardo Russo (CISU):

---------------------------------------------------------------


Edoardo Russo:

Ciao Mario.

Ti aggiorno sugli ultimi sviluppi dal lato spagnolo.

Un collega (J. Montejo) ricorda di aver letto un'intervista di Corbucci su una rivista di cinema, e sta cercando di ritrovarla. Ricordava anche una lettera di un testimone spagnolo apparsa sulla rivista "Karma 7" (una specie di "giornale dei misteri" spagnolo) nei primi anni '70.

Un altro collega spagnolo (L. Gonzalez) ha recuperato quella lettera, del 1973 e... è interessantissima: ne fu autore uno degli operatori spagnoli della troupe di Corbucci, che racconta con molti dettagli entrambe le osservazioni (quella filmata e quella successiva di Cuenca) nonché la vicenda dell'intervento degli americani (che avvenne non subito in Spagna ma poi a Roma, dopo l'intervista di Corbucci, cosa che la rende più credibile) e menziona anche la presenza durante l'avvistamento di un giornalista di quotidiano spagnolo, che dovrebbe aver riferito della cosa, ma non riesco a leggere bene la scansione microscopica e ho chiesto a Gonzalez di rimandarmene una più grande e leggibile.

Appena mi arriva, te la giro con la traduzione. Ho anche chiesto a Montejo copia della rivista cinematografica (e l'altra sera in riunione Paolo Fiorino mi ha detto che Corbucci ne ha fatto cenno anche in altre interviste, una delle quali apparsa in un libro di cinema, che ora cercherà di recuperare nella sua biblioteca).

Mario Maisto:

Ciao Edoardo

ottimo lavoro!

ma il regista Corbucci non ha affermato nella trasmissione di "Italia Sera" che stesso quella sera dell'avvistamento i funzionari andarono a prelevare la pellicola?
Citazione:

Intervistatore: ecco questo non è il documento originale intanto perché, cosa è successo?

Corbucci: beh, la sera stessa rientrando a Madrid fui avvicinato da alcuni

Intervistatore: abbiamo detto funzionari

Corbucci: forse funzionari, insomma addetti all’ambasciata americana che mi chiesero di visionare il materiale originale che stava nel laboratorio, io acconsentii, il laboratorio diede questo materiale ma a me rimase la copia di quello che da tutta questa parte si vede che poi è tutto quello che, l’originale è poi si è

Edoardo Russo:

ciao Mario.


At 17.05 19/12/2009, Mario Maisto wrote:

ma il regista Corbucci non ha affermato nella trasmissione di "Italia Sera" che stesso quella sera dell'avvistamento i funzionari andarono a prelevare la pellicola?
Citazione:

Come ti ho detto, la prima scansione della lettera su Karma 7 era microscopica e quasi illeggibile. Ora che ho una versione decente, in effetti dice che fu "unos dias despues de su llegada a Roca [rectius: Roma], fueron a visitarle unos individuos de la embajada americana para comprarle la pelicula; el se negò, y tras largas discusiones accediò a darles una copia", ovvero: "alcuni giorni dopo il suo ritorno a Roma, andarono a trovarlo dei tizi dell'ambasciata americana per comprargli la pellicola; lui disse di no, ma dopo lunghe discussioni accettò di dargli una copia", quindi:

1) il fatto avvenne a Roma e non in Spagna (e questo ha un senso proprio perché fu al suo ritorno a Roma che Corbucci rese pubblico l'avvistamento);

2) la fonte che lo riferisce è molto più vicina nel tempo (1973, 5 anni dopo i fatti) rispetto al racconto di Corbucci a "Italia sera" (1983, 15 anni dopo i fatti);

3) Corbucci non consegnò affatto l'originale ma una copia (che nei suoi studi romani poteva benissimo farsi), e questo dovrebbe mettere a tacere le varie illazioni che si sono scritte "in assenza di dati".

Mario Maisto:

Ciao Edoardo

ciò che dici ha completamente senso e va a confermare ciò che sembravano essere solo congetture, tutto diventa razionale e meno una storia da fantascienza, adesso la storia fila.

Quello che mi hai descritto va a confermare una mia deduzione che ho riportato anche su UFOForum:

Cita:
"ragazzi è un obbiettivo nostro quello di procurare il filmato trasmesso da "Italia Sera" ma è ovvio che per motivi di montaggio non è stato trasmesso tutto il filmato in questione nella trasmissione infatti il regista Corbucci ha affermato su alcuni articoli di aver ripreso tutta la sequenza la quale è durata molto inoltre dall'audio della trasmissione si deduce che il filmato sia stato trasmesso per non più di 3 minuti su 6 minuti di intervista con ciò voglio dire che anche se riusciamo a procurare il filmato trasmesso da "Italia Sera" è ovvio che non è completo.

Partendo dal presupposto che secondo la mia opinione il regista Corbucci non ha dato l'originale agli americani anzi gli ha fatto credere di aver dato a loro l'originale ma in effetti gli dato sicuramente la copia, il regista Corbucci aveva una grandissima esperienza sul campo cinematografico vi pare che ha dato l'originale agli americani? in effetti la notizia che lui avrebbe dato l'originale agli americani era comoda per lui infatti gli permetteva di tenere l'originale.

La dimostrazione sta nel fatto che così come si evince da alcuni articoli il regista ha voluto fortemente che il filmato fosse analizzato da esperti (sig. Pinotti e compagnia) cosa che ha fatto sicuramente in maniera privata infatti quando mi scrisse il prof. Malanga mi disse che il sig. Pinotti si era interessato a questo caso in maniera privata cioè il prof. Malanga non mi ha parlato di nessuna trasmissione TV inoltre i pochi che hanno visto il filmato intero hanno dato dettagli maggiori rispetto a quelli che hanno visto il filmato trasmesso da "Italia Sera" cioè hanno parlato di riflessi metallici (sig. Pinotti) e che l'oggetto stazionava sopra la troupe (sig. De Sica), vi pare che la troupe non abbia fatto delle zoommate? nessuno di quelli che hanno visto il filmato trasmesso da "Italia Sera" è rimasto particolarmente entusiasta di ciò che ha visto vuol dire che nel filmato di "Italia Sera" non c'erano particolari abbastanza per rimanerne entusiasti.

Il filmato secondo la mia opinione è in possesso della famiglia Corbucci."


Aggiungo una cosa, come ho detto nel commento di UFOForum, il regista Corbucci aveva una grandissima esperienza nel campo cinematografico e da quanto ne so i registi durante la realizzazione dei film cercano di non avere intoppi ed ovviamente di non crearseli per evitare ovviamente dei ritardi o mancati permessi di pubblicazione dei film quindi con ciò voglio dire che il regista Corbucci non avrebbe mai reso nota una storia simile durante la realizzazione di un film specialmente a qualche autorità o funzionari, c'era il rischio di possibile sequestro del materiale inoltre non credo alla storia che avrebbero dato l'originale perché su una bobina registrano tutto cioè nella stessa bobina doveva esserci sia l'avvistamento che gli spezzoni del film (ciò è anche avvalorato dal fatto che come racconta il regista a "Italia Sera" che l'avvistamento è accaduto mentre facevano il primo piano a Jack Palance durante le riprese del film) e con ciò, consegnare l'originale durante la realizzazione del film in Spagna significava consegnare anche il film e a sua volta non credo che il regista poi si sarebbe preso la copia quindi la cosa giusta da fare perché non erano in vacanza in Spagna ma stavano lì per guadagnarsi la pagnotta era di rendere noto il tutto solo dopo l'uscita del film per non avere ostacoli o perdite di tempo durante le riprese.

---------------------------------------------------------------


Quindi in definitiva:

- Il regista Corbucci ha consegnato in Italia il filmato ai funzionari della ambasciata americana e non in Spagna.

- Il regista Corbucci ai funzionari della ambasciata americana non ha consegnato l'originale cioè non ha consegnato il negativo della bobina.




___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Mario Maisto ha scritto:

Il resoconto testimoniale con le informazioni di cui parlavo nel precedente commento è il seguente:

Immagine

Questi sono relativi i dati:
pubblicato su "Karma 7" n. 10, agosto 1973, a pag. 64 (rubrica delle lettere).



___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Reran ha scritto:

Le conclusioni per il momento sono che:

1) quel giorno ci furono vari avvistamenti nella stessa zona (Spagna) in cui Corbucci filmò l'UFO, quindi se trattasi dello stesso oggetto bisogna dedurre che quello fu un giorno molto importante dal punto di vista ufologico (mi meraviglia che a suo tempo non si sia data la giusta rilevanza all'evento);

2) il caso volle che ci fosse in lavorazione un film e che il regista ebbe la scaltrezza di filmare l'UFO;

3) quel filmato era racchiuso nella bobina che comprendeva le scene girate in giornata, quindi estrarre il filmato ha comportato:

a) tagliare la pellicola riguardante il filmato (NEGATIVO);
b) svilupparla;
c) farne una copia (o forse due);

a sto punto abbiamo: un originale negativo e una o due copie positive;

Bisogna scoprire se ai "funzionari" è stato dato l'originale e che fine hanno fatto le copie.
E soprattutto perchè chi ha potuto visionare il filmato in maniera privata ha scorto dettagli che nella trasmissione "Italia Sera" non si vedevano.

Ma soprattutto: perchè NON si ha più traccia di questo filmato.




___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Reran ha scritto:

Cita:
mar6mar1 ha scritto:
Questi sono relativi i dati:
pubblicato su "Karma 7" n. 10, agosto 1973, a pag. 64 (rubrica delle lettere).

Un passo dell'articolo spagnolo, l'autore P.Gonzales scrive:

"El director, Sergio Corbucci, cuando marchò a Roma, se llevò consigo la pelicula rodada sobre el objeto. Pasarian dos anos despues cuando volvi a trabajar en una nueva pelicula on el mismo director, y un dia, comentando el hecho, me dijo que unos dìas despuès de su llegada a Roca, fueron a visitarle unos individuos de la Embajada americana para comprarle la pelicula; él se nego, y tras largas discusiones accediò a darles una copia."

Traduzione:

"Il regista, Sergio Corbucci, quando tornò a Roma, portò con sè il filmato con la ripresa dell'oggetto. Due anni dopo, quando sono tornato a lavorare per un nuovo film con lo stesso regista, un giorno, commentando il fatto, mi disse che un paio di giorni dopo il loro arrivo alla Roca, vennero a fargli visita alcune persone della Ambasciata americana per poter acquistare il filmato. [blue]Lui rifiutò, e dopo molte discussioni, decise di dare loro una copia.[/color]"


Quindi diede loro una copia. Quindi POSITIVA.
E dato che nella trasmissione "Italia Sera" fu fatta vedere, ovviamente, una copia POSITIVA (dato che non è possibile trasmettere il NEGATIVO), che fine ha fatto: l'ORIGINALE NEGATIVO ?!?

E perchè lui inizialmente rifiutò ? e perchè fecero "molte discussioni" ? e perchè questi "funzionari" avevano tanto a cuore il poter possedere questo filmato ?



___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Thethirdeye ha scritto:

Alcune riflessioni.....

Le pellicole negative di quel film potrebbero/dovrebbero essere teoricamente in possesso del produttore dell'opera e non del regista. Se la società di produzione è grande e famosa, potrebbe avere un archivio dove conservare il materiale. Diversamente, le pellicole potrebbero essere anche andate al macero... non dimentichiamo che i supporti analogici sono destinati al deterioramento. E solo la lungimiranza di case di produzione di un certo calibro può aver garantito, con l'avvento del digitale, un auspicabile riversamento delle opere prodotte su supporti più sicuri. Resta il fatto, negativo o non negativo, che di copie positive ne dovrebbero esistere almeno due. Tuttavia, a me sembra che la domanda più importate ancora non sia stata formulata. E cioè: esiste un "archivio privato" o "cineteca personale" del sig. Corbucci? La risposta, a mio avviso, non può che essere affermativa. In questo caso, il filmato, potrebbe essere stato conservato addirittura in formato Beta (visto che è andato in RAI in occasione della famosa trasmissione), o perlomeno in Super VHS e/o VHS per una plausibile archiviazione e/o visione del filmato stesso.


___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Il regista Sergio Corbucci e l'UFO nel suo film "Il Mercenario"

Un mistero cinematografico appartiene alla casistica dell'ufologia, tutto accade nel 1968 quando durante la realizzazione del film western "Il Mercenario" comparve un oggetto volante non identificato cioè un UFO o OVNI di forma ovoidale sul set cinematografico e la troupe del regista Sergio Corbucci lo filmò in tutta la sua apparizione, il fatto accadde di giorno verso il tramonto nella località di Torrelaguna a pochi chilometri da Madrid in Spagna.

A raccontare dell'evento è stato più volte il regista Sergio Corbucci il quale dopo l'evento dell'avvistamento al suo rientro in Italia dalle riprese in Spagna ha rilasciato varie interviste tra cui quella televisiva al programma TV della RAI "Italia Sera" del 25 novembre 1983 condotto dal sig. Mino Damato e dalla sig.a Enrica Bonaccorti in cui fu mostrato uno spezzone del filmato in questione dell'oggetto ovoidale, attualmente si possiede solo l'audio di tale puntata televisiva che testimonia a sua volta quanto detto riguardo la messa in onda del filmato dell'oggetto durante la trasmissione stessa mentre l'audio con le relative immagini cioè il video della puntata televisiva in questione al momento non è reperibile ma potrebbe risiedere negli archivi della RAI o negli archivi di un ente americano si parla della NASA (un ulteriore precisazione, sono varie le testimonianze in rete delle persone che hanno visto il filmato durante il programma TV in questione all'epoca nel 1983).

L'audio del video della puntata in questione di "Italia Sera" è stato realizzato all'epoca nel 1983 dal sig. Massimo Valloscuro a suo tempo membro del CUN (Centro Ufologico Nazionale) poi invece attualmente membro del CISU (Centro Italiano Studi Ufologici), tale audio fu realizzato su cassetta ed attualmente è stato convertito in formato MP3 dallo stesso sig. Valloscuro.

Il fatto per cui si possiede l'audio e non il video della puntata di "Italia Sera" in questione è spiegato successivamente dalle parole rilasciate in rete dal sig. Edoardo Russo membro del CISU:

"La partecipazione di Corbucci avvenne in un anno (1983, come hanno precisato Paolo Toselli e Massimo Valloscuro) in cui ben poche persone disponevano di un video-registratore, e l'archivio video del CISU (attivato nel 1985) ancora non esisteva.
Di molte trasmissione degli anni 70 e 80 abbiamo quindi solo registrazioni audio"

(Precisazione: il sig. Paolo Toselli è anch'egli membro del CISU)

E' possibile ascoltare nel link successivo l'audio della puntata in questione concesso dal CISU: http://www.youtube.com/watch?v=vOVXzRQR17E

E' riportata di seguito la trascrizione di una parte dell'audio concesso dal CISU della puntata in questione di "Italia Sera", alcune parole non sono state trascritte a causa della non chiarezza dell'audio in alcune parti e quindi in sostituzione ci sono i puntini tratteggiati:

TRASCRIZIONE


Intervistatore: … sentiamo intanto un'altra testimonianza quella di Sergio Corbucci regista abituato al colpo d’occhio e quando voglio dire colpo d’occhio, ha visto un UFO anni fa, come avvenne l’avvistamento?

Corbucci: eh, si … stavamo girando un film di giorno verso il tramonto, stavamo facendo un primo piano ad un attore Volodymyr Palahniuk cioè Jack Palance guardo dietro di lui su in cielo vedevo uno strano oggetto, non io, non io solo io ma tutta la troupe, una strana campana come una trottola rovesciata con delle grosse, dei grossi palloni, trasparenti, il quale stava in cielo ed ondeggiava, praticamente è rimasta ferma là molto tempo io, riprendiamo subito la cosa, credevo che si trattasse di non so di un altro oggetto così non ho pensato …………. anche perché puoi essere fregato perché i casi di ………… con i marziani ………… chi ce pensa ……………. abbiamo girato questa cosa e così credevamo che fosse un semplice documento strano, tornando la sera a casa a Madrid vedemmo dei funzionari che riportavano che sulla città era stata avvistata una ……. e ne hanno fotografati alcuni che erano del tutto simili credo che ci siano,

Intervistatore: ecco vediamo il documento un attimo, Lucio Testa per favore è possibile passare il documento, vediamo l’immagine che è stata girata dall’operatore del Corbucci

Corbucci: ecco questo è l’oggetto esattamente come vedete una specie di campana rovesciata che con queste grosse palle, fermo, mentre io calcolo che questo doveva essere circa minimo due o tremila metri forse di, forse di più perché se fosse stata ancora più lontano dovrebbe essere grande come una portaerei, la cosa strana che questi che vedi sono uguali a quelli che sono stati visti a Madrid,

Intervistatore: ecco questo non è il documento originale intanto perché, cosa è successo?

Corbucci: beh, la sera stessa rientrando a Madrid fui avvicinato da alcuni

Intervistatore: abbiamo detto funzionari

Corbucci: forse funzionari, insomma addetti all’ambasciata americana che mi chiesero di visionare il materiale originale che stava nel laboratorio, io acconsentii, il laboratorio diede questo materiale ma a me rimase la copia di quello che da tutta questa parte si vede che poi è tutto quello che, l’originale è poi si è

Intervistatore: scomparso, gli ufologi diranno che magari è custodito a Washington in qualche buco segreto

Corbucci: ecc la cosa, più che altro forse questo ma la cosa strana è che poi il giorno seguente io ne ho visto un altro questa è la cosa che ………. un pochettino, andando a girare in un’altra località il giorno seguente a circa 250 Km da là, …………. parlando dei fatti di cui parlavano tutti i giornali quella mattina arrivammo sul luogo di lavoro che era Cuenca …….. c’era un’altra volta lo stesso oggetto che stavolta purtroppo non avevamo la macchina da presa perché ancora doveva arrivare il materiale e questo oggetto …...... avvicinato anche da aerei militari ……. per molto tempo …………. e poi sparì …………… un quarto d’ora ……………


[align=right]Fonte: Articolo di Mario Maisto
Tratto da Ufoplanet.ufoforum.it
[/align]

___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Thethirdeye ha scritto:

Quindi avevo ragione a dire che la consegna della copia ai funzionari è avvenuta a Roma e NON in Spagna.

Cita:
secondo il resoconto testimoniale avvenuto ovviamente prima della trasmissione di "Italia Sera" si può evidenziare che:

- La consegna del filmato in questione ai funzionari dell'ambasciata americana avvenne a Roma e non in Spagna.

- Il regista Corbucci consegnò una copia ai funzionari dell'ambasciata americana.


Si potrebbe allora ipotizzare (ma vado semplicemente ad istinto), che la consegna della pellicola sia avvenuta nei laboratori/studi cinematografici della FonoRoma????..... http://www.fonoroma.com/home.php

Che storia.... [:)]

EDIT: questo i link con TUTTE le persone che hanno collaborato alla realizzazione:
http://www.imdb.it/title/tt0063293/fullcredits
http://www.imdb.it/title/tt0063293/maindetails
http://www.imdb.it/title/tt0063293/companycredits
http://www.imdb.it/title/tt0063293/technical

Una copia del filmato (in pellicola), imho, ce l'hanno questi....

Società di produzione

Produzioni Associate Delphos
Produzioni Associate Delphos Srl
Via Gregoriana,56
00187 Roma
Tel.: (+39) 066781335

Produzioni Europee Associati (PEA)
http://www.imdb.com/company/co0013844/

Profilms 21
http://www.screenweek.it/tag/Profilms%2021/produzioni




EDIT 2: una domanda sorge spontanea.... Pinotti nella trasmissione
recente di "uno mattina" ha parlato (al minuto 4:51), in riferimento
all'UFO di Corbucci, di OGGETTO OVOIDALE CON RIFLESSI METALLICI....



Mentre Corbucci parla nella vecchia intervista di:

Cita:
Corbucci: ecco questo è l’oggetto esattamente come
vedete una specie di campana rovesciata che con queste grosse
palle, fermo, mentre io calcolo che questo doveva essere circa
minimo due o tremila metri forse di, forse di più perché se fosse
stata ancora più lontano dovrebbe essere grande come una
portaerei
, la cosa strana che questi che vedi sono uguali
a quelli che sono stati visti a Madrid

Fonte: http://ufoplanet.ufoforum.it/headlines/articolo_view.asp?ARTICOLO_ID=8411&PG=1





Quindi???
Perchè questa discrepanza? [8]


___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________


Cita:
Mario Maisto ha scritto:

Ringrazio tutti infinitamente per i complimenti!


riguardo alla ricerca del filmato:

c'è stato un contatto con il regista e sceneggiatore Federico Caddeo il quale mi ha riferito che ha realizzato da poco un documentario sul film "Il Mercenario" che è uscito da pochi giorni come extra principale del dvd tedesco del film in questione, nel dvd ci sarà anche un intervista con l'attore Franco Nero che parla dell'avvistamento e delle cose che noi sappiamo, il regista Federico Caddeo mi ha riferito inoltre che in passato ha parlato anche con la sig.a Nori Corbucci e da quanto lui si ricorda la sig.a Nori Corbucci gli disse che era tutto nelle mani della Nasa.


Ultima modifica di Bastion il 03/02/2010, 09:17, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 

Astronave
Astronave

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 977
Iscritto il: 29/04/2009, 20:38
Località: Roma
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/02/2010, 09:29 
L'oggetto che passa dietro al cavallerizzo a me sa tanto di "effetto Blurfo". Ne ho parecchie anche io di foto così.

Blurfo: http://alieniemisteri.altervista.org/gli_orbs.htm

Ora guardate quanto si assomiglia agli oggetti nella mia foto:
http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ ... Terms=Roma


Ultima modifica di Semeru il 03/02/2010, 09:33, modificato 1 volta in totale.


_________________
...Diving from the sky above, looking for more and more...
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 13898
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/02/2010, 10:14 
ti consiglio di postarlo anche nella discussione dell'ufo di corbucci.


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 43624
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/02/2010, 13:49 
Io comunque, tutto questo clamore, per il filmato di Corbucci, non ce lo vedo (ecco percHè non l'ho mai postato...) [8)]



_________________
Immagine Ex Maresciallo - Operatore Radar (Difesa Aerea)
U.F.O. : un Mistero irrisolvibile (per l'uomo comune ...) viewtopic.php?p=363955#p363955 Un Topic unico e completo.
CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Per informazione: chi usasse FaceBook e desiderasse "parlare" solo di UFO, sono qui (anche come Mod.):
1) https://www.facebook.com/groups/notizia ... 5894072103
2) https://www.facebook.com/groups/294170607704531/
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 13898
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/02/2010, 14:57 
si, ma infatti il filmato interessante non è quello che è stato postato. La parte interessante l'ha "sequestrata" la NASA.... e questo è tutto dire...


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 43624
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/02/2010, 17:59 
Vabbèh, come tanti altri filmati ... e cose più importanti di un Affarino in cielo!



_________________
Immagine Ex Maresciallo - Operatore Radar (Difesa Aerea)
U.F.O. : un Mistero irrisolvibile (per l'uomo comune ...) viewtopic.php?p=363955#p363955 Un Topic unico e completo.
CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Per informazione: chi usasse FaceBook e desiderasse "parlare" solo di UFO, sono qui (anche come Mod.):
1) https://www.facebook.com/groups/notizia ... 5894072103
2) https://www.facebook.com/groups/294170607704531/
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Lo Storico dai mille nomiLo Storico dai mille nomi

Non connesso


Messaggi: 13898
Iscritto il: 01/10/2009, 21:02
Località:
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/02/2010, 18:34 
Esattamente. è proprio questo il punto... perchè la NASA si da tanto disturbo per un "affarino" in cielo? [:50]


Top
 Profilo  
 

Galattico
Galattico

Avatar utente

Nonno sapienteNonno sapiente

Non connesso


Messaggi: 43624
Iscritto il: 27/12/2007, 11:23
Località: BRESCIA (ma ROMANO)
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 03/02/2010, 20:06 
Perché l?"Affarino" sanno che è Qualcosa, ma volevo dire che hanno ben altri filmati! (E' una "collezione" in più ...) [8D]



_________________
Immagine Ex Maresciallo - Operatore Radar (Difesa Aerea)
U.F.O. : un Mistero irrisolvibile (per l'uomo comune ...) viewtopic.php?p=363955#p363955 Un Topic unico e completo.
CONSTATAZIONE di fatti e Cose che sembrano avvenire nei nostri cieli; IRRIPRODUCIBILI, per ora, dalla nostra attuale civiltà.
Per informazione: chi usasse FaceBook e desiderasse "parlare" solo di UFO, sono qui (anche come Mod.):
1) https://www.facebook.com/groups/notizia ... 5894072103
2) https://www.facebook.com/groups/294170607704531/
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3061 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 89, 90, 91, 92, 93, 94, 95 ... 205  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 19/08/2018, 13:50
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org