Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 152 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 11  Prossimo
Autore Messaggio

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio: UFO e Abductions - by cagliari79
MessaggioInviato: 20/01/2010, 19:56 
Apro questa discussione per postare qui tutti gli articoli ufologici che propongo da tempo.

PREGO TUTTI GLI UTENTI DI NON POSTARE QUI LE RISPOSTE, SE VOLETE COMMENTARE APRITE UNA DISCUSSIONE RIPORTANDO L'ARTICOLO INTERESSATO.
In questo modo il topic resterà pulito [;)]

OGNI RISPOSTA IN QUESTO TOPIC VERRA' CANCELLATA.


Grazie per l'attenzione [;)]



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 07:29 
Indice:



- Il mondo alieno degli intraterrestri: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85298
- Il caso Velez: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85299
- Probabile abduction?: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85300
- Il caso Gabalis: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259_ID=85305
- Il caso Chiles-Whitted: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85306
- Incontro con UFO n.1: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85310
- Spagna pubblica dossier top secret, I.R.3: topic.asp?whichpage=-1_ID=5259&REPLY_ID=85311
- Il Dr. Craigh McPherson e i velivoli alieni: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85315
- La saga delle EBE: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85409
- UFO - Inverno 1870 - New Hampshire: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85412
- Il caso Hickson - Parker: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85413
- José Bonilla UFO observation 12 August 1883: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85415
- Il caso Cahill: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85424
- Il caso Cauble: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85425
- Il caso Nash - Fortenberry: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85431
- Il caso Kenneth Arnold: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85432
- Il caso Rizzi: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85521
- Il "visitatore" dell'antico Egitto: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85525
- Il caso Wilson: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85625
- Il caso Facchini: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=85935
- Il caso Schirmer: topic.asp?whichpage=-1_ID=5259_ID=86180
- The Buff Ledge Abduction: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=86193
- Dentro l'Area 51: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=86378
- Il caso Doraty: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=86380
- MIB, Uomini in nero: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=86689
- Spionaggio ESP: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=86828
- Il caso di Prata Principato Ultra (AV): topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=87079
- Parla un creatore: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=87330
- L'uomo blu IR4 ed esperienze extracorporee: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=87338
- Il caso Taylor: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=87411
- Il fenomeno degli UFO triangolari: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=87423
- Lo strano incontro a Clifton Bore: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=87625
- Il caso Ilkley Moor: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=88094
- Il caso Khoury: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=88105
- Il caso Andrews: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=88241
- Il caso Reeves, John: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=88491
- Las Vegas UFO Crash, 18 aprile 1962: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=88927
- Aereo della Marina incontra UFO gigante: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=89302
- 1947-Portland, Oregon, Flying Saucers Seen; Multiple Witnesses: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=89843
- Il caso Botta: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=89965
- B-17 incontra nove UFO: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=90121
- Pilota avvista 6 luci UFO sopra Morristown: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=90374
- Dossier progetti segreti USA: UFO e IAC: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=90377
- Il dottor Dan Burish: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=90734
- L’UFO crash di Kingman: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=91416
- Avvistamenti UFO da parte degli Astronauti: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=91539
- Un UFO evitò la catastrofe di Chernobyl: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=91829
- Il caso Diaz: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=92127
- Hyouryuukishuu l’UFO nella storia giapponese: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=92273
- Aerei incontrano UFO MidWest 1996: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=92334
- UK: rilasciati nuovi documenti declassificati sugli UFO: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=92459
- "Entità" avvistata Dearborne County, IN (1/24/04): topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=93089
- Timmensdorfer UFO Crash: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=93431
- Chihuahua UFO Crash: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=93559
- Intervista a Sixto Paz Wells: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=94175
- PTERIGIO il "marchio" dei rapiti?: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=94183
- Incontro Alieno a Holloman: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=94692
- L’UFO crash di Kecksburg: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=94887
- L’avvistamento di Bonaiai: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=95407
- Il contatto di Sid Padrick: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=95869
- Le luci di Lubbock: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=96554
- Ispettore doganale filma UFO, Perù 1952: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=97029
- La notte in cui un "occupante" fu colpito: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=97247
- Il caso Villas Boas: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=98246
- Dan Burish: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=100725
- Il caso Lotti: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=103289
- Dan Sherman, Governo Americano e comunicazioni ALIENE: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=120021
- Intervista a David Wilcock, cosa accadrà nel 2012: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=121774
- Le abduction di Ellie Bryson: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=122472
- Robert Duncan O'Finioan - Ultimate Warrior: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=122877
- Il caso D’Ambros: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=123464
- Jumproom per Marte, conversazione con David Wilcock: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=123982
- Bob Dean, un Ufficiale e gentiluomo: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=124245
- Raymond Bernard, La terra cava: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=124349
- L'UFO di Montreal: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=124478
- Il caso Lorenzini: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=125272
- La voce di un'intelligenza aliena: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=125278
- Il caso Ummo: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=125396
- Gli Ufo giocarono con i treni russi: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=125604
- Ufo "mangia-aerei" in Russia: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=125608
- I 40 anni dell'Ufo di Westall: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=125722
- Il caso di TTE: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=126042
- Il caso Wolski: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=126236
- Il caso Wright - Wood: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=126419
- Le vicende dei bambini di Harare e degli alieni "acefali" di Voronezh: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=127195
- L'incontro "particolarmente" ravvicinato di due camionisti russi: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=127556
- L'abduction di Antonio La Rubia: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=128251
- Piccoli ma spietati (mutilazioni animali e umane): topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=128376
- Gli Extraterrestri? Vengono da Alpha Centauri: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=130867
- Il caso Marcelletti: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=142913
- 1976, l'UFO di Teheran: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=143139
- L'abduction di Linda Cortile: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=143766
- Il sogno di arrivare sulla Luna (Cosa hanno detto gli extraterrestri): topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=145895
- J.F. Kennedy e gli UFO: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=145930
- La luna nera: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=145998
- Timothy Good, alieni di aspetto umano sono tra noi: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=146139
- Il caso dell'Ufo di Coyne: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=146148
- Il caso Lori Lothian: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=151438
- In viaggio tra voi e l'universo: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=152389
- Il mistero delle mutilazioni: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=162943
- Mitologia aliena, quando gli alieni scoprirono la Terra: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=170519
- La storia degli ufonauti russi: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=174867
- Contenitore di corpi e anime di luce: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=175042
- Il caso Ufo avvistato dal volo 1628 Japan Airlines: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=176159
- 1978 - I più importanti casi UFO in Italia: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=176162
- Il controverso UFO crash di Kecksburg: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=176973
- UFO, due stranissimi casi di ostilità: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=176987
- Il caso Fogle: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=177394
- Il caso Atkins/Coudon: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=177415
- L'armata UFO di Farmington: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=177757
- UFO e piloti, i casi italiani: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=178128
- L'UFO di Kofu: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=178211
- Il cover up in Spagna: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=178684
- UFO sorvolano installazioni militari: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=178689
- Il caso Cossioli: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=178821
- UFO on the road: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=179194
- Cile 1969, un UFO causa il terrore in un paese: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=179387
- L'abduction di Antonio La Rubia: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=179939
- Quando Papa Giovanni XXIII incontrò un alieno: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=180377
- L'incontro di Aarno Heinonen e Esko Viljo: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=180388
- La grande onda: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=181644
- Le abductions di Saro De Santis: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=181897
- Le abductions di Mike Stevens: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=182097
- Il caso Jim. G.: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=183419
- Aereo Alitalia avvista UFO su Londra (1991): topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=184037
- Le abductions di Carla Batista: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=185315
- Ochate, il borgo maledetto: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=187456
- Gli UFO nel Medioevo: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=192550
- I caccia smaterializzati - Puerto Rico 22/12/1988: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=193394
- L'Ufo della foresta di Rendlesham: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=196565
- Intervista a Gordon Cooper: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=202492
- Il caso Julies Finch: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=206267
- La storia di Lisa: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=208655
- Gli alieni di Bayan Kara Ula: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=213944
- Riepilogo dell'intervista a Emma Woods: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=229505
- Eisenhower disse NO: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=229727
- Accadde a Muroc: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=229729
- Il caso di Ignacio de Souza: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=264766
- Il caso Trancas - topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=277070
- 1976 - The Allagash Waterway Abduction - topic.asp?rand=7055475&whichpage=9,6&TOPIC_ID=5259#340691
- 1976 - I Rapimenti Kentucky - topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=5259&REPLY_ID=342065
- Intervista ALL' EX CAPO DELLA SICUREZZA DELLA BASE DI DULCE E. T. COSTELLO - viewtopic.php?p=395111#p395111
- L’AEREONAUTICA BRASILIANA AMMETTE INDAGINI SUGLI UFO - Colares 1977 - viewtopic.php?p=395777#p395777
- I caccia smaterializzati – Puerto Rico 22 Dicembre 1988 - viewtopic.php?p=401188#p401188
- Le luci di Tinley Park - viewtopic.php?p=406032#p406032


Ultima modifica di zakmck il 21/11/2015, 16:40, modificato 2 volte in totale.
Aggiornamento indice



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 07:38 
Il mondo alieno degli intraterrestri

Da secoli, nel folklore amerindo, vi è traccia di misteriosi indios dalla pelle bianca a custodia di perdute città sotterranee e di gotte inviolabili quanto inaccessibili. Tra verità e leggenda, ecco la cronaca documentale dei "figli degli dei".



di Alfredo Lissoni

La leggenda di certe misteriose gallerie fra Centro e Sudamerica, che ospiterebbero civiltà perdute, gira da oltre mezzo secolo anni sia negli ambienti esoterici che nei più paludati circoli archeologici, oltreché che fra gli esploratori; in tempi più recenti, con l'aumentato interesse per le storie di UFO e alieni, esse hanno avuto gli onori della ribalta grazie ad un libro del saggista svizzero Erich Von Daeniken, "Il seme dell'universo" (Ferro edizioni, 1972), in cui si raccontava la storia, completamente inventata, dell'esistenza di caverne scavate millenni or sono dagli alieni in Ecuador. Von Daeniken sosteneva di essere stato portato nelle grotte della Cueva de los Tajos dall'archeologo Juan Moricz, e di avervi trovato tesori, gioielli raffiguranti astronavi ed un tavolo e sette scranni in pietra, istoriati nella notte dei tempi. A seguito di queste rivelazioni, si mossero oltre duecento spedizioni archeologiche da tutto il mondo, ma si scoprirono solo delle grotte levigate da un fiume, senza traccia alcuna di E.T.
Tuttavia, nel 1978, un libro dei documentaristi Marie-Th#65533;r#65533;se Guinchard e Pierre Paolantoni ("Les intraterrestres", gli intraterrestri; Lefeuvre edizioni) rilanciava la leggenda. Questa volta a parlare era "Yan", pseudonimo di un archeologo ungherese che avrebbe trovato, nella zona peruviana di Madre de Dios l'accesso al mondo sotterraneo degli "intraterrestri".
"Esistono, io li ho visti", sottotitolava il libro, che mostrava una serie di foto sfuocate delle caverne ed i disegni di due grotte sotterranee, contenente la prima una colonna di quarzo brillante in grado di rischiarare l'ambiente (e realizzata dagli intraterrestri); la seconda, il tavolo ed i sette troni citati da Von Daeniken nel suo libro del 1972. In realtà, osservando la foto di "Yan", pur se sfuocata, si
notava una straordinaria rassomiglianza con l'archeologo Juan Moricz!
Facile dunque pensare che fosse quest'ultimo (che ha sempre negato il suo coinvolgimento con lo scrittore svizzero) ad inventare ed a spacciare ai vari turisti per caso improvvisati la storia (peraltro identica) dei sette scranni del mondo sotterraneo!


Indios dalla pelle bianca

Tutte leggende, dunque? Forse. E forse no. Già nel 1941 due americani, David e Patricia Lamb, dopo un viaggio in Chiapas (Messico), sostenevano di avere scoperto una tribù di indios molto agguerriti, di bassa statura, di pelle chiara, che erano i guardiani di una vasta rete di gallerie sotterranee; vennero ricevuti dal presidente Roosevelt, che volle sapere ogni dettaglio.
Tali indios, secondo alcuni ufologi, sarebbero i discendenti degli alieni scesi nel Continente America nella notte dei tempi, ed incrociatisi con i locali. Un celebre esploratore d'inizio secolo, il colonnello inglese Percy Fawcett, sparito nel Mato Grosso alla ricerca del "mondo sotterraneo", confermò nel suo diario l'esistenza di indios amazzonici dalla pelle bianca. "A Jequie, un centro piuttosto grande che esportava cacao a Bahia, un vecchio negro di nome Elias José do Santo, ex ispettore della polizia imperiale, mi raccontò di indiani dalla pelle chiara e dai capelli rossi che vivevano nel bacino del Gongugy, e di una città incantata che trascinava sempre più avanti l'esploratore, finché svaniva come un miraggio. Seppi poi dei Molopaques, una tribù scoperta a Minas Gerais in Brasile nel secolo XVII; avevano la pelle chiara e portavano la barba; le loro donne avevano capelli biondo oro, bianchi o castani, piedi e mani piccoli, occhi azzurri".
La vicenda degli indios bianchi è confermata anche da un altro esploratore, il professor Marcel Homet, archeologo, paleontologo, antropologo ed etnologo francese. Quest'ultimo, durante l'esplorazione dell'Amazzonia brasiliana, nella zona dell'Urari-Coera, si era imbattuto in due indios sbucati dalla foresta. "Senza alcun preavviso", scrisse Homet nel libro "I figli del sole" (MEB edizioni), "la cortina di foglie della giungla si aperse e ci apparvero due indios bellissimi. Ci studiavano con attenzione, infastiditi dal fatto che puntassimo loro contro i nostri fucili. Ebbi agio di osservarli attentamente. Erano esseri umani di forme bellissime. Dove avevo visto degli esseri simili? Ma certo, in Arabia! I nasi aquilini, le fronti spaziose, gli occhi grandi, spalancati, ed il colore chiaro della pelle...Erano uomini di razza bianca, veri mediterranei, progenitori, contemporanei o parenti di questa razza".
I due indios vennero in seguito identificati da una delle guide del professor Homet come Waika, membri di una tribù assai poco conosciuta, "pericolosi e crudeli combattenti" che avevano la curiosa usanza di rapire donne dalla pelle bianca con cui accoppiarsi, forse per preservare il colore della loro pelle, oltremodo insolito in quelle regioni selvagge.
Homet citava anche un cercatore d'oro a nome Francisco Raposo, che nel 1743 si sarebbe imbattuto, ad oriente del fiume amazzonico Xing in due indios di una tribù sconosciuta, che alla sua vista se la diedero a gambe. Quegli indios avevano la pelle bianca.
La presunta tribù che vivrebbe nell'Amazzonia peruviana sarebbe stata oltremodo feroce.
Nell'estate del 1979 il Radio Club Peruviano di Cuzco segnalava di avere perso i contatti con una spedizione francese avventuratasi nel dipartimento di Madre de Dios; sfortunatamente, non era questo il primo caso. Tutte le spedizioni che si erano avventurate in quella zona, alla ricerca di una sperduta città precolombiana, erano scomparse misteriosamente. Nel caso dei francesi, l'ultimo messaggio da questi inviato diceva: "Siamo attaccati da una tribù sconosciuta di indios bianchi, alti almeno due metri", gli stessi da secoli presenti nel folklore sudamerindio.


Il regno del Gran Paititì

"Ero proprio in Venezuela, ai confini dell'Amazzonia colombiana, l'anno in cui la notizia rimbalzò su tutti i giornali brasiliani. Si trattava di questo: erano state avvistate, da due passeggeri di un bimotore che stava sorvolando la zona, tre piramidi di più di cento metri d'altezza, disposte in forma triangolare e situate sull'estesissima frontiera del Brasile. Su questa bomba giornalistica si erano buttati anche Erich Von Daeniken e Jacques Cousteau". A parlare è la linguista ed archeologa dilettante basca Mireille Rostaing Casini che, nel suo libro "Archeologia misteriosa" (Salani) racconta: "La storia non finiva qui. Ai primi del 1979 erano state fotografate da un aereo dodici piramidi, grandissime, nella foresta del dipartimento peruviano di Madre de Dios, anch'esso confinante con il Brasile. Queste fotografie le mostrano in collocazione simmetrica, le une vicine alle altre, in due file di sei.
Le piramidi si trovano in una regione dove si pensa sia esistito un grandissimo e potente impero, detto del Gran Paititì, e di cui non si sa praticamente nulla se non che nel suo territorio si trovavano enormi ricchezze in oro ed una grande quantità di tesori nascosti. Un indio mi disse che in questa zona esiste un passaggio nella collina denominata Tampu-Tocco, attraverso il quale si passa ad altri mondi situati nelle viscere della terra".
La storia delle dodici piramidi del Gran Paititì scatena da anni polemiche infuocate. La prudenza è dunque necessaria. Diversi esponenti dell'archeologia e della scienza ufficiale, in testa lo stimatissimo geologo brasiliano Aziz Nacib Ab'Saber, e che hanno sorvolato la zona in elicottero, ritengono trattarsi soltanto di curiose formazioni rocciose, coperte di vegetazione. Costoro disconoscono quanto fotografato nel 1975 dai satelliti meteo Landsat: un'area piana, ellittica, al cui interno sembra proprio di vedere dodici strutture piramidali in duplice fila; fra i sostenitori, i membri della spedizione francese di Thierry Jamin, che il 21 luglio 1998 sarebbe dovuta partire per la zona conosciuta come Pantiacolla, l'antica Paititì. All'ultimo minuto la spedizione saltò, per l'improvviso dietro front degli sponsor.


La cronaca di Akakor

Esiste dunque, nel cuore dell'Amazzonia, una civiltà perduta, forse nemmeno umana, legata al culto delle piramidi? Piramidi, come sottolinea la Rostaing Casini viste le foto, non di tipo azteco ma egizio? E’ difficile sostenerlo, ma da un mio collaboratore, il fisico salvadoregno Luis Lopez spesso a spasso per le Americhe, ho ottenuto ulteriori elementi. "Durante alcune mie ricerche in Salvador", mi ha raccontato Lopez nel maggio del 1993 " ho incontrato un archeologo italiano, Mario P., che da anni lavora in Perù. Quest'uomo, appartenendo all'establishment scientifico ufficiale e temendo il ridicolo, ha preteso il riserbo; mi ha raccontato di avere visto degli UFO nella zona e di avere scattato delle foto a certe bruciature circolari; Mario ha aggiunto che questi fenomeni sono ricorrenti nella foresta amazzonica al punto che gli indios, affatto spaventati, hanno ribattezzato i visitatori spaziali gli incas, intesi come appartenenti ad una razza superiore, di signori, come sono considerati gli antichi incas".
"Non solo", prosegue Lopez. "L'archeologo ha anche scoperto una serie di scheletri umani lunghi due metri, appartenenti ad una razza sconosciuta.
Questa scoperta è per ora mantenuta top secret e non so se e quando essa verrà divulgata".
Se così fosse, ed ammesso che la leggenda degli indios bianchi tale non sia, quale è la loro misteriosa origine? La risposta la troviamo in un altro libro, la "Cronaca di Akakor" (Edizioni Mediterranee) del giornalista e sociologo bavarese Karl Brugger (assassinato in circostanze misteriose nel 1984). Brugger conobbe bel 1972 a Manaus, in Brasile, il capo indio - bianco di pelle - Tatunca Nara, a suo dire discendente di una mitica tribù "spaziale", gli Ugha Mongulala. Secondo il racconto di Tatunca Nara, i Mongulala vivevano nel cuore dell'Amazzonia, sin dalla notte dei tempi, "in piccoli gruppi, in caverne e grotte, camminando carponi". Poi, nell'anno 13500 a.C. del nostro calendario, "erano giunti gli Dei. Essi portarono la luce". "Gli stranieri", ha raccontato il capo indio a Karl Brugger, "apparvero all'improvviso nel cielo su brillanti navi d'oro. Segnali di fuoco illuminarono la pianura; la terra tremava ed il tuono risuonava sulle colline. Gli uomini si prostrarono con stupore e profondo rispetto davanti ai potenti stranieri, che vennero ad impossessarsi della terra".
"Gli stranieri dissero che la loro patria si chiamava Schwerta, un mondo lontano nella profondità del cosmo. A Schwerta viveva la loro gente, ed essi erano partiti di là per visitare altri mondi, e portarvi la loro scienza. Schwerta era un immenso impero, formato da mondi numerosi come i granelli di polvere di una strada. I visitatori ci dissero che ogni seimila anni i due mondi, quello dei nostri Primi Maestri e la nostra terra, s'incontreranno. E che allora gli Dei torneranno. Dovunque sia e qualsiasi forma abbia Schwerta, con l'arrivo di questi visitatori dal cielo cominciò sulla terra l'Età dell'Oro".
I Maestri, come vennero prontamente ribattezzati dagli indios, "vennero sulla terra con 130 famiglie, per liberare gli uomini dall'oscurità. E loro accettarono e riconobbero gli uomini come fratelli. I Maestri fecero stabilire le tribù nomadi e divisero lealmente ogni frutto della terra. Pazientemente e senza stancarsi, ci insegnarono le loro leggi, anche se gli uomini facevano resistenza, come bambini ostinati. Per questo loro amore verso gli uomini, per tutto quello che diedero ed insegnarono noi li veneriamo come i nostri portatori di luce. I nostri migliori artigiani riprodussero le loro immagini per testimoniare in eterno la loro grandezza. Così sappiamo come erano fatti i nostri Signori Anteriori".
"I Signori di Schwerta", racconta Tatunca Nara, "erano simili agli uomini. Il loro corpo esile ed i tratti del volto erano molto delicati. Avevano la pelle bianca ed i capelli neri con riflessi blu. Portavano una folta barba e come gli umani erano vulnerabili, perché fatti di carne. C'era però un particolare segno fisico che li distingueva dagli abitanti della Terra: essi avevano alle mani e ai piedi sei dita. Questo era il segno dell'origine divina".
I Maestri, prosegue il capo indio, non erano terrestri. Tatunca Nara, nel ricostruire per Karl Brugger l'intera storia del suo popolo, divideva decisamente il periodo dei visitatori spaziali (peraltro corrispondente, secondo alcune fonti, alla reale nascita della civiltà egizia) dal successivo arrivo di esploratori bianchi: i goti, nel 570 d.C., gli spagnoli, nel 1532, i nazisti, nel 1941. I Maestri "tracciarono canali e strade, seminarono piante nuove, sconosciute a noi uomini. Insegnarono ai nostri primitivi antenati che un animale non è solo una preda da cacciare, ma anche una preziosa proprietà, che allontana la fame. pazientemente trasmisero loro il sapere necessario per comprendere i segreti della natura. Sorretti da questi principi, gli Ugha Mongulala sono sopravvissuti per millenni a gigantesche catastrofi e guerre sanguinose".


Visitatori dal cosmo

Grazie agli Schwerta, gli Ugha Mongulala costruirono un impero che si estendeva dal Perù al Brasile al Mato Grosso (la regione ove scomparve Fawcett). I Maestri, secondo Nara, conoscevano le leggi dell'intero cosmo. Unendosi carnalmente con gli indios, generarono la tribù degli Ugha Mongulala, gli "alleati eletti". Costoro, eccezion fatta per le sei dita, nei tratti somatici ricordavano molto i visitatori. Ecco dunque spiegata la presenza di indios bianchi, più o meno alti, nel cuore della foresta amazzonica?
Gli alieni costruirono diverse città, e molte piramidi, "un mezzo per raggiungere la seconda vita". Un "brutto giorno" gli dei dovettero ripartire. Erano in lotta con un altro popolo dello spazio. "Nel 10481 a.C. gli Dei lasciarono la Terra", disse Nara. "Le navi dorate dei nostri Primi Maestri si spegnevano nel cielo come le stelle. La fuga degli Dei gettò il mio popolo nell'oscurità. Fummo attaccati da esseri estranei simili agli uomini, con cinque dita ma con sulle spalle teste di serpenti, tigri, falchi e altri animali. Disponevano di una scienza avanzatissima che li rendeva uguali ai primi Maestri. Tra queste due razze di Dei scoppiò una guerra. Bruciarono il mondo con armi potenti come il sole. Ma la previdenza degli Dei salvò gli Ugha Mongulala dalla distruzione". I visitatori di Schwerta costruirono nel sottosuolo amazzonico tredici dimore sotterranee, disposte secondo la costellazione da cui provenivano. E convinsero gli indios a rifugiarsi dentro caverne scavate nella roccia, e murate dall'interno. Con questo espediente gli indios sarebbero scampati alle devastazioni planetarie scatenate dalle lotte fra dei, come pure a successivi cataclismi e perfino all'avanzata dei conquistadores.
Questo elemento mi è stato in parte confermato da un'esploratrice italiana che ha condotto diverse spedizioni in Perù, la milanese Elena Bordogni. "Durante una spedizione", mi ha raccontato, "incappammo in un camminamento che costeggiava una montagna e che fiancheggiava un burrone. Sul sentiero si vedevano, pietrificate, le orme dei piedi dei sacerdoti che anticamente percorrevano quella via. Con grande sorpresa ci accorgemmo che ad un certo punto il sentiero si interrompeva dinanzi ad una parete liscia della montagna. Solo in seguito, scoprendo che le grotte erano state murate dall'interno, capimmo dove finissero quelle impronte di pietra". Si trattava delle grotte Mongulala?
Anche la Rostaing Casini ha scoperto, nelle tradizioni orali peruviane, testimonianze dell'improvvisa fuga e scomparsa degli Ugha: "Secondo le tradizioni dei mistici, circa 6000 anni or sono si sarebbe verificato un terribile cataclisma che avrebbe indotto una parte dei Mongulala a rinchiudersi nel fitto della foresta; altri avrebbero invaso i territori costieri dell'oceano Pacifico, sedi di civiltà preincaiche, per poi imbarcarsi verso ignoti lidi. Alcuni si sarebbero stanziati nell'Isola di Pasqua".
La storia degli Ugha Mongulala è una miniera per gli appassionati di archeologia misteriosa. I Maestri di Schwerta vengono descritti da Tatunca Nara come esseri "dal volto splendente" . La stessa definizione viene fornita dal patriarca ebraico Enoch, allorché racconta di essere stato rapito in cielo dagli angeli. Sia gli angeli di Enoch che gli Schwerta dei Mongulala si accoppiarono con le donne della Terra. Gli Schwerta avrebbero poi colonizzato "il grande fiume Nilo" ed avrebbero nascosto nella foresta amazzonica un disco volante! "La macchina volante", racconta Tatunca Nara, "brilla come l'oro ed è fatta di un metallo a noi sconosciuto. E’ un grosso cilindro e può ospitare due persone. Non ha vele né remi ma vola più veloce dell'aquila, attraverso le nubi".
Ancora, gli Schwerta costruirono le piramidi sudamericane ed egizie "con certe macchine che potevano sollevare il masso più pesante, tenendolo sospeso come per magia; lanciavano fulmini accecanti e fondevano le rocce".
Gli Schwerta erano portatori di pace. La loro fuga rappresentò la fine per gli Ugha Mongulala, distrutti dalle guerre civili prima, dai terremoti poi ed infine costretti dall'arrivo dei conquistadores all'esilio perenne, nelle caverne sotterranee scavate dagli Dei. "Ma gli Dei torneranno", dichiarò Tatunca Nara a Brugger, prima di tornarsene nella sua patria misteriosa. "Torneranno per aiutare i loro fratelli, gli Ugha Mongulala. L'alleanza tra questi due popoli sarà rinnovata, e i nostri discendenti si incontreranno di nuovo. Allora ritorneranno i primi maestri...".

Sarà così davvero?


http://isole.ecn.org/cunfi/Caverne_Aliene.htm


Ultima modifica di cagliari79 il 21/01/2010, 07:38, modificato 1 volta in totale.


_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 07:42 
Il caso Velez


Seppur risalente ad otto anni fa, questa intervista rilasciata a NOVA online da John Velez mantiene intatta tutta la sua importanza. Velez, uno dei più famosi e rispettati addotti americani, ha ricostruito sotto ipnosi le sue esperienze di contatto.
http://www.pbs.org/wgbh/nova/aliens/johnvelez.html

Immagine


Vorremmo subito chiederti a cosa somigliano questi alieni, come sono fatti...

Immagine Ne ho visti di tre tipi differenti. I piccoli Grigi sono alti da 90 cm a un metro e dieci. La loro testa è a forma di pera rovesciata, con un mento appuntito e grandi occhi neri che girano sul lato della testa. Il corpo è sottile, magro, le braccia sembrano quasi di gomma. Non sono come le articolazioni di un bambino o qualcos’altro che abbiamo qui. Sono davvero magri e sottili.

Immagine Un’altra tipologia di alieni è più piccola, sono alti forse 60 cm, ed indossano questi indumenti grezzi, sembrano fatti di iuta... ed hanno la pelle blu, o a volte porpora, comunque è molto scura (di solito vengono definiti Java, N.d.R.). Poi c’è una versione più alta dei Grigi descritti prima, con grandi occhi, che normalmente sono adibiti alle procedure mediche. Oppure, se c’é qualche comunicazione da fare, se ne incaricano loro.


Qual è la cosa che colpisce di più del loro aspetto?

Gli occhi. Oh, gli... (ride). Cosa ti colpisce? Gli occhi. Essi parlano con i loro occhi. Quando tu guardi nei loro occhi, ti ci potresti perdere. Sono molto profondi, e ti parlano. I loro occhi parlano. Comunicano con te tramite lo sguardo. Si avvicinano molto quando parlano. Vengono a pochi centimetri dal tuo viso, il loro volto è là. E i loro occhi sono tutto quello che vedi, ne avverti lo sguardo.


Descrivici, così come ti ricordi, alcuni dettagli del veicolo spaziale, sia da fuori che internamente.

Immagine Bene, ebbi un avvistamento ravvicinato da sveglio (si trattava di un IR3, N.d.R.) nel 1978, quando vidi una luce. Era un’enorme luce senza forma, anche se la sagoma rammentava un po’ un pallone da football. Non era visibile un velivolo all’interno di questa luce, che si muoveva molto lentamente sopra il tetto di un edificio, ed era forse a... il velivolo doveva trovarsi circa a 20, 25 metri da me. Si muoveva molto lentamente e svanì dietro il tetto. Tempo dopo, durante una regressione ipnotica, ricordai di aver visto un vero e proprio velivolo. Si trattava del classico disco metallico a forma di piatto rovesciato, con una cupola sopra. C’era una luce rossa molto forte che gli ruotava in cima, e una verde in basso. Una volta vidi anche un velivolo triangolare, grosso e di color nero. Un’altra volta invece vidi una grossa sfera arancione di luce. Ma non so cosa ci fosse dentro la luce. Questi sono gli oggetti che ho ricordato tramite la regressione ipnotica.


Potresti dirci come inizia la tipica esperienza di abduction? I primi momenti, quando ti accorgi che sta accadendo qualcosa. Come ti senti fisicamente?

Immagine Normalmente inizia con delle luci, oppure un suono basso e vibrante. La stanza viene inondata di luce. A volte alla luce si associano suoni bassi, oltre una sorta di sensazione di “elettricità” nell’aria. Quindi inizio a sentirmi molto, molto pesante - come se pesassi dieci tonnellate - oppure congelato, immobilizzato. A quel punto, di norma questi piccoli esseri, i Grigi che ho descritto prima, entrano nella stanza e mi portano a bordo del velivolo. Non sempre, ma spesso avviene una sorta di check-up del mio fisico, o una procedura del genere. Hanno preso diversi campioni di sperma da me. Inoltre mi hanno impiantato apparecchi di cui ignoro lo scopo e l’origine nel mio cervello e nel mio corpo. Di solito c’è sempre una sorta di comunicazione, nel corso dell’abduction. Mi sono state mostrate scene apocalittiche di distruzione della Terra, e i risultati del nostro inquinare e depredare il pianeta: alluvioni, incendi, disastri di ogni genere. Penso che mi mostrassero quelle scene perché rappresentavano il risultato del nostro interferire con l’ordine naturale del pianeta. Una tematica ricorrente nelle mie esperienze di abduction.


Parlaci ancora della parte iniziale dell’esperienza di abduction: quella sensazione di paralisi....

Immagine Bene, penso che la maniera migliore di spiegarlo sia quella di raccontarvi una mia esperienza recente. Stavo tornando a casa una sera. Vidi una strana luce sopra un palazzo, che sparì dietro i tetti. Rammento che mentre scendevo dal palazzo, divenni molto spaventato e paranoico, sentendomi come se da un momento all’altro qualcuno o qualcosa stesse per saltare fuori da un cespuglio e aggredirmi o ferirmi in qualche modo. Quando mi trovai a soli tre o quattro metri dal portone di casa, da dietro delle piccole siepi che la costeggiavano, vidi sbucare tre o quattro piccoli esseri che si posizionarono proprio di fronte a me, in modo che potessi vederli. La mia prima reazione fu di confusione. Non sapevo cosa stavo guardando. Forse, qualche strano tipo di animali, forse gatti senza pelle. Non riuscivo a figurarmi di cosa si trattasse. Ma quando realizzai che non erano nulla di umano, il panico mi pervase, così intensamente da impedirmi di respirare o di muovermi. Non saprei dire se la paralisi che provai fosse provocata da loro mentalmente o se fu solo causata dalla mia paura, fatto sta che non mi potevo muovere. Ma è normale che i primi momenti di esperienze simile generino una confusione iniziale, quindi shock, paura e terrore. Poi una calma olimpica scende su di te. Diventi molto calmo. E provi la sensazione di riconoscerli. Rammentai di averli già visti in precedenza, e tutta la paura venne spazzata via.


Hai mai avuto un’esperienza in cui hai tentato di lottare o urlare? E se sì, come avvenne?

Sì, due volte. Venni prelevato dal mio letto una notte. Mi portarono fuori di casa. Questi esseri avevano letteralmente la capacità di attraversare muri, porte, oggetti solidi. Non so se grazie a qualche tipo di apparecchio o cos’altro, ma possono attraversare gli oggetti. E quando attraversammo il muro posteriore della mia casa, riguadagnai momentaneamente il mio normale stato di coscienza, e iniziai a combatterli con tutta la forza che avevo. Ero in uno stato di puro terrore e panico. Gli urlavo contro: “Questo è reale! Voialtri siete veri! Tutto questo sta accadendo davvero!” E uno dei piccoli esseri che vi ho descritto prima, quelli con la pelle blu, tirò fuori quella che sembrava una specie di antenna chiusa di un’automobile, e con essa mi toccò la fronte. Ne uscì una luce accecante. Il mio intero corpo divenne flaccido e molle, e divenni completamente incapace di reagire. Ma per quei pochi istanti ero lucidissimo e lottai. Erano davvero molto forti. Non riuscii a scappare, né riuscii a fargli male in alcun modo. Poi tirarono fuori questa specie di “pungolo da bestiame” per umani, che era un giocattolino davvero pratico.


Allora è probabile che tu sia stato coinvolto in esperienze che avevano a che fare con esperimenti genetici. Ne sei stato parte?

Sì. In diverse occasioni ricordo che mi ritrovai soggetto a delle procedure che riguardavano il prelievo di seme. Ero su di un tavolo operatorio, immobilizzato. Venivo indotto all’erezione, anche se dovete tenere a mente che non c’era passione sessuale o sentimenti collegati al fatto: era una procedura molto fredda. Rammento che mi sentivo molto rigido e dolorante nella zona inguinale. Essi avevano un apparecchio a forma di cono attaccato alla parete tramite un lungo tubo flessibile (lo stesso descritto da Strieber, visibile nel film Communion, N.d.R.). Lo piazzarono sui miei genitali. Sperimentai una sensazione di pizzicore elettrico, e poi l’orgasmo. Il seme veniva raccolto da quell’apparecchio. Gli alieni di solito esprimevano il loro compiacimento per il risultato: erano euforici. Dopo un’ora di procedure mediche, venni guidato in un’altra stanza attraverso una serie di corridoi. Appena entrato nella stanza, mi apparve completamente spoglia. Era rettangolare, e tutto, dalle pareti al soffitto, era in metallo. Niente sui muri. Poi le pareti si sollevarono verso il soffitto, rivelando file su file su file di contenitori. Non so se erano fatti di vetro, plexiglass o plastica, ma erano comunque recipienti, pieni di un liquido verde chiaro e luminoso, e ognuno conteneva, attaccato con fili e altro, un piccolo ibrido. Erano in sospensione là dentro, e per un secondo pensai che fossero solo dei “modelli”, senza vita. Invece venni inondato telepaticamente dalla presenza delle loro menti e delle loro intelligenze. Intendo dire che ero cosciente di essere in presenza di una intelligenza superiore, là. Ed essi erano coscienti della mia presenza, sapevano che ero là. Ma a guardarli, veniva da pensare che erano morti, sembravano dei modellini infilati in giare. Ci dovevano essere dieci o quindici file una sull’altra. E gli scaffali su cui stavano i recipienti erano profondi, entravano nel muro per un bel pezzo. Quindi là ci dovevano essere centinaia di quegli esseri. A quel punto, dalla parte opposta della stanza, sei di quelle creature aliene giunsero con un carrello. Tre di loro portavano dei bambini ibridi, due ognuno. Una creatura ne portava uno, e me lo mostrò. Me lo porse, chiedendomi se lo volevo prendere. Era molto piccolo, forse 25 centimetri, e sembrava molto fragile. Potevo tenerlo nelle mani chiuse a coppa. Avevo paura che mi cadesse. E a quel punto mi venne detto che questi sette esserini - che erano femmine, benché non vedessi genitali di sorta - erano la mia progenie.


Come te lo dissero?

Mi diedero quella creaturina e mi fu detto che quella che stavo tenendo nelle mani, e le altre sei in braccio a quelle “bambinaie”, erano mie.


Come fecero gli alieni a comunicartelo?

Sentii tutto nella mia mente. Essi comunicano telepaticamente. Ti trasmettono il pensiero, e tu lo senti nella tua testa. Quello che sentii allora nella mia mente e che ricordai in regressione ipnotica, è una specie di sussurro molto leggero e un po’ raschiante. Le loro voci sembrano bisbigli nella tua mente.


Ci puoi fare un esempio?Un esempio?

(ride) Certo! Sai, c’è sempre qualcuno che ti rassicura e ti calma. E quello che tu senti sussurrato da una voce delicata è: “Stai bene, nessuno ti farà del male, questo non ti farà male”. Sai, frasi rassicuranti di questo genere.


Cosa hai provato nel sapere che si trattava di esseri creati con il tuo seme, che li avevi generati tu?

Piansi. Ero terribilmente sconvolto. E lo sono ancora. Gli dissi: “Come possono essere mie? Esse (Velez non usa mai il termine “figlie”, N.d.R.) non sono umane! Non sembrano umane!” ed io ero terribilmente sconvolto perché sapevo che le avrebbero portate via da me, lontano. Non si trattava di una progenie che avrei potuto crescere, proteggere, tenere. Non avrei saputo come farlo, a ogni modo. Ma il senso di perdita era enorme.


C’è un disaccordo tra i ricercatori, come dovresti sapere, sui veri propositi di queste visite. Tu cosa pensi, perché gli alieni sono qui?

Beh, la mia è solo una congettura. Penso che nessuno lo sappia per certo, con l’eccezione degli alieni stessi e forse del vecchio Zio Sam (il Governo USA, N.d.R.), ma quelli non parlano. Personalmente penso che queste creature siano sempre state qui. Penso che il loro ruolo basilarmente sia sempre stato quello di prendersi cura di noi, una sorta di guardiani. Credo che la loro razza sia incapace di riprodursi da sola, e che abbiano vissuto una relazione simbiotica con la razza umana attraverso i secoli. Hanno bisogno di noi per riprodursi. Credo che gli ibridi siano proprio questo: solo altri di loro. Non ho l’autorità per dire se provengono da un altro pianeta o no - forse in origine - e quale sia il loro proposito ultimo. Certo, tutto questo potrebbe essere il preambolo di un’invasione, per quello che so. Ma la mia personale sensazione è che essi sono preoccupati per lo stato “fisico” del mondo. La Terra è in un guaio serio. E credo che siano anche terribilmente preoccupati per le nostre tendenze suicide, come razza. Quello che stanno facendo? Sai, noi ci stiamo dirigendo verso l’oblio senza preoccuparcene minimamente. E credo che loro siano stati forzati dagli eventi ad interagire.

http://noiegliextraterrestri.blogspot.com/2009/01/rapito-dagli-ufo-propongo-questa.html



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 08:24 
Probabile abduction?



UFO: LA MIA ESPERIENZA (08/07/2009)

Immagine

Prima di raccontare l’accaduto volevo precisarvi che quello che vi sto per dire è un fatto realmente accaduto. Sinceramente non mi interessa che voi mi crediate, so solo che non ci sarebbe motivo di scrivere quello che è successo senza che la cosa fosse successa realmente. Volevo anche precisarvi che in questi giorni a me, a dei miei cari e a dei miei amici (e a dei loro cari) stanno accadendo fenomeni stranissimi e paranormali. Specchi rotti, sogni strani, tv digitale non funzionante, dolori strani e fenomeni di MISSING TIME. Questi episodi si stanno susseguendo da lunedi e sono sfociati stanotte in un qualcosa che mi ha fatto rabbrividire e che non dimenticherò mai in tutta la mia vita.


MERCOLEDI 8 LUGLIO – ORE 02.30

Torno a casa dopo aver festeggiato il compleanno di una mia amica. Mi metto su msn e comincio a chattare con il mio caro amico Mario Esposito. Dopo circa 10 minuti mio fratello Francesco dice di aver visto qualcosa di strano muoversi nel cielo. Lo snobbo pensando che avesse preso una svista e non bado più di tanto alle sue parole. Circa 5 minuti dopo Mario mi dice che sente dei rumori fortissimi provenire da Via Europa, va a vedere, ma non c’è niente di niente. Eppure i rumori continuano… A Mario non racconto dell’avvistamento di Francesco ma bensì di tutti i fenomeni strani che stanno accadendo in questi giorni. Anche lui me ne racconta un paio accaduti al fratello Gianni e alla sua ragazza. Mi limiterò a raccontarvi quello che è successo alla ragazza.


MISSING TIME

Lei ha sempre una radiosveglia affianco al suo letto che suona alle 10.00. Come tutti i giorni anche Martedi 7 luglio lei si sveglia alle 10. Riceve una telefonata della zia, dopodichè non avendo nulla da fare si riaddormenta. Al suo risveglio tutti gli orologi compresa la sua radiosveglia segnano le 09.00. All’ora di pranzo, nella mia abitazione l’orologio è fermo alle 13.20, bloccato. Ovviamente tutti noi vediamo che l’orologio è fermo probabilmente a causa delle pile scariche. Ci rigiriamo verso l’orologio dopo un pò di tempo e vediamo che segna le 13.40… poi si ferma definitivamente. Inizialmente non colleghiamo i due episodi.


MERCOLEDI 8 LUGLIO – ORE 03.30

Ma torniamo alla notte dell’8 luglio. Gianni Esposito torna a casa verso le 03.30 e riferisce al fratello Mario che ha visto un qualcosa di strano nel cielo muoversi a zig zag. Dopo quest’affermazione non posso far altro che dire che anche mio fratello ha visto una cosa simile. Dopo neanche 5 minuti Mario Esposito ci riferisce che degli aerei militari stanno sorvolando la zona e ovviamente li vediamo anche noi. Cominciamo a rabbrividire. Per non farmi prendere per pazzo riferisco l’accaduto ad una mia amica che ovviamente vede gli aerei militari e potrà confermarvi l’accaduto. Intanto un’amica di Mario di Napoli lo contatta per dirgli che anche lei ha visto cose strane nel cielo. Dopo tutti questi accadimenti decidiamo di metterci tutti in contatto telefonico.


MERCOLEDI 8 LUGLIO – ORE 04.00

Circa mezz’oretta dopo io e mio fratello vediamo una delle cose che più ci hanno fatto rabbrividire nel corso della nostra vita. Non riesco a trattenere le lacrime e non so neanche il perchè… probabilmente perchè non credo ai miei occhi… Un altro aereo militare sorvola il cielo… dietro l’aereo vediamo un oggetto volante non identificato che lo segue muovendosi in modo stranissimo e un altro oggetto muoversi in un’altra direzione. Improvvisamente questo UFO si porta in direzione parallela all’aereo militare ma si tiene sempre dietro in modo da non farsi vedere… dopo questo accadimento ci informiamo un pò su internet e scopriamo che nelle ultime settimane ci sono state decine di segnalazioni riguardo gli avvistamenti UFO compresa quella di mio cugino e dei suoi amici. Ma penso che la scena di un UFO che segue un aereo militare non la vedrò mai più. Il solo ricordare, scrivere e parlare di questo accadimento mi fa ri-lacrimare gli occhi.

Abbiamo ricollegato questi avvistamenti con i fenomeni di MISSING TIME avvenuti in casa mia e alla ragazza di Mario Esposito. Probabilmente i rumori che ha sentito Mario provenivano dagli aerei militari.

Penso che in un universo cosi infinito è IMPOSSIBILE che siamo soli… non dimenticherò mai questa notte…


http://dottorjeff.wordpress.com/category/misteri/



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 08:37 
Il caso Gabalis

ovvero il primo "rapimento" documentato della storia



Generalmente si è soliti ritenere che il primo caso di abduction documentato della storia sia quello avvenuto tra Indian Head e Ashland (U.S.A.) il 19 settembre 1961 e che ha avuto come protagonisti i coniugi statunitensi Betty e Barney Hill. I coniugi, in seguito a un incontro ravvicinato con un UFO, si resero conto della presenza di un “buco” di due ore nel ricordo di quella esperienza. Questo fatto, insieme ad una serie di disturbi psicofisici dei quali i due cominciarono a soffrire, convinse gli Hill a rivolgersi a un esperto ipnotista, il professor Benjamin Simon. Questi li sottopose a diverse sedute di regressione, che fecero emergere i ricordi delle due ore perse dopo il contatto con l’oggetto volante non identificato. Dalle sedute di ipnosi emerse che piccoli esseri umanoidi avevano tratto i due coniugi a bordo di un disco volante e praticato su di loro una serie di test.
Come detto, questo è il primo caso ufficialmente riconosciuto di rapimento da parte di extraterrestri. In realtà, il primo rapimento da parte di entità aliene della storia va collocato molto più indietro nel tempo. Nel 1670, l’abate francese Nicola Mountfaucon de Villary pubblicò presso una stamperia di Parigi un libello dal titolo Le Comtè de Gabalis, Entretiens sur les sciences secrètes, cioè Il Conte di Gabalis, Conversazioni sulle scienze segrete. Il conte di Gabalis del titolo è evidentemente un nome fittizio (anche se Eliphas Lévi ha voluto riconoscervi un’allusione al mitico conte di Saint-Germaine), che fa riferimento ad un qualche personaggio pratico di alchimia e particolari rituali esoterici ed ermetici non meglio identificato. Ma a noi questo non importa: ciò di cui vogliamo occuparci è il contenuto del libro. L’opera, molto critica nei confronti della Chiesa del tempo, raccoglie alcune cronache risalenti ai tempi dei re francesi Pipino, Carlo Magno e Luigi il Buono (circa VIII-IX secolo). Tra tutti i fatti riportati ne Il conte di Gabalis, uno particolarmente interessante è avvenuto in Francia, durante il regno del padre di Carlo Magno. Scrive, a proposito di questo, Eliphas Lévi:

Sotto il regno di Pipino il Breve si manifestarono in Francia fenomeni assai singolari. L’aria era piena di figure umane, il cielo rifletteva immagini di palazzi, di giardini, di flutti agitati, di vascelli con le vele al vento e di eserciti in ordine d battaglia. L’atmosfera rassomigliava ad un grande sogno: tutti potevano distinguere i dettagli di questi quadri fantastici. Si trattava di un’epidemia che colpiva gli organi visivi o di una perturbazione atmosferica proiettante miraggi nell’aria condensata? L’immaginazione era trascinata da queste meravigliose fantasie quando apparivano i miraggi celesti, le figure umane fra le nubi. Si confondevano i sogni con lo stato di veglia, e parecchie persone si credettero levate in alto da creature aeree. Non si parlò che di viaggi nei paesi dei silfi… la follia s’impadronì delle menti più sagge, ed alfine la Chiesa dovette intervenire.

Per la cronaca, nella magia medioevale i silfi o sifilidi sono gli spiriti elementali dell’aria, esseri fantastici ipotizzati dai cabalisti d’Oriente, che vivono “dei colori dell’iride”; nelle leggende popolari vengono raffigurati come “esseri superiori, di statura molto piccola, usi ad infastidire i dormienti”. Ma torniamo alle cronache. Sempre a proposito di questi fatti, un’altra di queste cronache ha come protagonista un famoso cabalista vissuto sotto Carlo Magno, tale Zedechia: questi, volendo convincere come gli elementi fossero abitati da tutti “quei popoli dei quali vi ho descritto la natura”, suggerì ai silfi di mostrarsi a tutti nell’aria. Immediatamente, i silfi obbedirono, mostrandosi nell’aria a bordo i navi volanti: “Lo fecero con maestosità […] ed apparvero fra nubi su vascelli meravigliosamente costruiti, che essi manovravano a piacere.”
Tuttavia, il popolo, gretto ed ignorante ma non superstizioso, non volle credere a ciò che aveva visto. I silfi, allora, per cercare di convincere il popolo, presero a rapire uomini e donne per condurli nella loro patria, Magonia, luogo meraviglioso ed incredibile, e mostrare loro inauditi prodigi.
Pare che un giorno, nella città francese di Lione, un gruppo di questi rapiti sia stato restituito alla propria comunità cittadina in pieno giorno e davanti agli occhi di tutti. Ecco il brano:

Avvenne che un giorno, a Lione, si videro scendere dalle “navi aeree” tre uomini e una donna; tutta la città si raduna lì intorno, grida che quelli sono stregoni e che Grimoaldo, duca di Benevento, nemico di Carlo Magno, li manda per rovinare le messi della Francia e gettare veleni sulle frutta e nelle fontane. I quattro innocenti hanno un bel dire, per difendersi, che sono dello stesso paese e che sono stati rapiti poco prima da “uomini prodigiosi”; questi li hanno portati a bordo di “navi aeree” di mirabile struttura e mostrato loro “meraviglie inaudite”, pregandoli infine di riferire tali cose ai concittadini. Il popolo, ostinato, non volle ascoltare la loro difesa; stava per gettarli nel fuoco, quando il brav’uomo Agobardo, vescovo di Lione, che aveva acquistato molta autorità quand’era stato monaco in quella città, accorse al clamore. Avendo udito l’accusa del popolo e la difesa degli imputati, sentenziò gravemente che l’una e l’altra erano false: non era vero che quegli uomini erano “scesi dall’aria” e quello che dicevano di avervi veduto era impossibile; la qual cosa valse loro la vita. Il popolo, infatti, credette più alla parola del buon padre Agobardo che ai suoi propri occhi; si calmò, rimise in libertà i quattro “ambasciatori dei Silfi” ed accolse con ammirazione il libro che Agobardo scrisse per confermare la sentenza che aveva pronunciato. Così la testimonianza dei quattro “rapiti” fu resa vana.

Come si può vedere, l’episodio narra il ritorno a casa di quattro persone, in precedenza “prelevate” dai loro luoghi di residenza, come tradizione voleva facessero i silfi.
Se agli occhi di un uomo del Medioevo questo fatto poteva apparire come opera di spiriti elementari, entità che abbondavano nelle tradizioni folkloristiche del tempo, agli occhi di uomini moderni questo evento sembra essere di natura diversa: sembra essere la cronaca di un ritorno a casa di vittime di abduction. Nel caso si trattasse effettivamente di un rapimento da parte di entità di origine extraterrestre, gli eventi riportati da Nicola Mountfaucon de Villary sarebbero il primo contatto alieno ufficialmente documentato della storia.

I casi “storici” di abductions non si fermano qui.
Il poeta e storico svizzero Renward Gysat narra di come, nel novembre del 1572, un certo Hans Buchmann sia scomparso nel nulla senza lasciare traccia di sé. Nonostante le ricerche effettuate dalle autorità e dai parenti, di lui non si seppe più nulla per molto tempo. Buchmann fece ritorno soltanto molti mesi dopo: aveva il volto tumefatto e coperto di ferite, tagli e abrasioni. A chi lo soccorse, riferì di come, mentre era in cammino a notte inoltrata, fosse stato sollevato in aria da una forza sovrumana e trasportato a chilometri di distanza, addirittura fino a Milano.
Altro caso riguarda il conciatore di pelli Cristoph Kotter. L’11 giugno del 1616, mentre si trovava in cammino in direzione di Gorlitz, in Slesia, Kotter incontrò una strana creatura, che egli identificò in un angelo. Dopo quell’incontro, a Kotter cominciarono ad accadere fatti strani; spesso gli capitò di ritrovarsi in località molto lontane dal punto di partenza, senza sapere come vi fosse giunto.
Nel XVIII secolo, in Russia, un cosacco di nome Puschkin ed il suo cavallo sparirono letteralmente sotto gli occhi di alcuni contadini mentre inveiva contro una misteriosa sfera di circa tre metri di diametro comparsa in un campo nelle vicinanze di un boschetto. Dopo due giorni la sfera sparì ed il cosacco ed il suo cavallo fecero ritorno a casa barcollanti, tremanti, debilitati fisicamente e senza un ricordo di cosa fosse accaduto nei due giorni di assenza da casa.

http://www.daltramontoallalba.it/ufologia/abductions3.htm



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 08:39 
Eco del mondo, luglio 1950, anno IV, n° 47



Il caso Chiles-Whitted



Alle 2,45 di un mattino del luglio 1948 un DC.3 della Eastern Airlines, pilotato dal Comandante Clarence Shipe Chiles e dal secondo J.B. Whitted si trovava alla quota di 1500 metri, circa 30 chilometri a Sud-Ovest di Montgomery, Alabama, in rotta da Houston a New York. C’erano un notevole chiaro di luna e piccole nubi sparse sulla rotta. Erano stati preannunciati temporali, di cui i due piloti già sentivano le prime scariche nella cuffia. “Noi stavamo osservando proprio da quella parte”, dice il Comandante Chiles, "quando vedemmo sulla nostra destra e poco più in alto di noi, un chiarore; poco dopo esso prese l’aspetto di un lungo razzo, abbastanza lontano da noi. Poi diventò più grande e salì. Lo giudicammo lungo una trentina di metri, con una enorme fusoliera, grande circa tre volte quella di un B.29". "E' troppo grande per essere un razzo", disse Whitted" che razza di ordigno sarà?". "Aveva due file di finestrini ed aveva tutto l’aspetto di una fusoliera a doppia parete. Le luci che vedevamo erano terribilmente bianche, come quelle di una fiamma a gas; erano le luci più bianche che avessi mai visto. La sua prua si prolungava in una lunga e sottile antenna che gli dava l'aspetto di un ordigno radar comandato; ed anche il suo comportamento fece pensare ad un radar comandato in quanto, quando fu più vicino a noi, si impennò rapidamente e scomparve in una rapida cabrata". Entrambi i velivoli accostarono sulla propria sinistra. Quello misterioso passò circa 200 metri alla destra e sopra del velivolo di linea. "Poi, come se il pilota ci avesse visto e manovrasse per evitarci, dalla sua parte posteriore apparvero enormi vampate ed esso cabrò nelle nubi, mentre la sua scia scuoteva il nostro DC.3". L'apparecchio, senza ali, sembrava avesse una cabina di pilotaggio nella parte anteriore della sua affusolata fusoliera. La cabina era illuminata molto intensamente, mentre la fusoliera aveva la luminosità di una fiamma al magnesio. "Non scorgemmo persone a bordo", dice Chiles, "i fianchi della cabina apparivano luminescenti, di un bagliore intenso, violetto, che si estendeva da prua a poppa, ed aveva l’aspetto di una luce fluorescente. Gli scarichi avevano un color rosso-arancio, più chiaro vicino ai bordi esterni". Tanto Chiles che Whitted erano concordi nell'affermare che le fiamme degli scarichi si prolungavano per dieci-quindici metri dietro il velivolo e divennero più intense quando esso salì nelle nubi. La velocità stimata era di 1200/1500 Km/h. Subito dopo la scomparsa del velivolo misterioso Chiles lasciò i comandi a Whitted ed andò nella cabina dei passeggeri, per chiedere se nessuno avesse notato qualcosa. L'unico passeggero che non dormiva disse di aver osservato una luce intensissima, che dapprima gli aveva fatto pensare ad un fulmine. Si rese conto che doveva trattarsi d'altro quando la vide procedere in linea retta e scomparire senza alcun tuono; notò anche che tale luce era molto più rossa di quella dei fulmini. Egli però non vide alcuna sagoma o contorno di aeroplano o di altro oggetto. L'intensità della luce era tale che provocò un temporaneo abbagliamento ai due piloti, i quali dovettero accendere le luci in cabina per poter leggere gli strumenti.

Fin qui l’articolo del mensile “Eco del Mondo” del luglio 1950. Per completezza di articolo si può aggiungere che l’avvistamento è avvenuto il giorno 24 luglio 1948 e che la spiegazione dell’epoca fu che i piloti videro "una straordinaria meteora". Tesi fornita dall'allora consulente scientifico del "Project Sign", professor Joseph Allen Hynek. Ecco sotto per concludere alcuni documenti declassificati sul caso, due con i disegni dell’oggetto e una scheda sommaria dell’avvistamento. I documenti fanno parte dell’archivio del “Project Bluebook”

Immagine

Immagine

Immagine


http://centroufologicotaranto.wordpress ... -del-1948/



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 08:47 
Rivista “Astronautics ed Aeronautics” - Luglio 1971



INCONTRO CON UFO N. 1

Caso esemplificativo selezionato dal sottocomitato UFO dell’AIAA



Nell’articolo “Valutazione del problema UFO”, nel numero di novembre 1970 su questa rivista alle pagine 49-51, il Sottocomitato aveva promesso di fornire ai membri di questa Associazione un’opportunità per farsi un’opinione in merito al tipo di osservazioni che formano il cuore della controversia UFO.
Il caso scelto per l’occasione, verificatosi il 17 luglio 1957, é trattato nel Rapporto Condon (Condon, E.U., 1969, Scientific Study on Unidentified Flying Objects, Bantam Books Editore, N.Y., pagine 56-58, 136-139, 260-266, 750, 877-894). Durante lo studio effettuato dal gruppo dell’Università del Colorado non fu possibile individuare i relativi documenti a causa di un errore nelle date. Inoltre, le analisi radar e meteo furono realizzate per il 19 settembre 1957 anziché il 17 luglio 1957. Le conclusioni formulate dai membri del Comitato Condon sono le seguenti:
1. Se il rapporto è accurato, descrive un fenomeno insolito, intrigante e sconcertante che, in assenza di informazioni supplementari, deve essere classificato come non identificato (Condon, pag. 57).
2. Non essendo disponibili ulteriori informazioni, non è possibile raggiungere conclusioni definitive. Dal punto di vista della propagazione [questa frase è basata su date non corrette] questo avvistamento deve essere provvisoriamente classificato come sconosciuto (Thayer, pag. 139).
3. Se è mai esistito un eventuale rapporto sull’incidente, redatto a suo tempo nel 1957 dall’equipaggio dell’aereo o dal personale del Servizio Informazioni dell’Aeronautica, non sembrano rimanerne tracce oggi. I filmati dei tracciati radar di bordo ed altri dati che si affermano vennero registrati durante l’incidente non sono mai apparentemente esistiti. La valutazione dell’episodio deve necessariamente basarsi sulle ricostruzioni degli eventi a distanza di dieci anni dai fatti. Tali descrizioni non consentono l’identificazione del fenomeno (Craig, pag. 265).
4. Dopo revisione collettiva, la conclusione unanime è stata che l’oggetto non era un plasma né un fenomeno di luminescenza dell’atmosfera. (Altshuler, pag. 750).
Successivamente il sig. James McDonald è riuscito ad individuare i documenti relativi al caso, a correggere le date del volo ed a trarre ulteriori informazioni da tali documenti, nonché da interviste personali da lui effettuate con i membri dell’equipaggio. Su richiesta del Sottocomitato UFO, il sig. McDonald descrive il caso nel seguente articolo, da cui il lettore potrà liberamente trarre le sue conclusioni.
L’accuratezza del rapporto è stata confermata dal Comandante del velivolo, il Ten. Col. Lewis D. Chase dell’Aeronautica USA (oggi pensionato) con una lettera indirizzata al Sottocomitato.
Questo caso esemplificativo può essere utile per evidenziare le difficoltà che si incontrano nel decidere se la questione UFO può rappresentare o meno un problema scientifico.

Osservazioni di un Oggetto Non Identificato nella parte Meridionale-Centrale degli Stati Uniti da parte dell’USAF, in data 17 luglio 1957

Sommario
Un velivolo RB-47 dell’Aeronautica de-gli USA, equipaggiato con apparati di Contromisure Elettroniche (ECM) e con sei ufficiali di equipaggio, fu seguito da un oggetto non identificato per una di-stanza di ben oltre 700 miglia e per un periodo di tempo di un’ora e mezzo mentre si trovava in volo sul Mississippi, attraverso la Louisiana e Texas fino nell’Oklahoma. L’oggetto fu visto in diverse riprese dal personale ai comandi come una luce di elevata intensità, fu seguito dai radar a terra ed avvistato sugli apparati ECM a bordo dell’RB-47.
Di particolare interesse in questo caso sono le numerose ricorrenze di avvistamenti e sparizioni simultanee su tutti e tre i distinti e fisicamente separati “canali”, nonché la inusitata rapidità delle manovre effettuate, che andava ben oltre qualsiasi esperienza dell’equipaggio.

Introduzione
Nelle prime ore del mattino del 17 luglio 1957 un RB-47 partito dalla base dell’USAF di Forbes a Topeka nello stato del Kansas, si trovava in volo per effet-tuare una missione composita che comprendeva esercitazioni a fuoco sull’area del Texas-Golfo del Messico, esercitazioni di aeronavigazione sul Golfo ed infine esercitazioni ECM (ovvero di contromisure elettroniche) previste nel corso della tratta di rientro attraverso la parte meridionale-centrale degli Stati Uniti. L’RB-47 aveva un equipaggio di sei uomini, tre dei quali erano ufficiali specializzati nella guerra elettronica ai comandi degli apparati ECM, siti nella parte posteriore del velivolo. I loro nomi sono i seguenti: Lewis D. Chase, pilota; Ja-mes H. McCoid, copilota; Thomas H. Henlay, navigatore; John J, Provenzano, al Monitor 1; Frank B. McClure, al Monitor 2; Walter A. Tuchscherer, al Monitor 3. Per questa descrizione mi baserò sulle risultanze delle mie interviste all’equipaggio e sui documenti che sono riuscito a reperire. Questi consistono in un messaggio TWX di 3 pagine dal 745mo ACWRON di Duncanville, Texas protocollato il 17 luglio 1957 alle 1557Z ed un sommario di quattro pagine redatto da E. T. Piwetz, Ufficiale del Servizio Informazioni dell’USAF, 55mo Reparto Ricognizione, Base USAF di Forbes, e trasmesso al Quartiere Generale dell’ADC alla base di Ent, Colorado, in ottemperanza ad una richiesta del 15 agosto da parte del Col. F. T. Jeep, direttore del Servizio Informazioni presso l’ADC. Tale sommario, assieme ad un Rapporto di Osservazioni di dodici pagine fu trasmesso il 17 novembre al Progetto Blue Book, e fu evidentemente la prima documentazione che il Progetto ricevette sul caso. Il rapporto di dodici pagine (AISOP n. 2) fu preparato dal Magg. Chase il 10 settembre e contiene diversi punti di interesse che non compaiono in altri documenti sul caso. Vi sono infatti precisi riferimenti temporali, geografici ed altre circostanze, ed in generale il documento ha il pregio di essere stato redatto quando tutti i dettagli degli eventi erano ancora freschi nella mente dei membri dell’equipaggio.

Luglio 1971 67
Prima di descrivere il primo contatto ECM è necessario descrivere brevemente la natura dei sistemi ECM coin-volti (i dettagli non sono più classificati, anche se tutti i documenti inerenti al caso recavano inizialmente la classifica SEGRETO.) L’RB-47 del caso era dotato di tre sistemi Indicatori di Direzione (DF) passivi che servivano a determinare le coordinate dei radar di terra nemici, nonché le loro caratteristiche a livello degli impulsi radio emessi. Il ricevitore, o Monitor, numero 2 ai cui comandi si trovava McClure era un apparato ricevitore ALA-6 con antenne in configurazione Back-to-Back (ovvero unite per la parte posteriore) ospitate sotto la pancia dell’RB-47 che, ruotando a 150 o 300 giri al minuto, effettuando la scansione in azimut (ovvero in orizzontale). Si noti che questo significa che erano in grado di esaminare un radar di terra distante con una cadenza di 10 volte in un secondo. La banda di frequenza sulla quale operava si estendeva da 1.000 a 7.500 MHz. All’interno del velivolo i segnali ricevuti dall’ALA-6 venivano processati in un ricevitore radar APR-9 ed in un analizzatore di impulsi ALA-5. I successivi riferimenti al Monitor n. 2 sottintendono l’insieme dei citati sistemi.

Il Monitor n. 1
Il Monitor n. 1 ai cui comandi si trovava Provenzano, era un sistema Indicatore di Direzione (DF) APD-4 con due antenne fisse montate sotto le estremità alari, ed operava a frequenze più elevate. Il Monitor n. 3, che copriva la gamma di frequenze da 30 a 1000 MHz aveva Tuchscherer ai comandi e, non essendo stato interessato dagli eventi, non verrà qui descritto. Allo stesso modo le comunicazioni nella banda delle VHF non furono interessate dal fenomeno.
Per maggior chiarezza occorre ricordare che gli Indicatori di Direzione (DF) non sono radar e non emettono segnali destinati a rimbalzare su bersagli lontani. Essi lavorano in modo passivo ricevendo solamente i segnali emessi da altri radar ed analizzandone le “firme”, ovvero le distintive caratteristiche radioelettriche. Ricevendo il segnale di un radar distante, lo schermo dell’apparato visualizza un impulso, o una tacca a seconda del tipo di schermo, in una posizione azimutale corrispondente al rilevamento relativo del radar, espresso nel sistema delle coordinate del velivolo. Nel caso di un radar di terra fisso al quale l’aereo si avvicina di lato, la tacca viene inizialmente visualizzata sulla parte superiore dello schermo per poi muoversi verso il basso (down-scope) man mano che l’aereo si sposta. Questo è un punto da tenere bene a mente nell’interpretare la successiva descrizione dei fatti.
Avendo completato l’esercitazione di navigazione sul golfo del Messico, Chase fece rotta verso la costa del Mississippi volando ad una quota di 34.500 piedi (circa 10.500 metri) ad una velocità di circa 0.75 Mach (258 nodi indicati, corrispondenti ad una velocità rispetto al suolo di 500 miglia all’ora). Il tempo era perfetto e praticamente senza nubi per effetto di una vasta area di altra pressione che si estendeva fino alla troposfera, e non vi erano temporali o precipitazioni di sorta lungo l’intera rotta. Poco dopo avere oltrepassato il punto indicato con A nella mappa di pag. 68, in corrispondenza della costa vicino a Gulfport, McClure notò sul Monitor n. 2 un segnale nella posizione delle ore 5 (nella parte posteriore del fascio di destra). Gli parve di stare ricevendo il segnale di un radar di terra. Avendo quindi notato che il segnale sembrava muoversi verso la parte superiore dello schermo (up-scope) McClure formulò l’ipotesi che si trattasse del segnale di un radar di terra sito a nordovest dell’aereo che, per una qualche indefinita ragione di natura elettronica, veniva rappresentato dallo strumento con una ambiguità di 180 gradi. Ma quando osservò la traccia, che, dopo avere effettuato il movimento verso l’alto, attraversò la rotta dell’RB-47 e, situatasi sul lato sinistro, cominciò a muoversi verso la parte bassa dello schermo (down-scope), McClure, incapace di trovare una spiegazione ad un tale evento, affermò di avere scartato l’ipotesi dell’ambiguità di 180 gradi.
Fortunatamente egli aveva esaminato le caratteristiche del segnale prima che questo scomparisse dal lato sinistro dello schermo. Discutendo con me di questo episodio, egli ricordò che la frequenza era vicina a 2.800 MHz e ricordò anche che trovò particolarmente strano il fatto che il segnale presentava parametri di ampiezza dell’impulso (pulse width) e frequenza di ripetizione degli impulsi (PRF) molto simili a quelli di un tipico radar di ricerca terrestre in Banda S. Si ricordò anche che aveva una velocità di rotazione simulata che pareva normale. Forse a causa delle forti somiglianze con le caratteristiche di apparati terrestri di vasta diffusione come il CPS-6B, Mc-Clure in quell’occasione non avvertì del fatto nessun membro dell’equipaggio. Si sarebbe poi appurato in un secondo tempo che il Monitor n. 1 non stava lavorando sulla frequenza in questione, mentre il n. 3 non poteva lavorare su tale banda, come McClure e gli altri mi fecero notare.
Vengono di seguito riportate le informazioni contenute nel rapporto informativo preparato dall’Ufficiale del Servizio In-formazioni dell’USAF, reparto COM-STRATRECONWG 55 della base di Forbes, riguardante questa parte dell’incidente che ha coinvolto il velivolo (il cui indicativo di chiamata per le comunicazioni radio era “Lacy 17”);

Rapporto:
Operatore di ricognizione ECM 2 di Lacy 17, aereo RB-47, intercettava circa a Meridian, Mississippi, un segnale con le seguenti caratteristiche: frequenza da 2.995 a 3.000 MHz ; larghezza impulso di 2,0 microsecondi; frequenza di ripetizione degli impulsi 600 cicli al secondo; rotazione 4 volte al secondo; polarizzazione verticale. Il segnale si è mosso rapidamente verso l’alto dello schermo dell’apparato Indicatore di Direzione indicando una sorgente di segnale in rapido movimento. Il segnale fu abbandonato dopo l’osservazione…

Primo contatto visuale
Se null’altro fosse successo nel corso del volo che indicasse che un qualche oggetto insolito si trovava in prossimità dell’RB-47, probabilmente le osservazioni di McClure sarebbero sicuramente passate sotto silenzio e sarebbero state rapidamente dimenticate anche da egli stesso. Era sconcertato, ma sempre incline a ritenere che si dovesse trattare di un qualche problema di natura elettronica.
Il piano di volo prevedeva quindi una virata ad ovest fra Meridian e Jackson, Mississippi (Punto B) con esercitazioni in cui gli ufficiali addetti alla guerra elettronica effettuavano operazioni ECM simulate contro radar di terra noti. Le annotazioni effettuate sul momento confermano ciò che Chase e McCoid mi avrebbero poi descritto molto più vividamente, e con maggiori dettagli, sugli strani eventi che si sarebbero verificati.
Essi virarono assumendo una rotta vera di 265 gradi, sempre alla velocità di 0,75 Mach ed alla quota di 34.500 piedi (10,5 Km). Alle 1010Z il Maggiore Chase, seduto nel sedile anteriore, avvistò quello che in un primo momento gli parvero le luci di atterraggio di un altro jet che gli si avvicinava velocemente provenendo all’incirca dalla posizione delle ore 11 a circa la stessa quota del-l’RB-47 (o forse un po’ più alto). Avvisò del fatto McCoid, segnalando l’assenza di luci di navigazione e, mentre l’intensa luce bianco-bluastra continuava ad avvicinarsi rapidamente, avvisò mediante l’interfono di bordo il resto dell’equipaggio di tenersi pronto per delle improvvise manovre evasive. Ma prima che egli potesse mettere in atto una qualsiasi manovra, lui e McCoid videro la luce brillante cambiare direzione quasi istantaneamente, passando in un attimo dalla parte sinistra a quella destra ad una velocità angolare che Chase mi disse di non avere mai osservato nei suoi 20 anni di volo, prima e dopo dell’incidente. La sorgente luminosa si era mossa con estrema rapidità dalla posizione delle ore 11 a quella delle ore 2, quindi era svanita. Il resoconto scritto riempito da Chase come parte dell’interrogatorio successivo allo svolgimento dei fatti indica la posizione dell’RB-47 al momento del primo avvistamento delle 1010Z sulle coordinate 32.00N e 91.28W, ovvero nelle vicinanze di Winnsboro (Punto C).

La descrizione dei fatti ottenuta nel corso delle interviste del 1969 con questi ufficiali è pienamente supportata dal rapporto originale redatto del Servizio Informazioni dell’USAF:
Alle 10101Z comandante aereo avvista per prima cosa una luce bianca molto intesa con tinta bluastra ad ore 11 rispetto al suo velivolo che attraversa la rotta situandosi a circa posizione ore 2,30; anche copilota osserva passaggio ad ore 2,30 da dove apparentemente sparisce.
Durante il volo Chase non osservò alcuna anomalia nella girobussola.
Azioni sull’area del Texas-Louisiana
Subito dopo la scomparsa della sorgente luminosa, Chase e McCoid cominciarono a discutere dell’avvenimento all’interfono, con il resto dell’equipaggio, già allertato, che ascoltava. McClure, ricordando lo strano segnale che aveva ricevuto col suo ALA-6 vicino a Gulf-port, informò per la prima volta dell’avvenuto e sintonizzò il suo monitor per esplorare la banda intorno ai 3.000 MHz.
Così facendo trovò un forte segnale a 3.000 MHz proveniente all’incirca dalla posizione delle loro ore 2, esattamente il rilevamento del punto nel quale la sorgente luminosa sconosciuta si era spenta qualche momento prima.
Provenzano mi disse che subito dopo verificarono il corretto funzionamento del Monitor n. 2 ricevendo stazioni radar di frequenza nota, per assicurarsi che non si trattasse di un malfunzionamento del loro apparato; la verifica con-fermò che tutti gli apparati funzionavano perfettamente.
Quindi sintonizzò il suo Monitor n. 1 sui 3.000 MHz e pure lui ricevette un segnale dallo stesso rilevamento. Rimaneva naturalmente la possibilità del caso fortuito di un segnale proveniente da un radar di terra sito in quella direzione ma, man mano che l’RB-47 proseguiva nella sua rotta verso ovest a circa 500 miglia all’ora, il rilevamento relativo della radiosorgente a 3.000 MHz là fuori nell’oscurità non si mosse verso il basso dello schermo come sarebbe successo per una qualsiasi stazione radar di terra, ma mantenne un rilevamento costante.
Notai come questo episodio ed i seguenti fossero ancora ben vivi nelle menti di tutti gli uomini, per quanto i loro ricordi si diversificassero per particolari di minore importanza, in base alle attività alle quali essi erano intenti al momento. Chase allora aumentò la potenza dei motori portandola al massimo valore consentito, ma il rilevamento del-la radiosorgente a 3.000 MHz non mutò. Attraversarono la Louisiana diretti verso la parte est del Texas sempre con l’oggetto che manteneva la stessa posizione rispetto all’aereo. Entrarono quindi nell’area di copertura radar del 745mo ACWRON di Duncanville nel Texas ed a quel punto Chase, abbandonata la sua iniziale riluttanza a richiamare l’attenzione su una tale questione, contattò la stazione (indicativo di chiamata radio “Utah”). Diversi degli uomini mi fecero notare che a quel punto l’equipaggio stava cominciando ad accusare segni di disagio; questa fase dell’incidente viene descritta in modo conciso nel seguente estratto del rapporto informativo a cura dei Servizi di Informazione dell’USAF:
Comandante del velivolo informò equipaggio, ed operatore ECM n. 2 cercò e trovò a circa le 1030Z segnale sopra descritto ad un rilevamento relativo di 070 gradi; alle 1035Z ad un rilevamento di 068 gradi ed alle 1038 al rilevamento relativo di 040 gradi.
Si noti che la tempistica sopra descritta sembrerebbe indicare che McClure non avesse pensato subito ad effettuare il controllo del suo ALA-6, e che invece sarebbero trascorsi all’incirca 20 minuti prima che vi avesse provveduto. Si noti inoltre che alle 1038Z la radiosorgente sconosciuta a 3.000 MHz si stava muovendo verso la parte superiore dello schermo rispetto alle 500 miglia all’ora dell’RB-47.

Il rapporto informativo così continua:
Alle 1039Z comandante avvista forte luce che stima trovarsi 5.000 piedi sotto velivolo in posizione di circa ore 2. La quota dell’aereo era 34.500 piedi con tempo perfettamente chiaro. Per quanto il comandante non potesse determinare forma o dimensioni oggetto, ebbe netta impressione che la luce emanasse dalla parte superiore.
A circa 1040 Operatore ECM n. 2 informò che riceveva due segnali ai rilevamenti relativi di 040 e 070 gradi. Comandante velivolo e copilota avvistarono questi due oggetti in medesimo momento con stesso colore rosso. Comandante fu autorizzato ad ignorare piano di volo e seguire oggetto. Notificò il sito ADC di Utah e richiese ogni possibile assistenza. Alle 1042Z l’ECM n. 2 aveva un solo oggetto al rilevamento relativo di 020 gradi.
Immagine
Nel corso delle mie interviste con l’equipaggio ho trovato discrepanze nelle memorie degli uomini in merito ad alcuni dei punti sopra citati. McCoid si ricordò che la fonte luminosa si mosse occasionalmente in modo brusco spostandosi dal lato destro a quello sinistro e viceversa. Chase ricordò che essi avevano contattato Utah (anche se lui ricordava il GCI di Carswell) prima dei su ci-tati eventi, e che Utah aveva inquadrato l’oggetto da terra nel periodo in cui questo si mosse verso l’alto dello schermo e riapparve alla vista. Come si vedrà oltre, il resoconto dell’epoca chiarisce che Utah non inquadrò l’oggetto sconosciuto che fino ad un momento dopo, quando l’aereo aveva virato a nordovest passando fra Dallas e Fort Worth. Chase mi riferì di avere ottenuto l’autorizzazione della FAA (Ente dell’Aviazione Civile degli USA) a seguire l’oggetto effettuando una virata fuori rotta (Punto D), e che tutti gli altri aerei erano stati dirottati in modo da consentirgli di continuare l’inseguimento.

Il rapporto del Servizio Informazioni così prosegue:
Alle 1042Z l’ECM n. 2 rilevava un oggetto al rilevamento relativo di 020 gradi. Il comandante aumentò la velocità a Mach 0,83 virando per intercettarlo ed oggetto accelerò in direzione contraria. Alle 1042,5Z l’ECM n. 2 ricevette due segnali ai rilevamenti relativi di 040 e 070 gradi. Alle 1044Z aveva un solo segnale al rilevamento relativo di 050 gradi. Alle 1048Z l’ECM n. 3 stava registrando le comunicazioni sull’interfono e con la postazione di comando.
Il sito ADC ordinò all’aereo di attivare l’IFF in modo III onde consentirne la positiva identificazione quindi richiese la posizione dell’oggetto: equipaggio riferì posizione dell’oggetto a circa 10 miglia nautiche a nordovest di Fort Worth, Texas e sito ADC di Utah confermò immediatamente la presenza di oggetti sui loro schermi.
A circa 1050Z l’oggetto sembrò arrestarsi e l’aereo lo superò. Utah riferì in quel momento di avere perso l’oggetto dai loro schermi, e lo stesso accadde ad ECM n. 2.
Rispondendo alle mie domande, Chase affermò che ricordava esserci stata simultaneità fra il momento in cui cominciò ad avere la sensazione di trovarsi in fase di chiusura con l’oggetto a circa la velocità dell’aereo ed il momento in cui Utah avvisò che l’oggetto era parso fermarsi sui loro schermi. Disse di avere effettuato una lieve virata per evitare una collisione, non essendo sicuro di quale fosse l’altitudine dell’oggetto rispetto all’aereo, e di essersi quindi reso conto, man mano che completava la chiusura, di trovarsi al di sopra di esso. Nel momento in cui sparì simultaneamente dalla vista, dallo schermo dell’ECM n. 2 e dagli schermi della stazione di Utah si trovava ad un angolo di depressione di circa 45 gradi rispetto all’aereo.
Chase virò a sinistra nelle vicinanze di Mineral Wells, Texas (Punto E) e lui e McCoid si guardarono alle spalle per cercare di individuare nuovamente la sorgente luminosa. Tutti ricordarono la quasi simultaneità con la quale questo riacquistò la sua luminosità, riapparve sullo schermo del n. 2 e fu nuovamente inquadrato dal sito radar terrestre di Utah.

Il rapporto del 1957 descrive tali avvenimenti come segue:
L’aereo cominciò la virata. ECM n. 2 rilevò un segnale a rilevamento relativo di 160 gradi, Utah ritrovò contatto su schermo, e comandante aereo riottenne contatto visuale. Alle 1052Z l’ECM n. 2 riceveva il segnale al rilevamento relativo di 200 gradi, in movimento verso la parte alta dello schermo. L’aereo cominciò manovra di chiusura su oggetto fino a distanza stimata di 5 miglia nautiche. In questo momento oggetto parve perdere circa 15.000 piedi di quota e comandante aereo perse contatto visuale. Anche Utah perse oggetto dai loro schermi.
Alle 1055Z nell’aera di Mineral Wells, Texas, equipaggio notificò Utah di essere costretti a rientro causa scarsità di carburante. Equipaggio richiese ad Utah se era stato trasmesso Rapporto CIRVIS, ed Utah rispose positivamente. Alle 1057Z l’ECM n. 2 riceveva un segnale al rilevamento relativo di 300 gradi ma Utah non aveva contatto su loro schermi. Alle 1058Z comandante aereo riotteneva contatto visuale con oggetto a circa 20 miglia nautiche a nordovest di Fort Wort, Texas ad altezza stimata di 20.000 piedi ed in posizione di ore 2 rispetto aereo.
Immagine
Chase aggiunse ulteriori dettagli su questa porzione dell’incidente, affermando di avere chiesto ed ottenuto da Utah l’autorizzazione di discendere verso l’oggetto quando questo era sceso di quota. Egli non ricordò l’improvvisa discesa citata nel rapporto del Servizio Informazioni USAF, e vi è un certo numero di particolari in esso non ricordati da nessuno dei membri dell’equipaggio. Mi disse che quando discese da 35.000 piedi a circa 20.000, l’oggetto sparì contemporaneamente dalla vista, dallo schermo dell’ECM n. 2 e dagli schermi del radar di terra di Utah. Anche McClu-re ricordava tale contemporanea sparizione. E’ il caso di menzionare che l’occasionale comparsa di una seconda fonte luminosa e radar-emittente non è stata ricordata da nessuno degli ufficiali da me intervistati nel 1969.

Azioni sull’area Texas - Oklahoma
McCoid ricordò che, circa a questo punto dell’episodio, stava cominciando a preoccuparsi per l’eccessivo consumo di carburante causato dalla velocità elevata e dal fatto di avere effettuato notevoli diversioni dal piano di volo originale. Avvisò quindi Chase che per questo motivo avrebbero dovuto fare ritorno alla loro base di Forbes, così dalla zona di Fort Worth misero prua verso nord.
McClure e Chase ricordano che, una volta messa prua a nord da Fort Worth, il sistema ALA-6 ritornò a ricevere un segnale a 3.000 MHz in direzione della coda dell’aereo, ma non vi fu accordo se l’oggetto fu inquadrato anche dai radar di terra nello stesso momento. McCoid fu incapace di fornire ulteriori dettagli. Fortunatamente il rapporto del Servizio Informazioni USAF del 1957 fornisce una sintesi degli eventi verificatisi in questa fase del volo nella quale si spostarono sull’Alabama in direzione nord:
Alle 1120Z l’aereo assunse rotta verso base. Questo posizionò l’area dell’oggetto in direzione della coda del velivolo. L’ECM n. 2 continuò a ricevere il segnale dell’oggetto ad un rilevamento relativo compreso fra 180 e 190 gradi fino alle 1140Z, quando aereo trovavasi circa al traverso di Oklahoma City, Oklahoma. In questo punto il segnale svanì bruscamente. Il DOI del 55mo SRW non ha dubbi sul fatto che via stata per numerose volte l’esatta coincidenza fra l’avvistamento visuale e quello strumentale sullo schermo dell’Indicatore di Direzione, confermando positivamente che l’oggetto era la sorgente del segnale.
Chase ricordava che l’oggetto fu con loro solo nella parte sud dell’Oklahoma; Hanley lo ricordava per tutto il percorso fino ad Oklahoma City (Punto G) e gli altri ricordano solo che fu con loro per una tratta indefinita nella tratta nord del percorso fra Fort Worth e Topeka, la loro base.

Il Progetto Blue Book
Le registrazioni d’archivio indicano che il Progetto Blue Book ricevette una sintesi informativa sull’incidente da par-te dell’ADC il 25 ottobre 1957 (oltre 2 mesi dopo gli eventi). Un suo “Sommario Breve” termina con la seguente frase:
Esaminando assieme alla la CAA i dati dell’incidente, è stato definitivamente accertato da quest’ultima che l’oggetto avvistato nelle vicinanze di Dallas e Fort Worth era un aereo di linea.
Si tratta di una mancata collisione di due DC-6 dell’American Airline vicino a Salt Flats, Texas a 50 miglia nautiche da El Paso a 14.000 piedi alle 3:30 di quello stesso giorno. Il caso fa parte oggi dei documenti ufficiali del Progetto Blue Book catalogato come “Identificato come Volo 655 della American Airlines”.

Muore MacDonald
Il 13 giugno James E. MacDonald fu trovato morto nel deserto vicino a Tucson. Aveva 51 anni.


SIGLE, ACRONIMI , ABBREVIAZIONI UTILIZZATE NEL TESTO:
TWX: Denominazione generica di un messaggio trasmesso per telescrivente ACWRON: Da Aircraft Control & Warning Squadron = Reparto di Controllo del Traffico Aereo (Militare)
ADC: Da Aerial Defence Command = Comando della Difesa Aerea
USAF : Da United States Air Force = Aviazione militare degli Stati Uniti d’America
COMSTRATRECONWG 55: (probabilmente) da Command Of Strategic Reconnaissance, 55th Wing = 55° Reparto del Comando dei Ricognitori Strategici
CAA: Da Civil Aeronautics Administration: L’Ente dell’Aviazione Civile statunitense (che nel 1958 ha assunto la de-nominazione di Federal Aviation Administration - FAA)
CIRVIS: Da Communications Instructions for Reporting Vital Intelligence Sightings = Un rapporto di avvistamento redatto secondo norme standard, concordate fra aviazione civile e militare negli Stati Uniti d’America (Normativa JANAP-146(D)) allo scopo di favorire un rapido interscambio di informazioni ed allertamento dei sistemi difensivi in caso di avvistamenti importanti
DOI : Da Director Of Intelligence = Direttore dei Servizi Informativi
55mo SRW: Da 55th Strategic Reconnessaince Wing = 55mo Reparto Ricognizione Strategica
------------------------------------------------------------------------------
Nota del traduttore: il presente documento è la traduzione dell’articolo intitolato “UFO ENCOUN-TER 1 - Sample Case Selected by the UFO Subcommitte of the AIAA” così come è apparso sulla rivista Aeronautics & Astronautics, pubblicata dalla AIAA (Ame-rican Insitute of Aeronautics and Astronautics), una delle più importanti associa-zioni di categoria del settore aerospaziale degli USA.
Ho cercato di mantenere la più assoluta fedeltà alla versione originale, evitando qualsiasi colorazione romanzesca. I link a siti esterni e le note sono state da me inseriti per dare al lettore la possibilità di documentarsi al meglio e/o approfondire le varie e complesse tematiche che l’articolo.

Questa traduzione non reca alcun copyright, per cui chiunque può ridistribuirla a piacere; l’unica cosa che chiedo è che sia citato il traduttore.
Traduzione effettuata da Paolo G - 09/09/2005

http://www.freewebs.com/paolog/UFORB47/UFORB47-Ita.pdf



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 08:50 
Spagna pubblica dossier top secret - IR3



I documenti resi pubblici, riguardano i rapporti di avvistamenti UFO e Incontri con esseri alieni avvenuti nel 1976 sulle isole spagnole delle Canarie. Il 1976 segnò l'inizio di un'intensa ondata di avvistamenti UFO e i fascicoli pubblicati, sono compilati in modo accurato, concordando con grande attenzione su ciò che è stato visto nell'isola. Questo evento inconsueto, ha avuto inizio nella notte del 22 giugno 1976. Residenti di Tenerife, La Palma, La Gomera hanno iniziato ad avvistare misteriose luci insolite nel cielo quasi simultaneamente.

Immagine


Rapporto indagine militare declassificato
http://www.planetabenitez.com/desclasif ... 191176.htm

Una nave di scorta armata della Marina spagnola, la "Atrevida" fece rapporto, ovvero rese pubblica la prima relazione di attività insolita nei cieli. La nave si trovava a circa tre miglia e mezzo al largo della costa di Fuerteventura Island. Alle 9:27 PM, l'equipaggio ha osservato una sfera di un intenso colore giallo-blu, che si trovava sulla riva dell 'isola. Il capitano della nave ha presentato una relazione dettagliata di avvistamento nel registro della nave. L' UFO è stato anche visto e segnalato dai residenti dell'isola, ed esattamente dai tre villaggi di Galdar, Las Rosas e Agaete. Tutti questi rapporti hanno contribuito a rendere più pesanti le relazioni.


La descrizione degli Alieni

Due esseri alieni alti 8-10 piedi (3 metri circa) in altezza, erano l'equipaggio di questa sfera di luce enorme, e si potevano vedere atraverso di essa come se fosse trasparente. Gli Alieni si trovavavno su una piattaforma, o centro di controllo di un settore, uno su un lato e uno dall'altro lato. Gli alieni indossavano vestiti di un colore rosso, e non si distoglievano dallo svolgimento dei loro compiti. Gli esseri erano di forma umanoide, con la testa sproporzionatamente grande per il resto dei loro corpi. Indossavano un casco. Il medico di bordo della nave è stato in grado di raccogliere una buona descrizione degli esseri e la piattaforma, perché era comunque tutto trasparente. Egli ha potuto vedere le stelle attraverso la sfera.
Immagine

L'ORB si allontana:
Dopo poco tempo la sfera, ha iniziato a crescere più grande e più grande, poi dopo ha cominciato a abbandonare l'isola verso la città di Tenerfie. Dopo aver raggiunto la sua dimensione definitiva, quindi sciolta come in una piccola bolla di piccole dimensioni, scompare alla volta del cielo.

Un testimone dell'Isola di Tenerife, ha raccontato che mentre stava guardando la televisione il monitor è diventato bianco. Quando lo schermo è andato in bianco, il suo cane ha cominciato ad abbaiare ad alta voce al di fuori di casa sua. Si è affacciato per controllare e ha visto la sfera con gli esseri alieni che erano intenti a manovrare strumenti di bordo.

http://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.3027


Ultima modifica di cagliari79 il 21/01/2010, 08:51, modificato 1 volta in totale.


_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 09:00 
Il Dr. Craigh McPherson e i velivoli alieni


Uno scienziato dell´Area 51 rivela
di aver lavorato su velivoli alieni


Parla il dottor Craigh McPherson: "Potevamo azionare il loro sistema di propulsione, ma non eravamo in grado di capire come funzionasse". La fonte del Serpo file dichiara attendibili gli esplosivi contenuti di un´intervista realizzata dalla giornalista Linda Moulton Howe nel 1995 e qui pubblicati per la prima volta in Italia.


A cura della Redazione
Traduzione di Lavinia Pallotta



Quasi un anno fa, il 20 Giugno 2007, il ricercatore e divulgatore Victor Martinez ci inviava un aggiornamento (il n.24) al file del caso Serpo. Come si ricorderà, in passato abbiamo ampiamente trattato il Serpo file nelle nostre pubblicazioni e su questo sito. L´incartamento, costituito da una serie di messaggi di posta elettronica provenienti da una fonte che si indicava come "Anonymous", suscitava forte interesse fra gli ufologi e soprattutto negli ambienti degli "informatori". Fra quest´ultimi, alcuni presunti componenti della cosiddetta "Voliera" non
più celati dietro pseudonimi, che si esprimevano pro e contro l´attendibilità delle informazioni, tutte inerenti una missione Nasa segreta verso il pianeta "Serpo". La trama ricordava fatti riconducibili al finale del film di Spielberg "Incontri Ravvicinati del terzo Tipo". Nulla di accertato, comunque e tutto altamente contestato
da diversi addetti ai lavori. Nei mesi in questione, Martinez aveva ricevuto e divulgato tutta la documentazione disponibile e quanto segue è da considerare un corollario importante alla vicenda Serpo, del tutto inedito in Italia.
Gran parte dei contenuti è di natura prettamente scientifica. Invitiamo chiunque sia in grado di intervenire nel novero di tali contenuti, può farlo contattando la e-mail della nostra Redazione. I commenti e i pareri verranno prontamente pubblicati.


Nota introduttiva del Moderatore:
Quanto segue è un´intervista esclusiva a uno scienziato dell´Area 51, condotta dalla giornalista Linda Moulton Howe nell´Aprile 1995.Secondo Anonymous e la DIA-6, il contenuto di questa esplosiva intervista non è mai stato reso pubblico, forse per via dell´accordo stipulato all´epoca dalla Moulton-Howe con l´USG (United States Government?, N.d.R.) In una telefonata a casa sua, la domenica mattina del 17 Giugno 2007, la Moulton Howe mi ha confermato che questa intervista non è mai apparsa sul suo sito web (http://www.earthfiles.com).
Ho però ricevuto il permesso da Anonymous di rilasciare un abstract dell´intervista di 5 pagine, riprodotto di seguito.

***
Questo è materiale d´intelligence originale e ne è proibita la divulgazione a personale non autorizzato. A questo allegato non è stata assegnata una classificazione di sicurezza.

Intervista con il Dr Craigh McPherson, scienziato ed ex impiegato dell´Area 51.

Il Dr McPherson ha lavorato nell´Area 51 dal Maggio del 1956 fino al Settembre del 1988. Questa intervista è stata realizzata da Linda Howe durante un incontro presso L´Hilton di Las Vegas, l´8 Aprile 1995.
Secondo un accordo stipulato fra Linda Howe e il Dr McPherson, il contenuto dell´intervista non ha potuto essere reso pubblico. Una fonte del governo degli Stati Uniti registrò l´intervista. Ciò che segue è un riassunto delle informazioni fornite dal Dr McPherson.

Nota: È stato effettuato un accertamento sulle credenziali del Dr Crig H McPherson. Il Dr McPherson ha ottenuto un´autorizzazione di sicurezza (security clearance) basata sull´"Expanded Background Investigation"
nell´Agosto del 1956. L´autorizzazione gli venne rinnovata a intervalli, fino al suo congedo. Il Dr McPherson è stato un dipendente del Servizio Civile Federale dal 23 Maggio 1956 al 1 Ottobre 1988.
Il Dr McPherson si è ritirato dal Servizio Civile Federale, con il grado di GS-16. Il Dr McPherson è nato l´8 Aprile 1920, a Scranton, PA. Ha prestato servizio nella Fanteria dell´Esercito degli Stati Uniti, in Europa, dal Giugno 1944 fino all´Ottobre 1946. Ha ottenuto il grado di Sergente al suo congedo. Il Dr McPherson ha frequentato la Penn State University, la University of Pennsylvania e il MIT.

Intervista con il Dr Craig McPherson, di Linda Howe, 8 Aprile 1995.
Luogo: Las Vegas, NV. Ore 12.24 ore - 17.13

[Comincia a parlare il Dr Craig McPherson]
Ho prestato servizio nell´Esercito USA dal 1944 al 1946. Dopo il congedo, ho frequentato l´università e ottenuto il PhD in fisica. Ho lavorato per l´industria privata dal 1955 al 1956. Nel Maggio 1956 sono
stato assunto dall´Aeronautica USA come Specialista in Fisica Applicata.
Il mio primo incarico fu presso la Nellis AFB, Nevada, test facility.
Per i primi sette mesi ho lavorato alla Base Aeronautica di Indian Springs, Nevada. Il mio lavoro riguardava lo studio di Tecnologia Straniera. Questa tecnologia consisteva in apparecchiatura sovietica e cinese ed era in gran parte reperita attraverso governi amici. Comprendeva carri armati, strumentazione elettronica, armamenti e via
dicendo.In questo periodo, l´Aeronautica costruì una struttura sotterranea a Groom Lake. La costruzione cominciò nel 1955 e terminò nell´estate del 1959. Io lavoravo per la Foreign Applications Studies Division (FTASD). Avevamo tre diverse strutture, due delle quali a Groom Lake e una ad Indian Springs. In seguito acquisimmo un complesso a Tonopah.Una volta pronto il complesso sotterraneo, è lì che ci trasferimmo. Fu
nei primi anni `60. Era una delle strutture sotterranee più grandi mai costruite. Doveva avere oltre un miliardo di piedi quadri di spazio. Negli anni seguenti, la struttura sotterranea, codificata "Deep Space", si ingrandì fino a includere tre diversi livelli.
Io mi occupavo della ricerca e lo sviluppo degli SR-71. Avevamo molti diversi velivoli in progettazione. Lo FTASD poteva contare su più di 65 scienziati, tecnici e personale miliatre. Gran parte del nostro lavoro
era davvero unico. Ottenevamo alcune informazioni dal Foreign Technology Acquisition Group (FTAG).
Questo gruppo a sua volta otteneva informazioni dai governi stranieri o dalle agenzie d´intelligence. Grazie agli studi di apparecchiature straniere di cui disponevamo nella struttura, potemmo applicare avanzati principi scientifici per migliorare la nostra tecnologia. Compimmo enormi passi avanti in questo periodo.

In questo periodo, non ho MAI visto un UFO o niente che assomigliasse a un UFO alla Groom Lake Test Facility. Non ho MAI visto un ET né mai sentito nessuno accennare al fatto che il nostro governo stesse
effettuando retroingegneria da velivoli extraterrestri.
Nell´estate del 1969 venni trasferito dal FTASD all´Advance Studies Group (ASG). Il ASG era un gruppo segretissimo di stanza nel secondo livello dell´Area 51, Complex III. Quando per la prima volta entrai
nella struttura, dovettero darmi un´ulteriore autorizzazione di sicurezza. Durante i briefing del ASG appresi che il nostro gruppo stava lavorando ad avanzati principi di ricerca che riguardavano apparecchi volanti NON convenzionali.
Vidi il mio primo apparecchio non convenzionale dopo pochi giorni che ero stato assegnato al ASG. Tale apparecchio aveva il nome in codice "Atlas-Tank" (AT). Era un DISCO VOLANTE. Lavorai a specifici problemi di fisica associati unicamente a questo progetto. Ci occupammo dell´AT per un periodo di oltre otto (8) anni.Fui coinvolto nel programma durante l´ultimo periodo dei test al suolo.
Risolvemmo gran parte dei singoli problemi, ma ancora non eravamo in grado di far volare l´AT. Vennero applicati molti sistemi di propulsione diversi, ma nessuno funzionò. Nel 1973 mi venne assegnata un´altra autorizzazione di sicurezza. Fui trasferito in un´altra struttura all´interno del Complex III. Era un complesso nuovo e io venni assegnato al ASG-Alpha.
Una volta al suo interno ottenni l´accesso a un altro "disco volante".
Sembrava avere la stessa forma dell´AT. Aveva però il nome in codice "Blue Chariot". Sebbene non avessi il permesso d´accesso all´interno del BC, notai la sua parte esterna. Mai mi venne detto che queste macchine volanti fossero correlate agli extraterrestri. Lavorai nella divisione Alpha per diversi mesi, prima di tornare al ASG.
Nel 1973 si verificò un terribile incidente al Comlex III. Si attivò il sistema di propulsione sul BC e un´esplosione uccise sei (6) tecnici. A dire la verità, NON si trattò di un´esplosione. Un lampo, o una sfera di plasma uscì dal sistema di propulsione e colpì i tecnici, VAPORIZZANDOLI. Il BC fu quindi trasferito in un´altra struttura,
situata in una zona molto remota dell´Area 51. Quest´area era adiacente al vecchio perimetro di test nucleari.
Gli scienziati compresero come funzionava il sistema di propulsione.
Potevano azionare il sistema, che generava un´enorme quantità di energia. L´energia poteva formarsi in "sfere di plasma" o flussi di energia stabili. Il sistema poteva generare energia pari ad un´esplosione nucleare, da un raggio di 0.1 kt fino a 350 kt.

La cosa strana di questo sistema di energia era la mancanza di radiazioni. Il sistema poteva generare questa enorme quantità energetica, senza rilasciare alcun residuo radioattivo. Questo disorientava gli scienziati. Quando mi congedai, nel 1988, NESSUNO era in grado di capire il sistema. Potevano azionarlo, ma non capire come
funzionasse.
Mai mi venne detto che il nuovo sistema di propulsione ci era stato fornito dagli ET. Né mai mi venne detto che gli ET ci avessero fornito alcuna tecnologia. Supponemmo che il nuovo sistema di propulsione fosse stato sviluppato dai Sovietici. Sebbene nessuno ci avesse detto che il nuovo sistema di propulsione e il BC fossero ET, immaginammo che fosse così.
Abbiamo discusso privatamente della tecnologia. Potrei fornirti i dettagli tecnici del sistema di propulsione, ma è ancora ALTAMENTE CLASSIFICATO. Posso dire che il sistema funziona secondo qualche principio sconosciuto. Tentammo, senza successo, di applicare le nostre conoscenze di fisica, teoria quantistica e altri principi a questo nuovo sistema.
Secondo la nostra scienza ci sono due tipi fondamentali di legami attraverso cui gli atomi formano le molecole - legami ionici e covalenti. Un atomo è di norma elettricamente neutro. Ha lo stesso numero di protoni carichi positivamente nel suo nucleo come se avesse elettroni carichi negativamente che gli orbitano attorno.
In questo sistema le cose sono diverse. Esiste un METODO SCONOSCIUTO attraverso cui gli atomi vengono caricati. Al posto di legami ionici o covalenti, questo nuovo sistema crea un TERZO TIPO di legame. Questo
nuovo tipo di legame fa sì che gli atomi assumano una forma differente.
Gli atomi vanno da uno stato normale - e quando dico "normale" intendo normale nella NOSTRA scienza - ad una forma "multiplexed". In altre parole, gli atomi sono doppi o uno sopra l´altro.
Gli atomi mutano, in qualche modo, ma mantengono la loro forma originale. MI RENDO CONTO CHE QUESTO SIA MOLTO DIFFICILE DA CAPIRE. E infatti ancora non lo abbiamo capito.

Se ricordi un po´ di chimica basilare, saprai che un atomo di idrogeno consiste in un protone singolo - il nucleo - con un elettrone che ruota attorno ad esso. Quando due atomi di idrogeno si avvicinano l´uno all´altro, la loro energia combinata diminuisce se condividono i propri elettroni. Bene, in questo nuovo sistema, un atomo di idrogeno, soggetto a questo nuovo sistema (all´interno di questo sistema di propulsione) si trasforma in un NUOVO principio.
Prima cosa, quando due atomi di idrogeno si avvicinano l´uno all´altro, il loro livello di energia combinata si moltiplica secondo questo strano legame. Di conseguenza, invece di avere un livello energetico inferiore, tale energia è moltiplicata per il numero di atomi di idrogeno a cui è legata. Se usassimo IL PRINCIPIO QUANTISTICO per capire questo, dovremmo concludere che i principi quantistici NON funzionano in questo nuovo sistema.Normalmente, nel nostro sistema, gli ioni positivamente carichi attraggono e si legano a ioni carichi negativamente per formare le molecole. Ma non in questo nuovo sistema. Non fa alcuna differenza se
gli ioni siano positivi o negativi, dal momento che si legano insieme indipendentemente dalla valenza. Sappiamo che nel sistema di propulsione, qualcosa provoca questi fenomeni innaturali.
Due lastre di metallo si trovano in una camera. Questa camera è un vacuum. La camera è un VACUUM PERFETTO, vale a dire, non ci sono aria esterna o altri gas all´interno della stanza. Un tubo, che corre da una
camera all´altra, introduce un gas. Una terza stanza introduce un altro gas nella prima camera. Sappiamo che spingono contro queste due lastre di metallo e creano un ENORME QUANTITÀ DI ENERGIA.
Per finire, poco prima che i gas vengano "miscelati", una forma di luce viene diretta contro l´energia in uscita. Questa luce è di frequenza inferiore. Normalmente, nella nostra teoria quantistica, una bassa frequenza significa anche un´energia inferiore. In questo sistema, invece, la frequenza inferiore di luce era misurata per contenere
un´enorme quantità di energia esercitata sull´energia in uscita. Quando mi congedai, nel 1988, non riuscivamo a capire come i gas venissero misclelati, né potevamo determinare COME venisse generata la luce.

Mi chiedi dei metalli all´interno del contenitore vacuum. È molto interessante. Primo, le lastre metalliche sono posizionate dentro il Container #1. Sono disposte perpendicolarmente l´una all´altra a una distanza esattamente di 6.54 cm. Ogni lastra metallica misura 18.45x 9.43 cm ed è larga 3.46 centimetri. I lati delle lastre uno di fronte all´altro contengono un lucido strato di metallo. I lati opposti contengono invece uno strato opaco.
Guardando le striscie di metallo dall´alto, si noterà che un´altra sostanza è "infarcita" tra le altre due sostanza esterne. I materiali di ogni lastra metallica non sono mai stati identificati. Conosciamo la densità delle lastre e la durezza misurata dalla scala di Mohs [1].
La densità delle lastre metalliche è di 94.5 [9.45?] sul lato lucido e 34.2 [34.2?] sul lato opposto. Credo che la densità o la gravità specifica fosse misurata secondo il metodo convenzionale, cioè in grammi per centimetro cubo. Non essendo un metallurgico, non posso fare commenti riguardo a questi valori. Ma la cosa interessante è che queste due lastre di metallo sono posizionate dentro un contenitore vacuum circolare. Anche lo strato esterno del container è lucido.

Hai menzionato i gas. Non sono un chimico. So molto poco sui gas nei Container #2 e #3. Questi gas sono di due tipi. Uno è un tipo di gas liquido e l´altro è solido. Non chiedermi di spiegarli; credo che neanche i nostri chimici sarebbero in grado di farlo. So solo che una volta azionato il congegno, i due gas si miscelavano e in qualche modo creavano energia.
NON voglio che il mio nome venga messo in relazione ad una storia sugli ET.

http://www.dnamagazine.it/mcpherson.html



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 14:59 
8 Marzo 2007 - Tratto da Area51 n° 18


La saga delle E.B.E.

Ventisette anni fa ha inizio una delle vicende ufologiche più intricate e controverse - i risvolti sono quelli del thriller di spionaggio, con vittime designate


di Giacomo Casale

Immagine


Nell'estate del 1979, William L. Moore lasciò il suo lavoro di insegnante, in una cittadina del Minnesota, per trasferirsi in Arizona, dove sperava di intraprendere una carriera di scrittore.
Moore era stato profondamente coinvolto nell'investigazione di un presunto UFO crash avvenuto nel Luglio 1947 a Roswell, New Mexico. Un caso che Moore e Charles Berlitz avrebbero reso noto l'anno seguente nel loro best-seller The Roswell Incident. Dopo il suo trasferimento nel Sud-Ovest, Moore fu molto vicino a Coral e James Lorenzen, veterani dell'ufologia statunitense che nel 1952 avevano fondato l'APRO (Aerial Phenomena Research Organization - Organizzazione per la Ricerca sui Fenomeni Aerei) una delle prime e più prestigiose associazioni civili di ricerca sugli Oggetti Volanti non Identificati. Moore entrò presto a far parte dell'organizzazione dei coniugi Lorenzen. "The Roswell Incident" fu pubblicato nell'estate del 1980 e in Settembre si tenne un dibattito sugli UFO all'Istituto Smithsonian. Moore lasciò la sua casa in Arizona e si recò a Washington D.C. per assistere al dibattito, e strada facendo cercò di promuovere il suo libro alla radio e alla televisione. A quanto da lui stesso riferito sette anni più tardi, una serie di straordinari eventi avrebbero avuto inizio durante quel suo viaggio. Moore aveva appena partecipato ad uno show radiofonico a Omaha ed era in attesa del suo volo, quando una receptionist gli comunicò che un uomo al telefono chiedeva di lui. L'individuo, che sosteneva di essere un colonnello dell'Air Force, esordì dicendo: «Penso che lei sia l'unico che ho sentito che sembra sapere di cosa sta parlando» e quindi chiese di poterlo incontrare per approfondire l'argomento. Moore si scusò di non potersi attardare al telefono perché il suo volo era stato già chiamato, ma prese nota del numero telefonico dell'uomo.
L'otto Settembre, durante il viaggio di ritorno da Washington, Moore partecipò a uno show radiofonico ad Albuquerque, New Mexico. Al termine del programma, lo avvisarono che c'era una chiamata per lui. L'uomo al telefono, si qualificò come operativo presso la Base Kirkland e disse: «Penso che lei sia l'unico che ho sentito che sembra sapere di cosa sta parlando». Per Moore fu facile intuire che si trattava dello stesso soggetto della precedente telefonata. Poco dopo, Moore e il misterioso personaggio, che avrebbe in seguito chiamato Falcon, si diedero appuntamento presso un ristorante locale.
Falcon, che si scoprirà essere il sergente maggiore dell'Air Force Richard Doty (Moore lo ha sempre decisamente negato), disse che avrebbe indossato, come segno di riconoscimento, una cravatta rossa.
Questo loro primo incontro avrebbe segnato l'inizio di una lunga relazione tra Moore (a cui nel 1982 si aggiunse il produttore televisivo Jamie Shandera) e dieci membri di un gruppo ombra connesso con l'intelligence militare che (a suo dire) si opponeva al cover-up sugli UFO.

Immagine


EBE1 e Mj-12

L'incredibile storia che emerse dal rapporto di Falcon è la seguente: il primo UFO crash, con corpi di piccoli umanoidi grigi, avrebbe avuto luogo vicino Corona, New Mexico, nel 1947. Due anni dopo un umanoide fu trovato vivo dalle squadre di recupero e condotto alla base militare di Los Alamos, ove fu tenuto "ospite" fino alla sua morte avvenuta nei primi anni '50. L'essere, denominato dagli scienziati EBE-1 (acronimo per Entità Biologica Extraterrestre), fu il primo di tre alieni che il governo USA avrebbe avuto in custodia fino ad oggi. Un capitano dell'Air Force, ora colonnello in pensione, fu il compagno inseparabile di EBE-1. Sulle prime, risultò impossibile comunicare con l'essere, ma in seguito fu impiantato un dispositivo nella sua gola che lo rendeva capace di parlare l'inglese. EBE-1, l'equivalente di un meccanico sulla nave spaziale, avrebbe riferito quello che sapeva sulla natura e gli scopi delle visite extraterrestri. Così, il 24 Settembre 1947, in seguito all'incidente di Roswell e per ordine esecutivo del presidente Harry Truman, fu costituito il Majestic-12 (o MJ-12), il segretissimo gruppo di studio sugli extraterrestri, di fatto, operativo come un corpo politico indipendente. Il Progetto Aquarius è un gruppo ombrello, nel quale i compartimenti che trattano problemi relativi agli extraterrestri svolgono le loro funzioni. Il Progetto Sigma si occupava delle comunicazioni elettroniche con gli alieni, ed era parte di un progetto di contatto avviato dalla NSA (Agenzia per la Sicurezza Nazionale) sin dal 1964, a seguito di un atterraggio alieno avvenuto alla base Holloman, nel tardo Aprile di quell'anno.
Nove razze di extraterrestri stanno visitando la Terra. Una di esse, i piccoli umanoidi grigi del terzo pianeta di Zeta Reticuli, sono stati qui per 25.000 anni e hanno influenzato l'evoluzione umana e ne hanno creato le religioni. Alcuni importanti personaggi vogliono porre fine alla politica di cover-up e preparare il popolo americano alla realtà della presenza aliena attraverso l'intrattenimento popolare, come con film quali Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo (il cui clou è una trasposizione cinematografica dello sbarco di Holloman), ed E.T.. Presso il quartier generale della CIA a Langley, Virginia, è custodito un ponderoso volume, denominato la "Bibbia", una sorta di compendio di tutti i rapporti relativi ai vari progetti sugli Alieni. Stando a quanto riferito da Moore solo nel 1989, egli avrebbe cooperato con le sue fonti dell'AFOSI (Air Force Office of Special Investigations), con Richard Doty in particolare, fungendo da informatore. Gli insider dell'AFOSI dissero a Moore di essere particolarmente interessati al ricercatore Paul Bennewitz e gli fecero capire che, come parte dell'accordo, egli avrebbe dovuto "controllarne i movimenti". Inoltre, Moore avrebbe dovuto, seppur con minor zelo, "tenere sotto controllo" l'APRO e diversi altri ricercatori UFO. Moore apprese che diverse agenzie governative erano interessate alle attività di Bennewitz e che volevano sommergerlo di false informazioni e disinformazione, per confonderlo.


I Dulce Files

Ma chi era Paul Bennewitz e perché era tanto importante per l'Intelligence? La singolare storia di Bennewitz, un ingegnere elettronico di Albuquerque, inizia nel 1979 quando ha modo di avvistare e filmare strane luci nel cielo nei pressi della base aerea Kirkland di Manzano, a poche centinaia di metri dalla sua abitazione.
In quel periodo Bennewitz, che era membro dell'APRO, investigava su un caso di rapimento da parte di alieni riguardante una donna di nome Myrna Hansen, la quale sosteneva di aver avvistato, assieme al figlioletto, un UFO mentre stava guidando su una strada rurale nei pressi di Cimarron, New Mexico. Coadiuvato dal noto psichiatra e ufologo Leo Sprinkle, Bennewitz sottopose a ipnosi regressiva la Hansen, che raccontò un storia allucinante: non solo in quell'occasione aveva avvistato diversi UFO, ma era stata anche rapita, assieme al figlioletto, dagli alieni e quindi condotta in una base segreta sotterranea. All'interno della base aveva assistito, oltre che alla mutilazione e al dissanguamento di capi di bestiame bovino, all'agghiacciante visione di contenitori con all'interno parti di corpi umani galleggianti in un liquido. Secondo la Hansen, gli alieni, prima di rilasciarli, avevano inserito nel suo corpo e in quello del figlio degli impianti capaci di controllare le loro menti a distanza. Convinto che tale episodio fosse in qualche modo collegato alle strane luci da lui avvistate sulla base di Manzano, Bennewitz cominciò a filmarle ricavandone diversi metri di pellicola. Riuscì anche a registrare e decodificare, con un programma informatico di sua invenzione, dei misteriosi segnali elettronici provenienti, a suo parere, dalle navicelle aliene. Su tali esperienze Bennewitz scrisse una lunga relazione che denominò "Progetto Beta".
L'APRO non prese molto sul serio la sua storia, Bennewitz decise allora di rivolgersi all'USAF, che invece si mostrò molto interessata al suo materiale. Infatti, in un documento USAF declassificato si legge che i film e i nastri magnetici che Bennewitz presentò al personale della base Kirkland alla fine del 1980 furono analizzati dal sergente Richard Doty e da Jerry Miller, un ex consulente del progetto Blue Book. Le conclusioni furono che le immagini mostravano effettivamente degli oggetti volanti non identificati, ma che non era possibile dire se costituivano una minaccia per la sicurezza della base. Solo nel 1982 l'APRO decise di indagare sulle affermazioni di Bennewitz, affidando il caso a uno dei suoi direttori, William Moore. Bennewitz riferì a Moore le conclusioni a cui era pervenuto intercettando i segnali extraterrestri. Dalle trasmissioni si evinceva un drammatico scenario; due tipi di razze extraterrestri avevano invaso gli Stati Uniti: i benevoli "Bianchi" e gli ostili "Grigi". Questi ultimi erano responsabili delle mutilazioni di bestiame e dei rapimenti di esseri umani. I Grigi avevano inoltre stipulato un accordo con il governo USA, accordo che aveva consentito loro di costruire una base segreta sotterranea sotto la riserva indiana degli Apache Jicarilla nei pressi di Dulce, New Mexico. Gli alieni, però, erano sul punto di rompere il trattato.
Bennewitz, sempre più atterrito dalle sue scoperte, cercava disperatamente di avvertire le autorità (deputati e senatori, scienziati, militari e ufologi come John Lear e Linda Howe) del pericolo imminente. Nel frattempo William Moore era stato avvicinato dal sergente Richard Doty, il quale gli aveva rivelato come a partire dal 1980 e per quasi tre anni, gli agenti di varie agenzie governative avevano messo in atto una campagna di disinformazione ai danni di Paul Bennewitz, allo scopo di confonderlo e screditarlo agli occhi dell'opinione pubblica. Doty si servì inoltre di Moore per propinare al povero Bennewitz ogni sorta di materiale fasullo confezionato ad arte dall'AFOSI. Lo stato mentale di Bennewitz finì col deteriorarsi progressivamente: dormiva pochissimo, si barricava in casa armato fino ai denti e aveva allucinazioni di alieni intenti a far esperimenti su di lui. Di lì a poco Bennewitz venne ricoverato in un ospedale psichiatrico a causa di un forte esaurimento nervoso.
Nel 1989, in occasione di un convegno del MUFON, Moore confessò alla platea di ufologi di aver preso parte alla campagna di disinformazione che aveva portato al collasso psichico il povero Bennewitz. Disse di non aver idea del perché l'AFOSI avesse orchestrato tutto ciò e che poteva fare solo delle ipotesi. La prima è che Bennewitz fosse stato scelto, a caso, dai servizi di intelligence come cavia per un esperimento di disinformazione applicata al mondo reale. Oppure, che il governo, preoccupato di quello che Bennewitz stava scoprendo alla base di Manzano, avesse deciso di confonderlo a tal punto da fargli perdere interesse per la cosa e anche di renderlo assolutamente non credibile, qualunque altra informazione divulgasse. L'ultima ipotesi paventata da Moore è che i servizi segreti abbiano voluto infliggere una punizione esemplare a Bennewitz, allo scopo di scoraggiare chiunque avesse voluto in futuro ficcare il naso nei pressi di una installazione militare.
Moore cercò maldestramente di giustificarsi, affermando di essere stato al gioco delle agenzie governative al solo scopo di guadagnarsi la loro fiducia e di ottenere quindi informazioni classificate sugli UFO. A quanto pare però il governo aveva colto due piccioni con una fava, perché anche Moore, come Bennewitz, uscì ingloriosamente dalla scena ufologica, abbandonando il salone del convegno tra i fischi e le urla di disapprovazione.
Doty fu anche la fonte di un presunta comunicazione dell'AFOSI datata 17 novembre 1980, e destinata a divenire famosa con il nome di "Aquarius document". Il documento, spedito dal quartier generale dell'AFOSI della base di Bolling a Washington, D.C. e destinato al distretto AFOSI di Kirkland, menziona, in forma breve e criptica, le analisi dei negativi di un filmato UFO ripreso apparentemente il mese precedente. Il penultimo paragrafo del telex dice:
«L'USAF NON È PIÙ PUBBLICAMENTE ATTIVA NELLA RICERCA UFO, TUTTAVIA, HA COMUNQUE INTERESSE RISPETTO A TUTTI GLI AVVISTAMENTI DI UFO SU INSTALLAZIONI MILITARI E POLIGONI MISSILISTICI. MOLTE ALTRE AGENZIE GOVERNATIVE, COORDINATE DALLA NASA, INVESTIGANO ATTIVAMENTE SU AVVISTAMENTI ATTENDIBILI TRAMITE COPERTURE. UNA DI TALI COPERTURE È L'UFO REPORTING CENTER, COSTA DEGLI STATI UNITI E IL GEODETIC SURVEY, ROCKVILLE, MD 20852, LA NASA FILTRA I RISULTATI DEGLI AVVISTAMENTI PER APPROPRIATI REPARTI MILITARI CON INTERESSE IN QUEL PARTICOLARE AVVISTAMENTO. LA POLITICA UFFICIALE DEL GOVERNO DEGLI STATI UNITI E I RISULTATI DEL PROGETTO AQUARIUS SONO ANCORACLASSIFICATI TOP SECRET SENZA DIFFUSIONE AL DI FUORI DEI CANALI UFFICIALI DI INTELLIGENZA E
CON ACCESSO LIMITATO A "MJ TWELVE"».

È questa la prima volta che viene menzionato il MJ-12 in un presunto documento governativo ufficiale. Moore lo descrive come un esempio di disinformazione connessa al caso Bennewitz. Il documento è una versione modificata di un autentico messaggio dell'AFOSI con aggiunte spurie. Tra le più significative aggiunte, dice Moore, vi sono il falso riferimento all'U.S. Coast Geodetic e alla NASA, che nell'originale era la NSA (National Security Agency).


I files Aquarius

In base a quanto sostenuto da Moore, Doty sfilò il documento dalla telescrivente e glielo mostrò immediatamente. Più tardi, tornò con ciò che sembrava essere una copia, ma Moore notò subito che non era esattamente lo stesso: vi erano infatti delle evidenti aggiunte. Poi Doty chiese a Moore di fornire il documento alterato a Bennewitz.
Riluttante ad essere coinvolto nella diffusione di un documento falso, Moore ci pensò su, poi finalmente realizzò che le fonti con cui era in contatto (quelle che gli stavano passando informazioni sulle EBE e sui loro rapporti con il governo USA) avrebbero chiuso i ponti se lui non avesse cooperato. Così diede il documento a Bennewitz, ma lo esortò a non pubblicarlo. Bennewitz fu d'accordo e mantenne la promessa di non diffonderlo. Nel Settembre 1982 Moore era a conoscenza di tre copie dell'Aquarius telex: una in possesso di Bennewitz, un'altra custodita da Moore in un luogo sicuro e un'ultima copia che egli teneva nella sua valigetta durante un viaggio, in quel mese, a San Francisco per incontrare qualcuno. Egli incontrò il suo uomo in mattinata e nel pomeriggio qualcuno irruppe nella sua automobile trafugando la valigetta. Quattro mesi dopo, una copia del documento Aquarius giunse nelle mani di un avvocato di New York interessato agli UFO e ben presto il documento ebbe una vasta diffusione.
Verso la fine del 1982 durante una delle molte "amichevoli conversazioni" con Doty, Moore disse che stava conducendo ricerche sulla vecchia storia di un UFO precipitato ad Aztec, New Mexico nel 1948. Il caso era stato diffuso dal giornalista Frank Scully nel 1950, decretandone il suicidio professionale. Doty disse di non aver mai sentito parlare di Aztec e ne chiese a Moore i dettagli, prendendone diligentemente nota. Il 10 e 11 Gennaio 1983, Peter Gersten, direttore del CAUS, si incontrò due volte con Doty nel New Mexico. Al primo incontro, in presenza di Bill Moore e del produttore televisivo Ron Lakis, Doty si mostrò piuttosto reticente, ma al secondo appuntamento Doty rivelò che il governo sa perché gli UFO appaiono in certi luoghi, senza tuttavia esplicitare oltre. «Comunque - aggiunse - sono extraterrestri senza possibilità di dubbio. e vengono da un luogo distante 50 anni luce dalla Terra». Doty era a conoscenza di almeno tre UFO precipitati: uno a Roswell, uno negli anni Cinquanta, l'altro negli anni Sessanta e relativi recuperi dei corpi.


Il patto scellerato

Un evento eccezionale, molto simile al finale di Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo, si verificò nel 1966. La NSA (Agenzia per la Sicurezza Nazionale) produsse Aquarius, un progetto di comunicazioni con gli extraterrestri. Secondo Doty, talpe governative stanno raccogliendo informazioni nelle organizzazioni ufologiche diffondendo al contempo disinformazione. Doty parlò del documento Aquarius e disse che è impossibile far uscire dagli archivi i fascicoli veramente importanti, protetti in modo tale che si disintegrano dopo cinque secondi di esposizione all'aria(!). I documenti parlano di accordi tra il governo americano ed extraterrestri, in base ai quali questi ultimi sono liberi di condurre mutilazioni sugli animali (specialmente bestiame bovino) e di sbarcare in una certa base, in cambio di informazioni sulla tecnologia avanzata degli UFO. Doty disse anche che, tramite i programmi di intrattenimento, il popolo americano viene gradualmente preparato ad accettare la realtà di visite da parte di esseri benevoli di altri mondi. A un certo punto della discussione, Doty chiese sibillinamente a Peter Gersten: «Come fa a sapere se io sono qui per disinformarla o per darle informazioni che fanno parte del programma, sapendo che lei si accinge a parlare in giro di quanto ha sentito?».


Holloman e Zamora

Alla fine del 1982, la giornalista americana Linda Moulton Howe, famosa per le dettagliate inchieste sulle mutilazioni animali (sopra, il suo libro "An Alien Harvest", inedito in Italia, N.d.R.), ricevette una chiamata dalla HBO (Home Box Office). La voce all'altro capo del filo disse che la HBO era rimasta molto impressionata dal suo libro A Strange Harvest, e che voleva sapere se Linda era interessata a girare un documentario sugli UFO. Nel Marzo 1983, la Howe si recò a New York per firmare un contratto con la HBO per uno show che si sarebbe intitolato "UFO - The ET Factor". La sera prima Linda si era incontrata con alcuni rappresentanti della HBO e aveva cenato con Gersten e lo scrittore scientifico Patrick Huyghe. Gersten riferì alla Howe del suo meeting con Richard Doty e accennò alla possibilità di organizzarle un incontro con lui. Venne quindi fissato un appuntamento ad Albuquerque, per il 9 Aprile. Avrebbero dovuto incontrarsi all'aeroporto ma, stranamente, Doty non si fece vivo. La Howe telefonò quindi a casa di Doty, ma un ragazzino disse che il padre non era lì. Allora la ricercatrice telefonò a Jerry Miller, capo del Reality Weapons Testing di Kirkland ed ex inquirente del progetto Blue Book, che aveva già sentito telefonicamente in merito alle affermazioni di Paul Bennewitz. Miller le aveva chiesto una copia di A Strange Harvest, e più tardi le aveva fornito il suo numero telefonico chiedendole di contattarlo se fosse passata da Albuquerque. Miller andò a prendere la Howe all'aeroporto e, durante il tragitto verso la sua abitazione, la Howe cercò di sondare Miller, soprattutto se fosse lui quel "Miller" menzionato nel documento Aquarius. Arrivati a casa, Miller convocò Doty, che arrivò di lì a breve e rispose piuttosto aggressivamente alla domanda della Howe su dove fosse stato. Doty disse di aver aspettato a lungo all'aeroporto. Come scrisse la Howe in seguito «forse aveva deciso di non presentarsi all'appuntamento ed era accettabile, nel suo ordine di idee, lasciarmi attendere all'aeroporto fino a quando Jerry Miller non lo chiamò a casa». Sulla via di Kirkland, Howe chiese a un Doty ancora nervoso e mal disposto nei suoi confronti, se sapeva qualcosa dell'atterraggio di Holloman, con il successivo incontro tra gli extraterrestri e i rappresentanti del governo USA. Doty rispose che era avvenuto realmente, ma che Robert Emmenegger aveva la data sbagliata. L'atterraggio avvenne non nel Maggio 1971, ma il 25 Aprile 1964, dodici ore dopo il famoso caso di Socorro, che aveva avuto come testimone il poliziotto Lonnie Zamora (che vide un oggetto ovale, atterrato nel deserto e due piccoli esseri in tuta bianca). «I militari e il personale scientifico della base sapevano che ci sarebbe stato un atterraggio - disse Doty - ma qualcuno sbagliò i tempi e le coordinate. E un ricognitore militare avanzato atterrò nel luogo e nel momento sbagliato, essendo poi visto da Zamora. Tre UFO apparvero ad Holloman alle sei del mattino seguente, uno di essi atterrò mentre gli altri due rimasero sospesi nell'aria».

http://www.dnamagazine.it/saga-ebe.html



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 15:07 
UFO - Inverno 1870 - New Hampshire



Scusate la traduzione, ma mi son dovuto arrangiare [:D]

Inverno 1870 - New Hampshire

Questa fotografia descrive una formazione della nube sopra la sommità del Mt. Washington nell'inverno del 1870 - 1871 - con una sorpresa aggiunta! Si può vedere un oggetto a forma di sigaro. Ciò ha potuto possibilmente essere la prima fotografia di un UFO. L'immagine fa parte di uno stereoview antico. La descrizione legge il "Vetta del Monte Whashington - Inverno 1870-1871 è entrato secondo la Legge del congresso durante l'anno 1871, dal CLOGH & KIMBALL, nell'ufficio bibliotecario del congresso, a Washington." (UFOArtwork.com)

Alla fine dell'asta in linea del 4 marzo 2002, il presidente Samuel il M. Sherman di Indipendente-Internazionale Pictures Corp. ha annunciato che la sua azienda aveva vinto all'asta la più vecchia fotografia conosciuta del UFO. Dopo parecchi giorni di offerte febbricitante, Sherman ha vinto la foto per la sua azienda negli ultimi 50 secondi dell'asta con un'offerta finale di $385. La fotografia è una vista (3-D) dell'inverno 1870 delle nubi sopra il monte Washington nel New Hampshire. E' chiaramente Visibile nella foto un lungo oggetto sigariforme. Poiché questo è prima che il volo equipaggiato conosciuto (con l'eccezione degli aerostati - che questo non è) l'oggetto dovrà essere classificato come oggetto di volo non identificato solido. La struttura di questo oggetto solido è veduta chiaramente ed acutamente in dettaglio certo come è la riflessione del sole fuori dall'oggetto. La vista stereo presenta due immagini (per l'occhio di destra e di sinistra) che saranno utili in ulteriore analisi di esso. Sherman ha segnalato che dovuta l'acutezza dell'immagine si presterà ad ulteriore copiatura e ingrandimento per lo studio. Sherman inoltre ha dichiarato che questa fotografia non sarà bloccata in su in una certa accumulazione, ma sarà presentata agli scienziati per l'analisi dettagliata ed i risultati messi a disposizione del pubblico, che dice vuole le risposte al mistero degli UFO.

Immagine

http://209.85.129.132/search?q=cache:bl ... clnk&gl=it



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 15:08 
Il caso Hickson - Parker



11 ottobre 1973: presso la base aerea di Keesler, Mississipi, due operai del cantiere navale di Pascagoula, Charles Hickson di 42 anni e Calvin Parker di 19, stavano tranquillamente pescando nel fiume omonimo quando, tutt'a un tratto, si verificò l'incredibile. "Erano le sette di sera -racconterà in seguito Hickson- quando in alto apparve qualcosa. Uno strano oggetto blu stava scendendo sull'acqua, lentamente. Nel cielo, tutt'intorno, si diffondeva una luce rossastra. Senza rumore, quell'oggetto planava sopra di noi. Stavamo lì con la canna in mano senza far niente. Bisogna pensare che l'avvicinamento di quell'oggetto ovale molto allungato fu questione di pochi secondi. A un certo punto il disco si fermò proprio sulle nostre teste, e tre strani esseri uscirono da una specie di oblò. Galleggiavano come pagliuzze nell'aria. Noi guardavamo in alto verso il disco volante pieni di paura, di stupore, incapaci di fare qualsiasi cosa. La canna che tenevo in mano tremava; comunque, li vedevo, quei mostri, mentre scendevano veloci. Erano alti circa un metro; avevano due occhi come i nostri, ma molto più grandi. Le orecchie e il naso erano appuntiti. La loro pelle era grinzosa e rossastra. Sotto il naso, invece della bocca, avevano un buco informe e sgangherato. Venivano verso di noi rapidi. Uno di loro si avvicinò a Calvin, gli mise le braccia intorno alle ascelle, lo sollevò, apparentemente senza fatica, e lo portò via. Gli altri due fecero lo stesso con me. Le loro mani erano grandissime. I due che presero me, mi sollevarono di peso e mi portarono sulla loro astronave. Calvin, quando io entrai, stava già disteso sopra un pavimento lucido, nero. Misero anche me accanto a lui. Mentre i tre extraterrestri se ne stavano in disparte, un grosso apparecchio fluorescente si abbassava su di noi, fermandosi un attimo; poi si ritirò verso l'alto. Gli strani esseri ci fecero girare su un fianco, poi sulla schiena e poi sull'altro fianco. E per ogni posizione l'aggeggio fluorescente si abbassava su di noi, come quando si fa una schermografia. Finita l'operazione, ci ripresero e ci riportarono nello stesso punto dove prima stavamo tranquillamente pescando. Se ne andarono rapidi e silenziosi nella stessa direzione dalla quale erano venuti. Gli extraterrestri non dissero nulla e non facevano alcun rumore; non avevano addosso niente, cioé sentivamo che la loro pelle era pelle vera, non indossavano tute. Dell'astronave vidi solo la stanza dove stava quell'apparecchio fluorescente. Doveva emanare una radiazione, che permetteva di studiarci, di fotografarci come animali per loro sconosciuti...". Ripresisi dal trauma, i due operai corsero alla base aerea di Keesler per chiedere aiuto. Ma, sentita la loro storia, i militari si rifiutarono di creder loro. Comunque, cedendo alle insistenze, li sottoposero ad un esame per verificare se fossero stati contaminati da radiazioni. Il responso fu negativo. A questo punto, per toglierseli di torno, gli avieri li indirizzarono allo sceriffo Barney Mothis. Quest'ultimo racconterà:"Erano cosi' spaventati che temevo morissero dalla paura. Diedi loro qualcosa da bere, per tirarli su. Ascoltai la loro storia, prima da uno poi dall'altro; non ci furono contraddizioni. Non erano ubriachi, non erano drogati. Chiesi informazioni a Pascagoula. Tutti dicevano di loro: "Sono bravi ragazzi, gente a posto". Li misi alla prova con la macchina della verità. Risultò che non dicevano bugie. Ma non riuscivo a credere alla loro storia. Nelle condizioni in cui si trovavano, pensai che fosse meglio se avessero passato la notte da me. Accettarono. Li chiusi in una stanza dove avevo nascosto un registratore acceso. Durante la notte conversarono tra loro. L'indomani mattina, quando sentii il nastro, non ebbi più dubbi: quei due avevano avuto un'esperienza traumatizzante, il loro racconto era veritiero. Li portai subito all'ospedale perché malgrado fossero passate più di dodici ore dal rapimento stavano ancora in uno stato di semi-choc. All'ospedale li curarono, diedero loro dei sedativi, dei calmanti. Nel frattempo da tutta la zona di Pascagoula e anche da tutto il Mississipi continuavano ad arrivare telefonate di gente che segnalava dischi volanti, come quelli descritti da Hickson e Parker...". A questo punto lo sceriffo, ricredutosi, si affrettò ad avvisare tutte le autorità competenti.
E così, pochi giorni dopo, Pascagoula si riempì di scienziati e professori. Dall'università di Berkeley giunse l'ingegnere e psicologo James Harder, mentre dalla Northwestern University arrivò il preside della facoltà di astronomia, il professor Joseph Allen Hynek, il maggior ufologo del mondo, già consulente dell'Aeronautica Militare per il problema UFO.
Hynek, dopo aver lungamente interrogato i due operai, ebbe a dichiarare: "Non ho alcun dubbio: creature di altri mondi sono scese sul nostro pianeta. Da dove vengano e cosa vogliono non lo so; tutte le ipotesi, a questo punto, possono essere attendibili. Charles Hickson e Calvin Parker non sono matti né soffrono di allucinazioni né mentono, La loro storia è veritiera...". E James Harder, che fece rivivere ai due l'esperienza sotto ipnosi affermò: "La paura ed il terrore che hanno provato sotto ipnosi sono la prova che non mentono, che non erano allucinati e neppure ora lo sono. La loro reazione costituisce per me una prova inconfutabile che essi stavano riattraversando con la memoria una vicenda fuori dal comune. Certe emozioni non si possono simulare in uno stato ipnotico. Del resto, non c'è da stupirsi: numerosi casi di avvistamento di dischi volanti sono stati segnalati in questi mesi...". Hickson, in seguito, si sottopose ad altri esami, compreso un altro test alla macchina della verità, effettuato da Scott Glascow, della Pendleton Detective Agency di New Orleans.
Anche questo esame ebbe esito negativo: il testimone non simulava.
Fisicamente entrambi i rapiti risentirono dell'esperienza vissuta: Hickson ebbe per alcuni giorni una forte irritazione agli occhi, dovuta, secondo lui, alla luce interna che illuminava l'UFO; alcuni giorni dopo ebbe inoltre una forte emorragia alla spalla. Parker invece rimase psichicamente disturbato, e dovette essere ricoverato per alcuni giorni in una clinica. I due non seppero dire con precisione quanto fosse durata tutta l'avventura. Hickson, ad esempio, dopo esser stato radiografato venne lasciato da solo, per "dieci minuti, o forse un'ora", sino a che i suoi rapitori non decisero di riportarlo sul pontile della pesca, ove giaceva a terra, svenuto, l'amico Calvin. La loro esperienza venne infine proposta in televisione, ed un disegnatore, Tony Accurso, stese un identikit degli extraterrestri. Il caso suscitò così un notevole scalpore, scalpore che durò alcuni anni e che ispirò, in Italia, uno sceneggiato, "Extra", diretto da Daniele Danza per la rete nazionale.

http://www.alfredolissoni.net/parker.htm



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 15:11 
José Bonilla UFO observation 12 August 1883



Il 12 agosto 1883, l'astronomo José Bonilla ha segnalato che aveva osservato 283 oggetti all'osservatorio di Zacatecas nel Messico, l'osservazione era durata oltre due ore e 48 dello stesso giorno. Gli oggetti erano piccoli ed avevano una luce sconosciuta intorno loro. Gli oggetti hanno viaggiato individualmente davanti al sole o in piccoli gruppi. Bonilla ha scattato una foto che oggi è ritenuta la prima fotografia conosciuta sugli UFO (dubito, dato che la foto ufo del new hampshire era stata scattata nel 1870 - 1871, cioé circa 12 - 13 anni prima http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=4961 ).

Nel giorno successivo, José ha osservato altri 116 oggetti. Bonilla e un assistente stavano preparandosi a studiare la corona del sole quando ha visto gli oggetti attraversare il campo visivo.
Entrambi hanno lavorato oltre due giorni prossimi per registrare i transiti di questi oggetti usando la nuova macchina fotografica dell'Osservatorio. Bonilla ha chiesto all'osservatorio di Puebla e del Messico, ma nessuno aveva visto il fenomeno. Bonilla ha visto alcuni oggetti che sembravano come ombre circolari contro il sole, essi hanno viaggiato parallelamente individualmente o in gruppi di fino a 20 e si sono mossi attraverso il fronte del sole da ovest verso est.

Immagine

http://www.freebase.com/view/en/jose_bonilla_observation



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 

Grigio
Grigio

Avatar utente

Premio impegno per il forum!Premio impegno per il forum!

Non connesso


Messaggi: 2241
Iscritto il: 01/02/2009, 13:35
Località: Cagliari
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21/01/2010, 15:21 
Il caso Cahill



Immagine Kelly Cahill, la donna australiana che ebbe un IR3 nel 1993.
Kelly Cahill è una donna australiana dal carattere forte. L'otto Agosto 1993 subì una tramuatica esperienza di abduction. Era sera e Kelly con il marito Andrew stavano tornando a casa dopo una visita ad amici. Attraversavano in auto la località di Eumemmerring Creek, a Belgrave, Victoria, circa trenta miglia fuori Melbourne. All'epoca Kelly aveva 25 anni e Andrew 31. Dietro di loro, ad una distanza di circa 100 metri, avevano notato la presenza di altre due macchine. Verso mezzanotte, i coniugi Cahill e gli occupanti degli altri veicoli osservarono delle strane luci, alte almeno il doppio degli alberi, che sembravano librarsi a circa 400 metri da loro. Guardando più attentamente, si accorsero che c'erano delle sagome all'interno delle luci. Kelly disse: "Guarda, ci sono delle persone là dentro." Dopo un attimo le luci si spensero e scomparvero in una manciata di secondi a est di Melbourne, o almeno così sembrò.

I fatti in realtà erano andati molto diversamente. Fu Kelly la prima ad accorgersi del Missing Time: sembravano essere passati solo dei secondi, ma Kelly ricordava bene che la prima volta che videro le luci la loro auto viaggiava a 110 Km orari, e subito dopo, quando gli oggetti sparirono, stavano marciando a soli 40 Km orari. Inoltre giunsero a casa alle 02.30, ed erano partiti alle 23.45. Di solito impiegavano circa 90 minuti per coprire quel tragitto. La sera stessa Kelly cominciò a perdere sangue dall'area vaginale (il suo ciclo mestruale era finito una settimana prima) e tanto copiosamente da dover mettere i propri vestiti a lavare. Mentre si svestiva Kelly si accorse con stupore di avere un segno triangolare rosso proprio sotto l'ombelico (il segno scomparve dopo alcuni mesi, ma la cicatrice rimane tuttora). Kelly cominciò a sospettare che tutto fosse connesso con il suo avvistamento, ma dato che aveva sofferto di problemi ginecologici fin dall'età di 16 anni, decise di non rivolgersi al proprio dottore. L'emorragia tuttavia continuò per circa tre settimane, al che Kelly si decise ad andare all'ospedale. Visti i sintomi i dottori pensarono che fosse incinta, ma i test risultarono negativi, e alla fine conclusero che aveva un'infezione all'utero. Anche il marito Andrew era turbato e benché continuasse ad insistere che non era accaduto nulla, alla battuta scherzosa di un amico sugli UFO rispose scuro in volto: "Non parleresti così se avessi visto quello che abbiamo visto Kelly e io!".
Poco tempo dopo, ripercorrendo casualmente la stessa strada che era stata teatro dell'avvistamento, Kelly ebbe dei flashback. La sua mente si sbloccò e poco dopo iniziò a ricordare tutto spontaneamente, ricostruendo l'accaduto.

Immagine In questa illustrazione, un artista ha ricostruito gli avvenimenti descritti da Kelly Quella notte Andrew aveva accostato la macchina al lato della strada e Kelly scese, cominciando a camminare verso l'UFO, che era atterrato in un campo vicino. L'oggetto aveva un diametro di circa 50 metri e emanava una luce blu ventralmente e di fronte. A quel punto Kelly notò due persone che attraversavano la strada, provenienti da una macchina posteggiata. Dopo pochi secondi, dall'UFO uscì un essere scuro, allampanato, alto circa due metri e dalla testa insolitamente grande. Kelly pensò che fosse possibile comunicare in qualche modo, ma qualche secondo dopo udì una frase (forse proveniente dall'essere alto), che suonava come "uccidiamoli" e fu presa dal panico. Arrivarono sette o otto altri esseri simili al primo, e Kelly avvertì delle ondate di energia in tutto il corpo. Cominciò ad urlare: "Loro...non hanno l'anima!" e solo allora gli occhi degli esseri divennero visibili: erano grandi, rotondi e rossi. Le entità "scivolarono" rapidamente sulla strada e si divisero in due gruppi: il primo si diresse verso gli altri testimoni, il secondo si mosse in direzione di Kelly e Andrew. All'improvviso lei avvertì un forte colpo allo stomaco e cadde supina sull'erba. Si mise seduta e prese a chiamare Andrew ad alta voce, scoprendo allibita di aver perso la vista. Cominciò a vomitare violentemente e avvertiva dei fischi nelle orecchie. Apparentemente le entità informarono Kelly (verbalmente) che non le avrebbero fatto del male, al che Andrew replicò: "E allora perché l'avete colpita?". Dopo qualche istante svenne e quando riprese i sensi era ancora cieca. La paura cedette il posto alla rabbia e si mise ad urlare "in nome di Dio...". L'ultima cosa che rammenta era di essere nuovamente seduta in macchina.

Decisa di andare a fondo della questione, in Ottobre Kelly riuscì a contattare John Auchettl, uno dei ricercatori UFO più stimati di tutta l'Australia. Kelly e Auchettl si incontrarono e dopo che la donna gli espose l'accaduto, Auchettl la sorprese, affermando che la sua esperienza non era poi così rara. Le ricerche seguenti di Auchettl rivelarono che il luogo dell'abduction si trovava sulla statale Belgrave-Hallam. Furono eseguiti dei test chimici del suolo in quella zona, che confermarono l'avvenimento. Erano presenti dei segni sul terreno lasciati probabilmente dai tre sostegni (tripode) dell'oggetto; e i livelli di magnetismo del luogo del presunto atterraggio erano superiori a quelli naturali, mentre il suolo era stato compattato. Auchettl scoprì che il terreno in questione aveva subito un forte disidratamento, cosa che indicava un brusco aumento di calore. Kelly era più che sicura che anche altre persone si trovavano sul posto al momento dei fatti, così Auchettl mise degli annunci sui giornali, invitando tutti quelli che credevano di aver visto un UFO a telefonargli. Ricevette molte chiamate, ma nessuna connessa al caso di Kelly, fino al 17 Novembre 1993 quando gli giunse conferma che altre tre persone si trovavano lì, quella notte. I coniugi Jane e Bill (che omettono il cognome) e la loro amica Glenda affermavano di aver viaggiato sulla statale Belgrave-Hallam l'otto Agosto 1993 e di aver visto un oggetto simile a quello segnalato da Kelly. Avevano fermato la macchina e videro numerose entità nel campo ed un'altra macchina dietro di loro. Bill (come Andrew) aveva pochissimi ricordi dell'avvenimento e non voleva rivelare la propria identità ai giornali, per timore di perdere il posto di lavoro. Si scoprì che anche questo gruppo arrivò a casa con circa due ore di ritardo, un vuoto temporale di cui non avevano alcun ricordo. Glenda e Jane ricordarono di aver visto un UFO nel campo, la macchina di Kelly e un'altra vettura dopo la loro (la terza), con un uomo alla guida.

Una volta scesi dalla macchina, Bill, Glenda e Jane si incamminarono verso l'UFO. Descrissero un grande oggetto appoggiato a terra su tre sostegni e diverse entità scure tutte intorno, mentre si poteva sentire un forte suono ronzante. Poi il nulla. Le donne ricordavano solo di essersi risvegliate in macchina. Auchettl sottopose allora i tre testimoni ad ipnosi regressiva. Le donne ricordarono di essere state legate ad un tavolo e di un'entità che stava loro a fianco, poi delle creature le settoposero ad un esame vaginale con degli "strumenti". Pur separate, le testimonianze delle due donne coincidevano su un fatto: si erano sentite in pericolo. Bill non fu in grado di fornire alcuna informazione, sebbene ricordasse che attorno a lui c'era "molta attività".
Dopo l'evento Glenda scoprì un brutto ematoma da legaccio sulla caviglia e decise di andare dal medico. Le due donne riscontrarono tre punti rossi all'interno delle gambe e un segno triangolare rosso sotto l'ombelico. Fecero una foto alla lesione di Glenda, mentre Bill riscontrò la perdita di un cerchio perfetto di capelli sulla nuca, subito dopo l'evento. I Cahill decisero di mettere tutto per iscritto, omettendo però alcuni particolari e in breve Kelly e la sua storia attirarono l'interesse dei ricercatori australiani.

Tra i ricordi di Jane emergeva spesso quello di un "drago rosso fluorescente passatole vicino nell'oscurità". Auchettl tenne questo particolare segreto fino all'Ottobre 1996 e inoltre non fece incontrare i vari testimoni fino al Giugno 1994. Ma il primo Ottobre 1996, durante un'intervista al periodico australiano Who, Auchettl e Kelly fecero cenno alla terza macchina e all'uomo alla sua guida. Dopo qualche tempo, il giornalista ricevette una lettera dalla moglie del presunto conducente dell'auto in questione, contenente dettagli sul caso che andavano oltre la semplice coincidenza. Tra l'altro, la signora (rimasta anonima) diceva: "So che non c'è modo di provare la presenza di mio marito sul luogo, ma posso fornire un particolare: sulla parte posteriore destra della macchina di mio marito (una 4X4, N.d.R.) è montata una ruota di scorta, protetta da una copertura di tela, su cui spicca un disegno, dipinto con materiale riflettente rosso, a forma di drago, l'ho fatto io a mano e non si trova in commercio, è unica. Potrebbe chiedere ai testimoni se l'hanno notata?" È chiaro che si trattava proprio dello stesso drago visto da Kelly Cahill, un dettaglio che allora non era ancora noto. L'automobilista non si fece mai vivo: impiegato presso il Victorian Government Law Department (Dipartimento Legale dello Stato di Victoria, N.d.R.), preferì mantenere l'anonimato.
Benché si continui a parlare principalmente di casi di IR4 con soggetti prelevati dalle loro stanze da letto, le esperienze notturne, per strada o a bordo di un'auto, sono frequenti. Vale rammentare i casi di Barney e Betty Hill, di Travis Walton, o dell'italiano Fortunato Zanfretta, avvenuti in condizioni simili. Nel caso Cahill, tutti i testimoni avevano subito un'esperienza traumatica e una parziale perdita di memoria. Il libro in cui Kelly ha raccontato la sua esperienza, Encounter, è stato accolto molto favorevolmente nel suo paese. Kelly ha iniziato a occuparsi di ricerche UFO.

http://www.strangedays.it/aliendream/08_casidirapimento.html



_________________
Immagine
UFO & ABDUCTIONS

Le atrocità in nome (e della) chiesa
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 152 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 11  Prossimo

Time zone: Europe/Rome [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Oggi è 21/07/2019, 04:24
© 2015 UfoPlanet di Ufoforum.it, © RMcGirr83.org