Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 42 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 21/03/2019, 03:00 
Cura per la cecità: il primo occhio bionico stampato in 3D


Immagine


¯
Per la prima volta al mondo un team di ricercatori è riuscito a riprodurre una serie di recettori di luce su una superficie semisferica. Il tutto con una stampante 3D.

Questa scoperta segna un passo significativo verso la creazione di un “occhio bionico” che potrebbe, molto presto, aiutare i ciechi a vedere.

La ricerca è stata pubblicata su Advanced Materials, una rivista scientifica riguardante la scienza dei materiali. “Gli occhi bionici sono generalmente considerati fantascienza, ma ora siamo più vicini che mai ad usare una stampante 3D multimateriale”, ha dichiarato Michael McAlpine, co-autore dello studio, professore associato di ingegneria meccanica all’Università del Minnesota.

I ricercatori hanno iniziato con una cupola di vetro semisferica per mostrare come potevano superare la sfida di stampare l’elettronica su una superficie curva. Usando la loro stampante 3D personalizzata, hanno iniziato con un inchiostro a base di particelle d’argento. La novità assoluta è che l’inchiostro è rimasto in posizione e si è asciugato in modo uniforme invece di scorrere lungo la superficie curva.

I ricercatori hanno quindi utilizzato materiali polimerici semiconduttori per stampare fotodiodi, che convertono la luce in elettricità. L’intero processo dura circa un’ora.

McAlpine ha dichiarato che la parte più sorprendente del processo è stata l’efficienza del 25% nel convertire la luce in elettricità ottenuta con i semiconduttori completamente stampati in 3D. “Abbiamo una lunga strada da percorrere, ma i nostri semiconduttori stampati in 3D stanno iniziando a dimostrare che potrebbero potenzialmente rivaleggiare con l’efficienza dei dispositivi fabbricati in strutture tradizionali”, ha affermato McAlpine.

McAlpine e il suo team sono noti per integrare la stampa 3D, l’elettronica e la biologia su un’unica piattaforma. Hanno ricevuto l’attenzione internazionale alcuni anni fa per la stampa di un orecchio bionico. Da allora, hanno stampato in 3D organi artificiali iper realistici per la pratica chirurgica; hanno sperimentato anche un tessuto elettronico che potrebbe servire come “pelle bionica”, stampato parti elettroniche direttamente su una mano in movimento, e molto altro.

Ma la spinta di McAlpine a creare un occhio bionico è un po’ più personale.

“Mia madre è cieca da un occhio e ogni volta che parlo del mio lavoro, dice: ‘Quando mi stamperai un occhio bionico?'”, ha detto McAlpine.

I prossimi passi sono molto chiari. Per prima cosa si deve creare un prototipo con più recettori di luce e ancora più efficienti. Il secondo passo è trovare un modo per stampare su un materiale semisferico morbido che può essere impiantato in un vero occhio.

L’occhio rappresenta, insieme al cervello, alla mano e ai collegamenti spinali, la vera sfida per la robotica e per la medicina intera.

In futuro potremmo ricordare problemi come la perdita di un arto o di un organo, come cose di un passato lontano. Tutti lo speriamo davvero.
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17907
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 21/03/2019, 13:14 
già li vedo i fanatici delle COSE NATURALI insorgere ed accendere le fiaccole qualora queste tecnologie diverranno realtà quotidiana. salvo dimenticarsi di protestare nel caso servisse a loro o ad un loro caro ^_^



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Non connesso


Messaggi: 4257
Iscritto il: 13/03/2016, 23:02
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 21/03/2019, 13:44 
MaxpoweR ha scritto:
già li vedo i fanatici delle COSE NATURALI insorgere ed accendere le fiaccole qualora queste tecnologie diverranno realtà quotidiana. salvo dimenticarsi di protestare nel caso servisse a loro o ad un loro caro ^_^

ULTERIORE arrampicata????? [:296]



_________________

“Non discutere MAI con un idiota: la gente potrebbe non notare la differenza.”(di Arthur Bloch)

Il cattivo qualche volta può anche recedere dalla sua cattiveria, MA l'imbecille non cessa mai di essere tale!

Niente è dannoso per una nazione come il fatto che i furbi passino per intelligenti. (Francis Bacon)
):•
Verba volant scripta manent! (Anche l'IP)
Top
 Profilo  
 

Rettiloide
Rettiloide

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 3339
Iscritto il: 21/12/2018, 19:11
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 22/03/2019, 17:22 
C'è gente che con 11/10 a due occhi non vede Chi ha difronte.



_________________
Qualcuno vuole vedere che fine fanno i ribelli?
https://www.scambiofigu.net/host/up/8dcda1bfb827.jpg
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 06/05/2019, 05:16 
In Svezia verrà testata la prima autostrada che ricarica veicoli elettrici


Guarda su youtube.com



¯
Il sogno di guidare senza ricaricare la propria vettura elettrica ha sempre stimolato ricercatori e imprenditori. In Svezia alcuni ricercatori stanno creando un’autostrada (Smart Road Gotland) dove i veicoli elettrici non potranno mai esaurire la batteria.

L’Autorità di trasporto svedese Trafikverke sta costruendo un tratto di strada di 1,6 km per testare come le auto potranno rimanere cariche, o addirittura ricaricarsi mentre viaggiano lungo le autostrade.

La Smart Road Gotland è essenzialmente una parte di una strada che ha pannelli di ricarica a induzione, o chiamata anche ricarica wireless, che si sviluppano sotto la corsia. Camion, autobus e macchine potranno ricaricarsi a patto che siano sulla corsia predisposta e che abbiano l’hardware necessario istallato sulla vettura.


Immagine


La Smart Road Gotland farà da test per valutare l’efficacia della tecnologia nel trasporto svedese. Secondo Jan Pettersson, program manager di Trafikverke: “Le strade elettriche rappresentano un importante contributo alla riduzione delle emissioni di CO2 causate dai trasporti. Dimostrare e valutare le nuove soluzioni è uno dei nostri passi più importanti nel nostro piano a lungo termine per una potenziale implementazione di rotte elettrificate sulla rete stradale.”
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17907
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 06/05/2019, 10:24 
finalmente si comincia a mettere a terra una nuova generazione di infrastrutture funzionali alle nuove tecnologie. Le strade asfaltate sono tecnologie di 100 anni fa.



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 16/05/2019, 01:03 
Le micro piante che ripuliscono l’aria 100 volte più velocemente


Guarda su youtube.com



¯
Gli scienziati sono riusciti a sviluppare la prima bio-tecnologia al mondo per ripulire l’aria inquinata della città con una efficienza scioccante. Una sola di queste micro piante potrebbe ripulire la stessa aria di 100 alberi.

Il nuovo sistema “BioSolar Leaf” utilizza la fotosintesi per purificare la stessa quantità di aria di 100 alberi, ma occupando lo spazio di un singolo albero.

Questo sistema di coltivazione facilita la crescita di piccole piante, come microalghe, diatomee e fitoplancton, su piattaforme di grandi dimensioni che possono essere installate in modo simile a pannelli solari sopra vari edifici. Quindi utilizzano la fotosintesi per aspirare i gas serra dall’aria e trasformarli in ossigeno pulito.

L’ideatore è Julian Melchiorri, giovane ingegnere romano che ha fondato a Londra la società Arborea. Ora, con l’Università del Regno Unito effettuerà i primi test pilota.
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17907
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 16/05/2019, 13:19 
Una cosa simile si sta sperimentando nella baia di New York per purificare le acque della baia reintroducendo milioni di ostirche che filtrando l'acqua col tempo la pontificheranno,



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 17/05/2019, 06:03 
Per bonificare le acque nella baia di NY e non solo, magari sarebbe più opportuno utilizzare un sistema come questo:


Morigasaki Water Reclamation Center


Guarda su youtube.com



¯
Durante il mio viaggio a Tokyo ho fatto visita al Morigasaki Water Reclamation Center, il più grande centro di bonifica delle acque del Giappone. Si occupa di circa 9 milioni di persone ogni giorno.

L’acqua trattata viene scaricata nella baia di Tokyo, ma parte dell’acqua trattata viene filtrata a sabbia e utilizzata all’interno dell’impianto per pulire e raffreddare macchinari e servizi igienici, oppure per gli impianti di incenerimento di Ota e Shinagawa.
I fanghi provenienti dal processo di bonifica delle acque vengono inviati tramite condotte pressurizzate all’impianto di Ota e Shinagawawa.

ll sistema è costituito principalmente da 3 strutture:

Fogne, che raccolgono e trasportano liquami.
Stazioni di pompaggio, dove le acque reflue vengono pompate in modo che le fogne non diventino troppo profonde.
Centri di bonifica dell’acqua, dove le acque reflue sono trattate come acqua pulita.
Le ispezioni, le pulizie e le riparazioni vengono eseguite quotidianamente per assicurarsi che ciascuna di queste strutture funzioni correttamente.


Immagine


Oltre a pulire l’acqua che viene sporcata nella vita quotidiana, dalle attività dei residenti di Tokyo, il sistema restituisce l’acqua ai fiumi e al mare e rimuove rapidamente l’acqua piovana dalla città, mettendo così al riparo da eventuali inondazioni.

Il sistema fognario svolge un ruolo fondamentale. Garantisce un ambiente di vita sicuro, grazie ad un sistema di circolazione dell’acqua sano e durevole. Ma soprattutto contribuisce all’ambiente, aiutando a ridurre l’uso di risorse naturali e il risparmio di energia utilizzando varie risorse nelle acque reflue e nelle strutture.

Il gas metano prodotto nel processo di trattamento delle acque reflue viene utilizzato come combustibile per la produzione di energia elettrica.

Un quarto di tutta l’energia usata nel centro è auto-generata con sistemi rinnovabili. Sebbene il centro sia immenso, il sistema è in gran parte automatizzato, e si riesce a tenere tutto sotto controllo con circa 100 persone.
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Stellare
Stellare

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 17907
Iscritto il: 08/07/2012, 15:33
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 17/05/2019, 13:34 
Cita:
Un miliardo di ostriche per ripulire il porto di New York
Progetto di scuola scienze marine, già messi 28 milioni bivalvi

Immagine

ROMA - Un miliardo di ostriche per ripulire l'acqua del porto di New York. E' l'obiettivo di The Billion Oysters Project, una iniziativa lanciata da una scuola di scienze marine della Grande Mela. Il progetto ha già piazzato sui fondali della foce dell'Hudson 28 milioni di bivalvi, e conta di arrivare a un miliardo nel 2035, coprendo 40 ettari. Lo scrive il sito della radio americana Npr.

Le ostriche filtrano l'acqua sporca e trattengono le particelle inquinanti. Ogni bivalve ripulisce da 110 a 190 litri al giorno. Secondo il progetto, un miliardo di ostriche potrebbe filtrare tutta l'acqua del porto di New York in tre giorni.

Il Billion Oyster Project è stato avviato nel 2008 da un insegnante di acquacoltura della Harbor School, una scuola di scienze marine di New York, Pete Malinowski. Il progetto alleva le ostriche in un vivaio nella scuola, usando come "casa" per le larve i gusci di ostrica ritirati dai ristoranti. Quando i bivalve sono cresciuti abbastanza, vengono messi in mare, formando vere e proprie scogliere.

Le ostriche, oltre a ripulire l'acqua, offrono un habitat a molti animali marini, e vengono mangiate da altri. Inoltre, le scogliere di bivalvi rallentano la velocità delle onde degli uragani, difendendo la città.

"Possiamo misurare un miglioramento nella qualità dell'acqua e vedere un impatto immediato sulla biodiversità ovunque piazziamo una scogliera", spiega Malinowski.

ANSA: http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/inquinamento/2018/10/15/un-miliardo-di-ostriche-per-ripulire-il-porto-di-new-york_97ced632-d5c6-48b9-8fe4-177f21bcb13f.html



supponendo 100 litri al giorno per ogni ostrica, un miliardo di ostriche filtrerebbero 100 miliardi di litri, presupponendo che non tutte le ostriche filtrino acqua totalmente sporca diciamo che i litri sporchi siano la metà e cioè 50 miliardi di litri al giorno sono un cifra STRATOSFERICA.

sono 50 milioni di m3 AL GIORNO! E senza dover impiegare un solo ampere di corrente per alimentare il tutto.

e il tutto senza le infrastrutture complesse di cui parli nel post sopra con relativi costi di gestione e manutenzione ed un periodo di vita utile limitato. Con la bioingegneria il lavoro lo fa la natura. Piazzi le ostriche nei posti giusto e non ci pensi più... Secondo me il futuro è lì ma mi rendo conto che a livello di PIL l'opzione giapponese "renda di più".



_________________
la prima religione nasce quando la prima scimmia, guardando il sole, dice all'altra scimmia: "LUI mi ha detto che TU devi dare A ME la tua banana. (cit.)
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 18/05/2019, 02:48 
Interessante con ciò che hai riportato e poi scritto.

Se è fattibile questo sistema, le ostriche potrebbero essere impiegate nel mar piccolo di Taranto (un'esempio tra molti)?
Anche se con il PCB presente in quelle acque (parlo di TA) la vedo molto dura.

Formato file: swf



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 

Pleiadiano
Pleiadiano

Avatar utente

Non connesso


Messaggi: 4375
Iscritto il: 04/12/2008, 01:10
 Oggetto del messaggio: Re: Dal Blog di Beppe Grillo
MessaggioInviato: 07/06/2019, 08:08 
Il primo apparecchio acustico controllato dal cervello


Guarda su youtube.com



¯
Il nostro cervello ha una naturale capacità di distinguere le singole voci in un ambiente rumoroso.

Alcuni ingegneri della Columbia University hanno sviluppato una tecnologia sperimentale che imita questa naturale capacità del cervello di rilevare e amplificare una voce tra molte altre. Hanno creato un apparecchio acustico dotato di intelligenza artificiale, controllato dal cervello, che funge da filtro automatico, discriminando le onde cerebrali dell’utente, e aumentando la voce della persona che si vuole ascoltare.

Sebbene sia ancora nelle prime fasi di sviluppo, questa tecnologia rappresenta un passo importante verso nuovi apparecchi acustici che consentano agli utenti di conversare con le persone che li circondano in modo ancora più chiaro. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati su Science Advances.

“L’area del cervello che elabora il suono è straordinariamente sensibile e potente; può amplificare una voce piuttosto che un’altra, apparentemente senza sforzo”, spiega Nima Mesgarani, autore principale della ricerca. “Creando un dispositivo che sfrutta la potenza del cervello, ci auguriamo che il nostro lavoro porti a miglioramenti tecnologici che consentano a centinaia di milioni di persone con problemi di udito in tutto il mondo di comunicare con la stessa facilità dei loro amici e familiari”.

I moderni apparecchi acustici sono eccellenti per amplificare il parlato e sopprimere determinati tipi di rumore di fondo, come il traffico. Tuttavia, hanno ancora problemi ad aumentare il volume di una voce rispetto ad altre.

La tecnologia di base di questo nuovo apparecchio è un algoritmo di separazione vocale in grado di riconoscere e decodificare una voce. Invece di affidarsi esclusivamente ad amplificatori esterni, come i microfoni, controlla anche le onde cerebrali dell’ascoltatore.

“In precedenza, avevamo scoperto che quando due persone parlano tra loro, le onde cerebrali dell’oratore iniziano a somigliare alle onde cerebrali dell’ascoltatore”.

Il team ha quindi combinato potenti algoritmi di separazione vocale con reti neurali. Hanno così creato un sistema che separa prima le voci dei singoli da un gruppo, quindi confronta le voci con le onde cerebrali dell’ascoltatore. La voce il cui schema vocale coincide più strettamente con le onde cerebrali dell’ascoltatore è amplificata rispetto alle altre.

“Fino ad ora, l’abbiamo testato solo in un ambiente interno”, afferma Mesgarani. “Ma vogliamo essere sicuri che possa funzionare altrettanto bene in una strada trafficata della città o in un ristorante rumoroso, così che ovunque gli utenti vadano, possono vivere appieno il mondo e le persone che li circondano”.
_



Fonte



Immagine




La lente capace di aumentare la vista di tre volte


Immagine


¯
Per zoomare basta fare l’occhiolino una volta. Assurdo? Con le lenti a contatto telescopiche sarà possibile farlo.

Queste lenti consentono a chi le indossa di passare dalla visione normale a quella ingrandita, aumentando la vista di 3 volte. L’ultimo prototipo, presentato all’AAAS Annual Meeting a San Josè, in California, potrebbe un giorno aiutare le persone con disabilità visive a recuperare pienamente la vista.

Le lenti potrebbero essere particolarmente utili per le persone con degenerazione maculare, problema che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Una condizione debilitante in cui le persone perdono gradualmente la visione centrale.

Sviluppato da un team guidato da Eric Tremblay, presso l’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia di Losanna, la lente a contatto rigida copre la sclera, o il bianco degli occhi, rendendola più grande. Al suo interno ci sono piccoli specchi di alluminio, disposti in un anello attorno al centro. Quando la luce fluisce attraverso, gli specchi fanno apparire gli oggetti 2,8 volte più grandi di quanto non siano realmente.

Per passare dalla visualizzazione ingrandita a quella normale, gli obiettivi, per ora, devono essere indossati con un paio di occhiali elettronici. Un occhiolino con un occhio fa passare gli occhiali alla modalità ingrandita. Strizzando l’occhio con l’altro occhio, l’impostazione torna normale.

Il prototipo per ora fa passare poca aria, e l’occhio rischia di rimanere senza ossigeno. Per questo oggi ci sono dei piccoli canali per ossigenare la retina, facendo passare l’aria necessaria. Ma già si sta lavorando ad una lente più piccola e magari un giorno indossabile come una lente a contatto.

Finora i ricercatori hanno testato la tecnologia con un modello meccanico a grandezza naturale dell’occhio che trasmette quello che vede sullo schermo di un computer. Con un migliore flusso d’aria, i ricercatori sperano di iniziare le prove sull’uomo molto presto.
_



Fonte



_________________
नमस्ते

•Skywatchate più che potete•

____________________________
Time to eat all your words
Swallow your pride
Open your eyes. (Tears for Fears)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino.

Se rovini i giovani cambi il futuro del mondo.【Argla di UfoForum】
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 42 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 21/09/2019, 19:27
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org